UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI. E. Testa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI. E. Testa"

Transcript

1 UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI E. Testa Nei lavori di restauro del coro di S. Chiara (del Convento di S. Damiano, Assisi), è stata scoperta una lapide romana che misura cm 80 di larghezza, cm 96 di altezza, e cm 30 di profondità. Contiene tre righe di facile lettura la prima e la terza, con qualche difficoltà la seconda. Paleograficamente la scrittura appartiene alla capitale rustica del II-III sec. d.c., periodo degli Antonini (a ) e di Commodo (a ), con sviluppo maggiore delle lettere nel senso dell altezza, lettere che risultano pertanto inscrittibili in un rettangolo, con la O e la P ancora aperte, la M e la A legate fra loro, la A con un terzo trattino, a volte però mancante o incompleto. Le lettere del primo rigo sono alte mm 60, quelle del secondo rigo mm 50 e quelle del terzo rigo mm 45. Nel secondo rigo la M e la A di MAEC sono scritte come una sola lettera. Possiamo leggere (Foto 1; Fig. 1): T. BABRIO EPAPHRAE FARUSAE MAEC LOCI CONIUGI Sulla sinistra, a capofitto, si trova un effigie a basso rilievo che porta penzoloni sulle spalle la pelle di una capra (figura criofora, o portatrice di una capra per il sacrificio?) (Foto 2); sulla destra, appollaiata dentro una grotta, formata dal prolungamento della L, un uccello (foto 3). C è anche la figura di un mortaio con un pestello (fig. 1,a). Analisi del testo Nella prima linea abbiamo il praenomen, il nomen gentilizio e il cognomen dell individuo a cui la lapide fu dedicata. Il prenome è uno dei più comuni dell età storica, come al solito abbreviato: T(ito). Segue il nome gentilizio derivato da un aggettivo in ius, designante la gens a cui l individuo apparteneva, generalmente non abbreviato. Nel nostro caso BABRIO, formato dall aggettivo babrius, a, um, derivato dal verbo babrio, is, ivi, spiegabile con una lettura dura della LA 43 (1993) ; Pls

2 404 E. TESTA lettera f, presente nel parallelo fabrio, is, ivi, fabbricare 1. In Assisi portarono questo nome gentilizio T. Babrio, padre di Ner. Babrio, menzionato in una inscrizione umbra; un secondo T. Babrio, padre di un altro Ner. Babrio, che ebbe la carica di marone e costruì un muro dopo l a a.c.; e C(aio) Babrio padre di C(aio) Babrio Chilo che fu un quinque-vir e costruì un altro muro di sostegno del Tempio di Minerva. Portò questo gentilizio anche un famoso scrittore di favole, il greco Babrios, vissuto nel III sec. d.c 2. Segue il terzo elemento della denominazione romana, il cognomen, che assieme al praenomen e al nome gentilizio costituiva i tria nomina dei patrizi romani. Il cognomen derivava da un soprannome individuale, legato a una peculiarità del carattere: qui EPAPHRAE, sinonimo di Epafroditus, che significa venusto, uno che ha una bellezza eletta, piena di grazia fisica e morale 3. Dopo il cognome, si può trovare, come nel nostro caso, l indicazione dell origo, l origine dell individuo, al caso locativo; oppure del luogo consacrato per la tomba del morto. Il termine Locus, come vocabolo funerario, significa sepolcro 4, cioè un pezzo di terreno limitato nello spazio ( metare tumulum, ponere tumulo metas, figere tumulo metas ), cioè fissato nelle misure: tanti piedi nella facciata, tanti nell interno ( in fronte pedes tot, in agro pedes tot ); intangibile nel tempo ( sommo aeternali, perpetuis datur sepulcris ); in seguito a una specifica consacrazione rituale per i pagani ( locus sacer ) o in seguito a un diritto privato ( locus religiosus ) per i cristiani. Interpretando in questo senso, riusciamo ad armonizzare il termine Locus con i due termini precedenti FARUSAE MAEC(iae)? Forse sì, ma con difficoltà. Farusae potrebbe derivare dall indoeuropeo bher, greco fàros, e indicare un panno funebre, un mantello luttuoso 5 e denotare così il tappeto funebre della cappella mortuaria e il lugubre manto delle prefiche. La cappella mortuaria dovette sorgere in località Maec(iae), nome di una tribù rustica romana costituita nel 332 a.c., presso Castro Mecio nella regione di Lanuvio. 1. Ae. Forcellini, Totius Latinitatis Lexicon, Vol. II, Prati 1832, ad v. Fabrio, 336: idem ac fabrico. Il gentilizio latino corrispondente è Fabricius: cfr. M. Montella, Epigrafi lapidarie romane di Assisi (Catalogo Regionale dei Beni culturali dell Umbria), 1987, nn. 25, 26 e Dizionario Enciclopedico Italiano (Treccani), Vol. I, Forcellini, Lex., II,229a. 4. Forcellini, Lex., II,935, par. 9, ad v. Locus. 5. Esiodo, Opera et Dies, 196; Omero, Iliade XXIV, 580; Sofocle, Aiax, 916.

3 UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI 405 Il riferimento alla tribù Mecia, per un sepolcro scavato nella regione di Assisi, che apparteneva alla tribù rustica Sergia, rende improbabile l ipotesi funeraria della lapide, mentre rafforza quella dell origine 6. In questa seconda ipotesi, il termine Locus designa una campagna aperta ma delimitata, una parte di fondo agricolo, appartenente a un ricco agrario o a un nobile decaduto che è però ancora in possesso di una vecchia eredità degli antenati. In questa eredità possono trovarsi vestigia di una vecchia città, ormai distrutta; oppure si può trovare qualche villaggio, o qualche villa sparsa, specialmente qualche villa rustica, governata da un fattore, o amministratore e dai suoi famigliari, che lavorano da coloni, da agricoltori e da artigiani vari (falegnami, fabbri, tessitori, ecc.) 7. Secondo Cicerone, poi, loci et loca speciatim dicuntur de utero, la matrice 8. Interpretato in questo senso, il termine Loci si trova in armonia migliore con i due termini che lo precedono. Allora Farusa si deve spiegare con il secondo senso di bher, greco fàros, farön, ousa, e quindi come participio attivo del verbo faroö, nel senso di colei che ara, che fa i solchi e le buche sulla Madre Terra (non fu la donna a inventare l agricoltura?). Viene richiamata l immagine della donna dedita alle più svariate attività, come la donna forte di Prov 31,10-31, che acquista un campo, pianta vigne, s interessa della lana e del lino, li fila alla conocchia, tesse drappi e cinture. La donna romana non solo tesse la lana, compone stoffe, drappi, panni, intrecciando i fili nel telaio, ma si preoccupa del magazzino della villa rustica, riempiendolo di farro, che lei stessa produce (bhar/fer), seminandolo nei solchi (dhur/fara: dh=f), che lo batte e tritura (sanscrito: ghar/ghars), insieme a farina (far) e a orzo (baris/fordeum); che prepara la farrago, un miscuglio di farro, orzo, grano per ottenere una biada per nutrire gli animali durante l inverno nelle varie fattorie 9. Finalmente, dalle radici indoeuropee bar, bhar, phar, far, dal persiano ber, dal greco e dal latino fero (antico bero), derivano parecchi termini che si riferiscono all origine di un individuo nelle sue varie fasi e necessità: la gestazione (phora), il feto (pherma), il parto (pario), il nutrimento (pher), il fanciullo (barnas/barn), il frutto (bar), il sostentamento e il sostegno (phor) Forcellini, Lex., IV, 137, ad v. Sergius. Però in Assisi ci vivono anche stranieri delle tribù Stellatina, Ufentina, Clusturnina, Lunaria, Tromentina. 7. Forcellini, Lex., II, ad v. Locus, ; IV, ad v. Villa, Nat. deor., LI; Columella, VIII, XI; Forcellini, ad v. Lex., II,935, par Forcellini, Lex., II, , ad v. Farrago. Per le varie etimologie qui studiate, vedi O. Pianigiani, Vocabolario etimologico della lingua italiana, Genova Su queste radici, vedi Pianigiani, Voc., 521, sul suffisso fero.

4 406 E. TESTA Emerge così tutto un mondo simbolico, suggerito dai vari sensi della radice del termine MAEC nelle lingue indoeuropee. Considerata entro questo mondo simbolico Farusa è colei che nutre e origina la vita; come Ferusa è una Nereide che porta la fecondità 11 ; come l italica Feronia è la dea dei boschi e della vegetazione. 12 Nella nostra lapide, Farusa, dopo i tria nomina del personaggio, indica la sua terra nativa, la sua tribù natale, la matrice da cui è stato generato, la villa rustica in cui ha passato l infanzia. Il nome seguente, Mecia, indica piuttosto la tribù adottiva, in cui il personaggio della iscrizione, per ragioni religiose, vede sintetizzato il messaggio ricevuto nella sua terra nativa 13. Illustrazione tematica dei bassorilievi Come abbiamo accennato sopra, a sinistra e a destra dell iscrizione sono presenti due bassorilievi legati con il CONIUGI, con il marito T(ito) Babrio Epafra, originario della fattoria di Farusa e della tribù di Mecia. Diciamo subito che sono immagini di Giunone Caprotina e di Giunone Lucina, pronuba del tipo di matrimonio intertribale più antico di Roma detto confarreatio 14. A Lanuvio, città principale della tribù Mecia, si venerava Giunone Caprotina, detta anche Sospita, o Sospes, salvatrice, liberatrice, Mater Regina, rappresentata con il capo coperto da una pelle di capra, con le calzature di tipo orientale a punte rialzate (calceoli repandi), e armata di uno scudo a due lobi, a forma di 8, e di una lancia 15. Si trattava di una dea insieme matronale e guerriera, assai simile alla Hera di Argo. La figura incappucciata del nostro bassorilievo può essere dunque identificata come Giunone Caprotina, per quanto il tipo iconografico non sia identico a quelli noti in precedenza. Una conseguenza importante è che la 11. Omero, Iliade, XVIII, 43; K. Kerenyi, Gli dei e gli eroi della Grecia, I, Gli dei, Milano 1963, 63, trattando delle Nereidi. 12. In CIL XI, Pars Prior, n è nominato un L(ucius) Farusanus Favor come autore di una tessera pagana, trovata a Petignano, tra i ponti sul Tevere di Pontefelcino e Ponte Pattoli, Perugia, conservata nel Museo di Perugia. 13. Si sa che qualche personaggio era legato con due tribù. Forcellini, Lex., IV, ad v. Tribus, 528, par. 9, scrive: Unus aliquando duas tribus habuit, alteram nativitate, alteram adoptione ; cfr. Ida Calabi Limentani, Epigraphia Latina, Milano - Varese 1968, Cfr. Plinio, Nat. Hist., XVIII, 3,10: In sacris nihil religiosius confarreationis vinculo creat. 15. Cicerone, Nat. deor., I,29,83; Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae (LIMC), V/1-2, Zürich - München 1990, s.v. Iuno, V/1, ; V/2,

5 UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI 407 figura non è di carattere funerario. Giunone Caprotina infatti veniva festeggiata nelle None Caprotine, il 7 luglio, con rito assai arcaico, durante il quale si tagliavano i rami di un caprifico selvatico, che gocciolava il latte del fico. La dea, perciò, era associata a una Iuno, o divinità geniale femminile, giovane vergine, sessualmente matura, pronta per il matrimonio, mediante un culto arcaico legato a capre e ad alberi, con significati evidentemente sessuali 16. Ma la nostra dea, era anche associata con l italica Uni, anch essa di aspetto giovanile, col capo e le spalle coperte di una pelle di capra, con calceoli repandi, seminuda, com era anche Turan (Afrodite e Venere), armata anche lei di scudo, per lo più in atteggiamento di promachos, che combatte in prima fila, che prima attacca e poi si riconcilia con Ercole, dea protettrice della città e dell arce, dei naviganti e dei mercanti, dei parti e dei kourotrofoi (nutrici) 17 ; (foto 2 capovolta; fig. 1b). La nostra dea, perciò, e le arcaiche divinità a lei associate (Uni e Turan), commentano assai bene la località natale di Farusa, a cui sono strettamente legate, come località del concepimento, del nutrimento e della difesa del nostro T(ito) Babrio Epafra. L aspetto ctonio di Giunone Lucina, colei che porta alla luce, dea lunare, invocata dalle partorienti per la protezione dei nascituri, è presente nella raffigurazione di destra, originata dal prolungamento della L di LOCI, forse per ricordare l iniziale di Lanuvio. Nel tempio di questa città si apriva una grotta, legata con un serpente sacro, dinanzi al quale, nella festa annuale, dovevano presentarsi le giovani della città, per provare la loro verginità 18. Infatti, la L di LOCI si sviluppa a forma di serpente; inoltre delimita la volta della grotta, nella stessa maniera del serpe egiziano Mehen, che protegge Osiride, coprendolo a forma di grotta, dall attacco velenoso del serpente cattivo Ankhat 19. La grotta così formata è chiusa da sbarre annodate, rappresentate sotto il corpo serpente, sbarre che, secondo la mitologia, poteva fare soltanto Giunone Lucina, e alludono a una magia di parto 20. Legare e sciogliere nodi alludeva spesso a riti matrimoniali. Il nodo di Ercole, per esempio, si scioglieva con la deflorazione fatta dal marito alla propria moglie il giorno delle 16. Enc. Rel., V, M. Cristofani, Dizionario della civiltà etrusca, Firenze 1985, F. Coarelli, Dintorni di Roma (Guide Archeologiche Laterza), Roma - Bari 1981, Cfr. la figura riportata da H. Biedermann, Enciclopedia dei simboli, edita da L. Felici, Garzanti 1991, Enc. Rel., V, 474.

6 408 E. TESTA nozze; il nodo della gravidanza era fatto dal padre nel momento del concepimento; il nodo d amore poteva essere sciolto annullando il fidanzamento; i nodi nei calzoni dei maschi significava che erano impotenti; nessuno perciò poteva entrare nel tempio di Giunone Lucina con i calzoni annodati. Entrare nella Grotta ctonica significava entrare negli organi femminili, vagina e utero, delle dee della Fecondità; significava salire sui letti di Picumnus e Pilumnus, il dio del pestello, che proteggono la puerpera 21, significava salire sul letto di Giunone che prepara la nascita dei maschi 22 (fig. 1a). Giunone Lucina è, dunque, il genio personale della madre di famiglia e coinvolge le funzioni di ogni maternità, di ogni riproduzione e dell economia domestica 23. Come Mater Matuta, madre favorevole, porta quale proprio attributo la chiave che rende facili i parti, e nelle sue feste Matronalie dell 1 marzo concede la libertà alle schiave e in quelle Matralie dell 11 giugno accoglie le matrone che hanno avuto un solo marito. Come l italica Turan, dea dell amore a carattere ctonio, ha come altri attributi la colomba che, divenuta vedova, muore di nostalgia e, per fedeltà coniugale, non si riaccoppia con nessun altro colombo. Ha inoltre come suo attributo il candido cigno, immagine della grazia femminile e della purezza soprannaturale delle vergini, e la cicogna, che è in contatto con l acqua della creazione dalla quale nasce ogni fertilità. Il suo becco, immagine del phallus, è sorgente dei bambini, che poi ella dona ai genitori, liberandoli dai serpenti velenosi, che combatte e mangia. Finalmente Giunone ha come suo attributo l oca, immagine rimpicciolita del cigno, associata alla vita femminile e domestica, la cui carne aumenta il desiderio amoroso, la cui bile mangiata dagli uomini, ne aumenta la potenza virile, il cui schiamazzo richiama alla vigilanza 24. Come Iuno Moneta (da moneo, ammonire, avvertire) era venerata nel tempio costruito nell a. 390 a.c. sul Campidoglio a memoria dei fatti del 390 a.c., quando le oche a lei sacre, schiamazzando al penetrare dei Galli, avvertì i Romani che li poterono scacciare dalla rocca 25 (fig. 1c; foto 3). Tutti questi miti legati con Giunone Lucina e con le dee a lei associate, sono evocati dal bassorilievo a destra della iscrizione, nel quale si vede una grotta formata da un serpente, chiusa con verghe annodate fra loro, dentro 21. Cfr. Agostino, De Civ. Dei, VI, 9; Varrone, ap. Serv., Ad Aev., X, 76; ap. Nov., 528, Servio, Ad Ecl., IV, 62; Tertulliano, De An., XXXIX. 23. Enc. Rel., V, Sul valore simbolico di questi animali, cfr. Biedermann, Enciclopedia dei Simboli, alle singole voci. 25. Enc. Rel., V,

7 UNA LAPIDE ROMANA DI ASSISI 409 di cui sta appollaiato un uccello dinanzi a un uovo. Per la sua forma, l uccello può essere identificato come una colomba, un cigno o un oca, uccelli tutti consacrati alle sopraddette dee. Il bassorilievo di destra è, dunque, strettamente parallelo a quello di sinistra e ambedue sono legati all iscrizione, la quale non ha perciò carattere funerario ma piuttosto matrimoniale. Il mortaio e il pestello sono legati agli dei Pilunno e Picunno, protettori delle macine del farro di Giunone Caprotina di Farusa e di Giunone Lucina, e difensori dei neonati contro gli spiriti maligni e contro Silvano, dei delle selve e dei terreni incolti nemici delle puerpere e dei loro bambini (fig. 1a). Il matrimonio latino della confarreatio I latini conoscevano tre forme di matrimonio: quella per contratto (coemptio), secondo la quale la sposa passava in possesso dello sposo a mezzo di un acquisto, vero o simbolico; quella per esercizio di usucapione (usus), cioè a mezzo di convivenza per un anno, non interrotta nemmeno da tre giorni (legge delle XII Tavole); e quella legata con una focaccia di farro (farreum libum), detta perciò confarreatio, o farreum, o vinculum confarreationis, che fu quella del nostro T(ito) Babrio Epafra, la forma più sacra e la più religiosa, celebrata nella fattoria di Farusa. Oltre ad essere la più antica, questa forma sembra che fosse l unica ammessa per le unioni intertribali dei patrizi. E certo che in epoca storica furono obbligati a sposare secondo questo rito i sacerdoti maggiori, il Rex Sacrorum, e i tre Flamini, Marziale, Diale e Quirinale 26. Dopo l epoca monarchica, il rito esigeva come testimoni il Pontifex Maximus, in sostituzione dell arcaico Rex, e il Flamine in rappresentanza di Iuppiter Farreus, a cui veniva offerta la focaccia di farro, quale difensore del giusto vincolo (iustum matrimonium), in presenza di altri dieci testimoni. All alba si traevano gli auspici dal volo degli uccelli (colomba, cigno, oca), oltre che dall esame delle viscere dell animale sacrificato (la capra); quindi si stendeva la pelle della capra sacrificata sopra due troni, dove sedevano i due sposi, che si incappucciavano con la medesima. Prima, però, la sposa doveva deporre la veste bordata di rosso che aveva portata nell infanzia, e assumere la tunica recta, o regilla, e il flammeum delle mogli del Flamen Dialis, ossia il velo di color rosso o zafferano, e doveva cingersi di una cintura annodata con il nodus herculeus. 26. Gaio, I, 112.

8 410 E. TESTA Seduti sui troni, i due sposi si spartivano sacramentalmente la focaccia di farro, già offerta a Iuppiter Farreus, in presenza di tutti i testimoni. Poi la sposa, dinanzi al focolare domestico, guidata da una pronuba, si avvicinava allo sposo e poneva la sua destra nella destra di lui (dextrarum iunctio). Si offriva quindi una troia in sacrificio a Giunone o a Tellus e si consumava il banchetto nuziale fino a sera. Finito il banchetto, la sposa veniva strappata a forza dalle braccia della madre, dallo sposo, che la conduceva nella propria casa, dopo averle separati i capelli con un pezzo di lancia ricurva (hasta caelibaris), cerimonia che è residuo dei tempi in cui si acquistava la sposa per ratto (cfr. Ratto delle Sabine). La deductio dalla casa materna alla casa del marito si faceva processionalmente, mentre la sposa era sostenuta da tre ragazzi (patrimi et matrimi), di cui uno portava una torcia accesa, e il corteo gridava: Thalasse!, in onore della Nereide Ferusa, che era colei che introduceva nel luogo della fertilità; e si lanciavano noci, simbolo della vulva feconda. Giunta alla sua nuova casa, la sposa ungeva gli stipiti della porta con olio e grasso di maiale e legava intorno ad essi un filo di lana apotropaico. Allora lo sposo la sollevava di peso, trasportandola al di là della soglia, e nell interno le comunicava acqua e fuoco (acqua et igni recipere), mentre la sposa comprava, con tre assi da lei portate, il favore del marito, il dominio del focolare domestico e di quello del crocicchio stradale (Lar compitalis). Entrando nella camera nuziale, alla presenza di Iuno Cinxia, il marito scioglieva il nodus herculeus fatto sulla cintura della sposa, togliendole la verginità e augurandole di avere tanti figli per quanti ne ebbe Ercole. La moglie allora pregava dinanzi al lectus genialis, mettendosi a sedere sopra l immagine di un grosso phallus. La donna che scrisse la lapide commemorativa per T(ito) BABRIO EPAFRA (originario della fattoria) di FARUSA (e della tribù) di MECIA (suo) CONIUGE e fece i bassorilievi di Giunone Caprotina e di Giunone Lucina, volle eternare il suo matrimonio, fatto secondo il rito della focaccia di farro pestato e macinato, che era la forma più sacra e più religiosa in uso tra i romani. Emmanuele Testa, ofm Pontificia Università Urbaniana, Roma Studium Biblicum Franciscanum, Jerusalem

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

La dea Cupra. e il suo paredro

La dea Cupra. e il suo paredro Fossato di Vico 10 Settembre 2010 La dea Cupra e il suo paredro Il punto di vista della linguistica Quattro diversi tipi di dati sono collegati al nome Cupra: iscrizioni picene, umbre, latine; testimonianze

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

L altra metà del cielo. l evoluzione della donna

L altra metà del cielo. l evoluzione della donna L altra metà del cielo l evoluzione della donna l evoluzione della donna nel tempo e nello spazio, a partire dagli anni del primo dopoguerra fino agli anni 2000. La donna è stata e continuerà ad essere

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E I N T R O D U Z I O N E L'imperatore turco Ulugh Bey ( 1393-1449), eminente scienziato, fece scolpire sulle facciate delle università da lui fondate a Bukhara e a Samarkanda il detto del Profeta Maometto:

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

MA FU PROPRIO UNA MELA?

MA FU PROPRIO UNA MELA? MA FU PROPRIO UNA MELA? Per molti anni ci è stato insegnato che nel Giardino dell Eden c era un albero di mele. Al primo uomo, Adamo, e a sua moglie Eva, Dio comandò di non mangiare il frutto di questo

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

A lato: L autore, dottore in diritto canonico, è Responsabile del Servizio per la Disciplina dei Sacramenti nella Curia arcivescovile di Milano.

A lato: L autore, dottore in diritto canonico, è Responsabile del Servizio per la Disciplina dei Sacramenti nella Curia arcivescovile di Milano. Mario Bonsignori I matrimoni tra cattolici e musulmani in Italia Un approccio canonico al documento della CEI A lato: L autore, dottore in diritto canonico, è Responsabile del Servizio per la Disciplina

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE Le fonti letterarie conservateci che trattino

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli