Cecilia P. Occupational Personality Profile RAPPORTO ESTESO. Psychometrics Ltd.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cecilia P. Occupational Personality Profile RAPPORTO ESTESO. Psychometrics Ltd."

Transcript

1 Occupational Personality Profile RAPPORTO ESTESO Psychometrics Ltd. Data Test: 11/8/2011

2 Comprensione e previsione dei comportamenti OPPro è un test che fornisce un quadro della personalità completo in un tempo molto breve. Si esplorano le dinamiche dei comportamenti in un ampia gamma di situazioni lavorative a partire da 9 dimensioni psicologicamente significative e dal profilo dei Big Five (McCrae e Costa, 1987), O.C.E.A.N. è l'acronimo riferito all'originale francese Overture, Conscience, Extraversion, Amabilité, Névrosisme. Relazioni tra comportamenti individuali e performance lavorative I tratti di personalità giocano un ruolo significativo nel determinare il comportamento. Qui sotto è illustrato un modello esplicativo delle relazioni causali che intercorrono tra comportamenti e performance lavorative: Il report descrive i comportamenti suddivisi in tre generali raggruppamenti comportamentali: Stili interpersonali Stili di pensiero Stili di coping Come è strutturato questo rapporto Il resoconto fornisce inoltre anche altre informazioni di modelli comportamentali focalizzati sul business: Funzioni nel gruppo (Team Roles) Stili di Leadership Stili di collaborazione Stili di comportamento nella vendita Per ampliare ulteriormente l'analisi della persona esaminata, si potrebbe valutare l'opportunità di utilizzare altre misure: Motivazioni e Valori (test VMI) Tipi psicologici (test JTI) Personalità di Vendita (test SPI) Abilità Cognitive (test GRT, ART, ecc.) Ragionamento Critico (test CRTB2) Suggerimenti e considerazioni Oltre alla presente relazione con OPPro è possibile elaborare anche: Report grafico del profilo (senza commenti) Intervista di approfondimento Psychometrics Ltd. Pag. 2 di 11

3 Valutazione della personalità Questo strumento misura un'ampia gamma di tratti della personalità. Essi rivelano in che modo la persona esaminata si comporta nelle più diverse situazioni in ambito prevalentemente lavorativo. Nell'interpretazione del profilo si dovrebbero prendere in considerazione anche altre informazioni rilevanti sul soggetto esaminato quali l'esperienza passata, gli interessi, le abilità, i valori e le inclinazioni. SCALE DI VALIDITA' Il questionario include una scala che rileva se e in che misura il soggetto esaminato abbia provato a descriversi in modo socialmente desiderabile, cioè indica se e quanto il soggetto è stato troppo benevolo verso sé stesso. Cecilia P. sembra che abbia risposto in modo realistico. Ha fornito un profilo di sé accurato. Il suo punteggio alla scala di desiderabilità sociale è infatti sotto la media. STILE INTERPERSONALE Un po' più persuasivo della maggioranza della gente può risultare moderatamente efficace come comunicatore, in particolare quando parla di argomenti a lei più familiari. E' piuttosto consapevole delle aspettative sociali e se richiesto dalla situazione, dovrebbe essere capace di celare il proprio reale punto di vista e i propri sentimenti. Essendo tendenzialmente capace di influenzare gli altri può risultare anche relativamente efficace nelle situazioni che richiedono un certo grado di tatto e diplomazia. Cecilia P. è una persona mediamente socievole e gregaria, quindi è appagata sia di fare parte di un team sia di lavorare da sola. Gradisce avere l'opportunità di discutere un problema con i colleghi, tuttavia talvolta preferisce evitare le distrazioni provenienti dagli altri. Non è particolarmente timida, ma potrebbe anche eclissarsi sullo sfondo durante i meeting e gli eventi sociali. Le piace sia essere circondata dalla gente sia avere del tempo a disposizione per se stessa. Ha raggiunto un equilibrio tra autosufficienza e bisogno di socialità, quindi si può dire che Cecilia P. non è né particolarmente dipendente dagli altri, nè una individualista. Cecilia P. è una persona piuttosto assertiva con l'attitudine alla dominanza in gran parte delle relazioni interpersonali. La sua apparente fiducia in sé stessa potrebbe essere davvero raggiunta superando le proprie insicurezze, ma invece, talvolta, cerca di compensarle in modo esagerato ed eccessivo. Piuttosto energica e talvolta un po' incline al confronto, non accetta facilmente un no ad una sua richiesta. e può avere qualche difficoltà a controllare la propria rabbia. E' abbastanza disposta a misurarsi con gli altri con la tendenza a dire ciò che ha in mente, anche se ciò significa turbare qualcuno. Per questo alcune persone potrebbero pensare che talvolta Cecilia P. sia troppo diretta. E' piuttosto orientata al compito, quindi probabilmente si focalizza molto sulle cose da fare, talvolta però ponendo insufficiente attenzione ai sentimenti delle persone. STILE DI PENSIERO In fondo Cecilia P. è una persona molto conservatrice con un grande rispetto per le autorità costituite. E' estremamente interessata a seguire le procedure prescritte. Pianificando le cose agisce molto raramente di impulso, quindi di solito prima di decidere e passare all'azione prende in considerazione tutte le implicazioni ad esse correlate. Estremamente perseverante e coscienziosa, è pervasa da un forte senso del dovere. Piuttosto decisa riguardo il proprio tradizionale punto di vista, può essere fortemente riluttante ad accettare compromessi.nel suo lavoro è estremamente sistematica e metodica e pone una grande attenzione ai minimi dettagli. Essendo estremamente affidabile ed un ottimo rifinitore, qualcuno potrebbe pensare che sia alquanto ossessiva e rigida. Psychometrics Ltd. Pag. 3 di 11

4 Quando affronta i problemi Cecilia P. cerca di adottare un approccio equilibrato tra la cura delle questioni pratiche e l'attenzione anche agli aspetti più immateriali e teorici. Occasionalmente può risultare alquanto astratta nell'affrontare i problemi, sebbene generalmente non sia incline ai voli di fantasia. E' interessata alle attività artistiche e creative come la gran parte delle persone, ed anche il suo grado di sensibilità artistica è nella media. Riconosce il valore delle arti. STRATEGIE DI COPING Un po' più tesa della maggior parte delle persone Cecilia P. ha una indole relativamente competitiva. Probabilmente ricerca il successo e non è contraria a lavorare sotto un certo grado di pressione. Talvolta è tende ad assumersi troppo lavoro e potrebbe avere qualche difficoltà a tenere il lavoro separato dalla sua vita sociale. Per Cecilia P. non è particolarmente facile rilassarsi alla fine di una giornata impegnativa, buttandosi dietro le spalle gli eventi del giorno trascorso ed evitando di pensare a tutte le cose che dovrà fare il giorno seguente. Cecilia P. quando le cose vanno male tende al pessimismo e a dubitare di sé. Avendo una visione piuttosto fatalistica della vita, crede che in realtà le proprie azioni non possano cambiare il corso degli eventi, anzi è convinta che la vita sia una scommessa perché perlopiù è determinata dal caso, dalla fortuna e dal destino. Anche se prova ad affrontare i problemi in modo costruttivo ed ottimistico, alle iniziali battute di arresto perde rapidamente ed in modo rilevante la fiducia nelle proprie possibilità. Se va incontro a ripetuti fallimenti le sarà estremamente difficile ritrovare la speranza di riuscire a completare il lavoro con successo. Il proprio senso del dovere e il suo desiderio di provvedere con meticolosità alle proprie attività possono innescare dei conflitti nel caso in cui si prosentino delle difficoltà. Conseguentemente le risulterà difficile trovare le motivazioni per perseverare. Abbastanza incline a demoralizzarsi è propensa ad accettare fatalisticamente il fallimento anziché a combatterlo. Cecilia P. è una persona relativamente volubile che tende ad essere piuttosto irritabile e ad offendersi piuttosto facilmente. Piuttosto labile emotivamente può lasciarsi innervosire da questioni anche banali. E' propensa a preoccuparsi, facilmente distraibile, e talvolta può avere qualche difficoltà di concentrazione sul lavoro. Essendo una persona piuttosto sensibile, può avere alcune difficoltà ad accettare le critiche, anche quelle costruttive. Alle volte è soggetta a sensazioni di ansia ed apprensione e può essere preoccupata di non essere stata all'altezza degli standard richiesti dal suo lavoro oppure nel fare fronte ai nuovi impegni. Psychometrics Ltd. Pag. 4 di 11

5 TEAM ROLES-FUNZIONI DI GRUPPO Queste scale descrivono come Cecilia P. interagisce con i colleghi in una situazione di gruppo. E possibile che il suo modo di rapportarsi nei gruppi possa subire dei cambiamenti a seconda della situazione. Inoltre occorre ricordare che lo stile comportamentale descritto non prende in considerazione il modo di affrontare i problemi dal punto di vista intellettivo, nè la qualità delle decisioni prese. I punteggi sottostanti indicano l orientamento generale di Cecilia P. ad assumere una funzione particolare nei gruppi. Si tenga conto anche che Cecilia P. può adottare stili diversi in funzione della situazione contingente, per questo o può essere fornita una descrizione del ruolo primario e del ruolo secondario, oppure la descrizione di una combinazione di ruoli, o ancora del solo ruolo predominante. Scale Sten Coordinatore 5.4 Trascinatore 6.6 Giudice critico 6.7 Realizzatore 8 Armonizzatore 5 Ricerca risorse 4.5 Rifinitore 8.5 Innovatore 4.9 COMBINAZIONE DI FUNZIONI: RIFINITORE-REALIZZATORE Cecilia P. potrebbe essere quel leader/membro del gruppo che costituisce la struttura portante e che tiene insieme un sistema organizzativo ed amministrativo efficiente. Tendenzialmente affidabile nel concludere gli incarichi entro i tempi concordati, è un individuo scrupoloso nell assicurare che le disposizioni e le procedure stabilite siano costantemente eseguite e stabilisce dei livelli di qualità estremamente elevati per tutti gli incarichi. Tutto questo è associato ad un forte orientamento ai risultati ed è probabile che si sacrifichi per raggiungerli anche a costo di grandi sforzi e fatiche. Tuttavia, a volte, la sua efficienza e l eccessiva attenzione prestata alle procedure può evidenziare la sua propensione a trascurare il fattore umano del lavoro. Non sempre infatti riesce a dare la giusta considerazione al dispendio di energie necessarie affinché il personale possa pianificare il lavoro da intraprendere. D altra parte, a causa della sua preoccupazione per la qualità, è probabile che si assuma personalmente la responsabilità affinché i lavori siano eseguiti correttamente e che compia uno sforzo ulteriore per di nascondere le manchevolezze nel lavoro dei suoi colleghi. A volte l eccessiva preoccupazione per la qualità e i dettagli, possono fargli perdere di vista le prospettive globali a causa delle pressioni immediate e non sempre sembra in grado di rispondere prontamente ed adeguatamente ai cambiamenti. Tuttavia, se le condizioni ambientali lo consentono, e in particolare quando può provvedere all innovazione, e prendere in considerazione le motivazioni delle persone, e se valuta le priorità, è probabile che si dimostri efficiente nel canalizzare le energie del gruppo. Psychometrics Ltd. Pag. 5 di 11

6 STILE DI LEADERSHIP A partire dal lavoro dello psicologo delle organizzazioni Bass si definiscono una gamma di Stili di Leadership che Cecilia P. potrebbe assumere se ricoprisse una posizione di comando. Queste indicazioni possono rivelarsi pertinenti in tutte quelle situazioni in cui si richiede di gestire altre persone. Come la gran parte delle caratteristiche di personalità il profilo ottenuto descrive quale stile Cecilia P. adotterà con maggiore probabilità, non la sua performance nella posizione di Leader. L efficacia della performance può dipendere, infatti, da una molteplicità di fattori tra le quali anche la cultura organizzativa in cui l individuo si trova ad agire. Scale Sten Leader Direttivo 9 Leader Delegante 6.8 Leader Partecipativo 6.8 Leader Consultivo 7.8 Leader Negoziale 7.5 STILE DI LEADERSHIP SECONDARIO: LEADER DIRETTIVO I Leader Direttivi sono caratterizzati da una chiara e netta visione del modo in cui operare. Lasciano decisamente scarso margine di libertà ai dipendenti, nella convinzione che essi debbano aderire rigorosamente ai metodi ed ai progetti stabiliti inizialmente. Il forte orientamento ai risultati li porta a controllare e monitorare strettamente i comportamenti, gli atteggiamenti e le performance degli altri. Ciò potrebbe essere una delle ragioni che spiegano perché alcune persone possono percepire i Leader Direttivi un po freddi e distaccati. Questa impressione viene rinforzata anche dal fatto che i Leader Direttivi si affidano esclusivamente alle proprie opinioni personali e non sollecitano mai un contributo di idee, né prendono più di tanto in considerazione le idee degli altri. Tuttavia questo ultimo aspetto si evidenzierà soltanto quando i giudizi e le capacità/abilità del Leader Direttivo vengono messe in discussione. STILE DI LADERSHIP SECONDARIO: LEADER CONSULTIVO Lo stile di Leadership Consultivo combina elementi comuni sia allo stile di leadership democratico sia a quello più direttivo. Valorizzano la discussione di gruppo e al tempo stesso tendono ad incoraggiare anche il contributo di ciascun singolo membro. Sebbene le discussioni di gruppo incorporino di per sé una natura intrinsecamente democratica, solitamente sarà il Leader Consultivo a prendere la decisione finale scegliendo tra le varie proposte avanzate. Pertanto l efficacia di questo stile di leadership dipenderà molto dalla abilità individuale di soppesare i vantaggi e gli svantaggi di tutte le idee presentate dai membri del gruppo, ed anche dalla capacità di riuscire a convincerli e ad accettare le decisioni finali che potranno anche non trovare il favore della maggioranza della gente. Psychometrics Ltd. Pag. 6 di 11

7 STILE DI COLLABORAZIONE A partire dal lavoro dello psicologo delle organizzazioni Bass si descrive una gamma di Stili di Collaborazione con i Superiori che Cecilia P. potrebbe adottare nel ricoprire una posizione di lavoro subordinato. Si possono ottenere indicazioni pertinenti sia in relazione allo stile di collaborazione adottato, sia in relazione allo stile di leadership vigente. Il profilo ottenuto descrive quale stile di collaborazione Cecilia P. adotterà con maggior probabilità e non l efficacia della prestazione. L efficacia della prestazione può dipendere da molteplici fattori tra le quali anche la cultura organizzativa in cui l individuo si trova ad operare. Scale Sten Recettivo 8.8 Indipendente 4.3 Collaborativo 5.3 Informativo 7.5 Reciproco 5 STILE DI COLLABORAZIONE SECONDARIO: RECETTIVO I collaboratori Recettivi sono individui solitamente accomodanti che desiderano concludere i compiti assegnati conformemente a quanto è stato precedentemente stabilito. Pertanto i colleghi di Cecilia P. conosceranno il lato più conformista e tradizionalista della sua natura. Molto probabilmente ciò implica che il soggetto in questione lascerà ad altri membri del gruppo la produzione delle idee e delle proposte. Conseguentemente, in ottemperanza all assunzione di questa posizione, il Collaboratore Recettivo eseguirà al meglio delle proprie possibilità quanto è stato stabilito da altri. STILE DI COLLABORAZIONE SECONDARIO: INFORMATIVO In genere i manager si rivolgono ai Collaboratori Informativi perché sanno che le proprie idee e opinioni sono sicure e basate su conoscenze precise. Gli Informativi di solito avanzano idee creative e soluzioni innovative. La loro capacità di sottoporre le proprie idee e quelle degli altri ad una analisi critica e circostanziata garantisce, in parte, che le soluzioni da loro prospettate non presentino difetti rilevanti. Sono i Leader Consultivi quelli che apprezzano più degli altri questi individui nel team, in quanto li considerano una preziosa, utile ed affidabile fonte di informazione. Psychometrics Ltd. Pag. 7 di 11

8 STILE DI VENDITA-PERSUASIONE Gli Stili di Influenzamento o di Vendita descrivono quale stile più probabilmente adotterà Cecilia P.. Ciò può essere interessante in relazione a quelle molteplici situazioni in cui si richiede di persuadere gli altri o di vendere un prodotto, un servizio o un idea. Il profilo ottenuto descrive lo stile che più probabilmente adotterà Cecilia P., non la qualità della performance. L efficacia della prestazione è variamente connessa a molteplici fattori tra cui il tipo di prodotto trattato, la tipologia di cliente, la situazione contingente ed anche la cultura organizzativa in cui l individuo si trova ad agire. Allo stesso tempo, secondo la situazione, possono essere adottati diversi stili pertanto, può essere fornita una descrizione dello stile di persuasione primario e dello stile di persuasione secondario. Scale Sten Comunicatore Sicuro 4.8 Creatore di Rapporto 6.8 Rassicuratore 6 Innovatore 5.8 Entusiasta 6.8 Perseverante 9 Vincente 5.5 Tecnico 5.3 Amministrativo 9 Team Manager 6.3 STILE DI INFLUENZAMENTO/VENDITA SECONDARIO: SOSTENITORE AMMINISTRATIVO Il Sostenitore Amministrativo preferisce lavorare dietro le quinte fornendo al gruppo un prezioso contributo fatto di capacità di coordinare, organizzare ed amministrare. Il Sostenitore Amministrativo pur lavorando in posizioni meno visibili non significa che non abbia bisogno di riconoscimenti ed elogi. Talvolta il Sostenitore Amministrativo può assumere un ruolo di influenzamento più diretto, soprattutto nei casi in cui risultano importanti e fondamentali la cura dei dettagli e la precisione. STILE DI INFLUENZAMENTO-VENDITA SECONDARIO: PERSEVERANTE Il Perseverante spesso è un individuo resiliente e determinato che crea le occasioni di influenzamento o di vendita attraverso l attivazione e creazione di contatti perseguiti con determinazione ed ostinazione. E inusuale che il Perseverante se la prenda per un rifiuto o che lo consideri un ostacolo. I Perseveranti sono convinti che il sistematico ampliamento del numero di contatti ed il perseguimento metodico delle opportunità conduca, alla fine, al meritato successo. Psychometrics Ltd. Pag. 8 di 11

9 Ulteriori Informazioni Nella seguente sezione si elencano una serie di punti desunti dalla sessione di testing a cui Cecilia ha risposto. L'intervistatore può trovare degli utili suggerimenti e degli spunti per formulare alcune domande più mirate nel corso dell'intervista di approfondimento della candidatura o nell'ambito della restituzione della relazione all'interno di un programma di coaching individuale e/o di gruppo o più genericamente all'interno di un percorso consulenziale con il soggetto. Può essere troppo dura e noncurante dei bisogni degli altri Può avere la tendenza a resistere ai cambiamenti ed all'inflessibilità Può avere difficoltà a lavorare sotto pressione Può arrendersi e non perseverare di fronte agli ostacoli Talvolta può avere difficoltà a controllare il proprio temperamento Credendo che vi sia un solo modo giusto per fare ogni cosa, non è incline ai compromessi Avendo scarsa fiducia nelle proprie abilità, può scoraggiarsi quando le cose non vanno bene Psychometrics Ltd. Pag. 9 di 11

10 OPPro PROFILO GRAFICO Scale PGr Polarità Sx Polarità Dx % MANAGEM 34 Accomodante Empatico, Orientato agli altri, Accogliente, Evita lo scontro. Assertivo Dominante, Orientato ai risultati, Combattivo, Competitivo. 78 METICOLOS 17 Attenzione ai Dettagli Scrupoloso, Metodico, Rigido, Cura i dettagli. MACHIAVELL 39 Scettico Sospettoso, Diffidente, Machiavellico, Non si fida delle apparenze. PONDERAT 33 Emotivo Suscettibile, Volubile, con la tendenza ad offendersi facilmente. Flessibilità Spontaneo, di limitata autodisciplina e autocontrollo. Fiducioso Altruista, Confida negli altri, Non è sovraideativo. Flemmatico Sicuro di sé, Emotivamente stabile, Resiliente AFFILIAZ 34 Riservato Introspettivo e Freddo, Preferisce lavorare da solo. Gregario Espansivo e Socievole, Loquace, Predilige il lavoro di gruppo. 37 AUTOMONIT 28 Autentico Diretto, Genuino e Aperto, Franco, Schietto. Persuasivo Diplomatico, Scaltro, Perspicace, Socialmente convincente. 62 COMPETIT 27 Compassato Calmo e composto, Riesce a distendersi e rilassarsi. Contendente Ambizioso e competitivo, Ha difficoltà a rilassarsi, Impaziente. 54 EXTERNAL 29 Ottimistico Convinto di riuscire perseverando, Reagisce prontamente alle battute di arresto. Locus of Control Interno. PRAGMATIC 28 Astratto Teorico, Immaginativo. Dotato di sensibilità Estetica, Creativa o Artistica. DISTORSION 21 Bassa Alterazione Si descrive in modo realistico, senza distorsioni. Pessimistico Tende a demoralizzarsi e rassegnarsi, Fatalista. Locus of Control Esterno. Pragmatico Concreto, Pratico e Realistico. Elevata Alterazione Si descrive in modo irrealisticamente positivo, con troppe distorsioni MIDRESP 120 Risposte Estreme Ha risposto in modo convinto e definitivo. Tendenza Centrale Ha risposto in modo esitante e incerto. 99 Norme estratte da un campione italiano ponderato Psychometrics Ltd. Pag. 10 di 11

11 OPPro Big Five Profile Scale PGr Polarità Sx E 5 Introversione Tende ad essere poco espansivo e socievole. N 8 Bassa Ansia Pacato, Misurato, Capace di gestire situazioni stressanti. O 3 Pragmatismo Realistico, Pratico e dagli atteggiamenti tradizionalisti. A 4 Indipendenza Dinamico, Attivo e determinato nelle proprie azioni, Competitivo, Sicuro di sé. C 7 Impulsivo Libero dalle costrizioni derivanti dalle regole sociali, Istintivo, Basso autocontrollo Polarità Dx Estroversione Forte orientamento verso gli altri. Ricerca attivamente le relazioni interpersonali. Alta Ansia Ha problemi a gestire situazioni stressanti. Inquieto e Preoccupato. Apertura all'esperienza Aperto alle novità. Ha molti interessi culturali o artistici. Gradevolezza Orientato agli altri, Empatico, Garbato, Cauto, Accomodante. Controllato Si adegua alle aspettative sociali, Elevato autocontrollo. Psychometrics Ltd. Pag. 11 di 11

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI

ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI 109 S.I.R.I.O. Sistema Integrato di Risultati, Indicatori ed Obiettivi Scheda di valutazione dell attività dei dirigenti Intestazione Periodo di valutazione:

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

The Systems Thinker. DIALOGIC LEADERSHIP William N. Isaacs. Volume 10 Number 1Feb 1999

The Systems Thinker. DIALOGIC LEADERSHIP William N. Isaacs. Volume 10 Number 1Feb 1999 TheSystemsThinker Volume10Number1Feb1999 DIALOGIC LEADERSHIP WilliamN.Isaacs Trad.diJacopoNicelli ProofreadingdiLorenzoCampese 2012SocietyforOrganizationalLearning Quandol annoscorso,lasocietàmonsantoel

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli