animali Viva l Unità d Italia Siamo alla vigilia del 150.anniversario IL TEMA DEL MESE IL RUGGITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "animali Viva l Unità d Italia Siamo alla vigilia del 150.anniversario IL TEMA DEL MESE IL RUGGITO"

Transcript

1 DEL POPOLO animali IL TEMA DEL MESE Viva l Unità d Italia Siamo alla vigilia del 150.anniversario dell Unità d Italia. Il 17 marzo 1861 il parlamento subalpino proclamò Vittorio Emanuele II primo re d Italia, per grazia di Dio e volontà della nazione. Uno dei principali artefici della nascita dell Italia unita fu Giuseppe Garibaldi. Proprio il condottiero nizzardo comandò la spedizione dei mille volta alla conquista del Regno delle Due Sicilie al fine dell annessione di quest ultimo al nascente Regno d Italia dei Savoia. L Eroe dei due mondi è reputato una delle figure fondamentali del Risorgimento, nell immaginario collettivo degli italiani è considerato il personaggio storico più famoso e popolare. In Italia non vi è città o paese che non abbia dedicato a Giuseppe Garibaldi una via, una piazza, una lapide, un monumento, una scuola o teatro. Sembra che non ci sia località che non possa fregiarsi del titolo di una sua visita o di una sua presenza anche fugace. Pure nel resto del mondo la notorietà di Garibaldi è grande, attestata da monumenti, dalla toponomastica e dall ampiezza di una leggenda pressoché universale che lo considera Eroe dei due mondi, invincibile combattente nell America del Sud e in Italia, vincitore sui campi di battaglia di Francia. Idolatrato dai democratici di tutto il mondo è stato il simbolo degli ideali di libertà e giustizia, di indipendenza dei popoli e di emancipazione delle masse popolari. L amore per gli animali è probabilmente uno degli aspetti meno conosciuti della personalità dell Eroe dei due mondi. Come tutti i grandi condottieri del passato, da Alessandro Magno a Giulio Cesare, fino a Napoleone Bonaparte e Carlo Alberto di Savoia, anche Garibaldi si distinse per il legame con il proprio cavallo. In realtà il destriero di Garibaldi era una giumenta dal mantello grigio di nome Marsala. L animale gli fu donato l 11 maggio 1860 in seguito al suo sbarco nell omonima località sicula dal marchese Sebastiano Giacalone Angileri. In sella a Marsala Garibaldi entrò a Palermo, il 27 maggio 1860, e continuò tutta la campagna militare nel Regno delle Due Sicilie, fino ad affezionassi a lei al punto da imbarcarla il 9 novembre 1860 per Caprera, tenendola con se fino alla sua morte, nel 1876, quando aveva ormai trent anni. Oggi Marsala riposa nei meravigliosi giardini della villa di Caprera, accanto al suo padrone. Sulla lapide della sua tomba si può leggere: Qui giace la Marsala che portò Garibaldi in Palermo, nel Morta il 5 Settembre del 1876 all età di 30 anni. In pochi sanno che Garibaldi nell aprile del 1871 fondò assieme alla nobildonna inglese Anna Winter e a Timoteo Riboli la Società Reale per la protezione degli animali, l odierno Ente nazionale per la protezione degli animali (ENPA), contro i maltrattamenti che gli animali subivano sia in campagna sia in città, specie da parte dei guardiani e dei conducenti. Affermava Garibaldi: Proteggere gli animali contro la crudeltà degli uomini, dar loro da mangiare se hanno fame, da bere se hanno sete, correre in loro aiuto se estenuati da fatica o malattia, questa è la più bella virtù del forte verso il debole. (kb) IL RUGGITO di Krsto Babić Anno V n. 38 La fedeltà biblica dei cani La tradizione cristiana ci insegna che Dio ha creato l uomo a propria immagine. Di recente abbiamo letto un libro nel quale era riportata una vecchia leggenda russa. Il racconto svela che Dio dopo aver creato gli uomini si accorse di non aver impiantato loro il senso della fedeltà. Per rimediare alla propria distrazione decise allora di creare il cane donandogli la virtù della fedeltà. Dio stabilì che le sue due creature sarebbero diventate inseparabili e che i cani avrebbero affiancato gli umani insegnando loro il significato e l importanza della fedeltà e dell amicizia. È da tempo immemorabile che l uomo e il cane convivono. A quel punto viene da chiedersi se l uomo ha assimilato il significato della fedeltà? La risposta forse si cela in un altro racconto. Un cane vaga alla ricerca del suo padrone. Ha già attraversato più paesi. Ormai ha i piedi sanguinanti. Finalmente trova il padrone che lavora in mezzo al campo. Lui gli fa festa, ma l uomo malvagio lo bastona. Il cane non demorde e continua a seguire il padrone. Si ferma fuori della casa dell uomo in attesa di poter entrare. Vuole ritornare con lui nonostante i maltrattamenti subiti perché non ha dimenticato le cure che l uomo ha saputo donargli in passato. Il Creatore ha fallito? No. Basta sfogliare il Vangelo secondo Marco e leggere uno dei passi nei quali Gesù è intento a insegnare ai propri discepoli il significato della fedeltà coniugale. Maestro, parlami della fedeltà, chiese un discepolo a Gesù. Un cane servì il suo padrone per tutta la vita, ne difese la casa e i beni e quando questi morì rimase per due mesi sulla sua tomba. Quando morì il cane, gli uomini gli eressero una piccola stele sulla quale scrissero: Fedeltà. Un altro uomo rimase fedele alla moglie per tutta la vita. Quando morì, dietro il suo feretro c era solo la moglie, ed essendo egli un poveraccio, fu gettato nella fossa comune gli risposte Gesù. Perché questa differenza, maestro?, domandò il discepolo. Perché gli uomini ammirano la fedeltà degli animali, cui nulla costa essendo inscritta nella loro natura. Quanto a praticarla essi stessi, non vogliono pagarne il prezzo, conoscendone il costo. La fedeltà coniugale è virtù preziosissima, e ha quindi un costo molto elevato osservò Gesù. Forse non abbiamo ancora imparato cosa è la fedeltà, ma almeno ci siamo resi conto che è una virtù che merita ammirazione. Meno male.

2 2 animali ORNITOLOGIA Un capolavoro di anatomia Il martellio dei picchi a cura di Valentino Pizzulin I picchi (Picidae) costituiscono la principale famiglia dell'ordine dei piciformi (Piciformes), ricca di oltre duecento specie ripartite su 28 generi. Questi uccelli sono ben conosciuti per la loro tecnica di martellare con il becco il tronco degli alberi, sia per alimentarsi con larve di insetti che per creare cavità dove nidificare. Il martellamento ha anche una funzione territoriale, per segnalare la propria presenza a possibili rivali. I Picchi sono voracissimi. Divorano una infinità di larve di coleottero e migliaia di formiche al giorno. Per la ricerca dei coleotteri il Picchio martella i tronchi degli alberi all'incredibile velocità di colpi al secondo. Strabiliante il fatto che la sua testa, quando picchia, si sposta alla fantastica velocità di chilometri orari, più del doppio della velocità di un proiettile. L'arresto della testa tra un colpo e l'altro equivale a una sollecitazione mille volte superiore alla forza di gravità ed è oltre 250 volte più intensa della forza cui è soggetto un astronauta al decollo del missile. Infine, per ricercare il cibo il picchio fa fino a colpi al giorno. Solo un miracolo di coordinazione tra ossa del cranio, becco, cervello e muscoli del collo permette al picchio di sopportare queste fortissime sollecitazioni. Gli scienziati hanno scoperto che gli occhi dei picchi, a differenza di quelli umani, che sono liberi di muoversi, sono incollati al cranio e tenuti immobili da una particolare struttura ossea. Un trucco che riduce la possibilità che l organo visivo subisca danni a causa delle vibrazioni causate dal incessante picchiettio del legno, al quale questi uccelli sono costretti per procurarsi il cibo. Quella degli occhi fissi è solo una degli adattamenti anatomici adottati da questa famiglia di uccelli. Difatti, i picchi sono caratterizzati pure da una lingua molto lunga, che quando è ritirata si avvolge attorno al cranio proteggendolo dai traumi; hanno una speciale membrana che protegge gli occhi dalle schegge; il cervello ha una massa assai ridotta il che riduce la forza con la quale il medesimo urta la scatola cranica e i muscoli delle spalle sono estremamente sviluppati proprio per assorbire l energia che si sviluppa durante il picchietto. Se una persona provasse a emulare un picchio, nella migliore delle ipotesi se la caverebbe con un bel mal di testa, ma le conseguenze di un gesto talmente insulso potrebbero portare anche a conseguenze ben più gravi, quali la commozione celebrale o il distacco della retina. ERPETOLOGIA La lucertola che «difende» l'uomo dai serpenti Il ramarro, un rettile che sa farsi rispettare a cura di Giorgio Adria Il ramarro è un rettile di circa 40 centimetri di lunghezza, compresa la coda, diffuso in buona parte dell Europa centromeridionale e sudorientale, ma è assente nella Penisola Iberica (dove è sostituito dalla lucertola ocellata, Lacerta lepida), in Sardegna, in Corsica e nella maggior parte delle isole mediterranee (è presente solo ad Euboa, Thasos, Samotracia, Corfù ed Elba). Il suo nome scientifico, Lacerta viridis (lucertola verde), è dovuto alla sua colorazione prevalentemente verde. I maschi hanno il dorso verde brillante, il ventre giallo e la gola azzurra. La femmine sono di un verde leggermente più smorto, con due o quattro striature chiare bordate da macchioline nere, e non possiede la macchia azzurra sulla gola. Questa macchia rappresenta per i ramarri un inequivocabile segnale di virilità e la sua vista può scatenare violente aggressioni tra i maschi. I ramarri sono infatti animali territoriali, e, in particolare nel periodo riproduttivo che va da aprile a maggio, i maschi stabiliscono il possesso di determinate aree, i cui confini vengono regolati mediante lotte, in cui ciascun animale afferra l'altro per la mandibola, tirando poi con tutte le proprie forze; il più debole si rende presto conto della propria inferiorità e lascia la presa, agitando le zampe anteriori in segno di sottomissione e ritornando rapidamente al proprio rifugio. Il nido è una piccola buca scavata dalla femmina nel terreno, in cui vengono deposte in genere una ventina di uova dal guscio membranoso. Non esistono cure parentali. Benché prevalentemente insettivoro, come tutte le lucertole, anche il ramarro può nutrirsi anche di uova e nidiacei di piccoli uccelli, che riesce a predare grazie alla grande agilità con cui si arrampica sui rami degli arbusti e degli alberi più bassi. A differenza della maggior parte delle lucertole, infatti, predilige ambienti non troppo scoperti: boschi radi, prati con erba alta, siepi, cespuglieti, bordi di campi. Non ama il caldo eccessivo, tanto che nelle regioni più meridionali lo si può trovare anche in zone umide o in alta montagna; tuttavia al mattino e al tramonto è possibile vederlo su rocce e muretti esposti al sole per la termoregolazione. Vivace e mobilissimo, in genere fugge con incredibile rapidità all avvicinarsi di un pericolo (pur possedendo una colorazione che potrebbe mimetizzarlo tra il fogliame), ma se messo alle strette si difende con grande energia, diventando decisamente aggressivo. Proverbiale è l ostilità di questo rettile nei confronti della vipera e dei serpenti in genere. In Italia si crede che il ramarro, in presenza di serpenti velenosi, avvisi le persone minacciate con un fischio sibilante. Da qui il detto Il ramarro tienilo alla tua destra - cioè vicino - perché ti fischia nell'orecchio. E se capita di affrontarli, li assale senza timore, uscendone regolarmente vincitore. La forza del ramarro contro i serpenti, secondo la tradizione, deriva dal fatto che questo rettile non teme il veleno e, anche se morso, riesce sempre a salvarsi mangiando una misteriosa erba antiveleno. Proverbiale nel ramarro è anche la tenacia: Tenace come un ramarro, si dice alle persone decise, tutte d un pezzo, che non indietreggiano mai di fronte alle avversità della vita. Questa nomea deriva dal fatto che le rare volte che il ramarro morde l uomo, non molla la presa per nessun motivo, resistendo perfino al fuoco. Tanto che, scherzosamente, in Romagna, dicevano che Il ramarro quando ha preso - con un morso una persona - non lascia più andare finché non sente suonare le campane di Roma.

3 animali 3 FELINI Un temibile predatore che si terrorizza alla vista dei cani Il caracal, la «lince del deserto» a cura di Vito Furlan Il caracal (Caracal caracal), detto erroneamente la lince del deserto (il caracal non appartiene alla famiglia delle linci) è un felino di piccola taglia. Alto dai 45 ai 50 centimetri, il cui peso può variare dagli 8 ai 18 chilogrammi. Si tratta di un animale robusto, abbastanza basso sulle zampe e dotato di una coda relativamente lunga se paragonata alla dimensioni del corpo. Il caracal ha la testa, piccola con orecchie molto lunghe, appuntite e caratterizzate alle estremità da ciocche di peli neri lunghi fino a 8 centimetri (al colore di questi ciuffi è dovuto anche il suo nome: dal turco Karakulak, orecchio nero ). Il suo verso più che al miagolio di un gatto ricorda l'abbaiare dei cani. Il colore del mantello è più scuro sul dorso che sui fianchi. Il ventre, il petto, e l'interno delle membra è grigio chiaro, quasi bianco, a volte picchiettato di punti rossastri o bruni. Sulla testa, il caracal è segnato da due strisce scure sotto gli occhi e da una macchia scura che circonda il muso. Come quasi tutti i felidi, il caracal è dicromatico, ne esistono cioè due varietà: una grigia e una rosso-bruna. Nel 1970, due piccoli sono stati presi insieme in una grotta, nel sud della Nigeria. Uno era grigio scuro, l altro bruno. Questi piccoli caracal sono stati allevati nello zoo d'ibadan. Nel Karamoja, in Uganda, sono stati catturati dei caracal del tutto neri. Come le linci, il caracal ha occhi con pupille circolari, che si contraggono in forma di punti rotondi. Il cranio è arrotondato e il secondo premolare superiore manca. Questo solo dettaglio permette di distinguere il cranio del caracal da quello del serval (gattopardo) che dal punto di vista anatomico gli somiglia molto. L areale La distribuzione geografica del caracal copre l Africa e una parte dell'asia. La sua presenza è stata registrata in Turkmenistan (deserto del Karakum), nel Turkestan, nel Pakistan, nell Afghanistan, in Iran, Iraq e India (Rajasthan). Lo si trova pure in parecchie regioni dell Arabia Saudita, così come nelle zone molto secche dell Africa quali la Libia. Il caracal abita, inoltre, l Asia minore, l Anatolia, le Il caracal è noto per la sua abilità nella caccia agli uccelli e per secoli gli indiani lo hanno addestrato a questa attività. Usa le zampe per gettare a terra l uccello in volo regioni dell Izimir e del Fethiye, dove un esemplare è stato catturato nel A sud del Sahara, questo felide è abbastanza diffuso in Somalia. Il carcal è presente, seppur molto raro, anche nella Repubblica centroafricana, ma lo si trova nel Tchad, nel Tibesti e nel nord del Camerun. La sua presenza nel Gabon non è confermata. Nell Africa meridionale il caracal abbonda nel Botswana e nel distretto di Gobabis, nel sud-ovest africano. Lo si trova in Angola, nel Medio Congo, nel Sudan, così come nella Mauritania meridionale e nell Aïr. L habitat Il caracal ama le regioni secche, aride e semidesertiche. Preferisce i terreni scoperti ai luoghi boscosi. In Africa del sud popola le pianure sabbiose, ma lo si trova in tutti gli altri ambienti naturali tranne che nelle foreste. Sembrerebbe che in Asia il caracal sia più amante del deserto che in Africa. Un predatore pericoloso Il caracal è principalmente un predatore notturno. La sua biologia è ancora poco conosciuta. Si sa per certo che è un felide solitario che si accoppia esclusivamente durante la stagione degli amori. Di giorno è solito nascondersi nelle tane lasciate incustodite dalle volpi e dai porcospini. Non esita ad attaccare l uomo, ma se inseguito dai cani si rifugia sugli alberi. Il caracal si nutre abitualmente di piccole antilopi. Quando gli si presenta l occasione non esita a rubare le uova d uccello lasciate incustodite nei nidi. È stato visto attraccare pure i dendroiraci, gli oribi, i dik-dik, le giovani gazzelle e gli uccelli gallinacei. In Africa del Sud, si nutre di lepri. A volte, i caracal divorano serpenti e altri rettili. Nei deserti transcaucasici si nutrono di lepri, in India le pernici sono le loro prede favorite. La tecnica di caccia Il caracal è dotato di un fiuto senza pari nella cattura degli uccelli. Si avvicina strisciando ad un raggruppamento di pernici, di francolini o di piccioni poi salta e abbatte gli uccelli di slancio a colpi di zampe. È capace di colpire con un colpo di zampa una pernice che vola a tre metri dal suolo. La riproduzione I caracal raggiungono la maturità sessuale verso i due anni d età. Dalle osservazioni compiute finora è stato appurato che allo stato brado le femmine di caracal possono dare alla luce fino a cinque cuccioli alla volta. L atto dell accoppiamento dura una decina di minuti. Dopo una gestazione di giorni, i piccoli nascono ciechi, ma coperti di pelo simile a quello degli adulti, ma più scuro. I cuccioli aprono gli occhi tra il sesto e il decimo giorno. La longevità del caracal è considerevole. Due caracal, custoditi al giardino zoologico di Dublino, sono morti alla rispettabile età di sedici e diciassette anni.

4 4 animali 5 USANZE POPOLARI Dal 2012 la «fiesta» di sangue e arena non verrà più celebrata in Catalogna Il Parlamento regionale di Barcellona ha sancito l abolizione della corrida Immagini come queste in Spagna sono sempre più rare La danza del matador Talvolta è il toro a prevalere di Marco Grilli In Catalogna, e di riflesso in tutta la Spagna, l estate scorsa si è infuocata per le polemiche fra sostenitori e detrattori della corrida. Lo scorso 18 dicembre il Parlamento catalano ha avviato l iter per la legge d iniziativa popolare volta all abolizione della moderna tauromachia, con 67 voti favorevoli, 59 contrari e cinque astenuti. Nonostante i forti interessi economici verso questo settore (addetti ai lavori, grandi latifondisti, agenzie turistiche ecc) innegabile è il calo d interesse e la decadenza culturale di quest eterna sfida tra uomini e animali che celebra il rito della morte, cantata da letterati e artisti e messa in scena in Spagna sin dall 800 (la forma attuale risale al XIV secolo). Se già un sondaggio nel 2006 rivelò che l 81 p.c. dei giovani fino a trent anni si disinteressava completamente alla corrida (così come il 59 p.c. degli ultrasessantenni), nel 2008, anno in cui furono uccisi ben tori in eventi, gli appassionati a quest attività furono solamente il 27 p.c. degli spagnoli, contro il 55 p.c. del Un anno dopo, si svolsero 891 feste taurine di prima categoria, ben 354 in meno rispetto al In Catalogna l opposizione a questa tradizione, che sopravvive anche in Portogallo, sud della Francia e alcuni paesi dell America Latina, si è dimostrata particolarmente forte dal 2003 fu proibita la costruzione di nuove Plaza de Toros e 85 municipi hanno sottoscritto la legge d iniziativa popolare tanto che a Barcellona è rimasta attiva solo l Arena Monumental. Il referendum abolizionista A partire da questi dati, s è scatenata la battaglia della Plataforma Prou! (dal catalano, basta!), un insieme di associazioni animaliste che, grazie ad una vivace e variopinta campagna antitaurina, è riuscita a raccogliere in soli 120 giorni ben firme per la legge d iniziativa popolare ne sarebbero bastate finita all esame delle commissioni parlamentari. Il fronte abolizionista ha considerato ormai sorpassata quest istituzione che ancora oggi richiama nell immaginario l identità spagnola, condannandola senza mezzi termini come spettacolo violento e diseducativo, che sottopone i tori a indicibili sofferenze unicamente per il divertimento del pubblico. La Plataforma Prou! ha invocato la modifica dell articolo sei della legge sulla protezione degli animali, chiedendo la proibizione di tutti gli spettacoli che contemplano l uccisione di animali, dentro e fuori le arene, con l introduzione di misure compensative per i lavoratori impiegati nel settore. Una parte notevole del mondo dello spettacolo e della cultura internazionale ha appoggiato la campagna abolizionista, volta a dimostrare la sensibilità della Catalogna nel rispetto degli animali, dando voce a chi non l ha mai avuta, i tori spietatamente sacrificati nelle arene. La proposta, trasformata in disegno di legge dal Parlamento di Barcellona, è stata votata favorevolmente dagli indipendentisti repubblicani di sinistra (Erc) e dagli ecologisti (Icv), mentre i due principali partiti catalani, i socialisti (Psc) e i nazionalisti moderati (Ciu), hanno lasciato libertà di voto; pro-corrida il partito popolare e il gruppo misto. La definitiva approvazione della legge nel parlamento catalano è avvenuta nella storica seduta del 28 luglio 2010 (68 voti a favore, 58 contrari e 9 astenuti): la Catalogna è divenuta così la prima regione continentale abolizionista (la corrida fu abolita nelle Canarie nel 1991), rendendosi la principale artefice di un possibile effetto domino che potrebbe far scomparire definitivamente l arte taurina dalla penisola iberica. La richiesta di risarcimento Dal 2012 la fiesta di sangue non verrà più celebrata in Catalogna, mentre il mondo delle Plaza de Toròs, che dà lavoro ad un migliaio di dipendenti, ha già pronta la richiesta alla Generalitat (il parlamento di Barcellona) di un indennizzo pari a 300 milioni di euro per il danno derivato dalla proibizione. Molti critici vedono nel provvedimento l ennesimo tentativo indipendentista dei catalani, sempre più insofferenti all autorità di Madrid e desiderosi di sottolineare la loro differenza culturale rispetto alla capitale. Al di là delle questioni politiche, la contesa continua ad arroventare la Spagna. Da una parte il movimento animalista, deciso ad andare fino in fondo e sempre più attivo ed eclatante nelle sue manifestazioni, con una forte sensibilizzazione promossa via Internet e le continue azioni di protesta al di fuori delle arene (specialmente nel nord-est della Spagna dove la corrida mostra segni di forte sofferenza) all urlo dello slogan Tortura, non è cultura ; dall altra i tradizionalisti e gli addetti al settore con la loro visione romantica della tauromachia, ritenuta una sublimazione della morte per l arte e patrimonio irrinunciabile per la cultura iberica. Così, mentre a Barcellona continuava con toni accesi e perfino azioni simboliche il dibattito parlamentare (dalla provocazione del fisico Jorge Wagensberg presentatosi in aula con spada e banderilla per catturare l attenzione sulla sofferenza animale il toro muore affogato nel suo sangue, la punta della spada cerca il cuore attraversando i polmoni. Non è ammissibile uno spettacolo che si basa o richiede la sofferenza di un essere vivente alla controreplica dell ex-torero Joselito Arroyo che si era appellato al valore emozionale e culturale della corrida La fiesta è spettacolo di vita, di morte, di rispetto, valori che si stanno perdendo in questa società, è come il primo amore, nel quale c è crudeltà e sofferenza, ma che non per questo va abolito. Pro tauromarchia La Regione di Madrid, governata dal Partito Popolare, seguita a ruota da Valencia e Murcia, ha chiesto all Unesco d inserire la tauromachia nel patrimonio culturale dell umanità per evitarne il bando, suscitando nuove polemiche e imponenti manifestazione di protesta da parte delle organizzazioni animalista. Dopo il voto di Barcellona, la destra conservatrice e centralista ha accolto il guanto di sfida e si è decisa a portare la questione al parlamento nazionale, per ottenere un voto che definisca la corrida come spettacolo d interesse generale. Una disputa che si è fatta sentire anche fuori dai confini spagnoli, se pensiamo all appello antiabolizionista firmato da 133 politici del sud della Francia, pesantemente criticato dall ex-attrice Brigitte Bardot, da molti anni attivista animalista, intervenuta a dir la sua con una lettera pubblicata su Le Figaro :...Sono scandalizzata che in Francia si possa ancora dar spettacolo con la sofferenza e la morte di un animale. Nessuna giustificazione culturale può cancellare la realtà di crudeltà e barbarie che mette in mostra la corrida. Le arene bandite dal piccolo schermo Su giornali, radio e tv impazza ormai la polemica, dai toni accesi e spesso sopra le righe. È bastato un semplice cartone animato antitaurino mandato in onda dalla Televisione pubblica spagnola (Tve) a scatenare un polverone, con i sostenitori della corrida che hanno gridato all affronto, giudicandolo diseducativo per l umanizzazione del toro e l irrisione della fiesta nazionale. Nel cartone, scritto e diretto da Ido Angel e mandato in onda di domenica in fascia pomeridiana orario di massimo ascolto infantile tre protagonisti, un cane volante, una gatta e una cicogna, intervengono in aiuto del pacifico toro Billy, costretto a combattere nell arena contro la sua volontà, facendolo fuggire e irridendo al contempo il matadòr. Una propaganda inaccettabile per i tradizionalisti amanti della corrida, tanto più che dal 2008 la Tve non trasmette più la lotta nelle arene, poiché, svolgendosi di pomeriggio e quindi in fascia protetta, ritenuta troppo crudele. Il ritorno del matador Lo scorso 17 luglio la Plaza de Toros Monumental di Barcellona ha accolto il ritorno del torero più famoso e amato, José Tomás Román Martín, già rientrato in scena nel 2007 dopo il provvisorio ritiro di cinque anni prima. In quell occasione, mentre il pubblico andava in visibilio per il suo matador, a Barcellona si assistette alla più grande manifestazione anticorrida, con persone che marciarono dalle Ramblas alla Plaza de Toros chiedendo la fine di questa vergogna nazionale. La fine di una crudele ed eterna lotta impari tra uomo e animale potrebbe migliorare la nostra coscienza e spingerci ad una maggior tolleranza e rispetto della vita, in quest epoca troppo marcata da violenze, ingiustizie e sopraffazioni. Scriveva Ernest Hemingway nel suo Morte nel pomeriggio del 1932: Da un moderno punto di vista morale l intera corrida è insostenibile; c è molta crudeltà, c è sempre pericolo e c è sempre morte. Basta sangue nelle arene: senza esitazioni, io sto dalla parte del toro. Per gli spettacoli nelle arene vengono scelti solo i tori dei migliori allevamenti Alcuni toreri in Spagna sono famosi come e più dei calciatori

5 6 animali OMEOPATIA VETERINARIA Una terapia alternativa per i nostri «pet» I Fiori di Bach e la cura degli animali Molti avranno sentito parlare dei fiori di Bach, ma non sanno esattamente cosa siano. In questo spazio cercheremo di spiegare il metodo di cura messo a punto da Edward Bach e come il medesimo può aiutarci a curare i nostri amici animali. Edward Bach nacque il 24 settembre 1886 a Moseley, un paesino nei dintorni di Birmingham in Inghilterra. Fu un uomo di profonda Sono 38 le fragranze dei Fiori di Bach A cura di Umberto Braida sensibilità e grande cuore e intuì l intimo legame che esiste tra le condizioni psicologiche e il corpo, una caratteristica da sempre riconosciuta nella cultura orientale. Sentimenti come l odio, il rancore, ma anche l impazienza o la paura si ripercuotono sull organismo fino a generare quella che comunemente chiamiamo malattia. I rimedi floreali ideati da Bach sono in tutto 38 e ciascuno interessa un particolare stato mentale o emotivo. Non curano direttamente le malattie a livello fisico in quanto non sono capaci di rimuovere un pensiero o un atteggia- mento negativo, ma consentono una sua trasformazione in positivo e quindi permettono di giungere ad un suo superamento. Edward Bach capì che la legge della polarità si applica anche ai sentimenti, che l odio è l altra faccia dell amore, che la paura è l altra faccia del coraggio. I Fiori possono far compiere una virata di centottanta gradi ad un atteggiamento mentale, con il risultato di trasformare in positivo quello che inizialmente era un problema. A questo punto qualcuno potrebbe osservare che tale concetto mette in dubbio l utilità del loro uso sugli animali. Tuttavia, come affermava Charles Darwin: Le sensazioni e le varie facoltà ed emozioni, quali l amore, la memoria, l attenzione, la curiosità, l imitazione, la ragione di cui tanto si vanta l uomo, sono rintracciabili in forma incipiente e talora perfino sviluppata anche negli animali. Darwin mise l accento sul fatto che l uomo e gli animali condividono le stesse emozioni fondamentali e ha addotto esempi di alcuni mammiferi animati da sentimenti complessi come la vergogna, l avversione, il desiderio di vendetta e perfino il senso dell umorismo. In questo spazio non si farà riferimento a cure miracolose, quelle le lasciamo ai veterinari, parleremo invece di quei piccoli grandi problemi comportamentali che i nostri animali possono manifestare. Il rimedio d emergenza Il Rescue remedy (Rimedio d emergenza) è probabilmente il più noto tra i rimedi floreali di Bach. Costituito dalla miscela di cinque essenze fu formulato per contrastare gli effetti immediati delle crisi improvvise e delle emergenze. I suoi componenti sono Star of Bethlehem, per lo shock e la paralisi, Rock Rose, per il panico e la paura della morte, Clematis, per la perdita di coscienza, Impatiens, per la tensione e il desiderio di fuga e Cherry Plum, per la perdita dell autocontrollo. Già dalla descrizione dei componenti possiamo dedurre in quali situazioni il Rescue remedy può essere utilizzato in occasione di visite dal veterinario e in tutte quelle situazioni che causano stress, coinvolgimento in incidenti stradali da cui le bestiole escono con ferite o shock, animali salvati e tenuti in rifugi per lunghi periodi, di grande importanza per gli uccelli che subiscono shock e stress con grande facilità, separazioni, traslochi, viaggi, ecc. Il Rescue, ovviamente, non sostituisce l azione del veterinario, ma fornisce un validissimo soccorso-tampone e soprattutto un formidabile complemento alla terapia corporea che il caso richiede. Il Rescue remedy è un preparato in forma liquida, per trattamenti a lungo termine su animali di taglia piccola e media come cani e gatti va usato in questo modo: versate quattro gocce in una boccetta da 30 millilitri provvista di tappo con contagocce (si compra dall erborista e generalmente le erboristerie che vendono i Fiori di Bach sono fornite anche delle bottigliette per la diluizione), poi riempite completamente il flaconcino con acqua minerale naturale e abbiate l accortezza di tenere il flaconcino al riparo dalla luce e in un luogo fresco che non sia il frigo. Non mescolate l infuso con liquori alcolici. Somministrate quattro gocce del preparato quattro volte al giorno all animale per quattro o cinque giorni o anche di più se necessario. Non abbiate paura, nei Fiori di Bach non esiste il problema del sovradosaggio, semplicemente il corpo dell animale assume la quantità che gli è necessaria. Naturalmente nelle situazioni di emergenza tutto questo lavoro non è possibile quindi usatelo puro, stillatelo direttamente sulla lingua o sulle gengive facendo attenzione a non sporcare il contagocce. Quando l animale è in stato di incoscienza si può applicare oltre che sui punti suddetti anche sul naso, sui punti dove si prende il polso o nelle cavità tenere. La dose è di due gocce ogni cinque o dieci minuti fino alla totale ripresa o comunque fino a che l animale non si è calmato. Per gli animali di grossa taglia quali mucche e cavalli, la dose di Rescue remedy è di otto o dieci gocce versate in un secchio d acqua che deve essere consumato nel corso di una giornata. Esiste anche una pomata a cui è stato aggiunto un ulteriore fiore, il Crab Apple. Questo unguento è applicabile topicamente per l attenuazione dei gonfiori, delle infiammazioni, delle ustioni, delle distorsioni e per accelerare il processo di guarigione. Avvertenze Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute degli animali. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub.

Volpe polare. Dossier di presentazione. WWF Svizzera. P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00. 6501 Bellinzona www.pandaclub. WWF Svizzera P. Indipendenza 6 Tel.: +41 (0)91 820 60 00 Casella postale pandaclub@wwf.ch 6501 Bellinzona www.pandaclub.ch Volpe polare Dossier di presentazione Klein & Hubert / WWF Scheda Dimensioni:

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di lupo nel mondo: il lupo grigio (Canis Lupus) e il lupo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo

Abete. Quercia. Orso bruno. Volpe. Ciclamini. Fragole. Lupo Il bosco e il sottobosco Il bosco è un ambiente naturale caratterizzato da alti alberi con grandi chiome. Gli alberi proteggono la parte più bassa del bosco, detta sottobosco, dal sole e dal vento. Abete

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il mondo degli insetti BREVE DESCRIZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO: l unità di apprendimento ha l intento di presentare le caratteristiche del mondo degli insetti, esseri

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

Il linguaggio degli animali

Il linguaggio degli animali Il linguaggio degli animali Siano che vivano da soli o in gruppi organizzati, gli animali comunicano tra loro: si scambiano informazioni per la ricerca del cibo, la conquista e la difesa del proprio territorio,

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare?

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Intervista all educatore cinofilo E. Buoncristiani 1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Gli aspetti positivi di questa

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Cerchiamo di entrare in contatto con il lupo, conoscere la sua specie, capire perché è sparito e ricomparso, vedere come è protetto dalla legge,

Cerchiamo di entrare in contatto con il lupo, conoscere la sua specie, capire perché è sparito e ricomparso, vedere come è protetto dalla legge, Premessa Pensare al lupo significa ritornare ai primi anni della propria vita quando con cura viene proposta alla nostra immaginazione non la storia del re della foresta, ma lo spaventoso profilo di un

Dettagli

Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010).

Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010). ARRIETTY Per i più grandi. Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010). Sotto il pavimento di una grande casa nella campagna di

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

I cinesi, i cinesi, i cinesi

I cinesi, i cinesi, i cinesi I cinesi, i cinesi, i cinesi Si fa un gran parlare dei cinesi. Stanno invadendo tutto, dicono. Naturalmente da un punto di vista economico. Si sono adeguati al mercato globale, hanno accettato le regole

Dettagli

I marsupiali IL CANGURO

I marsupiali IL CANGURO I marsupiali I marsupiali devono il loro nome alla tasca marsupiale che è presente nelle femmine. Questa "tasca" serve a contenere i piccoli, che sono partoriti poco sviluppati e finiscono il loro sviluppo

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

I primi passi con un cucciolo

I primi passi con un cucciolo I primi passi con un cucciolo 15 I primi passi con un cucciolo Abbiamo preso Metchley dal canile quando aveva nove settimane. Già durante il suo primo giorno da noi ho iniziato l addestramento con il tocco

Dettagli

Il Picchio nero Dryocopus martius

Il Picchio nero Dryocopus martius Gli animali della Riserva forestale dell Onsernone Il Picchio nero Dryocopus martius Il Picchio nero è il guardiano della foresta naturale matura. La sua presenza tiene sotto controllo le invasioni degli

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dall assemblea di presentazione del progetto di formazione per i nidi e le scuole d infanzia di martedì 30 settembre 2014:

Dall assemblea di presentazione del progetto di formazione per i nidi e le scuole d infanzia di martedì 30 settembre 2014: Dall assemblea di presentazione del progetto di formazione per i nidi e le scuole d infanzia di martedì 30 settembre 2014: -Quanto oggi è necessario partecipare alla comunicazione scambiata nel web? -Che

Dettagli

Un anno con Iccio Riccio

Un anno con Iccio Riccio CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE IL PICCHIO Un anno con Iccio Riccio Testi a cura di Marialuisa Campani Immagini realizzate da Laura Serri Quaderno didattico realizzato con il contributo della Regione Emilia

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA:

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Titolo: ZANZARE CITTADINE Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come obiettivo

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

L'UTILIZZO DEI FIORI DI BACH PER IL CANE : UN POSSIBILE AIUTO

L'UTILIZZO DEI FIORI DI BACH PER IL CANE : UN POSSIBILE AIUTO Centro Cinofilo Tenuta La Torre L'UTILIZZO DEI FIORI DI BACH PER IL CANE : UN POSSIBILE AIUTO A cura di Dr.M.Gabriella Pieroni Cell.348-1502791 e-mail mgppieroni@libero. Terapia con i fiori di Bach in

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Progetto 6 Istituto Comprensivo Bruno Ciari di Padova A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Classi 2 A-2 B 2 B Scuola primaria Rodari ESPLORATORI PER UN GIORNO 15 aprile 2014 Casa Marina Parco Regionale

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 Formazione montuosa Sierra peruviana Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 In questo numero: Seconda domenica di maggio: Festa della Mamma Volontari in azione! Alcune poesie dedicate alla

Dettagli

Scopri gli insetti più spettacolari dei cinque continenti

Scopri gli insetti più spettacolari dei cinque continenti Scopri gli insetti più spettacolari dei cinque continenti Un Opera editoriale per tutta la famiglia Colleziona gli invertebrati provenienti da tutto il pianeta ed esaminali da ogni angolazione grazie a

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

La gatta Arcibalda e altre storie

La gatta Arcibalda e altre storie ADRIANA ZARRI La gatta Arcibalda e altre storie Riflessioni sugli animali e sulla natura prefazione di MONS. LUIGI BETTAZZI postilla di NATALE FIORETTO 2011 PREFAZIONE Adriana Zarri era una donna di fede.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave

PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PROGRAMMAZIONE NIDO MADONNA DI FATIMA di Breda di Piave PREMESSA: Il collegio docenti è composto da quattro insegnanti e la coordinatrice e si riunisce una volta al mese circa. Una cosa molto importante

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

i nostri amici DELFINI testo e illustrazioni di Giovanni Bearzi

i nostri amici DELFINI testo e illustrazioni di Giovanni Bearzi i nostri amici DELFINI testo e illustrazioni di Giovanni Bearzi CON LE TUE MATITE COLORATE PUOI RENDERE QUESTO LIBRO ANCORA PIÙ BELLO! QUESTO LIBRO APPARTIENE A i nostri amici DELFINI Testo e illustrazioni:

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Percorsi didattici 2015/2016. Parco Zoo Falconara

Percorsi didattici 2015/2016. Parco Zoo Falconara Percorsi didattici 2015/2016 Parco Zoo Falconara VISITE LIBERE per gruppi scolastici anno scolastico 2015/2016 Tariffe: 8,00 a persona (dai 3 anni in poi, i bambini ed adulti pagano la stessa tariffa d

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Il cavallo è un vero amico!

Il cavallo è un vero amico! Il cavallo è un vero amico! Piccola guida fotografica per ragazzi Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Il Piccolo Principe

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Il Piccolo Principe I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Il Piccolo Principe Indice illustrato CAPITOLO 1 L incontro con il piccolo principe... 7 CAPITOLO 2 Il pianeta del piccolo principe.... 17 CAPITOLO 3 Un

Dettagli

Libretto B 6-8 anni. www.avventuresuimontipallidi.it 2015 Provincia autonoma di Trento. Ideazione, direzione artistica e illustrazioni di

Libretto B 6-8 anni. www.avventuresuimontipallidi.it 2015 Provincia autonoma di Trento. Ideazione, direzione artistica e illustrazioni di Ideazione, direzione artistica e illustrazioni di Valentina Gottardi / crisidellaprospettiva.com Libretto B 6-8 anni www.avventuresuimontipallidi.it 2015 Provincia autonoma di Trento Avventure sui Monti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI LINGUA CLASSE IV ANNO SCOLASTICO I QUADRIMESTRE ALUNNO/A IL PANDA Il panda è un buffo, timido, simpatico

Dettagli

Un'Esperienza leggendaria

Un'Esperienza leggendaria Un'Esperienza leggendaria In inverno In estate Rifugio Nambino Una struttura ricettiva raffinata e confortevole sulle rive del Lago Nambino, nel cuore del Parco Naturale dell Adamello Brenta. Vi basterà

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

I risultati del progetto

I risultati del progetto CENTRO CICOGNA BIANCA DI GOITO (MANTOVA) - PARCO DEL MINCIO I risultati del progetto Nel 1990 si osserva nel territorio del Parco del Mincio un tentativo di nidificazione, il primo storicamente noto, a

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

REGOLAMENTO FISC BIMBI & CANI

REGOLAMENTO FISC BIMBI & CANI 1. PRESENTAZIONE REGOLAMENTO FISC BIMBI & CANI La Federazione Italiana Sport Cinofili, al fine di promuovere la conoscenza e il rispetto per il cane tra i giovani, ha elaborato un progetto interamente

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

ZOO, ACQUARI E CIRCHI: VISTI CON GLI OCCHI DEGLI ANIMALI

ZOO, ACQUARI E CIRCHI: VISTI CON GLI OCCHI DEGLI ANIMALI ZOO, ACQUARI E CIRCHI: VISTI CON GLI OCCHI DEGLI ANIMALI Un libretto per capire che questi luoghi sono solo prigioni per gli animali e che se davvero amiamo gli animali e vogliamo che vivano felici e senza

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli