LIFE Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas."

Transcript

1 LIFE Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas. Action 9 : Project management by CRPA Deliverable 14: 4 th Project committee meeting minutes Minuta della quarta riunione del comitato di progetto Milano, 21 Marzo 2012 Elenco partecipanti Marco Ligabue Roberta Vezzosi Elena Bortolazzo Paolo Mantovi Giacinto Della Casa Luciano Migliorati Leonardo Boselli Carlo Riparbelli Marco Rosa Maurizio Arduin Sonia Venerus Valentino Volpe Domenico Davanzo Davide Serone FCSR F F Agricoltura IPLA Il Dr. Carlo Riparbelli dà il benvenuto ai presenti e passa la parola al Dr. Marco Ligabue che saluta i partecipanti e ringrazia per la loro partecipazione. Successivamente, spiega l'organizzazione dell'incontro e passa la parola ai rappresentanti dei beneficiari per presentarsi e presentare il loro ente di appartenenza. Successivamente, i beneficiari illustrano lo stato di avanzamento delle azioni di loro responsabilità. Il Dr. Della Casa (), responsabile dell'azione 1, descrive le attività condotte nelle 9 aziende dimostrative: specifica che per quest'azione sono stati raccolti ed analizzati circa il 33% del totale di campioni di alimenti previsti, mentre è stato analizzato circa il 50% dei campioni di sangue per determinare il profilo metabolico delle bovine da latte. Si precisa che i bilanci dell'azoto a livello di stalla (valutazione ex-ante) saranno completati entro il mese di maggio. è responsabile della redazione dei bilanci della regione e della, l'università di Padova, di quelli della regione mentre in la redazione dei bilanci sarà cura dell'università di Torino. Il Dr. Marco Rosa, (F) spiega che l'azienda suinicola da loro monitorata durante il 2011 è stata venduta e che per tal motivo alla fine dell'anno si è deciso, per poter proseguire al meglio le attività, di cambiare l'azienda. In questo momento, sono in corso le valutazioni su come affrontare tale cambiamento. DOC / del 30/03/ th Project committee meeting minutes 1

2 Il Dr. Mantovi (FCSR), descrive le attività condotte durante il 2011 e precisa che sono stati monitorati 47 indicator plots e che sono stati raccolti 47 campioni di terreno per l'analisi di caratterizzazione, 450 campioni di terreno per l'analisi del contenuto di nitrati, 36 campioni di per determinare la composizione degli effluenti zootecnici e 229 campioni di vegetali. Inoltre un indicator plot per regione (tranne in regione Friuli Venezia Giulia) è stato allestito con coppe porose: in tali siti sono stati raccolti 529 campioni d'acqua, senza considerare quelli prelevati presso l'azienda Diana. Il Dr. Mantovi informa inoltre anche che le attività ex-post sono state avviate e illustra i protocolli applicati. Il Dr. Maurizio Arduin ( Agricoltura) presenta l'azione 3, che viene realizzata soltanto nella regione e che comprende due attività: fasce tampone boscate (Azienda Diana) e fitodepurazione (Università di Padova). Il Dr. Arduin spiega che l'attività condotta nell'azione 3 è stata concepita per verificare l'effetto cumulato delle pratiche menzionate nell'azione 2 e della fascia tampone. Indica anche che sono stati raccolti in totale 120 campioni di acque, meno di quelli attesi, per la scarsità di piogge nel periodo. Inoltre, sono stati raccolti 45 campioni di terreno. L'azione 4, di responsabilità dell'f, è stata descritta dal Dr. Marco Rosa. Il quale ha indicato che il consorzio sarà composto da 3-4 aziende che fanno parte della Cooperativa San Lorenzo di Mantova. Ha spiegato che le prove di separazione degli effluenti sono state condotte nelle aziende dimostrative del progetto (Pinotti, Zambelli, Margherita, Biopig, Mori). Per quest'attività sono stati prelevati oltre 200 campioni. Discussione: Sono stati chiesti chiarimenti riguardo all'organizzazione degli spostamenti del separatore ed è stato indicato che il separatore si sposta a chiamata e più frequentemente durante l'inverno. Il separatore CRI-MAN ha una capacità di lavoro di m3/ora mentre quello a rulli ha una capacità di 100 m3/ora L'umidità del prodotto finale dipende delle caratteristiche dell'effluente in entrata. Elena Bortolazzo (CRPA) in riferimento all'azione 5, segnala che durante il primo anno di progetto sono stati valutati i vantaggi e gli svantaggi dei software esistenti e che potenzialmente potevano essere utili per dare evidenza: dell'applicazione delle razioni ad elevata efficienza dell'azoto e quindi della riduzione dell'azoto escreto (attività legata all'azione 1) e, del trasferimento della frazione solida, attività legata all'azione 4. In base alle valutazioni effettuate, è stato concordato che non era possibile utilizzare questi sistemi e quindi sono state prodotte due applicazioni, utilizzando il software applicativo Excel, che saranno collaudate utilizzando i dati delle azioni 1 e 4 per verificare eventuali problemi e risolverli. I prodotti saranno resi disponibili a coloro che ne faranno richiesta, per un utilizzo in forma gratuita. Marco Ligabue, descrive lo stato di avanzamento dell'azione 6, precisando che è in corso la raccolta dei dati economici delle 27 aziende satelliti. Discussione: Viene suggerito di allegare un foglio Excel con i questionari raccolti. Riguardo l'azione 7, Valentino Volpe () informa che la seconda riunione del gruppo Europeo di orientamento (EOG), si terrà nell'autunno 2012 in. L'ultimo incontro, invece, sarà a inizi DOC / del 30/03/ th Project committee meeting minutes 2

3 Marco Ligabue espone lo schema che si allega con le attività divulgative (Azione 8) previste per il Si apre la discussione con i partner sull'organizzazione degli eventi. 1) Giornate dimostrative: nel 2012 saranno incentrate sugli aspetti agronomici. In si prevede di organizzare una dimostrazione con la macchina Terragator, si suggerisce di coordinare i tempi con le visite già organizzate nelle altre regioni., propone una giornata dimostrativa a fine giugno inizio luglio, Friuli-Venezia-Giulia, conferma per la fine dell'estate una visita, con la presenza di Terragator, e incontro tecnico. 2) Corsi: sono stati già predisposti due corsi in e, rimane da definire il terzo. 3) Infodays: i diversi partner comunicano che organizzeranno le rispettive giornate informative presso le scuole entro l'autunno Come conclusione delle attività della mattina, Marco Ligabue, segnala i problemi di comunicazione tra i partners e chiede la collaborazione di tutti beneficiari, in particolare per quanto riguarda le informazioni via posta elettronica, rispondendo in forma tempestiva alle richieste da parte dal beneficiario. La seconda parte della riunione è stata incentrata sugli aspetti relativi alla gestione rendicontuale e amministrativa del progetto. In particolare le domande di chiarimento poste dai partner, la discussione e i chiarimenti conseguenti hanno riguardato i seguenti aspetti: attivazione e gestione della nuova modalità di trasmissione delle rendicontazioni finanziarie attraverso Google Docs, precisazioni sulle modalità di presentazione delle trasferte, variazioni dei costi orari di personale rispetto ai costi di riferimento previsti nel progetto; variazioni tra le macrovoci di spesa previste nel budget iniziale del progetto; modalità di calcolo dei costi unitari di personale, che tengano conto delle assenze per malattia; tempistica di consegna delle relazioni tecniche da parte dei partner al coordinatore, in vista della predisposizione del mid-term report; tempistica di consegna della rendicontazione finanziaria da parte dei partner al coordinatore, in vista della predisposizione del mid-term report. Alle ore 16 l'incontro è terminato, con l'impegno da parte di C.R.P.A., beneficiario coordinatore, di chiarire, con l'aiuto del monitor del progetto, gli ultimi aspetti formali e amministrativi e, da parte dei partner, di rispettare rigorosamente, le tempistiche di reporting concordate. Milano, 21 Marzo 2012 DOC / del 30/03/ th Project committee meeting minutes 3

4 ALLEGATI: Tabella attività divulgative (Azione 8) Giornate dimostrative 2012 (da fare 5 per il svolta nel e 6 per il 2013) Candiolo presso la Cooperativa Speranza No azienda demo Azienda Biagi Azienda Mori Azienda Diana Azienda Bolzon Direttiva Nitrati- Deroga, aspetti agronomici e di meccanizzazione In collaborazione con cofinanziatore AGCO Dimostrazione separazione solido/liquido ed uso del chiarificato su prato tecniche "deroga" di distribuzione del liquame in copertura Uso TerraGator dopo raccolta mais In collaborazione con cofinanziatore AGCO Stefano Monaco e Elio Dinuccio 22/05/12 F Fine Maggio 2012 Paolo Mantovi Agricoltura Maurizio Arduin Fine maggio 2012 Inizio luglio 2012 F Fine settembre 2012 Corsi (da fare 3 per il 2012 e 3 per il 2013) Deroga direttiva Nitrati entro un seminario della Regione contatto Stefano Monaco F Gattatico, presso Museo Cervi contatto Paolo Mantovi In maggio 2012 Giornate informative (una per Regione e per anno). Presso gli Istituti Superiori Istituto tecnico di Cuneo, Istituto professionale di Fossano) Informazione sul progetto, contenuti ed obiettivi contatto Stefano Monaco Istituto Tecnico Agrario Stanga di Presentazione del progetto, delle attività F 28 febbraio 2012 DOC / del 30/03/ th Project committee meeting minutes 4

5 Cremona. 6 classi + insegnati: due IV e quattro V Istituto Agrario Zanelli in e dei siti dimostrativi in regione Informazione sul progetto, contenuti ed obiettivi contatto Paolo Mantovi DOC / del 30/03/ th Project committee meeting minutes 5

Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas

Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas Achieving good water quality status in intensive animal production areas Achieving good water Quality status in intensive Animal production Areas CRPA spa - Reggio Emilia Progetto LIFE+ AQUA KICK-OFF MEETING

Dettagli

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas.

LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas. LIFE + 2009 - Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas. Deliverable 12: 2 nd Report on monitoring activity Action 10: Monitoring and evaluation L'obiettivo dell'attività

Dettagli

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde Concluso il progetto triennale Aqua, coordinato dal Crpa e finanziato dalla Ue. Modifiche nell alimentazione disuiniebovini sono utili contro l inquinamento delle acque ProgettoAqua Meno proteine agli

Dettagli

Le attività e i risultati del progetto dimostrativo LIFE+ AQUA

Le attività e i risultati del progetto dimostrativo LIFE+ AQUA Le attività e i risultati del progetto dimostrativo LIFE+ AQUA Marco Ligabue, Paolo Mantovi CRPA SpA Reggio Emilia Il progetto LIFE+ AQUA Achieving good water Quality status in intensive Animal production

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU9 27/02/2014

REGIONE PIEMONTE BU9 27/02/2014 REGIONE PIEMONTE BU9 27/02/2014 Codice DB1100 D.D. 29 novembre 2013, n. 1138 L.R. n. 63/78 art. 47. Contributi per studi, indagini, ricerche e programmi di sperimentazione agraria applicata. Impegno di

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

AQUA Strumenti per il calcolo del bilancio dell'azoto a livello di allevamento Manuale

AQUA Strumenti per il calcolo del bilancio dell'azoto a livello di allevamento Manuale AQUA Strumenti per il calcolo del bilancio dell'azoto a livello di allevamento Manuale 1- Introduzione L'obiettivo del presente documento è quello di fornire le indicazioni necessarie per l'utilizzazione

Dettagli

Il digestato: aspetti tecnici e normativa

Il digestato: aspetti tecnici e normativa tecnici e normativa USO DEL DIGESTATO PER IL MANTENIMENTO DELLA FERTILITÀ DEI TERRENI Paolo Mantovi Centro Ricerche Produzioni Animali Giovedì 14 Marzo 2013 - Ore 14,00 Sala Convegni Azienda Sperimentale

Dettagli

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Stefano Monaco, Carlo Grignani - Dip. Agroselviter Torino, 12 gennaio 2012 Quali colture per la Deroga? Su almeno il 70% della SAU bisogna coltivare

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 TRATTAMENTO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO: PERDITE DI AZOTO VOLATILE E CONTENUTO RESIDUO NELLE FRAZIONI PALABILE E NON PALABILE DEI MATERIALI TRATTATI

Dettagli

COMUNE DI GORIZIA. Proposta Operativa

COMUNE DI GORIZIA. Proposta Operativa Gorizia, 5 novembre 2009 COMUNE DI GORIZIA Assessorato alle Politiche Giovanili COMUNE DI GORIZIA Progetto Spazio Giovani alla Frontiera Piano di fattibilità e Concorso di idee per l individuazione ed

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVERTENZA AI FINI DELLA COMPILAZIONE: La presente

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

Animazione territoriale INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA)

Animazione territoriale INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA) Animazione territoriale INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA) BANDO PILOTA progetti singoli 15 LUGLIO 2015 15 SETTEMBRE 2015 24 progetti presentati Risorse FESR messe a bando

Dettagli

Guida degli Sportelli

Guida degli Sportelli Guida degli Sportelli Nuova Guida, perché? Nuovo ruolo degli Sportelli APRE Aggiornamento del Manuale Transtracc Ruolo dello Sportello Le principali attività svolte dallo Sportello sono: promozione della

Dettagli

La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale.

La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale. Monica Bassanino Dir. Agricoltura ERICA ALLISIARDI ANDREA CRIVELLARI La deroga alla Direttiva Nitrati: valutazioni a scala aziendale. QUALI AZIENDE SONO POTENZIALMENTE INTERESSATE ALLA DEROGA? 1 Allevamenti

Dettagli

LIFE09 ENV/IT/000208 FINAL Report 30/06/2014. Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas - AQUA

LIFE09 ENV/IT/000208 FINAL Report 30/06/2014. Achieving good water QUality status in intensive Animal production areas - AQUA LIFE Project Number LIFE09 ENV/IT/000208 FINAL Report Covering the project activities from 01/10/2013 to 31/03/2014 Reporting Date 30/06/2014 LIFE+ PROJECT NAME or Acronym Achieving good water QUality

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio

Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio Progettazione di una borsa scambio degli effluenti di allevamento sul territorio della provincia di Mantova Bigarello (MN), 26 maggio 2010 Giovanni Masotto Scheda del progetto TITOLO: Progettazione e sperimentazione

Dettagli

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+

LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ LA RETE RURALE NAZIONALE E IL PROGRAMMA LIFE+ FARENAIT: Fare Rete per Natura 2000 in Italia LIFE+10 INF/IT/000272 Panoramica delle attività di progetto Roma, 28 giugno 2012 Hotel Quirinale Via Nazionale,

Dettagli

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Alberto Lugoboni Regione Lombardia - DG Agricoltura Coordinatore LIFE 12/ENV//IT/578

Dettagli

Regolamento interno del Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013

Regolamento interno del Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Regolamento interno del Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Roma, 4 aprile 2008 1 COMITATO DI SORVEGLIANZA REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 Composizione Il Comitato di Sorveglianza

Dettagli

"Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani"

Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani LIFE Project Number LIFE10 ENV/IT/331 Monthly Report Reporting Date April 2014 LIFE+ PROJECT NAME "Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento

Dettagli

L impegno della Fondazione CRC a sostegno della Ricerca Scientifica

L impegno della Fondazione CRC a sostegno della Ricerca Scientifica L impegno Manta, Creso Consorzio di Ricerca Sperimentazione e Divulgazione per l'ortofrutticoltura Piemontese 12 novembre 2012 La presentazione di oggi L impegno a sostegno della Ricerca Scientifica Gli

Dettagli

Separazione solido/liquido

Separazione solido/liquido Separazione solido/liquido WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Andrea Giussani Separazione solido/liquido È una tecnica di conservazione che consiste

Dettagli

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario

Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario Domanda 1. Il costo per adempimenti burocratico - amministrativi può essere rendicontato sul LIFE; se sì, in quale categoria di spesa? Kickoff meeting progetti LIFE+ 2007 Questionario 2. Se è prevista

Dettagli

AZIONE PROVINCEGIOVANI

AZIONE PROVINCEGIOVANI AZIONE PROVINCEGIOVANI iniziativa promossa da UPI e finanziata da Ministero della Gioventù (Protocollo d Intesa UPI-Dipartimento) finalizzata a promuovere interventi integrati in materia di politiche giovanili

Dettagli

INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ

INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ Dipartimento di Agraria Università degli Studi di Sassari Sez. Scienze Zootecniche - Coordinatore: prof. Antonello Cannas

Dettagli

PROGETTO DI COOPERAZIONE DECENTRATA

PROGETTO DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 2221 DEL 22 NOVEMBRE 2013 PROGETTO DI COOPERAZIONE DECENTRATA Un modello di gestione ecosostenibile da applicare nello Stato del Paranà (Brasile) per pianificare la valorizzazione

Dettagli

SPECIALE MEETING MINOPRIO 7/9 MAGGIO 2015

SPECIALE MEETING MINOPRIO 7/9 MAGGIO 2015 SPECIALE MEETING MINOPRIO 7/9 MAGGIO 2015 I contenuti Terminata la tre giorni che ha visto impegnati il Collegio Nazionale Periti Agrari e Periti Agrari Laureati, La Fondazione ENPAIA Cassa Periti Agrari,

Dettagli

BonusBiogas: azoto e CAR

BonusBiogas: azoto e CAR BonusBiogas: azoto e CAR C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Tecnologie per la concentrazione e la riduzione dell'azoto (Parte I) Verona, 21 marzo 2013 Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO?

COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? COSA SI PUO FARE PER LIMITARE I PROBLEMI CHE POSSONO SORGERE ALL ATTO DELLO SPANDIMENTO? Al di là degli obblighi di legge, queste buone tecniche, consentono di limitare i principali problemi (cattivi odori,

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

L'istituzione di un Sistema Integrato di Gestione Ambientale (S.I.GE.A) vuole essere una

L'istituzione di un Sistema Integrato di Gestione Ambientale (S.I.GE.A) vuole essere una Presentazione del Progetto SIGEA UDINE SUD (*) -Sviluppo di un Sistema di Gestione Ambientale per l area della Zona Industriale di Udine e delle Zone Artigianali ed Urbane circostanti.- Le Motivazioni

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi

Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi Studio di fattibilità sul trattamento delle deiezioni animali in impianti di trattamento delle acque reflue dismessi Attività finanziata dalla Regione Veneto nell ambito del progetto Riducareflui Riassunto

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome: GRIGOLO UMBERTO Data di nascita: 27 agosto 1963 Qualifica: Amministrazione: Incarico attuale: Specialista tecnico (D3) Agenzia veneta

Dettagli

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012 Foto di Luca Eula Bando A SOSTEGNO DI progetti e ATTIVITÁ IN mirafiori sud Anno 2012 2 Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus Bando - Anno 2012 Budget complessivo 40.000 euro Premessa La Fondazione

Dettagli

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione La fertilizzazione con effluenti organici da fermentazione anaerobica: proposta metodologica a scala comprensoriale Luca Bechini, Pietro Marino, Fabrizio Mazzetto * e Tommaso Maggiore luca.bechini@unimi.it

Dettagli

Attività o settore Agricoltura, silvicoltura e pesca. Attività o settore Agricoltura, silvicoltura e pesca

Attività o settore Agricoltura, silvicoltura e pesca. Attività o settore Agricoltura, silvicoltura e pesca argomenti: agroecologia, marketing e commercializzazione, produzioni zootecniche; attività realizzata nell'ambito di un progetto di Federbio. Attività di progettazione, coordinamento e rendicontazione

Dettagli

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011

LOWaste. Local Waste Market for second life products. Incontro Ferrara, settembre 2011 LOWaste Local Waste Market for second life products Incontro Ferrara, settembre 2011 Contenuti dell incontro Che cos è il Programma LIFE+ Introduzione progetto LOWaste Gli obiettivi Le azioni previste

Dettagli

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti Thematic Meeting Opportunità di innovazione nel campo dell efficienza energetica Sistemi di controllo degli impianti di digestione anaerobica, per ottimizzarne le rese energetiche Software per l'analisi

Dettagli

La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla

La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla LIFE09 ENV/IT/000208 - AQUA Achieving good water quality status in intensive animal production areas La nutrizione azotata del suino e il bilancio dell'azoto in stalla Deroga nitrati cosa fare nel 2014

Dettagli

LIFE11 Kick-off Meeting. Il team di monitoraggio Ruolo e Responsabilità

LIFE11 Kick-off Meeting. Il team di monitoraggio Ruolo e Responsabilità LIFE11 Kick-off Meeting Il team di monitoraggio Ruolo e Responsabilità Slide n 1 Il Team di monitoraggio Un Raggruppamento Europeo composto da: - 9 compagnie partner - 9 uffici regionali (per l Italia

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IL BUDGET E LA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI EUROPEI: PRINCIPI E STRUMENTI PRATICI

CORSO DI FORMAZIONE IL BUDGET E LA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI EUROPEI: PRINCIPI E STRUMENTI PRATICI 1 CORSO DI FORMAZIONE IL BUDGET E LA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI EUROPEI: PRINCIPI E STRUMENTI PRATICI Questo corso è interamente dedicato alla parte strettamente finanziaria dei progetti europei ed ha

Dettagli

MILESTONES E DELIVERABLES

MILESTONES E DELIVERABLES MILESTONES E DELIVERABLES Paolo Masoni Laboratorio LCA and Eco-Progettazione UTVALAMB LCA COME PARTECIPARE AD UN PROGETTO E COME SCRIVERE UNA PROPOSTA 11 o5obre 2013 Aula Magna C.R. Bologna MMS 1 Costruire

Dettagli

PROGRAMMA EXPO 2015 Formazione e Professioni in agricoltura

PROGRAMMA EXPO 2015 Formazione e Professioni in agricoltura PROGRAMMA EXPO 2015 Formazione e Professioni in agricoltura Il meeting si articola in tre eventi principali presso la sede della Fondazione Minoprio promossi dal Collegio Periti Agrari e Periti Agrari

Dettagli

LIFE14 NAT/IT/000209 - C1f

LIFE14 NAT/IT/000209 - C1f F. Project management and monitoring of project progress ACTION F.1: Gestione amministrativo-contabile e tecnica del progetto Description (what, how, where and when): Il beneficiario coordinatore (RER)

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Azioni da adottare per il coinvolgimento del partenariato

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Azioni da adottare per il coinvolgimento del partenariato D I R E Z I O N E R E G I O N A L E A G R I C O L T U R A E S V I L U P P O R U R A L E, C A C C I A E P E S C A Area Programmazione Comunitaria, Monitoraggio e Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale

Dettagli

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio INDAGINE PROMOSSA DAL CONSORZIO LATTIERO-CASEARIO DI VICENZA CON IL CRPA Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio La scarsa propensione degli allevatori ad aggregarsi è il punto

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO PROGETTO NITRANT 2014 Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia Slovenia 2007-2013 Navodila in obrazci za poročanje za upravičence Programa čezmejnega

Dettagli

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Autonoma

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Autonoma Unione Europea Repubblica Italiana Regione Autonoma Fondo Sociale Europeo della Sardegna Agenzia Formativa R&M SERVIZI PROVINCIA NUORO Avviso di chiamata per la costituzione di un elenco di organismi autorizzati

Dettagli

A cura di EMANUELE VICENTINI

A cura di EMANUELE VICENTINI L.R. N. 32/1999: ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI SVILUPPO AGRICOLO DGR N. 2222 DEL 18.07.2006 INTERVENTO: ATTIVITÀ DI COLLAUDO DELL INNOVAZIONE, DIVULGAZIONE ED INFORMAZIONE A cura di EMANUELE VICENTINI

Dettagli

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato.

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato. CHI SIAMO La PROGETTI S.r.l., con sede a Mantova, è stata creata nel marzo del 1993, da professionisti che sin dal 1987 hanno operato all interno del Gruppo Eni (Stabilimenti di Mantova, Ferrara, Porto

Dettagli

Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure

Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure Convegno Dall agricoltura e dalla silvicoltura nuove energie da fonti rinnovabili, Bomporto (MO) 24 Novembre 2006 Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure G. Bonazzi S.Piccinini - C. Fabbri - P. Mantovi CRPA

Dettagli

Convegno Cispel Toscana dell 8/3/2012 - "Farmacia dei servizi" polialessio@alice.it

Convegno Cispel Toscana dell 8/3/2012 - Farmacia dei servizi polialessio@alice.it Convegno Cispel Toscana dell 8/3/2012 - "Farmacia dei servizi" Sintesi dei risultati SWOT analysis Criticità: 1 decreto Tremonti e successivi decreti Monti; 2 criticità di alcuni punti vendita per problemi

Dettagli

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI I fondi comunitari non sono solo una fonte finanziaria supplementare ma anche e soprattutto uno stimolo all

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 9/03/2016

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 9/03/2016 Deliberazione n. 21 del 9/03/2016 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE Seduta del 9/03/2016 OGGETTO: AIUTI PREVISTI DALLA MISURA 10 DEL P.S.R. 2014-2020 PER LA GESTIONE DI CANNEI, CARICETI,

Dettagli

PSR 2007-2013 2013 MISURA 124 UN NUOVO MODELLO DI IMPRESA MULTIPROCESSUALE L ESPERIENZA DELLA COOP SAN LORENZO SEMINARIO FINALE DEL PROGETTO AGRIMULTITASKING PSR 2007-2013 2013 Misura 124 GONZAGA - 10

Dettagli

Per..Corsi di Europrogettazione Nuove Competenze ed Opportunità per il Sistema Sanitario Regionale Corso di Formazione per il personale del S.S.R.

Per..Corsi di Europrogettazione Nuove Competenze ed Opportunità per il Sistema Sanitario Regionale Corso di Formazione per il personale del S.S.R. Evento Organizzato con il supporto del Mattone Internazionale www.progettomattoneinternazionale.it Per..Corsi di Europrogettazione Nuove Competenze ed Opportunità per il Sistema Sanitario Regionale Corso

Dettagli

Elementi di progettazione europea La gestione dei progetti europei: aspetti tecnici, amministrativi, di rendicontazione e finanziari

Elementi di progettazione europea La gestione dei progetti europei: aspetti tecnici, amministrativi, di rendicontazione e finanziari Elementi di progettazione europea La gestione dei progetti europei: aspetti tecnici, amministrativi, di rendicontazione e finanziari Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes

RELS Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks Technical meeting minutes RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes Reggio Emilia 30/08/2010 Lista dei partecipanti ALBERTO BELLINI BIANCHINI CLAUDIO GAMBERINI RITA MILANI

Dettagli

AZIONE C.2 PRIMO MONITORAGGIO DELL'EFFICACIA DELLE AZIONI DI PARTECIPAZIONE E DEGLI IMPATTI DEL PROGETTO SUI DIVERSI PORTATORI DI INTERESSE SOMMARIO

AZIONE C.2 PRIMO MONITORAGGIO DELL'EFFICACIA DELLE AZIONI DI PARTECIPAZIONE E DEGLI IMPATTI DEL PROGETTO SUI DIVERSI PORTATORI DI INTERESSE SOMMARIO AZIONE C.2 PRIMO MONITORAGGIO DELL'EFFICACIA DELLE AZIONI DI PARTECIPAZIONE E DEGLI IMPATTI DEL PROGETTO SUI DIVERSI PORTATORI DI INTERESSE SOMMARIO 1. Premessa... 2 2. Processo Partecipato (Azione B.1)...

Dettagli

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore CONCLUSIONI Ad un anno dall avviamento del progetto Osservatorio tecnologico, gestionale e formativo per la sicurezza in montagna, per la tutela dell ambiente montano e delle strutture ricettive alpine

Dettagli

CarbOnFarm LIFE12 ENV/IT/000719. Beneficiario Alsia

CarbOnFarm LIFE12 ENV/IT/000719. Beneficiario Alsia CarbOnFarm LIFE12 ENV/IT/000719 Beneficiario Alsia Torino 19 20 Novembre 2015 Alsia L ALSIA (Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura) è lo strumento operativo della Regione Basilicata

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Biogas: cosa sappiamo dopo anni di monitoraggio della filiera

Biogas: cosa sappiamo dopo anni di monitoraggio della filiera WORKSHOP Principi di per l uso delle biomasse ITABIA INCONTRA I COMITATI Biogas: cosa sappiamo dopo anni di monitoraggio della filiera Sergio Piccinini CRPA - Centro Ricerche Produzioni Animali 9 Luglio

Dettagli

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia Slovenia 2007-2013 Navodila in obrazci za poročanje za upravičence Programa čezmejnega

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

2 dicembre 2008 Università di Cagliari. Le strutture di supporto alla Ricerca Scientifica presso l Università degli Studi di Milano

2 dicembre 2008 Università di Cagliari. Le strutture di supporto alla Ricerca Scientifica presso l Università degli Studi di Milano 2 dicembre 2008 Università di Cagliari Le strutture di supporto alla Ricerca Scientifica presso l Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Milano (UNIMI) 9 Facoltà 71 dipartimenti (da

Dettagli

L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE

L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE SEMINARIO: IL SISTEMA DI CONSULENZA AZIENDALE PER LA PAC E LO SVILUPPO RURALE: OPPORTUNITA E PROSPETTIVE L ESPERIENZA PILOTA DELLA REGIONE PIEMONTE: LA CONSULENZA AZIENDALE REGIONE PIEMONTE D.ssa Caterina

Dettagli

DATI ESSENZIALI DEL RUOLO REGIONALE DEI DIRIGENTI (art. 172 e allegato I al r.r. 1/2002 e s.m.i.)

DATI ESSENZIALI DEL RUOLO REGIONALE DEI DIRIGENTI (art. 172 e allegato I al r.r. 1/2002 e s.m.i.) DATI ESSENZIALI DEL RUOLO REGIONALE DEI DIRIGENTI (art. 172 e allegato I al r.r. 1/2002 e s.m.i.) Cognome e nome FANCELLO GIULIO Luogo e data di nascita: SASSARI, 12 febbraio 1972 Qualifica: DIRIGENTE

Dettagli

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Ottobre 2005 ASPETTI AMMINISTRATIVI, CONTABILI E FISCALI RELATIVI ALL ATTUAZIONE DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE

PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE PROGETTO BIOGAS REGIONS PROGRAMMA EUROPEO ENERGIA INTELLIGENTE EIE ZOOTECNIA E DEIEZIONI ANIMALI PROBLEMA O OPPORTUNITÀ????? SEMINARIO 10.03.2009 FACOLTÀ DI AGRARIA MOSCIANO S.A. TERAMO DOTT. AGR. ANGELO

Dettagli

1. Oggetto del contratto Le premesse costituiscono parte integrante del presente atto e pertanto si intendono esplicitamente

1. Oggetto del contratto Le premesse costituiscono parte integrante del presente atto e pertanto si intendono esplicitamente 1. Oggetto del contratto Le premesse costituiscono parte integrante del presente atto e pertanto si intendono esplicitamente richiamate. ERVET conferisce al Collaboratore l incarico di realizzare i seguenti

Dettagli

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Martedì, 1 ottobre 2013 Sala Conferenze Terza

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI, Collegio didattico interdipartimentale di Management Pubblico

FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI, Collegio didattico interdipartimentale di Management Pubblico FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI, Collegio didattico interdipartimentale di Management Pubblico PROTOCOLLO N. 006/MAP/LB/ib Milano, 17.12.2012 VERBALE DELLA SEDUTA DEL COLLEGIO DIDATTICO

Dettagli

Verbale della riunione del Consiglio tenuta c/o Sede Ordine Viale Garibaldi n. 44/a Mestre (VE) 8 settembre ore 16:00. PRESENTI ASSENTI i consiglieri:

Verbale della riunione del Consiglio tenuta c/o Sede Ordine Viale Garibaldi n. 44/a Mestre (VE) 8 settembre ore 16:00. PRESENTI ASSENTI i consiglieri: Verbale della riunione del Consiglio tenuta c/o Sede Ordine Viale Garibaldi n. 44/a Mestre (VE) 8 settembre ore 16:00 PRESENTI ASSENTI i consiglieri: Dr.ssa Forestale Benedetta Bortoluzzi Dr. Forestale

Dettagli

Avviso Pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma IPA-Adriatic

Avviso Pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma IPA-Adriatic Avviso Pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma IPA-Adriatic Allegato A Profilo, competenze richieste e requisiti di partecipazione

Dettagli

L Europa ci aspetta! BENVENUTI!

L Europa ci aspetta! BENVENUTI! Ufficio Europa & Ufficio Politiche Giovanili L Europa ci aspetta! Seminario - Workshop sulla Progettazione Europea e non. BENVENUTI! COME SCRIVERE UN PROGETTO EUROPEO Mini - Guida per ogni tipo di programma

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NOME PROGETTO

Dettagli

L approvvigionamento degli impianti: effluenti, scarti, prodotti e sottoprodotti (fra norma e realtà) Lorella Rossi

L approvvigionamento degli impianti: effluenti, scarti, prodotti e sottoprodotti (fra norma e realtà) Lorella Rossi Terzo Forum STAR*AgroEnergy BIOGAS E BIOMETANO PER LE AREE AGRICOLE DEL MEDITTERANEO Venerdì 3 Maggio 2013 - Ore 9,30 64a Fiera dell Agricoltura e della Zootecnica Foggia L approvvigionamento degli impianti:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O PAT/RFS174-31/10/2014-0578858 - Allegato Utente 3 (A03) F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giacomoni Alberto Indirizzo via zara 9 38122 Trento

Dettagli

RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ:

RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ: RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ: QUALI VANTAGGI PER IL PAESE? LA SPERIMENTAZIONE CLINICA: UN OCCASIONE PER L ITALIA E PER L EUROPA? Mercoledì 24 ottobre 2012 ore 08.30 13.30 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia MANAGEMENT PLAN TITOLO PROGETTO: Petromyzon And River Continuity ACRONIMO: P.A.R.C. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia BENEFICIARIO COORDINATORE: Ente Parco

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

TECNICHE E STRUMENTI DI GESTIONE AZIENDALE: LA DIREZIONE PER OBIETTIVI

TECNICHE E STRUMENTI DI GESTIONE AZIENDALE: LA DIREZIONE PER OBIETTIVI TECNICHE E STRUMENTI DI GESTIONE AZIENDALE: LA DIREZIONE PER OBIETTIVI 29 NOVEMBRE 24 DICEMBRE 2004 organizzato da: ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' N ID CORSO: 7904 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA V.LE REGINA

Dettagli

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica S. Menardo, P. Balsari Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Agrarie,

Dettagli

DICHIARAZIONE. POLITICA della QUALITA AZIENDALE di FORMARE. La Politica che guida tutte le nostre Risorse Umane è. La SODDISFAZIONE del nostro CLIENTE

DICHIARAZIONE. POLITICA della QUALITA AZIENDALE di FORMARE. La Politica che guida tutte le nostre Risorse Umane è. La SODDISFAZIONE del nostro CLIENTE Allegato II.1 DICHIARAZIONE POLITICA della QUALITA AZIENDALE di FORMARE La Politica che guida tutte le nostre Risorse Umane è La SODDISFAZIONE del nostro CLIENTE Rappresenta il NOSTRO successo FORMARE

Dettagli

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Principi generali e metodologia M. Flavia Di Noto - 9 dicembre 2010 Venezia Fasi di una proposta di progetto presentata a Europe-Aid

Dettagli

Global Wealth Advisory SIM SpA

Global Wealth Advisory SIM SpA Global Wealth Advisory SIM SpA Multi Family Office Indice Introduzione 3 Team 4 Offerta 5 Benchmark 6 Asset Allocation 7 Reporting 8 Performance Attribution 9 Risk Management 10 Conclusioni 11 Contatti

Dettagli

Fon.Coop. Il Conto Formativo 2009. Roma Gennaio 2011

Fon.Coop. Il Conto Formativo 2009. Roma Gennaio 2011 Fon.Coop Il Conto Formativo 2009 Roma Gennaio 2011 Il Canale di finanziamento Conto Formativo Il Conto Formativo è il canale di finanziamento destinato alle grandi e medie imprese Il Conto Formativo consente

Dettagli