INDICE SOMMARIO. Capo IV DEI DIRITTI E DEI DOVERI CHE NASCONO DAL MATRIMONIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE SOMMARIO. Capo IV DEI DIRITTI E DEI DOVERI CHE NASCONO DAL MATRIMONIO"

Transcript

1 INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXXIX Capo IV DEI DIRITTI E DEI DOVERI CHE NASCONO DAL MATRIMONIO Art Diritti e doveri reciproci dei coniugi... 1 Sezione I. Doveri coniugali e loro contenuto Profili generali Inderogabilità dei doveri coniugali Classificazioni Necessità di una lettura estensiva dello statuto dei rapporti personali tra coniugi I doveri coniugali tipici : a) fedeltà La violazione del dovere di fedeltà Le singole fattispecie: a) la relazione extraconiugale Le modalità esteriori della relazione extraconiugale (Segue) b) il tentativo di tradimento manifestato in pubblico (Segue) c) il tradimento sentimentale, ovverosia l infedeltà apparente (Segue) d) la relazione extraconiugale omosessuale (Segue) e) fattispecie relative alla procreazione Il criterio orientatore per la valutazione delle singole fattispecie L inderogabilità del dovere di fedeltà. Rilevanza dell accordo derogativo dei coniugi L obbligo di fedeltà tra coniugi separati L obbligo di fedeltà in pendenza del giudizio di separazione personale I doveri coniugali tipici : b) assistenza Il contenuto dell obbligo sotto il profilo morale e la violazione di esso Il dovere di assistenza morale nella dimensione dei rapporti con i figli La violazione dell obbligo a fronte di condizioni di particolare fragilità dell altro coniuge. La malattia L estensione del dovere di assistenza del coniuge malato XIII

2 (Segue) Lo stato di gravidanza Il contenuto dell obbligo sotto il profilo materiale e la violazione di esso L obbligo di assistenza tra coniugi separati e in corso di separazione personale I doveri coniugali tipici : c) collaborazione Il contenuto del dovere di collaborazione Limiti di esigibilità dell adempimento L inadempimento del dovere di collaborazione. Fattispecie L obbligo di collaborazione tra coniugi separati e in corso di separazione personale I doveri coniugali tipici : d) coabitazione L inadempimento del dovere di coabitazione La giusta causa di allontanamento I doveri coniugali tipici : e) contribuzione Il contenuto del dovere di contribuzione Gli effetti delle obbligazioni assunte dal coniuge nell interesse della famiglia L estensione del dovere di contribuzione. Il criterio di proporzionalità I bisogni della famiglia L inadempimento del dovere di contribuzione L obbligo di contribuzione nella separazione personale dei coniugi I doveri coniugali atipici : a) lealtà e correttezza I doveri coniugali atipici : b) rispetto della riservatezza Le intercettazioni telefoniche Le ingerenze dei parenti nella vita domestica autorizzate/imposte da uno dei coniugi Le ingerenze di terzi nella vita domestica autorizzate/ imposte da uno dei coniugi Riservatezza nella separazione personale. a) Investigazioni e loro utilizzo La violazione del riserbo e della intimità della sfera domestica La divulgazione all esterno di notizie concernenti la vita familiare Estensibilità dei doveri coniugali alla convivenza more uxorio Sezione II. Inadempimento e rimedi Violazione dei doveri coniugali e misure conseguenti L addebito della separazione Il giudizio di causalità La valutazione complessiva del comportamento di entrambi i coniugi Fattispecie di violazione dei doveri coniugali rilevanti ai fini dell addebitabilità La funzione e gli effetti dell addebito La responsabilità civile L avvio del dialogo tra IeIVlibro del codice civile Gli ulteriori interventi giurisprudenziali La pronuncia della Cassazione 9801/ XIV

3 Fattispecie recenti Un applicazione singolare del sistema di r.c. tra coniugi.. 90 Art. 143 bis. Cognome della moglie Profili generali La funzione del cognome Questione di legittimità costituzionale Prospettive di riforma della disciplina sul cognome Il cognome nella crisi coniugale. Il divorzio Gli accordi sull uso del cognome in sede di divorzio Il cognome nella crisi coniugale. La separazione Gli accordi in merito all uso del cognome Cognome e nullità del matrimonio Cognome e privacy Art. 143 ter. [Cittadinanza della moglie] Art Indirizzo della vita familiare e residenza della famiglia Il dovere di accordarsi sull indirizzo della vita familiare La natura dell accordo La durata dell accordo Il contenuto dell accordo. La fissazione della residenza comune Il contenuto dell accordo. L indirizzo della vita familiare Non derogabilità dei doveri coniugali di cui all art. 143 c.c Determinazione del contenuto e delle modalità di adempimento dei doveri coniugali di cui all art. 143 c.c Fattispecie particolari. a) La scelta relativa all interruzione della gravidanza Fattispecie particolari. b) La scelta sulla fecondazione assistita Fattispecie particolari. c) La scelta di procreazione mediante ricorso alla maternità surrogata Gli accordi in vista di separazione e divorzio Gli accordi a contenuto patrimoniale compensativi del lavoro domestico di uno dei coniugi Gli accordi tra conviventi di fatto Il possibile contenuto degli accordi di convivenza L attuazione dell indirizzo concordato Fattispecie di inadempimento dell obbligo di cui all art. 144 c.c Art Intervento del giudice Natura dell intervento del giudice Le questioni che possono formare oggetto dell intervento del giudice e quelle escluse L oggetto dell intervento contemplato dal 2º comma Il procedimento e la decisione L insuccesso della disposizione sul piano pratico Art Allontanamento dalla residenza familiare Profili generali e presupposti applicativi XV

4 1.1. L allontanamento ingiustificato Il rifiuto di fare ritorno nella casa familiare La sospensione del diritto all assistenza Il sequestro Art Doveri verso i figli Generalità. L attuazione del principio costituzionale di responsabilità genitoriale L obbligo educativo L inadeguatezza dei genitori rispetto al compito educativo Gli obblighi relativi all istruzione L obbligo di mantenimento. Differenza rispetto all obbligo alimentare Gli aventi diritto: a) il figlio minorenne La legittimazione Gli aventi diritto: b) il figlio maggiorenne I casi di esclusione La legittimazione I soggetti obbligati La decorrenza dell obbligo di mantenimento La decorrenza dell assegno di mantenimento nel caso di separazione dei genitori La decorrenza della revisione disposta ex art. 710 c.p.c La decorrenza dell assegno di mantenimento nel caso di divorzio dei genitori La durata I possibili patti genitoriali in sede di separazione e di divorzio Art Concorso negli oneri Sezione I. Modalità e misura del mantenimento dei figli Le modalità di adempimento dell obbligo. Mantenimento diretto e indiretto Modalità alternative La misura del mantenimento La regola di proporzionalità Orientamenti giurisprudenziali recenti L incidenza della nuova famiglia dell obbligato La misura del mantenimento nella l. n. 54/ Le esigenze del figlio e il precedente tenore di vita L incidenza dell età I tempi di permanenza presso ciascun genitore Le risorse economiche dei genitori e i compiti di cura L accertamento delle risorse economiche degli obbligati L incidenza dell assegnazione della casa familiare Le c.d. spese straordinarie XVI

5 Sezione II. I soggetti tenuti in via sussidiaria al mantenimento della prole Generalità. Obbligo alimentare e di mantenimento L estensione dell obbligo di mantenimento degli ascendenti Presupposti e caratteri dell intervento sussidiario Sezione III. L inadempimento e i rimedi Generalità. Le fattispecie di inadempimento Il provvedimento contemplato dal 2º co. dell art. 148 c.c Il presupposto per l invocabilità del rimedio Il procedimento ex art. 148 c.c. in funzione di accertamento del quantum e di condanna Legittimazione attiva e passiva Il procedimento e il decreto Il risarcimento del danno. a) Il danno patrimoniale (Segue) b) Il danno non patrimoniale. Cass. n. 7713/ La sentenza della Corte d appello di Bologna 10 febbraio La sentenza del Tribunale di Venezia 30 giugno L incidenza dell inadempimento sull affidamento e sulla potestà genitoriale La responsabilità dei terzi La responsabilità per procurata nascita non desiderata del figlio Capo V DELLO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO E DELLA SEPARAZIONE DEI CONIUGI Art Scioglimento del matrimonio La famiglia fra autonomia e regolamentazione normativa Il sistema della separazione e del divorzio. Controllo giudiziario ed autonomia dei coniugi Lo scioglimento del matrimonio Scioglimento ed annullamento del matrimonio La categoria dell inesistenza giuridica La mancanza dei requisiti essenziali dell atto-matrimonio Art Separazione personale La famiglia fra autonomia e regolamentazione normativa Il sistema della separazione e del divorzio. Controllo giudiziario ed autonomia dei coniugi La separazione personale L intollerabilità della convivenza Il diritto di chiedere la separazione L intervento di terzi nella procedura Il mutamento del titolo della separazione L evoluzione della interpretazione della S.C Il divieto di mutare il titolo La separazione di fatto. Nozione XVII

6 7.1. Separazione di fatto e convivenza Gli impedimenti oggettivi alla convivenza La riconciliazione Differenze con la separazione legale L ipotesi, principale, del divorzio Profili economici Casistica Accordi patrimoniali e separazione di fatto I rapporti con la domanda di addebito In particolare la permanenza dei doveri familiari e diritto penale Art Separazione giudiziale Introduzione L intollerabilità della convivenza Il concetto di intollerabilità della convivenza I caratteri della intollerabilità della convivenza La valutazione soggettiva della intollerabilità della convivenza Il grave pregiudizio per l educazione della prole L impossibilità di aderire al concetto oggettivo di intollerabilità L indagine del giudice sulla sopravvenuta intollerabilità della convivenza La violazione dei doveri che discendono dal matrimonio Le conseguenze dell addebito della separazione Le conseguenze economiche Profili causali Il dovere di accertare il nesso causale fra la condotta violativa e l intollerabilità della convivenza La volontarietà del comportamento. Il doppio addebito L addebito imputato ad ambedue i coniugi La valutazione comparativa del comportamento dei coniugi Casistica sulla valutazione comparativa dei comportamenti dei coniugi Le circostanze concrete in cui il comportamento viene tenuto Valenza oggettiva dell intollerabilità e convinzioni personali del coniuge Il comportamento violativo e la valutazione della situazione personale dei coniugi In particolare, la fede religiosa professata La necessaria valutazione del nesso causale anche nella crisi del matrimonio già in atto Il valore dei comportamenti successivi al determinarsi dell intolleranza Il rilievo della buona fede del coniuge che ha violato i doveri matrimoniali Il rilievo della violazione degli accordi fra i coniugi nel giudizio di addebitabilità Assistenza e collaborazione I comportamenti successivi alla separazione Il rapporto con l autorizzazione a vivere separati ex art. 708 c.p.c Comportamenti successivi alla separazione e obbligo di fedeltà Il permanere di un dovere di solidarietà anche dopo la separazione Il mutamento del titolo della separazione L evoluzione del pensiero della Cassazione Contestualità fra giudizio di addebitabilità e procedimento di separazione La residua rilevanza dei doveri matrimoniali in costanza di separazione. 383 XVIII

7 26. L esclusione del mutamento del titolo della separazione In particolare, il dovere di fedeltà I presupposti della violazione del dovere di fedeltà Casistica giurisprudenziale sulla violazione del dovere di fedeltà Le circostanze da valutare da parte del giudice In particolare, la valutazione comparativa del comportamento dei coniugi Gli aspetti esteriori della relazione extraconiugale e l ambiente in cui avviene Il dovere di coabitazione Il comportamento dell altro coniuge L addebito come domanda autonoma La posizione delle Sezioni Unite La natura accessoria ed autonoma della domanda di addebito L applicabilità della disciplina dell appello della sentenza non definitiva Il risarcimento danni Art [Separazione per condanna penale] Art [Separazione per non fissata residenza] Art Riconciliazione Gli effetti sostanziali e processuali della riconciliazione dei coniugi L intima connessione fra l aspetto processuale e sostanziale Art Provvedimenti riguardo ai figli Sezione I. L affidamento dei figli minori Nozioni introduttive La normativa di riferimento La competenza a provvedere sull affidamento della prole La stabile interpretazione della giurisprudenza Casistica La novella del Affidamento e poteri ufficiosi del giudicante Gli accordi fra i genitori La sentenza non definitiva in tema di affidamento La particolare importanza della valutazione sull affidamento dei figli minori Affidamento e residenza coniugale L interesse della prole Interesse della prole e addebito della separazione I fini del provvedimento di affido L evoluzione giurisprudenziale e normativa dell affidamento condiviso L affidamento alternato Le perplessità espresse su tale modalità di affidamento L applicazione alla separazione giudiziale XIX

8 10.2. La concorde volontà dei genitori nel praticarlo L affidamento congiunto imposto Affidamento congiunto e famiglia di fatto La cessazione dell affidamento congiunto L attuale disciplina dell affidamento condiviso Affidamento e legislazione internazionale La permanenza del figlio con i genitori in caso di affido condiviso Affido condiviso ed educazione comune dei figli L affidamento a terzi Il fondamento dell affido eterofamiliare I rapporti fra l art. 155, c.c., l art. 6, 8 co., l. divorzio e l. adozioni I presupposti per l affidamento a terzi I rapporti fra il minore ed il terzo affidatario I diritti dei nonni Gli accordi tra i genitori La convivenza more uxorio Sezione II. Il mantenimento dei figli della coppia separata Il contributo per il mantenimento, l istruzione e l educazione della prole Gli obblighi dei genitori Le innovazioni procedurali La relazione con l obbligo di mantenimento ex art. 147 c.c La competenza a disporre in caso di genitori non uniti dal vincolo del matrimonio La funzione dell assegno a favore dei figli L obbligo di mantenere la prole. Le norme di riferimento in rapporto alla riforma operata dalla legge 54/ I canoni del mantenimento del figlio minore L assegno periodico. Il tenore di vita ed i tempi di permanenza Le risorse economiche di entrambi i genitori La capacità lavorativa dei genitori La concreta determinazione dell assegno Il contributo al mantenimento mediante il lavoro domestico Il contributo e le esigenze abitative del minore Le spese straordinarie nell interesse dei figli La nozione di spese straordinarie La misura del mantenimento e il regime delle spese straordinarie L individuazione delle spese rimborsabili La distinzione fra le spese ricomprese nell assegno e quelle rimborsabili I criteri di distinzione Le decisioni sulle spese straordinarie La posizione della Cassazione I poteri officiosi nella determinazione dell assegno Indisponibilità dell assegno ed accordi dei genitori L adeguamento automatico L assegno in un unica soluzione Gli assegni familiari L obbligo di contribuzione nei confronti dei figli maggiorenni In particolare, il livello di reddito raggiunto dal figlio maggiorenne. 537 XX

9 Art. 155 bis. Affidamento a un solo genitore e opposizione all affidamento condiviso L affidamento ad un solo genitore La conflittualità fra i coniugi La tesi che riduce la portata restrittiva della conflittualità L ampliamento dell ambito di operatività dell affido condiviso I criteri di scelta del genitore affidatario Ulteriore casistica sui criteri di scelta In particolare, l educazione religiosa L attenzione alle scelte del minore L interesse del figlio minore e l idoneità del genitore affidatario Il diritto di visita del genitore non affidatario La natura giuridica del diritto di visita Le limitazioni al diritto di visita Casistica Il diritto di visita di altri soggetti Art. 155 ter. Revisione delle disposizioni concernenti l affidamento dei figli La revisione dei provvedimenti relativi ai figli Modificazioni delle condizioni della separazione e principio di solidarietà I presupposti della modificazione Il procedimento di revisione La natura del procedimento Problemi di competenza Il rapporto con il giudizio di divorzio (Segue) e con i provvedimenti urgenti Art. 155 quater. Assegnazione della casa familiare e prescrizioni in tema di residenza Caratteri generali La nozione di casa coniugale Il concetto di habitat domestico Precisazioni in tema Casistica La rilevanza economica dell assegnazione della casa coniugale La valutazione dell utilità economica rappresentata dalla casa coniugale La valutazione della attribuzione della casa coniugale e condizione economica dei coniugi L imprescindibile presenza dell affidamento della prole L interpretazione restrittiva del presupposto dell affidamento dei figli minori L interpretazione estensiva della norma L assegnazione della casa familiare nella riforma del La conferma della presenza di figli non autosufficienti quale presupposto per l assegnazione della casa coniugale La valenza economica della assegnazione Prole maggiorenne e raggiungimento della autonomia economica La valutazione dell assegnazione sotto il profilo del risparmio di spesa XXI

10 8. La valutazione relativa al nucleo familiare La prova della non autosufficienza economica del figlio maggiorenne La valutazione sulla attribuzione della casa coniugale L equiparazione della disciplina prevista per la separazione e per il divorzio La natura del diritto discendente dall assegnazione della casa coniugale I caratteri del diritto di abitare la casa assegnata dal giudice Il diritto di abitazione in capo al coniuge superstite Il contrario indirizzo di parte della giurisprudenza Casa familiare e morte del coniuge titolare del diritto su di essa La posizione della Cassazione I mobili e le pertinenze della abitazione familiare Le spese effettuate nella casa coniugale Casa familiare e beni personali del coniuge non affidatario Le interferenze con il diritto sul bene del coniuge estromesso La casa coniugale oggetto di locazione La casa familiare in locazione da enti pubblici La disciplina delle spese relative alla abitazione La casa familiare data in comodato L inopponibilità al comodante del provvedimento di assegnazione La prevalenza del momento estintivo del contratto di comodato sul provvedimento di assegnazione La casa familiare di proprietà di terzi. Casistica La revisione del provvedimento di assegnazione della casa coniugale La trascrizione del provvedimento Opponibilità e locazioni ultranovennali La posizione delle Sezioni Unite Trascrizione del provvedimento di assegnazione e riforma. Casistica La modificazione e revoca del provvedimento Modifica e convivenza more uxorio La questione di costituzionalità Art. 155 quinquies. Disposizioni in favore dei figli maggiorenni La legittimazione del figlio maggiorenne e quella del genitore convivente. L art. 155 quinquies c.c. nuovo testo I figli maggiorenni portatori di handicap Art. 155 sexies. Poteri del giudice e ascolto del minore L audizione del minore. L evoluzione normativa La volontà del minore Ascolto del minore e legge sulle adozioni L ascolto del minore in relazione alla sua età L ascolto del minore nella riforma del Premessa L ascolto del minore nel testo dell art. 155 sexies c.c. L interpretazione giurisprudenziale L audizione del minore. Modalità La consulenza tecnica e l affidamento del minore Il ruolo dei servizi sociali La mediazione familiare XXII

11 11. Profili procedurali L intervento di terze persone L attuazione del provvedimento di affido La revisione dei provvedimenti relativi ai figli Art Effetti della separazione sui rapporti patrimoniali tra i coniugi Gli effetti patrimoniali della separazione La relazione con il c.d. regime primario della famiglia Le condizioni dell assegno di mantenimento La pronuncia di addebito L addebito quale mero presupposto negativo dell attribuzione dell assegno Gli effetti patrimoniali e il divorzio L assegno di divorzio La natura dell assegno corrisposto in sede di divorzio La modifica dell art. 5, 4 co, l. divorzio La conferma della unicità del criterio attributivo dell assegno divorzile Il consolidamento della tesi giurisprudenziale I criteri di determinazione dell assegno divorzile. I poteri d ufficio del Tribunale I criteri aggiuntivi. Il criterio risarcitorio Il criterio compensativo Il criterio temporale La domanda di attribuzione dell assegno La proposizione in separato giudizio L autonomia delle parti e l assegno di divorzio La posizione della giurisprudenza Le posizioni della dottrina Le (timide) aperture della Cassazione I rapporti fra l assegno di mantenimento e l assegno alimentare I rapporti fra assegno concesso in sede di separazione e procedimento di divorzio La valutazione del giudice del divorzio e quella effettuata in sede di separazione Differenze e coincidenze nella valutazione dei due assegni Assegno e nullità del matrimonio Giudizio di divorzio e giudizio di nullità del matrimonio L adeguatezza dei redditi del coniuge La concreta determinazione del tenore di vita Il tenore di vita superiore alle potenzialità economiche della famiglia Tenore di vita della famiglia e sua individuazione in relazione alla complessiva capacità patrimoniale della famiglia La valutazione dei parametri Gli aiuti da parte della famiglia di origine L alienazione di cespiti patrimoniali Le prestazioni ricevute nell ambito della famiglia di fatto La valutazione comparativa fra le situazioni familiari e la famiglia di fatto La valutazione comparata delle condizioni economiche dei coniugi XXIII

12 18.1. La valutazione dei rispettivi redditi e l assegnazione della casa familiare La determinazione temporale dell assegno Le scelte lavorative del coniuge La libera scelta della attività lavorativa da parte del coniuge obbligato La capacità lavorativa del richiedente. Il rapporto con gli accordi fra i coniugi Capacità al lavoro e procedimento di separazione e di divorzio Il principio della domanda Il termine di decorrenza dell assegno di mantenimento L adempimento una tantum Le modalità di adempimento L oggetto dell accordo Profili fiscali La valutazione del Tribunale La natura equitativa della valutazione L accettazione dell adempimento, in tema di separazione, solo rebus sic stantibus Adempimento tramite assegnazione della casa coniugale Il necessario presupposto dell affidamento della prole minore Assegno una tantum e mantenimento dei figli L onere della prova Onere della prova e principio della allegazione Il ricorso alle presunzioni La dichiarazione dei redditi dei coniugi Onere della prova e dichiarazione dei redditi Deposito delle dichiarazioni e poteri ufficiosi del Tribunale L intervento della guardia di finanza La dichiarazione congiunta dei redditi La quantificazione dell assegno ed i redditi goduti dai coniugi La rivalutazione dell assegno di mantenimento La conseguente natura del credito da mantenimento La decorrenza del diritto L attribuzione temporanea dell assegno Le differenze con l assegno alimentare I punti di contatto I presupposti per la concessione dei due tipi di assegni La domanda degli alimenti e la domanda dell assegno di mantenimento I rapporti con l assegno provvisorio: artt. 708, 709 c.p.c. ed art. 4, 8 co., l. div La ripetizione delle somme pagate in base all ordinanza presidenziale Le garanzie per l adempimento Il sequestro dei beni L ipoteca giudiziale Le vicende modificative o estintive dell assegno di mantenimento o alimentare. In particolare: revoca e modifica su istanza di parte L estinzione dell assegno XXIV

13 32.2. Il fallimento del coniuge obbligato. La delibazione della sentenza ecclesiastica di annullamento del matrimonio Gli incrementi economici sopravvenuti Gli incrementi patrimoniali conseguiti dalle parti successivamente al giudizio di separazione La modifica e la revoca dell assegno di mantenimento La decorrenza della modificazione dell assegno Modifica dell assegno e rapporti con il procedimento di divorzio e con il giudizio di opposizione all esecuzione L incidenza degli accordi fra le parti L incidenza della sopravvenuta svalutazione e la contiguità, sul punto, delle discipline del divorzio e della separazione La riduzione e la vicenda estintiva Art. 156 bis. Cognome della moglie Profili generali Inibitoria e pronuncia di addebito Il procedimento Comportamenti successivi alla separazione La violazione del divieto L autorizzazione a non usare il cognome del marito Art Cessazione degli effetti della separazione La riconciliazione L accertamento dell avvenuta riconciliazione L interruzione della separazione e la successiva rottura della convivenza La casistica La separazione di fatto Separazione di fatto e riconciliazione Differenze con la separazione legale Art Separazione consensuale Principi generali La tensione fra autonomia dei coniugi ed interesse alla tutela delle posizioni deboli all interno della famiglia L indisponibilità dello status coniugale Autonomia dei coniugi e regolamentazione della crisi del matrimonio La posizione della Cassazione Le aperture giurisprudenziali La validità di particolari forme di accordo La natura dell accordo Il contenuto dell accordo Il contenuto essenziale della separazione consensuale La limitazione del controllo al contenuto imposto per legge Il mantenimento dei coniugi Il contenuto eventuale e la mancata omologazione La risoluzione del negozio I vizi del consenso La simulazione L incapacità XXV

14 15. Le fasi del procedimento di omologazione La attuale vigenza dell art. 711 c.p.c La natura del procedimento di omologazione La legittimazione attiva Il provvedimento di omologazione. Natura La presenza del Pubblico Ministero I poteri del Presidente del Tribunale I poteri del Collegio La tutela dei figli I rapporti fra l accordo ed il provvedimento di omologazione La separazione consensuale come procedimento a formazione progressiva Sintesi sulle posizioni della dottrina e della giurisprudenza. Il problema della revoca del consenso alla separazione La revoca del consenso intervenuta prima dell udienza presidenziale La revoca del consenso intervenuta dopo l udienza presidenziale. Le diverse interpretazioni della giurisprudenza di merito. La tesi favorevole alla revoca La tesi che respinge la possibilità di revoca L autonomia delle parti al di fuori del controllo giudiziario L interpretazione restrittiva I rapporti fra i coniugi non oggetto di omologazione Accordi fra coniugi e doveri inderogabili che discendono dal matrimonio Il tempo della convenzione Patti anteriori o coevi e impugnazione dell accordo I patti non omologati relativi alla prole minore d età Patti non omologati e divorzio Una timida apertura Patti non omologati e annullamento del matrimonio I rapporti con il regime di comunione legale I trasferimenti immobiliari La generale facoltà dei coniugi di trasferire diritti immobiliari L adempimento a favore del terzo La causa del negozio traslativo della proprietà e il procedimento di conclusione La causa familiare La documentazione del negozio La trascrizione del trasferimento e l annotazione della sentenza di omologazione Trascrizione ed assegnazione della casa coniugale Trasferimento immobiliare e comunione legale fra i coniugi L adempimento degli obblighi contenuti nel provvedimento di omologazione La revisione del provvedimento di omologazione Capo VI DEL REGIME PATRIMONIALE DELLA FAMIGLIA Sezione I Disposizioni generali Art Del regime patrimoniale legale tra i coniugi Profili generali Nozione di regime patrimoniale della famiglia XXVI

15 2.1. La discussa natura contrattuale delle convenzioni matrimoniali Compatibilità del regime della separazione dei beni con i principi costituzionali Ordine pubblico interno e regimi patrimoniali di ordinamenti giuridici stranieri Art Diritti inderogabili Il contenuto del divieto Alcuni casi di modifiche vietate Gli accordi assunti nella crisi familiare L evoluzione dottrinale e giurisprudenziale L elemento causale La validità degli accordi L evoluzione giurisprudenziale in ordine alla validità degli accordi L autonomia negoziale dei coniugi e la indisponibilità dell assegno Gli accordi in vista e per l eventualità dell annullamento del matrimonio o del futuro divorzio Transazione tra i coniugi Art Riferimento generico a leggi o agli usi Origine della norma Ratio della norma Art Forma delle convenzioni matrimoniali La forma delle convenzioni matrimoniali La modifica delle convenzioni, successivamente al matrimonio La pubblicità delle convenzioni Art Modifica delle convenzioni Cenni introduttivi La modifica delle convenzioni Modifica della convenzione e accordo di divisione L ipotesi del decesso di uno dei coniugi e persistenza dell interesse al perfezionamento dell accordo modificativo Art Simulazione delle convenzioni matrimoniali Cenni sulla genesi della norma La prova della simulazione Art Capacità del minore La speciale capacità del minore a stipulare le convenzioni matrimoniali Art Capacità dell inabilitato La capacità dell inabilitato a stipulare le convenzioni matrimoniali XXVII

16 Art. 166 bis. Divieto di costituzione di dote Profili generali L abrogazione dell istituto della dote ad opera della legge di riforma del diritto di famiglia Il divieto di costituzione di nuove doti Sezione II Del fondo patrimoniale Art Costituzione del fondo patrimoniale La costituzione del fondo patrimoniale L atto pubblico La forma degli atti di attribuzione L intervento del pubblico ministero Limiti alla destinazione La bilateralità e la necessità di accettazione Gli atti di ultima volontà Il concetto di famiglia Costituzione del fondo dopo la morte del coniuge La famiglia di fatto L oggetto del fondo patrimoniale I beni immobili Le prescrizioni urbanistiche Il contratto preliminare I beni mobili iscritti in pubblici registri Il ruolo dell art c.c I titoli di credito I titoli dematerializzati Le quote di società a responsabilità limitata Titoli infruttiferi e beni futuri L azienda L eredità I diritti reali limitati Proprietà dei beni attribuita ad entrambi i coniugi Proprietà in capo ad un coniuge Proprietà in capo al terzo Usufrutto Superficie Servitù ed enfiteusi Uso e abitazione La multiproprietà Diritti personali di godimento L accessione Il regime pubblicitario del fondo Il difficile coordinamento tra gli artt. 162, 163 e 2647 del codice civile La teoria dell efficacia dichiarativa della trascrizione in materia di convenzioni matrimoniali L orientamento della giurisprudenza Funzione ed efficacia delle diverse forme pubblicitarie XXVIII

17 13.4. La teoria che degrada la trascrizione nei registri immobiliari a pubblicità-notizia L intervento della Corte costituzionale La giurisprudenza di legittimità successiva Il significato dell abrogazione del comma 4 dell art del codice civile Inserimento di nuovi beni in un fondo già costituito La pubblicità dello scioglimento del fondo L annotazione e gli obblighi del notaio Il sistema tavolare Art Impiego ed amministrazione del fondo Introduzione La tipologia degli atti di amministrazione L ordinaria amministrazione La straordinaria amministrazione Contrasto tra coniugi ed intervento giudiziale La richiesta di autorizzazione giudiziale: procedimento e competenza Il rapporto tra la disciplina del fondo e quella della comunione legale Deroga all amministrazione congiunta I frutti Possono i frutti essere considerati beni del fondo? L utilizzo dei frutti: norme di amministrazione La natura del vincolo sui frutti La donazione La gestione ordinaria disgiuntiva e gli atti di straordinaria amministrazione La derogabilità delle norme sull amministrazione Limiti entro i quali può operare la deroga Limiti ai poteri di amministrazione in caso di accordo: controllo e sanzioni Il controllo giudiziale Il controllo notarile Considerazioni sull effettività della destinazione dei beni e sugli strumenti di controllo e sanzione Altri strumenti di tutela Le patologie della gestione: atti che incidono sulla consistenza del fondo patrimoniale Atti che comportano una deviazione dalla funzione tipica; atti di sottrazione, consumazione e distruzione dei beni del fondo Atti diretti a sottrarre i beni alla garanzia dei creditori Atti di irregolare gestione del fondo sotto il profilo formale Le conseguenze sulla validità degli atti: posizione dei terzi contraenti Atti di straordinaria amministrazione effettuati disgiuntamente dai coniugi su beni immobili e su mobili registrati Gli atti su beni in proprietà esclusiva di un coniuge Atti privi della necessaria autorizzazione giudiziale Ammissibilità di un autorizzazione successiva all atto Assunzione di obbligazioni senza il necessario consenso dell altro coniuge Gli effetti dell atto abusivo: invalidità ed inefficacia XXIX

18 11.1. Atti compiuti nonostante l opposizione dell altro coniuge: quale influenza esercita sulla validità dell atto la buona o mala fede del terzo? Le regole di amministrazione dei frutti Effetti conseguenti al compimento di un atto abusivo relativo a beni mobili Le conseguenze sul potere di amministrazione: l esclusione di un coniuge ex art. 183 c.c. Cenni preliminari Conseguenze sul potere di amministrazione dell altro coniuge Il fallimento è causa di esclusione dall amministrazione dei beni del fondo? Esclusione di entrambi i coniugi dall amministrazione Il procedimento di esclusione del coniuge dall amministrazione Le conseguenze patrimoniali La reintegrazione Il risarcimento per equivalente Il danno esistenziale Il danno esistenziale nel diritto di famiglia Le implicazioni per il fondo patrimoniale Art Alienazione dei beni del fondo Atti di straordinaria amministrazione: il rapporto tra la disciplina del fondo patrimoniale e quella della comunione legale Deroga all amministrazione congiunta Gli atti di disposizione in presenza di figli minori Nascituri concepiti, non concepiti e figli maggiorenni conviventi I presupposti dell autorizzazione Necessità di reimpiego ed effetti verso i terzi Il procedimento autorizzativo La competenza territoriale La necessità od utilità evidente Art Esecuzione sui beni e sui frutti Introduzione La causa del credito La fonte dell obbligazione: i debiti nascenti da fatto illecito I crediti dell erario Limiti soggettivi all azione esecutiva L onere probatorio e le modalità di paralizzazione dell azione esecutiva Limiti oggettivi: i bisogni della famiglia Le spese per l attività imprenditoriale dei coniugi Gli atti compiuti dai coniugi in violazione delle regole di amministrazione Il beneficium excussionis La tutela dei creditori in relazione al momento di cessazione del vincolo Le garanzie reali e i privilegi I meccanismi di tutela del credito La revocatoria ordinaria L oggetto della garanzia patrimoniale sotto il profilo temporale XXX

19 10.3. La natura dell atto costitutivo di fondo patrimoniale Il pregiudizio Il consilium fraudis La legittimazione processuale La simulazione e l actio nullitatis Ipotesi di simulazione relativa L actio nullitatis: il contratto in frode alla legge L abuso L illiceità della causa L illiceità del motivo La meritevolezza e la causa concreta Art Cessazione del fondo Le cause tipiche di scioglimento L annullamento del matrimonio La cessazione degli effetti civili Lo scioglimento del matrimonio La separazione dei coniugi L ammissibilità di cause di cessazione convenzionali-atipiche La tesi più innovativa Esaurimento dell oggetto e scioglimento volontario Modifica, scioglimento consensuale ed esaurimento dell oggetto L estinzione per esaurimento dell oggetto del fondo Lo scioglimento per effetto di un negozio risolutivo Gli atti di mala gestio del coniuge Limiti all autonomia privata: i figli minori e i creditori L estinzione del fondo in presenza di figli minori La ratio e l oggetto della tutela Continuazione del fondo e diritti successori sul patrimonio del coniuge deceduto L amministrazione La competenza e il procedimento Il terzo comma dell art Interpretazione letterale e sistematica della norma Il quarto comma dell art La trasformazione del patrimonio familiare in fondo patrimoniale La pubblicità dello scioglimento La competenza in caso di scioglimento volontario Art [Riduzione] Art [Amministrazione] Art [Sostituzione del coniuge amministratore] Art [Cessazione del vincolo] Art [Amministrazione dopo lo scioglimento del matrimonio] XXXI

20 Sezione III Della comunione legale Art Oggetto della comunione Profili generali Natura giuridica e differenze rispetto alla comunione ordinaria Oggetto della comunione: acquisti compiuti dai due coniugi L acquisto per accessione dell edificio costruito sul suolo di proprietà di un coniuge La tutela solo obbligatoria dell altro coniuge Gli altri acquisti a titolo originario L usucapione La proprietà intellettuale Gli acquisti dei diritti di credito: la tesi restrittiva Gli acquisti dei diritti di credito: la tesi favorevole all inclusione dei diritti di credito nella comunione Contratto preliminare di acquisto stipulato da uno solo dei coniugi Il problema dei depositi e dei conti correnti bancari Titoli di credito e partecipazioni societarie Le quote di cooperativa a r.l Altre peculiari ipotesi di acquisto La comunione de residuo: considerazioni generali I redditi individuali Art Beni destinati all esercizio di impresa Considerazioni generali I beni acquistati e destinati all esercizio dell impresa La diversa disciplina delle professioni: artt. 178 e 179, lett. d) Comunione de residuo ex art. 178, pubblicità e consenso dell altro coniuge Il fallimento del coniuge imprenditore e la comunione de residuo dei beni destinati all esercizio dell impresa Art Beni personali Generalità Beni personali ex art. 179, lett. a): i beni di proprietà dei coniugi anteriormente al matrimonio Beni personali ex art. 179, lett. b): i beni acquisiti per effetto di donazione o successione Beni personali ex art. 179, lett. c): i beni di uso strettamente personale Beni personali ex art. 179, lett. d): i beni che servono all esercizio della professione Beni personali ex art. 179, lett. e): i beni ottenuti a titolo di risarcimento dei danni, ovvero attinenti alla perdita di capacità lavorativa Beni personali ex art. 179, lett. f): i beni acquisiti con il prezzo del trasferimento dei beni personali o col loro scambio L acquisto di beni immobili e mobili registrati personali Il rifiuto del co-acquisto Art Amministrazione dei beni della comunione Considerazioni generali XXXII

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE STORICA E DIFFUSIONE DELL ISTITUTO

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE STORICA E DIFFUSIONE DELL ISTITUTO INDICE-SOMMARIO Premessa... XI Tomo I Storia, natura, ratio e oggetto. Comunione de residuo e beni patrimoniali PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino La Convivenza Regole e tutele della vita insieme Consiglio Nazionale del Notariato Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI di Andrea De Crecchio 1. Profili generali A) Nozione Nel nostro diritto ereditario sono presenti due principi in apparente contrasto: da un lato la libertà di disporre

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015 CIRCOLARE N. 24/E R RrRrrr Direzione Centrale Pubblicità Immobiliare e Affari Legali Roma, 17 giugno 2015 OGGETTO: Tabelle degli atti soggetti a trascrizione o a iscrizione e delle domande di annotazione

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 211 - GENNAIO / FEBBRAIO 2013 INSERTO. Le partecipazioni societarie e l'impresa nel Diritto di Famiglia

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 211 - GENNAIO / FEBBRAIO 2013 INSERTO. Le partecipazioni societarie e l'impresa nel Diritto di Famiglia IL COMMERCIALISTA VENETO n. 211 - GENNAIO / FEBBRAIO 2013 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLE TRE VENEZIE INSERTO Le partecipazioni societarie e l'impresa nel Diritto

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli