Focus su alcune problematiche di base trattate nel modulo. CRISI DEL PATTO CONIUGALE Punti nodali della storia di famiglia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Focus su alcune problematiche di base trattate nel modulo. CRISI DEL PATTO CONIUGALE Punti nodali della storia di famiglia"

Transcript

1 6 MODULO - QUESTIONARIO Focus su alcune problematiche di base trattate nel modulo CRISI DEL PATTO CONIUGALE Punti nodali della storia di famiglia In preparazione al 6 modulo formativo del Settembre 2006 invitiamo a rispondere (in coppia e distintamente, ove richiesto) al questionario che segue, che questa volta è composto di 4 sezioni. 1 Riteniamo che l obiettivo di questo focus non sia tanto di proporre un analisi statistica, quanto di mettere a confronto i coniugi e di favorire una comunicazione sincera e profonda tra marito e moglie. Certamente, data la complessità e delicatezza del problema trattato, la compilazione chiederà tempo e capacità riflessiva, ma siamo sicuri- è uno sforzo che ci aiuterà tutti a crescere. - Età della moglie ; età del marito - Anni di matrimonio - Figli: numero ; età - Altre persone conviventi in famiglia: Si prega di inviare il questionario compilato entro il 5 settembre 2006 a: 1 Le risposte devono essere date in parte singolarmente e in parte come coppia. Le informazioni saranno mantenute anonime e riservate. I risultati del sondaggio verranno utilizzati esclusivamente per gli scopi didattici del corso.

2 Sezione A (da compilare in coppia) 1. Come definireste il matrimonio oggi, dei vostri genitori e dei vostri nonni? (massimo tre aggettivi per ogni situazione) * Il matrimonio oggi: * Il matrimonio dei vostri genitori: * Il matrimonio dei vostri nonni: 2. Come definireste la società-cultura sociale dei giorni nostri, dei vostri genitori e dei vostri nonni? (massimo tre aggettivi per ogni situazione) * La società oggi: * La società dei vostri genitori: * La società dei vostri nonni: 3. Ritenete che, nella realtà di ieri, le crisi di coppia fossero meno diffuse di oggi, oppure erano meno manifeste? - Erano meno diffuse di oggi - Erano diffuse quanto oggi ma meno manifeste 4. Secondo voi, quale è l importanza che viene e veniva data alla qualità della relazione fra i coniugi nel matrimonio di oggi, in quello dei vostri genitori e dei vostri nonni? A) molto B) abbastanza C) poco D) per nulla Nel matrimonio oggi Nel matrimonio dei vostri genitori Nel matrimonio dei vostri nonni (segnate con X la casella corrispondente all affermazione che più si avvicina alla vostra opinione )

3 5. Pensate che l odierno contesto culturale e sociale aiuti la stabilità della coppia? A) Si B) No 6. Che cosa vi sembra che, nell ODIERNO CONTESTO CULTURALE E SOCIALE, maggiormente CONTRIBUISCA a sostenere la stabilità della coppia? (indicare al massimo 3 elementi) 1) 2) 3) 7. Che cosa vi sembra che, nell ODIERNO CONTESTO CULTURALE E SOCIALE NON FAVORISCA la stabilità della coppia? (indicare al massimo 3 elementi) 1) 2) 3) 8. Quali caratteristiche INDIVIDUALI pensate siano necessarie per favorirela stabilità della coppia (indicare al massimo 3 elementi) 1) 2) 3) 9. Quali caratteristiche della RELAZIONE DI COPPIA pensate siano necessarie per garantirle stabilità? (indicare al massimo 3 elementi) 1) 2) 3) 10. Ritenete che il matrimonio, inteso come relazione stabile, sia oggi in crisi? A) Si, è in crisi per molti B) Sì, è abbastanza in crisi C) Si, è in crisi ma per pochi

4 D) No, non è per nulla in crisi 11. Se avete segnato A o B come risposta alla domanda precedente, indicate i motivi di questa crisi o se avete segnato C o D indicate i motivi per cui non è in crisi (massimo 3 motivi) 1) 2) 3) 12. Pensate che gli aspetti sociali (situazione abitativa, contesto di lavoro, sostegni economici per i figli, ecc.) siano determinanti per assicurare la stabilità della coppia? A) Sì sempre B) Spesso C) Talvolta D) Mai 13. Pensate sia importante promuovere nella nostra società una cultura della stabilità della relazione coniugale? A) Sì B) No 14. Se sì, quali strumenti pensate si possano usare per promuovere nella nostra società una cultura della stabilità della relazione coniugale? (massimo 3 indicazioni) 1) 2) 3) 15. Quali politiche pensate possano favorire la stabilità della relazione coniugale? (massimo 3 indicazioni) 1) 2) 3) 16. Pensate che esista una relazione fra stabilità della relazione coniugale e felicità? A) Sì B) No C) Dipende

5 17. Date una motivazione alla vostra risposta alla domanda precedente. 18. Fedeltà e felicità: binomio impossibile? A. Date una vostra definizione della fedeltà: B. Secondo la vostra esperienza di coppia, è possibile fare coesistere fedeltà e felicità? SI NO C. Quale ritenete che sia la causa più frequente di infedeltà coniugale? (massimo 3 indicazioni sintetiche): D. Pensate che i mass media influenzino in senso negativo la fedeltà coniugale? - Molto - Abbastanza - Poco - Per niente E. Esistono oggi delle ragionevoli e convincenti motivazioni per un matrimonio fedele e per sempre, a prescindere dalle motivazioni religiose? (Elencatene una o più) F. Pensate che una famiglia unita abbia un valore sociale? - Molto - Abbastanza - Poco - Per niente Perché? (Almeno una ragione)

6 Sezione B (da compilare in coppia) 19. Ci sono o ci sono stati momenti difficili nel vostro matrimonio? A) Sì B) No 20. In un momento di crisi della vostra vita di coppia come avete cercato di ricominciare? (massimo 2 risposte) - cercando di vedere chi aveva torto e chi aveva ragione - andando aldilà di ciò che era successo - perdonandoci - cercando di metterci nei panni dell altro - aumentando l amore per l altro - altro: 21. Credete nell amore per sempre? - Poco - Abbastanza - Molto 22. Conoscendo delle coppie separate, quale pensate siano state le cause più importanti della loro separazione? (Elenca in ordine decrescente di importanza almeno due cause) 23. Secondo voi, è possibile uscire da una separazione della coppia? A) Sì B) No C) Dipende 24. Date una motivazione alla vostra risposta alla domanda precedente 25. Avete avuto modo (singolarmente o in coppia) di fare esperienza di ascolto, consulenza o di accompagnamento di qualche coppia in crisi? Sì No

7 Se sì, come l avete aiutata? (si possono indicare più risposte): * abbiamo cercato di comprenderla * le abbiamo proposto un colloquio con una coppia matura * le abbiamo fatto incontrare un sacerdote * le abbiamo consigliato uno psicoterapeuta * l abbiamo inviata presso un consultorio familiare * altro: 26. In un ipotetico colloquio con una coppia in crisi, quali aspetti cercheresti di mettere a fuoco? (segnare in ordine di importanza solo 2 fattori): * la capacità di relazionarsi tra loro * la loro vita intima * il rapporto coi figli * la dimensione religiosa della loro vita * la vita professionale * il rapporto con gli amici e la vita extra familiare * altro: 27. In caso di separazione, quali ritenete che siano i bisogni primari di ciascuno dei coniugi separati? (indicare al massimo 3 fattori) In caso di separazione, quali ritenete siano i bisogni primari dei FIGLI DEI CONIUGI SEPARATI (indicarne al massimo 3)? Quali difficoltà in più pensate che debbano affrontare i figli dei separati rispetto a quelli delle altre famiglie? A) Senso di abbandono B) Crisi di identità C) Convivenza con eventuali figli dell altro partner del genitore D) Mancanza di fiducia nell istituto familiare, incapacità a costruire un amore per sempre E) Altro:

8 Sezione C (da compilare parte individualmente e parte insieme) Questa sezione del focus è finalizzata inizialmente a promuovere un analisi individuale da parte di ciascun partner; e poi a favorire un confronto di coppia. Molte oggi sono le difficoltà e le crisi che, più o meno, mettono a prova il patto d amore e, in certi casi, anche la tenuta del legame matrimoniale. Per riuscire a cogliere segnali premonitori di crisi, non occorre sempre trovarsi di fronte allo schok di situazioni estreme. A volte ci sono segni meno vistosi e, apparentemente meno gravi, ma per questo non da sottovalutare. Eppure, per accorgersene, basterebbe un po più di attenzione reciproca, d interesse uno per l altro, di aver cura del nostro legame Ci accorgeremmo di quanti piccoli e meno piccoli segnali ci possono arrivare dal nostro/a partner e che ci dicono quanto poco facciamo per lui o per lei, per pigrizia, per non curanza, per non amore. SEZIONE C.1. (INDIVIDUALE - da compilare separatamente) MARITO C è un comportamento della moglie, a causa del quale si sente incompreso, non accolto, non valorizzato, non amato? MOGLIE C è un comportamento del marito, a causa del quale si sente incompresa, non accolta, non valorizzata, non amata? SI NO SI NO Se ha risposto SI, descriva in modo sintetico questo comportamento(uno solo, quello che pensa sia il più rilevante): Se ha risposto SI, descriva in modo sintetico questo comportamento(uno solo, quello che pensa sia il più rilevante): Ora descriva sinteticamente ciò che questo comportamento provoca in Lei: Ora descriva sinteticamente ciò che questo comportamento provoca in Lei: Di questo ne ha parlato alla moglie? Spesso Abbastanza spesso Di questo ne ha parlato al marito? Spesso Abbastanza spesso

9 A volte Mai Se ne ha parlato, lo ha fatto: In modo aperto In modo indiretto Pacatamente Aggressivamente A volte Mai Se ne ha parlato, lo ha fatto: In modo aperto In modo indiretto Pacatamente Aggressivamente SEZIONE C.2. (da compilare IN COPPIA). Ora ciascun partner può far dono all altro della propria analisi (sezione C 1). Come è andato il confronto? Avete avvertito chiaramente o no, oppure in modo vago, ciò di cui vostra moglie o vostro marito dice di soffrire a causa del vostro comportamento? Marito l avevo avvertito in modo chiaro l avevo avvertito in modo vago non l avevo avvertito Moglie l avevo avvertito in modo chiaro l avevo avvertito in modo vago non l avevo avvertito Scrivete qui, insieme o anche distintamente, una breve riflessione relativa alla risposta precedente :

10 Sezione D (da compilare individualmente oppure insieme) Si chiede di scrivere e inviare: una frase/ una riflessione/ un breve frammento d esperienza interiore/una sensazione dell anima/ un ricordo riguardanti, appunto, l abbandono e la resurrezione nella vita di coppia (massimo 10 righe, che possono prendere spunto da una o due parole-stimolo qui sotto elencate). Queste frasi possono essere scritte sotto forma lirica, diaristica o narrativa, poetica : insomma ciascuno usi il linguaggio e le forme espressive a lui/a lei più congeniali, ma che sgorghino dal cuore. Questa sezione del questionario può anche essere inviata a parte, se lo si desidera, via oppure per lettera, anche in forma anonima. Concetti-chiave: Abbandono e Risurrezione Abbandono Parole-stimolo da cui partire Risurrezione 1. L indifferenza 2. Le tenebre 3. Il non senso 4. Perché? 5. L angoscia 6. La non-risposta 7. Il senso di morte 8. Il grido 9. Il freddo 10. Il nulla 1. Un grido 2. Un lampo 3. Uno squarcio 4. La pioggia 5. Nuovo orizzonte 6. Uno sguardo 7. Un perdono 8. Un abbraccio 9. Un alba 10. Una festa Testi di approfondimento al 5 modulo formativo: Eugenio Zanetti, Dopo l inverno, Ed. Ancora Maria Pia Campanella, Il dono di Sé, accompagnamento spirituale per separati o divorziati fedeli al Sacramento, Ed. Effatà V. Iori, Separazioni e nuove famiglie, Ed. Cortina I testi di bibliografia saranno esposti per consultazione durante il corso. Si prega di inviare il questionario compilato entro il 5 settembre 2006 a:

11 6 MODULO ANALISI RISPOSTE Diapositiva Settembre 2006 CRISI DEL PATTO CONIUGALE Punti nodali della storia della famiglia

12 Diapositiva 2 Dati del campione: anni di matrimonio Anni di matrimonio RANGE 3 mesi - 36 anni In questa prima diapo vediamo alcune caratteristiche del campione che ha risposto al focus. E certamente un campione eterogeneo, come potete osservare dalla distribuzione dei dati: infatti la durata del matrimonio delle 48 famiglie varia da poco piu di alcuni mesi sino ai 33 anni dei piu veterani. La maggioranza ha comunque alle spalle piu di 5 anni di vita da sposati. Ci sono anche i questionari di due di noi che vivono una esperienza di separazione coniugale e che ringraziamo in modo particolare di essere qui.

13 Diapositiva 3 Dati del campione: numero figli mogli mariti Età media (range 29-60) (range 29-59) Numero di figli: in media 2 (0-5) L età media è di 41 anni per le mogli e 42 per i mariti e i figli variano da 0 a 5 per coppia: in media 2 figli per coppia.

14 Diapositiva 4 10) Ritenete che il matrimonio, inteso come relazione stabile, sia oggi in crisi? A) Si, è in crisi per molti C) Si, è in crisi ma per pochi B) Sì, è abbastanza in crisi D) No, non è per nulla in crisi A B C D Generalmente riteniamo che oggi il matrimonio inteso come relazione stabile sia in crisi o abbastanza in crisi. Confronteremo questa nostra percezione con quanto ci dirà il prof. Boffi del CISF di Milano frutto di indagini specifiche e vedremo che questa nostra percezione non è sempre confermata dalle indagini specifiche di settore.

15 Diapositiva 5 12) Pensate che gli aspetti sociali (situazione abitativa, contesto di lavoro, sostegni economici per i figli, ecc.) siano determinanti per assicurare la stabilità della coppia? A) Si, sempre C) Talvolta B) Spesso D) Mai A B C D Generalmente riteniamo che spesso e talvolta gli aspetti sociali e di contesto siano determinanti per la stabilità della coppia.

16 Diapositiva 6 SEZIONE A 3)Ritenete che, nella realtà di ieri, le crisi di coppia fossero meno diffuse di oggi, oppure erano meno manifeste? Meno manifeste 39% 61% Meno diffuse E nostra convinzione che in passato le crisi di coppia fossero presenti ma mano manifeste (61%) nella maggior parte dei casi, ma anche meno diffuse (39% dei casi) rispetto alla realtà odierna. Se ne deduce che riteniamo che le crisi oggi siano più manifeste e anche più diffuse che in passato. Proviamo a dare delle motivazioni a queste affermazioni. Perché, secondo noi, oggi le crisi sono più manifeste e più diffuse rispetto al passato? Cercheremo di rispondere a questa domanda indagando alcuni aspetti culturali e sociali di oggi e di ieri

17 Diapositiva 7 Sezione A A.1 Come definireste il matrimonio oggi, dei vostri genitori, dei vostri nonni? NONNI Combinato Tradizionale Duraturo Istituzionalizzato /patriarcale GENITORI Spesso è Scelta di vita Tradizionale Duraturo Unilaterale NOI OGGI Scelta di vita Da costruire giorno per giorno Instabile/ fragile Pari responsabilità La tabella presenta dei dati di sintesi. Si vede che secondo noi, è molto cambiato il matrimonio in queste tre generazioni. Nella tabella possiamo leggere in verticale le caratteristiche più tipiche, secondo noi, del matrimonio di quella generazione, in riga invece, come la medesima caratteristica sia presente (vedi riquadri colorati che evidenziano la continuità generazionale ), assente o si modifichi nelle generazioni successive. Dalla lettura emerge una FORTE CARATTERIZZAZIONE DEL MATRIMONIO IN CIASCUNA GENERAZIONE CON CARATTERISTICHE TIPICHE E UNA PARZIALE CONTINUITA delle stesse nel tempo CHE DIVENTA DISCONTINUITA SE SI CONFRONTA la generazione dei nonni con quella di oggi. Infatti, mentre le caratteristiche di stabilità e aderenza alla tradizione sono presenti sia nei nostri nonni che nei nostri genitori, le stesse caratteristiche spariscono per noi e si trasformano nel loro opposto: Instabilità, fragilità, abbandono del riferimento alla tradizione, sfida quotidiana. Si coglie poi una evoluzione sia nella autonomia/responabilità della scelta (riga1) sia nella tipologia dei rapporti coniugali (riga 4). Il matrimonio dei nostri nonni era spesso combinato, dei nostri genitori spesso è stato una scelta, per noi oggi è prevalentemente una scelta di vita. Quindi per noi il matrimonio oggi presuppone una maggiore autonomia di scelta e richiede una conseguente maggiore responsabilità, capacità di discernimento e di valutazione. Inoltre alla famiglia patriarcale dei nostri nonni si sostituisce una famiglia dove il rapporto fra coniugi è spesso unilaterale ( la famiglia dei nostri genitori) e oggi una famiglia in cui ai coniugi è richiesto un rapporto paritario. Già questi pochi elementi aiutano a collocare una sorta di crisi del matrimonio oggi.

18 Diapositiva 8 Sezione A A.2) Come definireste la società, e la cultura dei vostri nonni, dei vostri genitori, e di noi oggi? NONNI Solidale Abituata al sacrificio Agricola/patriarc ale Rigida/conservat rice/povera GENITORI Rivoluzionaria Ricca di valori Convenzionale/p erbenista Intraprendente NOI OGGI Individualistica Superficiale Alla ricerca Permissiva/capit alista La tabella presenta dei dati di sintesi. Nella tabella possiamo leggere in verticale le caratteristiche più tipiche, secondo noi, della società e della cultura in quella generazione, in riga invece, come la medesima caratteristica sia presente assente o si modifichi nelle generazioni successive. Non troviamo qui riquadri colorati ad indicare la mancanza di una stabilità nel tempo di certe caratteristiche. Dalla lettura emerge una FORTE CARATTERIZZAZIONE DELLA SOCIETA E DELLA CULTURA IN CIASCUNA GENERAZIONE CON CARATTERISTICHE TIPICHE E UNA FORTE EVOLUZIONE DEL CONTESTO CULTURALE E SOCIALE NELLE TRE GENERAZIONI TANTO CHE, CONFRONTANDO LA GENERAZIONE DEI NOSTRI NONNI CON NOI, SI RILEVANO CARATTERISTICHE OPPOSTE. C è quindi la percezione di un forte dinamismo e di assenza di stabilità. Percepiamo la società di oggi come individualista, superficiale, alla ricerca, permissiva, capitalista in netta contrapposizione con la società dei nostri nonni che percepiamo come solidale, abituata al sacrificio, agricola, patriarcale, rigida, conservatrice e povera. Vediamo la generazione dei nostri genitori come una generazione di transizione in cui si innescano alcune dinamiche di cambiamento.

19 Diapositiva 9 4)Importanza data alla qualità della relazione fra i coniugi nel matrimonio di oggi, in quello dei vostri genitori e dei vostri nonni? molto abbastanza poco nulla 0 OGGI GENITORI NONNI Se andiamo a valutare l importanza data alla qualità della relazione fra i coniugi nelle tre diverse generazioni di noi oggi, i nostri genitori e i nostri nonni, vediamo che si passa da poca attenzione alla relazione dei nostri nonni a molta attenzione della nostra generazione. Oggi infatti, a differenza del passato, la qualità della relazione fra i coniugi è centrale per la riuscita e la stabilità di un matrimonio.

20 Diapositiva 10 5)Pensate che l odierno contesto culturale e sociale aiuti la stabilità della coppia? UNANIME RISPOSTA: NO 13) Pensate sia importante promuovere nella nostra società una cultura della stabilità della relazione coniugale? UNANIME RISPOSTA: SI Tutti siamo unanimi nel ritenere che l odierno contesto culturale e sociale non favorisca la stabilità della coppia e che sia importante promuovere una cultura che favorisca la stabilità della relazione coniugale, pur consapevoli del fatto che l oggi ci pone delle sfide sempre nuove e che quindi occorre saper riconiugare i valori profondi del matrimonio in un mutato contesto sociale e culturale ricco senz altro di minacce ma anche di straordinarie opportunità.

21 Diapositiva 11 Sezione A Quali strumenti /politiche per promuovere la stabilità della relazione coniugale? STRUMENTI Formazione permanente coppie e fidanzati (80%) Testimonianze positive attraverso i media Condivisione fra famiglie Promozione della mediazione familiare POLITICHE Politiche economiche e fiscali a favore della famiglia Maggiore flessibilità lavorativa Formazione specifica dei giovani Si rileva che per la maggior parte di noi la formazione permanenete di coppie e fidanzati è lo stumento più efficace seguito immediatamente dalla divulgazione di testimonianze positive attraverso i media. Riteniamo che la politica dovrebbe farsi carico anche della formazione dei giovani su questi temi.

22 Diapositiva 12 Sezione A CONTESTO CULTURALE E SOCIALE ODIERNO COSA AIUTA LA STABILITA COSA NON AIUTA LA STABILITA Condivisione con altre coppie e mov. familiari, rete di relazioni sociali La libertà di scelta del coniuge e del matrimonio La fede religiosa La presenza di ideali comuni Messaggi veicolati dai mass media Precarietà economica dei giovani, arrivismo, vita frenetica Individualismo, egoismo, rifiuto del sacrificio La assenza di ideali comuni e valori condivisi Si rileva che per la maggior parte di noi il fattore che maggiormente aiuta la stabilità della coppia è la condivisione con altre coppie e movimenti familiari: si rileva l esigenza, in un epoca di grande cambiamento, di attivare un confronto fra coppie per ricercare insieme una identità e sostenersi vicendevolmente in un cammino tutt altro che scontato. Anche la fede, la presenza di ideali comuni e il fatto di scegliere liberamente il coniuge, secondo noi aiutano. Fra i fattori che aumentano la instabilità la maggior parte di noi identifica i mass media per i messaggi disgreganti e per l immagine di famiglia che propongono, la precarietà economica dei giovani, la vita frenetica, l arrivismo professionale fra le cause esogene = esterne alla coppia. Mentre fra quelle interne l individualismo, l egoismo, il rifiuto del sacrificio, la assenza di valori forti condivisi.

23 Diapositiva 13 Sezione A COSA AIUTA LA STABILITA? Caratteristiche individuali Caratteristiche della relazione di coppia Ascolto Pazienza Umiltà Maturità affettiva Dialogo Gratuità nel donarsi Amore, fiducia reciproca, capacità di perdono Presenza di tempi adeguati per la coppia Altruismo, generosità, spirito di sacrificio Si rileva che la caratteristica individuale più rappresentata è la capacità di ascolto seguita subito dopo dalla pazienza. Così come la caratteristica della relazione che più aiuta la stabilità, ci sembra il dialogo (etimologicamente: rapporto basato sulla disponibilità al chiarimento)

24 Diapositiva 14 16) Pensate che esista una relazione fra stabilità della relazione coniugale e felicità? SI 93% NO / DIPENDE 7% Sì a condizione che: esista una certa qualità della relazione che favorisce la realizzazione reciproca nella comunione e nella libertà 17) Perché? La natura umana ha bisogno di stabilità (dà sicurezza e combatte la paura) e di amare ed essere amata Il matrimonio coinvolge la parte più profonda e intima della persona in una compenetrazione di personalità. La stabilità aiuta una serena percezione del sé nel tempo! Il 93 % di noi ritiene che esista una relazione fra felicità e stabilità della relazione coniugale. Si vede tuttavia come la relazione fra stabilità coniugale e felicità sia fortemente condizionata dalla qualità della relazione stabile fra i due: se la relazione favorisce la reciproca realizzazione e si esprime nella comunione e nella libertà allora la relazione fra stabilità e felicità è positiva principalmente per tre ragioni: Perché la natura umana ha bisogno di stabilità ( è un antidoto all ansia e alla paura) L essere umano ha bisogno di relazioni vere: amare ed essere amato Perché il matrimonio modifica profondamente la persona e la stabilità della relazione aiuta la persona a ritrovarsi in un sé che comprende anche il noi. Queste sono sostanzialmente le ragioni per cui oggi ha ancora un senso sposarsi. Tutti riteniamo che la famiglia sana e unita sia un dono per la società perché è un piccolo bozzetto di società che educa alla diversità, alla tolleranza, alla reciprocità.

25 Diapositiva 15 SEZIONE B 19)Ci sono o ci sono stati momenti difficili nel vostro matrimonio? 21% no si 79% Come si vede siamo coppie normali con i nostri momenti di difficoltà.

26 Diapositiva 16 20) In un momento di crisi della vostra vita di coppia come avete cercato di ricominciare? A) cercando di vedere chi aveva torto e chi aveva ragione B) andando aldilà di ciò che era successo C) Perdonandoci E) aumentando l amore per l altro D) cercando di metterci nei panni dell altro F) altro: intensificando il dialogo A B C D E F In genere, nei momenti di difficoltà cerchiamo di andare al di là di quello che è successo, cerchiamo di metterci nei panni dell altro e perdonarci. Quindi in genere cerchiamo di superare questi momenti di difficoltà aumentando fra noi l amore.

27 Diapositiva 17 21)Credete nell amore per sempre? MOLTO 11% ABBASTANZA 89%

28 Diapositiva 18 SEZIONE C: C.1) C è un comportamento della moglie/marito a causa del quale si sente incompreso, non amato? Sì nel 65% dei casi dei mariti e nel 73 % dei casi delle mogli Quasi sempre se ne è parlato fra i coniugi in modo aperto e pacato, solo qualche volta in modo aggressivo soprattutto da parte dei mariti ( 25% dei casi) Quasi sempre il coniuge era consapevole che il suo comportamento creava disagio al partner (nel 97% dei casi) Diapositiva sezione C, domanda C1: Commento: Nelle coppie presenti esistono dei comportamenti di uno dei due coniugi che generano frustrazione nell altro (Come si vede le donne sono più esigenti nella relazione 73%di donne verso 65 % di uomini); tuttavi esiste un dialogo aperto fra i coniugi che si esprime in modo aperto e pacato nella maggior parte dei casi, in modo talvolta aggressivo (25%dei casi, per i mariti). Nel partner c è la conoscenza e la consapevolezza di questi aspetti.

29 Diapositiva 19 25) Avete avuto modo (singolarmente o in coppia) di fare esperienza di ascolto, consulenza o di accompagnamento di qualche coppia in crisi? 26% no CONSULTORIO FAMILIARE 74% sì PSICOTERAPEUTA SACERDOTE COLLOQUIO CON COPPIA MATURA COMPRENSONE Secondo la maggior parte di noi non è scontato poter uscire da una separazione di coppia. Dipende dalle situazioni. La maggior parte di noi ha avito la possibilità di fare esperienze di condivisione /ascolto/accompagnamento di coppie in crisi. In questi casi abbiamo cercato di comprenderle e di offrire loro occasioni di dialogo o con coppie più mature o con un sacerdote o con un consultorio familiare.

30 Diapositiva 20 26) In un ipotetico colloquio con una coppia in crisi, quali aspetti cercheresti di mettere a fuoco? RAPPORTO CON GLI AMICI VITA PERSONALE DIMENSIONE RELIGIOSA RAPPORTO CON I FIGLI INTIMITà CAPACITà DI RELAZIONARSI La maggior parte di noi in un colloquio con una coppia in crisi cercherebbe di evidenziare soprattutto la capacità di relazionarsi fra loro dei due, anche nella vita intima e poi il rapporto con i figli. Nei Workshop previsti domani, ci sarà la possibilità di approfondire questi aspetti anche con il contributo di specifici esperti.

31 Diapositiva 21 29) Quali difficoltà in più pensate che debbano affrontare i figli dei separati rispetto a quelli delle altre famiglie? ALTRO: SENSO DI COLPA NO FIDUCIA NELLA FAMIGLIA CONVIVENZA CON FIGLI CRISI DI IDENTITà SENSO DI ABBANDONO Ci sembra che il senso di abbandono e la crisi della fiducia nella famiglia siano le principali difficoltà che i figli di separati dovranno affrontare. Ci sarà comunque la possibilità di approfondire questi aspetti con Marisa Tironi e Ezio Aceti nel corso di queste giornate.

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO QUESTIONARIO DI GRADIMENTO Il BRUCO Asilo Nido e Scuola d Infanzia Via Case Basse San Vittore, 24 Pavia www.asiloilbruco.com Tel. 0382.1726.241 Tel. 393.900.6211 Cari Genitori, il questionario è stato

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

INTERVISTA CLINICA GENERAZIONALE. (rivisitata) Luca Pappalardo ITFF - ITFB

INTERVISTA CLINICA GENERAZIONALE. (rivisitata) Luca Pappalardo ITFF - ITFB INTERVISTA CLINICA GENERAZIONALE (rivisitata) Luca Pappalardo ITFF - ITFB Asse 1 Le origini Bene, innanzi tutto vi chiediamo di calarmi mentalmente, di immergervi nelle vostre origini, vale a dire l ambiente

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

DAL «CELEBRARE» ALL «ESSERE» SACRAMENTO DELLE NOZZE

DAL «CELEBRARE» ALL «ESSERE» SACRAMENTO DELLE NOZZE DAL «CELEBRARE» ALL «ESSERE» SACRAMENTO DELLE NOZZE DISCERNIMENTO: QUALI CRITERI PER VALUTARE UNA RECIPROCA IDONEITA VERSO IL TUTTO E IL PER SEMPRE fr. Marco Vianelli ofm Giudice presso il Tribunale ecclesiastico

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

LE FAMIGLIE AFFIDATARIE

LE FAMIGLIE AFFIDATARIE Torino 20.03.2014 LE FAMIGLIE AFFIDATARIE CATERINA MONTALI psicologa psicoterapeuta dirigente I livello Referente Area Affidi e Adozioni, Referente Progetto Neonati S.C. Neuropsichiatria Infantile ASLTO2

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE

TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE TRE STEP PER AFFRONTARE L ANSIA DA SEPARAZIONE La tua situazione forzata E capitato a Monica di divorziare dal marito dopo 10 anni di matrimonio e nonostante fossero passati ormai 8 anni, ha molte difficoltà

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

Progetto genitori consapevoli

Progetto genitori consapevoli Progetto genitori consapevoli Corso di formazione a sostegno del difficile compito di essere genitori oggi. Grande affluenza di pubblico L'iniziativa, con lo scopo ben preciso di dialogare insieme su problemi

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE:

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: Convegno SIMPe SS La sfida del terzo millennio La Medicina delle Persone Sane LA SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: un progetto di intervento Prof. Roberta Giommi Direttore Istituto Internazionale di sessuologia

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AREA DEL BISOGNO RAGIONI DELLA SCELTA Anche quest anno le scuole dell infanzia di Leno proseguono

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

YOUTH SCIENCE CALABRIA 2013

YOUTH SCIENCE CALABRIA 2013 YOUTH SCIENCE CALABRIA 2013 LICEO SCIENTIFICO PIETRO METASTASIO SCALEA (CS) Anno scolastico 2013/2014 La ricerca è stata effettuata presso il Liceo scientifico Pietro Metastasio nelle classi VA e VD Sono

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Nonni si nasce o si diventa?

Nonni si nasce o si diventa? Nonni si nasce o si diventa? Riflessioni perché la Nonnitudine sia uno status di vita occasione di Vita! I nonni Ci sono delle cose che solo i nonni sanno, son storie più lontane di quelle di quest anno.

Dettagli

PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI

PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI Educare i bambini all affettività e all amore di Rosangela Carù 1) Significato di sessualità - differenza tra genialità e sessualità - differenza tra informazione

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici I nostri focus sono la persona, l occupazione, l ambiente, la partecipazione alle attività della nostra vita quotidiana: essi rappresentano gli ambiti nel

Dettagli

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA Psicologa Acone Silvana L ADOLESCENTE: CHI SONO? Il compito dell adolescente è quello di "individuarsi" rispetto alla propria famiglia. Emanciparsi

Dettagli

Scheda per il Laboratorio sull educazione

Scheda per il Laboratorio sull educazione ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI EDUCARE alla solidarietà e alla condivisione XIV Convegno Diocesano * Cava S. Francesco, 22-23 Ottobre 2010 Scheda per il Laboratorio sull educazione 1. Dopo la riflessione

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli