PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE)"

Transcript

1 PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE) SIC Montagnola senese (IT ) SIC/ZPS Crete di Camposodo e Crete di Leonina (IT ) SIC/ZPS Monte Oliveto Maggiore e Crete di Asciano (IT ) SIC Alta Val di Merse (IT ) SIC Basso Merse (IT ) SIC/ZPS Lago di Montepulciano(IT ) SIC/ZPS Lucciolabella(IT ) SIC/ZPS Crete dell Orcia e del Formone(IT ) SIC Monte Cetona (IT ) SIC Ripa d Orcia (IT ) SIC Val di Farma (IT51A0003) SIC Cono Vulcanico del Monte Amiata (IT51A0017) Rapporto del Garante dell Informazione e della Partecipazione (ai sensi dell art. 38 dellal.r. n. 65/2014) Dott.ssa Elisa Minetti Provincia di Siena - Settore Servizi Amministrativi Tel Fax

2 RAPPORTO DEL GARANTE DELL INFORMAZIONE E DELLA PARTECIPAZIONE NELLA FASE DI ADOZIONE DEI PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC e N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA AI SENSI DELL ART. 38 DELLA L.R. 65/2014 Premesso che: - ai sensi dell art.3, comma 3, dell allora vigente L.R. n. 56/2000, i Piani di Gestione dei SIR (Siti di Importanza Regionale), qualora non integrati con altri strumenti di pianificazione, venivano approvati con le forme, le procedure e gli effetti previsti per i regolamenti di cui all art. 16 dell allora vigente L.R. n. 49/1995 Norme sui parchi, e riserve naturali e le aree naturali protette di interesse locale, al cui procedimento di approvazione si applicavano le disposizioni del Titolo II dell allora vigente L.R. n. 1/2005; - la DGR n. 1014/2009 che approvava le Linee Guida per la redazione dei Piani di Gestione dei SIR stabilisce che tali Piani siano esclusi dalla procedura della Valutazione di Incidenza, ma debbano essere sottoposti alla procedura di verifica di assoggettabilità a VAS (Valutazione Ambientale Strategica) di cui all art. 22 della L.R. n. 10/2010; - in data 27/11/2014 è entrata in vigore la L.R. 65/2014 Norme per il governo del territorio che ha sostituito, di fatto, la L.R. 1/2005 abrogandola, fermo restando quanto previsto nelle disposizioni transitorie e finali di cui al capo I della stessa L.R. 65/2014; - in base all art. 11, comma 2, della L.R. 65/2014 i piani e i programmi di settore di cui al comma 1, sono approvati secondo le disposizioni di cui al Titolo II, capo I della medesima legge; - l art. 223 della nuova L.R. n. 65/2014 rubricato Disposizioni transitorie relative agli atti di avvio del procedimento già effettuati a sensi della L.R. n. 1/2005 fa salvi gli atti di avvio del procedimento già effettuati a sensi dell art. 15 della previgente L.R. n. 1/2005; Considerato inoltre che: in data 19/03/2015 è entrata in vigore la L.R. n. 30/2015 Norme per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturalistico-ambientale regionale che abroga la L.R. n. 56/2000 e trasforma la rete ecologica regionale costituita da SIR (SIC, ZPS, Sin e Sir) in Sistema regionale della biodiversità costituito da SIC, ZPS, aree di collegamento ecologico funzionale di cui al D.P.R. 357/97, elementi strutturali e funzionali della Rete ecologica toscana individuata dal Piano di Indirizzo Territoriale (PIT) con valenza di Piano paesaggistico e zone umide internazionali di cui alla Convenzione Ramsar; Specificato che: i Piani di Gestione di n. 12 siti sono stati realizzati grazie ad uno specifico finanziamento nell ambito del Piano di Sviluppo Rurale (Misura 323a), mentre il Piano di Gestione del SIC/ZPS Lago di Chiusi è stato realizzato con fondi propri e con il contributo della Fondazione del Monte dei Paschi di Siena, in quanto tale sito non risultava territorialmente compreso nell ambito di applicazione di tale Misura; la DGR n. 1223/2014 prevede che i Piani di Gestione finanziati dal PSR debbano essere adottati entro i termini previsti dalla programmazione del PSR , previa acquisizione dei pareri formali della Consulta Regionale per le Aree Protette e la Biodiversità e del competente Ufficio Regionale; Tutto quanto sopra premesso:

3 con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 79 del 18 Ottobre 2013 si dava avvio al procedimento per l approvazione dei Piani di Gestione di n. 13 SIR (Siti di Interesse Regionale) della Provincia di Siena, di seguito elencati: SIR 89 Montagnola senese SIR 90 Crete di Camposodo e Crete di Leonina SIR 91 Monte Oliveto Maggiore e Crete di Asciano SIR 92 Alta Val di Merse SIR 93 Basso Merse SIR 94 Lago di Montepulciano SIR 95 Lago di Chiusi SIR 96 Lucciolabella SIR 97 Crete dell Orcia e del Formone SIR 98 Monte Cetona SIR 100 Ripa d Orcia SIR 103 Val di Farma SIR 117 Cono Vulcanico del Monte Amiata individuando quale Responsabile del Procedimento la Dott.ssa Domitilla Nonis, P.O. Aree Protette e Riserve Naturali della Provincia di Siena; - ai sensi dell art. 15 della L.R. 1/2005 Norme per il governo del territorio, con la menzionata Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 79 del 18 Ottobre 2013, veniva approvato, quale parte integrante e sostanziale della stessa, il documento denominato Realizzazione dei Piani di Gestione di 13 SIR della Provincia di Siena Documento di Avvio del Procedimento, trasmesso poi a tutti i soggetti interessati ai sensi dell art. 15, comma 2, dell allora vigente L.R. 1/2005; - il Documento di Avvio del Procedimento sopra richiamato, come previsto dall art. 15, comma 4, della L.R. n.1/2005 conteneva: la definizione degli obiettivi dei Piani di Gestione dei 13 SIR, delle azioni conseguenti e degli effetti ambientali e territoriali attesi; il quadro conoscitivo di riferimento, comprensivo dell accertamento dello stato delle risorse interessate e delle ulteriori ricerche da svolgere; l indicazione degli enti e organismi pubblici eventualmente tenuti a fornire gli apporti tecnici e conoscitivi idonei a incrementare il quadro conoscitivo di cui sopra; l indicazione degli enti ed organismi pubblici eventualmente competenti all emanazione di pareri, nulla osta o assensi comunque denominati, richiesti ai fini dell approvazione dei Piani; l indicazione dei termini entro i quali, secondo le leggi vigenti, gli apporti tecnici e conoscitivi dovevano pervenire alla Provincia di Siena, ossia trenta giorni naturali e consecutivi dalla data dell invio del Documento di Avvio del Procedimento; Dato atto che nei termini sopra indicati sono pervenuti i seguenti contributi: - contributo della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana, Ns. prot. n del 18/11/2013; - contributo del Comune di Sovicille Ns. prot. n del 02/12/2013; - contributo dell ARPAT Ns. prot. n del 11/12/2013; Premesso, altresì, che: - con la medesima deliberazione del Consiglio Provinciale n. 79 del 18 Ottobre 2013 si dava, contestualmente avvio alla procedura di verifica di assoggettabilità a VAS dei Piani, ai sensi dell art. 15, comma 3, dell allora vigente L.R. 1/2005, con la conseguente trasmissione del Documento Preliminare di cui all art. 22, comma 1, della L.R. 10/2010, approvato con

4 Deliberazione della Giunta Provinciale n. 197 del 1 Ottobre 2013, all Autorità Competente, individuata, con Deliberazione della Giunta Provinciale n. 101 del 2 Maggio 2012, nella Conferenza interna della Provincia di Siena in materia di VIA e VAS; - il Documento Preliminare come previsto dall art. 22, comma 1, della L.R. 10/2010, elaborato secondo i criteri individuati nell allegato 1 della medesima legge, illustrava i Piani di Gestione e conteneva le informazioni e i dati necessari all accertamento degli impatti significativi sull ambiente; - l Autorità Competente provvedeva quindi con nota prot. n del 11/11/2013 alla richiesta di parere ai soggetti competenti dal punto di vista ambientale indicando in trenta giorni naturali e consecutivi il termine per l espressione di tali pareri; - a fronte di tale invio pervenivano i seguenti pareri: - parere della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana Ns. prot. n del 18/11/2013; - parere dell Ufficio Tecnico del Genio Civile di Area Vasta Grosseto-Siena e Opere Marittime Ns. prot. n del 10/12/2013; - parere dell ARPAT Ns. prot. n del 11/12/2013; - parere dell ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) Ns. prot. n del 21/01/2014; Dato atto che: - la Conferenza interna in materia di VIA e VAS della Provincia di Siena, in qualità di Autorità Competente ai sensi dell art. 12 della L.R. n. 10/2010, con nota Prot. n del 26/02/2014 in atti, decideva di sottoporre i Piani di Gestione di n. 13 SIR della Provincia di Siena a Valutazione Ambientale Strategica (VAS); - conseguentemente, con Deliberazione della Giunta Provinciale n. 106 del 3 Giugno 2014, si dava avvio al procedimento di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) relativa ai Piani di Gestione di n. 13 SIR della Provincia di Siena, con l approvazione del Documento Preliminare di VAS, allegato parte integrante e sostanziale della menzionata deliberazione, contenente tutti gli elementi di cui all art. 23, comma 1, della L.R. n. 10/2010, ovvero: le indicazioni necessarie inerenti gli specifici piani, relativamente ai possibili effetti ambientali significativi della loro attuazione; criteri per l impostazione del rapporto ambientale; nonché: proposta di riduzione a 60 giorni del termine ordinario di 90 giorni per le consultazioni nella fase preliminare, come consentito dall art. 23, comma 2, della L.R. n. 10/2010, termine decorrente dall invio del Documento Preliminare di VAS, con modalità telematiche, all autorità competente e agli altri soggetti competenti in materia ambientale; proposta di individuazione dei soggetti da consultare sia come enti territorialmente interessati art. 19 della L.R. n. 10/2010), sia come soggetti competenti in materia ambientale (art. 20 della L.R. n. 10/2010); - con nota Prot. n del 24/07/2014 il Documento Preliminare di VAS di cui all art. 2, comma 1 della L.R. 10/2010 veniva trasmesso all Autorità Competente e agli altri soggetti competenti in materia ambientale; - a fronte di tale invio pervenivano i seguenti contributi: - contributo dell Autorità di Bacino del Fiume Arno Prot. n del 05/08/2014;

5 - contributo della Regione Toscana, Settore Produzioni Agricole Vegetali, Prot. n del 18/09/2014; - contributo del Consorzio 6 Toscana Sud Prot. n del 23/10/2014; Dato atto che nell ambito del procedimento in oggetto: - con Decreto del Presidente della Provincia di Siena n. 25 del 15 Novembre 2013 il Dott. Luca Rossi, già Dirigente del Settore Affari Istituzionali della Provincia di Siena, veniva nominato Garante della Comunicazione nell ambito del procedimento di adozione e approvazione dei Piani di Gestione dei n. 13 SIR della Provincia di Siena, ai sensi degli artt. 19 e 20 dell allora vigente L.R. n.1/2005 e ai sensi dell art. 3 del vigente Regolamento per la disciplina dell esercizio delle funzioni del Garante della Comunicazione, approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 6 del 4 Febbraio 2008; - il Garante nell esercizio delle proprie funzioni provvedeva alla definizione del Piano della Comunicazione per assicurare, in ogni fase di formazione dei Piani di Gestione di n. 13 SIR della Provincia di Siena, l informazione e la partecipazione delle Istituzioni, delle Associazioni e dei Cittadini al procedimento; Dato atto che: - il Titolo II, Capo V della L.R. n. 65/2014 rivede anche gli istituti della partecipazione prevedendo all art. 36, comma 4, che la Regione specifichi, con apposito regolamento, le funzioni del Garante dell Informazione e della Partecipazione secondo i contenuti previsti dagli articoli 37, 38 e 39 della medesima legge; - l art. 37 della L.R. 65/2014 rubricato Il Garante dell Informazione e della Partecipazione stabilisce, in particolare al comma 1, che le Province istituiscano un proprio Garante dell Informazione e della Partecipazione disciplinandone le funzioni con riferimento al Regolamento regionale di cui all art. 36, comma 4; - allo stato attuale la Regione Toscana non si è ancora dotata del Regolamento in oggetto e che l art. 245 della L.R. 65/2014 rubricato Regolamenti emanati in attuazione della L.R. n. 1/2005 prevede che, fino all entrata in vigore dei regolamenti di attuazione della nuova L.R. n. 65/2014, restino in vigore i regolamenti emanati in attuazione della L.R. n. 1/2005 ivi compreso il Regolamento di attuazione degli articoli n.19 e n.20 della LR. n. 1/2005 Istituzione del garante della comunicazione e disciplina delle funzioni approvato con D.P.G.R. n. 39/R del 1 agosto 2006, al quale si conforma il vigente Regolamento Provinciale per la disciplina dell esercizio delle funzioni del Garante della Comunicazione, approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 6 del 4 Febbraio 2008; Dato atto che: - con Decreto Deliberativo del Presidente n. 45 del 17/03/2015, veniva nominata Garante dell Informazione e della Partecipazione, ai sensi dell art. 37 e segg. della L.R. n. 65/2014, nell ambito del procedimento di adozione e approvazione dei Piani di Gestione di n. 13 SIR della Provincia di Siena, la sottoscritta Dott.ssa Elisa Minetti, in sostituzione del Dott. Luca Rossi, cessato dal servizio presso questo Ente e già Garante della Comunicazione ai sensi degli artt. 19 e 20 dell allora vigente L.R. n.1/2005, giusto decreto presidenziale n. 25 del 15/11/2013; - che la sottoscritta riteneva il Piano di Comunicazione predisposto e già parzialmente attuato dal precedente Garante valido e utile ad assicurare la partecipazione procedimentale delle istituzioni, delle associazioni e dei cittadini attraverso una serie di azioni differenziate e modulate secondo le tre fasi fondamentali del procedimento: avvio, adozione e approvazione;

6 Tenuto conto che l Amministrazione Provinciale, al fine di garantire il rispetto dei termini previsti dalla DGR n. 1223/2014, citata in premessa, sta procedendo all adozione dei seguenti n. 12 piani di gestione realizzati a valere sulla Misura 323 a del PSR , rimandando a tempi successivi l adozione del piano di gestione del SIC/ZPS Lago di Chiusi (IT ): SIC Montagnola senese (IT ) SIC/ZPS Crete di Camposodo e Crete di Leonina (IT ) SIC/ZPS Monte Oliveto Maggiore e Crete di Asciano (IT ) SIC Alta Val di Merse (IT ) SIC Basso Merse (IT ) SIC/ZPS Lago di Montepulciano(IT ) SIC/ZPS Lucciolabella(IT ) SIC/ZPS Crete dell Orcia e del Formone(IT ) SIC Monte Cetona (IT ) SIC Ripa d Orcia (IT ) SIC Val di Farma (IT51A0003) SIC Cono Vulcanico del Monte Amiata(IT51A0017) Dato atto che è stata data integrale attuazione alle azioni previste dal Piano di Comunicazione del Garante dell Informazione e della Partecipazione nell arco temporale compreso tra l avvio del procedimento e l adozione dei Piani di Gestione SIR, per favorire l informazione e la partecipazione al procedimento, in particolare: - sulla home page del sito internet istituzionale è stato inserito un banner per il collegamento immediato alla pagina del sito istituzionale contenente tutta la documentazione riguardante i Piani di Gestione, costantemente aggiornata in relazioni agli stadi procedimentali, nonchè l indicazione del nominativo e dei recapiti del Responsabile del Procedimento e del Garante dell Informazione e della Comunicazione, per il quale è stata attivata una casella di posta elettronica dedicata - è stato elaborato un abstract dei Piani di Gestione per una agevole lettura riassuntiva, già pubblicato sul sito internet istituzionale alla pagina dedicata; - con nota mail del 15/05/2015 trasmessa dal Responsabile del Procedimento Domitilla Nonis ai Dirigenti e al Segretario Generale dell Ente le bozze dei n. 12 Piani di Gestione sono state rese disponibili ai Servizi interni all Ente per la consultazione e la formulazione da parte di questi ultimi di eventuali contributi tecnici; - è stato predisposto un link ad accesso privato per la consultazione da parte degli Enti Locali e delle istituzioni direttamente interessati dai Piano di Gestione delle bozze dei Piani portati in adozione e di tutta l ulteriore documentazione propedeutica all adozione dei Piani; Dato atto, altresì, che, in aggiunta a quanto previsto dal Piano di Comunicazione, e, al fine di favorire l informazione e la partecipazione al procedimento dei Comuni e delle Unioni dei Comuni sul cui territorio troveranno attuazione i Piani di Gestione dei n. 7 SIC e n. 5 SIC/ZPS della Provincia di Siena, il Responsabile del Procedimento, Dott.ssa Domitilla Nonis, ha effettuato, nel mese di Giugno 2015, incontri specifici per la presentazione dei Piani a cui stati invitati i Sindaci dei Comuni e i Presidenti delle Unioni di Comuni territorialmente interessati ; Rilevato, inoltre che l Amministrazione, a seguito della formale adozione dei Piani di Gestione dei n. 7 SIC e n. 5 SIC/ZPS, provvederà a dare corso alle ulteriori azioni previste dal Piano di Comunicazione per la fase compresa tra l adozione e l approvazione, in aggiunta alle forme di pubblicità e di partecipazione normativamente previste dall art. 19 e segg. della L.R. n. 65/2014;

7 Per tutto quanto detto e precisato, Il Garante dell Informazione e della Partecipazione Dà atto che, ai sensi e per gli effetti della L.R. 65/2014, è stata assicurata, nella fase di adozione, la conoscenza effettiva dei Piani di Gestione dei n. 7 SIC e n. 5 SIC/ZPS. della Provincia di Siena, come sopra elencati, in rapporto ai loro contenuti. Il presente rapporto viene inoltrato al Responsabile del procedimento perché provveda ad allegarlo ai Piani di Gestione in adozione e, a seguito dell adozione dei Piani di Gestione, al Garante regionale dell Informazione e della partecipazione secondo quanto previsto dall art. 38 comma 2 della L.R. n. 65/2014. Siena, 11/06/2015 Il Garante dell Informazione e della Partecipazione (Dott.ssa Elisa Minetti)

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE REALIZZAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE DI 13 SIR DELLA PROVINCIA DI SIENA. SIR 89 Montagnola senese SIR 90 Crete di Camposodo e Crete di Leonina SIR 91 Monte Oliveto Maggiore e Crete di Asciano SIR 92 Alta

Dettagli

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Premesso che il Comune di Radda in Chianti : è dotato di Piano Strutturale adottato con D.C.C. n. 2 del

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 Immediatamente Eseguibile COPIA SEGRETERIA GENERALE 56125 PISA Piazza V. Emanuele II, 14 T. 050/ 929 317 318 346 GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 OGGETTO : Integrazione

Dettagli

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO Relazione del Responsabile del Procedimento Ai sensi dell art. 16 della L.R.T. 1/2005 Introduzione e generalità Il procedimento di formazione

Dettagli

A cura di SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AMBIENTE U.O. RISERVE NATURALI E AREE PROTETTE

A cura di SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AMBIENTE U.O. RISERVE NATURALI E AREE PROTETTE PIANI DI GESTIONE DI 7 SIC E 6 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA A cura di SETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AMBIENTE U.O. RISERVE NATURALI E AREE PROTETTE PREMESSA La Regione Toscana, con la legge

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S.

NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S. NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S. COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA COMUNE DI GAIOLE IN CHIANTI COMUNE DI RADDA IN CHIANTI parere espresso ai sensi della L.R. 10/2010 in

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 29/08/2014 ore 09:00 delibera n. 102 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MANTOVA QUALE PIANO D'AREA DEL PTCP

Dettagli

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento Variazione del tracciato della strada di collegamento tra la via vecchia e la via nuova Val D Orme in variante al PS e RU adottata con Del. C.C. n.12 del 21.02.2011. APPROVAZIONE DEFINITIVA RELAZIONE FINALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

COPIA DETERMINAZIONE N. 9 DEL 21/05/2013

COPIA DETERMINAZIONE N. 9 DEL 21/05/2013 SETTORE UNITA 3 SERVIZI PROGRAMMAZIONE DEL TERRITORIO SETTORE 3 RESPONSABILE COPIA DETERMINAZIONE N. 9 DEL 21/05/2013 OGGETTO: VERIFICA ASSOGGETTABILITA' A VAS - ART. 22 L.R. 10/2010 - VARIANTE AL PDR

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena

Amministrazione Provinciale di Siena COPIA Amministrazione Provinciale di Siena VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE Adunanza del 22 giugno 2007. N. 50 Oggetto: Sistema delle Riserve Naturali della Provincia di Siena: proposta

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO

COMUNE DI MONTEPULCIANO ALLEGATI N. COPIA COMUNE DI MONTEPULCIANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE N. 232 Adunanza del giorno 30-09-2013 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P.)

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Piano Regionale dei Controlli integrati in materia di sicurezza alimentare 2007-2010. N. 547 IN 23/05/2008 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA Visto il Regolamento (CE) n. 178/2002

Dettagli

Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013

Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013 Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013 ADEMPIMENTO DI cui all art 39 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 OGGETTO: ESAME CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI

Dettagli

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005 SERVIZIO 4 - ASSETTO DEL TERRITORIO PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLA TERZA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46 DEL 25.10.2008 RELATIVA ALL ADEGUAMENTO AL P.R.A.E. DELLA

Dettagli

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO - Progetto Piano Urbanistico Comunale (P.U.C.) adozione ai sensi dell'art. 38, comma 2, della legge regionale n. 36 del 4/9/1997 come modificata dalla legge regionale n. 11 del 2 aprile 2015. A

Dettagli

ASSEMBLEA CONSORTILE

ASSEMBLEA CONSORTILE Codice Ente N 157006 DELIBERAZIONE N.12 IN DATA 16 MARZO 2011 ASSEMBLEA CONSORTILE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO DI GESTIONE DEL SITO DI IMPORTANZA COMUNITARIO (SIC) E ZONA DI PROTEZIONE SPECIALE (ZPS)

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE GIOVANILI E CITTADINANZA SOCIALE 13 ottobre 2014, n. 127. sociale;

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE GIOVANILI E CITTADINANZA SOCIALE 13 ottobre 2014, n. 127. sociale; 41185 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLI TICHE GIOVANILI E CITTADINANZA SOCIALE 13 ottobre 2014, n. 127 Servizio Civile Nazionale Valutazione progetti S.C.N. per il programma Garanzia Giovani presentati

Dettagli

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento:

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento: DIREZIONE Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO Decreto N. 163 del 07-09-2015 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. Adozione

COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. Adozione ALLEGATO A4 ALLA DELIBERAZIONE COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA N. DEL 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE Adozione Relazione e Certificazione del Responsabile del Procedimento Agosto 2015 1 VARIANTE

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

Decreto Presidente Giunta n. 143 del 15/05/2012

Decreto Presidente Giunta n. 143 del 15/05/2012 Decreto Presidente Giunta n. 143 del 15/05/2012 A.G.C. 15 Lavori pubblici, opere pubbliche, attuazione, espropriazione Settore 3 Geotecnica, geotermia, difesa del suolo Oggetto dell'atto: LEGGE REGIONALE

Dettagli

74 1.7.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26

74 1.7.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 74 1.7.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento Sviluppo Rurale

Dettagli

Determ. n. 994-16.5.2014

Determ. n. 994-16.5.2014 COMUNE DI BRESCIA Determinazione dirigenziale Determ. n. 994-16.5.2014 OGGETTO: Settore Sportello Unico Attività Produttive. Variante al P.G.T per ampliamento sede Giornale di Brescia in via Solferino

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1850 del 14/10/2015 Oggetto: Reg. (CE) 1698/2005

Dettagli

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti.

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. Premesso che: tra le funzioni del Settore Ambiente rientrano quelle

Dettagli

D.P.R. 12/01/98, n 37 Gazzetta Ufficiale Italiana n 57 del 10/03/1998

D.P.R. 12/01/98, n 37 Gazzetta Ufficiale Italiana n 57 del 10/03/1998 D.P.R. 12/01/98, n 37 Gazzetta Ufficiale Italiana n 57 del 10/03/1998 IL NUOVO REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI SOMMARIO TESTO Art. 1. Oggetto del regolamento. Art. 2. Parere di conformità. Art. 3. Rilascio

Dettagli

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione in oggetto, munita dei prescritti

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO Capraia Isola, 16.03.2010 Prot. 23/6/1 UT/RP/rp Al SEGRETARIO COMU ALE Dott. FRANCO PAOLO DEL SEPPIA Sede Comunale RELAZIONE PER L ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA DI ADOZIONE ED APPROVAZIONE DEL PIANO STRUTTURALE

Dettagli

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A Comune di Vinci Variante al Piano Strutturale Relazione ALLEGATO A OGGETTO: Variante al Piano Strutturale, ai sensi dell art. 17 della L.R. 1/2005, per l aggiornamento delle carte di pericolosità idraulica

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 158 DEL 30/12/2010

COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 158 DEL 30/12/2010 COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 158 DEL 30/12/2010 Allegati N. 3 OGGETTO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A VAS DELLA VARIANTE AL RU RELATIVA AL RECEPIMENTO DEL TRACCIATO DELLA NUOVA SRT 429

Dettagli

Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE

Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE Comune di Voghiera PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO L.R. 20/2000 RUE SCHEMA DELIBERA DI ADOZIONE (PER PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 39 DEL DLGS 33/2013) 1 REGOLAMENTO EDILIZIO URBANISTICO

Dettagli

Consorzio tra i Comuni di MAZZANO ROMANO e CALCATA Per la gestione del PARCO REGIONALE VALLE DEL TREJA MAZZANO ROMANO (Roma) ************

Consorzio tra i Comuni di MAZZANO ROMANO e CALCATA Per la gestione del PARCO REGIONALE VALLE DEL TREJA MAZZANO ROMANO (Roma) ************ Consorzio tra i Comuni di MAZZANO ROMANO e CALCATA Per la gestione del PARCO REGIONALE VALLE DEL TREJA MAZZANO ROMANO (Roma) ************ COPIA DI DELIBERAZIONE DEL COMITATO DI GESTIONE Verbale n. 45 del

Dettagli

Guida alla consegna del PGT in formato digitale

Guida alla consegna del PGT in formato digitale Guida alla consegna del PGT in formato digitale Per ogni informazione, per i link ai siti degli archivi documentali e per scaricare tutti i documenti e le specifiche tecniche, fare riferimento al sito:

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE N. 03 DEL 07/06/2007 L anno duemilasette (2007) il giorno sette (7) del mese di giugno alle ore 10,30, presso la sede dell Autorità di Bacino Interregionale del

Dettagli

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito internet) Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito internet) Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto Decreto del Direttore generale nr. 57 del 31/03/2015 Proponente: Cesare Fagotti Pianificazione e Controllo Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO

COMUNE DI BRENTONICO COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SERVIZIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE nº 383 di data 15-12-2014 OGGETTO: Parco Naturale Locale

Dettagli

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE Direzione Pianificazione Territoriale Servizio Edilizia privata e gestione del territorio - Urbanistica Tel. 059 777512 e-mail: sportelloedilizia@comune.vignola.mo.it Comune appartenente all Unione Terre

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in Cles

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in Cles COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in Cles Verbale di deliberazione N. 5 della Assemblea della Comunità OGGETTO : Piano Territoriale della Comunità della Val di Non. Piano stralcio di adeguamento ai criteri

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MANTOVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MANTOVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Allegato B) D.G. n. 45 del 17/04/2014 CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MANTOVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA (Delibera A.N.A.C. n. 75/2013) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il

Dettagli

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE

Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Oggetto: Regolamento Urbanistico ed Edilizio di Faenza (RUE). INDIRIZZI PER L ADOZIONE Il Presidente sottopone per l approvazione quanto segue: Normativa di riferimento: - Legge regionale n. 47 del 07.12.1978

Dettagli

1. Premessa e definizioni

1. Premessa e definizioni Regolamento provinciale per l iscrizione, la cancellazione e la revisione delle associazioni di promozione sociale nel Registro provinciale istituito ai sensi dell art.4 della L.R. 34/2002. (Approvato

Dettagli

C O M U N E DI T R I G O L O

C O M U N E DI T R I G O L O C O M U N E DI T R I G O L O Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 8. Codice Ente : 10813 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica OGGETTO:

Dettagli

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 OGGETTO: Approvazione del Piano per la prevenzione della corruzione e del Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 dell Autorità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO Comune di VALSINNI Provincia di MATERA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO S O M M A R I O Art. D E S C R I Z I O N E Art. D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia COPIA COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ( ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE) N. 1 17/01/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE DEFINITIVA PIANO DEL

Dettagli

Comune di Casalromano

Comune di Casalromano Comune di Casalromano Provincia di Mantova Codice Ente 10830 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale ************** Adunanza ordinaria di 1 convocazione seduta pubblica COPIA OGGETTO: OGGETTO:

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE AGRICOLTURA 16 dicembre 2015, n.728 Reg. (CE) n. 1308/2013 D.M. 23 gennaio 2006 Programma finalizzato al miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1009 del 08/05/2015 Oggetto: Reg. CE 1698/05

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 788 del 10 ottobre 2014 PROT. N. 22066

DETERMINAZIONE N. 788 del 10 ottobre 2014 PROT. N. 22066 Oggetto: Determinazione approvazione delle risultanze della valutazione Progetti di Servizio civile nazionale per il P.O.N. Garanzia Giovani, per gli anni 2014-2015. IL DIRETTORE DEL SERVIZIO lo Statuto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria Proposta nr. 53 del 12/10/2015 - Determinazione nr. 2409 del 14/10/2015 OGGETTO: D.Lgs n. 152/06 e s.m.i. e DPR 59/2013 Autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI GABICCE MARE

COMUNE DI GABICCE MARE COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino Regolamento sui Procedimenti Amministrativi (Approvato con Delibera di Consiglio n.17 del 30/03/2006, modificato con Delibera di Consiglio n.29 del 12/07/2010

Dettagli

Circolare Ministeriale 18 settembre 2007, n. 75

Circolare Ministeriale 18 settembre 2007, n. 75 Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio 7 Circolare Ministeriale 18 settembre 2007, n. 75 Prot. n. 4378/P7 Oggetto: Anagrafe nazionale delle scuole paritarie In attuazione

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Amalfi G.C. Numero 46 del 28-07-2015 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Piano Urbanistico Comunale - Presa d'atto del preliminare di piano e dei contenuti strutturali

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA

GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA N. d'ord.11 reg deliberazioni GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA Estratto dal verbale delle deliberazioni assunte nell'adunanza del 21/01/2014 L'anno duemilaquattordici, questo giorno ventuno del mese di gennaio

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica COMUNE DI SCANSANO Prov. di Grosseto IL SINDACO Avv. Sabrina Cavezzini IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 4 SERVIZI PER IL TERRITORIO Arch. Daniela Giura Comune di Scansano Variante

Dettagli

COMUNE DI PREDAIA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI PREDAIA PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI PREDAIA PROVINCIA DI TRENTO Via Simone Barbacovi, 4-38012 Frazione Taio Tel. 0463-468114 Fax 0463-468521 e-mail comune@comune.predaia.tn.it pec: comune@pec.comune.predaia.tn.it Decreto n. 136

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Ambito di applicazione. Il presente Regolamento dà applicazione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI VALDARNO E VALDISIEVE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSOCIATO VAS

UNIONE DEI COMUNI VALDARNO E VALDISIEVE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSOCIATO VAS UNIONE DEI COMUNI VALDARNO E VALDISIEVE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSOCIATO VAS Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina lo svolgimento delle funzioni relative allo svolgimento

Dettagli

48 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

48 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 48 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento Industria, Artigianato,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELLA VALLE SESIA L.R. 29 giugno 2009, n. 19 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

REGIONE PIEMONTE ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELLA VALLE SESIA L.R. 29 giugno 2009, n. 19 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 80 del 05/05/2015 REGIONE PIEMONTE ENTE DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE DELLA VALLE SESIA L.R. 29 giugno 2009, n. 19 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE CON IMPEGNO DI SPESA [ ] SENZA IMPEGNO DI SPESA [ X ]

Dettagli

COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO UFFICIO TECNICO Allegato A) alla Determinazione n. 166 del 07/07/2015 Prot. 20150005696 UTC/MC/mc li 09 luglio 2015 AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DEI COMPONENTI DELLA COMMISSIONE PER IL PAESAGGIO AI SENSI DELL ART.81

Dettagli

Il Commissario Straordinario Arch. Maurizio Tofani

Il Commissario Straordinario Arch. Maurizio Tofani MONTI CIMINI RISERVA NATURALE REGIONALE LAGO DI VICO Strada Provinciale Cassia Cimina, Km 12-01032 Caprarola (VT) Tel. 0761-647444 Fax 0761-647864 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE n. 4 DEL 16.02.2012 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI SAN GIMIGNANO Provincia di Siena

COMUNE DI SAN GIMIGNANO Provincia di Siena COMUNE DI SAN GIMIGNANO Provincia di Siena Copia dell Originale VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 146 DEL 04/10/2012 OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO - PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA SEZIONE I 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 128 del 27 febbraio 2006 che approva il regolamento sulle organizzazioni di volontariato

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O GG E TTO : Art. 57 LR 36/97 e art. 8 LR 18/99 : Schema di Accordo di Pianificazione per variante PTC della Provincia di Genova in recepimento del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico del Bacino

Dettagli

AATO VERONESE Autorità Ambito Territoriale Ottimale Veronese - Servizio idrico integrato

AATO VERONESE Autorità Ambito Territoriale Ottimale Veronese - Servizio idrico integrato AATO VERONESE Autorità Ambito Territoriale Ottimale Veronese - Servizio idrico integrato IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Verbale della Deliberazione n. 49 dell 11 dicembre 2008 località Pignatte Comune

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM OPWFNCSF

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM OPWFNCSF %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM OPWFNCSF PHHFUUP -3 "35 "11307";*0/& %&- %0$6.&/50 5&$/*$0 1*"/0 1"&4"((*45*$0 3&(*0/"-&1*"55"'03."*/'03."5*$" %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF 4FSHJP#0-;0/&--0

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI GEMMANO 47855 Provincia di Rimini Sede: Piazza Roma n. 1 Tel. (0541) 854060 854080 Fax (0541) 854012 Partita I.V.A. n. 01188110405 Codice Fiscale n. 82005670409 Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

COPIA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 49 DEL 15/09/2004 OGGETTO: APPROVAZIONE DEFINITIVA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO- L anno duemilaquattro, il

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015

DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015 DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015 Identificativo Atto n. 515 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Oggetto AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (A.I.A.) ALLA DITTA SAN PELLEGRINO SPA

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 18-01-2010 (punto N. 9 ) Delibera N.26 del 18-01-2010 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 18-01-2010 (punto N. 9 ) Delibera N.26 del 18-01-2010 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 18-01-2010 (punto N. 9 ) Delibera N.26 del 18-01-2010 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. VISTA la legge statutaria 11 novembre 2004, n. 1 Nuovo Statuto della Regione Lazio ;

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. VISTA la legge statutaria 11 novembre 2004, n. 1 Nuovo Statuto della Regione Lazio ; Determinazione A1615 del 2/03/2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Bando Pubblico adottato con D.G.R. n. 360 del 15 maggio 2009 avente ad oggetto: Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013, Approvazione bando

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Legge Regionale 26 luglio 2002, n. 32 e ss.mm. PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N 352/15 del 17/09/2015 Oggetto: LAVORI DI CONSOLIDAMENTO

Dettagli

LA GIUNTA MUNICIPALE

LA GIUNTA MUNICIPALE DG 84.2012 OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012-2014 LA GIUNTA MUNICIPALE PREMESSO che l art. 11 c. 1 del D.Lgs n. 150/2009 definisce la trasparenza come: accessibilità

Dettagli

SCHEMA DELIBERA DI C.C.

SCHEMA DELIBERA DI C.C. SCHEMA DELIBERA DI C.C. OGGETTO: PRIMA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. ADOZIONE AI SENSI DELL ART. 19 DELLA L.R.T. 65/2014. PREMESSO: - che il Comune di Lamporecchio è dotato di Piano Strutturale approvato

Dettagli

COMUNE DI REGGELLO VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI REGGELLO VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI REGGELLO (PROVINCIA DI FIRENZE) ORIGINALE DELIBERA n. 19 del 31/01/2012 VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE Il Dirigente Responsabile: CHIARUGI CECILIA Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012/2014 Approvato con delibera di G.C. n. 40 del 03/08/2012 SOMMARIO ART. 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E

Dettagli

IL RETTORE. richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n. 14 in data 16 gennaio 2012, e successive modificazioni ed integrazioni;

IL RETTORE. richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n. 14 in data 16 gennaio 2012, e successive modificazioni ed integrazioni; Rep. N. 651/2015 Prot. 17316 IL RETTORE richiamato lo Statuto di Ateneo emanato con D.R. n. 14 in data 16 gennaio 2012, e successive modificazioni ed integrazioni; richiamato il Regolamento di Ateneo per

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA

PROVINCIA DELL OGLIASTRA PROVINCIA DELL OGLIASTRA GESTIONE COMMISSARIALE (L.R. 15/2013) COPIA Deliberazione del Commissario Straordinario (assunta con i poteri della Giunta) N. 72 Data 11/09/2014 Oggetto: Rettifica deliberazione

Dettagli

ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO

ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO Alla Giunta OGGETTO: F.P. Avviso Pubblico per la presentazione

Dettagli

- con la determinazione n. 77 del 13.02.2014 è stata prorogata la durata del contratto predetto fino al 31.12.2015;

- con la determinazione n. 77 del 13.02.2014 è stata prorogata la durata del contratto predetto fino al 31.12.2015; REGIONE PIEMONTE BU29S1 23/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 29 giugno 2015, n. 16-1645 Riordino delle giacenze di cassa presso Finpiemonte S.p.A. relative ai fondi di competenza della Direzione

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA DECRETO DELLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA. n. 29 del 3/02/2015

PROVINCIA DI ANCONA DECRETO DELLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA. n. 29 del 3/02/2015 COPIA PROVINCIA DI ANCONA DECRETO DELLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA n. 29 del 3/02/2015 Oggetto: Comune di Osimo Variante al PRG ex Consorzio Agrario Parere favorevole L anno 2015, il giorno tre del mese

Dettagli