CATALOGO CORSI 2015 CIS CENTRO STUDI D IMPRESA VALMADRERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO CORSI 2015 CIS CENTRO STUDI D IMPRESA VALMADRERA"

Transcript

1 CATALOGO CORSI 2015 CIS CENTRO STUDI D IMPRESA VALMADRERA CIS Centro Studi d Impresa via Privata della Rocca, 20 Valmadrera (Lc) tel fax Sede legale: via Mameli Lissone (Mb)

2 INDICE FISCO - Modelli Unici: persone e società di persone 4 - Iva: la territorialità 5 - La detrazione e la rivalsa Iva Fatturazione fornitori esteri 8 - Check-up IVA 9 - Iva nelle operazioni con l estero Il punto sulle auto aziendali 12 - Fiscalità negli immobili 13 - Iva negli immobili 14 - Istituti deflattivi e processo tributario 15 - La difesa dagli accertamenti del fisco 16 CONTABILITA E BILANCIO - Il rendiconto finanziario 17 - Contabilità base Il magazzino: la gestione delle commesse e la pianificazione economico-finanziaria 20 FINANZA - Ristrutturazione aziendale e del debito 21 - La gestione del credito e il suo sviluppo 22 CONTROLLO DEI COSTI - Implementare un sistema per il controllo dei costi d azienda e di prodotto Il budget economico e finanziario DIREZIONE DEL PERSONALE - Sostenere motivazione e coinvolgimento senza leve salariali 27 - Numeri Utili. Trasformare i dati amministrativi in informazioni strategiche 28 GESTIONE RISORSE UMANE - Leadership & gestione dei team 29 - Nuove competenze per affrontare le sfide e cogliere le opportunità 30 2

3 - Come sconfiggere le disfunzioni di un team 31 - Manager Coach: sviluppare leadership e performance Coaching e sviluppo delle competenze manageriali 34 COMUNICAZIONE - Comunicazione chiara ed efficace con la Pnl 35 - Laboratorio di public speaking 36 - In linea con il cliente. Strategie di comunicazione telefonica 37 - Self-Marketing. Strumenti e tecniche per un efficace autopromozione 38 - Comunicazione assertiva 39 3

4 FISCO TITOLO: Modelli Unici: persone e società di persone DESTINATARI: Il corso è rivolto a Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, responsabili amministrativi. OBIETTIVI DEL CORSO: esaminare le novità dei modelli e dei quadri di dichiarazione. - Esame delle novità dei modelli e dei quadri di dichiarazione - Le novità per i termini, i versamenti e le modalità di presentazione - I relatori saranno a disposizione dei partecipanti per rispondere ai quesiti relativi agli argomenti oggetto di discussione METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 17 aprile 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 4

5 TITOLO: Iva: la territorialità DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: esamina delle problematiche attinenti le cessioni di beni e le prestazioni di servizi (riparazioni, lavorazioni, trasporti, intermediazioni, consulenze, partecipazioni a mostre e fiere, locazione, sia a breve termine che non, di mezzi di trasporto, ecc.) collegate alle novità intervenute negli anni 2012 e Prima modifica in vigore dal 17 marzo 2012 La Legge 15/12/2011, c.d. Comunitaria 2010 ha apportato modifiche all art. 6 del DPR 633/72 aggiungendo il comma sesto che esamina il momento impositivo delle prestazioni di servizi generiche nei rapporti con i soggetti passivi esteri, sia UE che Extra UE, dove si passa dal pagamento del corrispettivo alla ultimazione della prestazione. Inoltre sono stati introdotti nuovi adempimenti in tema di inversione contabile Seconda modifica in vigore per le operazioni effettuate dal 1 gennaio 2013 La legge 24/12/2012 n. 228 c.d. Legge di Stabilità 2013 che attiene sia al DPR 633/72 che al D.L. 331/93 (c.d. Legge IVA comunitaria), intervenendo in particolare nel DPR 633/72. Nuovi adempimenti in tema di E-Commerce dal 1 gennaio 2015 nei rapporti B2C (servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione, e servizi prestati tramite mezzi elettronici) E-book: aliquota in vigore dal 1 gennaio 2015 Prassi (circollari e risoluzioni) Verrà pure esaminato il Regolamento del Consiglio UE del 7/10/2013 n. 1042/2013 che apporta modifiche al Regolamento n. 282 del 15/3/2011 in tema di tassazione delle prestazioni di servizi su beni immobili, sui servizi di telecomunicazione e di teleradiodiffusione, noleggio di mezzi di trasporto che troveranno applicazione alcune a partire dal 1 gennaio 2015 e altre. Infine saranno fatti i collegamenti con la dichiarazione annuale Iva. METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 7 maggio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti COSTO: 155+IVA (assegno/bonifico) 5

6 TITOLO: La detrazione e la rivalsa IVA DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso si propone di esaminare in modo organico ed esaustivo le disposizioni normative e di prassi che disciplinano l'imposta sul valore aggiunto.l'obiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti gli strumenti e le conoscenze normative utili per affrontare e risolvere in modo corretto le innumerevoli problematiche IVA che quotidianamente si presentano. - Il principio dell esigibilità dell imposta (art. 6) - Il collegamento con il diritto alla detrazione e l esercizio del diritto alla detrazione - Il principio dell inerenza e dell afferenza - Operazioni che permettono o non il diritto alla detrazione - Operazioni e concorsi a premio - Detrazione a seguito di revisione della bolletta doganale di importazione - Detrazione su operazioni soggette a reverse-charge come nel caso di sub-appalto nell edilizia - Art. 10 e riflessi sulla detrazione con riferimento a singole operazioni o alla attività esercitata PRO-RATA (interessi di dilazionato pagamento, immobili abitativi e strumentali ecc.) - Rettifica della detrazione art. 19-bis 2 - Separazione delle attività art. 36, anche alla luce delle nuove disposizioni dei provvedimenti dell anno Operazioni con indetraibilità totale o parziale indetraibili art. 19-bis 1: autovetture, spese di rappresentanza, alimenti e bevande, telefonia, ecc. - Rettifica crediti non riscossi: modifica art. 26, comma secondo Dpr. 633/72 apportata dal D.Lgs 21/11/2014 n. 175, in vigore dal 13 dicembre La Rivalsa art Collegamenti con la dichiarazione annuale IVA - Sanzioni per indebita detrazione - Ultime sentenze della giurisprudenza METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 18 settembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 6

7 7

8 TITOLO: Fatturazione fornitori esteri DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Esamina la disciplina IVA relativa alla rilevazione delle fatture di acquisto di beni e servizi dall estero. Analizza in pratica la rilevazione della bolla doganale e della predisposizione dell autofattura Le importazioni di beni: rilevazione della fattura del fornitore estero e conversione delle operazioni in valuta; analisi del contenuto della bolla doganale e rilevazione del documento; rilevazione della fattura dello spedizioniere e casi di autofatturazione. Gli acquisti intracomunitari di beni: procedure di integrazione e rilevazione delle integrazioni; comportamento in caso di mancato ricevimento della fattura o ricevimento di fattura irregolare; prestazioni di trasporto collegate e casi di autofatturazione. I servizi dall estero: casi pratici di rilevazione delle fatture con IVA estera. I servizi dall estero: casi pratici di rilevazione di servizi da assogettare ad IVA: regole di autofatturazione o integrazione; conversione operazioni in valuta; contenuto dell autofattura. METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 25 giugno 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 8

9 TITOLO: Check-up IVA Valmadrera (LC), quota di partecipazione 310+IVA DESTINATARI: Il corso è rivolto ad addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, addetti uffici fiscali, collaboratori di studi professionali. Il corso si rivolge sia a soggetti che hanno maturato un esperienza con la normativa I.V.A. che a coloro che si trovano a dover affrontare dall inizio della propria attività lavorativa i principi base che permettono poi l applicazione pratica. OBIETTIVI DEL CORSO: Individuare, per le diverse tipologie di operazioni attive e passive, le operazioni di controllo contabile e fiscale da effettuare per garantirne la corretta documentazione e rilevazione Fornire esempi di prospetti di utilità operativa Analizzare le più ricorrenti tipologie di errori e chiarite le procedure per sanare le irregolarità commesse - Operazioni rilevanti ai fini IVA e controlli periodici - Violazioni relative alla fatturazione - Violazioni relative a operazioni internazionali - Verifiche relative a crediti e versamenti - Check up di chiusura della contabilità IVA METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 14 ore (orario dalle 9.00 alle e dalle alle 17.00, data corso 10 e 17 luglio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 10 partecipanti COSTO: 310+IVA (assegno/bonifico bancario) 9

10 TITOLO: L iva nelle operazioni con l estero DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso vuole fornire un quadro della struttura dell'imposta sul Valore Aggiunto (IVA) nelle operazioni con l'estero e nei rapporti intracomunitari, delle problematiche applicative e degli adempimenti previsti dalla normativa vigente. - Regolamentazione ai fini IVA delle operazioni - beni e servizi - riguardanti "EXPO 2015": circ. Agenzia delle Entrate 7 agosto 2014 n. 26/E - Cessioni ed acquisti di beni nell ambito UE ed Extra UE; - Prova delle cessioni intracomunitarie alla luce della prassi amministrativa - Cessioni all esportazione a cura del cessionario non residente : art. 8 lettera b) dpr 633/72.- Sentenza Corte Giustizia UE 19/12/13 - Acconti sia UE che Extra UE - Note di credito e di debito nei rapporti UE ed Extra UE - Prestazioni di servizi da e verso paesi UE ed Extra UE quali: lavorazioni, con particolare riferimento alla Sentenza della Corte di Giustizia UE del 6/3/2014 riparazioni trasporti - intermediazioni - Concetto di status di esportatore abituale e di plafond anche alla luce delle disposizioni impartite della legge 24/12/2012 n. 228 per le operazioni effettuate a partire dal 1/1/ Nuovi obblighi per gli esportatori abituali a partire dal 13 dicembre 2014 introdotti dal Dlgs 21/11/2014 n. 175 e collegati Provvedimenti del Direttore Agenzia Entrate 12 dicembre 2014, 11 febbraio Operazioni triangolari e quadrangolari sia nei rapporti UE che Extra UE e consignment stock ; esame della Ris 13/12/14 n Importazioni - Operazioni con Vaticano e San Marino - Esame delle disposizioni legislative e delle pronunce ministeriali intervenute con particolare riferimento alla Circolare n. 12/E del 3/5/2013 e 16/E del 21/5/ Prassi e Giurisprudenza nazionale e comunitaria - Aspetti sanzionatori METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 18 settembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 10

11 COSTO: 155+IVA (assegno/bonifico bancario 11

12 TITOLO: Il punto sulle auto aziendali DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: aggiornamento della normativa fiscale e verifica dell effettivo impatto fiscale, anche al fine di valutare ipotesi alternative di utilizzo delle auto aziendali. - Quadro aggiornato della normativa fiscale - Auto aziendali, auto in uso promiscuo al dipendente o all'amministratore, rimborsi chilometrici a confronto METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 1 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 30 partecipanti 12

13 TITOLO: Fiscalità negli immobili DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso si propone di illustrare il regime di tassazione diretta degli immobili per quanto riguarda sia il possesso e sia la cessione/acquisto e di rendere autonomi i partecipanti in relazione alla liquidazione in Unico e nel 730 delle imposte connesse a quanto sopra e dell IMU. Un accenno verrà fatto anche con riferimento alla disciplina Iva delle locazioni e delle cessioni immobiliari e alla disciplina degli immobili detenuti all estero da persone fisiche. - La disciplina degli immobili detenuti da soggetti non imprenditori - La disciplina degli immobili detenuti da lavoratori autonomi e in regime di impresa - Il punto sull IMU - Cenni sulle imposte Indirette - L Accertamento - Il punto sulle ultime novità normative e di prassi in materia di immobili METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 9 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 13

14 TITOLO: Iva negli immobili DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso ha l'obiettivo di fornire ai partecipanti le chiavi di lettura del sistema di tassazione degli immobili e di fornire chiarimenti sulle ultime novità introdotte. Analisi degli aspetti IVA di: Cessioni di beni immobili sia abitativi che strumentali Locazioni di beni immobili sia abitativi che strumentali Raffronto tra le norme in vigore fino al 25 giugno 2012 e quelle a partire dal 26 giugno 2012 Decreto crescita, commentate dalla Circolare 22/E del 28 giugno 2013 Esame della Circolare 18/E del 29 maggio 2013 per quanto attiene al collegamento Imposta di registro - IVA Detrazione dell imposta: art. 19 e 19-bis 1 DPR 633/72 Rettifica della detrazione Nuova definizione degli immobili di lusso introdotta dal D.LGS 21/11/2014 in vigore dal 13 dicembre 2014 Adempimenti dal 1 gennaio 2015 in tema di reverse-charge relativamente agli edifici (art. 17, comma sesto lettera a-ter introdotto dalla Legge 23/12/2014 n.190) Separazione delle attività art. 36 Aspetti sanzionatori METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 21 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 14

15 TITOLO: Istituti deflattivi e processo tributario DESTINATARI: Il corso è rivolto a Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, Avvocati, Consulenti del Lavoro. OBIETTIVI DEL CORSO: il corso mira a soddisfare le esigenze di approfondimento dei professionisti abilitati alla difesa davanti ai giudici tributari - Definizione del PVC - Adesione all invito al contraddittorio - Accertamento con adesione - Reclamo/mediazione - Acquiescenza - Definizione agevolata delle sanzioni - Il ricorso tributario: i punti fondamentali e gli errori da evitare METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 12 novembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 15

16 TITOLO: La difesa dagli accertamenti del fisco DESTINATARI: Il corso è rivolto a Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, Avvocati, Consulenti del Lavoro. OBIETTIVI DEL CORSO: il corso si propone l'obiettivo di analizzare il procedimento che caratterizza l attività di controllo, di accertamento e di difesa del contribuente. Verranno analizzate le azioni del Fisco e le reazioni del contribuente anche alla luce delle ultime modifiche normative. - Gli accertamenti standardizzati - La tutela contro le indagini finanziarie - Le percentuali di ricarico - Problematiche degli accertamenti sulle società e rapporto con i soci - Le violazioni in ambito internazionale - Aspetti procedurali: termini e motivazione dell accertamento METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 25 novembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 16

17 CONTABILITA E BILANCIO TITOLO: Il rendiconto finanziario. Come creare, gestire e leggere questo strumento ai fini gestionali e della rendicontazione esterna, ormai obbligatoria DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il rendiconto finanziario è lo strumento che consente di identificare le aree che assorbono e quelle che generano risorse finanziarie, misurandone il contributo. Il corso mira a far conoscere le tecniche di costruzione del rendiconto finanziario e la formulazione per l informativa esterna, anche alla luce del nuovo principio contabile Oic 10. Leggere le informazioni finanziarie in bilancio: come riclassificare e analizzare lo stato patrimoniale un colpo d occhio sugli indici e sui margini rilevati. Le tipologie di rendiconto finanziario: il rendiconto finanziario costruito con il metodo diretto - il rendiconto finanziario costruito con il metodo indiretto. Redigere il rendiconto finanziario: le informazioni da raccogliere - la metodologia di costruzione - la gestione delle informazioni ottenute dal rendiconto finanziario. Il rendiconto finanziario previsionale: la costruzione - il monitoraggio dell andamento finanziario e la gestione delle azioni correttive. METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 8 aprile 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 40 partecipanti 17

18 TITOLO: La contabilità base Valmadrera (LC), quota di partecipazione 650+IVA DESTINATARI: Il percorso fornisce competenze e tecniche di base indispensabili per tutti coloro che appena assunti o di nuova nomina nei servizi amministrativi contabili abbiano la necessità di essere operativi da subito. OBIETTIVI DEL CORSO: un corso per acquisire le conoscenze fondamentali delle operazioni contabili. Il programma è rivolto ai neo-assunti dell ufficio contabilità e a tutti coloro che pur non essendo specialisti del settore amministrativo devono saper interpretare documenti contabili e finanziari. La formazione proposta può essere molto utile per completare il proprio profilo professionale, per comprendere il rapporto tra attività aziendali e organizzazione contabile e per gestire clienti e fornitori con cui si è in contatto. INTRODUZIONE ALLA CONTABILITA il metodo della partita doppia il piano dei conti le rilevazioni nella contabilità generale L ACQUISIZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI (ciclo passivo) IN P.D. l acquisto dei fattori produttivi l acquisizione dei beni a utilità pluriennale l acquisto di servizi il pagamento dei debiti scelta tra modalità di pagamento LE OPERAZIONI DI VENDITA (ciclo attivo) IN P.D. i ricavi delle vendite e prestazioni la riscossione dei crediti i crediti insoluti la cessione di beni a utilità pluriennale LE ALTRE OPERAZIONI DI GESTIONE i finanziamenti ottenuti con le banche le liquidazioni periodiche IVA la liquidazione e il pagamento delle retribuzioni ai dipendenti l acconto per le imposte SCRITTURE DI ASSESTAMENTO (scritture pre-bilancio) scritture di completamento 18

19 scritture di integrazione scritture di rettifica scritture di ammortamento METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slide, esercitazioni pratiche) DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 10 incontri per complessive 35 ore (orario dalle alle 17.30, è previsto un coffee break a metà pomeriggio),martedì e venerdì dal 10 aprile al 15 maggio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 15 partecipanti ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE: al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione (l Ente verificherà che almeno il 70% delle ore previste è stato effettivamente svolto dal partecipante). COSTO: 650+IVA (bonifico bancario) 19

20 TITOLO: Il magazzino: la gestione delle commesse e la pianificazione economico-finanziaria. Il ruolo del magazzino e delle 4M DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Professionisti.. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso mira a fornire gli strumenti per pianificare il prezzo di offerta e a conoscere le regole civilistiche di valorizzazione del magazzino utilizzando il budget come strumento non solo di pianificazione dei risultati economici, ma anche come mezzo per una migliore gestione delle risorse aziendali, note anche come le 4 M (manodopera, materiali, mezzi strumentali e monetari). I criteri di valutazione ammessi dalla normativa civilistica. Le novità introdotte dai nuovi Principi contabili nazionali. Lifo, Fifo, costo medio ponderato: pregi e difetti nel breve e nel lungo periodo. Cosa comporta il cambiamento del criterio di valutazione. Particolarità nella valutazione di fine anno. La valorizzazione delle opere e dei servizi su commessa annuali e pluriennali. L effetto delle scelte compiute sull anno e sugli anni a venire. Il Break-even point e il Break-even time: nuovo angolo visuale per il raggiungimento del pareggio in un contesto mutevole. Focus commesse: strumenti per verificare se i prezzi sono remunerativi. Capire quando i dati storici non rappresentano il giusto punto di partenza. Capire su quali leve agire per contenere i costi e migliorare la marginalità. Partire dalle 4 M per la definizione del budget. Oltre la dimensione economica: pianificare la dimensione patrimoniale e finanziaria METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 26 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 40 partecipanti 20

21 FINANZA TITOLO: Ristrutturazione aziendale e del debito DESTINATARI: Il corso è rivolto a Imprenditori, Responsabili amministrazione e finanza, Ufficio legale e Manager, Professionisti, Consulenti aziendali. OBIETTIVI DEL CORSO: L'obiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti logiche di analisi e strumenti operativi per intercettare e risolvere le situazioni di crisi attraverso operazioni di risanamento aziendale e di ristrutturazione dei debiti. Il corso di carattere specialistico prevede una trattazione sulle varie fasi e criticità che caratterizzano il processo di ristrutturazione di un azienda e del suo debito e intende trasferire una serie di competenze che permettano al consulente di valutare insieme all imprenditore le soluzioni necessarie per dare continuità all azienda. - Gli aspetti fondamentali e le fasi della ristrutturazione aziendale e della ristrutturazione del debito - Come sviluppare e attuare un piano di ristrutturazione - I principali aspetti legali e contrattuali - Come gestire gli asset: vendita e ridimensionamento - Predisporre il piano finanziario - I principali aspetti contabili e di bilancio - Preparazione e gestione del piano di ristrutturazione del debito METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 9 luglio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 30 partecipanti 21

22 TITOLO: La gestione del credito e il suo recupero DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici recupero crediti, amministrativi di aziende, imprenditori, credit management, addetti alla tesoreria, professionisti. OBIETTIVI DEL CORSO: il corso mira a far conoscere le modalità di prevenzione e tutela contro gli inadempimenti e applicare correttamente le forme di garanzia del credito. - Conoscere il cliente: strumenti di prevenzione - L assegnazione di un fido - Modalità di pagamento - Gestione del rischio di insolvenza - Il recupero del credito - I contratti nel processo di recupero del credito - Credito in outsourcing - Step successivo al recupero stragiudiziale: come muoversi - La cessione del credito - Le vie legali - Recuperare crediti all estero - Contabilizzare il credito METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 22 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 15 partecipanti 22

23 CONTROLLO DEI COSTI TITOLO: Implementare un sistema per il controllo e la gestione dei costi d azienda e dei costi di prodotto. DESTINATARI: Il corso è rivolto a responsabili e addetti ufficio amministrativo e contabile, imprenditori, Professionisti. OBIETTIVI DEL CORSO: Organizzare il sistema di controllo e gestione dei costi e implementare un programma di riduzione dei costi. Inoltre la marginalità, sempre più contenuta, rende necessario lo sviluppo di un preciso controllo: - dei costi aziendali, sia per identificare le aree e le modalità con cui contenerne l impatto, sia per conoscerne la massima entità sostenibile, sulla base del massimo fatturato attualmente perseguibile; - dei costi di prodotto, per identificare il prezzo remunerativo di vendita e l impatto generato dalla permanenza del prodotto a magazzino; - dei costi di commessa, per il loro monitoraggio e riaddebito al cliente, sia in fase di preventivazione che di fatturazione intermedia e finale. I costi aziendali: quali costi aziendali monitorare e con quale tempistica - capire quando i dati storici non rappresentano il giusto punto di partenza strumenti di monitoraggio, facilmente aggiornabili con excel - calcolare il break-even point e tutte le informazioni che ci può fornire - calcolare la massima entità di costi fissi sostenibile, in base al fatturato previsto - come raggiungere l utile atteso, agendo sui costi fissi, sui costi variabili e sulla marginalità. I costi di prodotto, di commessa e di area d affari: quando scegliere una valorizzazione a costi fissi/costi variabili - la valutazione del costo del prodotto in base alla classificazione costi diretti/costi indiretti come calcolare e monitorare il costo delle commesse di breve e di lungo periodo - valutare l incidenza dei costi magazzino - il make or buy : dove e quando conviene - strumenti per misurarne la convenienza - cosa prevedono il codice civile e i principi contabili nazionali. METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 15 giugno 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 30 partecipanti 23

24 24

25 TITOLO: Il budget economico e finanziario. Come raggiungere obiettivi di equilibrio DESTINATARI: Il corso è rivolto a dirigenti, imprenditori, responsabili amministrativi, consulenti aziendali, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso mira a fornire gli strumenti necessari per la costruzione di un budget economico e finanziario, nonché le metodologie per un suo corretto e tempestivo controllo. L orientamento sarà volutamente riferito sia ai profili economici che a quelli finanziari, in un ottica di impatto nel breve e nel medio periodo. Prima di predisporre il budget: vantaggi e svantaggi della classificazione dei costi tra fissi e variabili e diretti e indiretti identificazione del break-even point, del break-even time e dell obiettivo di risultato i punti critici da superare Budget manageriale: l azienda è pronta? Budget economico: le diverse strutture del conto economico da adottare per la raccolta dei dati le modalità di raccolta dei dati il budget delle vendite il budget dei diversi costi industriali il budget delle altre aree il budget degli investimenti verso il master budget. Budget finanziario: la definizione della struttura di stato patrimoniale da adottare per la raccolta dei dati ponderazione degli impatti generati dai dati finanziari e patrimoniali provenienti dall esercizio precedente valutazione degli obiettivi di durata del credito e del debito commerciale impatto generato dai finanziamenti di lungo periodo già avviati e da avviare apporto del capitale di rischio e di finanziamento da parte della proprietà calcolo e rispetto degli indicatori finanziari e patrimoniali di sicurezza. Leggere e interpretare gli scostamenti: analisi degli scostamenti e la lettura delle informazioni METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides, esercitazioni pratiche, discussione di casi aziendali) data corso 9 novembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 30 partecipanti 25

26 26

27 DIREZIONE DEL PERSONALE TITOLO: Sostenere motivazione e coinvolgimento senza leve salariali DESTINATARI: Il corso è rivolto a Direttori e Responsabili Risorse Umane, Responsabili e specialist Sviluppo e Compensation, Imprenditori e Direttori Generali che gestiscono direttamente la funzione HR, Direttori Amministrativi e Finanziari, Consulenti del lavoro. OBIETTIVI DEL CORSO: Esplorare e conoscere nuove leve motivazionali che vanno oltre l incentivo economico. Definire la motivazione. Gli strumenti motivazionali classici: piani retributivi, sviluppo di carriera. Le nuove leve motivazionali: motivare senza moneta. Pike Place Fish Market: cambiare le regole della motivazione METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides, simulazioni di casi aziendali) data corso 6 luglio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 15 partecipanti 27

28 TITOLO: Numeri Utili. Trasformare i dati amministrativi in informazioni strategiche DESTINATARI: Il corso è rivolto a imprenditori, responsabili ufficio personale e amministrativi, Consulenti del lavoro. OBIETTIVI DEL CORSO: Interpretazione strategica dei dati messi a disposizione all amministrazione interna o dal consulente esterno per una gestione ottimale delle risorse umane e per supportare efficacemente le decisioni di business. Individuazione degli indicatori chiave a disposizione e da misurare: dimissioni, assenze, straordinari. Cosa si nasconde dietro ai dati amministrativi: analisi strategica dei dati. Creare un cruscotto Hr con gli indicatori chiave a supporto del business METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides, simulazioni di casi aziendali) data corso 22 settembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 15 partecipanti 28

29 GESTIONE RISORSE UMANE TITOLO: Leadership e gestione dei team Valmadrera (LC), quota di partecipazione 310+IVA DESTINATARI: Il corso è rivolto a Imprenditori, Manager, Responsabili Risorse Umane, Responsabili di gruppi di lavoro di organizzazioni, Professionisti OBIETTIVI DEL CORSO: - Definizione di uno stile di leadership per far evolvere il team e renderlo sempre più funzionale, motivato ed efficace. - utilizzo di competenze specifiche che verranno fatte proprie dai partecipanti. - rendere il concetto di leadership talvolta vago e nebuloso più concreto, grazie alla sua schematizzazione pratica e agevolmente applicabile - Definizione del team di successo e delle sue 7 caratteristiche fondamentali. - Descrizione delle 4 fasi di evoluzione del team e del metodo per riconoscere la fase in cui si trova, nonché gli stili di leadership corrispondenti da adottare. - Esplicitazione delle competenze chiave da attuare per ogni stile. - Esercitazione delle nuove competenze METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides, esercitazioni e lavori di gruppo) DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 14 ore (orario dalle 9.00 alle e dalle alle 17.00, data corso 13 e 20 aprile 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 12 partecipanti COSTO: 310+IVA (assegno/bonifico bancario) 29

Percorso Executive Leadership Situazionale e Riflessiva

Percorso Executive Leadership Situazionale e Riflessiva Percorso Executive Leadership Situazionale e Riflessiva Gestire e motivare i gruppi di lavoro INTERAMENTE FINANZIATO DA: Nell ambito delle opportunità formative messe a disposizione da Fondirigenti, La

Dettagli

Training sulla Finanza per l Azienda

Training sulla Finanza per l Azienda Training sulla Finanza per l Azienda Identificare le fonti di finanziamento alternative A tendere si osserverà nei mercati una riduzione del credito concesso dalle banche, a causa degli shock endogeni

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

CORSO APPROFONDIMENTO IVA

CORSO APPROFONDIMENTO IVA CORSO APPROFONDIMENTO IVA Relatore: Dott. Luciano Sorgato Il corso prevede un ciclo di otto incontri della durata di tre ore e mezza ciascuno dalle ore 09,30 alle ore 13,00 presso COLLEGIO ANTONIANO di

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: TECNICO DELLA GESTIONE DELLA CONTABILITA E FORMULAZIONE DEL BILANCIO AGENZIA FORMATIVA: New Training School S.r.l. Sede: via Peretti 1, scala

Dettagli

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI Corso di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa La LUM School of Management crede fermamente

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

Catalogo Corsi accreditati per Dottori commercialisti ed Esperti contabili

Catalogo Corsi accreditati per Dottori commercialisti ed Esperti contabili Catalogo Corsi accreditati per Dottori commercialisti ed Esperti contabili Antiriciclaggio: gli obblighi per professionisti e aziende Il corso di autoformazione on line Antiriciclaggio: gli obblighi per

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro.

L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro. Contesto e Obiettivo Contesto L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro. Responsabile del Personale è HR Manager è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 2016 3 Edizione. Percorso formativo modulare per l Area Programmazione e Controllo di Gestione in azienda

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 2016 3 Edizione. Percorso formativo modulare per l Area Programmazione e Controllo di Gestione in azienda PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 2016 3 Edizione Percorso formativo modulare per l Area Programmazione e Controllo di Gestione in azienda Il master in breve A cosa servono gli strumenti di programmazione e controllo?

Dettagli

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato

Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Il Il Controllo di Gestione Corso base e avanzato Verona Il controllo di gestione CORSO BASE E AVANZATO Obiettivi Il controllo di gestione ricopre la funzione di insostituibile strumento gestionale e strategico

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

Professional Competence

Professional Competence Settembre 2011 Presentazione Il coaching è per noi l arte di accompagnare qualcuno alla meta. Il corso offre le basi e i principali strumenti per chi intende far proprio il coaching come modello di riferimento

Dettagli

Master Bancario in Area Commerciale

Master Bancario in Area Commerciale Master Bancario in Area Commerciale Premessa Il mondo del credito è in costante evoluzione e le innovazioni si susseguono con sempre maggior frequenza nel campo legislativo, gestionale, organizzativo e

Dettagli

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro.

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro. SCHEDA DEL CORSO Titolo: La gestione elettronica e la dematerializzazione dei documenti. Il Responsabile della La normativa, l operatività nelle aziende e negli studi professionali. Come sfruttare queste

Dettagli

L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro.

L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro. Contesto e Obiettivo Contesto L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro. Responsabile del Personale è HR Manager è

Dettagli

Contabilità e fiscalità pubblica

Contabilità e fiscalità pubblica Contabilità e fiscalità pubblica Corso 60 ore Negli ultimi anni è in corso un consistente sforzo - che partendo dal piano normativo si ripercuote sull ordinamento e sulla gestione contabile di tutte le

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Napoli, dal 27 ottobre 2015 al 5 maggio 2016 LA STRUTTURA

Napoli, dal 27 ottobre 2015 al 5 maggio 2016 LA STRUTTURA Napoli, dal 27 ottobre 2015 al 5 maggio 2016 LA STRUTTURA PRIMO 27 ottobre Provvedimenti fiscali dopo l estate SECONDO 12 novembre Verifiche fiscali in azienda e antiriciclaggio TERZO 10 dicembre Impatto

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

2014 CATALOGO FORMAZIONE professional

2014 CATALOGO FORMAZIONE professional 2014 CATALOGO FORMAZIONE professional POLO PSICODINAMICHE AGENZIA FORMATIVA ACCREDITATA REGIONE TOSCANA PO 0760 CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ISO 9001:2008 DNV ITALIA SCUOLA DI PSICOTERAPIA ERICH FROMM RICONOSCIUTA

Dettagli

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1 BANDO MASTER IIN IINTERNATIIONAL BUSIINESS STUDIIES Accrediitato ASFOR IIXX ediiziione Anno 2014/2015 1 Indicazioni generali Il CIS è la Scuola per la Gestione d Impresa di Unindustria Reggio Emilia operante

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti.

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. executive master COURSE www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. EXECUTIVE MASTER COURSE General Management PREMESSA Le figure al timone di un azienda hanno

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Essere Manager per creare valore

Essere Manager per creare valore FORMAZIONE E SERVIZI INNOVATIVI - RAVENNA CATALOGO CORSI www.ecipar.ra.it/som Essere Manager per creare valore Ecipar di Ravenna School of Management La School Of Management (SOM) realizzata da Ecipar

Dettagli

Percorso Apprendisti MODULO BASE

Percorso Apprendisti MODULO BASE Percorso Apprendisti MODULO BASE ORE: 40 COMPETENZE: Comunicare ed esprimersi correttamente nelle situazioni quotidiane e professionali saper identificare le proprie caratteristiche comunicative e le aree

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Master in Private Banking

Master in Private Banking Master in Private Banking 2 Premessa Di fronte ai cambiamenti e alle evoluzioni del mercato che si susseguono con sempre maggiore forza, il private banker riveste un ruolo insostituibile fondato su una

Dettagli

IL MONDO PROFESSIONALE IN UN UNICA PIATTAFORMA. www.mysolution.it

IL MONDO PROFESSIONALE IN UN UNICA PIATTAFORMA. www.mysolution.it IL MONDO PROFESSIONALE IN UN UNICA PIATTAFORMA www.mysolution.it IL MONDO PROFESSIONALE IN UN UNICA PIATTAFORMA Cari Clienti, siamo orgogliosi di condividere con Voi un importante crescita e rinnovamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 4^SI DOCENTE : BONOMINI MIRELLA - -Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture Programmazione recupero classe terza

Dettagli

Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna

Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna Da un idea e progettazione del CAT (Centro di Assistenza Tecnica)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Il percorso formativo FINANCE LAB

Il percorso formativo FINANCE LAB La formazione Risorse in crescita Per dirigenti e quadri Il percorso formativo FINANCE LAB Febbraio Giugno 2013 FINANCE LAB Gli obiettivi del percorso Il progetto offre all impresa e ai collaboratori dell

Dettagli

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale Comune Cernusco Lombardone Valorizzazione e Sviluppo del Capitale Umano per il miglioramento di Performance

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

PARLARSI IN AZIENDA Per motivare, capirsi e lavorare con profitto

PARLARSI IN AZIENDA Per motivare, capirsi e lavorare con profitto PARLARSI IN AZIENDA Per motivare, capirsi e lavorare con profitto 20 APRILE - 11 e 25 MAGGIO 2015 ORE 9.30-17.30 QUALE MODO DI DIALOGARE E PIU EFFICACE PER AVERE IL MASSIMO DA CLIENTI E COLLABORATORI?

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE CORSO DI AGGIORNAMENTO PER SEGRETARIE DI DIREZIONE: ASSISTANT MANAGER 2ªedizione Al termine del percorso di sviluppo delle competenze, ogni partecipante sarà in grado di allenare le qualità manageriali

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

AVVISO 3/12 OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SUPERIORE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO, DEI SERVIZI E DELLE PROFESSIONI

AVVISO 3/12 OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SUPERIORE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO, DEI SERVIZI E DELLE PROFESSIONI FOR.TE. Invito a partecipare alla costruzione di un catalogo nazionale di iniziative di Formazione Continua AVVISO 3/12 OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SUPERIORE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO, DEI SERVIZI E DELLE

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

Percorso IDI Verona IL BILANCIO PER I NON SPECIALISTI: ELEMENTI FORMALI E INDICAZIONI STRATEGICHE

Percorso IDI Verona IL BILANCIO PER I NON SPECIALISTI: ELEMENTI FORMALI E INDICAZIONI STRATEGICHE IL BILANCIO PER I NON SPECIALISTI: ELEMENTI FORMALI E INDICAZIONI STRATEGICHE LEADER@WORK: MIGLIORARE IL CLIMA AZIENDALE E LE PRESTAZIONI DEI TEAM INTERNAZIONALIZZAZIONE: SCEGLIERE, VALUTARE E CONQUISTARE

Dettagli

Prima Lezione: 26/01/2016 Dalle ore 09:00 alle ore 14:00. Seconda Lezione: 09/02/2016 Dalle ore 09:00 alle ore 14:00

Prima Lezione: 26/01/2016 Dalle ore 09:00 alle ore 14:00. Seconda Lezione: 09/02/2016 Dalle ore 09:00 alle ore 14:00 Prima Lezione: 26/01/2016 Dalle ore 09:00 alle ore 14:00 Seconda Lezione: 09/02/2016 Dalle ore 09:00 alle ore 14:00 La Formazione Professionale necessaria per l iscrizione ed il mantenimento della stessa

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 1. Introduzione... 11 2. L Iva Principali fonti normative... 11 3. Campo di applicazione... 12 3.1 Presupposto oggettivo Cessioni di beni... 13 3.2

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

Gestire e Valorizzare Persone e Professionalità nella Pa LEADERSHIP PROGRAMME. Corsi di Alta Formazione PREMESSA CONTENUTI

Gestire e Valorizzare Persone e Professionalità nella Pa LEADERSHIP PROGRAMME. Corsi di Alta Formazione PREMESSA CONTENUTI Gestire e Valorizzare Persone e Professionalità nella Pa LEADERSHIP PROGRAMME Corsi di Alta Formazione PREMESSA La LUM School of Management crede fermamente nel ruolo cruciale della formazione manageriale

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO Iva internazionale, dogane, problematiche fiscali nazionali e gestione finanza aziendale novembre 2014 - febbraio 2015

MASTER SPECIALISTICO Iva internazionale, dogane, problematiche fiscali nazionali e gestione finanza aziendale novembre 2014 - febbraio 2015 MASTER SPECIALISTICO Iva internazionale, dogane, problematiche fiscali nazionali e gestione finanza aziendale novembre 2014 - febbraio 2015 L Associazione, in considerazione dell importanza che rivestono

Dettagli

PARTE I - LE IMPORTAZIONI

PARTE I - LE IMPORTAZIONI PARTE I - LE IMPORTAZIONI Regolamento (CEE) n. 2913 13 D.P.R. 26/10/1972, n. 633 - Artt. 67-72 Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto 35 Decreto Ministero delle Finanze 24/12/1993 -

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data Aicq Tosco Ligure, in collaborazione con AICQ Formazione, AICQ Sicev e Accredia, è lieta di presentare il corso di formazione per l aggiornamento sulla nuova ISO 9001-2015 al quale potranno partecipare

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE

INTERNAZIONALIZZAZIONE INTERNAZIONALIZZAZIONE la società di servizi di Confindustria Avellino Minimaster sull internazionalizzazione OBIETTIVI: I processi di globalizzazione oggi in atto stanno mettendo in luce la necessità

Dettagli

CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015

CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015 CORSO DI FISCALITA INTERNAZIONALE 2^ semestre 2015 Relatore: Dott. Luciano Sorgato Il corso prevede un ciclo di otto incontri della durata di tre ore e mezza ciascuno dalle ore 09,30 alle ore 13,00 presso

Dettagli

Percorsi Manageriali

Percorsi Manageriali Percorsi Manageriali La finanza per le piccole medie imprese Presentazione dell iniziativa Biella, 4 marzo 2009 Obiettivi dell iniziativa L Unione Industriale Biellese intende offrire ai propri Associati

Dettagli

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE:

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: a.s.2011/2012 Economia aziendale, Tecniche professionali dei servizi commerciali A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Lia Bonelli L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: 1. I docenti

Dettagli

Percorso formativo. Settembre 2012 (Prog. 3014/12)

Percorso formativo. Settembre 2012 (Prog. 3014/12) Percorso formativo Settembre 2012 (Prog. 3014/12) Indice 1. Premessa e obiettivi Pag. 3 2. Metodo e logica Pag. 3 3.1 Contenuti del modulo di base Pag. 4 3.1.2 Tempi Pag. 5 3.2 Contenuti dei moduli avanzati

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI (TO) Codice fiscale 84511990016

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI (TO) Codice fiscale 84511990016 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI (TO) Codice fiscale 84511990016 Sezione Liceale E.Majorana Scientifico Linguistico - Classico Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI

Dettagli

Master in BancAssicurazione

Master in BancAssicurazione Master in BancAssicurazione 2 Premessa Le Banche credono nella BancAssicurazione come ulteriore frontiera di servizio alla clientela e di redditività per il Sistema. Il Master In BancAssicurazione - MiBAS

Dettagli

Alta Formazione Manageriale

Alta Formazione Manageriale R e n d e r e c o m p e t i t i va l a z i e nd a : da l l ' 8 o t t o b r e 2 0 1 5 a l 1 8 f e b b r a i o 2 0 1 6 Se de Cisita Parma La difficile congiuntura di questi anni ha creato per molte aziende

Dettagli

AGGIORNAMENTO TRIBUTARIO

AGGIORNAMENTO TRIBUTARIO PERCORSO DI IPSOA AGGIORNAMENTO TRIBUTARIO PARMA, 14 OTTOBRE 2015 29 APRILE 2016 XVI EDIZIONE www.ipsoa.it/percorsitributari PERCORSO DI AGGIORNAMENTO TRIBUTARIO Da sedici anni l appuntamento dedicato

Dettagli

RISORSE UMANE & BUSINESS

RISORSE UMANE & BUSINESS STUDIO SELFOHR Master Human Resources 2012/2013 Milano - IV Edizione - RISORSE UMANE & BUSINESS Studio Selfohr S.r.l. Via Belfiore 21, 10125 Torino tel. 011/541412 fax 011/5625836 Skype ID: selfohr e-mail

Dettagli

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI

3. LE CESSIONI E GLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI SOMMARIO 1. IL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA 1.1. I Paesi dell Unione Europea... 3 1.1.1. Ingresso di nuovi Stati nell Unione Europea: disposizioni transitorie... 3 1.2. Lo status di operatore comunitario...

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli