APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE"

Transcript

1 APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING

2 La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione delle risorse umane si occupa della creazione e manutenzione della relazione tra lavoratore e imprenditore. Questa relazione è tipicamente incorporata nel concetto di contratto psicologico. Una corretta gestione si traduce quindi in primo luogo nella soddisfazione del contratto psicologico, ma anche in una serie di altri obiettivi di performance, che saranno brevemente descritti di seguito: 1. le competenze e le skill, considerate in termini di valori e visioni, conoscenze, skill e abilità legate al lavoro, abilità richieste da task non routinari, comportamenti o strutture comportamentali; 2. la motivazione, definita come l insieme dei motivi che spingono ad agire, che sono in relazione a diversi obiettivi e interessi e che sono guidati da processi cognitivi ed emotivi; 3. il commitment, può essere definito come l intensità relativa dell identificazione psicologica e del coinvolgimento di un individuo rispetto all organizzazione; 4. l identificazione, sebbene in determinate situazioni le persone si percepiscono come individui indipendenti legati da relazioni basate su caratteristiche personali e preferenze, vi sono diversi contesti sociali nei quali le persone pensano a se stesse prevalentemente nei termini di appartenenza a gruppi sociali; 5. l equità o giustizia, i lavoratori si aspettano che le decisioni che riguardano la gestione delle risorse umane siano prese in modo giusto. Ciò che conta è la loro percezione, in quanto da essa derivano importanti conseguenze: possono aumentare il coinvolgimento dei lavoratori nell organizzazione, influenzano il senso di appartenenza, originano comportamenti di cittadinanza organizzativa, ovvero effort aggiuntivo; L adozione di un sistema ispirato al concetto di giustizia richiede alle organizzazioni di investire su diversi aspetti: identificare in modo corretto e quindi onorare il contratto psicologico con i lavoratori; poiché il contratto psicologico non è formalizzato, le persone possono avere aspettative non realistiche che si devono adattare investendo accuratamente sul contenuto informativo dei sistemi di gestione delle risorse umane; formare i manager sui principi di giustizia e su come fare per onorarli; bilanciare la flessibilità e la coerenza nel disegno e nella gestione delle procedure; condividere tutte le informazioni possibili con i lavoratori per quanto riguarda i principi di giustizia; 6. le emozioni, definite come un pattern complesso di modificazioni che includono eccitazione fisiologica, dei sentimenti, dei processi cognitivi e delle reazioni comportamentali in risposta a una situazione che è percepita dal soggetto come importante per il mantenimento del proprio equilibrio e del proprio benessere. Appare evidente quindi che le emozioni non dovrebbero essere escluse dall ambito di conoscenza e azione della gestione delle risorse umane poiché attengono al benessere della persona. Il consenso La capacità di ottenere il consenso è ritenuta una capacità distintiva di ogni buon manager. E ciò che lo rende non solo un capo ma essenzialmente un leader. La sua attività giornaliera, infatti, prevede molte situazioni in cui egli non si limita solo ad informare i propri collaboratori, colleghi, capi ecc ma ha la necessità di ottenere da questi collaborazione, coinvolgimento, soluzioni ai problemi ecc in linea con le sue aspettative e necessità operative. Se ad esempio, il manager deve introdurre un cambiamento organizzativo, procedurale o di altro genere, che coinvolge il proprio gruppo di lavoro, non può limitarsi ad informare le persone, in quanto il cambiamento stesso per essere attuato nel modo più efficace, richiede l accettazione e il coinvolgimento di tutti coloro che ne saranno protagonisti. Tutti i cambiamenti, anche quelli introdotti con la finalità di migliorare il posto di lavoro, comportano resistenze ed ansie, fino a quando lo scopo non è chiaro e condiviso. Ed ecco che il semplice informare si trasforma in qualcosa di più: persuadere. Alcuni possiedono naturalmente le capacità necessarie per riuscire con successo in questa impresa, altri invece devono imparare le tecniche per presentare con successo le proprie idee. 2

3 La delega Attuare in maniera efficace il principio della delega nel proprio ambiente di lavoro è una delle cose più difficili (ma essenziali) da realizzare. La delega comporta, nel responsabile di un ufficio, la conoscenza del livello di efficienza dei propri uomini e la consapevolezza della necessità di concedere loro di poter prendere decisioni in aree di competenza propria del delegante. Si può sostenere a questo proposito che la capacità di delegare è ciò che caratterizza, più di ogni altro aspetto, la figura del manager rispetto alla figura del capo. Un manager è certamente anche un capo, ma non necessariamente un capo può essere anche un manager. La principale differenza fra i due ruoli sta nella capacità di assumere il rischio di errori decisionali dei propri uomini. E opportune osservare che, in particolare, la delega: consente al manager di allentare la pressione che gli eventi esprimono su di lui, e quindi di dedicarsi, e bene, solo ai problemi principali; produce nel manager una migliore conoscenza riguardo alla capacità e al senso di responsabilità dei propri uomini; migliora nei collaboratori la conoscenza degli obiettivi dell impresa e quindi consente loro di assolvere in maniera più efficace al proprio ruolo; aumenta nei dipendenti il senso di appartenenza verso l organizzazione e, pertanto, facilita le relazioni all interno del gruppo, consentendo il confronto reciproco su basi professionali e più prevalentemente conflittuali; aumenta nei dipendenti il rispetto per la figura del manager; produce un miglioramento, nel tempo, un miglioramento della qualità complessiva del lavoro svolto dall ufficio e dall immagine dello stesso e delle persone che vi appartengono; rende possibile l attuazione di eventuali circoli di qualità, in quanto consente di individuare, rapidamente, le aree critiche all interno delle attività del gruppo. Va sottolineato come la delega costituisca, di per sé, una forma di comunicazione, in quanto attraverso la delega il supervisore trasmette ai propri collaboratori un messaggio di fiducia, impostato sul rispetto e il riconoscimento della loro professionalità. Nell attuazione della delega è, però, anche implicita la necessità per il manager di verificare che la delega venga correttamente esercitata dai propri uomini. A monte di questo controllo vi è perciò la responsabilità dei manager di assicurarsi che le persone cui la delega è attribuita abbiano ben compreso i limiti del potere loro conferito, li abbiano accettati, sappiano esercitare tale potere e siano adeguatamente informati sul modo in cui ci si aspetta che il compito venga eseguito. Il concetto di leadership Non è trascorso molto tempo da quando si è cominciato a considerare che i concetti di autorità e leadership non sono sinonimi e sono quindi diversi per caratteristiche - l uno dall altro. Infatti sia nel contesto sociale esterno alle aziende sia all interno delle stesse, oggi è generalmente riconosciuto che la leadership non consiste come l autorità in sé come effetto dei vari livelli della gerarchia, ma consiste nel fatto che la posizione del capo trova legittimazione nel consenso delle persone che gli devono dare la propria collaborazione e che questo rende più efficace il ricorso alla delega per lo svolgimento di specifiche attività. Una volta fattasi strada questa visione, negli anni trascorsi si sono susseguiti e spesso sovrapposti, molti studi sul miglior stile di leadership, con teorie che sembravano, di volta in volta, aver scoperto la formula magica per gestire nel miglior modo possibile il ruolo di leader. Fu agli inizi della anni 60 che Rensis Likert segno una tappa importante nella storia della ricerca sulla leadership. Infatti, con i suoi colleghi della Michigan University egli mise in evidenza l importanza di considerare il personale dell azienda come risorsa e, di qui, la necessità di gestire questa risorsa in modo manageriale, come avviene per le risorse finanziarie e tecniche. Anzi, dal momento che per assumere, addestrare e far crescere il personale occorre molto più tempo che per mettere a punto un impianto o per impostare una strategia finanziaria, il management della risorsa umana assume un importanza critica. E così Likert (1961), attraverso indagini sul campo e ulteriori studi, veniva ad incidere sulla tradizionale cultura di molte imprese: sviluppò una sua teoria chiamata dei 3

4 quattro sistemi. I quattro sistemi messi in evidenza da Likert propongono una sintesi dei possibili stili manageriali, come lo stile orientato al compito, strutturato ed autoritario, lo stie orientato alle relazioni umane basato sul lavoro di gruppo e sulla fiducia, più altri due sistemi intermedi fra questi due estremi. Le esortazioni di Likert ad adottare lo stile più orientato alle relazioni, alla fiducia e alle comunicazioni aperte ebbero la conferma del giusto orientamento proposto dai risultati reali: le aziende che avevano adottato questo stile ebbero i più alti indici di produttività. La validità di questi studi è dimostrata dal fatto che ancora oggi in molte aziende vengono utilizzati i questionari di Likert per effettuare diagnosi preliminari a cambiamenti organizzativi. Nuove dimensioni della leadership La ricerca dello stile di leadership ideale ancora oggi stimola i manager che desiderano imparare ad adottare sistemi per migliorare l efficacia nello svolgimento del proprio ruolo. Per questo motivo sono molte le teorie elaborate da diversi studiosi a supporto di uno stile o di un altro. Nella seconda metà degli anni 60 si comincia a pensare agli stili di leadership in termini flessibili e adattivi. Scriveva Paul Hersey (1967): più il manager adatterà il suo stile alla situazione particolare in cui si trova ed alle necessità dei propri dipendenti, più efficace tenderà ad essere nel raggiungimento di obiettivi suoi personali e di quelli dell organizzazione. Un altro notevole contributo apportato agli studi della leadership è stato quello apportato da Fred E. Fielder (1967) il quale evidenziò come siano tre le principali variabili che possono determinare situazioni favorevoli o sfavorevoli al leader: 1. le relazioni interpersonali con altri membri del gruppo; 2. il grado di strutturazione del compito loro assegnato; 3. il potere e l autorità derivanti dalla sua posizione. I modelli di leadership Non esiste uno stile di leadership ideale, mentre esiste uno stile di leadership più efficace di un altro, efficacia risultante da dalla coerenza dello stile con la situazione data. In realtà, quindi, la terza dimensione da Reddin indicata come efficacia altro non sarebbe che l ambiente, la situazione. La differenza quindi fra uno stile efficace e inefficace risulta dal grado di coerenza del comportamento del leader con il tipo di situazione (ambiente) in cui, in quel momento si trova a dover esercitare il suo ruolo. In altre parole, un determinato comportamento del leader in un ambiente può risultare molto efficace mentre in un altro completamente inefficace. Naturalmente possono esistere soluzioni intermedie con gradazioni più vicine all efficacia o all inefficacia. E su questi principi, quindi, che viene sviluppato il già citato modello tridimensionale dell efficacia del leader. Il modello propone quattro stili di leadership alternativi che rappresentano l atteggiamento di fondo della persona che esercita influenza su altri. Lo stile Partecipative è uno stile partecipativo, che rappresenta un comportamento molto orientato alle relazioni. Il manager incoraggia continuamente i collaboratori: a strutturare il loro lavoro, a risolvere i problemi, a comunicare. Le decisioni vanno prese insieme e c è molta apertura e disponibilità. Lo stile Selling può essere definito persuasivo. In questo caso è sempre il manager che prende le decisioni, ma soltanto dopo aver ascoltato i collaboratori. Le comunicazioni sono più del tipo a due vie. Il manager che adotta questo stile sostiene ed incoraggia i collaboratori, stabilendo frequenti occasioni per i contatti umani. Il lavoro è comunque, nonostante questo, molto strutturato. Lo stile Delegative è uno stile che prevede un alto livello di delega da parte del manager, il quale interagisce minimamente con i collaboratori, anche quando si tratta di strutturare il loro lavoro. E raro che questo manager assuma atteggiamenti di incoraggiamento verso il proprio gruppo, così come sono rari i controlli. Ciò che ai suoi collaboratori ritiene di dover di dover fornire solo linee-guida generali. Il livello delle comunicazioni è basso. Lo stile Telling è uno stile direttivo, tipico del manager che stabilisce comunicazioni ad una via, che pianifica e decide senza coinvolgere i collaboratori. Li informa delle decisioni 4

5 prese, controlla l andamento del lavoro, in genere molto strutturato, e tende a mantenere al minimo le occasioni di interazione interpersonale. Nessuno di questi quattro stili, come si è visto, può essere giudicato giusto o sbagliato, come nessuno di essi può essere definito migliore di un altro in assoluto: si può solo definire lo stile più efficace, che è quello adottato con maggiore coerenza rispetto alla situazione. Questa è l essenza della leadership situazionale : la capacità di adottare lo stile giusto nella situazione giusta. Il modello di leadership situazionale La situazione in cui un individuo esercita la sua leadership è determinata dagli individui che fanno parte del gruppo, dal loro grado di maturità, dove per maturità si intende l insieme delle conoscenze e delle esperienze dell individuo (maturità professionale) e la sua capacità e disponibilità ad assumersi la responsabilità (maturità psicologica). Il tutto misurato in relazione al compito specifico che l individuo (o il gruppo) deve svolgere. Ecco perché diventa importante la capacità diagnostica del manager; il manager di successo deve essere un buon diagnostico se i suoi collaboratori hanno bisogni e motivazioni diverse, lui deve trattarli in modo diverso. Ma come possono i manager badare a così tante variabili quando si devono prendere decisioni giorno per giorno o addirittura ora per ora? Il modello di leadership situazionale risponde a questi interrogativi La leadership situazionale dà una risposta anche a questo interrogativo, fornendo un modello completo di interazione tra stile di guida e maturità dei dipendenti. Si ha così un riferimento concettuale semplice, che prende in considerazione le variabili situazionali-chiave risultanti dalle attente e continue osservazioni dei manager sulla preparazione professionale e sul comportamento dei propri dipendenti. In sostanza, così come gli stili vengono proposti suddivisi in quattro comportamenti di base, anche la maturità dei dipendenti viene suddivisa in quattro possibili situazioni di base: Maturità bassa = Il dipendente non possiede sufficienti competenze per svolgere il lavoro e non è ancora pronto ad assumersi la responsabilità del ruolo. Maturità medio-bassa = Il dipendente ancora non possiede le competenze necessarie, ma mostra disponibilità ad assumersi le responsabilità. Maturità medio-alta = Il dipendente possiede le competenze necessarie per svolgere il lavoro, ma non si sente ancora sicuro circa l assunzione delle responsabilità Maturità alta = Il dipendente è competente e pronto ad assumersi le responsabilità del ruolo. A questo punto il modello della leadership situazionale funziona in modo quasi automatico: il leader sarà tanto più efficace quanto più riuscirà ad abbinare: Stile Direttivo = Maturità bassa Stile Persuasivo = Maturità medio-bassa Stile Partecipativo = Maturità medio-alta Stile Delegante = Maturità alta 5

6 GLI STRUMENTI Vision e Mission Attraverso la leadership è possibile rafforzare il processo di identificazione dei lavoratori verso la Mission aziendale che corrisponda alla Vision elaborata dal top management. La Mission è la descrizione dei macro-obiettivi posti all organizzazione dall alta direzione. Si tratta di obiettivi di lungo periodo che definiscono in via preliminare il contesto competitivo che l azienda dovrà fronteggiare, i portatori di interesse (stackeholder), le macro-competenze distintive sulla base delle quali si intende costruire il proprio vantaggio competitivo. Per Vision sin intende l insieme di valori, principi e percezioni che contribuiscono alla definizione della Mission. Si tratta di idee di fondo che sono influenzate dalla percezioni e dalla cultura dell imprenditore, ma che contribuiscono anche al processo di legittimazione dell azienda nel suo specifico ambiente. La capacità di influenza esercitata dal leader può diventare un veicolo importante, accanto alla gerarchia e ai sistemi direzionali, per trasmettere ai livelli più bassi della struttura i valori che caratterizzano la Vision, per comunicare e far assimilare le sfide importanti poste dalla Mission e contribuire ad un arricchimento dal basso del processo di definizione di strategie e programmi. La creazione di un team La capacità di influenza sui comportamenti dei lavoratori dipende oltre che dalle caratteristiche del leader e dei componenti del gruppo di lavoro, dalle modalità con cui si costruisce un gruppo e con cui lo si trasforma in un team coeso (team building). A tal proposito, risulta molto importante gestire le fasi che caratterizzano il ciclo di vita di un team. Il ciclo di vita di un team di lavoro si articola nelle 5 fasi descritte nel seguito. 1. Orientamento E una fase in cui il team non può ancora esprimere le sue potenzialità perché le persone sono ancora concentrate nell osservazione reciproca delle caratteristiche individuali e delle possibilità di affermare specifici ruoli nel gruppo. Gli individui accettano temporaneamente la ripartizione dei ruoli e delle responsabilità effettuata dal leader cui è attribuito il compito molto delicato di contribuire alla conoscenza e alla socializzazione. 2. Ridefinizione E la fase in cui le personalità dei componenti del team si affermano in modo più forte nel tentativo di modificare la distribuzione di compiti e ruoli verso schemi ritenuti più coerenti con le proprie attitudini e aspirazioni. Di conseguenza è la fase di maggiore conflittualità, almeno potenziale, in cui spetta al leader il compito di gestire il conflitto, proporre soluzioni di mediazione e rafforzare il processo di identificazione dei singoli verso gli obiettivi del team. 3. Coordinamento E la fase in cui, risolti i conflitti legati alla strutturazione dei ruoli interni al team, il leader può proseguire nell attribuzione concordata di compiti e attività concentrandosi in modo particolare sul coordinamento dei processi di lavoro e individuando a tal scopo tutte le soluzioni che facilitino tale coordinamento (sistemi di comunicazione interna al gruppo, sistemi di misurazione e monitoraggio delle performance del team, ecc.). 4. Implementazione E la fase in cui l attenzione dei componenti del team è posta sulla realizzazione degli obiettivi individuali e di gruppo e la conflittualità è ridotta. Al leader spetta il compito di monitorare le performance incoraggiando i giusti livelli di impegno e risolvendo problemi imprevisti e soprattutto di intrattenere le relazioni con i referenti esterni al gruppo interessati alla specifica performance del team (cliente, alta direzione, altri gruppi). 5. Conclusione E la fase in cui i componenti del team realizzano gli obiettivi assegnati o lo abbandonano per eventuali incapacità a conseguirli. In questa fase il ruolo del leader, spesso trascurato, dovrebbe essere quello di contribuire all attenta lettura dei risultati individuali e collettivi raggiunti, dei fattori di crisi e di successo che hanno caratterizzato l esperienza 6

7 del gruppo perché questa possa contribuire all accumulo di conoscenza in azienda di esperienze rilevanti e per supportare eventuali processi di valutazione e incentivazione dei singoli. 7

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

dott.ssa Sofia Conterno

dott.ssa Sofia Conterno Rafforzamento delle competenze sui modelli organizzativi di gestione del personale dott.ssa Sofia Conterno Prima parte LA LEADERSHIP SITUAZIONALE LA LEADERSHIP EFFICACE UN LEADER EFFICACE HA SVILUPPATO

Dettagli

Information Summary: Leadership Situazionale

Information Summary: Leadership Situazionale Information Summary: Leadership Situazionale - Copia ad esclusivo uso personale dell acquirente - Olympos Group srl Vietata ogni riproduzione, distribuzione e/o diffusione sia totale che parziale in qualsiasi

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI La qualità organizzativa passa attraverso la qualità delle persone 1. Le ragioni del corso Nella situazione attuale, assume una rilevanza sempre maggiore la capacità

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI PRESENTAZIONE DELL AZIENDA GRUEMP nasce nel 1993 come conseguenza di un percorso di formazione personale e professionale dei titolari e ispiratori del progetto, Claudio e Damiano Frasson, che hanno saputo

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE Prof. Marta Ghini ESERCITAZIONE Ripasso dell altra volta non condotto dal docente. UNA DISTINZIONE DI TERMINI STEREOTIPO: rappresentazione cognitiva o impressione

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE 1 Un organizzazione è l insieme di attività che hanno bisogno di essere gestite in modo coordinato per essere finalizzate e dirette in funzione del perseguimento dei

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE Progetto 1: Gestire il tempo Durata complessiva: 28 di cui 16 di aula (4 incontri da 4 ore), 6 di e-learning e 6 di project work Numero partecipanti previsto: 14 Quota iscrizione 30 Modulo 1 La gestione

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

IL COORDINATORE INFERMIERISTICO NEL DSM: RUOLO E FUNZIONI ROBERTA NOCERA

IL COORDINATORE INFERMIERISTICO NEL DSM: RUOLO E FUNZIONI ROBERTA NOCERA IL COORDINATORE INFERMIERISTICO NEL DSM: RUOLO E FUNZIONI ROBERTA NOCERA Decreto Murst n. 136/2001 Attiva per l area l infermieristica le lauree I e II livello e profila nuovi spazi per l infermiere coordinatore

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Aspetti psicologici della leadership autorevole ed amorevole

Aspetti psicologici della leadership autorevole ed amorevole Il servizio dell autorità nella vita consacrata Corso di formazione per superiori e superiore di comunità 1 Aspetti psicologici della leadership autorevole ed amorevole A cura del prof. Giuseppe Crea il

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio Dove nasce il problema della progettazione organizzativa Man mano che le organizzazioni crescono (p.e. numero

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management

La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management Percorso formativo La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management edizione 2014-1 Percorso formativo Strutture del Successo La metodologia delle

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali Catalogo Humanform 2015 Area Sviluppo competenze manageriali PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

LEADERSHIP Teorie della leadership

LEADERSHIP Teorie della leadership 1 LEADERSHIP Teorie della leadership L immagine del leader nella nostra società è stata sinteticamente delineata dai fratelli Johnson (2005), attraverso tre diverse fasi: Da essere leader, a fare il leader,

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Provincia di Pesaro e Urbino PIA2 il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Curriculum di base Project

Dettagli

Sviluppo professionale Autovalutazione. Comunicazione e Relazioni Gestione del tempo Negoziazione Leadership. Fondamentali Lavoro di gruppo

Sviluppo professionale Autovalutazione. Comunicazione e Relazioni Gestione del tempo Negoziazione Leadership. Fondamentali Lavoro di gruppo Workshop OBIETTIVI Sviluppo professionale Autovalutazione STRUMENTI Comunicazione e Relazioni Gestione del tempo Negoziazione Leadership GESTIONE PROGETTI Fondamentali Lavoro di gruppo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

Dettagli

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA SSIS LAZIO 2007-2007 Indirizzi Tecnologico, Economico-Giuridico CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Pedagogia e Scienze dell Educazione nella cultura contemporanea Prof.ssa Eleonora Guglielman 1 06. Costruttivismo:

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Gli Spuntini formativi. ASSISTENTE DI DIREZIONE: LE COMPETENZE Docente: Helga Ogliari

Gli Spuntini formativi. ASSISTENTE DI DIREZIONE: LE COMPETENZE Docente: Helga Ogliari Gli Spuntini formativi ASSISTENTE DI DIREZIONE: LE COMPETENZE Docente: Cos è una competenza? Una caratteristica intrinseca individuale che è casualmente collegata ad una performance efficace o superiore

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Indice 1. CHI SIAMO... 1 1.1 I servizi... 2 1.2 I Corsi... 2 2. CMV - LA MISSION, LA VISION... 3 2.1 I risultati del metodo CMV... 4 3. PING PONG Il

Dettagli

Dirigenza scolastica e leadership

Dirigenza scolastica e leadership Dirigenza scolastica e leadership Modelli e stili Da direttivo a dirigente Nell ultimo decennio sono intervenute molte innovazioni: Autonomia funzionale riconosciuta alle scuole Modifiche sostanziali nella

Dettagli

NASCITA DEL TEAMBUILDING

NASCITA DEL TEAMBUILDING L'attività di un modernogruppo di lavorosi sviluppa dalle teorie dello psicologo russo Lev SemënovičVygotskij, secondo il quale la mente dell'uomo non funziona solo sulla base della propria fisiologia,

Dettagli

Eduteam Srl Tel. 02.36576780 Partita IVA e Codice Fiscale 04399510967. Via Alfredo Soffredini, 39 Fax 02.36576784 Cap. soc. 50.000 I.V.

Eduteam Srl Tel. 02.36576780 Partita IVA e Codice Fiscale 04399510967. Via Alfredo Soffredini, 39 Fax 02.36576784 Cap. soc. 50.000 I.V. Management Your knowledge, our passion requisiti richiesti agli entri di formazione accreditati presso la Regione Lombardia. Eduteam è un Microsoft Certified Partner. Dal 2003 si posiziona come Partner

Dettagli

Stili di Comunicazione e Stili di Leadership

Stili di Comunicazione e Stili di Leadership Stili di Comunicazione e Stili di Leadership Il modello di leadership situazionale elaborato, da Hersey e Blanchard nel 1982 prevede 4 stili di leadership applicabili in funzione del livello di maturità

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP 14 ottobre 2013 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 RELATORI: GIAMPAOLO AZZONI - TONI MUZI FALCONI Indice degli argomenti

Dettagli

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO1... 4 COMUNICAZIONE

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

DIVISIONE RISORSE UMANE

DIVISIONE RISORSE UMANE DIVISIONE RISORSE UMANE! COVECO SRL - R.I. di UD 02640890303 Cap. Soc. 15.000 i.v. - C.F. E P.I. 02640890303 PROGRAMMI E INTERVENTI PER LA CRESCITA, LO SVILUPPO E L EMPOWERMENT DI PERSONE, GRUPPI E ORGANIZZAZIONI

Dettagli

Cos è la Leadership? 2. 1. SFERA Coaching Torino

Cos è la Leadership? 2. 1. SFERA Coaching Torino Cos è la Leadership? 2. 1 Questionario ASL 2. 2 Somministrazione ASL 36 coppie di affermazioni. Il compito del soggetto è quello di valutare, per ciascun item, quale delle due possibilità si avvicina maggiormente

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Appunti per un progetto condiviso di Master universitario in materia di counselling Laura Nota e Salvatore Soresi e Larios Team

Appunti per un progetto condiviso di Master universitario in materia di counselling Laura Nota e Salvatore Soresi e Larios Team FISPPA Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata Appunti per un progetto condiviso di Master universitario in materia di counselling Laura Nota e Salvatore Soresi e Larios

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

A FORMAZIONE. Le persone motivate lavorano meglio e sono fidelizzate, le persone PER UN CORRETTO INSERIMENTO IN AZIENDA

A FORMAZIONE. Le persone motivate lavorano meglio e sono fidelizzate, le persone PER UN CORRETTO INSERIMENTO IN AZIENDA Occorre dare importanza alla gestione delle risorse umane anche in termini di formazione dedicata. L A FORMAZIONE PER UN CORRETTO INSERIMENTO IN AZIENDA Dott.ssa Pamela Pettine Responsabile Sviluppo Risorse

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING Cos è che rende Cristiano il Coaching? Sebbene la crescita spirituale non sia il "fine ultimo" del Coaching, il coach non ha paura di affrontare problemi e questioni

Dettagli

IL MANAGER PARTECIPATIVO

IL MANAGER PARTECIPATIVO IL MANAGER PARTECIPATIVO Prof. Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com www.labser.it Forlì, 4 maggio 2007 Il manager IL MANAGEMENT La persona o il gruppo o l organo destinati a guidare e gestire l impresa

Dettagli

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA Perché affrontare questo tema? Il motivo risiede nella considerazione che la progettazione organizzativa, ma soprattutto la sua corretta attuazione, siano una delle

Dettagli

Autorità Scienze della comunicazione Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara

Autorità Scienze della comunicazione Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Scienze della comunicazione Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Autorità Definizione Fra due attori si instaura una relazione di autorità quando una delle parti esercita il diritto

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli