DA LEADER DI SE STESSI A LEADER DI ALTRI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DA LEADER DI SE STESSI A LEADER DI ALTRI"

Transcript

1 DA LEADER DI SE STESSI A LEADER DI ALTRI

2 PREMESSA Il primo ciclo di puntate di Leader di te stesso si chiuderà nello stesso modo in cui conclude l omonimo libro, con il capitolo dal titolo Da leader di te stesso a leader degli altri. Un leader di se stesso sa di non poter fare a meno degli altri e che la sua felicità dipende da quanto sarà capace di costruire rapporti positivi con la gente. Anche per questo chi è leader di se stesso viene quasi automaticamente riconosciuto leader anche dal proprio gruppo di appartenenza, famiglia, colleghi, amici. Contrariamente a quanto si è soliti pensare, un vero leader non ha bisogno di imporre con la forza, ma guida il proprio gruppo semplicemente con l esempio. Un po come accade in palestra, dove se ti alleni con impegno e costanza arriva presto qualcuno a chiederti consigli su come fare o semplicemente se può allenarsi con te, così a anche nella palestra della vita, se sarai un buon esempio troverai presto qualcuno che ti seguirà, che vorrà imparare da te e chiederà come muoversi. Ecco alcune delle caratteristiche fondamentali del leader: sa ascoltare attivamente cerca di comprendere dimostra sincero interesse presta attenzione alle piccole cose è coerente sa chiedere scusa quando si sbaglia è disponibile e infine è un buon coach, ovvero contribuisce alla crescita degli altri. Un vero leader non lega a sè le persone con vincoli di dipendenza emotiva, ma mira piuttosto a costruire rapporti di collaborazione in cui anche l altro si senta sempre premiato. Uno dei modi migliori per contribuire alla crescita delle persone che ci stanno vicine è saper dare dei feed-back capaci di motivarle a dare meglio. Anche di questo si parlerà durante la trasmissione, che avrà come ospite il prof. Francesco Alberoni. Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 2

3 NOTE Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 3

4 LA VITA E UNO SPORT DI SQUADRA Indubbiamente l uomo è nato come essere sociale. Abbiamo avuto modo di comprendere come il bisogno di connessione sia uno dei bisogni fondamentali dell essere umano e come nel contribuire diamo alla nostra vita un senso più profondo e raggiungiamo il vero appagamento. Quindi, chiunque pensi di fare tutto da solo, di essere felice da solo, in realtà potrà difficilmente realizzare il suo obiettivo. La vita è uno sport di squadra e il destino di chi è da solo è comunque triste, indipendentemente da quelle che sono le ricchezze o qualsiasi altro aspetto materiale di cui ci si possa circondare. Anche l eremita che sceglie una vita ascetica, lontana da ogni suo simile, raggiunge la felicità grazie al contatto con un essere universale che rappresenta il tutto e quindi comunque non da solo. Il bisogno dell altro è nella natura umana: l uomo, millenni addietro, era un animale, un primate e, in quanto tale, era già un essere sociale. Perciò siamo stati esseri sociali ancor che esseri umani! A questo punto però è importante approfondire alcuni aspetti di questa evoluzione, perché quelle scimmie per loro fortuna avevano l istinto che le guidava nei comportamenti sociali e nelle loro relazioni. Se è possibile infatti osservare scontri e litigi tra scimmie, questi comportamenti aggressivi sono circoscritti ad una situazione e, come succede sempre nel mondo animale, sono di rapida soluzione e brevissima durata. Difficilmente, infatti, si vedono scimmie che non si considerano per lunghi periodi oppure che arrivano a creare delle vere e proprie faide familiari o vendette trasversali come quelle a cui assistiamo tra esseri umani. E non mi sto riferendo a vendette tra clan mafiosi, ma delle semplici vendette che accadono in normali gruppi familiari o in un qualsiasi ufficio dove c è un protrarsi di rancori, di mezze frasi, di sgambetti più o meno palesi, del parlare negativamente alle spalle di qualcuno Ci sono persone che vanno in pensione a sessantacinque anni e continuano nel tempo, magari al bar, a parlar male di questo o quel collega che hanno sempre odiato, delle malefatte che sono state compiute verso di loro e alle quali loro stessi hanno risposto. Questo è un comportamento che in natura non è concepibile ed è solo uno degli esempi dei fraintendimenti ai quali si può andare incontro per banali problemi di comunicazione e non comprensione del fatto che abbiamo bisogno degli altri per realizzare la nostra felicità. Sia che una persona abbia degli obiettivi concreti, materiali, sia che una persona voglia semplicemente migliorare la propria vita emozionale ha comunque bisogno di persone che gli stiano intorno e che contribuiscano a questi obiettivi ed ha bisogno a sua volta di contribuire agli obiettivi delle persone a lui prossime, un bisogno intrinseco di vivere, sentire, avvertire la realizzazione di quelli che sono i loro stessi scopi. Quindi, chiarito il fatto che chiunque pensi di raggiungere la felicità o la realizzazione da solo non ha alcuna possibilità di riuscirci, è importante andare a capire come relazionarci efficacemente con gli altri, in modo da creare intorno a noi un ambiente che possa farci stare bene e dove ci sia uno scambio di energia positiva e supporto ed è questo l obiettivo di questo capitolo. Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 4

5 DALLA DIPENDENZA ALL INTERDIPENDENZA Nel nostro cammino verso la maturità sono tre le fasi di crescita che possono essere attraversate da un individuo. La prima è quella di dipendenza, obbligatoria per tutti, poiché inevitabilmente vissuta nei primi anni di vita nei quali, qualsiasi bambino è totalmente dipendente dagli adulti sia per i suoi bisogni di sussistenza, un riparo, il cibo, l igiene, sia per i suoi bisogni psicologici. Crescendo, il bambino inizia ad acquisire una sua indipendenza, partendo dall imparare a mangiare e a lavarsi da solo, fino a che, anno dopo anno, si affranca completamente dalla dipendenza dalla famiglia, allontanandosi da casa e mantenendosi da solo. Fino a questo livello di indipendenza arrivano più o meno tutti, chi prima o chi dopo. Non tutti però riescono a raggiungere l'indipendenza emozionale: buona parte degli adulti, anche se fisicamente prestanti o con ruoli di responsabilità in famiglia o nella società, rimangono totalmente dipendenti dagli altri per quanto riguarda l'approvazione, il giudizio, il sentirsi dire "bravo", la soddisfazione dei propri bisogni e valori. Una persona può dirsi veramente indipendente quando non ha più alcun tipo di dipendenza nei confronti delle persone che la circondano, né fisica, né psicologica. Può cioè stare in piedi da sola, vivere una vita felice e soddisfacente anche da sola. La dipendenza si riferisce al tu ( tu ti devi prendere cura di me, tu mi fai arrabbiare, tu dovevi occuparti di questo ), l'indipendenza si riferisce all io : ( io ho cura di me stesso, io sono responsabile di ciò che mi accade e delle mie reazioni alle sollecitazioni esterne, io mi dovevo occupare di questo ). L'indipendenza emotiva porta a non lasciarsi devastare" dalle opinioni negative che altri possono avere sul nostro conto. Lasciarsi contrariare eccessivamente dalle opinioni altrui o snaturare i propri comportamenti per poter ottenere gratificazioni o consensi sono indici evidenti di dipendenza emotiva. Ciò non significa che un complimento non debba far piacere. Naturalmente fa star bene sentirsi dire "bravi" e gratifica anche colui che è emotivamente indipendente. Ma una cosa è che faccia piacere, una cosa è averne bisogno per sentirsi bene. La persona emotivamente indipendente rimane in equilibrio sia che riceva un complimento sia che non lo riceva, consapevole del proprio valore indipendentemente dal giudizio altrui. L'indipendenza emotiva comporta il fatto che si sia autonomi nel pensare e nel creare le proprie opinioni e che si sia intimamente soddisfatti del risultato delle proprie azioni, che altri ce lo dicano o meno. Se la persona dipendente è continuamente proiettata verso l'esterno in cerca di conferme e sicurezze, la persona indipendente è centrata, è dentro di sé, proiettata verso l'interno. Raggiungere una vera indipendenza non significa ovviamente non cercare di creare rapporti con altre persone e rompere ogni rapporto con l esterno, facendo riferimento solo a sé stessi. A questo punto siamo pronti per un ultimo salto di qualità, quello che riproietta l'individuo all'esterno, ma mantenendo la sua centratura: l'interdipendenza, ovvero il decidere di unirsi sinergicamente a qualcuno e combinare le proprie caratteristiche con quelle di altri per fare qualcosa che da soli non avremmo mai potuto realizzare. In precedenza dal tu siamo passati all' io : ora, il pronome personale dell interdipendenza è il noi. Noi insieme possiamo farlo, noi decidiamo di mettere Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 5

6 insieme il nostro meglio per compiere quest'opera che nessuno dei due da solo potrebbe realizzare. L'interdipendenza è la filosofia di vita della squadra, del team, dell'organizzazione. Essere interdipendenti significa riconoscere che fa piacere essere amati e gratificati anche se non si cade in depressione in mancanza di questo, significa essere consapevoli del valore delle proprie idee, ma anche di quelle di altri, che possono dare origine a creature uniche e meravigliose. Vuol dire sentirsi liberi di condividere se stessi con gli altri senza sentirsi minacciati, aprendo il cuore e le potenzialità alle persone che sono state scelte come compagni di strada. Spesso le persone confondono l interdipendenza con la dipendenza. Questa scarsa comprensione del valore di questa relazione è tendenzialmente dovuta alla sua scarsa conoscenza: se ci guardiamo intorno sono davvero pochi i rapporti davvero interdipendenti, soprattutto nell ambito dei rapporti di coppia. Siamo molto più avvezzi a unioni dove uno dei due guida la coppia e l altro segue o, peggio ancora, dove due persone che non sono in grado di reggersi in piedi da sole, si appoggiano l una all altra per ottenere un mediocre risultato di stabilità. Ritengo che per questo motivo l essere single stia diventando così di moda: all idea di chiudersi in un rapporto che li limita nella propria libertà, di scelta e di azione, dove l altro viene vissuto come una palla al piede e dove, di conseguenza, l iniziale momento di euforia viene rapidamente sostituito da tante emozioni negative, molte persone preferiscono di gran lunga rimanere da soli. E queste caratteristiche sono tipiche dei rapporti di dipendenza, così frequenti in una società come la nostra che, come abbiamo già avuto modo di sottolineare in precedenza, poco ci aiuta a sviluppare una reale indipendenza. Non si può creare un rapporto di interdipendenza se non si è diventati prima indipendenti emotivamente. Persone dipendenti tenderanno inevitabilmente a creare rapporti di dipendenza reciproca. In un rapporto interdipendente due individui scelgono liberamente e consapevolmente di stare insieme, perché sanno che, a fronte delle rinuncie che implica l adattarsi agli altri, potranno insieme dare vita ad una sinergia, una relazione dove i nostri singoli valori, anziché sommarsi, vengono moltiplicati esponenzialmente dalla nostra unione. Sanno che da soli potrebbero farcela benissimo, ma decidono che insieme a qualcun altro è molto meglio. Mi piace pensare ad un rapporto di coppia come a due ciclisti in fuga, i quali, per viaggiare più velocemente verso il traguardo, si alternano al comando, un po tirando e un po facendosi tirare dal compagno, con il risultato che in due riescono a mantenere una velocità di crociera ben superiore a quella che avrebbero potuto tenere da soli. In una coppia non dovrebbe mai esistere un solo leader, ma due, che si alternano alla guida a seconda delle circostanze e delle necessità, che si supportano e si stimolano a vicenda, che danno e ricevono in ugual misura. Chi è Leader di se stesso desidera unirsi ad altri Leader, a persone che possano correre veloci insieme a lui, invece che rallentarlo. Una dote di tutti i grandi Leader è quella di circondarsi di persone dotate di altrettanta Leadership e con i quali poter condividere la responsabilità del progetto e poter insieme portarlo a compimento. Allo stesso modo un buon rapporto di coaching non crea mai e in nessun modo dipendenza. Obiettivo del coach è quello di rendere il suo allievo il più autonomo possibile e totalmente indipendente dalla sua presenza. Per usare un esempio utilizzato di frequente, preferisce non dargli il pesce, ma insegnargli a pescare, perché sa che dandogli il pesce lo alimenta per un giorno, ma insegnandogli a pescare lo sfamerà per tutta la vita! Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 6

7 NOTE Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 7

8 STILI DI LEADERSHIP CAPO Autoritario No critica No ascolto Io Si responsabilità Ego Grande Stimola Emulazione PORTAVOCE Democratico Si a critica e spazio a tutti Voi No responsabilità Ego piccolo LEADER Autorevole Noi Delega: sviluppa altri leader Carisma Si critica Si responsabilità Ascolta tutti, decide lui Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 8

9 LA LEADERSHIP SITUAZIONALE Lo stile di leadership Lo stile di leadership è il modo in cui ci si comporta per cercare d influenzare l operato degli altri. Lo stile di leadership è una combinazione di comportamento direttivo e comportamento di sostegno. COMPORTAMENTO DIRETTIVO Comprende: dire chiaramente agli altri che cosa fare, come farlo, dove e quando; seguire da vicino ogni fase della realizzazione. COMPORTAMENTO DI SOSTEGNO Comprende: ascoltare le persone, sostenerle e incoraggiarle nei loro sforzi, favorire il loro coinvolgimento nella soluzione dei problemi e nel processo decisionale. Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 9

10 IL FEED-BACK SANDWICH Nel processo di crescita di una persona il feed-back gioca un ruolo fondamentale. La critica costruttiva è lo strumento per eccellenza che permette di focalizzare le aree di miglioramento sulle quali lavorare. La reazione istintiva di chiunque venga criticato direttamente, è di difesa. Se le barriere si alzano, risulta alquanto improbabile accettare una critica per quanto costruttiva che sia. Per questo motivo abbiamo pensato al Feedback a Sandwich. Il feedback a Sandwich e diviso in tre parti (proprio come un sandwich): prima una lode su ciò che è andato bene, i punti positivi; dopo viene la parte più delicata, ciò che potrebbe essere fatto meglio - la vera farcitura del sandwich; infine chiudiamo il panino con il come si potrebbe fare meglio, ossia la soluzione. In questo modo non si colpisce direttamente l Ego della persona e si raggiunge facilmente l obiettivo. E di fondamentale importanza non limitarsi a criticare solamente, ma proporre soluzioni concrete, evidenziando il buon lavoro eseguito e il margine di miglioramento a disposizione. Una difficoltà che può incontrare un coach rapportandosi con le altre persone è quella di fornire una valutazione su un comportamento da correggere o da migliorare, quello che nella comunicazione viene chiamato feed-back. Spesso le persone oppongono delle resistenze al ricevere un feed-back anche se ne riconoscono l utilità, poiché si sentono criticate e quindi, in un certo qual modo, attaccate. Dale Carnegie, autore del favoloso best-seller Come trattare gli altri e farseli amici (ed. Bompiani), libro che viene giustamente considerato la Bibbia dei rapporti umani, suggerisce di cominciare sempre dalla lode, ed è quello che viene definito feed-back a sandwich. Immagina un panino dove il pane rappresenti un commento positivo e l imbottitura la critica costruttiva che vogliamo far arrivare alla persona. Il fatto che quest ultima sia inserita tra due morbide fette di pane, ci ricorderà visivamente la strategia da adottare per dare un feed-back correttivo in maniera semplice ed efficace. E' fondamentale non incominciare subito con la parte che "non va", ma partire dal commentare ciò che è stata fatto correttamente: Mi è piaciuto molto come hai fatto questo oppure Sei stato davvero bravo quando Partire da ciò che è stato fatto bene metterà il collaboratore a suo agio, il quale, sentendosi apprezzato, si rilasserà predisponendosi ad ascoltare anche il resto. In molti sono talmente abituati a focalizzarsi solo sugli aspetti negativi da avere grandi difficoltà ad evidenziarne di positivi. C'è sempre qualcosa di buono, anche se non balza immediato agli occhi e il buon Leader sa "scovarlo" ed enfatizzarlo. Il secondo passo è evidenziare ciò che non va, e anche per questo occorre usare tattica: la frase d'approccio è "ciò che può/deve essere migliorato è " oppure ciò che poteva essere fatto meglio è, anziché "non va per niente bene" o "dovevi fare in questo modo". Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 10

11 "Sarebbe stato più efficace fare questo anziché quello: la prossima volta segui questo modello": Un tale approccio aiuta chi deve ascoltare la critica a percepirla non come tale bensì come una forma di cooperazione e di sinergia. Dopo aver definito con esattezza e precisione l area da migliorare, chiudi il sandwich con l altra fetta di pane, terminando con un messaggio positivo tipo: sono certo che se farai in questo modo, otterrai un risultato favoloso oppure migliorando questo aspetto otterrai enormi soddisfazioni, un messaggio che trasferisca la tua fiducia nel fatto che credi nelle sue capacità e possibilità di ottenere un risultato straordinario. Insomma, facile come mangiare un panino! NOTE Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 11

12 ESSERE UN COACH Innanzitutto, se hai scelto di intraprendere una strada che ti porti ad essere sempre più Leader di te stesso, devi essere consapevole che questa tua decisione di crescita personale, di metterti in gioco, di cercare delle informazioni in più per sviluppare il tuo sistema di pensiero verso uno che ti dia dei risultati maggiori, può sicuramente comportare dei problemi di relazione con gli altri. Come? Mi stai dicendo che migliorare mi farà stare peggio con la gente? No, non sto dicendo questo. Intendo dire che la tua evoluzione ti porterà a fare i conti con un inevitabile cambiamento nei rapporti con gli altri. Nel momento stesso in cui, grazie ad una maggiore consapevolezza della natura umana, sarai in grado di notare aspetti che prima non notavi, di ascoltare gli altri in maniera diversa da prima, di dare significati diversi ai loro comportamenti rispetto a quelli che avresti dato in passato, il tuo rapporto con il prossimo non potrà non essere diverso da prima. Questo ha sicuramente moltissimi risvolti positivi, ma può anche comportare delle difficoltà soprattutto nel rapportarti con coloro che, non avendo compiuto la stessa crescita, sono rimasti al tuo stesso livello di pensiero di qualche tempo addietro e che adesso potrebbero in qualche modo apparirti un po limitati nei loro schemi di ragionamento e limitanti per il tuo sviluppo. E un discorso che può apparire un po altezzoso, ma semplicemente onesto, perché è ciò che vedo accadere continuamente e che crea grandi conflitti nelle persone che sono su un percorso di crescita mentale, emozionale e spirituale. Ma allo stesso modo, sono fermamente convinto che chi sviluppa delle conoscenze e delle capacità che gli permettano di vivere una qualità di vita maggiore, abbia il dovere sociale e morale di assumersi la responsabilità di trasferirle agli altri. Cosa sarebbe successo se tutti gli autori di grandi scoperte o di rivoluzionarie invenzioni non le avessero condivise con l umanità? Allo stesso modo chi sviluppa un livello di pensiero più alto, ha il compito di trasferirlo alle persone che lo circondano, di contribuire alla loro crescita, di diventare un educatore. Educare deriva dal latino ex ducere e significa condurre fuori, sprigionare e portare alla luce ciò che è già dentro ogni uomo. Non instillare nel proprio allievo dei nuovi concetti, ma di aiutarlo invece a trovare le verità che sono già dentro di lui, a renderlo consapevole di ciò che già inconsapevolmente conosce. Tra l altro fare questo è un modo straordinario per soddisfare i propri bisogni al massimo livello e con un esperienza di assoluta prima classe! Il miglior modo per farlo, però, non è certo quello di ergersi a insegnante, ponendosi in una posizione di superiorità nei confronti di chi ne sa meno di noi. Un atteggiamento del tipo Io che ne so più di te adesso ti insegno come si fa non farà altro che sortire l effetto opposto, ossia di allontanare le persone. I migliori maestri hanno la consapevolezza e l umiltà di ricordarsi sempre che sono solo uno strumento per gli altri, che quando l allievo è pronto il maestro appare e che quindi Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo. Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha già dentro di sé. Galileo Galilei Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 12

13 Il miglior modo per farlo è, innanzitutto, farlo per sé e poi, eventualmente, condividere con altri la propria esperienza e i propri risultati. Un buon Leader guida con l esempio! Se vuoi essere uno stimolo per le altre persone, sii l esempio vivente di ciò che credi e affermi. Se il tuo impegno sarà quello di essere Leader di te stesso, di migliorarti costantemente, di ottenere i risultati che ti sei prefissato e di raggiungerli godendoti il percorso, insomma, di stare bene, stai pur certo che le persone intorno a te lo noteranno. E inevitabilmente ti prenderanno come punto di riferimento. Nel film Forrest Gump c è una metafora straordinaria di tutto ciò ed è quando Forrest decide di correre, attraversando più volte da costa a costa gli Stati Uniti. Lui va per la sua strada, senza dare spiegazioni a nessuno e lo fa con una coerenza tale, da diventare il simbolo di colui che sa dove stà andando e perché lo stà facendo. E, inevitabilmente, c è chi inizia a seguirlo, a correre dietro di lui e a prenderlo come esempio. Non ha dovuto fare niente perché accadesse, la gente lo seguiva perché voleva imparare da lui. Come accade in una qualsiasi palestra, dove se ti alleni con impegno e con costanza, arriva presto qualcuno a chiederti consigli su come allenarsi o, semplicemente, se è possibile allenarsi con te, nel momento in cui sarai un buon esempio nella palestra della vita, troverai presto qualcuno che ti seguirà, che vorrà imparare da te e ti chiederà come fare. Ovviamente non sarà così con tutti. Anzi. Quelli che si comporteranno in questo modo saranno tutti quelli che avranno voglia di imparare, anche loro potenziali Leader di se stessi. Poi ci sono tutti gli altri, generalmente la maggior parte, che quando vedono qualcuno che ottiene risultati speciali, invece che prendere da lui l esempio, se ne sentono sminuiti e quindi tenderanno a denigrarlo o a contrastarlo. Purtroppo la tendenza a non voler considerare come tale chi ci appare meglio di noi, poiché questo ci fa sentire minori o inferiori, va ovviamente a discapito della facilità delle relazioni. Conseguentemente chi è riuscito ad ottenere qualche risultato in qualche campo dovrà per prima cosa armarsi di una grande dose di pazienza, capire che questo accade per delle ben precise ragioni e tramite questa grande dose di pazienza ripercorrere, ristudiare il percorso che lo ha portato ad ottenere questi grandi risultati in quel determinato campo, così da poter trovare un efficace strategia per poterlo comunicare alle persone che ancora non hanno fatto quel tipo di percorso o raggiunto quelle consapevolezze che portano a maggiori risultati. Si troverà inoltre ad affrontare l invidia di chi non ha quei risultati e dovrà affrontare una serie di resistenze che sono le stesse di cui potrebbe parlarvi un allenatore di qualsiasi sport. Il suo ruolo è infatti quello di esortare, spingere l allievo affinché raggiunga il massimo del suo potenziale. Un coach è proprio colui che guida le persone a sfruttare di più il loro potenziale. Se l atleta ha sempre fatto dieci flessioni sarà convinto che quello sia il suo limite e il ruolo del coach è quello di spingerlo oltre quel limite. Cosa accade quando qualcuno cerca di spingerci oltre quei limiti o cerca di farci cambiare qualche abitudine e di portarci fuori dalla nostra zona di comfort? Tendenzialmente sviluppiamo delle resistenze e le sviluppiamo sia verso noi stessi che verso colui che sta cercando di spingerci oltre. Un coach deve aspettarsi questa reazione e deve strutturare tutta la sua forma mentis e la sua comunicazione verso questo tipo di reazione. E ne più ne meno quello che può aspettarsi un genitore insomma, nella crescita dei propri figli. Inizialmente ci sarà una fase di fiducia e gratitudine, quando il bambino è ancora totalmente dipendente, ma poi ci sarà una fase pre-adolescenziale, adolescenziale in cui Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 13

14 ci imbatteremo in un netto rifiuto ogni volta che tenteremo di indirizzarlo in una qualche direzione. Una situazione dove c è comunque del contrasto, ma dove il genitore ha comunque il dovere di indirizzare il figlio verso determinate scelte che sono dovute a una maggiore esperienza. Indirizzare un figlio non significa costringerlo a seguire i comportamenti che noi riteniamo giusti, ma significa indirizzarlo, fare il nostro meglio perché ciò accada. Non possiamo di certo controllare le persone, ma sappiamo che possiamo influenzarle e quindi il ruolo del coach è quello di influenzare il suo allievo a fare ciò che ritiene sia più efficace per l allievo stesso. Indubbiamente il mestiere dei genitori è una delle situazioni di coaching più difficili che ci siano NOTE Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 14

15 CONSIGLIATI DA ROBERTO RE ONE MINUTE MANAGER, Kenneth Blanchard - Sperling & Kupfer Questo libro insegna il modo più rapido per aumentare la produttività, i profitti, la soddisfazione sul lavoro e il benessere personale. Si tratta di un nuovo e rivoluzionario metodo sul management che ha già dato risultati decisamente positivi. ONE MINUTE MANAGER INSEGNA A DELEGARE, Kenneth Blanchard - Sperling & Kupfer Questo libro risolve uno dei problemi più che frequentemente assillano i manager d'oggi, la gestione del tempo, lanciando un messaggio semplice ed esplicito: non assumersi responsabilità di un problema se esso non compete direttamente. E' essenziale infatti, a livello dirigenziale, ottimizzare il tempo a disposizione, usufruendone in maniera razionale e, soprattutto stabilendo con chiarezza le priorità. Tuttavia, molti manager sono soliti sostituirsi ai membri del proprio staff in svariate circostanze. E' possibile invece delegare, responsabilizzando così i subordinati e assicurandosi al contempo che il lavoro venga affidato alla persona adatta. Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 15

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IMPARARE AD ESSER PIÙ MOTIVATO IN OGNI SITUAZIONE

IMPARARE AD ESSER PIÙ MOTIVATO IN OGNI SITUAZIONE IMPARARE AD ESSER PIÙ MOTIVATO IN OGNI SITUAZIONE di Claudio Belotti Self Help. Allenamenti mentali da leggere in 60 minuti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-426-0 Introduzione... 4 COME ESSERE

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

COME TRATTARE GLI ALTRI E FARSELI AMICI

COME TRATTARE GLI ALTRI E FARSELI AMICI COME TRATTARE GLI ALTRI E FARSELI AMICI PREMESSA Come trattare gli altri e farseli amici è il titolo di un libro di grande successo pubblicato nel 1936 ma sempre attuale. Autore del libro è Dale Carnagie,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o HDR n e t w o r k Come costruire un Organizzazione di Network Marketing di successo Parte I m a n u a l e o p e r a t i v o M a t e r i a l e a d u s o e s c l u s i v o D e i Co P a r t n e r H D R SOMMARIO

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli