BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983"

Transcript

1 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983 Approvazione dell Accordo di Progetto tra la Regione Toscana ed il sistema bancario finalizzato alla creazione delle migliori condizioni di accesso al credito e alla diffusione capillare degli interventi regionali di cui al progetto Giovani SI e alla L.R. 21/2008 e successive modifiche. LA GIUNTA REGIONALE Vista la delibera di Giunta Regionale n. 257 dell 11 aprile 2011 di approvazione della proposta di Programma Regionale di Sviluppo P.R.S , approvato dal Consiglio Regionale con risoluzione n. 49 del , che prevede, tra l altro, il progetto Giovani SI Progetto per l autonomia dei giovani ; Considerato che il Progetto Giovani SI prevede una serie di interventi orientati a sviluppare sinergie operative fra le politiche regionali attinenti la casa, il diritto allo studio e gli incentivi all alta formazione, l avvicinamento al lavoro ed il sostegno alle attività economiche, con l obiettivo di generare dinamismo ed opportunità per le giovani generazioni toscane in termini di capacità individuali, qualità e stabilizzazione del lavoro, di emancipazione e di partecipazione sociale; Visto che il progetto assegna un ruolo centrale a Fidi Toscana S.p.a., la quale costituisce al suo interno lo Sportello Fidi Toscana Giovani, dedicato a fornire ai giovani imprenditori e alle imprenditrici o potenziali tali un servizio di orientamento, consulenza ed assistenza afferente i procedimenti necessari per la costituzione e l avvio delle nuove imprese, nonché la richiesta e l ottenimento del finanziamento bancario; 155 di garanzie su prestiti d onore fatti a studenti per percorsi di alta formazione; Vista la DGRT n. 907 del 24/10/2011 ad oggetto l approvazione delle modalità delle agevolazioni di cui alla L.R. 21/2008; Considerato che per la piena attuazione degli interventi previsti dal Progetto Giovani SI, ivi compresi gli interventi di cui alla L.R. 21/2008 e successive modifiche. e di cui alla DGRT n. 907 del 24/10/2011, è indispensabile la collaborazione del sistema bancario operante nel territorio; Visto il Protocollo di Intesa Generale tra la Regione Toscana e le banche sottoscritto il 14 dicembre 2007, il quale prevede la volontà comune delle parti di addivenire alla definizione di specifici Accordi correlati agli interventi posti in essere dalla Regione, avendo come obiettivo comune la creazione delle migliori condizioni di accesso al credito per i soggetti che operano nel territorio toscano, ivi incluse anche le persone fisiche; Considerato che alcune banche non hanno sottoscritto il Protocollo sopra citato e che pertanto, al fine di semplificare le procedure del caso e consentire la più agevole diffusione dell iniziativa, si conviene che si provveda ad una specifica sottoscrizione valida quale presa d atto ed adesione; Preso atto della disponibilità delle banche ad impegnarsi per collaborare con l amministrazione regionale e con Fidi Toscana, fornendo il proprio supporto alla realizzazione dello specifico progetto sopra richiamato; Vista la L.R. n. 21/2008, così come modificata dalla L.R. n. 19/2011, con le modalità definite dal Regolamento di attuazione approvato con D.P.G.R n. 42/R del , che promuove: a) la costituzione e l espansione di imprese di giovani; b) la costituzione e l espansione di imprese di giovani con potenziale di sviluppo a contenuto innovativo; c) la costituzione e l espansione di imprese femminili; d) la costituzione di imprese da parte di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali; Considerato che la suindicata L.R. n. 21/2008 prevede, tra l altro, l erogazione delle agevolazioni nella forma di prestazioni di garanzie su finanziamenti e operazioni di leasing; Vista la DGRT n. 908 del 24/10/2011, recante Prestiti d onore alta formazione, che prevede il rilascio Valutato che le parti convengono sulla necessità di definire tale collaborazione, mediante la firma di un Accordo di Progetto, di cui all allegato A parte integrante e sostanziale del presente atto, elaborato sulla base dello schema approvato con Delibera di Giunta n. 790 del 12/11/2007 e che, al fine di conseguire una maggiore operatività e diffusione degli strumenti di intervento, le parti ritengono opportuno proporne l adesione a tutto il sistema bancario operante in Toscana; Preso atto che le risorse indicate nell Accordo di progetto sono quelle assegnate dalle suindicate delibere n. 908/2011 e n. 907/2011 ai rispettivi interventi; Visto il parere favorevole espresso dal CTD nella seduta del ; A voti unanimi DELIBERA

2 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N di approvare l Accordo di Progetto tra la Regione Toscana ed il sistema bancario, di cui all allegato A parte integrante e sostanziale del presente atto, finalizzato alla creazione delle migliori condizioni di accesso al credito e alla diffusione capillare degli interventi regionali di cui al progetto Giovani SI e alla L.R. 21/2008 e successive modifiche; 2. di autorizzare il Presidente della Giunta Regionale o suo delegato a procedere alla sottoscrizione del suddetto Accordo di Progetto. Il presente atto è pubblicato integralmente sul BURT ai sensi dell art. 5, comma 1 lett. f) della L.R. 23/2007 e sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta regionale ai sensi dell art. 18, comma 2 della medesima L.R. 23/2007. Segreteria della Giunta Il Direttore Generale Antonio Davide Barretta SEGUE ALLEGATO

3 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N ACCORDO DI PROGETTO PROGETTO REGIONALE GIOVANI SI (SOSTEGNO ALL IMPRENDITORIA, L.R. 21/2008 e PRESTITI DI ONORE PER L ALTA FORMAZIONE) Oggi,..2011, in Firenze Tra La Regione Toscana, codice fiscale , rappresentata da., e Fidi Toscana S.p.a., codice fiscale., rappresentata da.. e Le seguenti banche: - Banca Monte dei Paschi S.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - Gruppo Intesa San Paolo S.p.a., codice fiscale , rappresentata da.. [così comprende p.es. CR Firenze e CR Pistoia e Pescia] oppure: Banca Intesa San Paolo [con CR Firenze e CR Pistoia e Pescia firmatarie a sè] rappresentata da - Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno S.p.a., codice fiscale , rappresentata da.. - Banca Popolare di Vicenza S.c.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - Cassa di Risparmio della Spezia S.p.a., codice fiscale , rappresentata da. 1

4 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - Cassa di Risparmio di Volterra S.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - Cassa di Risparmio di Carrara S.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - Banca Popolare dell Etruria e del Lazio Scpa, codice fiscale , rappresentata da. - Banca Popolare dell Emilia Romagna S.c.p.a., codice fiscale , rappresentata da.. - Banca Popolare di Cortona, codice fiscale , rappresentata da - Banca Popolare Etica S.c.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - Banca Popolare di Lajatico S.c.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - Federazione Toscana Banche di Credito Cooperativo S.c.r.l., codice fiscale , in nome e per conto delle Banche di Credito Cooperativo da essa rappresentate, rappresentata da.. - Banca di Credito Cooperativo di Cambiano S.c.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - Banca di Credito Cooperativo di Fornacette S.c.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci S.c.p.a., codice fiscale , rappresentata da 2

5 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N Banca Nazionale del Lavoro S.p.a., codice fiscale , rappresentata da.. - Unicredit S.p.a., codice fiscale , rappresentata da.. - Banca del Monte di Lucca S.p.a., codice fiscale , rappresentata da. - UGF Banca S.p.a. codice fiscale , rappresentata da - Banco di Lucca e del Tirreno S.p.a, codice fiscale , rappresentata da - Banca Interregionale S.p.a., codice fiscale , rappresentata da.. - Banca Carige S.p.a., codice fiscale, rappresentata da.. - Banca Cassa di Risparmio di Parma, codice fiscale, rappresentata da.. - Banca Popolare Novara, codice fiscale, rappresentata da.. - Banca Sella S.p.a., codice fiscale, rappresentata da.. - Banca Credito Artigiano, codice fiscale, rappresentata da.. - Banca Carige S.p.a., codice fiscale, rappresentata da.. - Banca Popolare di Spoleto, codice fiscale, rappresentata da.. (d ora in avanti per brevità Banche ) Le Banche firmatarie in qualità di capogruppo coordineranno tutte le società bancarie e di leasing facenti parte dei rispettivi gruppi bancari al fine dell attuazione del presente accordo per ciò che attiene alla loro specificità di 3

6 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 intervento negli strumenti ivi previsti. Premesso: - che il Protocollo di Intesa Generale tra la Regione Toscana e le banche sottoscritto il 14 dicembre 2007 (d ora in avanti per brevità Protocollo ), prevede la volontà comune delle parti di addivenire alla definizione di specifici Accordi correlati agli interventi posti in essere dalla Regione, avendo come obiettivo comune la creazione delle migliori condizioni di accesso al credito per i soggetti che operano nel territorio toscano, ivi incluse anche le persone fisiche; - che alcune tra le banche comparenti non hanno sottoscritto il Protocollo sopra citato e che pertanto, al fine di semplificare le procedure del caso e consentire la più agevole diffusione dell iniziativa, si conviene che esse in calce al presente Atto provvedano ad una specifica sottoscrizione valida quale presa d atto ed adesione al Protocollo; - che la Regione Toscana, così come previsto all art. 3 del Protocollo, con delibera di Giunta Regionale n. 257 dell 11 aprile 2011 ha approvato la proposta di Programma Regionale di Sviluppo P.R.S , approvato dal Consiglio Regionale con risoluzione n. 49 del , che prevede tra l altro- il progetto Giovani SI Progetto per l autonomia dei giovani ; - che il Progetto Giovani SI prevede una serie di interventi orientati a sviluppare sinergie operative fra le politiche regionali attinenti la casa, il diritto allo studio e gli incentivi all alta formazione, l avvicinamento al lavoro ed il sostegno alle attività economiche, con l obiettivo di generare 4

7 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N dinamismo ed opportunità per le giovani generazioni toscane in termini di capacità individuali, qualità e stabilizzazione del lavoro, di emancipazione e di partecipazione sociale; - che il progetto assegna un ruolo centrale a Fidi Toscana S.p.a., la quale costituisce al suo interno lo Sportello Fidi Toscana Giovani, dedicato a fornire ai giovani imprenditori e alle imprenditrici o potenziali tali un servizio di orientamento, consulenza ed assistenza afferente i procedimenti necessari per la costituzione e l avvio delle nuove imprese, nonché la richiesta e l ottenimento del finanziamento bancario; - che, in particolare, Fidi Toscana S.p.a.: 1. rilascia garanzie, con contributo in conto interessi, per il sostegno ad attività economiche di giovani imprenditori, di imprenditrici e delle PMI di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali; 2. rilascia garanzie per prestiti d onore a sostegno di percorsi universitari di alta specializzazione; 3. assume partecipazioni, temporanee e di minoranza, nel capitale di nuove PMI giovanili; - che la Regione Toscana, con L.R. n. 21/2008, così come modificata dalla L.R. n. 19/2011, con le modalità definite dal Regolamento di attuazione approvato con D.P.G.R n. 42/R del , promuove: a) la costituzione e l espansione di imprese di giovani; b) la costituzione e l espansione di imprese di giovani con potenziale di sviluppo a contenuto innovativo; c) la costituzione e l espansione di imprese femminili; d) la costituzione di imprese da parte di lavoratori destinatari 5

8 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 di ammortizzatori sociali. - che la suindicata L.R. n. 21/2008 prevede l erogazione delle agevolazioni nelle seguenti forme: a) concessione di un contributo per l abbattimento del tasso di interesse applicato su finanziamenti e operazioni di leasing; b) prestazioni di garanzie su finanziamenti e operazioni di leasing; c) assunzione di partecipazioni di minoranza nel capitale dell impresa; - che la DGRT n. 908 del 24/10/2011, recante Prestiti d onore alta formazione, prevede il rilascio di garanzie su prestiti d onore fatti a studenti per percorsi di alta formazione; - che per la piena attuazione degli interventi previsti dal Progetto Giovani SI, ivi compresi gli interventi di cui alla L.R. 21/2008 e ss.mm.ii. e di cui alla DGRT n. 907 del 24/10/2011, è indispensabile la collaborazione del sistema bancario operante nel territorio, come rappresentato dalle Banche aderenti al Protocollo; - che le Banche esprimono la loro disponibilità ad impegnarsi per collaborare con l amministrazione regionale e con Fidi Toscana, fornendo il proprio supporto alla realizzazione dello specifico progetto sopra richiamato; - che le parti convengono sulla necessità di definire tale collaborazione, mediante la firma del presente Accordo di Progetto (d ora in avanti Accordo ), elaborato sulla base dello schema approvato con Delibera di Giunta n. 790 del 12/11/2007; - che le parti, al fine di conseguire una maggiore operatività e diffusione degli strumenti di intervento previsti nel presente atto, ritengono 6

9 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N opportuno proporne l adesione a tutto il sistema bancario operante in Toscana; Tutto ciò premesso, Resta inteso Art. 1 Descrizione degli interventi regionali e ruolo di Fidi Toscana Il Progetto Giovani SI, ivi compresi gli interventi di cui alla L.R. 21/2008 e ss.mm.ii. e di cui alle DGRT n. 907 e 908 del 24/10/2011, analogamente agli altri progetti di sviluppo contenuti nel P.R.S , risponde non solo alla necessità di un rilancio economico produttivo territoriale, ma anche allo sviluppo delle condizioni del futuro capitale umano, sociale e professionale della Toscana. Le linee di intervento che rilevano ai fini del presente Accordo sono le seguenti: 1. Diritto allo studio e incentivi all alta formazione (prestiti d onore per corsi di alta formazione). 2. Sostegno ad attività economiche (costituzione e espansione di imprese di giovani, costituzione ed espansione di imprese femminili, costituzione di imprese da parte di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali, di cui alla L.R. 21/2008). Fidi Toscana S.p.a. ha costituito al suo interno uno specifico sportello denominato Fidi Toscana Giovani per sostenere la nascita, la crescita dell imprenditoria giovanile e femminile in Toscana e la formazione d eccellenza degli studenti. Inoltre, lo sportello Fidi Toscana Giovani svolge 7

10 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 il ruolo di informazione, orientamento e formazione. Una volta rilasciata la garanzia da parte di Fidi Toscana, lo sportello svolge la funzione di accompagnamento in banca dei nuovi imprenditori e degli studenti. Le linee di intervento, come sotto dettagliate, sono finanziate da risorse regionali per un importo complessivo di Euro ,51. La dotazione è suscettibile di incremento grazie agli eventuali ulteriori apporti della Regione Toscana, nonché agli apporti di altri soggetti istituzionali che si dichiareranno interessati a concorrere al raggiungimento degli obiettivi del Progetto. Le linee di intervento sono finalizzate a: I. rilascio di garanzie a sostegno di Prestiti d Onore per l Alta Formazione per giovani tra i 22 e i 35 anni di cittadinanza italiana o straniera, residenti o domiciliati in Toscana da almeno 2 anni, in possesso di laurea magistrale, come meglio specificato nella citata DGRT n. 908/2011, allegata al presente atto. La garanzia rilasciata è diretta, esplicita, incondizionata, irrevocabile, escutibile a prima richiesta ed è rilasciata ai soggetti finanziatori per l intero importo del finanziamento. Al momento della sottoscrizione del presente Accordo, questa sezione ha una dotazione pari a Euro ,51. II. rilascio di garanzie a fronte di finanziamenti per la costituzione e l espansione di imprese di giovani, di imprese femminili e per la costituzione di imprese da parte di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali, di cui alla lett. b) dell art. 5 della L.R. 21/2008. La garanzia rilasciata è diretta, esplicita, incondizionata, irrevocabile, escutibile a prima richiesta ed è rilasciata ai soggetti 8

11 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N finanziatori per un importo massimo garantito di Euro ,00, corrispondente ad valore non superiore all 80% dell ammontare del finanziamento. Al momento della sottoscrizione del presente Accordo, questa sezione ha una dotazione pari a Euro ,00. Le modalità di attuazione delle linee di intervento di garanzia sono definite nei rispettivi regolamenti. Il rilascio della garanzia è subordinato alla verifica da parte di Fidi Toscana del possesso da parte del potenziale beneficiario dei requisiti stabiliti dai regolamenti. Art. 2 - Collaborazione fornita dal sistema bancario Preso atto delle modalità operative e delle finalità a cui rispondono le linee di intervento oggetto del presente Accordo, avendo come obiettivo la creazione delle migliori condizioni di accesso al credito e la diffusione capillare dell intervento regionale per i soggetti beneficiari, le Banche si impegnano, previa insindacabile ed autonoma valutazione del merito creditizio, a mettere a disposizione finanziamenti ammissibili alla garanzia con le modalità di seguito stabilite: I. Prestiti d Onore per l Alta Formazione: a) importo massimo garantito pari a Euro ,00, corrispondente al 100% del finanziamento; b) finanziamenti concessi dalla banca indifferentemente a residenti o domiciliati in Toscana ai sensi dell art.1, lett. I, compatibilmente con la rispettiva normativa bancaria di riferimento; c) durata massima pari a 20 anni di cui fino a 5 anni di preammortamento, 9

12 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 con rimborso decorrente a partire da una data compresa nei primi 12 mesi dall ingresso nel mondo del lavoro ed ogni caso entro 24 mesi dalla conclusione del programma di studi; d) finanziamenti erogabili anche a tranches sulla base di idonea programmazione elaborata da Fidi Toscana in coerenza con il piano di studio; e) condizioni di tasso variabile, come risultante dalla somma del parametro Euribor su base 360 oppure 365" con lo spread massimo del 4,00%; II. Imprese giovanili, imprese femminili e imprese di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali: a) l importo massimo garantito per impresa è pari a Euro ,00, corrispondente all 80% del finanziamento; b) il finanziamento, anche nella forma del leasing, è di durata non inferiore a 60 mesi e non superiore a 120 mesi, eventualmente comprensivi di un preammortamento di massimo 12 mesi; c) condizioni di tasso: le operazioni possono essere definite a tasso variabile oppure, compatibilmente alle provviste disponibili, a tasso fisso. Gli spread massimi da sommare al parametro "I.R.S. lettera della durata dell'operazione" per operazioni a tasso fisso, ovvero al parametro "Euribor su base 360 oppure 365" per operazioni a tasso variabile, corrispondono a quelli stabiliti per la Misura Liquidità del Protocollo di Intesa Emergenza Economia sottoscritto il 12 dicembre 2008, come periodicamente aggiornato. Gli spread massimi sono stabiliti in base alle diverse durate del finanziamento e con riferimento a 5 classi di 10

13 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N merito di credito dell impresa. Ogni banca associa le proprie classi di rating alle classi di merito sotto riportate. Le imprese per le quali è ammesso il termine massimo di 6 mesi dalla data di costituzione sono di norma collocate nella classe Mediocre. Nel caso di finanziamenti aventi durate maggiori di 120 mesi, fino ad un massimo di 180 mesi, le condizioni di tasso saranno oggetto di opportuna rideterminazione. Le seguenti caratteristiche sono comuni per tutti i finanziamenti: a. forma tecnica di erogazione: secondo i prodotti adottati da ogni banca b. facoltà del debitore di estinzione anticipata totale in qualsiasi momento e senza oneri aggiuntivi, con obbligo a rimborsare il solo debito residuo; c. sulle operazioni ammesse alla garanzia non possono essere acquisite garanzie reali, bancarie o assicurative. Nell evidenziare la caratteristica di valore massimo degli spreads di tasso sopra indicati ai punti I e II, le banche firmatarie comunicano tramite il sito Web dello Sportello Giovani SI, attivato da Fidi Toscana, il livello di spread da ciascuna applicato, pari o inferiore a detti valori massimi, come determinato dalle rispettive ed autonome politiche commerciali. Tramite lo stesso sito Web, le banche firmatarie pubblicano la loro disponibilità ad effettuare le operazioni relative al Presito d Onore per l Alta Formazione. Le Banche firmatarie, qualora non concedano direttamente finanziamenti nella forma del leasing, comunicano alla Regione Toscana ed a Fidi Toscana quali società (appartenenti o meno al proprio Gruppo) provvedono per loro conto ad effettuare dette operazioni. Conseguentemente, tali società di leasing 11

14 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 sono autorizzate a sottoscrivere la convenzione con Fidi Toscana per l accesso alle Misure di garanzia. Art. 3 Referenti delle banche sul territorio Per la particolare natura dell iniziativa regionale, le Banche si impegnano ad individuare ed a comunicare a Fidi Toscana i propri referenti, possibilmente ripartiti per provincia, opportunamente informati sull intervento oggetto del presente Accord,o al fine di facilitare la collaborazione tra Fidi Toscana e il sistema bancario e costituire un riferimento per le nuove imprese e gli studenti del territorio. Art. 4 Regolamenti di operatività delle Linee di intervento Le parti rinviano la definizione puntuale dei criteri d amministrazione e di operatività specifica a quanto stabilito nei relativi regolamenti approvati con decreto dirigenziale che saranno opportunamente allegati all apposita convenzione da stipularsi tra Fidi Toscana e le singole banche aderenti. Art. 5 Azioni promozionali e comunicative La Regione, Fidi Toscana e le Banche aderenti, ai sensi dell articolo 2 del Protocollo, provvederanno a dare la più ampia diffusione al contenuto del presente Accordo, nelle forme e nelle modalità ritenute più opportune. Art. 6 Validità dell Accordo Il presente Accordo ha validità fino al 31/12/2015 e comunque fino al termine di operatività del Progetto Giovani SI, ivi compresi gli interventi di 12

15 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N cui alla L.R. 21/2008 e ss.mm.ii. e di cui alle DGRT n. 907 e 908 del 24/10/2011. Le condizioni massime di tasso di cui all art. 2 sono aggiornate automaticamente a seguito dell aggiornamento trimestrale della Misura Liquidità del Protocollo di Intesa Emergenza Economia. Qualora detto Protocollo di riferimento cessi la sua validità, le condizioni massime di tasso di cui all art. 2 possono essere aggiornate sulla base degli esiti degli incontri trimestrali di verifica dello stato di attuazione del presente Accordo. Su richiesta motivata delle parti l Accordo potrà essere integrato e/o modificato. Le modifiche e/o integrazioni concordate saranno formalizzate con scambio di corrispondenza. La Regione e le Banche convengono che l adesione successiva da parte di altre Banche comporterà per queste ultime la sottoscrizione del presente atto. - Allegato 1: DGRT n. 907 del 24/10/ Allegato 2: DGRT n. 908 del 24/10/ Allegato 3: scheda prodotto della garanzia e del contributo in conto interessi in favore delle nuove imprese giovanili, femminili e dei lavoratori già destinatari di ammortizzatori sociali. - Allegato 4: scheda prodotto relativa alla garanzia sul prestito di onore. Regione Toscana Fidi Toscana S.p.a. Banca xxxxxxx.. Banca xxxxxxx 13

16 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 Banca xxxxxxx.. Come indicato al secondo punto delle Premesse, le seguenti banche sottoscrivono in questo Atto anche la loro adesione al Protocollo di Intesa Generale del 14 dicembre 2007: Banca Carige S.p.a Banca Cassa di Risparmio di Parma Banca Popolare Novara Banca Sella S.p.a. Banca Credito Artigiano Banca Carige S.p.a Banca Popolare di Spoleto 14

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 28-04-2014 (punto N 38 ) Delibera N 344 del 28-04-2014 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata Allegato A alla delibera di G.R. n.. de 21 luglio 2014 PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE Oggi, 23 luglio 2014, in Firenze Tra La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908

34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908 34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908 Prestiti d onore alta formazione. Approvazione linee guida e individuazione soggetto attuatore. LA

Dettagli

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 Criteri per la concessione dei contributi previsti dalla l.r. 70 del 19.11.2009 (Interventi di sostegno

Dettagli

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile: Proposta N 2013AD002383

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile: Proposta N 2013AD002383 REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE POLITICHE ORIZZONTALI DI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE. dall Assessore alle Attività produttive, credito e lavoro, Gianfranco

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE. dall Assessore alle Attività produttive, credito e lavoro, Gianfranco PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE (Delibera della Giunta Regionale n. 614 del 21 luglio 2014) Oggi, 23 luglio 2014, in Firenze Tra La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488,

Dettagli

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI (Prorogato con delibera della Giunta camerale n. 4 del 20.1.2010 fino al 31.3.2010) (Prorogato con delibera della Giunta camerale n.51

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE (*) Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE (*) Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE (*) (Delibera della Giunta Regionale n. 614 del 21 luglio 2014) (*) Il presente atto è sottoscritto per consentire l adesione di nuove banche al

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AGGIUNTIVO. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale [omissis], rappresentata dall Assessore

PROTOCOLLO D INTESA AGGIUNTIVO. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale [omissis], rappresentata dall Assessore PROTOCOLLO D INTESA AGGIUNTIVO Oggi, 24 settembre 2007, in Firenze Tra La Regione Toscana, codice fiscale [omissis], rappresentata dall Assessore al Bilancio ed alle Politiche per il mare Giuseppe Bertolucci,

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

ARTIGIANCASSA (dec. 01/07/12-30/09/12)

ARTIGIANCASSA (dec. 01/07/12-30/09/12) ARTIGIANCASSA (dec. 01/07/12-30/09/12) BREVE: Euribor 3 mesi M/T: Tasso variabile: Euribor periodo rata, divisore 360 - Tasso fisso: IRS di periodo (lettera) rilevato nei due giorni precedenti positivo

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 24-10-2011 (punto N 34 ) Delibera N 907 del 24-10-2011 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

ISTITUTI BANCARI. Banca Credito Cooperativo di Monte Pruno di Roscigno e Laurino (SA) Banca Popolare S. Angelo. Banca Popolare Lajatico

ISTITUTI BANCARI. Banca Credito Cooperativo di Monte Pruno di Roscigno e Laurino (SA) Banca Popolare S. Angelo. Banca Popolare Lajatico ISTITUTI BANCARI Banca Credito Cooperativo di Monte Pruno di Roscigno e Laurino (SA) Banca Popolare S. Angelo Banca Popolare Lajatico UNICREDIT S.p.A. BANCA SELLA BANCA SELLA NORD EST BANCA CARIGE BANCO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata dal

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata dal PROTOCOLLO D INTESA Tra La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata dal Presidente della Giunta Regionale, Claudio Martini, nato a Bardo (Tunisia) il 10.01.1951 e Le seguenti banche:

Dettagli

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria interventi inseriti nell Accordo di Programma Quadro Potenziamento delle infrastrutture dei Patti Territoriali - Delibera CIPE n. 20/2004 (acc. n. 101249 e acc. n. 101250). La presente deliberazione sarà

Dettagli

Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L.228 del 24dicembre 2012

Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L.228 del 24dicembre 2012 REGIONE TOSCANA Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L.228 del 24dicembre 2012 Oggetto: Disposizioni per la concessione di agevolazioni a soggetti esercenti attività economiche

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R.

Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. Le agevolazioni regionali per l imprenditoria giovanile, femminile e dei soggetti destinatari di ammortizzatori sociali (L.R. 21/2008) 1 La L.R. 29 aprile 2008, n. 21 è stata modificata e ampliata in modo

Dettagli

Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015

Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015 Gli interventi di garanzia attivati nell ambito del POR CREO FESR 2007-2013 Regione Toscana 22 ottobre 2015 La garanzia Lo strumento finanziario della garanzia è finalizzato a produrre effetti di mitigazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 19-02-2014 (punto N 30 ) Delibera N 118 del 19-02-2014 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015)

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Premesso che - il mercato, soprattutto estero, mostra significativi segnali di ripresa economica, che possono rappresentare

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Art. 1 (Definizioni) 1. Nel presente regolamento

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. Tra REGIONE TOSCANA FONDAZIONE TOSCANA PER LA PREVENZIONE DELL USURA ONLUS

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. Tra REGIONE TOSCANA FONDAZIONE TOSCANA PER LA PREVENZIONE DELL USURA ONLUS Allegato A ACCORDO DI COLLABORAZIONE Tra REGIONE TOSCANA e FONDAZIONE TOSCANA PER LA PREVENZIONE DELL USURA ONLUS Per la costituzione del fondo vincolato per la prestazione di garanzie integrative sui

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Anticipo. fatture C/C. Fideiussioni bancarie CLASSE DI. Smobilizzo Finanziamenti chirografari Finanziamenti ipotecari. Smobilizzo

Anticipo. fatture C/C. Fideiussioni bancarie CLASSE DI. Smobilizzo Finanziamenti chirografari Finanziamenti ipotecari. Smobilizzo GRUPPO INTESA SAN PAOLO (CR FIRENZE - CR PISTOIA E PESCIA - CR CIVITAVECCHIA - CR LA SPEZIA - CR RIETI - CR VITERBO - CR CITTA' DI CASTELLO) BREVE: Euribor a 1 mese 365gg rilevato negli ultimi due giorni

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 06-04-2009 (punto N. 33 ) Delibera N.263 del 06-04-2009

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 06-04-2009 (punto N. 33 ) Delibera N.263 del 06-04-2009 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 06-04-2009 (punto N. 33 ) Delibera N.263 del 06-04-2009 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI GIUSEPPE BERTOLUCCI DIREZIONE GENERALE POLITICHE

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1 IL RETTORE Decreto n. 10416 (77) Anno 2014 VISTA la delibera del Senato Accademico del 16 gennaio 2013 che approva l adesione all Accordo di collaborazione tra la Regione Toscana, le Università degli Studi

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Deliberazione della Giunta Provinciale

Deliberazione della Giunta Provinciale Deliberazione della Giunta Provinciale N 704 del 30/11/2010 pagina 1 Prot. n. 227242/08.20.00.01 OGGETTO: Legge Regionale n. 38 del 16 Agosto 2001 Approvazione bozza di Protocollo di Intesa tra Regione

Dettagli

10.6.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 23 DELIBERAZIONE 25 maggio 2015, n. 653

10.6.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 23 DELIBERAZIONE 25 maggio 2015, n. 653 DELIBERAZIONE 25 maggio 2015, n. 653 Approvazione schemi di accordo di collaborazione: Accordo di collaborazione per la somministrazione dei farmaci a scuola. Accordo di collaborazione sul diabete giovanile

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO DELLA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO PIANO STRAORDINARIO PER L OCCUPAZIONE

ACCORDO INTEGRATIVO DELLA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO PIANO STRAORDINARIO PER L OCCUPAZIONE ACCORDO INTEGRATIVO DELLA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO PIANO STRAORDINARIO PER L OCCUPAZIONE ASSE IV Misura IV.1 Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA L anno 2002, il giorno 01 del mese di ottobre ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA il Comitato per la Promozione dell Imprenditorialità Femminile costituita presso la Camera di Commercio,

Dettagli

Sono ammissibili gli investimenti realizzati successivamente all 1.1.2004.

Sono ammissibili gli investimenti realizzati successivamente all 1.1.2004. Con decorrenza dal 1 giugno 2005 sono operativi i sottodescritti due Fondi, costituiti dalla Comunità Montana con il concorso finanziario della Provincia e della Camera di Commercio di Reggio Emilia, per

Dettagli

Regione Toscana. D.P.G.R. 16 settembre 2011, n. 42/R

Regione Toscana. D.P.G.R. 16 settembre 2011, n. 42/R Regione Toscana. D.P.G.R. 16 settembre 2011, n. 42/R Regolamento regionale di attuazione della legge regionale 29 aprile 2008, n. 21(Promozione dell'imprenditoria giovanile, femminile e dei lavoratori

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

TRA PREMESSO. c) che con Determinazione Dirigenziale n. 100/DA1008 del 15 novembre 2007 è stata impegnata la somma di euro 2.932.

TRA PREMESSO. c) che con Determinazione Dirigenziale n. 100/DA1008 del 15 novembre 2007 è stata impegnata la somma di euro 2.932. CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO LEGGE REGIONALE 23/2002 Bando diretto alla concessione di prestiti agevolati mediante fondo rotativo per la realizzazione di impianti fotovoltaici di piccola

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

Premesso che. Dato atto che

Premesso che. Dato atto che Accordo di indirizzo tra i Consorzi fidi e Cooperative di garanzie (di cui all'art.2 della L.R. n.43/97 e s.m.i.), il Sistema Bancario regionale, Agrea, la Regione Emilia-Romagna, per migliorare le condizioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 19-02-2014 (punto N 21 ) Delibera N 113 del 19-02-2014 Proponente VITTORIO BUGLI GIANFRANCO SIMONCINI ANNA RITA BRAMERINI ANNA MARSON

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1181

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1181 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1181 Fondo per la Progettazione: individuazione degli Interventi Strategici. LA GIUNTA REGIONALE Vista la Delibera della Giunta Regionale n. 215 del 25/03/2013 avente

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

ALLEGATO PREMESSO CHE

ALLEGATO PREMESSO CHE ALLEGATO Schema di Accordo tra la Regione Puglia e la Commissione regionale ABI Puglia per agevolare gli investimenti nell ambito del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Puglia 2014 2020. PREMESSO

Dettagli

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Protocollo d Intesa per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Il Comune di Reggio Emilia il Consiglio Notarile di

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti In esecuzione della deliberazione della G.P. n. 131 del 9.6.2011, dichiarata immediatamente eseguibile,

Dettagli

il medesimo art. 204, al comma 1, fissa la percentuale del limite di indebitamento degli enti locali al 10% a decorrere dall anno 2015;

il medesimo art. 204, al comma 1, fissa la percentuale del limite di indebitamento degli enti locali al 10% a decorrere dall anno 2015; PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Rinegoziazione dei prestiti concessi alle Province e alle Città Metropolitane dalla Cassa Depositi e Prestiti società per azioni, ai sensi dell art. 1, comma 430, della

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto l articolo 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto

Dettagli

Assolombarda e Mediocredito Italiano

Assolombarda e Mediocredito Italiano AGGIORNATO AL 8 LUGLIO 2010 Assolombarda e Mediocredito Italiano Pag. 1. Riequilibrio Finanziario Finanziamento a medio termine finalizzato al sostegno di programmi di riequilibrio finanziario delle imprese,

Dettagli

NOME E COGNOME INDIRIZZO TELEFONO N ISCRIZIONE UIC

NOME E COGNOME INDIRIZZO TELEFONO N ISCRIZIONE UIC NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.Lgs. 385 DEL 1/9/1993 Delibera CICR del 4/3/2003) FOGLIO INFORMATIVO 1 (Ultimo aggiornamento 01/01/2012) GARANZIA A VALERE SUL PATRIMONIO

Dettagli

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO Legge Regione Piemonte del 18 maggio 2004, n. 12, art. 8 come sostituito dalla Legge Regionale del 4 dicembre 2009, n. 30,

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU28 16/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 15 giugno 2015, n. 23-1569 Specificazioni in merito all'utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006

Dettagli

22.4.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 16 DELIBERAZIONE 7 aprile 2015, n. 401

22.4.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 16 DELIBERAZIONE 7 aprile 2015, n. 401 22.4.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 16 DELIBERAZIONE 7 aprile 2015, n. 401 DGRT 594/2014 - Area Disabilità - Percorsi di au - tonomia per Disabili Adulti - Approvazione propo ste

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS;

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS; riferimento agli importi attuali dello stipendio tabellare, dell indennità di vacanza contrattuale e della retribuzione di posizione percepiti dai dirigenti regionali di ruolo responsabili di area di coordinamento,

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 82496 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno P O R F E S R L A Z I O 2 0 0 7-2013 A V V I S O P U B B L I C O I N S I E M E X V I N C E R E Guida alla compilazione dell Atto d Impegno (Art. 15, co. 1 dell Avviso Pubblico Insieme per Vincere approvato

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 9458 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 229 PO FESR 2007 2013. Asse I Linea di Intervento: 6.1 Azione 6.1.1 Avviso D.D. n. 590 del 26.11.2008, pubblicato sul BURP n. 191 del 10.12.2008.

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM

PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM AVVISO PER GLI STUDENTI DEI MASTER, SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE E DEI TIROCINI FORMATIVI ATTIVI (TFA) ISTITUITI E GESTITI DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO A.A.

Dettagli

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA REGIONE TOSCANA DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE Il Dirigente Responsabile: NANNICINI ELISA Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

D.G.P.I.C. PREMIALITA ATTIRIBUITE DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E DAGLI ISTITUTI DI CREDITO

D.G.P.I.C. PREMIALITA ATTIRIBUITE DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E DAGLI ISTITUTI DI CREDITO Rating di Legalità D.G.P.I.C. PREMIALITA ATTIRIBUITE DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E DAGLI ISTITUTI DI CREDITO Interventi premiali delle Pubbliche Amministrazioni I benefici per le aziende in possesso

Dettagli

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE Fra le nuove linee di prodotto proposte dal Cofim per il 2003, sono ancora disponibili i finanziamenti per lo sviluppo della nuova impresa femminile: un iniziativa

Dettagli

IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITA SPORTIVE di concerto IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006,

Dettagli

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana SCATTO il prestito partecipativo di Fidi Toscana FINALITA BENEFICIARI SETTORI AMMISSIBILI PROGRAMMA D ATTIVITA Anticipare all impresa, alle migliori condizioni del mercato e sulla base di un programma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI IN FAVORE DELLE FAMIGLIE CON NUOVI NATI O FIGLI ADOTTATI NEGLI ANNI 2009, 2010, 2011 TRA Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del

Dettagli

Convenzione Comunita Montana Istituto Sviluppo Economico Appennino per piccolo credito turistico (estratto) Art. 1

Convenzione Comunita Montana Istituto Sviluppo Economico Appennino per piccolo credito turistico (estratto) Art. 1 INTERVENTI CREDITIZI A TASSO DI INTERESSE AGEVOLATO AL FINE DI PROMUOVERE L'ECONOMIA LOCALE COMUNITA' MONTANA ALTA E MEDIA VALLE DEL RENO Piazza della Pace, 4 40038 Vergato Bologna Tel. 051/911056 Fax.

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 Allegato A REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA: FONDO UNICO ROTATIVO per PRESTITI POR CReO FESR 2007-2013 ( FURP ) Linea di intervento

Dettagli

Calabria: prestito d onore per i nuovi bacini d impresa e per le iniziative di autoimpiego promosse da donne

Calabria: prestito d onore per i nuovi bacini d impresa e per le iniziative di autoimpiego promosse da donne Calabria: prestito d onore per i nuovi bacini d impresa e per le iniziative di autoimpiego promosse da donne Descrizione In breve Incentivi a sostegno dell'avvio di nuove iniziative imprenditoriali e di

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Rinegoziazione dei prestiti concessi da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. in favore della Regione Lazio.

DELIBERAZIONE N. DEL. Rinegoziazione dei prestiti concessi da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. in favore della Regione Lazio. REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 210 06/05/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 6972 DEL 04/05/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO Area: TRIBUTI,

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 28-07-2015 (punto N 25 ) Delibera N 768 del 28-07-2015 Proponente STEFANO CIUOFFO DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE

Dettagli

- con la determinazione n. 77 del 13.02.2014 è stata prorogata la durata del contratto predetto fino al 31.12.2015;

- con la determinazione n. 77 del 13.02.2014 è stata prorogata la durata del contratto predetto fino al 31.12.2015; REGIONE PIEMONTE BU29S1 23/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 29 giugno 2015, n. 16-1645 Riordino delle giacenze di cassa presso Finpiemonte S.p.A. relative ai fondi di competenza della Direzione

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del LA MISSION: Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 FAVORIRE CRESCITA SISTEMA

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO DI INTERVENTO IN MATERIA DI VITA INDIPENDENTE L

Dettagli

TRA. La Regione Sardegna, in persona del rappresentante legale pro tempore.

TRA. La Regione Sardegna, in persona del rappresentante legale pro tempore. SCHEMA DI CONVENZIONE - TIPO PER FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DEGLI IMPRENDITORI DEL SETTORE AGRICOLO E DELLA PESCA VOLTO AD AGEVOLARE LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAL PSR REGIONE SARDEGNA

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

Smobilizzo Finanziamenti chirografari Finanziamenti ipotecariari. Finanziamenti chirografari

Smobilizzo Finanziamenti chirografari Finanziamenti ipotecariari. Finanziamenti chirografari GRUPPO CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE (CR FIRENZE - CR PISTOIA E PESCIA - CR CIVITAVECCHIA - CR LA SPEZIA) BREVE: Euribor a 1 mese 365gg rilevato negli ultimi due giorni lavorativi del mese precedente quello

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

- che il verificarsi delle crisi aziendali genera perciò effetti e ricadute negative sull occupazione e sui redditi dei lavoratori e delle famiglie;

- che il verificarsi delle crisi aziendali genera perciò effetti e ricadute negative sull occupazione e sui redditi dei lavoratori e delle famiglie; ACCORDO PER INTERVENTI DI SOSTEGNO AI REDDITI DELLE FAMIGLIE E ALLA COMPETITIVITA DEL SISTEMA IMPRENDITORIALE DEI COMUNI DELL UNIONE DELLA BASSA ROMAGNA PREMESSO - che l aggravarsi della crisi finanziaria

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 52 del 20 novembre 2006

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 52 del 20 novembre 2006 Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 52 del 20 novembre 2006 NB. La presente deliberazione tiene conto dell Errata Corrige pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 53 del

Dettagli

58 27.3.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13

58 27.3.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 58 27.3.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 - interventi agevolativi di cui all art. 5 comma 1 lettera c) per 1.220.000,00; Preso atto che, ad oggi, nessuna domanda è stata presentata

Dettagli

REGIONE TOSCANA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO DELLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 344 DEL 28.04.2014

REGIONE TOSCANA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO DELLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 344 DEL 28.04.2014 ALLEGATO A REGIONE TOSCANA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO DELLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 344 DEL 28.04.2014 FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ANTICIPAZIONE CIGS

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ANTICIPAZIONE CIGS e SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ANTICIPAZIONE CIGS Tra Comune di Mede p.zza Repubblica n. 37, Codice Fiscale e Partita Iva 00453550188, rappresentato dal.. e Cassa di Risparmio

Dettagli

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA D.Bartolo Divisione Corporate Gestione Operativa Agevolati, Incentivi e Innovazione Finanziamenti Agevolati Internazionali Portobuffolè, 29/09/2014 Agenda 1. I

Dettagli