ACCORDI IN VISTA DELLA SEPARAZIONE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE, SENTENZA 25.06/ , N

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCORDI IN VISTA DELLA SEPARAZIONE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE, SENTENZA 25.06/02.10.2012, N. 16767"

Transcript

1 ACCORDI IN VISTA DELLA SEPARAZIONE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE, SENTENZA 25.06/ , N LA MASSIMA n tema di validità e rilevanza, nell ambito del giudizio di separazione giudiziale, degli accordi precedenti alla sua instaurazione ed intesi a disciplinare aspetti di natura patrimoniale della separazione di fatto dei coniugi, trova applicazione il principio di non interferenza delle pattuizioni convenute antecedentemente e contemporaneamente all accordo omologato, o perché concernenti un aspetto che non è disciplinato nell accordo formale, oppure perché hanno un carattere meramente specificativo di disciplina secondaria, ovvero in posizione di conclamata e incontestabile maggior rispondenza rispetto all interesse tutelato, come per l assegno di mantenimento concordato in misura superiore a quella sottoposta ad omologazione. La pretesa fondata sulla prevalenza di un assegno determinato anni prima, per regolare la separazione di fatto dei coniugi, rispetto alla somma stabilita in misura maggiore in sede giudiziale, nel rispetto dei criteri stabiliti dall art. 156 c.c., si colloca su un fronte antitetico rispetto a quello delineato della giurisprudenza di questa Corte, evidentemente inteso a garantire le ragioni del coniuge più debole. In riferimento all obbligo di fedeltà coniugale, che costituisce oggetto di una norma di condotta imperativa, la sua violazione, specie se attuata attraverso una stabile relazione extraconiugale, determina normalmente l intollerabilità della prosecuzione della convivenza e costituisce, di regola, causa della separazione personale, addebitabile al coniuge che ne è responsabile, sempre che non si constati la mancanza di un nesso di causalità tra l infedeltà e la crisi coniugale, mediante un accertamento rigoroso e una valutazione complessiva del comportamento di entrambi i coniugi, da cui risulti la preesistenza di una rottura già irrimediabilmente in atto, in un contesto caratterizzato da una convivenza meramente formale. La sentenza Svolgimento del processo 1. - Con sentenza, in data 2005 il Tribunale di Firenze pronunciava la separazione personale, con addebito al marito, dei coniugi F.F. e M.T., in favore della quale veniva assegnata la casa coniugale e disposto un assegno mensile di mantenimento pari ad Euro 3.800,00, da rivalutarsi secondo gli indici ISTAT Avverso tale decisione proponeva appello il F., il quale in primo luogo deduceva l insussistenza dell addebito, in quanto l infedeltà coniugale a lui attribuita non aveva rilevanza causale rispetto alla intollerabilità della prosecuzione della convivenza, da individuarsi, al contrario, nella disaffezione reciproca della coppia; denunciava l incongruità per eccesso dell assegno di mantenimento, richiamando un accordo, per la separazione consensuale, poi non attuato, in base al quale la M. aveva accettato un importo di gran lunga inferiore; contestava, infine, il regolamento delle spese processuali Proponeva appello incidentale la M., chiedendo una determinazione in misura maggiore del contributo disposto per il proprio mantenimento e avanzando richieste specifiche in merito alle spese di manutenzione e conduzione della casa coniugale, di cui paventava la perdita, per essere di proprietà del cognato.

2 La corte d appello di Firenze, con la sentenza indicata in epigrafe, premesse alcune osservazioni di carattere generale sull addebito della separazione sotto il profilo dogmatico e nella prassi giurisprudenziale, riteneva che il fatto posto alla base della pronuncia di addebito, vale a dire la violazione dell obbligo di fedeltà, culminata, ancor prima della cessazione della convivenza coniugale, nella creazione di un nucleo familiare con altra donna e con il figlio avuta dalla stessa, non potesse essere valutato disgiuntamente dall esame della condotta della M., ragion per cui detta circostanza, sfuggendo a una visione complessiva, non consentiva una pronuncia di addebito. Quanto agli aspetti di natura patrimoniale, veniva evidenziato, da un lato, l elevato tenore di vita tenuto dalla coppia durante la convivenza e, dall altro, l inadeguatezza dei mezzi di cui disponeva la donna (il cui patrimonio immobiliare ammontava ad ) rispetto all ingente capacità economica del F., titolare di beni immobili per 10 milioni di euro, oltre che di titoli mobiliari e partecipazioni societarie. Per tale ragione, in parziale accoglimento dell appello incidentale, il contributo posto a carico del marito veniva elevato fino a 4.000,00 euro mensili, rilevandosi, quanto alla casa coniugale, che l eventuale cessazione dell assegnazione avrebbe potuto costituire l oggetto di una revisione delle condizioni. Venivano, infine, compensate le spese di lite relative a entrambi i gradi del giudizio Per la cassazione di tale decisione il F. propone ricorso, affidato a tredici motivi. Resiste con controricorso la M., che propone ricorso incidentale, sorretto da tre motivi, illustrati da memoria, cui controparte resiste con controricorso. Motivi della decisione 2. - Preliminarmente va disposta la riunione dei ricorsi, ai sensi dell art. 335 c.p.c., in quanto proposti avverso la medesima decisione. 3. Con il primo motivo si deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 1321, 1322, 1372 c.c. e 156 c.p.c., per non aver la corte territoriale considerato gli accordi intercorsi fra le parti, consacrati in una scrittura privata del 19 dicembre 1998, allo scopo di regolare gli aspetti della separazione personale Con il secondo motivo si denuncia la violazione dell art. 112 c.p.c., per non essersi la corte di appello pronunciata, come richiesto, sulla validità della scrittura sopra indicata Con il terzo motivo si prospetta, sempre in relazione alla scrittura privata del 19 dicembre 1998, vizio motivazionale, anche con riferimento alla circostanza inerente all espressione, durante un periodo di circa tre anni, degli accordi già intervenuti I primi motivi, da esaminarsi congiuntamente in considerazione della loro intima connessione, ed in relazione ai quali risultano formulati, rispettivamente, idonei quesiti di diritto ed il c.d. momento di sintesi, sono infondati. Premesso che non può ravvisarsi vizio di omessa pronuncia ogni qualvolta dal tenore della decisione emerge una statuizione, sia pure implicita, su una richiesta della parte, appare del tutto evidente come la determinazione di un assegno di mantenimento in favore della moglie, in misura maggiore rispetto a quella indicata dal F., comporti il rigetto di tale eccezione. La stessa non attiene, per altro, a un elemento fattuale, fondandosi esclusivamente su una questione giuridica, vale a dire la validità e la rilevanza, nell ambito del giudizio di separazione giudiziale, degli accordi precedenti alla sua instaurazione ed intesi a disciplinare aspetti di natura patrimoniale della separazione di fatto dei coniugi. Non appare, pertanto, neppure ipotizzabile, a tacere della carenza

3 di decisività della questione, il dedotto vizio motivazionale, che non può essere denunciato, anche in considerazione della possibilità, in sede di legittimità, di emendare la decisione ai sensi dell art. 384 c.p.c., in relazione all interpretazione all applicazione di norme giuridiche (Cass., Sez. un., 28 novembre 2008, n ). Passando all esame della questione, essenzialmente fondata sulla determinazione, nella scrittura privata del 19 dicembre 1998, di un assegno nella misura di lire e di altri aspetti di natura patrimoniale, deve rilevarsi che la fattispecie in esame è solo in parte assimilabile ai temi trattati nelle decisioni di questa Corte, richiamate dallo stesso ricorrente, in materia di accordi anteriori o contemporanei alla separazione consensuale. Nel caso di specie, invero, non risulta che le parti abbiano inteso regolare i propri interessi in vista di una eventuale omologa: prescindendo da tale aspetto, il dato fondante dell orientamento, ormai consolidato, di questa Corte è costituito dal principio di non interferenza delle pattuizioni convenute antecedentemente e contemporaneamente all accordo omologato, o perché concernenti un aspetto che non è disciplinato nell accordo formale, oppure perché hanno un carattere meramente specificativo di disciplina secondaria, ovvero in posizione di conclamata e incontestabile maggior rispondenza rispetto all interesse tutelato, come per l assegno di mantenimento concordato in misura superiore a quella sottoposta ad omologazione (Cass., 22 gennaio 1994, n. 657; Cass., 28 luglio 1997, n. 7029; Cass., 20 ottobre 2005, n ). La pretesa fondata sulla prevalenza di un assegno determinato anni prima, per regolare la separazione di fatto dei coniugi, rispetto alla somma stabilita in misura maggiore in sede giudiziale, nel rispetto, come si vedrà, dei criteri stabiliti dall art. 156 c.c., si colloca su un fronte antitetico rispetto a quello delineato della giurisprudenza di questa Corte, evidentemente inteso a garantire le ragioni del coniuge più debole Del pari infondati sono il quarto, il quinto ed il sesto motivo, fra loro intimamente collegati in quanto relativi alla questione, prospettata sotto diversi profili, dell omessa considerazione dell emolumento percepito dalla M. in forza della suindicata scrittura privata. In realtà, anche se non esplicitamente, sembra volersi affermare, contrariamente a quanto emerge dal tenore della decisione impugnata e dalle stesse difese delle parti, che l assegno di mantenimento stabilito nel giudizio di separazione venga ad aggiungersi a detta entrata. Essendo evidente la natura sostitutiva dell assegno di mantenimento stabilito in giudizio rispetto a quello, di natura precaria, e di importo inferiore, indicato dal ricorrente, correttamente non si è tenuto conto di una prospettazione reddituale, in realtà, a partire dalla data di decorrenza dell assegno di mantenimento vero e proprio, priva di consistenza giuridica ed economica Con il settimo motivo si denuncia insufficiente motivazione in relazione ai cespiti immobiliari della M., per non essersi considerata la redditività potenziale della villa al mare di proprietà della M., per esserle stata ceduta dal marito. La censura non coglie nel segno, in quanto, non risultando, come nello stesso ricorso si afferma, che detto bene produca un reddito effettivo, la corte territoriale ha proceduto a una comparazione del valore del patrimonio, di entrambi i coniugi, senza obliterare il dato in questione, ma ponendolo, nell ambito della valutazione delle rispettive condizioni reddituali e patrimoniali, su un piano di effettività, nell ambito di un confronto di dati omogenei L ottavo, il nono, il decimo, il dodicesimo e il tredicesimo motivo non si concludono con l illustrazione, in maniera sintetica, ma efficace, delle ragioni poste a fondamento della critica alla

4 motivazione della decisione impugnata: la carenza del c.d. momento di sintesi, omologo del quesito di diritto, determina, in base al consolidato orientamento di questa Corte, anche a sezioni unite (Cass., 1 ottobre 2007, n ), l inammissibilità di tali motivi per violazione della previsione contenuta nell art. 366 bis c.p.c., applicabile, ratione temporis, al procedimento in esame L undicesimo motivo è sostanzialmente caudatario del precedente, con il quale è stata lamentata carenza motivazionale in relazione agli oneri del F. in merito al mantenimento del figlio nato fuori dal matrimonio, e della cui inammissibilità si è già detto. La deduzione di un vizio di omessa pronuncia, prospettata in relazione al medesimo aspetto, attenendo per lo più a questione di natura motivazionale, e non trattandosi, quindi, di vera e propria domanda o eccezione, rimane assorbita da detto rilievo di inammissibilità. D altra parte, essendosi nella sentenza fatto riferimento a una consistenza patrimoniale del ricorrente pari a circa dieci milioni di euro, la questione appare implicitamente valutata Il primo e il secondo motivo del ricorso incidentale attengono all esclusione dell addebito della separazione al F., per aver disatteso il dovere di fedeltà coniugale, essendosi dedotta, da un lato - con la formulazione di idoneo quesito di diritto - la violazione degli artt. 143 e 151 c.c., e, dall altro, insufficiente e contraddittoria motivazione al riguardo. Deve preliminarmente richiamarsi il principio, costantemente affermato da questa Corte, secondo cui, in riferimento all obbligo di fedeltà coniugale, che costituisce oggetto di una norma di condotta imperativa, la sua violazione, specie se attuata attraverso una stabile relazione extraconiugale, determina normalmente l intollerabilità della prosecuzione della convivenza e costituisce, di regola, causa della separazione personale, addebitabile al coniuge che ne è responsabile, sempre che non si constati la mancanza di un nesso di causalità tra l infedeltà e la crisi coniugale, mediante un accertamento rigoroso e una valutazione complessiva del comportamento di entrambi i coniugi, da cui risulti la preesistenza di una rottura già irrimediabilmente in atto, in un contesto caratterizzato da una convivenza meramente formale (Cass., 12 giugno 2006, n ; Cass., 7 dicembre 2007, n ). Avendo la corte territoriale escluso l addebito in relazione all esclusione del nesso causale fra detta violazione e la crisi familiare, il principio in esame risulta correttamente applicato, laddove le concrete valutazioni della fattispecie sono riservate al giudice del merito, ed insindacabili in questa sede, se non attraverso il controllo della congruità della motivazione. Tale controllo, nel caso in esame, è inibito dalla carenza, nello specifico motivo inerente al vizio motivazionale, del quesito conclusivo formulato nei termini prescritti dall art. 366 bis c.p.c., nell interpretazione - sopra illustrata - fornitane da questa Corte Analogo rilievo di inammissibilità, per la ragione testé indicata, va svolto in relazione al terzo motivo del ricorso incidentale, relativo a vizio motivazionale in tema di determinazione dell assegno di mantenimento Entrambi i ricorsi, pertanto, vanno rigettati. In considerazione della reciproca soccombenza, vanno interamente compensate le spese processuali relative al presente giudizio di legittimità. P.Q.M. La Corte riunisce i ricorsi e li rigetta. Compensa fra le parti le spese processuali relative al presente giudizio di legittimità.

5 Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalità delle parti e dei soggetti menzionati in sentenza. LA NOTA Con la sentenza in esame, la Corte di Cassazione affronta la questione relativa alla validità e rilevanza, nell ambito del giudizio di separazione giudiziale, degli accordi stipulati dai coniugi, antecedentemente alla sua instaurazione, ed intesi a disciplinare aspetti di natura patrimoniale della separazione di fatto. La vicenda investe una questione ben più ampia, relativa in primis alla validità dei cosiddetti accordi a latere, in particolare degli accordi antecedenti, ovvero coevi alla separazione. Occorre, tuttavia, fare una precisazione, tra l altro, effettuata dalla stessa Corte di Cassazione, in sentenza: la fattispecie in esame è solo in parte assimilabile ai temi in precedenza trattati nelle decisioni del Supremo Consesso e richiamati dallo stesso ricorrente, in materia di accordi anteriori o contemporanei alla separazione consensuale, non trovandoci, infatti, nel caso di specie, innanzi ad una separazione consensuale, bensì, ad una separazione giudiziale. Come evidenziato dai Giudici di legittimità, infatti, non risulta che le parti abbiano inteso regolare i propri interessi in vista di una eventuale omologa. Tale aspetto, tuttavia, è stato ritenuto non preminente dalla Suprema Corte, tanto da indurre il Collegio ad affrontare, comunque, la questione inerente alla validità degli accordi antecedenti e, indirettamente, quella della loro derogabilità da parte del Giudicante. Proprio con riguardo al primo degli aspetti ora richiamati, va evidenziato che, in un epoca ove vigeva una concezione pubblicistica della famiglia, vi era una tendenza a negare validità ed efficacia a quegli accordi coniugali antecedenti alla separazione, che non venissero recepiti e, dunque, formalizzati, nell ambito di un procedimento giurisdizionale. Gli interessi pubblicistici e sovra-individuali sottesi ad una tale concezione di famiglia, imponevano che qualsiasi accordo tra i coniugi, che incidesse sugli assetti familiari, dovesse essere, necessariamente, sottoposto al vaglio di un organo giurisdizionale (Cass. Civ. sent. n.14/1984). In particolar modo, la giurisprudenza considerava tali accordi nulli per illiceità della causa, e/o illiceità o impossibilità dell oggetto, più precisamente, per violazione dell art. 160 c.c. (Diritti inderogabili) che, secondo il più vetusto orientamento, cristallizzava il principio della assoluta indisponibilità dello status coniugale. Di diverso avviso la dottrina maggioritaria, che riconosceva validità ai predetti accordi in quanto tendenti, non già a modificare uno status, bensì a regolamentare i rapporti patrimoniali da esso discendenti. L atteggiamento della giurisprudenza, invero, ha subito un inversione di tendenza successivamente e consequenzialmente alla riforma del diritto di famiglia del 1975, nonché per effetto delle modifiche apportate alla legge sul divorzio, dalla legge n. 74/1987. Con tali interventi, il legislatore ha operato un passaggio da una funzione, inizialmente, pubblicistica della famiglia, in favore di una funzione prevalentemente privatistica della stessa, riconoscendo ai coniugi la possibilità di ricorrere a strumenti contrattualistici, al fine della regolamentazione dei loro rapporti patrimoniali.

6 In tale nuova ottica, tanto la giurisprudenza, quanto la dottrina, hanno attribuito un ruolo fondamentale alla volontà dei coniugi nell ambito della regolamentazione dei rapporti coniugali. Ciò sia nella fase fisiologica del rapporto, sia in quella patologica dello stesso, riconoscendo validità ed efficacia agli accordi dai medesimi stipulati, in vista di una separazione o, comunque, antecedentemente alla stessa. Ciò, tuttavia, pur sempre nel rispetto dei principi di liceità e meritevolezza di tutela, ed, in generale, dei principi e delle norme inderogabili della disciplina familiare (Cass. Civ., sent. n. 2997/2009). Il mutamento del concetto di famiglia ha consentito, indi, di ritenere applicabile, anche ai rapporti tra i coniugi, il principio della autonomia privata, di cui all art.1322 c.c. (Cass., Civ., sent. n. 6424/1987; Cass. Civ. sent. n. 7470/1992; Cass. Civ. Sent. n. 2270/1993; Cass. Civ., sent. n. 657/1994). Così, ad esempio, è stata riconosciuta validità agli accordi con i quali uno dei coniugi trasferisce all altro, in vista di una futura separazione, al fine della regolamentazione dei propri rapporti patrimoniale, la proprietà di uno o più immobili (Cass. Civ., sent. n /2000). Gli accordi stipulati in vista di una separazione, pertanto, secondo la giurisprudenza di legittimità, sono dotati di una loro autonomia, validità ed efficacia, anche se poi non trasfusi nel verbale di separazione. Una volta ammessa la piena validità di tali accordi, tuttavia, bisogna chiedersi come essi si collochino rispetto all accordo omologato. A tal riguardo, la giurisprudenza ha delineato un principio, che di fatto è stato recepito ed ulteriormente evidenziato nella sentenza sottoposta alla nostra attenzione: il principio di non interferenza degli accordi a latere con l accordo omologato. Gli accordi stipulati in vista della separazione hanno piena validità ed efficacia nella misura in cui si collochino in un rapporto di non interferenza con l accordo omologato, perché riguardano un aspetto non disciplinato nell accordo formale e compatibile con esso. Al riguardo, La Corte ha, in più occasioni, chiarito che tali accordi sono da considerarsi compatibili o, comunque, non interferenti con l accordo omologato, nella misura in cui non vengano modificati gli equilibri dell accordo formale omologato, o perché ne rappresentano una specificazione, ovvero perché si pongono in posizione di maggiore o uguale rispondenza all interesse tutelato attraverso il controllo giudiziale previsto dall art. 158 c.c.. (Cass. Civ., sent. n. 2997/09; Cass., Civ., sent. n. 9174/2008; Cass. Civ., sent. n /2007; Cass. Civ., sent. N. 8516/2006; Cass, Civ., sent. n /2005; Cass. Civ., sent. n. 7029/97; Cass. Civ., sent. n. 5829/1998). Con la recentissima sentenza della I sezione civile, la Corte di Cassazione, indi, pur non disconoscendo validità alle scritture private stipulate tra i coniugi in vista della separazione, ha riconosciuto al giudice il potere di disattendere le medesime, in nome della primaria esigenza di tutela di chi, nell ambito della crisi coniugale, indossa gli abiti di parte più debole del rapporto, corroborando, indi, quell orientamento, oramai da tempo consolidato, che dà autonomia e validità agli accordi in questione, sempre e solo purché venga rispettato il principio di non interferenza. Nella fattispecie in esame, i Giudici di Piazza Cavour hanno disatteso la pretesa del marito, di far prevalere un assegno concordato con la moglie anni prima, e di misura inferiore a quella riconosciuta in sede giudiziale. L iter logico-giuridico seguito dal Giudice di Nomofilachia è il seguente: in una concezione privatistica del rapporto coniugale e, più in generale, dei rapporti familiari, pur dovendosi

7 riconoscere l applicazione, nell ambito dei medesimi, del principio, dispositivo, dell autonomia negoziale (art e ss c.c.), tale riconoscimento non può spingersi al punto da sacrificare la primaria esigenza sottesa alle disposizioni in tema di assegno di mantenimento. Ad avviso dei Giudicanti, infatti, la pretesa del marito si collocava su di un fronte antitetico rispetto a quello delineato della giurisprudenza di legittimità, inteso a garantire le ragioni del coniuge più debole. Con tale sentenza la Suprema Corte, lungi dal voler dar luogo ad una riviviscenza della funzione pubblicistica della famiglia, ha voluto porre l accento sulla prevalenza, appunto, di tale primario interesse, posto a fondamento delle disposizioni di cui all art. 156 c.c. Appare interessante, a questo punto, rivolgere un breve sguardo all altra problematica affrontata dalla Corte con la sentenza 16767/2012, ovvero quella relativa alla addebito della separazione al coniuge infedele. Al riguardo gli Ermellini hanno ribadito un principio oramai consolidato, secondo il quale la pronuncia di addebito della separazione non può fondarsi esclusivamente sulla violazione dei doveri di cui all art. 143 c.c. (tra cui il dovere di fedeltà),essendo, di contro, indispensabile accertare la sussistenza di un nesso di causalità tra la violazione di tali doveri e l intervenuta crisi coniugale. Il giudice, indi, ai fini dell addebito, deve procedere ad una valutazione dei comportamenti di entrambi i coniugi, onde verificare il peso che il comportamento dell uno e dell altro coniuge abbia avuto nel determinarsi della situazione di intollerabilità della convivenza e, quindi, della crisi coniugale (Cass., Civ., sent. n /2010; Cass. Civ., sent. n. 6697/2009; Cass. Civ., sent. n /2007; Cass., 12 giugno 2006, n ). Nel caso in esame, pur avendo il marito instaurato una stabile relazione extraconiugale, la Corte d Appello di Firenze, dopo aver operato un analisi dei comportamenti tenuti da entrambi i coniugi in costanza di matrimonio, aveva escluso la sussistenza del nesso causale tra l infedeltà e la crisi coniugale riformando, pertanto, la sentenza di primo grado che addebitava la separazione al marito. Federica Stellavatecascio RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI F. GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli,2006; G. AUTORINO STANZIONE, Diritto di famiglia, Torino, 2003; R. GAROFOLI - G. CHINE' M. IANNONE, Codice civile annotato con la giurisprudenza, Roma, 2010; R. GIOVAGNOLI, Codice civile annotato con la giurisprudenza, Milano, 2011; A. TRABUCCHI, Istituzioni di diritto civile, Padova, RIFERIMENTI GIURISPRUDENZIALI Cass. Civ. sent. n. 14/1984; Cass. Civ. sent. n. 6424/1987;

8 Cass. Civ. sent. n. 7470/1992; Cass. Civ. sent. n. 2270/1993; Cass. Civ. sent. n. 657/1994; Cass. Civ. sent. n. 7029/1997; Cass. Civ. sent. n. 5829/1998; Cass. Civ. sent. n /2000; Cass Civ. sent. n /2005; Cass. Civ. sent. n. 8516/2006; Cass. Civ. sent. n /2006; Cass. Civ. sent. n /2007; Cass. Civ. sent. n /2007; Cass. Civ. sent. n. 9174/2008; Cass. Civ. sent. n. 2997/2009; Cass. Civ. sent. n. 6697/2009; Cass. Civ. sent. n /2010.

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 REPUBBLICA ITALIANA Suprema Corte di Cassazione Sezione III sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006

SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006 SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006 Famiglia Separazione personale dei coniugi comportamento successivo alla separazione (nella specie, esercizio della prostituzione da parte della moglie separata) limitata

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Suprema Corte di Cassazione I^ Sezione civile Sentenza n. 285 Del 27 settembre 2004 10 gennaio 2005 Svolgimento del processo M. M. convenne in giudizio innanzi al Tribunale di Latina G. I., lo Scau e l

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n.

L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore. Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. L aspra conflittualità tra i coniugi non impedisce l affidamento condiviso del figlio minore Cassazione civile, sez. I, sentenza 31.03.2014, n. 7477 Il caso è quello di due genitori - in rapporti fortemente

Dettagli

Sent. n. 26298 del 29 dicembre 2010 (ud. dell 8 novembre 2010) della Corte Cass., Sez. tributaria Pres. Panebianco, Rel. Magno

Sent. n. 26298 del 29 dicembre 2010 (ud. dell 8 novembre 2010) della Corte Cass., Sez. tributaria Pres. Panebianco, Rel. Magno Sent. n. 26298 del 29 dicembre 2010 (ud. dell 8 novembre 2010) della Corte Cass., Sez. tributaria Pres. Panebianco, Rel. Magno Fatto e diritto - 1.- Dati del processo. 1.1.- L agenzia delle entrate ricorre,

Dettagli

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO

REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO 22 REVISIONE DELL ASSEGNO DI DIVORZIO Mevio e Mevia, coniugi senza figli, decidono di divorziare in seguito ad una separazione consensuale omologata. In sede di giudizio, viene disposto in favore della

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. 487 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Sentenza n. 2740/2008

Sentenza n. 2740/2008 Corte Suprema di Cassazione - Civile Sezione I Civile Sentenza n. 2740/2008 deposito del 05 febbraio 2008 Svolgimento del processo Con ricorso depositato l'8.10.1999, M. B. chiedeva al Tribunale di Torino

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 Svolgimento del processo Con sentenza 12 luglio 2007, la Corte d appello di Messina rigettava l appello di G.C.L. ex dipendente di società del cd.

Dettagli

TRADIMENTI REITERATI? NIENTE ADDEBITO" Cass. 23426/2012 commento e testo

TRADIMENTI REITERATI? NIENTE ADDEBITO Cass. 23426/2012 commento e testo TRADIMENTI REITERATI? NIENTE ADDEBITO" Cass. 23426/2012 commento e testo Valeria MAZZOTTA P&D.IT Per l addebito della separazione occorre la prova rigorosa che la crisi è stata causata dai comportamenti

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. SENTENZA 11 gennaio 2007, n. 407. (Presidente Luccioli Relatore Giuliani) Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. SENTENZA 11 gennaio 2007, n. 407. (Presidente Luccioli Relatore Giuliani) Svolgimento del processo Mantenimento del figlio maggiorenne in presenza di contratto di apprendistato Cassazione, sez. I civile, sentenza 11.01.2007 n. 407 (Federica Malagesi) L obbligo dei genitori di concorrere tra loro, secondo

Dettagli

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno (09/01/2012) Cass. Sez. II Civ. - Sent. del 23/12/2011, n. 28679 Svolgimento

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

CONSULENZA LEGALE ON LINE

CONSULENZA LEGALE ON LINE 1 CONSULENZA LEGALE ON LINE * * * * * * * Separazione, il diritto di abitazione dei figli nella casa coniugale non è autonomo da quello dell'assegnatario Cassazione Civiel, sezione prima, sentenza n. 22500/2010

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine dell'unione tra P.M. e Pa.Mi., il Tribunale di Milano

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Dott. Petti Giovanni Battista - Presidente - Dott. Spagna Musso Bruno - Consigliere - Dott. Vivaldi Roberta

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 Svolgimento del Processo La controversia concerne l impugnazione da parte del contribuente del silenzio rifiuto opposto dall amministrazione ad

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO

ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO ASSEGNO ALL'EX CONIUGE. ACCERTAMENTO REDDITI E PATRIMONIO DELLE PARTI CASS. CIV., SEZ. I, 4 NOVEMBRE 2010, N. 22501. In tema di scioglimento del matrimonio, nella disciplina dettata dall'art. 5 l. n. 898/70,

Dettagli

Assegno di divorzio determinazione rilevanza della convivenza more uxorio del coniuge separato

Assegno di divorzio determinazione rilevanza della convivenza more uxorio del coniuge separato SENTENZA 13060 Del 9 settembre 2002 Assegno di divorzio determinazione rilevanza della convivenza more uxorio del coniuge separato Massima: una convivenza di tipo coniugale di lunghissima durata, pari

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

IMMOBILE COMPRATO E RISTRUTTURATO IN COPPIA, MA LA CONVIVENZA SI CHIUDE: POSSIBILE IL RIMBORSO ALLA DONNA NON

IMMOBILE COMPRATO E RISTRUTTURATO IN COPPIA, MA LA CONVIVENZA SI CHIUDE: POSSIBILE IL RIMBORSO ALLA DONNA NON IMMOBILE COMPRATO E RISTRUTTURATO IN COPPIA, MA LA CONVIVENZA SI CHIUDE: POSSIBILE IL RIMBORSO ALLA DONNA NON PROPRIETARIA?Cassazione, sez. II, 18 settembre 2012, n. 15644 commento e testo Diritto e processo.com

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI

LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI IL DIRITTO PRIVATO OGGI Serie a cura di Paolo Cendon LUCIANO OLIVERO LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI GIUFFREED1TORE INDICE SOMMARIO P

Dettagli

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli;

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli; CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 30 agosto 2013, n. 19989 Svolgimento del processo Con citazione del 6/6/1992 De L. D. proponeva opposizione al decreto ingiuntivo con il quale gli era stato ingiunto di pagare

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 03 ottobre 2013, n. 22613

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 03 ottobre 2013, n. 22613 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 03 ottobre 2013, n. 22613 Svolgimento del processo Il Tribunale di Monza, a seguito di una complessa istruttoria, accoglieva solo parzialmente la domanda di A.F., già dipendente

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 11 dicembre 2013, n. 27651 Integrale Lavoro ed occupazione - licenziamento - individuale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione I^ Sezione civile ordinanza n. 10742 del 19 aprile-5 giugno 2004. Ritenuto

Suprema Corte di Cassazione I^ Sezione civile ordinanza n. 10742 del 19 aprile-5 giugno 2004. Ritenuto Suprema Corte di Cassazione I^ Sezione civile ordinanza n. 10742 del 19 aprile-5 giugno 2004 Ritenuto Che con atto di citazione notificato il 6-14 luglio 1998 S.T. proponeva dinanzi al Tribunale di Roma

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. (Sentenza 20 aprile 2007, n. 9514) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. (Sentenza 20 aprile 2007, n. 9514) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE (Sentenza 20 aprile 2007, n. 9514) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con citazione del 21.6.1986 F. M. conveniva davanti al Tribunale di Rovigo il Comune di quella

Dettagli

La vicina non deve estirpare l alloro: basta potarlo Cassazione sentenza n. 93/2013 commento e testo

La vicina non deve estirpare l alloro: basta potarlo Cassazione sentenza n. 93/2013 commento e testo La vicina non deve estirpare l alloro: basta potarlo Cassazione sentenza n. 93/2013 commento e testo Avvocati.it. Qualora sul confine dei fondi risulti eretto un muro divisorio, quand anche le piante di

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

e di divorzio 3 Capitolo 1 Fondamento e caratteri essenziali degli assegni di separazione e di divorzio

e di divorzio 3 Capitolo 1 Fondamento e caratteri essenziali degli assegni di separazione e di divorzio Sommario XI Premessa 1 Parte prima: I diritti patrimoniali dei separati e dei divorziati 3 Capitolo 1 Fondamento e caratteri essenziali degli assegni di separazione e di divorzio 3 1.1. Fattispecie normative

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Studio legale law.it La documentazione in possesso della banca può dimostrare il contrario Nel corso di un giudizio

Dettagli

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA 28 settembre 2012, n.16520 Persona danneggiata non è solo la vittima diretta dell'incidente, ma anche i prossimi congiunti o gli aventi

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori:

N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori: Mod. 6 TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BARI N.1670/07 Reg. Ricorsi Civili N. Cron. Il Tribunale per i Minorenni di Bari, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori: 1) Dr. Valeria Montaruli

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. VII Introduzione...» XI In memoria del compianto Bruno Schettini...» XIV Prefazione: Primo commento alle modifiche apportate dalla legge n. 219 del 10

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE composto dai signori dr. Calogero Domenico Cammarata Presidente dr. Gaetano Sole Giudice dr. Andrea Giuseppe

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

Corte Suprema di Cassazione Sentenza 13747 del 18 Settembre 2003 Presupposti per il diritto al mantenimento

Corte Suprema di Cassazione Sentenza 13747 del 18 Settembre 2003 Presupposti per il diritto al mantenimento Corte Suprema di Cassazione Sentenza 13747 del 18 Settembre 2003 Presupposti per il diritto al mantenimento Sezione Prima Civile, Presidente A. Saggio Relatore S. Di Palma SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. 1.

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c.

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. - In materia di diritto tavolare, lo Studio ha ottenuto l affermazione

Dettagli

SENTENZA CORRENTISTA DANNEGGIATO; - RICORRENTE -

SENTENZA CORRENTISTA DANNEGGIATO; - RICORRENTE - Data 04/10/2011 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE TERZA Numero 20292 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE ha pronunciato la seguente:

Dettagli

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cataldi.it Il giudice del lavoro adito con impugnativa

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. Proto Cesare A. - Presidente - Dott. Bernabai Renato - Consigliere - Dott. Schirò Stefano - rel. Consigliere

Dettagli

Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento.

Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento. Il genitore convivente con il figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente può pretendere l'assegno di mantenimento. Cassazione civile, sez. I, sentenza 10.01.2014, n. 359 Il caso è quello di

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 17433 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 02/09/2015 SENTENZA sul ricorso 30301-2011 proposto da: VASQUEZ SANTOS DAYELIN C.F. VZQDLN75T70Z504W,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 8/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente la rettifica di una dichiarazione di successione, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 8/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente la rettifica di una dichiarazione di successione, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 8/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 13 gennaio 2012 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Rettifica di valore degli immobili inseriti nella dichiarazione

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090

Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090 Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090 La clausola compromissoria binaria, che devolva determinate controversie alla decisione di tre arbitri, due dei quali da nominare da ciascuna delle parti, può trovare applicazione

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto Condominio: il condizionatore troppo rumoroso deve essere rimosso Cassazione civile, sez. II, sentenza 10.11.2009 n. 23807 (Giuseppe Mommo) Il condizionatore che è causa di immissioni intollerabili (superiori

Dettagli

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini)

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) http://www.altalex.com/index.php?idnot=50040 La mancata

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

Donazione,genero,separazione,atti di liberalita',tasse,fiscalita',tributario commento e testo Amministrativo.it

Donazione,genero,separazione,atti di liberalita',tasse,fiscalita',tributario commento e testo Amministrativo.it Donazione,genero,separazione,atti di liberalita',tasse,fiscalita',tributario commento e testo Amministrativo.it "La L. quindi sostiene che era insussistente la causa della suddetta donazione, in quanto

Dettagli

Diritto e giustizia.it

Diritto e giustizia.it Vincolo coniugale rotto dal tradimento del marito: possibile il risarcimento dei danni alla donna, oltre all addebito attribuito all uomo Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 8862/12; depositata

Dettagli

Data 27/11/2012 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE SECONDA Numero 21082

Data 27/11/2012 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE SECONDA Numero 21082 Data 27/11/2012 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE SECONDA Numero 21082 ha pronunciato la seguente: sul ricorso 22010-2006 proposto da: S.M.L., A.T., A.F. (eredi); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

SENTENZA N. 18367 DEL 23/08/2006

SENTENZA N. 18367 DEL 23/08/2006 SENTENZA N. 18367 DEL 23/08/2006 Famiglia Divorzio- Assegno Soppressione Condizioni MASSIMA: In tema di revisione dell assegno di divorzio, allorchè a fondamento dell istanza dell ex coniuge obbligato,

Dettagli

Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi

Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 04.10.2010 n 20566 http://www.altalex.com/index.php?idnot=50642 Le intimidazioni generiche

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Sentenza 16 luglio 5 novembre 2015, n. 22627 Svolgimento del processo 1. La Corte d Appello di Milano, con la sentenza n. 1018/14, depositata il 6 novembre 2014,

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli