Tribunale Ivrea, civile. Sentenza 12 febbraio 2014, n. 79

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tribunale Ivrea, civile. Sentenza 12 febbraio 2014, n. 79"

Transcript

1 Tribunale Ivrea, civile Sentenza 12 febbraio 2014, n. 79 Integrale SEPARAZIONE CONIUGALE - SEPARAZIONE CONIUGALE - ASSEGNO DI MANTENIMENTO - PRESUPPOSTO - CARENZA DEI MEZZI DELL'UNO CONIUGE A GARANTIRE IL SUO MANTENIMENTO - INADEGUATEZZA DEL REDDITO - PROVA - FATTISPECIE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI IVREA composto dai sigg. Magistrati; dott. Carlomaria Garbellotto Presidente Dott. Alessandro Scialabba Giudice Dott.ssa Stefania Cugge Giudice rel/est. ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta al n. 223/12 R.G. Cont. promossa da CO.Ro., nato a Ivrea il (...) ed ivi residente in Strada (...), elettivamente domiciliato presso lo studio degli avv.ti Pi.Ce. e Fr.Va. che lo rappresentano e difendono per delega posta a margine del ricorso introduttivo; ricorrente contro ZI.El., nata a Polla (SA) il (...) e residente in Ivrea, elettivamente domiciliata presso lo studio dell'avv. Al.St. che la rappresenta e difende in forza di procura speciale alle liti in atti; convenuta Con l'intervento del PUBBLICO MINISTERO in persona del dott. Giuseppe Ferrando- Procuratore della Repubblica di Ivrea Oggetto: Separazione giudiziale coniugi La presente causa era rimessa al Collegio e assegnata a decisione all'udienza del sulle infrascritte conclusioni delle parti e del P.M. LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 1 / 5

2 CONCLUSIONI DEL RICORRENTE; "Piaccia al Tribunale Ill.mo, 1) confermare in tato ed in via definitiva i provvedimenti provvisori assunti dal Presidente con ordinanza sia in relazione all'affidamento condivìso e alle modalità di visita e prelievo della figlia, sia in relazione alle altre questioni economiche (assegnazione della casa coniugale e concorso per il mantenimento della minore). 2) respingere le avverse domande giacché assolutamente infondate. 3) respingere la domanda di addebito proposta dalla moglie dichiarando che la convivenza è venuta meno a causa dei comportamenti della sig.ra Zi. e quindi addebitando alla stessa il fallimento del matrimoni. Protestate le spese di lite ". CONCLUSIONI DEL CONVENUTO; "In via istruttoria, effettuare i dovuti approfondimenti fiscali, anche attraverso indagini di polizia tributaria, rivolti ad un pieno accertamento delle risorse economiche del marito, incluse le disponibilità monetarie e gli investimenti in titoli obbligazionari ed azionari ed in beni mobili, avuto riguardo a tutte le potenzialità derivanti dalla titolarità del patrimonio in termini di redditività, capacità di spesa di garanzie di levato benessere e di fondate aspettative per il futuro. Nel merito, 1) pronunciare la separazione giudiziale dei coniugi con addebito al marito, ai sensi dell'art. 151 comma 2 c.c., per violazione dei doveri nascenti dal matrimonio; 2) disporre l'affidamento condiviso della figli minore Va. ad entrambi i genitori, determinando i tempi e le modalità della sua presenza presso ciascuno di essi, disponendo che la frequentazione tra la minore e la nuova compagna del sig. Co.Ma. sia limitata all'effettiva necessità e subordinata al desiderio della figlia; 3) stabilire i tempi e le modalità della presenza di Va. presso i nonni materni; 4) stabilire a carico del marito l'obbligo di corrispondere alla moglie un assegno mensile per l mantenimento suo e della figlia determinato da questo Giudice sulla base del tenore di vita tenuto in costanza dì matrimonio e delle risultanze processuali e tenuto conto delle somme dì denaro di appartenenza dì entrambi i coniugi trattenute per l'intero dal sig. Co.Ro., disponendone altresì le modalità di restituzione; 5) assegnare all'istante, in quanto rispondente all'interesse della prole, la casa coniugale sita in Ivrea, via (...)". CONCLUSIONI DEL P.M.: Il P.M. accogliersi conclusioni diparte convenuta. RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE 1. Sulla domanda di separazione con addebito. Parte convenuta ha richiesto la pronuncia della separazione con addebito al marito, signor Co. per violazione dei doveri di fedeltà coniugale, di assistenza morale e materiale. Parte ricorrente viceversa ha richiesto la separazione senza domanda di addebito. Deve essere senz'altro pronunciata la separazione atteso che tutta l'istruttoria ha provato il venir meno della comunione materiale e spirituale tra i coniugi, fondamento dell'unione coniugale. Non è stata invece raggiunta la prova della violazione di doveri coniugali da parte del ricorrente causalmente col legata alla fine dell'affectio coniugalis, sicché la domanda di addebito deve essere respinta. In particolare dall'esame delle deposizioni testimoniali non risulta la prova della relazione extraconiugale in costanza di matrimonio, causa della crisi coniugale. Infatti il teste Zi.Ro. ha dichiarato di essere stato chiamato dalla sorella nell'agosto 2011 che le aveva detto di aver trovato sms e fotografia ritraente una donna nuda, nonché dei preservativi e delle pastiglie nelle tasche del marito, ma di non aver visto né gli sms né la fotografia. Lo stesso testimone ha poi dichiarato che era vero che il Co. nel novembre 2012 si era recato nella casa di Bordìghera con la figlia Va., la nuova compagna, nonché nelle vacanze natalizie 2012 a casa della compagna a Gressoney insieme alla figlia. La teste An.Ma., cognata della convenuta ha affermato che la nipote Va. le aveva raccontato che avrebbe passato le vacanze del primo novembre 2012 a Bordighera con l'amica del papà e con i figli, così anche le vacanze natalizie La madre della convenuta ha affermato "la bimba mi ha raccontato che ha fatto una bella vacanza con il papà e la nuova compagna". Dal complesso di tali testimonianze è provato soltanto che dopo l'udienza presidenziale avvenuta il 10 maggio 2012, il ricorrente insieme alla figlia ha trascorso alcuni giorni di vacanze nel novembre e poi nel dicembre 2012 con una donna e i figli di questa. I testimoni hanno detto che la nipote Va. ha definito la signora "nuova compagna", "amica del papà". Si tratta di indicazioni che da sole non sono idonee a provare la sussistenza di relazione extraconiugale tra il ricorrente e tale donna, di cui non si conosce il nome, né che detta relazione risalga al tempo nel quale il signor Co. era ancora sposato, causando la crisi del matrimonio. Il solo lasso temporale, (maggio udienza presidenziale, novembre prima vacanza), non è di per sé tale da provare la risalenza della relazione, tenuto conto che le indicazione riportate de relato dai testi circa la posizione di compagna, amica del papà, sono del tutto generiche. A ciò si deve aggiungere che non è emerso alcun elemento idoneo a provare che la signora con la quale il Co. si è recato, unitamente alla figlia, al mare e in montagna, sia la stessa donna di cui alla fotografia e ai messaggi visti dalla signora Zi. nell'agosto Ne consegue che non è provato che il Co. si sia reso inadempiente all'obbligo di fedeltà coltivando una relazione extraconiugale in costanza di matrimonio causa della crisi matrimoniale. La scoperta di sms al contenuto, definito dalla convenuta amoroso, non provato in quanto detti LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 2 / 5

3 messaggi non sono stati prodotti, non è di per sé indicativo della sussistenza di relazione extraconiugale. Non risulta neppure provato che la crisi coniugale sia stata determinata dal comportamento di disinteresse verso la moglie e la figlia tenuto dal ricorrente, In particolare dal complesso delle testimonianze risulta che il signor Co. durante la pausa pranzo svolgeva attività di spinning di cui è divenuto istruttore, che frequentava la palestra anche la sera (cfr testimonianza Zi.Ro.), faceva qualche volta fotografia saltuariamente il sabato o la domenica (cfr. deposizione Co.Ma.). Sulla assiduità di detti impegni la teste To. ha dichiarato "io tenevo la bambina, lui arrivava alla sera con la sacca. Mia figlia lavorava perché faceva i turni", mentre il teste Zi. ha dato indicazioni assolutamente generiche dicendo che quando andava a trovare alla sera la sorella erano più le volte che il marito non c'era che quelle che era presente. Orbene dalla deposizione della sig.ra To.. Risulta che l'impegno serale della palestra poteva coincidere con i turni lavorativi della moglie, mentre la circostanza che il teste Zi., non trovasse il cognato non è indicativo di una assenza costante di quest'ultimo, non essendo tutte le sere presente a casa della sorella. Né la prova dell'allontanamento del marito dalla moglie, della mancanza di assistenza a quest'ultima è fornita dal rifiuto di quest'ultimo di avere un secondo figlio. Le testimonianze sul punto sono infatti assolutamente divergenti. Da un lato il teste Co.Ma. ha dichiarato che "da quello che mi risulta era lei che non voleva il secondo figlio. Ne parlavamo io e mio fratello, Io ho avuto la seconda bambina e mio fratello mi disse che la moglie non voleva.", mentre il teste Zi.Ro. ha affermato "io so che in più occasioni ho sentito questa voglia da parte di mia sorella e non anche da parte di mio cognato", la teste To. ha deposto "in occasione di una cena è venuto fuori che mia figlia avrebbe voluto un altro figlio m il marito diceva che ormai a bambina aveva già 5 anni e che non voleva più averne ". Dal complesso di tali testimonianze se da un lato vi è contraddizione circa chi dei due coniugi non volesse avere più figli, dall'altro risulta che anche laddove non si volesse ritenere attendibile la deposizione di Co.Ma., comunque risulta provato che l'eventuale rifiuto ad avere un secondo figlio non era certo determinato dal venir meno di affetto del Co. verso la moglie, ma dalla difficoltà connessa con gli impegni derivanti dall'avere un neonato a fronte di una bimba ormai autosufficiente. Infine risulta provato che il ricorrente, seppur in diversa misura, contribuiva agli impegni connessi alla crescita ed educazione della figlia. Sul punto è importante la testimonianza Co.Se. e Za.Al.. Il primo ha precisato che il Co. accompagnava la bambina a scuola e di saperlo perché anche lui faceva ciò e lo incontrava, che aveva fatto i corsi di sci insieme al Co. e alla figlia, il teste Za. ha affermato di aver condiviso con il Co. e la figlia il corso gli sci. Infine il fratello del Co., Co.Ma., ha dichiarato che il ricorrente andava a prendere la figlia al basket, la andava a prendere e portare a scuola, andava ai colloqui. Tali testimonianze vanno coordinate con quanto detto dai testi di parte convenuta. In particolare Zi.Ro. ha affermato che la sorella aiutava la figlia nei compiti, aveva provveduto all'iscrizione a scuola, la teste An. ha affermato che per l'80/90 per cento la Zi. si occupava dell'educazione della figlia, la sig.ra To. ha detto che il genero accompagnava la nipote a scuola, per il resto se ne occupava la figlia. Dette deposizioni provano che il signor Co. seppur, in misura minore rispetto alla moglie, ha comunque seguito la figlia nelle attività scolastiche e sportive. La diversa misura del contributo da lui dato è spiegabile alla luce della ripartizione di compiti concordata tra le parti: l'istruttoria ha provato che per accordo comune la sig.ra Zi. aveva lasciato il lavoro, aveva optato per un impegno partirne vicino a casa, proprio per curare la figlia. Sul punto il teste Za. ha dichiarato: "si è vero mi ricordo che autonomamente aveva preferito acquisire un'attività partirne. Non ho memoria di divergenze dì opinioni tra dì loro sul punto". Così la teste To. "mia figlia ha perso un lavoro che le piaceva ma lo ha fatto perché vedeva poco la bambina, è avvenuto di comune accordo, un persona offesa le è dispiaciuto ". Anche la teste An. ha dichiarato che la scelta di lasciare 1 lavoro era stata presa di comune accordo. Dal complesso di tali testimonianze risulta così da un alto che la convenuta ha lasciato il lavoro d'accordo proprio perché voleva curare di più la figlia e dall'altro che il Co. ha collaborato con la moglie nell'educazione della figlia, seppur in misura minore tenuto conto dell'impegno lavorativo. Dalle considerazioni svolte emerge così che la domanda di addebito della separazione al marito deve essere respinta non sussistendone i presupposti. 2. Il regime di affidamento della minore. Entrambe le parti hanno richiesto l'affidamento condiviso della minore con collocazione residenziale presso la madre con disciplina delle modalità di visita al padre. LA convenuta ha altresì formulato in sede di precisazione delle conclusioni domanda volta a disciplinare la frequentazione della minore con la compagna del padre, nonché le modalità e tempi di visita ai nonni materni. Merita senz'altro accoglimento la domanda di affidamento condiviso ad entrambi i genitori atteso che non sono emerse nel corso di causa circostanze tali da rendere detto regime di affidamento contrastante con l'interesse della minore a mantenere un rapporto eguale e costante con entrambi i genitori. Deve essere pertanto disposto l'affidamento condiviso di Va. ad entrambi i genitori con collocazione residenziale prevalente presso la madre, proprio al fine di garantire continuità nelle modalità e condizioni di vita della minore, con esercizio disgiunto della potestà sulle questioni di ordinaria amministrazione. Con riferimento ai tempi e modi di frequentazione del signor Co. con la figlia Va. devono essere confermate le modalità stabilite nell'ordinanza presidenziale, così come riportate nella parte dispositiva. LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 3 / 5

4 Ritiene il Collegio che, stante l'età della minore quattordicenne il prossimo 4 aprile, rimettere alla scelta della stessa modalità e tempi di frequentazione con i nonni materni. Viceversa la domanda volta a disciplinare la frequentazione con la compagna del padre non può essere accolta atteso che si tratta di persona estranea al nucleo familiare, sicché esula dall'oggetto del presente giudizio. 3. Statuizioni economiche; assegnazione casa coniugale, assegno di mantenimento. Parte convenuta ha formulato domanda di assegnazione della casa coniugale, peraltro già chiesta con il ricorso introduttivo dallo stesso ricorrente. Tale domanda deve essere accolta sussistendone i presupposti. Infatti la figlia minore Va. ha collocazione residenziale prevalente presso la mare, sicché, proprio al fine di tutelare il suo preminente interesse a non subire modificazione circa il luogo e l'ambiente ove è cresciuta, ha maturato le sue relazioni, subendo in minor misura possibile i cambiamenti che necessariamente derivano dalla fine della relazione coniugale dei genitori, la casa coniugale, ove la minore è cresciuta deve essere attribuita alla sig.ra Zi. Dalla circostanza che la minore viva prevalentemente con la mare discende per i padre l'obbligo i partecipare e contribuire al mantenimento della figlia in proporzione alle sue risorse. Ai fini della determinazione della misura dell'assegno dovuto a titolo di contributo al mantenimento della figlia Va. soccorrono i criteri indicati dall'art. 155 c.c., ossia attuali esigenze del figlio, tenore di vita goduto nel corso della convivenza con entrambi i genitori, i tempi di permanenza presso ciascun genitore, le risorse economiche, la valenza economica dei compiti di cura e di quelli domestici assunti da ciascun genitori. Facendo applicazione di tali principi si osserva che dall'istruttoria svolta e dalla documentazione versata in atti risulta che Va. ha potuto godere della disponibilità di un'abitazione in montagna per sei mesi all'anno (cfr. contratti di locazione dell'abitazione sita in Gressoney St. Jean), ha potuto trascorrere le vacanze estive a Djerba nel 2010, a Olbia nel 2011, risulta un acconto per viaggio a New York sempre nel novembre 2011 (cfr. doc. 4 di parte convenuta). Dalla documentazione versata in atti emerge che il signor Co. secondo la dichiarazione dei redditi 2011 ha un reddito imponibile per l'anno 2010 di ,00 euro, con uno stipendio mensile di euro 1000,00, 1500,00 (cfr. doc. D prodotto dalla difesa del ricorrente). Risulta titolare di più società riguardo alle quali ha allegato, ma non provato attraverso idonea documentazione la mancata produzione di redditi. Ne consegue che le indicazioni del reddito percepito derivanti dalla dichiarazione dei redditi e dagli estratti conto agli atti sono indicative, ma non già esaustive della determinazione del reddito percepito dallo stesso. La sig.ra Zi. risulta percepire uno stipendio mensile di euro 900,00, la stessa provvede in via principale a tutti i compiti domestici relativi alla cura della figlia Va. convivente, trascorrendo la minore la maggior parte della vita con la madre. Alla luce di tali evidenze istruttorie si stima equo fissare l'ammontare dell'assegno di mantenimento dovuto dal signor Co. a titolo di contributo per la figlia Va. in euro 350, mensili annualmente rivalutabili in base agli indici ISTAT, oltre al 60 per cento delle spese mediche non coperte dal SSN, spese scolastiche, extrascolastiche, sportive, ricreative, previamente documentate e concordate. Con riferimento alla domanda di assegno di mantenimento per sé svolta da parte convenuta si osserva che presupposto per il riconoscimento dell'assegno è che il coniuge non abbia adeguati redditi propri per il proprio mantenimento. Sul punto la giurisprudenza di legittimità è consolidata nel senso di ancorare il riconoscimento all'assegno di mantenimento alla circostanza che il reddito, seppur esistente in capo al richiedente non sia tale da permettere di godere di una condizione di vita analoga a quella che avrebbe avuto se la separazione non fosse intervenuta, nonché sussista disparità di reddito tra i coniugi. Nel caso in esame risulta che durante il matrimonio i coniugi hanno potuto effettuare alcune vacanze estive nel 2007, 2010, 2011, hanno preso in locazione un appartamento per le vacanze invernali (sei mesi), al costo di 3000,00 euro, 2500 euro, più spese condominiali (cfr. produzioni documentali della convenuta agli atti), hanno costruito una casa avvalendosi in parte della somma regalata dai genitori del Co. pari a euro (cfr. deposizione testimoniale Co.Ma.), in parte contraendo un mutuo, le cui rate sono pagate dallo stesso Co., hanno effettuato investimenti in titoli e polizze vita. Tali risultanze provano che in costanza di matrimonio i coniugi conducevano un tenore di vita soddisfacente, indicativo di una capacità reddituale superiore a quella risultante dalle dichiarazioni agli atti. Infatti secondo le dichiarazioni dei redditi agli atti il signor Co. avrebbe percepito un reddito di circa 1600 euro mensili lordi nel 2009 e di circa 1184 euro lordi nel Pur aggiungendo il reddito della moglie pari a euro 900,00, il reddito complessivo non è adeguato rispetto alle spese documentate per le vacanze, tenuto conto che i coniugi dovevano anche far fronte alla rata di mutuo di euro 477,00 circa. Ne consegue che le risultanze documentale sulla misura del reddito del ricorrente hanno valore meramente indicativo. Ai fini della ricostruzione della situazione economica delle parti assume rilievo la documentazione prodotta da parte ricorrente attestante l'ammontare attuale ^gli investimenti effettuati, ossia un investimento in fondo comune di euro ,52, investimento in titoli pari a euro 1000,96, mentre dal doc, C risulta versare mensilmente la rata del mutuo della casa già coniugale pari a euro 477,38. LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 4 / 5

5 Dalle produzioni documentali della difesa di parte convenuta emerge che il signor Co. ha altresì riscosso la somma di euro 1393,25 derivante dallo smobilizzo del fondo ME., nonché prelevava dal conto comune accreditandole sul conto a lui intestato n la somma di euro 3000,00 (cfr. doc. 4 parte convenuta e doc. E parte ricorrente), nonché risulta dal doc, 4 di parte convenuta che oltre agli emolumenti a lui versati dalla società CO. il Co. in data 25 marzo 2011 ha ricevuto dalla società C. la somma di euro 972,34, Si tratta di evidenza che prova che il ricorrente oltre agli emolumenti derivanti dalla società di carrozzeria percepisce anche introiti dall'attività facente capo alla società di revisione. Alla luce dell'analisi delle contrapposte situazioni reddittuali, finanziarie delle parti, risulta disparità tra le parti e inidoneità del reddito della convenuta a garantire il godimento di condizioni di vita analoghe a quelle che avrebbe se il matrimonio fosse proseguito. Ne consegue che deve essere accolta la domanda di assegno di mantenimento avanzata dalla difesa della Zi.. Alla luce di tutte le evidenze contabili, tenuto altresì conto, che il signor Co. provvede al pagamento della rata del mutuo relativa alla casa già coniugale, assegnata alla sig.ra Zi. l'ammontare di tale assegno deve essere pari a euro 150,00 somma annualmente rivalutabile in base agli indici ISTAT. Tale somma come quella dovuta per il mantenimento della figlia dovrà essere versata entro il giorno 5 di ogni mese. In considerazione dell'esito del giudizio caratterizzato dalla soccombenza reciproca le spese di lite vanno compensate tra le parti. P.Q.M. il Tribunale di Ivrea definitivamente pronunciando, disattese ogni altra istanza eccezione e deduzione, sentito il P.M., così provvede; 1. pronuncia la separazione personale tra i coniugi Co.Ro. e Zi.El.; 2. assegna a Zi.El. la casa coniugale; 3. affida Co.Va. alla madre, con collocazione residenziale prevalente presso la madre, esercizio disgiunto della potestà sulle questioni di ordinaria amministrazione, con facoltà per il padre di vederla e tenerla con sé con le seguenti modalità: - il padre potrà vederla e tenerla con sé secondo a piacimento, nonché a fine settimana alternati dall'uscita da scuola alla domenica dopo cena alle ore 21,30; ad anni alterni dal 23 al 30 dicembre ovvero dal 31 dicembre al 6 gennaio, ad anni alterni per le vacanze pasquali, durante le vacanze estive 21 giorni anche non consecutivi in periodi da concordare tra i genitori entro il 31 maggio di ogni anno; 4. dispone che il padre versi alla madre, entro il giorno 5 di ogni mese, a titolo di contributo per il mantenimento del figlia, l'importo mensile di Euro 300,00, annualmente rivalutabile in base agli indici ISTAT, oltre al 60 per cento delle spese scolastiche e mediche non coperte dal S.S.N. adeguatamente documentate, spese extrascolastiche, sportive, ricreative debitamente concordate e documentate; 5. dispone che il signor Co. versi, entro il giorno 5 di ogni mese, alla signora Zi. a titolo di assegno di mantenimento la somma di euro 150,00 mensili, somma annualmente rivalutabile in base agli indici ISTAT; 6. compensa integralmente tra le parti le spese di causa. Così deciso in Ivrea il 7 febbraio Depositato in Cancelleria il 12 febbraio LEX24 - Gruppo 24 ORE Pagina 5 / 5

Affidamento condiviso ma nomina di un terzo a protezione del fanciullo

Affidamento condiviso ma nomina di un terzo a protezione del fanciullo Affidamento condiviso ma nomina di un terzo a protezione del fanciullo Trib. Reggio Emilia, sez. I civ., sentenza 11 giugno 2015 (Pres., rel. Annamaria Casadonte) Separazione Affidamento condiviso Conflittualità

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. M.F.Pricoco Presidente dott. U. Zingales Giudice est. dott. L. Di Natale Componente privato dott. G. Armenia Componente privato riunito in camera

Dettagli

TRIBUNALE DI RICORSO PER LA PRONUNCIA DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO. il Sig. XXX, nato il..,residente in.

TRIBUNALE DI RICORSO PER LA PRONUNCIA DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO. il Sig. XXX, nato il..,residente in. TRIBUNALE DI RICORSO PER LA PRONUNCIA DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO Ill.mo Sig. Presidente, il Sig. XXX, nato il..,residente in., via, n., c.f.:., rappresentato e difeso, come da procura

Dettagli

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

=================== IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Il presente provvedimento costituisce una delle prime decisioni da parte di un tribunale per i minorenni sulle questioni economiche relativamente ai figli di genitori non coniugati dopo la nota ordinanza

Dettagli

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. Il Tribunale Ordinario di Venezia, Sezione III^ Civile, riunito in camera di SENTENZA

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. Il Tribunale Ordinario di Venezia, Sezione III^ Civile, riunito in camera di SENTENZA Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale Ordinario di Venezia, Sezione III^ Civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei seguenti magistrati: dott. Maurizio GIONFRIDA Presidente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE composto dai signori dr. Calogero Domenico Cammarata Presidente dr. Gaetano Sole Giudice dr. Andrea Giuseppe

Dettagli

Causa trattenuta in decisione all'udienza del (Omissis) sulle seguenti

Causa trattenuta in decisione all'udienza del (Omissis) sulle seguenti REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ANCONA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Ancona, in composizione collegiale, riunito in camera di consiglio e composto da: Dr. Francesca Miconi

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA Prima Sezione Civile. Il Tribunale, riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati. dr Giovanni Dipietro

TRIBUNALE DI CATANIA Prima Sezione Civile. Il Tribunale, riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati. dr Giovanni Dipietro TRIBUNALE DI CATANIA Prima Sezione Civile Il Tribunale, riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati dr Elio Morgia Presidente dr Giovanni Dipietro Giudice dr Massimo Escher Giudice rel. letti

Dettagli

nella causa civile iscritta al n. 324/2002 R.G. affari contenziosi, vertente

nella causa civile iscritta al n. 324/2002 R.G. affari contenziosi, vertente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRlBUNALE DI BRINDISI - Sezione civile - composto dai seguenti magistrati: ha emesso la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta al n. 324/2002 R.G.

Dettagli

TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex. art. 155ter c.c.

TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex. art. 155ter c.c. TRIBUNALE DI... Ricorso per la modificazione delle condizioni di separazione ex art. 155ter c.c. Il sig.... nato a... il... e residente in... Via... n.... è rappresentato e difeso per mandato a margine

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI.. Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse del Sig. XXX, nato a il.

TRIBUNALE CIVILE DI.. Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse del Sig. XXX, nato a il. TRIBUNALE CIVILE DI.. Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse del Sig. XXX, nato a il., residente in..., via., n..., c.f.:, rappresentato e difeso, come da

Dettagli

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE Con ricorso, depositato in data 3.2.2012, C chiedeva a questo Tribunale di dichiarare la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario contratto

Dettagli

21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE

21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE Parte Terza. La separazione personale dei coniugi 21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE TRIBUNALE DI... (1) Ricorso per separazione giudiziale dei coniugi PER..., nata a... (...), il... cod.

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI PRATO Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse della Sig.ra YYY, nata a..., il...

TRIBUNALE CIVILE DI PRATO Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse della Sig.ra YYY, nata a..., il... TRIBUNALE CIVILE DI PRATO Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse della Sig.ra YYY, nata a..., il... e residente a Prato, Via... n..., C.F...., del Sig. XXX,

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO DELLE PARTI CASS. CIV., SEZ. I, 4 NOVEMBRE 2010, N. 22501. In tema di scioglimento del matrimonio, nella disciplina dettata dall'art. 5 l. n. 898/70,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA QUARTA SEZIONE CIVILE riunito in camera di consiglio nelle persone dei sigg.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA QUARTA SEZIONE CIVILE riunito in camera di consiglio nelle persone dei sigg. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA QUARTA SEZIONE CIVILE riunito in camera di consiglio nelle persone dei sigg. magistrati: dott. Claudio Miele - Presidente - dott.ssa Claudia

Dettagli

TRIBUNALE DI... RICORSO PER SEPARAZIONE GIUDIZIALE DEI CONIUGI ESPONE QUANTO SEGUE

TRIBUNALE DI... RICORSO PER SEPARAZIONE GIUDIZIALE DEI CONIUGI ESPONE QUANTO SEGUE Capitolo I Separazione personale dei coniugi Sezione I Separazione giudiziale Formula 1 Sez. 1 - Separazione giudiziale 27 FORMULA 1 RICORSO PER SEPARAZIONE GIUDIZIALE SENZA RICHIESTA DI ADDEBITO E PROVVEDIMENTI

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto 1 of 5 19/04/11 16.47 Quotidiano d'informazione giuridica - n.3201del 19.04.2011 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Affido condiviso va negato se genitore minaccia di portare

Dettagli

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria n. 11/12 A. Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, riunito in camera di consiglio, con l intervento

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE. La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati

CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE. La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Gaetano CATALANI consigliere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE così composto: dott. Alberto BUCCI presidente dott. Massimo CORRIAS giudice dott. Franca MANGANO giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella - Presidente Dott. BERNARDI

Dettagli

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro Udienza del 11.3.2008 N. 1061/06 RG Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano Il Giudice di Monza Dott.ssa Silvia Russo, quale giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione. Rg. n.. Dott.ssa. Udienza. Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via

TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione. Rg. n.. Dott.ssa. Udienza. Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione Rg. n.. Dott.ssa Udienza. Nell'interesse della Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via, n.... c.f.:, rappresentata e difesa dall Avv... del Foro di... ed elettivamente

Dettagli

Art. 150. Separazione personale.

Art. 150. Separazione personale. CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio Capo V Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi Art. 149. Scioglimento del matrimonio. Il matrimonio

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SEZIONE PERSONA E FAMIGLIA composta dai magistrati: Enrica Maria Mazzacane -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SEZIONE PERSONA E FAMIGLIA composta dai magistrati: Enrica Maria Mazzacane - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI ROMA SEZIONE PERSONA E FAMIGLIA composta dai magistrati: Enrica Maria Mazzacane - Presidente - Mariagiulia De Marco - Consigliere rel.

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO NONA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO NONA SEZIONE CIVILE composto dai signori Magistrati: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO NONA SEZIONE CIVILE Dott.ssa Nadia Dell'Arciprete - Presidente - Dott.ssa Enrica Manfredini - Giudice

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori:

N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori: Mod. 6 TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BARI N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori: 1) Dr. Valeria Montaruli

Dettagli

N. /10 R.G. - MINORI La Corte di Appello di Brescia, Sezione per i Minorenni, composta dai signori:

N. /10 R.G. - MINORI La Corte di Appello di Brescia, Sezione per i Minorenni, composta dai signori: 1 N. /10 R.G. - MINORI La Corte di Appello di Brescia, Sezione per i Minorenni, composta dai signori: CAMPANATO dott. Graziana Presidente LENDARO dott. Carla Marina Consigliere rel. SPINA dott. Luciano

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA QUINTA SEZIONE CIVILE il dott. Roberto Ghiron, in funzione di Giudice Unico di

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA QUINTA SEZIONE CIVILE il dott. Roberto Ghiron, in funzione di Giudice Unico di REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA QUINTA SEZIONE CIVILE il dott. Roberto Ghiron, in funzione di Giudice Unico di primo grado, V Sezione Civile del Tribunale di Roma ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Tribunale Napoli, Sezione 1 civile. Sentenza 25 gennaio 2014, n. 1211

Tribunale Napoli, Sezione 1 civile. Sentenza 25 gennaio 2014, n. 1211 www.lex24.ilsole24ore.com Tribunale Napoli, Sezione 1 civile Sentenza 25 gennaio 2014, n. 1211 Integrale SEPARAZIONE CONIUGALE - SEPARAZIONE CONIUGALE - ASSEGNO DI MANTENIMENTO - PRESUPPOSTO - ISTANTE

Dettagli

CONTRO. ha pronunciato la seguente ORDINANZA

CONTRO. ha pronunciato la seguente ORDINANZA IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE composto dai sigg.ri Magistrati: Dott. Ezio SINISCALCHI Presidente Dott. Anna Maria GERLI Giudice Dott. Anna BONFILIO Giudice rel. nel procedimento

Dettagli

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n.

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. 7477 Il caso è quello di due genitori - in rapporti fortemente

Dettagli

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica)

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica) Agata Christie Investigation Sas Via Luigi Razza 4 20124 Milano Milano Tel. 02 344223 Fax 02 344189 E-mail: max@agatachristie.it website: http://www.agatachristie.it Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano

Dettagli

IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE SENTENZA

IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI BOLOGNA PRIMA SEZIONE CIVILE in composizione collegiale, nella persona dei magistrati Dr. Siro Sardo Dr. Matilde Betti Dr. Antonio Costanzo

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE Esaminati gli atti del procedimento iscritto al n. 344/2007 R.G., sciogliendo la riserva che precede; OSSERVA Va, innanzitutto,

Dettagli

TRIBUNALE DI S. MARIA C.V. RICORSO PER SEPARAZIONE CONSENSUALE EX ART. 711 C.P.C.

TRIBUNALE DI S. MARIA C.V. RICORSO PER SEPARAZIONE CONSENSUALE EX ART. 711 C.P.C. P R O C U R A Avv. TRIBUNALE DI S. MARIA C.V. RICORSO PER SEPARAZIONE CONSENSUALE EX ART. 711 C.P.C. I sottoscritti coniugi nato a il, di professione (C.F. ) e, nata a il di professione (C.F. ), entrambi

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SEPARAZIONE DEI CONIUGI - CASA CONIUGALE. CASS. CIV., SEZ. I, 24 LUGLIO 2012, N. 12977. Può farsi luogo ad assegnazione della casa coniugale ad uno dei coniugi, nell'interesse preminente dei figli minori

Dettagli

CORTE D APPELLO DI TRENTO; ordinanza 15 giugn. 2006; Pres. CHIMENZ; Rel. SANTANIELLO, R. c. J.B. Riforma Trib. Trento ordinanza 11 maggio 2006.

CORTE D APPELLO DI TRENTO; ordinanza 15 giugn. 2006; Pres. CHIMENZ; Rel. SANTANIELLO, R. c. J.B. Riforma Trib. Trento ordinanza 11 maggio 2006. CORTE D APPELLO DI TRENTO; ordinanza 15 giugn 2006; Pres. CHIMENZ; Rel. SANTANIELLO, R. c. J.B. La Corte d Appello di Trento, Sezione Prima, riunita in camera di consiglio nelle persone dei Signori Magistrati:

Dettagli

Trib. Milano, sez. IX, sentenza 4 11 dicembre 2013 (Pres. Ortolan, rel. Buffone)

Trib. Milano, sez. IX, sentenza 4 11 dicembre 2013 (Pres. Ortolan, rel. Buffone) Trib. Milano, sez. IX, sentenza 4 11 dicembre 2013 (Pres. Ortolan, rel. Buffone) Pagina 1 RIPARTO DI COMPETENZA TRA TRIBUNALE ORDINARIO E TRIBUNALE MINORILE LIMITAZIONI DELLA RESPONSABILITÀ GENITORIALE

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI CATANIA. Sezione della Persona e della Famiglia. La Corte di Appello di Catania, riunita in camera di consiglio, così composta:

CORTE DI APPELLO DI CATANIA. Sezione della Persona e della Famiglia. La Corte di Appello di Catania, riunita in camera di consiglio, così composta: CORTE DI APPELLO DI CATANIA Sezione della Persona e della Famiglia La Corte di Appello di Catania, riunita in camera di consiglio, così composta: dott. Maria Concetta SPANTO dott. Antonella G. MAGNAVITA

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI CIVILE. Ordinanza 2 dicembre 2010, n. 24526

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI CIVILE. Ordinanza 2 dicembre 2010, n. 24526 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. Paolo VITTORIA Dott. Francesco Maria FIORETTI Dott. Francesco FELICBTTI Dott. Renato RORDORF Dott. Stefano

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 22456 Anno 2014 Presidente: ODDO MASSIMO Relatore: BUCCIANTE ETTORE Data pubblicazione: 22/10/2014 SENTENZA sul ricorso 29147-2008 proposto da: REGNI LAURA natqa ROMA il 11/07/1961,

Dettagli

Figlio che lascia un lavoretto per l università ha diritto al mantenimento

Figlio che lascia un lavoretto per l università ha diritto al mantenimento Omnibus Italia Servizi Assicurativi www.omnibusitalia.com Figlio che lascia un lavoretto per l università ha diritto al mantenimento Ai fini del riconoscimento dell'assegno divorzile sono considerate idonee

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ESENTE DA REGISTRAZIONE Al SENSI DEL D.P.R. 26/411956 N. 131 TAB. ALL. B. - N.5 MATERIA TRIBUTARIA REPUBBLICA ITALIANA 2221. 1 5 Oggetto IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE

Dettagli

CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI. In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e

CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI. In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e divorzi che si registrano nel nostro Paese ogni anno, considerando

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Elenco delle principali abbreviazioni... XXIII CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Guida bibliografica... 3 Profili generali................ 7 1.1. Le questioni da affrontare..........

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

TAR LAZIO sentenza n. 14481/2004

TAR LAZIO sentenza n. 14481/2004 SENTENZE IN SANITÀ TAR LAZIO TAR LAZIO sentenza n. 14481/2004 Non vi sono norme di legge che menzionano tra i motivi di incompatibilità o di esclusione da scuole di specializzazione il possesso di altre

Dettagli

2006; Pres. NUZZI ; Rel. SANTANI ELLO, B. R. c. B.M..

2006; Pres. NUZZI ; Rel. SANTANI ELLO, B. R. c. B.M.. &257( ' $33(//2 ', 75(172 ordinanza 24 agosto 2006; Pres. NUZZI ; Rel. SANTANI ELLO, B. R. c. B.M.. &RQIHUPD7ULE7UHQWRRUGLQDQ]DDJRVWR. 6HSDUD]LRQH SHUVRQDOH ± 2UGLQDQ]D SUHVLGHQ]LDOH ± 5HFODPR ± /LPLWL

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 www.lex24.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 Integrale - Condominio negli edifici - Amministratore - Attribuzioni - Riscossione contributi ed erogazione

Dettagli

TRIBUNALE DI PERUGIA PROTOCOLLO PER IL PROCESSO DI FAMIGLIA ***

TRIBUNALE DI PERUGIA PROTOCOLLO PER IL PROCESSO DI FAMIGLIA *** TRIBUNALE DI PERUGIA PROTOCOLLO PER IL PROCESSO DI FAMIGLIA Stipulato tra Ie seguenti parti: Tribunale di Perugia Ordine degli avvocati di Perugia Associazione italiana avvocati per la famiglia e per i

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Sentenza n. 2051/05 Pronunziata il 07.03.2005 Depositata il 01.12.2005 1 Matrimonio e divorzio Divorzio: assegno di mantenimento dei figli Figlio maggiorenne Lavoro temporaneo Attualità o reviviscenza

Dettagli

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal LA GRIGLIA NORMATIVA RICHIAMATA DALLA FATTISPECIE Le norme di diritto sostanziale Art. 143 Codice Civile: Diritti e doveri reciproci dei coniugi. Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli

Dettagli

Corte App. Catania, sez. Famiglia, decreto 15 febbraio 2016

Corte App. Catania, sez. Famiglia, decreto 15 febbraio 2016 Corte App. Catania, sez. Famiglia, decreto 15 febbraio 2016 (Pres.Motta,rel. Russo) FATTO E DIRITTO Il Tribunale di Ragusa con il provvedimento di cui in epigrafe ha concluso il giudizio di revisione delle

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 ORDINANZA

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 ORDINANZA 18277/ 15 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE -1 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. SALVATORE DI PALMA - Presidente - Oggetto *FALLIMENTO E ISTITUTI AFFINI Dott. RENATO BERNABAI

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PERUGIA

IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. La domanda di risarcimento danni provocati da infiltrazioni di acqua piovana durante l espletamento di lavori di ristrutturazione e miglioramento sismico di un immobile va respinta se l attore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione LA LEGGE 10 DICEMBRE 2012 N. 219 HA INTRODOTTO MODIFICHE DI DIRITTO NELLA DELICATA MATERIA DELLA PROTEZIONE DEL MINORE INTRODUCENDO NELL ORDINAMENTO LA CONDIZIONE UNITARIA DI FIGLIO SENZA PIÙ DISTINZIONI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 00695/2015 REG.PROV.COLL. N. 03212/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

La Corte d appello di Bari ha affrontato due questioni interpretative, Sotto il primo profilo, ha affermato che il reclamo alla Corte

La Corte d appello di Bari ha affrontato due questioni interpretative, Sotto il primo profilo, ha affermato che il reclamo alla Corte La Corte d appello di Bari ha affrontato due questioni interpretative, l una processuale e l altra sostanziale. Sotto il primo profilo, ha affermato che il reclamo alla Corte d appello avverso le ordinanze

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

TRIBUNALE DI. Sezione RICORSO CONGIUNTO PER LA DICHIARAZIONE DI SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO CIVILE/ DELLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL

TRIBUNALE DI. Sezione RICORSO CONGIUNTO PER LA DICHIARAZIONE DI SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO CIVILE/ DELLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL TRIBUNALE DI Sezione RICORSO CONGIUNTO PER LA DICHIARAZIONE DI SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO CIVILE/ DELLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO PER \\server\data\sito studio\formule\ricorso per

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Famiglia regime patrimoniale - Utili spettanti al compartecipe dell impresa familiare Decreto ingiuntivo - Prelievi in addebito dal conto corrente della ditta da parte del compartecipe - Somme non attinenti

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine dell'unione tra P.M. e Pa.Mi., il Tribunale di Milano

Dettagli

Sentenza n. 2740/2008

Sentenza n. 2740/2008 Corte Suprema di Cassazione - Civile Sezione I Civile Sentenza n. 2740/2008 deposito del 05 febbraio 2008 Svolgimento del processo Con ricorso depositato l'8.10.1999, M. B. chiedeva al Tribunale di Torino

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati

REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Marina IOB Presidente; dott. Andrea ZULIANI Giudice

Dettagli

Figlia nati fuori da matrimonio: si ai provvedimenti provvisori. Chi l ha detto che un padre non è capace di occuparsi di un figlio in tenera età?

Figlia nati fuori da matrimonio: si ai provvedimenti provvisori. Chi l ha detto che un padre non è capace di occuparsi di un figlio in tenera età? Figlia nati fuori da matrimonio: si ai provvedimenti provvisori. Chi l ha detto che un padre non è capace di occuparsi di un figlio in tenera età? Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 14 gennaio 2015 (Pres.

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENTENZA 27377/2013

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENTENZA 27377/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENTENZA 27377/2013 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VITRONE Ugo - Presidente Dott. RAGONESI

Dettagli

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli"

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli LEGGE 8 febbraio 2006, n.54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 La Camera dei deputati ed il

Dettagli

DOTT. LAUB REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MONZA SENTENZA

DOTT. LAUB REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MONZA SENTENZA Data 03/01/2013 Ente giudicante in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Manuela Laub TRIBUNALE DI MONZA, GIUDICE DOTT. LAUB REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE

Dettagli

Sentenza n. 1082/2014 pubbl. il 15/04/2014 RG n. 2144/2012

Sentenza n. 1082/2014 pubbl. il 15/04/2014 RG n. 2144/2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D'APPELLO DI BOLOGNA Sezione 1^ Civile Riunita in Camera di consiglio in persona dei Signori Magistrati: dott. Fausto Casari Presidente rel dott.

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA Codice civile Libro I (delle persone e della famiglia) Titolo VI (del matrimonio) Capo V (Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi) Articolo 149

Dettagli

Importante decisione

Importante decisione Importante decisione Trib. Torino, sez. VII civ., decreto 5 giugno 2015 (Pres. Cesare Castellani, rel. Lorenzo Audisio) Minori Affari di primaria importanza Residenza abituale del minore Scelta della residenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE in persona del giudice unico dott. Stefano cardinali, ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile

Dettagli