c.6 La leadership manageriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "c.6 La leadership manageriale"

Transcript

1 c.6 La leadership manageriale 6.1. Dal management alla leadership 6.2.Gestione delle risorse umane 6.3.La partecipazione dei dipendenti 6.4. Lo stile della leadership manageriale

2 -ruolo importante dei dirigenti nella cultura d impresa -le loro decisioni sono in relazione al futuro e quindi incerte e nel cambiamento -limitato controllo delle conseguenze -essere coerenti e flessibili

3 6.1.Dal management alla leadership -la crescente complessità e ambiguità dei problemi rende difficile una gestione centrale e spinge a facilitare i processi autoorganizzativi -ciò implica un evoluzione nella comprensione del management

4 Evoluzione del concetto di management -La gestione intesa come processo di programmazione diventa condizionata da elementi di imprevedibilità -la flessibiità come attitudine alla captazione dei segnali imprevisti. Essa è caratteristica dell essere umano. Fa emergere la piena sovranità dell individuo e va coniugata con la rigidità strutturale

5 Società, istituzioni Famiglia,amici Il dirigente L impresa L ambiente

6 -da una struttura funzionale determinata dalle deleghe formali ad una struttura di rete. Un modello di impresa rete di individui definibili come imprenditori di se stessi sensibili e creativi. Spirito imprenditivo che coinvolge tutta la persona (Caritas in veritate ) -doti dell imprenditore: intuito, tenacia,audacia, fermezza, vivacità interpretativa

7 profitto Virtù e leadership dinamica Fini esterni apertura creatività virtù dinamismo innovazione Responsabilità sociale produttività

8 La responsabilità del leader A) in un contesto complesso si deve realizzare la finalità produttiva tenendo conto delle relazioni umane, degli imperativi tecnici -in un contesto in cui non c è accordo sui principi morali, la guida morale da parte di un manager può apparire odiosa, aree di accordo

9 -Pearson:rifiuta il value management o gestione orientata al valore perché influenzato dalle passioni. -non spiega i criteri e le priorità che formeranno la base per un calcolo ordinato delle percezioni degli stakeholders

10 -il manager porta potenzialità uniche nei processi di cambiamento sociale e contribuisce a ristrutturare le pratiche morali -la leadership implica una sintonia profonda con l esistenza umana e la capacità di formare i desideri e le emozioni mentre il manager tradizionale assiste interessi separati secondo una visione individualista. Il primo incoraggia la piena responsabilità e creatività, mentre il secondo guida delle persone che obbediscono

11 B) tre caratteristiche della leadership: I) la struttura relazionale tra leader e dipendenti. Lo stile di gestione non dipende solo dalla personalità del leader II) struttura asimmetrica. Il leader esercita influenza e potere su altri III) coinvolge la responsabilità. Questa implica la competenza del leader, per prendere certe decisioni e si rimane responsabili verso un autorità più alta es responsabilità per il profitto. Limiti della responsabilità

12 NUOVO PARADIGMA DI LEADERSHIP gruppo sinergia signoria leadership learning soggetto organizzazione sostenibilità società

13 responsabilità discrezionale A)-per essere responsabile deve percepire e comprendere la realtà, aperto a tutte le informazioni e onesto nell interpretarle -abile a proiettare una visione ai suoi dipendenti

14 -il problema del diffondere o trattenere informazioni (ristrutturazioni ) -l asimmetria della relazione in conflitto con l appello alla maturità di tutti gli individui (individuo come dipendente e come persona, i ruoli sono connessi )

15 B) circa l autorità tre aspetti: -la competenza -la personalità -la posizione -l autorità è di ordine morale e psicologico e crea doveri,sviluppa la persona - il potere dà dei diritti

16 L IDEA DI CONSENSO COMUNE B A C D

17 Responsabilità limitata A)-libertà e responsabilità sono due facce della stessa medaglia -i limiti sono una funzione dello spazio d azione. Limiti interiori al microlivello, limiti al mesolivello nelle condizioni culturali e politiche dell impresa, limiti al macrolivello per le forze del mercato e per la legge

18 -la decisione appropriata tiene conto di molti fattori contestuali e dentro ad una rete di molteplici responsabilità, procedure e obiettivi. Questi fattori determinano le opportunità morali, le funzioni, complicano le decisioni morali, l astuzia

19 B) ciò conduce a discutere il compromesso, esso può far giustizia a diverse pretese tutte valide dei diversi stakeholders per mantenere l equilibrio degli interessi, tensione verso scelte migliori, compromesso creativo -mediare tra le esigenze della concorrenza e le obbligazioni sociali, tensione tra sistema e azione, autonomia relativa, Uomo realista e coraggioso (Paolo VI)

20 visione (a) Senso della realtà etica (b) coraggio I profili dei diversi managers

21 6.2. Gestione delle risorse umane o di processi democratici? -la figura di leadership manageriale fa riferimento ad una politica innovativa di relazioni con il personale: individualizzazione, sviluppo professionale, Identificazione tra aspettative individuali e finalità dell impresa

22 -a tale politica fa riferimento la HRM -interpretazioni opposte: approccio strumentale o umanistico?

23 6.2.1.Le strategie di HRM -indica la gestione dei dipendenti e le linee pratiche di comportamento -implica strategie diverse secondo il grado di enfasi sull efficienza o sulla cultura

24 -il passaggio dalla gestione del personale alla HRM motivato dalla crisi di fiducia, dalla competizione giapponese e dal bisogno di impegnare l iniziativa dei dipendenti -critiche: strumento per accrescere il controllo, accento sulle risorse, vecchio sfruttamento capitalista

25 -nella forma soft incoraggia l impegno nell organizzazione attraverso la mission, empowerment Critiche: tendenza paternalistica o contrattualismo psicologico, orientamento individualistico, visione gerarchica

26 -negli anni 90 le strategie si concentrano sul miglioramento della produttività, sulla riduzione dei costi, con conseguente insicurezza del lavoro e fine della carriere -rischio della retorica e della manipolazione, nessuna ricerca empirica sulle reazioni dei dipendenti

27 -Guest riconosce progressi nelle condizioni del lavoratore, auspica apertura al pluralismo delle relazioni ai dipendenti -la nuova cultura del contratto concepita come flessibilità estrema e contratto psicologico: attenzione alle paure per l insicurezza del lavoro ignorando il contesto economico e sociale, gestire le attese del dipendente ignorando le disuguaglianze di potere presenti nella relazione

28 6.2.2.le assunzioni implicite al HRM A) I) le persone sono allineate agli altri fattori di produzione, chi usa compra vende queste risorse, che abbracciano tutti gli stakeholders, persone come risorse e persone che usano queste risorse umane II)-intese come un aggregato di attributi e comportamenti che gli individui esibiscono

29 -la prospettiva è quella delle risorse materiali: sono unità singole e indipendenti Con caratteristiche identificabili che si tenta di rendere il più uniforme possibile.

30 -una simile concezione dei dipendenti guida i modelli di selezione e addestramento. Le caratteristiche non utili all organizzazione sono relegate alla vita non lavorativa -molti problemi umani delle organiz sono ridotti e taciuti, alternative potenziali sono trascurate

31 -è un processo analitico che spezza le unità complesse III) le persone come individui sono facilmente interscambiabili, perché si possono omogeneizzare i loro attributi, si trascura la possibilità della creatività pers e della motivazione

32 B)presupposti in rapporto al management: -posizione formale di potere con la responsabilità del risultato con la funzione di motivare guidare e controllare i dipendenti I) si presume che abbia una speciale forza e conoscenza che deve essere trasmessa ai dipendenti

33 II) i dipendenti sono meno attivi e bisognosi di essere guidati, il leader come origine causale della decisione dell impresa, ma molti processi non possono essere riferiti ad un individuo soltanto

34 -da una parte si cerca di accrescere l indipendenza dei dipendenti, dall altra si nega la competenza e maturità di essi -presupposti circa le imprese: sono comprese come l aggregato di attributi e comportamenti individuali, responsabili sono i singoli individui, ma ogni individuo è intrecciato in una rete di relazioni (più difficile individuare la responsabilità) -il problema: la responsabilità etica dentro l organizzazione come un tutto

35 -la gestione delle risorse umana può essere pensata come un insieme di reti complesse di comunicazione che implicano influenza reciproca -impossibile ridurre la causa di azioni collettive ad alcuni individui

36 L alternativa dei processi democratici La realtà dei problemi del personale, preconcepiti come processi democratici, implica differenti valori, fini e strumenti, diversi da quelli delle preconcezioni implicate dalla gestione delle risorse umane L alternativa dei processi democratici non significa trascurare la funzione economica della politica delle relazioni umane, ma implica un riconoscimento delle sue radici morali

37 Implicati sono l impegno dell impresa per alcuni valori di base come il rispetto per la dignità umana e i diritti di ogni persona, il rispetto per la cultura della comunità e per la sostenibilità dello sviluppo

38 governare (l impresa) è accettare la responsabilità per tutta la vita dell istituzione tiene conto di tutti gli interessi che toccano la praticabilità, la competenza e il carattere morale di un impresa. Le strategie di governo sono fondamentalmente politiche.

39 Nel governo dell impresa i leaders hanno un impegno verso i partecipanti come persone e verso i gruppi come veicoli di legittimi interessi (Selznick) L essenza del nuovo paradigma è questa: il ruolo del dirigente è di creare dentro l organizzazione un clima, una cultura e un contesto in cui l arricchimento dell impresa e la realizzazione individuale collaborino e si armonizzino progressivamente nello sviluppo di una comunità creativa e globale

40 6.3. La partecipazione dei dipendenti quattro filoni: la teoria democratica è interessata al potenziale contributo che i membri individuali possono dare al governo dell impresa, alla responsabilizzazione La seconda prospettiva si identifica nella teoria socialista

41 La teoria dello sviluppo e crescita umanache ridisegna l organizzazione e il lavoro così da facilitare l autore alizzazione e la salute dei dipendenti, è rivolta ai bisogni dei lavoratori dipendenti. La quarta teoria è quella dell efficienza e produttività, il cui primo interesse consiste nello sviluppo dei risultati organizzativi che si presume seguano la direzione partecipativa

42 Alla problematica della partecipazione democratica nell impresa la DSC ha dedicato una costante attenzione. Le proposte della Dottrina Sociale sono la comproprietà dei mezzi di lavoro, la partecipazione dei lavoratori nella gestione e nei profitti dell impresa.

43 6.3.1.Oltre la visione strumentale a)nella prospettiva utilitarista il paradigma dominante è l interesse per la produttività e l efficienza la partecipazione è vista come uno strumento per ottimizzare il flusso dell informazione e le decisioni.

44 L ipotesi è che ci sarà maggiore informazione ed essa sarà trattata in modo migliore, se il processo di decisione è partecipato. In questo paradigma è messa in questione la struttura cognitiva dell impresa, non la struttura esistente del potere: il potere rimane concentrato nelle mani dei dirigenti. L attenzione è sull impegno dei dipendenti nella ricerca efficiente di soluzioni ed esecuzione di compiti.

45 la reale partecipazione dei dipendenti nelle decisioni, che sono prese ad altri livelli organizzativi, è perciò quasi impossibile. Questo orientamento volto al controllo e ai risultati non riconosce l eventuale capacità critica del giudizio morale degli individui

46 Quando le organizzazioni sono viste dalla prospettiva dello schema utilitaristico, i problemi aziendali sono sempre concettualizzati come le conseguenze dell irrazionalità organizzativa. E le soluzioni suggerite implicano un ulteriore razionalizzazione dei processi organizzativi. È necessario prendere in conto altri fattori, come la fiducia.

47 b) Varie sono le obiezioni che si muovono al diritto di partecipazione. La più frequente è che i dipendenti non sono capaci ad esercitare il controllo dovuto per mancanza di educazione, di capacità o di motivazione. Oggi però i dipendenti sono maggiormente educati e socializzati.

48 Nozick e Maitland affermano che la partecipazione dovrebbe essere istituita se accresce la produttività. Se non l accresce, la sola alternativa è che i lavoratori assumano i costi per non diminuire l efficienza dell impresa. Ci sarebbe quindi un mercato nella partecipazione.

49 Due sono i problemi: se si può dire che i dipendenti abbiano tale diritto e come noi potremmo avere quel diritto meglio riconosciuto e rispettato. I problemi irrisolti della seconda questione non mostrano che la prima non sia stata risolta in modo adeguato. Il fatto che i mercati per la partecipazione non esistono non significa che la partecipazione non sia importante per le relazioni dirigenti- dipendenti.

50 c)oggi si riconosce che le imprese in cui sopravvivono più forti vincoli comunitari, sono in grado di sopportare meglio sia le sfide economiche, sia il progressivo acceleramento dell evoluzione tecnologica e culturale Sen mostra come il reale comportamento economico non si possa spiegare solo ricorrendo ai semplici assunti etici dell homo oeconomicus

51 Lo sviluppo di strutture di collaborazione e di partecipazione richiede lo sviluppo e mantenimento di relazioni di fiducia sostenute da informazione partecipata, da aperti canali di comunicazione, da decisioni razionali e processi di responsabilità

52 per esserci una partecipazione effettiva tra imprenditori e dipendenti, ci deve essere una volontà. Poi ci deve essere una possibilità. Non si può basare invece tutto sulla necessità L impresa vorrebbe coinvolgere i lavoratori nel rischio, ma per ottenere fiducia deve dare fiducia: ci vuole una reciprocità effettiva, che non può essere tutta quanta mediata dal mercato o stipulata nel contratto.

53 La partecipazione non è un effettivo portato dei tempi né un semplice bisogno compensativo di mete sfumate, ma un istanza etica. le pratiche partecipative da introdurre dipendono ancora e sempre da scelte politico-sociali degli imprenditori e dei managers. Quindi è un errore dedurre i processi partecipativi dai processi lavorativi,

54 Si tratta di estendere poi una partecipazione minimale al singolo compito fino ad una partecipazione ottimale alle scelte dell impresa Il controllo politico e democratico delle organizzazione è il problema numero uno e l impegno dei dipendenti su questo punto diventa essenziale.

55 6.3.2.La partecipazione ai valori dell impresa se lo spazio di decisione a cui è permesso ai dipendenti partecipare non include la scelta dei valori sostenuti dalla loro impresa, è probabile che la realizzazione della strategia imprenditoriale conduca a incoerenze con i loro personali valori. Per questo la partecipazione va estesa ai valori dell impresa.

56 Questa partecipazione non richiede che tutti i dipendenti definiscano gli orientamenti strategici dell impresa, ma piuttosto che essi li influenzino indirettamente, formando la cultura dell impresa che nutre le relazioni di fiducia e lo spirito cooperativo

57 Questo approccio accetta qualche grado di differenziazione tra valori individuali e valori organizzativi, include la comprensione non riduttiva dell uomo a) Tale approccio si differenzia da quello della stakeholder theory.

58 Quando sorge un conflitto con un gruppo o tra gruppi di st., piuttosto che assumere come data la permanente esclusività reciproca delle richieste, quelli che adottano uno schema cooperativo cercheranno risoluzioni che realizzano un mutuo guadagno o diminuiscono l impatto negativo per tutti gli st. e per l impresa

59 trascura i valori partecipati e l inclusività. In un orizzonte di valori partecipati, l impresa diventa una comunità di fini a cui tutti sono legati. Gli individui sono parte di una comunità in cui essi hanno obblighi e diritt

60 Se questo si verifica, l organizzazione può adottare le pratiche di impiego a lungo periodo, di alti investimenti nell aggiornamento e nello sviluppo, di reclutamento basato sulla compatibilità comportamentale (con gruppi di lavoro, flessibilità e alto impegno).

61 Se l impresa è concettualizzata come un mero forum per l interazione tra i vari st., c è il rischio che si trasformi in un campo di combattimento dove ogni st. tenta di guadagnare potere su tutti gli altri I differenti st. abbisognano di appoggiarsi ad alcuni principi partecipati per orientare le loro azioni. Un alto grado di impegno non può essere raggiunto se uno non sa con sufficiente precisione in che cosa è impegnato.

62 Un consenso minimo sulla natura dell impresa deve essere raggiunto. Valori e principi permettono giustificazione per le regole. b)la competenza e l esperienza richieste per la partecipazione alla definizione dei valori condivisi sono alla portata di tutti, perché ognuno vive in una realtà di valori

63 Un orizzonte partecipato di valori può aiutare a mediare i conflitti e a difendere gli interessi delle parti più deboli. Le qualità delle relazioni sociali sono indispensabili per questo approccio perché il consenso su un orizzonte di valori partecipati è costruito attraverso l interazione e il dialogo.

64 C) La possibilità che possa emergere nell arena partecipativa il conflitto piuttosto che l impegno deve essere riconosciuta ed è importante evitare la manipolazione che è spesso associata con la partecipazione sul posto di lavoro. La partecipazione è stata largamente abusata per cooptare i dipendenti senza provvedere loro una voce nei processi di decisione

65 In conclusione, il diritto alla partecipazione ha due sorgenti: da una parte coloro che esercitano il potere devono rispondere a individui e gruppi rilevanti Secondo, il diritto alla partecipazione è anche parte dell esercizio del diritto all autogoverno dei dipendenti dentro l impresa: è espressione del diritto dei dipendenti alla libertà

66 I dipendenti hanno anche da adempiere certe condizioni. In proporzione che partecipano alle decisioni dell impresa, essi devono rispondere agli altri dentro e fuori dell impresa Il potere manageriale è legittimamente esercitato dentro l impresa solo quando il diritto alla partecipazione dei dipendenti è rispettato

67 Egli è colui che chiarifica gli obiettivi da realizzare, le priorità da rispettare, i limiti da non trasgredire, gli errori da non ripetere. Egli è il guardiano delle finalità, colui che negozia i compromessi tra progresso tecnico e profitto, qualità di vita dei dipendenti e rispetto dei termini economici, tra il desiderabile e il possibile, Il capo diviene un comunicatore, un negoziator

68 6.4. Lo stile della leadership manageriale a)la partecipazione e la corresponsabilità non eliminano la distinzione dei ruoli, la diversa responsabilità giuridica, economica e sociale, ma l assumono secondo lo spirito della sussidiarietà Un tale stile di partecipazione esigerà nel dirigente una fiducia accresciuta nei suoi collaboratori, la volontà di comunicare e di sostenere, l accettazione di non essere al corrente di tutto, le qualità di animatore, un comportamento esemplare

69 la posizione del capo si modifica perché le sue decisioni sono sempre meno ordini su come fare, il suo ruolo si situa sul registro dell autorità e non esclusivamente su quello del potere.

70 Egli è colui che chiarifica gli obiettivi da realizzare, le priorità da rispettare, i limiti da non trasgredire, gli errori da non ripetere. Egli è il guardiano delle finalità, colui che negozia i compromessi tra progresso tecnico e profitto, qualità di vita dei dipendenti e rispetto dei termini economici, tra il desiderabile e il possibile, tra la pressione degli obiettivi discendenti dall alto e quella dei mezzi richiesti dalla base. Il capo diviene un comunicatore, un negoziatore,

71 Uno dei maggiori ostacoli alla partecipazione è la paura dei dirigenti di perdere una parte del loro potere. Se il potere è il potere di rendere ognuno autonomo, e non di impedire agli altri di essere sé stessi, la distribuzione del potere non è un gioco a somma zero

72 b)in nome della sussidiarietà il dirigente è chiamato a porre attenta considerazione alle condizioni concernenti il suo collaboratore: dovrà interrogarsi sui mezzi che il dipendente dispone (budget, informazioni ). La sussidiarietà appare come l ispirazione morale della delega, esige che la decisione sia presa al livello più basso possibile

73 In questa ottica il capo delega nello spirito della sussidiarietà, curando così il funzionamento efficace e il rispetto della persona. È il senso dell affermazione della LE e della CA, che si augurano che il lavoratore lavori per conto proprio nell impresa. Si ritrova un simile indirizzo nel concetto di empowerment: il compito del leader è di far intuire che ci sono opportunità di crescita, d affermazione personale, di piena autorealizzazione.

74 Il leader sa bilanciare gli aspetti duri relativi alla struttura organizzativa con quelli soft gravitanti intorno alla relazione personale (considerazione, stima, attenzione, riconoscimenti, gratificazione morale), cerca una sintesi tra le istanze degli azionisti e i principi di responsabilità sociale

75 Nella negoziazione il dirigente tiene conto della capacità del dipendente a manifestare la sua libertà e il suo dissenso. Questa negoziazione verte sull insieme degli obiettivi e dei mezzi, e costituisce la prova più manifesta dello spirito della partecipazione.

76 Il dirigente determinerà la durata e il campo di autonomia in funzione della sicurezza psicologica del dipendente e della sua competenza professionale. È la prudenza del dirigente che ne fisserà i limiti che non sono mai definitivi, ma evolvono con lo sviluppo della personalità del collaboratore.

77 A questo proposito devono essere valorizzate importanti virtù, di cui Giovanni Paolo II offre un elenco: la diligenza, la laboriosità, la prudenza nell assumere i ragionevoli rischi, l affidabilità e la fedeltà Nella realtà le imprese restano quasi sempre ipercentralizzate e incapaci di delegare

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli