Le chiese africane di fronte al dramma dell AIDS. Carlo Casalone S.J. Vice Direttore della rivista Aggiornamenti Sociali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le chiese africane di fronte al dramma dell AIDS. Carlo Casalone S.J. Vice Direttore della rivista Aggiornamenti Sociali"

Transcript

1 Le chiese africane di fronte al dramma dell AIDS Carlo Casalone S.J. Vice Direttore della rivista Aggiornamenti Sociali 1. Premessa Se osserviamo quali sono le attuali modalità con cui l epidemia della Sindrome di immunodeficienza acquisita (AIDS) si diffonde nel mondo ci rendiamo conto che una prospettiva solamente centrata sulla singola persona e sui suoi comportamenti è insufficiente per interpretare adeguatamente il fenomeno. Di questo si è resa conto la riflessione nel campo dell etica (teologica): dopo il primo periodo negli anni 80 in cui si sono soprattutto sottolineati i comportamenti individuali e quindi l etica della persona, è subentrata una seconda fase in cui l accento si è spostato sulle dimensioni sociali e culturali. È così emerso che la povertà e l ingiustizia hanno una notevole rilevanza nella trasmissione del contagio. Si possono ben comprendere le ragioni di una tale evoluzione. Quanto legato ai comportamenti della singola persona è venuto subito alla ribalta perché la diffusione dell AIDS dipende dai comportamenti personali: se non si tengono certe condotte non ci si espone al rischio e quindi non si contrae l infezione. Pertanto l AIDS dipende dagli stili di vita molto più di altre malattie, che pur ne dipendono, ma in cui giocano un ruolo maggiore la predisposizione del singolo soggetto e i fattori ambientali. Inoltre il fatto che l infettività sia legata al sangue o comunque a liquidi biologici di profondo valore simbolico connessi con la vita e quindi a comportamenti che ne consentano il contatto su un piano che tocca la sfera privata del soggetto, richiede di tenere in equilibrio i diritti e i doveri della persona da una parte e l interesse della collettività dall altra. Si tratta di articolare il rispetto della libertà del singolo con eventuali restrizioni tese a salvaguardare la salute di tutti I riferimenti etici e il loro contesto I riferimenti etici fondamentali per valutare possibili strategie sanitarie o eventuali misure di ordine pubblico rivolte alla lotta contro l AIDS sono: 1 Cfr CATTORINI P. MORELLI D., AIDS, in LEONE S. PRIVITERA S. (edd.), Nuovo Dizionario di Bioetica, Città Nuova Istituto Siciliano di Bioetica, Roma Acireale (CT) 2004,

2 - il rispetto della dignità e della libertà personale, in particolare il diritto del singolo a sapere e a dare il proprio consenso informato riguardo ad azioni conoscitive, informative, diagnostiche o terapeutiche intraprese nei propri confronti; - il rispetto della salute e della persona altrui, che può comportare eventuali restrizioni della libertà della persona ammalata in ragione del danno che può procurare a terzi; - i valori della giustizia e della solidarietà, che sulla linea del punto precedente evidenziano, da una parte, la valenza sociale dell azione della singola persona e, dall altra, i rischi di emarginazione e di discriminazione di cui chi contrae l infezione può essere vittima. I contesti specifici in cui questi riferimenti generali si giocano sono: - il test diagnostico e le responsabilità nella comunicazione che ne conseguono; - il rapporto medico-paziente: il segreto professionale (deroghe possibili) e la disponibilità ad assumere del rischio connesso alla cura, secondo la tradizionale posizione dell etica professionale; - la sperimentazione clinica e le politiche sanitarie, in particolare per quanto riguarda l accesso alle cure in un contesto di risorse limitate e i criteri di una ricerca concretamente praticabile; - l impegno educativo e comunicativo in ordine soprattutto alla cura e alla prevenzione: si tratta di vincere pregiudizi e promuovere la solidarietà nel rispetto dei contesti culturali in cui ci si colloca. È su questo ultimo punto in particolare che desidero soffermarmi, nel quadro della riflessione etica più recente che abbiamo più sopra menzionato, dove anche i temi della prima fase più centrata sulla persona assumono una nuova fisionomia. 3. Il ruolo controverso del profilattico nella prevenzione Prendiamo come esempio tipico la discussa tematica dell uso del profilattico nella prevenzione. Vorrei partire dalla riflessione sviluppata dal card. Martini nel suo dialogo sulla vita con il prof. Ignazio Marino, che ha fatto discutere l estate scorsa 2. Il cardinale, tenendo conto delle enormi proporzioni dell epidemia e della sofferenza che essa suscita, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, si esprime nei termini seguenti: «Certamente l uso del profilattico può costituire in certe situazioni un male minore». 2 Cfr MARTINI C. M. MARINO I., «Dialogo sulla vita», in L Espresso, 27 aprile 2006, Riprendo qui quanto già esposto in CASALONE C., «Dialogo sulla vita. In margine alla recente intervista del card. Martini», in Aggiornamenti Sociali, 7-8 (2006)

3 Proviamo ad esaminare la questione più da vicino. Dal punto di vista sanitario va subito precisato che il profilattico è un mezzo che presenta dei limiti. Se già come contraccettivo non è totalmente affidabile (e comunque in misura inferiore ad altri metodi), a maggior ragione non lo è nell impedire la trasmissione del virus (discussione sulla porosità del latice). Occorre quindi sfatare il mito del «sesso sicuro», poiché il profilattico riduce il rischio, ma non lo elimina: una sottovalutazione di questo fatto potrebbe addirittura favorire comportamenti falsamente percepiti come privi di pericolo, con il risultato complessivo di incoraggiare pratiche a rischio e di peggiorare la situazione. Per correttezza quindi bisogna parlare, al massimo, di «sesso più sicuro» 3. Un secondo limite consiste nel lasciar intendere che una membrana di lattice possa costituire la risposta adeguata a una malattia che si trasmette attraverso gesti altamente simbolici e affettivamente carichi, in cui l uomo e la donna mettono in comune al massimo livello di intimità le loro persone esprimendosi nel linguaggio della corporeità. È illusorio immaginare di avere a portata di mano uno strumento igienicosanitario che risolve comodamente il problema evitando la fatica di mettere in discussione il proprio comportamento sessuale. Un tale approccio riduttivo non consente di toccare le ragioni autentiche del problema e quindi di conseguire risultati duraturi. È solo considerando le relazioni sessuali nella profondità e importanza dei loro significati sia personali sia sociali, favorendo un serio impegno coniugale e genitoriale, che si potrà sviluppare un processo formativo efficace che includa lotta alla povertà, promozione della giustizia e integrale educazione umana 4. A questo punto rimane però la domanda se nel quadro di un impegno educativo più vasto e a lungo termine, non possano tuttavia darsi situazioni in cui il mancato uso del profilattico conduca a danni maggiori, mentre il suo impiego possa costituire uno strumento dentro una logica di progressiva assunzione di responsabilità, per farsi carico dell altro proprio nel suo essere vulnerabile. Ciò non significa dare per scontata l impossibilità della continenza e della fedeltà nella coppia, ma predisporre i passi che vi conducono in modo sempre più compiuto, a partire dalla situazione in cui le persone effettivamente si trovano. Per esprimersi nei termini del papa Giovanni Paolo II, non si tratterebbe di gradualità della legge, ma di legge della gradualità 5, calibrando con pazienza la propria parola sulla capacità 3 Cfr SUAUDEAU J., «Sesso sicuro», in PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA FAMIGLIA, Lexicon. Termini ambigui ediscussi su famiglia, vita e questioni etiche, EDB, Bologna 2003, Cfr CZERNY M. F., «AIDS: la maggiore minaccia per l Africa dai tempi del traffico degli schiavi», in La Civiltà Cattolica, II (2006) Cfr GIOVANNI PAOLO II, Esortazione apostolica Familiaris consortio (1991), n

4 degli interlocutori di accoglierla e di praticarla, e contemporaneamente tutelando al meglio il bene della vita e della salute propria e/o altrui. Presentando un messaggio completo ed equilibrato, che includa sia le informazioni sanitarie sia la loro rilevanza etica 6, sembra effettivamente possibile ottenere progressi consistenti e durevoli. Emblematici sono i casi della Costa d Avorio e dell Uganda, dove si è assistito a un calo della diffusione dell epidemia grazie non solo a un maggior uso del profilattico ma anche, e forse soprattutto, a una minore frequenza di relazioni sessuali nell età dell adolescenza e fuori della coppia 7, cioè a una migliore attuazione del valore della fedeltà, favorendo la crescita in libertà rispetto alle proprie pulsioni sessuali e sottoponendo a discernimento l esercizio della sessualità rettamente compresa. Ora, come vi dicevo, la riflessione etica contemporanea ha messo maggiormente in rilievo la rete di relazioni reali e il contesto sociale e culturale in cui la persona vive. Questo ha permesso di considerarla in modo meno astratto. Ci si interroga sulle condizioni che rendono possibili alle persone degli stili di vita virtuosi, tesi a valori come la fedeltà coniugale e più in generale a un esercizio umanizzante della sessualità (che potremmo anche chiamare castità propria allo stato di vita di ciascuno). Qui emerge in tutta chiarezza come L Aids è una malattia non solo dei singoli ma di un intero popolo e di intere società. Giovanni Paolo II spesso sottolineava che essa esprime una «patologia dello spirito» 8. In altre parole, la pandemia, nella sua estensione e profondità, non solo è una malattia della persona, ma in modo indistinto riguarda il profondo malessere dell Africa e più ampiamente un assetto problematico dei rapporti internazionali. Considerare l Aids nella sua complessità culturale aiuta a comprendere meglio il modo in cui la Chiesa affronta le cause che sono alla base della pandemia 9. 6 Linea sostenuta per es. dalla COMMISSION SOCIALE DES EVÊQUES DE FRANCE, Sida. La société en question, Bayard-Centurion, Paris 1996, 144, e dalla UNITED STATES CONFERENCE OF CATHOLIC BISHOPS, The many faces of AIDS. A Gospel Response (1987), in <www.usccb.org/sdwp/international/mfa87.htm#4>. A quest ultimo documento rispose l allora card. J. Ratzinger con una lettera del 29 maggio Cfr RATZINGER J., «On Many faces of AIDS», in <www.zenit.org/english/visualizza.phtml?sid=72217>. 7 Cfr SUAUDEAU J., «A proposito dell espansione dell HIV/AIDS», in L Osservatore Romano, 5 aprile 2000, 7; per dati più recenti cfr il sito della Organizzazione Mondiale della Sanità: <www.who.int>. 8 GIOVANNI PAOLO II, Messaggio per la Giornata Mondiale del Malato (11 febbraio 2005), n Per quanto segue mi avvalgo in particolare della riflessione di CZERNY M., «AIDS: la maggiore minaccia per l Africa dal tempo degli schiavi», in La Civiltà Cattolica, 2 (2006)

5 4. Malattia ed effetti sociali Anzitutto c è il legame tra malattia e vergogna. In molte società africane alcune malattie un esempio classico è la lebbra sono per tradizione considerate ignominiose e impure. Il che vale anche per il Nord del mondo, anche se come vedremo con modalità differenti. Queste malattie vengono tenute nascoste e questo impedisce di prendere misure che ne impediscano la diffusione. Il virus Hiv, essendo incurabile e trasmesso sessualmente, assume una particolare forza quando diffonde anche la vergogna e il marchio d infamia. Come dice un biblista africano «Nonostante il numero degli infetti dal virus Hiv sia sconvolgente, la vergogna e il marchio d infamia che vengono associati all Aids li spingono sempre più a negare il suo impatto sulle loro vite e ad ignorare l imperativo di modificare il loro comportamento. Si è sentito parlare di persone che hanno tentato il suicidio, prima che il male li portasse via. Essi hanno sofferto più la vergogna che la malattia; hanno avuto più paura della vergogna che della morte; sono morti tutti semplicemente a causa della vergogna piuttosto che dell Aids vero e proprio» 10. Alcuni esempi possono aiutare a capire la sofferenza, l isolamento e il rifiuto che tale malattia comporta 11. Ad Abidjan, Jacques, che vive con le sue quattro mogli, si ammala con una sintomatologia di febbre, tosse e perdita di peso. Si reca all ospedale con la moglie più giovane. Dal test risulta che ha la TBC e che è anche sieropositivo. Gli vengono fatte raccomandazioni sul suo stato di sieropositivo e viene incoraggiato a dirlo alle altre mogli. Lui non solo non lo fa, ma continua ad avere con loro rapporti sessuali. Un sieropositivo racconta al suo gruppo di supporto ad Accra: «Le infermiere adoperano due pesi e due misure, e non c è alcun rispetto per i pazienti sieropositivi. Per loro, se qualcuno lo è, si tratta di una persona che non è più un essere umano». Egli continua a spiegare perché non vuole rendere manifesto il suo stato, affermando che verrebbe sfrattato dal suo appartamento in affitto e gli verrebbe impedito di viaggiare sui trasporti pubblici. A Nairobi, a una religiosa che rivela alla sua comunità di essere sieropositiva vengono dati tazza, piatti, bicchiere e posate personali. Nello Swaziland, il 10 G. TSHIKENDWA Matadi, «De l absurdité de la souffrance à l espérance: Une lecture du livre de Job en temps du Vih/Sida», Kinshasa, MediasPaul, 2005, 254, cit. in CZERNY M., op. cit. 11 Tutte le storie sono tratte da JACKSON H., «AIDS Africa: Continent in Crisis, Zimbabwe», Safaids, 2002, 347, cit. in CZERNY M., op. cit.. 5

6 principe Tfohlongwane parla in favore della segregazione dei sieropositivi e dei malati di Aids: «Non si devono tenere le mele marce nello stesso cesto di quelle buone, altrimenti anche esse alla fine si guasteranno». In Nigeria, si dice che un amministratore militare abbia ordinato l arresto e l imprigionamento di tutti i malati di Aids nel suo Stato, affermando che tale decisione avrebbe aiutato a impedire il diffondersi del virus Hiv. In Sudafrica la comunità di Gugu Dhlamini ha ucciso una donna soltanto perché aveva reso pubblica la propria sieropositività. Le persone temevano che il fatto che vivesse tra loro avrebbe gettato un marchio d infamia sull intera comunità. Il risultato del marchio d infamia e della discriminazione è una dannosa e distruttiva separazione: i puri dagli impuri, i normali dagli anormali e, sempre, «noi» da «loro». Sono meccanismi che i sociologi conoscono bene e conducono a una distorsione della percezione del proprio gruppo e degli altri gruppi, accentuando i tratti positivi del primo rispetto ai secondi. Questa dinamica è al servizio dell autostima: ciascuno tende a valutare positivamente il gruppo a cui appartiene perché questo favorisce un immagine positiva di sé. Comunque sia, una volta che le persone sono state separate da ciò che si considera familiare e accettabile, allora le si tratta secondo regole diverse, in generale in modo crudele e disumano. Puniamo «loro» per quello che non possiamo sopportare in «noi». Siamo davanti a un potente fenomeno culturale, che conduce a porre un etichetta su alcuni, in base a caratteristiche percepite in modo negativo. Individui o gruppi vengono così posti al di fuori del normale contesto civile. Alcuni attribuiscono il marchio d infamia ad altri e li discriminano; questi ultimi, dal canto loro, lo accettano e si comportano di conseguenza. Si innesca un circolo vizioso. I vescovi dell Africa si sono impegnati a «lavorare instancabilmente per cancellare il marchio d infamia e la discriminazione e a opporsi a qualsiasi norma e pratica sociale, religiosa, culturale e politica che perpetui tale marchio e tale discriminazione» 12. Occorre quindi individuare quali norme e quali pratiche siano distruttive, distinguendole da ciò che appartiene alla tradizione autentica: un compito non facile, come del resto è laborioso cambiare gli elementi responsabili del marchio senza distruggere inutilmente la cultura tradizionale. Ci vuole una grande onestà per riconoscere le proprie paure e i propri sentimenti più nascosti, nonché un clima comunitario capace di sostenere una tale volontà. I vescovi dell Africa Orientale 12 Symposium of Episcopal Conferences of Africa and Madagascar (SECAM), «La Chiesa in Africa di fronte alla pandemia dell Hiv/Aids», 2003, Piano d azione III, 2. 6

7 «fanno appello a tutti i cristiani e alle persone di buona volontà affinché rispettino la piena dignità e gli eguali diritti di tutti coloro che sono affetti dal virus Hiv e dall Aids. Ci rivolgiamo ai fedeli cattolici perché siano un luminoso esempio nel rispettare la dignità umana e nel prendersi speciale cura delle persone che sono affette dal virus Hiv e dall Aids» Diversa genesi dello stigma nelle culture Un aspetto che non può essere ignorato nella battaglia condotta dalla Chiesa contro l Hiv e l Aids è la differenza tra le culture, che appare evidente nel modo in cui gli africani e gli occidentali considerano alcune questioni chiave. Ad esempio, in Europa e in America la ragione principale del marchio è la paura della sofferenza e il rifiuto della morte. Al contrario, la cultura africana e in questo essa è vicina alla fede cristiana accetta la sofferenza come parte della vita, non è tanto preoccupata della malattia, della sventura, dell agonia e della morte ed è di grande sostegno nei confronti di coloro che soffrono. Lo stigma deriva piuttosto dalla confusione, dall ignoranza e dalla vergogna nei confronti della sessualità. Per gli occidentali, in seguito alla rivoluzione sessuale degli Anni Sessanta, l atteggiamento prevalente nei confronti della sessualità è cambiato, come pure la definizione di comportamenti e valori che ora sono esportati in tutto il mondo, sotto l impulso della globalizzazione. È un paradigma incentrato sull individuo e sulla sua autonomia. I suoi sviluppi sono stati per alcuni aspetti positivi: ha permesso alle donne di giocare un ruolo più importante al di fuori delle mura domestiche e nella società; ha aiutato molti uomini ad apprezzare la complementarità fra i sessi e a superare visioni maschiliste; ha consentito una comunicazione più sincera sulle pratiche sessuali, pur non priva di tensioni. Gran parte dello sforzo dispiegato dalla Chiesa per combattere l Aids è diretto ad aiutare le donne a opporsi agli abusi a cui sono spesso soggette: prostituzione, violenze, richieste sessuali di un coniuge infedele, con la possibilità di essere contagiate. L atteggiamento occidentale nei confronti della sessualità ha però anche un lato oscuro, e la Chiesa è impegnata senza sosta nel porvi rimedio. Nella cultura dominante e globalizzata, le persone tendono a essere valutate non per ciò che sono, ma per ciò che hanno e che consumano. Anche la sessualità può essere sottoposta alla logica del consumo, diventando solo una cosa 13 Messaggio della quindicesima Assemblea Plenaria dell Association of Member Episcopal Conferences in Eastern Africa (AMECEA), Chiamati a essere buoni samaritani, 2005, n. 5, con riferimento a Lc 17,

8 «da avere»: oggetto di scambio e di mercato, secondo le preferenze individuali di ciascuno. L esperienza africana è molto diversa, anche se per gli occidentali non è facile comprenderla. «Ci sono tabù che incoraggiano il controllo di sé in materia di sessualità. Alcune tradizioni sono contrarie alle relazioni sessuali durante la gravidanza e l allattamento e in caso di adulterio. In molti gruppi etnici, la verginità prima del matrimonio è obbligatoria. Invece di considerare tali comportamenti fuori moda, come accade in Occidente, bisognerebbe impegnarsi per studiare il modo di incoraggiare tali pratiche attribuendo valore a questi elementi positivi della cultura africana» 14. Nelle società tradizionali, un certo numero di pratiche aiutava e sosteneva nel promuovere un buon comportamento e a mantenere la fedeltà e l integrità nel matrimonio: ragazze e giovani donne per proteggere la loro verginità, giovani uomini per controllare il loro desiderio sessuale 15. Il cammino verso una sessualità autentica, integrale e responsabile, viene tradizionalmente definito «castità», cioè finalizzazione della propria sessualità a relazioni interpersonali capaci di promuovere il bene dell altro nel rispetto delle differenze. È una risorsa molto potente al servizio della comunione con gli altri, dell amore e dell amicizia. Essa indica un compito molto personale che richiede tutta la vita, implicando anche uno sforzo culturale: «Esiste una interdipendenza tra il miglioramento personale e il progresso della società» 16. Se non si pratica una sorta di castità fra le culture, non si praticherà neanche la castità tra le persone. «La soluzione autentica dice un teologo africano, l unica che può essere duratura e soddisfacente, sta nel cambiamento del comportamento interiore nei confronti della sessualità, senza doverci affidare, in maniera ingenua e magica, a soluzioni tecniche. Questo cambiamento non riguarda soltanto i singoli individui come soggetti morali, ma è importante che l intera comunità si impegni al suo conseguimento» 17. I Paesi ricchi hanno criticato duramente la Chiesa africana per aver resistito alla distribuzione di profilattici come strumento di prevenzione. A parte il fatto che il dibattito è ricco di sfumature che denotano una ricerca e una riflessione in corso, i vescovi hanno comunque insistito sulla necessità di riconoscere e valorizzare le culture africane, che non giustificano il «sesso libero» né la sessualità come merce di 14 B. Bujo, «What morality for the problem of Aids in Africa?», in M. CZERNY (ed.), AIDS and the Church in Africa, cit., cit. in CZERNY M., op. cit. 15 Cfr T. H. Muzeta, Consecrated Celibacy in the Twenty-First Century: An African Perspective, Dublin, Milltown Institute of Theology and Philosophy, 2003, 12, cit. in CZERNY M., op. cit. 16 Gaudium et spes, n B. Bujo, «What morality for the problem of Aids in Africa?», cit. 8

9 consumo 18. La campagna a favore dei profilattici sa di imperialismo culturale e, in tale frangente, la posizione della Chiesa sarà sempre dalla parte dei poveri. 6. Conclusioni Possiamo quindi tenere presenti alcune coordinate per la lotta all epidemia secondo quanto abbiamo fin qui detto, sia per chi vive in Africa sia per chi vive in altri Paesi, perché mostri una solidarietà ben informata e non calata dall alto. Anzitutto un impegno non solo a parole, ma capace di operare in contatto con gli esclusi e i marginalizzati. Si tratta certo di denunciare il marchio, ma anche di accettare, amare e porre al centro chi è messo al bando. In questo la tradizione di santità della Chiesa è una testimonianza ricca di significato. Ricordiamo S. Francesco che bacia e abbraccia il lebbroso. Combattere la discriminazione significa stendere le proprie mani, toccare, fare: in questo è di grande importanza quello che la vostra associazione compie e opera. Un fare che anche capisca le cause dell esclusione e sia capace di agire sui motivi di fondo. Inoltre, occorre dire un «sì» radicale alla sessualità umana e al suo principale valore di aspirazione a relazioni umane profonde, responsabili, ricche di significato. Affermare la dignità delle persone significa formare la loro coscienza, accompagnarle verso la vita e la libertà. A tale proposito i vescovi africani insistono sulla dignità della persona e sul valore della vita come dono 19. Le culture africane offrono risorse che possono essere sottoposte a discernimento e valorizzate. Infine va sottolineata l importanza della giustizia distributiva e della solidarietà generosa. Spesso ci si domanda perché l Aids si manifesti in modo così grave in Africa. La risposta è: povertà. Non è una risposta facile da ascoltare e ancor meno da recepire. Eppure i membri poveri ed emarginati della società africana non hanno accesso all educazione di base, all informazione relativa all Hiv e all Aids, alla cura della salute, al lavoro, alla pensione. Una simile situazione di ingiustizia rende più persone maggiormente vulnerabili alla minaccia dell Hiv e alle tragiche conseguenze dell Aids di quanto non accadrebbe se avessero uno standard di vita meno compromesso. Nel 2000, il presidente sudafricano Thabo Mbeki ha provocatoriamente 18 Il Vicepresidente della Conferenza Episcopale del Sudafrica, mons. Coleman, ha dichiarato in proposito in una intervista televisiva: «il Paese è saturo di profilattici ed tuttora abbiamo il tasso più alto di trasmissione di AIDS nel mondo», in Il Regno-att., 16 (2001) 553. Peraltro, in questi anni non sono mancati interventi di esponenti della Chiesa (anche a livello gerarchico) che sottolineano le condizioni che potrebbero rendere lecito l uso del preservativo (cfr Il Regno-att., 20 (2005) 672). 19 SECAM 2003, par. II. 9

10 affermato che la vera causa dell Aids è la povertà piuttosto che l Hiv 20. C è una buona parte di vero nella sua controversa affermazione, e i vescovi africani hanno identificato e articolato ciò che c è di valido nella sua intuizione: il virus si sviluppa in modo direttamente proporzionale alla povertà. «La povertà procede di pari passo con l Hiv e l Aids. Ci preoccupa che le nostre già fragili economie debbano essere ulteriormente indebolite a causa della perdita di buona parte della forza lavoro specializzata dovuta all Hiv e all Aids. La povertà facilita la trasmissione dell Hiv, rende inaccessibile un trattamento adeguato, accelera la morte dovuta a malattie connesse all Hiv e moltiplica l impatto sociale dell epidemia» 21. Qui risulta pertinente il richiamo alle strutture di peccato, come ci indica l insegnamento sociale della Chiesa. Una nozione coniata da Giovanni Paolo II per indicare l effetto strutturale di un esercizio distorto delle libertà, che a sua volta condiziona le libertà altrui e le rende più disposte a compiere il male, ad agire in modo dannoso. I ministri della Chiesa, nella loro lotta contro l Aids, hanno pertanto bisogno di incrementare il coordinamento con altri soggetti, non solo ecclesiali, per sradicare la povertà, combattere il male e sostenere lo sviluppo umano integrale, a partire dai bisogni più elementari: cibo, acqua, salute, educazione, occupazione 22. Per combattere l Aids e promuovere ogni valore di cui abbiamo parlato (il rispetto per il fondamentale valore della vita e il corretto approccio alla sessualità) non si possono ignorare le condizioni spesso estremamente difficili in cui vivono le persone in Africa e la destrutturazione dei riferimenti tradizionali che si sta realizzando, a partire dalla famiglia «allargata»: significherebbe insistere sempre sulle buone intenzioni e sul solo potere della volontà, trascurando quelle forze e quelle strutture che opprimono letteralmente i poveri. La lotta per la giustizia è irrinunciabile. Offrire compassione senza considerare le strutture di peccato, o predicare la morale e la prevenzione senza combattere la povertà significa disprezzare la tradizione della Chiesa, in cui annuncio del Vangelo e promozione della giustizia sono strettamente connessi. 20 3rd Inter-Africa Youth Alive Conference held at Saints Hospitality Centre, Durban, gennaio SECAM, The Church in Africa in face of the Hiv/Aids Pandemic: «Our prayer is always full of hope», 2003, M. J. Kelly, «Why is there so much Aids in Zambia?», in Jesuit Centre for Theological Reflection Bulletin, July

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

La medicina della riproduzione: alcuni spunti etici e politici Alberto Bondolfi Université de Genève Un ricordo del 1987 Mi ricordo il primo intervento su queste tematiche, tenuto quando il centro locarnese

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ CARTA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ DELLE PERSONE AFFETTE DA DIABETE Federazione Internazionale del Diabete INTRODUZIONE Il diabete rappresenta una vera sfida nel campo della sanità

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA Sofia Tavella DIVERSAMENTE SANI ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA I IF Press Copyright 2012 by IF Press srl IF Press srl Ctr. La Murata, 49-03017 Morolo (FR) info@if-press.com - www.if-press.com ISBN 978-88-95565-81-1

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA?

Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Progetto educativo per bambini 2014 I NUOVI MEZZI EDUCATIVI I MASS-MEDIA: CONOSCIAMO BENE IL LORO OPERARE NELLA NOSTRA SOCIETA? Sac. Don Magloire Nkounga Dott. D Ambrosio Giuseppina 1 Quando ci possono

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

HIVoices - la ricerca

HIVoices - la ricerca HIVoices - la ricerca Articolo pubblicato sul blog Cassero Salute l 11 febbraio 2012 www.casserosalute.it/blog/?p=959 Anche in Italia, i gay HIV+ costituiscono una parte importante sia della popolazione

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI

PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI PARLIAMO DI SESSUALITA CON I NOSTRI FIGLI Educare i bambini all affettività e all amore di Rosangela Carù 1) Significato di sessualità - differenza tra genialità e sessualità - differenza tra informazione

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa LA SIMG: SIAMO LE SENTINELLE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE PARTE VÌOLA, IL PROGETTO PER ABBATTERE IL MURO DEL SILENZIO Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

tuteliamo la societa femministe movimento gay La Manif Italia genere educ liber identità di genere stereotipo legge-bavaglio azione la famiglia e

tuteliamo la societa femministe movimento gay La Manif Italia genere educ liber identità di genere stereotipo legge-bavaglio azione la famiglia e LA MANIF ITALIA La Manif Italia è un associazione di comuni cittadini senza bandiere di partito, né simboli religiosi che opera per la promozione e la protezione della famiglia. Perché per la famiglia?

Dettagli

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014-2015 1 PREMESSA La SCUOLA CATTOLICA svolge la sua missione educativa

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA Il nostro settore svolge un ruolo di primo piano nello sviluppo economico del Paese e nel dialogo fra imprese e consumatori, fra Pubblica Amministrazione e cittadino

Dettagli

PIANO ANNUALE I.R.C.

PIANO ANNUALE I.R.C. ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO (BS) SCUOLA DELL INFANZIA ZIROTTI DI MACLODIO (BS) PIANO ANNUALE I.R.C. ( INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA) A.A. 2015/2016 INSEGNANTE: Cutrupi Alessia 1. U.d.A. IL DONO

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza U.N.A.SA.M. www.unasam.it mail: unasam@unasam.it Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza Il Bilancio di Salute, strumento per la qualità della cura: interventi personalizzati integrazionee

Dettagli

Diploma in Teologia pratica: specializzazione in Pastorale Familiare

Diploma in Teologia pratica: specializzazione in Pastorale Familiare pontificia università gregoriana Vivere insieme è un arte, un cammino paziente, bello e affascinante Papa Francesco (risponde ai fidanzati 14.02.2014) Facoltà di Teologia Dipartimento di Teologia Morale

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

HIV/AIDS Civil Society Forum (CSF) European Union

HIV/AIDS Civil Society Forum (CSF) European Union HIV/AIDSCivilSocietyForum(CSF) EuropeanUnion Appello all Europa per un intervento volto a eliminare le restrizioni allamobilitàdellepersoneconhivineuropaentroil2010 Nel 2010, la Conferenza Internazionale

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Dichiarazioni. Anticipate di Trattamento. nella attualità del dibattito bioetico italiano

Dichiarazioni. Anticipate di Trattamento. nella attualità del dibattito bioetico italiano Prof. M. Calipari Dichiarazioni Anticipate di Trattamento nella attualità del dibattito bioetico italiano L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011- Introduzione

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI

La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI La violenza contro le donne VIOLENZA DI GENERE CONTRO LE DONNE EPIDEMIOLOGIA, CONTESTO E COSTI SOCIALI Patrizia Romito Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Locale di Sesto San Giovanni Gruppo Pionieri. Attività Per i Giovani Educazione Sanitaria Scuole Elementari A.I.D.S.

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Locale di Sesto San Giovanni Gruppo Pionieri. Attività Per i Giovani Educazione Sanitaria Scuole Elementari A.I.D.S. CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Locale di Sesto San Giovanni Gruppo Pionieri Attività Per i Giovani Educazione Sanitaria Scuole Elementari A.I.D.S. COSA E L A.I.D.S.? Il sistema immunitario Il corpo umano

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli