DI BRESCIA. PER L'ANNO lq16 BRESCIA STAB. UNIONE TIPO-LITOGRAFICA BRESCIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DI BRESCIA. PER L'ANNO lq16 BRESCIA 1917. STAB. UNIONE TIPO-LITOGRAFICA BRESCIANA"

Transcript

1 DI BRESCIA PER L'ANNO lq16 BRESCIA STAB. UNIONE TIPO-LITOGRAFICA BRESCIANA 1917.

2

3 DELL'ATENEO DI SCIENZE, LETTERE ED ARTI IN BRESCIA PER L'ANNO 1916 BRESCIA STABILIMENTO UNIONE TIPO-LITOGRAFICA BRESCIANA 1916

4

5 DOMENICA 20 FEBBRAIO INAUGURAZIONE DELL' ANNO ACCADEMICO. Sono presenti: il Prefetto, il Sindaco, il Primo Presidente ed il Procuratore- generale della Corte d'appello, il Procuratore del Re, 1' Intendente di finanza, i Senatori Bettoni conte comrn. Federico e Castiglioni marchese avv. comm. Baldassare, i Deputati Frugoni avv. comm. Pietro, Longinotti dott. Gio. Maria, Morando conte cornm. Gian Giacomo, il Vice Presidente del Consiglio provinciale, Deputati e Consiglieri provinciali, Assessori e Consiglieri col Segretario generale del Comune, il Colonnello comandante del Distretto militare, il R." Provveditore agli studi, il R." Ispettore scolastico, i Presidi del Liceo e dell' Istituto tecnico, i Direttori delle scuole di commercio, normale e primarie, il Questore, il Segretario del Comitato locale della " Dante Alighieri,,, molti professori, accademici, signore, professionisti, infine quanto ha Brescia di notabilità nella cultura, nell' arte, nell' industria, nella vita pubblica. Aderiscono con telegrammi e lettere, perchè

6 impossibilitati ad intervenire, il Senatore Gorio grand'uff. Carlo, i Deputati Bettoni conte comm. Vincenzo e Corniani conte ing. comm. Giuliano, il comm. Camillo Montalcini, l'avv. comm. Girolamo Orefici, il cav. uff. Flaviano Capretti e l' ing. cav. Enrico Maggioni. Presiede il Presidente, S. E. Da-Como grand. cord. avv. Ugo, Sotto Segretario di Stato al Tesoro, che fra 1' attenzione generale pronuncia il discorso di inaugurazione del nuovo anno accademico, intitolato ESORDIO - L' ORA PRESENTE- " MENTRE SI COMBATTE,, Questo ritorno in mezzo a voi mi prende l'animo e mi conforta come un auspicio: si intreccia al ritmo della nostra Accademia la vita mia da quando - son quasi cinque lustri - mi accoglieste giovanissimo ancora, degno solo di onorare qui, nei migliori cittadini, le più nobili virtù. La nostalgia di una serena esistenza di studi, nei luoghi prediletti, penetrati dalle memorie più care, è speranza ed affanno perenne del cuore: ma ora non abbiamo che un cuore, per amare la patria. Tutto si piega e si volge ad un intento, una stella ci è guida e meta: fatiche, privazioni, rinunzie si fondono nella poesia del sacrificio, che pare avere un fascino come l' amore : l'animo vi si abbandona come ad una carezza, se pur le foglie dei roseti si ombrano di sangue. Ognuno al suo posto di dovere: fatti, non parole; coloro che parlano non possono dire che un'unica cosa, ripetere ciò che gli altri dicono: la nazione esige cuori concordi in una disciplina salvatrice. L' ltalia levò alto il capo in faccia al nemico, i figli le sono tutti intorno raccolti nella devozione che dà vita e

7 luce alle opere più degne; dovunque è un richiamo ai doveri della battaglia e, nell' apprendere la vittoriosa virtù della sofferenza e dell'azione, pare che una legge eterna di compensi, imrnanente sulle armonie dell' universo, muti i dolori in esaltazione di fede e di speranze e gli affanni in visioni consolatrici. Non più è ignorato il valore dei giorni mentre ogni ora ha la sua missione e la sua storia: la vita non può essere lo sforzo per la conservazione della tranquillità, meglio i deboli si distinguono dai forti, la critica non può sostituire il coraggio : la ricchezza, frutto di lavoro accumulato, insegna il dovere di nuovo lavoro; aumenti ognuno il patrimonio morale della propria vita, che, se pure si abbrevi, avrà maggiore profumo di una lunga carriera disseccata. Magnarum rerum species ad se vocat et extollit. Brescia palpita, nel magnanimo cuore, essa che volle, fortemente volle. Vibrano le anime dei padri: precursori eroici, di un eroismo che non ha pari nella storia del genere umano, perchè terrori, supplizi, esigli, morte soffrirono tra le folle di scettici e di indifferenti, ed essi diedero a noi la fortuna di compiere la missione tra una vivida fiamma di entusiasmi e di fede. Un sacro debito, su tutto, ci tramandarono verso la giustizia: anche le antiche invocazioni di Sofocle e di Euripide imponevano per essa di essere audaci: la giustizia è simboleggiata con la spada. LE ACCADEMIE LA PATRIA. Qui, tra il fragore dell'armi, un'accademia come la nostra non può, non deve assopirsi in un muto raccoglimento. Essa in tempi miseri e servili fu ricetto di libertà, quando la polizia delllaustria vigilava e puniva; gli studi

8 suoi animò di uno spirito precursore, un' aria fresca di italianità la pervase dal Governo Cisalpino agli albori del primo Regno. Camillo Ugoni passava da presidente dell'atene0 ad imputato, con altri soci, nel processo dei Carbonari ; il sospetto politico di quei tempi - l' onore del sospetto - sempre circondò l'accademia, mentre insieme le si contendeva l'assegno che le dava vita ; troviamo dieci dei suoi soci nel Governo provvisorio del '48, e la vediamo rinunziare ai premi per soccorrere i pubblici bisogni; tra i presenti, alla costituzione del Governo provvisorio del 22 marzo, leggiamo i nomi dei nostri Ugoni, Mompiani, Bevilacqua, Filippini, Lechi, Monti, Caprioli, Vantini, Ferrante, Pagani, Dossi, Lagoric, Fenaroli, Bargnani; veniva accusata e sospesa quale nucleo dei primi moti Rvoiuzionari; Giuseppe Gallia aveva dettato 1' indirizzo a Carlo Alberto per la fusione al Piemonte. Ora, o colleghi, la vita patriottica dell'ateneo non si è chiusa con l'applauso che, nella prima riunione del 21 agosto 1859, fu qui rivolto al Re liberatore. L'opere nostre alimentarono la lampada perenne sulla tomba di Dante. Gli intenti di libertà, che accendono le virtù civili, non illanguidirono mai : allfaleardi che qui, presidente vostro, ricordava le nebbie sul fondo del Garda, rispose, ad ora ad ora, la speranza, verde sempre, per la patria incompiuta: non può credersi che l'anima si sia nutrita di retorica vana, l'anima che sente e non trema. Si dice cheail Conte di Cavour pensasse che la politica è come una sbarra, messa a traverso, sulla soglia delle Accademie: ma non è politica I' ideale della patria che tutti penetra ed infiamma. Onoriamo l' opera delle Accademie : se ricordiamo Carlo Antonio Pilati, trentino, con la sua Riforma d'ltalia e Gian Rinaldo Carli, di Capodistria, per la Patria degli

9 Italiani, dobbiamo anzitutto celebrare Clemente Vannetti, che, trasformando l'accademia degli Agiati in Trento in un focolare di italianità, tenne desta e salvò l'anima della sua patria. I dotti non possono essere soltanto accademici perchè valga la devozione all' idea: li abbiamo visti meditare in Francia, in tempi terribili come il '70, su lo chernin de la vertu di Barthélerny Saint Hilaire, per non interrompere lo studio della verità e delle bellezze eterne, ma i nuovi tempi, mentre gli occhi non si staccano dalle frontiere, dove non cerchiamo di vantare i bottini e le conquiste di roba altrui, ma il tranquillo coraggio e lo slancio del sacrificio - esigono di più. Gli uomini di scienza raccolgono, nel culto superstite, gli elementi per la storia e per la gloria e vedono ad un tempo la realtà che s'irnpone: - la collaborazione delle genti del mondo per il bene comune è un ideale per ora cancellato dalla violenza: i cannoni smisurati, le navi gigantesche che solcano l'aria, i sottomarini insidiosi, le terribili miscele delle polveri, dei gas, i danni del ferro e del fuoco, del freddo, della fame ci appariscono in questo risveglio: ed alle arti della guerra è obbligata, per contraccolpo, la scienza. - Possa anche alleviare dolori, collaborare negli aiuti civili, essere semente di amicizie, fruttuose tra i popoli alleati, e toglierci il dubbio, che potrebbe ora assalirci, che sia utopistica la teoria del progresso indefinito. GLI STUDIOSI, GLI STUDI E LA PATRIA. È una forza, più tenace di ogni volontà, più possente di ogni predisposizione, quella che determinò nel campo degli studiosi la viva partecipazione agli avvenimenti della patria. La gioventù degli studi, di quelle Università che pel passato sembrarono dedicate al silenzio, arse tosto al pen-

10 siero della guerra e vi prodigò il suo sangue migliore; insieme si fusero le voci dei maestri e dei discepoli nella esaltazione dell' ideale per cui la patria combatte : si vuol lavorare senza servire. Nulla servitus turpior quam voluntaria. E dalla cattedra, contro i sofismi dei nostri nemici, indipendentemente dalla affermazione che la guerra è fuori dell'ordine giuridico costituito, nel senso che il diritto non può nè vuole valutarne le cause e le finalità, non può tiè vuole stabilire quando ad uno Stato è giuridicamente lecito ricorrere alla guerra e quali fini può con essa proporsi e conseguire, - venne la giustificazione dal punto di vista dell' etica, sotto cui si pone il vero problema della legittimazione delle guerre: temiamo i popoli, sempre fu detto, dalle armate formidabili, ma mancanti di principii. Amo rivendicare a tutte queste opere di pensiero, di coltura, di studi, la determinante della necessità e della giustizia di una guerra. La reintegrazione di una verità etica, che la prepotenza offenda, i danni alla giustizia, il diritto di difesa e di integrazione dell' unità nazionale, trovano tra di noi gli intelletti più preparati e sensibili. Allora che un paese ha acquistato - come diceva Romagnosi - la naturale corporatura, per forza lenta, imperiosa e progressiva, la sensibilità di un punto dovunque si trasfonde, ed è sensibilità che si allarga alle cose vicine. Questa sensibilità dice che un popolo non può vivere se non nella fede che dichiara il diritto di tutti alla libertà: giustamente l'abate Gregoire presentava alla Convenzione la dichiarazione del diritto delle genti, col caposaldo che le imprese contro la libertà di un popolo rappresentano un attentato contro tutti, pei diritti, che appartengono al genere umano, della inviolabilità di tutte le patrie. E la sensibilità si fa protesta ed impeto di reazione quando si calpestano le leggi umane, si offuscano le divine

11 della bellezza immortale. Glorie d'arte, patrimonio ed orgoglio dell' umanità, fate consumar di rimorso chi vi distrugge: il cuore si stringe quando vediamo la maschera di guerra coprire le luci ed i disegni meravigliosi del nostro tempio dei " Miracoli,, : non lamentiamo che sia stato tardo il progresso in tre secoli per passare dall' archibugio di Raiardo alla rivoltella, se in così breve tempo poi le invenzioni degli uomini riuscirono a far causa comune con la fame, la sete, le malattie, la siccità, il gelo, l'inondazione, il fulmine, la valanga, il terremoto, con tutti insomma i flagelli del mondo. A ritornarci la fiducia nell'umanità è tutta però fiorita d' intorno tra noi una copia senza fine di benefiche virtù: una vita più pura alita nel paese: i particolari appetiti, gli odi, l' egoismo non trovano facile mercato, v' è una attitudine a superarci, a ridestare virtù sopite, ad unificare, nella disciplina, gli sforzi: non v'è posto pei bancarottieri che negano il debito sacro verso il presente e verso l'avvenire. E come una primavera nuova di romanticismo eroico, con fede, con coraggio, le donne sanno dare balsamo divino, tenace alimento alla forza delle anime, formando un esercito di soccorritrici, intente al lavoro, all'assistenza, alla pietà; esse sanno ed insegnano che la patria è tutto, vita e potenza, religione e fede, canto e pianto: è la forza più grande, il più vasto sogno, il più santo ideale. È vero che gli studi ci traggono ad ammirare come un bene universale ed eterno la cultura, le ricerche, il progresso scientifico dei popoli tutti. Ma gli istinti nazionali hanno le ragionevoli attrazioni e le invincibili riluttanze. Parmi che l'animo nostro sappia mantenere un giusto equilibrio tra realtà ed idealità: il

12 positivismo non degenera in materialismo grossolano, nè 1' idealismo evapora in fantastiche ombre. Così è fede nostra che la estimazione dell' umanità sia insieme una gioia ed una forza: non è quella fede che la forza, invece, vuol trarre solo dalla guerra ed adora la dottrina dell'armonia prestabilita, per la quale nell'universo il visibile è simbolo fedele dell'invisibile, e la violenza è il sostituto pratico del diritto. Apprezziamo, al giusto valore, intelligenza e volontà ; ma rigettiamo la svalutazione del sentimento : preferiamo la scienza che procede beneficando. Se ammiriamo Schiller, allora che appare innamorato dell'umanità, se con Kant e con Fichte propugniamo l' inviolabile autonomia dell'essere umano, ci allontaniamo da Hegel quando diffonde quel senso di orgoglio che non ha limiti, ed ancor più dai filosofi dell'homo sibi Deus, creatori del codice dell'egoismo e dell' inesorabile tornaconto. Detestiamo, quanto la brutalità, i difensori della durezza, della violenza, della perfidia, che si fa immoralità sul materialismo sensuale di Nietzsche : non si calpestino i valori morali dello spirito... Vi è un limite nella teoria della missione speciale delle razze privilegiate: non è ammissibile la condizione potestativa della prepotenza, se pur si celi in un misticismo, che sia una intuizione intellettuale dell' assoluto o una presa di possesso della potenza generatrice delle cose. Che vi sia una sola scuola di " istitutori al mondo intero in ciò che concerne le cose serie,, è negato dalle istorie e dalle glorie delle varie stirpi, a nessuna delle quali è lecito di dire : Io voglio, dunque Dio e l' umanità vogliono come me. L' idealismo trascendentale, subiettivo, obiettivo, assoluto, si muta in logica da barbari quando il mantenimento della superiorità morale si impone con la guerra. Ed allora che nelle Università si proclama che il diritto delle genti non ha valore alcuno senza la forza che lo faccia

13 rispettare, e per nulla si valutano i castighi della storia e le reazioni morali, quando si vuol dirigere nella pace il mondo costringendolo altrimenti con la forza, senza alcun rispetto delle libertà altrui, vengono all' animo le parole dello stesso Goethe: " Se ognuno la pensasse come me, la forza si ergerebbe contro la forza e tutti godremmo la pace,,. Noi continuiamo intanto a leggere il poema italico di Virgilio, non per la geografia e l'etnologia, ma per le generose aspirazioni della fantasia inventrice e del sentimento, pel fascino della bellezza che non muore. E ricordiamo che un nostro socio, il Mommsen, tutto imbevuto nelle sue tendenze tradizionali - del quale non sarebbe fuor di luogo ricordare oggi la difesa del Senato romano per la battaglia delle Forche Caudine, dove dice che ogni nazione ascrive ad onore di rompere con la spada i trattati che la umiliano - dopo aver cercato di sminuire la fama di Cicerone e di Tito Livio, quando poi vanta il sacrificio di sè per 1' utilità comune e la rinunzia al bene attuale per quello avvenire, ripete di Cicerone e di Tito Livio le massime immortali. Sì, è immortale la voce del vero e del bene; noi lo protestiamo di fronte agli scrittori, che sentirono il bisogno di esprimere la loro opinione rivolgendosi, quali rappresentanti della scienza e dell' arte della loro patria, alle nazioni civili; tali beni non si velano coi sofismi, coi preconcetti, con le unilateralità: essi sono sempre destinati a rinascere ; quando sembrano spenti, una forza incoercibile li suscita a nuova vita: l' opinione e la giustizia sono obbligati a mettersi al passo della propria sorella, la verità. PEI VALORI MORALI. Questo fascino spirituale pei valori morali raccoglie spesso il nostro pensiero sulle impronte che lascierà nelle

14 anime questo periodo di guerra. Pur nell'esaltazione dell' ideale, vi sono sacrifici che protendono un' ombra su tutti: essa durerà nelle manifestazioni degli studi e dell'arte, nelle quali non potrà più trionfare la fatuità. Nel crogiuolo dei dolori si temprerà il genio natio, ed i migliori propositi verranno da coloro che sepper dare sè stessi degnamente, in un momento così solenne. Essi faranno ritrovare la via smarrita: il terrore si deve ritorcere contro chi lo semina, ed il bene morale classico, i diritti degli uomini, delle genti, ii rispetto dei fanciulli, dei vecchi, delle donne, ritroveranno il loro impero. Momenti memorabili questi, nei quali vi è una ragione di vivere ed un perchè di morire. I nostri sforzi aspirarono sempre a conciliare libertà e solidarietà, organizzazione ed iniziativa, sentimento e ragione, arte e scienza, sulla base dell' ideale della umanità: i fati travolgono per ora le aspirazioni nostre, ma nel conosczre le nostre forze fisiche, il grado di resistenza, le deficienze, le predisposizioni, le debolezze, veniamo traendo molti ed utili ammaestramenti per l' avvenire. Facile est impevimn in bonis: eppure si superarono sino ad ora tante procelle e la nazione dimostrò di essere capace allo sforzo consapevole, ed il mondo economico di avere la calma e la resistenza per vincere la crisi. Questo progresso del paese conforta: già constatavamo, lieti, i trentasei milioni di abitanti superati, ad onta della emigrazione, I' ingente aumento delle esportazioni dei prodotti, la ricchezza delle sue acque, i diciottomila chilometri di strade ferrate, i duecento milioni di risparmi de11' 82 diventati sette miliardi e mezzo, le riserve metalliche quadruplicate, il fiorire degli istituti di emissione, gli avanzi dei bilanci, la forza contributiva triplicata, ma si poteva dubitare che non avesse l'animo così forte da affrontare la terribile crisi internazionale. Prese invece risolutamente

15 il proprio posto d'onore e di dovere, fedele al suo rispetto al diritto, che gli diede sempre una grande autorità morale. Questa guerra deve renderci migliori : nell' opera di ricostruzione dell' ordine nuovo dovremo lavorare infaticabilmente tra la gara delle nazioni crescenti di vitalità: - abbiamo con noi la voce del passato e quella dell' avvenire. - Coloro che si dedicano agli studi educativi dovranno far corrispondere ad un'ltalia più grande e compiuta una coscienza più grande, ed alla coscienza nuova dimostrare altresì che, alle ragioni morali e giuridiche, si aggiungono le ragioni economiche che si collegano alla guerra, sì che quando potrà dirsi aequavif nigras candida sola dies, incominci già il rialzo dei valori civili a migliorare i congegni del meccanismo dell' economia italiana, nello sviluppo dell' agricoltura, del commercio, delle esportazioni, del lavoro. Lo invochiamo per la grandezza degli umani destini, per l' umanità che ci è cara, per gli istinti della nostra giovinezza, per quei principii di onore e di dignità che sono la vera forza di una nazione, per la causa impreteribile del progresso, pel patrimonio di virtù e di attitudini morali che i secoli ci tramandarono. AI COMBATTENTI ED AI CADUTI. Nella esaltazione dei valori morali sale il più fervido pensiero ai combattenti. In questa nuova guerra nazionale pare che pel paese si diffonda l'eco dei cori delle antiche feste solenni, ricordati da Plutarco, quando i vecchi cantavano per rievocare l'ardire e la forza giovanile, ed i giovani rispondevano di metterli alla prova, perchè avrebbero dimostrato ugual valore, ed i fanciulli dicevano che tutti avrebbero superato: L'Italia s'6 desta, siam pronti alla morte, cantano i nostri bimbi.

16 Rei militaris virtus praestat caeteris omnibus: più che soldati possiamo chiamarli come Garibaldi militi, liberi cittadini di una grande nazione, figliuoli suoi prediletti, nei quali è infuso qualcosa di sublime e di mistico - sembrando la morte un religioso sacrifizio, sia tra i divini silenzi dell' Alpi o nel fragore di terribili lotte - e che portano con sè le sorti della patria, augurio al mondo di nazionali giustizie. L'augurio che, nell'arte della guerra, Nicolò Macchiavelli formava, si è avverato. Alla vampata di giusto orgoglio, alla gratitudine più devota, si aggiunge la cooperazione nazionale: la nostra Accademia, per opera dei suoi soci, non mancherà al dover suo anche per l'avvenire, quando maturerà l'ora di un'opera di amore pei mutilati, i ciechi, gli orfani, che dovremo considerare i prediletti della nostra famiglia umana. E pei caduti combattendo, sepolti dove morirono, come lo furono, per premio al valore, gli eroi di Maratona e che la pia leggenda latina pone nel bene infinito ed eterno, ripetiamo ciò che essi ci direbbero: Morire pel paese non è una triste sorte, è immortalarsi con una bella morte. Grandezza e gloria non si acquistano senza sacrifici, vicino all'opera ideale di una grande anima è anche un Golgota: vincere senza pericoli è un trionfo senza gloria, a buon mercato non si vendono ai popoli i successi ed i progressi. Vorrei che si diffondessero le orazioni di Licurgo e di Pericle di Santippo ad esaltare le anime che i secoli non mutarono nella immortale e perenne poesia della patria, vorrei che giungessero le alte parole, ai padri, alle donne, che non sanno gittar solo fiori, ma hanno lacrime amare: saranno le perle del domani. Morte che ponesti in luce ed hai nobilitato la virtù, che onori senza fine i magnanimi, riapparirai santificata

17 nelle raccolte memorie. Alle nobili iniziative che furono prese, e serviranno alla gloria ed alla storia, l'atene0 darà volonteroso concorso. E la tradizione tramanderà, da padre in figlio, e nella pubblica devozione, le virtù di nostra gente, che del suo sangue migliore imporporò le bianche nevi sulle cime delle nostre verdi montagne, dove parve così stendersi, auspicio ai fati, il tricolore. A coloro, che attribuiscono valore soltanto alla vita d' azione, e non danno merito alla nostra preparazione, con gli studi, delle coscienze, rispondiamo - coi nostri ricordi dei tempi fortunati nei quali ci era consentito di dedicarci ad opere di cultura - che il movimento del paese trae le sue forze iniziali da una nobile dottrina tradizionale italica, il principio di nazionalità. Tra le nebbie del medio evo, traspare in Cola di Rienzo, quasi per dirci che i migliori intuiti vengono dal popolo. si spezza nei municipi - clie però con le mercature, con le industrie, con le spedizioni marittime preparano una legislazione civile, l' arte, la primavera della lingua - si intuisce in Vico, in Gravina, nel Giannone, nel Muratori, risplende nei presagi di Vittorio Alfieri, riappare nella costituzione chiesta da Pietro Verri, per divenire, per opera dei pensatori, una corrente perenne della nostra storia, un plebiscito di tutti i giorni. La scienza italiana ha la gloria del principio delle autonomie nazionali, e la politica nostra di averlo professato con elevati intenti: spesso furono solo frasi " la ricostru- " zione dell'ordine morale, o la rigenerazione del sistema " politico d' Europa, o la giusta ripartizione delle forze,, ; dall' epopea del nostro risorgimento l' Italia, con Gioberti, Mazzini, Mancini, Re Vittorio Emanuele e Cavour, vide

18 fusi filosofi e statisti, monarchi e cospiratori nella forza e nella fede perenne della coscienza nazionale. AI principio scientifico diede singolare alimento la visibile realtà: le catene di monti sono la naturale difesa, sono le porte: e, per aprirle, occorre lo sforzo : Roma madre aveva voluto portare l' Italia al grande varco alpino che la munisce, non sine aliquo divino numine, come ben disse Cicerone. Della costituzione della unità nazionale Roma è la fonte e la foce: i popoli che disparvero nelle tempeste della storia rinacquero sempre per la forza della nazionalità che non muore : è questione di tempo, ma esso matura sempre la formazione dei nuclei iiazionali. La patria nostra si levò perchè arse nei cuori il sentimento nazionale: la bufera che si abbattè sull' Europa travolse teorie economiche e filosofiche, ma fece rifulgere quella che a molti sembrava una poesia oltrepassata : la idealità nazionale. Se si sostenesse che la potenza delle esigenze economiche distrugge la nazionalità, si rovescierebbe la storia: le tendenze cosmopolitiche sono soffocate dalla realtà delle attività morali proprie, che ogni popolo custodisce con gelosia. Quanto l' Italia forse nessun altro paese serbò il filo delle tradizioni nazionali tra le oligarchie, i domini, le violenze, le lotte, le sventure, le convulsioni delle plebi: sì che quando parve mortificato il sentimento della nazione, si sollevò come improvviso un nuovo germoglio di idealità nel pensiero e nella vita, e le classi popolari parvero avere un intuito profondo, una coscienza energica della necessaria unità morale. In quei momenti solenni ci sembrò ancor piu acuta la spina che si approfondiva sino sul nostro Garda, e le terre che sempre ebbimo in potere con la religione degli ideali ci apparvero ancora più care, e quei fratelli a noi legati d'una fraternità ancor più forte,

19 più suggestiva di ogni altra. E il principio di nazionalità, elemento essenziale della nostra vita interiore, della coscienza nostra, appari come un maggior dovere di intervenire per la giustizia internazionale: noi che sempre, nelle leggi nostre, abbiamo professato l' intendimento con la formula " per gli italiani nori regnicoli,, della integrazione nazionale, ci saremmo annientati, tradendo una missione storica, restando assenti : il tricolore non sarebbe più stato, per gli oppressi, simbolo di libertà. Così, dopo tanti secoli, con la patria unita in Roma, combattiamo per le vittorie nazionali, pei nostri fini e confini, per l'amore della nostra terra, per la prosecuzioiie della nostra storia. La scriveranno degnarnerite i venturi, la scriveranno italianamerite, ispirati a Roma madre, che nella universaliti sua è un mondo. Per noi, per la fede che ci avviva, possiamo qui far nostro i1 ~Iassico verso Italiam laeto socii clamore salutant. L' ECONOMIA PUBBLICA - IL P-ESTITO. Lieto io su tutti, saluto 1' Italia per la mirabile prova di resistenza, di energia economica, che ha rivelato. Le entrate dello Stato, pur essendo sospeso il dazio doganale sul grano, seguono un notevole incremento nei primi sette mesi di esercizio, superando di 247 milioni quelle del corrispondente periodo. I1 movimento ferroviario si mantiene in costante aumento, segnatamente per le merci. Le industrie siderurgiche, le tessili, quelle dei trasporti, migliorarono e prosperarono rapidamente con la tendenza ad affrancarsi dai mercati esteri, beneficio che sopravviverà alla guerra. Nella circolazione degli Istituti è diminuita la circolazione per conto del commercio di quasi trecento milioni

20 crebbe in cifra assoluta la riserva aurea od equiparata a 1700 milioni, aumentarono le disponibilità - debiti a vista e depositi in conto fruttifero - e, tra le operazioni attive, sono in notevole aumento quelle di anticipazione. Così, malgrado le necessità di ingenti provviste all'estero di materiali bellici e di cereali, non si ebbero le scosse e le crisi verificatesi in altri paesi. I1 nostro consolidato mantenne corsi di relativa fermezza e consistenza, superiori, comparativamente, a quelli di altri Stati con struttura economica più robusta. 11 popolo di Brescia ad Hajrnau che chiedeva centotrentamila lire rispondeva: Diamo piombo, non oro. La risposta del popolo italiano, e della nostra città, pel prestito di guerra voi la sapete: sarebbe stato doloroso, in un momento come questo, vedere dei disertori ai pubblici doveri, come li chiamò Marco Aurelio, che seppe, per necessità di guerra, vendere le ornamenta imperiali~. Pensate che, un giorno, parve uno sforzo gigantesco all' Europa mettere in armi cinquecentoventimila uomini contro Napoleone, con un tesoro di quattro milioni di sterline, e con l'emissione di cinque milioni di carta federativa, sotto la garanzia dell' Inghilterra, della Prussia e della Russia. Nel 1851 il Conte di Cavour, mentre emetteva un prestito interno di diciotto milioni, due volte coperto, negoziava, per dare assetto al bilancio e pei bisogni delle ferrovie, un altro prestito in Inghilterra di settantacinque milioni. Pel prestito di guerra di 150 milioni, nel '59, emesso dopo quello di 40, Cavour invocava i mezzi materiali necessari ma anche tutti i mezzi morali: il popolo vi concorse largamente, con le sottoscrizioni di cinque, dieci, venticinque lire di rendita.

21 Nel 1866, con la Rendita a 45, fu necessario provvedere con mezzi insoliti, con 250 milioni di biglietti a corso forzoso, e con un prestito obbligatorio al cinque per cento, concorrente a premi. Ora invece, dallo scoppio della guerra europea, tenuto conto dei buoni del Tesoro, può dirsi che il paese ha dato allo Stato quasi cinque miliardi, senza sforzi, senza sottrarre forti cifre ai depositi a risparmio rimasti sempre al disopra dei sette miliardi: - ammirabile la pariecipazione delle masse ai prestiti nostri, ed il versamento irnmediato delle somme sottoscritte, in misura di circa 1'80 per cento, senza usufruire delle dilazioni consentite dal programma risultato ottenuto dai prestiti è di grande conforto, e torna di singolare onore all' uomo che ne meditò i congegni, che ben merita la gratitudine del paese: a Paolo Carcano, esempio non superabile di devozione alla patria. I1 paese sa che lo Stato nulla vuol far mancare ai valorosi combattenti, per la vittoria; che esso dà circa un milione e mezzo al giorno alle loro famiglie, e lo approva perchè - non avendo l'aurum vicesimarium, nè il tesoro di Federico II - non vuol ricorrere - per proporzionare i biglietti al credito ed ai tribriti - ai così detti " redditi di moneta,, come chiamava la Repubblica Veneta gli utili ricercati in zecca, nè alle " compere,, con le " code di redenzione,,, nè alla " angaria,, pro salvatione patriae. È mia impressione e convinzione che se meglio si restringessero i consumi superflui, se si moderassero le spese inutili ed il lusso, il nostro paese darebbe una prova tale di virtù, da essere additato ad esempio : queste virtù non sarebbero quelle dell' albero secolare che un sol giorno fiorisce, ma rimarrebbero a guida e conforto della vita. La storia di Venezia, nelle sue pagine più fulgide, è tutta tessuta di una serie di offerte, d'oro, d'argento, di

22 monili, di '' volontarie prestanze,,. I cittadini nel formare un corpo, il più denso e stretto che sia possibile, devono lasciare il maggiore elemento di disparità sociale, il superfluo. Ritornerà poi il ritmo normale della vita e l'ascensione del paese, robusto nella sua struttura economica. La resistenza, la fiducia nella patria che non può perire, il plebiscito pel prestito equivalgono a vittorie : si eleva la nostra forza e la nostra dignità in faccia al mondo, perchè superammo le aspettative per l'energia delle armi, come per la robustezza economica. A tutti i sottoscrittori, noti ed ignoti, in patria o lontani, ma pur legati alle sue sorti, animati dalle stesse speranze, che sono fede, a tutti i volonterosi che, pellegrini di una idea, con la nobile propaganda, illuminarono le menti ed accesero i cuori, vada la riconoscenza d' Italia. BRESCIA EROICA. E onore a te, tra le prime sempre, mia città eroica! Tu fosti, quasi parva effigies popdi romani, presa e perduta dai Visigoti, preda di Attila, e ti sei fatta munitissima ed armigera, con la tua bella provincia, steridentesi a Riva pel Garda, soggiorno dei ricchi Quiriti ; cercasti in te le fonti della autorità col Comune, firmasti la " Concordia,, e partecipasti alle squadre del " Carroccio e della Morte,,; Arrigo V1 ti disse gloriosa sfrenuifate nilitiae e vedesti Federico I1 levare le tende, il tuo Brusato, principe e dittatore, dilaniato dal supplizio, appeso agli spaldi, incitarti a non temere la maledizione e la spada dell' imperatore, i tuoi trecento salvaguardarti contro gli Scaligeri ; e, fino alla morte, con le tue donne, coi tuoi giovanetti, santificasti la giornata di S. Andrea contro Nicolò Piccinino : ultima a difendere il profugo vessillo Guelfo contro la prevalente fortuna dei Visconti,

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI

II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI II. I DOVERI NELLE COSTITUZIONI FRANCESI 1. PROGETTO DI COSTITUZIONE DI SIEYES (12 agosto 1789) 2. DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO (26 agosto 1789) 3. COSTITUZIONE DELLA MONARCHIA (3

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

Sfida e attualità dell educare in stile salesiano

Sfida e attualità dell educare in stile salesiano Sfida e attualità dell educare in stile salesiano La persona è un essere relazionale La persona è un essere sociale La centralità della relazione interpersonale nell educazione La persona è un sistema

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Ufficio comunicazione istituzionale. Italiani. chehannofattol Italia: GaetanoDeSanctis

Ufficio comunicazione istituzionale. Italiani. chehannofattol Italia: GaetanoDeSanctis Ufficio comunicazione istituzionale incontriinlibreria,n.4-ottobre2010 Italiani chehannofattol Italia: GaetanoDeSanctis A cura dell Ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica. 2010

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro I giovani non sono otri da riempire ma lampade da accendere Igino Petrone Federazione Maestri del lavoro d Italia Consolato Regionale del Molise Il Progetto Pianeta Giovani in tutto il suo percorso, è

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

GIUSEPPE CAPPI DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE CAPPI FATTE AI GIORNALISTI IN OCCASIONE DEGLI AUGURI DI FINE D'ANNO

GIUSEPPE CAPPI DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE CAPPI FATTE AI GIORNALISTI IN OCCASIONE DEGLI AUGURI DI FINE D'ANNO GIUSEPPE CAPPI DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE CAPPI FATTE AI GIORNALISTI IN OCCASIONE DEGLI AUGURI DI FINE D'ANNO Palazzo della Consulta, 28 dicembre 1961 Fonte: www.cortecostituzionale.it 1 Ringrazio vivamente

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870)

L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) L immagine di Roma capitale tra giornalismo e letteratura (1870) Maria Grazia Bianchi Eger, 13 febbraio 2012 1 L immagine di Roma classica «Roma, 1 novembre 1786 [ ] non osavo quasi confessare a me stesso

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi Cammino di perfezione/20 Vinci le antipatie con l amore sii amico di tutti Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi sull amore come anima di ogni comunità familiare, ecclesiale, sociale. Una comunità

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1151

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1151 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1151 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore IZZO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2008 Istituzione del Giorno delle radici in ricordo della storia,

Dettagli

CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO

CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO Dio è alla ricerca di credenti che fanno sul serio, credenti responsabili che prendano a cuore l opera di Dio, disposte a rinunciare, a dare il meglio di loro, persone disposte

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Il Rosario del Preziosissimo Sangue

Il Rosario del Preziosissimo Sangue Il Rosario del Preziosissimo Sangue Il Rosario del Preziosissimo Sangue è una delle tante forme di meditazione su quei momenti della vita del Redentore nei quali Egli manifestò concretamente il suo amore

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù

Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù Accademia Cristiana Jeshua Capaci Via Vittorio Emanuele 117-90040 Capaci Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù Responsabile Dott. Gabriele Materiale coperto da copyright personale della

Dettagli

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio

VIA CRUCIS. Gesù, Gesù mio Bene Stampatemi nel cor le vostre pene. Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio VIA CRUCIS Composta dal Sig. Abate Pietro Metastasio (1698-1782) T eco vorrei, Signore, Oggi portar la Croce, Nella tua doglia atroce Io ti vorrei seguir. Ma troppo infermo, e lasso Donami Tu coraggio,

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 115 del 11 gennaio 1878

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 115 del 11 gennaio 1878 Deliberazione del Consiglio Comunale n. 115 del 11 gennaio 1878 OGGETTO: Morte di S.M. Vittorio Emanuele Comunicazioni della Giunta Decretazione di funerali e lutto per 3 mesi Signori! Il rivedermi qui

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli