UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI. E. Testa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI. E. Testa"

Transcript

1 UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI E. Testa Nei lavori di restauro del coro di S. Chiara (del Convento di S. Damiano, Assisi), è stata scoperta una lapide romana che misura cm 80 di larghezza, cm 96 di altezza, e cm 30 di profondità. Contiene tre righe di facile lettura la prima e la terza, con qualche difficoltà la seconda. Paleograficamente la scrittura appartiene alla capitale rustica del II-III sec. d.c., periodo degli Antonini (a ) e di Commodo (a ), con sviluppo maggiore delle lettere nel senso dell altezza, lettere che risultano pertanto inscrittibili in un rettangolo, con la O e la P ancora aperte, la M e la A legate fra loro, la A con un terzo trattino, a volte però mancante o incompleto. Le lettere del primo rigo sono alte mm 60, quelle del secondo rigo mm 50 e quelle del terzo rigo mm 45. Nel secondo rigo la M e la A di MAEC sono scritte come una sola lettera. Possiamo leggere (Foto 1; Fig. 1): T. BABRIO EPAPHRAE FARUSAE MAEC LOCI CONIUGI Sulla sinistra, a capofitto, si trova un effigie a basso rilievo che porta penzoloni sulle spalle la pelle di una capra (figura criofora, o portatrice di una capra per il sacrificio?) (Foto 2); sulla destra, appollaiata dentro una grotta, formata dal prolungamento della L, un uccello (foto 3). C è anche la figura di un mortaio con un pestello (fig. 1,a). Analisi del testo Nella prima linea abbiamo il praenomen, il nomen gentilizio e il cognomen dell individuo a cui la lapide fu dedicata. Il prenome è uno dei più comuni dell età storica, come al solito abbreviato: T(ito). Segue il nome gentilizio derivato da un aggettivo in ius, designante la gens a cui l individuo apparteneva, generalmente non abbreviato. Nel nostro caso BABRIO, formato dall aggettivo babrius, a, um, derivato dal verbo babrio, is, ivi, spiegabile con una lettura dura della LA 43 (1993) ; Pls

2 404 E. TESTA lettera f, presente nel parallelo fabrio, is, ivi, fabbricare 1. In Assisi portarono questo nome gentilizio T. Babrio, padre di Ner. Babrio, menzionato in una inscrizione umbra; un secondo T. Babrio, padre di un altro Ner. Babrio, che ebbe la carica di marone e costruì un muro dopo l a a.c.; e C(aio) Babrio padre di C(aio) Babrio Chilo che fu un quinque-vir e costruì un altro muro di sostegno del Tempio di Minerva. Portò questo gentilizio anche un famoso scrittore di favole, il greco Babrios, vissuto nel III sec. d.c 2. Segue il terzo elemento della denominazione romana, il cognomen, che assieme al praenomen e al nome gentilizio costituiva i tria nomina dei patrizi romani. Il cognomen derivava da un soprannome individuale, legato a una peculiarità del carattere: qui EPAPHRAE, sinonimo di Epafroditus, che significa venusto, uno che ha una bellezza eletta, piena di grazia fisica e morale 3. Dopo il cognome, si può trovare, come nel nostro caso, l indicazione dell origo, l origine dell individuo, al caso locativo; oppure del luogo consacrato per la tomba del morto. Il termine Locus, come vocabolo funerario, significa sepolcro 4, cioè un pezzo di terreno limitato nello spazio ( metare tumulum, ponere tumulo metas, figere tumulo metas ), cioè fissato nelle misure: tanti piedi nella facciata, tanti nell interno ( in fronte pedes tot, in agro pedes tot ); intangibile nel tempo ( sommo aeternali, perpetuis datur sepulcris ); in seguito a una specifica consacrazione rituale per i pagani ( locus sacer ) o in seguito a un diritto privato ( locus religiosus ) per i cristiani. Interpretando in questo senso, riusciamo ad armonizzare il termine Locus con i due termini precedenti FARUSAE MAEC(iae)? Forse sì, ma con difficoltà. Farusae potrebbe derivare dall indoeuropeo bher, greco fàros, e indicare un panno funebre, un mantello luttuoso 5 e denotare così il tappeto funebre della cappella mortuaria e il lugubre manto delle prefiche. La cappella mortuaria dovette sorgere in località Maec(iae), nome di una tribù rustica romana costituita nel 332 a.c., presso Castro Mecio nella regione di Lanuvio. 1. Ae. Forcellini, Totius Latinitatis Lexicon, Vol. II, Prati 1832, ad v. Fabrio, 336: idem ac fabrico. Il gentilizio latino corrispondente è Fabricius: cfr. M. Montella, Epigrafi lapidarie romane di Assisi (Catalogo Regionale dei Beni culturali dell Umbria), 1987, nn. 25, 26 e Dizionario Enciclopedico Italiano (Treccani), Vol. I, Forcellini, Lex., II,229a. 4. Forcellini, Lex., II,935, par. 9, ad v. Locus. 5. Esiodo, Opera et Dies, 196; Omero, Iliade XXIV, 580; Sofocle, Aiax, 916.

3 UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI 405 Il riferimento alla tribù Mecia, per un sepolcro scavato nella regione di Assisi, che apparteneva alla tribù rustica Sergia, rende improbabile l ipotesi funeraria della lapide, mentre rafforza quella dell origine 6. In questa seconda ipotesi, il termine Locus designa una campagna aperta ma delimitata, una parte di fondo agricolo, appartenente a un ricco agrario o a un nobile decaduto che è però ancora in possesso di una vecchia eredità degli antenati. In questa eredità possono trovarsi vestigia di una vecchia città, ormai distrutta; oppure si può trovare qualche villaggio, o qualche villa sparsa, specialmente qualche villa rustica, governata da un fattore, o amministratore e dai suoi famigliari, che lavorano da coloni, da agricoltori e da artigiani vari (falegnami, fabbri, tessitori, ecc.) 7. Secondo Cicerone, poi, loci et loca speciatim dicuntur de utero, la matrice 8. Interpretato in questo senso, il termine Loci si trova in armonia migliore con i due termini che lo precedono. Allora Farusa si deve spiegare con il secondo senso di bher, greco fàros, farön, ousa, e quindi come participio attivo del verbo faroö, nel senso di colei che ara, che fa i solchi e le buche sulla Madre Terra (non fu la donna a inventare l agricoltura?). Viene richiamata l immagine della donna dedita alle più svariate attività, come la donna forte di Prov 31,10-31, che acquista un campo, pianta vigne, s interessa della lana e del lino, li fila alla conocchia, tesse drappi e cinture. La donna romana non solo tesse la lana, compone stoffe, drappi, panni, intrecciando i fili nel telaio, ma si preoccupa del magazzino della villa rustica, riempiendolo di farro, che lei stessa produce (bhar/fer), seminandolo nei solchi (dhur/fara: dh=f), che lo batte e tritura (sanscrito: ghar/ghars), insieme a farina (far) e a orzo (baris/fordeum); che prepara la farrago, un miscuglio di farro, orzo, grano per ottenere una biada per nutrire gli animali durante l inverno nelle varie fattorie 9. Finalmente, dalle radici indoeuropee bar, bhar, phar, far, dal persiano ber, dal greco e dal latino fero (antico bero), derivano parecchi termini che si riferiscono all origine di un individuo nelle sue varie fasi e necessità: la gestazione (phora), il feto (pherma), il parto (pario), il nutrimento (pher), il fanciullo (barnas/barn), il frutto (bar), il sostentamento e il sostegno (phor) Forcellini, Lex., IV, 137, ad v. Sergius. Però in Assisi ci vivono anche stranieri delle tribù Stellatina, Ufentina, Clusturnina, Lunaria, Tromentina. 7. Forcellini, Lex., II, ad v. Locus, ; IV, ad v. Villa, Nat. deor., LI; Columella, VIII, XI; Forcellini, ad v. Lex., II,935, par Forcellini, Lex., II, , ad v. Farrago. Per le varie etimologie qui studiate, vedi O. Pianigiani, Vocabolario etimologico della lingua italiana, Genova Su queste radici, vedi Pianigiani, Voc., 521, sul suffisso fero.

4 406 E. TESTA Emerge così tutto un mondo simbolico, suggerito dai vari sensi della radice del termine MAEC nelle lingue indoeuropee. Considerata entro questo mondo simbolico Farusa è colei che nutre e origina la vita; come Ferusa è una Nereide che porta la fecondità 11 ; come l italica Feronia è la dea dei boschi e della vegetazione. 12 Nella nostra lapide, Farusa, dopo i tria nomina del personaggio, indica la sua terra nativa, la sua tribù natale, la matrice da cui è stato generato, la villa rustica in cui ha passato l infanzia. Il nome seguente, Mecia, indica piuttosto la tribù adottiva, in cui il personaggio della iscrizione, per ragioni religiose, vede sintetizzato il messaggio ricevuto nella sua terra nativa 13. Illustrazione tematica dei bassorilievi Come abbiamo accennato sopra, a sinistra e a destra dell iscrizione sono presenti due bassorilievi legati con il CONIUGI, con il marito T(ito) Babrio Epafra, originario della fattoria di Farusa e della tribù di Mecia. Diciamo subito che sono immagini di Giunone Caprotina e di Giunone Lucina, pronuba del tipo di matrimonio intertribale più antico di Roma detto confarreatio 14. A Lanuvio, città principale della tribù Mecia, si venerava Giunone Caprotina, detta anche Sospita, o Sospes, salvatrice, liberatrice, Mater Regina, rappresentata con il capo coperto da una pelle di capra, con le calzature di tipo orientale a punte rialzate (calceoli repandi), e armata di uno scudo a due lobi, a forma di 8, e di una lancia 15. Si trattava di una dea insieme matronale e guerriera, assai simile alla Hera di Argo. La figura incappucciata del nostro bassorilievo può essere dunque identificata come Giunone Caprotina, per quanto il tipo iconografico non sia identico a quelli noti in precedenza. Una conseguenza importante è che la 11. Omero, Iliade, XVIII, 43; K. Kerenyi, Gli dei e gli eroi della Grecia, I, Gli dei, Milano 1963, 63, trattando delle Nereidi. 12. In CIL XI, Pars Prior, n è nominato un L(ucius) Farusanus Favor come autore di una tessera pagana, trovata a Petignano, tra i ponti sul Tevere di Pontefelcino e Ponte Pattoli, Perugia, conservata nel Museo di Perugia. 13. Si sa che qualche personaggio era legato con due tribù. Forcellini, Lex., IV, ad v. Tribus, 528, par. 9, scrive: Unus aliquando duas tribus habuit, alteram nativitate, alteram adoptione ; cfr. Ida Calabi Limentani, Epigraphia Latina, Milano - Varese 1968, Cfr. Plinio, Nat. Hist., XVIII, 3,10: In sacris nihil religiosius confarreationis vinculo creat. 15. Cicerone, Nat. deor., I,29,83; Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae (LIMC), V/1-2, Zürich - München 1990, s.v. Iuno, V/1, ; V/2,

5 UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI 407 figura non è di carattere funerario. Giunone Caprotina infatti veniva festeggiata nelle None Caprotine, il 7 luglio, con rito assai arcaico, durante il quale si tagliavano i rami di un caprifico selvatico, che gocciolava il latte del fico. La dea, perciò, era associata a una Iuno, o divinità geniale femminile, giovane vergine, sessualmente matura, pronta per il matrimonio, mediante un culto arcaico legato a capre e ad alberi, con significati evidentemente sessuali 16. Ma la nostra dea, era anche associata con l italica Uni, anch essa di aspetto giovanile, col capo e le spalle coperte di una pelle di capra, con calceoli repandi, seminuda, com era anche Turan (Afrodite e Venere), armata anche lei di scudo, per lo più in atteggiamento di promachos, che combatte in prima fila, che prima attacca e poi si riconcilia con Ercole, dea protettrice della città e dell arce, dei naviganti e dei mercanti, dei parti e dei kourotrofoi (nutrici) 17 ; (foto 2 capovolta; fig. 1b). La nostra dea, perciò, e le arcaiche divinità a lei associate (Uni e Turan), commentano assai bene la località natale di Farusa, a cui sono strettamente legate, come località del concepimento, del nutrimento e della difesa del nostro T(ito) Babrio Epafra. L aspetto ctonio di Giunone Lucina, colei che porta alla luce, dea lunare, invocata dalle partorienti per la protezione dei nascituri, è presente nella raffigurazione di destra, originata dal prolungamento della L di LOCI, forse per ricordare l iniziale di Lanuvio. Nel tempio di questa città si apriva una grotta, legata con un serpente sacro, dinanzi al quale, nella festa annuale, dovevano presentarsi le giovani della città, per provare la loro verginità 18. Infatti, la L di LOCI si sviluppa a forma di serpente; inoltre delimita la volta della grotta, nella stessa maniera del serpe egiziano Mehen, che protegge Osiride, coprendolo a forma di grotta, dall attacco velenoso del serpente cattivo Ankhat 19. La grotta così formata è chiusa da sbarre annodate, rappresentate sotto il corpo serpente, sbarre che, secondo la mitologia, poteva fare soltanto Giunone Lucina, e alludono a una magia di parto 20. Legare e sciogliere nodi alludeva spesso a riti matrimoniali. Il nodo di Ercole, per esempio, si scioglieva con la deflorazione fatta dal marito alla propria moglie il giorno delle 16. Enc. Rel., V, M. Cristofani, Dizionario della civiltà etrusca, Firenze 1985, F. Coarelli, Dintorni di Roma (Guide Archeologiche Laterza), Roma - Bari 1981, Cfr. la figura riportata da H. Biedermann, Enciclopedia dei simboli, edita da L. Felici, Garzanti 1991, Enc. Rel., V, 474.

6 408 E. TESTA nozze; il nodo della gravidanza era fatto dal padre nel momento del concepimento; il nodo d amore poteva essere sciolto annullando il fidanzamento; i nodi nei calzoni dei maschi significava che erano impotenti; nessuno perciò poteva entrare nel tempio di Giunone Lucina con i calzoni annodati. Entrare nella Grotta ctonica significava entrare negli organi femminili, vagina e utero, delle dee della Fecondità; significava salire sui letti di Picumnus e Pilumnus, il dio del pestello, che proteggono la puerpera 21, significava salire sul letto di Giunone che prepara la nascita dei maschi 22 (fig. 1a). Giunone Lucina è, dunque, il genio personale della madre di famiglia e coinvolge le funzioni di ogni maternità, di ogni riproduzione e dell economia domestica 23. Come Mater Matuta, madre favorevole, porta quale proprio attributo la chiave che rende facili i parti, e nelle sue feste Matronalie dell 1 marzo concede la libertà alle schiave e in quelle Matralie dell 11 giugno accoglie le matrone che hanno avuto un solo marito. Come l italica Turan, dea dell amore a carattere ctonio, ha come altri attributi la colomba che, divenuta vedova, muore di nostalgia e, per fedeltà coniugale, non si riaccoppia con nessun altro colombo. Ha inoltre come suo attributo il candido cigno, immagine della grazia femminile e della purezza soprannaturale delle vergini, e la cicogna, che è in contatto con l acqua della creazione dalla quale nasce ogni fertilità. Il suo becco, immagine del phallus, è sorgente dei bambini, che poi ella dona ai genitori, liberandoli dai serpenti velenosi, che combatte e mangia. Finalmente Giunone ha come suo attributo l oca, immagine rimpicciolita del cigno, associata alla vita femminile e domestica, la cui carne aumenta il desiderio amoroso, la cui bile mangiata dagli uomini, ne aumenta la potenza virile, il cui schiamazzo richiama alla vigilanza 24. Come Iuno Moneta (da moneo, ammonire, avvertire) era venerata nel tempio costruito nell a. 390 a.c. sul Campidoglio a memoria dei fatti del 390 a.c., quando le oche a lei sacre, schiamazzando al penetrare dei Galli, avvertì i Romani che li poterono scacciare dalla rocca 25 (fig. 1c; foto 3). Tutti questi miti legati con Giunone Lucina e con le dee a lei associate, sono evocati dal bassorilievo a destra della iscrizione, nel quale si vede una grotta formata da un serpente, chiusa con verghe annodate fra loro, dentro 21. Cfr. Agostino, De Civ. Dei, VI, 9; Varrone, ap. Serv., Ad Aev., X, 76; ap. Nov., 528, Servio, Ad Ecl., IV, 62; Tertulliano, De An., XXXIX. 23. Enc. Rel., V, Sul valore simbolico di questi animali, cfr. Biedermann, Enciclopedia dei Simboli, alle singole voci. 25. Enc. Rel., V,

7 UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI 409 di cui sta appollaiato un uccello dinanzi a un uovo. Per la sua forma, l uccello può essere identificato come una colomba, un cigno o un oca, uccelli tutti consacrati alle sopraddette dee. Il bassorilievo di destra è, dunque, strettamente parallelo a quello di sinistra e ambedue sono legati all iscrizione, la quale non ha perciò carattere funerario ma piuttosto matrimoniale. Il mortaio e il pestello sono legati agli dei Pilunno e Picunno, protettori delle macine del farro di Giunone Caprotina di Farusa e di Giunone Lucina, e difensori dei neonati contro gli spiriti maligni e contro Silvano, dei delle selve e dei terreni incolti nemici delle puerpere e dei loro bambini (fig. 1a). Il matrimonio latino della confarreatio I latini conoscevano tre forme di matrimonio: quella per contratto (coemptio), secondo la quale la sposa passava in possesso dello sposo a mezzo di un acquisto, vero o simbolico; quella per esercizio di usucapione (usus), cioè a mezzo di convivenza per un anno, non interrotta nemmeno da tre giorni (legge delle XII Tavole); e quella legata con una focaccia di farro (farreum libum), detta perciò confarreatio, o farreum, o vinculum confarreationis, che fu quella del nostro T(ito) Babrio Epafra, la forma più sacra e la più religiosa, celebrata nella fattoria di Farusa. Oltre ad essere la più antica, questa forma sembra che fosse l unica ammessa per le unioni intertribali dei patrizi. E certo che in epoca storica furono obbligati a sposare secondo questo rito i sacerdoti maggiori, il Rex Sacrorum, e i tre Flamini, Marziale, Diale e Quirinale 26. Dopo l epoca monarchica, il rito esigeva come testimoni il Pontifex Maximus, in sostituzione dell arcaico Rex, e il Flamine in rappresentanza di Iuppiter Farreus, a cui veniva offerta la focaccia di farro, quale difensore del giusto vincolo (iustum matrimonium), in presenza di altri dieci testimoni. All alba si traevano gli auspici dal volo degli uccelli (colomba, cigno, oca), oltre che dall esame delle viscere dell animale sacrificato (la capra); quindi si stendeva la pelle della capra sacrificata sopra due troni, dove sedevano i due sposi, che si incappucciavano con la medesima. Prima, però, la sposa doveva deporre la veste bordata di rosso che aveva portata nell infanzia, e assumere la tunica recta, o regilla, e il flammeum delle mogli del Flamen Dialis, ossia il velo di color rosso o zafferano, e doveva cingersi di una cintura annodata con il nodus herculeus. 26. Gaio, I, 112.

8 410 E. TESTA Seduti sui troni, i due sposi si spartivano sacramentalmente la focaccia di farro, già offerta a Iuppiter Farreus, in presenza di tutti i testimoni. Poi la sposa, dinanzi al focolare domestico, guidata da una pronuba, si avvicinava allo sposo e poneva la sua destra nella destra di lui (dextrarum iunctio). Si offriva quindi una troia in sacrificio a Giunone o a Tellus e si consumava il banchetto nuziale fino a sera. Finito il banchetto, la sposa veniva strappata a forza dalle braccia della madre, dallo sposo, che la conduceva nella propria casa, dopo averle separati i capelli con un pezzo di lancia ricurva (hasta caelibaris), cerimonia che è residuo dei tempi in cui si acquistava la sposa per ratto (cfr. Ratto delle Sabine). La deductio dalla casa materna alla casa del marito si faceva processionalmente, mentre la sposa era sostenuta da tre ragazzi (patrimi et matrimi), di cui uno portava una torcia accesa, e il corteo gridava: Thalasse!, in onore della Nereide Ferusa, che era colei che introduceva nel luogo della fertilità; e si lanciavano noci, simbolo della vulva feconda. Giunta alla sua nuova casa, la sposa ungeva gli stipiti della porta con olio e grasso di maiale e legava intorno ad essi un filo di lana apotropaico. Allora lo sposo la sollevava di peso, trasportandola al di là della soglia, e nell interno le comunicava acqua e fuoco (acqua et igni recipere), mentre la sposa comprava, con tre assi da lei portate, il favore del marito, il dominio del focolare domestico e di quello del crocicchio stradale (Lar compitalis). Entrando nella camera nuziale, alla presenza di Iuno Cinxia, il marito scioglieva il nodus herculeus fatto sulla cintura della sposa, togliendole la verginità e augurandole di avere tanti figli per quanti ne ebbe Ercole. La moglie allora pregava dinanzi al lectus genialis, mettendosi a sedere sopra l immagine di un grosso phallus. La donna che scrisse la lapide commemorativa per T(ito) BABRIO EPAFRA (originario della fattoria) di FARUSA (e della tribù) di MECIA (suo) CONIUGE e fece i bassorilievi di Giunone Caprotina e di Giunone Lucina, volle eternare il suo matrimonio, fatto secondo il rito della focaccia di farro pestato e macinato, che era la forma più sacra e più religiosa in uso tra i romani. Emmanuele Testa, ofm Pontificia Università Urbaniana, Roma Studium Biblicum Franciscanum, Jerusalem

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Fidanzamento e matrimonio

Fidanzamento e matrimonio Fidanzamento e matrimonio Il rito del fidanzamento Il matrimonio era combinato La cerimonia nuziale L ingresso nella nuova casa Non necessario il periodo di fidanzament Il fidanzato La futura sposa Religioso

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito La Religione egizia La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito magico religioso. Pantheon molto variegato

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Matrimonio tra razze, religioni e classi sociali diverse

Matrimonio tra razze, religioni e classi sociali diverse Di Federica Bordogna La dichiarazione universale dei diritti dell uomo Articolo 16 1. Uomini e donne in età adatta hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia, senza alcuna limitazione di razza,

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

Ins.te Barbara Infante

Ins.te Barbara Infante PROGRAMMAZIONE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA - Scuola dell infanzia - I.C.S. Via dei Garofani Triennio 2014/15-2015/16-2016/17 Ins.te Barbara Infante - ANNI 3 - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO

Dettagli

il commento al vangelo della domenica

il commento al vangelo della domenica il commento al vangelo della domenica CHI DI VOI E SENZA PECCATO, GETTI PER PRIMO LA PRIETRA CONTRO DI LEI commento al vangelo della quinta domenica di quaresima (13 marzo 2016) di p. Alberto Maggi: Gv

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello.

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Biografia e Opere Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Assunta Pieralli era di costituzione fragile e dall aspetto pallido

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

4 anno GLI SCRIBI REALI AL TEMPO DEGLI EGIZI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 160 PREZZO: 7,00

4 anno GLI SCRIBI REALI AL TEMPO DEGLI EGIZI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 160 PREZZO: 7,00 4 anno UN TUFFO NELLA STORIA scuola primaria GLI SCRIBI REALI AL TEMPO DEGLI EGIZI AUTORE: N. Vittori APPROFONDIMENTI: N. Vittori ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 160 PREZZO: 7,00 ISBN: 978-88-472-0640-3

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

UN ALFABETO MISTERIOSO

UN ALFABETO MISTERIOSO UN ALFABETO MISTERIOSO Oggi in classe i bambini hanno trovato una strana iscrizione sulla lavagna: Mattia, il più studioso, riconosce subito i simboli della scrittura utilizzata nell antico Egitto: il

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica La moda nel tempo Sumeri Egizi Fenici Civiltà minoica Greci Etruschi Romani LAVORO DI STORIA CLASSE 1 A MODA a.s. 2013 2014 Martina Bugiolacchi Sharon Tracanna Eleonora Mastropasqua Michela Socionovo Jasmine

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE LOMBARDO piazza Fontana 2 20122 Milano 02/8556.223 fax 02/8556.414

TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE LOMBARDO piazza Fontana 2 20122 Milano 02/8556.223 fax 02/8556.414 TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE LOMBARDO piazza Fontana 2 20122 Milano 02/8556.223 fax 02/8556.414 NORME E INFORMAZIONI PER LA CONSULENZA DA DARE ALLA PERSONA RICHIEDENTE Gentile Signora, Egregio Signore,

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 Premessa Titolo del presente lavoro è L antico Egitto. Gli Egizi e la Religione. Questo testo semplificato vuole essere un aiuto

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco,

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, dalla vita quotidiana alle usanze funerarie. Orario di apertura:

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE stituto Comprensivo Galileo Galilei di Pieve a Nievole LA CLASSE B AL MUSEO GARDNO D ARCHMEDE Firenze - 8 Marzo 2013 by Paolo Sturlini Fonti utilizzate: wikipedia, fotografie Alla scoperta del Giardino

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici

Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Corso Chierichetti Quarto incontro: Gli oggetti e gli abiti liturgici Abiti liturgici Per le liturgie, i sacerdoti e coloro che prestano servizio all altare indossano abiti speciali perché si sta svolgendo

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Appunti per un album di famiglia

Appunti per un album di famiglia Da Aldo Coccolo 1937, Feletto Famiglia Coccolo Bandulins di Angelo e Ancilla con figli e nipoti Appunti per un album di famiglia Feletto, 1811: in una antica mappa conservata all Archivio di Stato di Udine,

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Ragazzi siamo facoltativi!?

Ragazzi siamo facoltativi!? Siena Ragazzi siamo facoltativi!? Corso di sopravvivenza nel mare della procreazione assistita e dintorni A cura di Carlo Bellieni Clicca qui per iniziare!!! Il DNA di una persona esiste prima della sua

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA Scuola infanzia di PALATA PEPOLI PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA DI QUALCHE ANNO FA. Di W:A MOZART Il Flauto Magico Progetto musica e biblioteca Scuola dell Infanzia di Palata Pepoli Destinatari: Luogo: Durata:

Dettagli

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S.

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. SANTA LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. BIOGRAFIA Luisa nacque il 12 agosto 1591 a Parigi, da Luigi de Marillac, Signore di Ferrières, imparentato con la migliore nobiltà di Francia e da madre ignota,

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA Scheda 1 Introduzione Lo scopo di questo gruppo di schede è di presentare alcuni aspetti della grande trasformazione dei modi di produrre, consumare e vivere avvenuta in alcuni paesi europei (Inghilterra,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

Diego e Ilaria 26 Luglio 2013

Diego e Ilaria 26 Luglio 2013 Diego e Ilaria 26 Luglio 2013 Musica J.Pachelbel, Canone R. Wagner, Marcia Nuziale da Lohengrin Poesia di: Alan Douar Quando ti chiedo cos è l amore, immagina due mani ardenti che si incontrano, due sguardi

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a

In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a CON LE PICCOLE GUIDE A SPASSO PER LA CITTA In occasione della Festa del Torrone svoltasi il 21 e 22 novembre 2009, i bambini e le bambine delle classi 5 a A della scuola primaria Miglioli, 4 a A e 4 a

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Dal documentario di Piero e Alberto Angela

Dal documentario di Piero e Alberto Angela Dal documentario di Piero e Alberto Angela Elaborato di Mattia C, Margherita e Marco. 1B Pompei e le altre città Pompei fu fondata intorno all VIII secolo a.c. dagli Oschi che si insediarono, distinti

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli