Le funzioni del leader

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le funzioni del leader"

Transcript

1 LEADER E LEADERSHIP Il problema più evidente del funzionamento di ogni gruppo è strettamente connesso alla problematica del comando ed allo stile di leadership esistente in un gruppo. Per Leader dobbiamo intendere : colui che, nel corso della sua appartenenza alla vita di un gruppo, influenza - in un qualche momento e per un qualche aspetto gli altri membri e, più in generale, le attività che il gruppo svolge o si accinge a svolgere. Le funzioni del leader IL LEADER COME DIRIGENTE ESECUTIVO Il più ovvio ruolo di un leader, in qualsiasi gruppo, é quello di coordinatore delle attività di gruppo. Anche se non sempre egli assume il ruolo diretto di determinare direttive e obiettivi dei gruppo, la responsabilità di sovrintendere alla esecuzione di tali direttive é sua. Talvolta il leader non svolge personalmente il lavoro necessario, bensì lo demanda ad altri membri del gruppo. Quando però, egli non riesce a delegare ad altri responsabilità ed autorità si verificano degli inconvenienti all'interno del gruppo: o il leader diventa un «ingorgo», oppure impedisce il diretto coinvolgimento degli altri membri nelle attività che richiedono responsabilità. IL LEADER COME PROGRAMMATORE Il leader assume spesso il ruolo di programmatore decidendo i modi e i mezzi con i quali il gruppo conseguirà i suoi fini. Ciò comporta, da parte del leader, la determinazione di misure a breve o a lunga scadenza di cui egli solo conosce l'intero schema che spesso non é chiaro agli altri elementi del gruppo. IL LEADER COME ESPERTO Il leader é spesso fonte di informazioni e di capacità tecniche immediatamente utilizzabili. Nel caso di un alto grado di specializzazione i leader dei gruppi formali si avvolgono dell'opera di assistenti tecnici. Nei gruppi spontanei e informali non a caso il Leader é colui che dimostra di possiede conoscenze tecniche, spesso si realizza una polarizzazione di potere che egli sfrutta per consolidare il suo ruolo di leader. IL LEADER COME RAPPRESENTANTE ESTERNO DEL GRUPPO Poiché é impossibile, per i membri di un gruppo cospicuo, tenere i rapporti con il mondo circostante, il leader assume il ruolo di rappresentante dei gruppo nei rapporti esterni e di portavoce ufficiale del gruppo. In tal modo sia le comunicazioni verso l'esterno che quelle provenienti dall'esterno sono tutte incanalate verso il leader.

2 IL LEADER COME ARBITRO E MEDIATORE Collegata alla funzione propria del leader, é quella di mediatore di conflitti interni del gruppo. Oltre ad agire conte giudice egli può ridurre o incoraggiare le divisioni interne a seconda degli scopi personali che persegue. IL LEADER COME CAPRO ESPIATORIO Così come il leader può costituire un oggetto ideale egli può anche servire da bersaglio per l'aggressione del gruppo frustrato e deluso. E' questo il rovescio della medaglia: nella misura in cui il leader assume una sua responsabilità, egli deve attendersi, in caso di fallimento, di essere biasimato. Stili di leadership Illustriamo, di seguito, le caratteristiche del leader e della leadership indicando tre modalità principali di esercitare il comando all'interno di un gruppo. Questi tre stili di comando sono definiti: * democratico * autoritario * permissivo e sono così schematizzati Comportamento del leader e stili di leadership nei gruppi Autoritario Democratico Permissivo - prende tutte le decisioni e stabilisce il da farsi; - determina i procedimenti, i tempi e le tecniche dell'attività di volta in volta; in tal modo l'orientamento futuro resta imprecisato e incerto per i membri del gruppo; - incoraggia ed assiste il gruppo nelle discussioni e decisioni collettive; - suggerisce, se necessario, eventuali consigli tecnici proponendo due o tre alternative; nel corso della discussione vengono stabilite le prospettive generali - lascia ampia libertà di decisione partecipando in grado minimo; - fornisce i materiali necessari all' attività del gruppo e si dichiara disponibile per eventuali informazioni, ma non partecipa in altro modo alla discussione.

3 - stabilisce il compito particolare e l'eventuale compagno di ciascun membro del gruppo; - critica e loda il lavoro dei membri del gruppo in base a criteri soggettivi e si astiene dalla partecipazione attiva tranne che in fase di dimostrazione. dell'attività futura e le tappe necessarie per raggiungere gli obiettivi del gruppo; - lascia lavorare liberamente i membri dei gruppo sia nella divisione dei compiti che nella scelta dei compagni di lavoro; - è imparziale sia nel lodare che nel criticare e cerca di adottare un comportamento da membro normale, senza svolgere una parte di lavoro troppo grande. -non partecipa. - non regola e non valuta il corso degli eventi; commenta spontaneamente e solo su richiesta l'attività dei membri del gruppo. Come si può notare il leader democratico tende a suscitare il massimo di cooperazione e di partecipazione nei membri alla determinazione degli obiettivi alle attività del gruppo. Cerca ed offre la massima collaborazione, accetta critiche e suggerimenti dagli altri, discute sul da farsi, favorisce il dialogo con tutti e fra tutti i membri del gruppo. Distribuisce, piuttosto che accentrarle, le responsabilità; incoraggia e consolida i rapporti ed i contatti interpersonali tra tutti i membri; riduce i conflitti e le tensioni interne; evita privilegi e differenze di grado. Il leader autoritario esercita invece il potere in maniera dispotica, non ammette consigli, non dà confidenza, rifiuta ogni rapporto, dà pochi suggerimenti e informa freddamente. Determina da solo la linea di condotta del gruppo e lui solo conosce esattamente le tappe del lavoro da fare. Impone i compiti e distribuisce i premi ed i castighi. Tende a difendere i suoi diritti e privilegi, opponendosi ad ogni cambiamento. Favorisce le divisioni tra i membri del gruppo per meglio dominarli, rendendosi così indispensabile al gruppo e mettendolo così in pericolo di disfarsi non appena egli si ritiri o sparisca.

4 Il leader permissivo dimostra, invece, disinteresse ed indifferenza, non stimola, non aiuta, non controlla, non collabora, lascia a tutti la massima libertà d'azione e di comportamento. Colui che dirige fornisce le indicazioni necessarie all'attività di gruppo ma non prende parte, in alcun modo alla discussione sul lavoro da svolgere; si tiene in disparte. Non tenta neppure di valutare o regolare il corso degli eventi, facendo solo rari commenti spontanei sull'attività dei membri, ovvero rispondendo a specifiche richieste. Si tratta, in pratica, di un ruolo caratterizzato da un rispetto passivo per l'autonomia dei membri e prevalentemente limitato a dare, su richiesta, informazioni tecniche. Effetti degli stili di leadership Stile autoritario Lo stile autoritario tende, in genere, a sviluppare e favorire la produttività tout court, a danno della realizzazione e della soddisfazione dei membri del gruppo. Stile democratico Lo stile democratico è teso, invece, a sviluppare e favorire la soddisfazione dei membri a discapito della produttività a tutti i costi. I cinque stili fondamentali di interazione del leader con i membri del gruppo: Stile centrato sulla produzione: il leader che possiede questo stile di conduzione mostra una costante attenzione ed un interesse esclusivo (a volte addirittura ossessivo) verso la produttività del suo gruppo di lavoro. Gli aspetti riguardanti il clima emotivo dei membri non hanno alcuna importanza mentre vi è una ferrea organizzazione del lavoro. Le persone sono viste esclusivamente come gregari e come strumenti per raggiungere gli obiettivi definiti in precedenza. Le relazioni fra leader e subordinati sono basate sull'esercizio dell'autorità e dell'obbedienza. Il motto di questo leader è: "il risultato prima di tutto". Stile amicale: lo stile del leader ricorda l atmosfera di un circolo ricreativo: la sua azione è tesa ad instaurare ed a mantenere rapporti amichevoli ed emotivamente significativi con i membri del gruppo. Gli atteggiamenti ed i sentimenti delle persone sono importanti e vengono prima di tutto. Vi è grande attenzione, quindi, ai bisogni delle persone anche se ciò può comportare il mancato raggiungimento degli obiettivi fissati dall'organizzazione. Il motto è: "cerco di capire cosa gli altri desiderano e poi programmo il lavoro inconseguenza". Stile dello "struzzo": corrisponde allo stile del leader permissivo. Il leader non esprime un chiaro interessamento nè verso le esigenze del personale, nè verso la produzione ed esercita uno sforzo minimo per far eseguire il lavoro richiesto tendendo a scaricare il più

5 possibile le proprie responsabilità. «L'obiettivo è la sopravvivenza all'interno del sistema, per arrivare allo stipendio e alla pensione». Il motto è: "non mettere la mano in un nido di vespe"; darsi da fare, cioè, il meno possibile: quanto basta per alleggerire la pressione esercitata su di lui. Stile orientato all'organizzazione: è il leader che mostra un orientamento sia verso il fattore umano, il personale, che verso la produzione in quanto tale. Talvolta, però, questo stile si esprime mediante comportamenti ambivalenti che possono ingenerare confusione nei ruoli e nelle aspettative : in bilico tra la necessità di produrre e curare rapporti soddisfacenti, il leader oscilla tra la pressione sul gruppo affinchè si attenga alle direttive per un'alta produttività ed il porsi come persona interessata soprattutto a mantenere un buon clima interpersonale all'interno del gruppo. Il concetto dominante di questo leader non è di cercare il miglior risultato per la produttività o per il personale (che sarebbe troppo "ideale"), bensì di trovare una posizione che stia tra le due componenti, in una via di mezzo". Il motto è: "usare il metodo del bastone e della carota". Stile centrato sul gruppo di lavoro: è sicuramente lo stile di leadership ideale poichè rappresenta il corretto equilibrio tra le esigenze e le aspettative dei personale e quelle provenienti dall'organizzazione. L'azione di questo leader presuppone che non vi sia necessariamente conflitto tra lo scopo dell organizzazione produttiva ed i bisogni delle persone. Il gruppo gestito con questo stile appare simile al gruppo con un clima veramente democratico in quanto acquisisce una solida coesione ed un alto spirito di corpo che preservano dalle spinte conflittuali sia interpersonali che di ruolo. Il motto è: "interessare e far partecipare le persone all'organizzazione". Come si può intuire tra i diversi stili quello ritenuto meno valido è il terzo, nel quale in effetti il leader rinuncia ad utilizzare il suo potere, mentre quello più efficace è l ultimo dove viene esercitata un'attenzione elevata e costante sia ai risultati del lavoro, sia alla soddisfazione dei propri collaboratori. Gli altri tre stili si trovano ad occupare posizioni intermedie, ad eccezione di quello orientato all'organizzazione che costituisce una soluzione accettabile, per quanto riguarda l'utilizzazione del potere organizzativo.

Lezione 10. Leadership e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team. I processi decisionali (I)

Lezione 10. Leadership e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team. I processi decisionali (I) Lezione 10 Leadership e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team I processi decisionali (I) 1 IL LEADER Colui che, nel corso della sua appartenenza alla vita di un gruppo, influenza

Dettagli

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team Lezione 7 Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team 1 COS E UN GRUPPO Si definisce gruppo: un insieme di individui con caratteristiche o interessi comuni, legati

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Autorità Scienze della comunicazione Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara

Autorità Scienze della comunicazione Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Scienze della comunicazione Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Autorità Definizione Fra due attori si instaura una relazione di autorità quando una delle parti esercita il diritto

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Aspetti psicologici della leadership autorevole ed amorevole

Aspetti psicologici della leadership autorevole ed amorevole Il servizio dell autorità nella vita consacrata Corso di formazione per superiori e superiore di comunità 1 Aspetti psicologici della leadership autorevole ed amorevole A cura del prof. Giuseppe Crea il

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Dirigenza scolastica e leadership

Dirigenza scolastica e leadership Dirigenza scolastica e leadership Modelli e stili Da direttivo a dirigente Nell ultimo decennio sono intervenute molte innovazioni: Autonomia funzionale riconosciuta alle scuole Modifiche sostanziali nella

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni Kurt Zadek Lewin 1890-1947 Psicologo tedesco nel 1930 Avvia la Ricerca di laboratorio sui gruppi, In contesti,sociali,educativi

Dettagli

Dott.ssa Grazia LIPPOLIS

Dott.ssa Grazia LIPPOLIS RICONOSCERE E FRONTEGGIARE LE CRITICITA DEL LAVORO LAVORARE IN GRUPPO LE DINAMICHE ALL INTERNO DI UN GRUPPO DI LAVORO LA GESTIONE DEI CONFLITTI E DELLO STRESS Dott.ssa Grazia LIPPOLIS PREMESSA OBIETTIVO

Dettagli

LA GESTIONE DI UN GRUPPO DI LAVORO: LEADERSHIP, COMUNICAZIONE e GESTIONE DEI CONFLITTI

LA GESTIONE DI UN GRUPPO DI LAVORO: LEADERSHIP, COMUNICAZIONE e GESTIONE DEI CONFLITTI LA GESTIONE DI UN GRUPPO DI LAVORO: LEADERSHIP, COMUNICAZIONE e GESTIONE DEI CONFLITTI Condividere un quadro di riferimento concettuale e metodologico sul ruolo del leader nello sviluppo di un gruppo di

Dettagli

Un percorso di Desease Management nella prevenzione cardiovascolare. Il lavoro in equipe

Un percorso di Desease Management nella prevenzione cardiovascolare. Il lavoro in equipe Il Progetto PREVASC Un percorso di Desease Management nella prevenzione cardiovascolare Il lavoro in equipe Roma 8 Novembre 2008 Amalia Iannone, ASP- LAZIOSANITA iannone@asplazio.it Il lavoro in equipe

Dettagli

La capacità di lavorare in gruppo

La capacità di lavorare in gruppo LAVORARE IN GRUPPO La capacità di lavorare in gruppo E definito Team building la modalità di costruzione di un gruppo di lavoro coeso. Si tratta di processo di aggregazione che mira ad utilizzare al massimo

Dettagli

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione.

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione. QUESTIONARIO SULL EFFICACIA E FLESSIBILITA DELLA LEADERSHIP Di Paul Hersey e Kenneth Blanchard ISTRUZIONI Si presume che Lei sia coinvolto in ognuna delle seguenti 12 situazioni. Legga attentamente ogni

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE Prof. Marta Ghini LEADERSHIP RIPASSO... Qual è il mio stile di leadership utilizzato solitamente? (come genitore, come insegnante, come catechista... È sempre

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIRIGENTE E DEL SEGRETARIO GENERALE DEL COMUNE DI SEGRATE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIRIGENTE E DEL SEGRETARIO GENERALE DEL COMUNE DI SEGRATE Pagina 1 di 25 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEL PERSONALE DIRIGENTE E DEL SEGRETARIO GENERALE DEL COMUNE DI SEGRATE Iso 9001:2008 Allegato alla deliberazione

Dettagli

LA LEADERSHIP di Massimo FRANCO Università degli Studi del Molise

LA LEADERSHIP di Massimo FRANCO Università degli Studi del Molise LA LEADERSHIP di Massimo FRANCO Università degli Studi del Molise Aprile 2007 1 La leadership nelle organizzazioni Il termine leadership è ampiamente utilizzato nel linguaggio corrente tanto da assumere

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

Fasi di evoluzione di un gruppo

Fasi di evoluzione di un gruppo Obiettivi della lezione: Conoscere quali sono le fasi di evoluzione di un gruppo e le dinamiche connesse all inserimento di nuovi membri in un gruppo Comprendere come l efficacia di un gruppo dipenda dalla

Dettagli

Chi scrive (e Quanto scrive) sui blog?

Chi scrive (e Quanto scrive) sui blog? Raccontarsi, condividere e apprendere in rete: dai Blog al Podcasting Nuovi modelli comunicativi per la scuola Chi scrive (e Quanto scrive) sui blog? Linda Giannini e Carlo Nati 1 Chi scrive Linda Giannini

Dettagli

Le dimensioni della comunicazione nei gruppi di lavoro e il significato del Team. Mariano Agrusta

Le dimensioni della comunicazione nei gruppi di lavoro e il significato del Team. Mariano Agrusta Le dimensioni della comunicazione nei gruppi di lavoro e il significato del Team Mariano Agrusta IL SINGOLO 26/04/2011 3 IL TEAM 26/04/2011 7 Il gruppo Si parla di gruppo quando le persone: Condividono

Dettagli

~/t~~y~ Il sistema di valutazione dei dirigenti delle professionalità sanitarie. Ipotesi - bozza di lavoro da illustrare alle 00.55.

~/t~~y~ Il sistema di valutazione dei dirigenti delle professionalità sanitarie. Ipotesi - bozza di lavoro da illustrare alle 00.55. ~/t~~y~ Dipartimento dell'innovazione Direzione generale del Personale, Ufficio Il Organizzazione, e Bilancio Il sistema di valutazione dei dirigenti delle professionalità sanitarie Ipotesi - bozza di

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-9 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Argomenti Conduzione del personale e fattore lavoro Stili di leadership e organizzazione Motivazioni Incentivi Leadership

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Argomenti Conduzione del personale e fattore lavoro Stili di leadership e organizzazione Motivazioni Incentivi Leadership 3 1 POTENZIALITA DEL

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi Lezione 9 Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento I gruppi 1 LE TIPOLOGIE DI BARRIERE ORGANIZZATIVE AL CAMBIAMENTO: UNA POSSIBILE CLASSIFICAZIONE mancata percezione dei benefici

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

Cos è la Leadership? 2. 1. SFERA Coaching Torino

Cos è la Leadership? 2. 1. SFERA Coaching Torino Cos è la Leadership? 2. 1 Questionario ASL 2. 2 Somministrazione ASL 36 coppie di affermazioni. Il compito del soggetto è quello di valutare, per ciascun item, quale delle due possibilità si avvicina maggiormente

Dettagli

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE Progetto 1: Gestire il tempo Durata complessiva: 28 di cui 16 di aula (4 incontri da 4 ore), 6 di e-learning e 6 di project work Numero partecipanti previsto: 14 Quota iscrizione 30 Modulo 1 La gestione

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE 339 LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE STEFANO CALAMANDREI Psichiatra A.S.L. 10 Firenze MOM SMA Q5 1. Il formarsi del senso di realtà. Adolescenti e compiti evolutivi

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE 1 Un organizzazione è l insieme di attività che hanno bisogno di essere gestite in modo coordinato per essere finalizzate e dirette in funzione del perseguimento dei

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it IL RUOLO DEL MEDIATORE-CONCILIATORE NELLE DIVERSE FASI DEL PROCEDIMENTO di Marco Pennisi In linea generale, la possibilità di una definizione concordata di una controversia dipende certamente nella effettiva

Dettagli

Informativa per i clienti - Febbraio 2015

Informativa per i clienti - Febbraio 2015 STUDIO LEGALE SINTHEMA AVV. MARINO CAVESTRO Informativa per i clienti - Febbraio 2015 Vicenza, 10 febbraio 2015 Egregi Clienti, lo Studio Legale Sinthema nell ambito dei servizi che fornisce ai clienti

Dettagli

IL LEADER (competenze, motivazioni, legittimità e caratteristiche personali)

IL LEADER (competenze, motivazioni, legittimità e caratteristiche personali) ANCHE SE LA LEADERSHIP VIENE SPESSO IDENTIFICATA NELLA FIGURA DI UN LEADER DEVE ESSERE VISTA COME UN PROCESSO PIUTTOSTO CHE COME UNA PERSONA, È UN FENOMENO COMPLESSO DI INTERAZIONE CHE COINVOLGE : IL LEADER

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Studiare non è tra le attività preferite dai figli; per questo i genitori devono saper ricorrere a strategie di motivazione allo studio, senza arrivare all

Dettagli

CODICE DEL CONSUMO LA TUTELA DEL TURISTA-CONSUMATORE

CODICE DEL CONSUMO LA TUTELA DEL TURISTA-CONSUMATORE CODICE DEL CONSUMO LA TUTELA DEL TURISTA-CONSUMATORE Le responsabilità dell agenzia viaggio (intermediatrice o organizzatrice) sono state aggravate dalla emanazione del codice del consumo (Dlgs. N. 206/05)

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

LEADERSHIP Teorie della leadership

LEADERSHIP Teorie della leadership 1 LEADERSHIP Teorie della leadership L immagine del leader nella nostra società è stata sinteticamente delineata dai fratelli Johnson (2005), attraverso tre diverse fasi: Da essere leader, a fare il leader,

Dettagli

Norme di condotta e principi generali

Norme di condotta e principi generali Allegato II Codice europeo di condotta per mediatori Questo codice etico di condotta stabilisce diritti e doveri morali nonché principi a cui i singoli mediatori dovranno impegnarsi al fine di svolgere

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

Pratica della mediazione nel Canton Ticino

Pratica della mediazione nel Canton Ticino La mediazione è un modo per risolvere i conflitti e le controversie al di fuori dell'apparato giudiziario, come la negoziazione, l'arbitrato e la conciliazione, di cui è una forma. I litiganti si rivolgono

Dettagli

L'insegnante agisce come professionista della formazione, si impegna a valorizzare la professione docente e a tutelarne la dignità.

L'insegnante agisce come professionista della formazione, si impegna a valorizzare la professione docente e a tutelarne la dignità. Dal sito dell ADI PREFAZIONE Il carattere relativo ed evolutivo del codice L'etica della docenza, come quella di tutte le altre professioni, ma non solo (esistono anche un'etica politica, un'etica imprenditoriale

Dettagli

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta

La comunicazione interpersonale. Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta La comunicazione interpersonale Dr. Savio Stocco, psicologo e psicoterapeuta Comunicazione interpersonale Quella che avviene tra due persone o all interno di un gruppo definito. E immediata e prevede la

Dettagli

Information Summary: Leadership Situazionale

Information Summary: Leadership Situazionale Information Summary: Leadership Situazionale - Copia ad esclusivo uso personale dell acquirente - Olympos Group srl Vietata ogni riproduzione, distribuzione e/o diffusione sia totale che parziale in qualsiasi

Dettagli

FISSARE GLI OBIETTIVI

FISSARE GLI OBIETTIVI FISSARE GLI OBIETTIVI Destinatari MANAGEMENT AZIENDALE TEAM LEADER 1 Indice 1. L Azienda è un campo da football? 2. Andare verso o Andare via da? 3. Quando fissare l obiettivo? 2 Un aspetto significativo

Dettagli

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano.

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano. 1 Definizioni 1.1 Premessa Il COeSO è un'azienda speciale di tipo consortile: un consorzio di comuni cioè, quelli della zona socio sanitaria Grossetana, 1 nato per gestire in modo associato i servizi socio

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

Il dirigente scolastico e la leadership educativa (Ivana Summa)

Il dirigente scolastico e la leadership educativa (Ivana Summa) 1 Il dirigente scolastico e la leadership educativa (Ivana Summa) Sommario Premessa.... 1 Non c è leader senza leadership?... 2 Il leader e l organizzazione.... 3 Leadership e management: un binomio essenziale....

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE Per un cambiamento culturale affidabile nella gestione della sicurezza di Alessandro Cafiero 1 La sicurezza fra contesto

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Gestione del conflitto. Appunti di Isabella Buzzi

Gestione del conflitto. Appunti di Isabella Buzzi Gestione del conflitto Appunti di Isabella Buzzi Obiettivi di apprendimento Perché l assenza di conflitto segnala problemi in un gruppo di lavoro? Quali sono le fonti sane e quelle insane? Quando il conflitto

Dettagli

nessun Paese del Mediterraneo ha finora preso provvedimenti in materia di istituzione di zone economiche esclusive all'interno di questo bacino;

nessun Paese del Mediterraneo ha finora preso provvedimenti in materia di istituzione di zone economiche esclusive all'interno di questo bacino; La III e XIII Commissione, la pesca rappresenta nel bacino del Mar Adriatico e per le comunità italiane che vi si affacciano un'importante economia diretta oltre che un consistente indotto formato dal

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte valutazioni e proposte FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore 1. ANALISI CRITICA DELLE NORME Tra le principali innovazioni portate dal decreto

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Percorso Benessere Organizzativo

Percorso Benessere Organizzativo Proposta di progetto Percorso Benessere Organizzativo Revisione 00 del 15/04/2014 Redatto dal Gruppo di Lavoro Approvato dal Comitato di Direzione Pagina 1 di 11 Sommario 1 Premessa...3 2 Obiettivi...4

Dettagli

DINAMICHE DI GRUPPO: LA LEADERSHIP E LA FIGURA DELL ALLENATORE. di Gabriella Ciampi

DINAMICHE DI GRUPPO: LA LEADERSHIP E LA FIGURA DELL ALLENATORE. di Gabriella Ciampi DINAMICHE DI GRUPPO: LA LEADERSHIP E LA FIGURA DELL ALLENATORE di Gabriella Ciampi Premessa Una squadra sportiva si può considerare un gruppo secondo la definizione di K. LEWIN (1935) ossia come un sistema

Dettagli

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 La famiglia etica EDUCAZIONE AUTORITARIA 1. Comando 2. Responsabilità del padre 3. Severità 4. Esemplarità 5. Paura e senso di colpa del bambino La famiglia

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

I GIOCHI PSICOLOGICI: ESERCITAZIONI ESPERIENZIALI

I GIOCHI PSICOLOGICI: ESERCITAZIONI ESPERIENZIALI I GIOCHI PSICOLOGICI: ESERCITAZIONI ESPERIENZIALI Cosa sono i giochi psicologici? MODALITA DIDATTICA che utilizza l ESPERIENZA DIRETTA dei partecipanti come PARTE FONDAMENTALE DELL APPRENDIMENTO. Condizioni

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

NASCITA DEL TEAMBUILDING

NASCITA DEL TEAMBUILDING L'attività di un modernogruppo di lavorosi sviluppa dalle teorie dello psicologo russo Lev SemënovičVygotskij, secondo il quale la mente dell'uomo non funziona solo sulla base della propria fisiologia,

Dettagli

Report Leadership Matching

Report Leadership Matching Leader: Mario Rossi Collaboratore: Francesca Colombo Questo Report è un prodotto di PDA International. PDA International è leader nell approvvigionamento di valutazioni comportamentali utilizzate per reclutare,motivare

Dettagli

CODICE DI DEONTOLOGIA DEGLI AVVOCATI EUROPEI

CODICE DI DEONTOLOGIA DEGLI AVVOCATI EUROPEI CODICE DI DEONTOLOGIA DEGLI AVVOCATI EUROPEI Approvato a Strasburgo il 28 ottobre 1988 dal C.C.B.E., Consiglio degli ordini forensi europei, con le revisioni introdotte nell Assemblea plenaria tenuta a

Dettagli

Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia

Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia Risultati del Controllo delle Competenze in quattro stati europei secondo il Modello Interno Con lealtà verso il successo Progetto Competenze

Dettagli