IMPATTO DELLA CULTURA SUI THINKING STYLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPATTO DELLA CULTURA SUI THINKING STYLE"

Transcript

1 IMPATTO DELLA CULTURA SUI THINKING STYLE DEI MANAGER CINESI E AUSTRALIANI FRANCESCO SOFO CINZIA COLAPINTO Working Paper n DICEMBRE 2007 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE AZIENDALI E STATISTICHE Via Conservatorio Milano tel (21522) - fax (21505) E Mail: Pubblicazione depositata ai sensi della L. 106/ e del DPR 252/

2 Impatto della cultura sui thinking style dei manager cinesi e australiani. F. Sofo *, C.Colapinto Introduzione Il presente lavoro introduce un approccio cognitivo all analisi delle performance dei manager, nella prima parte si richiama la letteratura su questo tema mettendo in evidenza la relazione esistente fra valori culturali e stili decisionali, oltre a introdurre gli strumenti utilizzati nella presente ricerca. Successivamente si descrivono i caratteri essenziali dei due paesi scelti come campione dell analisi. Nell ultima sezione si descrive metodologia e si riporta l analisi dei dati raccolti. Questa ricerca si occupa di verificare l esistenza o meno di differenti thinking style fra i manager cinesi e australiani, studiando le loro preferenze, partendo dal presupposto che concetti e stili di pensiero portano in sé la ricchezza delle culture. Sono state condotte analisi quantitative su dati raccolti nei due paesi su un campione di manager del settore pubblico: 122 manager in Cina e 71 in Australia. In generale i manager intervistati sono direttori e vice-direttori di istituzioni educative. I dirigenti cinesi sono stati contattati durante un corso tenuto da docenti di Università australiane in Cina al fine di scoprire modelli occidentali e teorie e valutare quanto fossero adattabili al contesto educativo cinese; mentre quelli australiani avevano già conseguito una laurea e stavano seguendo ulteriori corsi. Ai manager sono stati somministrati alcuni questionari, derivati dal Thinking Style Inventory (TSI) di Sofo (2002) e dalle forme di stili di pensiero (FTS) di Sternberg (1997). Il TSI valuta le preferenze per i differenti stili di pensiero: condizionale, indagatore, esplorativo, indipendente e creative. Alla base della teoria degli stili cognitivi di Sternberg (FTS) vi sono invece tre fondamentali stili di pensiero: legislativo, esecutivo e giudiziario. I risultati mostrano che fra manager cinesi e australiani esistono differenze statisticamente significative fra le preferenze per gli stili condizionale, indagatore, esplorativo, indipendente, esecutivo e giudiziario, mentre questo non accade per gli stili di pensiero creativo e legislativo. 1. Review della letteratura Lo studio di come i manager pensano ha caratterizzato gli ultimi due decenni. Ad esempio Simon (1987), ha evidenziato come spesso le decisioni non siano basate su di un analisi razionale ma dipendano da risposte intuitive (non-razionali) alle situazioni o dalle emozioni (risposte irrazionali). A conclusioni simili era giunto Isenberg (1984), la cui ricerca aveva mostrato che i top executive non seguono strettamente il classico modello razionale: stabilire gli obiettivi, valutare la situazione, formulare le opzioni, stimare la probabilità di successo, prendere una decisione, e poi agire per implementarla. Entrambi non accettano però l idea che il ruolo dell intuizione implichi un processo non analitico o non razionale. Questi aspetti hanno portato a negare l esistenza di due soli tipi di stili manageriali, ovvero di uno che dipende quasi esclusivamente sull intuizione, e uno che impiega tecniche analitiche. In realtà, potremmo parlare di un continuum di stili di decision-making in base alle diverse combinazioni di due tipi di capacità, e alla natura del problema da risolvere. A livello internazionale ci possiamo domandare se i manager agiscono e pensano nello stesso modo. Quello che è certo è che possiamo osservare l esistenza di diversi valori cross-culturali che impattano sulle aspettative dei manager e dei dipendenti in termini di interazione interpersonale. Un pioniere in questo ambito è stato Geert Hofstede (1991), che ha analizzato i dipendenti dell IBM, multinazionale attiva in circa 40 paesi, focalizzandosi su cinque dimensioni culturali: Distanza di potere (PD): guarda al grado di disuguaglianza, al livello gerarchico presente in una nazione. Ha una forte correlazione negativa con la dimensione dell individualismo: culture altamente individualiste registrano solitamente un basso livello di distanza di potere. * University of Canberra, Australia. Università di Milano, Italia.

3 Individualismo contro collettivismo (IDV): riguarda il problema dell identità e guarda quanto una cultura si basa sulla persona o sulle organizzazioni. Sono spesso considera tori fattori predittivi del livello di individualismo o collettivismo il livello di sviluppo economico e il tipo di clima. Quantità contro qualità della vita oppure mascolinità contro femminilità (MAS): si focalizza sull opposizione fra forte e debole. Qui la questione è se una cultura è caratterizzata da dominio e dogmaticità oppure è a favore delle sensazioni e della qualità della vita. In altre parole se una nazione preferisce il successo materiale e la competizione oppure la solidarietà e l attenzione per il prossimo. Annullamento dell incertezza (UAI): preferenza per situazioni più o meno strutturate e relativa volontà di evitare situazioni nuove, ambigue o imprevedibili. Lungo termine contro orientamento a breve termine: ovvero valori orientati verso il futuro (risparmio e persistenza) contro valori orientati verso il presente (rispetto per la tradizione e obblighi sociali). Questa dimensione, che in realtà è stata aggiunta successivamente alle altre, è anche definita Dinamismo di Confucio (CDI). Il dilemma è la scelta fra virtù oggi o domani. Gli studi di Hofstede sono stati spesso criticati ma il programma di ricerca GLOBE (Global Leadership and Organizational Bahaviour Effectiveness) della Haskayne School of Business (Canada) (Javidan, House, 2001) ha confermato la validità delle sue cinque dimensioni. Utilizzando dati provenienti da 825 organizzazioni attive in 62 paesi, il team GLOBE ha identificato nove dimensioni in cui le culture nazionali differiscono: Distanza di potere Annullamento dell incertezza Orientamento umano Collettivismo I: o collettivismo sociale Collettivismo II: collettivismo nei gruppi misura la lealtà che un individuo ha verso la famiglia o un organizzazione, e l orgoglio nell appartenere a quel gruppo Assertività: misura quanto le persone sono assertive o meno nelle loro relazioni sociali Pari opportunità per i sessi: nel senso di quanto si tenda a minimizzare ineguaglianza e discriminazione fra uomini e donne in una società Orientamento al futuro: studia il grado di pianificazione e investimento nel futuro; Orientamento alla performance: quanto le persone sono incoraggiate e remunerate dal gruppo in base al proprio livello di eccellenza e al miglioramento dei risultati. Questi risultati hanno in un certo senso ampliato, e non sostituito, il lavoro precedente: possiamo riconoscere, infatti, nelle prime tre dimensioni quelle che Hofstede ha definito PD, UAI e IDV; mentre assertività e pari opportunità rientrano nella MAS. Altri studiosi si sono soffermati sulle differenze legate al genere: spesso si sostiene che i leader donna sono più intuitive e meno orientate all ordine gerarchico, o ancora che le donne sono più capaci di adattarsi. Diversi stili sono stati ad esempio osservati da A. Eagly e B. T. Johnson (1990), i quali affermarono che le donne sono più partecipative o democratiche degli uomini. Altri studi si sono occupati del tema della leadership in relazione alla cultura, concludendo che se ci sono alcuni aspetti universali (essere partecipativi con impiegati esperti e diretti con quelli non formati), gli stili variano in base ai valori culturali. Si sostiene che se i valori culturali probabilmente influenzano le preferenze peri diversi stili di leadership e comportamenti, molte ricerche empiriche supportano l applicabilità delle teorie di leadership a culture diverse. Nell analizzare il comportamento sociale e i processi organizzativi, ci si sofferma anche sul contesto culturale nel senso dell informazione che circonda un episodio comunicativo. Si possono distinguere dei paesi high-contest cultural come la Cina in cui i messaggi sono fortemente influenzati dal contesto in cui il messaggio è comunicato; e i paesi low-context cultural, come l Australia dove i messaggi possono essere interpretati più letteralmente. Questa differenza ha un forte impatto nell ambito ad esempio delle negoziazioni: nei paesi come la Cina, sarà importante fornire informazioni dettagliate circa la propria persona e l impresa per cui si lavora, dedicare molto tempo agli incontri e non sottovalutare l influenza dell età e dello status sociale (Klopf, 1995).

4 Un altro approccio per misurare le differenze negli stili cognitivi connesse alla creatività, alla capacità di problem-solving e la presa di decisione é il cosiddetto Inventory Adaption Innovation (KAI, Kirton, 1976). Kirton suppone che gli individui si pongano su un continuum che va da uno stile adattativo estremo a uno stile innovativo estremo. Tale dimensione varia dall'abilità a "fare le cose meglio" - stile adattativo - a un abilità a "fare le cose in modo differente"- stile innovativo -, attraverso la misurazione del grado di difficoltà nel mantenere comportamenti adattivi e innovativi. Lo stile "adattativo-innovativo" é una dimensione base della personalità, rilevante nell'analisi del cambiamento dell'organizzazione rispetto cui alcune persone si caratterizzano nell'adattare, mentre altre nell'innovare. Per esempio si assume che "gli adattatori e gli "innovatori" abbiano differenti punti di vista e differenti soluzioni verso problemi di ordine amministrativo e organizzativo; ci si può aspettare che i soggetti con stile "adattativo" siano più abili nel trasferire una strategia di soluzione problematica a un'altra. Gli "innovatori" al contrario tendono a essere indisciplinati, flessibili non conformi all'autorità non convenzionali nel loro modo di pensare, amanti del rischio, irriverenti rispetto a un punto di vista consensuale. 1.1 Stili di pensiero e manager Gli stili di pensiero sono i modi preferiti di utilizzare la propria mente e sono utili per comprendere e analizzare, in quanto forniscono un alternativa per misurare l abilità e le performance rispetto ai test di intelligenza. L IQ test fornisce una misura del potere e del potenziale della nostra mente, mentre gli inventari degli stili di pensiero ci danno una misura delle preferenze o dei modi alternativi di utilizzare le nostre menti. Gli stili di pensiero si sono rivelati migliori fattori predittivi delle variabili accademiche e delle variabili lavorative (Zhang & Sternberg, 1998). Può essere più facile sviluppare le preferenze rispetto a un abilità innata in quanto fornisce una valida alternativa su cui concentrarsi per migliorare la nostra efficacia e efficienza. Gli stili cognitivi sono considerati come "impronte" particolari indicanti come le persone utilizzano i processi cognitivi (percezione, attenzione, memoria, comprensione), quindi più in generale come gli individui elaborano le informazioni. Ad esempio l'essere dipendente o indipendente dal campo influenza la presa di decisione e la capacità di problem-solving di una persona, e ancor più di un manager. Lo stile di pensiero può essere compreso da molte prospettive e cinque sono brevemente illustrate qui di seguito: cognitiva, personalità, di apprendimento, costruzione della realtà e autogoverno mentale. La prospettiva cognitiva ritrae lo stile come una scelta intellettuale che utilizza particolari preferenze e abilità di pensiero rispetto ad altre, come ad esempio preferire il tollerare l ambiguità piuttosto che l agire impulsivamente (Harrison e Bramson, 1982; Harvey, Hunt e Schroder, 1961; Kagan, Joss e Sigel, 1963; Kagan, 1966; Pettigrew, 1958; Shouksmith, 1972). La prospettiva della personalità promuove uno stile o come un tipo di personalità fissata (Myers & Myers, 1980) o come una preferenza in evoluzione (Gregorc, 2006). La prospettiva centrata sull apprendimento afferma che le persone preferiscono adattare il loro comportamento in particolari modi e imparano meglio quando sono incoraggiati a utilizzare le loro preferenze (Dunn & Dunn, 1978; Kolb, 1976; Renzullil & Smith, 1978). La teoria della costruzione della realtà di Sofo (2005) postula che lo stile di pensiero corrisponde a come preferiamo percepire e interpretare il mondo. Lo stile di pensiero include anche il modo in cui una persona impiega la struttura o l eleganza della mente per rispondere efficacemente a una situazione o a un informazione. Tipicamente le persone utilizzano un certo numero di stili in combinazione e perciò sviluppano un profilo dello stile di pensiero che rappresenta le loro preferenze fra un numero di differenti questioni della vita. La teoria dell auto-governo mentale di Sternberg (1997) postula che i nostri stili di pensiero sono strutturati in un modo simile ai generali stili di governo. Questa teoria definisce il concetto di stile come una preferenza piuttosto che un abilità e fornisce una struttura per integrare differenti stili di pensiero. La teoria è un estensione della teoria triarchica dell intelligenza di Sternberg in quanto asserisce il primato di comprendere l intelligenza in azione attraverso gli stili di pensiero come l abilità di adattarsi piuttosto che apprezzare l intelligenza semplicemente come una quantità individuale (Sternberg, 1988). Le teorie di stile di pensiero proposte da Sofo (2005) e Sternberg (1997) colmano il gap fra le varie prospettive teoretiche in quanto enfatizzano il bisogno di comprendere il pensiero in azione in uno specifico contesto. Le persone sviluppano i loro stili di pensiero fra preferenze in alternativa che

5 contengono un insieme di preferenze personali e di domande contestuali. Sternberg (1997) afferma che gli stili di pensiero variano in base a mansioni, situazione e personalità. Sembrerebbe che gli stili di pensiero sono socializzati grazie a terze persone significative, sono apprendibili attraverso il sistema educativo e sono internalizzati in base alla cultura (Sternberg & Ruzgis, 1994). Differenti stili hanno differenti valori basati su situazioni, contesto, cultura ed ere. Preferenze e forza delle preferenze variano fra gli individui e durante la vita in base a età, sesso, lavoro ed esperienze di viaggio (Zhang, 1999). In questo lavoro la struttura teorica consiste nella teoria della costruzione della realtà di Sofo (2005) che include cinque stili - condizionale, indagatore, esplorativo, indipendente e creativo - e la teoria dell auto-governo di Sternberg (1997) che include tre principali stili - legislativo, esecutivo e giudiziario strumenti ai quali si dedica qui di seguito un approfondimento La teoria della costruzione della realtà: Inventario degli stili di pensiero (TSI ) Il TSI (Sofo, 2002) valuta cinque stili di pensiero interrelati e che si sovrappongono, i quali sono distintivi in un carattere. Possiamo distinguere due macro categorie di persone: i pensatori convergenti e quelli divergenti. I pensatori convergenti (convergent) sono persone che tendono a utilizzare la loro capacità di comprensione, logica, analisi e sintesi di una situazione come base per accettare ciò che gli viene detto del mondo senza realmente porsi molte domande. I pensatori divergenti (divergent) si muovono oltre la semplice analisi e sintesi delle informazioni ponendo domande, esplorando e valutando le informazioni e creando immagini come base per la formulazione dei propri punti di vista sul mondo. Nella vita, noi abbiamo bisogno di essere flessibili e capaci di adattarci, e in grado di pensare in entrambi i modi, convergente e divergente, in funzione alle caratteristiche della situazione. Al di sotto di questa distinzione, l inventario degli stili di pensiero di Sofo comprende cinque diversi tipi (si veda figura 1). Nella teoria della costruzione della realtà, lo stile condizionale (conditional) significa che le persone creano la loro realtà fondamentalmente preferendo accettare quanto gli altri pensano e dicono senza metterlo in discussione. Questo è un modo di pensare convergente che si focalizza sull accettare l informazione presentata. Nel caso in cui le persone preferiscano porre domande e capire i motivi dietro a ciò gli altri stanno dicendo, avranno uno stile indagatore (inquiring). Questo approccio rivela elementi di pensiero convergente, in quanto le domande sono dirette verso la coesione e l unità dell informazione data e non si mette in discussione l informazione. L individuo con uno stile di pensiero esplorativo (exploring) preferisce investigate tutti gli aspetti di un tema. Questo è un pensiero divergente, perche le opzioni sono scoperte all interno del contesto dato. Lo stile esplorativo include anche il creare opzioni e modi alternativi di pensare circa il contesto stesso, scoprendo così nuovi contesti. Le persone con uno stile di pensiero indipendente (independent) amano formare la loro propria visione. Una preferenza per questo stile di pensiero significa che le persone possono accettare le idee date come proprie perché hanno buoni motivi, o forse intuizione, per accettarle. Similarmente, possono avere buone ragioni per respingere tutte le informazione date, o parti di esse, e formulare delle proprie conclusioni. Quando le persone preferiscono creare vivide immagini quando pensano, esse hanno uno stile di pensiero creativo (creative). Questo è un pensiero divergente perché le persone inventano immagini per se stessi e creano un senso di prospettiva più ampio. Lo strumento utilizzato è riportato in appendice, si ricorda che un alto punteggio in una dimensione indica una preferenza per quello stile di pensiero, mente un punteggio basso indica una minore preferenza.

6 Figura 1: i cinque stili di pensiero, Sofo (2002) Teoria dell auto-governo: Forme di stili di pensiero Il FTS sviluppato da Sternberg (1997) è costruito sulla metafora delle forme di auto-governo, in analogia con i tre classici poteri dello Stato. Alcune persone preferiscono comportarsi in modo autonomo e non ricevere delle istruzioni dettagliate. Al contrario, alcune persone sembrano essere incapaci di pensare da soli e di creare alternative; altre ancora sono perfezioniste e aggiustano continuamente i loro piani mentre altre sono continuamente piegati verso l azione immediata. Dei tredici stili di pensiero identificabili lungo cinque dimensioni funzioni, forme, livello globale/locale, scopo e attitudine liberale/conservativa sono stati scelti tre tipi di persone esemplificate da Sternberg 1, quelli che corrispondono rispettivamente ai tre poteri del governo: legislativo, esecutive, e giudiziario. Il legislatore si sente più a suo agio quando crea strutture e soluzioni ai problemi del mondo. Il ramo esecutivo del governo si sente a suo agio nel mettere in pratica le policy e assicurandosi che tutto vada bene. Il giudiziario (o Alta Corte in alcune nazioni, come l Australia) preferisce valutare i meriti delle politiche e identificare le loro imperfezioni. Lo stile legislativo e quello giudiziario tendono a essere associati a un alto livello di creatività e sono caratterizzati da un più alto livello di complessità, mentre lo stile esecutivo, che è caratterizzato dal favorire le norme e dall implementare i compiti seguendo ordini dati, presenta un livello più basso di complessità. La teoria triarchica degli stili cognitivi di Sternberg individua quindi tre fondamentali stili di pensiero: legislativo (che privilegia la creatività e l innovazione), esecutivo (che privilegia l osservanza di regole già date) e giudiziario (che privilegia la valutazione, la critica, ecc.). Un ulteriore distinzione è fatta in base al genere, infatti è fornita una diversa scala di misurazione per uomini e donne. Questi stili, ugualmente "degni" ed efficaci, ma differenti, si manifestano poi in modi diversi di vedere e di accostarsi al mondo e ai suoi problemi. Sternberg individua quindi persone creative, propense a inventare e progettare, altre pratiche focalizzate sulle applicazione ed altre ancora analitiche che analizzano, confrontano e valutano. Le persone riusciranno meglio a ogni stadio della loro carriera professionale a seconda che l ambiente sia più o meno compatibile con i loro stili di pensiero. Analogamente differenti livelli di carriera premiano stili diversi in modo differente. Il tema di che cosa è l intelligenza trova quindi una risposta più articolata rispetto alla sua quantificazione: capacità di apprendere dall esperienza e di adattarsi all ambiente, di comprendere e controllare i propri processi mentali alla quale si aggiunge l importanza della componente culturale. 2. Il contesto dei due paesi: Australia e Cina. Ritornando alla teoria di Hofstede, e focalizzandosi sulla relazione fra la distanza di potere e il grado di individualismo possiamo osservare che Australia e Cina si trovano agli estremi opposti: l Australia è caratterizzata da un alto individualismo e da una limitata distanza di potere, mentre la Cina vede un 1 Una traduzione in italiano di questi test di autovalutazione di Sternberg è disponibile in R. J. Sternberg (1998), Stili di pensiero, Trento, Edizioni Erickson.

7 basso individualismo e un alto livello di distanza di potere. In particolare la Cina rivela anche una moderata qualità della vita, un moderato annullamento dell incertezza, e un elevato orientamento a lungo termine. Inoltre rispetto alla quinta dimensione, gli asiatici - e specialmente i cinesi sono molto interessati al tema virtù Child (1994) ha affermato che le tradizioni culturali cinesi sono state a lungo puntellate da quattro valori importanti e ha sostenuto che le percezioni e le attività di leadership sono influenzate da questi valori. Al primo posto si colloca l importanza dell apparenza che implica il rispetto e l obbligo verso coloro che hanno un elevata posizione sociale, facendo e sollecitando favori in base all importanza e allo status nella famiglia o nella società. In secondo luogo, il rispetto della gerarchia si riferisce al rispetto della cosiddetta anzianità e dell età. In terzo luogo, l importanza del collettivismo comporta pensare e comportarsi nei limiti delle norme sociali accettate, evitando di ferire gli altri appartenenti al medesimo gruppo o ambiente sociale. Ultimo valore è quello dell armonia, che rappresenta l elemento guida per mantenere buone relazioni con reciprochi obblighi e compiti fra i membri dello stesso clan. I cinesi considerano vergognosa l agitazione del gruppo o dell armonia interpersonale, e nell educazione dei figli sono utilizzane tecniche che puntano sul sentimento di vergogna per enfatizzare questo punto e l importanza della lealtà di gruppo (Bond, 1991). Il collettivismo e la vergogna sono degli importanti aspetti del controllo sociale in Cina (Kirkbride, Tang & Westwood, 1991). La conformità è fortemente collegata alle nozioni socialmente funzionali di armonia interpersonale e collettivismo (Redding, 1990); questo è in contrasto con i paradigmi funzionali occidentali che enfatizzano l autonomia, la competizione fra individui e gruppi, le performance. L evidenza empirica di questa divergenza è verificata da uno studio condotto da Smith e dai suoi collaboratori (1989), ma dato l impatto di questi valori sul decision-making e i profili di pensiero dei leader il tema merita di essere approfondito con nuovi strumenti. Differenti culture affrontano il conflitto e la partecipazione in modi differenti. Come ha sottolineato Bond i cinesi tendono a evitare confronti aperti e assertività, nel contesto lavorativo questo potrebbe manifestarsi nel fatto che i senior leader e i middle manager evitano un aperto disaccordo in base alla tacita accettazione del fatto che è sempre il punto di vista del senior manager a prevalere. Quindi alcuni leader in Cina possono manifestare una tendenza a evitare situazioni caratterizzate da rischio di conflitto e a voler invece appoggiarsi a strutture direttive. L evitare il conflitto e il desiderio di armonia conduce a decisioni che raramente sono sfidate o affrontate in un modo creativo dal gruppo. Anche Wang (2004) ha affermato che i contesti culturali, storici e sociali cinesi hanno un grande impatto sulle tradizioni di leadership nel paese. Il rispetto per la gerarchia, il mantenimento dell armonia, l evitare il conflitto, il collettivismo, i social network e la conformità sono i valori chiave che hanno influenzato le tradizioni di leadership in Cina. Le sue conclusioni sono consistenti con quelle derivate dal lavoro di Hofstede, di cui si è parlato precedentemente (1995). Terrill (2003) descrive un regime cinese bloccato in una contraddizione fra il suo volto economico e i suoi vecchi modi politici autoritari fino al punto che quando verità e potere sono emanati da una singola fonte la valvola di salvezza della libera espressione è negata, la corruzione svetta e la scienza medica lavorano con una mano legata dietro la schiena. Parla di un partito di stato che abitualmente riscrive la sua storia e abbellisce la realtà al fine di preservare il proprio potere e proteggere un agenda imperiale che porta il Partito Comunista Cinese a essere ossessionato dalla dottrina persino quando le persone sono annoiate dal vuoto della dottrina. Risolvere le contraddizioni di base include nuovi modi di pensare, accettare di sfidare le proprie assunzioni e sviluppare una mente aperta con fiducia. In questi anni la Cina sta vivendo una modernizzazione guidata dai manager che comporta una trasformazione da un economia pianificata a un economia di mercato e una transizione della leadership dai tradizionali leader carismatici ai moderni leader scientifici (Qingguo, 2005). Una leadership condivisa all interno del sud-est asiatico includerà probabilmente la Cina nel prossimo futuro (Economy, 2005) e la perspicacia della Cina di comprendere i modi occidentali di pensare e di superare i concorrenti nell innovazione e nei giochi economici ha accumulato abbastanza impeto per proporre significative sfide di leadership. Il governo cinese ha adottato un approccio frenante e riservato per gli affari esteri dove la sua strategia è stata di valutare attentamente il nuovo ordine globale, consolidare la sua posizione, accettare la bilancia del potere internazionale e affrontare con calma le sfide in un modo, definito nella politica cinese di heping jueqi (pacifica crescita della Cina). Per alcuni, la Cina è un luogo dove il controllo domina molte sfere della vita e il nuovo mercato asiatico rappresenta una fonte di paura e dominazione e deve quindi essere tenuto sotto controllo: le

8 parole Made in China sono chiaramente dotate di ubiquità. L'onnipresenza della Cina esercita una grande influenza persuasiva nelle vite dei consumatori, impiegati e cittadini attraverso un rapido cambiamento verso l economia di massa. Le attitudini verso la Cina sono paradossali in quanto essa è vista simultaneamente come: sia un competitor strategico che un business partner, un paese che non allenterà il controllo in confronto con uno che è per la cooperazione e si conforma ai nuovi standard; un paese che è immobile e rigoroso in confronto con uno che è flessibile ed elogiativo delle nuove realtà globali. Puntare sulla comprensione dei differenti modi di pensare è un importante strategia per calmare preoccupazioni, modificare percezioni negative e accettare differenti valori e interessi, nazionali e regionali. In confronto alla Cina, l Australia ha dimostrato il suo posto nell ambito della leadership globale e ha esercitato una certa influenza internazionalmente oltre ad essersi costruita una buona reputazione come leader regionale. L Australia è un paese caratterizzato da multiculturalismo e dal difendere e abbracciare la diversità, che vanta un eccellente track record come nazione forte economicamente, politicamente e socialmente. La leadership in ambiti lavorativi governativi e privati in Australia è caratterizzata dall essere forte, etica ed eclettica nonostante i pochi scandali riportati dalla stampa. Inoltre l Australia ha giocato un utile ruolo nell assistere la Cina nei suoi sforzi di sviluppo e con essa ha formato stretti legami dal punto di vista economico, sociale e politico. Si riscontra un forte scambio di conoscenza e strumenti di comprensione fra Australia e Cina con molte delegazioni di senior leader che visitano le istituzioni australiane per apprendere ed esportare le best practice. Un efficace scambio fra leader cinesi e australiani - che deve essere necessariamente costruito su un apprezzamento di come ognuno pensa - è un fattore imperativo al fine di far progredire la pace e la prosperità nel mondo. 3. Presentazione dei dati Si è scelto di selezionare un campione di manager che in generale sono direttori e vice-direttori di istituzioni educative: 122 manager cinesi e 71 australiani. Le statistiche emerse dalle interviste e daii questionari somministrati a tutti i manager cinesi e australiani sono raccolte nelle tabelle 1 e 2, che mostrano le medie e gli standard error per ogni stile di pensiero. In ogni caso è stata effettuata un analisi della varianza univariata utilizzando SPSS seguito dal test di Levene per l'omogeneità delle varianze. Per ogni stile di pensiero di Sofo e Sternberg, l analisi di Levene ha testato con successo l ipotesi nulla che l errore di varianza della variabile dipendente era uguale sia nei gruppi cinesi che australiani. Il profilo di stile di pensiero del manager cinese è caratterizzato da un alta preferenza per l indipendenza nel pensiero seguita dagli stili esplorativo e indagatore. Viceversa, il profilo di stile di pensiero del manager australiano è caratterizzato da un alta preferenza per lo stile esplorativo seguito dagli stili indipendente e indagatore. Per entrambi i gruppi, gli stili meno preferiti sono quelli condizionale e creativo. Per la preferenza per lo stile creativo non si evidenzia una differenza significativa fra i manager cinesi e australiani. Su tutti gli altri stili ci sono differenze statisticamente significative. Su due degli stili (condizionale e indipendente) i manager australiani hanno statisticamente preferenze più basse rispetto ai cinesi mentre su altri due stili (indagatore e esplorativo) accade l opposto. Entrambi gli stili, esplorativo e indipendente sono alti per entrambe le nazionalità. Questo indica che i manager riportano che preferirebbero pensare in modi che generano opzioni ed esplorano varie possibilità nel processo di decision-making e di conseguenza prendere decisioni indipendenti. Una notevole differenza è che il profilo cinese ha il picco di preferenza per lo stile indipendente mentre quelli australiani per lo stile esplorativo. Nessun manager ha collocato se stesso come medio-basso, basso o molto basso per nessuno dei tre stili (una media pari a 4 o superiore indica un punteggio basso mentre una media pari a 1 indica la più alta preferenza per uno stile). Il profilo dei manager cinesi nel FTS indica un alta preferenza per gli stili di pensiero esecutivo e giudiziario, una medio-alta preferenza per lo stile giudiziario. Il profilo

9 per gli Australiani indica lo stesso punteggio di una medio-alta preferenza (da 3,3 a 3,7) per tutti gli stili. Tabella 1: Media e standard error per i manager cinesi e australiani, TSI di Sofo Stile di pensiero Manager cinesi N=122 Manager australiani N= 71 Media Std. Error Media Std. Error 1. Condizionale 21.46* * Indagatore 29.50* * Esplorativo 34.15* * Indipendente 37.54** ** Creativo * differenza statisticamente significativa a p<0.001; **a p<0.05 I manager cinesi hanno una più alta preferenza rispetto ai colleghi australiani per tutti gli stili di pensiero misurati in base al FTS di Sternberg. Tutti i manager hanno simili preferenze per lo stile legislativo; comunque i manager cinesi hanno più alte preferenze statisticamente significative per gli stili esecutivo e giudiziario rispetto ai pari australiani. Tabella 2: Media e standard error dei manager cinesi e australiani, FTS di Sternberg Stile di pensiero Manager cinesi N=122 Manager australiane N=71 Media Std. Error Media Std. Error 1. Legislativo Esecutivo 2.07* * Giudiziario 2.46* * * differenza statisticamente significativa fra le medie a p< Stili di pensiero cinesi e australiani: un confronto I manager australiani hanno una più ampia differenza di preferenze nel TSI (range di 25) rispetto ai colleghi cinesi (range di 16), il che indica delle preferenze più fortemente delineate per i manager australiani ma con una concomitante minore flessibilità nel loro utilizzo. I profili di stile di pensiero sono differenti per i due gruppi di manager: i manager australiani impiegati nel servizio pubblico hanno alte preferenze per esplorazione, indipendenza e inchiesta nel pensare così come alte-medie preferenze per gli stili di pensiero legislativo, esecutivo e giudiziario. Al contrario, i manager cinesi impegnati nel servizio pubblico hanno alte preferenze per indipendenza, inchiesta, e per gli stili legislativo, esecutivo e giudiziario ma preferenze significativamente più basse per gli stili di pensiero indagatore, creativo e condizionale. Le differenze fra i Cinesi e gli Australiani sono statisticamente significative e meritano serie considerazioni nell ambito di scambi interculturali. Questi risultati supportano i precedenti commenti di Zhang (1999): differenti stili sono puntellati da differenti valori fondati si situazioni, contesto, cultura ed ere. Per esempio, le differenze potrebbero impattare sul lavoro in quanto differenti impieghi hanno necessità abbastanza diverse per i differenti stili. Consideriamo, per esempio, il ruolo di chief executive (CEO) che è primariamente legislativo e focalizzato su ciò che dovrebbe essere fatto; o i middle manager che invece necessitano di avere uno stile esecutivo, e si occupano di come mettere in atto i piani; o i contabili e gli ingegneri, che necessitano di avere un temperamento giudiziario, considerando i pro e i contro degli approcci alternativi. I risultati supportano l opinione di Sternberg (1997) che gli stili di pensiero dei manager forniscono capacità di osservazione sull idoneità di un lavoro e su temi di comunicazioni personali, e che le priorità del decision-making dei manager sono largamente plasmate dai loro stili di pensiero. Tradizionalmente, l unità in Cina è dipesa dal pensiero condizionale (Kirkbride et al., 1991) ma sembra che la forte preferenza dei manager cinesi per l indipendenza significhi che l unità in futuro necessiterà di essere raggiunta in nuovi modi. Alcune cose sono in-discutibili fra i manager cinesi, in particolare un approccio di decision-making indipendente non è promosso in quanto alla maggior parte dei direttori o dei vice non è richiesto di prendere decisioni ma piuttosto devono essere consultivi e eseguire la linea di condotta e le direttive. L essere esecutivo si è rivelato essere il loro più forte stile, il che significa implementare decisioni già prese. La loro bassa preferenza per lo stile condizionale non è forse un vero riflesso della necessità nei loro posti di lavoro, dove è richiesto che siano condizionali nel loro pensare (Smith et al., 1989).

10 Al contrario i manager australiani generalmente sono incoraggiati sul lavoro a generare opzioni e a essere esplorativi piuttosto che condizionali nelle loro interazioni. Questo è evidente nella loro bassa preferenza per il pensiero condizionale evidenziato dai dati. Le implicazioni delle differenze negli stili di pensiero per ogni gruppo culturale sono un importante considerazione quando si vuole pianificare il fornire programmi di management training in Cina. Il tema è che gli istruttori occidentali, che forniscono programmi in Cina, hanno bisogno di essere informati e competenti circa la cultura cinese e i modi di pensare e di interagire in modi produttivi. I manager cinesi che partecipano a programmi di formazione occidentali desiderano apprendere nuovi modelli e differenti modi di fare cose, ma similarmente è necessario che il modo in cui viene insegnato loro sia adatto alle loro preferenze al fine di costruire un rapporto, e che offra loro qualche sfida. Differenti sistemi educativi e corsi incoraggiano stili di pensiero basati sulla disciplina (condizionale e indagatore piuttosto che indipendente e creativo) per la pratica professionale. Per esempio le lezioni promuovono stili di pensiero esecutivo e gerarchico mentre il cooperative learning incoraggia gli stili di pensiero esplorativo, esterno e sociale. Nel caso gli stili di pensiero degli studenti non concordino con gli stili dei loro insegnanti o nel caso in cui gli stili dei dipendenti non concordino con quelli dei loro capi, potrebbe non esserci un apprendimento efficace e un fallimento nel comunicare e operare efficacemente. Per esempio alcuni manager non desiderano che i dipendenti facciano domande o sfidino i loro punti di vista; quindi quando i dipendenti hanno una forte preferenza per gli stili di pensiero indipendente ed esplorativo, essi sono in disaccordo con la cultura dell organizzazione instaurata dal manager e potrebbero esserci difficoltà nell ottenere i risultati richiesti efficientemente. L impiego del FTS di Sternberg e il TSI di Sofo ha fornito capacità di osservazione sul profilo di stile di pensiero dei manager cinesi e australiani. In una Cina storicamente condizionale, i risultati indicano che lo stile di pensiero meno preferito dai leader cinesi è il condizionale, mentre i loro stili preferiti sono indipendente ed esplorativo. I manager cinesi hanno riportato che preferiscono prendere decisioni indipendenti e generare opzioni. Tradizionalmente, quelli sotto un regime comunista erano legati al rispetto di pensare come i loro superiori (pensiero condizionale). Ora appare che vi sia un avversione per accettare le informazioni e le situazioni senza una riflessione autonoma. I risultati suggeriscono che i manager cinesi preferiscono raffinare le necessità della policy (stile indagatore), pacificamente liberare il loro pensiero attraverso la ricerca di una certa differenza di opinione, o di punti di vista alternativi e cercando pensieri indipendenti, estendendo in questo modo i loro contributi per il tian xia, il reame mondiale(walker, 1994). I manager cinesi sono esecutivi, e amano affrontare le informazioni e le situazioni implementando i progetti già pianificati e lavorando in un quadro di riferimento strutturato. Inoltre, sono giudiziari, e amano analizzare, criticare e valutare le idee nell ambito di strutture esistenti. Un alta preferenza per lo stile giudiziario può significare una perspicacia per mantenere un equilibrio corretto nelle situazioni. Questo riflette il principio di yin e yang, l equilibrio fra alcuni stili di pensiero per creare armonia, obiettivo importante nella cultura cinese. Questi risultati riflettono le idee di Terrill (2003): c è un progresso verso la risoluzione della contraddizione di base della Cina, la lotta per mantenere una regola imperiale repressiva e l aprire a nuovi modi di fare business che richiede nuovi modi di indipendenza nel pensare.

11 Figura 2: Modello composto degli stili di pensiero cinesi e occidentali Nel voler estrarre un modello, i dati suggeriscono di descrivere una confluenza delle concezioni cinesi e australiane di stili di pensiero (si veda la figura 2). Contributi circa gli stili di pensiero consistenti con la cultura cinese, discussi precedentemente in questo lavoro, sono elencati nella colonna di sinistra e all interno delle parentesi all interno del pentagono nella figura 2, dove quelle espressioni di stile di pensiero sono in parallelo con le categorie e la struttura teorica, basata sui lavori di Sofo e Sternberg, utilizzata in questa ricerca. La figura 2 mostra che per i manager cinesi lo stile di pensiero può non essere una preferenza, ma una necessità e un attenta scelta basata sulla valutazione del contesto. Si evidenzia un desiderio per un utilizzo bilanciato e efficace dei vari stili cognitivi e delle preferenze della personalità degli attori nel processo di decision-making. Come si è detto alcuni nuovi stili di pensiero più adatti ai leader e alla cultura cinese sono suggeriti e indicati nella colonna sulla sinistra e fra le parentesi nella figura 2. Ad esempio, uno stile di pensiero consultivo potrebbe rivelarsi rilevante per i leader cinesi in quanto alcune posizioni dirigenziali non permettono un vero decision-making ma piuttosto sono unicamente di natura consulenziale; questo tipo di manager contribuisce principalmente alla costruzione delle policy. Potrebbe essere che lo stile di pensiero consultivo in realtà rifletta lo stile legislativo di Sternberg come indicato in figura. Un altro stile potrebbe invece concentrarsi sulla tolleranza per l incertezza e l ambiguità che rispecchia gli stili indagatore e condizionale di Sofo: tutta la fiducia di una persona è riposta nelle opinioni e nelle decisioni dei manager e sono poste domande principalmente con propositi di chiarimento, in quanto di base c è un accettazione delle regole e dello status quo. Questo stile è indicato come uno stile di pensiero di tolleranza simile allo stile indagatore di Sofo (TSI). Stili di pensiero di alto e basso controllo riflettono invece gli stili di pensiero condizionale (basso controllo) e indipendente (alto controllo) del TSI di Sofo. I risultati indicano qualche senso di globale empatia negli stili di pensiero dei manager cinesi e australiani, il che può migliorare gli approcci di insegnamento oltre a contribuire a sviluppare migliori relazioni fra le differenti culture. Ad esempio, per ottimizzare la performance potrebbe essere sensato far concordare il profilo di stile di pensiero con l ambiente, in quanto gli stili di pensiero sono riflessi in attività sia di routine che inusuali quali la gestione, l apprendimento, l insegnamento e la gestione delle crisi. I manager cinesi comunemente esprimono una preferenza nell apprendimento attraverso lezioni che seguono un format familiare: prima si evidenza la tesi o il tema, poi si forniscono alcune definizioni e poi si illustra il tutto con esempi e case study. Ė anche vero che quando questa preferenza è disattesa, potrebbe manifestarsi una certa resistenza o difficoltà nell apprendimento ma non di meno

12 la loro esperienza ha dimostrato i benefici della cooperazione e l abilità di lavorare per il bene comune in contrasto con i concetti australiani di diritti individuali e libertà. 4 Osservazioni conclusive I risultati di questo studio forniscono una più profonda comprensione dei differenti modi in cui le persone costruiscono il proprio senso della realtà, del mondo. Questo approccio può essere applicato al comportamento delle organizzazioni in modo da poter contribuire a un processo decisionale di successo, al lavoro in team, al crisis management e a supportare l efficacia di individui, gruppi e della comunità in generale. La consapevolezza del proprio stile di pensiero aumenta la nostra conoscenza dell efficienza e dell efficacia sul lavoro. Un profilo di stile di pensiero correlato positivamente alle performance di problem-solving tattico può servire a identificare la leadership e il potenziale individuale. Questo tipo di informazioni possono rivelarsi utili anche nell individuare la selezione appropriata di media educativi e di strategie di insegnamento in base alle preferenze dell allievo. Sono fornite capacità di osservazioni e dettagli utili sugli stili di pensiero e la cultura, e in particolare si fornisce uno strumento per aiutare a migliorare la nostra comprensione delle preferenze e percezioni dei manager cinesi e australiani. I manager cinesi generalmente descrivono i loro stili di pensiero come una necessità e un obbligo di fare la giusta scelta su come affrontare il processo di decision-making mentre simultaneamente evidenziano un desiderio di un maggiore indipendenza ed esplorazione per diventare manager moderni. La loro opinione e profilo confermano gli assunti della letteratura occidentale in cui solo una parte della performance è attribuita all intelligenza e all abilità, mentre il resto è dovuto alla specifica preferenza su come pensare e affrontare le informazioni e le situazioni. Un limite alla presente ricerca può essere rappresentato dall utilizzo di soli strumenti occidentali (Sofo, 2002; Sternberg, 1997), che potrebbero essere meno validi per una popolazione cinese. Tre altri potenziali problemi possono sussistere rispetto l approccio della ricerca. Primo, i manager possono non conoscere le proprie preferenze, potrebbero sbagliarsi e utilizzare nella realtà differenti stili da quelli che pensano di impiegare. Secondo, non c era no scope per i manager di descrivere i loro modi di pensare. Terzo, come già sottolineato entrambi gli strumenti sono basati su valori e nozioni di pensiero occidentali. Successivi lavori potrebbero trarre benefici da un approccio più qualitativo per scoprire attraverso altri strumenti - come una serie di interviste one-to-one (Sofo, 2006) e l osservazione dei soggetti al lavoro - quali stili di pensiero i manager realmente credono di utilizzare e se le loro descrizioni sono validate da un attenta osservazione. Si ritiene importante apprezzare gli stili di pensiero dei manager cinesi e australiani come la base per la loro attività collaborativa. Lo studio ha confermato un modello culturalmente sensibile di stile di pensiero per i manager basato su analisi empiriche di inventari di stile di pensiero, affiancate dall esperienza personale di lavorare con manager cinesi. Questo in sé contribuisce alla nostra conoscenza circa i concetti di pensiero e di problem-solving dei leader cinesi. Questa ricerca supporta precedenti lavori esplorativi di Sofo (2005) e può essere impiegato come base per monitorare l impatto di cambiamenti senza pari che si stanno rivelando in Cina durante il suo ingresso nel mondo globalizzato. Infatti, le differenti strutture cognitive riconosciute dai leader cinesi danno forma alle strutture culturali che a loro volta impattano sulle interazioni fra le diverse tradizioni culturali. Mentre da una parte la Cina continua a estendersi e dall altra i paesi occidentali penetrano la cultura cinese, mentre avvengono gli scambi, l apprendimento e lo sviluppo possono essere viste all interno di una struttura di dinamica interculturale che ristruttura tutte le strutture cognitive degli attori. Si tratta di un lavoro esplorativo e che non è stato costruito su altri precedenti lavori che comparano gli stili di pensiero dei dirigenti cinesi e australiani, ci auguriamo che questi iniziali risultati saranno rafforzati da futuri lavori di ricerca. 5 Appendice I: TSI di Sofo Di seguito si riporta il TSI di Sofo che descrive il modo in cui una persona pensa, come si relaziona con le idee e come agisce nel contesto quotidiano della propria vita: è costituito da 10 affermazioni, ognuna delle quali può essere completata in cinque differenti modi. A ogni frase completa deve essere attribuito un punteggio che rifletta quanto l affermazione descrive il proprio modo di pensare in una scala da 1 (la frase completa che sembra rappresentare meno il proprio modo di ragionare) a 5 (la frase completa che descrive meglio il proprio modo di pensare).

13 1 Quando penso mi piace: essere passivo fare domande cercare alternative dirigere il mio pensiero immaginare 2 Penso meglio quando 3 Mentre sto pensando io: 4 Per me è meglio pensare quando: 5 Quando penso io: 6 Mentre penso io 7 Io penso meglio: 8 Quando sto pensando mi piace: non rendo noto il mio punto di vista voglio che mi venga detto come/cosa pensare accetto i punti di vista degli altri sono attento a pensare le cose giuste mi baso sulle mie conoscenze se accetto altri punti di vista basarmi sui sentimenti che provano gli altri faccio domande circa le tematiche prendo l iniziativa cerco una spiegazione mi avventuro fuori dai miei schemi abituali mi domando ció che conosco se metto in discussione ogni punto di vista interrogarmi sui sentimenti esperimento metto in dubbio le idee implemento differenti idee guardo a tutti gli aspetti del problema sperimento nuovi modi per farlo se scopro nuovi punti di vista esplorare nuovi sentimenti mi sento responsabile delle mie azioni offro i miei suggerimenti penso da solo mi baso solo sulle mie opinioni esprimo le mie opinioni se decido quali sono i miei punti di vista basarmi sui miei sentimenti utilizzo immagini tendo a prepararmi mentalmente penso per immagini visualizzo nuove esperienze invento opinioni se visualizzo i problemi immaginare nuovi sentimenti 9 Io penso meglio quando: 1 I miei migliori pensieri nascono quando: accetto le soluzioni dico quello che gli altri pensano metto in discussione le soluzioni faccio domande che mi aiutano a capire meglio cerco nuove soluzioni provo a esplorare tutti gli aspetti offro le mie soluzioni dico che cosa penso immagino le soluzioni descrivo quello che posso visualizzare Somma di ogni colonna =TOTALE = TOTALE = TOTALE = TOTALE = TOTALE 6 Appendice II: FTS di Sternberg. In questa seconda appendice si riporta i tre test di autovalutazione (Sternberg-Wagner Self Assessment Iventory) di Sternberg. I punteggi da attribuire in tutti i test sono in base a una scala da 1 (se l affermazione non si adatta totalmente a voi) a 7 (se l affermazione si adatta voi estremamente bene): 1 = Per niente, 2 = Non molto, 3 = Un pochino, 4 = Abbastanza, 5 = Bene, 6 = Molto,7= Estremamente. Il primo è il test di Autovalutazione per lo stile legislativo: 1. Nel prendere le decisioni, tendo a basarmi sulle mie idee e sul mio modo di fare le cose. 2. Di fronte a un problema, utilizzo le mie idee e le mie strategie per risolverlo. 3 Mi piace giocare con le mie idee e vedere quanto lontano si possono spingere. 4 Mi piacciono i problemi che mi permettono di usare un modo personale per risolverli. 5 Quando lavoro a un compito, mi piace iniziare con idee mie. 6 Prima di iniziare un compito, mi piace pensare come lo svolgerò. 7 Sono più felice quando sono alle prese con un lavoro, se posso decidere da solo che cosa fare e come farlo. 8 Mi piacciono le situazioni in cui posso utilizzare le mie idee e modi di fare le cose. Al fine di valutare il proprio punteggio, si sommino gli otto numeri associati alle affermazioni del test per lo stile legislativo e poi si divida per 8. Si approssimi alla prima cifra decimale. Si dovrebbe ottenere un numero compreso fra 1.0 e 7.0. Le sei categorie identificate dipendono dal proprio status e sesso.

14 Tabella 3: Categorie per stile legislativo (in caso di adulti) Categoria M F Molto Alto (Top 1-10%) Alto (Top 11-25%) Alto/medio (Top 26-50%) Medio/Basso (Top 51-75%) Basso (Top 76-90%) Molto basso (Top %) Il secondo test di autovalutazione è per lo stile esecutivo: 1. Quando discuto o butto giù le mie idee, seguo le normali regole espositive. 2. Sono attento a utilizzare il metodo giusto per risolvere qualunque problema. 3 Mi piacciono i progetti che hanno una chiara struttura, un piano e un obiettivo precisi. 4 Prima di iniziare un compito o un progetto, verifico quali metodi o procedure si dovrebbero utilizzare. 5 Mi piacciono le situazioni in cui il mio ruolo o il modo in cui devo partecipare sono chiaramente definiti. 6 Mi piace capire come risolvere un problema seguendo certe regole. 7 Mi piace lavorare a cose che possono essere fatte seguendo delle istruzioni. 8 Mi piace seguire regole o prescrizioni definite quando risolvo un problema o eseguo un compito. Anche in questo caso per valutare il proprio punteggio, si sommano gli otto numeri associati alle affermazioni, e poi si divide per 8 approssimando alla prima cifra decimale; la tabella di riferimento è la seguente: Tabella 4: Categorie per stile esecutivo (in caso di adulti) Categoria M F Molto Alto (Top 1-10%) Alto (Top 11-25%) Alto/medio (Top 26-50%) Medio/Basso (Top 51-75%) Basso (Top 76-90%) Molto basso (Top %) L ultimo test di auto-valutazione è per lo stile giudiziario: 1. Quando discuto o butto giù le mie idee, mi piace criticare I modi di fare le cose degli altri. 2. Di fronte a idee antitetiche, mi piace decidere qual è il giusto modo di fare qualcosa. 3 Mi piace verificare e valutare punti di vista opposti o idee in conflitto fra loro. 4 Mi piacciono i progetti in cui posso studiare e valutare differenti punti di vista e idee. 5 Preferisco i compiti o i problemi in cui posso valutare i progetti o i metodi altrui. 6 Nel prendere una decisione, mi piace mettere a confronto opposti punti di vista. 7 Mi piacciono le situazioni in cui posso confrontare e giudicare differenti modi di fare le cose. 8 Mi piacciono i lavori che implicano l analisi, la valutazione, o il confronto delle cose.

15 Seguendo il medesimo processo di calcolo si determini il punteggio e lo si confronti con la seguente tabella. Tabella 5: Categorie per stile giudiziario (in caso di adulti) Categoria M F Molto Alto (Top 1-10%) Alto (Top 11-25%) Alto/medio (Top 26-50%) Medio/Basso (Top 51-75%) Basso (Top 76-90%) Molto basso (Top %) Bibliografia Bond, M. (1991). Cultural influences on modes of impression management: implications for the culturally diverse organization. In Rosenfield, R. (Ed.), Applied impression management: how imagemaking affects managerial decisions. Newbury Park, CA: Sage. Child, J. (1994) Management in China during the age of reform. Cambridge: Cambridge University Press. Dunn, R. & Dunn, K. (1978). Teaching students through their individual learning styles. VA: Reston. Eagly A., Johnson B. T. (1990), Gender and leadership style: A meta-analysis, Psychological Bulletin, 108, Economy, E. (2005). China s rise in Southeast Asia: implications for the United States. Journal of Contemporary China, 14(4), Gregorc, A. (2006). Check your thinking style. (http://www.thelearningweb.net/personalthink.html) (Accessed 19 June 2006). Harrison, A. & Bramson, R. (1982). Styles of thinking. Garden City, NY: Anchor Press/Doublebay. Harvey, O., Hunt, D. & Schroder, H. (1961). Conceptual systems and personality organization. New York: Wiley. Hofstede, G. (1991), Cultures and organizations: Software of the mind, Londra, McGraw-Hill. Hofstede, G. (1995). Management values: the business of international business is culture. In Jackson, T. (Ed.), Cross-cultural management. Oxford: Butterworth-Heinemann. (pp ). ISENBERG D. J. (1984), How Senior Managers Think, Harvard Business Review, November, Kagan, J. (1966). Reflection-impulsivity: the generality and dynamics of conceptual tempo. Journal of Abnormal Psychology. 71, Kagan, J., Joss, H. & Sigel, I. (1963). Psychological significance of styles of conceptualization. Monographs of the society for Research in Child Development. Chicago: University of Chicago Press. Kirkbride, P. S., Tang, S. & Westwood, I. (1991) Chinese conflict preferences and negotiation behaviours: cultural and psychological influence. Organization Studies, 12(3), Kirkbride, P. S., Tang, S., Westwood, I. (1991), Chinese conflict preferences and negotiation behaviours: cultural and psychological influence. Organization Studies, 12(3),

16 Klopf D.W. (1995), Intercultural encounters: The fundamentals of intercultural communication, Englewood US, Morton Publishing Company. Kolb, D. A. (1976). Learning style inventory: self-scoring test and interpretation booklet. Boston: McBer and Company. Myers, I. & Myers, P. (1980). Manual: a guide to use of the Myers-Briggs Type Indicator. Palo Alto, CA: Consulting Psychologist Press. Pettigrew, T. (1958). The measurement of category width as a cognitive variable, Journal of Personality, 26, Qingguo, J. (2005). Learning to live with the Hegemon: evolution of China s policy towards the US since the end of the Cold War. Journal of Contemporary China, 14(4), Renzulli, J. & Smith, L. (1978). The learning styles inventory: a measure of student preference for instructional techniques. Mensfield Center, CT: Creative Learning Press. Shouksmith, G. (1972). Self-concepts assoiated with two measures of cognitive style. New Zealand Psychologist, 1(2), Simon, H. (1987), Making management decisions: the role of intuition and emotion, Academy of Management Executive, February, Smith, P., Misumi, J., Tayeb, M. Perterson, M. & Bond, M. (1989) On the generality of leadership style measures across cultures. Journal of Occupational Psychology, 62(2), Sofo, F. (2002). Thinking style inventory (TSI) Manual. Unpublished manuscript. University of Canberra, Australia. (Australian and Chinese versions) Sofo, F. (2004). Open your mind: the seven keys to thinking critically. Sydney: Allen and Unwin. Sofo, F. (2005). Thinking styles of modern Chinese leaders: independence and exploration in an historically conditional China. Australian Journal of Adult Learning, 45,(3), Sofo, F. (2006). Chinese education leaders styles of thinking at work. Paper presented at the Second Australasian Business and Behavioural Sciences Association International Conference, The University of Adelaide, 29 September 1 October. Sternberg R. J. (1997). Thinking styles. New York: Cambridge University Press. Sternberg R. J. & Ruzgis, P. (1994). Intelligence and personality. New York: Cambridge University. Sternberg, R. J. (1988). The triarchic mind: a new theory of human intelligence. New York: Viking. Terrill, R. (2003). The new Chinese empire. Sydney: University of New South Wales Press Ltd. Walker, R. (1994). The cultural factor still counts, American Journal of Chinese Studies,2,(1). Wang, T. (2004). Understanding Chinese educational leaders conceptions of learning and leadership in an international education context. Doctoral dissertation. University of Canberra. Zhang, L. F. & Sternberg, R. J. (1998). Thinking styles, abilities and academic achievement among Hong Kong university students. Educational Research Journal, 13(1), Zhang, L. F. (1999). Further cross-cultural validation of the theory of mental self-government. The Journal of Psychology, 133(2), 165.

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Assessment, Capability Review, Business 360. Metodo e Strumenti

Assessment, Capability Review, Business 360. Metodo e Strumenti Assessment, Capability Review, Business 360 Metodo e Strumenti Assessment & Capability Review Contenuti e Obiettivi L assessment è la valutazione delle competenze individuali, dei punti di forza, delle

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia

Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia Risultati del Controllo delle Competenze in quattro stati europei secondo il Modello Interno Con lealtà verso il successo Progetto Competenze

Dettagli

GPP-I. Gordon Personality Profile Inventory RAPPORTO INTERPRETATIVO. Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello

GPP-I. Gordon Personality Profile Inventory RAPPORTO INTERPRETATIVO. Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello Gordon Personality Profile Inventory Leonard V. Gordon Adattamento italiano di Luigi Pedrabissi e Massimo Santinello RAPPORTO INTERPRETATIVO Report a cura di Chiara Consiglio, Federica Di Massa e Mariella

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale Associazione DAGUS www.associazionedagus.it associazione.dagus@gmail.com. 1 Lo psicologo in azienda L analisi e la promozione

Dettagli

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman Recensione a cura di Anna Lisa Pani Daniel Goleman, ha sviluppato il lavoro avviato nel libro Intelligenza

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA Gillian Whitehouse School of Political Science and International Studies University of Queensland Australia Temi e punti centrali

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC.

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. INTRODUZIONE Il Motives, Values, Preferences Inventory descrive i valori, gli obiettivi e gli interessi delle persone.

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

The New Leadership Paradigm

The New Leadership Paradigm Leadership del XXI secolo The New Leadership Paradigm Richard Barrett A cura di Luigi Spiga I 7 stati di coscienza della leadership Servizio Fare la differenza Trasformazione Stima di se stessi Relazione

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Un progetto di analisi della Cultura Aziendale

Un progetto di analisi della Cultura Aziendale Continuous Innovation Un progetto di analisi della Cultura Aziendale Lean Six Sigma Coaching Assago, 20 Maggio 2009 5 maggio 2011 Gianpaolo Negri Sommario Di cosa stiamo parlando? Cosa si intende per cultura

Dettagli

EMOSIA: LA COMPETENZA EMOTIVA (secondo Goleman)

EMOSIA: LA COMPETENZA EMOTIVA (secondo Goleman) EMOSIA: LA COMPETENZA EMOTIVA (secondo Goleman) Fonte: Fonte: Goleman, Goleman, Lavorare Lavorare con con intelligenza intelligenza emotiva,1999 emotiva,1999 LA STRUTTURA DELLA COMPETENZA EMOTIVA: COMPETENZA

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Il vantaggio di negoziare Indice Introduzione: Saper negoziare: indispensabile per avere successo nel dinamico mondo degli affari Perchè Negotiate.it?

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE Prof. Marta Ghini ESERCITAZIONE Ripasso dell altra volta non condotto dal docente. UNA DISTINZIONE DI TERMINI STEREOTIPO: rappresentazione cognitiva o impressione

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro Public Team Coaching Speaking TEAM COACHING Quest'opera è coperta da licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non opere derivate 2.5 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

L informal learning di Jay Cross

L informal learning di Jay Cross L informal learning di Jay Cross tratto ed adattato da Apprendimento informale e formazione aziendale: perché usare questo sistema di apprendimento? di Jay Cross e Robin Good (link) Premessa di formazione-esperienziale.it

Dettagli

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento Chi Siamo ADM Advanced Development of Mind svolge la sua attività nell ambito del Miglioramento Personale, della Formazione Aziendale, della Consulenza e del Coaching. Fondata nel 1997 da Andrea Di Martino,

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA Perché affrontare questo tema? Il motivo risiede nella considerazione che la progettazione organizzativa, ma soprattutto la sua corretta attuazione, siano una delle

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

> Team Types / Leadership Styles Report. Nome: Peter Sample

> Team Types / Leadership Styles Report. Nome: Peter Sample > Team Types / Leadership Styles Report Nome: Peter Sample Data: 14 aprile 2009 Stile di Gruppo Introduzione Questo report riassume gli stili preferiti nel gruppo dal Sig. Sample sulla base del suo profilo

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

OPQ Profilo OPQ. Manager Plus Report. Nome Sig. Sample Candidate. Data 18 ottobre 2013. www.ceb.shl.com

OPQ Profilo OPQ. Manager Plus Report. Nome Sig. Sample Candidate. Data 18 ottobre 2013. www.ceb.shl.com OPQ Profilo OPQ Manager Plus Report Nome Sig. Sample Candidate Data 18 ottobre 2013 www.ceb.shl.com INTRODUZIONE Questo report è destinato ai manager di linea e ai professionisti delle risorse umane. Contiene

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

La cultura dell innovazione: valori, comportamenti e territori innogenetici

La cultura dell innovazione: valori, comportamenti e territori innogenetici La cultura dell innovazione: valori, comportamenti e territori innogenetici Riccardo Viale (Fondazione Cotec e SSPA, Roma) 2008 Lugano, 6 novem bre 2008 INTRODUZIONE Numerosi studi hanno evidenziato come

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE Progetto 1: Gestire il tempo Durata complessiva: 28 di cui 16 di aula (4 incontri da 4 ore), 6 di e-learning e 6 di project work Numero partecipanti previsto: 14 Quota iscrizione 30 Modulo 1 La gestione

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Sviluppo professionale

Sviluppo professionale Sviluppo professionale 2013 CHI SIAMO Solutions Academy è la divisione formazione e consulenza di ADR Center Costituita nel 1998, ADR Center è la prima società italiana specializzata nella prevenzione

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA. Sviluppo Umano 1-13

OFFERTA FORMATIVA. Sviluppo Umano 1-13 Sviluppo Umano Sviluppo Umano sas di Gian Luca Cacciari & C. OFFERTA FORMATIVA 2013 1-13 Sviluppo Umano progetta e realizza interventi formativi su misura, realizzati ad hoc per i suoi Clienti. L esperienza

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

FINESTRE. Professione: MANAGER. Professione: MANAGER. Scenari, Metafore, Cura di sé

FINESTRE. Professione: MANAGER. Professione: MANAGER. Scenari, Metafore, Cura di sé Strettamente riservato Milano, 13 aprile 2012 Non c è vento a favore per chi non conosce il porto Professione: MANAGER Professione: MANAGER INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Autorevolezza personale e leader nella professione

Autorevolezza personale e leader nella professione Autorevolezza personale e leader nella professione Adolfo Maria Comari Autorevolezza personale e leader nella professione Psicologia della leadership McGraw-Hill Milano New York San Francisco Washington

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA I II III PREMESSA PRINCIPI APPLICAZIONE 1 I. PREMESSA Il Gruppo LVMH ( LVMH ) intende essere il leader indiscusso nel settore dei beni di lusso. Il suo sviluppo e il suo

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management

La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management Percorso formativo La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management edizione 2014-1 Percorso formativo Strutture del Successo La metodologia delle

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

Check List per la gestione della salute in azienda

Check List per la gestione della salute in azienda DIPARTIMENTO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Check List per la gestione della salute in azienda Strumento di promozione della salute nei luoghi di lavoro Lamberto Briziarelli,

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO.

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. Appunti incontro di giovedì 11 nov. 2002 Italo Fiorin STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. E ormai convinzione consolidata che, nell insegnamento, non si possa parlare di un metodo capace

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Competenze chiave per l apprendimento permanente

Competenze chiave per l apprendimento permanente per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo * Contesto ed obiettivi Che cosa c è di nuovo nei piani di studio Dato che la globalizzazione europea continua a porre l Unione europea di

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli