CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO"

Transcript

1 Parrocchia di Cristo Re Via Galeno 32 Milano Tel fax CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO ALCUNE INDICAZIONI PREVIE La preparazione prossima al matrimonio deve tener conto di: corso di preparazione: la Chiesa italiana giudica necessario un corso specifico per offrire una visione sufficientemente completa, anche nei contenuti evangelici, del matrimonio-sacramento. Il corso di preparazione si può fare nella parrocchia dove si risiede oppure in altra parrocchia. istituzione della pratica matrimoniale: comporta (1) il reperimento di tutti i documenti - sia civili che ecclesiali - relativi alla persona; (2) il consenso davanti al parroco; (3) il consenso in comune. La pratica matrimoniale può essere debitamente istituita nella parrocchia di uno dei due fidanzati (il parroco per l ufficio ricevuto è abilitato dal diritto a compiere tali atti). Per istituire questa pratica in un altra parrocchia occorre il nulla osta di uno dei due parroci di residenza della coppia. Per concludere con calma una pratica matrimoniale occorrono almeno due mesi. luogo della celebrazione e celebrante: si raccomanda che sia una delle parrocchie dove risiedono i fidanzati o al limite la parrocchia dove si andrà ad abitare; ciò esprime la realtà comunitaria cristiana da cui il matrimonio-sacramento proviene e inserisce. Il sacerdote celebrante è il parroco o comunque uno dei sacerdoti della parrocchia scelta per la celebrazione perché anche questo esprime il legame del matrimonio-sacramento con la comunità cristiana, rappresentata dal parroco a cui è affidata. documenti necessari: - in campo civile: l estratto dell atto di nascita e il certificato contestuale; - in campo ecclesiale: certificato di battesimo e cresima (+ altri per alcuni casi specifici) Tutti questi documenti hanno validità di 6 mesi.

2 CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO Parrocchia di Cristo Re - 1 incontro Trovare tempo! Non è solo un invito... Trova il tempo. Trova il tempo di riflettere: è la fonte della forza. Trova il tempo di giocare: è il segreto della giovinezza. Trova il tempo di leggere: è la base del sapere. Trova il tempo di essere gentile: è la strada della felicità. Trova il tempo di sognare: è il sentiero che porta alle stelle. Trova il tempo di amare: è la vera gioia del vivere. Trova il tempo d essere contento: è la musica dell anima. (antica ballata irlandese) Trova il tempo per accorgerti che esiste un altro essere per cui tu guardi il mondo perché lui ti sta guardando con i suoi occhi; che esiste un altra voce con cui dici parole insospettate perché ti sta cercando con la sua voce; che esiste un altra persona, sintonizzata con te nell amore, che ti apre la possibilità di un futuro pieno; che è gioia vivere sentendo che un altro/un altra vive con te, attraverso di te e in te. Trova il tempo per cedere alla grande certezza che un essere fuori di te, diverso da te, sta offrendoti se stesso per una pienezza di vita. Questa certezza va conosciuta nella sua profondità, va accolta non solo a livello intellettuale, va fatta diventare la base nuova della propria vita. 1. PERCHÉ UN CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO? Il corso di preparazione non è... non va visto come una tassa da pagare o un biglietto di ingresso senza il quale venite fermati alla porta non è il tutto della preparazione non è neppure il luogo dove verranno dette chissà quali cose nuove o tutte le cose più importanti Il corso di preparazione è... è un momento della preparazione prossima al matrimonio, perché la preparazione remota dovrebbe esser già avvenuta; si inserisce dunque nel cammino che già state facendo... è un nuovo confronto, ognuno con sé stesso, un confronto provocato e accolto, per vedere cosa sta davvero al fondo del proprio cuore, della propria volontà, della propria capacità di donarsi... è un nuovo confronto anche come coppia (non certo l unico, perché mi auguro che il confronto tra voi sia continuo) su alcuni aspetti necessari per essere coppia nel matrimonio, su alcuni valori che la Chiesa ritiene fondamentali per chi chiede il matrimonio sacramento... è un confronto con la comunità cristiana (la Chiesa), per il fatto che voi battezzati chiedete di poter celebrare il matrimonio-sacramento e di far parte della comunità cristiana come sposati... indica le convinzioni fondamentali richieste e gli impegni da assumere come stile di vita (non una volta tanto) perché la vostra vita di coppia e di famiglia possa dirsi cristiana... chiarisce quali sono i passaggi da compiere in ordine alla celebrazione del matrimonio in chiesa... Il corso va accompagnato con una... riscoperta della realtà e del valore della comunità cristiana in cui siete chiamati a vivere... necessità di iniziare una presenza di coppia ai momenti/gesti tipici della vita della comunità cristiana, in particolare alla messa della domenica (non si vive senza riti)... mentalità nuova - di coppia, di famiglia - nei confronti anche della società civile

3 Dal SINODO 47 della Diocesi di Milano - Le mutate condizioni culturali e sociali tendono oggi a mettere in discussione il significato dell istituzione familiare, proponendo modelli di vita distanti dal disegno di Dio...; gli sposi e le famiglie avvertano l urgenza di testimoniare la loro condizione come grazia da vivere... (Cost 396) - La partecipazione all itinerario comunitario di preparazione al sacramento deve essere considerata moralmente obbligatoria...(cost 401) - Gli incontri, guidati dal parroco (o da un sacerdote delegato) e da coppie di sposi, siano momento di evangelizzazione e catechesi, coinvolgano i fidanzati in una dinamica missionaria, li aiutino a riflettere sulla compatibilità tra impegni di lavoro, vita familiare e educazione dei figli... (Cost 402) - La preparazione immediata si concluda con l incontro dei fidanzati con il parroco, per una ripresa personalizzata della catechesi svolta a livello comunitario e un accurata verifica delle loro convinzioni e disposizioni... (Cost 403) - In prossimità delle nozze, il parroco o il sacerdote che celebrerà il matrimonio, promuova un incontro con i prossimi sposi per prepararli alla celebrazione liturgica delle nozze... (Cost 404) 2. IL NOSTRO ITINERARIO: come si sviluppa? e verso dove conduce? > La scheda-guida per ogni incontro... per facilitare l attenzione, il dialogo e il confronto. Offre sinteticamente gli argomenti da approfondire. > Un libro-guida: Sposarsi nel Signore... (EDB) Non sostituisce il dialogo, né la riflessione fatta a viva voce dal sacerdote e da alcune coppie che verranno invitate a dire qualcosa della propria esperienza... È un sussidio che va accolto come un riferimento utile. In esso, la singola coppia e ciascuno individualmente trova riflessioni più ampie per approfondire, confrontare, ordinare le proprie idee... È dunque un compagno di viaggio. 3. C È UN INVITO A NOZZE... Anzitutto è l invito che reciprocamente vi fate: voi siete i protagonisti! È l invito che insieme date ai vostri parenti e amici... Ma è anche l invito che insieme ricevete da Dio: la fede vi apre sul mondo di Dio e vi fa capire chi è questo Dio che vi invita a fare nozze per diventare coppia nell amore. Come siete arrivati a questo «invito»? Il vostro amore ha una storia, ha avuto un suo sviluppo, ora giunge a un passaggio qualificante, che apre a un nuovo futuro. Ripercorrere questa storia significa ritrovare le radici da cui siete nutriti e le sementi-progetti che il vostro amore contiene. a. Le radici... Quali? Come vi siete conosciuti... quale il vostro retroterra umano... (psicologico... culturale... religioso...)... le esperienze delle famiglie di origine... dei gruppi a cui siete legati... b. Cos è avvenuto in questo tempo di innamoramento, tempo di relazione privilegiata? Avete imparato ad accogliere il vostro partner e il mistero della sua persona? Che tipo di relazione state vivendo, come esperienza di stare insieme, di accoglienza, di dono...? + Perché in fondo in fondo vi siete scelti? + C è qualcosa in voi che non è come pensavate, a motivo dei vostri rapporti precedenti in famiglia, nell educazione ricevuta, nella comunità frequentata, in altre esperienze...? + Conoscete senz altro dei matrimoni riusciti o non riusciti: perché, secondo voi? c. Ora, chi è l altro / l altra per te? La scoperta di una persona come unica e misteriosa... + Cosa vuol dire che ci si percepisce come unici, con un valore infinito? + Non si finisce mai di conoscersi... Essenziale allora è sapersi meravigliare e saper ammirare; la scoperta di una persona non ha parole.

4 + Chi è la mia fidanzata/o, questa persona così importante per me? Da dove viene, dove va? + Chi sono io che lo amo tanto e ne ho tanto bisogno? Scoprire il volto dell altro, rispettandolo e amandolo nella diversità dei suoi tratti caratteristici, scoprire la dinamica profonda dell amore che vi lega in forma unica, è un cammino impegnativo non sempre agevole. Però è l unico cammino che porterà alla stabilità del rapporto reciproco nell amore, anche nel corso dei molti anni. LA COPPIA NON È UN RIFUGIO... Un titolo provocatorio. È il primo capitolo del nostro libro Sposarsi nel Signore (pp. 9-14). Perché la coppia non può diventare un «rifugio», quasi un «rimedio» ai problemi personali o una «compensazione» alle proprie difficoltà - frustrazioni - immaturità? Fino a che punto la coppia è il luogo della risoluzione dei problemi personali? (vedi pp. 10,11,13) a. È importante che chi si sposa, sia persona, cioè sia capace di stare in piedi da solo prima di sposarsi... (vedi p. 13, nn. 4 e 5) La persona sufficientemente matura, vive in armonia due componenti: solitudine e comunione... C è un essere soli che è indispensabile per ritrovare se stessi, per stare in piedi poggiando su di sé, per rientrare nella coscienza, per incontrare il mistero che ci avvolge, per scoprire Dio. La solitudine è il peso che la persona matura sa portare per prendersi le proprie responsabilità, senza isolarsi nelle proprie responsabilità. La comunione spinge verso l altro, perché nessuno può vivere chiuso in se stesso. È la capacità di offrirmi all altro come dono che lo completa; è la capacità di accogliere l altro come dono che mi completa. + Quando prendo l altro per bisogno, tendo a usarlo, lo condiziono, lo voglio secondo il mio schema? + Mi sposo per amore!. Cosa comporta questa decisione profonda? A ben capire, occorre vivere i tre comandamenti dell amore: Amo me stesso; amo gli altri come me stesso; amo Dio sopra ogni cosa. b. Perché la coppia? Che cos è la coppia? Quando si realizza la coppia? + Che significa questo bisogno di donarsi per essere felici e riuscire nell amore? + Perché si ha tanto bisogno l uno dell altro? In cosa consiste la coppia? c. Un amore aperto al futuro + Vivere un rapporto vivo, attivo, in crescita... + La coppia diventa un rifugio quando... + Amore è l opposto di egoismo... d. Non è bene che l uomo sia solo - Un aiuto che gli sia simile : Genesi 2, Il Signore Dio plasmò l'uomo con la polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l uomo divenne un essere vivente Il Signore Dio prese l'uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse. 18 Poi il Signore Dio disse: «Non è bene che l'uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile». 19 Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all'uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l'uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. 20 Così l'uomo impose nomi a tutto il bestiame, ma l'uomo non trovò un aiuto che gli fosse simile. 21 Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull'uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. 22 Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all'uomo, una donna e la condusse all'uomo. 23 Allora l'uomo disse: «Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa: la si chiamerà donna perché dall'uomo è stata tolta». 24 Per questo l'uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne. 25 Ora tutti e due erano nudi, l'uomo e sua moglie, ma non ne provavano vergogna.

5 uomo e donna per amarsi Fratelli e sorelle, nessuno è uomo o donna per caso. Si è uomo / donna per un motivo: non solo in vista della procreazione, né per un fatto culturale, ma in vista di una comunione di vita nell amore. Preghiamo insieme, guidati dalla Parola di Dio. Fidanzati: Fidanzate: Fidanzati: Fidanzate: Insieme: Dio disse: «Non è bene che l uomo sia solo». Ti ringraziamo per il dono della coppia. Ti ringraziamo per il dono del cielo e della terra: tutto hai messo a nostra disposizione per il nostro sostentamento e la nostra gioia. «Ho trovato un aiuto simile a me». Solo chi ha il sorriso di chi mi ama; solo chi mi guarda negli occhi e legge nel cuore, può liberarmi dalla mia solitudine. Solo chi può rispondere alle mie parole, solo chi può soffrire come me e sperare come me, può essere mio simile. «Dio plasmò una donna, e la condusse all'uomo: ecco, essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa!. Concedici, Signore, di conservare sempre la meraviglia dell innamoramento e diventare un cuor solo e un anima sola. Benedetto sei tu, Signore, perché hai creato il cielo e le stelle, il sole la luna e i colori, la terra e ogni essere che la abita. Ma soprattutto benedetto perché hai creato l'uomo e la donna a tua immagine e somiglianza, rendendoli capaci di amare. Possiamo amarci perché l amore è stato riversato nei nostri cuori. Possiamo costruire insieme un futuro di comunione. Possiamo vivere nel reciproco amore, perché siamo stati creati a immagine e somiglianza di Dio Amore. Sacerdote: È veramente giusto, o Dio, che noi ti rendiamo grazie, perché tu hai dato all'uomo il dono dell'esistenza e lo hai innalzato a una dignità incomparabile: nella comunione tra l'uomo e la donna hai impresso un'immagine del tuo amore. Cosi la tua immensa bontà, che in principio ha creato l'umana famiglia, incessantemente la sospinge a una vocazione d'amore, verso la gioia di una comunione senza fine. Per questo ci rivolgiamo a te per dirti il nostro grazie e ottenere il tuo aiuto. Insieme: Padre nostro... Sacerdote: Insieme: Insieme ora ringraziamo Dio perché vi ha fatti incontrare. Ci siamo incontrati, Signore, e ora camminiamo insieme verso il futuro della nostra vita. Ci siamo incontrati e ora vogliamo sposarci davanti a Te. Siamo fatti l uno per l altro, questa è la nostra profonda convinzione! Ci pare di conoscerci bene, Signore, eppure sappiamo che il segreto più grande dobbiamo ancora scoprirlo. Donaci la voglia di conoscerci sempre più e sempre meglio, anche alla luce della fede. Fa che ci amiamo, Signore, secondo la grandezza del tuo amore. Fa che non banalizziamo la nostra relazione, ma la manteniamo viva e aperta al futuro e agli altri. Fa che sappiamo avere grande rispetto l uno per l altro e ci aiutiamo a crescere nella fede, nella speranza e nella carità. Amen.

6 CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO Parrocchia di Cristo Re - 2 incontro La prima domanda che il celebrante rivolge ai due sposi che si presentano per il matrimonio riguarda la libertà: «Siete venuti a contrarre matrimonio in piena libertà, senza alcuna costrizione, pienamente consapevoli del significato della vostra decisione?». La libertà non va mai data per scontata! Che cos è la libertà? dove comincia? e dove finisce? Perché si richiede la piena libertà, che escluda qualsiasi costrizione? Perché si richiede la consapevolezza, che escluda l «ignoranza» riguardo la persona e il significato del matrimonio? a. Libertà: dove non c è libertà, non c è amore! L identità personale come luogo della libertà; occorre diventare se stessi per potersi donare (cf. libro pp ). C è una libertà interiore e una libertà esteriore. Anche se l espressione senza alcuna costrizione fa pensare alle costrizioni esterne, nel nostro caso riguarda soprattutto le costrizioni più profonde, quelle interiori, quelle che derivano dai bisogni. Ci sono anche costrizioni psicologiche, dell ambiente..., delle cose avviate: Al punto in cui siamo, come si fa a tornare indietro? In tutti c è il bisogno di affetto. Però se uno si sposa principalmente per il bisogno di avere qualcuno che lo ami, tende a vendersi/espropriarsi o a schiavizzare. Che rapporto c è tra bisogno di affetto e libertà? Quando un amore, che pure nasce dal bisogno, diventa libero e maturo? (cf. libro p. 10) Anche una della domande del consenso sotto giuramento riguarda la libertà: Si sposa per sua scelta, liberamente e per amore, oppure è costretto da qualche necessità? Si sente spinto dai familiari...?. Ecco il perché di altre domande del consenso : Vuole il matrimonio come unico e si impegna alla fedeltà coniugale? Ha tenuto nascosto qualcosa che possa turbare gravemente la vita coniugale?. b. Consapevolezza circa la persona e la decisione che si sta prendendo. Senza la piena avvertenza, un contratto non è libero, quindi non è vero. Solo nella consapevolezza è possibile capire le implicanze di una decisione e assumerle in piena libertà. Occorre dunque escludere l ignoranza circa il reale contenuto del matrimonio e il dolo sull identità della persona e le sue caratteristiche fondamentali. Proprio questa persona voglio sposare? Mi voglio legare proprio a lei?. c. Come va inteso il legame coniugale? Fare coppia è un restringimento della libertà personale? LIBERTÀ NELLA COPPIA E DELLA COPPIA LA LIBERTÀ NON PUÒ PRESCINDERE DA ALCUNE REALTÀ CONCRETE: il carattere personale: ognuno, a partire dal suo temperamento, si è formato un carattere più o meno felice (il rapporto tra temperamento e carattere è paragonabile a quello tra la creta e il vaso). Comunque il carattere rimane, per certi aspetti, perfettibile (specialmente in età giovanile). Fino a che punto, anche come coppia, siete coscienti e decisi a mantenere l impegno del perfezionamento del carattere? Una delle cause più frequenti nelle separazioni è l incompatibilità di carattere. Perché? Quando si verifica? la coppia come incontro / luogo di vita di due caratteri già formati: se è facile accettarsi diversi nella dimensione sessuale, non lo è per le idee e gli interessi. Non c è coppia lì dove uno vuole l altro a proprio modo (Attenzione a un certo linguaggio: Se mi ami, dovresti fare... pensare... comportarti come io desidero!). Due strumenti sono necessari: la riflessione personale e la correzione reciproca. Come essere / diventare se stessi dentro il legame di coppia? Come state mettendo in pratica la correzione reciproca? un futuro da costruire insieme: quello della coppia è un nuovo progetto più ampio della singola persona; non è una semplice somma delle due individualità; è qualcosa di nuovo che nasce dalla comunione dei due e dall inventività dell amore. Occorre esserne coscienti, occorre volerlo... LE CONDIZIONI DELLA LIBERTÀ: - il rispetto dell altro/a nella sua identità - l accoglienza dell altro/a come è (per aiutarlo a crescere come deve essere) - l amore pensato e vissuto come dono di sé - la coppia come nuovo criterio/modo di pensare, programmare...

7 LA VERA LIBERTÀ SI ATTUA... AMANDO COME DIO AMA Dalla Prima Lettera di s. Giovanni apostolo (4,7-16) 7 Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio: chiunque ama è generato da Dio e conosce Dio. 8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. 9 In questo si è manifestato l'amore di Dio per noi: Dio ha mandato il suo unigenito Figlio nel mondo, perché noi avessimo la vita per lui. 10 In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati. 11 Carissimi, se Dio ci ha amato, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. 12 Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l'amore di lui è perfetto in noi. 13 Da questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha fatto dono del suo Spirito. 14 E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo. 15 Chiunque riconosce che Gesù è il Figlio di Dio, Dio dimora in lui ed egli in Dio. 16 Noi abbiamo riconosciuto e creduto all'amore che Dio ha per noi. Dio è amore; chi sta nell'amore dimora in Dio e Dio dimora in lui. VERIFICA DEL VOSTRO MODO DI VIVERE LA LIBERTÀ DI COPPIA: Guardando al presente: Come si realizza per voi il rapporto amore-libertà? Quale amore vi lega? Sperimentate in modo evidente la presenza dell amore gratuito? Perché la vera libertà si attua amando come Dio ama? Guardando alla vostra coppia: Che tipo di libertà vivete ora come fidanzati? La sicurezza dell amore unico ed esclusivo che vi unisce, che cosa genera a livello intellettuale, a livello psicologico e quotidiano? Ci sono abituali ed eccessive gelosie o fraintendimenti? Avete sempre bisogno di lunghe spiegazioni, di giuramenti? Quando ricorrete alla bugia? e perché? Guardando al futuro matrimonio: Quando e a quali condizioni lui / lei si sentirà libero/a? Che rapporto c è tra essere coniugati (= congiunti) e libertà? Forse è sufficiente stabilire una divisione di ruoli e di impegni? Che significato riveste per voi il vincolo matrimoniale? Coesistenza e rapporto tra matrimonio e lavoro (magari di tutti e due)... (libro pp. 22 ss). Siete stati chiamati a libertà Guida: Preghiamo, lasciandoci guidare dalla Parola di Dio: Cristo ci ha liberati perché restassimo liberi; state dunque saldi e non lasciatevi di nuovo imporre il giogo della schiavitù. Lett 1. Dove è lo Spirito, ivi è la libertà. Vi dico dunque: camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare i desideri dell egoismo; l egoismo infatti ha desideri contrari allo Spirito, perché tende al possesso dell altro. Tutti: Il frutto dello Spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé. Lett 2. Dal di dentro, cioè dal cuore degli uomini, escono le intenzioni cattive: fornicazioni, furti, omicidi, adultèri, cupidigie, malvagità, inganno, impudicizia, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutti: L uomo buono trae fuori il bene dal buon tesoro del suo cuore; l uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male, perché la bocca parla dalla pienezza del cuore. Lett 3. Chiunque commette il peccato è schiavo del peccato; ora lo schiavo non resta per sempre nella casa, ma il figlio vi resta sempre. Se il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. Tutti: In questo consiste la libertà: nel compiere ogni genere di bene, dando la propria vita come il Cristo Gesù ha fatto con noi. (cfr. Gal 5; Lc 6; Mc 7; Gv 8) Guida: Preghiamo come Gesù ci ha insegnato perché ognuno di noi riceva grazia per crescere fino alla pienezza della libertà e ogni coppia viva il progetto dell amore nella propria vita. Tutti: Padre nostro...

8 CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO Parrocchia di Cristo Re - 3 incontro Il matrimonio come unione uomo-donna esiste in tutti i tipi di culture e di società, perché è legato alla natura umana. Infatti l esistenza dell «uomo» in quanto maschio e femmina porta in sé la spinta intrinseca a formare coppia. La coppia c è solo dall unione di un uomo e una donna! Nel matrimonio va sottolineato il patto coniugale e il contratto. Il patto precede e fonda il contratto. L idea di contratto sottolinea immediatamente la realtà di impegni reciproci, lo scambio di cose, di beni materiali; il patto mette in forte risalto la reciprocità interpersonale (= dono reciproco nell amore). E quest ultima è per noi oggi fondamentale in ordine a un ben preciso tipo di matrimonio. Lo Stato Italiano sottolinea il contratto: «Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal matrimonio deriva l obbligo reciproco alla fedeltà, all assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell interesse della famiglia e alla coabitazione. Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia» (Codice civile, art. 143). Per la Chiesa c è anzitutto il patto coniugale : esso, che «segna l inizio del matrimonio, è costituito dall irrevocabile consenso personale, cioè dalla decisione e dalla scelta personale di darsi e riceversi reciprocamente e così costituire l intima comunità di vita e di amore coniugale. In tal modo è da superarsi una concezione del consenso che ne faccia esclusivamente un contratto, fonte di una vincolo puramente giuridico. In realtà il consenso o patto coniugale, pur comportando necessariamente aspetti giuridici, ha come suo pieno contenuto l amore stesso degli sposi, come amore totale, unico, definitivo e fecondo» (Conferenza episcopale italiana, Evangelizzazione e sacramento del matrimonio, n. 40). SPOSARSI IN CHIESA: PERCHÉ? 1. Sposarsi in chiesa non è l unico modo di sposarsi - In cosa si distinguono il matrimonio civile e il matrimonio canonico? - I valori che stanno alla base di ogni vero matrimonio Che significa sposarsi in chiesa? Una domanda che ne suppone un altra: Che significa per voi credere? e perché credere? È una scelta cosciente e importante, che va capita nella sue motivazioni di fondo. Alla base del matrimonio canonico c è la fede cristiana, una fede accolta e alla quale ci si riferisce per la propria vita. Sposandosi in chiesa a) - che cosa la coppia chiede a Dio? b) - che cosa Dio chiede alla coppia? 3. Celebrare il matrimonio religioso significa: riconoscere che il proprio amore nasce da Dio e che solo abitando in Dio si dà ad esso durata e totale fecondità; riconoscere che l unione uomo-donna è segno della presenza di Dio l uno per l altro; è luogo in cui Dio si rivela come amore e come Colui che tutti chiama all amore; soprattutto scegliere di vivere il proprio matrimonio come segno dell alleanza e della comunione di Dio con la Chiesa e con l umanità, dando così una concreta espressione della sua fedeltà, della sua perseveranza nell amore, della sua capacità di rinnovare il cuore umano... riconoscere che siamo chiamati ad aprirci a una comunione-comunità più grande (quella della Chiesa, della stessa umanità che non saranno mai pienamente se stesse se non vivendo in una crescita continua d amore). Così il matrimonio diventa sacramento, cioè segno visibile ed efficace dell amore di Dio Le nozze di Cana: Dal Vangelo secondo Giovanni (2,1-11) 1 Tre giorni dopo, ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea e c'era la madre di Gesù. 2 Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. 3 Nel frattempo, venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno più vino». 4 E Gesù rispose: «Che ho da fare con te, o donna? Non è ancora giunta la mia ora». 5 La madre dice ai servi: «Fate quello che vi dirà». 6 Vi erano là sei giare di pietra per la purificazione dei Giudei, contenenti ciascuna due o tre barili. 7 E Gesù disse loro: «Riempite d'acqua le giare»; e le riempirono fino all'orlo. 8 Disse loro di nuovo: «Ora attingete e

9 portatene al maestro di tavola». Ed essi gliene portarono. 9 E come ebbe assaggiato l'acqua diventata vino, il maestro di tavola, che non sapeva di dove venisse (ma lo sapevano i servi che avevano attinto l'acqua), chiamò lo sposo 10 e gli disse: «Tutti servono da principio il vino buono e, quando sono un po brilli, quello meno buono; tu invece hai conservato fino ad ora il vino buono». 11 Così Gesù diede inizio ai suoi miracoli in Cana di Galilea, manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui. «Non hanno più vino!» Perché in quel banchetto di nozze viene a mancare il vino? E perché solo Gesù può dare il vino, il vino nuovo, necessario al banchetto della vita? Non hanno più vino! Ma di che «vino» si tratta? Solo della bevanda che rallegra i banchetti umani? Per la Bibbia il vino è segno e simbolo di realtà profonde. Dal punto di vista umano, il vino simboleggia tutto ciò che la vita può avere di piacevole: l amicizia (Sir 9,10), l amore umano (Ct 1,4), la gioia quotidiana (Qo 10,19). Dal punto di vista religioso, il vino è segno dell alleanza d amore, della comunione con Dio, della pienezza di vita che si ottiene quando l uomo partecipa alla realtà di Dio. Non hanno più vino! A quei due sposi manca dunque il vino dell amore, della comunione perenne e sicura, dell alleanza fedele con Dio. La madre di Gesù se ne accorge e avverte suo Figlio. Una constatazione che diventa preghiera: lo invita a intervenire. Giovanni 2,1-12 non è dunque il semplice resoconto di un miracolo operato da Gesù, ma un messaggio dato a tutti noi. Che «vino» manca nei nostri cuori e nelle nostre famiglie? Abbiamo il «vino dell amore»? il vino della comunione fedele e paziente tra marito-moglie, tra genitorifigli? il vino dell alleanza con Dio che è fonte di ogni comunione e alleanza umana? Gesù è presente a Cana per cambiare l acqua in vino, per dare il vino della nuova alleanza, per ammetterai al banchetto della vita perenne. Non basta l amore umano, pur bello e fedele, per introdurre nella pienezza della vita. Per questo Gesù si rende presente come vino, il «vino dell Eucaristia». Per avere questo vino, occorre partecipare alla messa, facendo anche la comunione: «Prendete e mangiatene tutti... Prendete e bevete...». L Eucaristia è il banchetto dell amore, dell alleanza, della fedeltà che unisce Dio all uomo e l uomo a Dio; è la forza che fa perseverare l amore coniugale! Gesù è presente a Cana per farci comprendere che le nozze umane sono segno delle nozze che Dio vuol fare con l umanità: lo sposo è Cristo, la sposa è la Chiesa, quindi noi. Lo Sposo è colui che offre il vino nuovo dell alleanza nell amore perenne. Di questa alleanza noi abbiamo bisogno poiché non bastano le nostre alleanze umane; di questo vino noi abbiamo bisogno, poiché ogni amore umano è fragile. - Cosa vuol dire invitare Gesù al vostro matrimonio? Di che «vino»avete bisogno? PREGHIAMO 1. Perché la fiducia dell uno nell altro e la fede, che ci unisce a Te, non vengano meno, specie quando dobbiamo affrontare scelte e difficoltà, ti preghiamo. Tutti: Aiutaci o Signore 2. Perché il nostro amore sia nutrito dalla Parola di Dio, dai sacramenti, da una vera preghiera e possiamo così sperimentare la presenza di Cristo che dona fortezza e serenità, ti preghiamo. Tutti: Aiutaci o Signore 3. Perché la diversità fra di noi non si trasformi in difficoltà e ostacolo, ma sia occasione di arricchimento reciproco, di ricerca, di nuova programmazione, di confidenza in te attraverso la preghiera, ti preghiamo. Tutti: Aiutaci o Signore 4. Perché ciascuno sia per l'altro un segno della tua presenza e un aiuto a crescere e a vivere nella gioia e nell'amore gratuito, ti preghiamo. Tutti: Aiutaci, Signore 5. Perché il nostro amore di coppia sia sempre segno dell amore più grande che Tu hai per noi e dell alleanza che Tu mantieni con l'umanità, ti preghiamo. Tutti: Aiutaci o Signore Sac. Con la preghiera che Gesù ci ha insegnato chiediamo di perseverare nell amore e nella fede: Tutti: Padre nostro... Sac. Padre santo, concedi che la coppia umana viva un amore che unisce e fortifica. Rendila capace di scoprire la tua grande alleanza d amore dentro il loro matrimonio. Per Cristo nostro Signore. Amen.

10 CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO Parrocchia di Cristo Re - 4 incontro Sposarsi è una chiamata, perché ogni vita porta in sé una vocazione (non solo quella dei preti, frati, suore...). Guardando le cose con gli occhi della fede, possiamo dire che Dio vi ha pensati insieme da tutta l eternità, capaci di esprimere qualcosa di Dio e del suo progetto di salvezza (cf. libro pp ). La chiamata al matrimonio non può prescindere da due contenuti: essere coniugi e essere genitori. a. Essere coniugi: vi rendete reciprocamente marito / moglie. Sposandovi vi congiungete per vivere da coniugi, formando coppia. Così l uomo diventa marito e la donna moglie. due in uno : l amore sponsale è il luogo primario della comunione uomo-donna, dove Dio si manifesta come amore di comunione, rivela la sua alleanza d amore con noi; egli che nell eternità sarà lo sposo di tutta l umanità (cf. libro pp ). matrimonio in crescita : siete chiamati a vivere da coniugi. L amore coniugale non è statico, non è garantito; la sua sussistenza dipende dalla dinamica che lo fa crescere. Quando una coppia considera scontato il proprio amore, lo dà per sicuro, rischia grandemente. b. Essere genitori: i due si sposano aperti alla fecondità, poiché sono capaci di generare. Il matrimonio apre ai figli. Anche se l essere genitori non prevale su l essere sposi, la fecondità completa la sponsalità, la concretizza. se una coppia si sposasse escludendo positivamente i figli, per la Chiesa non c è matrimonio. LA SESSUALITÀ NEL MATRIMONIO 1. Ci sono modi diversi di considerare la sessualità: vista dentro il rapporto di coppia oppure fuori tale rapporto. Quando il sesso esprime il dono di sé e quando diventa luogo di conquista? del più forte? piacere fine a se stesso? C è un valore o un disvalore del sesso secondo il modo che viene vissuto. Quali idee mi porto dentro circa il sesso, la sessualità, il rapporto maschio-femmina? In che cosa si distingue la sessualità umana da quella degli animali? 2. L importanza del corpo e dei gesti sessuali; il corpo non è soltanto oggetto, ma anche soggetto d amore. Il rapporto sessuale: luogo di completezza, di apertura al futuro, a un al di là di se stessi. «Il rapporto sessuale è il momento più intenso di una coppia, nel quale gli sposi si rigenerano, si riconciliano, fanno comunione, si danno speranza (cf. libro pp ). Come vivere in armonia corpo e spirito nell unità della persona? Quando la sessualità è veramente umana? 3. Quattro tratti essenziali della sessualità umana: a) forza che abbraccia e impregna tutto; b) capacità di amore e di comunione; c) parità del partner; d) impegno di fecondità. La sessualità al maschile e al femminile. Il sesso è un valore a servizio della persona e deve impegnare l intera persona. L amore sessuale si esprime come sostegno, cura, crescita... (cf. libro p ). La sessualità è indirizzata alla persona e alla sua crescita. alla coppia e alla crescita della coppia, al suo futuro anche come famiglia (cf. libro p. 71). L armonia sessuale della coppia: come intenderla e come costruirla? 4. La sessualità nel progetto di Dio: un messaggio di... (cf. libro pp ) Rapporto tra istinto - piacere - crescita della persona /della coppia? Rapporto tra sessualità e nuova vita? 5. Fecondità e procreazione responsabile (cf. libro pp ) DIO CREÒ L UOMO A SUA IMMAGINE, MASCHIO E FEMMINA: Dal Libro della Genesi (1,26-2,3) 26 E Dio disse: «Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra». 27 Dio creò l'uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò.

11 28 Dio li benedisse e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra». 29 Poi Dio disse: «Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. 30 A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde». E così avvenne. 31 Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno. 2,1 Così furono portati a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere. 2 Allora Dio, nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro. 3 Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli creando aveva fatto. * L «uomo» = maschio e femmina; l immagine e la somiglianza di Dio è nella coppia. * Essere immagine-somiglianza vuol dire: essere uno, essere fecondi, governare la terra... * Il rapporto sessuale a servizio della vita di coppia, della crescita di coppia, della fecondità nei figli. * La fecondità è insita nella coppia (fecondità nei figli - fecondità spirituale). * Come impedire che la sessualità diventi «possesso», «aggressività», «momento staccato»... PREGHIAMO. Ringraziamo Dio che ci ha creati uomo e donna perché come uomo e donna ci amassimo e lo amassimo, e come tali fossimo espressione del suo amore nella famiglia, nella Chiesa e nella società. 1. Perché ci hai formati come coppia, capaci di dono reciproco nella comunione e di dare un senso a tutte le creature dell universo. Tutti: Ti ringraziamo, Signore. 2. Perché ci hai dato un corpo animato dalla volontà e dall intelligenza per esprimere il nostro affetto e il nostro amore, nella reciproca tenerezza. Tutti: Ti ringraziamo, Signore. 3. Perché ci hai dato un corpo per dare concretezza alle parole e per superare solitudine e debolezza. Tutti: Ti ringraziamo, Signore. 4. Perché ci hai dato un corpo per riconoscerci, per capirci e gioire, e ci aiuti a ottenere una più completa comunione di spirito. Tutti: Ti ringraziamo, Signore. 5. Perché ci hai dato un corpo con cui vivere e lodarti, animato da forza e da bontà, da doti artistiche e intellettive, da capacità di lavoro e di collaborazione. Tutti: Ti ringraziamo, Signore. 6. Perché ci hai resi capaci di fecondità ed hai voluto che la nascita di nuove creature umane fosse frutto del nostro amore. Tutti: Ti ringraziamo, Signore. 7. Perché hai messo nel nostro cuore l esigenza della crescita verso un amore più grande, verso una famiglia più aperta, verso una fedeltà più piena. Tutti: Ti ringraziamo, Signore. Sac. O Dio, che hai voluto uomo e donna uniti nel corpo e nello spirito, perché non siano più due ma un essere solo, concedi che nell amore che sono chiamati a vivere non siano disgiunti il piacere dalla responsabilità, i fatti dalle parole, il dono di sé dall accoglienza dell altro, la comunione di coppia dalla fecondità nei figli, così che essi sappiano distinguere il vero amore dall egoismo e superare la solitudine con la comunione. Per Cristo nostro Signore. Tutti: Amen. Sac. Come Gesù ci ha insegnato chiediamo che su tutte le coppie si rinnovi la benedizione delle origini: Tutti: Padre nostro...

12 CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO Parrocchia di Cristo Re - 5 incontro Quando la sessualità è veramente umana? Come si arriva a stabilirlo? Evidentemente ci sono modalità diverse per vivere la sessualità: a partire dall età, dalla cultura, dalle tradizioni di un popolo. Le diverse modalità non hanno tutte la medesima valenza. Non si può dire che una modalità equivale all altra o che è indifferente il modo di vivere la sessualità, basta che essa contenga piacevolezza o dia soddisfazione. La sessualità infatti non è un valore a se stante, ma un valore relativo alla persona, collegato al bene della persona e della coppia. L esercizio della sessualità, come altre espressioni dell agire umano, è chiamato a far crescere la persona; deve dunque riferirsi alla morale. Per capire la funzione della morale possiamo utilizzare l immagine dello specchio: dove specchiare il proprio amore per farlo crescere fino alla totalità, secondo verità, liberandolo dall egoismo? Ci chiediamo: Quali riferimenti esige un retto uso della sessualità umana? E, in senso più ampio, la persona può bastare a se stessa per definire il bene e il male? Quale rapporto tra istinto - piacere - crescita della persona e della coppia? LA MORALE NEL MATRIMONIO 1. La morale è necessaria per definire la bellezza e la grandezza di ogni progetto di vita anche del matrimonio. Un progetto che esprima, secondo verità, i valori dell amore; un progetto di matrimoniosacramento che porti la coppia a raggiungere la pienezza e a essere segno dell alleanza di Dio con noi! Cosa dunque scegliamo di essere? Per quale progetto di coppia vivere? Nella morale è la risposta. 2. Che cos è la morale? La gente normalmente pensa che la morale sia un insieme di norme o obblighi, espressi in forma negativa; un qualcosa che si sovrappone dall esterno, negando o riducendo la libertà. Invece la morale è la scienza che dà luce sul senso della vita, sul suo traguardo e sui mezzi idonei per raggiungerlo. La morale cristiana viene attinta dalla Bibbia, in particolare dai Vangeli, dove ci viene presentata la rivelazione di Dio sull uomo/donna e sul loro fine ultimo. Che senso ha vivere? Da dove veniamo e verso dove andiamo? Quale fine raggiungere? Come vivere dunque e come utilizzare le cose? La morale cristiana è la luce che ci viene da Gesù Cristo, vero uomo e Figlio di Dio; attraverso la sua persona e la sua parola ci rivela i modi idonei per scegliere il bene. A ben capire la morale si esprime nella carità, come unico comandamento entro cui tutti gli altri comandamenti/norme acquistano il vero senso (= strumenti in mano alla carità ). Si tratta allora di definire la carità nel suo significato biblico preciso (vedi: eros - filìa - agàpe). San Paolo ci ricorda: Il precetto: Non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non desiderare e qualsiasi altro comandamento, si riassume in queste parole: Amerai il prossimo tuo come te stesso. L amore non fa nessun male al prossimo: pieno adempimento della legge è l amore (Rm 13,9-10). La morale cristiana offre la strada per concretizzare il vero amore. Indica dunque il cammino sicuro da percorrere dentro l amore e verso il vero amore. 3. La morale è necessaria al matrimonio Nella persona, accanto alla sessualità come forza positiva, c è l inclinazione all egoismo (= tendenza al possesso). Il vero amore ha come centro il tu dell altro, non il proprio io ; esige dunque la dinamica del dono e non la tecnica del possesso. Purtroppo esiste la possibilità che una persona diventi pericolo per l altra, tende a possederla, abusando di lei. E proprio l incontro sessuale è uno dei luoghi in cui una persona può trattare l altra con egoismo fino a degradarla. Per questo l esercizio della sessualità esige il rispetto, il consenso e alcune modalità idonee. La morale, rimanendo in continuo collegamento coi valori, regola i rapporti reciproci. 4. Forme deviate nell uso della sessualità. Riduzioni egoistiche del rapporto sessuale: - Masturbazione - Pornografia, esibizionismo, ecc. Fuga dall unicità del rapporto sessuale maschio-femmina: - Adulterio, infedeltà, scambio di coppie - Prostituzione maschile/ femminile - Omosessualità - Pedofilia

13 NB. In questi ambiti occorre saper fare le debite distinzioni tra valutazione morale cristiana e legislazione civile di ogni stato moderno. Non diventa automaticamente moralmente buono e lecito ciò che una legislazione civile permette (es. aborto, divorzio, convivenze, coppie gay, ecc.). 5. In cosa consiste il peccato? Per capirlo, occorre tener presenti due riferimenti: a) anzitutto il cuore, la coscienza dell uomo, che è il centro della persona e dei sentimenti (Mt 15,19-20). Ciò che avviene all esterno, in modo costatabile, è solo un primo elemento della valutazione; fondamentale è invece l intenzione per la quale si fa o non si fa una cosa. b) occorre poi il riferimento all «altro»: (1) Dio che mi fa capire il progetto, il traguardo vero da raggiungere e cosa serve per questo progetto, preservandoci da indebiti riduzionismi o soggettivismi (pensiero debole); (2) il prossimo (marito/moglie/figli/altre persone). La valutazione deve tener presente continuamente: Sto agendo per amore? La mia presenza aiuta a crescere, sostiene, promuove l altro? Per quale progetto sto vivendo? 6. Sessualità e fecondità (cf. libro pp. 58ss). Un primo aspetto di fecondità si verifica quando i due sposi si rigenerano continuamente come persone, si aiutano a diventare marito / moglie, si preparano ad essere genitori. Quando non ci fosse questo tipo di fecondità, quella fisica diverrebbe quasi un alibi all impegno di essere coppia... (cf. libro p ). Un secondo aspetto di fecondità (quella fisica) si concretizza ed esprime generando un figlio. Il matrimonio tende naturalmente a generare figli; e quando non è aperto ai figli ci si ferma a ideali/progetti che non esprimono veramente l «essere coppia». a) Tra amore e fecondità c è un nesso inscindibile. A tal punto che se uno dei due fidanzati escludesse coscientemente e volutamente l ipotesi del figlio, per la Chiesa saremmo davanti a un matrimonio nullo. b) Avere un figlio non è certo affidato al caso, ma alla responsabilità degli sposi: leggere il libro alle pp Quando e come avere un figlio? Il subito come il tramandare senza data non sempre sono una buona soluzione. Cosa dice la morale in questo campo? Poiché si tratta del grande valore della vita. c) Quanti figli? La coppia è chiamata a decidere in coscienza tenendo conto di... (cf. libro pp ). Metodi naturali e metodi artificiali. Nei metodi artificiali c è sempre uno stravolgimento della natura. Ricordiamo che per la Chiesa l aborto non è mai lecito, perché sopprime volontariamente la vita. PREGHIAMO «Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio: chiunque ama è generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore» (1Gv 4,7-8). «Camminate secondo lo Spirito dell Amore e non sarete portati a soddisfare i desideri dell egoismo; l egoismo infatti ha desideri contrari all Amore e lo Spirito d amore ha desideri contrari all egoismo. Del resto conoscete bene le opere dell egoismo: fornicazione, impurità, libertinaggio, idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, invidie, ubriachezze, orge e cose del genere. Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé» (Gal 5,16). Tutti: Signore, tu ci chiami all amore più grande. Se ci doni la tua grazia, noi sapremo viverlo pur nella fatica quotidiana. Risveglia in noi l esigenza ad amare veramente, a non accontentarci delle mezze misure, a non rimanere bloccati nell egoismo. 1. Perché non ci stanchiamo nel crescere verso il traguardo di un amore vero, paziente, aperto, che mette al primo posto il bene dell altro. Ti preghiamo: Aiutaci, Signore. 2. Perché il nostro amore di coppia si apra ai traguardi della fecondità nei figli e di una vita familiare cristiana. Ti preghiamo: Aiutaci, Signore. 3. Perché la nostra vita di coppia sia una testimonianza serena del nostro amore e della nostra fede, nella Chiesa e nella società. Ti preghiamo: Aiutaci, Signore. 4. Perché sappiamo ogni giorno tener a freno l egoismo, che porta a cercare le cose più comode, porta a non scomodarci e a strumentalizzare gli altri. Ti preghiamo: Aiutaci, Signore. 5. Perché il rispetto e l amore alla vita sia sempre una caratteristica della nostra coppia; e riusciamo a viverla all interno e a comunicarla all esterno. Ti preghiamo: Aiutaci, Signore. Nella carità c è la grandezza di Dio e la grandezza dell uomo. Preghiamo il Padre, come Gesù ci ha insegnato, perché essa caratterizzi concretamente la nostra vita. Diciamo insieme: Padre nostro...

14 CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO Parrocchia di Cristo Re - 6 incontro Dove collocare il proprio matrimonio? dove piantare la propria famiglia? Un albero ha bisogno di un terreno idoneo. Occorre un terreno o campo dove piantarsi come coppia/famiglia, se si vuole vederle crescere... Questo terreno per il matrimonio si chiama società e chiesa. È davvero importante una riflessione sul rapporto matrimonio-società / matrimonio-chiesa. «Nessun uomo è un isola, in sé completa: ognuno è un pezzo di un continente, una parte di un tutto (John Donne). Solo quando ci vediamo nel nostro vero contesto umano, come appartenenti a una razza che è stata concepita come un unico organismo e un solo corpo, incominciamo a comprendere l importanza positiva che hanno nella nostra vita non solo i successi, ma anche gli insuccessi e gli imprevisti... Ogni uomo è una parte di me, perché io sono parte e membro del genere umano. Ogni cristiano fa parte del mio stesso corpo, perché tutti noi siamo membra di Cristo. Quello che faccio viene dunque fatto per gli altri, con loro e da loro: quello che essi fanno è fatto in me, da me e per me. Ma a ognuno di noi rimane la responsabilità della parte che egli ha nella vita dell intero corpo» (Thomas Merton, Nessun uomo è un isola, Garzanti 1964, pp ). Il proverbio «Meglio soli che male accompagnati» fino a che punto può contenere una verità? e quando diventa decisamente falso? Basta forse che la coppia badi a se stessa? Può vivere il proprio matrimonio senza riferimento alla comunità? Si può essere cittadini senza un rapporto con la società? e cristiani senza un rapporto con la Chiesa? Come definire tale rapporto? Utile - positivo - indifferente - necessario - sopportato... Parole previe - «individualismo»: tendenza a far da soli, ad isolarsi... - «privatizzazione»: ridurre tutto in riferimento a sé e a proprio uso... - «riflusso nel privato»: tendenza a privilegiare il privato sul resto... - «socializzazione totale»: è l opposto, forse non più di moda... MATRIMONIO e COMUNITÀ È diffusa l idea che il matrimonio appartiene alla sfera del privato senza relazione con la società e la Chiesa (o comunque con una relazione molto debole con esse). Sembra quasi che più si custodisce gelosamente questo privato, tanto meglio sia per il matrimonio stesso. La presenza nell ambito sociale ed ecclesiale è delegata al singolo (all uomo o alla donna), raramente si realizza come coppia (cf. libro p. 94). Il matrimonio è il crocevia tra il privato e il pubblico, ha sempre una valenza sociale ed ecclesiale. Formare coppia è collocarsi dentro uno spazio preciso, con una realtà che qualifica la stessa società e chiesa. Perché ciò avviene raramente? 1. Il matrimonio è una comunione / comunità di vita che genera comunione e comunità. È questo il punto di partenza che non si deve mai dimenticare. Ci si sposa non per fare alcune cose o svolgere alcuni servizi-impegni, ma per una chiamata a stare insieme, a con-vivere per fare comunione e fare comunità (cf. libro p. 89 e p. 91). Il matrimonio è un fatto comunitario sia davanti alla chiesa sia davanti alla società; è soggetto di diritti e doveri; è la prima cellula della società, della comunità cristiana... La società e la chiesa sono il luogo dove la coppia pone le proprie radici per fare comunione-comunità e generare una comunione-comunità sempre più grande. La stessa società e chiesa, per la qualità della vita, dipendono dal matrimonio. Come valutare la tendenza a isolarsi, la paura ad accettare impegni, la diffidenza a creare un rapporto attivo tra matrimonio e chiesa/società? 2. La Chiesa è un corpo dalle molte membra... «Il corpo non risulta di un membro solo, ma di molte membra. Se il piede dicesse: «Poiché io non sono mano, non appartengo al corpo», non per questo non farebbe più parte del corpo. E se l'orecchio dicesse: «Poiché io non sono occhio, non appartengo al corpo», non per questo non farebbe più parte del corpo. Se il corpo fosse tutto occhio, dove sarebbe l'udito? Se fosse tutto udito, dove l'odorato?... Molte sono le membra, ma uno solo è il corpo. Non può l'occhio dire alla mano: «Non ho bisogno di te»; né la testa ai piedi: «Non ho bisogno di voi». Anzi quelle membra del corpo che sembrano più deboli sono più necessarie...» (1Cor 12). - Perché essere chiesa? Non basta rapportarsi personalmente a Dio? (cf. libro p ) - L amore è diffusivo : genera comunione, crea comunità (cf. libro p. 90); il futuro della coppia a sua volta poggia sulla comunità (cf. libro p )

15 - Perché sposarsi nella propria comunità? Quale presenza stabilire con la propria comunità ecclesiale? 3. Partecipare alla vita sociale: - Quale società vogliamo? - Difendersi dalla società o costruire la società? - Quale rapporto con scuola, lavoro, servizi sanitari, sportivi, ecc.? Esserci... ma come? Una presenza effettiva ha bisogno di gesti concreti... Nella chiesa: presenza alla celebrazione dei sacramenti, impegno per le opere della carità... Nella società: diritti e doveri nelle forme più diversificate L educazione reciproca all essere (e non all avere, al possesso), alla crescita della persona (e non alla logica della competitività, della contrapposizione), alla collaborazione e solidarietà (e non alla sopraffazione, ai diritti di parte, alla logica del più forte)... (cf. libro pp ). Il contributo dei coniugi per una civiltà dell amore... Suggerimenti, richieste, provocazioni. Come sostenere il cammino degli sposi per una presenza che conta nella chiesa e nella società? ANNUNCIO E PREGHIERA: La chiesa è un corpo vivo dalle molte membra Sac. O Dio, nel grande mistero del tuo amore, ha consacrato il patto coniugale e lo ha reso simbolo dell unione di Cristo con la Chiesa. In te la donna si unisce all uomo, e la prima comunità umana, la famiglia, riceve in dono la benedizione che nulla poté cancellare, né la pena del peccato originale, né il castigo del diluvio. Concedi a questi fidanzati di vivere la grande avventura del loro amore per raggiungere la pienezza della vita, arricchire la società e la chiesa, promuovere la civiltà dell amore. Preghiamo il brano della prima lettera di s. Paolo apostolo ai Corinzi (12,12-31). 1 lettore: 12 Come il corpo, pur essendo uno, ha molte membra e tutte le membra, pur essendo molte, sono un corpo solo, così anche Cristo. 13 E in realtà noi tutti siamo stati battezzati in un solo Spirito per formare un solo corpo; e tutti ci siamo abbeverati a un solo Spirito. 14 Ora il corpo non risulta di un membro solo, ma di molte membra. Tutti: Donaci la gioia di vivere insieme nella tua Chiesa, Signore. 2 lettore: 15 Se il piede dicesse: «Poiché io non sono mano, non appartengo al corpo», non per questo non farebbe più parte del corpo. 16 E se l'orecchio dicesse: «Poiché io non sono occhio, non appartengo al corpo», non per questo non farebbe più parte del corpo. 17 Se il corpo fosse tutto occhio, dove sarebbe l'udito? Se fosse tutto udito, dove l'odorato? 20 Invece molte sono le membra, ma uno solo è il corpo. Tutti: Donaci la gioia di vivere insieme nella tua Chiesa, Signore. 3 lettore: 21 Non può l'occhio dire alla mano: «Non ho bisogno di te»; né la testa ai piedi: «Non ho bisogno di voi». 22 Anzi quelle membra del corpo che sembrano più deboli sono più necessarie... Dio ha composto il corpo, conferendo maggior onore a ciò che ne mancava, 25 perché non vi fosse disunione nel corpo, ma anzi le varie membra avessero cura le une delle altre. 26 Quindi se un membro soffre, tutte le membra soffrono insieme; e se un membro è onorato, tutte le membra gioiscono con lui. Tutti: Donaci la gioia di vivere insieme nella tua Chiesa, Signore. 4 lettore: 28 Alcuni perciò Dio li ha posti nella Chiesa come apostoli, come profeti, come maestri; poi vengono i miracoli, i doni di far guarigioni, di assistenza, di governare Sono forse tutti apostoli? Tutti profeti? Tutti maestri? Ciascuno è chiamato, secondo la sua specifica vocazione, a percorrere la via migliore di tutte: quella della carità. Tutti: Sac. Signore Gesù, mantienici aperti e disponibili a un amore sempre più grande. La nostra vita di coppia generi comunione e comunità tra di noi e attorno a noi. Fa che contribuiamo alla pace e alla giustizia nella nostra società, alla serenità della convivenza umana. Rendici presenza viva nella tua chiesa per la gioia di tutti. Come Gesù ci ha insegnato, ci affidiamo al Padre celeste perché faccia di ogni coppia una piccola chiesa, una cellula attiva e gioiosa nella società. Osiamo dire: Padre nostro... Ti preghiamo, Dio nostro Padre, perché questi fidanzati abbiano la gioia della comunione e una particolare grazia per vivere radicati e fruttuosi nella società e nella tua chiesa. Per Cristo nostro Signore. Amen.

16 CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO Parrocchia di Cristo Re - 7 incontro Celebrare il matrimonio non è una cerimonia, un semplice rito esteriore, ma significa esprimere con gesti e parole un alleanza d amore, cioè un sacramento come azione di Cristo e della Chiesa. Nella celebrazione di fede il rito diventa efficace (= compie ciò che esprime) perché lo Spirito Santo opera con noi e in noi. Il consenso reciproco diventa luogo di comunione totale di lui + lei, espressione concreta dell amore che Dio ha per noi e che Cristo ha per la Chiesa. Il consenso nuziale / sacramento avviene attraverso tre momenti: (1) Il libero e personale consenso di ciascuno (2) La promessa matrimoniale (3) Lo scambio delle fedi nuziali IL RITO DEL MATRIMONIO PRIMO MOMENTO: il consenso Avviene attraverso l ammonizione del sacerdote e tre domande. L ammonizione, in forma di introduzione, ripercorre il cammino cristiano che i due fidanzati hanno fatto: dal battesimo al matrimonio. Contiene inoltre una presentazione del matrimonio come lo intende la Chiesa e la richiesta di adesione con un libero e personale sì di ciascuno della coppia. Il sacerdote dice: Carissimi N. e N., siete venuti insieme nella casa del Padre, perché il vostro amore riceva il suo sigillo e la sua consacrazione davanti al ministro della Chiesa e davanti alla comunità. Voi siete già consacrati mediante il Battesimo: ora Cristo vi benedice e vi rafforza con il sacramento nuziale, perché vi amiate l un l altro con amore fedele e inesauribile e assumiate responsabilmente i doveri del matrimonio. Pertanto, io vi chiedo di esprimere davanti alla Chiesa le vostre intenzioni. a) PRIMA INTENZIONE: Libertà di consenso Il matrimonio è la scelta più libera che si possa fare, perché suggerita dall amore; ma è anche la scelta più azzardata, perché significa rinuncia alla propria libertà per fondersi con l altro al servizio dell amore. Sappiamo bene che non c è donazione autentica di sé là dove non c è piena libertà, una libertà che porta a donarsi totalmente all altro. N. e N., siete venuti a contrarre matrimonio in piena libertà, senza alcuna costrizione, pienamente consapevoli del significato della vostra decisione? Gli sposi rispondono individualmente: «Sì». b) SECONDA INTENZIONE: Impegno per la fedeltà e l indissolubilità. Il sì alla domanda precedente dovrà essere continuamente ri-proposto nelle scelte e in ogni circostanza della vita. Un amore «a tempo», scindibile secondo le situazioni, non può essere vero. Il matrimonio è una nuova via rispetto a quanto è avvenuto precedentemente, e la si percorre unicamente lì dove sono presenti i due valori della fedeltà e della indissolubilità. Siete disposti, nella nuova via del matrimonio, ad amarvi e onorarvi l un l altro per tutta la vita? Ancora gli sposi rispondono individualmente: «Sì». c) TERZA INTENZIONE: Fecondità e educazione cristiana dei figli La disponibilità all accoglienza della vita che nascerà dall amore coniugale significa consapevolezza che la vita è un dono di Dio: per essa è chiesta all uomo e alla donna una generosa e responsabile collaborazione. Un amore coniugale che non fosse aperto alla vita non sarebbe completo. Siete disposti ad accogliere responsabilmente e con amore i figli che Dio vorrà donarvi e a educarli secondo la legge di Cristo e della sua Chiesa? Per la terza volta gli sposi rispondono individualmente: «Sì».

17 d) INVITO AL CONSENSO: La Chiesa, avuta conferma pubblica della retta volontà di matrimonio dei due, li invita al passo definitivo: Se dunque è vostra intenzione di unirvi in matrimonio, datevi la mano destra, ed esprimete davanti a Dio e alla sua Chiesa il vostro consenso. In questo momento solenne, la mano dell uno è nella mano dell altro come segno di aiuto, di fiducia, di amicizia, di donazione, di certezza per quanto si sta per fare, donando e ricevendo la promessa definitiva di amore. L intimità dell unione che viene a stabilirsi tra gli sposi è simboleggiata dall unione delle mani. SECONDO MOMENTO: La promessa matrimoniale Con le parole che gli sposi a questo punto pronunciano si compie il sacramento del Matrimonio, di cui essi sono ministri davanti a Dio e alla Chiesa. Nel pronunciare la promessa di matrimonio, gli sposi si chiamano per nome, perché l amore è una realtà legata profondamente a un nome, cioè a una persona e a una storia; non è, e non può essere, un sogno o un idea. Gli sposi dicono: Io (N.) prendo te (N.) come mia/o sposa/o e prometto di esserti fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarti e onorarti tutti i giorni della mia vita. Con le parole degli sposi si è compiuto il mistero grande dell amore umano e insieme si è rinnovato quello ancora più grande dell amore di Cristo per la Chiesa. Il sacerdote dice: Il Signore onnipotente e misericordioso confermi il consenso che avete manifestato davanti alla Chiesa e si degni di ricolmarvi delle sue benedizioni. Non osi separare l uomo ciò che Dio unisce. Gli sposi rispondono: «Amen». TERZO MOMENTO: Lo scambio delle fedi nuziali La fede nuziale è il segno esterno e il richiamo visibile della promessa del giorno del matrimonio, per custodirla in un integra fedeltà. L anello dice il legame come libera offerta e impegno di sé e del proprio amore. È un legame che rappresenta scelta, esclusività e indissolubilità, a imitazione della relazione tra Gesù Cristo e la Chiesa. Guardando l anello che porta, il coniuge è rinviato alla gioia del legame che ha stabilito con l altro. Che nessuno dei due si debba trovare un giorno nella triste circostanza di togliersi con delusione quella fede che in questo momento riceve con commossa sicurezza. Il sacerdote dice: Signore, benedici questi anelli nuziali. Gli sposi che li porteranno custodiscano integra la loro fedeltà, rimangano nella tua volontà e nella tua pace, e vivano sempre nel reciproco amore. Lo sposo dice il nome della sposa, tenendo la fede in mano e mettendogliela al dito. Lo stesso fa la sposa: Ricevi questo anello, segno del mio amore e della mia fedeltà. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Conclusione. Celebrare il sacramento del matrimonio è mettere Dio a custodia e difesa della propria fedeltà. Dio non è solo testimone di questo amore e di questa fedeltà, ma è Colui che la nutre, la rigenera, la risana con la sua grazia. Non è un optional rimanere collegati con Dio, se davvero si comprende che la sua grazia fa crescere nell amore e nella fedeltà.

18 COME UN ALBERO PIANTATO LUNGO IL FIUME Il matrimonio è uno dei 7 sacramenti Ci introduciamo con il simbolo dell albero. Esso rappresenta la persona del credente che attinge da Dio la vita. Rappresenta anche Gesù che ci innesta in sé come i tralci nell albero perché abbiamo la pienezza della sua vita. 1. Dio ci invita a partecipare alla sua pienezza attingendo da lui come l albero dal terreno Come l albero, per vivere, ha bisogno di essere radicato in un terreno idoneo, così il cristiano. Il Salmo 1 ci fa meditare e pregare su questa realtà. Dio è la fonte della vita, la sorgente della felicità. Occorre rimanere radicati in lui mediante la fede, occorre attingere da lui mediante la Parola: 1 Beato l'uomo che non segue il consiglio degli empi, non indugia nella via dei peccatori e non siede in compagnia degli stolti; 2 ma si compiace della legge del Signore, la sua legge medita giorno e notte. 3 Sarà come albero piantato lungo corsi d'acqua, che darà frutto a suo tempo e le sue foglie non cadranno mai; riusciranno tutte le sue opere. 4 Non così, non così gli empi: ma come pula che il vento disperde; 5 perciò non reggeranno gli empi nel giudizio, né i peccatori nell'assemblea dei giusti. 6 Il Signore veglia sul cammino dei giusti, ma la via degli empi andrà in rovina. 2. Gesù ci invita a partecipare alla sua pienezza attingendo da lui come un ramo attinge dall albero Nel vangelo di Giovanni (15,1-11) si raffigura all albero della vite di cui noi diventiamo i tralci: 1 «Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. 2 Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. 4 Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. 5 Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 6 Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano. 7 Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. 8 In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli. 9 Come il Padre ha amato me, così anch io ho amato voi. Rimanete nel mio amore! 10 Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io osservo i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. 11 Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena». > Sull albero della vite che rappresenta Gesù, chi crede viene innestato come il tralcio e riceve la pienezza della vita attraverso sette segni sacri (i 7 sacramenti): 1 l innesto avviene attraverso il gesto (=sacramento) del battesimo; 2 la linfa che fa vivere è lo Spirito Santo che viene trasfuso attraverso lo stesso battesimo e la cresima; 3 il nutrimento-cibo per crescere è l eucaristia; 4 la potatura che cura le debolezze e toglie il male è la confessione; 5 l abilitazione per vivere l amore di coppia la dà il matrimonio; 6 il sacramento dell ordine sacro rende idonei i preti a guidare la comunità cristiana e ad amministrare in particolare i sacramenti dell eucaristia, della confessione e dello stesso ordine sacro; 7 l unzione degli infermi fortifica per il passaggio finale I sacramenti... per accogliere e per attingere > Gesù è presente come sorgente, come albero su cui siamo innestati... Continuamente rinnova per noi e su noi le sue azioni di salvezza, cioè i sacramenti. Alcuni di questi sacramenti sono dati una volta sola (il Battesimo, la Cresima, l Ordine sacro); altri vengono dati più volte. In particolare i sacramenti della Messa e Confessione: per crescere abbiamo bisogno continuamente di pane e di liberazione dalla malattia e dal male... Da qui la continuità con cui la Chiesa ci chiede di accogliere l impegno della Messa e della Confessione.

19 Per capire i sacramenti occorre dunque capire chi è Gesù e accoglierlo come Salvatore, l unico che ci può dare la salvezza di Dio. Ci sono modi diversi di vivere la fede (= il rapporto con Dio), ma non sono tutti uguali. La nostra fede avviene attraverso la persona di Gesù; per questo è fede cristiana. Quindi punto di inizio e riferimento obbligato per i sacramenti è Gesù Cristo. Lui sta all inizio della nostra fede e ne è centro di riferimento: > È il Figlio di Dio che «libera dal peccato», e ci rende partecipi della sua condizione di Figlio. Discutendo con i farisei, Gesù afferma: «In verità, in verità vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora lo schiavo non resta per sempre nella casa, ma il figlio vi resta sempre; se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero» (Giovanni 8,34-36). In Gesù Figlio di Dio abbiamo la possibilità di passare dal peccato alla grazia; in lui anche noi diventiamo figli di Dio. > È il buon Pastore che dà la Vita in abbondanza, perché ci partecipa la vita divina. «Io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza. Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore... Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me; e offro la vita per le pecore» (Giovanni 10,10-14). > È l unica strada che conduce al Padre, perché da Dio è venuto e a Dio è tornato con la risurrezione. Gesù ci dice: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò» (Giovanni 14,6-7). E s. Pietro commenta: «In nessun altro c è salvezza; non vi è infatti altro nome dato agli uomini sotto il cielo nel quale è stabilito che possiamo essere salvati» (Atti degli Apostoli 4,12). I sacramenti non sono nostri, noi li riceviamo. Sono di Cristo, sono i suoi gesti d amore che compie su di noi attraverso la Chiesa. E i nostri gesti d amore verso il Cristo quali sono? Due in particolare: - la preghiera/lode (nelle sue varie forme); - la vita di carità (amore, pazienza, fedeltà, onestà, giustizia,...). La vita cristiana deve esprimersi in tre ambiti: i sacramenti, la preghiera, le opere di carità. Occorre costantemente tendere alla compresenza di queste tre dimensioni, senza le quali non c è il cristiano adulto. La preghiera e i sacramenti ci mantengono in rapporto dinamico con Dio per diventare simili a Gesù ; le opere di carità ci mantengono in rapporto dinamico con il prossimo per amarlo come Dio ama noi. 4, La fede fa cercare i sacramenti e la preghiera, ci spinge alla carità... È importante avere un idea esatta di sacramenti - preghiera opere. Per molte persone sono la stessa cosa. In realtà non sono la stessa cosa, anche se alcuni atteggiamenti sono comuni. La preghiera nasce da una decisione nostra: quando desideriamo comunicare con Dio, parlargli, sfogarci, affidarci alla sua bontà... La preghiera è dialogo, supplica, intercessione, lode, ringraziamento. Avviene dove e quando noi decidiamo, non ha bisogno di intermediari o luoghi. È anzitutto atteggiamento del cuore, che si esprime poi all esterno in modi diversi (con parole e modi concreti). I sacramenti sono di Dio: gesti che compie su di noi mediante il Figlio Gesù Cristo nella Chiesa. Sono gesti sacri (=sacramenti) perché Dio è santo; sono sacri perché ci santificano... Per ogni sacramento Gesù sceglie un ministro, un incaricato che lo compia in suo nome. Lo scopo dei sacramenti e della preghiera è di renderci conformi a Gesù, persone capaci di vivere l amore in opere e parole. Senza questo la vita cristiana rimane vuota. Rinnoviamo la nostra fede in Gesù, unica nostra salvezza. Noi crediamo in Te, Gesù Cristo, unico Figlio di Dio, nostro Signore. Tu sei nato dal Padre prima di tutti i secoli, e sei Dio come il Padre e lo Spirito Santo. Per noi uomini e per la nostra salvezza sei disceso dal cielo e ti sei fatto uomo per opera dello Spirito Santo nel seno della Vergine Maria. Noi crediamo la tua risurrezione e ci affidiamo al tuo amore misericordioso. Per noi hai voluto soffrire, per noi ti sei offerto vittima d amore sulla croce e dal tuo fianco squarciato hai versato l acqua e il sangue del nostro riscatto. Fa che ci nutriamo di te per vivere come te e diventare figli del Padre nella pienezza della vita. Amen. Parrocchia di Cristo Re via Galeno 32 - Milano

20 PREGHIAMO Cel. Rivolgiamo la nostra preghiera al Padre di tutti, per la pace di tutto il mondo, per il bene della Chiesa, per la concordia di tutti gli uomini, per questi fedeli che desiderano celebrare il loro matrimonio nella fede della Chiesa. Preghiamo insieme e diciamo: T. Ascoltaci, o Signore. 1. Per questi fedeli che chiedono la grazia del matrimonio-sacramento, e per la loro salvezza, preghiamo. 2. Perché tu benedica la loro futura unione santa come il tuo Figlio ha santificato le nozze di Cana, preghiamo. 3 Perché a loro conceda abbondante grazia per vivere insieme, e la grazia dei figli a letizia della famiglia umana, preghiamo. 4. Perché doni loro un concreto e vivo amore, che quotidianamente cresce attraverso l aiuto scambievole, preghiamo. 5. Perché siano felici nella concordia e nella fedeltà, e rendano testimonianza al nome cristiano e al sacramento del matrimonio che riceveranno, preghiamo. 6. Perché in tutti gli sposi lo Spirito santo rinnovi la grazia del sacramento e doni alle nostre famiglie la capacità di sostenerci nel cammino della vita, preghiamo. 7. Per tutto il popolo cristiano, perché cresca ogni giorno nella santità, realizzi una presenza gioiosa e fattiva dentro la società, collabori al bene comune, preghiamo. Cel. Padre santo, concedi a questi tuoi figli che confidano in te, i doni del tuo Spirito, perché siano fedeli nel reciproco amore, celebrino con fede il sacramento del matrimonio, vivano in serenità tutti i giorni della loro vita. Per Cristo nostro Signore. T. Amen.

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO Il patto matrimoniale con cui l uomo e la donna stabiliscono di vivere insieme per tutta la vita, per sua natura ordinato al bene dei coniugi ed alla procreazione

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Il sacramento del Matrimonio

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Il sacramento del Matrimonio ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Il sacramento del Matrimonio 4 IL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO "Vivere il matrimonio come sacramento richiede alcuni impegni che voglio mantenere: la fedeltà,

Dettagli

L EUCARISTIA FONTE DELL AMORE SPONSALE

L EUCARISTIA FONTE DELL AMORE SPONSALE L EUCARISTIA FONTE DELL AMORE SPONSALE ADORAZIONE EUCARISTICA CON I FIDANZATI Arcidiocesi di Bari-Bitonto 66 a Settimana Liturgica Nazionale Preghiera Cel. Tutti O Dio Padre di bontà, che sin dall inizio

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO

2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO SCHEDA 5 (per operatori) Nota introduttiva 2. E VIVO NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO Questa scheda può essere una lectio sulla pagine delle nozze di Cana, completata dalla Lettera ai fidanzati di Giordano

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

I fidanzati e la chiamata all amore

I fidanzati e la chiamata all amore I fidanzati e la chiamata all amore Intervento tenuto il giorno 10 gennaio presso la Parrocchia della SS Trinità in Altamura Quando un giovane e una giovane si innamorano e si orientano alla scelta di

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

IL RACCONTO DELLA CREAZIONE

IL RACCONTO DELLA CREAZIONE IL RACCONTO DELLA CREAZIONE Il racconto biblico della creazione è contenuto nella Genesi, il primo libro della Bibbia. La parola genesi, infatti, significa origine, inizio, nascita. Il libro della Genesi

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Lo Spirito riempì tutta la casa

Lo Spirito riempì tutta la casa Veglia di preghiera per il Sinodo della famiglia Pentecoste 2015 Lo Spirito riempì tutta la casa Introduzione 1L. Dal Magistero del nostro Arcivescovo La famiglia è la via maestra e la prima, insostituibile

Dettagli

2. SECONDO IL DISEGNO D AMORE DI DIO

2. SECONDO IL DISEGNO D AMORE DI DIO SCHEDA 3 (per operatori) Nota introduttiva 2. SECONDO IL DISEGNO D AMORE DI DIO Le schede 3....Secondo il disegno d amore di Dio..., e 4....Rivelato in Gesù Cristo..., sono direttamente collegate una all

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

Matrimonio e Divorzio

Matrimonio e Divorzio Matrimonio e Divorzio Dio creò l uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina (Genesi 1 :27). È evidente dal testo citato che Dio considera l uomo e la donna legati l uno all

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Gianluca e Sabrina RITI DI COMUNIONE. Obbedienti alla parola del Salvatore e formati al suo divino insegnamento, osiamo dire:

Gianluca e Sabrina RITI DI COMUNIONE. Obbedienti alla parola del Salvatore e formati al suo divino insegnamento, osiamo dire: RITI DI COMUNIONE Obbedienti alla parola del Salvatore e formati al suo divino insegnamento, osiamo dire: P adre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il Tuo nome, venga il Tuo regno, sia fatta la

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO

1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO 1 MODULO STEREOTIPO E PREGIUDIZIO Tempo di realizzazione delle attività Incontro di un ora Obiettivi Far scoprire ai ragazzi la diversità e l unicità di ogni essere umano Favorire la conoscenza e la maggior

Dettagli

Sac: Spirito Santo, potenza del Padre e del Figlio, oggi fai risplendere in NomeSposa e NomeSposo la veste nuziale della Chiesa.

Sac: Spirito Santo, potenza del Padre e del Figlio, oggi fai risplendere in NomeSposa e NomeSposo la veste nuziale della Chiesa. RITI DI INTRODUZIONE Sac: Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo MEMORIA DEL BATTESIMO Sac: Grazia a voi e pace da Dio Padre e dal Signore nostro Gesù Cristo. Tutti: E con il tuo spirito

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

LITURGIA DEL MATRIMONIO

LITURGIA DEL MATRIMONIO LITURGIA DEL MATRIMONIO 65. Se sono celebrati insieme due o più Matrimoni, le interrogazioni prima del consenso, la manifestazione e l'accoglienza del consenso devono sempre aver luogo singolarmente per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

LITURGIA PER UN MATRIMONIO MISTO

LITURGIA PER UN MATRIMONIO MISTO LITURGIA PER UN MATRIMONIO MISTO Avvertenze preliminari Questa proposta di liturgia tiene conto del fatto che il matrimonio misto avviene fra un battista e un credente di altra religione e di nessuna).

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

LETTURE BIBLICHE E COMMENTO PER OGNI GIORNO DELLA SETTIMANA

LETTURE BIBLICHE E COMMENTO PER OGNI GIORNO DELLA SETTIMANA LETTURE BIBLICHE E COMMENTO PER OGNI GIORNO DELLA SETTIMANA PRIMO GIORNO: Insieme siamo il popolo di Dio Esodo 19,3-8: Voi sarete per me un regno di sacerdoti e una nazione consacrata al mio servizio.

Dettagli

DAL «CELEBRARE» ALL «ESSERE» SACRAMENTO DELLE NOZZE

DAL «CELEBRARE» ALL «ESSERE» SACRAMENTO DELLE NOZZE DAL «CELEBRARE» ALL «ESSERE» SACRAMENTO DELLE NOZZE DISCERNIMENTO: QUALI CRITERI PER VALUTARE UNA RECIPROCA IDONEITA VERSO IL TUTTO E IL PER SEMPRE fr. Marco Vianelli ofm Giudice presso il Tribunale ecclesiastico

Dettagli

In cammino verso ADORAZIONE EUCARISTICA CHIAMATI ALLA MISSIONE ANNO 2015 MESE DI SETTEMBRE

In cammino verso ADORAZIONE EUCARISTICA CHIAMATI ALLA MISSIONE ANNO 2015 MESE DI SETTEMBRE In cammino verso Cristo ADORAZIONE EUCARISTICA CHIAMATI ALLA MISSIONE ANNO 2015 MESE DI SETTEMBRE 1 Introduzione: Cel.: Ogni vocazione umana è una chiamata. Interrogarsi sulla propria vocazione vuol dire

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Maria e Giuseppe SHALOM

Maria e Giuseppe SHALOM I santi sposi Maria e Giuseppe riflessioni e preghiere I santi sposi Maria e Giuseppe riflessioni e preghiere SHALOM Testi: padre Tarcisio Stramare o.s.j. Testi della novena: diacono Bruno Podestà Editrice

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Settembre 2014: Nello Spirito Santo pienezza di vita ADORAZIONE EUCARISTICA

Settembre 2014: Nello Spirito Santo pienezza di vita ADORAZIONE EUCARISTICA PREGHIERA IN PREPARAZIONE AL CONVEGNO DI SACROFANO 2015 Per la Grazia del Sacramento del Matrimonio. Quale unità e relazione degli sposi: con il Vescovo pastore e sposo della Chiesa, tra le coppie di sposi,

Dettagli

Vien poi portata una bibbia e deposta sull altare o al centro dell assemblea.

Vien poi portata una bibbia e deposta sull altare o al centro dell assemblea. Rosario colorato Scritto da Tratto da Amico Canto Guida: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Alcune parole di introduzione e spiegazione. Lettore: Dal vangelo secondo Giovanni -

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi Cammino di perfezione/20 Vinci le antipatie con l amore sii amico di tutti Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi sull amore come anima di ogni comunità familiare, ecclesiale, sociale. Una comunità

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Il Santo Viaggio AMORE! Illusione o Verità? (XVIII incontro) CONOSCERSI PER CAPIRE - CAPIRE PER AMARE. Valore della sessualità umana:

Il Santo Viaggio AMORE! Illusione o Verità? (XVIII incontro) CONOSCERSI PER CAPIRE - CAPIRE PER AMARE. Valore della sessualità umana: Il Santo Viaggio AMORE! Illusione o Verità? (XVIII incontro) CONOSCERSI PER CAPIRE - CAPIRE PER AMARE Valore della sessualità umana: E lecita la fecondazione extracorporea? Quando una coppia non riesce

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Sac: Spirito Santo, potenza del Padre e del Figlio, oggi fai risplendere in NomeSposa e NomeSposo la veste nuziale della Chiesa.

Sac: Spirito Santo, potenza del Padre e del Figlio, oggi fai risplendere in NomeSposa e NomeSposo la veste nuziale della Chiesa. RITI DI INTRODUZIONE Sac: Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo MEMORIA DEL BATTESIMO Sac: Grazia a voi e pace da Dio Padre e dal Signore nostro Gesù Cristo. Tutti: E con il tuo spirito

Dettagli

INCONTRO CON I GENITORI, PADRINI E MADRINE DEI RAGAZZI CHE RICEVERANNO LA CRESIMA. 1. Iniziazione cristiana e sacramento della Cresima.

INCONTRO CON I GENITORI, PADRINI E MADRINE DEI RAGAZZI CHE RICEVERANNO LA CRESIMA. 1. Iniziazione cristiana e sacramento della Cresima. INCONTRO CON I GENITORI, PADRINI E MADRINE DEI RAGAZZI CHE RICEVERANNO LA CRESIMA 1. Iniziazione cristiana e sacramento della Cresima. Per comprendere bene che cosa sia il sacramento della Cresima e la

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Parrocchia della B.V. del Carmine Udine IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Incontro di riflessione e preghiera VENERDÌ 23 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE DELL INCONTRO Ci troviamo insieme stasera per prepararci

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli