Tecnologia del sistema

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologia del sistema"

Transcript

1 Presentano

2 Introduzione Il presente documento ha come scopo quello di illustrare ed argomentare le motivazioni che dovrebbero indurre gli organismi di settore a dotarsi di uno strumento efficace e collaudato per implementare la raccolta differenziata porta a porta al fine di : raggiungere elevati standard qualitativi dei materiali di recupero, responsabilizzare i cittadini, imporre tributi proporzionali al rifiuto conferito. A tal proposito il sistema Eco-Chip propone sul mercato un sistema semplice e collaudato, basato sulla tecnologia RFID (identificazione a Radio Frequenza), che consente la tracciabilità dei rifiuti conferiti e quindi di poter perseguire una serie di vantaggi economici-gestionali, a favore sia degli organismi di settore che delle stesse utenze, rispettando nel contempo le linee direttive imposte dalla comunità Europea.

3 Obiettivi La corretta applicazione della tracciabilità si pone il raggiungimento dei seguenti obiettivi: Aumento della raccolta differenziata Riduzione dell indifferenziato Miglioramento della qualità dei prodotti riciclabili Rilevante riduzione del consumo dei sacchetti Incremento entrate da aumento della qualità dei rifiuti differenziati Incremento entrate da sanzioni regolamentari per effetto degli efficaci accertamenti dei conferimenti illeciti Ottimizzazione del servizio di raccolta (personale e mezzi) Calcolo del tributo in modo equo e proporzionale

4 Tecnologia del sistema Cos è l RFID? RFID è l'acronimo di Identificazione a Radio Frequenza (Radio Frequency Identification). La tecnologia RFID viene utilizzata per l identificazione di oggetti, animali o persone. È basata sulla capacità di memorizzare e accedere a distanza ai dati usando dispositivi elettronici (chiamati TAG o transponder) che sono in grado di rispondere, comunicando le informazioni in essi contenute, quando "interrogati". Il sistema RFID si basa sulla lettura a distanza di informazioni contenute in un tag RFID usando degli appositi lettori. I componenti base di un sistema RFID sono: i transponder (tag); i dispositivi di lettura/scrittura; e le relative antenne. In funzione delle potenze di alimentazione e delle frequenze operative, il campo di lettura può variare da pochi centimetri a 2 metri.

5 Tecnologia del sistema Nello specifico un sistema RFID è costituito da: Fig.1 Palmare scrittura Fig.2 Lettore fisso Fig.3 Antenna

6 Tecnologia del sistema SACCHETTI PERSONALIZZATI Ricezione sacchetti dotati di tags RFID. SACCO PRODOTTO E CERTIFICATO DA:

7 Operatività del sistema Fase 1: Abbinamento utente/codice univoco In fase di distribuzione, si effettuata la lettura della carta di riconoscimento magnetica/ottica (PERSONAL CARD) e del pacco di sacchetti; questa operazione permetterà al sistema di effettuare l associazione UTENTE SACCHETTI. Il lettore immagazzinerà queste informazioni in modo da poterle successivamente comunicare al sistema centrale.

8 Operatività del sistema Fase 2: Conferimento Nella fase del raccolta dei sacchetti, i tags verranno letti dalle antenne posizionate sulla bocca posteriore degli automezzi, le quali invieranno, in tempo reale, i dati al lettore collocato all interno della cabina. Le due antenne saranno collegate ad una centralina che effettuerà la lettura contemporanea di tutti i nuovi sacchetti introdotti e ne memorizzerà i rispettivi codici.

9 Operatività del sistema Fase 2 bis: Conferimento con cassonetti Il sistema, qualora la raccolta porta a porta preveda l impiego di cassonetti, consente il mantenimento degli stessi e dei mezzi già in dotazione. Non è necessaria alcuna modifica ai cassonetti mentre, sui mezzi, andranno istallate apposite antenne e dispositivi di lettura. Nel momento in cui i sacchetti vengono scaricati dal cassonetto al compattatore, avviene la lettura di tutti i codici utente senza alcuna possibilità di mancate o doppie letture.

10 Operatività del sistema Fase 3: Trasferimento dati Al rientro del mezzo in sede, i dati contenuti nella centralina verranno automaticamente scaricati nel server centrale, tramite WiFi, alla rete dati.

11 Operatività del sistema Fase 4: Immagazzinamento e restituzione dati Il server permetterà l accostamento ed il confronto dei dati raccolti nella fase iniziale con quelli della fase finale (data/ora/quantità/tipologia, ricezione e restituzione sacchetti).

12 Privacy La metodologia garantisce la totale privacy dell utente. Infatti al sacchetto non sarà abbinato il nome dell utente bensì un codice univoco. Pertanto, soltanto la persona preposta e previa autorizzazione, potrà accedere al server ed identificare nominalmente il codice richiesto.

13 Esperienze - sintesi risultati ottenuti Di seguito i dati emersi in alcune realtà in cui attualmente è operativo il sistema Eco-Chip, attivato a seguito di una raccolta differenziata porta a porta. Comune di Mantova (MN) Pur manifestando piena soddisfazione e notevoli miglioramenti sulla raccolta differenziata, non ci sono dati in quanto lo scorso Giugno si è avviato contestualmente il PAP ed il sistema Eco-Chip. Comune di Lissone (MB) Partendo da una raccolta differenziata del 64,30%, in tre mesi ha aumentato tale percentuale di circa il 12% Comune di Settimo Milanese (MI) È partito da una raccolta differenziata del 55% e, nel primo mese, la raccolta è aumentata del 7,38% e nel secondo del 10,58% Comuni di Petriolo (MC) È partito da una raccolta differenziata del 74,69% e, nei primi quattro mesi, la raccolta è arrivata a una media di 82 %. Comune di Seveso (MB) È partito da una raccolta differenziata del 64,85 % e, nei primi due mesi, la raccolta è aumentata fino al 76 %.

14 Esperienze - sintesi risultati ottenuti

15 Tracciato informazioni raccolte

16 Tracciato informazioni raccolte

17 Vantaggi ed Economie OBIETTIVO VANTAGGI ED ECONOMIE Incremento della percentuale di raccolta differenziata (oltre la soglia del 75%) Riduzione dell indifferenziato Miglioramento della qualità dei prodotti riciclabili (direttiva Europea) Riduzione del consumo dei sacchetti Riduzione della produzione totale dei rifiuti (direttiva Europea) Proventi provenienti da sanzioni Economie sul sistema di raccolta Calcolo del tributo Maggiori introiti economici dati dalla vendita dei materiali a recupero Minori costi abbancamento in discarica Evitare le penali applicate dai consorzi di filiera, maggiore introito dalla vendita Riduzione della specifica voce di costo Minori oneri di gestione e riduzione dei costi di smaltimento Genera cassa, mantiene alta l attenzione Ottimizzazione del personale e dei mezzi Strumento certo e puntuale per il corretto calcolo del tributo

18 Vantaggi ed Economie Attraverso l introduzione del sistema di tracciabilità dei rifiuti, oltre alle reali economie, si possono avere una serie di vantaggi dovuti alla responsabilizzazione degli utenti e che si traducono in: rilevante decoro urbano, maggiore garanzia della regolarità dei contribuenti in fase di assolvimento del pagamento del tributo, attivazione di specifiche campagne volte ad un miglioramento nelle corrette modalità di adesione alla raccolta differenziata, attivazione di sistemi premianti per il conferimento presso centri di raccolta comunali, o attivazione di altre iniziative similari. Trattasi di azioni che concorrono a generare economie indirette ed un servizio qualificato e vincente. Inoltre il sistema eco-chip, garantendo il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata, evita ai comuni di pagare le sanzioni imposte dalla CEE come addizionale sul tributo per lo smaltimento in discarica.

19 L impiego del metodo nella TASSAZIONE Ipotesi di determinazione del prelievo in base al numero di conferimenti

20 Contesto normativo Evoluzione normativa caratterizzata dalle seguenti norme: TARSU D.LGS 507/93, TIA1: D.LGS 22/97, TIA2: D.LGS 152/2006, TARES D.L. 201/2011 e TARI (Legge di Stabilità n.147 del 2014) prevede il METODO PRESUNTIVO la suddivisione tra gli utenti dei costi variabili attraverso coefficienti presuntivi elaborati dal Ministero in base ad indagini statistiche sulla produzione dei rifiuti (superficie, numero residenti, ) La mancanza dei dati puntuali da attribuire alle singole utenze è stata, fino ad oggi, una delle spiegazioni al mantenimento del regime TARSU Pertanto ci troviamo di fronte una situazione dove: - la raccolta differenziata risulta anonima, - c è scarsa incidenza sul singolo utente virtuoso, - la tassazione non è equa in quanto non proporzionale tra consumo e costo.

21 Obiettivo inseguito Pagare per il servizio istituito Elemento contributivo Pagare per i rifiuti conferiti Proporzionalità ed equità

22 Obiettivo inseguito incentivazione premiare i comportamenti virtuosi applicando tecniche che permettano di misurare la quantità di rifiuti prodotti dal singolo utente ed applicare costi proporzionati con questi principi Sostenibilità ambientale: incentivare comportamenti responsabili. Sostenibilità economica: il prelievo deve garantire la copertura dei costi del servizio. Equità: ciascun utente versa un tributo in proporzione ai rifiuti prodotti. Efficienza del gestore: monitoraggio continuo sul servizio di raccolta.

23 Incentivazione Premi ai comportamenti virtuosi Differenziazione dei rifiuti conferiti Rispetto delle regole di conferimento Riduzione dei rifiuti Penalità ai comportamenti elusivi e negligenti Prevenzione Educazione Controllo Sanzioni

24 Il porta a porta «ieri» Servizio all insegna dell educazione ed attenzione al problema rifiuti ma non in grado di produrre effetti sulla proporzionalità del prelievo. Si abbatte il costo complessivo del servizio ma si generalizza l effetto scarsa incidenza sul singolo utente virtuoso Raccolta differenziata ma anonima (senza premialità)

25 Il porta a porta «oggi» Quantificazione dei conferimenti di ciascun singolo utente Il sistema traccia i conferimenti per tipologia di raccolta Il sistema individua i contribuenti potenzialmente non in regola e da investigare Il sistema individua chi bara Io differenzio e conferisco: pago per i rifiuti conferiti Num. sacchi Cod. utente Quantità Tassa

26 Conclusioni Il sistema Eco-Chip è composto da una filiera di aziende quali: STRIM - PLASTISAC - ANDREANI TRIBUTI, ognuna specializzata e riconosciuta nel proprio settore, in grado di offrire sul mercato un servizio completo, dall installazione del sistema hardware e software con la relativa strumentazione alla produzione dei singoli sacchetti in polietilene con RFID, fino alla gestione della fatturazione puntuale in conformità con le vigenti norme tributarie in materia di tracciabilità della raccolta differenziata. Un sistema che ad oggi, nell ambito del territorio nazionale, può vantarsi di essere l unico in grado di installare, avviare e fornire un adeguata assistenza sulla tracciabilità della raccolta differenziata attraverso la tecnologia RFID, strutturando una tariffazione puntuale basata sui principi e sulle regole esposte nei precedenti paragrafi.

27 STRIM srl Via Crivelli, San Severino Marche (MC) Tel / PLASTISAC srl Via Brescia, Mantova Tel / ANDREANI TRIBUTI Via Cluentina, 33/D Macerata Tel /

Indice. 1. Introduzione. 2. Company profile PLASTISAC

Indice. 1. Introduzione. 2. Company profile PLASTISAC by Indice 1. Introduzione 2. Company profile PLASTISAC 3. Il sistema ECO-CHIP : a) cos è b) obiettivi e vantaggi c) come funziona d) tecnologia e) perché scegliere il binomio Plastisac/Eco-Chip 3. Casi

Dettagli

Sistemi per la raccolta puntuale dei rifiuti e relative caratteristiche per il corretto utilizzo (Giulio Ferrari, Riccardo Sammito)

Sistemi per la raccolta puntuale dei rifiuti e relative caratteristiche per il corretto utilizzo (Giulio Ferrari, Riccardo Sammito) Sistemi per la raccolta puntuale dei rifiuti e relative caratteristiche per il corretto utilizzo (Giulio Ferrari, Riccardo Sammito) Le esigenze maggiore tecnologianel servizio; maggiori quantitativi di

Dettagli

MOZIONE Tariffa puntuale con un risparmio reale

MOZIONE Tariffa puntuale con un risparmio reale All Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Guidonia Montecelio Piazza Matteotti,2 - Guidonia MOZIONE Tariffa puntuale con un risparmio reale OGGETTO: Adozione della tariffa puntuale per il servizio

Dettagli

100% WASTE RECYCLING USING RFID TRACEABILITY

100% WASTE RECYCLING USING RFID TRACEABILITY 100% WASTE RECYCLING USING TRACEABILITY COME FUNZIONA LA TARIFFA PUNTUALE (come arrivare a 100% riciclo rifiuti) T.A.R.S.U. Tassa sui rifiuti basata sullo spazio occupato dall utente T.I.A. Utenti tariffati

Dettagli

MOZIONE Tariffa puntuale con un risparmio reale Da inserire all O.D.G. del primo consiglio comunale utile

MOZIONE Tariffa puntuale con un risparmio reale Da inserire all O.D.G. del primo consiglio comunale utile All Ill.mo Signor Sindaco del Comune di Pozzo d Adda Dottor Roberto Botter All Assessore/i competenti Ai Capigruppo Consiliari A tutti i Consiglieri Comunali p.c. Al Segretario Comunale LORO SEDI MOZIONE

Dettagli

COMUNE DI LUGNANO IN TEVERINA Provincia di Terni IL PASSAGGIO DA TARSU A TARES

COMUNE DI LUGNANO IN TEVERINA Provincia di Terni IL PASSAGGIO DA TARSU A TARES COMUNE DI LUGNANO IN TEVERINA Provincia di Terni IL PASSAGGIO DA TARSU A TARES 1 PRINCIPALI NOVITA Le principali novità della TARES (Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi) sono : 1. Copertura del

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA Firenze, Nome 21 Cognome Novembre 2012 Ruolo ELIO ALTESE LIFE09 Ambiente

Dettagli

Waste Management Solutions

Waste Management Solutions SOLUZIONI RFID PER SISTEMI GESTIONE, TRACCIAMENTO E SMALTIMENTO RIFIUTI TagItalia è leader nella fornitura di prodotti e soluzioni per il Waste Management ovvero il settore di attività che comprende raccolta,

Dettagli

Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari

Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari Giugno 2013 Rifiuti Urbani: il contesto 1993 1997 2000 2003 2006 2009 2011 2013 AUMENTO DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI 550 kg/ab* 536 kg/ab* 452 kg/ab*

Dettagli

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova Anzio Negrini Mantova Direttore Ambiente Gruppo Mantova Ambiente Tea 1 Chi è Mantova Ambiente Mantova Ambiente è una

Dettagli

La raccolta dei rifiuti porta a porta. Sistemi a confronto Monsummano T. - 28 Settembre 2012

La raccolta dei rifiuti porta a porta. Sistemi a confronto Monsummano T. - 28 Settembre 2012 La raccolta dei rifiuti porta a porta Sistemi a confronto Monsummano T. - 28 Settembre 2012 Raccolta a Cassonetto La raccolta con sistema a cassonetto stradale prevede la collocazione di postazioni di

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

Offerta migliorativa 1

Offerta migliorativa 1 Offerta migliorativa 1 Offerte migliorative Istituzione servizi integrativi per i produttori di rifiuti speciali non assimilabili agli urbani. Nel generale interesse della salvaguardia ambientale e al

Dettagli

SISTEMI DI TRACCIABILITÀ

SISTEMI DI TRACCIABILITÀ LABEL ELETTRONICA S.r.l. Via della Repubblica, 18 35010 LIMENA (Padova) Tel: +39 049 8848130 Fax: +39 049 8848096 Per ulteriori informazioni: SISTEMI DI TRACCIABILITÀ www.labelelettronica.it ENRICO RAMI

Dettagli

La nostra proposta per il settore ecologia.

La nostra proposta per il settore ecologia. pagina 1 di 10 La nostra proposta per il settore ecologia. Movendo Srl Movendo srl è un'azienda specificamente orientata all'erogazione di servizi per la gestione delle risorse mobili (Mobile Resources

Dettagli

Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano

Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano Sommario PREMESSA... 2 OBIETTIVI... 2 DESTINATARI... 2 METODOLOGIA... 3 SISTEMA PREMIANTE... 4 DETTAGLIO PROGETTO...

Dettagli

La tariffa puntuale nel sistema di gestione dei rifiuti. Dott. Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre Membro CdA Contarina SpA

La tariffa puntuale nel sistema di gestione dei rifiuti. Dott. Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre Membro CdA Contarina SpA La tariffa puntuale nel sistema di gestione dei rifiuti Dott. Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre Membro CdA Contarina SpA 1. Chi siamo 2. Approfondimento sulla tariffa puntuale - Il quadro

Dettagli

Sistema intelligente per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Sistema intelligente per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Progetto TR6 Tracciabilità raccolte con contenitori Sistema intelligente per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Ravenna 2012-28 Settembre 2012 Il progetto cosa prevede Il Sistema Intelligente

Dettagli

DOMANDA PER START-UP COSTUTUITE

DOMANDA PER START-UP COSTUTUITE Avviso pubblico per la selezione di Start-Up Innovative pugliesi da inserire in percorsi di accompagnamento personalizzati diretti al potenziamento dei loro progetti imprenditoriali nell ambito del Progetto

Dettagli

PROGETTO LIBERI DI DIFFERENZIARCI annualità 2012-2015

PROGETTO LIBERI DI DIFFERENZIARCI annualità 2012-2015 PROGETTO LIBERI DI DIFFERENZIARCI annualità 2012-2015 Il territorio gestito da CMV Servizi: Le premesse del progetto solo con immagini Tema n 1 la riqualificazione del territorio Le premesse del progetto

Dettagli

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL L EVOLUZIONE IL PERCORSO 1976 - Si costituisce il ConSmaRi con Decreto Prefettizio 1981/1995 - Realizzazione

Dettagli

PRODOTTI e SOLUZIONI per l IDENTIFICAZIONE AUTOMATICA

PRODOTTI e SOLUZIONI per l IDENTIFICAZIONE AUTOMATICA PRODOTTI e SOLUZIONI per l IDENTIFICAZIONE AUTOMATICA PRODOTTI Il rapporto diretto con aziende leader del settore ci permette di offrire una gamma completa di prodotti e soluzioni per l identificazione

Dettagli

La raccolta dei rifiuti nel Comune di Brescia: profili economici

La raccolta dei rifiuti nel Comune di Brescia: profili economici La raccolta dei rifiuti nel Comune di Brescia: profili economici Carmine Trecroci forum delle associazioni per un ciclo dei rifiuti sostenibile Consiglio Comunale di Brescia 21 luglio 2014 In un minuto

Dettagli

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES)

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) 1. Caratteristiche generali del tributo L art. 14, comma 1, del D. L. n. 201 del 2011 ha istituito, a partire dal 1 gennaio 2013, il tributo

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI SAN MAURO FORTE ANNO 2013

PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI SAN MAURO FORTE ANNO 2013 PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI SAN MAURO FORTE ANNO 2013 Ex art. 8 D.P.R. 27 Aprile 1999 n. 158 1 INDICE PREMESSA 1 MODELLO GESTIONALE

Dettagli

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Comune di Boissano Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Legge di stabilità 2014 Legge 147/2013 e successive modifiche

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

sommario l approccio nebri-tech l innovazione

sommario l approccio nebri-tech l innovazione RFID SYSTEMS sommario 4 OUR company 6 8 l approccio nebri-tech 10 12 14 RFID: cos è LA TRACCIABiLITà L ANTICONTRAFFAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE 16 PRODOTTI e servizi 18 l innovazione 4 5 OUR COMPANY

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi.

Più differenzi, più riduci, più risparmi. Più differenzi, più riduci, più risparmi. Da luglio 2014 la tassa sui rifiuti diventa su misura Comune di Medesano Più differenzi, più riduci, più risparmi La raccolta differenziata a Medesano è diventata

Dettagli

PROGETTO Easy Book PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI. Easy Book

PROGETTO Easy Book PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI. Easy Book PROGETTO Easy Book PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI Easy Book sta ad indicare un sistema di servizi che vengono autenticati e riferiti ad una card che racchiude in se la gestione di

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

Soluzioni integrate per la gestione delle piattaforme ecologiche

Soluzioni integrate per la gestione delle piattaforme ecologiche Soluzioni integrate per la gestione delle piattaforme ecologiche Fidelizzazione attraverso raccolta punti Adempimenti normativi Limiti di conferimento Collegamento alla pesa Controllo accessi Controllo

Dettagli

COMUNE DI REZZO (IM)

COMUNE DI REZZO (IM) COMUNE DI REZZO (IM) Via Roma 11 18020 REZZO IM Tel 0183 34015 fax 0183 34152 email info@comune.rezzo.im.it PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEI TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) A)

Dettagli

IGENIO UN SISTEMA INNOVATIVO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Ing. Christian Amico 3939760603

IGENIO UN SISTEMA INNOVATIVO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA. Ing. Christian Amico 3939760603 UN SISTEMA INNOVATIVO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA IGENIO ATTREZZATURA MOBILE/SCARRABILE MULTIVASCA RIBALTABILE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI MARCHIO IGENIO denominativo No. 008913642 Ing.

Dettagli

L architettura dell applicazione La figura seguente rappresenta l architettura dell applicazione di Rilevazione Presenze.

L architettura dell applicazione La figura seguente rappresenta l architettura dell applicazione di Rilevazione Presenze. Rilevazione Presenze Molte aziende si avvalgono di personale che svolge la propria attività in mobilità, lontano dalla sede, e hanno la necessità di registrarne e certificarne la presenza e gli orari di

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

RiscoComuni TARES Start

RiscoComuni TARES Start RiscoComuni TARES Start Supporto all allineamento delle posizioni contributive TARSU con le informazioni catastali per l applicazione del nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 11/09/2012 Postetributi

Dettagli

Rispettare le regole premia. Area Infrastrutture e Mobilità

Rispettare le regole premia. Area Infrastrutture e Mobilità Rispettare le regole premia Area Infrastrutture e Mobilità Il progetto 1 di 10 Sarà disponibile dal prossimo Maggio un infrastruttura di servizi per facilitare interazioni, connessioni, mediazioni e riscossioni

Dettagli

PROGETTO CITYCARD PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI

PROGETTO CITYCARD PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI PROGETTO CITYCARD PER LA GESTIONE MENSA SCOLASTICA E TRASPORTO ALUNNI CityCard è un acronimo che sta ad indicare un sistema di servizi che vengono autenticati e riferiti ad una smart card con tecnologia

Dettagli

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 1 Premessa COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 PIANO FINANZIARIO - TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI ROCCANOVA ANNO 2013

PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI ROCCANOVA ANNO 2013 PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE DI ROCCANOVA ANNO 2013 Ex art. 8 D.P.R. 27 Aprile 1999 n. 158 INDICE PREMESSA 1 MODELLO GESTIONALE ED ORGANIZZATIVO

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015 COMUNE DI PATERNO CALABRO Provincia di Cosenza Regione Calabria Piazza Municipio 87040 - Tel. 0984/6476031 Fax 0984/476030 - P.IVA 00399900786 PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

TEL 030-3366690 FAX 030-3366688. Multigest Gest. Piattaforma Multiservizi per le pubbliche amministrazioni

TEL 030-3366690 FAX 030-3366688. Multigest Gest. Piattaforma Multiservizi per le pubbliche amministrazioni Multigest Gest Piattaforma Multiservizi per le pubbliche amministrazioni MULTIGEST DÀ LA POSSIBILITÀ ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, AI CITTADINI E ALL AMBIENTE DI TRARRE GRANDI VANTAGGI MULTI GEST e una

Dettagli

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011

Aggiornamenti sul SISTRI. Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 Aggiornamenti sul SISTRI Unione Industriale di Asti 20 aprile 2011 D.M. 22 settembre 2010 2 Il termine della fase di verifica della funzionalità del sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI, fissato

Dettagli

RiscoComuni 3T. (Time To Tares) Postetributi. Caratteristiche del servizio 17/04/2013

RiscoComuni 3T. (Time To Tares) Postetributi. Caratteristiche del servizio 17/04/2013 RiscoComuni 3T (Time To Tares) Caratteristiche del servizio 17/04/2013 Postetributi Contesto di riferimento La normativa 2 Con l art. 10 comma 2 del Decreto Legge n 35 del 8/4/2013, il Consiglio dei Ministri,

Dettagli

Smaltimento a carico del possessore di Rifiuti speciali da Imballaggi (CASSAZIONE - Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377)

Smaltimento a carico del possessore di Rifiuti speciali da Imballaggi (CASSAZIONE - Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377) Smaltimento a carico del possessore di Rifiuti speciali da Imballaggi (CASSAZIONE - Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377) CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377 Esenzione dalla TARSU di Rifiuti

Dettagli

Scheda Tecnica MyCDR

Scheda Tecnica MyCDR Scheda Tecnica MyCDR Scheda Tecnica MyCDR 1 di 6.10 M ycdr, software realizzato appositamente per la gestione dei Centri di Raccolta, è web based: realizzato con applicazioni open source e non prevede

Dettagli

mobile working application

mobile working application tracciabilità, monitoraggio, certificazione e rendicontazione delle attività di vigilanza mobile working application 1 Vigilanza WEB dispositivo mobile L OTTO GSM per la rilevazione automatica dei dati

Dettagli

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Gestione informatizzata della distribuzione e della tracciabilità dei prodotti sterilizzati Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Il programma

Dettagli

ANALISI DEI CONSUMI ENERGETICI

ANALISI DEI CONSUMI ENERGETICI Ambito progetto ANALISI DEI CONSUMI ENERGETICI Realizzato per INTERSEALS S.r.l. Esigenza IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA PER IL MONITORAGGIO E L ANALISI DEI CONSUMI ENERGETICI AI FINI DI VERIFICARE INEFFICENZE

Dettagli

PER LA RACCOLTA AUTOMATICA DI DATI CERTI!!!

PER LA RACCOLTA AUTOMATICA DI DATI CERTI!!! le nuove tecnologie per la rilevazione automatica dei dati consuntivi degli interventi di manutenzione, senza limiti geografici tracciabilità, monitoraggio, controllo e certificazione l internet delle

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE, UTENSILERIA, CANCELLERIA

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE, UTENSILERIA, CANCELLERIA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE, UTENSILERIA, CANCELLERIA Easywork è la soluzione innovativa per distribuire just in time, all interno dell azienda, dispositivi di protezione individuale (DPI), cancelleria,

Dettagli

ll sito Internet www.nesocell.com è di proprietà di: Nesocell Srl via Livorno n.60 I-10144 Torino - Italia P. IVA 10201820015

ll sito Internet www.nesocell.com è di proprietà di: Nesocell Srl via Livorno n.60 I-10144 Torino - Italia P. IVA 10201820015 ll sito Internet www.nesocell.com è di proprietà di: Nesocell Srl via Livorno n.60 I-10144 Torino - Italia P. IVA 10201820015 Nesocell Srl rispetta la privacy dei visitatori del sito sopracitato e si impegna

Dettagli

Chi ama Narni fa la differenza e viene premiato!!! chiede

Chi ama Narni fa la differenza e viene premiato!!! chiede Numero contratto U Chi ama Narni fa la differenza e viene premiato!!! Il sottoscritto Nato Località data c.f. Intestatario dell utenza TIA numero Per la sua abitazione di residenza Via Località - chiede

Dettagli

Seminari di approfondimento tematico. Febbraio marzo 2014 Palermo, Enna, Messina, Catania.

Seminari di approfondimento tematico. Febbraio marzo 2014 Palermo, Enna, Messina, Catania. Convenzione tra Regione Siciliana (Dipartimento Istruzione e Formazione Professionale) e FormezPA POR FSE 2007-2013 - Regione Siciliana - Asse VII - Capacità Istituzionale Progetto: AZIONI DI SISTEMA PER

Dettagli

Le Tecnologie per il Key-Management

Le Tecnologie per il Key-Management Alessandro Sposi Edizioni Marco Polo Le Tecnologie per il Key-Management Il corretto impiego delle tecnologie per il Key-Management Struttura del documento 1) Premessa 2) Descrizione del sistema complessivo

Dettagli

La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI

La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI La tassazione sui rifiuti delle utenze industriali: la TARI La TARI: La tassa sui rifiuti è destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ed è posta a carico dell utilizzatore.

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

sistemi avanzati di raccolta

sistemi avanzati di raccolta sistemi avanzati di raccolta SISTEMA INTERRATO DI RACCOLTA MULTI-RIFIUTO BREVETTO N. EP1 641 686 OBIETTIVI DEL SISTEMA DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO ISOLA S.r.l Bolzano Via Mendola 49/b - internet: www.isola.cc

Dettagli

RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE

RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO TARES 2013 TARI 2014-2016 1 1. PREMESSA Il presente documento contiene la relazione

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi.

Più differenzi, più riduci, più risparmi. Più differenzi, più riduci, più risparmi. Nel 2013 la tassa sui rifiuti diventa su misura Comune di Colorno Tariffa puntuale Colorno.indd 1 22/04/2013 8.04.09 Più differenzi, più riduci, più risparmi La

Dettagli

L applicazione del Modello Contarina. La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile

L applicazione del Modello Contarina. La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile L applicazione del Modello Contarina La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile 1. La tariffa puntuale 2. I risultati 3. I controlli contro gli abbandoni La

Dettagli

La TA RES... meglio conoscerla. E prenderla per le corna

La TA RES... meglio conoscerla. E prenderla per le corna La TA RES... meglio conoscerla. E prenderla per le corna Forti di una lunga esperienza nella messa a punto di sistemi informatici per la gestione e la bollettazione TARSU/TIA e nella gestione in outsourcing

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE)

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE) COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE) Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Art.14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011, n. 214) ANNO 2013 1 PREMESSA Dal 1

Dettagli

C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti Henry Ford

C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti Henry Ford Professional Method Technological Organization Faro Srl Via per Robecco sul Naviglio 90 - Abbiategrasso TEL. +39 02 903 941 05 FAX. +39 02 903 940 81 C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova

Dettagli

LA TARIFFA PUNTUALE. SPERIMENTAZIONE NEI COMUNI DI CANEGRATE, MAGNAGO E SAN GIORGIO SU LEGNANO

LA TARIFFA PUNTUALE. SPERIMENTAZIONE NEI COMUNI DI CANEGRATE, MAGNAGO E SAN GIORGIO SU LEGNANO LA TARIFFA PUNTUALE. SPERIMENTAZIONE NEI COMUNI DI CANEGRATE, MAGNAGO E SAN GIORGIO SU LEGNANO A cura di Aemme Linea Ambiente SOMMARIO UN PASSO AVANTI 1 LA TARIFFA PUNTUALE 2 PREMESSA 3 LA TARIFFA PUNTUALE.

Dettagli

http://www.sabart.it

http://www.sabart.it Via Zoboli,18-42124 Reggio Emilia - Italy Tel. +39 0522 508511 Fax. +39 0522 514542 Web: www.sabart.it e-mail: info@sabart.it PEC: sabartsrl@legalmail.it Oggetto: Informativa per il sito web In questa

Dettagli

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE torna all Indice Capitolo 2 2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE Ai sensi della normativa europea e nazionale la priorità da perseguire nella gestione dei rifiuti è la prevenzione,

Dettagli

Sistema per la gestione delle

Sistema per la gestione delle Sistema per la gestione delle attività di igiene ambientale Caltanissetta 17 Dicembre 2011 Aula Magna Moncada Consorzio Universitario La gestione dei rifiuti urbani e speciali nel nuovo Sistema di Tracciabilità

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi...

Più differenzi, più riduci, più risparmi... Più differenzi, più riduci, più risparmi...... dal 1 gennaio 2010 la tariffa rifiuti diventa puntuale Comune di San Giorgio PIU DIFFERENZI, PIU RIDUCI, PIU RISPARMI Dal 1 gennaio 2010 la tariffa rifiuti

Dettagli

1. OBIETTIVI DEL SISTEMA

1. OBIETTIVI DEL SISTEMA ALLEGATO E DOCUMENTO DI SINTESI DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO E SUPERVISIONE DELLA VENDITA DEI TITOLI DI VIAGGIO E RIPARTIZIONE DEGLI INTROITI, POSTAZIONI DI EMISSIONE E DI RICARICA DI TITOLI DI VIAGGIO

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4 COMUNE DI FOLLONICA ANNO 2013 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARES) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO (ex art. 8 D.P.R. 27.04.1999, n. 158) SOMMARIO PREMESSA... 3 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano. Approvazione elenco contribuenti T.A.R.S.U. anno 2012 UFFICIO FINANZIARIO COMUNALE SETTORE : Carlo Curreli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano. Approvazione elenco contribuenti T.A.R.S.U. anno 2012 UFFICIO FINANZIARIO COMUNALE SETTORE : Carlo Curreli COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO FINANZIARIO COMUNALE Carlo Curreli COPIA DETERMINAZIONE N. 539 DEL 14/10/2014 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 552 DEL 14/10/2014 OGGETTO:

Dettagli

La Customer Identity: nuove prospettive per la fidelizzazione della clientela

La Customer Identity: nuove prospettive per la fidelizzazione della clientela Crm for Finance La Identity: nuove prospettive per la fidelizzazione della clientela Bruno Item Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio 2007 La Identity: nuove prospettive per la fidelizzazione

Dettagli

Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus. Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente

Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus. Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente Ci vuole meno di un secondo per produrre un sacchetto di plastica ma 400 anni

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE D. Lgs. 151/2005 Normativa RAEE D. Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale NORMATIVA

Dettagli

INFORMATIVA SUL DIRITTO ALLA PRIVACY PER LA CONSULTAZIONE DEL SITO WEB www.arlatighislandi.it

INFORMATIVA SUL DIRITTO ALLA PRIVACY PER LA CONSULTAZIONE DEL SITO WEB www.arlatighislandi.it INFORMATIVA SUL DIRITTO ALLA PRIVACY PER LA CONSULTAZIONE DEL SITO WEB www.arlatighislandi.it redatto ai sensi del decreto legislativo n 196/2003 2 GENNAIO 2014 documento pubblico 1 PREMESSA 3 SEZIONE

Dettagli

OBIETTIVI ANNO 2014 Codice: 1 Denominazione: VERIFICA AREE FABBRICABILI AI FINI ICI E CONTROLLO PER RECUPERO EVASIONE ANNI 2009 2010-2011

OBIETTIVI ANNO 2014 Codice: 1 Denominazione: VERIFICA AREE FABBRICABILI AI FINI ICI E CONTROLLO PER RECUPERO EVASIONE ANNI 2009 2010-2011 OBIETTIVI ANNO 2014 Codice: 1 Denominazione: VERIFICA AREE FABBRICABILI AI FINI ICI E CONTROLLO PER RECUPERO EVASIONE ANNI 2009 2010-2011 Descrizione dell obiettivo: A differenza del controllo delle AF

Dettagli

Fixed asset management. Servizi e applicazioni Censit RFID per gestione patrimoniale, identificazione e tracciabilità

Fixed asset management. Servizi e applicazioni Censit RFID per gestione patrimoniale, identificazione e tracciabilità Fixed asset management Servizi e applicazioni Censit RFID per gestione patrimoniale, identificazione e tracciabilità CHI SIAMO COME LE IDEE... Censit nasce dall esperienza pluriennale di una società COMMERCIAL

Dettagli

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici Scuola Agraria del Parco di Monza 1 Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici MASSIMO CENTEMERO, SANDRO DI SCERNI, MARCO RICCI, VALENTINA CAIMI

Dettagli

Intesia Italia S.r.l. Il Vostro Facility Management

Intesia Italia S.r.l. Il Vostro Facility Management Intesia Italia S.r.l. Il Vostro Facility Management Intesia Chi e dove siamo Intesia International Holding GmbH Böblingen, GERMANIA Intesia GmbH Intesia Austria GmbH Intesia France Sarl Intesia Italia

Dettagli

PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELL OFFERTA

PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELL OFFERTA Allegato D Gara mediante procedura aperta sopra soglia comunitaria con il criterio di aggiudicazione dell offerta economicamente più vantaggiosa per l affidamento del servizio integrato di raccolta, trasporto

Dettagli

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO COMUNE DI CASALE CORTE CERRO (Provincia del Verbano Cusio Ossola) REGOLAMENTO COMUNALE PER CONFERIMENTO RIFIUTI INGOMBRANTI NELL ISOLA ECOLOGICA Approvato con deliberazione C.C. n. 18 del 23/04/2012 I

Dettagli

La raccolta differenziata: stato dell arte delle tecnologie a supporto

La raccolta differenziata: stato dell arte delle tecnologie a supporto La raccolta differenziata: stato dell arte delle tecnologie a supporto Intervento cofinanziato dall UE-PO Puglia FESR 2007-2013 Asse 1 Linea di intervento 1.1 Azione 1.1.2 Elenco delle revisioni Rev. data

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANGROGNA Provincia di Torino COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 DEL 2/07/2013 OGGETTO : DETERMINAZIONE TARIFFE TARES ANNO 2013 L anno duemilatredici, addì due, del mese

Dettagli

Opportunità, Controllo e Performance

Opportunità, Controllo e Performance RFID: LA TECNOLOGIA Opportunità, Controllo e Performance info@mizar-consulting.com 01/26 RFID: La Tecnologia Un sistema di identificazione automatica a radiofrequenza (RFID = Radio Frequency Identification)

Dettagli

_Z[dj_\_YWp_ed[ WkjecWj_YW 7?:9" 7kjecW# j_y?z[dj_\_ywj_ed WdZ :WjW 9Wfjkh[ YeZ_Y_ W XWhh[ XWhYeZ[ H<?: HWZ_e <h[gk[dyo

_Z[dj_\_YWp_ed[ WkjecWj_YW 7?:9 7kjecW# j_y?z[dj_\_ywj_ed WdZ :WjW 9Wfjkh[ YeZ_Y_ W XWhh[ XWhYeZ[ H<?: HWZ_e <h[gk[dyo La tecnologia barcode introdotta alla fine degli anni 40 del ventesimo secolo nel settore alimentare è stata protagonista di un autentica rivoluzione nei sistemi di tracciabilità e gestione dati. I barcode

Dettagli

Data logger SOFREL LT/LT-US Soluzioni per reti di acque reflue

Data logger SOFREL LT/LT-US Soluzioni per reti di acque reflue Data logger SOFREL LT/LT-US Soluzioni per reti di acque reflue I data logger SOFREL LT e LT-US sono stati progettati per la sorveglianza delle reti di acque reflue e pluviali (collettori, scolmatori di

Dettagli

Rifiuti: da problema a risorsa

Rifiuti: da problema a risorsa CONSORZIO NAZIONALE PER IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI BENI A BASE DI POLIETILENE Rifiuti: da problema a risorsa Nota illustrativa sul ciclo di gestione dei rifiuti in Italia CHE COSA SONO I RIFIUTI? Un

Dettagli

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca SinerAccess Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza Sviluppo Innovazione Ricerca Tecnologie RFiD RFId (acronimo di Radio Frequency Identification) è una tecnologia per la identificazione

Dettagli

lo standard della comunicazione tra farmacia e distributore farmaceutico

lo standard della comunicazione tra farmacia e distributore farmaceutico lo standard della comunicazione tra farmacia e distributore farmaceutico 4 4 5 6 6 IL PROTOCOLLO WWW.FARMACLICK.IT I SERVIZI L ARCHITETTURA LA CERTIFICAZIONE 3 IL PROTOCOLLO Farmaclick è un nuovo modo

Dettagli

Più riciclabile, meno secco residuo: una nuova tecnologia a servizio dei cittadini. Turriaco, 23 aprile 2015

Più riciclabile, meno secco residuo: una nuova tecnologia a servizio dei cittadini. Turriaco, 23 aprile 2015 Più riciclabile, meno secco residuo: una nuova tecnologia a servizio dei cittadini Turriaco, 23 aprile 2015 Isontina Ambiente a valle della procedura competitiva per la cessione dei rami energetici e la

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (testo aggiornato al Decreto Legge n.35/2013) N.B. ESCLUSIVAMENTE PER L ANNO 2013 la TARES viene

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

Equitalia spa Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% Agenzia delle entrate, 49% Inps), incaricata dell attività di riscossione nazionale dei tributi. Il suo fine è di contribuire

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI (FAQ) - DOMANDE FREQUENTI 1. PERCHÉ SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? Il servizio di raccolta porta a porta si propone di responsabilizzare gli utenti rispetto ai problemi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

Bilancio annuale 2013. Codifica del Piano dei Conti Denominazione voce del Piano dei Conti Previsioni dell'anno cui si riferisceil bilancio

Bilancio annuale 2013. Codifica del Piano dei Conti Denominazione voce del Piano dei Conti Previsioni dell'anno cui si riferisceil bilancio REGIONE LAZIO Bilancio annuale 2013 Elenco delle previsioni annuali di competenza e di cassa secondo la struttura del piano dei conti Legge di bilancio 2013-2015 Codifica del Piano dei Conti Denominazione

Dettagli