Area 2 - Ricerca per il Governo clinico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area 2 - Ricerca per il Governo clinico"

Transcript

1 Programma di ricerca Regione-Università Area 2 - Ricerca per il Governo clinico Modulo 1. Informazioni generali sul progetto Ente che presenta la proposta Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola Malpighi Titolo del progetto (max 200 caratteri spazi inclusi) STILI DI DIREZIONE E DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DIPARTIMENTALI Titolo breve (max 50 caratteri spazi inclusi) STILI DI DIREZIONE E DI GESTIONE RISORSE UMANE Area tematica (indicare una delle aree del bando) ANALISI DEL RAPPORTO TRA MODELLI E VARIABILI ORGANIZZATIVE E SVILUPPO DEL GOVERNO CLINICO Parole chiave (massimo 5) STILI DI LEADERSHIP, GESTIONE DELLE RISORSE UMANE, DIPARTIMENTO, PERFORMANCE, GOVERNO CLINICO Costo [totale] stimato del progetto Finanziamento [totale] richiesto Cofinanziamento (se applicabile) Durata prevista del progetto (in mesi) 24 MESI Coordinatore Scientifico Nome e Cognome: GUIDO SARCHIELLI Istituzione di appartenenza: UNIVERSITA' DI BOLOGNA - FACOLTA' DI PSICOLOGIA Qualifica professionale: PROFESSORE ORDINARIO DI PSICOLOGIA DEL LAVORO - UNIVERSITA' DI BOLOGNA Indirizzo: FACOLTA' DI PSICOLOGIA, P.za Aldo Moro 90, Cesena (FC) Telefono: Fax:

2 Responsabile Amministrativo Nome e Cognome: Istituzione di appartenenza: Qualifica professionale: Dott.ssa Caterina Cicognani Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola Malpighi Collaboratore Amministrativo dell Ufficio Ricerca e Sperimentazione Clinica Telefono: / (fax) Elenco Unità Operative partecipanti: nome dell istituzione e del legale rappresentante Il progetto di ricerca prevede la partecipazione di un'unica Unità Operativa di ricerca, composta da personale dell'università degli Studi di Bologna-Facoltà di Psicologia, da personale dell'aou S.Orsola Malpighi di Bologna e da personale esterno da selezionare. Responsabile Scientifico del progetto: prof. Guido Sarchielli, Università degli Studi di Bologna. Legale Rappresentante dell Unità Operativa: dott. Sergio Venturi, Direttore Generale AOU di Bologna; Consulente Scientifico: Dott. Mario Cavalli, Direttore Sanitario AOU Bologna; Coordinatore Scientifico e Responsabile gestionale del progetto: prof. Giovanni De Plato, Università degli Studi di Bologna; Consulente Scientifico per la metodologia: prof. Stefano Toderi, Università degli Studi di Bologna. 2

3 Modulo 2. Descrizione del progetto e sintesi delle attività di tutte le Unità partecipanti alla ricerca Riassunto (max caratteri spazi inclusi) (Devono essere presenti i seguenti capitoli: 1. Background; 2. Obiettivi; 3. Metodi; 4. Risultati attesi) 1.La nostra ricerca condotta su 411 Direttori di otto Aziende sanitarie della RE-R, ha rilevato una notevole diversificazione negli stili di leadership mostrando, inoltre, che l esercizio del ruolo di Direzione può comportare un sovraccarico causato dalle attività organizzativo-gestionali oltre che difficoltà nella gestione dei cambiamenti organizzativi e nel coinvolgimento dei professionisti sugli obiettivi aziendali; parallelamente, la partecipazione dei professionisti alle funzioni strategiche dei Comitati di Dipartimento è descritta nel complesso poco soddisfacente. 2.Evidenziare gli stili di leadership dei Direttori di Dipartimento (DD) che sono più correlati con buone performance dipartimentali, esplorare il funzionamento del Dipartimento e del Comitato di Dipartimento quale organismo partecipativo e decisionale di livello meso, comprendere le relazioni tra variabili psicosociali, leadership e qualità dei servizi negli specifici contesti. Si vogliono inoltre ricavare profili di situated competences del DD, valutando la forza delle relazioni tra stile di leadership e qualità delle performances. 3.Il campione prevede circa 600 unità fra cui i Direttori Generali/sanitari, i DD e di Direttori Struttura Complessa (DSC), i membri del Comitato di Dipartimento, ed un campione di dirigenti medici dei Dipartimenti di 6 Aziende Sanitarie dell Emilia-Romagna. Il progetto si articola in tre step: una prima fase di ricerca qualitativa (interviste semistrutturate) ed una seconda e terza fase di ricerca quantitativa (due survey). 4. ll progetto intende fornire strumenti originali di intervento volti alla valorizzazione delle risorse umane: a) situated competences checklist dei DD; b) proposta per i Direttori Generali di criteri per la selezione dei Direttori di Dipartimento; c) indicatori di valutazione; d) report sul funzionamento dei Comitati di Dipartimento selezionati; e) raccomandazioni per gli iter formativi delle figure di direzione;f)diffusione risultati. Sintesi delle conoscenze già disponibili sull argomento (max caratteri spazi inclusi) A distanza di oltre un decennio dall introduzione dei dipartimenti nel Ssn, non si rilevano nella letteratura nazionale e internazionale evidenze circa i diversi tipi di fattori che influenzano i risultati raggiunti, nei termini di efficienza, efficacia e appropriatezza delle prestazioni e di valorizzazione dei clinici nel governo delle strutture delle Aziende sanitarie. Tra i limiti delle ricerche disponibili si evidenzia la prevalenza di una prospettiva di analisi di natura prescrittiva, piuttosto che descrittiva ed esplicativa e interessata alla comprensione dei fattori organizzativi e relazionali che influenzano i meccanismi operativi di funzionamento del dipartimento. A ciò si deve aggiungere la situazione di mutamento strutturale e di prospettiva entro cui agiscono le organizzazioni sanitarie, sintetizzabile con alcuni concetti chiave: performance assessment, accountability e focalizzazione sul paziente. Le evidenze prodotte da recenti studi organizzativi e psicosociali sostengono la convinzione, anche da parte dei policy maker e dei manager, che la natura di tali cambiamenti richieda di riconoscere prioritariamente il ruolo dei fattori soft della organizzazione (ovvero di aspetti culturali, cognitivi, psicosociali) rispetto a quelli più consolidati di tipo strutturale. Sono crescenti infatti le analisi degli effetti delle culture organizzative, dei fattori motivazionali, dei processi di identificazione organizzativa e, soprattutto, degli stili di leadership di coloro che svolgono ruoli direttivi nelle Aziende sanitarie, intese come burocrazie professionali e organizzazioni knowledge e relational intensive. Ad oggi, non sono disponibili però dati empirici esaustivi sugli effetti di tali variabili soft sul miglioramento della qualità e della performance dei servizi. Alcune indicazioni sul significato dei diversi stili di leadership dei Direttori di dipartimento emergono dalla nostra ricerca biennale di recente conclusa, condotta su un campione di 411 Direttori (DD e DSC), appartenenti a otto aziende sanitarie, territoriali e ospedaliere, dell Emilia-Romagna. La motivazione e il coinvolgimento dei professionisti nel perseguimento degli obiettivi della struttura organizzativa sono state indicati dai Direttori intervistati come le principali criticità del ruolo di direzione, mentre le difficoltà nella gestione dei cambiamenti organizzativi e il sovraccarico lavorativo dovuto alle attività organizzativo-gestionali sono emerse in modo evidente al punto tale che esse sono state indicate dal 20% circa dei DD intervistati quale motivo di possibile rinuncia del ruolo ricoperto. Di particolare salienza risultano gli stili di leadership centrati sull attribuzione di ricompense o sul riconoscere i bisogni dei collaboratori, mentre risulta meno presente lo stile basato su dimensioni relazionali e di vision della 3

4 leadership, con conseguenti maggiori difficoltà nel coinvolgere e motivare il personale nel raggiungimento di obiettivi comuni di tipo dipartimentale e/o di U.O. Quest ultima connotazione dello stile di leadership sembra riflettersi anche sui processi di partecipazione dei professionisti alle funzioni strategiche e decisionali dei Comitati di Dipartimento, valutati nel complesso come poco soddisfacenti. Quali nuove conoscenze il progetto apporterà rispetto a quanto già si conosce (max caratteri spazi inclusi) (Specificare le informazioni più rilevanti distinguendo l aspetto clinico e organizzativo) Il progetto, in continuità con la nostra ricerca sopra richiamata, intende ulteriormente verificare la relazione tra differenti stili di leadership che informano l azione direttiva dei DD e la performance dipartimentale. In una visione sistemica del dipartimento si produrranno conoscenze più dettagliate sulle relazioni tra i livelli organizzativi e i ruoli di DD, DSC e medici dirigenti nel concorrere a prestazioni organizzative qualitativamente elevate. Un prioritario risultato innovativo consiste nel tenere insieme l identificazione degli stili di direzione efficaci dei DD e di DSC e le competenze espresse nelle prassi gestionali-organizzative. Ciò sarà messo in relazione: con la performance dipartimentale (nell ottica della clinical governance); con i livelli e le modalità di partecipazione dei professionisti al perseguimento degli obiettivi dipartimentali, con particolare riferimento al Comitato di Dipartimento; con le aspettative circa il processo di selezione e di individuazione dei profili ottimali dei DD da parte dei diretti interessati (DG e DD); con le aspettative di carriera rispetto a tale ruolo dei dirigenti medici che lavorano nei Dipartimenti oggetto dell indagine, i quali costituiscono la futura classe di Direttori. In tal senso, un ulteriore nuova conoscenza riguarderà la definizione di profili di competenze per dirigere, empiricamente fondati, e di criteri per la costruzione del percorso di selezione dei DD, la selezione dei candidati e la loro valutazione. Dettagliata descrizione degli obiettivi primari e secondari del progetto (max caratteri spazi inclusi) ( Obiettivo/i primari(o) Obiettivo/i secondari(o) ) 4

5 Obiettivo/i primari(o). Consiste nel definire profili di situated competences dei DD delle Aziende sanitarie emiliano-romagnole (intese come competenze cognitive relazionali ed emotive per affrontare condizioni sia di routine sia non ordinarie che caratterizzano la gestione dei servizi negli specifici contesti) e criteri per la selezione dei DD e la loro valutazione. Il raggiungimento di tale obiettivo, si connette con: a) l analisi dei modelli di leadership tipici dei contesti sanitari, con riferimento ai costrutti più moderni elaborati dai leadership studies come ad esempio l authentic e la servant leadership; b) la verifica empirica della forza delle relazioni tra stile di leadership, variabili di natura cognitiva e psicosociale e fattori organizzativi di contesto che condizionano la gestione del dipartimento e la sua performance (misurata anche con indicatori oggettivi di efficienza ed efficacia ricavati consensualmente con il contributo degli stessi partecipanti alla ricerca). In questa fase sarà posta una particolare attenzione anche agli effetti di tali dimensioni sulla valorizzazione delle risorse umane e professionali presenti a livello dipartimentale. Nella raccolta delle informazioni necessarie allo studio saranno presi in considerazione gli orientamenti cognitivi e motivazionali e le esperienze delle figure chiave del Dipartimento: DD, DSC, dirigenti medici. Obiettivo/i secondari(o). Evidenziare i fattori motivazionali e psicosociali (aspettative, commitment, identificazione organizzativa, ecc.) che influenzano i processi di partecipazione e l efficace funzionamento del Comitato di Dipartimento nell esercizio delle sue funzioni di natura istruttoria, decisionale e propositiva. A tal fine si cercherà di raccogliere informazioni utili alla analisi e valutazione delle condizioni e dei modi con cui si realizza la partecipazione delle diverse componenti professionali. Metodologia (max caratteri spazi inclusi) (Specificare, se pertinente per il tipo di progetto: 1. Pazienti/soggetti, 2. Intervento/i; 3. Setting; 4. End point(s)/outcome(s); 5. Tipo di disegno di studio; 6. Modalità di raccolta dati; 7. Dimensione pianificata dello studio e sua giustificazione) Partecipanti e setting. I partecipanti alla ricerca sono i DG e DS, i DD e di DSC, i componenti del Comitato di Dipartimento (compresi i responsabili dei servizi infermieristici) e un campione di dirigenti medici dei Dipartimenti considerati. Le Aziende sanitarie dell Emilia-Romagna coinvolte sono almeno 6 (2 aziende per ogni Area Vasta) onde garantire una rappresentatività dell intero territorio regionale. Nella selezione delle Aziende sarà data la priorità a quelle già coinvolte nel precedente progetto, anche per poter disporre di una base dati utile per confronti con i risultati precedenti. I Dipartimenti saranno scelti, tenendo conto delle differenti tipologie e strutture (Ausl, Ao, Aou), ad esclusione di quelli amministrativi e tecnici, poiché la ricerca si focalizza sulle core operations, attività essenziali e qualificanti delle Aziende. Tipo di disegno di studio ed End point(s)/outcome(s). Il progetto ha una natura cross-sectional e prevede tre step di indagine tutti caratterizzati da misure inerenti l esperienza effettivamente svolta e non le prescrizioni ideali o normative: Primo step. Sono coinvolti i DG, i DS e i DD (circa 60 Direttori). E una fase di ricerca quali-quantitativa, condotta con interviste individuali semistrutturate e scale di misura a risposta multilivello, utilizzando per l analisi dei dati tecniche narrative (con successiva content analysis) e testuali (elaborazione tramite, ad esempio, T-lab). L intervista ai DG/DS descriverà l attuale processo di selezione e valutazione dei DD, mettendo in evidenza competenze attese, punti di forza e criticità. L intervista ai DD sarà di tipo focused, con l utilizzo anche di check-list, ed indagherà, oltre al percorso di selezione e 5

6 valutazione, le dimensioni relative a: 1. esperienza professionale (work history) del DD (ad es. formazione clinica e manageriale, esperienza di direzione, ecc.); 2. stile di leadership, (qualità e caratteristiche personali e relazionali; promozione e gestione del cambiamento clinico-organizzativo); 3. ricostruzione delle effettive modalità organizzative incidenti sulla performance dipartimentale, tra cui, per la parte clinica, l adozione di linee guida e la loro traduzione in percorsi diagnostico-terapeutici condivisi, l audit clinico, la gestione del rischio, l utilizzo di criteri e misure per il monitoraggio e la valutazione dell appropriatezza e della continuità dell assistenza, la gestione delle informazioni e dei dati relativi agli interventi, la diffusione delle informazioni sulla efficacia degli interventi, la predisposizione di iniziative e programmi di formazione e loro valutazione, la predisposizione/partecipazione a progetti di ricerca e loro valutazione; per la parte economica, la definizione dei criteri di allocazione delle risorse, l utilizzo di criteri e misure per il monitoraggio e la valutazione dell efficiente consumo di risorse, la gestione delle informazioni e dei dati relativi alla contabilità analitica. Tali informazioni serviranno anche per la scelta definitiva degli indicatori di efficacia/efficienza della performance dipartimentale correlabili con le variabili psicosociali (come indicato nell obiettivo primario); 4. misura del senso di appartenenza dipartimentale (identificazione organizzativa); 5. rappresentazione del funzionamento del Comitato di Dipartimento (modalità di partecipazione dei professionisti; processi decisionali su obiettivi economici e legati all assistenza; conduzione e preparazione delle riunioni). Questa fase qualitativa è completata dalla raccolta di informazioni di contesto sui Dipartimenti e da interviste ai responsabili dei servizi infermieristici sul funzionamento del Comitato di Dipartimento. Secondo step. Sono coinvolti i DSC (circa 200 Direttori). Questa fase è di natura quantitativa, basata su survey, comprendente scale di misura di carattere psico-sociale validate, tratte in parte dalla letteratura e in parte realizzate ad hoc. L analisi dei dati prevede correlazioni, regressioni multiple e studio di moderazione e mediazione. La survey considera le seguenti aree tematiche: 1. rappresentazione dello stile di leadership del DD (qualità e caratteristiche personali e relazionali e promozione e gestione del cambiamento clinico-organizzativo); 2. concrete modalità organizzative influenti sulla performance dipartimentale, tra cui, per la parte clinica, l adozione di linee guida e la loro traduzione in percorsi diagnostico-terapeutici condivisi, l audit clinico, la gestione del rischio, l utilizzo di criteri e misure per il monitoraggio e la valutazione dell appropriatezza e della continuità dell assistenza, la gestione delle informazioni e dei dati relativi agli interventi, la diffusione delle informazioni sulla efficacia degli interventi, la predisposizione di iniziative e programmi di formazione e loro valutazione, la predisposizione/partecipazione 6

7 a progetti di ricerca e loro valutazione; per la parte economica, la definizione dei criteri di allocazione delle risorse, l utilizzo di criteri e misure per il monitoraggio e la valutazione dell efficiente consumo di risorse, la gestione delle informazioni e dei dati relativi alla contabilità analitica; 3. percezione del proprio stile di leadership (DSC), con riferimento al costrutto teorico della servant leadership caratterizzata dalla capacità di mettersi al servizio dell organizzazione prendendo decisioni volte al bene comune, anche a costo di sacrificare i propri interessi personali, e dal coinvolgimento verso il Servizio -mission e vision aziendali-. 4. percezione di equità e giustizia distributiva nell organizzazione dipartimentale; 5. senso di appartenenza dipartimentale (identificazione organizzativa); 6. modalità di partecipazione nell ambito del Comitato di Dipartimento, al processo propositivo e decisionale relativo alle scelte degli obiettivi da perseguire a livello dipartimentale e nella singola Unità Operativa. Terzo step di ricerca. Si basa su un campione di dirigenti medici operanti presso le strutture complesse componenti ciascun Dipartimento oggetto di indagine, i quali abbiano maturato almeno cinque anni di anzianità di servizio (circa 340 dirigenti medici). Anche in questo caso si opera con una metodologia quantitativa, basata su una survey costruita ad hoc, comprendente scale di misura di carattere psico-sociale validate e solo in piccola parte realizzate dagli stessi ricercatori. Le aree tematiche indagate saranno: 1. aspettative sul percorso di carriera (con riferimento al costrutto di psychological contract); 2. stile di leadership del DD (qualità e caratteristiche personali e relazionali; promozione e gestione del dipartimento); 3. effettive modalità organizzative incidenti sulla performance dipartimentale, tra cui, per la parte clinica, l adozione di linee guida e la loro traduzione in percorsi diagnostico-terapeutici condivisi, l audit clinico, la gestione del rischio, l utilizzo di criteri e misure per il monitoraggio e la valutazione dell appropriatezza e della continuità dell assistenza, la gestione delle informazioni e dei dati relativi agli interventi, la diffusione delle informazioni sulla efficacia degli interventi, la predisposizione di iniziative e programmi di formazione e loro valutazione, la predisposizione/partecipazione a progetti di ricerca e loro valutazione; per la parte economica, la definizione dei criteri di allocazione delle risorse, l utilizzo di criteri e misure per il monitoraggio e la valutazione dell efficiente consumo di risorse, la gestione delle informazioni e dei dati relativi alla contabilità analitica; 4. clima organizzativo ed effetti di soddisfazione lavorativa. Durante gli step 2 e 3 sono rilevati gli indicatori di performance dipartimentale correlabili con le misure di 7

8 natura soggettiva derivanti dai questionari. Ogni step della ricerca prevede, inoltre, il confronto tra Aziende. Ciò al fine di testare l influenza di variabili contestuali quali la dimensione del Dipartimento (es. volume di attività, posti letto) e l assetto istituzionale dell Azienda (Azienda territoriale, ospedaliera, ospedalierouniversitaria) sulla relazione tra variabili cognitive e psicosociali e variabili organizzative, e di identificare quali elementi risultano essere comuni e di maggiore successo nel garantire una performance dipartimentale di qualità. Modalità di raccolta dati.le interviste e i questionari saranno somministrati individualmente presso le aziende coinvolte. Si progetterà anche una versione della survey on-line per contenere i costi, velocizzare l inserimento e l analisi dei dati e far risparmiare tempo ai partecipanti.gli strumenti di indagine, pur essendo originali, prevedono parti utili alla comparazione con la precedente ricerca.dimensione pianificata dello studio e sua giustificazione.le dimensioni finali del campione saranno definite anche attraverso procedure di convenienza, con una dimensione di circa 600 unità al fine di poter realizzare comparazioni statisticamente plausibili. Generalizzabilità/trasferibilità dei risultati al contesto sanitario regionale (max caratteri spazi inclusi) (Specificare le informazioni più rilevanti distinguendo l aspetto clinico e organizzativo) La ricerca assume come ambito di studio sei aziende sanitarie, scelte in modo da rappresentare, non solo la loro tipologia, ma anche le tre Aree vaste regionali. Ciò potrà garantire di ottenere informazioni valide per la descrizione dei singoli casi, ma anche per eseguire confronti plausibili tra i vari contesti indagati. Il progetto, infatti, si propone di conseguire i seguenti risultati ritenuti trasferibili ai diversi contesti sanitari con caratteristiche analoghe: (1) un quadro delle caratteristiche distintive del Direttore di Dipartimento situate rispetto ai contesti d uso e correlate alle variabili di natura cognitiva, psicosociale, organizzativa e gestionale che influenzano gli stili di direzione adottati e la performance dipartimentale; (2) un insieme di criteri e di strumenti originali per la valutazione delle performance del Direttore e della posizione organizzativa dipartimentale; (3) una proposta di linee procedurali utili per la selezione dei Direttori e per la definizione di una policy delle risorse umane con posizione di direzione; (4) la definizione di sistemi di competenze funzionali alla progettazione dei percorsi formativi per la figura di Direttore di Dipartimento e dei percorsi di carriera per i Direttori di Struttura Complessa e per i medici dirigenti. In particolare, la definizione delle caratteristiche distintive del Direttore di Dipartimento e il sistema di competenze specifiche a tale posizione organizzativa, contribuiranno alla definizione di criteri e strumenti originali per la valutazione e la selezione 8

9 dei Direttori di Dipartimento, nonché per la progettazione di percorsi formativi specifici e per nuove policy orientate alla valorizzazione delle risorse umane e professionali; (5) la descrizione delle modalità e delle condizioni di funzionamento del Comitato di Dipartimento come strumenti di partecipazione alle decisioni aziendali. La metodologia di campionamento della ricerca, di tipo strategico, garantirà una validità ecologica e statistica dei risultati per la generalizzabilità rispetto al territorio regionale e ai diversi contesti organizzativi (AUSL, AO, AOU). L'uso combinato di metodologie qualitative e quantitative validate a livello internazionale assicurerà la validità interna e concorrente degli strumenti. Bibliografia relativa ai temi del progetto (Fino a 25 referenze bibliografiche) 1. Baker, G.R., (2003). Identifying and Assessing Competencies: A Strategy to Improve Healthcare Leadership, Healthcare Papers, 4(1) : Barr, J., Dowding L., (2008). Leadership in Health Care, Sage Publications Ltd; 1 edition. 3. Bianco, G., Toderi, S. (2008). Aspettative di reciprocità nella relazione persona-organizzazione: il contratto psicologico. Giornale Italiano di Psicologia, 35, 1, Biocca M., Grilli R., Riboldi B. (a cura di), (2008). La governance nelle organizzazioni sanitarie, Franco Angeli, Milano. 5. Braithwaite, J. (2004). An empirically-based model for clinician-managers behavioural routines. Journal of Health Organization and Management, 18(4), Braithwaite, J. (2010). Between-group behaviour in health care: gaps, edges, boundaries, disconnections, weak ties, spaces and holes. A systematic review. Health Services Research 2010, 10: Candace I., Giordano R.W. (2009). Doctors as leaders. British Medical Journal, 338:b Cicchetti A., Ghirardini A., Mascia D., Morandi F., Ceccarelli A., Vigiliano V., Poletti P., Cardone R., Murolo G. (2009). Il modello organizzativo dipartimentale del Servizio Sanitario Nazionale: risultati dell indagine nazionale. Politiche Sanitarie, 10,3, Cummings, G., Macgregor, T., Davey, M., Lee, H., Wong, C., Lo, E., Muise, M., Stafford, E. (2010). Leadership styles and outcome patterns for the nursing workforce and work environment: A systematic 9

10 review. International Journal of Nursing Studies, 47, Dwyer A.J. (2010). Medical managers in contemporary healthcare organisations: a consideration of the literature. Australian Health Review, 34: Edwards, M.R. (2005). Organizational identification: A conceptual and operational review. International Journal of Management Reviews, 7, Fulop L., Day G.E. (2010). From leader to leadership: clinician managers and where to next? Australian Health Review, 34 (3), Grilli R., Taroni F. (2004). Governo clinico. Governo delle organizzazioni sanitarie e qualità dell'assistenza. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore. 14. Hekman D.R., Steensma H.K, Bigley G.A., Herefor J.F. (2009). Effects of organizational and professional identification on the relationship between administrators social influence and professional employees adoption of new work behavior. Journal of Applied Psychology, Vol 94 (5), Kaplan H.C., Brady P.W., Dritz M.C., Hooper D.K., Linam W.M., Froehle C.M., Margolis P., (2010), The influence of context on quality improvement success in health care: a systematic review of the literature. Milbank Quarterly, Dec;88(4): Lega F. (2008), The rise and fall(acy) of clinical directorates in Italy, Health Policy, 85: Lega F., Prenestini A. (2009). Medico-manager, medico e manager o management del medico? In Rapporto OASI 2009, Cergas, Sda Bocconi, Egea, 2009, Liden R., Wayne S., Zhao H., Henderson D. (2008). Servant leadership: Development of a multidimensional measure and multi-level assessment. The Leadership Quarterly, 19(2), Morrison E.W., Robinson S.L. (1997). When Employees Feel Betrayed: A Model of How Psychological Contract Violation Develops. Academy of Management Review, 22: NHS Institute for Innovation and Improvement and Academy of Medical Royal Colleges (2009). Medical Leadership Competency Framework (MLCF): Medical Leadership Curriculum. 21. Parmelli E., Flodgren G., Beyer F., Baillie N., Schaafsma M.E., Eccles M.P. (2011), The effectiveness of strategies to change organisational culture to improve healthcare performance: a sistematic review, 10

11 Implementation Science, 6: Quinn R.E., Faerman S.R., Thompson M.P., McGrath M.R., St.Clair L.S., (2011). Becoming a Master Manager: A Competing Values Approach. 5th ed., NJ: John Wiley & Sons Inc. 23. Seers A., Petty M.M., Cashman J.F. (1995). Team-member exchange under team and traditional management. Group and Organization Management, 20, Stoller, J.K. (2009). Developing physician-leaders: A call to action. Journal of General Internal Medicine, 24: West., M. A., Guthrie, J. P., Dawson, J. F., Borrill, C. S, Carter, M. (2006), Reducing patient mortality in hospitals: the role of human resource management, Journal of Organisational Behaviour, Vol.27(7), pp Prodotti del progetto (max caratteri spazi inclusi) (Descrivere i prodotti che il progetto si prefigge di produrre e specificare anche quando - durante il progetto - essi diverranno disponibili) ll progetto di ricerca si propone di fornire i seguenti prodotti finali, classificabili come strumenti originali di intervento organizzativo nel quadro della valorizzazione delle risorse umane: a) SITUATED COMPETENCE CHECK LIST: definizione di "competenze e capacità distintive situate" del DD connesse allo stile di leadership, verificate empiricamente con riferimento alle qualità personali e sociali e alla capacità di gestione dei processi organizzativo-manageriali; b) CRITERI E PROCEDURE PER LA SELEZIONE: proposta ai DG di linee procedurali e di strumenti utili per la selezione dei DD che tengano conto delle relazioni rilevate nella ricerca tra stili di direzione e performances; c) INDICATORI DI VALUTAZIONE: individuazione e specificazione di indicatori di natura comportamentale per il processo di valutazione delle performance dei Direttori e del personale dirigente medico; d) REPORT SUL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI DI DIPARTIMENTO SELEZIONATI, con analisi dei principali parametri oggettivi e soggettivi di funzionamento del Comitato (ad es.:periodicità delle riunioni, presenza di convocazioni e verbali, documentazione sulle decisioni prese, diffusione delle informazioni sui lavori e sulle decisioni, composizione, grado di partecipazione e livello di soddisfazione, ecc.) e indicazioni operative per migliorare la gestione di questo organismo; e) RACCOMANDAZIONI PER GLI ITER FORMATIVI: definizione di criteri di training design, adatti 11

12 ai contesti d uso sanitari, per le figure di Direzione, dai dirigenti medici ai DD, in modo da poter supportare un percorso formativo manageriale. Da un lato, tale supporto sarà funzionale a colmare eventuali criticità legate al ruolo degli attuali Direttori, dall altro, potrà anticipare le esigenze formative delle nuove leve dirigenziali; f) DIFFUSIONE DEI RISULTATI: organizzazione di incontri pubblici di discussione (es. workshop, convegni), pubblicazione su riviste riconosciute e volume della ricerca. Tempogramma del progetto (max caratteri spazi inclusi escluso Gantt) (Descrivere le fasi del progetto per ciascuna Unità Operativa. Il Gantt, in formato pdf, dovrà essere allegato al progetto completo) ll progetto di ricerca biennale prevede differenti fasi ciascuna delle quali è declinata in compiti specifici, qui sinteticamente riportati (durata in mesi, si veda tempogramma allegato): (0) Avvio del progetto (durata 2 mesi), costituzione del gruppo di ricerca e ulteriore integrazione e revisione della bibliografia di riferimento; (1) Primo step della ricerca - coinvolgimento dei Direttori Generali e Direttori di Dipartimento (durata 12 mesi): selezione delle aziende e contatto con le Direzioni Generali, analisi della documentazione aziendale, definizione finale del campione, costruzione dell intervista semi-strutturata per i Direttori Generali e i Direttori di Dipartimento, realizzazione delle interviste e analisi del contenuto e testuale; (2) Secondo step della ricerca coinvolgimento dei Direttori di Struttura Complessa (durata 15 mesi, parzialmente sovrapposto al primo step): prima versione della survey, implementazione della survey su supporto informatico, studio pilota di validazione, somministrazione e analisi dei risultati; (3) Terzo step della ricerca coinvolgimento dei dirigenti medici (durata 13 mesi contemporanei al secondo step); prima versione della survey, implementazione della survey su supporto informatico, studio pilota di validazione, somministrazione e analisi dei risultati; (4) Fasi di Analisi dei Risultati ed elaborazione del Report Finale (durata 12 mesi, ripartiti nei due anni di durata del progetto) stesura del report del primo anno della ricerca, elaborazione dei dati complessivi, elaborazione del Report Finale; (5) Conclusione dei lavori (durata 1 mese) disseminazione risultati e workshop finale, pubblicazioni [in allegato il tempogramma in mesi]. 12

13 Breve curriculum vitae (CV) del Coordinatore Scientifico del progetto (max caratteri spazi inclusi) (Descrivere le principali aree di interesse e dell esperienza nel campo della ricerca. Riportare anche l'impact factor totale e l'indice di Hirsch) PROF. GUIDO SARCHIELLI I. Professional preparation:degree in Medicine, University of Bologna, (Italy) Internship for five years at the Department of Psychology, University of Bologna Specialization Diploma, Psychiatry (field of study Psychology), University of Modena (Italy) II. Academic Appointments Professor of Social Psychology and Work psychology, University of Trento (Italy) Full Professor of Work psychology, University of Trento (Italy) 1992-(current) Full Professor of Work psychology, University of Bologna (Italy) Professor of Work psychology, University of Lugano (Switzerland) Director of the Dept. Work Issues, University of Trento (Italy) Director of the of the Dept. of Social Policies, University of Trento (Italy) President of the Corso di Laurea in Psicologia, University of Bologna Dean of the Faculty of Psychology of Bologna Rector Delegate for the University Guidance activities Director of the International Master (post-graduate) in Consulenza psicosociale per organizzazioni e istituzioni 2009 (current) Vice-Rector Multicampus, University of Bologna III. Professional activities and Research interests a) At present he is in the Editorial board of the Italian psychological journals: Risorsa uomo - Rivista di Psicologìa del lavoro e delle organizzazioni ; Psicologia contemporanea. GIPO Giornale Italiano di Psicologia dell Orientamento, Psicologia sociale He is in the Scientific Committee of Psychology for the Publishers Il Mulino, Bologna. b) He collaborated on Work/Organization and applied psychology issues (organizational design, group effectiveness, competences analysis, evaluation, etc.) with public or private institutions like Local Health services, Vocational training regional centers, National agencies (ISFOL, Institut for development and training of workers). c) The main research topics are: a) Occupational socialization & work values; b) Unemployment: social and psychological effects; c) Time perspective in adolescence and young workers; d) Training and acquisition of social & professional skills; e) Psychological effects of new form of work (flexibility & contingent work); f) retirement; g) Career anchors. Pubblicazioni del Coordinatore Scientifico del progetto (Fino a 10 referenze bibliografiche rilevanti per il progetto, pubblicate nel periodo ) Sarchielli G., De Plato G., Albertini S., Mondelli F., Nonni I., Marcacci T. (2011). Il Dipartimento e il governo clinico: le attese del top management delle aziende sanitarie, MECOSAN, 79, pp Sarchielli G., De Plato G., Albertini S. (a cura di), (2011). Dirigere in sanità. Bologna, Bononia University Press Zaniboni S., Sarchielli G., Fraccaroli F. (2010) How are psychosocial factors related to retirement intentions? International Journal of Manpower. vol.31 pp

14 Sarchielli G., Toderi S., Gaetani I., Carvalho C. (2009) La dissonanza emotiva: un ulteriore fattore di stress lavorativo? Risorsa uomo. vol.4, pp Toderi S., Sarchielli G.(2009) Violazione del contratto psicologico e socializzazione organizzativa: uno studio esplorativo. Risorsa Uomo. vol.15(2) pp Tabanelli M.C., Depolo M., Cooke R.M.T, Sarchielli G., Bonfiglioli R., Mattioli S. Violante F.S. (2008) Available instruments for measurement of psychosocial factors in the work environment, International Archives of Occupational and Environmental Health. vol.82 pp.1-12 Zappalà S., Depolo M., Fraccaroli F., Guglielmi D., Sarchielli G. (2008), Postponing job retirement? psychosocial influences on the preference for early or late retirement, Career Development International. vol.13 pp issn:

15 Modulo 3. Descrizione del contributo di ciascuna Unità Operativa (compilare un modulo 3 per ogni Unità Operativa) UNITÀ OPERATIVA 1 Nome dell Unità partecipante UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA, FACOLTA' DI PSICOLOGIA - AOU DI BOLOGNA, DIREZIONE GENERALE Coordinatore Scientifico dell Unità Operativa 1 Nome e Cognome: Istituzione di appartenenza: Qualifica professionale: Indirizzo: GUIDO SARCHIELLI UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA - FACOLTA' DI PSICOLOGIA PROFESSORE ORDINARIO DI PSICOLOGIA DEL LAVORO FACOLTA' DI PSICOLOGIA, P.za Aldo Moro 90, Cesena (FC) Telefono: Fax: Legale rappresentante dell Unità Operativa 1 Nome e Cognome: Istituzione di appartenenza: Qualifica professionale: Indirizzo: DOTT.SERGIO VENTURI Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola Malpighi Direttore Generale VIA ALBERTONI 15, BOLOGNA Telefono: Fax: Descrivere il contributo specifico ed originale che questa Unità porterà al progetto (max caratteri spazi inclusi) si veda descrizione precedente nel MODULO 2 del progetto 15

16 Metodologia (max caratteri spazi inclusi) Specificare, a seconda della pertinenza per il tipo di progetto: 1. Pazienti/Soggetti, 2. Intervento/i; 3 Setting assistenziale ; 4. End point(s)/outcome(s); 5. Tipo di disegno di studio; 6. Modalità di raccolta dati; 7. Dimensione pianificata dello studio e sua giustificazione si veda descrizione precedente nel MODULO 2 del progetto Personale dedicato alle attività del progetto (qualifica/mese uomo) si veda descrizione precedente nel MODULO 2 del progetto Breve curriculum vitae (CV) del Coordinatore Scientifico dell Unità operativa (max caratteri spazi inclusi) si veda descrizione precedente nel MODULO 2 del progetto Pubblicazioni scientifiche Coordinatore Scientifico dell'unità Operativa (Fino a 10 referenze bibliografiche rilevanti per il progetto, pubblicate nel periodo ) si veda descrizione precedente nel MODULO 2 del progetto 16

17 Modulo 3. Descrizione del contributo di ciascuna Unità Operativa (compilare un modulo 3 per ogni Unità Operativa) UNITÀ OPERATIVA 2 Nome dell Unità partecipante Coordinatore Scientifico dell Unità Operativa 2 Nome e Cognome: Istituzione di appartenenza: Qualifica professionale: Indirizzo: Telefono: Fax: Legale rappresentante dell Unità Operativa 2 Nome e Cognome: Istituzione di appartenenza: Qualifica professionale: Indirizzo: Telefono: Fax: Descrivere il contributo specifico ed originale che questa Unità porterà al progetto (max caratteri spazi inclusi) 17

18 Metodologia (max caratteri spazi inclusi) Specificare, a seconda della pertinenza per il tipo di progetto: 1. Pazienti/Soggetti, 2. Intervento/i; 3 Setting assistenziale ; 4. End point(s)/outcome(s); 5. Tipo di disegno di studio; 6. Modalità di raccolta dati; 7. Dimensione pianificata dello studio e sua giustificazione Personale dedicato alle attività del progetto (qualifica/mese uomo) Breve curriculum vitae (CV) del Coordinatore Scientifico dell Unità operativa (max caratteri spazi inclusi) Pubblicazioni scientifiche Coordinatore Scientifico dell'unità Operativa (Fino a 10 referenze bibliografiche rilevanti per il progetto, pubblicate nel periodo ) 18

19 Modulo 3. Descrizione del contributo di ciascuna Unità Operativa (compilare un modulo 3 per ogni Unità Operativa) UNITÀ OPERATIVA 3 Nome dell Unità partecipante Coordinatore Scientifico dell Unità Operativa 3 Nome e Cognome: Istituzione di appartenenza: Qualifica professionale: Indirizzo: Telefono: Fax: Legale rappresentante dell Unità Operativa 3 Nome e Cognome: Istituzione di appartenenza: Qualifica professionale: Indirizzo: Telefono: Fax: Descrivere il contributo specifico ed originale che questa Unità porterà al progetto (max caratteri spazi inclusi) 19

20 Metodologia (max caratteri spazi inclusi) Specificare, a seconda della pertinenza per il tipo di progetto: 1. Pazienti/Soggetti, 2. Intervento/i; 3 Setting assistenziale ; 4. End point(s)/outcome(s); 5. Tipo di disegno di studio; 6. Modalità di raccolta dati; 7. Dimensione pianificata dello studio e sua giustificazione Personale dedicato alle attività del progetto (qualifica/mese uomo) Breve curriculum vitae (CV) del Coordinatore Scientifico dell Unità operativa (max caratteri spazi inclusi) Pubblicazioni scientifiche Coordinatore Scientifico dell'unità Operativa (Fino a 10 referenze bibliografiche rilevanti per il progetto, pubblicate nel periodo ) 20

Programma di Ricerca Regione-Università

Programma di Ricerca Regione-Università Programma di Ricerca Regione-Università Area 2 - Bando 2013 Ricerca per il Governo Clinico Note per la compilazione della modulistica e della scheda di budget del progetto completo Questa nota è intesa

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore di lavoro

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

INDAGINE TEAM BERD (Biostatistics, Epidemiology and Research Design)

INDAGINE TEAM BERD (Biostatistics, Epidemiology and Research Design) INDAGINE TEAM BERD (Biostatistics, Epidemiology and Research Design) Dati Compilatore Nome e Cognome Email Telefono SEZIONE 1: Istituzione, Attività e Setting 1.1 Tipologia istituzione 1.2 Istituzione

Dettagli

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Prospettiva Organizzativa e Gestionale dalla sanità

Dettagli

Il metodo START STress Assessment Reasearch Toolkit

Il metodo START STress Assessment Reasearch Toolkit Laboratorio LavOriO (Facoltà di Psicologia e Dipartimento di Scienze dell'educazione) e Sezione di Medicina del Lavoro, Dipartimento di Medicina Interna, dell Invecchiamento e Malattie Nefrologiche, Alma

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Università degli Studi di Bergamo Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Management e leadership delle strutture sanitarie: nuovi scenari

Dettagli

CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007)

CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007) CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007) DATI ANAGRAFICI Nome e Cognome Elisabetta Flora Olga Trinchero Data e luogo di nascita 20 Gennaio 1969, Genova Residenza Milano Nazionalità Italiana

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO Un approccio per potenziare le performance aziendali in coerenza con il D.Lgs. 81/2008

BENESSERE ORGANIZZATIVO Un approccio per potenziare le performance aziendali in coerenza con il D.Lgs. 81/2008 Un approccio per potenziare le performance aziendali in coerenza con il D.Lgs. 81/2008 AICQ Piemontese - Team di Psicologia dell Organizzazione 4S Group Dott.ssa Sara Turci - Dott.ssa Barbara Sacchini

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB Obiettivi La sezione di ricerca realizzata da CSS-LAB Customer & Service Science LAB dell Università

Dettagli

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie

MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie SEZIONE FORMAZIONE E BIBLIOTECA MODULO Formazione sul Campo Direzione Professioni Sanitarie All.2 P2-FORM Titolo: LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE E CAREGIVER NELLE TERAPIE INTESIVE APERTE 1^ EDIZIONE TRAINING

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

protocollo@pec.anticorruzione.it

protocollo@pec.anticorruzione.it DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA REG. DEL TIPO ANNO NUMERO CFR. FILE SEGNATURA.XML CFR. FILE SEGNATURA.XML A.N.AC. Autorità Nazionale Anticorruzione e per

Dettagli

Disclosure sui conflitti d interesse. Dagli Obiettivi di Governo Clinico al Piano Formativo Aziendale Una rivoluzione copernicana?

Disclosure sui conflitti d interesse. Dagli Obiettivi di Governo Clinico al Piano Formativo Aziendale Una rivoluzione copernicana? III Convention Nazionale per le UU.OO di Staff Dalla Formazione Continua alla Qualità dell'assistenza Sanitaria Bologna, 19 novembre 2010 Dagli Obiettivi di Governo Clinico al Piano Formativo Aziendale

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE Sergio Iavicoli INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro Roma 12 ottobre 2011 IMPLEMENTAZIONE DELL ACCORDO

Dettagli

Corso di Alta Formazione. Rieti, 10 settembre 2012. Il Governo Clinico. Dott.ssa Felicetta Camilli

Corso di Alta Formazione. Rieti, 10 settembre 2012. Il Governo Clinico. Dott.ssa Felicetta Camilli Corso di Alta Formazione Rieti, 10 settembre 2012 Il Governo Clinico Dott.ssa Felicetta Camilli 1 July 1908. Adottato il segnale SOS 1931. Inaugurazione della Stazione Centrale di Milano 1963. Le poste

Dettagli

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it KETTI OTTOLITRI INFORMAZIONI PERSONALI KETTI OTTOLITRI Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 31/03/1971 Nazionalità

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Via Virgilio 1, 41049 Sassuolo (MO) P.IVA 02925310365 serena.barbi@psicologosassuolo.it www.psicologosassuolo.it Mobile: +39 (339) 14 61 881 Via Piumazzo 170, 41013 Castelfranco E. (MO) P.IVA 02222830446

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 9596 - H.R. SPECIALIST - ESPERTO IN SVILUPPO E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 9596 - H.R. SPECIALIST - ESPERTO IN SVILUPPO E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 99 - H.R. SPECIALIST - ESPERTO IN SVILUPPO E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Dati principali - Corso ID: 99 - H.R. SPECIALIST - ESPERTO IN SVILUPPO E GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 4 - STRUMENTI DI GESTIONE Art. 26 - Pianificazione strategica e controllo strategico Art. 27 - Sistema di budget Art. 28.1 - Bilancio

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BRUNELLI VALENTINA Telefono 0372 405737 Fax 0372 405524 E-mail Nazionalità v.brunelli@ospedale.cremona.it Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Benedetta Persechino INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro ex ISPESL Bologna, 5 maggio 2011 DIBATTITO/RICERCA/ PROPOSTE METODOLOGICHE

Dettagli

Allegato n. 1 alla relazione riassuntiva compilata il 28 Gennaio 2011

Allegato n. 1 alla relazione riassuntiva compilata il 28 Gennaio 2011 Procedura di valutazione comparativa per n. 1 posto di personale addetto ad attività di ricerca e di didattica integrativa con contratto a tempo determinato, ai sensi dell'art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

Valorizzare la metodologia della ricerca nelle aziende sanitarie

Valorizzare la metodologia della ricerca nelle aziende sanitarie le UU.OO. di Staff Dalla Formazione Continua alla Qualità dell Assistenza Sanitaria Bologna, 19 novembre 2010 Valorizzare la metodologia della ricerca nelle aziende sanitarie Il percorso dell Ospedale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GUALTIERO WALTER RICCIARDI L.go Francesco Vito.1 00168 Roma Telefono 06/35019534 Fax 06/35019535

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE

PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE PIANIFICAZIONE STRATEGICA, QUALITA, CONTROLLO DI GESTIONE Alessandra Damiani Managing Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Consulente per l Organizzazione degli Studi professionali 1

Dettagli

1.0. PREMESSA 2.0. LA VALUTAZIONE

1.0. PREMESSA 2.0. LA VALUTAZIONE Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa Regolamento concernente il processo di valutazione permanente e per la gestione delle progressioni di carriera per la dirigenza 1.0. PREMESSA Il Dgls. 229/99 prima,

Dettagli

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Un importante tema dello sviluppo organizzativo è la valutazione della redditività degli investimenti. Quando si tratta, come per la

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane Bando Giovani Ricercatori Progetto di ricerca Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane di Manuela Stranges Dipartimento di Economia e

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4)

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) Master di primo livello Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) IV Edizione Anno accademico 2007/2008 Finalità Il master universitario, di durata annuale, ha lo scopo di

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI FIAMMINGHI MERIS telefono 0516225173 ( segret. SATER Bellaria ) Fax 0516225312 E-mail Meris.fiamminghi@ausl.bo.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria

Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria Anno Accademico 2008/2009 PROGETTO FORMARSI PER CRESCERE Proposta formativa in favore dell evoluzione professionale e contrattuale degli

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax e-mail Nazionalità Data di nascita Seligardi Matteo via Giovanni Falcone 3, Rio Saliceto (RE) 3478710887 seligardi.matteo@asmn.re.it

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna.

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Parenti Mita mparenti@regione.emilia-romagna.it Pagina 1 - Curriculum vitae di Parenti Mita ESPERIENZA

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE DI DIREZIONE: ASSISTANT MANAGER 2ªedizione Al termine del percorso di sviluppo delle competenze, ogni partecipante sarà in grado di allenare le qualità manageriali

Dettagli

Virgilio Ritzu. Michele Fanello. Andrea Vettori

Virgilio Ritzu. Michele Fanello. Andrea Vettori 1 SANITANOVA nasce dalla sinergia imprenditoriale e manageriale di professionisti operanti da decenni nel settore sanitario, realizza progetti e fornisce soluzioni innovative di consulenza e formazione

Dettagli

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 il Nino Cartabellotta 3. Strumentiti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono. E-mail Nazionalità Data di nascita MELIS ELEONORA Italiana 17/10/1983 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione.

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione. Mission Filosofia di intervento Soluzioni Management Consulting Training & HR Development Approccio al Training Catalogo Training Modello di Training Targetizzazione Contatti 2 MISSION Future People offre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN RIPENSARE L ORIENTAMENTO A.A. 2012/13 ANAGRAFICA DEL CORSO - A CFU 20 Lingua Italiano Percentuale di frequenza obbligatoria: 70% del monte ore

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle

Dettagli

Programma di Ricerca Regione - Università 2010-2012 Area 1 Ricerca Innovativa Bando giovani ricercatori

Programma di Ricerca Regione - Università 2010-2012 Area 1 Ricerca Innovativa Bando giovani ricercatori Programma di Ricerca Regione - Università 2010-2012 Area 1 Ricerca Innovativa Bando giovani ricercatori Finalità e caratteristiche generali Il Servizio sanitario regionale (SSR) ha identificato la ricerca

Dettagli

OPTIGOV: Optimizing Health Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology

OPTIGOV: Optimizing Health Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology Aut Mecine OPTIGOV: Optimizing Care Governance. Clinical Governance Scorecard Methodology Ricciar, W., Campana, A. *, Specchia, M.L. Department of Public, Catholic University of the Sacred Heart, Roma,

Dettagli

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

FINALITA DEL PROGRAMMA DI COACHING

FINALITA DEL PROGRAMMA DI COACHING MANAGERS DEVELOPMENT ACTIONS Consulman PL On the job training for Managers Personal coaching for managers Focused workshop business game (based on focused scope) Plant assessment business game (based on

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA: Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) CONTRIBUTO SPECIFICO FORNITO AL WP

UNITÀ OPERATIVA: Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) CONTRIBUTO SPECIFICO FORNITO AL WP MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA (Si devono presentare tanti moduli 2 bis quante sono le Unità Operative coinvolte) UNITÀ OPERATIVA: Federazione italiana delle Associazioni

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI MOLINAZZI DARIO. Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome Indirizzo Telefono E-mail. Nazionalità. Data di nascita 23/08/1988

INFORMAZIONI PERSONALI MOLINAZZI DARIO. Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome Indirizzo Telefono E-mail. Nazionalità. Data di nascita 23/08/1988 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail MOLINAZZI DARIO Nazionalità Italiana Data di nascita 23/08/1988 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO 1. TITOLO PROVVISORIO DEL PROGETTO Bilancio di Genere per le Pubbliche Amministrazioni (GeRPA) A valere sul Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

Curriculum vitae assessori

Curriculum vitae assessori Curriculum vitae assessori Nome e cognome Maria Sandra Telesca Luogo e data di nascita Napoli 22.04.1957 Titoli di studio Maturità scientifica Anno scolastico 1976-1977 Liceo Scientifico G.Marinelli Laurea

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA. dal 2006 a tutt oggi CURRICULUM VITAE DI ANTONIA SCARAMUZZA

ESPERIENZA LAVORATIVA. dal 2006 a tutt oggi CURRICULUM VITAE DI ANTONIA SCARAMUZZA CURRICULUM VITAE DI ANTONIA SCARAMUZZA NATA IL 12.12.1955 antonia.scaramuzza@aslsalerno2.it ESPERIENZA LAVORATIVA dal 2006 a tutt oggi Direzione della Struttura Complessa Sistema Informativo disciolta

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive GENISAP meeting Roma, 17 luglio 2013 1-15:16 Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive Emilio Di Maria [emilio.dimaria@unige.it] Dipartimento di Scienze della Salute Università di Genova

Dettagli

Unità Finanziamenti per la Ricerca: organizzazione e servizi

Unità Finanziamenti per la Ricerca: organizzazione e servizi Unità Finanziamenti per la Ricerca: organizzazione e servizi Marco Degani FINARIC 22 giugno 2009 area della ricerca organizzazione Produzione FINARIC SSR CRA KTO Finanziamenti per la ricerca Sistema di

Dettagli

BANDO AIFA 2012 PER LA RICERCA INDIPENDENTE SUI FARMACI

BANDO AIFA 2012 PER LA RICERCA INDIPENDENTE SUI FARMACI BANDO AIFA 2012 PER LA RICERCA INDIPENDENTE SUI FARMACI SCHEMA DI PRESENTAZIONE DELLA LETTERA DI INTENTI La presentazione della lettera di intenti dovrà avvenire entro le ore 12.00 del 23 aprile 2012,

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

persolog Employee Integrative System

persolog Employee Integrative System persolog Employee Integrative System Quick Scan Report Progetto: persologit Azienda: persolog Unità organizzativa: IT Posizione: Project Manager Benchmarker: Mr. Benchmarker Compilatore: Max Doe Data:

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V

Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V Attività professionale laureato nel 1983 in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Genova con la votazione

Dettagli

SUA-RD Compilazione e Criticità

SUA-RD Compilazione e Criticità SUA-RD Compilazione e Criticità! Assemblea Nazionale ConScienze, Roma, 4 dicembre 20014 PARTE I PARTE II PARTE III Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Sezione A Obietttivi di Ricerca del Dipartimento

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Dottore in Economia e Commercio Altri titoli di studio e professionali -Dottore Commercialista

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Dottore in Economia e Commercio Altri titoli di studio e professionali -Dottore Commercialista CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Silvia Generali Data di Nascita 27/08/1966 Qualifica Dirigente amministrativo Amministrazione A.O Ospedali Riuniti Marche Nord Incarico attuale Direttore UOC

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli