La leadership delle donne nella società civile mediterranea The leadership of women in the civil Mediterranean society

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La leadership delle donne nella società civile mediterranea The leadership of women in the civil Mediterranean society"

Transcript

1 La leadership delle donne nella società civile mediterranea The leadership of women in the civil Mediterranean society di Claudia Firino, in collaborazione con Sara Laurenti Abstract Parlare di leadership, a qualsiasi latitudine, significa addentrarsi in un complesso coacervo di concetti, reso negli ultimi due decenni ancora più sfaccettato dall'ingresso della prospettiva femminile. Ma mentre nell'occidente industrializzato possiamo soffermarci su elementi quali il tetto di cristallo o analizzare i differenti stili e modelli, nel sud del Mediterraneo la parola leadership assume contorni più sfumati e spesso confina in ciò che definiamo empowerment. In questo intervento si proverà innanzitutto a capire quali spazi sociali ed economici esistano per una via mediterranea alla leadership femminile nella società civile, privilegiando comunque un approccio empirico. Lo si farà attraverso lo sguardo di donne che sono riuscite a conquistare un ruolo riconosciuto, in diversi settori, e che le ha portate ad essere esempi e agenti di trasformazione sociale. Senza avere la pretesa di essere esaustivi, si cercherà infine di trarre da queste esperienze dei suggerimenti per far emergere, anche in contesti sociali e culturali complessi, le capacità delle donne, con un occhio di riguardo ad eventuali modalità innovative di educazione e formazione. OBIETTIVI Trovare i punti di contatto fra leadership occidentale e mediterranea Analizzare il contesto sociale ed economico del Mediterraneo meridionale per capire quali spazi esistano per l'espressione di una leadership femminile nella società civile Ascoltare le testimonianze di donne leader, capire le peculiarità e i contesti Suggerire strategie per rafforzare e promuovere la leadership femminile nel Mediterraneo RELAZIONE Introduzione Oggi il termine leadership indica un concetto complesso, impossibile da definire in modo univoco sia per i diversi approcci con i quali viene studiato sia, come vedremo, perché i contesti geografici ed economici (il termine leader nella letteratura specialistica è riferito principalmente ai manager aziendali che operano nell'occidente industrializzato) che fanno da sfondo a queste analisi non sono sempre generalizzabili. Ad ogni modo, pur rinunciando ad una definizione chiusa, possiamo provare a capire cosa abbia a che vedere con questo concetto. Secondo le teorie classiche la leadership ha innanzitutto a che vedere con i risultati, è dunque una forza che serve a stimolare, motivare e coordinare coloro che si muovono per raggiungere un obiettivo. Dato che si svolge fra individui è anche qualcosa di relativo alle relazioni, e di conseguenza ai comportamenti e alle dinamiche di gruppo. Ma dal momento che all'interno di queste persone ce ne sono alcune che esercitano un'influenza tale da convincerne altre ad attuare determinati comportamenti e a svolgere determinate azioni siamo sicuramente di fronte ad una relazione di potere. 1

2 Negli ultimi vent'anni si è aggiunto un ulteriore approccio, quello di genere, legato al massiccio ingresso delle donne nella forza lavoro, anche nelle posizioni tradizionalmente maschili, seppure in posizioni minoritarie. Si è trattato del culmine di un processo di emancipazione femminile che ha portato ad un radicale mutamento dei rapporti all'interno della famiglia, non essendo più l'uomo l'unica fonte di sostentamento economico, e ad una trasformazione della famiglia stessa, a causa del calo del tasso di natalità. Ma a ciò non ha corrisposto una effettiva parità occupazionale, fatto che pone, tra l'altro, interessanti osservazioni di tipo economico, dato che fare a meno dell'apporto di metà della forza lavoro, perché questo significa una più bassa crescita economica, il rischio di povertà, una governance più debole e uno standard di vita più basso per tutta la popolazione 1. Ricerche sociali e psicologiche hanno cercato di spiegare perché le donne non riescano a superare il cosiddetto tetto di cristallo 2, e anche da queste problematiche si è cominciato a riconoscere che esse non sono percepite in modo neutrale nei contesti lavorativi, ma esistono delle vere e proprie dinamiche di potere connesse con il genere (oltre che a considerare come lavoro vero e proprio l'attività domestica e di cura dei figli). Questi studi hanno interessato anche quelli sulle politiche pubbliche, in particolar modo il welfare (approccio di genere al welfare), in termini di elaborazione di strategie che consentissero alle donne una più serena partecipazione al mondo del lavoro. Sono frutto anche di queste analisi i primi studi sulla leadership femminile nelle imprese, avviati fin dagli anni settanta. Ne analizziamo alcuni aspetti, scegliendo fra i vari approcci quelli che più avvicinano la realtà dei paesi industrializzati a quella dei territori che si affacciano sul Mediterraneo. Le peculiarità delle leadership femminile I primi studi identificavano il management con quello maschile e con qualità che la società tende ad attribuire agli uomini. Tale identificazione ha portato, per anni, a considerare le donne manager sempre come eccezioni rispetto a una norma, data appunto dal modello maschile. Anche i primi studi sulle donne nel management erano fortemente caratterizzati da questo limite, quando indicavano l incapacità di affermarsi e farsi valere come un fattore che precludeva alle donne la carriera manageriale, ma non mettevano in discussione i modelli di riferimento e le condizioni in cui le donne si trovavano a operare 3. Negli ultimi due decenni, le rapide trasformazioni che hanno investito l economia, le organizzazioni e il management hanno invece messo in luce una sempre maggiore problematicità degli stili di direzione tradizionali. È accaduto così che le caratteristiche che, secondo gli stereotipi, sono tipiche delle donne (come la tendenza a coinvolgersi emotivamente nei problemi, la concretezza, la capacità di ascolto, la tendenza all'egalitarismo), e che fino a poco tempo fa venivano considerate poco adatte al management, hanno cominciato d improvviso a essere considerate indispensabili per la trasformazione delle organizzazioni nella direzione auspicata dai nuovi modelli gestionali (ciò si è verificato, sia nelle grandi imprese, sia nelle imprese di piccole e medie dimensioni, caratterizzate da un forte grado di dinamismo e innovatività). Tutto ciò ha portato a trasformare la eventuale diversità femminile da fattore problematico a punto di forza, in quanto potenzialmente in grado di innovare il modo in cui le organizzazioni vengono condotte, secondo le nuove esigenze dell economia. È quindi venuto d attualità quello che già diversi anni fa alcuni studiosi indicavano 1 World Bank, Engendering Development: Through Gender Equality in Rights, Resources, and Voice - Summary (Washington, D.C.: World Bank, 2001); 2 Così due reporter del Wall Street Journal definirono, utilizzando l'espressione glass ceiling in un articolo del 1986 quella barriera invisibile che impedisce alle donne di accedere alle posizioni di maggiore responsabilità. 3 Wahl,

3 come il modello vincente, il cosiddetto modello di leadership androgino, fondato su un mix efficace di caratteristiche stereotipicamente maschili o femminili 4. A fronte della crescente popolarità dello stile di leadership femminile e di quello androgino, alcune studiose hanno cominciato a domandarsi quanto effettivamente uomini e donne differiscano nella leadership. A questo proposito, gli studi hanno in primo luogo messo in evidenza la pari efficacia della leadership femminile, nonostante le condizioni più difficili in cui le donne spesso vengono a trovarsi 5. In questo senso, è stata ridimensionata la diversità intesa come inadeguatezza o incompatibilità dell essere donna con l essere manager. Gli studi in questione si sono spinti oltre, cercando di identificare eventuali elementi di diversità positiva nella leadership femminile, che possano essere considerati un punto di forza per le donne e una ricchezza per le organizzazioni. Alcuni di questi studi si sono concentrati sugli stili di leadership. Gli stili di leadership Gli studi sul management, negli ultimi decenni, sono spesso ricorsi a coppie di opposti per indicare differenti stili di leadership. Una distinzione classica, ma sempre attuale, è quella tra orientamento al compito e orientamento alle relazioni (task orientation vs. relationship orientation) 6. Con il primo viene indicata la tendenza a focalizzarsi sullo svolgimento del compito, e quindi sulla performance, sul raggiungimento degli obiettivi, sul rispetto degli standard e delle regole. Con il secondo orientamento, invece, si indica la tendenza a focalizzare l attenzione sulle relazioni interpersonali, sulla creazione di un clima di fiducia reciproca e sull armonia nelle interazioni di gruppo. Un altra distinzione nota è quella tra leadership autocratica e leadership democratica 7. Il manager che adotta lo stile autocratico ha un autorità totale e istruisce i suoi sottoposti sulle cose che devono fare lasciando loro pochissima autonomia; l altro estremo rappresenta uno stile in base al quale il leader delega responsabilità alle persone che dirige e le coinvolge nel decision-making. Varie ricerche hanno esaminato la propensione di donne e uomini ad adottare lo stile relationshiporiented piuttosto che quello task-oriented, o lo stile democratico piuttosto che quello autocratico. Pur con vari limiti metodologici, tali ricerche hanno confermato l attitudine delle donne a una leadership maggiormente attenta alle relazioni e soprattutto a uno stile più democratico 8. Infine, particolarmente rilevante è stata, proprio perché viene considerata all origine di un nuovo paradigma della leadership, la più recente distinzione tra stile di leadership trasformazionale e stile transazionale. Questa distinzione si basa sul tipo di meccanismi messi in atto dai leader per ottenere migliori prestazioni dai collaboratori e quindi una migliore performance dell organizzazione. Nel caso dello stile transazionale, questi meccanismi sono costituiti appunto da transazioni, basate sull attribuzione di ricompense. Il leader trasformazionale, invece, va oltre lo scambio di ricompense e attiva una maggiore consapevolezza e un maggiore interesse, all interno dell organizzazione, per una visione condivisa. I leader trasformazionali, inoltre, favoriscono nei loro collaboratori un aumento di fiducia in se stessi, facendoli passare progressivamente dalle preoccupazioni per le esigenze personali all impegno per performance superiori e per la crescita dell organizzazione, trascendendo in questo modo i propri interessi particolari 9. I due stili, dovrebbero essere utilizzati entrambi per un management efficace. Lo stile trasformazionale, tuttavia, sarebbe maggiormente adatto in situazioni che richiedono profonde innovazioni nel modo di funzionare di un organizzazione, situazioni sempre più frequenti nell attuale economia caratterizzata da rapidi mutamenti. 4 Bem, 1975; Cook, Eagly, Karaum Makhijani, Stodgill, Tannenbaum, Schmidt, Eagly, Johnson, Burns,

4 Secondo alcune ricerche svolte soprattutto negli anni Novanta (in precedenza, gli studi sulle differenze tra donne e uomini avevano mostrato diversità per alcuni aspetti, ma non molto pronunciate), lo stile trasformazionale e interattivo sarebbe preferito dalle donne, mentre quello transazionale sarebbe preferito dagli uomini 10. Poiché lo stile trasformazionale viene considerato più efficace in contesti di rapido mutamento, e anche lo stile democratico è prezioso, soprattutto quando si tratta di mettere in atto riforme che richiedono un ampio consenso, ne potrebbe conseguire che le donne hanno una maggiore attitudine a gestire situazioni di forte mutamento e innovazione. La ricerca ha quanto meno mostrato una tendenza delle donne a considerare lo stile trasformazionale come più desiderabile, e quindi un loro orientamento positivo verso tale stile. Contesto e impatto Se le donne sembrano, in linea generale, più propense a uno stile democratico e trasformazionale nella leadership, la ricerca mette in evidenza che il modo in cui questa propensione si traduce in specifici comportamenti al livello delle singole organizzazioni dipende fortemente dal contesto 11. In particolare, l atteggiamento delle donne può cambiare fortemente a seconda che ci si trovi in un organizzazione in cui esse rappresentano la maggioranza dei membri, e hanno già accesso a un potere significativo, o che ci si trovi in un organizzazione in cui la forza lavoro è prevalentemente maschile, i dirigenti sono soprattutto maschi e le donne rappresentano un eccezione. Diversi studi 12 hanno dimostrato che una eventuale specificità femminile nella leadership ha maggiori possibilità di esprimersi veramente laddove le donne costituiscono una massa critica e sono dotate di un potere effettivo, mentre rimane fortemente limitata dal contesto quando la loro posizione è minoritaria e precaria. Infine, si può notare che negli ultimi tempi, si è registrata la tendenza a spostare l'interesse dalla ricerca di differenze nei tratti di personalità propri di uomini e donne e negli stili di leadership personali alla ricerca di specificità nel tipo di impatto che l'azione svolta dalle donne leader ha sull'ambiente circostante 13 ; di qui un interesse, ad esempio, verso il consenso alla leadership da parte dei sottoposti. Secondo alcune ricerche tale consenso viene tributato in maniera superiore alle donne 14. Su un altro versante, quello dello studio della leadership politica, in tutto il mondo cresce l interesse per il ruolo innovativo svolto da alcune figure femminili nei processi di mutamento sociale, economico, culturale e istituzionale. In questo senso, si propone anche di estendere il significato di leadership trasformazionale dalla denominazione di uno stile adottabile a prescindere dal fine, alla indicazione di una leadership che ha come scopo la trasformazione politica, economica e sociale 15. Alcuni elementi emersi da questa breve analisi possono essere utilizzati nel senso di interpretare la leadership come una sorta di azione per la trasformazione sociale, di capacità di leggere i contesti ed adoperarsi per cambiarli, sapendo creare il consenso attorno ai mutamenti. E' forse in questa lettura che possiamo trovare consistenti punti di contatto tra una donna europea o nordamericana, che cerca di proporre la propria identità diversa ad una società che tende a sclerotizzarsi su un modello unico e ad andare contro i ritmi biologici e naturali, e una donna che vive nella multiforme realtà mediterranea, e spesso deve emanciparsi da un'interpretazione distorta di culture e religioni, o affrontare da sola e senza garanzie realtà socio-economiche spregiudicate o acerbe, come avviene, tipicamente, nei Paesi in via di sviluppo. 10 Alimo-Metcalfe, Klenke, Wahl, Wahl, Alimo-Metcalfe, Antrobus,

5 Aspetti sociali ed economici della realtà mediterranea Forse non si può parlare sempre di leadership in questi paesi, anche perché spesso, come vedremo anche in una delle interviste effettuate, manca l'auto percezione non solo, e non necessariamente, delle proprie potenzialità, ma dell'impatto che le proprie azioni possono avere nella società, dei mutamenti che possono provocare, non solo su sé stessi ma sulla comunità. Manca dunque, a volte, ciò che nel nostro mondo definiremmo una Vision-Visione d'insieme, un colpo d'occhio che vada oltre la propria casa. Questo dipende, a parere di chi scrive in modo determinante, dal contesto socio-economico in cui vivono le donne del sud Mediterraneo, pur con l'estrema eterogeneità che caratterizza un territorio così ampio. Vale la pena dunque descriverne alcuni aspetti, in particolare quelli che più incidono sulla realtà quotidiana delle donne. Le donne e lo sviluppo economico nel Mediterraneo Un aspetto fondamentale di ogni analisi sulla partecipazione delle donne alla società civile va ricercata nel loro ruolo nel mercato del lavoro. Il rapporto del FEMISE 17 ha studiato questo aspetto, facendo emergere cinque elementi di criticità, da cui si vuole partire per capire quale politica di genere può essere portata avanti in questa area. 1. Nonostante il miglioramento della condizione media delle donne, in termini di educazione, salute e aspettativa di vita, la partecipazione alla forza lavoro è distintamente più bassa di quella di altri paesi in via di sviluppo (dove pure è presente, così come nei paesi più sviluppati). Questo ha importanti conseguenze economiche e sociali. 2. Il peso della popolazione inattiva, la cui percentuale rispetto a quella attiva è considerata la più alta del mondo. La bassa partecipazione delle donne spiega una parte significativa del tasso di dipendenza. 3. La bassa partecipazione delle donne non ha solo un costo economico globale, ma anche un costo diretto per le famiglie. Da vari sondaggi è emerso che se la donna partecipasse alla forza lavoro secondo la sua formazione ed età, il reddito familiare sarebbe di un quarto superiore, e consentirebbe a quelle famiglie di raggiungere la middle-class. A livello aggregato, questo consentirebbe un aumento dello 0,7% del tasso di crescita del PIL annuo a partire dagli anni Novanta L'inserimento delle donne va fatto adesso, che è un momento cruciale perché il tasso di disoccupazione è alto e stanno per entrare nel mercato del lavoro molti giovani, quindi c'è il rischio che vengano messe in pratica politiche discriminatorie verso le donne con il pretesto di favorire i giovani. 5. Dagli anni Ottanta in poi, lo sviluppo dei paesi del sud del Mediterraneo si è basato sull'apertura ai mercati esteri. E' però dimostrato che le economie pianificate hanno prodotto alti tassi di partecipazione femminile, dato che nel settore pubblico la discriminazione è meno forte. Mentre questo non è un fattore che viene tutelato nei nuovi modelli di sviluppo, orientati ai mercati esteri e al settore privato. La discriminazione di genere, problemi e approcci 16 Femise Report on the Euro-Mediterranean partnership, Rete che riunisce più di 60 membri (istituti di ricerca economica) in rappresentanza dei 37 paesi partner del Processo di Barcellona (sito web: 18 World Bank,

6 Più nello specifico sarà importante distinguere alcune caratteristiche specifiche di tre macro aree: settore formale, mondo rurale ed economia informale. Gli aspetti su cui ci si intende soffermare sono due. Innanzitutto verrà sottolineato come le due grandi emergenze sono l'educazione e la difficile situazione sanitaria per le donne in molte aree. La seconda è l'identità della donna nella società e nella famiglia prima ancora che nell'impiego, radicalmente diversa a seconda che essa si trovi in una zona rurale o in cui prevalga, da un punto di vista economico, il settore formale. La distinzione fra la discriminazione nel settore formale e quella nelle zone rurali e nel settore informale, che sono la maggioranza, fa emergere importanti questioni filosofiche e culturali. Nel primo caso le donne sono considerate individui, c'è, teoricamente, meno spazio per pratiche discriminatorie e queste hanno conseguenze economiche sull'intera popolazione. Nel secondo caso l'unità fondamentale è la famiglia, e il ruolo della donna (che comprende il prendere decisioni, educazione, lavoro, bambini, bisogni) si basa su un sistema relazionale piuttosto che individuale. Il comportamento della famiglia, irrazionale in un contesto di economia moderna, è invece perfettamente razionale in quello. Analizzando dettagliatamente le macro-aree emerge quanto segue. Settore formale La discriminazione di genere nel settore formale è il principale freno allo sviluppo (oggi concentrato nella sfera economica e tecnologica). E' dunque importante, come indicatore di adattamento al mondo globale, la velocità alla quale queste discriminazioni vengono ridotte. Sono due gli elementi fondamentali della discriminazione delle donne nella forza lavoro: Il tasso di fertilità (a tasso più alto corrisponde una partecipazione più bassa) Il livello medio di educazione (una scolarizzazione di secondo livello garantisce un effetto positivo più debole ma molto significativo) Educazione Nella regione sono stati fatti grossi investimenti nell'educazione, e il gap nei confronti dell'ue riguarda più gli aspetti qualitativi che quantitativi. Il grosso ostacolo sta nella scuola secondaria (nella primaria c'è una sostanziale parità fra maschi e femmine), una volta superata quella, nell'alta educazione le donne vi rimangono quanto gli uomini, e scelgono rami quali arti, scienze sociali e giuridiche che le portano a trovare lavoro nell'amministrazione e nei servizi. I grossi investimenti, inoltre, non hanno dato i risultati sperati, dato l'alto tasso di ripetenti, soprattutto nella scuola primaria (comunque più basso fra le bambine). Accesso all'impiego Le discriminazioni restano comunque considerevoli, causate soprattutto da motivi culturali e dallo status legale della donna. Sono soprattutto due gli elementi che giocano un ruolo importante. Il primo fa riferimento al fatto che le discriminazioni a lavoro indeboliscono l'effettivo status delle donne nella società e nella famiglia, e non le incoraggiano a cercare l'inclusione professionale. Il secondo è la struttura dei lavori offerti, che sono il riflesso di un tipo di crescita più o meno favorevole all'impiego femminile, e al modo in cui le donne lo interpretano. Ci sono forti differenze fra i diversi paesi. Tuttavia l'età più vulnerabile, in tutte le aree, è quella fra i 20 e i 30 19, quindi le donne che danno alla luce i figli o sono in età per farlo. I motivi sono riconducibili all'assenza di infrastrutture e leggi adeguate. Dalle statistiche emerge inoltre che anche il reinserimento dopo la maternità è difficile, costituendo dunque un ulteriore fattore di 19 ILO, Laborsta database, April

7 discriminazione. I problemi sono diversi: valorizzazione delle conoscenze delle donne nel mercato del lavoro; discriminazioni dovute a maternità e matrimonio per mancanza di infrastrutture e leggi. Oltre che nell'accesso al lavoro esistono discriminazioni in altri campi: differenze salariali, aspetto più marcato nel settore privato che in quello pubblico, dovute ad un più basso livello di produttività, legato ad una più bassa qualificazione, e a discriminazioni tout court; il tipo di lavoro offerto alle donne, generalmente di tipo esecutivo e non decisionale. La discriminazione di genere nel mondo rurale. Le discriminazioni di genere con gli effetti più gravi nelle aree rurali e nel settore informale. Siamo nel mondo della povertà estrema, dell'analfabetismo e delle attività informali, senza tutele, dove sussistono solo le condizioni minime di sopravvivenza. Qui l'unità di base è la famiglia, e le discriminazioni contro la donna non colpiscono solo lei ma hanno conseguenze sul benessere dei figli e dell'intera famiglia. Molta letteratura ha descritto gli effetti negativi negli ambienti poveri, sguarniti contro eventi imprevisti, poveri di infrastrutture. Sono diverse le prove di questa situazione: Le missing women 20, ovvero il fatto che la percentuale di donne nei Pvs è più bassa di quella che ci dovrebbe essere (o che ci sarebbe dovuta essere se il livello di cure e nutrizione fosse stato lo stesso degli uomini). Nei paesi mediterranei questo fenomeno è molto forte, e in certe aree la mortalità infantile femminile (bambine da 1 a 5 anni) è aumentata negli ultimi dieci anni 21. Il fatto che questo accada, e che gli uomini siano più numerosi nonostante in condizioni normali la prevalenza sia biologicamente contraria, è dovuta al fatto che se i genitori devono investire in salute lo fanno per i bambini prima che per le figlie. La diseguaglianza (donna che non lavora fuori casa, Codice di Famiglia non favorevole, matrimoni già decisi, leggi sfavorevoli nei campi dell'eredità e del possesso, cure mediche ed educazione), nelle aree rurali povere, tende a perpetuarsi. E questo non cambia se vengono assegnati fondi direttamente alle famiglie, perché essendo il capofamiglia colui che decide l'assegnazione delle risorse, di queste beneficieranno comunque i figli maschi. Diversamente, la presenza di infrastrutture sanitarie ad accesso gratuito per le famiglie povere modificherebbe sensibilmente il benessere di bambine e ragazze, senza che debba cambiare l'attitudine dei familiari nei loro confronti. La soddisfazione dei bisogni primari è la precondizione per migliorare lo status delle donne. Questo processo dovrebbe seguire i seguenti passaggi: soddisfazione dei bisogni critici di base (sicurezza nutrizionale di base, prevenzione principali cause di morte, alfabetizzazione); sviluppo delle capacità che rendano possibile cogliere nuove opportunità (capacità di agire, alta educazione, salute, formazione); miglioramento dell'ambiente legale e istituzionale; inizio del benessere (realizzazione dei potenziali, giusto carico di lavoro e giusta remunerazione, inserimento e partnership, sicurezza) 22. Molte famiglie rurali si trovano nel primo passaggio, fra quelli appena elencati. A parte i temi legati alla salute, la questione primordiale è l'analfabetismo, la cui sconfitta assicurerebbe l'autonomia delle donne e la capacità di informarsi su diritti e rischi. Gli sforzi intrapresi in questo campo dai paesi mediterranei hanno permesso un incremento significativo del tasso media di alfabetizzazione della popolazione femminile, dal 27,6% del 1970 al 70,4% del 2003 (con una forte accelerazione a partire dagli anni novanta), dati che rimangono comunque distanti da quelli europei (92-95%) 23. I paesi più colpiti 20 Sen, A. (1990), Justice: Means versus Freedom, in "Philosophy and Public Affairs" 21 Commissariat au Plan Marocco, UNDP, Global Education Digest - Data Tables 2006, UNESCO Institute for Statistics (UIS) 7

8 sono il Marocco (anche a causa dell'alta percentuale di popolazione che vive nelle zone rurali) e l'egitto, mentre i risultati migliori sono stati ottenuti da Giordania, Turchia e Siria. Il potere delle donne di prendere decisioni è un elemento importante. Studi empirici 24 hanno dimostrato che quando le donne hanno la possibilità di gestire il reddito si riscontra un miglioramento della salute dei bambini, dal momento che vengono investite maggiori somme nella nutrizione, salute e casa. Questo ha ispirato i progetti di microcredito che prevedono le donne come destinatari. Le bambine e le ragazze ricevono un beneficio quando la nonna è titolare di una pensione di anzianità. Studi empirici dimostrano che questo beneficio non è lo stesso se i titolari della pensione sono i nonni, e lo stesso rapporto di causa-effetto non è riscontrabile nel caso dei ragazzi. In breve, si può riassumere dicendo che, da un lato, l'autonomia decisionale delle donne ed un equo trattamento all'interno della famiglia sono potenti mezzi per eliminare alcuni fenomeni macroscopici nei confronti delle donne nelle aree rurali; dall'altro, se l'autonomia della donna non è soddisfatta è necessario diffondere e generalizzare le infrastrutture per l'educazione, la salute, sicurezza sociale (benefit e pensioni). Lo status delle donne nelle piccole e piccolissime imprese e nel settore informale Il settore informale è la seconda giustificazione per azioni specifiche verso le donne. Si tratta di un settore generalmente localizzato nelle città e nelle periferie urbane, che cresce in fretta a causa della migrazione rurale verso le campagne, le conseguenze dell'apertura dei mercati e la riduzione della spesa pubblica per la creazione di posti di lavoro. E' interessante osservare il ruolo delle donne, perché se questo venisse rafforzato permetterebbe un importante progresso nel superamento delle discriminazioni. La definizione di settore informale dipende dalle legislazioni dei singoli paesi. Se si adottano dei criteri minimali si può parlare di settore informale nel caso di imprese non registrate o imprese solo nominali, ovvero imprese registrate ma senza impiegati permanenti (registrati). Queste micro imprese lavorano essenzialmente nel commercio, nel settore del metallo e delle riparazioni, nel tessile, abbigliamento e nel cuoio), ristorazione e altri servizi legati al turismo. Le attività si svolgono spesso in una stanza o in un appartamento privato. FEMISE 25 ha svolto un'indagine, effettuando anche interviste ai lavoratori coinvolti, sulle piccole e piccolissime imprese in Turchia, Libano, Marocco ed Egitto, con un'attenzione particolare alle donne imprenditrici. In sintesi, le principali caratteristiche delle donne in queste attività sono: quando sono imprenditrici, le relative imprese hanno una piccola capitalizzazione, che nel 90% dei casi deriva da un'eredità o da risparmi personali. Due terzi di queste donne affrontano significativi rischi personali; la principale difficoltà è l'accesso al finanziamento, sia pubblico che delle banche, dunque il principale canale è il microcredito, disponibile in molte banche. Tuttavia, molte donne intervistate sottolineano come la complessità delle procedure sia un grosso ostacolo; le donne intraprendono un'attività indipendente per motivi negativi (salari bassi, cattive condizioni di lavoro) e perché ritengono di non avere alternative, il che è più frequente che per gli uomini, che invece lo fanno per sviluppare competenze acquisite precedentemente; più della metà di queste donne non ha meno di 40 anni, dunque intraprende un'attività quando i figli hanno almeno concluso il ciclo di istruzione primaria e quando è riuscita a mettere insieme il capitale necessario. Nelle grande maggioranza dei casi queste donne 24 UNIFEM, Progress of the World s Women (New York: UNIFEM, 2000). 25 Femise Report on the Euro-Mediterranean partnership,

9 continuano ad assumersi le responsabilità familiari, ma riconoscono che quest'attività ha migliorato significativamente il loro status (nonostante molti casi di molestie al lavoro); la mobilità è debole per il 90% delle donne che mettono su l'attività nello stesso luogo in cui sono nate (ma è più o meno lo stesso per gli uomini); il salario mensile è il 30% più basso di quello medio di una piccola impresa; le ore di lavoro giornaliere sono 6,5; due terzi delle donne intervistate dichiarano che potrebbero sviluppare un'attività se avessero un aiuto o un supporto; la maggioranza di queste donne sono madri, e maggiore è lo sviluppo del paese maggiore è la loro autonomia. Per lavorare le donne chiedono il permesso a mariti, padri o fratelli, ma questo tipo di permesso è più richiesto nelle aree urbane che in quelle rurali. Ciò significa che qui le donne hanno maggiori responsabilità verso le loro famiglie, di conseguenza è più facile per loro, nel caso venissero soddisfatti i bisogni di base, prendere iniziative; in via generale, le imprenditrici in questo settore sono analfabete o hanno un basso livello di educazione (ad es. Egitto e Marocco), ma questo non è generalizzabile (ad es. non è così in Turchia e Libano); le imprenditrici hanno seguito meno corsi di formazione (il 90% non ne ha seguito e non ne ha cercato) delle omologhe impegnate nel settore formale (fanno eccezione Marocco e Libano), ma la domanda è alta, e le intervistate dichiarano di aver (avuto) bisogno di un qualche tipo di consulenza. Queste riflessioni portano a due conclusioni. In primo luogo incoraggiare le donne (in particolar modo quelle che dirigono le imprese) in questo settore è un'azione specifica da portare avanti, con il doppio vantaggio di incrementare le entrate delle famiglie e modificare gli stereotipi. Inoltre, formalizzare questo settore senza compiere, allo stesso tempo, sforzi di consolidamento della popolazione, può rallentare la sua espensione, mentre è stato uno degli elementi di dinamismo degli ultimi anni. Case studies In questo contesto si inseriscono le cinque testimonianze 26 raccolte dalla giornalista free lance e referente ASVI per il Mediterraneo Sara Laurenti. Una doverosa premessa. Le donne intervistate appartengono ad un'area geografica circoscritta, Israele e i territori palestinesi. I criteri di scelta rispondono sia ad esigenze di raggiungibilità, sia alla volontà di mostrare il maggior numero possibile di interpretazioni e sfumature che si possono attribuire al concetto di leadership in queste terre. Le intervistate sono due palestinesi, una cristiana e l'altra musulmana, due israeliane, una cristiana e l'altra ebrea ortodossa, e un'italiana atipica, sposata ad un ebreo israeliano e residente da anni in Israele. Hanno un vissuto e un background molto diversi, e dai loro racconti sembra a volte che provengano da paesi completamente diversi. Un tratto comune a tutte le interviste è la percezione della gravità della situazione politica e sociale, soprattutto dalla seconda intifada in poi. Le tensioni, la guerra strisciante, le umiliazioni si ripercuotono soprattutto su donne e bambini, con il risultato che spesso sono stati vanificati i progressi sociali conquistati nei decenni precedenti. Un altro tratto in comune è una certa sensazione di ineluttabilità del conflitto israelo-palestinese, e dello stallo che caratterizza questo momento storico. Vorrei a questo punto passare in rassegna brevemente le esperienze, per provare a delineare, in conclusione, possibili strategie per rafforzare la situazione di altre donne come loro. 26 Le interviste sono state effettuate fra il 10 e il 23 ottobre in diverse località di Israele e dei territori palestinesi. 9

10 1. Hanan Ashrawi (West Bank, 1946,), cristiana, delegata ufficiale della delegazione palestinese al processo di pace per il Medio Oriente durante la prima Intifada (1991), membro del Parlamento palestinese, ex ministro Educazione e Ricerca, studiosa di letteratura (dottorato in letteratura medievale in Virginia) e oggi fondatrice e segretario generale dell'ong The Palestinian Initiative for the Promotion of Global Dialogue and Democracy, MIFTAH. Ci ha parlato della società patriarcale, conservatrice, oppressiva a causa, tra varie ragioni, anche della religione musulmana che permea in modo totale la vita delle donne palestinesi. Donne che hanno scritto un pezzo di storia e di emancipazione a cominciare dagli anni Venti, poi si sono unite al movimento femminista internazionale degli anni Settanta e poi hanno fatto sentire la loro voce con la prima intifada negli anni Ottanta. Dopo quel momento c'è stata una regressione e all'aggravarsi del conflitto Palestina-Israele, e le donne sono state progressivamente escluse dal contesto politico. E anche se oggi qualche donna è presente a livello istituzionale, non lo è di certo a livello decisionale (ancora oggi le chiedono di entrare a fare politica, lei ha sempre rifiutato, tranne quella volta, perché non c'è possibilità di decidere il proprio staff e l'agenda politica). Oggi più che mai nella società palestinese c'è un atteggiamento discriminatorio, competitivo e aggravato dalla presenza di Hamas, che non crede nel valore della donna e la ritiene inferiore, non crede nell'uguaglianza dei sessi. Inoltre l'indurimento del conflitto e l'occupazione continua a esasperare gli animi di padri, mariti, figli, e le umiliazioni che subiscono investono le madri, le spose, le figlie. La donna è vittima sempre. A proposito di leadership, afferma che in questo contesto così difficile e imprigionante per la donna palestinese, strumenti come la formazione alla pari e e-learning sarebbero auspicabile, anche perché nonostante le repressione le donne hanno accesso alle nuove tencnologie. Auspica riforme per far sì che le donne non siano penalizzate, e le donne che siano presenti nelle università e in altri luoghi pubblici. Lei è riuscita a raggiungere i vertici politici perché è sempre stata determinata, fiduciosa in sé stessa, preparata. Ma serve che questo non sia un'eccezione in questa società ma la regola. 2. Zahira Kamal (Gerusalemme, 1946) musulmana, vive a Ramallah, attivista per il Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina, ex Ministro degli Affari Femminili dell'autorità Nazionale Palestinese dal 2003 al Oggi direttrice del centro studi International Women s Commission for a Just and Sustainable Palestinian-Israeli Peace (IWC, nata sotto l'unifem). La donna che abbiano incontrato è una persona molto forte, dice che nel 2006 è stata portata avanti una grande campagna per dare visibilità alla donna nella vita politica palestinese. E una legge ha garantito che il 20% dei seggi in parlamento dovevano essere destinati alle donne. Oggi è stata modificata la legge anche a livello locale, e ben tre sindaci in Palestina sono donne (una è il sindaco di Ramallah). Le donne oggi vogliono essere decision e policy makers. Anche nel mondo del non profit la maggioranza è donna. Una delle cause che vede nel non sviluppo della donna è la cultura tribale, che non le favorisce e che mette in luce solo gli uomini. Qualche secolo fa le donne avevano lo stesso livello di istruzione degli uomini, è quindi necessario tornare a quel livello e a quella cultura, mentre a suo parere l'islam non vieta alle donne di emanciparsi. A proposito della leadership, la Kamal affronta il tema in modo molto complesso e ricco di spunti originali. Inizia con l'affermare che oggi circa il 53% degli studenti è donna, e sono estremamente consapevoli dei loro diritti. Molte provengono dalle zone rurali della Palestina. Non è facile cambiare abitudini, ma è possibile. Dice che è necessario vedere la pazienza come un'arma e non come una debolezza, perché si può pretendere tutto subito. 10

11 Zahira Kamal crede molto nella partnership della società civile, nella trasparenza e nella accountability, ed è quello che cerca di fare ora nelle ong come ha cercato di fare in politica, anche se spesso gli uomini ignorano i diritti delle donne e bisogna imparare a convincerli. Una donna leader non è solo colei che ha carisma, ma che è anche capace di tenere insieme le persone, valorizzare le differenze, incoraggiare le loro intuizioni (lo ha imparato quando insegnava a scuola fisica e chimica). Non è importante il risultato, ma il processo mentale che si elabora per arrivare al risultato. Una leader è colei che ha capacità, carisma, competenze, professionalità, che studia si informa, non dà nulla per scontato. Io provengo da una cultura scientifica dice, ma sono arrivata ad essere un'esperta di problematiche femminili. Quindi se si vuole si può arrivare ovunque. Bisogna con umiltà e modestia, creare networking e farsi aiutare da chi sa più di te, da chi può insegnarti, imparare a condividere i saperi. Oggi le donne hanno chiesto al governo di Abu Mazen di essere presenti a qualsiasi negoziazione di pace tra Palestina e Israele (International Women s Commission for a Just and Sustainable Palestinian-Israeli Peace). Secondo lei, inoltre l'anp [Autorità Nazionale Palestinese, nda] è molto più democratico dello stato di Israele (che discrimina etiopi, europei dell'est, minoranze). Il dialogo fra le due parti c'è ma non è facile, ma come palestinesi devono essere convinte di voler crescere e di voler contare sempre di più. Per quel che riguarda le tecnologie, ci dice che durante la seconda intifada molte donne hanno comunicato con i loro professori universitari tramite internet, che le donne usano proprio per mettersi in connessione, mentre gli uomini per lo più per gioco e svago, e bisogna incoraggiare. Le nuove tecnologie sono il futuro, e non crede che gli uomini impediscano alle donne di frequentare corsi di computer. Esprime infine la necessità di effettuare ricerche statistiche precise per capire quante donne hanno realmente accesso all'istruzione e alle nuove tecnologie. 3. Samar Sahaar (Betlemme, 1961), cristiana, vive a Betania, direttrice del Lazarus Home for Girls (la Casa di Lazzaro per ragazze), e prima dell'orfanotrofio maschile Jeel al Amal ("Generazione della speranza") Una lunga esperienza nella gestione di orfanotrofi, prima quello maschile assieme alla sua famiglia, adesso quello femminile, in un territorio segnato da povertà e disoccupazione, in cui le prime vittime sono spesso donne, ragazze e bambine, abbandonate da famiglie indigenti o abusate. Spesso osteggiata, perché accusata di ospitare le donnacce e per il suo rifiuto di indossare il velo, la Sahaar porta avanti il suo lavoro di recupero di più di trenta ragazze dai tre ai quindici anni, oltre alle ragazze madri, coopera con altre donne in progetti di dialogo interreligioso [vedi progetto Bread for peace di Angelica Edna Calò Livné, nda], e sogna di costruire accanto alla scuola un ambulatorio medico. Sulla leadership femminile afferma che si è più a un livello di empowerment e la leadership è ancora lontana. Dice che è un problema prima di tutto di autostima, da sempre le ragazze, e anche le sue orfane, non sono assolutamente coscienti delle loro potenzialità e capacità sempre in famiglia viene detto loro che non sono in gradi di fare questo o quello (ci ha fatto alcuni esempi: una bambina che diceva sempre che voleva fare la mamma perché il suo papà le diceva che doveva fare quello. Lei le proponeva di fare la mamma e la maestra, ma lei continuava a dire che doveva fare la mamma e basta. Un'altra ragazza era triste perché ha 25 anni e non è ancora sposata, si sentiva vecchia e sua cognata la rimproverava perché non era ancora sposata). Samar aggiunge che a Betania anche le famiglie che hanno soldi e che mandano le figlie a studiare nelle scuole migliori le ritirano intorno ai quindici anni, e a diciassette vogliono che si sposino. Per quel che riguarda le nuove tecnologie dice che le donne hanno difficoltà di accesso. Ad esempio ad Hebron un'organizzazione ha aperto un centro per insegnare a usare il computer, ma mentre la classe maschile era sempre piena quella femminile invece quasi sempre vuota. Padri e fratelli non vogliono e non permettono alle madri e sorelle di frequentare centri di formazione. 11

12 Sottolinea infine il bisogno di dare fiducia a queste donne e di aumentare la fiducia in loro stesse. Ma è un lavoro lungo e faticoso. 4. Angelica Edna Calò Livné (Roma, 1955), a vent'anni si trasferisce nel kibbutz di Sasa, Nel 2003, Angelica e Yehuda danno vita a Beresheet LaShalom ( un inizio per la pace ), una fondazione che sceglie come obiettivo l educazione alla pace soprattutto attraverso il teatro, facendo recitare insieme ragazzi ebrei, cristiani e musulmani. Nel 2005 conosce Samar Sahaar, con cui avvia il progetto Bread for peace, donne musulmane, ebree e cristiane, sia israeliane che palestinesi, lavorano assieme a Betania dove Samar ha un forno. La Livné sottolinea come il fondamentalismo (di matrice islamica) richiami altro fondamentalismo (religioso), ad esempio quello degli ebrei ultraortodossi ebrei, che non uccidono ma contribuiscono, assieme agli estremisti islamici, ad affermare sempre di più una cultura della chiusura e del non dialogo. E non c'è in questo momento speranza di apertura. Purtroppo le prime vittime sono le donne sia in una cultura che nell'altra. Donne chiuse in casa nella cultura islamica, donne costrette a lavorare (gli uomini studiano la torà e non lavorano) oltre a fare moltissimi figli. Di conseguenza sono soffocate da tutte queste attività. A proposito di leadership sostiene che strumenti come la formazione di formatori o il peer to peer learning siano soluzioni ideali. Aggiunge infine, per quel che riguarda la situazione del suo territorio, che le donne musulmane nel nord [alta Galilea, nda] sono più emancipate anche perché in contatto con la società israeliana, e si potrebbe iniziare da quelle zone. 5. Ruthi (Gerusalemme, 1957), ebrea ortodossa (gli ultraortodossi sono il 20% a Gerusalemme), con dieci figli, la più piccola ha cinque anni, il più grande ventotto. È una donna molto sicura che dice di non avere dubbi, ma anche di non avere tutte le risposte. Sa però che esiste la risposta, e la cerca con il confronto col marito e nella Torah. È una donna serena, che frequenta la scuola della Torah ed ha una sua vita sociale. Afferma innanzitutto che un'importante differenza fra lei e la donna occidentale sta nel prevenire piuttosto che curare. Perché conoscere, incontrare, frequentare altri uomini se non il proprio marito? Non serve. Siamo umani, siamo deboli ed è meglio non cercare la tentazione. Né lei né le sue figlie non danno la mano agli uomini che non fanno parte della famiglia. Le sue figlie sono ragazzine timide, ma serene. Gli unici approcci con gli uomini maschi sono quelli con i fratelli, e con gli estranei ci saranno quando avranno un'età da marito, dai diciotto anni in poi. Non occorre molto per capire se puoi amare un uomo continua, a me sono bastate due settimane. Uscivamo, facevamo passeggiate e ora siamo sposati da quasi trenta anni felicemente. Mentre suo marito insegna alla Shivà, la scuola rabbinica, Ruthi sta in casa con i suoi figli. È realizzata nel portare avanti la sua famiglia, che non significa le pulizie, le faccende di casa, ma la crescita dei figli, aiutarli a diventare grandi. [Con loro appunto previene, cerca di dare regole chiare, perché la cosa importante è che abbiano punti di riferimento forti, nda] Ruthi è laureata in matematica, e sa di essere intelligente, ma sa anche che il suo primo compito è l'essere moglie e madre, e solamente dopo viene tutto il resto. Aggiunge che non potrebbe mai sacrificare una vita per la carriera e non rispondere alla vocazione di sposa e madre, per nessuna cosa al mondo. Dio ci ha fatto per rispondere alla sua chiamata. Sul conflitto israelo-palestinese spiega di vedere il popolo di Israele come il popolo eletto. E per questo esso ha più responsabilità di fronte a Dio. Per questo motivo è giusto e suo diritto essere sulla terra che Dio diede in eredità ai loro padri. Come israeliani si sentono odiati dagli arabi, che lei definisce loro cugini [per essere discendenti di Ismaele, mentre gli ebrei discendenti di Isacco, nda] ma non c'è soluzione, non ci sarà mai pace. Lo dice anche la Torah: quando uno sarà elevato l'altro sarà abbassato. 12

13 Discutendo sulla leadership, afferma sicura che per lei la donna deve essere leader nella sua casa, non altrove e deve essere modesta, non parlare in pubblico, ma essere riservata, arrivare un attimo dopo l'uomo. Quindi non crede alla leadership femminile nei luoghi del potere, né nell'essere troppo presente in pubblico. Conclusioni Come si può notare, sono tanti i modi di intendere la leadership, e tante le culture da cui questi modi derivano. Pur non volendo generalizzare e considerare assoluti gli elementi emersi da queste interviste, non si possono non tenere in considerazione, in qualsiasi intervento si voglia proporre, i tempi, i difficili equilibri e le culture locali. Dalle interviste emerge anche quanto ci sia bisogno di strumenti innovativi in molte aree, specie quelle rurali, per riuscire a portare informazioni, esempi, partnership, o semplicemente l'alfabetizzazione e un livello minimo di educazione e formazione. Premesso che un reale processo di emancipazione e di sviluppo umano dovrebbe partire dalla massiccia creazione di infrastrutture sociali, da una presenza non meramente ornamentale delle donne nelle istituzioni, dalla modifica delle legislazioni che non equiparano lo status giuridico delle donne a quello degli uomini, o ad una effettiva applicazione delle pari opportunità, laddove formalmente presenti, si è cercato in questa sede di confrontare le esigenze delle donne che abbiamo ascoltato con i progetti già messi in atto, per cercare di capire, pur partendo da rilevazioni empiriche, quali strumenti dovrebbero essere utilizzati o potenziati, in che modo e all'interno di quali dinamiche. L'Unione Europea è il maggior finanziatore mondiale dell'aiuto allo sviluppo 27, e anche nel Mediterraneo, se parliamo di interventi di cooperazione, dobbiamo prevalentemente considerare il partner comunitario. Con la Dichiarazione di Barcellona 28, del 1995, è stato istituito solennemente un partenariato globale tra Europa e Mediterraneo, per fare di tutto il territorio uno spazio di pace, dialogo politico e cooperazione. Il processo di Barcellona si snoda attraverso tre assi: quello politico e di sicurezza, quello economico e finanziario, quello sociale, culturale e umano. Proprio attraverso quest'ultimo sono stati finanziati e portati avanti i progetti di cooperazione allo sviluppo, tra i quali molti rivolti al miglioramento della condizione femminile. I programmi MEDA I e II sono stati, fino alla nuova riorganizzazione dei fondi strutturali avviata quest'anno, strumenti importanti per il finanziamento dei progetti, e in particolare il secondo ha implementato ufficialmente la questione di genere al suo interno, e ha favorito, oltre alla classica cooperazione nord-sud, anche quella sud-sud, dunque una più efficace integrazione e collaborazione regionale e un utile punto di partenza per la costruzione di partnership fra donne della stessa regione. Fra gli obiettivi dichiarati del processo di Barcellona vi è l'innalzamento dei livelli educativi nell'area, partendo innanzitutto dalla formazione professionale, dall'utilizzo delle tecnologie nell'educazione e dall'università. Tutto questo con una particolare attenzione al ruolo della donna, e all'utilizzo di approcci moderni nella realizzazione dei progetti educativi. In particolare, nel documento Five-year work plan, adottato durante il vertice dei Capi di Stato e di Governo, tenutosi a Barcellona nel novembre 2005, si mette l'accenno su alcune misure pratiche per incrementare la partecipazione delle donne (...) nelle posizioni politiche, sociali, culturali ed economiche 29. Fra questi, le tecniche di self-learning e l'utilizzo delle tecnologie informatiche e della comunicazione per progetti di e-learning OECD DAC Development Co-operation Report Barcelona Declaration and Euro-Mediterranean partnership, adopted at the Barcelona Euro-Mediterranean Ministerial Conference of 27 and 28 November Five-year work plan, November Metodo di insegnamento che utilizza le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) per fornire ed accedere a dei supporti educativi a distanza, in particolare tramite internet (definizione UNESCO). L'UNESCO ha anche pubblicato una guida su questo metodo, Teacher Development in an E-learning Age, a Policy and Planning 13

14 Questi ultimi due strumenti paiono effettivamente adeguati ad aree con una minima infrastruttura tecnologica per quel che riguarda l'e-learning, e sociale per il self-learning o il cosiddetto peer to peer learning, metodi in cui è importante l'aspetto relazionale della donna con altre persone, magari esse stesse donne, eventualmente già formate. Diversi progetti realizzati negli ultimi dodici anni 31 hanno effettivamente implementato queste tecniche, e l'auspicio di chi scrive è che questa tendenza venga confermata, soprattutto quando le beneficiarie vivono in aree rurali o in zone ad alto degrado. Trattandosi infatti di un tipo di intervento flessibile e spesso informale, risulta particolarmente adatto in quei contesti sociali chiusi in cui è difficile superare le barriere culturali e l'eventuale opposizione degli uomini all'educazione e formazione delle donne. Una caratteristica che accompagna molti progetti rivolti alle donne è l'utilizzo del microcredito 32 come mezzo di finanziamento. Le statistiche di questo strumento di sviluppo economico evidenziano come la grande maggioranza dei beneficiari di queste piccole somme, concesse per progetti di educazione e micro imprenditorialità, acquisto di una casa o il semplice superamento di un momento di difficoltà economica, siano donne. Questo è stato all'inizio il risultato di una scelta politica precisa, ma successivamente la naturale conseguenza di un'eccezionale affidabilità delle beneficiarie nella restituzione del denaro. Le attività finanziate vanno dal supporto alle microimprese, sia in fase di start up che di consolidamento, al sostegno economico di corsi di formazione. Hanno normalmente target e condizioni specifici, come ad esempio i numerosi progetti in cui il prestito è vincolato al garantire un'educazione alle figlie, o al fatto che sia la donna a gestire il denaro e l'attività economica. Solo da questi elementi si può capire come il microcredito sia un potentissimo mezzo per favorire il protagonismo e l'autonomia decisionale delle donne, conquistati, o conquistabili, non in nome di un'emancipazione spesso percepita come un valore occidentale, ma tramite una soluzione e un sostegno ai problemi concreti e quotidiani vissuti dalle beneficiarie. Se poi si aggiunge il fatto che molto spesso in questo tipo di progetti si utilizza come garanzia, in assenza di quella economica tradizionale, la responsabilità di una comunità più o meno ampia che risponde in solido dell'obbligazione in caso di insolvenza, si inserisce un importante elemento sociale. La comunità, specie nelle aree rurale, è un valore imprescindibile, e il suo coinvolgimento ha il duplice risultato di rispettarne l'importanza e valorizzarne il ruolo. In questo modo è possibile, per le donne, ottenere a volte dei risultati concreti, ma soprattutto sperimentare un nuovo tipo di relazione con gli altri, e magari creare quelle reti così importanti con altre donne, in virtù della piccola porzione di potere che hanno conquistato gestendo il denaro. Si ritorna quindi a quella definizione essenziale che avevamo provato a fornire all'inizio di questa relazione, e possiamo così verificare, come è emerso dalle interviste, che la leadership è un concetto elastico, e non ad esclusivo appannaggio di un determinato tipo di società. Un'ultima riflessione riguarda il rispetto per le culture locali, che come si è visto è un elemento ineludibile per chiunque si voglia confrontare con queste realtà, e progetti per il miglioramento delle condizioni delle donne. Purtroppo è labile il confine fra un'imposizione, anche soft, di un modello culturale altro, e la volontà di cambiare le cose rispettando le tradizioni locali. Per questo è Guide, editore Paul Resta, Si considerino, a titolo d'esempio: Prevention of Foodborne Disease del Department of Health in South Africa (progetti di peer-learning sulla sicurezza alimentare); The Euro-Mediterranean Youth Programme (utilizzo del peer-learning); AVICENNA - Virtual Campus for Open Distance Learning (progetto comunitario per la diffusione delle migliori tecnologie di e-learning nei paesi della sponda sud del Mediterraneo); Glocal youth , progetto comunitario rivolto ai giovani dei paesi mediterranei, membri e non, per migliorare la conoscenza reciproca (e-learning); l'importante esperienza di insegnamento universitario, anche a distanza in modalità e-learning, della Al-Quds Open University, nata nei territori palestinesi ma che ha il suo bacino di utenza in tutto il mondo arabo. 32 Nasce in Bngladesh nel Muhammad Yunus, docente universitario di economia, fonda nel suo paese la prima istituzione finanziaria interamente dedicata al microcredito, la Grameen Bank, che attualmente ha 7,31 milioni di beneficiari del suoi prestiti, di cui il 97% donne (Grameen Bank Annual Report 2005). 14

15 fondamentale che ogni intervento, sia esso una modifica legislativa, un programma o un progetto, siano percepiti dalle donne, soprattutto negli ambienti più poveri, come un contributo significativo alla soluzione di problemi concreti e al benessere della famiglia, e non solo come un passo verso la loro libertà individuale. Contemporaneamente, è importante che i passi avanti si compiano, e che le donne abbiano sempre più consapevolezza di sé stesse, delle proprie opportunità e delle scelte che possono fare. E' una sfida politica, sociale ed etica complessa, e in questa analisi non si vuole suggerire una ricetta univoca. Forse una strada è dare fiducia alle stesse donne che si pretende di aiutare, ascoltarle, farle parlare tra di loro, e utilizzare, come ha affermato Zahira Kamal nella nostra intervista, la pazienza come un'arma. Questo testo viene rilasciato sotto la licenza Creative Commons Attribuzione- Condividi allo stesso modo. Significa, in breve, che può essere riprodotto, distribuito, e modificato liberamente, ma non a fini commerciali e purché si citi l'autrice, Claudia Firino. Il testo riprodotto, distribuito o modificato deve essere rilasciato sotto un'identica licenza, inserendo quindi la presente dicitura. Per leggere una copia della licenza visitare il sito web 15

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Quale evoluzione nelle aziende europee? II edizione - Dicembre 2010 Autori: Sara Faglia Federico Pezzolato Kristina Svanteson INDICE Principali

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli