Leadership Judgement Indicator

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leadership Judgement Indicator"

Transcript

1 Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012 Sesso Titolo di studio Inquadramento maschile diploma impiegato

2 Introduzione Questo - pensato per essere utilizzato nell ambito di un programma di sviluppo della leadership - è stato generato a partire dalle risposte fornite al Leadership Judgement Indicator (LJI). In generale, i punteggi ottenuti al LJI forniscono un indicatore della qualità della leadership e riflettono quanto accuratamente una persona ha valutato le situazioni decisionali che le sono state sottoposte e quanto è stata abile nell individuare le risposte più appropriate. In particolare, il test richiedeva di mettersi al posto della figura leader protagonista dei 16 scenari proposti e decidere sull adeguatezza dei diversi modi di affrontare le varie situazioni. Punteggi elevati sono indicativi di una migliore qualità della leadership. Nota per l assessor: questo report è direttamente rivolto alla persona che ha sostenuto il test e pensato perché ne possa prendere visione. È tuttavia importante che sia prima esaminato dall assessor stesso; in particolare, nella sezione 5 (Validità dei risultati), viene esplicitamente dichiarata l importanza di coinvolgere l assessor nella discussione del profilo. Il report è suddiviso nelle seguenti sezioni: 1. Regole e principi del modello di leadership Formula 4: sono riportati regole e principi del modello di leadership cui il test si riferisce, per facilitare la progettazione di interventi di potenziamento della leadership del soggetto sulla base di quello che è il profilo emerso. 2. Profilo generale: vengono riportati in forma numerica e grafica i risultati ottenuti dal soggetto ai diversi stili e il punteggio complessivo di leadership. 3. Punteggi di giudizio: esaminano quanto la persona che ha sostenuto il test sia abile nell identificare le strategie più promettenti, cioè quanto è capace di adattare la scelta dello stile di leadership alle richieste di ogni situazione. L accuratezza nella valutazione è rappresentativa del grado in cui le risposte del soggetto concordano con il modello di leadership Formula Punteggi di preferenza: indicano quanto la persona usa un particolare stile di leadership, invece di un altro. Ad esempio, si può seguire decisamente un orientamento direttivo e raramente adottare una strategia di leadership delegativa. 5. Validità dei risultati: mostra il modo in cui è stata usata la scala di valutazione, tenendo conto che il sovra o sottoutilizzo di alcune modalità di risposta possono influenzare l affidabilità del profilo. pag. 2 di 15

3 Utilizzo del report Le decisioni basate sui risultati ottenuti dalla somministrazione del LJI devono essere prese con il supporto di professionisti qualificati. Qualsiasi testo contenuto in un report computerizzato va, infatti, considerato come un ipotesi, che deve essere confermata da altre fonti di informazioni, quali il colloquio o ulteriori strumenti d indagine. Il contenuto di questo report è riservato e deve essere trattato in modo assolutamente confidenziale e rispettoso della privacy del soggetto. È inoltre importante tener presente che: i risultati al test sono basati sulla descrizione che la persona ha dato del proprio comportamento, cosa che non necessariamente riflette come gli altri la vedono. La precisione dei risultati dipende quindi dalla franchezza con cui la persona ha risposto agli item e dal suo grado di consapevolezza di sé; non vi sono aspetti giusti o sbagliati nel comportamento di una persona: lo stile di ciascuno ha i propri vantaggi e svantaggi, ma sicuramente certi aspetti si confanno meglio di altri a certe attività, ruoli o mansioni; i risultati a un test psicometrico come il LJI consentono di fare delle previsioni attendibili su come la persona si comporterà in una gamma sufficientemente ampia di situazioni. pag. 3 di 15

4 1. Regole e principi del modello di leadership Formula 4 L LJI è stato sviluppato nell arco di più di un decennio da Formula 4 Leadership, centro britannico di eccellenza nel campo dello sviluppo e della valutazione della leadership, quale strumento utile per il benessere e il rendimento in ambito organizzativo. Il LJI si fonda pertanto su un modello scientifico che descrive la leadership a partire dalla relazione tra il leader e i suoi collaboratori. Ciò che viene esaminato, in particolare, è la modalità con cui il leader prende delle decisioni nelle diverse situazioni organizzative. Regole del modello di leadership Formula 4 Le seguenti regole indirizzano l energia e il tempo del leader verso il raggiungimento di risultati ottimali. Un leader efficace considera sempre il grado di importanza della decisione da prendere; valuta se la decisione da prendere offre un opportunità di sviluppo per il proprio gruppo di lavoro; si accerta che le decisioni importanti siano seguite dai collaboratori più qualificati; segue da vicino le decisioni importanti che riguardano questioni non usuali e poco familiari; cerca di stabilire un clima d interesse comune, in maniera tale che i collaboratori condividano gli stessi obiettivi dell organizzazione; coinvolge il team per migliorare la qualità tecnica delle decisioni quando sono richieste ampiezza di informazioni e molteplicità di prospettive; utilizza le risorse adatte a migliorare la qualità tecnica delle decisioni quando è necessario applicare un ragionamento complesso; valuta la propria prestazione in rapporto a tali regole nel breve, medio e lungo termine. Principi del modello di leadership Formula 4 1. Nessuno stile di leadership è universalmente applicabile a tutte le situazioni decisionali. 2. Nessuno stile di leadership è intrinsecamente superiore agli altri. 3. Il leader efficace adatta il proprio stile alla natura del compito e alle caratteristiche dei collaboratori. 4. Ogni situazione decisionale può essere sistematicamente valutata per determinare lo stile di leadership più adeguato. 5. La leadership efficace richiede una preparazione ad adottare diversi stili decisionali. Di seguito sono brevemente presentati gli stili di leadership definiti dal modello Formula 4. Ciascuno di essi ha i propri punti di forza e di debolezza, nessuno essendo universalmente applicabile ma profondamente legato alla situazione che il leader deve affrontare. pag. 4 di 15

5 Stile DIRETTIVO Prendo la decisione sulla base delle mie idee SENZA ASSISTENZA Risolvo il problema o decido sulla base delle informazioni che sono già in mio possesso. CON ASSISTENZA Ottengo le informazioni necessarie dai collaboratori e quindi decido da solo la soluzione del problema. Stile CONSULTIVO Prendo la decisione sulla base delle nostre idee INDIVIDUALE Condivido il problema con i collaboratori individualmente, ascoltando le loro idee e suggerimenti, poi decido. DI GRUPPO Condivido il problema con i collaboratori in una riunione collettiva. Ascolto le loro idee e suggerimenti e poi decido. Stile CONSENSUALE Prendiamo la decisione sulla base delle nostre idee GUIDATO Condivido il problema con i miei collaboratori in gruppo. Coordino e guido la discussione. Generiamo e valutiamo insieme le alternative e tentiamo di raggiungere un accordo sulla soluzione. GIOCATORE DI SQUADRA Condivido il problema con i miei collaboratori mentre cerchiamo di raggiungere un accordo sulla decisione, alternando la conduzione della discussione o lasciando la stessa senza una guida. Stile DELEGATIVO Prendi tu la decisione sulla base delle tue idee INFORMATO Fornisco ai collaboratori tutte le informazioni rilevanti in mio possesso, stabilisco criteri e obiettivi e chiedo di essere tenuto informato sul processo decisionale. I collaboratori hanno la responsabilità di risolvere il problema. TOTALMENTE DELEGATIVO Fornisco ai collaboratori tutte le informazioni rilevanti in mio possesso, stabilisco i criteri e attribuisco loro la piena responsabilità di risolvere il problema. I collaboratori si ripresentano da me quando hanno portato a termine il compito. Qualunque loro soluzione riceverà il mio supporto. pag. 5 di 15

6 2. Profilo generale Punteggi di giudizio Percentili Giudizio Complessivo 79 Leadership direttiva 52 Direttiva senza assistenza 34 Direttiva con assistenza 59 Leadership consultiva 58 Consultiva individuale 46 Consultiva di gruppo 80 Leadership consensuale 56 Consensuale guidata 50 Consensuale del giocatore di squadra 64 Leadership delegativa 84 Delegativa informata 80 Totalmente delegativa 77 Giudizio sul compito 83 Giudizio sul coinvolgimento 56 Giudizio sul potere 56 Giudizio sullo sviluppo del potenziale 75 Giudizio sull'assertività 53 pag. 6 di 15

7 Punteggi di preferenza Percentili Leadership direttiva 9 Leadership consultiva 52 Leadership consensuale 61 Leadership delegativa 60 Preferenza per il compito 18 Preferenza per il coinvolgimento 59 Preferenza per il potere 23 Preferenza per lo sviluppo del potenziale 64 Preferenza per l'assertività 24 pag. 7 di 15

8 3. Punteggi di giudizio Giudizio Complessivo 79 Leadership direttiva 52 Direttiva senza assistenza 34 Direttiva con assistenza 59 Leadership consultiva 58 Consultiva individuale 46 Consultiva di gruppo 80 Leadership consensuale 56 Consensuale guidata 50 Consensuale del giocatore di squadra 64 Leadership delegativa 84 Delegativa informata 80 Totalmente delegativa 77 Giudizio sul compito 83 Giudizio sul coinvolgimento 56 Giudizio sul potere 56 Giudizio sullo sviluppo del potenziale 75 Giudizio sull'assertività MOLTO BASSO MEDIO ALTO 91 MOLTO BASSO ALTO pag. 8 di 15

9 L abilità nello scegliere lo stile di leadership adeguato alle diverse situazioni, in accordo al modello Formula 4, esercita una notevole influenza sull efficacia personale e di squadra. Ogni scenario fornisce le informazioni utili a identificare lo stile decisionale più appropriato. Il LJI valuta la capacità di individuare le risposte più adeguate fra le alternative proposte in ognuno dei 16 scenari. Le persone che dimostrano un buon giudizio di leadership sono capaci di selezionare gli item che rappresentano la migliore possibilità, indicandoli come Fortemente adeguati mentre considerano gli item dello stesso scenario come meno appropriati. Per quanto riguarda i punteggi di giudizio, sono qui di seguito riportati i risultati riguardanti il punteggio di giudizio complessivo sulla leadership e i quattro stili principali, cui si aggiungono gli otto sottostili: 1. Leadership direttiva (decido io, sulla base delle mie idee): senza assistenza (risolvo io il problema o decido sulla base delle informazioni che sono già in mio possesso); con assistenza (ottengo tutte le informazioni necessarie dai collaboratori e poi decido da solo sulla soluzione al problema). 2. Leadership consultiva (decido io, sulla base delle nostre idee): individuale (discuto il problema con i collaboratori uno per uno, ascoltando le loro idee e suggerimenti, poi decido io); di gruppo (discuto il problema con i collaboratori in una riunione collettiva. Ascolto le loro idee e suggerimenti e poi decido io). 3. Leadership consensuale (decidiamo noi, sulla base delle nostre idee): guidata (discuto il problema con i miei collaboratori in gruppo. Coordino e guido io la discussione. Tutti insieme proponiamo e valutiamo diverse alternative e tentiamo di raggiungere l accordo su una soluzione); del giocatore di squadra (discuto il problema con i miei collaboratori, alternando la conduzione della discussione o lasciando la stessa senza una guida, mentre cerchiamo di raggiungere l accordo su una soluzione). 4. Leadership delegativa (decidi tu, sulla base delle tue idee): informata (fornisco ai miei collaboratori tutte le informazioni rilevanti in mio possesso, stabilisco criteri e obiettivi e chiedo di essere tenuto informato sul processo decisionale. I miei collaboratori hanno la responsabilità di risolvere il problema); totalmente delegativa (fornisco ai miei collaboratori tutte le informazioni rilevanti in mio possesso, stabilisco i criteri e attribuisco loro la piena responsabilità di risolvere il problema, chiedendo di ripresentarsi da me quando avranno portato a termine il compito. Qualunque loro soluzione riceverà il mio supporto). Punteggio di giudizio complessivo Hai complessivamente dimostrato di possedere buone abilità nello scegliere lo stile di leadership migliore in funzione della situazione. Questa capacità di agire opportunamente nel contesto giusto è fondamentale per essere percepito dai collaboratori come un leader efficace; affinandola ulteriormente, potrai gestire ancor meglio la presa di decisione nei diversi contesti organizzativi. pag. 9 di 15

10 Leadership direttiva In base alle risposte che hai fornito al questionario, hai manifestato una capacità media di comprendere quali fossero le situazioni in cui una leadership di tipo direttivo sarebbe stata efficace. Nelle situazioni giuste, questo stile può favorire molto il rispetto da parte dei collaboratori. In generale è uno stile che può rivelarsi particolarmente efficace quando si gestisce un gruppo di lavoro con poca esperienza o competenza, al fine di raggiungere i risultati necessari e favorire nei collaboratori lo sviluppo di un senso di sicurezza. Leadership direttiva senza assistenza Due situazioni fra quelle che ti sono state presentate richiedevano di scegliere lo stile direttivo senza assistenza come la risposta più appropriata: in entrambi i casi, non lo hai fatto. Questo significa che, benché per alcune situazioni hai informazioni ed esperienza sufficienti per adottare metodi diretti e risolutivi (con un team di lavoro che probabilmente segue le tue decisioni), sarebbe tuttavia opportuno che tu riflettessi sulle situazioni in cui i collaboratori possano apprezzare una maggiore opportunità di partecipazione. Leadership consultiva Esaminando le tue risposte agli scenari proposti, hai dimostrato un'abilità nella media nello scegliere efficacemente quando adottare lo stile consultivo; inoltre, il punteggio di preferenza indica un elevata frequenza di utilizzo di tale stile. Questo stile è particolarmente efficace per raccogliere, riordinare e coordinare le opinioni dei collaboratori, ma può diventare molto dispendioso dal punto di vista del tempo qualora tu sia responsabile di un gruppo numeroso. Quando si lavora con esperti, non sempre la sola consultazione si rivelerà sufficiente, in quanto i collaboratori potrebbero ambire ad esercitare un influenza più forte. Uno stile consensuale o delegativo possono probabilmente favorire un maggiore impegno da parte di un gruppo di questo tipo. Leadership consultiva individuale Il test proponeva, fra gli altri, due scenari che rappresentano buoni esempi di situazioni favorevoli ad un utilizzo efficace dello stile consultivo individuale. In entrambe le occasioni, li hai correttamente individuati; hai quindi dimostrato una capacità di valutazione tale da far ritenere che sei in grado di applicare tale giudizio anche nelle situazioni lavorative reali. Ti suggeriamo di riflettere sulle circostanze in cui, al lavoro, hai adottato tale orientamento e su quelle condizioni che hanno reso la strategia consultiva individuale più efficace rispetto agli altri approcci decisionali. pag. 10 di 15

11 Leadership consensuale Hai mostrato una capacità media di scegliere le situazioni in cui la scelta migliore sarebbe stata una leadership consensuale. Questo dato deve essere esaminato tenendo conto anche di una tendenza al sovrautilizzo di questo stile, che è un approccio particolarmente funzionale quando si lavora con una squadra abile nella risoluzione di problemi complessi. Se utilizzata nelle occasioni appropriate, tale strategia può condurre a decisioni condivise da tutti, permettendo un rapido sviluppo delle linee d azione; in caso contrario, può comportare un dispendio di tempo eccessivo. Il suggerimento per te è pertanto quello di riflettere sui possibili vantaggi della modalità consensuale, laddove al momento preferiresti scegliere uno stile delegativo o consultivo. Leadership consensuale del giocatore di squadra Hai saputo riconoscere e scegliere la leadership consensuale del giocatore di squadra quando richiesto dagli scenari. La consapevolezza delle condizioni adatte all adozione di tale strategia è una capacità apprezzabile che in tutta probabilità manifesti anche nelle situazioni lavorative reali. Naturalmente, scegliere di condividere il potere con una modalità talmente partecipativa e democratica non è semplice: ti si suggerisce pertanto di riflettere sulle occasioni in cui hai operato tale scelta con risultati ottimali. Leadership delegativa La leadership delegativa, adottata nelle situazioni appropriate, può condurre ad elevati livelli di motivazione, maggiore rendimento, sviluppo del gruppo di lavoro, puntualità nel raggiungimento dei risultati e più ampi margini di tempo libero da attività routinarie per il leader. Le risposte che hai dato hanno messo in evidenza che sei abile nel comprendere quali sono le situazioni in cui utilizzarla. A tale comportamento si affianca anche un elevato punteggio di preferenza che indica una propensione verso questo stile. Si può dunque ipotizzare che i tuoi collaboratori si sentano riconosciuti e soddisfatti nelle specifiche situazioni in cui hai la possibilità di delegare. Si tratta di un orientamento che rivela la sua efficacia quando si lavora con un gruppo esperto piuttosto che con uno di recente costituzione o di modeste competenze; se ne raccomanda, quindi, un utilizzo mirato e selettivo. Leadership delegativa informata In entrambi gli scenari volti a testare la tua consapevolezza delle occasioni appropriate per l utilizzo della leadership delegativa informata, hai fornito la risposta adeguata. Tale risultato indica una buona capacità di valutare la preparazione dei collaboratori e di riconoscere quando ed entro quali limiti è opportuno delegare loro scelte e responsabilità. pag. 11 di 15

12 Leadership totalmente delegativa Sei stato capace di rispondere correttamente ad entrambi gli scenari in cui la leadership totalmente delegativa rappresentava l opzione più adeguata: tale risultato fa pensare che è probabile che tu riesca ad utilizzare efficacemente tale strategia in situazioni lavorative. Per potenziarla ulteriormente, puoi provare ad aumentare la tua autoconsapevolezza su quali sono i criteri secondo cui opti per tale scelta. pag. 12 di 15

13 4. Punteggi di preferenza Leadership direttiva 9 Leadership consultiva 52 Leadership consensuale 61 Leadership delegativa 60 Preferenza per il compito 18 Preferenza per il coinvolgimento 59 Preferenza per il potere 23 Preferenza per lo sviluppo del potenziale 64 Preferenza per l'assertività MOLTO BASSO MEDIO ALTO 91 MOLTO BASSO ALTO pag. 13 di 15

14 Il punteggio di preferenza indica la frequenza con cui ciascuno dei quattro stili di leadership è stato scelto come il più appropriato. Leadership direttiva Frequenza di scelta bassa. Solo ogni tanto scegli di gestire i tuoi collaboratori in modo direttivo ; tieni conto che quando sei tu ad averne il ruolo, scegliere lo stile direttivo può essere decisamente efficace. Ti suggeriamo di considerare quale maggiore efficienza potrebbe derivare dall utilizzo di tale stile. Leadership consultiva Frequenza di scelta media. Hai dimostrato che qualche volta tendi a muoverti secondo un orientamento consultivo; è pertanto poco probabile che tu corra il rischio di apparire impositivo o di far sembrare che non mostri fiducia nel tuo gruppo. Ciononostante, sarebbe opportuna una riflessione per comprendere quanto sei abile nel riconoscere precisamente i criteri che in una situazione richiedono tale stile. Leadership consensuale Frequenza di scelta media. Le risposte che hai dato lasciano intendere che sei mediamente portato alla condivisione dei problemi con i tuoi collaboratori e a una scelta consensuale. Occorre quindi che tu rifletta sulla capacità che hai di riconoscere e adottare un atteggiamento consensuale in misura maggiore o minore in funzione di situazioni a te più familiari: per il bene dell organizzazione, alcune occasioni richiedono il livellamento del potere, altre il potere dell autorità. Dovresti quindi riflettete su quanto ti senti in grado di riconoscere le esigenze di cambiamento di stile di leadeship in modo sicuro e responsabile. Leadership delegativa Frequenza di scelta media. Scegli mediamente di muoverti secondo uno stile delegativo; pertanto i collaboratori difficilmente si sentiranno frustrati o ti percepiranno come un leader che abdica alle proprie responsabilità. Ciononostante, sarebbe importante andare più in profondità, facendo una riflessione sulla capacità di assumere un atteggiamento delegativo in misura maggiore o minore a seconda delle richieste di specifiche situazioni. pag. 14 di 15

15 5. Validità dei risultati È stato analizzato il modo in cui la scala di valutazione è stata utilizzata per giudicare l adeguatezza dei 64 item del test. Attraverso il confronto con un gruppo di riferimento è stata verificata la presenza di eventuali anomalie nei modelli di risposta. Tali informazioni possono essere utili per la rilevazione del livello di affidabilità dei risultati ottenuti. Elevata frequenza di utilizzo della modalità di risposta Adeguata (4) Le ragioni di questa tendenza possono essere molteplici: è, quindi, importante riflettere, con l aiuto del consulente, sulle motivazioni che hanno indotto tale orientamento. La validità dei risultati potrebbe essere stata intaccata; il profilo potrebbe, pertanto, non riflettere il tuo reale comportamento di leadership. Molto dipende da come sono state utilizzate le altre modalità di risposta: di conseguenza, si prenda attentamente in considerazione come tale inclinazione possa avere influenzato i risultati ottenuti. Elevata frequenza di utilizzo della modalità di risposta Totalmente inadeguata (1) Hai scelto di utilizzare la modalità di risposta Totalmente inadeguata (1) con una frequenza molto elevata. Le ragioni di questa tendenza possono essere molteplici: è, dunque, importante riflettere, con l aiuto dell assessor, sulle specifiche motivazioni personali che ti hanno indotto verso tale orientamento. La validità dei risultati potrebbe essere stata intaccata; il profilo potrebbe, quindi, non riflettere il tuo reale comportamento di leadership. Sia i punteggi di preferenza sia i punteggi di giudizio potrebbero essere stati influenzati, a meno che non ci sia una totale certezza circa l inadeguatezza di molte opzioni decisionali. Matrice delle risposte # R # R # R # R # R # R # R # R # R # R pag. 15 di 15

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso.

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [moduli operativi di formazione] Manager Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [MODULI OPERATIVI DI FORMAZIONE] MANAGER Ottenere risultati, dominare gli eventi, portare a termine le operazioni

Dettagli

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione.

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione. QUESTIONARIO SULL EFFICACIA E FLESSIBILITA DELLA LEADERSHIP Di Paul Hersey e Kenneth Blanchard ISTRUZIONI Si presume che Lei sia coinvolto in ognuna delle seguenti 12 situazioni. Legga attentamente ogni

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI ALLEGATO B Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI Il presente allegato rappresenta il risultato della procedura di concertazione di cui

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate Linee guida per la costruzione di test per la valutazione degli esiti dei percorsi di apprendimento per Coordinatori all interno delle strutture residenziali per anziani Queste linee guida sono rivolte

Dettagli

L'esame orale per il livello C1

L'esame orale per il livello C1 L'esame orale per il livello C1 In cosa consiste l esame? E' una prova orale durante la quale dovete esprimervi nella lingua dell esame: - in una situazione informale della vita universitaria in cui dovete

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO PROGETTO 2/1/1/1758/2009 Riconoscimento e certificazione delle competenze acquisite in ambiente di lavoro dagli occupati in contratto di apprendistato AzioneMacro

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06 Scelta del corso di studi (informazione) Orientamento in itinere - counseling Stage di apprendimento dell uso di strumenti informatici specifici a seconda della tipologia di disabilità Orientamento in

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE ISTITUTO SILONE San Ferdinando di Puglia STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE REPORT FINALE DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Progetto di Ricerca finanziato da: REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

dott.ssa Sofia Conterno

dott.ssa Sofia Conterno Rafforzamento delle competenze sui modelli organizzativi di gestione del personale dott.ssa Sofia Conterno Prima parte LA LEADERSHIP SITUAZIONALE LA LEADERSHIP EFFICACE UN LEADER EFFICACE HA SVILUPPATO

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

IL PERCORSO DI COACHING

IL PERCORSO DI COACHING IL PERCORSO DI COACHING UNA RISORSA PER IL CAMBIAMENTO PROFESSIONALE E IL POTENZIAMENTO PERSONALE Non c èc nulla che spaventi di più l uomo che prendere coscienza dell immensit immensità di cosa è capace

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

GPP-I. Gordon Personality Profile Inventory RAPPORTO INTERPRETATIVO. Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello

GPP-I. Gordon Personality Profile Inventory RAPPORTO INTERPRETATIVO. Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello Gordon Personality Profile Inventory Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello RAPPORTO INTERPRETATIVO Report a cura di Chiara Consiglio, Federica Di Massa e Mariella

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - Consigliere di Giunta AICQ CN Presidente della Commissione UNI per i Sistemi di Qualità La norma è intesa come un supporto per la Iso 31000 e fornisce

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

Appendice III. Competenza e definizione della competenza

Appendice III. Competenza e definizione della competenza Appendice III. Competenza e definizione della competenza Competenze degli psicologi Lo scopo complessivo dell esercizio della professione di psicologo è di sviluppare e applicare i principi, le conoscenze,

Dettagli

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche Competenze finali per le professioni sanitarie SUP Versione III 9 maggio 2011 Documenti tradotti dal testo ufficiale in lingua tedesca e francese pubblicato sul sito della Conferenza dei Rettori delle

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

JOB&ORIENTA 2015 PROPOSTA DI UNO STRUMENTO PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO ACCOMPAGNAMENTO DELLO STUDENTE ALLA VISITA AL JOB ESEMPIO DI TRACCIA

JOB&ORIENTA 2015 PROPOSTA DI UNO STRUMENTO PER LE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO ACCOMPAGNAMENTO DELLO STUDENTE ALLA VISITA AL JOB ESEMPIO DI TRACCIA Allegato 2 ACCOMPAGNAMENTO DELLO STUDENTE ALLA VISITA AL JOB ESEMPIO DI TRACCIA Premessa per i Docenti delle Scuole secondarie di secondo grado Si riporta di seguito un esempio di traccia, uno strumento

Dettagli

LA SELEZIONE DI ALLIEVI PER LA GDO

LA SELEZIONE DI ALLIEVI PER LA GDO LA SELEZIONE DI ALLIEVI PER LA GDO LE FASI E LE MODALITÀ DI INTERVENTO La nostra metodologia si sviluppa secondo due alternative (con e senza Assessment Center). Alternativa A Progettazione della Ricerca

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI Premessa Il sistema di valutazione della prestazione individuale del personale della Comunità montana del Torre Natisone e Collio si pone la finalità

Dettagli

Da Manager a Consulente

Da Manager a Consulente Da Manager a Consulente Valutare in modo consapevole un opportunità Pianificare l avvio professionale Elisabetta Castagneri - Tullio Miscoria elisabetta.castagneri@formatelier.it - t.miscoria@harrisitalia.it

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

L autoregolazione. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. Azioni orientative in aula dell apprendimento

L autoregolazione. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. Azioni orientative in aula dell apprendimento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA L autoregolazione Azioni orientative in aula dell apprendimento Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento IL QUADRO DI RIFERIMENTO La nostra

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica nell aprile 2013 I punti fondamentali

Dettagli

DIMENSIONI CRITERI INDICATORI

DIMENSIONI CRITERI INDICATORI Allegato 4 - Manerbio META EDUCATIVA: autonomia in ambito scolastico (classe 4/5 scuola primaria) DIMENSIONI CRITERI INDICATORI GESTIONALE OPERATIVA Uso degli strumenti Conoscere gli strumenti necessari

Dettagli

COME SCEGLIERE ASSISTENTE NOTARILE IL CORSO PER DIVENTARE 9 UTILISSIMI CONSIGLI PER NON SPRECARE TEMPO E DENARO!

COME SCEGLIERE ASSISTENTE NOTARILE IL CORSO PER DIVENTARE 9 UTILISSIMI CONSIGLI PER NON SPRECARE TEMPO E DENARO! COME SCEGLIERE IL CORSO PER DIVENTARE ASSISTENTE NOTARILE 9 UTILISSIMI CONSIGLI PER NON SPRECARE TEMPO E DENARO! 1 CORSO PROFESSIONALE PER ASSISTENTE NOTARILE. COME SCEGLIERE IL CENTRO DI FORMAZIONE. Il

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente ALLEGATO 1 COMUNE DI ASTI Settore Risorse Umane e Sistemi Informativi SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente 1 I N D I C E OGGETTO E FINALITA' pag. 3 LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Come progettare strategie vincenti

Come progettare strategie vincenti Come progettare strategie vincenti 1 Cosa sono le Strategie Le strategie sono una serie di step che consentono al coach e al coachee di andare verso l obiettivo in maniera consapevole e sicura. Un valido

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE La qualità del servizio passa attraverso la qualità delle persone 1. Lo scenario In presenza di una concorrenza

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE

SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Nome........ Classe. SEMPLICI INDICAZIONI PER CAPIRE MEGLIO LA REALTÀ AZIENDALE Perché perché Ci sono tanti buoni motivi per impegnarsi nello stage? Individua 3 buoni motivi per cui ritieni che valga la

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1.

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. INTRODUZIONE Nel seguente meta-codice il termine cliente si riferisce

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA. VALUTAZIONE e QUALITA'

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA. VALUTAZIONE e QUALITA' Questionari Distribuiti n 89 Elaborati n di cui in bianco n ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA VALUTAZIONE e QUALITA' ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 Rilevazione della qualità del servizio

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

12 Punti sulla via del successo

12 Punti sulla via del successo 12 Punti sulla via del successo Come anticipato nella pagina del nostro sito web (www.comincioda.ch), ti proponiamo di seguito un elenco di punti fondamentali per aiutarti ad intraprendere correttamente

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

Cooperativa Sociale ZANZIBAR

Cooperativa Sociale ZANZIBAR Cooperativa Sociale ZANZIBAR PROGETTO SLID WP4. Il Centro Lavoro Guidato come strumento per la Progettazione Professionale Disabili. Dott. Stefano Defendi 17/10/12 CLG Cooperativa Sociale Zanzibar Onlus

Dettagli

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Premessa La valutazione del grado di soddisfazione degli utenti rappresenta un importante aspetto nella gestione di qualsiasi organizzazione,

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE I FATTORI CHE ACCRESCONO L EFFICACIA DELL INSEGNAMENTO LE COMPETENZE DIDATTICHE Contrassegna con una X la casella prescelta per ogni indicatore L insegnante

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale REPORT EX ANTE 2015 Servizio civile nazionale Genere Età Titolo di studio Eventuali studi in corso IL CAMPIONE Genere VA Maschi 17 Femmine 45 TOTALE 62 Età degli intervistati 22 21 20 20 21 20 19 19-22anni

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e

Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e Unione dei Comuni di Brisighella, Casola Valsenio e Riolo Terme Sistema di valutazione della performance individuale del personale apicale Finalità Il sistema di valutazione della performance individuale

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

Istruzioni per il monitoraggio del processo

Istruzioni per il monitoraggio del processo Istruzioni per il monitoraggio del processo 1. L importanza del monitoraggio di processo Il monitoraggio del processo di attuazione delle attività è una componente essenziale della valutazione, fondamentale

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Stili di Comunicazione e Stili di Leadership

Stili di Comunicazione e Stili di Leadership Stili di Comunicazione e Stili di Leadership Il modello di leadership situazionale elaborato, da Hersey e Blanchard nel 1982 prevede 4 stili di leadership applicabili in funzione del livello di maturità

Dettagli