Organizzazione di un azienda: Motivazione e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Organizzazione di un azienda: Motivazione e"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI MASTER IN RISORSE UMANE ED ORGANIZZAZIONE Organizzazione di un azienda: Motivazione e Leadership Relatore Prof. Nunzio Casalino Candidata d.ssa Anna Maria Tempesta

2 A Piero che mi ha voluto veramente bene; Ai miei gioielli: Manuela, Alberto ed Elena 2

3 INDICE PRESENTAZIONE pagg. 5-6 Cenni introduttivi pagg. 7-8 PARTE PRIMA 1. Organizzazione e cambiamento organizzativo 1.1..Organizzazioni e cultura pagg L ambiente organizzativo pagg I bisogni e la motivazione pagg Nozioni caratterizzanti il processo motivazionale pagg Evoluzione nel tempo del concetto di motivazione pagg TEORIE MOTIVAZIONALI 2.1.La teoria di Elton Mayo pagg La piramide di A. Ma slow pagg Grafico: il contenuto della motivazione pag Grafico: la scala dei bisogni di Maslow pag La teoria di F. Herzberg pagg La teoria di David McClelland pagg La teoria dell aspettativa di Vroom pagg

4 PARTE SECONDA 3. LEADERSHIP : evoluzione del concetto nel tempo 3.1 Motivazione e leadership pagg Definizione di leadership pagg Principali stili di leadership: Lewin pagg R. Likert pagg Blake e Mouton: la Managerial Grid pagg La teoria della contingenza: Fielder pagg Leadership carismatica, transazionale e trasformazionale pagg Conclusioni pagg DIRIGENZA E P.A. 4.1 Evoluzione della Dirigenza nella P.A pagg La riforma Brunetta pagg Grafico processo riforma PA pag Organizzazione di un Ufficio Giudiziario: la pagg Procura della Repubblica di Mondovi BIBLIOGRAFIA pag. 61 4

5 Presentazione Essere pienamente convinti e fortemente motivati è sempre stato considerato un fattore fondamentale per portare a termine con successo, di qualsiasi grado o forma esso sia, le svariate scelte, sia in numero che in quantità, che la vita stessa pone davanti all individuo. Alla luce di queste considerazioni ho deciso di affrontare l analisi del processo motivazionale presentando le classificazioni più conosciute e le principali teorie. La motivazione costituisce un punto centrale nella gestione delle risorse umane, come emerge dalla rilevante produzione scientifica che caratterizza questo settore e la sua importanza si accentua, ancor più chiaramente, in un ambiente complesso come quello attuale in cui si determinano nuove relazioni tra fattori quali la tecnologia, la struttura organizzativa, la motivazione e la performance dei singoli lavoratori. La motivazione è un argomento che riguarda tutti noi e le attività che svolgiamo giornalmente. E interessante notare come queste teorie di cui tratterò anche se datate alcuni decenni or sono, rimangano estremamente attuali nell epoca odierna, Nella seconda si parte si partirà dall analisi dei vari stili di leadership collegandola all importanza che ha assunto il fenomeno della comunicazione nel ruolo che essa ha di rendere costantemente adeguato il processo di adattamento dei singoli alle esigenze attuali del gruppo. La comunicazione è una apertura ed una disponibilità a recepire il ritorno informativo (feedback) da parte delle persone e dei gruppi con cui si entra in relazione. Negli ultimi anni si è assistito ad un aumento dei canali della comunicazione caratterizzati soprattutto dall era digitale. I problemi che le organizzazioni devono fronteggiare attualmente sono molto più impellenti di quelli degli anni sessanta: globalizzazione, competitività estrema, tecnologia galoppante, cambiamento del management. 5

6 Nell ultimo biennio si è assistito ad un proliferare di decreti legislativi che nel campo della P.A. hanno cercato di correggere le disfunzioni esistenti nel sistema pubblico, senza a mio avviso riuscire nell intento. In questo discorso va vista naturalmente la logica della leadership partendo dalla distinzione delle due figure che si incontrano nel campo aziendale: il manager ed il leader. Verranno inoltre affrontati i vari stili di leadership trattando dei risvolti che essi portano nelle organizzazioni. In particolare voglio affrontare l organizzazione di un ufficio giudiziario del quale faccio parte; la giustizia appare agli occhi di tutti come un contesto chiuso, opaco, distante dalla società nella quale si opera. Parlare di organizzazione e riorganizzazione, efficienza e inefficienza, strategie, missioni, programmazione, qualità del risultato e del servizio, innovazione, soddisfazione dell utenza, rappresenta una vera e propria rivoluzione dell antico modo di governare la giustizia nel nostro paese. 6

7 Cenni Introduttivi Dal punto di vista evolutivo riguardo all organizzazione dell impresa, ancora nella metà del XIX sec. essa era caratterizzata dal capitalista-imprenditore che concentrava sotto il suo controllo sia il personale umano che i mezzi di produzione. Le teorie classiche, quelle delle relazioni umane e delle neorelazioni umane si sono avvalse di una concezione deterministica quasi comportamentista del fattore umano: l uomo è considerato sottomesso passivamente alle pressioni dell organizzazione. Con l ampliamento del mercato e con lo sviluppo della tecnologia viene a crearsi nell impresa una gerarchia a capo della quale vi è un dirigente. Con lo sviluppo della tecnologia si passa da un impresa artigiana ad una industriale grazie alla scissione tra proprietà e potere con la conseguente nascita di nuove strutture in grado di combinare il principio della meccanizzazione con quello della standardizzazione con conseguente aumento della produttività. Nascono nell azienda nuovi ruoli e funzioni che hanno bisogno di un coordinamento facendo diminuire il potere di ciascun dirigente ed introducendo un sistema di informazione/comunicazione. Secondo la teoria tayloristica, con l evoluzione del modello organizzativo, con la nascita di un sistema aperto attraverso l impresa /organizzazione, occorre stimolare la motivazione del lavoratore mediante sistemi che incentivino la produttività: entra in scena la gratificazione economica (salario a rendimento, a cottimo) tramite l addestramento del soggetto e la partecipazione del lavoratore ai profitti ed al risparmio. L impresa è più attenta all impiego efficiente delle risorse umane e cerca sempre più di perfezionare l efficienza organizzativa. Aumentando la produttività, infatti, il lavoratore può aumentare il proprio stipendio, riuscendo così ad aumentare la propria autostima ed il proprio status. L innovazione organizzativa dell impresa è provocata da un insieme di fattori quali la dinamica del personale, l ampliamento della sfera operativa della gestione e l evoluzione dell ambiente esterno e di mercato. Esiste una certa interconnessione tra 7

8 efficienza dell organizzazione ed efficienza ed efficacia (interna ed esterna) delle imprese. Comincia l evoluzione dell impresa non più costituita solo ed esclusivamente dall individuo; si assiste alla nascita di organismi collocati in un più vasto ambiente dal quale dipendono per tutta una serie di bisogni. Parlare di organizzazioni significa prendere in considerazione una realtà che si esplicita in una situazione sociale, economica, culturale, politica. Le organizzazioni nel mondo moderno influenzano ogni settore della vita sociale: attraverso il loro sviluppo è possibile realizzare progetti e raggiungere obiettivi. Nel momento in cui le organizzazioni vengono paragonate a degli organismi, viene concentrata l attenzione sulle problematiche della sopravvivenza, dei rapporti organizzazione-ambiente, dell efficacia organizzativa. 8

9 PARTE PRIMA 1. ORGANIZZAZIONI E CAMBIAMENTO 1.1 Organizzazioni e cultura Se prendiamo come inizio degli studi sulle Organizzazioni e sul loro funzionamento gli ultimi decenni del XIX sec., possiamo dire che c è voluto quasi un secolo prima di mettere a fuoco con chiarezza che le attività organizzative sono regolate da fenomeni apparentemente astratti che muovono i comportamenti delle persone. La cultura è un concetto mutuato dall antropologia 1 e trasferito nell ambito degli studi organizzativi insieme a tutto il patrimonio di conoscenze elaborate in decenni di ricerche sulle culture delle società di paesi lontani e sulle subculture delle comunità metropolitane. Quando si parla di cultura si fa riferimento al modello di sviluppo che si rispecchia nel sistema di conoscenze di una società, nelle sue ideologie, nei suoi valori, nel suo diritto, nei suoi riti quotidiani. La cultura è per la società quello che la memoria è per gli individui( Kluckhon,1954). Nella letteratura organizzativa il tema della cultura è stato più volte suggerito a partire dagli anni trenta da alcuni degli autori del movimento HUMAN RELATIONS, ma solo in seguito gli studi sulla cultura sono giunti ad occupare un posto di primo piano nella pubblicistica e nel management, quando verso la metà degli anni 70 gli stessi studiosi, sia negli Stati Uniti che in Europa hanno cercato di capire come mai l individuo giapponese fosse in grado di portare una concorrenza spietata agli occidentali in molti settori produttivi. Vennero formulate molte ipotesi, ma ad ottenere maggiore credito fu l ipotesi della cultura: il modo di pensare dei giapponesi, di rapportarsi tra loro e con l azienda in cui lavoravano. Secondo questi lavoratori, il progresso e lo sviluppo possono essere realizzati solo attraverso gli sforzi combinati e la cooperazione di tutti i membri dell azienda. Lo spirito collaborativo, proprio di un villaggio o di una comunità, pervade tutta l esperienza 1 Management pubblico-ed. Simone 2010 p.93 9

10 lavorativa. A questi modi di pensare e di applicare le procedure organizzative è stato dato il nome di cultura organizzativa. Fra la fine degli anni 70 ed i primi degli anni 80 è fiorita una letteratura su questo argomento. Nelle società più avanzate esiste una stretta correlazione tra il concetto di organizzazione e quello di cultura: formata quest ultima dall insieme di strutture fondamentali di pensiero, di norme, di miti; dal grado di condivisione dei valori stessi tra i membri di una organizzazione: alcuni teorici, a tal proposito formulano l ipotesi che le organizzazioni possono definirsi, nel loro complesso, come culture. I legami sociali e simbolici fanno parte dell organizzazione che è focalizzata sempre più sulla collettività, su ciò che un dato gruppo ha inventato, scoperto o sviluppato imparando ad affrontare i suoi problemi di adattamento esterno e di integrazione interna. Viene così superata la frammentarietà dei fenomeni che prima caratterizzava l organizzazione (teoria tayloristica). Hedgar Schein, studioso che si è occupato del tema della cultura organizzativa, nel 1985 ha affermato: la cultura organizzativa è l insieme delle ipotesi di base che un certo gruppo ha inventato, scoperto o elaborato nel corso del suo processo di apprendimento sul come affrontare i suoi problemi di adattamento esterno e di integrazione interna. Gli aspetti della cultura che interessano particolarmente la vita organizzativa sono certamente le abilità delle singole persone, ma in modo particolare i loro comportamenti, dai quali dipende l utilizzo in chiave organizzativa delle stesse conoscenze ed abilità. I comportamenti organizzativi, in quanto comportamenti sociali, sono regolati da codici di condotta, vale a dire criteri in base ai quali le persone decidono quali azioni svolgere ed in che modo, in base ai margini di discrezionalità che il controllo organizzativo consente. Naturalmente, come insegna da tempo la psicologia, le azioni individuali sono legate alle caratteristiche personali, il carattere, la personalità, le motivazioni di ciascuno; tuttavia, poiché ogni azione è anche un interazione con le 10

11 azioni di altre persone, gli aspetti sociali e culturali entrano in gioco in maniera rilevante 2. Secondo Francesco Avallone, ciascuna organizzazione è dominata da una cultura, che si manifesta più o meno apertamente in tre livelli: gli artefatti che comprendono gli elementi visibili dell organizzazione, i valori cioè l ideologia divulgata all interno dell azienda e gli assunti di base, cioè gli assunti impliciti, inconsapevoli che orientano il comportamento. L aspetto della cultura che si rivela particolarmente interessante per il funzionamento di una organizzazione è il modo in cui essa influisce sui comportamenti delle persone 3. Le conoscenze che sono presenti nell organizzazione di cui i singoli individui sono depositari, come le abilità, manuali, relazionali, ecc., per quanto essenziali, devono essere integrate, vale a dire messe in condizione di interagire fra loro in modo da produrre risultati. In questo approssimarsi ad analizzare più compiutamente l analisi dei bisogni e le motivazioni che caratterizzano ogni lavoratore all interno di una organizzazione, si deve fare un breve cenno sul concetto di ambiente in cui l organizzazione opera. 1,2 L ambiente organizzativo: E della teoria funzionalista degli anni 50 l idea di considerare l ambiente come qualcosa che si trova fuori dai confini fisici di un organizzazione ma che ne influenza gli esiti tramite l imposizione di vincoli come quello dell adattamento per la sopravvivenza. 2 rif. I quaderni di Gelso n.6 pp F.Avallone Psicologia del lavoro,storia,modelli,applicazioni. Carocci

12 In realtà quando parliamo di ambiente non possiamo fare una distinzione così netta come volevano i funzionalisti: non esistono ambienti separati o diversi; ma un unico ambiente complesso che ingloba anche le stesse organizzazioni e i diversi settori. Le organizzazioni sono considerate come organismi, come sistemi viventi collocati in un più vasto ambiente dal quale dipendono per tutta una serie di bisogni. L universo organizzativo è formato da diverse specie di organizzazioni; le teorie classiche, come quella di Taylor, di Weber, di Fayol considerano l organizzazione come sistema chiuso dove l attenzione analitica primaria è riservata alle forze che determinano l equilibrio funzionale ed il grado di integrazione del sistema organizzativo. A partire dagli anni 60 del secolo scorso, con l avvento della teoria generale dei sistemi di cui il maggiore rappresentante è stato Hatch, si è fatta spazio l idea di considerare l ambiente come un sistema aperto, come qualcosa che si trova fuori dai confini fisici di un organizzazione ma che ne influenza gli esiti tramite l imposizione di vincoli come quello dell adattamento per la sopravvivenza e scambiando con esso risorse materiali e simboliche. Grazie a questa prospettiva, sorge la consapevolezza che la sopravvivenza, l equilibrio e lo sviluppo dell organizzazione non dipendono soltanto dall efficacia e dall efficienza del suo funzionamento interno, ma anche dal bilancio degli scambi con il proprio ambiente, ovvero dalla qualità del suo adattamento. Bisogna pensare ai casi non infrequenti di imprese che si trovano in forti difficoltà, pur in presenza di buone performance di produttività e qualità del prodotto, perchè il bene o servizio erogato non viene adeguatamente assorbito dal mercato, oppure perchè sussistono difficoltà di ordine finanziario. La prospettiva dell organizzazione come sistema aperto conduce pertanto il nostro sguardo sui molteplici scambi che l organizzazione effettua con il proprio ambiente. La dimensione semplicità-complessità riguarda la complessità ambientale che riflette l eterogeneità, rappresenta il numero e la diversità degli elementi esterni, rilevanti per 12

13 l attività di una organizzazione. La dimensione stabilità-instabilità riguarda il grado di dinamicità degli elementi all interno dell ambiente. Le organizzazioni devono affrontare e gestire l incertezza per essere efficaci. Negli ambienti incerti, la pianificazione e la previsione ambientale sono importanti per tenere pronta l organizzazione ad una risposta coordinata e rapida. Quando l ambiente è stabile, invece, l organizzazione può concentrarsi sui problemi riguardanti le attività correnti e sull efficacia giornaliera. Le organizzazioni sono considerate così come organismi, come sistemi viventi collocati in un più vasto ambiente dal quale dipendono per tutta una serie di bisogni. L avvicinamento della prospettiva di analisi a quella propria della biologia ha rappresentato una importante fonte di ispirazione per gli studi organizzativi. Proprio dall adattamento all ambiente derivano alcune considerazioni importanti sulla riuscita di una organizzazione; infatti il successo di questa non dipende solo dall efficienza. Ciò che conta maggiormente è l efficacia intesa come capacità di produrre ed erogare il proprio output rendendo positivo il bilancio dei propri scambi con l ambiente.. La metafora dell organismo si attaglia perfettamente a tali prerogative e requisiti. Il successo di ogni organismo vivente dipende dalla misura in cui esso è capace di adattarsi all ambiente da cui trae le risorse vitali dei diversi tipi di ambiente. L avvicinamento della prospettiva di analisi a quella propria della biologia ha rappresentato una importante fonte di ispirazione per gli studi organizzativi. 1.3 I bisogni e la motivazione La metafora organicistica ha consentito di concepire le organizzazioni come dei sistemi aperti, a capire i processi con cui le organizzazioni si adeguano all ambiente, ad evidenziare i fattori che sono rilevanti per il benessere e per lo sviluppo delle stesse (tra tutti si è già detto dei concetti di cultura e di ambiente). 13

14 Questa impostazione del problema ha consentito in pratica di enucleare la moderna concezione organizzativa che ha superato quella metafora della macchina che dominava la teoria organizzativa classica. La prospettiva organica dell analisi delle organizzazioni sviluppa anche il concetto di bisogni complessi: sono questi i bisogni alla cui soddisfazione le organizzazioni devono provvedere per far si che gli individui siano in grado di operare efficacemente nel loro lavoro. Viene messo allora in evidenza il concetto di motivazione. Essere pienamente convinti e fortemente motivati è sempre stato considerato un fattore fondamentale per portare a termine con successo, di qualsiasi grado o forma esso sia, le svariate scelte che la vita stessa pone davanti all individuo. All origine di ogni comportamento vi è un bisogno che genera disequilibrio, tensione, vale a dire una motivazione. Questa motivazione libera una certa energia che si mette in azione, che ci spinge ad agire per sopprimere o ridare l insoddisfazione del bisogno e la tensione che ne deriva (la motivazione al compito deve essere favorita dalla certezza che il proprio lavoro sarà riconosciuto e gratificato attraverso un determinato sistema di ricompense). Motivazione è un termine, utilizzato in primis in ambito psico-socio-educativo e di recente utilizzato anche in ambito manageriale, che descrive il processo che spinge un organismo verso una determinata meta; motivazione è, quindi, l esposizione dei motivi per cui si fa una determinata cosa oppure motivo è ciò per cui si fa o non si fa qualcosa 4. Etimologicamente (dal latino motus) indica un movimento, quindi il dirigersi di un soggetto verso un oggetto desiderato, verso uno scopo. Essa richiama quindi il movimento che porta all azione. La motivazione è un costrutto teorico utilizzato per spiegare l inizio, la direzione, l intensità e la persistenza del comportamento, specialmente del comportamento orientato all obiettivo. Per quel che riguarda la motivazione al lavoro, si tratta di 4 tratto da Il Nuovo Dizionario Italiano Garzanti,Garzanti Editore Milano 1992 pag

15 analizzare il campo delle variabili che sono in grado di spiegare il dispiegamento delle energie psico-fisiche nell attività professionale e dell intensità e della persistenza di questi investimenti. Variabili organizzative del compito, soggettive e socio culturali interagiscono continuamente, influenzando la motivazione al lavoro, il suo andamento nel tempo, la sua intensità e rilevanza. Una motivazione, inoltre, si manifesta attraverso un orientamento verso qualcosa oppure attraverso un orientamento che allontana da qualcosa. Nel primo caso si parla di motivazione positiva e nel secondo caso di motivazione negativa. Il modo migliore per descrivere gli effetti di una motivazione è senz altro quello di fare appello ad una rappresentazione topologica, secondo lo schema proposto da K. Lewin. Variabili organizzative del compito, soggettive e socio culturali interagiscono continuamente, influenzando la motivazione al lavoro, il suo andamento nel tempo, la sua intensità e rilevanza. MOTIVAZIONE POSITIVA MOTIVAZIONE NEGATIVA + SCOPO -- PERICOLO Il soggetto si trova in relazione con oggetti dotati di valenza, (positiva o negativa) che conducono all avvicinamento o al rifiuto. Questa distinzione è necessaria anche se nel maggior numero di casi si parla solo di motivazione positiva. Nell ambito lavorativo, che rappresenta l aspetto analizzato in questa sede, la motivazione può manifestarsi in: ENERGIA: le persone dimostrano tenacia e costanza nello sviluppare le proprie mansioni e nel raggiungere i propri obiettivi; 15

16 IDENTIFICAZIONE: ossia coinvolgimento attraverso la condivisione degli obiettivi aziendali; COMPETENZA: la motivazione porta alla ricerca di un apprendimento continuo fuori e dentro l azienda; INNOVAZIONE: quando le persone sono motivate utilizzano il cambiamento a proprio vantaggio; LEALTA : se i dipendenti trovano soddisfazione dei propri bisogni all interno dell azienda, essi sviluppano sentimenti di fiducia ed appartenenza. Fatta questa premessa, si può constatare come nel sistema organizzativo la componente umana assume una posizione predominante: infatti i processi motivazionali che impegnano ogni individuo a partecipare allo sforzo organizzativo, rappresentano la base dei processi decisionali strategici ed operativi nonché dei fenomeni di trasformazione e di mutamento delle organizzazioni stesse. 1.4 Nozioni che caratterizzano il processo motivazionale. Nella scala dei livelli di attivazione motivazionale, dopo gli istinti, nel gradino superiore troviamo il concetto di bisogno. Questo concetto implica e viene definito da una condizione di necessità che scaturisce da una carenza 5. La nozione di Bisogno è spesso associata a condotte legate al mantenimento del benessere psicofisico che mirano al soddisfacimento di necessità naturali (es. la fame). Il motivo, invece, è qualcosa che guida, si riferisce alla mobilitazione di energia per il raggiungimento di uno scopo. La nozione di motivo è associata alla trama di cause e di ragioni che sottendono 5 tratto da Psicologia Generale. L.Anolli-P.Legrenzi.ed Il Mulino Bologna,2006, pag

17 e organizzano la varietà delle condotte in vista della realizzazione di determinati piani. Lo scopo è qualcosa che attira. La nozione di scopo è associata all anticipazione di uno status, alla realizzazione di un proposito. Questi termini sono tra loro correlati ed il comportamento, quindi, viene messo in essere se sussiste la condizione dell esistenza di un bisogno e dell esistenza nell ambiente dei mezzi materiali idonei a soddisfare tale bisogno. Bisogni, motivi e scopi riguardano la sfera dei contenuti. Decisione e volizione concernono invece la sfera dei processi. Nello schema grafico di pag.27 è riportato il collegamento tra motivazione e bisogni. 1.5 Evoluzione nel tempo del concetto di motivazione La psicologia del lavoro studia il concetto di motivazione applicandolo al contesto lavorativo. Si fa risalire la nascita della disciplina alla pubblicazione da parte dello psicologo Hugo Munstenberg agli inizi del secolo scorso. Munstenberg era interessato all applicazione dei tradizionali metodi psicologici ai problemi concreti dell industria, con particolare riferimento all organizzazione del lavoro e alla selezione del personale. Una delle più note scuole di pensiero, diffusasi negli anni 30 del sec. scorso, fa capo a Taylor ed è nota con il nome di Scientific Management il cui obiettivo era soprattutto quello di elaborare delle soluzioni che potessero rendere più razionale ed efficiente l organizzazione delle aziende. Con Taylor sono iniziati anche la selezione e l addestramento del personale, nonché i sistemi incentivanti. Egli riconsidera la struttura di direzione, proponendo in alternativa alla gerarchia lineare la struttura funzionale gerarchica. Si riporta un brano in cui Taylor riassume i criteri adottati dallo Scientific Management: Lo scopo principale dell organizzazione del lavoro dovrebbe essere quello di garantire la massima prosperità tanto del datore di lavoro 17

18 quanto dei dipendenti. Affinché il lavoro possa essere svolto secondo leggi scientifiche è indispensabile una più giusta ripartizione di responsabilità tra direzione e manodopera (Taylor 1911). Taylor aveva ipotizzato che la maggior parte delle situazioni soddisfacenti fossero quelle nelle quali i lavoratori avessero potuto ottenere una dignitosa retribuzione ma senza sforzo eccessivo. Dalla teoria di Taylor sono stati estrapolati concetti che poi influenzeranno i moderni modelli aziendali come la selezione professionale, un diverso sistema di remunerazione, l analisi metodica del lavoro e il cronometraggio dei tempi di lavoro. 18

19 2.TEORIE MOTIVAZIONALI 2.1 La teoria di Elton Mayo Negli anni 20 e 30 negli Stati Uniti si svilupparono nuove teorie motivazionali grazie agli esperimenti di E. Mayo. Mayo svolse la maggior parte del lavoro ad Harvard presso gli stabilimenti Hawthorne della Western Electric Company dove dimostrò che la base della soddisfazione nel lavoro è di natura non economica e la collegò più all interesse per la performance del lavoratore che alla ricompensa finanziaria. A seguito di ciò si dice effetto Hawthorne il fenomeno per cui i lavoratori chiamati ad impegnarsi in una nuova esperienza interessante lavorano di più. Il dato più importante emerso da questa sperimentazione, fu la confutazione della teoria tayloristica dell interesse personale. L attenzione fu indirizzata sul significato del lavoro, mettendo da parte il legame tra motivazione e retribuzione e l importanza di quest ultima come elemento di soddisfazione. La scoperta di Mayo dell importanza dei gruppi di pari livello sul lavoro, lo portò a concludere che all interno di ogni organizzazione formale esistessero numerose organizzazioni informali che avrebbero potuto essere incoraggiate a realizzare più elevata produttività, se fossero state spinte a farlo da sole grazie all interesse e alla stima del loro manager. A Mayo e al suo gruppo di ricerca si attribuisce la nascita delle Human Relations, movimento che ha avuto come obiettivo principale lo studio del gruppo, del suo funzionamento, delle dinamiche presenti al suo interno, del suo rendimento; questo movimento, attraverso la ricerca scientifica, cominciò a dedicarsi allo studio di come incanalare motivazioni e impegno degli individui in direzione degli obiettivi aziendali. 19

20 Pur ritenendo valida l organizzazione scientifica del lavoro, Mayo stemperò le rigide affermazioni di Taylor. Infatti analizzando le motivazioni alla base dell esperimento di Mayo, ci si rende conto che oltre alle tecniche, sono importanti gli aspetti umani e le relazioni che incentivano al lavoro (motivazioni). Il suo contributo alla teoria del management è stato importante per una serie di motivi. In primo luogo, mettendo in luce l importanza delle emozioni, delle reazioni del rispetto nei confronti dell attività di gestire gli altri; in secondo luogo egli fu il precursore del concetto della giusta comunicazione fra management e lavoratori. Infine egli dimostrò che il management avrebbe potuto rivelarsi vincente solo se i lavoratori, nei loro gruppi informali, avessero accettato quel tipo di leadership 6. Tali considerazioni sono la base della nascita della scuola delle relazioni umane. Il modello di uomo economico proposto dal Taylorismo fu screditato dagli esperimenti Hawrthorne, che avevano dimostrato che i fattori fisiologici, sul lavoro, erano meno importanti dei fattori psicologici; al concetto di uomo economico si contrappose, così, quello di uomo psicologico in virtù del quale il lavoratore è legittimato ad avere sentimenti, emozioni e opinioni che sono parte della sua prestazione lavorativa. Il nuovo concetto di lavoro subisce le influenze di due scuole psicologiche: da quella psicoanalitica deriva l idea di uomo come possessore di una parte inconscia; dalla psicologia sociale eredita la concezione di pensiero collettivo, che introduce definitivamente nella definizione di lavoro la dimensione sociale e del gruppo La piramide di A. Maslow Durante gli anni 50 emersero le scienze comportamentali che si proponevano di studiare attraverso metodi scientifici gli aspetti psicologici del comportamento umano all interno dell organizzazione. Il focus di questa teoria rimane l individuo, la sua realizzazione, i suoi bisogni, il suo coinvolgimento nelle decisioni. 6 da Management e risorse umane- F. Giacca 7 Management pubblico Simone ed p

21 I comportamentisti sostengono che le persone non si differenziano solo per le loro attitudini ma anche per le loro motivazioni. Le motivazioni connesse direttamente con i bisogni fisiologici (o primari) sono state definite Motivazioni primarie (es. fame, sete), mentre le motivazioni che fanno riferimento a bisogni di natura sociale e psicologica, e che sono mediate dai processi di apprendimento e di influenzamento sociale sono definite Motivazioni secondarie. Abraham Maslow, psicologo americano e fondatore della Psicologia Umanistica, si occupò dei bisogni all interno della sua teoria sulla motivazione. La sua teoria dei bisogni è una gerarchia di prepotenza relativa dei bisogni, fondata sull osservazione antropologica della natura comune ed interculturale di alcuni bisogni umani, considerati fondamentali. Il contributo più importante e significativo sul tema della motivazione in ambito psicologico, è dato dall opera di Maslow che, nonostante gli anni (la prima stesura è del 1954), rimane ancora un punto di partenza imprescindibile 8. Secondo Maslow la motivazione è un complesso processo delle forze che attivano, dirigono e sostengono il comportamento nel corso del tempo: ognuno di noi compie delle azioni per degli scopi, per raggiungere delle mete, per conseguire degli obiettivi. Tuttavia non sempre siamo del tutto consapevoli dei motivi che ci spingono ad agire in un determinato modo piuttosto che in un altro; la motivazione è un qualcosa che spinge all azione, al raggiungimento di un determinato obiettivo. Maslow è stato il primo autore a descrivere una gerarchia dei bisogni umani. Egli ritiene che, apparentemente differenti, alcuni modelli comportamentali che espletano in azioni fra le più diverse, sono in realtà tesi al medesimo fine. Insomma, secondo Ma slow, gli uomini, universalmente, condividerebbero, non solo un sostrato biologico, ma anche un comune patrimonio di pulsioni o istinti deboli, orientati al soddisfacimento dei bisogni fondamentali. Inoltre, la gerarchia si basa sull assunzione che, una volta soddisfatto un bisogno inferiore, anche solo parzialmente, inizia a presentarsene uno nuovo, con un carattere 8 Ma slow Motivazione e personalità 21

22 di minor forza e urgenza, ma in grado di riorientare i fini soggettivi e anche i valori soggettivi al suo soddisfacimento. Da ciò, la conseguenza che la soddisfazione è momentanea e non permanente. Un bisogno soddisfatto perde centralità e rilevanza per l individuo aprendo la strada all insorgenza di nuovi bisogni. Posto che le teorie motivazionali si suddividono in teorie del contenuto che sottolineano l importanza delle cause che originano il comportamento e spiegano che cosa sono i bisogni e teorie del processo relative al collegamento fra bisogni e comportamento organizzativo, il modello della teoria di Maslow appartiene ai modelli orientati al contenuto. Così come si evince dalla figura a pag. 28 in cui vi è riportata la piramide delle aspirazioni ordinate per importanza e priorità del soddisfacimento, si può notare come i desideri dell uomo non sono isolati e a sé stanti, ma tendono a disporsi in una gerarchia di dominanza e di importanza. In questa scala, al livello della base, ci sono tutti i bisogni fisiologici, essenziali per la nostra sopravvivenza fisica nell ambiente. Prima di soddisfare i bisogni più alti nella scala, l individuo tende a soddisfare quelli più bassi, ovvero quelli più importanti per la sua sopravvivenza. Per quello che riguarda i bisogni più alti degli individui essi tendono a variare molto nel tempo. Ogni persona compie un suo percorso di maturazione e sviluppo motivazionale all interno del quale le mete e gli obiettivi di livello alto possono subire grandi modificazioni. Inoltre un successo tende spesso a essere dimenticato e, il vecchio obiettivo, tende a essere sostituito da uno più grande e ambizioso. Mentre i bisogni fondamentali per la sopravvivenza una volta soddisfatti tendono a non ripresentarsi, almeno per un periodo di tempo, i bisogni sociali e relazionali tendono a innescare nuove e più ambiziose mete da raggiungere 9. Passo ora a soffermarmi in maniera più ampia sul significato dei vari livelli della Piramide di Maslow. a)bisogni fisiologici: sono i tipici bisogni di sopravvivenza (fame, sete, desiderio sessuale ), funzionali al mantenimento fisico dell individuo. Secondo Maslow ogni bisogno primario serve da canale e da stimolatore per qualsiasi altro bisogno. In 9 Motivarsi e Motivare di Enrico Negri-psicologo 22

23 questo senso l individuo che sente lo stimolo della fame può ricercare amore, sicurezza, stabilità affettiva, al di là del più comune bisogno di nutrimento fisico. Nella scala delle priorità i bisogni fisiologici sono i più intensi e la loro forza ostacola l emergere di altri bisogni: sono i primi a dover essere soddisfatti in quanto alla base di tali bisogni vi è l istinto di autoconservazione. Solo nel momento in cui i bisogni fisiologici vengono soddisfatti con regolarità, allora ci sarà lo spazio per prendere in considerazione le altre necessità, quelle di livello più alto. Nelle nostre moderne civiltà occidentali il problema della sopravvivenza è diventato oramai un acquisizione stabile e duratura, per cui sono i bisogni di più alto livello ad essere al centro dell attenzione. Ovviamente essi non scompariranno definitivamente ma rimarranno attivi e, se stimolati, ricompariranno. Applicata nel mondo del lavoro, per soddisfare i bisogni fisiologici l azienda riconosce lo stipendio. b) I bisogni di sicurezza. I bisogni di appartenenza, stabilità, protezione e dipendenza, che giocano un ruolo fondamentale soprattutto nel periodo evolutivo, insorgono nel momento in cui i bisogni primari sono stati soddisfatti. Riflettono il desiderio di protezione. Anche questi bisogni sono drive fondamentali che danno forma ad alcuni comportamenti tipici soprattutto di carattere sociale. La stessa organizzazione sociale che ogni comunità si dà a seconda della propria cultura, è un modo di rendere stabile e sicuro il percorso di crescita dell individuo. Per soddisfare i bisogni di sicurezza l impresa deve soddisfare diversi aspetti di questa necessità. Esiste il bisogno di sicurezza fisica garantito dalle norme che evitino gli incidenti sul lavoro; è importante soddisfare il bisogno di sicurezza psicologica cioè la certezza di poter contare su un lavoro, uno stipendio stabile, continuativo, il lavoratore necessita anche di sicurezza di equità cioè ha il bisogno di ricevere un trattamento equo rispetto agli altri. L azienda per soddisfare il bisogno di sicurezza, in tutte le sue sfaccettature, utilizza i contratti, lo stile di direzione. Altro strumento importante è la presenza di regole, di strutture organizzative chiare e di sistemi di gestione del personale. 23

24 3-Bisogni di affiliazione e appartenenza Questa categoria di bisogni è fondamentalmente di natura sociale e rappresenta l aspirazione di ognuno di noi a essere un elemento della comunità sociale apprezzato e benvoluto. Più in generale il bisogno d affetto riguarda l aspirazione ad avere amici, ad avere una vita affettiva e relazionale soddisfacente, ad avere dei colleghi dai quali essere accettato e con i quali avere scambi e confronti. Per soddisfare il bisogno di socialità, l azienda deve essere attenta al layout ( il contesto fisico) e può proporre attività extra-lavorative e corsi di formazione che permettano ai lavoratori di socializzare tra loro per incentivare la cooperazione e il lavoro di squadra e di gruppo. 4-I bisogni di stima Anche questa categoria di aspirazioni è essenzialmente rivolta alla sfera sociale ed ha come obiettivo quello di essere percepito dalla comunità sociale come un membro valido, affidabile e degno di considerazione. Spesso le autovalutazioni o la percezione delle valutazioni possono differire grandemente rispetto al loro reale valore. Molte persone possono sentirsi molto valide al di là dei loro meriti e riconoscimenti reali, mentre altre persone possono soffrire di forti sentimenti di inferiorità e disistima anche se l ambiente sociale ha un atteggiamento globalmente positivo nei loro confronti, è necessaria, quindi anche l autostima, l immagine che ciascuno ha di se stesso rispetto al contesto. Infatti, secondo Maslow, il bisogno di autorealizzazione non dipende da altre persone o dalla struttura dell ambiente fisico, ma dalle proprie risorse latenti. Per soddisfare il bisogno di sentirsi stimati dagli altri (capo e colleghi) e il bisogno di accrescere la propria autostima, l azienda può proporre bonus e premi per riconoscere il buon lavoro di alcuni dipendenti. Oltre al riconoscimento, l azienda può soddisfare il bisogno di stima del lavoratore assicurandogli possibilità di carriera. Il contenuto 24

25 della mansione è la leva più importante che l azienda può offrire per crescere l autostima. 5. Bisogno di autorealizzazione Si tratta di un aspirazione individuale a essere ciò che si vuole essere, di diventare ciò che si vuole diventare, a sfruttare a pieno le nostre facoltà mentali, intellettive e fisiche in modo da percepire che le proprie aspirazioni sono congruenti con le proprie azioni. Non tutte le persone nella nostra società riescono a soddisfare tutte e a pieno le loro potenzialità; infatti l insoddisfazione sia sul lavoro che nei rapporti sociali e di coppia è un fenomeno molto diffuso. L autorealizzazione richiede caratteristiche di personalità,oltre che competenze sociali e capacità tecniche, molto particolari e raffinate. Secondo Maslow le caratteristiche di personalità che deve avere una persona per raggiungere questo importante obiettivo sono: realismo, accettazione di sé, spontaneità, inclinazione a concentrarsi sui problemi piuttosto che su di sé, autonomia e indipendenza, apprezzamento delle cose e delle persone, senso dell ironia, creatività, originalità. L autorealizzazione si raggiunge quando fai ciò che puoi fare, in base alle tue potenzialità. Essa rappresenta l utilizzazione del potenziale creativo dell individuo per l autoappagamento mediante un lavoro che dia una motivazione intrinseca al di là della remunerazione. Tale bisogno interviene nelle scelte significative di studio e lavoro ed è soddisfatto quando l individuo percepisce di aver raggiunto le mete che si era posto in relazione all immagine che aveva di sé. Nello schema di pag. 28 sono sintetizzati: il livello dei bisogni, le ricompense generali ed i fattori organizzativi in cui i vari gradini della scala di Maslow si rispecchiano. 25

26 Molte sono le critiche apportate alla teoria del bisogni di Maslow. In primo luogo egli parte dal presupposto che tali bisogni siano universalmente condivisi a prescindere da differenze di ordine culturale, e che non esistono differenze neanche rispetto all arco di vita dell individuo; Maslow presenta una società omogenea e relativamente poco complessa., Vi è inoltre una totale assenza di una visione interazionista per cui i bisogni nascono e vengono soddisfatti senza che in tale processo sia coinvolto l ambiente e l influenza esterna 10. Nella scala di Maslow vi è una sovrapposizione di bisogni attivi: si nota cioè la contemporanea presenza di più bisogni la cui composizione tende verso l incremento di bisogni superiori man mano che vengono soddisfatti quelli di ordine inferiore. A seguito della critica alla mancanza di flessibilità nella teoria relativa alla gerarchia dei bisogni, lo stesso Maslow la sottopose a revisione formulandone una nuova versione in cui, mentre restano validi i principi di base, appare una nuova tipologia di bisogni umani costituita da due classi; i bisogni da deficit ed i bisogni di autorealizzazione. Sulla base di numerose ricerche sul campo, venne formulata successivamente alla revisione della teoria gerarchica dei bisogni, la teoria definita della motivazionemantenimento formulata da F. Herzberg. 10 Analisi dei processi di motivazione nella gestione delle risorse umane-davide Barbaglio 26

27 Grafico: il contenuto della motivazione 27

28 2.2.2.Grafico: la scala dei bisogni di Maslow 28

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

Gli attori organizzativi

Gli attori organizzativi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Gli attori organizzativi Prof. Armando Urbano A.A. 2011-2012 Soggetti e attori L organizzazione nasce quando singoli individui si pongono in relazione con altri e condividono energie,

Dettagli

UNIVERSITÁ DI CATANIA Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (Enna) (A.A. 2005-2006) Corso di PSICOLOGIA DEL LAVORO Prof. G.

UNIVERSITÁ DI CATANIA Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (Enna) (A.A. 2005-2006) Corso di PSICOLOGIA DEL LAVORO Prof. G. UNIVERSITÁ DI CATANIA Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (Enna) (A.A. 2005-2006) Corso di PSICOLOGIA DEL LAVORO Prof. G. SANTISI MOTIVAZIONE E SODDISFAZIONE NEL LAVORO Un collegamento Le

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012 CORSO AVANZATO EFAC Roma, 30 marzo 2012 1 Corso avanzato per Caf Assessor La leadership e le dinamiche di gruppo 2 Da Henry Ford a Steve Jobs Siate affamati,.. siate folli Voi non dovete pensare, ci sono

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Dal meccanicismo a Vipassana, nel mondo del lavoro e nella società

Dal meccanicismo a Vipassana, nel mondo del lavoro e nella società Dal meccanicismo a Vipassana, nel mondo del lavoro e nella società di Vincenzo De Giovanni psicologo del lavoro, formatore e meditatore Dal taylorismo alla risorsa umana - L uomo come sistema I gruppi

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

IL LAVORO NEL NONPROFIT

IL LAVORO NEL NONPROFIT IL LAVORO NEL NONPROFIT Evidenze dai lavori dell Osservatorio sulle Risorse Umane nel Nonprofit Un progetto: Giovanni Medi, Fondazione Sodalitas Responsabile 5^ Conferenza Nazionale della Donazione Isola

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO IL GIOCO DELL INTERRELAZIONE annalisa amadi Latina Scalo 22-23 giugno 2013 1 il conflitto si esprime attraverso i comportamenti 2 il comportamento è la manifestazione

Dettagli

IL PERCORSO VERSO LA QUALITÀ SALA ACTIV RILON CENTER PLOVDIV 1 NOVEMBRE 2008

IL PERCORSO VERSO LA QUALITÀ SALA ACTIV RILON CENTER PLOVDIV 1 NOVEMBRE 2008 IL PERCORSO VERSO LA QUALITÀ SALA ACTIV RILON CENTER PLOVDIV 1 NOVEMBRE 2008 LE NORME DI RIFERIMENTO ISO 9000:2000 FONDAMENTI E TERMINOLOGIA ISO 9001:2000 REQUISITI ISO 9004:2000 LINEE GUIDA PER IL MIGLIORAMENTO

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO ASPETTI DA VALUTARE CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO LE PERSONE Gli interessi in gioco I vantaggi Introduzione agli aspetti comportamentali per la gestione dei negoziati e delle controversie

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi Lezione 9 Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento I gruppi 1 LE TIPOLOGIE DI BARRIERE ORGANIZZATIVE AL CAMBIAMENTO: UNA POSSIBILE CLASSIFICAZIONE mancata percezione dei benefici

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Il primo approccio: la fase dell ingaggio

Il primo approccio: la fase dell ingaggio FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappeso obeso: Il

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

Teorie classiche della Motivazione

Teorie classiche della Motivazione Teorie classiche della Motivazione prof. Giovanni Masino Università di Ferrara_AA 2014/2015 MOTIVAZIONE Capire cosa spinga una persona ad agire non è una cosa semplice. Si tratta di fare i conti, da un

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Programma del modulo: - Cos è il benessere organizzativo; - Direttiva del Ministro della Funzione pubblica; - Equità e leadership; - D.Lgs 150/2009 e qualità

Dettagli

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale Dott. Simone Cavestro La Sfida attuale In uno scenario in continua evoluzione, dove si sviluppano con velocità crescente Organizzazione Tecnologie

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CULTURA AZIENDALE RITENIAMO CHE UNA FORTE CULTURA AZIENDALE COSTITUISCA UN ENORME VANTAGGIO CONCORRENZIALE. QUANDO PARLO DELLA CULTURA DELLA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI

Dettagli

Dizionario delle competenze

Dizionario delle competenze Dizionario delle competenze Competenze comportamentali Il Manuale dei profili professionali di competenza Indice COMPETENZE COMPORTAMENTALI... 1 AREA EMOZIONALE... 1 Consapevolezza di sé e autoefficacia...

Dettagli

Filippo Ferrari, Aleph Zero Formazione e Ricerca

Filippo Ferrari, Aleph Zero Formazione e Ricerca MOTIVAZIONE AL LAVORO, TEORIA DEL GOAL SETTING E PROGETTI DI INSERIMENTO ORGANIZZATIVO (PIO) Un ipotesi di applicazione della riforma Biagi applicata ai contratti di inserimento nelle organizzazioni. Filippo

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler

Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler Introduzione La politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler illustra il contenuto strategico delle iniziative rivolte al personale Schindler. Si

Dettagli

Risorse Umane e Performance Organizzativa

Risorse Umane e Performance Organizzativa Risorse Umane e Performance Organizzativa Perché Investire sulle Risorse Umane? Paula Benevene Università LUMSA, Roma Le persone costituiscono il fattore critico di successo Negli USA il costo dei dipendenti

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Quali competenze per relazioni efficaci? Matteo Zocca

Quali competenze per relazioni efficaci? Matteo Zocca Quali competenze per relazioni efficaci? Matteo Zocca È un dato di fatto che la maggior parte degli uomini siano oggi impiegati o simili di livello più o meno alto, che fanno ciò che qualcuno dice loro

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

MOTIVAZIONE E SODDISFAZIONE NEL LAVORO

MOTIVAZIONE E SODDISFAZIONE NEL LAVORO UNIVERSITÁ DI CATANIA ------- Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (Enna) (A.A. 2004-2005) Corso di PSICOLOGIA DEL LAVORO Prof. G. SANTISI MOTIVAZIONE E SODDISFAZIONE NEL LAVORO 1 Un collegamento:

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

-Risorse umane e valoriali La gestione delle persone nelle aziende non profit

-Risorse umane e valoriali La gestione delle persone nelle aziende non profit -Risorse umane e valoriali La gestione delle persone nelle aziende non profit Anffas Rivarolo Canavese Costanza Ceda Di cosa parleremo Premessa Da ONP a ANP: l approccio economico aziendale alle organizzazioni

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team Lezione 7 Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team 1 COS E UN GRUPPO Si definisce gruppo: un insieme di individui con caratteristiche o interessi comuni, legati

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE 1 Un organizzazione è l insieme di attività che hanno bisogno di essere gestite in modo coordinato per essere finalizzate e dirette in funzione del perseguimento dei

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE Prof. Marta Ghini ESERCITAZIONE Ripasso dell altra volta non condotto dal docente. UNA DISTINZIONE DI TERMINI STEREOTIPO: rappresentazione cognitiva o impressione

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA ASSERTIVITA ETIMOLOGIA: Assertività deriva dal latino assèrere. Il significato

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale Convegno Nazionale CERGAS «25 anni di ricerca e formazione al servizio della salute dei cittadini» Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli