Indice. Diritto Commerciale I. 2 di 17

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Diritto Commerciale I. 2 di 17"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE X IL BILANCIO PROF. RENATO SANTAGATA

2 Indice 1 Il Bilancio Di Esercizio La Struttura Del Bilancio I Criteri Di Valutazione Il Procedimento Di Formazione Del Bilancio Utili. Riserve. Dividendi Il Bilancio Consolidato Di Gruppo Le Modificazioni Del Capitale Sociale AUMENTO REALE DEL CAPITALE SOCIALE IL DIRITTO DI OPZIONE L AUMENTO NOMINALE DEL CAPITALE SOCIALE LA RIDUZIONE DEL CAPITALE SOCIALE. LA RIDUZIONE REALE LA RIDUZIONE DEL CAPITALE SOCIALE PER PERDITE di 17

3 1 Il bilancio di esercizio Al pari di ogni imprenditore assoggettato all obbligo di tenuta delle scritture contabili, la spa deve redigere annualmente il bilancio di esercizio. In base all attuale disciplina, il bilancio di esercizio è il documento contabile che rappresenta, in modo chiaro e veritiero, la situazione patrimoniale e finanziaria della società alla fine di ciascun esercizio, nonché il risultato economico dell esercizio stesso (cioè gli utili conseguiti o le perdite subite nell esercizio). Esso è costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla nota integrativa. Deve inoltre essere corredato dalla relazione sulla gestione dell organo amministrativo, nonché da relazioni del collegio sindacale e del revisore contabile. Funzione essenziale del bilancio è quella di accertare periodicamente la situazione del patrimonio e la redditività della società. Il bilancio di esercizio costituisce per i soci il solo strumento legale di informazione contabile sull andamento degli affari sociali; costituisce per i creditori sociali il mezzo per conoscere la consistenza del patrimonio della società, sola garanzia su cui essi possono fare affidamento. Il bilancio di esercizio delle società di capitali ha rilievo anche per l applicazione della normativa tributaria in quanto costituisce per il fisco il termine di riferimento per la tassazione periodica del reddito delle società. I principi cardine che determinano la redazione del bilancio sono quelli della chiarezza e quello della rappresentazione veritiera e corretta. Il principio di chiarezza trova poi sviluppo nelle norme che regolano la struttura ed il contenuto del bilancio; quello della verità e correttezza nelle norme che fissano i criteri di valutazione dei diversi cespiti patrimoniali. Ulteriori principi di redazione del bilancio integrano e rafforzano le suddette clausole generali quali quelle della prudenza e della continuità. 3 di 17

4 2 La struttura del bilancio Il bilancio di esercizio si articola in 3 parti destinate ad integrarsi reciprocamente: lo stato patrimoniale, il conto economico e la nota integrativa. In applicazione del principio di chiarezza, sono dettagliatamente indicate le voci che devono figurare nello stato patrimoniale e nel conto economico. Sono inoltre dettate alcune regole generali nella redazione di tali documenti (art ter c.c.), anch esse ispirate dal principio di chiarezza e volte a consentire un più agevole raffronto fra i bilanci dei diversi esercizi. Il bilancio deve essere redatto in unità di euro senza cifre decimali. Data la maggiore complessità ed analiticità dell attuale bilancio, alle società che non superano determinate dimensioni è consentita la redazione di un bilancio in forma abbreviata nel quale è ridotto il numero delle voci dello stato patrimoniale ed oggi anche del conto economico, nonché delle indicazioni richieste nella nota integrativa. Con riferimento al contenuto dello stato patrimoniale esso rappresenta in modo sintetico la composizione qualitativa e quantitativa della società (attività e passività) e la sua situazione finanziaria nel giorno della chiusura dell esercizio. Consente inoltre l immediata conoscenza del patrimonio netto della società. Lo stato patrimoniale deve essere redatto nelle forme a colonna come previsto dall art c.c. Il conto economico, invece, espone il risultato economico dell esercizio (utile o perdita) attraverso la rappresentazione dei costi e degli oneri sostenuti, nonché dei ricavi e degli altri proventi conseguiti nell esercizio. Il conto economico deve essere redatto in forma espositiva scalare, con esposizione cioè in un unica sequenza prefissata dei componenti positivi e negativi di reddito. Questa struttura consente una migliore valutazione del risultato di esercizio, attraverso una serie di totali parziali che permettono di tener distinto il risultato della specifica attività della società da quello determinato da oneri e proventi di diversa natura. La nota integrativa, infine, illustra e specifica le voci dello stato patrimoniale e del conto economico, il cui contenuto è stato ampliato dalla riforma del 2003 e dal successivo d. lgs n.394/2003. La nota integrativa fornisce pertanto una serie di informazioni integrative sulla situazione patrimoniale e finanziaria, sul risultato economico di esercizio, nonché sul numero dei dipendenti, 4 di 17

5 sui compensi degli amministratori e dei sindaci, sulle azioni e sugli altri strumenti finanziari emessi dalla società, sugli finanziamenti dei soci alla società e sulle operazioni di locazione finanziaria. In particolare nella nota integrativa vanno elencate le partecipazioni in società controllate e collegate. La relazione sulla gestione è un allegato esterno al bilancio che assolve una funzione di resoconto sulla gestione della società e sulle sue prospettive. 5 di 17

6 3 I criteri di valutazione La redazione del bilancio di esercizio comporta per molti cespiti patrimoniali il compimento di una serie di stime da parte degli amministratori, volte a determinarne il valore da iscrivere in bilancio. E ciò perché i valori veri in assoluto spesso non esistono, vuoi perché il valore di molti cespiti varia nel tempo in relazione a molteplici fattori. È un punto di estrema importanza evitare sopravvalutazioni o sottovalutazioni arbitrarie delle attività e delle passività. A tal fine il legislatore fissa i principi generali da osservare nelle valutazioni: quello della prudenza; quello della continuità nei criteri di valutazione. 6 di 17

7 4 Il procedimento di formazione del bilancio Il bilancio di esercizio è un atto della società alla cui redazione cooperano nel sistema tradizionale di amministrazione e controllo tutti e tre gli organi sociali: amministratori, collegio sindacale ed assemblea, nonché il soggetto incaricato del controllo contabile. Nelle società che adottano il sistema dualistico il bilancio è invece predisposto dal consiglio di gestione ed è approvato dal consiglio di sorveglianza salva diversa disposizione dello statuto. Il procedimento di formazione del bilancio è cadenzato nel tempo (art. 2364, 2 co. c.c). Gli amministratori devono redigere il progetto di bilancio e tale funzione non è delegabile al comitato esecutivo o agli amministratori delegati. A tal fine, nelle società quotate gli amministratori si avvalgono della cooperazione di un dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, che è un dirigente specificamente incaricato di predisporre adeguate procedure amministrative e contabili per la formazione dl bilancio, nonché di attestare che gli atti e le comunicazioni della società diffusi al mercato e relativi all informativa contabile della società stesa sono conformi alle scritture contabili. Almeno trenta giorni prima di quello fissato per l assemblea, il progetto di bilancio con la relazione degli amministratori deve essere comunicato al collegio sindacale. Tale organo deve riferire all assemblea sugli risultati dell esercizio sociale e sull attività svolta nell adempimento dei propri doveri, fare le osservazioni e le proposte in ordine al bilancio ed alla sua approvazione, con particolare riferimento all esercizio della deroga ai criteri legali di redazione. Il progetto di bilancio ed i relativi allegati devono restare depositati in copia nella sede della società durante i 15 giorni che precedono l assemblea e finché non sia approvato. La legge non specifica quali poteri abbia l assemblea in merito al bilancio. Essa può certamente approvarlo o respingerlo. L approvazione del bilancio non implica liberazione degli amministratori, direttori generali e sindaci per le responsabilità incorse nella gestione sociale. Entro 30 giorni dall approvazione, copia del bilancio, dev essere depositata a cura degli amministratori presso l ufficio del registro delle imprese. Con la riforma del 2003 le azioni di annullabilità e di nullità relative alla delibera di approvazione del bilancio non possono essere più esercitate dopo che è stato approvato il bilancio dell esercizio successivo. 7 di 17

8 5 Utili. Riserve. Dividendi L assemblea che approva il bilancio delibera sulla distribuzione degli utili ai soci. Non tutti gli utili sono però distribuibili fra i soci sotto forma di dividendi. E ciò per la presenza di alcuni vincoli di destinazione imposti dalla legge; ulteriori vincoli di destinazione possono poi essere stabiliti dallo statuto. La riserva legale (art. 2430) costituisce un accantonamento contabile di utili imposto per legge a salvaguardia dell integrità del capitale sociale; per evitare cioè che eventuali perdite degli esercizi futuri colpiscano direttamente il capitale sociale riducendolo. Essa si risolve in una forma di autofinanziamento obbligatorio della società. Delle somme accantonate l assemblea non può legittimamente disporne a favore dei soci per tutta la durata della società. Funzione e caratteri non diversi dalla riserva legale presenta la riserva statutaria. La differenza consiste nel fatto che la sua costituzione è imposta dallo statuto (in aggiunta alla riserva legale), che stabilisce anche la quota parte di utili di esercizio da destinare alla stessa. Anche gli utili accantonati a riserva statutaria non sono distribuibili fra i soci da parte dell assemblea ordinaria. Con delibera dell assemblea straordinaria modificativa dello statuto le somme corrispondenti possono essere però rese distribuibili fra i soci. Sono infine riserve facoltative quelle discrezionalmente disposte dall assemblea ordinaria che approva il bilancio. Di esse la stessa assemblea ordinaria può liberamente disporne per distribuire utili ai soci negli esercizi successivi, sempre che non siano state erose da perdite. Vincoli di destinazione degli utili di esercizio possono ancora derivare dalle norme statutarie che prevedono la partecipazione agli utili a favore dei promotori, dei soci fondatori, e degli amministratori. Diversamente dalle società di persone nella spa l approvazione del bilancio di esercizio non determina di per sé l insorgere di un diritto individuale degli azionisti all immediata assegnazione della propria parte di utili. A tal fine è necessaria un ulteriore e distinta deliberazione dell assemblea di distribuzione degli utili. Il potere dispositivo dell assemblea in tema di distribuzione degli utili può essere limitato da clausole statutarie che riconoscono a determinate categorie di azionisti il diritto alla percezione annuale di un dividendo minimo, ovviamente sempreché vi siano utili distribuibili. 8 di 17

9 La società non può comunque pagare dividendi sulle azioni se non per utili realmente conseguiti e risultanti dal bilancio regolarmente approvato. Né può procedere alla distribuzione di dividendi se negli esercizi precedenti si è verificata la perdita del capitale, fin quando il capitale non sia reintegrato o ridotto in misura corrispondente. La società per azioni il cui bilancio è assoggettato per legge al controllo da parte di società di revisione iscritte nell albo speciale possono distribuire ai soci acconti sui dividendi. Tale circostanza deve essere prevista dallo statuto ed è deliberata dagli amministratori sulla base di un prospetto contabile e di una relazione dai quali risulti che la situazione patrimoniale, economico e finanziaria della società consente la distribuzione stessa. Su tali documenti deve essere acquisito il parere del soggetto incaricato del controllo contabile. 9 di 17

10 6 Il bilancio consolidato di gruppo Il bilancio consolidato è un bilancio redatto dalla capogruppo in aggiunta al proprio bilancio di esercizio. In esso è rappresentata la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica del gruppo considerato nella sua unità, sulla base di bilanci di esercizio delle singole società del gruppo opportunamente rettificati. Il bilancio consolidato costituisce però un utile strumento di informazione sulla situazione globale del gruppo. Non incide, invece, sulla determinazione dell utile distribuibile che resta quello risultante dai bilanci di esercizio delle singole società del gruppo. Il bilancio consolidato deve essere redatto dalle società di capitali che controllano altre imprese e dalle società cooperative che controllano società di capitali. Le imprese da considerare ai fini del consolidamento sono quelle controllate tramite il possesso di partecipazioni. Sono invece escluse dal consolidamento le imprese controllate in base a particolari vincoli contrattuali. Sono esonerati dall obbligo di redigere il bilancio consolidato i gruppi di minore dimensione purché nessuna delle imprese del gruppo sia una spa quotata. Inoltre nei gruppi a catena il bilancio deve essere di regola redatto solo dalla società che è al vertice del gruppo. Il bilancio consolidato è redatto dagli amministratori della capogruppo e ha la stessa struttura del bilancio di esercizio. Deve essere corredato da una relazione degli amministratori contenente un analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione dell insieme delle imprese comprese nel consolidamento. Anche i principi ed i criteri del bilancio consolidato coincidono con quelli dettati per il bilancio di esercizio, sia pure con gli adattamenti imposti dal fatto che tale bilancio non è una semplice aggregazioni dei bilanci di esercizio delle singole imprese, ma deve rappresentare la situazione patrimoniale, finanziaria ed il risultato economico del complesso delle imprese costituenti il gruppo, come se si trattasse di un unica impresa. Il che comporta l eliminazione dei rapporti interni al gruppo e dei relativi risultati, secondo le regole del consolidamento fissate per legge. La formazione del bilancio consolidato segue lo stesso procedimento anche temporale, previsto per il bilancio di esercizio della società capo gruppo che lo redige ed è sottoposto agli stessi controlli ed alle stesse forme di pubblicità. 10 di 17

11 Vi è però una significativa differenza: il bilancio consolidato, a differenza di quello di esercizio, non è assoggettato ad approvazione da parte dell assemblea. Esso costituisce perciò un atto degli amministratori. Se la società che redige il bilancio consolidato è assoggettata a revisione contabile obbligatoria, i soci che rappresentano almeno il cinque per cento del capitale possono richiedere al Tribunale di accertare la conformità del bilancio consolidato alle norme che disciplinano i criteri di redazione. L accertamento può essere richiesto anche dalla Consob, entro sei mesi dal deposito del bilancio consolidato (art. 157 tuf). 11 di 17

12 7 Le modificazioni del capitale sociale. 7.1 Aumento reale del capitale sociale Tra le modificazioni dello statuto sociale una particolare disciplina è dettata in tema di aumento del capitale sociale. L aumento del capitale sociale può essere reale (o a pagamento) oppure semplicemente nominale (o gratuito). Nel primo caso si ha un aumento del capitale sociale nominale e del patrimonio della società per effetto di nuovi conferimenti. Nel secondo caso si incrementa solo il capitale nominale mentre il patrimonio della società resta invariato. Con l aumento reale del capitale sociale la società intende procurarsi nuovi mezzi finanziaria titolo di capitale di rischio: nuovi conferimenti. L aumento reale dà perciò luogo all emissione di nuove azioni a pagamento, che vengono sottoscritte dai soci attuali cui per legge è riconosciuto diritto di opzione ovvero da terzi che così diventano soci. Per evitare la formazione di un vistoso capitale rappresentato prevalentemente da crediti verso soci, non è consentito eseguire un aumento di capitale fino a che le azioni precedentemente messe non siano interamente liberate (art c.c.). L attuale disciplina lascia chiaramente intendere che la violazione di tale disposizione non comporta nullità della delibera di aumento in quanto restano salvi gli obblighi assunti con la sottoscrizione delle azioni e nel contempo gli amministratori sono responsabili in solido per i danni arrecati ai soci ed ai terzi. Competente a deliberare l aumento di capitale è in via di principio l assemblea straordinaria dei soci. Lo statuto o una successiva modifica dello stesso possono attribuire agli amministratori la facoltà di aumentare in una o più volte il capitale sociale. Tuttavia: a) deve essere predeterminato l ammontare massimo entro cui gli amministratori possono aumentare il capitale sociale; b) la delega può essere concessa per un periodo massimo di 5 anni. La delega però è rinnovabile. 12 di 17

13 L attuale disciplina consente, inoltre, che agli amministratori sia riconosciuta anche la facoltà di deliberare in merito all esclusione o limitazione del diritto di opzione dei soci, ma lo statuto deve determinare i criteri cui gli amministratori devono attenersi. Se tale facoltà è attribuita con modifica dello statuto è necessaria la maggioranza qualificata prevista per l esclusione del diritto di opzione. La relativa delibera consiliare è soggetta ai controlli previsti per le delibere modificative dell atto costitutivo e ad iscrizione nel registro delle imprese. La deliberazione di aumento del capitale deve fissare il termine non inferiore a 30 giorni dalla pubblicazione dell offerta entro il quale le sottoscrizioni devono essere raccolte. Può però verificarsi che l aumento di capitale non sia integralmente sottoscritto. In tal caso, il capitale è aumentato di un importo pari alle sottoscrizioni raccolte soltanto se la deliberazione di aumento lo abbia espressamente previsto, in mancanza, l aumento di capitale è inscindibile e la sottoscrizione parziale non vincola né la società né i sottoscrittori; questi ultimi hanno un diritto alla restituzione delle somme già versate. Per i conferimenti in sede di aumento vale la medesima disciplina dettata in tema di costituzione della società. Tuttavia il versamento del 25% dei conferimenti in denaro deve essere effettuato all atto della sottoscrizione, direttamente alla società e non presso una banca. 7.2 Il diritto di opzione Il diritto di opzione è il diritto dei soci di essere preferito ai terzi nella sottoscrizione dell aumento di capitale a pagamento. Il diritto di opzione consente di mantenere inalterata la proporzione in cui ciascun socio partecipa al capitale ed al patrimonio sociale. Serve quindi a mantenere inalterata la proporzione in cui ciascun socio partecipa attraverso il voto alla formazione della volontà sociale (funzione amministrativa) serve inoltre a mantenere inalterato il valore reale della partecipazione azionaria in presenza di riserve accumulate (funzione patrimoniale); valore che si ridurrebbe qualora le azioni fossero sottoscritte da terzi ad un prezzo inferiore al valore effettivo delle azioni già in circolazione. Ciò comporta che il diritto di opzione ha un proprio valore economico che l azionista può monetizzare cedendolo a terzi qualora non voglia o non possa concorrere all aumento del capitale sociale. Il diritto di opzione non è tuttavia un diritto intangibile dell azione. 13 di 17

14 Esso può essere sacrificato quando un interesse specifico della società lo esige. Attualmente il diritto di opzione ha per oggetto le azioni di nuova emissione di qualsiasi categoria e le obbligazioni convertibili in azioni emesse dalla società. Esso compete agli azionisti di ogni categoria ed ai possessori di obbligazioni convertibili su tutte le azioni di nuova emissione. Il diritto di opzione è attribuito a ciascun azionista in proporzione del numero di azioni già possedute. Il diritto di opzione degli azionisti (e dei possessori di obbligazioni convertibili) è in tutto o in parte sacrificabile in presenza di situazioni oggettive rispondenti ad un concreto interesse della società. Il diritto di opzione: a) è escluso per legge quando le azioni di nuova emissione devono essere liberate mediante conferimenti in natura; b) può essere escluso o limitato con la delibera di aumento di capitale quando l interesse della società lo esige; c) può essere escluso con delibera dell assemblea straordinaria quando le azioni di nuova emissione devono essere offerte in sottoscrizione ai dipendenti della società o anche ai dipendenti di società controllanti e controllate. Nel caso di esclusione del diritto di opzione è obbligatoria l emissione delle nuove azioni con sovrapprezzo in modo da ridimensionare il pregiudizio patrimoniale degli azionisti attuale. Alla società è però lasciato un margine di discrezionalità nella determinazione del relativo ammontare. Il collegio sindacale deve esprimere il proprio parere sulla congruità del prezzo di emissione. Il diritto di opzione non si considera escluso o limitato quando le azioni di nuova emissione sono sottoscritte da banche o altri soggetti autorizzati al collocamento di strumenti finanziari con l obbligo di offrirle successivamente agli azionisti rispettando la disciplina del diritto di opzione. 7.3 L aumento nominale del capitale sociale L aumento nominale o gratuito del capitale sociale è operazione che non da luogo a nuovi conferimenti e non determina perciò alcun incremento del patrimonio sociale. L aumento nominale è infatti posto in essere dall assemblea straordinaria imputando a capitale le riserve e gli altri fondi iscritti in bilancio in quanto compatibili. Non è imputabile la riserva legale almeno per la parte che non superi il 20% del capitale sociale. 14 di 17

15 L aumento è realizzato utilizzando valori già esistenti nel patrimonio della società. L aumento nominale del capitale sociale può essere attuato o aumentando il valore nominale delle azioni in circolazione o mediante l emissione di nuove azioni. Queste ultime devono avere le stesse caratteristiche di quelle in circolazione e devono essere assegnate gratuitamente agli azionisti. In breve, l aumento deve essere attuato in modo da non alterare le preesistenti posizioni reciproche degli azionisti. 7.4 La riduzione del capitale sociale. La riduzione reale Al pari dell aumento, anche la riduzione del capitale sociale può essere reale o nominale, a seconda che la riduzione dia luogo o meno ad un corrispondente rimborso ai soci del valore dei conferimenti; sia o meno accompagnata da una contestuale riduzione del patrimonio sociale. È riduzione reale la riduzione del capitale sociale disciplinata dall art c.c.. È riduzione nominale la riduzione del capitale sociale per perdite. Innovando rispetto alla disciplina previgente quella attuale non richiede più che la riduzione reale del capitale sociale trovi giustificazione nell esuberanza dello stesso per il conseguimento dell oggetto sociale; nel fatto che, durante la vita della società, il capitale di rischio raccolto risulti eccessivo rispetto alle esigenze poste dal conseguimento dell oggetto sociale. Oggi la riduzione reale può perciò essere disposta dalla società anche per cause diverse dall esuberanza. La riduzione reale del capitale resta però circondata da una serie di cautele sostanziali e procedimentali, in quanto operazione potenzialmente pericolosa per i creditori sociali e per i soci di minoranza: riduce la consistenza del patrimonio sociale e può pregiudicare lo svolgimento dell attività di impresa. Il capitale sociale non può essere ridotto al di sotto del minimo legale di ,00 euro. Inoltre, se la società ha emesso obbligazioni, la riduzione reale del capitale sociale, non può aver luogo se non è rispettato il limite legale all emissione di queste ultime. Sono poi previste particolari cautele procedimentali. L avviso di convocazione dell assemblea deve indicare le ragioni e le modalità della riduzione, in modo che i soci siano preventivamente informati sulle une e sulle altre. La delibera, adottata con le normali maggioranze previste per le modificazioni dello statuto, può essere eseguita solo dopo 90 giorni dall iscrizione nel registro delle imprese. 15 di 17

16 Entro questo termine, i creditori sociali anteriori all iscrizione, possono fare opposizione alla delibera di riduzione, dato che l esecuzione della stessa può pregiudicare la loro posizione. L opposizione sospende l esecuzione della delibera fino all esito del giudizio della stessa. Il Tribunale può tuttavia disporre che l esecuzione abbia ugualmente luogo se ritiene infondato il pericolo di pregiudizio per i creditori o se la società presta idonea garanzia a favore del creditore opponente. La riduzione reale può aver luogo mediante liberazione dei soci dall obbligo dei versamenti ancora dovuti, o mediante rimborso agli stessi del capitale. La società può ancora procedere all acquisto ed al successivo annullamento di azioni proprie. Le modalità di riduzione prescelte devono comunque assicurare la parità di trattamento degli azionisti. 7.5 La riduzione del capitale sociale per perdite Il patrimonio netto della società (o capitale reale) può scendere, per effetto delle perdite, al di sotto del capitale sociale nominale. La riduzione del capitale sociale per perdite consiste nell adeguare la cifra del capitale sociale nominale all attuale minor valore del capitale reale. È quindi una riduzione puramente nominale, dato che non comporta di per se alcuna riduzione del patrimonio sociale; quest ultima si è infatti già verificata per effetto delle perdite subite dalla società. Anche se non obbligata, la società può tuttavia ugualmente ridurre il capitale per perdite per poter distribuire ugualmente gli utili successivamente conseguiti; distribuzione altrimenti vietata fin quando le perdite non siano state integralmente colmata (art. 2433, 3 co. c.c.). La riduzione facoltativa per perdite segue la disciplina generale delle modificazioni dell atto costitutivo. Se la società ha emesso obbligazioni, tale riduzione può essere disposta solo rispettando il limite legale dell emissione di obbligazioni (art. 2413, 1 co. c.c.). La riduzione del capitale sociale diventa invece obbligatoria quando il capitale è diminuito di oltre un terzo in conseguenza di perdite. La relativa disciplina è però parzialmente diversa a seconda che il capitale si sia o meno ridotto anche al di sotto del minimo legale. 16 di 17

17 Se il minimo legale non è stato intaccato (art c.c.) gli amministratori o nel caso di loro inerzia il collegio sindacale devono convocare senza indugio l assemblea e sottoporre una situazione patrimoniale aggiornata della società, con le osservazioni del collegio sindacale. La situazione patrimoniale, per opinione ormai consolidata, è un vero e proprio bilancio infrannuale. Le osservazioni del collegio sindacale devono, poi, restare depositate nella sede della società durante gli otto giorni che precedono l assemblea, in modo che i soci possano prenderne visione. Inoltre gli amministratori devono dar conto nell assemblea dei fatti di rilievo avvenuti dopo la redazione della situazione patrimoniale. L assemblea così convocata prende gli opportuni provvedimenti. Non è quindi tenuta a decidere l immediata riduzione del capitale sociale e può anche limitarsi ad un semplice rinvio a nuovo delle perdite. Tuttavia, se entro l esercizio successivo la perdita non risulta diminuita a meno di un terzo, l assemblea ordinaria che approva il bilancio di tale esercizio deve ridurre il capitale in proporzione delle perdite accertate. In mancanza, la riduzione del capitale è disposta d ufficio dal Tribunale, con proprio decreto, su richiesta degli amministratori o dei sindaci. Se le azioni emesse dalla società sono senza valore nominale, lo statuto può prevedere che la riduzione sia deliberata dal consiglio di amministrazione. La disciplina diventa più rigorosa se la perdita di oltre un terzo il capitale scende al di sotto del minimo legale (art.2447 c.c.). In tal caso l assemblea, convocata sempre senza indugio dagli amministratori (con l osservanza degli adempimenti previsti dall art.2446 c.c.) o in caso di loro inerzia dal collegio sindacale, deve necessariamente deliberare o la riduzione del capitale sociale ed il contemporaneo aumento ad una cifra non inferiore al minimo legale o la trasformazione della società. Se la società non adotta una di tali decisioni, la società si scioglie ed entra in stato di liquidazione. Non è quindi più consentito attendere i risultati dell esercizio successivo per prendere provvedimenti. 17 di 17

Albez edutainment production. Approfondimento spa. IV Classe ITC

Albez edutainment production. Approfondimento spa. IV Classe ITC Albez edutainment production Approfondimento spa IV Classe ITC In questo modulo: Le riserve di utili Aspetti fiscali dei dividendi Gli acconti su dividendi Coperture di perdite Aumenti e diminuzioni di

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto.

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. A) IX - Utile (perdita) di esercizio - Premessa Come stabilito dalla Nota operativa

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

LE OPERAZIONI SUL PATRIMONIO NETTO

LE OPERAZIONI SUL PATRIMONIO NETTO Capitolo 10 LE OPERAZIONI SUL PATRIMONIO NETTO a cura di Giuseppe Pogliani 10.1 GLI AUMENTI DI CAPITALE Le imprese, allo scopo di migliorare qualitativamente e rafforzare quantitativamente la loro struttura

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Perché un prezzo di emissione maggiore del valore nominale? Come determinare il prezzo di emissione? Funzione del sovrapprezzo 2 Funzione

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO LA NOTA INTEGRATIVA E GLI ALLEGATI AL BILANCIO NOTA INTEGRATIVA ART. 2423 comma 1 del Codice Civile: GLI AMMINISTRATORI DEVONO REDIGERE IL BILANCIO DI ESERCIZIO, COSTITUITO DALLO STATO PATRIMONIALE, DAL

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 6 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI NELL AMBITO DEL PREMIO AZIENDALE 2012 DOCUMENTO INFORMATIVO Ex art. 84-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi.

La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. 1) La destinazione dell utile: a) aspetti normativi L art. 2364, comma 2, c.c. dispone che L assemblea ordinaria deve essere convocata

Dettagli

FONDI RUSTICI S.p.A.

FONDI RUSTICI S.p.A. FONDI RUSTICI S.p.A. Sede in Peccioli, via Marconi n 5 Capitale sociale 9.000.000,00 interamente versato Cod.Fiscale Nr.Reg.Imp. 02108740503 Iscritta al Registro delle Imprese di PISA Nr. R.E.A. PI 181649

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

Applicazione n. 5. La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. L inadempimento del socio

Applicazione n. 5. La destinazione e la distribuzione dell utile. Acconti su dividendi. L inadempimento del socio Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Scienze Economiche e Metodi Matematici Insegnamento di Ragioneria Applicata (a. a. 2012-2013) Corso di Laurea in Economia e Commercio Applicazione

Dettagli

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 Il conferimento Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 1 Agenda 21 febbraio: Aspetti generali, legali e valutativi 22 febbraio: Aspetti contabili e fiscali 2 Indice

Dettagli

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE LIBRO V DEL LAVORO TITOLO V DELLE SOCIETA' CAPO V SOCIETÀ PER AZIONI (modificato dall'art. 1, del D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, recante

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE SOMMARIO Art. 1 - Principi generali Pag. 3 Art. 2 - Esercizi Pag.

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

L acquisto di azioni proprie

L acquisto di azioni proprie L acquisto di azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

Le modifiche dell atto costitutivo e il recesso del socio

Le modifiche dell atto costitutivo e il recesso del socio LEZIONE 14 Le modifiche dell atto costitutivo e il recesso del socio In questa lezione tratteremo innanzitutto delle modificazioni dell atto costitutivo, esaminandone il procedimento e le regole applicabili

Dettagli

19 MARZO 2015 URBINO (PU)

19 MARZO 2015 URBINO (PU) Patrimonio Netto OIC 28 : Analisi degli aspetti contabili, civilistici e fiscali cenni 19 MARZO 2015 URBINO (PU) Dott. Luca Ghironzi Dottore Commercialista Revisore Legale Consigliere dell ODCEC - Presidente

Dettagli

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento

Il presente documento informativo è redatto ai sensi dell articolo 84 bis del Regolamento PUNTO 7 DELIBERA PIANO DI ATTRIBUZIONE DI AZIONI RIVOLTO AI DIPENDENTI E AI PROMOTORI FINANZIARI DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.P.A. E AI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA NELL AMBITO

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Bilancio abbreviato al 31/12/2011

Bilancio abbreviato al 31/12/2011 LAMETIASVILUPPO SCRL Sede Legale: C.DA MADDAMMA LAMEZIA TERME (CZ) Iscritta al Registro Imprese di: CATANZARO C.F. e numero iscrizione: 02582730798 Iscritta al R.E.A. di CATANZARO n. 170344 Capitale Sociale

Dettagli

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati Seconda Parte La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati indicati nell' articolo 2501-septies. Si

Dettagli

2) il trasferimento della sede legale con relative modifiche statutarie;

2) il trasferimento della sede legale con relative modifiche statutarie; Relazione dei Liquidatori sul valore di liquidazione delle azioni per l esercizio del diritto di recesso predisposta ai sensi e per gli effetti dell art. 2437 e dell art. 2437-ter del c.c. Signori Azionisti,

Dettagli

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa.

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. Le azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla base dell

Dettagli

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI Società Cooperativa - Sede in Modena, Via San Carlo 8/20 Registro delle imprese di Modena e cod. fisc. n. 01153230360 Cap. soc. al 31 dicembre 2010 Euro 761.130.807 Relazione illustrativa del Consiglio

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

K.R.Energy S.p.A. Sede legale in Milano, Corso Monforte, 20 Capitale Sociale Euro 41.019.435,63 Partita IVA n. 11243300156 C.F.

K.R.Energy S.p.A. Sede legale in Milano, Corso Monforte, 20 Capitale Sociale Euro 41.019.435,63 Partita IVA n. 11243300156 C.F. K.R.Energy S.p.A. Sede legale in Milano, Corso Monforte, 20 Capitale Sociale Euro 41.019.435,63 Partita IVA n. 11243300156 C.F.01008580993 RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL

Dettagli

Il Bilancio di esercizio

Il Bilancio di esercizio Il Bilancio di esercizio Il bilancio d esercizio è il fondamentale documento contabile che rappresenta la situazione patrimoniale e finanziaria dell impresa al termine di un periodo amministrativo e il

Dettagli

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.

Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi. Sede in Legnano Viale Pasubio, 38 Capitale Sociale Euro 40.000.000 i.v. C. F. e P. I. 00689080158 - Tribunale di Milano Sito internet: www.crespi.it RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2005

BILANCIO AL 31/12/2005 DHITECH DISTRETTO TECNOLOGICO HIGH TECH S.C. A R.L. P. IVA 03923850758 VIA PER MONTERONI SN C/O ISUFI 73100 LECCE LE Capitale Sociale Euro 150.000,00 I.v. Iscritta alla C.C.I.A.A di LECCE R.E.A. n. 255071

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 04 29.01.2014 Srl a capitale minimo Studio n. 892-2013 del Consiglio Nazionale del Notariato Categoria: Società Sottocategoria: Varie Come noto, il D.L.

Dettagli

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro 1 CAPITALE E PATRIMONIO 1.1 Il capitale sociale: nozione e caratteri 1.2 Funzione del capitale sociale 1.3 Capitale e patrimonio: classificazioni 1.4 Il nuovo concetto di capitale alla luce delle esperienze

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione Finalità della liquidazione Trasformazione in denaro delle attività Estinzione delle passività Distribuzione tra i soci dell attivo netto residuo Cause

Dettagli

Iter di formazione del bilancio

Iter di formazione del bilancio Iter di formazione del bilancio Redazione e approvazione del bilancio di esercizio Art. 2423, primo comma, del Codice civile Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO Il bilancio delle società di capitali - Composizione del bilancio (stato patrimoniale, conto economico,

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A.

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. Società a responsabilità limitata 1 S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. A seguito della riforma organica del diritto societario (D. Lgs. 6/2003) si differenzia

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE AL BILANCIO CHIUSO IL

RELAZIONE DEL REVISORE AL BILANCIO CHIUSO IL VALSUGANA SPORT SRL Sede sociale: Borgo Valsugana (TN) Piazza Degasperi n. 20 Capitale sociale: 10.000,00 interamente versato. Registro Imprese di Trento N. 02206830222 C.C.I.A.A. di Trento R.E.A TN -

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2015

NOTA OPERATIVA N. 8/2015 NOTA OPERATIVA N. 8/2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. - Premessa Il bilancio d esercizio delle imprese è la principale fonte di informazione

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA 21 30 APRILE 2010 AVVISO DI CONVOCAZIONE

ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA 21 30 APRILE 2010 AVVISO DI CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA 21 30 APRILE 2010 AVVISO DI CONVOCAZIONE Relazione degli Amministratori sulle proposte all ordine del giorno della parte straordinaria AMPLIFON S.p.A. Capitale sociale:

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 22 aprile 2015 - Prima Convocazione ed occorrendo 23 aprile 2015 Seconda Convocazione Servizi Italia S.p.A. Sede legale: Via S. Pietro, 59/b 43019 Castellina di Soragna (PR) Capitale sociale: Euro 28.371.486,00 i.v. Numero Iscrizione Registro Imprese di Parma, C.F. 08531760158, Partita

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

società LUGO CATERING SPA. È nostra competenza la responsabilità

società LUGO CATERING SPA. È nostra competenza la responsabilità Lugo Catering S.p.A. Sede legale in Lugo (Ra), via Malpighi n 15 Capitale Sociale 774.675,00 I.V. C.F. 01441410394 Iscritta al Registro Imprese presso la C.C.I.A.A. di Ravenna al n. 01441410394 RELAZIONE

Dettagli

SERVIZI CITTA S.P.A. Sede in Rimini Via Chiabrera n. 34/B. Capitale Sociale: 5.461.040= I.V. C.F. e P.I. 02683380402 * * * * *

SERVIZI CITTA S.P.A. Sede in Rimini Via Chiabrera n. 34/B. Capitale Sociale: 5.461.040= I.V. C.F. e P.I. 02683380402 * * * * * SERVIZI CITTA S.P.A. Sede in Rimini Via Chiabrera n. 34/B Capitale Sociale: 5.461.040= I.V. Iscritta al Registro Imprese al N.02683380402 C.F. e P.I. 02683380402 * * * * * RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 8-9 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE VII LE AZIONI PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 NOZIONI E CARATTERI. --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezioni 5 6 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 27 febbraio 2015

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 10 La Società per Azioni Operazioni sul Capitale sociale Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli

Dettagli

Patrimonio netto di spa e srl e operazioni sul capitale sociale. dott. Enrico ZANETTI. Eutekne Tutti i diritti riservati

Patrimonio netto di spa e srl e operazioni sul capitale sociale. dott. Enrico ZANETTI. Eutekne Tutti i diritti riservati Patrimonio netto di spa e srl e operazioni sul capitale sociale dott. Enrico ZANETTI Eutekne Tutti i diritti riservati PROFILI INTRODUTTIVI IL PATRIMONIO NETTO ESPRIME LA DIFFERENZA TRA ATTIVO E PASSIVO

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1 REGISTRO DELLE IMPRESE STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1/2006 febbraio 2006 www.an.camcom.it 1 2 INDICE PREMESSA... 3 1. SOCIETA PER AZIONI: STRUMENTI FINANZIARI... 3 1.1

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli

I Grandi Viaggi S.p.A.

I Grandi Viaggi S.p.A. Sede legale in Milano, Via della Moscova n. 36 Codice fiscale, P. IVA e n. iscrizione al Registro delle Imprese di Milano 09824790159 R.E.A. 1319276 Capitale sociale di Euro 23.400.000,00 i.v. SUPPLEMENTO

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Signori Azionisti, Vi abbiamo convocato

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

a.a. 2012-2013 Economia Applicata all Ingegneria 1 Docente: Prof. Ing. Donato Morea Lezione n. 11 del 13.11.2012

a.a. 2012-2013 Economia Applicata all Ingegneria 1 Docente: Prof. Ing. Donato Morea Lezione n. 11 del 13.11.2012 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria --------------------------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 AMBRA-AGENZIA PER LA MOBILITA DEL BACINO DI RAVENNA SRL Codice fiscale 02143780399 Partita iva 02143780399 VIALE DELLA LIRICA 21-48124 RAVENNA RA Numero R.E.A. 175498 Registro Imprese di Ravenna n. 02143780399

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione al punto secondo dell ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria dei Soci convocata per il giorno 23 aprile 2015 in unica convocazione, in merito

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

mod. 9 SEG BANCA CARIGE

mod. 9 SEG BANCA CARIGE Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede straordinaria convocata per il giorno 13 febbraio 2012 in merito all eliminazione dell indicazione del valore nominale delle azioni della

Dettagli

DE LONGHI CLIMA S.P.A.

DE LONGHI CLIMA S.P.A. DE LONGHI CLIMA S.P.A. (che a seguito della quotazione delle proprie azione sul MTA organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. assumerà la denominazione di DeLclima S.p.A.) PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI di Emanuele Rossi e Andrea Sergiacomo 1. Premessa Sia le S.P.A. che le S.A.P.A. ed in particolari casi anche le cooperative 1, hanno la facoltà di emettere prestiti

Dettagli

I GRANDI VIAGGI S.P.A.

I GRANDI VIAGGI S.P.A. I GRANDI VIAGGI S.P.A. Capitale sociale Euro 23.400.000 i.v. Sede Sociale in Milano, Via della Moscova, 36 R.E.A. Milano n.1319276 Codice fiscale, Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA

GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA GAL DISTRETTO RURALE BMGS SORGONO RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL BILANCIO AL 31.12.2013 PARTE PRIMA Controllo Contabile Giudizio sul bilancio Signori Soci, Come previsto dall art. 14 del D.lgs 39/2010

Dettagli

Linee guida DEPOSITO BILANCI al Registro delle Imprese Campagna bilanci 2014

Linee guida DEPOSITO BILANCI al Registro delle Imprese Campagna bilanci 2014 Linee guida DEPOSITO BILANCI al Registro delle Imprese Campagna bilanci 2014 Per ogni approfondimento si rimanda alla consultazione del Manuale operativo per il DEPOSITO BILANCI al registro delle imprese

Dettagli

UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO UniCredit S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 34-ter, primo comma, lettera l), nonché ai sensi dell art. 57, c.1, lett. e), del Regolamento Consob n.11971 del 14 maggio 1999 come successivamente

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

Costituzione di una società a responsabilità limitata in Polonia

Costituzione di una società a responsabilità limitata in Polonia Costituzione di una società a responsabilità limitata in Polonia I quesiti che si pongono gli investitori stranieri interessati ad operare in Polonia generalmente sono i seguenti: - quali società si possono

Dettagli

EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013

EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013 EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013 Relazione illustrativa degli Amministratori sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno ai sensi dell articolo 125 -

Dettagli

Il bilancio d esercizio, redazione, approvazione e deposito

Il bilancio d esercizio, redazione, approvazione e deposito Focus di pratica professionale di Viviana Grippo e Luigi Scappini Il bilancio d esercizio, redazione, approvazione e deposito Premessa Il bilancio d esercizio costituisce il documento con il quale la società

Dettagli

Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC

Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC Lidia Sorrentino OBIETTIVI Verificare la conoscenza delle principali problematiche

Dettagli

Nuovi principi contabili Ipotesi di stesura di un nuovo Principio Contabile sul Patrimonio Netto (PC n. 4)

Nuovi principi contabili Ipotesi di stesura di un nuovo Principio Contabile sul Patrimonio Netto (PC n. 4) San Marino, 17 ottobre 2014 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI della Repubblica di San Marino DONDAZIONE DEI COMMERCIALISTI DELLA Repubblica di San Marino In collaborazione con

Dettagli

Signori Consiglieri, Signori Sindaci,

Signori Consiglieri, Signori Sindaci, MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

GB Software Bilancio Europeo Full

GB Software Bilancio Europeo Full In collaborazione con Presenta: GB Software Bilancio Europeo Full Con il GB Software Bilancio Europeo Full potrai gestire: 1. Bilancio Europeo IV Direttiva 2. Nota Integrativa Estesa ed Abbreviata 3. Relazione

Dettagli

E U R O T E C H S. P. A.

E U R O T E C H S. P. A. E U R O T E C H S. P. A. SED E IN AMARO (UD) VIA F RAT ELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGIST RO IMPRESE DI UDIN E AL N. 01791330309 CAPITALE SO CIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V.

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30

Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Assemblea degli Azionisti 28 ottobre 2014(prima convocazione) ore 8.30 29 ottobre 2014 (seconda convocazione) ore 8.30 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione

Policy per la negoziazione e per il rimborso delle Azioni di propria emissione Azioni di propria emissione Marzo 2016 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione di Azioni BPC... 5 Strategia di esecuzione... 5 Soggetti ammessi alla negoziazione... 6 Modalità di conferimento

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it Brescia, 5 marzo 2015 OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC 28: Patrimonio Netto www.pirolapennutozei.it OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera www.pirolapennutozei.it

Dettagli

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v.

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001 Soggetta

Dettagli

E U R O T E C H S.P.A.

E U R O T E C H S.P.A. E U R O T E C H S.P.A. SEDE IN AMARO (UD) VIA FRATELLI SOLARI, 3/A CODICE FISCALE 01791330309 ISCRITTA AL REGISTRO IMPRESE DI UDINE AL N. 01791330309 CAPITALE SOCIALE IN EURO 8.878.946,00 I.V. RELAZIONI

Dettagli