REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Potenza - Sezione Civile, in composizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Potenza - Sezione Civile, in composizione"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Potenza - Sezione Civile, in composizione collegiale, riunito in camera di consiglio nelle persone di: 1) Dott. Giuseppe Lo Sardo - Presidente relatore - 2) Dott.ssa Lucia Gesummaria - Giudice - 3) Dott.ssa Rossella Magarelli - Giudice - ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 843/2008 R.G., avente ad oggetto "separazione giudiziale" e vertente Tra S.F., nato (...), residente in Potenza alla Via (...); rappresentato e difeso dall'avv. P.P., con studio in Potenza, ove elettivamente domiciliato, giusta procura in margine al ricorso introduttivo del presente procedimento; Ricorrente E F.M., nata (...), residente in Potenza alla Via (...); rappresentata e difesa dall'avv. G.G., con studio in Potenza, ove elettivamente domiciliata, giusta procura in margine alla comparsa depositata il 30 settembre 2008, in sostituzione dell'avv. R.L., con studio in Potenza, ove già elettivamente domiciliata, giusta procura in margine alla comparsa di costituzione nel presente procedimento; Resistente Con l'intervento del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Potenza; Interventore necessario SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con ricorso depositato il 12 marzo 2008, S.F. adiva il Tribunale di Potenza. Il ricorrente esponeva che egli aveva contratto matrimonio concordatario (recte: civile) con F.M. a Potenza il 14 ottobre 2000, nel corso del quale non erano stati

2 concepiti figli; che il rapporto matrimoniale era stato compromesso dall'incompatibilità caratteriale dei coniugi, la quale aveva dato luogo a frequenti discussioni e litigi; che la moglie gli aveva sempre impedito di frequentare parenti ed amici; che, pertanto, la comunione materiale e spirituale di vita era ormai venuta meno, rendendo intollerabile la prosecuzione della convivenza. Su tali premesse, egli chiedeva che il Tribunale di Potenza pronunziasse la separazione giudiziale dei coniugi con addebito alla moglie. Instauratosi il contraddittorio con la fissazione dell'udienza di comparizione delle parti dinanzi al Presidente del Tribunale, con comparsa depositata il 20 maggio 2008, F.M. si costituiva in giudizio. La resistente deduceva che essi avevano contratto matrimonio civile e non concordatario; che ella non aveva mai impedito al marito di frequentare i parenti e gli amici; che nessuna violazione ai doveri matrimoniali le era imputabile ai fini dell'addebito della separazione giudiziale; che il marito non aveva mai contribuito al ménage familiare; che il marito aveva violato l'obbligo di fedeltà, intrattenendo una relazione sentimentale con un'altra donna; che tale frequentazione era stata resa pubblica; che ella era stata costretta dal marito ad abbandonare la casa familiare; che il marito lavorava alle dipendenze dell'a.c.t.a. di Potenza ed era proprietario di immobili; che ella era disoccupata. Pertanto, ella chiedeva che il Tribunale di Potenza pronunziasse la separazione giudiziale dei coniugi con addebito al marito; rigettasse la domanda di addebito a suo carico; ponesse a carico del marito un congruo contributo per il suo mantenimento. Esperito con esito negativo il tentativo di conciliazione all'udienza del 20 maggio 2008, con ordinanza resa in pari data, il Presidente del Tribunale autorizzava i coniugi alla vita separata; poneva a carico del marito un contributo di Euro 400,00 (quattrocento virgola zero zero) per il mantenimento della moglie, da versare entro il giorno 27 di ogni mese con decorrenza dal mese di maggio dell'anno 2008; disponeva la prosecuzione del giudizio dinanzi al giudice istruttore. In sede di trattazione, con memoria depositata il 10 giugno 2008, il ricorrente adduceva ulteriori fatti a sostegno della domanda accessoria di addebito della separazione giudiziale. Nel corso dell'istruzione si procedeva all'acquisizione dei documenti offerti in comunicazione dalle parti, all'assunzione dell'interrogatorio formale deferito dalla resistente al ricorrente ed all'audizione dei testimoni indicati dalle parti. Nei termini assegnati dal giudice istruttore, le parti depositavano le comparse conclusionali. MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente, sul piano del rito, è doveroso rilevare come la presente controversia sia devoluta alla cognizione del giudice collegiale, rientrando i giudizi di separazione personale tra le cause tassativamente riservate alla cognizione esclusiva del giudice collegiale, a sensi dell'art bis, n. 1, cod. proc. civ. (quale introdotto dall'art. 56 del D.Lgs. 19 febbraio 1998 n. 51) (stante l'intervento obbligatorio del P.M.: artt. 70, n. 2, e 709 cod. proc. civ.). Nel merito, è evidente che la prosecuzione della convivenza tra i coniugi si è resa ormai intollerabile, essendo venuta meno in modo irrimediabile l'affectio coniugalis.

3 Né rileva a tal fine stabilire la reale causa delle incomprensioni e dei dissapori che si sono manifestati durante la vita coniugale. Invero, ai sensi del novellato art. 151 cod. civ. la separazione dei coniugi deve trovare causa e giustificazione in una situazione di intollerabilità della convivenza oggettivamente apprezzabile e giuridicamente controllabile; a tal fine non è necessario che sussista una situazione di conflitto riconducibile alla volontà di entrambi i coniugi, ben potendo la frattura dipendere dalla condizione di disaffezione e di distacco spirituale di una sola delle parti. In quest'ultimo caso la intollerabilità della convivenza non può ritenersi esclusa per il solo fatto che uno dei coniugi assume un atteggiamento di accettazione e di disponibilità, potendo tale atteggiamento trovare spiegazione in motivi pratici e nella prevalenza di concezioni etiche, ovvero in prospettive di recupero del rapporto, che rendono quel coniuge eccezionalmente tollerante rispetto ad una situazione obbiettivamente priva dei contenuti minimi di reciproca affectio della comunione coniugale (ex plurimis: Cass. 10 giugno 1992, n. 7148). Per cui, considerando l'oggettiva evidenza di tale stato di fatto, anche alla stregua delle rispettive prospettazioni, non resta che pronunziare la separazione giudiziale tra S.F. e F.M. Come si è detto, ciascuno dei coniugi ha chiesto di dichiarare l'addebito all'altro della separazione giudiziale, adducendo diversi inadempimenti ai doveri familiari. Secondo una consolidata giurisprudenza di legittimità, la dichiarazione di addebito della separazione giudiziale implica la prova che l'irreversibile crisi coniugale sia ricollegabile esclusivamente al comportamento volontariamente e consapevolmente contrario ai doveri nascenti dal matrimonio di uno o di entrambi i coniugi, ovverosia che sussista un nesso di causalità tra i comportamenti addebitati ed il determinarsi dell'intollerabilità dell'ulteriore convivenza; pertanto, in caso di mancato raggiungimento della prova che il comportamento contrario ai predetti doveri tenuto da uno dei coniugi, o da entrambi, sia stato la causa efficiente del fallimento della convivenza, legittimamente viene pronunciata la separazione giudiziale senza addebito (da ultima: Cass. 27 giugno 2006, n ). In primo luogo, S.F. ha imputato a F.M. di avergli impedito la frequentazione di parenti ed amici "a causa dell'alternarsi di diversi e contrastanti stati passionali della stessa". Inoltre, con memoria depositata il 10 giugno 2008, S.F. ha imputato a F.M. di aver abbandonato la casa familiare senza alcuna giustificazione prima del ricorso per separazione giudiziale, di essersi impossessata dell'autovettura "(...)" con targa (...) e di aver prelevato la somma di Euro 300,00 (trecento virgola zero zero) da un libretto postale cointestato senza la sua autorizzazione. Tuttavia, queste ultime deduzioni non sono suscettibili di apprezzamento da parte del giudicante, trattandosi di una modifica inammissibile della causa petendi.

4 Invero, nel giudizio di separazione personale, il ricorso introduttivo rappresenta l'atto di riscontro, quoad tempus, della tempestività delle domande avanzate dal ricorrente, cosicché la domanda di addebito, proposta da quest'ultimo, esorbitando dalla semplice emendatio libelli consentita in corso di causa, se non contenuta nel ricorso medesimo, ma avanzata o nella fase dinanzi al presidente del tribunale o in un momento ancora successivo ad essa, soggiace alla sanzione dell'inammissibilità, perché introduce, nell'originario contenzioso, un nuovo tema d'indagine, non rappresentando mera deduzione difensiva o semplice sviluppo logico della contesa instaurata con la domanda di separazione; peraltro, nei giudizi incardinati in primo grado successivamente al 30 aprile 1995, la questione della novità della domanda di addebitamento della separazione risulta del tutto sottratta alla disponibilità delle parti - e pertanto ricondotta al rilievo officioso del giudice, anche in appello - senza che rilevi l'accettazione, su di essa, del contraddittorio in primo grado (ex plurimis: Cass. 16 maggio 2007, n ; Cass. 7 dicembre 2007, n ). Di contro, F.M. ha imputato a S.F. di aver intrattenuto una relazione extraconiugale con un'altra donna (nella persona di La.An.). Tuttavia, le risultanze istruttorie non consentono di addivenire alla pronunzia di addebito in un senso e/o nell'altro. Anzitutto, con riguardo alla domanda proposta in via principale, al di là della genericità dell'allegazione, non è emerso alcun elemento idoneo a confermare una proibizione imposta da F.M. a S.F. in ordine alla libera frequentazione di familiari od amici (in proposito, leggansi le dichiarazioni rese da S.M. all'udienza del 21 ottobre 2009, la quale ha riferito di vedersi tranquillamente col fratello S.F., sebbene la cognata F.M. non li lasciasse mai da soli). A non diversa conclusione deve giungersi anche con riguardo alla domanda proposta in via riconvenzionale. Invero, è pacifico che la relazione di un coniuge con estranei rende addebitabile la separazione ai sensi dell'art. 151 cod. civ. quando, in considerazione degli aspetti esteriori con cui è coltivata e dell'ambiente in cui i coniugi vivono, dia luogo a plausibili sospetti di infedeltà e quindi, anche se non si sostanzi in un adulterio, comporti offesa alla dignità e all'onore dell'altro coniuge (ex plurimis: Cass. 11 giugno 2008, n ). Aggiungasi che l'inosservanza dell'obbligo di fedeltà coniugale rappresenta una violazione particolarmente grave, la quale, determinando normalmente l'intollerabilità della prosecuzione della convivenza, deve ritenersi, di regola, circostanza sufficiente a giustificare l'addebito della separazione al coniuge responsabile, sempre che non si constati la mancanza di nesso causale tra infedeltà e crisi coniugale, mediante un accertamento rigoroso ed una valutazione complessiva del comportamento di entrambi i coniugi, tale che ne risulti la preesistenza di una crisi già irrimediabilmente in atto, in un contesto caratterizzato da una convivenza meramente formale (ex plurimis: Cass. 7 dicembre 2007, n ).

5 Tuttavia, nel caso di specie, per quanto alcune testimonianze si siano espresse nel senso dell'esistenza di un rapporto di stretta complicità e di inusuale confidenza tra S.F. e L.A. (al punto che il primo era solito intrattenersi di frequente nell'esercizio commerciale della seconda in Potenza alla Via (...): leggansi le dichiarazioni rese da F.C. all'udienza del 21 ottobre 2009 e da S.V. all'udienza del 20 gennaio 2010), non sono state comunque riferite circostanze o situazioni inequivocabilmente sintomatiche dell'esistenza di una relazione extraconiugale. Tuttavia, lo stato attuale delle risultanze processuali non consente di addivenire ad una ponderata decisione in ordine alle determinazioni di natura economica, rendendosi necessaria l'emanazione di una sentenza non definitiva (ai sensi degli artt bis cod. proc. civ., 4, dodicesimo comma, della Legge 1 dicembre 1970 n. 898 e 23, primo comma, della Legge 6 marzo 1987 n. 74). Pertanto, la causa deve essere rimessa in istruttoria per la prosecuzione del giudizio. A tal fine, si deve emettere una separata ordinanza (artt. 279, secondo comma, n. 4, e terzo comma, cod. proc. civ.). La presente sentenza (ancorché non definitiva) sarà trasmessa (dopo il passaggio in giudicato) dalla Cancelleria all'ufficiale dello Stato Civile del Comune di Potenza per l'annotazione in margine all'atto di matrimonio (artt. 14 e 69, lett. d, del D.P.R. 3 novembre 2000 n. 396), con l'esonero sin d'ora da ogni responsabilità. In relazione a tale esito decisionale, la liquidazione delle spese giudiziali non può essere operata in questa sede, ma deve essere rinviata al momento dell'emissione della sentenza definitiva. MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente, sul piano del rito, è doveroso rilevare come la presente controversia sia devoluta alla cognizione del giudice collegiale, rientrando i giudizi di separazione personale tra le cause tassativamente riservate alla cognizione esclusiva del giudice collegiale, a sensi dell'art bis, n. 1, cod. proc. civ. (quale introdotto dall'art. 56 del D.Lgs. 19 febbraio 1998 n. 51) (stante l'intervento obbligatorio del P.M.: artt. 70, n. 2, e 709 cod. proc. civ.). Nel merito, è evidente che la prosecuzione della convivenza tra i coniugi si è resa ormai intollerabile, essendo venuta meno in modo irrimediabile l'affectio coniugalis. Né rileva a tal fine stabilire la reale causa delle incomprensioni e dei dissapori che si sono manifestati durante la vita coniugale. Invero, ai sensi del novellato art. 151 cod. civ. la separazione dei coniugi deve trovare causa e giustificazione in una situazione di intollerabilità della convivenza oggettivamente apprezzabile e giuridicamente controllabile; a tal fine non è necessario che sussista una situazione di conflitto riconducibile alla volontà di entrambi i coniugi, ben potendo la frattura dipendere dalla condizione di disaffezione e di distacco spirituale di una sola delle parti. In quest'ultimo caso la intollerabilità della convivenza non può ritenersi esclusa per il solo fatto che uno dei coniugi assume un atteggiamento di accettazione e di disponibilità, potendo tale atteggiamento trovare spiegazione in

6 motivi pratici e nella prevalenza di concezioni etiche, ovvero in prospettive di recupero del rapporto, che rendono quel coniuge eccezionalmente tollerante rispetto ad una situazione obbiettivamente priva dei contenuti minimi di reciproca affectio della comunione coniugale (ex plurimis: Cass. 10 giugno 1992, n. 7148). Per cui, considerando l'oggettiva evidenza di tale stato di fatto, anche alla stregua delle rispettive prospettazioni, non resta che pronunziare la separazione giudiziale tra S.F. e F.M. Come si è detto, ciascuno dei coniugi ha chiesto di dichiarare l'addebito all'altro della separazione giudiziale, adducendo diversi inadempimenti ai doveri familiari. Secondo una consolidata giurisprudenza di legittimità, la dichiarazione di addebito della separazione giudiziale implica la prova che l'irreversibile crisi coniugale sia ricollegabile esclusivamente al comportamento volontariamente e consapevolmente contrario ai doveri nascenti dal matrimonio di uno o di entrambi i coniugi, ovverosia che sussista un nesso di causalità tra i comportamenti addebitati ed il determinarsi dell'intollerabilità dell'ulteriore convivenza; pertanto, in caso di mancato raggiungimento della prova che il comportamento contrario ai predetti doveri tenuto da uno dei coniugi, o da entrambi, sia stato la causa efficiente del fallimento della convivenza, legittimamente viene pronunciata la separazione giudiziale senza addebito (da ultima: Cass. 27 giugno 2006, n ). In primo luogo, S.F. ha imputato a F.M. di avergli impedito la frequentazione di parenti ed amici "a causa dell'alternarsi di diversi e contrastanti stati passionali della stessa". Inoltre, con memoria depositata il 10 giugno 2008, S.F. ha imputato a F.M. di aver abbandonato la casa familiare senza alcuna giustificazione prima del ricorso per separazione giudiziale, di essersi impossessata dell'autovettura "(...)" con targa (...) e di aver prelevato la somma di Euro 300,00 (trecento virgola zero zero) da un libretto postale cointestato senza la sua autorizzazione. Tuttavia, queste ultime deduzioni non sono suscettibili di apprezzamento da parte del giudicante, trattandosi di una modifica inammissibile della causa petendi. Invero, nel giudizio di separazione personale, il ricorso introduttivo rappresenta l'atto di riscontro, quoad tempus, della tempestività delle domande avanzate dal ricorrente, cosicché la domanda di addebito, proposta da quest'ultimo, esorbitando dalla semplice emendatio libelli consentita in corso di causa, se non contenuta nel ricorso medesimo, ma avanzata o nella fase dinanzi al presidente del tribunale o in un momento ancora successivo ad essa, soggiace alla sanzione dell'inammissibilità, perché introduce, nell'originario contenzioso, un nuovo tema d'indagine, non rappresentando mera deduzione difensiva o semplice sviluppo logico della contesa instaurata con la domanda di separazione; peraltro, nei giudizi incardinati in primo grado successivamente al 30 aprile 1995, la questione della novità della domanda di addebitamento della separazione risulta del tutto sottratta alla disponibilità delle

7 parti - e pertanto ricondotta al rilievo officioso del giudice, anche in appello - senza che rilevi l'accettazione, su di essa, del contraddittorio in primo grado (ex plurimis: Cass. 16 maggio 2007, n ; Cass. 7 dicembre 2007, n ). Di contro, F.M. ha imputato a S.F. di aver intrattenuto una relazione extraconiugale con un'altra donna (nella persona di L.A.). Tuttavia, le risultanze istruttorie non consentono di addivenire alla pronunzia di addebito in un senso e/o nell'altro. Anzitutto, con riguardo alla domanda proposta in via principale, al di là della genericità dell'allegazione, non è emerso alcun elemento idoneo a confermare una proibizione imposta da F.M. a S.F. in ordine alla libera frequentazione di familiari od amici (in proposito, leggansi le dichiarazioni rese da S.M. all'udienza del 21 ottobre 2009, la quale ha riferito di vedersi tranquillamente col fratello S.F., sebbene la cognata F.M. non li lasciasse mai da soli). A non diversa conclusione deve giungersi anche con riguardo alla domanda proposta in via riconvenzionale. Invero, è pacifico che la relazione di un coniuge con estranei rende addebitabile la separazione ai sensi dell'art. 151 cod. civ. quando, in considerazione degli aspetti esteriori con cui è coltivata e dell'ambiente in cui i coniugi vivono, dia luogo a plausibili sospetti di infedeltà e quindi, anche se non si sostanzi in un adulterio, comporti offesa alla dignità e all'onore dell'altro coniuge (ex plurimis: Cass. 11 giugno 2008, n ). Aggiungasi che l'inosservanza dell'obbligo di fedeltà coniugale rappresenta una violazione particolarmente grave, la quale, determinando normalmente l'intollerabilità della prosecuzione della convivenza, deve ritenersi, di regola, circostanza sufficiente a giustificare l'addebito della separazione al coniuge responsabile, sempre che non si constati la mancanza di nesso causale tra infedeltà e crisi coniugale, mediante un accertamento rigoroso ed una valutazione complessiva del comportamento di entrambi i coniugi, tale che ne risulti la preesistenza di una crisi già irrimediabilmente in atto, in un contesto caratterizzato da una convivenza meramente formale (ex plurimis: Cass. 7 dicembre 2007, n ). Tuttavia, nel caso di specie, per quanto alcune testimonianze si siano espresse nel senso dell'esistenza di un rapporto di stretta complicità e di inusuale confidenza tra S.F. e L.A. (al punto che il primo era solito intrattenersi di frequente nell'esercizio commerciale della seconda in Potenza alla Via (...): leggansi le dichiarazioni rese da F.Ca. all'udienza del 21 ottobre 2009 e da S.V. all'udienza del 20 gennaio 2010), non sono state comunque riferite circostanze o situazioni inequivocabilmente sintomatiche dell'esistenza di una relazione extraconiugale. Tuttavia, lo stato attuale delle risultanze processuali non consente di addivenire ad una ponderata decisione in ordine alle determinazioni di natura economica, rendendosi necessaria l'emanazione di una sentenza non definitiva (ai sensi degli artt bis cod. proc. civ., 4, dodicesimo comma, della Legge 1 dicembre 1970 n. 898 e 23, primo comma, della Legge 6 marzo 1987 n. 74). Pertanto, la causa deve essere rimessa in

8 istruttoria per la prosecuzione del giudizio. A tal fine, si deve emettere una separata ordinanza (artt. 279, secondo comma, n. 4, e terzo comma, cod. proc. civ.). La presente sentenza (ancorché non definitiva) sarà trasmessa (dopo il passaggio in giudicato) dalla Cancelleria all'ufficiale dello Stato Civile del Comune di Potenza per l'annotazione in margine all'atto di matrimonio (artt. 14 e 69, lett. d, del D.P.R. 3 novembre 2000 n. 396), con l'esonero sin d'ora da ogni responsabilità. In relazione a tale esito decisionale, la liquidazione delle spese giudiziali non può essere operata in questa sede, ma deve essere rinviata al momento dell'emissione della sentenza definitiva. Così deciso in Potenza il 23 febbraio Depositata in Cancelleria il 2 marzo 2012.

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE composto dai magistrati: Dr. Antonino Liberto Porracciolo - Presidente Dr. Calogero Domenico Cammarata - Giudice

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI - ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO - NATURA E CRITERI DI DETERMINAZIONE.

SEPARAZIONE DEI CONIUGI - ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO - NATURA E CRITERI DI DETERMINAZIONE. SEPARAZIONE DEI CONIUGI - ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO - NATURA E CRITERI DI DETERMINAZIONE. CASS. CIV., SEZ. I, 23 OTTOBRE 2012, N. 18175. Condizione essenziale per il sorgere del diritto al mantenimento

Dettagli

QUADERNO 2008/2 LA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE DAL 2005 AD OGGI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO. www.aiaf-avvocati.

QUADERNO 2008/2 LA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE DAL 2005 AD OGGI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO. www.aiaf-avvocati. RIVISTA DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DEGLI AVVOCATI PER LA FAMIGLIA E PER I MINORI QUADERNO 2008/2 LA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE DAL 2005 AD OGGI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO www.aiaf-avvocati.it

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 REPUBBLICA ITALIANA Suprema Corte di Cassazione Sezione III sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Sentenza n. 2740/2008

Sentenza n. 2740/2008 Corte Suprema di Cassazione - Civile Sezione I Civile Sentenza n. 2740/2008 deposito del 05 febbraio 2008 Svolgimento del processo Con ricorso depositato l'8.10.1999, M. B. chiedeva al Tribunale di Torino

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA QUARTA SEZIONE CIVILE riunito in camera di consiglio nelle persone dei sigg.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA QUARTA SEZIONE CIVILE riunito in camera di consiglio nelle persone dei sigg. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA QUARTA SEZIONE CIVILE riunito in camera di consiglio nelle persone dei sigg. magistrati: dott. Claudio Miele - Presidente - dott.ssa Claudia

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Filiazione naturale Riconoscimento del figlio naturale: impugnazione Convivenza more uxorio Impotentia generandi al tempo del concepimento Qualificazione dell azione: a) disconoscimento di paternità esclusione

Dettagli

Lezione 16 novembre 2015. Modulo di Diritto e Procedura Civile

Lezione 16 novembre 2015. Modulo di Diritto e Procedura Civile Lezione 16 novembre 2015 Modulo di Diritto e Procedura Civile PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE introdotto dalla legge 69/09 (che ha aggiunto nel c.p.c. tre articoli dal 702 bis al quater) Procedimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE CIVILE composto dai signori dr. Calogero Domenico Cammarata Presidente dr. Gaetano Sole Giudice dr. Andrea Giuseppe

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

Corte Suprema di Cassazione Sentenza 13747 del 18 Settembre 2003 Presupposti per il diritto al mantenimento

Corte Suprema di Cassazione Sentenza 13747 del 18 Settembre 2003 Presupposti per il diritto al mantenimento Corte Suprema di Cassazione Sentenza 13747 del 18 Settembre 2003 Presupposti per il diritto al mantenimento Sezione Prima Civile, Presidente A. Saggio Relatore S. Di Palma SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. 1.

Dettagli

"Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata

Società), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata TRIBUNALE CIVILE DI MILANO RICORSO EX ART. 702-BIS COD. PROC. CIV. Nell'interesse della società ALFA S.R.L. (nel seguito, "Alfa", ovvero la "Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F.

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

149. ( 1 ) Scioglimento del matrimonio.

149. ( 1 ) Scioglimento del matrimonio. Titolo VI Del matrimonio Ca p o V Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi ( 1 ) ( 1 ) Si veda la L. 10 giugno 1985, n. 301, adesione alla Convenzione sul riconoscimento dei divorzi

Dettagli

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE Con ricorso, depositato in data 3.2.2012, C chiedeva a questo Tribunale di dichiarare la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario contratto

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 18573 Anno 2014 Presidente: PETITTI STEFANO Relatore: D'ASCOLA PASQUALE Data pubblicazione: 03/09/2014 ORDINANZA sul ricorso 14690-2012 proposto da: NAPOLITANO PAOLO NPLPLA78L04L259I,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA. - Sezione 1 a civile - DECRETO

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA. - Sezione 1 a civile - DECRETO REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE D'APPELLO DI VENEZIA - Sezione 1 a civile - composta dal Magistrati: dott. Vittorio ROSSI dott. Daniela BRUNI dott. Guido SANTORO Presidente Consigliere Consigliere rel. ha

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 15131 Anno 2015 Presidente: LUCCIOLI MARIA GABRIELLA Relatore: CAMPANILE PIETRO Data pubblicazione: 20/07/2015 sul ricorso proposto da: AGENZIA DEL TERRITORIO SENTENZA Rappresentata

Dettagli

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. Il Tribunale Ordinario di Venezia, Sezione III^ Civile, riunito in camera di SENTENZA

Repubblica Italiana. In nome del popolo italiano. Il Tribunale Ordinario di Venezia, Sezione III^ Civile, riunito in camera di SENTENZA Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale Ordinario di Venezia, Sezione III^ Civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei seguenti magistrati: dott. Maurizio GIONFRIDA Presidente

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura.

Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura. Che cosa è la separazione? Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura. La separazione può essere chiesta da uno o entrambi gli

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio: non sono sinonimi. La Massima Si ha mutatio libelli quando si propone una domanda obiettivamente diversa da quella originaria, introducendo

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE. La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati

CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE. La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Gaetano CATALANI consigliere

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA SEZIONE PRIMA CIVILE così composto: dott. Alberto BUCCI presidente dott. Massimo CORRIAS giudice dott. Franca MANGANO giudice

Dettagli

GIURISPRUDENZA SEPARAZIONE. Intollerabilità della convivenza FAMIGLIA E DIRITTO N. 1/2008

GIURISPRUDENZA SEPARAZIONE. Intollerabilità della convivenza FAMIGLIA E DIRITTO N. 1/2008 Intollerabilità della convivenza CASSAZIONE CIVILE, sez. I, 14 febbraio 2007, n. 3356 - Pres. Luccioli - Est. Felicetti I Separazione giudiziale - Natura e contenuto del rapporto coniugale - Disaffezione

Dettagli

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA Il presente protocollo recepisce le indicazioni emerse all interno del gruppo di lavoro istituito all interno

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006

SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006 SENTENZA N. 20256 DEL 19/09/2006 Famiglia Separazione personale dei coniugi comportamento successivo alla separazione (nella specie, esercizio della prostituzione da parte della moglie separata) limitata

Dettagli

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA Codice civile Libro I (delle persone e della famiglia) Titolo VI (del matrimonio) Capo V (Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi) Articolo 149

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal LA GRIGLIA NORMATIVA RICHIAMATA DALLA FATTISPECIE Le norme di diritto sostanziale Art. 143 Codice Civile: Diritti e doveri reciproci dei coniugi. Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 27730 Anno 2013 Presidente: VITRONE UGO Relatore: GIANCOLA MARIA CRISTINA Data pubblicazione: 11/12/2013 SENTENZA sul ricorso 11293-2009 proposto da: B.L. (C. F. on~ D, elettivamente

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE

TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE TRIBUNALE DI CATANIA PRIMA SEZIONE CIVILE ^^^^^^^^^^ IL GIUDICE ISTRUTTORE Esaminati gli atti del procedimento iscritto al n. 344/2007 R.G., sciogliendo la riserva che precede; OSSERVA Va, innanzitutto,

Dettagli

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per 1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per istaurare il giudizio e pervenire alla pronuncia del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo II La normativa processuale A cura di Michele Angelo Lupoi Indice Capitolo I Separazione e divorzio: quale modello procedimentale? di Michele Angelo Lupoi 1.

Dettagli

LA SEPARAZIONE DEI CONIUGI TRA ADDEBITO E RESPONSABILITA

LA SEPARAZIONE DEI CONIUGI TRA ADDEBITO E RESPONSABILITA LA SEPARAZIONE DEI CONIUGI TRA ADDEBITO E RESPONSABILITA dott. Gabriele Positano (magistrato del Tribunale di Lecce, applicato presso la Corte d Appello di Salerno) L addebito la violazione dei doveri

Dettagli

TRADIMENTI REITERATI? NIENTE ADDEBITO" Cass. 23426/2012 commento e testo

TRADIMENTI REITERATI? NIENTE ADDEBITO Cass. 23426/2012 commento e testo TRADIMENTI REITERATI? NIENTE ADDEBITO" Cass. 23426/2012 commento e testo Valeria MAZZOTTA P&D.IT Per l addebito della separazione occorre la prova rigorosa che la crisi è stata causata dai comportamenti

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo)

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) Buoni postali e comunione legale Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) BUONI POSTALI COMUNIONE LEGALE APPLICABILITÀ DELL ART. 177 COMMA I C.C. - SUSSISTE I buoni

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Famiglia regime patrimoniale - Utili spettanti al compartecipe dell impresa familiare Decreto ingiuntivo - Prelievi in addebito dal conto corrente della ditta da parte del compartecipe - Somme non attinenti

Dettagli

Cassazione civile sez. I, 14 febbraio 2012, n. 2059

Cassazione civile sez. I, 14 febbraio 2012, n. 2059 Cassazione civile sez. I, 14 febbraio 2012, n. 2059 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VITRONE Ugo - Presidente - Dott. CECCHERINI Aldo

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

Domanda di risarcimento: non è proponibile nel giudizio di separazione

Domanda di risarcimento: non è proponibile nel giudizio di separazione Domanda di risarcimento: non è proponibile nel giudizio di separazione Cass. civ., sez. I, sentenza 8 settembre 2014 n. 18870 (Pres. Luccioli, est. San Giorgio) Domanda di separazione personale con addebito

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA LA SENTENZA INTEGRALE: SENTENZA CIVILE RG. 111653/2007 Rif,./ civ ord. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace, della VI Sezione del Mandamento di Napoli, nella persona del Giudice

Dettagli

Diritto e giustizia.it

Diritto e giustizia.it Vincolo coniugale rotto dal tradimento del marito: possibile il risarcimento dei danni alla donna, oltre all addebito attribuito all uomo Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 8862/12; depositata

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068 CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA 11 02 2014 N 3068 Immobili classa mento atto di classamento motivazione caratteristiche Immobili classa mento atto di classamento comproprietari litisconsorzio necessario

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella - Presidente Dott. BERNARDI

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

XXXX, elett.-te domiciliata presso il difensore. LIBERA PRESENTE

XXXX, elett.-te domiciliata presso il difensore. LIBERA PRESENTE N. 18564/2010 R.G. Notizie di reato N. Reg. Sent. N. 280/2015 R.G. Tribunale del 9 Aprile 2015 Data del deposito Data di irrevocabilità Data comunicazione irrevocabilità al P.M. Estratto esecutivo inviato

Dettagli

Angelo Verdi, (C.F. ---), nato a Milano il 4 marzo 1945, ivi residente in. Via Bigli n. 55, elettivamente domiciliato in Milano, Via Torino n.

Angelo Verdi, (C.F. ---), nato a Milano il 4 marzo 1945, ivi residente in. Via Bigli n. 55, elettivamente domiciliato in Milano, Via Torino n. TRIBUNALE CIVILE DI MILANO R.G. N. 11/2013 GIUDICE LA DOTT.SSA MAZZOLETTI Nella causa di Angelo Verdi, (C.F. ---), nato a Milano il 4 marzo 1945, ivi residente in Via Bigli n. 55, elettivamente domiciliato

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

Separazioni e divorzi

Separazioni e divorzi Lo Studio Legale Lunari di Milano offre assistenza legale in materia di diritto di famiglia e in particolare per quanto concerne contratti prematrimoniali, accordi di convivenza, separazioni, divorzi,

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) N. 00018/2016 REG.PROV.COLL. N. 00651/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima) ha pronunciato la presente

Dettagli

21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE

21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE Parte Terza. La separazione personale dei coniugi 21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE TRIBUNALE DI... (1) Ricorso per separazione giudiziale dei coniugi PER..., nata a... (...), il... cod.

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI CIVILE. Ordinanza 2 dicembre 2010, n. 24526

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI CIVILE. Ordinanza 2 dicembre 2010, n. 24526 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. Paolo VITTORIA Dott. Francesco Maria FIORETTI Dott. Francesco FELICBTTI Dott. Renato RORDORF Dott. Stefano

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENTENZA 27377/2013

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENTENZA 27377/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE SENTENZA 27377/2013 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VITRONE Ugo - Presidente Dott. RAGONESI

Dettagli

ACCORDI IN VISTA DELLA SEPARAZIONE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE, SENTENZA 25.06/02.10.2012, N. 16767

ACCORDI IN VISTA DELLA SEPARAZIONE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE, SENTENZA 25.06/02.10.2012, N. 16767 ACCORDI IN VISTA DELLA SEPARAZIONE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE, SENTENZA 25.06/02.10.2012, N. 16767 LA MASSIMA n tema di validità e rilevanza, nell ambito del giudizio di separazione giudiziale,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. 13008: art. 659 c.p. (Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone) e responsabilità del gestore di un esercizio commerciale.

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Gennaio 2013, n 601 Famiglia - Figli Genitori gay Affido Possibile Sì all affido di un figlio minore ad una coppia omosessuale composta da

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo

CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo CONTRATTO PRELIMINARE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE SENTENZA 16 ottobre 2012, n.17763 commento e testo Nel diritto.it MASSIMA Costituisce domanda nuova vietata in appello e anche in primo grado (ancorché,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA QUINTA SEZIONE CIVILE il dott. Roberto Ghiron, in funzione di Giudice Unico di

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA QUINTA SEZIONE CIVILE il dott. Roberto Ghiron, in funzione di Giudice Unico di REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA QUINTA SEZIONE CIVILE il dott. Roberto Ghiron, in funzione di Giudice Unico di primo grado, V Sezione Civile del Tribunale di Roma ha pronunciato

Dettagli

La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati

La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati -dott. Ettore NESTI -dott. Rocco PAVESE -dott.

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Relazione omosessuale e pronuncia di addebito Gaetano Sole Relazione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria. Sezione Staccata di Reggio Calabria SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria. Sezione Staccata di Reggio Calabria SENTENZA Page 1 of 6 N. 00251/2009 REG.SEN. N. 00417/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria ha pronunciato la presente

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 27 Novembre 2013, n 26491 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 27 Novembre 2013, n 26491 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 27 Novembre 2013, n 26491 (Pres. Salmè; Re. Camaprile) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili Assegno divorzile Condizioni Secondo

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. M.F.Pricoco Presidente dott. U. Zingales Giudice est. dott. L. Di Natale Componente privato dott. G. Armenia Componente privato riunito in camera

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI NAPOLI TERZA SEZIONE CIVILE Riunita in camera di consiglio nelle persone dei

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI NAPOLI TERZA SEZIONE CIVILE Riunita in camera di consiglio nelle persone dei REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CORTE D'APPELLO DI NAPOLI TERZA SEZIONE CIVILE Riunita in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: dr.ssa Rosa Giordano - Presidente dr.ssa Carmelinda

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N. 02124/2015 REG.PROV.COLL. N. 01994/2015 REG.RIC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA N. 02124/2015 REG.PROV.COLL. N. 01994/2015 REG.RIC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 02124/2015 REG.PROV.COLL. N. 01994/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

ULTIMISSIMI CODICI di Roberto GAROFOLI

ULTIMISSIMI CODICI di Roberto GAROFOLI ULTIMISSIMI CODICI di Roberto GAROFOLI a cura di Valerio de GIOIA Giovanna SPIRITO CODICE DI PROCEDURA CIVILE annotato con la giurisprudenza più recente e significativa 2014-2015 SOMMARIO CODICE PROCEDURA

Dettagli

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica)

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica) Agata Christie Investigation Sas Via Luigi Razza 4 20124 Milano Milano Tel. 02 344223 Fax 02 344189 E-mail: max@agatachristie.it website: http://www.agatachristie.it Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 21 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: CAVALLARO LUIGI Data pubblicazione: 04/01/2016 SENTENZA sul ricorso 10020-2014 proposto da: FRATELLI CASALEGNO S.R.L. P.I. 06762430012,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02264/2011 REG.PROV.COLL. N. 01973/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

TRIBUNALE DI... RICORSO PER SEPARAZIONE GIUDIZIALE DEI CONIUGI ESPONE QUANTO SEGUE

TRIBUNALE DI... RICORSO PER SEPARAZIONE GIUDIZIALE DEI CONIUGI ESPONE QUANTO SEGUE Capitolo I Separazione personale dei coniugi Sezione I Separazione giudiziale Formula 1 Sez. 1 - Separazione giudiziale 27 FORMULA 1 RICORSO PER SEPARAZIONE GIUDIZIALE SENZA RICHIESTA DI ADDEBITO E PROVVEDIMENTI

Dettagli

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto Condominio: il condizionatore troppo rumoroso deve essere rimosso Cassazione civile, sez. II, sentenza 10.11.2009 n. 23807 (Giuseppe Mommo) Il condizionatore che è causa di immissioni intollerabili (superiori

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Nella persona del giudice dott. Vincenzo Nuvoli ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 2959 R.G.

Dettagli

====================== TRIBUNALE PER I MINORENNI DI NAPOLI In nome del popolo italiano

====================== TRIBUNALE PER I MINORENNI DI NAPOLI In nome del popolo italiano /RUGLQDQ]DVHQWHQ]DODSULPDGHO7ULEXQDOHSHULPLQRUHQQLGL1DSROLFKHDIIURQWDLOSUREOHPDGHOOD FRPSHQ]D GHO JLXGLFH PLQRULOH LQ WHPD GL DIILGR FRQGLYLVR q VWDWD UHGDWWD GDO 3UHVLGHQWH 9LFDULR GU 6HUHQD %DWWLPHOOLHG

Dettagli

ORDINANZA N. 95 ANNO 2009 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Paolo MADDALENA Presidente

ORDINANZA N. 95 ANNO 2009 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Paolo MADDALENA Presidente ORDINANZA N. 95 ANNO 2009 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Paolo MADDALENA Presidente Alfio FINOCCHIARO Giudice Alfonso QUARANTA " Franco GALLO

Dettagli

Trib. Milano, sez. IX, sentenza 4 11 dicembre 2013 (Pres. Ortolan, rel. Buffone)

Trib. Milano, sez. IX, sentenza 4 11 dicembre 2013 (Pres. Ortolan, rel. Buffone) Trib. Milano, sez. IX, sentenza 4 11 dicembre 2013 (Pres. Ortolan, rel. Buffone) Pagina 1 RIPARTO DI COMPETENZA TRA TRIBUNALE ORDINARIO E TRIBUNALE MINORILE LIMITAZIONI DELLA RESPONSABILITÀ GENITORIALE

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 10 N. 00506/2014 REG.PROV.COLL. N. 00581/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Seconda)

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA L ADDEBITO DELLA SEPARAZIONE attualità dell istituto e profili applicativi tra la giurisprudenza di legittimità e quella di merito Avv. Barbara Capicotto Avv. Anna Lanza Avv. Marco Meliti Avv. Patrizia

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

TRIBUNALE DI PERUGIA PROTOCOLLO PER IL PROCESSO DI FAMIGLIA ***

TRIBUNALE DI PERUGIA PROTOCOLLO PER IL PROCESSO DI FAMIGLIA *** TRIBUNALE DI PERUGIA PROTOCOLLO PER IL PROCESSO DI FAMIGLIA Stipulato tra Ie seguenti parti: Tribunale di Perugia Ordine degli avvocati di Perugia Associazione italiana avvocati per la famiglia e per i

Dettagli