Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori"

Transcript

1 Produzione suole per scarpe Comparazione Combustori INTRODUZIONE Un industriale marchigiano ci ha segnalato che la Regione Marche, dopo una recente serie di controlli sul territorio, sta imponendo limiti restrittivi alle emissioni delle aziende che producono suole per scarpe; tale provvedimento, in mancanza di soluzioni alternative "a monte", sta generando la necessità di dotarsi di impianti per la depurazione dell aria. In particolare, l imprenditore in questione ci ha chiesto alcuni suggerimenti su come poter effettuare una scelta oculata adeguata alle sue esigenze. Il suggerimento da noi fornito è stato il solito: farsi recapitare offerte dettagliate da alcune società del settore, sulla base di una tabella comparativa ricavata dalla Norma UNI ("Impianti per l abbattimento dei composti organici volatili: criteri e requisiti per l ordinazione, la fornitura, il collaudo e la manutenzione - Parte 2: combustione termica, catalitica, rigenerativa"). Sono stati interpellati quattro impiantisti, che hanno fornito la propria offerta tecnico-commerciale sul caso in questione; i dati relativi vengono qui presentati, come contributo informativo per quanti si ritrovano nella stessa situazione del nostro lettore e per quanti sono anche indirettamente interessati a queste problematiche. I DATI DI PROGETTO L azienda del nostro lettore ha un processo produttivo attivo 24 ore su 24 e consuma quotidianamente circa kg di vernice con un residuo secco medio del 40%. L analisi delle emissioni ha rilevato i seguenti parametri, che sono quelli utilizzati per la richiesta di offerta. Portata effluente aeriforme: Nm3/h Solventi presenti e loro concentrazioni singole: percloroetilene 9 mg/m3 dicloropropano < 1 mg/m3 cicloesanone < 1 mg/m3 MEK 134 mg/m3 n-butilacetato 3 mg/m3 isobutilacetato 1 mg/m3 toluene 110 mg/m3 xilene < 1 mg/m3 acetone 400 mg/m3 cicloesano 4,5 mg/m3 etilacetato 290 mg/m3 Concentrazione totale: 953 mg/m3 Flusso di massa in ingresso: 15,25 kg/h

2 RISULTATI DELLA COMPARAZIONE Il primo punto da prendere in considerazione sono i parametri di progetto dichiarati dall utilizzatore, sulla base dei quali sono state preparate le offerte tecnico-commerciali. Il consumo giornaliero di prodotto verniciante dichiarato è pari a circa kg; con un residuo secco medio del 40%, l emissione di solventi è pari a circa 600 kg al giorno (25 kg/h). I risultati analitici alle emissioni forniscono invece una emissione pari a 15,25 kg/h (poco più del 60% del consumo stimato). Poichè un analisi di emissioni, per quanto corrette possano essere la metodologia adottata e la rappresentatività del campione, è pur sempre una misura limitata nel tempo, risulta importante prendere in considerazione (come parametro di progetto) anche il dato dei consumi dichiarati. Tra le quattro offerte pervenute, solo la soluzione C prende in considerazione anche questo valore, fornendo dati di consumo anche su tale base. Da questo punto di vista, quindi, la soluzione C si direbbe la più attenta a quanto fornito dal richiedente. Dal punto di vista della tecnologia proposta, tutte e quattro le offerte concordano sul fatto che la combustione sia la tecnica preferibile per questo tipo di abbattimento: solo la soluzione D integra la combustione con una concentrazione preliminare del solvente (tecnologia di più recente diffusione che, così per come è configurata, porta ad una riduzione anche notevole dei costi di gestione - come evidenziato dalla voce "consumo di combustibile a regime"), mentre le altre tre soluzioni si rifanno alla più consolidata tecnica del combustore rigenerativo. Tra queste, solo la soluzione C opta per i 3 corpi di riempimento, mentre la A e la B sono del tutto equivalenti tra loro, preferendo 2 corpi di riempimento più la camera di compensazione dove inviare, per qualche secondo, l aria contaminata durante il ciclo di inversione. Rispetto alle prime due, la soluzione C risulta più costosa, in quanto necessita di un maggior quantitativo di materiale ceramico per il riempimento ed un surplus energetico per la presenza di un aria di lavaggio che va anch essa riscaldata e trattata. Relativamente alla parte combustione, invece, la soluzione D è senz altro la più semplice dal punto di vista di gestione e controllo del processo, in quanto l unico parametro importante da tenere sotto controllo è la temperatura di combustione; per contro, può risultare più problematica la gestione e la messa a punto del ciclo di adsorbimento a mezzo zeoliti, a causa del maggior numero di parametri da controllare e della diversa natura delle sostanze da abbattere. Tra queste ultime, sono presenti due sostanze clorurate, il cui abbattimento per combustione non è indolore: la loro ossidazione infatti provoca la formazione di sottoprodotti anch essi inquinanti e tossici (acido cloridrico e cloro libero), nonché corrosivi. Una loro eccessiva formazione comporta la necessità di un ulteriore dispositivo di abbattimento, a valle del combustore; dispositivo peraltro indicato (come opzionale) solo nelle offerte A e B. Dal punto di vista del dimensionamento dell impianto, ci sembra di poter dire che tutte e quattro le offerte, nella loro individuale specificità, risultano corrette, sia per quanto riguarda i valori adottati per i parametri di processo, che per quanto riguarda il calcolo dei consumi di combustibile. Ciò è senz altro indicativo della professionalità e competenza delle quattro società interpellate. Manca, a dire il vero, nelle soluzioni A e B, il valore effettivo della temperatura di combustione - parametro importante per avere una corretta informazione sull efficienza di abbattimento del sistema -, mentre riteniamo che il valore dichiarato per questo parametro nella soluzione C sia troppo basso, dovendosi trattare anche sostanze clorurate, pur a basse concentrazioni. Le differenze riscontrabili per alcune voci quali la potenzialità termica installata e la potenza del ventilatore, sono "fisiologiche" e dipendono dall importanza che i singoli costruttori danno ad alcuni aspetti e funzionalità del proprio impianto: ad esempio, la differenza tra la potenzialità termica del bruciatore nella soluzione B rispetto alla C, può derivare dal fatto che, avendo quest ultimo impianto una maggiore massa ceramica (circa 8 tonnellate rispetto a 10) da riscaldare negli avvii a freddo, l impiantista abbia preferito potenziare il bruciatore per ridurre i tempi dell operazione. Per quanto concerne le garanzie alle emissioni, è da sottolineare come solo le soluzioni A e B la forniscano anche per i parametri HCl e/o Cl 2, mentre solo la soluzione B menziona le polveri e nessuno dichiara la presenza di eventuali microinquinanti o sottoprodotti da combustione (diversi da CO e NOx). Dal punto di vista del complesso delle informazioni fornite al richiedente (e quindi della trasparenza della società impiantista), si può dire che mediamente tutte e quattro le società interpellate hanno fornito un numero sufficiente di dati che possono permettere all utilizzatore di effettuare una scelta abbastanza oculata; in particolare, la soluzione A è quella più ricca di informazioni relative ai dispositivi di controllo e sicurezza presenti sull impianto; a questo proposito, è da rilevare che solo la soluzione C prevede un analizzatore di concentrazione a monte del combustore (importante per monitorare l eventuale superamento del valore di LEL prefissato e, quindi, strumento importante dal punto di vista della sicurezza), mentre nessuna soluzione dichiara la presenza di un analizzatore di SOV al camino a monitoraggio del processo. Per correttezza di informazione, si fa notare che le voci in bianco nella tabella comparativa stanno a significare che sull offerta pervenuta, il dato relativo non è presente come informazione e non, necessariamente, che il parametro non sia stato considerato o che il componente non sia fisicamente presente sull impianto proposto. Suggeriamo pertanto all utilizzatore interessato, di chiedere ulteriori informazioni agli impiantisti sulle voci mancanti, al fine di avere un quadro completo delle proposte.

3 Come ultima considerazione, qualche parola sui prezzi. Premesso che non necessariamente i prezzi di una offerta corrispondono esattamente alla qualità dell impianto ed alla quantità di materiale e/o di soluzioni tecniche in esso presenti, ma sono ampiamente influenzate dalle politiche commerciali e dalla struttura organizzativa delle singole aziende e non solo, ci sembra di poter dire che le offerte sono pressochè allineate come valori, con l unica parziale eccezione della soluzione D, di un 15% circa più cara delle altre. Per contro però, la soluzione D prevede consumi di combustibile dal 50% al 75% in meno rispetto alle altre tre. Il prezzo della soluzione C, rispetto alla A e B, sembra giustificato dalla presenza di materiale ceramico in più (3 corpi di riempimento al posto di 2), dalla maggior potenzialità del bruciatore e dalla presenza di un dispositivo di filtrazione polveri, assente nelle altre due proposte. Infine, da rilevare il fatto che solo le soluzioni B e C prevedono anche un controllo analitico delle emissioni come parte integrante della fornitura. CONCLUSIONI Ovviamente, come è nostra consuetudine per questo tipo di comparazioni, non siamo interessati a dare un giudizio finale su quanto visionato, nè scegliere l impianto migliore rispetto alla richiesta di partenza: questo compito lo lasciamo volentieri a chi l impianto lo dovrà acquistare e gestire. Ci premeva invece presentare ai lettori un ulteriore esempio di come pensiamo che debbano svolgersi questo tipo di transazioni tecnicocommerciali, cioè nella maggior trasparenza possibile. Quello qui presentato, pur non essendo l optimum teorizzabile, è comunque un buon esempio di trasparenza, senz altro perfettibile ma, riteniamo, di grande utilità per l utilizzatore. IMPIANTI DI COMBUSTIONE TABELLA COMPARATIVA soluzione A soluzione B soluzione C soluzione D DESCRIZIONE IMPIANTO Tipo (termico, catalitico, recuperativo, rigenerativo) termico rigenerativo termico rigenerativo termico rigenerativo rotoconcentratore + combustore termico Descrizione funzionamento (presente/assente) presente presente presente presente N. camere recupero calore Riempimento (materiale; configurazione) selle ceramiche corpi ceramici materiale ceramico non applicabile Isolamento termico interno (volume; massa; spessore; sezione) kg tot (materiale; densità; spessore) materassino ceramico fibra ceramica; 128 kg/m 3 ; 225 mm fibra ceramica 14,72 m 3 ; kg; 1,8 m; 8,177 m 2 cad. non applicabile Isolamento termico esterno (materiale; spessore) presente lana di roccia; mm Ventilatore principale (tipo, materiale) centrifugo radiale centrifugo centrifugo

4 (potenza installata) 45 kw 37 kw 30 kw 30 kw (per rotoconc.) 4 kw (per combustore) (prevalenza) 500 mm c.a Pa (410 mm c.a.) Camera di compensazione (presente/assente) presente presente non applicabile non applicabile Sistema di lavaggio torri (presente/assente) non applicabile non applicabile presente non applicabile Dispositivo filtrazione polveri (presente/assente; tipo; materiale filtro) assente assente presente presente sul concentratore Dispositivo lavaggio fumi (presente/assente; tipo) eventuale, per presenza solventi clorurati (escluso dal prezzo) eventuale (escluso dal prezzo) Dispositivo raffreddamento fumi (presente/assente; tipo) assente assente presente per riscaldo aria desorbimento zeoliti Sistema di controllo (tipo) PLC relè o PLC PLC PLC Camino di espulsione fumi (presente/assente; altezza; diametro) presente; 10 m presente presente presente; 10 m Potenza installata totale 35 kw 34 kw PARAMETRI DI PROGETTO Nm 3 /h (rotoconcentr.) Portata aria effluente Nm 3 /h (5.000 Nm 3 /h min) Nm 3 /h Nm 3 /h Nm 3 /h (combustore) 20 C (al rotoconc.) Temperatura effluente C 20 C 22 C Portata oraria SOV 16 kg/h 16 kg/h 25 kg/h 30 C (al combustore) 14,4 kg/h (al rotoconc.) 13,6 kg/h (al combustore) Portata aria comburente Nm 3 /h non applicabile Portata aria lavaggio non applicabile non applicabile Nm 3 /h non applicabile PCI solventi (stima) Kcal/kg Kcal/kg PCI combustibile Kcal/Nm Kcal/Nm kcal/nm Kcal/Nm 3

5 Temperatura di combustione 768 C 850 C Temperatura massima di progetto C Temperatura minima di progetto 720 C 730 C 750 C 760 C Temperatura effluente al camino C C C Tempo di permanenza 0,6 s > 0,6 s 1 s > 0,6 s Concentrazione max VOC ammessa 6 g/nm 3 Volume camera di combustione 33,2 m 3 1,02 m 3 Efficienza di abbattimento SOV > 98% 95% Rendimento recupero termico > 95% > 95% > 90% ca. 65% Durata e frequenza ciclo di inversione 120 s 90 s s Temperatura massima esterna 30 C ± 10 C superiore alla temperatura esterna 60 C 27 m 3 /h a 1 g/m 3 15 Nm 3 /h a 1 g/nm Nm 3 /h a 1 g/m 3 (a regime) 0 m 3 /h (a 3 g/nm 3 ) 0 Nm 3 /h (a 2,2 g/nm 3 ) 0 m 3 /h (a 2 g/nm 3 ) 6 Nm 3 /h (*) (in assenza di SOV) 40 Nm 3 /h 18 Nm 3 /h 1 avviamento a freddo 65 Nm 3 /h successivi avviamenti a a freddo (previsti: 1/sett) 97 Nm 3

6 in stand-by 13 Nm 3 /h Potenza elettrica assorbita (a regime) 35 kw 33 kw 22 kw 24,72 kw Consumo aria compressa 15 l/min 5 Nm 3 /h max Altri consumi Emissione SOV limiti regionali limiti DM 12/7/90 75 mg/nm 3 COT 50 mg/nm 3 COT Emissione NOx < 100 mg/m 3 limiti DM 12/7/ mg/nm mg/nm 3 Emissione CO limiti regionali limiti DM 12/7/ mg/nm 3 Emissione polveri limiti DM 12/7/90 Tenore di Ossigeno al camino 18,5% Emissione HCl e/o Cl2 limiti regionali limiti DM 12/7/90 Presenza microinquinanti Rifiuti prodotti (qualità; quantità) CARATTERISTICHE BRUCIATORE Tipo e numero (modulante/non modulante) modulante 1 modulante 1 modulante 1 modulante Potenzialità termica 380 kw kcal/h (520 kw) kcal/h (645 kw) kcal/h (212 kw) Modulazione 10/100 % Aria comburente (esterna /di processo /altro) esterna esterna di processo

7 Ventilatore aria comburente (presente/assente) presente presente non applicabile (potenza) non applicabile Combustibile metano metano metano metano Portata massima combustibile 22 Nm 3 /h CONTROLLI E SICUREZZE Dispositivi controllo bruciatore presenti presenti presenti Dispositivi controllo tenuta valvole bruciatore presente Pressostati sicurezza bruciatore presenti presenti presenti Fine corsa valvole aria presente Dispositivo bassa portata effluente presente Analizzatore LEL a monte assente assente presente Analizzatore SOV al camino assente assente Termostati controllo combustione e fumi presenti presenti presenti presenti Regolazione portata effluente presente presente presente Controllo intasamento filtro polvere non applicabile non applicabile Dispositivo rompifiamma

8 ALTRI DATI Livello rumorosità impianto 82 db(a) < 85 db(a) < 80 db(a) 85 db(a) d=1,6 m; l=4,3 m (combustore) Dimensioni di ingombro 7.000mm x 4.000mm x 4.000mm 2.450mm x 2.390mm x 2.550mm Garanzia apparecchiature e componenti 12 mesi 12 mesi 6-12 mesi 12 mesi Collaudi previsti funzionale funzionale + analitico emissioni funzionale + analitico emissioni funzionale Prezzo della fornitura (*) il consumo qui riportato è dato con una concentrazione in ingresso pari a 8,5 g/nm3, derivante dalla concentrazione delle SOV nel rotoconcentratore N.B. Le celle vuote della tabella indicano che la relativa voce non è stata specificata sull offerta.

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound RTO per SOV alogenate Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound Sede Legale e Unità Operativa: p.zza Vittorio Veneto 8 20013 MAGENTA (MI) ITALY tel. 02 9790466 02 9790364 fax 02 97297483 E-mail:

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Il prezzo é giusto? Un abbonato doveva acquistare. Depurazione aria. Come scegliere un impianto di depurazione a carboni attivi,

Il prezzo é giusto? Un abbonato doveva acquistare. Depurazione aria. Come scegliere un impianto di depurazione a carboni attivi, Il prezzo é giusto? Come scegliere un impianto di depurazione a carboni attivi, quando i preventivi ricevuti da diverse aziende sono completamente diversi? Utilizzando la bozza di norma UNI abbiamo messo

Dettagli

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione Dati caratteristici dell emissione Portata normalizzata umida.................................................................. Nm3/h... Portata normalizzata secca...................................................................

Dettagli

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE 4.1) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali degli impianti di verniciatura di oggetti vari in metalli o vetro con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all uso non superiore a 50 kg/g

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE 15 SISTEMI DI CALDAIE IN CASCATA MODULI MULTIBLUE La semplicità della modularità 1 2 14 11 10 3 14 17 6 9 15 4 13 8 5 16 12 7 COMPONENTI PRINCIPALI 1. Kit collettore

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

FORNO CREMATORIO PER ANIMALI DA COMPAGNIA MOD.PET

FORNO CREMATORIO PER ANIMALI DA COMPAGNIA MOD.PET FORNO CREMATORIO PER ANIMALI DA COMPAGNIA MOD.PET I nostri forni modello PET sono stati specificatamente studiati per la cremazione di animali d affezione: cani, gatti e altri animali da compagnia. La

Dettagli

SCHEDE ABBATTITORI SCHEDA AD IMPIANTO DI ADSORBIMENTO. Sostanze inquinanti (mg/nmc) Ingresso Uscita

SCHEDE ABBATTITORI SCHEDA AD IMPIANTO DI ADSORBIMENTO. Sostanze inquinanti (mg/nmc) Ingresso Uscita SCHEDA AD IMPIANTO DI ADSORBIMENTO Carico inquinante (Kg/h) Quantità di carbone Tipo di carbone Temperatura massima Volume della carica Frequenza sostituzione Durata complessiva della fase di adsorbimento:

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs)

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Bietigheim-, 02.08.2010 I metodi catalitici per trattare gli inquinanti atmosferici

Dettagli

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3)

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3) Relazione Tecnica Allegato n 1 Valutazione Impatto Ambientale Impianto IPPC SEDAMYL S.p.A. AIA n.1018 del 12/10/2007 in fase di rinnovo Comune SALUZZO CENTRALE DI COGENERAZIONE IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE

Dettagli

UNA NORMA ITALIANA PER GLI IMPIANTI DI ABBATTIMENTO DEI SOLVENTI E DELLE POLVERI

UNA NORMA ITALIANA PER GLI IMPIANTI DI ABBATTIMENTO DEI SOLVENTI E DELLE POLVERI UNA NORMA ITALIANA PER GLI IMPIANTI DI ABBATTIMENTO DEI SOLVENTI E DELLE POLVERI E stata pubblicata la norma tecnica UNI che regolamenta la costruzione degli impianti per l abbattimento dei VOC e delle

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale Caldaia a condensazione a basamento con corpo in acciaio, camera di combustione in acciaio inossidabile Hoval UltraGas. Superfici di scambio secondarie

Dettagli

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI SOMMARIO ATTIVITÀ DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE

Dettagli

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc LINEA DI TRATTAMENTO Rifiuti solidi Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc Impianto di recupero energetico mediante forno a letto fluido Produzione di CdR e/o CnC SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO

Dettagli

UTK UTK-S UTK-2 UTK-2S

UTK UTK-S UTK-2 UTK-2S INFORMAZIONI TECNICHE ISTRUZIONI DI MONTAGGIO USO E MANUTENZIONE Unità trattamento aria autonome monoblocco a gas stagne con ventilatore centrifugo per installazione all aperto UTK UTK-S UTK-2 UTK-2S Per

Dettagli

BIOMASSA: Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore. Gabriele Pezzini. Ingegnere Ambientale di Tama S.p.A.

BIOMASSA: Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore. Gabriele Pezzini. Ingegnere Ambientale di Tama S.p.A. BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore Gabriele Pezzini Ingegnere Ambientale

Dettagli

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. Dalla rivoluzionaria tecnologia Thermo Recovery,

Dettagli

GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE

GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE Le possibilità impiantistiche legate all utilizzo delle caldaie a condensazione OBIETTIVI

Dettagli

Dieci motivi per acquistare una cabina ENDOTERMICA TERMOMECCANICA GL

Dieci motivi per acquistare una cabina ENDOTERMICA TERMOMECCANICA GL Dieci motivi per acquistare una cabina ENDOTERMICA TERMOMECCANICA GL La cabina di verniciatura essiccazione modello "Endotermico" della TERMOMECCANICA GL è un impianto completamente innovativo sia per

Dettagli

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici ENERGiA Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. ASB ENERGIA presenta I-TA: Industrial

Dettagli

QUANTO COSTA, ALL AMBIENTE, DISINQUINARE?

QUANTO COSTA, ALL AMBIENTE, DISINQUINARE? QUANTO COSTA, ALL AMBIENTE, DISINQUINARE? Qual è l impatto ambientale di un impianto di depurazione? Quali sono e in quali quantità le sostanze immesse in atmosfera per realizzare, condurre e smaltire

Dettagli

Multi Heat - Solo Innova

Multi Heat - Solo Innova Multi Heat - Solo Innova Caldaie per biocombustibili ad alta efficienza Indice Caldaie a biocombustibile 3 Multi Heat 4 Solo Innova 6 Dati tecnici 8 Consumi-Aspetti Economici 10 2 Multi Heat - Solo Innova

Dettagli

Modulo Hoval SLIM BC-e 2-5 (70-400) Dati tecnici

Modulo Hoval SLIM BC-e 2-5 (70-400) Dati tecnici Dati tecnici Tipo caldaia (35) (45) (60) (80) Potenzialità nominale 80/60 C con gas naturale 1 6,0-31,8 10,0-41,0 11,7-55,3 15,8-72,4 Potenzialità nominale 40/30 C con gas naturale 1 6,8-35,0 11,1-45,0

Dettagli

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo.

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. Alla Provincia della Spezia Il/la sottoscritto/a... legale rappresentante/titolare della (riportare l esatta

Dettagli

REX REX KAPPA REX DUAL. Caldaie ad Alto Rendimento

REX REX KAPPA REX DUAL. Caldaie ad Alto Rendimento L i n e a A c c i a i o KAPPA DUAL Caldaie ad Alto Rendimento Generatori di acqua calda ad alto rendimento, con focolare ad inversione di fiaa. Funzionamento con combustibili sia liquidi che gassosi. a

Dettagli

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE MANUALE TECNICO GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE GREENOx/GREENOx.e/K A TRE GIRI DI FUMO DUAL GRX/DUAL

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

Il sottoscritto... nato a... il.../.../... residente a... in Via/ Corso... n... in qualità di titolare/legale rappresentante dell'impresa... ...

Il sottoscritto... nato a... il.../.../... residente a... in Via/ Corso... n... in qualità di titolare/legale rappresentante dell'impresa... ... ALLEGATO 1 Al COMUNE DI... Ufficio Ambiente Via......... n.... Oggetto: Domanda di AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE per le emissioni in atmosfera provenienti da impianti di torrefazione di caffè ed altri

Dettagli

cogeneratore FVG-TRON

cogeneratore FVG-TRON caratteristiche generali bassa rumorosità FVG-TRON basato sul principio tecnico della cogenerazione, viene utilizzato per sistemi che necessitano di avere una bassa rumorosità in poco spazio. motore moderno

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1 POTERE CALORIFICO DEI COMBUSTIBILI Il potere calorifico è la quantità di calore prodotta dalla combustione completa di 1 m³ di combustibili gassosi. Generalmente i combustibili hanno un determinato quantitativo

Dettagli

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g Allegato 1 Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g 1 Indicazioni generali Negli impianti e nelle attività di torrefazione di caffè, fave di cacao, mandorle,

Dettagli

TERMODISTRUTTORI PER EFFLUENTI DERIVATI DALLA LAVORAZIONE DEI SOTTOPRODOTTI E DEGLI SCARTI DI MACELLAZIONE

TERMODISTRUTTORI PER EFFLUENTI DERIVATI DALLA LAVORAZIONE DEI SOTTOPRODOTTI E DEGLI SCARTI DI MACELLAZIONE TERMODISTRUTTORI PER EFFLUENTI DERIVATI DALLA LAVORAZIONE DEI SOTTOPRODOTTI E DEGLI SCARTI DI MACELLAZIONE - SERIE BSD CON CALDAIA A RECUPERO PER OLIO DIATERMICO O PER PRODUZIONE VAPORE La tecnologia del

Dettagli

divacondens f24 DESCRIZIONE PER CAPITOLATO Dimensioni DIVACONDENS F24 B

divacondens f24 DESCRIZIONE PER CAPITOLATO Dimensioni DIVACONDENS F24 B divacondens f24 Caldaia murale a gas a condensazione, per riscaldamento e produzione acqua calda sanitaria a doppio scambiatore, camera di combustione stagna. Dimensioni DESCRIZIONE PER CPITOLTO Generatore

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

WFL. con bruciatore MIKRO P. Caldaia a legna abbinabile a un bruciatore di pellet MIKRO P

WFL. con bruciatore MIKRO P. Caldaia a legna abbinabile a un bruciatore di pellet MIKRO P WFL con bruciatore MIKRO P Caldaia a legna abbinabile a un bruciatore di pellet MIKRO P WFL - MIKRO P IL RISCALDAMENTO ALTERNATIVO FER ha sempre riservato particolare attenzione ai temi ecologici e alla

Dettagli

Caldaie a basamento LOGO

Caldaie a basamento LOGO Caldaie a basamento LOGO Caldaie a basamento Logo 32/50 OF TS Logo 32/80 OF TS Logo 22-32 OF TS LOGO Il rispetto per l ambiente Logo è la gamma di caldaie a basamento in ghisa inquinare e senza sprecare

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

VICTRIX Superior TOP 26/32 VICTRIX Superior TOP 32 Plus Caldaie murali, a condensazione, a camera stagna e tiraggio forzato in versione istantanea ed

VICTRIX Superior TOP 26/32 VICTRIX Superior TOP 32 Plus Caldaie murali, a condensazione, a camera stagna e tiraggio forzato in versione istantanea ed 8 VICTRIX Superior TOP 26/32 VICTRIX Superior TOP 32 Plus Caldaie murali, a condensazione, a camera stagna e tiraggio forzato in versione istantanea ed abbinabile a Unità Bollitore separata (Plus) VANTAGGI

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Oggetto: AUTORIZZAZIONE DI CARATTERE GENERALE PER LE EMISSIONI IN ATMOSFERA PROVENIENTI

Dettagli

ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330)

ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330) ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria. Corpo caldaia lamellare in

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011 LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia Il Termovalorizzatore di Padova 13 ENERGIA GAS ACQUA AMBIENTE E SERVIZI Cristiano Piccinin Responsabile Operativo

Dettagli

Doxa D 24S (G) (cod. 00922460)

Doxa D 24S (G) (cod. 00922460) Doxa D 24S (G) (cod. 00922460) Caldaie murali ad altissimo rendimento alimentate a Metano (M) o G.P.L. (G) da 24 kw. Disponibile in versione camera stagna, adatte per il riscaldamento e la produzione istantanea

Dettagli

WIS ARIA PURA 1500-2000-2500-3000 COMPRESSORI D'ARIA

WIS ARIA PURA 1500-2000-2500-3000 COMPRESSORI D'ARIA ARIA PURA COMPRESSORI D'ARIA 1500-2000-2500-3000 WIS WIS : UN ARIA PURA DI QUALITA In alcune applicazioni industriali, l aria compressa deve essere assolutamente priva di olio al fine di rispettare le

Dettagli

CHIEDE l'autorizzazione IN VIA GENERALE per:

CHIEDE l'autorizzazione IN VIA GENERALE per: ALLEGATO 1 Al COMUNE DI... Ufficio Ambiente Via...n.... Oggetto: Domanda di AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE per le emissioni in atmosfera provenienti da operazioni di tempra di metalli con consumo di olio

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA ALL'ATTIVITA' DI RIPARAZIONE E VERNICIATURA DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI, MEZZI E MACCHINE AGRICOLE CON

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione **** CE in acciaio inox 316 a basamento Con produzione ACS Solare Bruciatore modulante premiscelato Potenza

Dettagli

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova Caldaie a legna ad alta efficienza Solo Innova Caldaie a legna L ampia proposta di prodotto Baxi, accoglie un articolata scelta di caldaie a legna per il comfort ed il riscaldamento domestico. Baxi infatti

Dettagli

SOMMARIO CICLI TECNOLOGICI... 2

SOMMARIO CICLI TECNOLOGICI... 2 SOMMARIO CICLI TECNOLOGICI... 2 Ambito di applicazione...2 Fasi lavorative...2 Materie prime...2 Sostanze inquinanti e prescrizioni specifiche...2 Schede impianti di abbattimento...2 Soglia massima...3

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

Caldaia murale compatta. Display multifunzione digitale. Vaso espansione maggiorato Prese analisi combustione esterne M U G E R

Caldaia murale compatta. Display multifunzione digitale. Vaso espansione maggiorato Prese analisi combustione esterne M U G E R EGIS PLUS 24 CF 24 FF Caldaia murale compatta Display multifunzione digitale TECNOLOGIA A DOPPIO SCAMBIATORE Vaso espansione maggiorato Prese analisi combustione esterne Pressostato di MINIMA INTEGRATO

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

FORNI CREMATORI PER ANIMALI D AFFEZIONE. ciroldi. ciroldi.it FORNI CREMATORI - PRODOTTI INOX - SVERNICIATORI - INCENERITORI

FORNI CREMATORI PER ANIMALI D AFFEZIONE. ciroldi. ciroldi.it FORNI CREMATORI - PRODOTTI INOX - SVERNICIATORI - INCENERITORI FORNI CREMATORI PER ANIMALI D AFFEZIONE ciroldi.it ciroldi FORNI CREMATORI - PRODOTTI INOX - SVERNICIATORI - INCENERITORI FORNI CREMATORI PER ANIMALI D AFFEZIONE FORNI STATICI PER LA CREMAZIONE DI SPOGLIE

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Oggetto: AUTORIZZAZIONE DI CARATTERE GENERALE PER LE EMISSIONI IN ATMOSFERA PROVENIENTI

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

N9 Ritorno a bassa temperatura N5 Attacco per valvola/e di sicurezza

N9 Ritorno a bassa temperatura N5 Attacco per valvola/e di sicurezza Caldaia pressurizzata ECO CA costruita in acciaio INOX AISI 316 stabilizzato al titanio di grosso spessore, composta da due generatori sovrapposti di pari potenza abbinabili a bruciatori ad aria soffiata

Dettagli

SFL. caldaia a legna abbinabile a un bruciatore di pellet SUN P

SFL. caldaia a legna abbinabile a un bruciatore di pellet SUN P SFL caldaia a legna abbinabile a un bruciatore di pellet SUN P SFL - SUN P IL RISCALDAMENTO ALTERNATIVO FERROLI ha sempre riservato particolare attenzione ai temi ecologici e alla tutela dell ambiente,

Dettagli

GENERATORI D ARIA GBI/GBO

GENERATORI D ARIA GBI/GBO DESCRIZIONE PER CAPITOLATO I generatori d aria calda GBI e GBO sono costituiti da un telaio in alluminio e da una pannellatura esterna in lamiera preverniciata: i pannelli sono isolati all interno con

Dettagli

IRD SYSTEM. Impianto di riscaldamento ad irraggiamento diffuso per cabine di verniciatura PAINTSHOP EQUIPMENTS

IRD SYSTEM. Impianto di riscaldamento ad irraggiamento diffuso per cabine di verniciatura PAINTSHOP EQUIPMENTS IRD SYSTEM Impianto di riscaldamento ad irraggiamento diffuso per cabine di verniciatura PAINTSHOP EQUIPMENTS ESSICCAZIONE COMPLETA IN PROFONDITÀ CON PANNELLI RADIANTI IRD La tecnologia IRD presenta una

Dettagli

Recupero delle acque di conceria con utilizzo di fonti rinnovabili

Recupero delle acque di conceria con utilizzo di fonti rinnovabili Recupero delle acque di conceria con utilizzo di fonti rinnovabili Dott. Ing. Simone Bonari Sig. Maurizio Maggioni IX Convegno AICC L acqua L industria ed alcune lavorazioni in particolare sono da sempre

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore Cristiano PICCININ WTE Padova INTRODUZIONE Nel 2007 venne deliberato il rifacimento delle linee

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Aria primaria regolabile Aria secondaria regolabile Aria terziaria pretarata - Canna fumaria - altezza (m) 4. Canna fumaria - diametro (mm)

Aria primaria regolabile Aria secondaria regolabile Aria terziaria pretarata - Canna fumaria - altezza (m) 4. Canna fumaria - diametro (mm) Stufe a Legna CARATTERISTICHE TECNICHE DORELLA_L8_PT DATI Aria primaria regolabile Aria secondaria regolabile Aria terziaria pretarata - Canna fumaria - altezza (m) 4 Canna fumaria - diametro (mm) 200x200

Dettagli

Caldaie a condensazione murali IDRA CONDENS 4100

Caldaie a condensazione murali IDRA CONDENS 4100 Caldaie a condensazione murali IDRA CONDENS 4100 Caldaie a condensazione a gas **** CE Scambiatore in acciaio inox 316 a dissipazione radiale forzata Bruciatore a premiscelazione totale Potenza da 20 a

Dettagli

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia Pensa verd verde Pensa verde Informativa per la centrale a biomasse biomasse di di Castiglione d Orcia La provincia pensa verde Pensare verde. Sono queste le parole chiave che negli ultimi anni caratterizzano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III... TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE Allegato n. 8 SOMMARIO TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...1 MATERIE

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Specialisti nel risolvere problemi ambientali

Specialisti nel risolvere problemi ambientali Specialisti nel risolvere problemi ambientali P.zza Maggiolini 40, 20015 Parabiago (MI) - ITALY Tel. +39-0331-551668 Fax +39-0331-551642 www.pramec-srl.com pramec@pramec-srl.com INTRODUZIONE PRAMEC è una

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITENIO DI TORINO ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Prima sessione ANNO 009 Settore INDUSTRIALE - lasse 33/S Ingegneria Energetica e nucleare Terza prova (prova pratica

Dettagli

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione Aria Per molte aziende una fornitura affidabile di aria

Dettagli

APLOS 20 MICROCOGENERATORE ALIMENTATO A GAS METANO / GPL PRODUZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA

APLOS 20 MICROCOGENERATORE ALIMENTATO A GAS METANO / GPL PRODUZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA APLOS 20 MICROCOGENERATORE ALIMENTATO A GAS METANO / GPL PRODUZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA INSIEME PER L EFFICIENZA: UNIVERSAL SUN SRL & POWER GECO S.C. La microcogenerazione Gas 6,2

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica

PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica DOCUMENTO REDATTO IN COLLABORAZIONE CON: PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica Il presente documento costituisce la relazione annuale sul piano di monitoraggio e controllo come prevista

Dettagli

GENERATORI DI VAPORE A INVERSIONE DI FIAMMA serie PVR EU

GENERATORI DI VAPORE A INVERSIONE DI FIAMMA serie PVR EU Attrezzature a pressione A INVERSIONE DI FIAMMA CARATTERISTICHE TECNICHE PVR 3 EU PVR 5 EU PVR 7 EU PVR 10 EU PVR 15 EU PVR 20 EU PVR 30 EU PVR 40 EU PVR 50 EU PRODUZIONE NOMINALE DI VAPORE POTENZIALITÀ

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

SISTEMI RADIANTI PER TRATTAMENTI TERMICI

SISTEMI RADIANTI PER TRATTAMENTI TERMICI SISTEMI RADIANTI PER TRATTAMENTI TERMICI www.infragas.com CHI SIAMO INFRAGAS si dedica dal 1971 allo sviluppo ed alla diffusione della Tecnologia Catalitica dei pannelli infrarossi a gas per trattamenti

Dettagli

LCD DISPLAY SCAMBIATORE PRIMARIO IN LEGA DI ALLUMINIO SCAMBIATORE SANITARIO A PIASTRE PRESSOSTATO DI MINIMA DETRAZIONE FISCALE MADE IN ITALY

LCD DISPLAY SCAMBIATORE PRIMARIO IN LEGA DI ALLUMINIO SCAMBIATORE SANITARIO A PIASTRE PRESSOSTATO DI MINIMA DETRAZIONE FISCALE MADE IN ITALY CALDAIE A CONDENSAZIONE 35KW EGIS PREMIUM 24 FF Caldaia murale compatta a condensazione LCD DISPLAY SCAMBIATORE PRIMARIO IN LEGA DI ALLUMINIO SCAMBIATORE SANITARIO A PIASTRE PRESSOSTATO DI MINIMA FUNZIONAMENTO

Dettagli

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA DA REALIZZARSI IN COMUNE DI VATTARO (TN) Massimo Cerani www.energ-etica.eu QUADRO PROGETTUALE La scelta di adottare tale tipologia impiantistica

Dettagli

Hoval UltraGas (15-90) Dati tecnici

Hoval UltraGas (15-90) Dati tecnici Dati tecnici Tipo (15) (20) (27) Potenzialità nominale 80/ 60 C con gas naturale 1 kw 3,0-13,7 3,8-18,2 4,5-24,5 Potenzialità nominale 40/ 30 C con gas naturale 1 kw 3,3-15,5 4,3-20,3 5,0-27,2 Potenzialità

Dettagli

Cos è la caldaia a Biomassa?

Cos è la caldaia a Biomassa? Il Calore è intorno a Noi Cos è la caldaia a Biomassa? pellet di legno legna Altissimo rendimento a bassissimo costo, è questa la realtà che ci può offrire una Caldaia Policombustibile Aton. Riscaldare

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.)

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.) CENTRALE TERMICA A GAS METANO O (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.) Sistema di alimentazione: TT Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori

Dettagli

TALIA GREEN HYBRID. Il comfort di una caldaia e l efficienza energetica di una pompa di calore.

TALIA GREEN HYBRID. Il comfort di una caldaia e l efficienza energetica di una pompa di calore. sistema ibrido caldaia a condensazione e pompa di calore TALIA GREEN HYBRID Il comfort di una caldaia e l efficienza energetica di una pompa di calore. Chaffoteaux presenta Talia Green Hybrid, un sistema

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

MISURE D INGOMBRO - COLLEGAMENTI IDRAULICI

MISURE D INGOMBRO - COLLEGAMENTI IDRAULICI La combustione che avviene nelle caldaie tradizionali é in grado di sfruttare, trasformandola in calore, solo una parte dell energia contenuta nel combustibile, mentre il resto viene disperso dal camino.

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO AR-THERM

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO AR-THERM CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO AR-THERM 46 CALDAIE MURALI A FASCIO TUBIERO CALDAIA MURALE AR-THERM scambiatore in rame Il cuore Il cuore del corpo caldaia è interamente in rame, prodotto secondo norme

Dettagli

Riunione agenti 2015

Riunione agenti 2015 Riunione agenti 2015 2. Dielle Carinci Progetto stufe a pellet 2. Filosofia Dielle Dielle è ricerca, innovazione, rispetto della natura, miglioramento continuo, per una totale soddisfazione del cliente.

Dettagli

Generatori a Condensazione. Caldaie pensili e a basamento da 34 a 1100 kw

Generatori a Condensazione. Caldaie pensili e a basamento da 34 a 1100 kw Generatori a Condensazione Caldaie pensili e a basamento da 34 a 1100 kw Wallcon Grazie al controllo integrato di Siemens è possibile gestire una cascata termica fino a 16 generatori Bassi costi per implementare

Dettagli