Strumenti_ 11. Contesto lavorativo e benessere organizzativo in un amministrazione in cambiamento. Analisi del modello e strumenti della ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti_ 11. Contesto lavorativo e benessere organizzativo in un amministrazione in cambiamento. Analisi del modello e strumenti della ricerca"

Transcript

1 Strumenti_ 11 Contesto lavorativo e benessere organizzativo in un amministrazione in cambiamento. Analisi del modello e strumenti della ricerca Guido Dal Miglio Pierluigi Richini Alda Salomone Nereo Zamaro ISSN collana Strumenti Isfol numero 2011/11 - dicembre

2 L Isfol, Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, è stato istituito con DPR n. 478 del 30 giugno 1973, e riconosciuto Ente di ricerca nel 1999 ed è sottoposto alla vigilanza del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. L Istituto opera nel campo della formazione, delle politiche sociali e del lavoro al fine di contribuire alla crescita dell occupazione ed al miglioramento delle risorse umane. L'Isfol svolge e promuove attività di studio, ricerca, sperimentazione, documentazione, informazione e valutazione, consulenza e assistenza tecnica. Fornisce un supporto tecnico-scientifico al Ministero del lavoro, ad altri Ministeri, al Parlamento, alle Regioni e Province autonome, agli Enti locali, alle Istituzioni nazionali, pubbliche e private, sulle politiche e sui sistemi della formazione ed apprendimento lungo tutto l arco della vita, del mercato del lavoro e dell inclusione sociale. Fa parte del Sistema Statistico Nazionale. Svolge inoltre il ruolo di assistenza metodologica e scientifica per le azioni di sistema del Fondo sociale europeo, è Agenzia nazionale Lifelong Lerning Programme Programma settoriale Leonardo da Vinci. Strumenti Isfol è la collana elettronica che raccoglie tutti i contributi che l Isfol realizza con specifiche finalità operative, come strumentazione a disposizione degli operatori e dei non-specialisti, anche nell ambito di committenze esterne vincolanti. La collana ha l obiettivo di rendere disponibili non solo particolari elaborati teorici per la comunità scientifica ma anche una vasta tipologia di prodotti (quali kit, manuali, dispositivi operativi e opuscoli a fini divulgativi, atti di convegni, ecc.) per un target di utenti più ampio. Sono autori del paper: Alda Salomone : Introduzione, Osservazioni finali Pierluigi Richini : Cap. 1 Guido Dal Miglio : Cap. 2 Nereo Zamaro : Cap. 3 Commissario straordinario: Sergio Trevisanato Direttore: Aviana Bulgarelli Riferimenti: Corso d Italia, Roma Tel web: La Collana Strumenti Isfol è curata da Claudio Bensi Responsabile Servizio comunicazione web e multimediale. Coordinamento editoriale: Paola Piras, Aurelia Tirelli, Matilde Tobia Redazione: Paola Piras, Costanza Romano, Aurelia Tirelli, Matilde Tobia, Daniela Verdino Contatti:

3 INDICE PAG. INTRODUZIONE 1 1. I COSTRUTTI E LE SCELTE CONCETTUALI 4 2. DIMENSIONI E VARIABILI DI ANALISI ANALISI DEI DATI E COERENZA DELLE MISURAZIONI. RISULTATI PRELIMINARI 16 OSSERVAZIONI FINALI 25 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 26 ALLEGATO 1. IL QUESTIONARIO SUL CLIMA E IL BENESSERE ORGANIZZATIVO 29 ALLEGATO 2. RISULTATI DELLE CLUSTER ANALYSIS 37

4 ABSTRACT Il contributo presenta i principali riferimenti teorici che hanno guidato l impostazione della prima indagine ISFOL sul clima e il benessere organizzativo. Si propone, quindi, il modello operativo (con l insieme dei temi e delle variabili d interesse) adottato per la progettazione del questionario d indagine (allegato). Infine, per illustrare l attendibilità e la coerenza delle misurazioni effettuate, rispetto al modello che ha guidato l indagine, sono presentati alcuni risultati preliminari di analisi. ABSTRACT The leading aim of the paper is to spell out the theoretical background on which the first survey on organizational climate and well-being at ISFOL (a public social research institution) is relied. The operating model (the topics and variables of interest) driving the design of the survey questionnaire is detailed (annex). Finally, to illustrate the reliability and consistency of measurements actually made, some preliminary findings are provided.

5 INTRODUZIONE L Isfol ha avviato a fine 2010, secondo quanto disposto dal D.Lgs. 150/2009 e in linea con le strategie d Istituto, il ciclo di gestione delle performance. E stato definito il Sistema di misurazione e valutazione delle performance, il Piano triennale delle performance e il Programma triennale per la trasparenza e l integrità Il processo d implementazione del ciclo delle performance è stato intrapreso per il primo anno in termini sperimentali, in attesa che si chiarissero i diversi passaggi regolamentari della riforma in merito all applicazione della valutazione delle performance individuali, gestionali/amministrative e di ricerca, con particolare attenzione ai ricercatori e tecnologi. L attuazione del ciclo delle performance è coinciso con molte novità istituzionali che hanno interessato l Istituto (nuovo Statuto, cambio di sede, commissariamento, nuovo Regolamento di organizzazione e funzionamento degli organi e delle strutture). In questo contesto, la Presidenza dell Isfol, in accordo con l Organismo indipendente di valutazione, ha promosso la prima indagine sul clima e il benessere organizzativo. Com è noto, già nel 2004 il Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione aveva emanato una Direttiva sulle misure finalizzate al miglioramento del benessere organizzativo nelle pubbliche amministrazioni. Nella Direttiva si rilevava come in tutte le amministrazioni pubbliche la complessità dei problemi da affrontare è in aumento. L insoddisfazione per gli strumenti tradizionali di gestione del personale è evidente e crescono le esigenze di individuare nuove politiche di sviluppo e di intervento. In un sistema ad alta intensità di lavoro intellettuale, la convivenza organizzativa non può svolgersi soltanto sotto la dimensione del governo gerarchico e delle scansioni procedurali: una variabile altrettanto fondamentale è rappresentata dal sentire individuale e dalle relazioni informali tra le persone che interagiscono nello stesso ambiente di lavoro. (Direttiva DFP, 2004, p. 4). La Direttiva invitava, dunque, le Amministrazioni a valutare e migliorare il benessere all interno della propria organizzazione rilevando le opinioni dei dipendenti sulle dimensioni che determinano la qualità della vita e delle relazioni nei luoghi di lavoro e realizzando opportune misure di miglioramento per: valorizzare le risorse umane, aumentare la motivazione dei collaboratori, migliorare i rapporti tra dirigenti e operatori, accrescere il senso di appartenenza e di soddisfazione dei lavoratori per la propria amministrazione rendere attrattive le amministrazioni pubbliche per i talenti migliori migliorare l immagine interna ed esterna e la qualità complessiva dei servizi forniti dall amministrazione diffondere la cultura della partecipazione, quale presupposto dell orientamento al risultato, al posto della cultura dell adempimento realizzare sistemi di comunicazione interna prevenire i rischi psico-sociali (ibid., p. 3-4). Negli anni seguenti numerose pubbliche amministrazioni hanno realizzato indagini sul clima e sul benessere organizzativo e, nell ambito del Programma Cantieri del DFP, è stato sviluppato uno specifico kit comprensivo della strumentazione standard di analisi. 1

6 Il Decreto Legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni ha, all art. 14 c. 5, stabilito che L Organismo indipendente di valutazione (...) cura annualmente la realizzazione di indagini sul personale dipendente volte a rilevare il livello di benessere organizzativo e il grado di condivisione del sistema di valutazione, nonché la rilevazione della valutazione del proprio superiore gerarchico da parte del personale. L OIV dell Isfol, in ottemperanza del dettato normativo e in risposta agli orientamenti e sollecitazioni della Commissione Indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche (CiVIT), ha previsto l effettuazione di specifiche indagini periodiche su questi temi, nell ambito del Sistema di misurazione e valutazione delle performance dell Isfol. L assetto in divenire e gli stessi nodi critici che stanno accompagnando la progressiva messa a regime del sistema di valutazione delle performance nelle amministrazioni pubbliche italiane, in particolare nel comparto della ricerca pubblica, hanno portato a caratterizzare la progettazione dell indagine mediante alcune parole chiave: l indagine è stata sperimentale (messa a punto degli strumenti) ed esplorativa, ossia costituisce l avvio di un attività di analisi periodica ha avuto un carattere fortemente contestualizzato e situato rispetto alle problematiche dell Istituto si è contraddistinta per un approccio di tipo dinamico, evolutivo, ossia contrassegna ambiti e variabili di analisi che saranno maggiormente presidiati negli anni successivi. La rilevazione sul clima e il benessere organizzativo ha costituito un azione positiva che ha consentito all Istituto di avviare la progettazione di un barometro sociale sulla situazione lavorativa al suo interno, fornendo al management un quadro informativo aggiornato sulle percezioni del personale, particolarmente prezioso in una fase di cambiamento organizzativo. L'indagine ha, infatti, avuto come obiettivo di ricomporre una rappresentazione condivisa e oggettiva, proprio perché somma delle diverse soggettività, del clima organizzativo e della soddisfazione del personale per il lavoro svolto e, operativamente, essa è stata proposta mettendo a fuoco quattro principali ambiti: l ambiente di lavoro l adeguatezza e la valorizzazione delle competenze professionali il sistema socio-relazionale esistente in questo determinato momento l orientamento dell organizzazione rispetto ad alcune dimensioni chiave dell innovazione. E stata effettuata una scelta precisa nell unire, in uno stesso strumento di indagine, l analisi del clima e del benessere organizzativo e tralasciando, al momento, di indagare altre dimensioni organizzative potenzialmente significative (come, ad esempio, la discriminazione, il mobbing, o altri tipi di comportamento violento, comunque osservati con altri strumenti istituzionali). Nell ambito di questo studio, il clima è considerato un fattore rilevante della vita organizzativa. Esso può risultare più o meno diversificato sociologicamente, ma si struttura secondo forme percepite come relativamente omogenee e persistenti. Il clima organizzativo può essere caratterizzato da un insieme di rappresentazioni che possono essere condivise e circolare tra coloro 2

7 che operano nell organizzazione stessa, poiché esse si configurano, si affermano e si consolidano grazie alle interazioni che legano tra loro individui che trascorrono molte ore della loro vita nel medesimo luogo di lavoro. Tali rappresentazioni risentono delle modalità con cui si organizza il lavoro, i dirigenti agiscono e interagiscono con i loro collaboratori, la partecipazione al processo lavorativo e le decisioni rilevanti che lo riguardano sono adottate e del modo in cui il contributo di ciascuno, o del gruppo, al lavoro stesso è riconosciuto. Ad un certo clima organizzativo, dunque, si conformano coloro che operano all interno di un organizzazione, secondo modelli relativamente stabili nel tempo, ma con intensità e grado di diffusione variabili da organizzazione ed organizzazione; quando condiviso, può influenzare i comportamenti, personali e operativi, degli stessi dipendenti, inducendoli, peraltro, a formulare costrutti, anch essi relativamente condivisi e stabili, che sono utilizzati correntemente per interpretare le situazioni ed i cambiamenti organizzativi. L indagine sul clima e il benessere è quindi da considerarsi uno strumento utile anche per caratterizzare aspetti delle culture organizzative prevalenti in un certo contesto organizzativo, eventualmente al fine di adottare iniziative sostenibili tese al miglioramento continuo dell organizzazione. Tale esigenza, definita in astratto in sede normativa, è cogente nel caso dell Isfol, che, per effetto di vari provvedimenti, sta attraversando (anche nel periodo in cui la rilevazione è stata svolta) una fase di radicale trasformazione istituzionale e organizzativa che ne ha ridefinito la struttura (includendo nel processo anche l accorpamento, nel giugno 2010, di un altro ente di ricerca) e le articolazioni interne. Questi processi delineano, nel rispetto del nuovo Statuto, un modello organizzativo contraddistinto dall integrazione delle funzioni amministrative e di ricerca, processo quest ultimo che modifica significativamente i contesti organizzativi, la distribuzione e l articolazione interna delle attività correnti, la strutturazione della catena di comando, la composizione degli stessi team operativi. Peraltro, una riorganizzazione che coincide con il trasferimento dei dipendenti, per anni distribuiti in molteplici uffici operativi, in un unica sede centrale. Il progetto è stato avviato nel marzo del Lo strumento d indagine elaborato è articolato in 5 sezioni e contiene 32 quesiti strutturati. E stato previsto, inoltre, uno spazio finale nel quale i rispondenti potevano formulare osservazioni, suggerimenti e commenti. Si è scelto di utilizzare, quale strumento applicativo, LimeSurvey in quanto stabile, efficace in termini di garanzia dell anonimato, funzionale per contenere i tempi di risposta e le successive fasi di trattamento statistico dei dati. La rilevazione si è svolta dal 30 maggio al 17 Giugno 2011 e i principali risultati sono stati prontamente restituiti al personale (8 luglio 2011). Infine, la partecipazione alla rilevazione è stata elevata (il 62,6% del personale in servizio). In questo contributo 1 si richiama, di seguito, la riflessioni teorica e concettuale che ha guidato l elaborazione del progetto di ricerca; quindi si presenta il modello operativo che ha guidato la progettazione del questionario secondo le dimensioni/variabili individuate; infine sono presentati alcuni risultati preliminari, al fine di illustrare l attendibilità e la coerenza delle misurazioni effettuate rispetto al modello che ha guidato l analisi. 1 Si rimanda anche all articolo degli stessi autori Clima e benessere organizzativo nel quadro dei sistemi di valutazione delle performance, Osservatorio Isfol, II, n.1, 2012, in fase di stampa. 3

8 1. I COSTRUTTI E LE SCELTE CONCETTUALI Ed Diener, in una rassegna del 1999 su trent anni di progressi nel campo di studio sul benessere soggettivo, evidenziava quattro possibili orientamenti per la ricerca. Innanzitutto, la necessità di dotarsi di metodologie sofisticate, in modo da garantire maggiore rigore scientifico a ciò che nel campo del benessere viene spesso spiegato in termini intuitivi. A suffragio di tale orientamento Diener evocava l attenzione prestata, in anni precedenti, alle caratteristiche demografiche correlabili al benessere soggettivo, anziché ai processi che contribuiscono alla sua costruzione. Un secondo orientamento veniva individuato nell opportunità di focalizzare l interazione tra fattori soggettivi quali, ad esempio, i tratti di personalità e le circostanze ambientali. Un terzo ambito di approfondimento, secondo l autore, riguarda la migliore comprensione dei processi di adattamento alle circostanze, quali i processi di abituazione, le strategie di coping, l influenza degli obiettivi di cambiamento. Infine, veniva richiamata la necessità di una migliore modellizzazione teorica delle relazioni tra variabili che possono influenzare le componenti del benessere soggettivo. Tali considerazioni, che riguardano un ambito più ampio di quello considerato nella presente ricerca 2, possono essere considerate linee-guida ancora oggi rilevanti per l analisi del benessere organizzativo, secondo una prospettiva che concepisce la salute organizzativa come processo e che interpreta il sistema organizzativo e sociale come agenti implicati nel mantenimento e nel cambiamento del modo di vita dei singoli. Nelle fasi preliminari della ricerca si è prestata particolare attenzione alla disamina della letteratura sulla valutazione del benessere organizzativo, al fine di individuare modelli di riferimento per la definizione della metodologia di analisi e la predisposizione degli strumenti di indagine, contestualizzandoli alla specificità dell Isfol. Si tratta di un ambito scientifico molto ampio, in quanto rappresenta il punto di convergenza tra differenti costrutti, modelli teorici ed orientamenti metodologici. Né può essere diversamente, in ragione della pluralità di dimensioni sottese: individuali, sociali ed organizzative. Il modo più efficace di descrivere il modello concettuale e metodologico, alla base delle scelte del gruppo di lavoro, è, a partire da uno dei costrutti più noti, quello di clima organizzativo che, a partire dagli anni 60, è stato oggetto di importanti attenzioni da differenti angolazioni disciplinari. La sua importanza e l utilità della sua misurazione è data dalla relazione che esso ha con gli outcome individuali ed organizzativi. Si tratta, però, di una relazione complessa, non lineare e che non sempre ha dato luogo ad interpretazioni univoche. Ciò è dovuto in buona parte alla scarsa determinatezza con cui il costrutto è stato definito, in ragione delle più generali evoluzioni degli schemi teorici sottostanti, e in parte al fatto che le ricerche, in passato, hanno cercato di definire rapporti causali lineari dall insufficiente potere esplicativo. Peraltro, i circa 50 anni di studi, ricerche e sperimentazioni hanno portato a maturità il costrutto e le recenti focalizzazioni inerenti il climate for something, ovvero il filone di ricerca orientato alla specializzazione applicativa e, quindi, all irrobustimento scientifico e metodologico dell analisi di 2 Il dominio del lavoro è considerato, nella formulazione di Diener, come una delle componenti del benessere soggettivo, unitamente a quelli della famiglia, del tempo libero, della salute, della stabilità finanziaria, della percezione di sé, dell appartenenza sociale. Tale articolazione porta l autore a definire il benessere soggettivo come un area generale di interesse scientifico più che uno specifico costrutto (Diener E. et al., 1999, pag. 277). 4

9 clima, hanno individuato importanti declinazioni utili alla valutazione del benessere organizzativo (climate for well-being). Nelle pagine seguenti si evidenzierà l evoluzione del costrutto di clima organizzativo e dei modelli di analisi, fino alle più recenti formulazioni. Per quanto l esposizione risulterà necessariamente riduttiva rispetto alla vastità e complessità dei contributi, tale modalità consente di evidenziare le correlazioni con altri costrutti e dimensioni di analisi, al fine di tratteggiare i riferimenti teorici cui si è basata la presente ricerca, nonché le conseguenti scelte nel merito degli indicatori, delle metodologie di rilevazione e di analisi, dell interpretazione dei risultati. Origini del costrutto di clima organizzativo Il termine clima organizzativo ha circa 50 anni, ma trova i suoi antecedenti culturali nell attenzione mostrata alla variabile umana nella scuola delle Human Relations 3 e negli studi della psicologia sociale della prima metà del 900. Kurt Lewin, nelle ricerche empiriche sugli stili di leadership e sull atmosfera sociale condotte con Lippit e White nel 1939, affermava che "un divieto o un obiettivo da raggiungere possono avere un ruolo essenziale nello stato psicologico dell'individuo, senza tuttavia essere presenti nella coscienza in modo chiaro. Ciò è vero anche per l'atmosfera sociale generale: può essere favorevole, ostile o tesa. Non vi è dubbio che proprio queste caratteristiche generali dell'atmosfera sociale hanno un grande significato, rispetto al comportamento dell'uomo e del suo sviluppo. Tuttavia, spesso se ne riconosce l'importanza solo quando tale atmosfera ha subito dei mutamenti" (Lewin K., Lippitt R., White R.K., 1939). L ipotesi dell atmosfera sociale rientra nel quadro della teoria del campo psicologico, secondo la quale il comportamento della persona è funzione della persona e dell ambiente psicologico in cui la persona è inserita. L ambiente psicologico, nella formulazione di Lewin comprende oggetti, persone, attività e situazioni (le loro rappresentazioni) con cui l individuo è in relazione, in modo più o meno consapevole. Si tratta di una definizione che ha influenzato per lungo tempo i successivi studi sul clima organizzativo e che prevede una causalità non ricorsiva: il clima si costruisce a partire dagli elementi oggettivi caratterizzanti l ambiente. La prima definizione operativa, a cura di Forehand e von Haller (1964), è coerente con questa impostazione: (il clima organizzativo è) l insieme delle caratteristiche che descrive un organizzazione e che a) la distingue da ogni altra, b) è relativamente costante nel tempo, c) influenza il comportamento delle persone nell organizzazione. Il contributo di Lewin può essere quindi considerato come fondativo di due approcci, denominati rispettivamente strutturale e percettivo, il primo centrato sulle caratteristiche oggettive dell organizzazione, il secondo sulle rielaborazioni soggettive operate dagli individui che ne fanno parte 4. 3 Con la nascita del movimento delle Human Relations e con gli studi di Elton Mayo (1933, 1945) sono introdotti per la prima volta, nella spiegazione dei comportamenti lavorativi, elementi quali la motivazione, l alienazione, i fenomeni di gruppo. L attenzione al fattore umano, in altri termini, porta al superamento della visione meccanicistica delle organizzazioni e avvia una nuova riflessione teorica sul rapporto benessere / malessere nei luoghi di lavoro. 4 Si farà riferimento, a seguire, a quattro approcci alla formazione del clima organizzativo, così come illustrati da Thomas Moran e Fredericks Volkwein nel 1992: 1) approccio strutturale, 2) approccio percettivo, 3) approccio interattivo, 4) approccio culturale. 5

10 L approccio strutturale In coerenza con il concetto lewiniano dell influenza del contesto sui comportamenti dell individuo in modo non ricorsivo, l approccio strutturale considera il clima come una variabile dipendente delle condizioni oggettive dell organizzazione. Le condizioni reali prese in esame da questo approccio possono essere le dimensioni dell organizzazione, il numero di livelli gerarchici, il livello di centralizzazione delle decisioni, le tecnologie adottate, i ruoli formali, le politiche del personale, nei loro aspetti più prescrittivi. Il presupposto, che rappresenta al tempo stesso il più grande limite di questa impostazione, è che le misure oggettive dell organizzazione e le misure del clima dovrebbero coincidere, con un eventuale varianza spiegabile dall inadeguatezza delle procedure di rilevazione o da meccanismi di distorsione percettiva. Ricerche specifiche hanno in realtà dimostrato la scarsa correlazione tra struttura organizzativa, clima e fattori ad essi legati 5. L approccio, inoltre, non spiega la coesistenza di climi differenti in gruppi appartenenti alla medesima organizzazione; tale fenomeno, invece, presuppone ben altra concezione del clima, che rimanda alla condivisione e alla rielaborazione sociale dei significati attribuibili alle caratteristiche dell organizzazione, più che alla sommatoria di percezioni individuali tendenzialmente omogenee. L approccio soggettivo-percettivo In misura complementare con il modello strutturale, che individua le basi del clima nelle proprietà dell organizzazione, il modello percettivo pone l origine nell individuo: i singoli reagiscono ed interpretano le variabili situazionali non solo sulle basi delle caratteristiche oggettive della specifica situazione o degli attributi strutturali dell organizzazione, ma anche di quegli aspetti che sono psicologicamente significativi per loro (James L.R., Hater J.J., Gent M.J., Bruni J.R. 1978). In tal senso, le percezioni sono parziale funzione del sistema di valori personali (James L. R., James L. A., Ashe D. K., 1990), dove per valore personale si intende ciò che una persona vuole o cerca di ottenere in quanto lo ritiene favorevole al proprio benessere (Locke E. A., 1976). Il valore personale rappresenta quindi, in letteratura, un indicatore latente di ciò che dell ambiente di lavoro è significativo per l individuo e che contribuisce al senso di benessere organizzativo. Tale approccio ha aperto la strada al costrutto di clima psicologico, verso la misurazione dei significati che gli individui attribuiscono al loro contesto di lavoro. Locke (1976), ha proposto 4 fattori latenti alla base dei più rilevanti valori personali correlati al lavoro: desiderio di chiarezza, armonia e giustizia desiderio di indipendenza, responsabilità, obiettivi sfidanti desiderio di facilitazioni sul lavoro, supporto e riconoscimento desiderio di relazioni sociali amichevoli. James e James (1989) hanno proposto un set di variabili di clima nel quadro delle categorie individuate da Locke. Le variabili sono state sottoposte a verifica attraverso analisi fattoriale 5 Si veda in proposito Berger C.J., Cummings L.L., (1979). 6

11 esplorativa in differenti ambienti lavorativi, dimostrando di essere invarianti. Pur da diversi approcci teorici, ciò ha dimostrato che le percezioni dell ambiente organizzativo possono essere ricondotte in domini interpretabili in termini di valori personali. Nell intento di riportare le risposte emozionali individuali dall ambiente lavorativo al più generale costrutto di clima, gli stessi James e James hanno proposto un modello gerarchico di clima psicologico. Attraverso un analisi fattoriale confermativa, condotta su quattro campioni di lavoratori in differenti organizzazioni di lavoro, gli autori hanno confermato l esistenza di un fattore gerarchico di primo livello, alla base delle percezioni dell ambiente di lavoro. In altri termini, gli individui utilizzano una struttura cognitiva integrata e relativamente semplice di valutazione dell ambiente di lavoro, articolato in domini percettivi indipendenti. Il fattore generale è stato definito come fattore generale di clima psicologico o PCg. E possibile affermare che il clima psicologico media la relazione tra le caratteristiche dell ambiente di lavoro e le reazioni emotive degli individui all ambiente stesso: Gli individui rispondono affettivamente all ambiente di lavoro sulla base del significato e della significatività (valutazioni) che essi attribuiscono ad esso. A loro volta, le reazioni emotive influenzano le valutazioni, in quanto gli individui partecipano selettivamente o ridefiniscono gli indicatori sul piano cognitivo, in modo da renderle coerenti con le credenze e le aspettative (le teorie implicite) su ciò che definisce un ambiente soddisfacente o meno (James L.R. et al., 2008). I diversi contributi afferenti alla prospettiva psicologica sottolineano che il clima è mediato da variabili legate alle personalità, alla struttura dei compiti, allo stile di supervisione 6. Come riporta Diener nella citata rassegna sul benessere soggettivo (Diener E. et al., 1999), è dimostrato che fattori demografici come l età, il sesso, l appartenenza razziale, il grado di istruzione e lo stato di famiglia sono, di converso, scarsamente esplicativi delle motivazioni del benessere. E possibile affermare che l approccio soggettivo-percettivo, quantitativamente più significativo sul piano della produzione di ricerche e studi specifici, ha fornito le fondamenta per la comprensione delle relazioni tra benessere individuale e modalità con cui i membri di un organizzazione attribuiscono significato al contesto di lavoro. Le ricerche in questo ambito hanno inoltre consentito, con il costrutto di clima psicologico, l operazionalizzazione del concetto ad un livello sociale, collettivo. Peraltro, quest'approccio, fortemente centrato sui processi individuali, non presta attenzione all'interpretazione e all attribuzione di significato che sono prodotte dall'interazione tra i membri dell'organizzazione. L approccio interattivo Il terzo approccio è basato sull interazionismo simbolico di Herbert Blumer (1937), modello teorico fondato su tre principi: a) gli esseri umani si relazionano nei confronti degli oggetti (oggetti fisici, idee, istituzioni, altri esseri umani ecc.) sulla base dei significati che attribuiscono ad essi; b) il significato attribuito a tali oggetti è un prodotto sociale, ovvero nasce dall interazione e dalla condivisione con altri soggetti; c) i significati sono costruiti e ricostruiti attraverso un processo interpretativo continuo. E evidente come l approccio interattivo, proponendo un modello delle dinamiche attraverso le quali il significato viene raggiunto attraverso il rapporto intersoggettivo, permetta di superare la dualità 6 Una sintesi è riportata in Field G.R., Abelson M.A. (1982). 7

12 dei due precedenti approcci, quello strutturale e quello percettivo. Il significato, infatti, non è insito nelle caratteristiche degli oggetti esterni, né viene prodotto dalla consapevolezza soggettiva dell'individuo, bensì dall interazione tra i suoi membri. Secondo questo approccio, quindi, l interazione sociale tra i membri di un organizzazione è un processo collettivo di costruzione di significati (sensemaking). L approccio consente di abbracciare numerosi altri modelli teorici, da quello della costruzione sociale della realtà di Berger e Luckmann (1967) a quello costruttivista dell apprendimento 7, al modello ASA - selezione-attrazione-attrito di Schneider e Reichers (1983). Quest ultimo, in particolare, riveste un ruolo nella modellizzazione delle dinamiche organizzative: secondo gli autori un organizzazione seleziona quelle risorse che possiedono conoscenze, competenze ed abilità simili a quelle già possedute dai suoi attuali membri; a loro volta, le persone desiderano lavorare in un organizzazione sulla base di sentimenti di attrazione, percependola come simile a sé. La successiva fase di attrito ipotizza che le persone che si sentono diverse da quel contesto entreranno in contrasto con esso e saranno più incline a lasciare l organizzazione. I membri che hanno percezioni simili attribuiscono medesimi significati alle situazione, perché essi stessi sono in qualche modo simili l'uno con l'altro. L identità dei newcomers cambia quindi nel momento in cui essi interagiscono con i vecchi dipendenti dell organizzazione, modificando i loro atteggiamenti e attivando un processo di sensemaking, cercando nell interazione il senso degli eventi, delle pratiche, delle procedure organizzative. Come sottolineato da Moran e Volkwein (1992), le interazioni tra gli individui non formano ex novo, le loro comuni percezioni. Ad esempio, dimensioni salienti del clima come la fiducia, il sostegno e l equità non vengono definite indipendentemente dal loro contesto, ma si costruiscono in un contesto culturale sedimentato e coerente. L approccio culturale Quale evoluzione dell approccio interattivo, il modello della cultura organizzativa entra, negli anni 90, a far parte dei modelli esplicativi delle modalità di formazione del clima organizzativo. Il costrutto di cultura organizzativa è crocevia di diverse discipline e ciò giustifica il fatto che, nella letteratura tra il 1960 e il 1993, ne siano state rilevate ben 54 differenti definizioni 8. Nel presente contributo si adotterà l accezione di Edgar Schein, in ragione dell ampia diffusione nella letteratura manageriale, ivi compresa quella italiana: La cultura è lo schema di assunti fondamentali che un certo gruppo ha inventato, scoperto o sviluppato mentre imparava ad affrontare i problemi legati al suo adattamento esterno o alla sua integrazione interna, e che hanno funzionato in modo tale da essere considerati validi e quindi degni di essere insegnati ai nuovi membri come il modo corretto di percepire, pensare e sentire in relazione a tali problemi (Schein E.H., 1985). La definizione rende evidente uno spostamento di ottica: lo spazio di creazione di senso si sposta da quello prettamente individuale e intersoggettivo a quello del gruppo, che diventa l unità analitica del clima organizzativo. 7 Ci si riferisce in particolare al costruttivismo sociale di Lev Vigotsky e alle susseguenti derivazioni teoriche. 8 Come rilevato in Verbeke W., Volgering M., Hessels M., (1998). 8

13 In altri termini, se anche in questo caso il processo di costruzione del significato si stabilisce attraverso l interazione e la socializzazione, sono i significati e le conoscenze mediati dalla cultura organizzativa a influenzare in modo preponderante tali interazioni. La cultura produce un sistema di credenze che viene condiviso dai membri dell organizzazione e che emerge dall interazione, influenzando il comportamento degli individui. La cultura, nell accezione fornita, può essere definita dall insieme degli artefatti, degli assunti e dei valori in cui si identificano i membri dell organizzazione. Gli artefatti rappresentano la parte più visibile della cultura organizzativa e più vicina al clima organizzativo: si tratta di simboli (dati, ad esempio, dagli ambienti fisici), di linguaggi tipici, di narrazioni (storie, leggende, miti), di pratiche (interpretabili anche secondo l analisi dei riti, delle cerimonie ecc.). I valori sono ciò in cui i dipendenti credono nel momento in cui eseguono il proprio lavoro e interpretano il proprio ruolo. Gli assunti, infine, rappresentano gli elementi più radicati nella cultura, di carattere preconscio, che sono dati per scontati nell organizzazione (e che, pertanto, rappresentano veri e propri ostacoli nella gestione del cambiamento). E evidente che i costrutti di clima e di cultura possono presentare sovrapposizioni che, negli anni recenti, hanno reso necessario adeguate analisi e focalizzazioni. Le principali differenze tra i due costrutti sono: il differente livello gerarchico : il clima interviene a livello di attitudini, atteggiamenti e valori, mentre la cultura, oltre che su essi, agisce sugli assunti di base, ovvero sugli aspetti più valoriali dell organizzazione la differente temporalità: la cultura si forma lentamente, sedimentandosi nel tempo ed assumendo caratteristiche durevoli, mentre il clima organizzativo, esprimendo le percezioni individuali e collettive dell ambiente di lavoro, prende forma più rapidamente e tende a mutare abbastanza velocemente infine, il clima è un costrutto che affonda le sue radici nella soggettività degli individui, mentre la cultura organizzativa tende a permeare l intera organizzazione, in qualche modo salvaguardandosi dall instabilità delle soggettività che la compongono. Nelle parole di Moran e Volkwein: I cambiamenti di persone dello staff considerate basilari oppure dei tagli budgetari possono colpire piuttosto velocemente il clima di un organizzazione, ma è molto improbabile che abbiano un qualche impatto sulla cultura. Tuttavia, il legame che il clima ha con gli elementi culturali di un organizzazione impedisce che lo stesso diventi un fenomeno del tutto transitorio, trasformato da qualsiasi contingenza situazionale. In essenza, possiamo considerare il clima organizzativo come il modo attraverso il quale le profonde strutture del clima si manifestano (o operazionalizzano) in reciproche contingenze situazionali, interazioni tra i membri di un gruppo e cultura stessa (Moran T.E., Volkwein F.J., 1992, op. cit.). Benessere organizzativo e relazioni tra i livelli di analisi - In Figura 1 si riporta una rappresentazione schematica, elaborata da Ostroff, Kinicki e Tamkins (2003), che sintetizza le relazioni tra i diversi costrutti fin qui affrontati, a livello individuale e di aggregazione sociale. 9

14 Il modello pone, sul livello individuale, il tema della relazione tra valori personali, ovvero ciò che le persone vogliono o cercano di ottenere in funzione del proprio benessere, e processi cognitivi sociali determinanti la formazione del clima psicologico. E a questo livello che viene proposto il modello ASA (attrazione-selezione-attrito), che costituisce il fondamento della comunanza delle percezioni sociali e della relativa formazione degli atteggiamenti e dei comportamenti individuali, alla base della performance dei singoli. Figura 1 - Rappresentazione schematica delle relazioni tra i costrutti di clima psicologico, clima organizzativo e cultura organizzativa Fonte: Tratto da Ostroff C., Kinicki A., Tamkins M. (2003) Sul livello aggregato il modello propone l allineamento tra caratteristiche della struttura organizzativa e delle pratiche di lavoro, cultura organizzativa e clima organizzativo. Si tratta quindi di una relazione ricorsiva, pur permanendo una preminenza della cultura organizzativa in ragione della sua sedimentazione temporale. A questo livello si producono gli atteggiamenti e i comportamenti collettivi, alla base dei risultati organizzativi in termini di efficacia ed efficienza dell organizzazione stessa. Le relazioni tra i due livelli si hanno nelle modalità di interazione e di costruzione dei significati, che acquistano forma sul livello aggregato. Martha Feldman, nel 1989, ha definito il sensemaking come processo interpretativo necessario ai membri di un organizzazione per comprendere e condividere le idee riguardanti specifiche caratteristiche dell organizzazione. Per Karl Weick (1995) il sensemaking riguarda i modi in cui le persone interpretano ciò che producono, dando senso alle situazioni in cui si trovano e a quelle che hanno creato. Gerald Hutchinson (1997) ha suggerito che, in base a questo senso auto-costruito dal lavoratore il benessere che comprende la sfera psicologica oltre che un buono stato di salute fisica possa essere ritenuto il miglior predittore della performance lavorativa e della soddisfazione sul posto di lavoro. 10

15 Il quadro così formulato ha costituito la base teorica per derivare griglie di analisi e guide per la progettazione dell indagine. La scelta di valutare il benessere organizzativo attraverso l analisi di clima è coerente con le principali e più evolute impostazioni teoriche e suffragata da recenti orientamenti metodologici internazionali. Diverse indagini, anche nazionali, presuppongono la sensazione di benessere personale come significativamente connessa a quello dell organizzazione nel suo complesso. Come evidenziato da Avallone, nei suoi fondamentali lavori sul benessere organizzativo nelle pubbliche amministrazioni, si avverte l esigenza di superare alcune strettoie dicotomiche. Credo che la divisione individuo/organizzazione possa essere superata in nome di un approccio centrato sull analisi della relazione individuo-contesto. L individuo non più concepito come mero responder della realtà organizzativa ma come co-costruttore, attraverso l analisi delle sue rappresentazioni dell ambiente e di sé nell ambiente, della sua concreta presenza nell organizzazione, concepita come entità dinamica, continuamente variabile, animata da individui e gruppi che interagiscono con strategie finalizzate e mutevoli non sempre suscettibili di generalizzazioni (Avallone F., Bonaretti M., 2003). Le soluzioni metodologiche adottate in Isfol vanno considerate come il tentativo di ricavare un modello situato, rispondente alle specifiche esigenze dell Istituto, come già richiamato nell introduzione. Soluzioni che prendono spunto sia dal quadro teorico fin qui tracciato, così come dalle elaborazioni e dalle sperimentazioni realizzate in Italia nella Pubblica Amministrazione, in primo luogo dal Laboratorio di Cantieri Benessere Organizzativo 9. Il Laboratorio ha sviluppato, grazie a un gruppo di lavoro coordinato dalla Facoltà di Psicologia 2 dell Università degli studi di Roma La Sapienza e formato da esperti e rappresentanti di amministrazioni pubbliche e private, una metodologia d analisi del benessere e della qualità della vita e degli ambienti di lavoro nelle amministrazioni pubbliche, che è stata poi sperimentata in undici amministrazioni (otto Comuni, due Ministeri e l Inpdap) 10. La definizione di un modello operativo di analisi coerente con la specificità dell Isfol e con il quadro teorico fin qui tracciato ha previsto, pertanto, la rielaborazione delle dimensioni di analisi identificate nel modello del Laboratorio Benessere organizzativo. 2. DIMENSIONI E VARIABILI DI ANALISI Su di un piano operativo, l elaborazione e l articolazione delle dimensioni di analisi, coerenti con il quadro teorico fin qui delineato e alla luce delle migliori esperienze di analisi del benessere organizzativo realizzate nelle pubbliche amministrazioni italiane, ha previsto il riferimento ad un modello concettuale mutuato dalla Self-Determination Theory (Deci E., Ryan R., 1991). Tale modello (Figura 2) costituisce, secondo il gruppo di lavoro, una soluzione operativa valida per connettere in forma ricorsiva i livelli individuali (valori, bisogni e motivazioni personali) ai livelli aggregati sociali ed organizzativi, nel continuo allineamento fra struttura, pratiche, cultura e clima. 9 Si vedano in proposito i contributi di Avallone F., Bonaretti M. (2003) e di Avallone F., Paplomatas A. (2005). 10 Le dimensioni di analisi previste dal modello del Laboratori Benessere organizzativo sono: a) caratteristiche dell ambiente nel quale il lavoro si svolge; b) chiarezza degli obiettivi organizzativi e coerenza tra enunciati e pratiche organizzative; c) riconoscimento e valorizzazione delle competenze; d) comunicazione intraorganizzativa circolare; e) circolazione delle informazioni; f) prevenzione degli infortuni e dei rischi professionali; g) clima relazionale franco e collaborativo; h) scorrevolezza operativa e supporto verso gli obiettivi; i) giustizia organizzativa; l) apertura all innovazione; m) stress; n) conflittualità. 11

16 A livello individuale il modello di analisi si focalizza su tre bisogni/motivazioni base della persona, ossia la competenza, l autonomia e la relazionalità 11. La competenza, ovvero la consapevolezza di essere in grado di produrre i risultati attesi e gli effetti desiderati, è stata indagata rilevando il giudizio dei rispondenti sulla coerenza dell attività lavorativa attuale rispetto ai propri studi e alle competenze maturate on the job. In termini prospettici è stato inoltre richiesto un giudizio sulla validità professionale del percorso lavorativo in essere. L autonomia, ovvero la consapevolezza che le attività svolte sono determinate da o congruenti con la propria identità personale, è stata indagata rilevando la percezione dei rispondenti sulla coerenza dell attività lavorativa attuale rispetto agli interessi individuali e ai desideri personali. La relazionalità, infine, ovvero la percezione di trovarsi vicino o in collegamento con altre persone ritenute significative, è stata indagata rilevando la percezione dei rispondenti sulla geometria, intensità e dinamica delle relazioni intra ed extra organizzative. Figura 2 Rappresentazione schematica del modello di analisi Fonte: Isfol, Prima indagine sul clima e il benessere organizzativo, 2011 A livello organizzativo sono state poste sotto osservazione alcune dimensioni quali: le condizioni di lavoro le opportunità/criticità di valorizzazione professionale la cultura ed il clima organizzativo l apertura all innovazione. Nella definizione delle dimensioni e nella loro articolazione in variabili, il gruppo di lavoro Isfol ha considerato quanto indicato dalla Direttiva DFP 2004, nonché l esperienza dell Istituto Nazionale di 11 Sull influenza di tali fattori sul benessere e sulle performance individuali si vedano, ad esempio, i contributi dello stesso Ryan (1995) e di Reis et al (2000). Altri studi hanno evidenziato come le tre variabili considerate influenzino il livello di benessere emotivo, non tanto in relazione alla situazione esistente, quanto in relazione alla percezione del loro relativo miglioramento o peggioramento (Kahneman, D. 1997). 12

17 Statistica (ISTAT) elaborata nell ambito della Prima rilevazione sulla soddisfazione e delle attività del Gruppo di lavoro per l analisi dei rischi collegati allo stress da lavoro. In particolare l interlocuzione tra il gruppo di lavoro e l OIV ha consentito di selezionare le dimensioni e le variabili più significative in relazione alle caratteristiche attuali, operative e culturali, dell Istituto. Rispetto alle dimensioni proposte dalla Direttiva DFP 2004, sono state introdotte alcune specificazioni e modifiche: più che alle caratteristiche dell ambiente in cui si svolge il lavoro (che identifica il solo impegno dell amministrazione ad allestire un ambiente di lavoro salubre, confortevole ed accogliente ) si è preferito estendere la rilevazione alle condizioni di lavoro, includendo quindi molti più fattori ed aspetti incidenti sui livelli di motivazione e sulle performance, quali ad esempio la qualità dei servizi interni è stato rimandato ad altre modalità, diverse dalla rilevazione sul benessere organizzativo, l approfondimento di alcune ambiti specifici quali ad esempio lo stress e i fenomeni discriminatori 12. Dimensione: Condizioni di lavoro In questa dimensione sono state messe sotto osservazioni 3 principali variabili (si veda Allegato 1 Questionario, domanda 1-6): 1. il comfort dell ambiente lavorativo 2. la qualità dei servizi interni di base e trasversali rilevanti nell attività operativa 3. l interesse del personale, rispetto ad alcune opzioni predeterminate, per favorire la conciliazione degli impegni di lavoro con quelli personali. Per quanto riguarda il comfort dell ambiente di lavoro si è proposta una batteria su 6 item con modalità di risposta su scala Likert a 4 punti, con opzione non sono attualmente in grado di giudicare, conseguente all effettuazione dell indagine pochi mesi dopo il trasferimento di quasi la totalità del personale dell Istituto presso la nuova sede unica. La variabile comfort è stata inoltre proposta in valutazione comparativa, con scala a tre punti e opzione Non conosco. La qualità percepita, sulla base dell esperienza personale, dei servizi di base e delle principali attività di supporto trasversale è stata rilevata tramite due distinte batterie, rispettivamente su 8 e 12 item, con modalità di risposta su scala Likert a 4 punti, con opzione Non ho esperienza diretta. Anche nel caso della qualità percepita dei principali servizi interni di supporto è stata proposta la valutazione comparativa, con scala a tre punti e opzione residuale Non conosco. Infine, si è voluto verificare l interesse del personale rispetto ad alcune opzioni per meglio conciliare impegni lavorativi e personali. 12 Ad esempio, per quanto riguarda il mobbing e la promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro, gli approfondimenti tematici sono presidiati dal Comitato interno previsto dalla normativa (CUG). 13

18 Dimensione: Valorizzazione delle competenze In questa dimensione sono state messe sotto osservazioni 5 principali variabili (domande 7-14): 1. la coerenza dell attività lavorativa attuale rispetto al background professionale (studi conseguiti e competenze maturate) e agli interessi e desideri personali 2. la robustezza rispetto alla professionalità dell attività lavorativa attuale 3. la partecipazione del personale ad attività formative 4. il riconoscimento di efficacia rispetto a tipologie/opportunità alternative di apprendimento 5. il ricorso e la valutazione da parte del personale rispetto ai processi di mobilità interna e l attuale interesse e propensione. La coerenza dell attività lavorativa attuale rispetto al background professionale (studi conseguiti e competenze maturate) e agli interessi e desideri personali è stata rilevata mediante una batteria a 4 item con scala Cantrill autoancorante (Cantrill-Free, 1962) a dieci punti. Analogamente, anche per rilevare la percezione della validità professionale prospettica dell attività lavorativa attuale si è utilizzata una scala Cantrill a dieci punti. La rilevazione sulla partecipazione del personale ad attività di formazione, negli ultimi tre anni, (single item) è stata accompagnata da una batteria a 10 item, con modalità di risposta su scala Likert a 4 punti, con opzione Non so giudicare, per verificare il livello di efficacia riconosciuto dal personale a diverse tipologie di setting di apprendimento. Infine, la rilevazione dei processi di mobilità interna volontaria, nell ultimo triennio, è stata accompagnata da una domanda volta a rilevare la valutazione dell esperienza, da parte del solo personale interessato dai processi di mobilità (single item, con scala a parziale autonomia semantica). Si è richiesto quindi a tutto il personale l attuale interesse e propensione alla mobilità verso un altra unità operativa. Dimensione: Cultura e clima organizzativo Nell ambito di questa dimensione, di per se molto complessa, è stata rilevata la valutazione del personale rispetto a 8 principali variabili (domande 15-23): 1. il cambiamento organizzativo 2. lo stato di salute dell organizzazione, con riferimento agli obiettivi, alle risorse economiche ed infrastrutturali, alla dotazione di competenze, al management ecc 3. la morfologia delle relazioni e collaborazioni intra ed extra organizzative e la loro dinamica 4. i flussi di comunicazione 5. i livelli di cooperazione e coesione organizzativa 6. lo stile di management 7. l equità organizzativa 8. il conflitto organizzativo. La valutazione del personale rispetto al cambiamento organizzativo è stata rilevata tramite una doppia interrogazione. Nella prima (single item) si è discriminato tra chi riteneva o meno che, negli 14

19 ultimi tre anni, l organizzazione delle attività d Istituto fosse mutata. Nella seconda, il personale che ha risposto positivamente ha espresso un giudizio sul cambiamento (miglioramento/peggioramento) su 4 item (scala Cantrill autoancorante a dieci punti). Con le variabili relative allo stato di salute organizzativa si è rilevato il giudizio del personale, con riferimento alla propria unità operativa, rispetto ad alcune componenti chiave della gestione dell Istituto. La rilevazione è stata effettuata tramite 10 item (1, 2, 7, 9, 10, 17, 19, 26, 27 e 35) in una batteria con modalità di risposta su scala Likert a 4 punti. La morfologia delle relazioni e collaborazioni intra ed extra organizzative e la loro dinamica è stata rilevata tramite una batteria a 4 item con scala Likert a 4 punti e mediante una single item con scala a 3 punti. Per quanto riguarda i flussi di comunicazione la rilevazione è stata effettuata tramite 6 item in una batteria con modalità di risposta su scala Likert a 4 punti (item 3, 12, 13, 22, 30 e 32). Anche per quanto riguarda i livelli di cooperazione e coesione organizzativa si sono utilizzati 6 item (5, 6, 16, 18, 29 e 33). Lo stile e la capacità di management costituiscono una variabile chiave della cultura e del clima organizzativo. Anche questa variabile è stata indagata mediante 6 item (11, 15, 20, 21, 24 e 28). La variabile equità organizzativa è stata indagata mediante 3 item (8, 25 e 34). Infine, pur con le limitazioni di cui si è detto, il personale è stato interrogato sul conflitto organizzativo, mediante 3 item (4, 14 e 31). La struttura del questionario ha previsto inoltre a conclusione della dimensione Cultura e clima organizzativo la proposizione al personale di una batteria per la qualificazione semantica (Osgood, Suci, Tannenbaum 1957) del lavoro attuale (domanda 22, strutturata come differenziale semantico a 20 item, con scala a 7 punti), seguita da una valutazione complessiva sulla propria esperienza di lavoro nell organizzazione in esame (domanda 23: single item, con modalità di risposta su scala Likert a 5 punti). Dimensione: Apertura all innovazione L ultima dimensione di analisi affrontata è relativa all apertura dell organizzazione all innovazione (domanda 24). Al personale, in base all esperienza di lavoro, è stato richiesto di esprimere un giudizio di attenzione rispetto all utilizzo delle tecnologie, all integrazione organizzativa delle funzioni specialistiche, alla capacità di riconoscere e affrontare i problemi, di accogliere proposizioni migliorative provenienti dal personale, di sviluppare competenze integrate ed infine di collaborare con altre organizzazioni (batteria a 6 item, con modalità di risposta su scala Likert a 4 punti, con opzione Non ho elementi di valutazione ). A conclusione del questionario (Dati Anagrafici) sono state richieste alcune informazioni di tipo socio lavorativo (genere, fascia di età, titolo di studio, tipologia del contratto di lavoro, esperienze lavorative e professionali pregresse, inquadramento per principali ambiti professionali, ambito organizzativo, sede di appartenenza). Il questionario si chiude con la sola domanda aperta prevista relativa alla richiesta di osservazioni, suggerimenti e commenti. 15

20 3. ANALISI DEI DATI E COERENZA DELLE MISURAZIONI. RISULTATI PRELIMINARI I primi risultati della rilevazione sul clima e sul benessere organizzativi mettono in luce alcuni profili socio-psicologici almeno parzialmente inattesi. Come è stato detto in precedenza lo studio è stato condotto in un periodo in cui si stava avviando un significativo, ma non lineare, intervento di riorganizzazione. Innanzitutto la struttura, aveva vissuto l accorpamento di un altro ente, formalmente vigilato dalla medesima amministrazione centrale, di dimensioni più modeste e con il quale, in precedenza, non erano state intrattenute relazioni significative. Vi è stato, poi, il trasferimento generalizzato dei dipendenti in un unica sede operativa. Infine, sono state messe in atto modifiche istituzionale, con l emanazione del nuovo Statuto che avrebbero inciso significativamente sui contesti organizzativi, sulla distribuzione e sull articolazione interna delle attività correnti, sulla strutturazione e sull allocazione delle catene di comando, sulla composizione dei team operativi. Presumibilmente, dunque, nel corso della rilevazione i rispondenti avrebbero potuto esprimere un livello di disagio, incertezza, insoddisfazione e forse anche di frustrazione, effettivi, attesi o temuti qui poco conta, in qualche misura legate al momento contingente, piuttosto che un punto di vista soggettivo in grado di rispecchiare il vissuto lavorativo di ciascuno in modo robusto. Grafico 1 Soddisfazione per il lavoro svolto Fonte: Isfol, Prima indagine sul clima e il benessere organizzativo, 2011 In effetti, i risultati mettono in luce che, nel complesso, i soddisfatti sono una minoranza: il 42,6% dei rispondenti si dichiara piuttosto soddisfatto e solo il 3,3% pienamente soddisfatto della propria situazione lavorativa; per altro verso il 17,3% e il 3,8% dei rispondenti si dice, rispettivamente, piuttosto insoddisfatto o pienamente insoddisfatto. Mentre si osserva che la fascia degli incerti è molto consistente, raccogliendo il 33,0% dei rispondenti (Grafico 1). Un dato 16

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli