IMPATTO DELLA CULTURA SUI THINKING STYLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPATTO DELLA CULTURA SUI THINKING STYLE"

Transcript

1 IMPATTO DELLA CULTURA SUI THINKING STYLE DEI MANAGER CINESI E AUSTRALIANI FRANCESCO SOFO CINZIA COLAPINTO Working Paper n DICEMBRE 2007 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE AZIENDALI E STATISTICHE Via Conservatorio Milano tel (21522) - fax (21505) E Mail: Pubblicazione depositata ai sensi della L. 106/ e del DPR 252/

2 Impatto della cultura sui thinking style dei manager cinesi e australiani. F. Sofo *, C.Colapinto Introduzione Il presente lavoro introduce un approccio cognitivo all analisi delle performance dei manager, nella prima parte si richiama la letteratura su questo tema mettendo in evidenza la relazione esistente fra valori culturali e stili decisionali, oltre a introdurre gli strumenti utilizzati nella presente ricerca. Successivamente si descrivono i caratteri essenziali dei due paesi scelti come campione dell analisi. Nell ultima sezione si descrive metodologia e si riporta l analisi dei dati raccolti. Questa ricerca si occupa di verificare l esistenza o meno di differenti thinking style fra i manager cinesi e australiani, studiando le loro preferenze, partendo dal presupposto che concetti e stili di pensiero portano in sé la ricchezza delle culture. Sono state condotte analisi quantitative su dati raccolti nei due paesi su un campione di manager del settore pubblico: 122 manager in Cina e 71 in Australia. In generale i manager intervistati sono direttori e vice-direttori di istituzioni educative. I dirigenti cinesi sono stati contattati durante un corso tenuto da docenti di Università australiane in Cina al fine di scoprire modelli occidentali e teorie e valutare quanto fossero adattabili al contesto educativo cinese; mentre quelli australiani avevano già conseguito una laurea e stavano seguendo ulteriori corsi. Ai manager sono stati somministrati alcuni questionari, derivati dal Thinking Style Inventory (TSI) di Sofo (2002) e dalle forme di stili di pensiero (FTS) di Sternberg (1997). Il TSI valuta le preferenze per i differenti stili di pensiero: condizionale, indagatore, esplorativo, indipendente e creative. Alla base della teoria degli stili cognitivi di Sternberg (FTS) vi sono invece tre fondamentali stili di pensiero: legislativo, esecutivo e giudiziario. I risultati mostrano che fra manager cinesi e australiani esistono differenze statisticamente significative fra le preferenze per gli stili condizionale, indagatore, esplorativo, indipendente, esecutivo e giudiziario, mentre questo non accade per gli stili di pensiero creativo e legislativo. 1. Review della letteratura Lo studio di come i manager pensano ha caratterizzato gli ultimi due decenni. Ad esempio Simon (1987), ha evidenziato come spesso le decisioni non siano basate su di un analisi razionale ma dipendano da risposte intuitive (non-razionali) alle situazioni o dalle emozioni (risposte irrazionali). A conclusioni simili era giunto Isenberg (1984), la cui ricerca aveva mostrato che i top executive non seguono strettamente il classico modello razionale: stabilire gli obiettivi, valutare la situazione, formulare le opzioni, stimare la probabilità di successo, prendere una decisione, e poi agire per implementarla. Entrambi non accettano però l idea che il ruolo dell intuizione implichi un processo non analitico o non razionale. Questi aspetti hanno portato a negare l esistenza di due soli tipi di stili manageriali, ovvero di uno che dipende quasi esclusivamente sull intuizione, e uno che impiega tecniche analitiche. In realtà, potremmo parlare di un continuum di stili di decision-making in base alle diverse combinazioni di due tipi di capacità, e alla natura del problema da risolvere. A livello internazionale ci possiamo domandare se i manager agiscono e pensano nello stesso modo. Quello che è certo è che possiamo osservare l esistenza di diversi valori cross-culturali che impattano sulle aspettative dei manager e dei dipendenti in termini di interazione interpersonale. Un pioniere in questo ambito è stato Geert Hofstede (1991), che ha analizzato i dipendenti dell IBM, multinazionale attiva in circa 40 paesi, focalizzandosi su cinque dimensioni culturali: Distanza di potere (PD): guarda al grado di disuguaglianza, al livello gerarchico presente in una nazione. Ha una forte correlazione negativa con la dimensione dell individualismo: culture altamente individualiste registrano solitamente un basso livello di distanza di potere. * University of Canberra, Australia. Università di Milano, Italia.

3 Individualismo contro collettivismo (IDV): riguarda il problema dell identità e guarda quanto una cultura si basa sulla persona o sulle organizzazioni. Sono spesso considera tori fattori predittivi del livello di individualismo o collettivismo il livello di sviluppo economico e il tipo di clima. Quantità contro qualità della vita oppure mascolinità contro femminilità (MAS): si focalizza sull opposizione fra forte e debole. Qui la questione è se una cultura è caratterizzata da dominio e dogmaticità oppure è a favore delle sensazioni e della qualità della vita. In altre parole se una nazione preferisce il successo materiale e la competizione oppure la solidarietà e l attenzione per il prossimo. Annullamento dell incertezza (UAI): preferenza per situazioni più o meno strutturate e relativa volontà di evitare situazioni nuove, ambigue o imprevedibili. Lungo termine contro orientamento a breve termine: ovvero valori orientati verso il futuro (risparmio e persistenza) contro valori orientati verso il presente (rispetto per la tradizione e obblighi sociali). Questa dimensione, che in realtà è stata aggiunta successivamente alle altre, è anche definita Dinamismo di Confucio (CDI). Il dilemma è la scelta fra virtù oggi o domani. Gli studi di Hofstede sono stati spesso criticati ma il programma di ricerca GLOBE (Global Leadership and Organizational Bahaviour Effectiveness) della Haskayne School of Business (Canada) (Javidan, House, 2001) ha confermato la validità delle sue cinque dimensioni. Utilizzando dati provenienti da 825 organizzazioni attive in 62 paesi, il team GLOBE ha identificato nove dimensioni in cui le culture nazionali differiscono: Distanza di potere Annullamento dell incertezza Orientamento umano Collettivismo I: o collettivismo sociale Collettivismo II: collettivismo nei gruppi misura la lealtà che un individuo ha verso la famiglia o un organizzazione, e l orgoglio nell appartenere a quel gruppo Assertività: misura quanto le persone sono assertive o meno nelle loro relazioni sociali Pari opportunità per i sessi: nel senso di quanto si tenda a minimizzare ineguaglianza e discriminazione fra uomini e donne in una società Orientamento al futuro: studia il grado di pianificazione e investimento nel futuro; Orientamento alla performance: quanto le persone sono incoraggiate e remunerate dal gruppo in base al proprio livello di eccellenza e al miglioramento dei risultati. Questi risultati hanno in un certo senso ampliato, e non sostituito, il lavoro precedente: possiamo riconoscere, infatti, nelle prime tre dimensioni quelle che Hofstede ha definito PD, UAI e IDV; mentre assertività e pari opportunità rientrano nella MAS. Altri studiosi si sono soffermati sulle differenze legate al genere: spesso si sostiene che i leader donna sono più intuitive e meno orientate all ordine gerarchico, o ancora che le donne sono più capaci di adattarsi. Diversi stili sono stati ad esempio osservati da A. Eagly e B. T. Johnson (1990), i quali affermarono che le donne sono più partecipative o democratiche degli uomini. Altri studi si sono occupati del tema della leadership in relazione alla cultura, concludendo che se ci sono alcuni aspetti universali (essere partecipativi con impiegati esperti e diretti con quelli non formati), gli stili variano in base ai valori culturali. Si sostiene che se i valori culturali probabilmente influenzano le preferenze peri diversi stili di leadership e comportamenti, molte ricerche empiriche supportano l applicabilità delle teorie di leadership a culture diverse. Nell analizzare il comportamento sociale e i processi organizzativi, ci si sofferma anche sul contesto culturale nel senso dell informazione che circonda un episodio comunicativo. Si possono distinguere dei paesi high-contest cultural come la Cina in cui i messaggi sono fortemente influenzati dal contesto in cui il messaggio è comunicato; e i paesi low-context cultural, come l Australia dove i messaggi possono essere interpretati più letteralmente. Questa differenza ha un forte impatto nell ambito ad esempio delle negoziazioni: nei paesi come la Cina, sarà importante fornire informazioni dettagliate circa la propria persona e l impresa per cui si lavora, dedicare molto tempo agli incontri e non sottovalutare l influenza dell età e dello status sociale (Klopf, 1995).

4 Un altro approccio per misurare le differenze negli stili cognitivi connesse alla creatività, alla capacità di problem-solving e la presa di decisione é il cosiddetto Inventory Adaption Innovation (KAI, Kirton, 1976). Kirton suppone che gli individui si pongano su un continuum che va da uno stile adattativo estremo a uno stile innovativo estremo. Tale dimensione varia dall'abilità a "fare le cose meglio" - stile adattativo - a un abilità a "fare le cose in modo differente"- stile innovativo -, attraverso la misurazione del grado di difficoltà nel mantenere comportamenti adattivi e innovativi. Lo stile "adattativo-innovativo" é una dimensione base della personalità, rilevante nell'analisi del cambiamento dell'organizzazione rispetto cui alcune persone si caratterizzano nell'adattare, mentre altre nell'innovare. Per esempio si assume che "gli adattatori e gli "innovatori" abbiano differenti punti di vista e differenti soluzioni verso problemi di ordine amministrativo e organizzativo; ci si può aspettare che i soggetti con stile "adattativo" siano più abili nel trasferire una strategia di soluzione problematica a un'altra. Gli "innovatori" al contrario tendono a essere indisciplinati, flessibili non conformi all'autorità non convenzionali nel loro modo di pensare, amanti del rischio, irriverenti rispetto a un punto di vista consensuale. 1.1 Stili di pensiero e manager Gli stili di pensiero sono i modi preferiti di utilizzare la propria mente e sono utili per comprendere e analizzare, in quanto forniscono un alternativa per misurare l abilità e le performance rispetto ai test di intelligenza. L IQ test fornisce una misura del potere e del potenziale della nostra mente, mentre gli inventari degli stili di pensiero ci danno una misura delle preferenze o dei modi alternativi di utilizzare le nostre menti. Gli stili di pensiero si sono rivelati migliori fattori predittivi delle variabili accademiche e delle variabili lavorative (Zhang & Sternberg, 1998). Può essere più facile sviluppare le preferenze rispetto a un abilità innata in quanto fornisce una valida alternativa su cui concentrarsi per migliorare la nostra efficacia e efficienza. Gli stili cognitivi sono considerati come "impronte" particolari indicanti come le persone utilizzano i processi cognitivi (percezione, attenzione, memoria, comprensione), quindi più in generale come gli individui elaborano le informazioni. Ad esempio l'essere dipendente o indipendente dal campo influenza la presa di decisione e la capacità di problem-solving di una persona, e ancor più di un manager. Lo stile di pensiero può essere compreso da molte prospettive e cinque sono brevemente illustrate qui di seguito: cognitiva, personalità, di apprendimento, costruzione della realtà e autogoverno mentale. La prospettiva cognitiva ritrae lo stile come una scelta intellettuale che utilizza particolari preferenze e abilità di pensiero rispetto ad altre, come ad esempio preferire il tollerare l ambiguità piuttosto che l agire impulsivamente (Harrison e Bramson, 1982; Harvey, Hunt e Schroder, 1961; Kagan, Joss e Sigel, 1963; Kagan, 1966; Pettigrew, 1958; Shouksmith, 1972). La prospettiva della personalità promuove uno stile o come un tipo di personalità fissata (Myers & Myers, 1980) o come una preferenza in evoluzione (Gregorc, 2006). La prospettiva centrata sull apprendimento afferma che le persone preferiscono adattare il loro comportamento in particolari modi e imparano meglio quando sono incoraggiati a utilizzare le loro preferenze (Dunn & Dunn, 1978; Kolb, 1976; Renzullil & Smith, 1978). La teoria della costruzione della realtà di Sofo (2005) postula che lo stile di pensiero corrisponde a come preferiamo percepire e interpretare il mondo. Lo stile di pensiero include anche il modo in cui una persona impiega la struttura o l eleganza della mente per rispondere efficacemente a una situazione o a un informazione. Tipicamente le persone utilizzano un certo numero di stili in combinazione e perciò sviluppano un profilo dello stile di pensiero che rappresenta le loro preferenze fra un numero di differenti questioni della vita. La teoria dell auto-governo mentale di Sternberg (1997) postula che i nostri stili di pensiero sono strutturati in un modo simile ai generali stili di governo. Questa teoria definisce il concetto di stile come una preferenza piuttosto che un abilità e fornisce una struttura per integrare differenti stili di pensiero. La teoria è un estensione della teoria triarchica dell intelligenza di Sternberg in quanto asserisce il primato di comprendere l intelligenza in azione attraverso gli stili di pensiero come l abilità di adattarsi piuttosto che apprezzare l intelligenza semplicemente come una quantità individuale (Sternberg, 1988). Le teorie di stile di pensiero proposte da Sofo (2005) e Sternberg (1997) colmano il gap fra le varie prospettive teoretiche in quanto enfatizzano il bisogno di comprendere il pensiero in azione in uno specifico contesto. Le persone sviluppano i loro stili di pensiero fra preferenze in alternativa che

5 contengono un insieme di preferenze personali e di domande contestuali. Sternberg (1997) afferma che gli stili di pensiero variano in base a mansioni, situazione e personalità. Sembrerebbe che gli stili di pensiero sono socializzati grazie a terze persone significative, sono apprendibili attraverso il sistema educativo e sono internalizzati in base alla cultura (Sternberg & Ruzgis, 1994). Differenti stili hanno differenti valori basati su situazioni, contesto, cultura ed ere. Preferenze e forza delle preferenze variano fra gli individui e durante la vita in base a età, sesso, lavoro ed esperienze di viaggio (Zhang, 1999). In questo lavoro la struttura teorica consiste nella teoria della costruzione della realtà di Sofo (2005) che include cinque stili - condizionale, indagatore, esplorativo, indipendente e creativo - e la teoria dell auto-governo di Sternberg (1997) che include tre principali stili - legislativo, esecutivo e giudiziario strumenti ai quali si dedica qui di seguito un approfondimento La teoria della costruzione della realtà: Inventario degli stili di pensiero (TSI ) Il TSI (Sofo, 2002) valuta cinque stili di pensiero interrelati e che si sovrappongono, i quali sono distintivi in un carattere. Possiamo distinguere due macro categorie di persone: i pensatori convergenti e quelli divergenti. I pensatori convergenti (convergent) sono persone che tendono a utilizzare la loro capacità di comprensione, logica, analisi e sintesi di una situazione come base per accettare ciò che gli viene detto del mondo senza realmente porsi molte domande. I pensatori divergenti (divergent) si muovono oltre la semplice analisi e sintesi delle informazioni ponendo domande, esplorando e valutando le informazioni e creando immagini come base per la formulazione dei propri punti di vista sul mondo. Nella vita, noi abbiamo bisogno di essere flessibili e capaci di adattarci, e in grado di pensare in entrambi i modi, convergente e divergente, in funzione alle caratteristiche della situazione. Al di sotto di questa distinzione, l inventario degli stili di pensiero di Sofo comprende cinque diversi tipi (si veda figura 1). Nella teoria della costruzione della realtà, lo stile condizionale (conditional) significa che le persone creano la loro realtà fondamentalmente preferendo accettare quanto gli altri pensano e dicono senza metterlo in discussione. Questo è un modo di pensare convergente che si focalizza sull accettare l informazione presentata. Nel caso in cui le persone preferiscano porre domande e capire i motivi dietro a ciò gli altri stanno dicendo, avranno uno stile indagatore (inquiring). Questo approccio rivela elementi di pensiero convergente, in quanto le domande sono dirette verso la coesione e l unità dell informazione data e non si mette in discussione l informazione. L individuo con uno stile di pensiero esplorativo (exploring) preferisce investigate tutti gli aspetti di un tema. Questo è un pensiero divergente, perche le opzioni sono scoperte all interno del contesto dato. Lo stile esplorativo include anche il creare opzioni e modi alternativi di pensare circa il contesto stesso, scoprendo così nuovi contesti. Le persone con uno stile di pensiero indipendente (independent) amano formare la loro propria visione. Una preferenza per questo stile di pensiero significa che le persone possono accettare le idee date come proprie perché hanno buoni motivi, o forse intuizione, per accettarle. Similarmente, possono avere buone ragioni per respingere tutte le informazione date, o parti di esse, e formulare delle proprie conclusioni. Quando le persone preferiscono creare vivide immagini quando pensano, esse hanno uno stile di pensiero creativo (creative). Questo è un pensiero divergente perché le persone inventano immagini per se stessi e creano un senso di prospettiva più ampio. Lo strumento utilizzato è riportato in appendice, si ricorda che un alto punteggio in una dimensione indica una preferenza per quello stile di pensiero, mente un punteggio basso indica una minore preferenza.

6 Figura 1: i cinque stili di pensiero, Sofo (2002) Teoria dell auto-governo: Forme di stili di pensiero Il FTS sviluppato da Sternberg (1997) è costruito sulla metafora delle forme di auto-governo, in analogia con i tre classici poteri dello Stato. Alcune persone preferiscono comportarsi in modo autonomo e non ricevere delle istruzioni dettagliate. Al contrario, alcune persone sembrano essere incapaci di pensare da soli e di creare alternative; altre ancora sono perfezioniste e aggiustano continuamente i loro piani mentre altre sono continuamente piegati verso l azione immediata. Dei tredici stili di pensiero identificabili lungo cinque dimensioni funzioni, forme, livello globale/locale, scopo e attitudine liberale/conservativa sono stati scelti tre tipi di persone esemplificate da Sternberg 1, quelli che corrispondono rispettivamente ai tre poteri del governo: legislativo, esecutive, e giudiziario. Il legislatore si sente più a suo agio quando crea strutture e soluzioni ai problemi del mondo. Il ramo esecutivo del governo si sente a suo agio nel mettere in pratica le policy e assicurandosi che tutto vada bene. Il giudiziario (o Alta Corte in alcune nazioni, come l Australia) preferisce valutare i meriti delle politiche e identificare le loro imperfezioni. Lo stile legislativo e quello giudiziario tendono a essere associati a un alto livello di creatività e sono caratterizzati da un più alto livello di complessità, mentre lo stile esecutivo, che è caratterizzato dal favorire le norme e dall implementare i compiti seguendo ordini dati, presenta un livello più basso di complessità. La teoria triarchica degli stili cognitivi di Sternberg individua quindi tre fondamentali stili di pensiero: legislativo (che privilegia la creatività e l innovazione), esecutivo (che privilegia l osservanza di regole già date) e giudiziario (che privilegia la valutazione, la critica, ecc.). Un ulteriore distinzione è fatta in base al genere, infatti è fornita una diversa scala di misurazione per uomini e donne. Questi stili, ugualmente "degni" ed efficaci, ma differenti, si manifestano poi in modi diversi di vedere e di accostarsi al mondo e ai suoi problemi. Sternberg individua quindi persone creative, propense a inventare e progettare, altre pratiche focalizzate sulle applicazione ed altre ancora analitiche che analizzano, confrontano e valutano. Le persone riusciranno meglio a ogni stadio della loro carriera professionale a seconda che l ambiente sia più o meno compatibile con i loro stili di pensiero. Analogamente differenti livelli di carriera premiano stili diversi in modo differente. Il tema di che cosa è l intelligenza trova quindi una risposta più articolata rispetto alla sua quantificazione: capacità di apprendere dall esperienza e di adattarsi all ambiente, di comprendere e controllare i propri processi mentali alla quale si aggiunge l importanza della componente culturale. 2. Il contesto dei due paesi: Australia e Cina. Ritornando alla teoria di Hofstede, e focalizzandosi sulla relazione fra la distanza di potere e il grado di individualismo possiamo osservare che Australia e Cina si trovano agli estremi opposti: l Australia è caratterizzata da un alto individualismo e da una limitata distanza di potere, mentre la Cina vede un 1 Una traduzione in italiano di questi test di autovalutazione di Sternberg è disponibile in R. J. Sternberg (1998), Stili di pensiero, Trento, Edizioni Erickson.

7 basso individualismo e un alto livello di distanza di potere. In particolare la Cina rivela anche una moderata qualità della vita, un moderato annullamento dell incertezza, e un elevato orientamento a lungo termine. Inoltre rispetto alla quinta dimensione, gli asiatici - e specialmente i cinesi sono molto interessati al tema virtù Child (1994) ha affermato che le tradizioni culturali cinesi sono state a lungo puntellate da quattro valori importanti e ha sostenuto che le percezioni e le attività di leadership sono influenzate da questi valori. Al primo posto si colloca l importanza dell apparenza che implica il rispetto e l obbligo verso coloro che hanno un elevata posizione sociale, facendo e sollecitando favori in base all importanza e allo status nella famiglia o nella società. In secondo luogo, il rispetto della gerarchia si riferisce al rispetto della cosiddetta anzianità e dell età. In terzo luogo, l importanza del collettivismo comporta pensare e comportarsi nei limiti delle norme sociali accettate, evitando di ferire gli altri appartenenti al medesimo gruppo o ambiente sociale. Ultimo valore è quello dell armonia, che rappresenta l elemento guida per mantenere buone relazioni con reciprochi obblighi e compiti fra i membri dello stesso clan. I cinesi considerano vergognosa l agitazione del gruppo o dell armonia interpersonale, e nell educazione dei figli sono utilizzane tecniche che puntano sul sentimento di vergogna per enfatizzare questo punto e l importanza della lealtà di gruppo (Bond, 1991). Il collettivismo e la vergogna sono degli importanti aspetti del controllo sociale in Cina (Kirkbride, Tang & Westwood, 1991). La conformità è fortemente collegata alle nozioni socialmente funzionali di armonia interpersonale e collettivismo (Redding, 1990); questo è in contrasto con i paradigmi funzionali occidentali che enfatizzano l autonomia, la competizione fra individui e gruppi, le performance. L evidenza empirica di questa divergenza è verificata da uno studio condotto da Smith e dai suoi collaboratori (1989), ma dato l impatto di questi valori sul decision-making e i profili di pensiero dei leader il tema merita di essere approfondito con nuovi strumenti. Differenti culture affrontano il conflitto e la partecipazione in modi differenti. Come ha sottolineato Bond i cinesi tendono a evitare confronti aperti e assertività, nel contesto lavorativo questo potrebbe manifestarsi nel fatto che i senior leader e i middle manager evitano un aperto disaccordo in base alla tacita accettazione del fatto che è sempre il punto di vista del senior manager a prevalere. Quindi alcuni leader in Cina possono manifestare una tendenza a evitare situazioni caratterizzate da rischio di conflitto e a voler invece appoggiarsi a strutture direttive. L evitare il conflitto e il desiderio di armonia conduce a decisioni che raramente sono sfidate o affrontate in un modo creativo dal gruppo. Anche Wang (2004) ha affermato che i contesti culturali, storici e sociali cinesi hanno un grande impatto sulle tradizioni di leadership nel paese. Il rispetto per la gerarchia, il mantenimento dell armonia, l evitare il conflitto, il collettivismo, i social network e la conformità sono i valori chiave che hanno influenzato le tradizioni di leadership in Cina. Le sue conclusioni sono consistenti con quelle derivate dal lavoro di Hofstede, di cui si è parlato precedentemente (1995). Terrill (2003) descrive un regime cinese bloccato in una contraddizione fra il suo volto economico e i suoi vecchi modi politici autoritari fino al punto che quando verità e potere sono emanati da una singola fonte la valvola di salvezza della libera espressione è negata, la corruzione svetta e la scienza medica lavorano con una mano legata dietro la schiena. Parla di un partito di stato che abitualmente riscrive la sua storia e abbellisce la realtà al fine di preservare il proprio potere e proteggere un agenda imperiale che porta il Partito Comunista Cinese a essere ossessionato dalla dottrina persino quando le persone sono annoiate dal vuoto della dottrina. Risolvere le contraddizioni di base include nuovi modi di pensare, accettare di sfidare le proprie assunzioni e sviluppare una mente aperta con fiducia. In questi anni la Cina sta vivendo una modernizzazione guidata dai manager che comporta una trasformazione da un economia pianificata a un economia di mercato e una transizione della leadership dai tradizionali leader carismatici ai moderni leader scientifici (Qingguo, 2005). Una leadership condivisa all interno del sud-est asiatico includerà probabilmente la Cina nel prossimo futuro (Economy, 2005) e la perspicacia della Cina di comprendere i modi occidentali di pensare e di superare i concorrenti nell innovazione e nei giochi economici ha accumulato abbastanza impeto per proporre significative sfide di leadership. Il governo cinese ha adottato un approccio frenante e riservato per gli affari esteri dove la sua strategia è stata di valutare attentamente il nuovo ordine globale, consolidare la sua posizione, accettare la bilancia del potere internazionale e affrontare con calma le sfide in un modo, definito nella politica cinese di heping jueqi (pacifica crescita della Cina). Per alcuni, la Cina è un luogo dove il controllo domina molte sfere della vita e il nuovo mercato asiatico rappresenta una fonte di paura e dominazione e deve quindi essere tenuto sotto controllo: le

8 parole Made in China sono chiaramente dotate di ubiquità. L'onnipresenza della Cina esercita una grande influenza persuasiva nelle vite dei consumatori, impiegati e cittadini attraverso un rapido cambiamento verso l economia di massa. Le attitudini verso la Cina sono paradossali in quanto essa è vista simultaneamente come: sia un competitor strategico che un business partner, un paese che non allenterà il controllo in confronto con uno che è per la cooperazione e si conforma ai nuovi standard; un paese che è immobile e rigoroso in confronto con uno che è flessibile ed elogiativo delle nuove realtà globali. Puntare sulla comprensione dei differenti modi di pensare è un importante strategia per calmare preoccupazioni, modificare percezioni negative e accettare differenti valori e interessi, nazionali e regionali. In confronto alla Cina, l Australia ha dimostrato il suo posto nell ambito della leadership globale e ha esercitato una certa influenza internazionalmente oltre ad essersi costruita una buona reputazione come leader regionale. L Australia è un paese caratterizzato da multiculturalismo e dal difendere e abbracciare la diversità, che vanta un eccellente track record come nazione forte economicamente, politicamente e socialmente. La leadership in ambiti lavorativi governativi e privati in Australia è caratterizzata dall essere forte, etica ed eclettica nonostante i pochi scandali riportati dalla stampa. Inoltre l Australia ha giocato un utile ruolo nell assistere la Cina nei suoi sforzi di sviluppo e con essa ha formato stretti legami dal punto di vista economico, sociale e politico. Si riscontra un forte scambio di conoscenza e strumenti di comprensione fra Australia e Cina con molte delegazioni di senior leader che visitano le istituzioni australiane per apprendere ed esportare le best practice. Un efficace scambio fra leader cinesi e australiani - che deve essere necessariamente costruito su un apprezzamento di come ognuno pensa - è un fattore imperativo al fine di far progredire la pace e la prosperità nel mondo. 3. Presentazione dei dati Si è scelto di selezionare un campione di manager che in generale sono direttori e vice-direttori di istituzioni educative: 122 manager cinesi e 71 australiani. Le statistiche emerse dalle interviste e daii questionari somministrati a tutti i manager cinesi e australiani sono raccolte nelle tabelle 1 e 2, che mostrano le medie e gli standard error per ogni stile di pensiero. In ogni caso è stata effettuata un analisi della varianza univariata utilizzando SPSS seguito dal test di Levene per l'omogeneità delle varianze. Per ogni stile di pensiero di Sofo e Sternberg, l analisi di Levene ha testato con successo l ipotesi nulla che l errore di varianza della variabile dipendente era uguale sia nei gruppi cinesi che australiani. Il profilo di stile di pensiero del manager cinese è caratterizzato da un alta preferenza per l indipendenza nel pensiero seguita dagli stili esplorativo e indagatore. Viceversa, il profilo di stile di pensiero del manager australiano è caratterizzato da un alta preferenza per lo stile esplorativo seguito dagli stili indipendente e indagatore. Per entrambi i gruppi, gli stili meno preferiti sono quelli condizionale e creativo. Per la preferenza per lo stile creativo non si evidenzia una differenza significativa fra i manager cinesi e australiani. Su tutti gli altri stili ci sono differenze statisticamente significative. Su due degli stili (condizionale e indipendente) i manager australiani hanno statisticamente preferenze più basse rispetto ai cinesi mentre su altri due stili (indagatore e esplorativo) accade l opposto. Entrambi gli stili, esplorativo e indipendente sono alti per entrambe le nazionalità. Questo indica che i manager riportano che preferirebbero pensare in modi che generano opzioni ed esplorano varie possibilità nel processo di decision-making e di conseguenza prendere decisioni indipendenti. Una notevole differenza è che il profilo cinese ha il picco di preferenza per lo stile indipendente mentre quelli australiani per lo stile esplorativo. Nessun manager ha collocato se stesso come medio-basso, basso o molto basso per nessuno dei tre stili (una media pari a 4 o superiore indica un punteggio basso mentre una media pari a 1 indica la più alta preferenza per uno stile). Il profilo dei manager cinesi nel FTS indica un alta preferenza per gli stili di pensiero esecutivo e giudiziario, una medio-alta preferenza per lo stile giudiziario. Il profilo

9 per gli Australiani indica lo stesso punteggio di una medio-alta preferenza (da 3,3 a 3,7) per tutti gli stili. Tabella 1: Media e standard error per i manager cinesi e australiani, TSI di Sofo Stile di pensiero Manager cinesi N=122 Manager australiani N= 71 Media Std. Error Media Std. Error 1. Condizionale 21.46* * Indagatore 29.50* * Esplorativo 34.15* * Indipendente 37.54** ** Creativo * differenza statisticamente significativa a p<0.001; **a p<0.05 I manager cinesi hanno una più alta preferenza rispetto ai colleghi australiani per tutti gli stili di pensiero misurati in base al FTS di Sternberg. Tutti i manager hanno simili preferenze per lo stile legislativo; comunque i manager cinesi hanno più alte preferenze statisticamente significative per gli stili esecutivo e giudiziario rispetto ai pari australiani. Tabella 2: Media e standard error dei manager cinesi e australiani, FTS di Sternberg Stile di pensiero Manager cinesi N=122 Manager australiane N=71 Media Std. Error Media Std. Error 1. Legislativo Esecutivo 2.07* * Giudiziario 2.46* * * differenza statisticamente significativa fra le medie a p< Stili di pensiero cinesi e australiani: un confronto I manager australiani hanno una più ampia differenza di preferenze nel TSI (range di 25) rispetto ai colleghi cinesi (range di 16), il che indica delle preferenze più fortemente delineate per i manager australiani ma con una concomitante minore flessibilità nel loro utilizzo. I profili di stile di pensiero sono differenti per i due gruppi di manager: i manager australiani impiegati nel servizio pubblico hanno alte preferenze per esplorazione, indipendenza e inchiesta nel pensare così come alte-medie preferenze per gli stili di pensiero legislativo, esecutivo e giudiziario. Al contrario, i manager cinesi impegnati nel servizio pubblico hanno alte preferenze per indipendenza, inchiesta, e per gli stili legislativo, esecutivo e giudiziario ma preferenze significativamente più basse per gli stili di pensiero indagatore, creativo e condizionale. Le differenze fra i Cinesi e gli Australiani sono statisticamente significative e meritano serie considerazioni nell ambito di scambi interculturali. Questi risultati supportano i precedenti commenti di Zhang (1999): differenti stili sono puntellati da differenti valori fondati si situazioni, contesto, cultura ed ere. Per esempio, le differenze potrebbero impattare sul lavoro in quanto differenti impieghi hanno necessità abbastanza diverse per i differenti stili. Consideriamo, per esempio, il ruolo di chief executive (CEO) che è primariamente legislativo e focalizzato su ciò che dovrebbe essere fatto; o i middle manager che invece necessitano di avere uno stile esecutivo, e si occupano di come mettere in atto i piani; o i contabili e gli ingegneri, che necessitano di avere un temperamento giudiziario, considerando i pro e i contro degli approcci alternativi. I risultati supportano l opinione di Sternberg (1997) che gli stili di pensiero dei manager forniscono capacità di osservazione sull idoneità di un lavoro e su temi di comunicazioni personali, e che le priorità del decision-making dei manager sono largamente plasmate dai loro stili di pensiero. Tradizionalmente, l unità in Cina è dipesa dal pensiero condizionale (Kirkbride et al., 1991) ma sembra che la forte preferenza dei manager cinesi per l indipendenza significhi che l unità in futuro necessiterà di essere raggiunta in nuovi modi. Alcune cose sono in-discutibili fra i manager cinesi, in particolare un approccio di decision-making indipendente non è promosso in quanto alla maggior parte dei direttori o dei vice non è richiesto di prendere decisioni ma piuttosto devono essere consultivi e eseguire la linea di condotta e le direttive. L essere esecutivo si è rivelato essere il loro più forte stile, il che significa implementare decisioni già prese. La loro bassa preferenza per lo stile condizionale non è forse un vero riflesso della necessità nei loro posti di lavoro, dove è richiesto che siano condizionali nel loro pensare (Smith et al., 1989).

10 Al contrario i manager australiani generalmente sono incoraggiati sul lavoro a generare opzioni e a essere esplorativi piuttosto che condizionali nelle loro interazioni. Questo è evidente nella loro bassa preferenza per il pensiero condizionale evidenziato dai dati. Le implicazioni delle differenze negli stili di pensiero per ogni gruppo culturale sono un importante considerazione quando si vuole pianificare il fornire programmi di management training in Cina. Il tema è che gli istruttori occidentali, che forniscono programmi in Cina, hanno bisogno di essere informati e competenti circa la cultura cinese e i modi di pensare e di interagire in modi produttivi. I manager cinesi che partecipano a programmi di formazione occidentali desiderano apprendere nuovi modelli e differenti modi di fare cose, ma similarmente è necessario che il modo in cui viene insegnato loro sia adatto alle loro preferenze al fine di costruire un rapporto, e che offra loro qualche sfida. Differenti sistemi educativi e corsi incoraggiano stili di pensiero basati sulla disciplina (condizionale e indagatore piuttosto che indipendente e creativo) per la pratica professionale. Per esempio le lezioni promuovono stili di pensiero esecutivo e gerarchico mentre il cooperative learning incoraggia gli stili di pensiero esplorativo, esterno e sociale. Nel caso gli stili di pensiero degli studenti non concordino con gli stili dei loro insegnanti o nel caso in cui gli stili dei dipendenti non concordino con quelli dei loro capi, potrebbe non esserci un apprendimento efficace e un fallimento nel comunicare e operare efficacemente. Per esempio alcuni manager non desiderano che i dipendenti facciano domande o sfidino i loro punti di vista; quindi quando i dipendenti hanno una forte preferenza per gli stili di pensiero indipendente ed esplorativo, essi sono in disaccordo con la cultura dell organizzazione instaurata dal manager e potrebbero esserci difficoltà nell ottenere i risultati richiesti efficientemente. L impiego del FTS di Sternberg e il TSI di Sofo ha fornito capacità di osservazione sul profilo di stile di pensiero dei manager cinesi e australiani. In una Cina storicamente condizionale, i risultati indicano che lo stile di pensiero meno preferito dai leader cinesi è il condizionale, mentre i loro stili preferiti sono indipendente ed esplorativo. I manager cinesi hanno riportato che preferiscono prendere decisioni indipendenti e generare opzioni. Tradizionalmente, quelli sotto un regime comunista erano legati al rispetto di pensare come i loro superiori (pensiero condizionale). Ora appare che vi sia un avversione per accettare le informazioni e le situazioni senza una riflessione autonoma. I risultati suggeriscono che i manager cinesi preferiscono raffinare le necessità della policy (stile indagatore), pacificamente liberare il loro pensiero attraverso la ricerca di una certa differenza di opinione, o di punti di vista alternativi e cercando pensieri indipendenti, estendendo in questo modo i loro contributi per il tian xia, il reame mondiale(walker, 1994). I manager cinesi sono esecutivi, e amano affrontare le informazioni e le situazioni implementando i progetti già pianificati e lavorando in un quadro di riferimento strutturato. Inoltre, sono giudiziari, e amano analizzare, criticare e valutare le idee nell ambito di strutture esistenti. Un alta preferenza per lo stile giudiziario può significare una perspicacia per mantenere un equilibrio corretto nelle situazioni. Questo riflette il principio di yin e yang, l equilibrio fra alcuni stili di pensiero per creare armonia, obiettivo importante nella cultura cinese. Questi risultati riflettono le idee di Terrill (2003): c è un progresso verso la risoluzione della contraddizione di base della Cina, la lotta per mantenere una regola imperiale repressiva e l aprire a nuovi modi di fare business che richiede nuovi modi di indipendenza nel pensare.

11 Figura 2: Modello composto degli stili di pensiero cinesi e occidentali Nel voler estrarre un modello, i dati suggeriscono di descrivere una confluenza delle concezioni cinesi e australiane di stili di pensiero (si veda la figura 2). Contributi circa gli stili di pensiero consistenti con la cultura cinese, discussi precedentemente in questo lavoro, sono elencati nella colonna di sinistra e all interno delle parentesi all interno del pentagono nella figura 2, dove quelle espressioni di stile di pensiero sono in parallelo con le categorie e la struttura teorica, basata sui lavori di Sofo e Sternberg, utilizzata in questa ricerca. La figura 2 mostra che per i manager cinesi lo stile di pensiero può non essere una preferenza, ma una necessità e un attenta scelta basata sulla valutazione del contesto. Si evidenzia un desiderio per un utilizzo bilanciato e efficace dei vari stili cognitivi e delle preferenze della personalità degli attori nel processo di decision-making. Come si è detto alcuni nuovi stili di pensiero più adatti ai leader e alla cultura cinese sono suggeriti e indicati nella colonna sulla sinistra e fra le parentesi nella figura 2. Ad esempio, uno stile di pensiero consultivo potrebbe rivelarsi rilevante per i leader cinesi in quanto alcune posizioni dirigenziali non permettono un vero decision-making ma piuttosto sono unicamente di natura consulenziale; questo tipo di manager contribuisce principalmente alla costruzione delle policy. Potrebbe essere che lo stile di pensiero consultivo in realtà rifletta lo stile legislativo di Sternberg come indicato in figura. Un altro stile potrebbe invece concentrarsi sulla tolleranza per l incertezza e l ambiguità che rispecchia gli stili indagatore e condizionale di Sofo: tutta la fiducia di una persona è riposta nelle opinioni e nelle decisioni dei manager e sono poste domande principalmente con propositi di chiarimento, in quanto di base c è un accettazione delle regole e dello status quo. Questo stile è indicato come uno stile di pensiero di tolleranza simile allo stile indagatore di Sofo (TSI). Stili di pensiero di alto e basso controllo riflettono invece gli stili di pensiero condizionale (basso controllo) e indipendente (alto controllo) del TSI di Sofo. I risultati indicano qualche senso di globale empatia negli stili di pensiero dei manager cinesi e australiani, il che può migliorare gli approcci di insegnamento oltre a contribuire a sviluppare migliori relazioni fra le differenti culture. Ad esempio, per ottimizzare la performance potrebbe essere sensato far concordare il profilo di stile di pensiero con l ambiente, in quanto gli stili di pensiero sono riflessi in attività sia di routine che inusuali quali la gestione, l apprendimento, l insegnamento e la gestione delle crisi. I manager cinesi comunemente esprimono una preferenza nell apprendimento attraverso lezioni che seguono un format familiare: prima si evidenza la tesi o il tema, poi si forniscono alcune definizioni e poi si illustra il tutto con esempi e case study. Ė anche vero che quando questa preferenza è disattesa, potrebbe manifestarsi una certa resistenza o difficoltà nell apprendimento ma non di meno

12 la loro esperienza ha dimostrato i benefici della cooperazione e l abilità di lavorare per il bene comune in contrasto con i concetti australiani di diritti individuali e libertà. 4 Osservazioni conclusive I risultati di questo studio forniscono una più profonda comprensione dei differenti modi in cui le persone costruiscono il proprio senso della realtà, del mondo. Questo approccio può essere applicato al comportamento delle organizzazioni in modo da poter contribuire a un processo decisionale di successo, al lavoro in team, al crisis management e a supportare l efficacia di individui, gruppi e della comunità in generale. La consapevolezza del proprio stile di pensiero aumenta la nostra conoscenza dell efficienza e dell efficacia sul lavoro. Un profilo di stile di pensiero correlato positivamente alle performance di problem-solving tattico può servire a identificare la leadership e il potenziale individuale. Questo tipo di informazioni possono rivelarsi utili anche nell individuare la selezione appropriata di media educativi e di strategie di insegnamento in base alle preferenze dell allievo. Sono fornite capacità di osservazioni e dettagli utili sugli stili di pensiero e la cultura, e in particolare si fornisce uno strumento per aiutare a migliorare la nostra comprensione delle preferenze e percezioni dei manager cinesi e australiani. I manager cinesi generalmente descrivono i loro stili di pensiero come una necessità e un obbligo di fare la giusta scelta su come affrontare il processo di decision-making mentre simultaneamente evidenziano un desiderio di un maggiore indipendenza ed esplorazione per diventare manager moderni. La loro opinione e profilo confermano gli assunti della letteratura occidentale in cui solo una parte della performance è attribuita all intelligenza e all abilità, mentre il resto è dovuto alla specifica preferenza su come pensare e affrontare le informazioni e le situazioni. Un limite alla presente ricerca può essere rappresentato dall utilizzo di soli strumenti occidentali (Sofo, 2002; Sternberg, 1997), che potrebbero essere meno validi per una popolazione cinese. Tre altri potenziali problemi possono sussistere rispetto l approccio della ricerca. Primo, i manager possono non conoscere le proprie preferenze, potrebbero sbagliarsi e utilizzare nella realtà differenti stili da quelli che pensano di impiegare. Secondo, non c era no scope per i manager di descrivere i loro modi di pensare. Terzo, come già sottolineato entrambi gli strumenti sono basati su valori e nozioni di pensiero occidentali. Successivi lavori potrebbero trarre benefici da un approccio più qualitativo per scoprire attraverso altri strumenti - come una serie di interviste one-to-one (Sofo, 2006) e l osservazione dei soggetti al lavoro - quali stili di pensiero i manager realmente credono di utilizzare e se le loro descrizioni sono validate da un attenta osservazione. Si ritiene importante apprezzare gli stili di pensiero dei manager cinesi e australiani come la base per la loro attività collaborativa. Lo studio ha confermato un modello culturalmente sensibile di stile di pensiero per i manager basato su analisi empiriche di inventari di stile di pensiero, affiancate dall esperienza personale di lavorare con manager cinesi. Questo in sé contribuisce alla nostra conoscenza circa i concetti di pensiero e di problem-solving dei leader cinesi. Questa ricerca supporta precedenti lavori esplorativi di Sofo (2005) e può essere impiegato come base per monitorare l impatto di cambiamenti senza pari che si stanno rivelando in Cina durante il suo ingresso nel mondo globalizzato. Infatti, le differenti strutture cognitive riconosciute dai leader cinesi danno forma alle strutture culturali che a loro volta impattano sulle interazioni fra le diverse tradizioni culturali. Mentre da una parte la Cina continua a estendersi e dall altra i paesi occidentali penetrano la cultura cinese, mentre avvengono gli scambi, l apprendimento e lo sviluppo possono essere viste all interno di una struttura di dinamica interculturale che ristruttura tutte le strutture cognitive degli attori. Si tratta di un lavoro esplorativo e che non è stato costruito su altri precedenti lavori che comparano gli stili di pensiero dei dirigenti cinesi e australiani, ci auguriamo che questi iniziali risultati saranno rafforzati da futuri lavori di ricerca. 5 Appendice I: TSI di Sofo Di seguito si riporta il TSI di Sofo che descrive il modo in cui una persona pensa, come si relaziona con le idee e come agisce nel contesto quotidiano della propria vita: è costituito da 10 affermazioni, ognuna delle quali può essere completata in cinque differenti modi. A ogni frase completa deve essere attribuito un punteggio che rifletta quanto l affermazione descrive il proprio modo di pensare in una scala da 1 (la frase completa che sembra rappresentare meno il proprio modo di ragionare) a 5 (la frase completa che descrive meglio il proprio modo di pensare).

13 1 Quando penso mi piace: essere passivo fare domande cercare alternative dirigere il mio pensiero immaginare 2 Penso meglio quando 3 Mentre sto pensando io: 4 Per me è meglio pensare quando: 5 Quando penso io: 6 Mentre penso io 7 Io penso meglio: 8 Quando sto pensando mi piace: non rendo noto il mio punto di vista voglio che mi venga detto come/cosa pensare accetto i punti di vista degli altri sono attento a pensare le cose giuste mi baso sulle mie conoscenze se accetto altri punti di vista basarmi sui sentimenti che provano gli altri faccio domande circa le tematiche prendo l iniziativa cerco una spiegazione mi avventuro fuori dai miei schemi abituali mi domando ció che conosco se metto in discussione ogni punto di vista interrogarmi sui sentimenti esperimento metto in dubbio le idee implemento differenti idee guardo a tutti gli aspetti del problema sperimento nuovi modi per farlo se scopro nuovi punti di vista esplorare nuovi sentimenti mi sento responsabile delle mie azioni offro i miei suggerimenti penso da solo mi baso solo sulle mie opinioni esprimo le mie opinioni se decido quali sono i miei punti di vista basarmi sui miei sentimenti utilizzo immagini tendo a prepararmi mentalmente penso per immagini visualizzo nuove esperienze invento opinioni se visualizzo i problemi immaginare nuovi sentimenti 9 Io penso meglio quando: 1 I miei migliori pensieri nascono quando: accetto le soluzioni dico quello che gli altri pensano metto in discussione le soluzioni faccio domande che mi aiutano a capire meglio cerco nuove soluzioni provo a esplorare tutti gli aspetti offro le mie soluzioni dico che cosa penso immagino le soluzioni descrivo quello che posso visualizzare Somma di ogni colonna =TOTALE = TOTALE = TOTALE = TOTALE = TOTALE 6 Appendice II: FTS di Sternberg. In questa seconda appendice si riporta i tre test di autovalutazione (Sternberg-Wagner Self Assessment Iventory) di Sternberg. I punteggi da attribuire in tutti i test sono in base a una scala da 1 (se l affermazione non si adatta totalmente a voi) a 7 (se l affermazione si adatta voi estremamente bene): 1 = Per niente, 2 = Non molto, 3 = Un pochino, 4 = Abbastanza, 5 = Bene, 6 = Molto,7= Estremamente. Il primo è il test di Autovalutazione per lo stile legislativo: 1. Nel prendere le decisioni, tendo a basarmi sulle mie idee e sul mio modo di fare le cose. 2. Di fronte a un problema, utilizzo le mie idee e le mie strategie per risolverlo. 3 Mi piace giocare con le mie idee e vedere quanto lontano si possono spingere. 4 Mi piacciono i problemi che mi permettono di usare un modo personale per risolverli. 5 Quando lavoro a un compito, mi piace iniziare con idee mie. 6 Prima di iniziare un compito, mi piace pensare come lo svolgerò. 7 Sono più felice quando sono alle prese con un lavoro, se posso decidere da solo che cosa fare e come farlo. 8 Mi piacciono le situazioni in cui posso utilizzare le mie idee e modi di fare le cose. Al fine di valutare il proprio punteggio, si sommino gli otto numeri associati alle affermazioni del test per lo stile legislativo e poi si divida per 8. Si approssimi alla prima cifra decimale. Si dovrebbe ottenere un numero compreso fra 1.0 e 7.0. Le sei categorie identificate dipendono dal proprio status e sesso.

14 Tabella 3: Categorie per stile legislativo (in caso di adulti) Categoria M F Molto Alto (Top 1-10%) Alto (Top 11-25%) Alto/medio (Top 26-50%) Medio/Basso (Top 51-75%) Basso (Top 76-90%) Molto basso (Top %) Il secondo test di autovalutazione è per lo stile esecutivo: 1. Quando discuto o butto giù le mie idee, seguo le normali regole espositive. 2. Sono attento a utilizzare il metodo giusto per risolvere qualunque problema. 3 Mi piacciono i progetti che hanno una chiara struttura, un piano e un obiettivo precisi. 4 Prima di iniziare un compito o un progetto, verifico quali metodi o procedure si dovrebbero utilizzare. 5 Mi piacciono le situazioni in cui il mio ruolo o il modo in cui devo partecipare sono chiaramente definiti. 6 Mi piace capire come risolvere un problema seguendo certe regole. 7 Mi piace lavorare a cose che possono essere fatte seguendo delle istruzioni. 8 Mi piace seguire regole o prescrizioni definite quando risolvo un problema o eseguo un compito. Anche in questo caso per valutare il proprio punteggio, si sommano gli otto numeri associati alle affermazioni, e poi si divide per 8 approssimando alla prima cifra decimale; la tabella di riferimento è la seguente: Tabella 4: Categorie per stile esecutivo (in caso di adulti) Categoria M F Molto Alto (Top 1-10%) Alto (Top 11-25%) Alto/medio (Top 26-50%) Medio/Basso (Top 51-75%) Basso (Top 76-90%) Molto basso (Top %) L ultimo test di auto-valutazione è per lo stile giudiziario: 1. Quando discuto o butto giù le mie idee, mi piace criticare I modi di fare le cose degli altri. 2. Di fronte a idee antitetiche, mi piace decidere qual è il giusto modo di fare qualcosa. 3 Mi piace verificare e valutare punti di vista opposti o idee in conflitto fra loro. 4 Mi piacciono i progetti in cui posso studiare e valutare differenti punti di vista e idee. 5 Preferisco i compiti o i problemi in cui posso valutare i progetti o i metodi altrui. 6 Nel prendere una decisione, mi piace mettere a confronto opposti punti di vista. 7 Mi piacciono le situazioni in cui posso confrontare e giudicare differenti modi di fare le cose. 8 Mi piacciono i lavori che implicano l analisi, la valutazione, o il confronto delle cose.

15 Seguendo il medesimo processo di calcolo si determini il punteggio e lo si confronti con la seguente tabella. Tabella 5: Categorie per stile giudiziario (in caso di adulti) Categoria M F Molto Alto (Top 1-10%) Alto (Top 11-25%) Alto/medio (Top 26-50%) Medio/Basso (Top 51-75%) Basso (Top 76-90%) Molto basso (Top %) Bibliografia Bond, M. (1991). Cultural influences on modes of impression management: implications for the culturally diverse organization. In Rosenfield, R. (Ed.), Applied impression management: how imagemaking affects managerial decisions. Newbury Park, CA: Sage. Child, J. (1994) Management in China during the age of reform. Cambridge: Cambridge University Press. Dunn, R. & Dunn, K. (1978). Teaching students through their individual learning styles. VA: Reston. Eagly A., Johnson B. T. (1990), Gender and leadership style: A meta-analysis, Psychological Bulletin, 108, Economy, E. (2005). China s rise in Southeast Asia: implications for the United States. Journal of Contemporary China, 14(4), Gregorc, A. (2006). Check your thinking style. (http://www.thelearningweb.net/personalthink.html) (Accessed 19 June 2006). Harrison, A. & Bramson, R. (1982). Styles of thinking. Garden City, NY: Anchor Press/Doublebay. Harvey, O., Hunt, D. & Schroder, H. (1961). Conceptual systems and personality organization. New York: Wiley. Hofstede, G. (1991), Cultures and organizations: Software of the mind, Londra, McGraw-Hill. Hofstede, G. (1995). Management values: the business of international business is culture. In Jackson, T. (Ed.), Cross-cultural management. Oxford: Butterworth-Heinemann. (pp ). ISENBERG D. J. (1984), How Senior Managers Think, Harvard Business Review, November, Kagan, J. (1966). Reflection-impulsivity: the generality and dynamics of conceptual tempo. Journal of Abnormal Psychology. 71, Kagan, J., Joss, H. & Sigel, I. (1963). Psychological significance of styles of conceptualization. Monographs of the society for Research in Child Development. Chicago: University of Chicago Press. Kirkbride, P. S., Tang, S. & Westwood, I. (1991) Chinese conflict preferences and negotiation behaviours: cultural and psychological influence. Organization Studies, 12(3), Kirkbride, P. S., Tang, S., Westwood, I. (1991), Chinese conflict preferences and negotiation behaviours: cultural and psychological influence. Organization Studies, 12(3),

16 Klopf D.W. (1995), Intercultural encounters: The fundamentals of intercultural communication, Englewood US, Morton Publishing Company. Kolb, D. A. (1976). Learning style inventory: self-scoring test and interpretation booklet. Boston: McBer and Company. Myers, I. & Myers, P. (1980). Manual: a guide to use of the Myers-Briggs Type Indicator. Palo Alto, CA: Consulting Psychologist Press. Pettigrew, T. (1958). The measurement of category width as a cognitive variable, Journal of Personality, 26, Qingguo, J. (2005). Learning to live with the Hegemon: evolution of China s policy towards the US since the end of the Cold War. Journal of Contemporary China, 14(4), Renzulli, J. & Smith, L. (1978). The learning styles inventory: a measure of student preference for instructional techniques. Mensfield Center, CT: Creative Learning Press. Shouksmith, G. (1972). Self-concepts assoiated with two measures of cognitive style. New Zealand Psychologist, 1(2), Simon, H. (1987), Making management decisions: the role of intuition and emotion, Academy of Management Executive, February, Smith, P., Misumi, J., Tayeb, M. Perterson, M. & Bond, M. (1989) On the generality of leadership style measures across cultures. Journal of Occupational Psychology, 62(2), Sofo, F. (2002). Thinking style inventory (TSI) Manual. Unpublished manuscript. University of Canberra, Australia. (Australian and Chinese versions) Sofo, F. (2004). Open your mind: the seven keys to thinking critically. Sydney: Allen and Unwin. Sofo, F. (2005). Thinking styles of modern Chinese leaders: independence and exploration in an historically conditional China. Australian Journal of Adult Learning, 45,(3), Sofo, F. (2006). Chinese education leaders styles of thinking at work. Paper presented at the Second Australasian Business and Behavioural Sciences Association International Conference, The University of Adelaide, 29 September 1 October. Sternberg R. J. (1997). Thinking styles. New York: Cambridge University Press. Sternberg R. J. & Ruzgis, P. (1994). Intelligence and personality. New York: Cambridge University. Sternberg, R. J. (1988). The triarchic mind: a new theory of human intelligence. New York: Viking. Terrill, R. (2003). The new Chinese empire. Sydney: University of New South Wales Press Ltd. Walker, R. (1994). The cultural factor still counts, American Journal of Chinese Studies,2,(1). Wang, T. (2004). Understanding Chinese educational leaders conceptions of learning and leadership in an international education context. Doctoral dissertation. University of Canberra. Zhang, L. F. & Sternberg, R. J. (1998). Thinking styles, abilities and academic achievement among Hong Kong university students. Educational Research Journal, 13(1), Zhang, L. F. (1999). Further cross-cultural validation of the theory of mental self-government. The Journal of Psychology, 133(2), 165.

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli