Cecilia P. Occupational Personality Profile RAPPORTO ESTESO. Psychometrics Ltd.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cecilia P. Occupational Personality Profile RAPPORTO ESTESO. Psychometrics Ltd."

Transcript

1 Occupational Personality Profile RAPPORTO ESTESO Psychometrics Ltd. Data Test: 11/8/2011

2 Comprensione e previsione dei comportamenti OPPro è un test che fornisce un quadro della personalità completo in un tempo molto breve. Si esplorano le dinamiche dei comportamenti in un ampia gamma di situazioni lavorative a partire da 9 dimensioni psicologicamente significative e dal profilo dei Big Five (McCrae e Costa, 1987), O.C.E.A.N. è l'acronimo riferito all'originale francese Overture, Conscience, Extraversion, Amabilité, Névrosisme. Relazioni tra comportamenti individuali e performance lavorative I tratti di personalità giocano un ruolo significativo nel determinare il comportamento. Qui sotto è illustrato un modello esplicativo delle relazioni causali che intercorrono tra comportamenti e performance lavorative: Il report descrive i comportamenti suddivisi in tre generali raggruppamenti comportamentali: Stili interpersonali Stili di pensiero Stili di coping Come è strutturato questo rapporto Il resoconto fornisce inoltre anche altre informazioni di modelli comportamentali focalizzati sul business: Funzioni nel gruppo (Team Roles) Stili di Leadership Stili di collaborazione Stili di comportamento nella vendita Per ampliare ulteriormente l'analisi della persona esaminata, si potrebbe valutare l'opportunità di utilizzare altre misure: Motivazioni e Valori (test VMI) Tipi psicologici (test JTI) Personalità di Vendita (test SPI) Abilità Cognitive (test GRT, ART, ecc.) Ragionamento Critico (test CRTB2) Suggerimenti e considerazioni Oltre alla presente relazione con OPPro è possibile elaborare anche: Report grafico del profilo (senza commenti) Intervista di approfondimento Psychometrics Ltd. Pag. 2 di 11

3 Valutazione della personalità Questo strumento misura un'ampia gamma di tratti della personalità. Essi rivelano in che modo la persona esaminata si comporta nelle più diverse situazioni in ambito prevalentemente lavorativo. Nell'interpretazione del profilo si dovrebbero prendere in considerazione anche altre informazioni rilevanti sul soggetto esaminato quali l'esperienza passata, gli interessi, le abilità, i valori e le inclinazioni. SCALE DI VALIDITA' Il questionario include una scala che rileva se e in che misura il soggetto esaminato abbia provato a descriversi in modo socialmente desiderabile, cioè indica se e quanto il soggetto è stato troppo benevolo verso sé stesso. Cecilia P. sembra che abbia risposto in modo realistico. Ha fornito un profilo di sé accurato. Il suo punteggio alla scala di desiderabilità sociale è infatti sotto la media. STILE INTERPERSONALE Un po' più persuasivo della maggioranza della gente può risultare moderatamente efficace come comunicatore, in particolare quando parla di argomenti a lei più familiari. E' piuttosto consapevole delle aspettative sociali e se richiesto dalla situazione, dovrebbe essere capace di celare il proprio reale punto di vista e i propri sentimenti. Essendo tendenzialmente capace di influenzare gli altri può risultare anche relativamente efficace nelle situazioni che richiedono un certo grado di tatto e diplomazia. Cecilia P. è una persona mediamente socievole e gregaria, quindi è appagata sia di fare parte di un team sia di lavorare da sola. Gradisce avere l'opportunità di discutere un problema con i colleghi, tuttavia talvolta preferisce evitare le distrazioni provenienti dagli altri. Non è particolarmente timida, ma potrebbe anche eclissarsi sullo sfondo durante i meeting e gli eventi sociali. Le piace sia essere circondata dalla gente sia avere del tempo a disposizione per se stessa. Ha raggiunto un equilibrio tra autosufficienza e bisogno di socialità, quindi si può dire che Cecilia P. non è né particolarmente dipendente dagli altri, nè una individualista. Cecilia P. è una persona piuttosto assertiva con l'attitudine alla dominanza in gran parte delle relazioni interpersonali. La sua apparente fiducia in sé stessa potrebbe essere davvero raggiunta superando le proprie insicurezze, ma invece, talvolta, cerca di compensarle in modo esagerato ed eccessivo. Piuttosto energica e talvolta un po' incline al confronto, non accetta facilmente un no ad una sua richiesta. e può avere qualche difficoltà a controllare la propria rabbia. E' abbastanza disposta a misurarsi con gli altri con la tendenza a dire ciò che ha in mente, anche se ciò significa turbare qualcuno. Per questo alcune persone potrebbero pensare che talvolta Cecilia P. sia troppo diretta. E' piuttosto orientata al compito, quindi probabilmente si focalizza molto sulle cose da fare, talvolta però ponendo insufficiente attenzione ai sentimenti delle persone. STILE DI PENSIERO In fondo Cecilia P. è una persona molto conservatrice con un grande rispetto per le autorità costituite. E' estremamente interessata a seguire le procedure prescritte. Pianificando le cose agisce molto raramente di impulso, quindi di solito prima di decidere e passare all'azione prende in considerazione tutte le implicazioni ad esse correlate. Estremamente perseverante e coscienziosa, è pervasa da un forte senso del dovere. Piuttosto decisa riguardo il proprio tradizionale punto di vista, può essere fortemente riluttante ad accettare compromessi.nel suo lavoro è estremamente sistematica e metodica e pone una grande attenzione ai minimi dettagli. Essendo estremamente affidabile ed un ottimo rifinitore, qualcuno potrebbe pensare che sia alquanto ossessiva e rigida. Psychometrics Ltd. Pag. 3 di 11

4 Quando affronta i problemi Cecilia P. cerca di adottare un approccio equilibrato tra la cura delle questioni pratiche e l'attenzione anche agli aspetti più immateriali e teorici. Occasionalmente può risultare alquanto astratta nell'affrontare i problemi, sebbene generalmente non sia incline ai voli di fantasia. E' interessata alle attività artistiche e creative come la gran parte delle persone, ed anche il suo grado di sensibilità artistica è nella media. Riconosce il valore delle arti. STRATEGIE DI COPING Un po' più tesa della maggior parte delle persone Cecilia P. ha una indole relativamente competitiva. Probabilmente ricerca il successo e non è contraria a lavorare sotto un certo grado di pressione. Talvolta è tende ad assumersi troppo lavoro e potrebbe avere qualche difficoltà a tenere il lavoro separato dalla sua vita sociale. Per Cecilia P. non è particolarmente facile rilassarsi alla fine di una giornata impegnativa, buttandosi dietro le spalle gli eventi del giorno trascorso ed evitando di pensare a tutte le cose che dovrà fare il giorno seguente. Cecilia P. quando le cose vanno male tende al pessimismo e a dubitare di sé. Avendo una visione piuttosto fatalistica della vita, crede che in realtà le proprie azioni non possano cambiare il corso degli eventi, anzi è convinta che la vita sia una scommessa perché perlopiù è determinata dal caso, dalla fortuna e dal destino. Anche se prova ad affrontare i problemi in modo costruttivo ed ottimistico, alle iniziali battute di arresto perde rapidamente ed in modo rilevante la fiducia nelle proprie possibilità. Se va incontro a ripetuti fallimenti le sarà estremamente difficile ritrovare la speranza di riuscire a completare il lavoro con successo. Il proprio senso del dovere e il suo desiderio di provvedere con meticolosità alle proprie attività possono innescare dei conflitti nel caso in cui si prosentino delle difficoltà. Conseguentemente le risulterà difficile trovare le motivazioni per perseverare. Abbastanza incline a demoralizzarsi è propensa ad accettare fatalisticamente il fallimento anziché a combatterlo. Cecilia P. è una persona relativamente volubile che tende ad essere piuttosto irritabile e ad offendersi piuttosto facilmente. Piuttosto labile emotivamente può lasciarsi innervosire da questioni anche banali. E' propensa a preoccuparsi, facilmente distraibile, e talvolta può avere qualche difficoltà di concentrazione sul lavoro. Essendo una persona piuttosto sensibile, può avere alcune difficoltà ad accettare le critiche, anche quelle costruttive. Alle volte è soggetta a sensazioni di ansia ed apprensione e può essere preoccupata di non essere stata all'altezza degli standard richiesti dal suo lavoro oppure nel fare fronte ai nuovi impegni. Psychometrics Ltd. Pag. 4 di 11

5 TEAM ROLES-FUNZIONI DI GRUPPO Queste scale descrivono come Cecilia P. interagisce con i colleghi in una situazione di gruppo. E possibile che il suo modo di rapportarsi nei gruppi possa subire dei cambiamenti a seconda della situazione. Inoltre occorre ricordare che lo stile comportamentale descritto non prende in considerazione il modo di affrontare i problemi dal punto di vista intellettivo, nè la qualità delle decisioni prese. I punteggi sottostanti indicano l orientamento generale di Cecilia P. ad assumere una funzione particolare nei gruppi. Si tenga conto anche che Cecilia P. può adottare stili diversi in funzione della situazione contingente, per questo o può essere fornita una descrizione del ruolo primario e del ruolo secondario, oppure la descrizione di una combinazione di ruoli, o ancora del solo ruolo predominante. Scale Sten Coordinatore 5.4 Trascinatore 6.6 Giudice critico 6.7 Realizzatore 8 Armonizzatore 5 Ricerca risorse 4.5 Rifinitore 8.5 Innovatore 4.9 COMBINAZIONE DI FUNZIONI: RIFINITORE-REALIZZATORE Cecilia P. potrebbe essere quel leader/membro del gruppo che costituisce la struttura portante e che tiene insieme un sistema organizzativo ed amministrativo efficiente. Tendenzialmente affidabile nel concludere gli incarichi entro i tempi concordati, è un individuo scrupoloso nell assicurare che le disposizioni e le procedure stabilite siano costantemente eseguite e stabilisce dei livelli di qualità estremamente elevati per tutti gli incarichi. Tutto questo è associato ad un forte orientamento ai risultati ed è probabile che si sacrifichi per raggiungerli anche a costo di grandi sforzi e fatiche. Tuttavia, a volte, la sua efficienza e l eccessiva attenzione prestata alle procedure può evidenziare la sua propensione a trascurare il fattore umano del lavoro. Non sempre infatti riesce a dare la giusta considerazione al dispendio di energie necessarie affinché il personale possa pianificare il lavoro da intraprendere. D altra parte, a causa della sua preoccupazione per la qualità, è probabile che si assuma personalmente la responsabilità affinché i lavori siano eseguiti correttamente e che compia uno sforzo ulteriore per di nascondere le manchevolezze nel lavoro dei suoi colleghi. A volte l eccessiva preoccupazione per la qualità e i dettagli, possono fargli perdere di vista le prospettive globali a causa delle pressioni immediate e non sempre sembra in grado di rispondere prontamente ed adeguatamente ai cambiamenti. Tuttavia, se le condizioni ambientali lo consentono, e in particolare quando può provvedere all innovazione, e prendere in considerazione le motivazioni delle persone, e se valuta le priorità, è probabile che si dimostri efficiente nel canalizzare le energie del gruppo. Psychometrics Ltd. Pag. 5 di 11

6 STILE DI LEADERSHIP A partire dal lavoro dello psicologo delle organizzazioni Bass si definiscono una gamma di Stili di Leadership che Cecilia P. potrebbe assumere se ricoprisse una posizione di comando. Queste indicazioni possono rivelarsi pertinenti in tutte quelle situazioni in cui si richiede di gestire altre persone. Come la gran parte delle caratteristiche di personalità il profilo ottenuto descrive quale stile Cecilia P. adotterà con maggiore probabilità, non la sua performance nella posizione di Leader. L efficacia della performance può dipendere, infatti, da una molteplicità di fattori tra le quali anche la cultura organizzativa in cui l individuo si trova ad agire. Scale Sten Leader Direttivo 9 Leader Delegante 6.8 Leader Partecipativo 6.8 Leader Consultivo 7.8 Leader Negoziale 7.5 STILE DI LEADERSHIP SECONDARIO: LEADER DIRETTIVO I Leader Direttivi sono caratterizzati da una chiara e netta visione del modo in cui operare. Lasciano decisamente scarso margine di libertà ai dipendenti, nella convinzione che essi debbano aderire rigorosamente ai metodi ed ai progetti stabiliti inizialmente. Il forte orientamento ai risultati li porta a controllare e monitorare strettamente i comportamenti, gli atteggiamenti e le performance degli altri. Ciò potrebbe essere una delle ragioni che spiegano perché alcune persone possono percepire i Leader Direttivi un po freddi e distaccati. Questa impressione viene rinforzata anche dal fatto che i Leader Direttivi si affidano esclusivamente alle proprie opinioni personali e non sollecitano mai un contributo di idee, né prendono più di tanto in considerazione le idee degli altri. Tuttavia questo ultimo aspetto si evidenzierà soltanto quando i giudizi e le capacità/abilità del Leader Direttivo vengono messe in discussione. STILE DI LADERSHIP SECONDARIO: LEADER CONSULTIVO Lo stile di Leadership Consultivo combina elementi comuni sia allo stile di leadership democratico sia a quello più direttivo. Valorizzano la discussione di gruppo e al tempo stesso tendono ad incoraggiare anche il contributo di ciascun singolo membro. Sebbene le discussioni di gruppo incorporino di per sé una natura intrinsecamente democratica, solitamente sarà il Leader Consultivo a prendere la decisione finale scegliendo tra le varie proposte avanzate. Pertanto l efficacia di questo stile di leadership dipenderà molto dalla abilità individuale di soppesare i vantaggi e gli svantaggi di tutte le idee presentate dai membri del gruppo, ed anche dalla capacità di riuscire a convincerli e ad accettare le decisioni finali che potranno anche non trovare il favore della maggioranza della gente. Psychometrics Ltd. Pag. 6 di 11

7 STILE DI COLLABORAZIONE A partire dal lavoro dello psicologo delle organizzazioni Bass si descrive una gamma di Stili di Collaborazione con i Superiori che Cecilia P. potrebbe adottare nel ricoprire una posizione di lavoro subordinato. Si possono ottenere indicazioni pertinenti sia in relazione allo stile di collaborazione adottato, sia in relazione allo stile di leadership vigente. Il profilo ottenuto descrive quale stile di collaborazione Cecilia P. adotterà con maggior probabilità e non l efficacia della prestazione. L efficacia della prestazione può dipendere da molteplici fattori tra le quali anche la cultura organizzativa in cui l individuo si trova ad operare. Scale Sten Recettivo 8.8 Indipendente 4.3 Collaborativo 5.3 Informativo 7.5 Reciproco 5 STILE DI COLLABORAZIONE SECONDARIO: RECETTIVO I collaboratori Recettivi sono individui solitamente accomodanti che desiderano concludere i compiti assegnati conformemente a quanto è stato precedentemente stabilito. Pertanto i colleghi di Cecilia P. conosceranno il lato più conformista e tradizionalista della sua natura. Molto probabilmente ciò implica che il soggetto in questione lascerà ad altri membri del gruppo la produzione delle idee e delle proposte. Conseguentemente, in ottemperanza all assunzione di questa posizione, il Collaboratore Recettivo eseguirà al meglio delle proprie possibilità quanto è stato stabilito da altri. STILE DI COLLABORAZIONE SECONDARIO: INFORMATIVO In genere i manager si rivolgono ai Collaboratori Informativi perché sanno che le proprie idee e opinioni sono sicure e basate su conoscenze precise. Gli Informativi di solito avanzano idee creative e soluzioni innovative. La loro capacità di sottoporre le proprie idee e quelle degli altri ad una analisi critica e circostanziata garantisce, in parte, che le soluzioni da loro prospettate non presentino difetti rilevanti. Sono i Leader Consultivi quelli che apprezzano più degli altri questi individui nel team, in quanto li considerano una preziosa, utile ed affidabile fonte di informazione. Psychometrics Ltd. Pag. 7 di 11

8 STILE DI VENDITA-PERSUASIONE Gli Stili di Influenzamento o di Vendita descrivono quale stile più probabilmente adotterà Cecilia P.. Ciò può essere interessante in relazione a quelle molteplici situazioni in cui si richiede di persuadere gli altri o di vendere un prodotto, un servizio o un idea. Il profilo ottenuto descrive lo stile che più probabilmente adotterà Cecilia P., non la qualità della performance. L efficacia della prestazione è variamente connessa a molteplici fattori tra cui il tipo di prodotto trattato, la tipologia di cliente, la situazione contingente ed anche la cultura organizzativa in cui l individuo si trova ad agire. Allo stesso tempo, secondo la situazione, possono essere adottati diversi stili pertanto, può essere fornita una descrizione dello stile di persuasione primario e dello stile di persuasione secondario. Scale Sten Comunicatore Sicuro 4.8 Creatore di Rapporto 6.8 Rassicuratore 6 Innovatore 5.8 Entusiasta 6.8 Perseverante 9 Vincente 5.5 Tecnico 5.3 Amministrativo 9 Team Manager 6.3 STILE DI INFLUENZAMENTO/VENDITA SECONDARIO: SOSTENITORE AMMINISTRATIVO Il Sostenitore Amministrativo preferisce lavorare dietro le quinte fornendo al gruppo un prezioso contributo fatto di capacità di coordinare, organizzare ed amministrare. Il Sostenitore Amministrativo pur lavorando in posizioni meno visibili non significa che non abbia bisogno di riconoscimenti ed elogi. Talvolta il Sostenitore Amministrativo può assumere un ruolo di influenzamento più diretto, soprattutto nei casi in cui risultano importanti e fondamentali la cura dei dettagli e la precisione. STILE DI INFLUENZAMENTO-VENDITA SECONDARIO: PERSEVERANTE Il Perseverante spesso è un individuo resiliente e determinato che crea le occasioni di influenzamento o di vendita attraverso l attivazione e creazione di contatti perseguiti con determinazione ed ostinazione. E inusuale che il Perseverante se la prenda per un rifiuto o che lo consideri un ostacolo. I Perseveranti sono convinti che il sistematico ampliamento del numero di contatti ed il perseguimento metodico delle opportunità conduca, alla fine, al meritato successo. Psychometrics Ltd. Pag. 8 di 11

9 Ulteriori Informazioni Nella seguente sezione si elencano una serie di punti desunti dalla sessione di testing a cui Cecilia ha risposto. L'intervistatore può trovare degli utili suggerimenti e degli spunti per formulare alcune domande più mirate nel corso dell'intervista di approfondimento della candidatura o nell'ambito della restituzione della relazione all'interno di un programma di coaching individuale e/o di gruppo o più genericamente all'interno di un percorso consulenziale con il soggetto. Può essere troppo dura e noncurante dei bisogni degli altri Può avere la tendenza a resistere ai cambiamenti ed all'inflessibilità Può avere difficoltà a lavorare sotto pressione Può arrendersi e non perseverare di fronte agli ostacoli Talvolta può avere difficoltà a controllare il proprio temperamento Credendo che vi sia un solo modo giusto per fare ogni cosa, non è incline ai compromessi Avendo scarsa fiducia nelle proprie abilità, può scoraggiarsi quando le cose non vanno bene Psychometrics Ltd. Pag. 9 di 11

10 OPPro PROFILO GRAFICO Scale PGr Polarità Sx Polarità Dx % MANAGEM 34 Accomodante Empatico, Orientato agli altri, Accogliente, Evita lo scontro. Assertivo Dominante, Orientato ai risultati, Combattivo, Competitivo. 78 METICOLOS 17 Attenzione ai Dettagli Scrupoloso, Metodico, Rigido, Cura i dettagli. MACHIAVELL 39 Scettico Sospettoso, Diffidente, Machiavellico, Non si fida delle apparenze. PONDERAT 33 Emotivo Suscettibile, Volubile, con la tendenza ad offendersi facilmente. Flessibilità Spontaneo, di limitata autodisciplina e autocontrollo. Fiducioso Altruista, Confida negli altri, Non è sovraideativo. Flemmatico Sicuro di sé, Emotivamente stabile, Resiliente AFFILIAZ 34 Riservato Introspettivo e Freddo, Preferisce lavorare da solo. Gregario Espansivo e Socievole, Loquace, Predilige il lavoro di gruppo. 37 AUTOMONIT 28 Autentico Diretto, Genuino e Aperto, Franco, Schietto. Persuasivo Diplomatico, Scaltro, Perspicace, Socialmente convincente. 62 COMPETIT 27 Compassato Calmo e composto, Riesce a distendersi e rilassarsi. Contendente Ambizioso e competitivo, Ha difficoltà a rilassarsi, Impaziente. 54 EXTERNAL 29 Ottimistico Convinto di riuscire perseverando, Reagisce prontamente alle battute di arresto. Locus of Control Interno. PRAGMATIC 28 Astratto Teorico, Immaginativo. Dotato di sensibilità Estetica, Creativa o Artistica. DISTORSION 21 Bassa Alterazione Si descrive in modo realistico, senza distorsioni. Pessimistico Tende a demoralizzarsi e rassegnarsi, Fatalista. Locus of Control Esterno. Pragmatico Concreto, Pratico e Realistico. Elevata Alterazione Si descrive in modo irrealisticamente positivo, con troppe distorsioni MIDRESP 120 Risposte Estreme Ha risposto in modo convinto e definitivo. Tendenza Centrale Ha risposto in modo esitante e incerto. 99 Norme estratte da un campione italiano ponderato Psychometrics Ltd. Pag. 10 di 11

11 OPPro Big Five Profile Scale PGr Polarità Sx E 5 Introversione Tende ad essere poco espansivo e socievole. N 8 Bassa Ansia Pacato, Misurato, Capace di gestire situazioni stressanti. O 3 Pragmatismo Realistico, Pratico e dagli atteggiamenti tradizionalisti. A 4 Indipendenza Dinamico, Attivo e determinato nelle proprie azioni, Competitivo, Sicuro di sé. C 7 Impulsivo Libero dalle costrizioni derivanti dalle regole sociali, Istintivo, Basso autocontrollo Polarità Dx Estroversione Forte orientamento verso gli altri. Ricerca attivamente le relazioni interpersonali. Alta Ansia Ha problemi a gestire situazioni stressanti. Inquieto e Preoccupato. Apertura all'esperienza Aperto alle novità. Ha molti interessi culturali o artistici. Gradevolezza Orientato agli altri, Empatico, Garbato, Cauto, Accomodante. Controllato Si adegua alle aspettative sociali, Elevato autocontrollo. Psychometrics Ltd. Pag. 11 di 11

Sam Sample 27 Mar 2013 RAPPORTO EXPERT ESTESO PERSONALITÀ OPPRO OCCUPATIONAL PERSONALITY PROFILE. Psychometrics Ltd.

Sam Sample 27 Mar 2013 RAPPORTO EXPERT ESTESO PERSONALITÀ OPPRO OCCUPATIONAL PERSONALITY PROFILE. Psychometrics Ltd. 27 Mar 2013 RAPPORTO EXPERT ESTESO OCCUPATIONAL PERSONALITY PROFILE PERSONALITÀ OPPRO INDICE Il rapporto interpretativo OPPro Esteso descrive il profilo di nelle seguenti sezioni: 1. Guida alla lettura

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

Differenze individuali: concetto di sé, personalità ed emozioni

Differenze individuali: concetto di sé, personalità ed emozioni Differenze individuali: concetto di sé, personalità ed emozioni 1 Una mappa per lo studio delle differenze individuali nel comportamento organizzativo L'individuo unico Tratti di personalità Valori personali

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

GPP-I. Gordon Personality Profile Inventory RAPPORTO INTERPRETATIVO. Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello

GPP-I. Gordon Personality Profile Inventory RAPPORTO INTERPRETATIVO. Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello Gordon Personality Profile Inventory Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello RAPPORTO INTERPRETATIVO Report a cura di Chiara Consiglio, Federica Di Massa e Mariella

Dettagli

Report Leadership Matching

Report Leadership Matching Leader: Mario Rossi Collaboratore: Francesca Colombo Questo Report è un prodotto di PDA International. PDA International è leader nell approvvigionamento di valutazioni comportamentali utilizzate per reclutare,motivare

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro Public Team Coaching Speaking TEAM COACHING Quest'opera è coperta da licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non opere derivate 2.5 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

OPQ Profilo CCSQ. Manager Report - Ruoli di interfaccia con il cliente. Nome Sig. Sample Candidate. Data 19 settembre 2013. www.ceb.shl.

OPQ Profilo CCSQ. Manager Report - Ruoli di interfaccia con il cliente. Nome Sig. Sample Candidate. Data 19 settembre 2013. www.ceb.shl. OPQ Profilo CCSQ Manager Report - Ruoli di interfaccia con il cliente Nome Sig. Sample Candidate Data 19 settembre 2013 www.ceb.shl.com INTRODUZIONE Questo SHL Manager Report aiuta a stabilire il livello

Dettagli

shapes competency development report

shapes competency development report shapes competency development report candidato/a: Max Mustermann amministrazione: 29.07.2005 rapporto creato: 19.02.2007 cut-e gmbh e-mail: info@cut-e.com große bleichen 12 tel: +49-40-3250.3890 20354

Dettagli

REPORT INTELLIGENZA EMOTIVA

REPORT INTELLIGENZA EMOTIVA 30 Lug 2013 RAPPORTO EXPERT REPORT INTELLIGENZA EMOTIVA FIFTEEN FACTOR QUESTIONNAIRE PLUS PERSONALITÀ 15FQ+ INDICE Questo rapporto intepretativo descrive i risultati di articolato nelle seguenti sezioni:

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

dott.ssa Sofia Conterno

dott.ssa Sofia Conterno Rafforzamento delle competenze sui modelli organizzativi di gestione del personale dott.ssa Sofia Conterno Prima parte LA LEADERSHIP SITUAZIONALE LA LEADERSHIP EFFICACE UN LEADER EFFICACE HA SVILUPPATO

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 17 Settembre 2015 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC.

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 17 Settembre 2015 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 17 Settembre 2015 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. INTRODUZIONE Hogan Personality Inventory è uno strumento di misurazione della personalità, basato su sette dimensioni

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

2. Se un test ha l indice di attendibilità tra -39 e 0, che cosa devi fare con quel test?

2. Se un test ha l indice di attendibilità tra -39 e 0, che cosa devi fare con quel test? INTERPRETAZIONE DEL TEST HT BETA ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Che cosa misura l HT BETA? Il test misura i 10 ingredienti della produttività. Aiuta ad individuare l ingrediente o gli ingredienti

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

Allegato 1 delle DIRETTIVE

Allegato 1 delle DIRETTIVE Unione Professionale Svizzera della carne Allegato 1 delle DIRETTIVE Per l esame professionale superiore per Mastro macellaio/mastra macellaia Edizione gennaio 2007 Materie d esame Contenuto 1. Competenze

Dettagli

Eccesso di una cosa buona

Eccesso di una cosa buona 1 Qualità autentiche Le qualità autentiche sono gli attributi che formano l essenza (il nucleo) di una persona; le persone sono impregnate da queste qualità, che pongono in una determinata luce tutte le

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager La mente nella Peak Performance Come gestire la nostra energia Marzio Zanato HR & Performance Manager Fisiologia della Performance 2 Marzio Zanato HR & Performance Manager Velocità del processo (frequenza)

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione.

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione. QUESTIONARIO SULL EFFICACIA E FLESSIBILITA DELLA LEADERSHIP Di Paul Hersey e Kenneth Blanchard ISTRUZIONI Si presume che Lei sia coinvolto in ognuna delle seguenti 12 situazioni. Legga attentamente ogni

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

Progetto organizzato da:

Progetto organizzato da: Progetto organizzato da: Progetto organizzato da: PIEMONTE SOGGETIVA ORGANIZZATIVE STRATEGICHE 12 10 8 6 4 2 0 RELAZIONALI MOTIVAZIONE PENSIERO GESTIONE EMOTIVA CARATTERISTICHE DISTINTIVE capaci di cogliere

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

LA MOTIVAZIONE di giovani apprendisti Passato - Oggi - Futuro

LA MOTIVAZIONE di giovani apprendisti Passato - Oggi - Futuro LA MOTIVAZIONE di giovani apprendisti Passato - Oggi - Futuro Marenghi Gianni, Formatore aziendale, trainer, business e sport coach Marenghi Gianni, Responsabile sviluppo del personale in Ticino, 20 maggio

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

OPQ Profilo OPQ. Manager Plus Report. Nome Sig. Sample Candidate. Data 18 ottobre 2013. www.ceb.shl.com

OPQ Profilo OPQ. Manager Plus Report. Nome Sig. Sample Candidate. Data 18 ottobre 2013. www.ceb.shl.com OPQ Profilo OPQ Manager Plus Report Nome Sig. Sample Candidate Data 18 ottobre 2013 www.ceb.shl.com INTRODUZIONE Questo report è destinato ai manager di linea e ai professionisti delle risorse umane. Contiene

Dettagli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli www.centroap.it Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli TEST DI RIUSCITA SCOLASTICA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO svolto sul sito del Centro AP www.orientastudenti.it

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

RAPPORTO INTERPRETATIVO

RAPPORTO INTERPRETATIVO Gian Vittorio Caprara, Claudio Barbaranelli, Laura Borgogni, Michele Vecchione RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 26/05/2008 Sesso: Età: Norme di riferimento: femminile

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Leadership 17-2. Leadership Influenzare i collaboratori a perseguire volontariamente i traguardi organizzativi.

Leadership 17-2. Leadership Influenzare i collaboratori a perseguire volontariamente i traguardi organizzativi. Leadership Leadership 17-2 Leadership Influenzare i collaboratori a perseguire volontariamente i traguardi organizzativi. 2 Leadership 17-2 Teorie dei tratti sulle differenze personali tra leader e follower

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE

STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE STORE MANAGER.. LE COMPETENZE CARATTERISTICHE E I BISOGNI DI FORMAZIONE 1 Indice 1. Premessa 2. Obiettivo 3. Le competenze del profilo ideale Competenze 3.1. Età ed esperienza 3.2. Le reali competenze

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

M.Cristina Stradi 2011 1

M.Cristina Stradi 2011 1 M.Cristina Stradi 2011 1 Il gioco riposa e diverte. Evoca un attività non soggetta a costrizioni, ma anche priva di conseguenza per la vita reale. Si contrappone alle serietà di questa e viene perciò considerato

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI Corso di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa La LUM School of Management crede fermamente

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso.

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [moduli operativi di formazione] Manager Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [MODULI OPERATIVI DI FORMAZIONE] MANAGER Ottenere risultati, dominare gli eventi, portare a termine le operazioni

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

powered by > Manager Plus Report Nome: Sig. Peter Sample

powered by > Manager Plus Report Nome: Sig. Peter Sample powered by > Manager Plus Report Nome: Sig. Peter Sample Data: 17 aprile 2009 INTRODUZIONE Questo report è destinato ai manager di linea e ai professionisti delle risorse umane. Contiene una gamma di informazioni

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON IPERATTIVITÀ E DI UN PERCORSO DI PARENT TRAINING RIVOLTO AI GENITORI Laura Vanzin,

Dettagli

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA ASSERTIVITA ETIMOLOGIA: Assertività deriva dal latino assèrere. Il significato

Dettagli

STILI DI LAVORO IN GRUPPO

STILI DI LAVORO IN GRUPPO TEST DI PARKER STILI DI LAVORO IN GRUPPO SCOPO Il Questionario sui membri del gruppo vi aiuterà ad individuare il vostro stile come membro del gruppo. I risultati vi permetteranno di valutare i vostri

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI La qualità organizzativa passa attraverso la qualità delle persone 1. Le ragioni del corso Nella situazione attuale, assume una rilevanza sempre maggiore la capacità

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOOSSERVAZIONE PROFESSIONALE I FATTORI CHE ACCRESCONO L EFFICACIA DELL INSEGNAMENTO LE COMPETENZE DIDATTICHE Contrassegna con una X la casella prescelta per ogni indicatore L insegnante

Dettagli

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team Lezione 7 Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team 1 COS E UN GRUPPO Si definisce gruppo: un insieme di individui con caratteristiche o interessi comuni, legati

Dettagli

OPQ Profilo OPQ. Piano d azione per lo sviluppo UCF. Nome Sig. Sample Candidate. Data 18 settembre 2013. www.ceb.shl.com

OPQ Profilo OPQ. Piano d azione per lo sviluppo UCF. Nome Sig. Sample Candidate. Data 18 settembre 2013. www.ceb.shl.com OPQ Profilo OPQ Nome Candidate Data www.ceb.shl.com INTRODUZIONE Di recente ha completato un questionario di autovalutazione sulla personalità al fine di fornire una struttura di riferimento per la discussione

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI ALLEGATO B Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI Il presente allegato rappresenta il risultato della procedura di concertazione di cui

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006)

Stress sul posto di lavoro: segnali e cause. Check list personale (Versione 02.2006) Stress sul posto di lavoro: segnali e cause Check list personale (Versione 02.2006) Questa check list la aiuterà a identificare lo stress vissuto personalmente e a deteminarne le cause. Poi, sulla base

Dettagli