DA LEADER DI SE STESSI A LEADER DI ALTRI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DA LEADER DI SE STESSI A LEADER DI ALTRI"

Transcript

1 DA LEADER DI SE STESSI A LEADER DI ALTRI

2 PREMESSA Il primo ciclo di puntate di Leader di te stesso si chiuderà nello stesso modo in cui conclude l omonimo libro, con il capitolo dal titolo Da leader di te stesso a leader degli altri. Un leader di se stesso sa di non poter fare a meno degli altri e che la sua felicità dipende da quanto sarà capace di costruire rapporti positivi con la gente. Anche per questo chi è leader di se stesso viene quasi automaticamente riconosciuto leader anche dal proprio gruppo di appartenenza, famiglia, colleghi, amici. Contrariamente a quanto si è soliti pensare, un vero leader non ha bisogno di imporre con la forza, ma guida il proprio gruppo semplicemente con l esempio. Un po come accade in palestra, dove se ti alleni con impegno e costanza arriva presto qualcuno a chiederti consigli su come fare o semplicemente se può allenarsi con te, così a anche nella palestra della vita, se sarai un buon esempio troverai presto qualcuno che ti seguirà, che vorrà imparare da te e chiederà come muoversi. Ecco alcune delle caratteristiche fondamentali del leader: sa ascoltare attivamente cerca di comprendere dimostra sincero interesse presta attenzione alle piccole cose è coerente sa chiedere scusa quando si sbaglia è disponibile e infine è un buon coach, ovvero contribuisce alla crescita degli altri. Un vero leader non lega a sè le persone con vincoli di dipendenza emotiva, ma mira piuttosto a costruire rapporti di collaborazione in cui anche l altro si senta sempre premiato. Uno dei modi migliori per contribuire alla crescita delle persone che ci stanno vicine è saper dare dei feed-back capaci di motivarle a dare meglio. Anche di questo si parlerà durante la trasmissione, che avrà come ospite il prof. Francesco Alberoni. Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 2

3 NOTE Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 3

4 LA VITA E UNO SPORT DI SQUADRA Indubbiamente l uomo è nato come essere sociale. Abbiamo avuto modo di comprendere come il bisogno di connessione sia uno dei bisogni fondamentali dell essere umano e come nel contribuire diamo alla nostra vita un senso più profondo e raggiungiamo il vero appagamento. Quindi, chiunque pensi di fare tutto da solo, di essere felice da solo, in realtà potrà difficilmente realizzare il suo obiettivo. La vita è uno sport di squadra e il destino di chi è da solo è comunque triste, indipendentemente da quelle che sono le ricchezze o qualsiasi altro aspetto materiale di cui ci si possa circondare. Anche l eremita che sceglie una vita ascetica, lontana da ogni suo simile, raggiunge la felicità grazie al contatto con un essere universale che rappresenta il tutto e quindi comunque non da solo. Il bisogno dell altro è nella natura umana: l uomo, millenni addietro, era un animale, un primate e, in quanto tale, era già un essere sociale. Perciò siamo stati esseri sociali ancor che esseri umani! A questo punto però è importante approfondire alcuni aspetti di questa evoluzione, perché quelle scimmie per loro fortuna avevano l istinto che le guidava nei comportamenti sociali e nelle loro relazioni. Se è possibile infatti osservare scontri e litigi tra scimmie, questi comportamenti aggressivi sono circoscritti ad una situazione e, come succede sempre nel mondo animale, sono di rapida soluzione e brevissima durata. Difficilmente, infatti, si vedono scimmie che non si considerano per lunghi periodi oppure che arrivano a creare delle vere e proprie faide familiari o vendette trasversali come quelle a cui assistiamo tra esseri umani. E non mi sto riferendo a vendette tra clan mafiosi, ma delle semplici vendette che accadono in normali gruppi familiari o in un qualsiasi ufficio dove c è un protrarsi di rancori, di mezze frasi, di sgambetti più o meno palesi, del parlare negativamente alle spalle di qualcuno Ci sono persone che vanno in pensione a sessantacinque anni e continuano nel tempo, magari al bar, a parlar male di questo o quel collega che hanno sempre odiato, delle malefatte che sono state compiute verso di loro e alle quali loro stessi hanno risposto. Questo è un comportamento che in natura non è concepibile ed è solo uno degli esempi dei fraintendimenti ai quali si può andare incontro per banali problemi di comunicazione e non comprensione del fatto che abbiamo bisogno degli altri per realizzare la nostra felicità. Sia che una persona abbia degli obiettivi concreti, materiali, sia che una persona voglia semplicemente migliorare la propria vita emozionale ha comunque bisogno di persone che gli stiano intorno e che contribuiscano a questi obiettivi ed ha bisogno a sua volta di contribuire agli obiettivi delle persone a lui prossime, un bisogno intrinseco di vivere, sentire, avvertire la realizzazione di quelli che sono i loro stessi scopi. Quindi, chiarito il fatto che chiunque pensi di raggiungere la felicità o la realizzazione da solo non ha alcuna possibilità di riuscirci, è importante andare a capire come relazionarci efficacemente con gli altri, in modo da creare intorno a noi un ambiente che possa farci stare bene e dove ci sia uno scambio di energia positiva e supporto ed è questo l obiettivo di questo capitolo. Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 4

5 DALLA DIPENDENZA ALL INTERDIPENDENZA Nel nostro cammino verso la maturità sono tre le fasi di crescita che possono essere attraversate da un individuo. La prima è quella di dipendenza, obbligatoria per tutti, poiché inevitabilmente vissuta nei primi anni di vita nei quali, qualsiasi bambino è totalmente dipendente dagli adulti sia per i suoi bisogni di sussistenza, un riparo, il cibo, l igiene, sia per i suoi bisogni psicologici. Crescendo, il bambino inizia ad acquisire una sua indipendenza, partendo dall imparare a mangiare e a lavarsi da solo, fino a che, anno dopo anno, si affranca completamente dalla dipendenza dalla famiglia, allontanandosi da casa e mantenendosi da solo. Fino a questo livello di indipendenza arrivano più o meno tutti, chi prima o chi dopo. Non tutti però riescono a raggiungere l'indipendenza emozionale: buona parte degli adulti, anche se fisicamente prestanti o con ruoli di responsabilità in famiglia o nella società, rimangono totalmente dipendenti dagli altri per quanto riguarda l'approvazione, il giudizio, il sentirsi dire "bravo", la soddisfazione dei propri bisogni e valori. Una persona può dirsi veramente indipendente quando non ha più alcun tipo di dipendenza nei confronti delle persone che la circondano, né fisica, né psicologica. Può cioè stare in piedi da sola, vivere una vita felice e soddisfacente anche da sola. La dipendenza si riferisce al tu ( tu ti devi prendere cura di me, tu mi fai arrabbiare, tu dovevi occuparti di questo ), l'indipendenza si riferisce all io : ( io ho cura di me stesso, io sono responsabile di ciò che mi accade e delle mie reazioni alle sollecitazioni esterne, io mi dovevo occupare di questo ). L'indipendenza emotiva porta a non lasciarsi devastare" dalle opinioni negative che altri possono avere sul nostro conto. Lasciarsi contrariare eccessivamente dalle opinioni altrui o snaturare i propri comportamenti per poter ottenere gratificazioni o consensi sono indici evidenti di dipendenza emotiva. Ciò non significa che un complimento non debba far piacere. Naturalmente fa star bene sentirsi dire "bravi" e gratifica anche colui che è emotivamente indipendente. Ma una cosa è che faccia piacere, una cosa è averne bisogno per sentirsi bene. La persona emotivamente indipendente rimane in equilibrio sia che riceva un complimento sia che non lo riceva, consapevole del proprio valore indipendentemente dal giudizio altrui. L'indipendenza emotiva comporta il fatto che si sia autonomi nel pensare e nel creare le proprie opinioni e che si sia intimamente soddisfatti del risultato delle proprie azioni, che altri ce lo dicano o meno. Se la persona dipendente è continuamente proiettata verso l'esterno in cerca di conferme e sicurezze, la persona indipendente è centrata, è dentro di sé, proiettata verso l'interno. Raggiungere una vera indipendenza non significa ovviamente non cercare di creare rapporti con altre persone e rompere ogni rapporto con l esterno, facendo riferimento solo a sé stessi. A questo punto siamo pronti per un ultimo salto di qualità, quello che riproietta l'individuo all'esterno, ma mantenendo la sua centratura: l'interdipendenza, ovvero il decidere di unirsi sinergicamente a qualcuno e combinare le proprie caratteristiche con quelle di altri per fare qualcosa che da soli non avremmo mai potuto realizzare. In precedenza dal tu siamo passati all' io : ora, il pronome personale dell interdipendenza è il noi. Noi insieme possiamo farlo, noi decidiamo di mettere Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 5

6 insieme il nostro meglio per compiere quest'opera che nessuno dei due da solo potrebbe realizzare. L'interdipendenza è la filosofia di vita della squadra, del team, dell'organizzazione. Essere interdipendenti significa riconoscere che fa piacere essere amati e gratificati anche se non si cade in depressione in mancanza di questo, significa essere consapevoli del valore delle proprie idee, ma anche di quelle di altri, che possono dare origine a creature uniche e meravigliose. Vuol dire sentirsi liberi di condividere se stessi con gli altri senza sentirsi minacciati, aprendo il cuore e le potenzialità alle persone che sono state scelte come compagni di strada. Spesso le persone confondono l interdipendenza con la dipendenza. Questa scarsa comprensione del valore di questa relazione è tendenzialmente dovuta alla sua scarsa conoscenza: se ci guardiamo intorno sono davvero pochi i rapporti davvero interdipendenti, soprattutto nell ambito dei rapporti di coppia. Siamo molto più avvezzi a unioni dove uno dei due guida la coppia e l altro segue o, peggio ancora, dove due persone che non sono in grado di reggersi in piedi da sole, si appoggiano l una all altra per ottenere un mediocre risultato di stabilità. Ritengo che per questo motivo l essere single stia diventando così di moda: all idea di chiudersi in un rapporto che li limita nella propria libertà, di scelta e di azione, dove l altro viene vissuto come una palla al piede e dove, di conseguenza, l iniziale momento di euforia viene rapidamente sostituito da tante emozioni negative, molte persone preferiscono di gran lunga rimanere da soli. E queste caratteristiche sono tipiche dei rapporti di dipendenza, così frequenti in una società come la nostra che, come abbiamo già avuto modo di sottolineare in precedenza, poco ci aiuta a sviluppare una reale indipendenza. Non si può creare un rapporto di interdipendenza se non si è diventati prima indipendenti emotivamente. Persone dipendenti tenderanno inevitabilmente a creare rapporti di dipendenza reciproca. In un rapporto interdipendente due individui scelgono liberamente e consapevolmente di stare insieme, perché sanno che, a fronte delle rinuncie che implica l adattarsi agli altri, potranno insieme dare vita ad una sinergia, una relazione dove i nostri singoli valori, anziché sommarsi, vengono moltiplicati esponenzialmente dalla nostra unione. Sanno che da soli potrebbero farcela benissimo, ma decidono che insieme a qualcun altro è molto meglio. Mi piace pensare ad un rapporto di coppia come a due ciclisti in fuga, i quali, per viaggiare più velocemente verso il traguardo, si alternano al comando, un po tirando e un po facendosi tirare dal compagno, con il risultato che in due riescono a mantenere una velocità di crociera ben superiore a quella che avrebbero potuto tenere da soli. In una coppia non dovrebbe mai esistere un solo leader, ma due, che si alternano alla guida a seconda delle circostanze e delle necessità, che si supportano e si stimolano a vicenda, che danno e ricevono in ugual misura. Chi è Leader di se stesso desidera unirsi ad altri Leader, a persone che possano correre veloci insieme a lui, invece che rallentarlo. Una dote di tutti i grandi Leader è quella di circondarsi di persone dotate di altrettanta Leadership e con i quali poter condividere la responsabilità del progetto e poter insieme portarlo a compimento. Allo stesso modo un buon rapporto di coaching non crea mai e in nessun modo dipendenza. Obiettivo del coach è quello di rendere il suo allievo il più autonomo possibile e totalmente indipendente dalla sua presenza. Per usare un esempio utilizzato di frequente, preferisce non dargli il pesce, ma insegnargli a pescare, perché sa che dandogli il pesce lo alimenta per un giorno, ma insegnandogli a pescare lo sfamerà per tutta la vita! Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 6

7 NOTE Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 7

8 STILI DI LEADERSHIP CAPO Autoritario No critica No ascolto Io Si responsabilità Ego Grande Stimola Emulazione PORTAVOCE Democratico Si a critica e spazio a tutti Voi No responsabilità Ego piccolo LEADER Autorevole Noi Delega: sviluppa altri leader Carisma Si critica Si responsabilità Ascolta tutti, decide lui Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 8

9 LA LEADERSHIP SITUAZIONALE Lo stile di leadership Lo stile di leadership è il modo in cui ci si comporta per cercare d influenzare l operato degli altri. Lo stile di leadership è una combinazione di comportamento direttivo e comportamento di sostegno. COMPORTAMENTO DIRETTIVO Comprende: dire chiaramente agli altri che cosa fare, come farlo, dove e quando; seguire da vicino ogni fase della realizzazione. COMPORTAMENTO DI SOSTEGNO Comprende: ascoltare le persone, sostenerle e incoraggiarle nei loro sforzi, favorire il loro coinvolgimento nella soluzione dei problemi e nel processo decisionale. Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 9

10 IL FEED-BACK SANDWICH Nel processo di crescita di una persona il feed-back gioca un ruolo fondamentale. La critica costruttiva è lo strumento per eccellenza che permette di focalizzare le aree di miglioramento sulle quali lavorare. La reazione istintiva di chiunque venga criticato direttamente, è di difesa. Se le barriere si alzano, risulta alquanto improbabile accettare una critica per quanto costruttiva che sia. Per questo motivo abbiamo pensato al Feedback a Sandwich. Il feedback a Sandwich e diviso in tre parti (proprio come un sandwich): prima una lode su ciò che è andato bene, i punti positivi; dopo viene la parte più delicata, ciò che potrebbe essere fatto meglio - la vera farcitura del sandwich; infine chiudiamo il panino con il come si potrebbe fare meglio, ossia la soluzione. In questo modo non si colpisce direttamente l Ego della persona e si raggiunge facilmente l obiettivo. E di fondamentale importanza non limitarsi a criticare solamente, ma proporre soluzioni concrete, evidenziando il buon lavoro eseguito e il margine di miglioramento a disposizione. Una difficoltà che può incontrare un coach rapportandosi con le altre persone è quella di fornire una valutazione su un comportamento da correggere o da migliorare, quello che nella comunicazione viene chiamato feed-back. Spesso le persone oppongono delle resistenze al ricevere un feed-back anche se ne riconoscono l utilità, poiché si sentono criticate e quindi, in un certo qual modo, attaccate. Dale Carnegie, autore del favoloso best-seller Come trattare gli altri e farseli amici (ed. Bompiani), libro che viene giustamente considerato la Bibbia dei rapporti umani, suggerisce di cominciare sempre dalla lode, ed è quello che viene definito feed-back a sandwich. Immagina un panino dove il pane rappresenti un commento positivo e l imbottitura la critica costruttiva che vogliamo far arrivare alla persona. Il fatto che quest ultima sia inserita tra due morbide fette di pane, ci ricorderà visivamente la strategia da adottare per dare un feed-back correttivo in maniera semplice ed efficace. E' fondamentale non incominciare subito con la parte che "non va", ma partire dal commentare ciò che è stata fatto correttamente: Mi è piaciuto molto come hai fatto questo oppure Sei stato davvero bravo quando Partire da ciò che è stato fatto bene metterà il collaboratore a suo agio, il quale, sentendosi apprezzato, si rilasserà predisponendosi ad ascoltare anche il resto. In molti sono talmente abituati a focalizzarsi solo sugli aspetti negativi da avere grandi difficoltà ad evidenziarne di positivi. C'è sempre qualcosa di buono, anche se non balza immediato agli occhi e il buon Leader sa "scovarlo" ed enfatizzarlo. Il secondo passo è evidenziare ciò che non va, e anche per questo occorre usare tattica: la frase d'approccio è "ciò che può/deve essere migliorato è " oppure ciò che poteva essere fatto meglio è, anziché "non va per niente bene" o "dovevi fare in questo modo". Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 10

11 "Sarebbe stato più efficace fare questo anziché quello: la prossima volta segui questo modello": Un tale approccio aiuta chi deve ascoltare la critica a percepirla non come tale bensì come una forma di cooperazione e di sinergia. Dopo aver definito con esattezza e precisione l area da migliorare, chiudi il sandwich con l altra fetta di pane, terminando con un messaggio positivo tipo: sono certo che se farai in questo modo, otterrai un risultato favoloso oppure migliorando questo aspetto otterrai enormi soddisfazioni, un messaggio che trasferisca la tua fiducia nel fatto che credi nelle sue capacità e possibilità di ottenere un risultato straordinario. Insomma, facile come mangiare un panino! NOTE Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 11

12 ESSERE UN COACH Innanzitutto, se hai scelto di intraprendere una strada che ti porti ad essere sempre più Leader di te stesso, devi essere consapevole che questa tua decisione di crescita personale, di metterti in gioco, di cercare delle informazioni in più per sviluppare il tuo sistema di pensiero verso uno che ti dia dei risultati maggiori, può sicuramente comportare dei problemi di relazione con gli altri. Come? Mi stai dicendo che migliorare mi farà stare peggio con la gente? No, non sto dicendo questo. Intendo dire che la tua evoluzione ti porterà a fare i conti con un inevitabile cambiamento nei rapporti con gli altri. Nel momento stesso in cui, grazie ad una maggiore consapevolezza della natura umana, sarai in grado di notare aspetti che prima non notavi, di ascoltare gli altri in maniera diversa da prima, di dare significati diversi ai loro comportamenti rispetto a quelli che avresti dato in passato, il tuo rapporto con il prossimo non potrà non essere diverso da prima. Questo ha sicuramente moltissimi risvolti positivi, ma può anche comportare delle difficoltà soprattutto nel rapportarti con coloro che, non avendo compiuto la stessa crescita, sono rimasti al tuo stesso livello di pensiero di qualche tempo addietro e che adesso potrebbero in qualche modo apparirti un po limitati nei loro schemi di ragionamento e limitanti per il tuo sviluppo. E un discorso che può apparire un po altezzoso, ma semplicemente onesto, perché è ciò che vedo accadere continuamente e che crea grandi conflitti nelle persone che sono su un percorso di crescita mentale, emozionale e spirituale. Ma allo stesso modo, sono fermamente convinto che chi sviluppa delle conoscenze e delle capacità che gli permettano di vivere una qualità di vita maggiore, abbia il dovere sociale e morale di assumersi la responsabilità di trasferirle agli altri. Cosa sarebbe successo se tutti gli autori di grandi scoperte o di rivoluzionarie invenzioni non le avessero condivise con l umanità? Allo stesso modo chi sviluppa un livello di pensiero più alto, ha il compito di trasferirlo alle persone che lo circondano, di contribuire alla loro crescita, di diventare un educatore. Educare deriva dal latino ex ducere e significa condurre fuori, sprigionare e portare alla luce ciò che è già dentro ogni uomo. Non instillare nel proprio allievo dei nuovi concetti, ma di aiutarlo invece a trovare le verità che sono già dentro di lui, a renderlo consapevole di ciò che già inconsapevolmente conosce. Tra l altro fare questo è un modo straordinario per soddisfare i propri bisogni al massimo livello e con un esperienza di assoluta prima classe! Il miglior modo per farlo, però, non è certo quello di ergersi a insegnante, ponendosi in una posizione di superiorità nei confronti di chi ne sa meno di noi. Un atteggiamento del tipo Io che ne so più di te adesso ti insegno come si fa non farà altro che sortire l effetto opposto, ossia di allontanare le persone. I migliori maestri hanno la consapevolezza e l umiltà di ricordarsi sempre che sono solo uno strumento per gli altri, che quando l allievo è pronto il maestro appare e che quindi Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo. Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha già dentro di sé. Galileo Galilei Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 12

13 Il miglior modo per farlo è, innanzitutto, farlo per sé e poi, eventualmente, condividere con altri la propria esperienza e i propri risultati. Un buon Leader guida con l esempio! Se vuoi essere uno stimolo per le altre persone, sii l esempio vivente di ciò che credi e affermi. Se il tuo impegno sarà quello di essere Leader di te stesso, di migliorarti costantemente, di ottenere i risultati che ti sei prefissato e di raggiungerli godendoti il percorso, insomma, di stare bene, stai pur certo che le persone intorno a te lo noteranno. E inevitabilmente ti prenderanno come punto di riferimento. Nel film Forrest Gump c è una metafora straordinaria di tutto ciò ed è quando Forrest decide di correre, attraversando più volte da costa a costa gli Stati Uniti. Lui va per la sua strada, senza dare spiegazioni a nessuno e lo fa con una coerenza tale, da diventare il simbolo di colui che sa dove stà andando e perché lo stà facendo. E, inevitabilmente, c è chi inizia a seguirlo, a correre dietro di lui e a prenderlo come esempio. Non ha dovuto fare niente perché accadesse, la gente lo seguiva perché voleva imparare da lui. Come accade in una qualsiasi palestra, dove se ti alleni con impegno e con costanza, arriva presto qualcuno a chiederti consigli su come allenarsi o, semplicemente, se è possibile allenarsi con te, nel momento in cui sarai un buon esempio nella palestra della vita, troverai presto qualcuno che ti seguirà, che vorrà imparare da te e ti chiederà come fare. Ovviamente non sarà così con tutti. Anzi. Quelli che si comporteranno in questo modo saranno tutti quelli che avranno voglia di imparare, anche loro potenziali Leader di se stessi. Poi ci sono tutti gli altri, generalmente la maggior parte, che quando vedono qualcuno che ottiene risultati speciali, invece che prendere da lui l esempio, se ne sentono sminuiti e quindi tenderanno a denigrarlo o a contrastarlo. Purtroppo la tendenza a non voler considerare come tale chi ci appare meglio di noi, poiché questo ci fa sentire minori o inferiori, va ovviamente a discapito della facilità delle relazioni. Conseguentemente chi è riuscito ad ottenere qualche risultato in qualche campo dovrà per prima cosa armarsi di una grande dose di pazienza, capire che questo accade per delle ben precise ragioni e tramite questa grande dose di pazienza ripercorrere, ristudiare il percorso che lo ha portato ad ottenere questi grandi risultati in quel determinato campo, così da poter trovare un efficace strategia per poterlo comunicare alle persone che ancora non hanno fatto quel tipo di percorso o raggiunto quelle consapevolezze che portano a maggiori risultati. Si troverà inoltre ad affrontare l invidia di chi non ha quei risultati e dovrà affrontare una serie di resistenze che sono le stesse di cui potrebbe parlarvi un allenatore di qualsiasi sport. Il suo ruolo è infatti quello di esortare, spingere l allievo affinché raggiunga il massimo del suo potenziale. Un coach è proprio colui che guida le persone a sfruttare di più il loro potenziale. Se l atleta ha sempre fatto dieci flessioni sarà convinto che quello sia il suo limite e il ruolo del coach è quello di spingerlo oltre quel limite. Cosa accade quando qualcuno cerca di spingerci oltre quei limiti o cerca di farci cambiare qualche abitudine e di portarci fuori dalla nostra zona di comfort? Tendenzialmente sviluppiamo delle resistenze e le sviluppiamo sia verso noi stessi che verso colui che sta cercando di spingerci oltre. Un coach deve aspettarsi questa reazione e deve strutturare tutta la sua forma mentis e la sua comunicazione verso questo tipo di reazione. E ne più ne meno quello che può aspettarsi un genitore insomma, nella crescita dei propri figli. Inizialmente ci sarà una fase di fiducia e gratitudine, quando il bambino è ancora totalmente dipendente, ma poi ci sarà una fase pre-adolescenziale, adolescenziale in cui Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 13

14 ci imbatteremo in un netto rifiuto ogni volta che tenteremo di indirizzarlo in una qualche direzione. Una situazione dove c è comunque del contrasto, ma dove il genitore ha comunque il dovere di indirizzare il figlio verso determinate scelte che sono dovute a una maggiore esperienza. Indirizzare un figlio non significa costringerlo a seguire i comportamenti che noi riteniamo giusti, ma significa indirizzarlo, fare il nostro meglio perché ciò accada. Non possiamo di certo controllare le persone, ma sappiamo che possiamo influenzarle e quindi il ruolo del coach è quello di influenzare il suo allievo a fare ciò che ritiene sia più efficace per l allievo stesso. Indubbiamente il mestiere dei genitori è una delle situazioni di coaching più difficili che ci siano NOTE Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italiasrl 14

15 CONSIGLIATI DA ROBERTO RE ONE MINUTE MANAGER, Kenneth Blanchard - Sperling & Kupfer Questo libro insegna il modo più rapido per aumentare la produttività, i profitti, la soddisfazione sul lavoro e il benessere personale. Si tratta di un nuovo e rivoluzionario metodo sul management che ha già dato risultati decisamente positivi. ONE MINUTE MANAGER INSEGNA A DELEGARE, Kenneth Blanchard - Sperling & Kupfer Questo libro risolve uno dei problemi più che frequentemente assillano i manager d'oggi, la gestione del tempo, lanciando un messaggio semplice ed esplicito: non assumersi responsabilità di un problema se esso non compete direttamente. E' essenziale infatti, a livello dirigenziale, ottimizzare il tempo a disposizione, usufruendone in maniera razionale e, soprattutto stabilendo con chiarezza le priorità. Tuttavia, molti manager sono soliti sostituirsi ai membri del proprio staff in svariate circostanze. E' possibile invece delegare, responsabilizzando così i subordinati e assicurandosi al contempo che il lavoro venga affidato alla persona adatta. Materiale soggetto a Copyright HRD Training Group by HRD Italia srl 15

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Studiare non è tra le attività preferite dai figli; per questo i genitori devono saper ricorrere a strategie di motivazione allo studio, senza arrivare all

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

LA VITA E CAMBIAMENTO

LA VITA E CAMBIAMENTO Free Session Included! LA VITA E CAMBIAMENTO Giuliano Mandotti COACHING - INFORMATICA - FORMAZIONE Chi vuole fare sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa Proverbio africano Life COACHING

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE w w w. o s m v a l u e. c o m COMPRENSIONE (RELAZIONI) Qualità generale delle relazioni. Capacità della persona di costruirsi relazioni

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

E-mail: calla2002@libero.it

E-mail: calla2002@libero.it RELATORE: FABIO FOSSATI - HEAD-COACH ADVISOR FIP FIBA EUROPE - DOCENTE BASKET FACOLTA SCIENZE - MOTORIE UNIVERSITA STATALE DI BRESCIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA - CERTIFIED MENTAL COACH E-mail: calla2002@libero.it

Dettagli

IL PENSIERO COSTRUTTIVO. Gli 11 Presupposti del Successo. nel Coaching Neuroscientifico

IL PENSIERO COSTRUTTIVO. Gli 11 Presupposti del Successo. nel Coaching Neuroscientifico IL PENSIERO COSTRUTTIVO Gli 11 Presupposti del Successo nel Coaching Neuroscientifico Modulo 3 isis progettazione sas tutti i diritti riservati I PRESUPPOSTIDEL SUCCESSO / 1 IL PRESUPPOSTO MATRICE La legge

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA ANNO 2015/2016

OFFERTA FORMATIVA ANNO 2015/2016 OFFERTA FORMATIVA ANNO 2015/2016 La PNL per la Leadership personale e professionale COMUNICATORI STRAORDINARI! Sempre più spesso ci capita di dover parlare in pubblico. Talvolta vi siamo costretti da circostanze

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano INDIRA GANDHI

Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano INDIRA GANDHI Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano INDIRA GANDHI Nel mio ultimo anno di studi per diventare coach ho appreso l'importanza delle domande che ci facciamo. Se non ci prendiamo

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone I 12 principi della Leadership Efficace in salone Leadership = capacita di condurre e di motivare Per condurre i tuoi dipendenti devono avere stima e fiducia di te. Tu devi essere credibile. Per motivare

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso.

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [moduli operativi di formazione] Manager Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [MODULI OPERATIVI DI FORMAZIONE] MANAGER Ottenere risultati, dominare gli eventi, portare a termine le operazioni

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

HAPPY CHILDREN Crescere Felici

HAPPY CHILDREN Crescere Felici HAPPY CHILDREN Crescere Felici La formazione efficace deve tradurre il contenuto dell'educazione e dell istruzione in forme di pensiero congrue all età, stimolanti e tali da invogliare il fanciullo ad

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

La comunicazione potente dei Coach

La comunicazione potente dei Coach La comunicazione potente dei Coach Il potere delle parole 13 Il Coaching può essere definito come una potente arte sull uso del potere delle parole. Quando si pratica il coaching con una persona si affrontano

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

MANIFESTARE RISULTATI ESTRATTO

MANIFESTARE RISULTATI ESTRATTO MANIFESTARE RISULTATI ESTRATTO Abbiamo pensato di proporti un breve, pratico ed utile estratto del Corso Manifestare Risultati. È la prima volta che condividiamo parte del materiale con chi ancora non

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM

GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM 12 SUGGERIMENTI PER AVERE SUCCESSO COL MARKETING MULTI LIVELLO 1 PARTE I IL NETWORK MARKETING MLM Una domanda che ci viene rivolta spesso è: Come si possono creare

Dettagli

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? Ogni genitore desidera essere un buon educatore dei propri figli, realizzare il loro bene, ma non è sempre in armonia con le dinamiche affettive, i bisogni,

Dettagli

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 Partendo da lontano: appunti di viaggio di Beatrice Vitali Berlino è così: c è sempre qualcuno scalzo c

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Ricercare e Testare La Tua Nicchia

Ricercare e Testare La Tua Nicchia Ricercare e Testare La Tua Nicchia Il Concetto Dell Eleganza: Ottenere il massimo con il minimo sforzo Nel business e nella vita, vuoi sempre fare in modo di ottenere massimo, con il minor investimento

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Accedi al tuo Genio Personale [ Self-Leadership ] Tre giorni d ispirazione per apprendere ad accedere alle potenzialità della tua mente per creare

Accedi al tuo Genio Personale [ Self-Leadership ] Tre giorni d ispirazione per apprendere ad accedere alle potenzialità della tua mente per creare Accedi al tuo Genio Personale [ Self-Leadership ] Tre giorni d ispirazione per apprendere ad accedere alle potenzialità della tua mente per creare successo in qualunque area della tua vita desideri ...

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Introduzione ai Metaprogrammi

Introduzione ai Metaprogrammi Introduzione ai Metaprogrammi Piernicola De Maria www.effettoleva.com I Metaprogrammi sono... Processi mentali consolidati Percorsi di minore resistenza Basati sul contesto A consapevolezza ritardata Spesso

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo.

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. Programmazione neurolinguistica La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. OBIETTIVI della PNL Obiettivi: - individuare nella struttura

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile La TUA Grande Rete Sempre Disponibile A chi ci rivolgiamo? Chi vuole mettersi in gioco sempre. Chi vuole raggiungere livelli altissimi di guadagno. Chi vuole essere il padrone di se stesso. Chi vuole

Dettagli