Leadership Judgement Indicator

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leadership Judgement Indicator"

Transcript

1 Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012 Sesso Titolo di studio Inquadramento maschile diploma impiegato

2 Introduzione Questo - pensato per essere utilizzato nell ambito di un programma di sviluppo della leadership - è stato generato a partire dalle risposte fornite al Leadership Judgement Indicator (LJI). In generale, i punteggi ottenuti al LJI forniscono un indicatore della qualità della leadership e riflettono quanto accuratamente una persona ha valutato le situazioni decisionali che le sono state sottoposte e quanto è stata abile nell individuare le risposte più appropriate. In particolare, il test richiedeva di mettersi al posto della figura leader protagonista dei 16 scenari proposti e decidere sull adeguatezza dei diversi modi di affrontare le varie situazioni. Punteggi elevati sono indicativi di una migliore qualità della leadership. Nota per l assessor: questo report è direttamente rivolto alla persona che ha sostenuto il test e pensato perché ne possa prendere visione. È tuttavia importante che sia prima esaminato dall assessor stesso; in particolare, nella sezione 5 (Validità dei risultati), viene esplicitamente dichiarata l importanza di coinvolgere l assessor nella discussione del profilo. Il report è suddiviso nelle seguenti sezioni: 1. Regole e principi del modello di leadership Formula 4: sono riportati regole e principi del modello di leadership cui il test si riferisce, per facilitare la progettazione di interventi di potenziamento della leadership del soggetto sulla base di quello che è il profilo emerso. 2. Profilo generale: vengono riportati in forma numerica e grafica i risultati ottenuti dal soggetto ai diversi stili e il punteggio complessivo di leadership. 3. Punteggi di giudizio: esaminano quanto la persona che ha sostenuto il test sia abile nell identificare le strategie più promettenti, cioè quanto è capace di adattare la scelta dello stile di leadership alle richieste di ogni situazione. L accuratezza nella valutazione è rappresentativa del grado in cui le risposte del soggetto concordano con il modello di leadership Formula Punteggi di preferenza: indicano quanto la persona usa un particolare stile di leadership, invece di un altro. Ad esempio, si può seguire decisamente un orientamento direttivo e raramente adottare una strategia di leadership delegativa. 5. Validità dei risultati: mostra il modo in cui è stata usata la scala di valutazione, tenendo conto che il sovra o sottoutilizzo di alcune modalità di risposta possono influenzare l affidabilità del profilo. pag. 2 di 15

3 Utilizzo del report Le decisioni basate sui risultati ottenuti dalla somministrazione del LJI devono essere prese con il supporto di professionisti qualificati. Qualsiasi testo contenuto in un report computerizzato va, infatti, considerato come un ipotesi, che deve essere confermata da altre fonti di informazioni, quali il colloquio o ulteriori strumenti d indagine. Il contenuto di questo report è riservato e deve essere trattato in modo assolutamente confidenziale e rispettoso della privacy del soggetto. È inoltre importante tener presente che: i risultati al test sono basati sulla descrizione che la persona ha dato del proprio comportamento, cosa che non necessariamente riflette come gli altri la vedono. La precisione dei risultati dipende quindi dalla franchezza con cui la persona ha risposto agli item e dal suo grado di consapevolezza di sé; non vi sono aspetti giusti o sbagliati nel comportamento di una persona: lo stile di ciascuno ha i propri vantaggi e svantaggi, ma sicuramente certi aspetti si confanno meglio di altri a certe attività, ruoli o mansioni; i risultati a un test psicometrico come il LJI consentono di fare delle previsioni attendibili su come la persona si comporterà in una gamma sufficientemente ampia di situazioni. pag. 3 di 15

4 1. Regole e principi del modello di leadership Formula 4 L LJI è stato sviluppato nell arco di più di un decennio da Formula 4 Leadership, centro britannico di eccellenza nel campo dello sviluppo e della valutazione della leadership, quale strumento utile per il benessere e il rendimento in ambito organizzativo. Il LJI si fonda pertanto su un modello scientifico che descrive la leadership a partire dalla relazione tra il leader e i suoi collaboratori. Ciò che viene esaminato, in particolare, è la modalità con cui il leader prende delle decisioni nelle diverse situazioni organizzative. Regole del modello di leadership Formula 4 Le seguenti regole indirizzano l energia e il tempo del leader verso il raggiungimento di risultati ottimali. Un leader efficace considera sempre il grado di importanza della decisione da prendere; valuta se la decisione da prendere offre un opportunità di sviluppo per il proprio gruppo di lavoro; si accerta che le decisioni importanti siano seguite dai collaboratori più qualificati; segue da vicino le decisioni importanti che riguardano questioni non usuali e poco familiari; cerca di stabilire un clima d interesse comune, in maniera tale che i collaboratori condividano gli stessi obiettivi dell organizzazione; coinvolge il team per migliorare la qualità tecnica delle decisioni quando sono richieste ampiezza di informazioni e molteplicità di prospettive; utilizza le risorse adatte a migliorare la qualità tecnica delle decisioni quando è necessario applicare un ragionamento complesso; valuta la propria prestazione in rapporto a tali regole nel breve, medio e lungo termine. Principi del modello di leadership Formula 4 1. Nessuno stile di leadership è universalmente applicabile a tutte le situazioni decisionali. 2. Nessuno stile di leadership è intrinsecamente superiore agli altri. 3. Il leader efficace adatta il proprio stile alla natura del compito e alle caratteristiche dei collaboratori. 4. Ogni situazione decisionale può essere sistematicamente valutata per determinare lo stile di leadership più adeguato. 5. La leadership efficace richiede una preparazione ad adottare diversi stili decisionali. Di seguito sono brevemente presentati gli stili di leadership definiti dal modello Formula 4. Ciascuno di essi ha i propri punti di forza e di debolezza, nessuno essendo universalmente applicabile ma profondamente legato alla situazione che il leader deve affrontare. pag. 4 di 15

5 Stile DIRETTIVO Prendo la decisione sulla base delle mie idee SENZA ASSISTENZA Risolvo il problema o decido sulla base delle informazioni che sono già in mio possesso. CON ASSISTENZA Ottengo le informazioni necessarie dai collaboratori e quindi decido da solo la soluzione del problema. Stile CONSULTIVO Prendo la decisione sulla base delle nostre idee INDIVIDUALE Condivido il problema con i collaboratori individualmente, ascoltando le loro idee e suggerimenti, poi decido. DI GRUPPO Condivido il problema con i collaboratori in una riunione collettiva. Ascolto le loro idee e suggerimenti e poi decido. Stile CONSENSUALE Prendiamo la decisione sulla base delle nostre idee GUIDATO Condivido il problema con i miei collaboratori in gruppo. Coordino e guido la discussione. Generiamo e valutiamo insieme le alternative e tentiamo di raggiungere un accordo sulla soluzione. GIOCATORE DI SQUADRA Condivido il problema con i miei collaboratori mentre cerchiamo di raggiungere un accordo sulla decisione, alternando la conduzione della discussione o lasciando la stessa senza una guida. Stile DELEGATIVO Prendi tu la decisione sulla base delle tue idee INFORMATO Fornisco ai collaboratori tutte le informazioni rilevanti in mio possesso, stabilisco criteri e obiettivi e chiedo di essere tenuto informato sul processo decisionale. I collaboratori hanno la responsabilità di risolvere il problema. TOTALMENTE DELEGATIVO Fornisco ai collaboratori tutte le informazioni rilevanti in mio possesso, stabilisco i criteri e attribuisco loro la piena responsabilità di risolvere il problema. I collaboratori si ripresentano da me quando hanno portato a termine il compito. Qualunque loro soluzione riceverà il mio supporto. pag. 5 di 15

6 2. Profilo generale Punteggi di giudizio Percentili Giudizio Complessivo 79 Leadership direttiva 52 Direttiva senza assistenza 34 Direttiva con assistenza 59 Leadership consultiva 58 Consultiva individuale 46 Consultiva di gruppo 80 Leadership consensuale 56 Consensuale guidata 50 Consensuale del giocatore di squadra 64 Leadership delegativa 84 Delegativa informata 80 Totalmente delegativa 77 Giudizio sul compito 83 Giudizio sul coinvolgimento 56 Giudizio sul potere 56 Giudizio sullo sviluppo del potenziale 75 Giudizio sull'assertività 53 pag. 6 di 15

7 Punteggi di preferenza Percentili Leadership direttiva 9 Leadership consultiva 52 Leadership consensuale 61 Leadership delegativa 60 Preferenza per il compito 18 Preferenza per il coinvolgimento 59 Preferenza per il potere 23 Preferenza per lo sviluppo del potenziale 64 Preferenza per l'assertività 24 pag. 7 di 15

8 3. Punteggi di giudizio Giudizio Complessivo 79 Leadership direttiva 52 Direttiva senza assistenza 34 Direttiva con assistenza 59 Leadership consultiva 58 Consultiva individuale 46 Consultiva di gruppo 80 Leadership consensuale 56 Consensuale guidata 50 Consensuale del giocatore di squadra 64 Leadership delegativa 84 Delegativa informata 80 Totalmente delegativa 77 Giudizio sul compito 83 Giudizio sul coinvolgimento 56 Giudizio sul potere 56 Giudizio sullo sviluppo del potenziale 75 Giudizio sull'assertività MOLTO BASSO MEDIO ALTO 91 MOLTO BASSO ALTO pag. 8 di 15

9 L abilità nello scegliere lo stile di leadership adeguato alle diverse situazioni, in accordo al modello Formula 4, esercita una notevole influenza sull efficacia personale e di squadra. Ogni scenario fornisce le informazioni utili a identificare lo stile decisionale più appropriato. Il LJI valuta la capacità di individuare le risposte più adeguate fra le alternative proposte in ognuno dei 16 scenari. Le persone che dimostrano un buon giudizio di leadership sono capaci di selezionare gli item che rappresentano la migliore possibilità, indicandoli come Fortemente adeguati mentre considerano gli item dello stesso scenario come meno appropriati. Per quanto riguarda i punteggi di giudizio, sono qui di seguito riportati i risultati riguardanti il punteggio di giudizio complessivo sulla leadership e i quattro stili principali, cui si aggiungono gli otto sottostili: 1. Leadership direttiva (decido io, sulla base delle mie idee): senza assistenza (risolvo io il problema o decido sulla base delle informazioni che sono già in mio possesso); con assistenza (ottengo tutte le informazioni necessarie dai collaboratori e poi decido da solo sulla soluzione al problema). 2. Leadership consultiva (decido io, sulla base delle nostre idee): individuale (discuto il problema con i collaboratori uno per uno, ascoltando le loro idee e suggerimenti, poi decido io); di gruppo (discuto il problema con i collaboratori in una riunione collettiva. Ascolto le loro idee e suggerimenti e poi decido io). 3. Leadership consensuale (decidiamo noi, sulla base delle nostre idee): guidata (discuto il problema con i miei collaboratori in gruppo. Coordino e guido io la discussione. Tutti insieme proponiamo e valutiamo diverse alternative e tentiamo di raggiungere l accordo su una soluzione); del giocatore di squadra (discuto il problema con i miei collaboratori, alternando la conduzione della discussione o lasciando la stessa senza una guida, mentre cerchiamo di raggiungere l accordo su una soluzione). 4. Leadership delegativa (decidi tu, sulla base delle tue idee): informata (fornisco ai miei collaboratori tutte le informazioni rilevanti in mio possesso, stabilisco criteri e obiettivi e chiedo di essere tenuto informato sul processo decisionale. I miei collaboratori hanno la responsabilità di risolvere il problema); totalmente delegativa (fornisco ai miei collaboratori tutte le informazioni rilevanti in mio possesso, stabilisco i criteri e attribuisco loro la piena responsabilità di risolvere il problema, chiedendo di ripresentarsi da me quando avranno portato a termine il compito. Qualunque loro soluzione riceverà il mio supporto). Punteggio di giudizio complessivo Hai complessivamente dimostrato di possedere buone abilità nello scegliere lo stile di leadership migliore in funzione della situazione. Questa capacità di agire opportunamente nel contesto giusto è fondamentale per essere percepito dai collaboratori come un leader efficace; affinandola ulteriormente, potrai gestire ancor meglio la presa di decisione nei diversi contesti organizzativi. pag. 9 di 15

10 Leadership direttiva In base alle risposte che hai fornito al questionario, hai manifestato una capacità media di comprendere quali fossero le situazioni in cui una leadership di tipo direttivo sarebbe stata efficace. Nelle situazioni giuste, questo stile può favorire molto il rispetto da parte dei collaboratori. In generale è uno stile che può rivelarsi particolarmente efficace quando si gestisce un gruppo di lavoro con poca esperienza o competenza, al fine di raggiungere i risultati necessari e favorire nei collaboratori lo sviluppo di un senso di sicurezza. Leadership direttiva senza assistenza Due situazioni fra quelle che ti sono state presentate richiedevano di scegliere lo stile direttivo senza assistenza come la risposta più appropriata: in entrambi i casi, non lo hai fatto. Questo significa che, benché per alcune situazioni hai informazioni ed esperienza sufficienti per adottare metodi diretti e risolutivi (con un team di lavoro che probabilmente segue le tue decisioni), sarebbe tuttavia opportuno che tu riflettessi sulle situazioni in cui i collaboratori possano apprezzare una maggiore opportunità di partecipazione. Leadership consultiva Esaminando le tue risposte agli scenari proposti, hai dimostrato un'abilità nella media nello scegliere efficacemente quando adottare lo stile consultivo; inoltre, il punteggio di preferenza indica un elevata frequenza di utilizzo di tale stile. Questo stile è particolarmente efficace per raccogliere, riordinare e coordinare le opinioni dei collaboratori, ma può diventare molto dispendioso dal punto di vista del tempo qualora tu sia responsabile di un gruppo numeroso. Quando si lavora con esperti, non sempre la sola consultazione si rivelerà sufficiente, in quanto i collaboratori potrebbero ambire ad esercitare un influenza più forte. Uno stile consensuale o delegativo possono probabilmente favorire un maggiore impegno da parte di un gruppo di questo tipo. Leadership consultiva individuale Il test proponeva, fra gli altri, due scenari che rappresentano buoni esempi di situazioni favorevoli ad un utilizzo efficace dello stile consultivo individuale. In entrambe le occasioni, li hai correttamente individuati; hai quindi dimostrato una capacità di valutazione tale da far ritenere che sei in grado di applicare tale giudizio anche nelle situazioni lavorative reali. Ti suggeriamo di riflettere sulle circostanze in cui, al lavoro, hai adottato tale orientamento e su quelle condizioni che hanno reso la strategia consultiva individuale più efficace rispetto agli altri approcci decisionali. pag. 10 di 15

11 Leadership consensuale Hai mostrato una capacità media di scegliere le situazioni in cui la scelta migliore sarebbe stata una leadership consensuale. Questo dato deve essere esaminato tenendo conto anche di una tendenza al sovrautilizzo di questo stile, che è un approccio particolarmente funzionale quando si lavora con una squadra abile nella risoluzione di problemi complessi. Se utilizzata nelle occasioni appropriate, tale strategia può condurre a decisioni condivise da tutti, permettendo un rapido sviluppo delle linee d azione; in caso contrario, può comportare un dispendio di tempo eccessivo. Il suggerimento per te è pertanto quello di riflettere sui possibili vantaggi della modalità consensuale, laddove al momento preferiresti scegliere uno stile delegativo o consultivo. Leadership consensuale del giocatore di squadra Hai saputo riconoscere e scegliere la leadership consensuale del giocatore di squadra quando richiesto dagli scenari. La consapevolezza delle condizioni adatte all adozione di tale strategia è una capacità apprezzabile che in tutta probabilità manifesti anche nelle situazioni lavorative reali. Naturalmente, scegliere di condividere il potere con una modalità talmente partecipativa e democratica non è semplice: ti si suggerisce pertanto di riflettere sulle occasioni in cui hai operato tale scelta con risultati ottimali. Leadership delegativa La leadership delegativa, adottata nelle situazioni appropriate, può condurre ad elevati livelli di motivazione, maggiore rendimento, sviluppo del gruppo di lavoro, puntualità nel raggiungimento dei risultati e più ampi margini di tempo libero da attività routinarie per il leader. Le risposte che hai dato hanno messo in evidenza che sei abile nel comprendere quali sono le situazioni in cui utilizzarla. A tale comportamento si affianca anche un elevato punteggio di preferenza che indica una propensione verso questo stile. Si può dunque ipotizzare che i tuoi collaboratori si sentano riconosciuti e soddisfatti nelle specifiche situazioni in cui hai la possibilità di delegare. Si tratta di un orientamento che rivela la sua efficacia quando si lavora con un gruppo esperto piuttosto che con uno di recente costituzione o di modeste competenze; se ne raccomanda, quindi, un utilizzo mirato e selettivo. Leadership delegativa informata In entrambi gli scenari volti a testare la tua consapevolezza delle occasioni appropriate per l utilizzo della leadership delegativa informata, hai fornito la risposta adeguata. Tale risultato indica una buona capacità di valutare la preparazione dei collaboratori e di riconoscere quando ed entro quali limiti è opportuno delegare loro scelte e responsabilità. pag. 11 di 15

12 Leadership totalmente delegativa Sei stato capace di rispondere correttamente ad entrambi gli scenari in cui la leadership totalmente delegativa rappresentava l opzione più adeguata: tale risultato fa pensare che è probabile che tu riesca ad utilizzare efficacemente tale strategia in situazioni lavorative. Per potenziarla ulteriormente, puoi provare ad aumentare la tua autoconsapevolezza su quali sono i criteri secondo cui opti per tale scelta. pag. 12 di 15

13 4. Punteggi di preferenza Leadership direttiva 9 Leadership consultiva 52 Leadership consensuale 61 Leadership delegativa 60 Preferenza per il compito 18 Preferenza per il coinvolgimento 59 Preferenza per il potere 23 Preferenza per lo sviluppo del potenziale 64 Preferenza per l'assertività MOLTO BASSO MEDIO ALTO 91 MOLTO BASSO ALTO pag. 13 di 15

14 Il punteggio di preferenza indica la frequenza con cui ciascuno dei quattro stili di leadership è stato scelto come il più appropriato. Leadership direttiva Frequenza di scelta bassa. Solo ogni tanto scegli di gestire i tuoi collaboratori in modo direttivo ; tieni conto che quando sei tu ad averne il ruolo, scegliere lo stile direttivo può essere decisamente efficace. Ti suggeriamo di considerare quale maggiore efficienza potrebbe derivare dall utilizzo di tale stile. Leadership consultiva Frequenza di scelta media. Hai dimostrato che qualche volta tendi a muoverti secondo un orientamento consultivo; è pertanto poco probabile che tu corra il rischio di apparire impositivo o di far sembrare che non mostri fiducia nel tuo gruppo. Ciononostante, sarebbe opportuna una riflessione per comprendere quanto sei abile nel riconoscere precisamente i criteri che in una situazione richiedono tale stile. Leadership consensuale Frequenza di scelta media. Le risposte che hai dato lasciano intendere che sei mediamente portato alla condivisione dei problemi con i tuoi collaboratori e a una scelta consensuale. Occorre quindi che tu rifletta sulla capacità che hai di riconoscere e adottare un atteggiamento consensuale in misura maggiore o minore in funzione di situazioni a te più familiari: per il bene dell organizzazione, alcune occasioni richiedono il livellamento del potere, altre il potere dell autorità. Dovresti quindi riflettete su quanto ti senti in grado di riconoscere le esigenze di cambiamento di stile di leadeship in modo sicuro e responsabile. Leadership delegativa Frequenza di scelta media. Scegli mediamente di muoverti secondo uno stile delegativo; pertanto i collaboratori difficilmente si sentiranno frustrati o ti percepiranno come un leader che abdica alle proprie responsabilità. Ciononostante, sarebbe importante andare più in profondità, facendo una riflessione sulla capacità di assumere un atteggiamento delegativo in misura maggiore o minore a seconda delle richieste di specifiche situazioni. pag. 14 di 15

15 5. Validità dei risultati È stato analizzato il modo in cui la scala di valutazione è stata utilizzata per giudicare l adeguatezza dei 64 item del test. Attraverso il confronto con un gruppo di riferimento è stata verificata la presenza di eventuali anomalie nei modelli di risposta. Tali informazioni possono essere utili per la rilevazione del livello di affidabilità dei risultati ottenuti. Elevata frequenza di utilizzo della modalità di risposta Adeguata (4) Le ragioni di questa tendenza possono essere molteplici: è, quindi, importante riflettere, con l aiuto del consulente, sulle motivazioni che hanno indotto tale orientamento. La validità dei risultati potrebbe essere stata intaccata; il profilo potrebbe, pertanto, non riflettere il tuo reale comportamento di leadership. Molto dipende da come sono state utilizzate le altre modalità di risposta: di conseguenza, si prenda attentamente in considerazione come tale inclinazione possa avere influenzato i risultati ottenuti. Elevata frequenza di utilizzo della modalità di risposta Totalmente inadeguata (1) Hai scelto di utilizzare la modalità di risposta Totalmente inadeguata (1) con una frequenza molto elevata. Le ragioni di questa tendenza possono essere molteplici: è, dunque, importante riflettere, con l aiuto dell assessor, sulle specifiche motivazioni personali che ti hanno indotto verso tale orientamento. La validità dei risultati potrebbe essere stata intaccata; il profilo potrebbe, quindi, non riflettere il tuo reale comportamento di leadership. Sia i punteggi di preferenza sia i punteggi di giudizio potrebbero essere stati influenzati, a meno che non ci sia una totale certezza circa l inadeguatezza di molte opzioni decisionali. Matrice delle risposte # R # R # R # R # R # R # R # R # R # R pag. 15 di 15

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo?

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo? QUESTIONARIO CUG *Campo obbligatorio INFORMAZIONI ANAGRAFICHE GENERE * MASCHIO FEMMINA CATEGORIA DI INQUADRAMENTO * RELAZIONE E ORGANIZZAZIONE DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

LA STRONG AUTHENTICATION per la sicurezza dei pagamenti

LA STRONG AUTHENTICATION per la sicurezza dei pagamenti LA STRONG AUTHENTICATION per la sicurezza dei pagamenti 5 I TUOI CODICI DA COSA E COMPOSTO DOVE SI TROVA A COSA SERVE CODICE CLIENTE 9 cifre Sui contratti e sulla matrice dispositiva Accesso all area Clienti

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business.

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Le soluzioni migliori per il tuo lavoro Area Clienti Business www.impresasemplice.it Mobile Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Telefonia mobile cos'è l'area Clienti business L Area Clienti

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

maggiorii quando costituita Expo2015 Team In sicurezza Comunicazione Leadership Cittadinanza attiva

maggiorii quando costituita Expo2015 Team In sicurezza Comunicazione Leadership Cittadinanza attiva Sommario 1. Come faccio ad accedere alla formazione?... 2 2. Come è organizzata e quando viene considerata conclusa la formazione?... 3 3. C'è un punteggio finale?... 5 4. Sono a metà della formazione

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Sempre collegato al tuo comfort con evohome

Sempre collegato al tuo comfort con evohome Sempre collegato al tuo comfort con evohome Pag 2 Comfort e controllo Comfort più controllo: proprio quello che puoi aspettarti da evohome Pag. 3 evohome Il sistema intelligente per il riscaldamento a

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

APPRENDERE DAI MIGLIORI

APPRENDERE DAI MIGLIORI APPRENDERE DAI MIGLIORI QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Apprendere dai migliori QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Indice AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDI 2007 Capitolo I pag. 6 Capitolo II pag.10

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Lo standard europeo per i negozi online professionali. Soluzioni per la fiducia nell e-commerce

Lo standard europeo per i negozi online professionali. Soluzioni per la fiducia nell e-commerce Lo standard europeo per i negozi online professionali Soluzioni per la fiducia nell e-commerce Ecco cosa ti offriamo con il nostro pacchetto all-inclusive! Invia subito la tua adesione! +39 02 94754586

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale Questionario indagine di customer su servizi e progetti invativi di Roma Capitale 1. Sei M F 2. Qual è la tua età? Fi a 20 anni Da 21 a 40 anni Da 41 a 60 Oltre i 60 anni 3. Qual è il tuo titolo di studio?

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli