INDICE SOMMARIO. PREMESSA I PATTI PREMATRIMONIALI NEL CONTESTO DELLA NEGOZIALITÀ FAMILIARE di Giacomo Oberto... Pag. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE SOMMARIO. PREMESSA I PATTI PREMATRIMONIALI NEL CONTESTO DELLA NEGOZIALITÀ FAMILIARE di Giacomo Oberto... Pag. 1"

Transcript

1 INDICE SOMMARIO PREMESSA I PATTI PREMATRIMONIALI NEL CONTESTO DELLA NEGOZIALITÀ FAMILIARE di Giacomo Oberto... Pag. 1 CAPITOLO I I RAPPORTI PERSONALI TRA CONIUGI: ACCORDI E DISACCORDI di Marco Sgroi 1. L eguaglianza morale e giuridica dei coniugi... Pag La lenta marcia dei principi costituzionali sino all affermazione con la riforma del » Limiti al principio d eguaglianza...» La reciprocità delle posizioni soggettive dei coniugi...» Obbligo di fedeltà...» Violazione del dovere di fedeltà...» Obbligo all assistenza morale e materiale...» Obbligo di collaborazione nell interesse della famiglia...» Dovere di contribuzione...» In particolare: il lavoro casalingo...» Obbligo di coabitazione...» I doveri verso i figli. L obbligo di mantenimento...» Rilevanza esterna dell attività svolta da ciascuno dei coniugi in relazione all obbligo di mantenimento...» La durata dell obbligo di mantenimento...» Cognome della moglie e cognome familiare...» Cittadinanza della moglie...» Il principio dell eguaglianza e il governo della famiglia secondo l accordo dei coniugi...» L estensione dell accordo...» Ancora sull estensione dell accordo: la scelta della residenza» La natura dell accordo...» 75

2 VI INDICE SOMMARIO (Segue) La natura dell accordo: la tesi negoziale... Pag (Segue) La natura dell accordo: la tesi non negoziale...» La preminenza degli interessi della famiglia e i limiti di validità dell accordo...» Il limite di validità dettato dall art. 160 c.c....» L efficacia rebus sic stantibus degli accordi...» Efficacia legittimante degli accordi...» Rilevanza esterna degli accordi dei coniugi sul governo della famiglia...» L applicabilità del principio dell apparenza...» Sanzioni per la violazione dei doveri coniugali...» In particolare: l applicabilità del rimedio risarcitorio...» Le conseguenze della violazione degli accordi ex art. 144 c.c....» L intervento del giudice previsto dall art. 145 c.c....» Le due ipotesi previste dall art. 145 c.c....» 113 CAPITOLO II GLI ACCORDI PREVENTIVI DELLA CRISI CONIUGALE di Mara Romano Marco Sgroi 1. Famiglia ed autonomia negoziale... Pag I confini dell autonomia. Fra la clausola rebus sic stantibus e l art. 160 c.c....» La privatizzazione e la crisi coniugale...» Autonomia dei coniugi e convenzioni di separazione...» (Segue) Cenni sull applicabilità dei rimedi civilistici ordinari all accordo di separazione. Risoluzione, annullamento e simulazione...» Accordo di separazione: contenuto tipico e contenuto eventuale...» Simulazione delle condizioni di separazione e modifica dei patti...» Ancora sui patti anteriori o contemporanei all omologazione...» Attribuzioni una tantum. La revocatoria fallimentare nella separazione...» Validità ed efficacia degli accordi non omologati: i patti contemporanei e successivi...» Gli accordi «in vista» del divorzio...» Limiti: la irrinunciabilità ad un diritto futuro...» Le convenzioni fra coniugi «in occasione» del divorzio...» Accordi di ordine personale...» Crisi coniugale e convenzioni tra coniugi concernenti la prole...» Limiti di contenuto degli accordi patrimoniali preventivi della crisi coniugale: l indisponibilità dell assegno di divorzio...» 158

3 INDICE SOMMARIO VII 8. Autonomia e disponibilità verso l alto dell assegno di divorzio... Pag La clausola rebus sic stantibus...» Gli accordi traslativi in occasione della crisi coniugale...» 165 CAPITOLO III LA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO di Katia Mascia 1. Cenni introduttivi e definizione della mediazione familiare... Pag Riferimenti legislativi italiani e comunitari...» Alcuni modelli di mediazione familiare. Brevi cenni...» Il mediatore familiare...» (Segue) La formazione del mediatore familiare...» La mediazione familiare nel procedimento di separazione e divorzio...» (Segue) Il procedimento di mediazione...» (Segue) L accordo di mediazione familiare...» 200 CAPITOLO IV L INVALIDITÀ DEL MATRIMONIO PROFILI DI DIRITTO SOSTANZIALE E PROCESSUALE di Antonino Sgroi SEZIONE I PROFILI A VALENZA GENERALE 1. Premessa... Pag Inesistenza e nullità del matrimonio...» Prescrizione dell azione di nullità del matrimonio...» La legittimazione del Pubblico ministero e dei terzi...» La legittimazione e i poteri del Pubblico ministero...» La legittimazione dei terzi...» 213 SEZIONE II L INVALIDITÀ DEL MATRIMONIO CANONICO A RILEVANZA CIVILE 1. Profili generali del matrimonio concordatario... Pag. 216

4 VIII INDICE SOMMARIO 2. Il procedimento di riconoscimento degli effetti civili al matrimonio canonico... Pag Le pubblicazioni matrimoniali...» Omissione pubblicazioni, regolarmente richieste, da parte dell ufficiale dello stato civile...» Volontà delle parti di far derivare dal matrimonio canonico effetti civili...» La qualifica civilistica del celebrante...» La trascrizione...» Impossibilità della trascrizione...» La trascrizione tardiva...» La trascrizione del matrimonio segreto...» La trascrizione tempestiva ritardata...» L impossibilità a trascrivere e l efficacia delle dichiarazioni rese in sede di matrimonio canonico...» La trascrizione di particolari tipi di matrimonio...» Matrimonio per procura...» Matrimonio canonico celebrato all estero...» Matrimonio canonico celebrato nello Stato Città del Vaticano...» Matrimonio canonico celebrato a bordo di navi e aeromobili...» Matrimonio canonico celebrato davanti ai soli testimoni...» Matrimonio canonico celebrato in Italia da stranieri..» La nullità della trascrizione...» Profili generali...» Libertà di stato...» Matrimonio concordatario durante il periodo bellico...» Incapacità naturale e minore età...» Diniego trascrizione o domanda nullità trascrizione Giurisdizione del giudice italiano...» Legittimazione attiva...» Legittimazione passiva dell ufficiale dello stato civile...» Rettifica atto di matrimonio - Individuazione Tribunale competente...» Efficacia del giudicato penale...» Improponibilità domanda nuova in appello...» Effetti della declaratoria di nullità della trascrizione di matrimonio canonico...» La delibazione delle sentenze dei Tribunali ecclesiastici...» Profili generali...» Riserva di giurisdizione...» Profili processuali del giudizio di delibazione della sentenza ecclesiastica del matrimonio concordatario...» Individuazione della Corte di appello territorialmente competente...» 258

5 INDICE SOMMARIO IX Individuazione soggetti legittimati a promuovere l azione e modalità di introduzione del giudizio... Pag Comportamento del coniuge convenuto nel giudizio di delibazione...» Intervento pubblico ministero...» Permanente efficacia delle disposizioni del codice di rito in tema di delibazione delle sentenze straniere...» Sospensione necessaria del giudizio di delibazione per riapertura del giudizio ecclesiastico...» Sospensione del termine nel periodo feriale...» Decreto di esecutività del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica...» Provvedimenti a natura anticipatoria emessi dalla Corte di appello» Forme e tempi di tutela avverso la decisione della Corte di appello» Verifica dell esistenza dei requisiti necessari per la delibazione della sentenza di nullità matrimoniale...» Il rispetto dell ordine pubblico italiano...» Casi di nullità del matrimonio canonico e loro compatibilità con l ordinamento italiano...» I vizi del consenso...» La simulazione...» La condizione...» La violenza e il timore...» L errore...» Capacità dei coniugi...» Amentia...» Anomalie sessuali...» Vincolo di consanguineità...» Dispensa del matrimonio rato e non consumato...» Il diritto di difesa delle parti nel processo canonico e i poteri della Corte di appello in sede di delibazione...» Poteri della Corte di appello in sede di delibazione...» Il diritto di difesa delle parti nel processo canonico...» Delibazione di sentenza ecclesiastica che revoca precedente sentenza di nullità matrimonio concordatario...» Effetti della sentenza di delibazione...» Tutela degli ex coniugi...» L affidamento dei figli minori e l assegnazione della casa coniugale...» Scioglimento della comunione legale...» 311 SEZIONE III L INVALIDITÀ DEL MATRIMONIO CIVILE 1. La capacità dei coniugi... Pag Interdizione...» 313

6 X INDICE SOMMARIO 1.2. Incapacità di intendere e volere... Pag Anomalie sessuali...» Precedente matrimonio...» Il delitto...» La procura ad nuptias...» I vizi del consenso...» La simulazione...» L errore...» La violenza e la minaccia...» La separazione temporanea...» La delibazione di sentenze di nullità matrimoniale straniere...» Effetti della pronuncia di nullità del matrimonio e la tutela degli ex coniugi...» I rapporti di affinità...» La tutela degli ex coniugi...» Il matrimonio putativo...» L imputabilità della nullità...» 352 CAPITOLO V LA SEPARAZIONE DI FATTO di Maria Paola Suppa 1. Definizione e quadro normativo di riferimento... Pag La valenza contenutistica della separazione di fatto...» La separazione di fatto in casa...» L allontanamento dalla casa coniugale...» Ipotesi particolari di interruzione della convivenza...» Gli effetti della separazione di fatto...» Separazione di fatto e accordi patrimoniali tra coniugi...» 372 CAPITOLO VI LA SEPARAZIONE CONSENSUALE di Maria Paola Suppa 1. La separazione legale dei coniugi prima e dopo la riforma del diritto di famiglia... Pag La natura negoziale della separazione consensuale...» La questione della revocabilità del consenso...» Il contenuto dell accordo di separazione...» L omologazione...» Il procedimento di omologazione...» La validità degli accordi non contenuti nel decreto di omologazione...» 400

7 INDICE SOMMARIO XI CAPITOLO VII LA SEPARAZIONE GIUDIZIALE di Maria Paola Suppa 1. Presupposti della separazione giudiziale... Pag La valutazione dell intollerabilità della convivenza...» Esemplificazione di alcune ipotesi di intollerabilità...» Il grave pregiudizio all'educazione della prole...» L addebito...» Alcune ipotesi esemplificative...» Gli effetti patrimoniali dell addebito...» Il procedimento...» I provvedimenti presidenziali...» La modifica dei provvedimenti relativi alla separazione...» Il mutamento del titolo...» 453 CAPITOLO VIII GLI EFFETTI DI ORDINE PERSONALE DELLA SEPARAZIONE RIGUARDO AI CONIUGI di Marzia Rossi 1. Gli effetti della separazione di ordine personale... Pag Gli effetti della separazione riguardo all obbligo di coabitazione, all obbligo di collaborazione e all obbligo di assistenza morale...» Gli effetti della separazione riguardo all obbligo di fedeltà...» Gli effetti della separazione riguardo all ufficio di tutore, all ufficio di curatore, alla presunzione di concepimento, alla legittimazione per provvedimento del giudice e all adozione...» Gli effetti della separazione sull uso del cognome coniugale...» 468 CAPITOLO IX GLI EFFETTI DI ORDINE PATRIMONIALE DELLA SEPARAZIONE RIGUARDO AI CONIUGI di Marzia Rossi 1. Profili generali in tema di effetti di ordine patrimoniale della separazione personale dei coniugi nei confronti dei coniugi... Pag Gli effetti della separazione sul regime patrimoniale della comunione legale dei beni...» La questione della decorrenza dello scioglimento del regime patrimoniale della comunione legale dei beni nella fase della separazione personale dei coniugi...» 476

8 XII INDICE SOMMARIO La tesi della decorrenza dello scioglimento del regime patrimoniale della comunione legale dei beni dal momento e per effetto dei provvedimenti adottati dal presidente del tribunale ex art. 708 c.p.c.... Pag La tesi della decorrenza dello scioglimento del regime patrimoniale della comunione legale dei beni ex nunc dal passaggio in giudicato della sentenza che pronuncia la separazione...» La tesi della decorrenza dello scioglimento del regime patrimoniale della comunione legale dei beni ex tunc dalla data della proposizione della domanda di separazione...» La situazione giuridica dei beni dopo lo scioglimento del regime patrimoniale della comunione legale dei beni a seguito della separazione personale dei coniugi...» L opponibilità ai terzi dello scioglimento del regime patrimoniale della comunione legale dei beni a seguito della separazione personale dei coniugi...» La divisione dei beni della comunione a seguito dello scioglimento della comunione legale intervenuto in virtù della separazione personale dei coniugi...» Gli effetti della separazione personale dei coniugi sulla convenzione di separazione dei beni...» Gli effetti della separazione personale dei coniugi sul fondo patrimoniale...» Gli effetti della separazione personale dei coniugi sull impresa familiare...» L assegno di mantenimento...» Presupposti di attribuzione dell assegno di mantenimento...» Il presupposto del mancato addebito della separazione al coniuge beneficiario dell assegno di mantenimento...» Il presupposto della mancanza di redditi adeguati...» Giudizio in ordine all attribuzione dell assegno di mantenimento...» Entità dell assegno di mantenimento: criteri di determinazione...» Le circostanze...» L incidenza della capacità lavorativa del coniuge beneficiario dell assegno di mantenimento...» L incidenza di forme di aiuto da parte della famiglia d origine del coniuge richiedente l assegno di mantenimento...» L incidenza della convivenza more uxorio da parte del coniuge richiedente l assegno di mantenimento con un terzo...» 512

9 INDICE SOMMARIO XIII Riflessi della durata del matrimonio sull assegno di mantenimento... Pag L incidenza dell attribuzione della casa familiare al coniuge richiedente l assegno di mantenimento...» Il criterio dei redditi dell obbligato...» L assegno alimentare...» Presupposti di attribuzione dell assegno alimentare...» Il presupposto dell addebito della separazione al coniuge beneficiario dell assegno alimentare...» Il presupposto dello stato di bisogno e dell impossibilità di provvedere al proprio mantenimento del beneficiario...» La regolamentazione convenzionale dell assegno di mantenimento e dell assegno alimentare...» Vicende comuni agli assegni di mantenimento e alimentare...» La domanda e la decorrenza degli assegni di mantenimento e alimentare...» La revisione degli assegni di mantenimento e alimentare...» Costituzione successiva, estinzione e prescrizione degli assegni di mantenimento e alimentare...» Rinuncia e compensazione circa gli assegni di mantenimento e alimentare...» I mezzi di tutela per l adempimento degli obblighi patrimoniali nella separazione personale dei coniugi...» La normativa previgente riguardo al diritto di abitazione nella casa coniugale...» I presupposti del diritto di abitazione nella casa coniugale...» Natura del diritto di abitazione nella casa coniugale...» Spese relative alla casa coniugale...» La normativa vigente riguardo al diritto di abitazione nella casa coniugale...» Il godimento della casa familiare...» L assegnazione della casa familiare...» L assistenza previdenziale...» I diritti successori e l assegno successorio...» 567 CAPITOLO X GLI EFFETTI DELLA SEPARAZIONE NEI RAPPORTI CON I FIGLI di Marzia Rossi 1. Profili generali... Pag. 571

10 XIV INDICE SOMMARIO 1.1. La normativa previgente in tema di rapporti tra genitori e figli nella fase della separazione personale introdotta a seguito della riforma del diritto di famiglia del Pag La normativa vigente in tema di rapporti tra genitori e figli nella fase della separazione personale...» L interesse morale e materiale della prole quale principio cardine in tema di affidamento della prole...» La disciplina previgente in tema di affidamento della prole e di e- sercizio della potestà genitoriale...» Le modalità dell affidamento e la capacità di autodeterminarsi della prole...» Il diritto di visita e la collocazione della prole presso una terza persona o in un istituto di educazione...» L esercizio della potestà genitoriale sui figli...» La normativa vigente in tema di affidamento della prole...» Le modalità dell affidamento della prole...» L esercizio della potestà genitoriale...» L audizione del minore...» L obbligo di mantenimento nei confronti della prole...» La normativa previgente in tema di obbligo di mantenimento nei confronti dei figli minori di età...» La normativa vigente in tema di obbligo di mantenimento nei confronti dei figli minori di età...» La normativa previgente in tema di obbligo di mantenimento nei confronti del figlio maggiorenne...» La normativa vigente in tema di obbligo di mantenimento nei confronti del figlio maggiorenne...» L adeguamento automatico dell assegno di mantenimento a favore dei figli al costo della vita e gli strumenti di tutela nel caso di inadempimento agli obblighi di contribuzione al mantenimento, di istruzione ed educazione della prole, secondo la normativa previgente...» L adeguamento automatico dell assegno di mantenimento agli indici ISTAT e gli strumenti di tutela nel caso di inadempimento agli obblighi di contribuzione al mantenimento, di istruzione ed educazione della prole, secondo la normativa vigente...» 615 CAPITOLO XI LA RICONCILIAZIONE di Marzia Rossi 1. La disciplina in materia di riconciliazione... Pag La nozione di riconciliazione...» La natura giuridica della riconciliazione...» 623

11 INDICE SOMMARIO XV 4. Gli effetti della riconciliazione... Pag Gli effetti della riconciliazione riguardo ai figli e riguardo ai rapporti di natura personale e patrimoniale tra coniugi...» Gli effetti della riconciliazione riguardo alla separazione e al divorzio...» 629 CAPITOLO XII IL DIVORZIO NELL ORDINAMENTO ITALIANO di Vito Achilli 1. Il superamento dell indissolubilità del matrimonio... Pag La legge 898 del » Il rifiuto del divorzio meramente consensuale...» Gli interventi della Corte Costituzionale...» La famiglia come formazione sociale...» L istituto dell annullamento...» Gli accordi matrimoniali...» Le sentenze straniere di divorzio...» Il matrimonio religioso non cattolico: la cessazione degli effetti civili...» 658 CAPITOLO XIII LE CAUSE DI DIVORZIO di Vito Achilli 1. Le cause di divorzio... Pag Le cause civili...» La separazione...» L interruzione della separazione...» La separazione di fatto...» Altri tipi di separazione...» L inconsumazione del matrimonio...» La rettificazione di attribuzione del sesso...» Il divorzio per ottenuto scioglimento del matrimonio da parte del coniuge straniero...» Le cause penali...» La condanna all'ergastolo o ad una pena detentiva superiore ad anni quindici...» La condanna per reati a sfondo sessuale...» Il tentativo, la commissione o la reiterazione di reati contro i famigliari...» La non condanna del coniuge per vizio totale di mente o per estinzione di reato...» 690

12 XVI INDICE SOMMARIO CAPITOLO XIV IL PROCEDIMENTO DI DIVORZIO di Vito Achilli 1. I procedimenti di divorzio dopo la legge l n Pag Il procedimento contenzioso...» La giurisdizione...» La competenza...» La fase introduttiva...» L intervento del pubblico ministero...» L udienza presidenziale...» I provvedimenti presidenziali...» La fase di trattazione dopo la legge n » La sentenza di divorzio contenzioso...» L impugnabilità della sentenza di divorzio contenzioso...» Il procedimento di divorzio su domanda congiunta...» Il rito...» La sentenza di divorzio su domanda congiunta e la sua impugnabilità...» 726 CAPITOLO XV GLI EFFETTI DI ORDINE PERSONALE DEL DIVORZIO RIGUARDO AI CONIUGI di Marzia Rossi 1. Gli effetti di ordine personale... Pag La reviviscenza della libertà di stato...» Gli effetti del divorzio sul vincolo di affinità...» Gli effetti del divorzio riguardo all ufficio di tutore e all ufficio di curatore...» Gli effetti del divorzio sullo status civitatis...» Gli effetti sull uso del cognome coniugale...» 733 CAPITOLO XVI GLI EFFETTI DI ORDINE PATRIMONIALE DEL DIVORZIO RIGUARDO AI CONIUGI di Marzia Rossi 1. Profili generali... Pag Gli effetti del divorzio sul regime patrimoniale legale della famiglia, sul fondo patrimoniale e sull impresa familiare...» L assegno post-matrimoniale: natura e funzione...» 741

13 INDICE SOMMARIO XVII 3.1. L assegno post-matrimoniale nel previgente art. 5, comma 4, L.D.... Pag L assegno post-matrimoniale nel vigente art. 5, comma 6, L.D....» La fonte dell assegno divorzile...» I presupposti di attribuzione dell assegno di divorzio...» Il presupposto normativo dell inadeguatezza dei mezzi del coniuge beneficiario dell assegno divorzile...» La rilevanza della convivenza more uxorio nella valutazione dell adeguatezza dei mezzi del coniuge beneficiario dell assegno post-matrimoniale...» Il presupposto normativo dell impossibilità oggettiva di procurarsi mezzi adeguati...» I criteri di determinazione dell assegno di divorzio...» Il criterio delle condizioni dei coniugi...» Il criterio delle ragioni della decisione...» Il criterio del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare ed alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune ed il criterio del reddito di entrambi...» L incidenza sulla quantificazione del reddito di forme di aiuto da parte di terzi o della famiglia d origine del coniuge richiedente l assegno divorzile...» L incidenza sulla quantificazione del reddito degli incrementi realizzatisi dopo la separazione...» L incidenza sulla quantificazione del reddito dei coniugi dell attribuzione della casa familiare al coniuge richiedente l assegno divorzile...» Il parametro valutativo della durata del matrimonio...» L accertamento del diritto all assegno di divorzio...» Rapporti tra assegno di divorzio e assegno di mantenimento attribuito in sede di separazione personale dei coniugi...» La determinazione convenzionale dell assegno post-matrimoniale...» Gli accordi relativi alla corresponsione dell assegno una tantum...» Gli accordi relativi all entità e alle modalità di somministrazione dell assegno periodico...» Le vicende dell assegno divorzile...» La domanda e la decorrenza dell assegno post-matrimoniale» L adeguamento automatico dell assegno post-matrimoniale.» La revisione dell assegno post-matrimoniale...» I motivi che giustificano la revisione dell assegno divorzile...» La sopravvenienza dei giustificati motivi...» L eventuale prescrizione del diritto alla corresponsione dell assegno divorzile periodico...» 805

14 XVIII INDICE SOMMARIO 9.5. La costituzione successiva e l estinzione dell assegno postmatrimoniale... Pag La rinuncia all assegno post-matrimoniale...» I mezzi di tutela per l adempimento degli obblighi patrimoniali nella cessazione degli effetti civili del matrimonio...» La normativa divorzile riguardo al diritto di abitazione nella casa coniugale...» La normativa in tema di diritto di abitazione nella casa coniugale di cui all art. 6 L.D....» La nozione di casa familiare ed il diritto di usarne l arredo...» I presupposti del diritto di abitazione nella casa coniugale...» Natura del diritto di abitazione nella casa coniugale..» Spese relative alla casa coniugale...» La normativa in tema di diritto di abitazione nella casa coniugale introdotta dalla l. 8 febbraio 2006, n. 54 e applicabile in caso di scioglimento e di cessazione degli effetti civili del matrimonio...» Il godimento della casa familiare...» L assegnazione della casa familiare...» 825 CAPITOLO XVII GLI ALTRI DIRITTI PATRIMONIALI CONSEGUENTI AL DIVORZIO di Marzia Rossi 1. L assistenza sanitaria... Pag Il trattamento pensionistico...» Il trattamento pensionistico nella legislazione in materia di divorzio...» La nozione di attribuzione pensionistica...» I presupposti del diritto all attribuzione pensionistica...» Il presupposto dello stato libero...» Il presupposto dell anteriorità del rapporto da cui trae origine il trattamento rispetto alla sentenza divorzile...» Il presupposto della titolarità dell assegno...» La misura della pensione di reversibilità...» Il criterio della durata del rapporto matrimoniale ai fini dell attribuzione della pensione di reversibilità...» L indennità di fine rapporto...» L oggetto del diritto all indennità di fine rapporto...» I presupposti del diritto all indennità di fine rapporto...» Il presupposto del mancato passaggio a nuove nozze del coniuge divorziato...» 857

15 INDICE SOMMARIO XIX Il presupposto della titolarità dell assegno divorzile... Pag Il presupposto della pronuncia di divorzio...» Il momento della maturazione del diritto all indennità di fine rapporto...» L estensibilità del diritto del divorziato all indennità di fine rapporto alle anticipazioni sull indennità di fine rapporto percepite dal coniuge...» Le modalità di calcolo dell indennità di fine rapporto...» L assegno a carico dell eredità...» 869 CAPITOLO XVIII GLI EFFETTI DEL DIVORZIO NEI RAPPORTI CON I FIGLI di Marzia Rossi 1. Profili generali... Pag L interesse morale e materiale della prole quale principio cardine in tema di affidamento della prole...» La disciplina divorzile in tema di affidamento della prole...» L affidamento monogenitoriale...» L affidamento congiunto, alternato o a terzi...» L esercizio della potestà sui figli, l amministrazione dei beni ed il potere di rappresentanza...» La regolamentazione del diritto di visita...» Le disposizioni in tema di affidamento della prole introdotte dalla l. 8 febbraio 2006, n. 54 applicabili in caso di scioglimento e di cessazione degli effetti civili del matrimonio...» L esercizio della potestà genitoriale sulla prole e l amministrazione dei beni...» L audizione dei minori...» L obbligo di mantenimento nei confronti della prole...» La disciplina divorzile in tema di obbligo di mantenimento nei confronti della prole minore di età...» La normativa in tema di obbligo di mantenimento nei confronti dei figli minori di età introdotta dalla l. 8 febbraio 2006, n. 54 applicabile in caso di scioglimento e di cessazione degli effetti civili del matrimonio...» La normativa divorzile in tema di obbligo di mantenimento nei confronti del figlio maggiorenne...» La normativa in tema di obbligo di mantenimento nei confronti della prole maggiorenne introdotta dalla l. 8 febbraio 2006, n. 54 applicabile in caso di scioglimento e di cessazione degli effetti civili del matrimonio...» La disciplina divorzile in tema di adeguamento automatico dell assegno agli indici di svalutazione monetaria e di strumenti di tutela nel caso di inadempimento agli obblighi di

16 XX INDICE SOMMARIO contribuzione al mantenimento, di istruzione e di educazione della prole... Pag La normativa in tema di adeguamento automatico dell assegno di mantenimento agli indici ISTAT e di strumenti di tutela nel caso di inadempimento agli obblighi di contribuzione al mantenimento, di istruzione e di educazione della prole, introdotta dalla l. 8 febbraio 2006, n. 54 applicabile in caso di scioglimento e di cessazione degli effetti civili del matrimonio...» 916 CAPITOLO XIX L'ASSEGNAZIONE DELLA CASA FAMILIARE di Katia Mascia 1. Premessa... Pag La casa familiare. Definizione...» I presupposti dell assegnazione. Il prioritario interesse della prole...» (Segue) Comproprietà tra i coniugi della casa familiare...» Natura giuridica del diritto attribuito al coniuge assegnatario della casa familiare...» Opponibilità ai terzi e trascrizione del provvedimento di assegnazione della casa familiare...» (Segue) Individuazione del provvedimento di assegnazione trascrivibile...» La revoca e l estinzione del diritto al godimento della casa familiare» Convivenza more uxorio e assegnazione della casa familiare...» 953 CAPITOLO XX LA PENSIONE DI REVERSIBILITÀ di Antonino Sgroi 1. Profili generali... Pag Condizioni di accesso...» La posizione previdenziale del lavoratore defunto...» L assenza del lavoratore assicurato...» Condizioni soggettive attinenti ai superstiti...» Il coniuge superstite...» Il coniuge superstite separato...» Il procedimento per il riconoscimento della quota di pensione di reversibilità...» La misura della pensione di reversibilità...» La pensione di reversibilità nella previdenza complementare...» La pensione di reversibilità nel diritto comunitario...» 1000

17 INDICE SOMMARIO XXI 12. L ex coniuge... Pag La convivenza more uxorio nel computo della durata del rapporto matrimoniale ai fini dell individuazione della quota di pensione spettante in ipotesi di concorrenza fra ex coniuge e coniuge superstite...» Gli interventi della Corte costituzionale...» Gli interventi della Corte di cassazione...» La titolarità dell assegno...» Ulteriori benefici economici a tutela del coniuge superstite...» La pensione privilegiata di inabilità...» La rendita ai superstiti...» 1023 CAPITOLO XXI LA FAMIGLIA DI FATTO: COSTITUZIONE, SCIOGLIMENTO, PROFILI DI TUTELA DEL SOGGETTO DEBOLE, ASPETTI DI RESPONSABILITÀ di Marco Sgroi 1. La famiglia di fatto: breve storia di una formula... Pag L ammissibilità costituzionale della famiglia di fatto...» La famiglia di fatto come formazione sociale ex art. 2 Cost..» Famiglia di fatto ed autonomia dei conviventi...» Le regole minime da applicare alle famiglie di fatto: i diversi orientamenti...» (Segue) Le regole minime da applicare alle famiglie di fatto: i diversi orientamenti. I limiti del ricorso all analogia...» Famiglia di fatto e legislazione ordinaria: a) il codice civile e, in particolare, l art. 317 bis...» Famiglia di fatto e legislazione ordinaria: b) ulteriori riferimenti normativi nel codice civile...» Famiglia di fatto e legislazione ordinaria: b) altri riferimenti» Elementi costitutivi della famiglia di fatto nell ordinamento: a) la diversità di sesso. Famiglia di fatto e relazioni omosessuali...» Elementi costitutivi della famiglia di fatto nell ordinamento: b) la mancanza dell atto di matrimonio...» Elementi costitutivi della famiglia di fatto nell ordinamento: c) la coabitazione qualificata...» Elementi costitutivi della famiglia di fatto nell ordinamento: d) la stabilità della relazione e il riconoscimento sociale. Problemi di prova. In particolare, la durata della convivenza e la presenza di figli...» Filiazione e famiglia di fatto...» La crisi della famiglia di fatto. L impatto della legge 54/2006 in materia di affidamento condiviso...» I rapporti personali tra conviventi more uxorio...» 1076

18 XXII INDICE SOMMARIO 10. I rapporti patrimoniali fra conviventi more uxorio... Pag Il requisito della proporzionalità tra le prestazioni fornite e i doveri morali o sociali...» Le prestazioni lavorative fra conviventi more uxorio...» Limiti dell autonomia dei conviventi more uxorio: i patti di convivenza...» La fase di crisi della famiglia di fatto: i rapporti dopo la rottura della convivenza...» La fase di crisi della famiglia di fatto: i rapporti fra conviventi con riferimento alla casa di abitazione...» La morte di uno dei conviventi more uxorio. Conseguenze...» La morte di uno dei conviventi more uxorio dovuta al fatto illecito di un terzo. Legittimazione del convivente superstite al risarcimento del danno, anche non patrimoniale...» La famiglia di fatto ed i terzi: successione nel contratto di locazione» Rilevanza della costituzione della famiglia di fatto da parte di coniuge separato legalmente o divorziato ai fini della quantificazione dell assegno di separazione e divorzio...» Incidenza del periodo di convivenza more uxorio nella ripartizione della pensione di reversibilità tra coniuge divorziato e coniuge superstite...» 1112 CAPITOLO XXII INVALIDITÀ DEL MATRIMONIO, SEPARAZIONE E DIVORZIO, PROFILI DI RESPONSABILITÀ CIVILE di Giuseppe Cassano e Corrado Marvasi 1. Introduzione... Pag Le innovazioni introdotte da Cass. civ. n del 2011, sul prosieguo di Trib. Venezia » I doveri coniugali. Natura giuridica, loro incidenza ai fini del mantenimento della comunione materiale e spirituale, profili di responsabilità...» Il dovere di fedeltà...» Il dovere di assistenza morale e materiale...» Il dovere di collaborazione...» Il dovere di coabitazione...» Il dovere di contribuzione ai bisogni della famiglia...» Violazione dei doveri coniugali e profili risarcitori. La violazione del dovere di fedeltà...» La violazione del dovere di assistenza morale e materiale...» La violazione del dovere di collaborazione...» La violazione del dovere di coabitazione e allontanamento dalla residenza familiare...» 1154

19 INDICE SOMMARIO XXIII 3.4. La violazione del dovere di contribuzione... Pag La violazione dei doveri coniugali ed il risarcimento del danno...» Le ultime dal fronte giurisprudenziale...» Il disconoscimento di paternità e inseminazione artificiale eterologa...» Procreazione medicalmente assistita e status detentivo del coniuge...» L aborto...» Matrimonio nullo e responsabilità del coniuge in mala fede...» Inconsumazione del matrimonio e lesione del diritto alla sessualità del coniuge...» La responsabilità del genitore non affidatario per mancato esercizio del diritto dovere di visita (la giurisprudenza ante novella, l. 54/2006)...» La responsabilità del genitore affidatario che ostacola i rapporti con l altro genitore (la giurisprudenza ante novella, l. 54/2006)...» La scelta preferenziale dell affido condiviso tra puerocentrismo e bigenitorialità...» Inadempienze e violazioni nell affido condiviso (l. 54/2006)...» Tipologia dei danni risarcibili...» Il danno non patrimoniale...» Il risarcimento del danno non patrimoniale...» L accertamento e la valutazione del danno non patrimoniale» Il danno biologico...» Il danno esistenziale...» Dalla produzione gemellare del 2008 a Cass. civ., s.u., n del » Non tutto è chiarito: le resistenze della giurisprudenza di merito ed il costante impiego del termine...» 1239 CAPITOLO XXIII I RAPPORTI TRA L INVALIDITÀ DEL MATRIMONIO, LA SEPARAZIONE ED IL DIVORZIO CON LA NORMATIVA COMUNITARIA E SOVRANAZIONALE di Gianluca Cascella 1. Premessa... Pag La legge applicabile: aspetti generali...» In particolare: individuazione della legge applicabile in materia di invalidità, separazione e scioglimento del matrimonio...» La normativa comunitaria vigente in materia di separazione e scioglimento del matrimonio...» I criteri sostanziali e processuali di risoluzione dei conflitti dettati dalle norme interne di diritto internazionale privato...» Divorzi stranieri e loro riconoscimento...» 1270

20 XXIV INDICE SOMMARIO 7. Ulteriore normativa sovranazionale... Pag Evoluzione della normativa comunitaria...» Dallo jure condendo allo jure condito...» Spunti di comparazione...» Le aspettative del ricorso al diritto comparato...» 1315 FORMULARIO F01 Richiesta di mantenimento in ricorso di separazione personale dei coniugi (senza addebito)... Pag F02 Richiesta di mantenimento in ricorso di separazione personale dei coniugi (con addebito)...» 1328 F03 Ricorso per la modifica delle condizioni della separazione e per la condanna del coniuge a risarcimento del danno (Artt. 709 ter, 710 c.p.c.)...» 1331 F04 Ricorso congiunto per la modifica dei provvedimenti economici di separazione o di divorzio (art. 710 c.p.c. e art. 9, L. 898/70)...» 1333 F05 Ricorso per il pagamento dell assegno di separazione (art. 156, comma 6, c.c.)...» 1335 F06 Precetto per il pagamento dell assegno di mantenimento (art. 480 c.p.c.)...» 1337 F07 Ricorso per l attribuzione della pensione di reversibilità dell ex coniuge deceduto senza essere passato a nuove nozze (art. 9, commi 3-5, L. 898/1970 )...» 1339 F08 Ricorso per l attribuzione della pensione di reversibilità dell ex coniuge deceduto dopo essere passato a nuove nozze...» 1341 F09 Ricorso per la determinazione di un assegno periodico a carico dell eredità (art. 9 bis, L. 898/1970)...» 1343 F10 Ricorso per la determinazione della quota dell indennità di fine rapporto (art. 12 bis, L. 898/1970)...» 1345 F11 Ricorso per il rimborso delle spese di mantenimento (ex art. 702 bis, co. 3, c.p.c.)...» 1347 F12 Ricorso per il sequestro conservativo a garanzia della corresponsione dell assegno divorzile e/o di mantenimento...» 1349 F13 Ricorso per sequestro dei beni del coniuge obbligato (art. 156 c.c.; art. 671 c.p.c.)...» 1351 F14 Formula per far dichiarare nullo il matrimonio contratto a norma dell art. 65 c.c. con relative conseguenze economiche...» 1353 F15 Citazione per impugnare un matrimonio nullo ai sensi dell art 117 c.c....» 1355 F16 Citazione per impugnare un matrimonio nullo per simulazione (art. 123 c.c.)...» 1357

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino La Convivenza Regole e tutele della vita insieme Consiglio Nazionale del Notariato Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Il c.d. divorzio breve. d.l. 12.09.2014 n. 132

Il c.d. divorzio breve. d.l. 12.09.2014 n. 132 Il c.d. divorzio breve d.l. 12.09.2014 n. 132 Introduzione Con il decreto-legge n. 132 del 12 settembre 2014 recante "Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE STORICA E DIFFUSIONE DELL ISTITUTO

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE STORICA E DIFFUSIONE DELL ISTITUTO INDICE-SOMMARIO Premessa... XI Tomo I Storia, natura, ratio e oggetto. Comunione de residuo e beni patrimoniali PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE

Dettagli

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI di Andrea De Crecchio 1. Profili generali A) Nozione Nel nostro diritto ereditario sono presenti due principi in apparente contrasto: da un lato la libertà di disporre

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

FORMULE PER GLI ATTI DELLO STATO CIVILE Allegato "A" al decreto ministeriale 5 aprile 2002

FORMULE PER GLI ATTI DELLO STATO CIVILE Allegato A al decreto ministeriale 5 aprile 2002 Decreto Ministeriale 5 aprile 2002 Approvazione delle formule per la redazione degli atti dello stato civile nel periodo antecedente l'informatizzazione degli archivi dello stato civile Articolo 1 Sono

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli