CATALOGO CORSI 2015 CIS CENTRO STUDI D IMPRESA VALMADRERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO CORSI 2015 CIS CENTRO STUDI D IMPRESA VALMADRERA"

Transcript

1 CATALOGO CORSI 2015 CIS CENTRO STUDI D IMPRESA VALMADRERA CIS Centro Studi d Impresa via Privata della Rocca, 20 Valmadrera (Lc) tel fax Sede legale: via Mameli Lissone (Mb)

2 INDICE FISCO - Modelli Unici: persone e società di persone 4 - Iva: la territorialità 5 - La detrazione e la rivalsa Iva Fatturazione fornitori esteri 8 - Check-up IVA 9 - Iva nelle operazioni con l estero Il punto sulle auto aziendali 12 - Fiscalità negli immobili 13 - Iva negli immobili 14 - Istituti deflattivi e processo tributario 15 - La difesa dagli accertamenti del fisco 16 CONTABILITA E BILANCIO - Il rendiconto finanziario 17 - Contabilità base Il magazzino: la gestione delle commesse e la pianificazione economico-finanziaria 20 FINANZA - Ristrutturazione aziendale e del debito 21 - La gestione del credito e il suo sviluppo 22 CONTROLLO DEI COSTI - Implementare un sistema per il controllo dei costi d azienda e di prodotto Il budget economico e finanziario DIREZIONE DEL PERSONALE - Sostenere motivazione e coinvolgimento senza leve salariali 27 - Numeri Utili. Trasformare i dati amministrativi in informazioni strategiche 28 GESTIONE RISORSE UMANE - Leadership & gestione dei team 29 - Nuove competenze per affrontare le sfide e cogliere le opportunità 30 2

3 - Come sconfiggere le disfunzioni di un team 31 - Manager Coach: sviluppare leadership e performance Coaching e sviluppo delle competenze manageriali 34 COMUNICAZIONE - Comunicazione chiara ed efficace con la Pnl 35 - Laboratorio di public speaking 36 - In linea con il cliente. Strategie di comunicazione telefonica 37 - Self-Marketing. Strumenti e tecniche per un efficace autopromozione 38 - Comunicazione assertiva 39 3

4 FISCO TITOLO: Modelli Unici: persone e società di persone DESTINATARI: Il corso è rivolto a Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, responsabili amministrativi. OBIETTIVI DEL CORSO: esaminare le novità dei modelli e dei quadri di dichiarazione. - Esame delle novità dei modelli e dei quadri di dichiarazione - Le novità per i termini, i versamenti e le modalità di presentazione - I relatori saranno a disposizione dei partecipanti per rispondere ai quesiti relativi agli argomenti oggetto di discussione METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 17 aprile 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 4

5 TITOLO: Iva: la territorialità DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: esamina delle problematiche attinenti le cessioni di beni e le prestazioni di servizi (riparazioni, lavorazioni, trasporti, intermediazioni, consulenze, partecipazioni a mostre e fiere, locazione, sia a breve termine che non, di mezzi di trasporto, ecc.) collegate alle novità intervenute negli anni 2012 e Prima modifica in vigore dal 17 marzo 2012 La Legge 15/12/2011, c.d. Comunitaria 2010 ha apportato modifiche all art. 6 del DPR 633/72 aggiungendo il comma sesto che esamina il momento impositivo delle prestazioni di servizi generiche nei rapporti con i soggetti passivi esteri, sia UE che Extra UE, dove si passa dal pagamento del corrispettivo alla ultimazione della prestazione. Inoltre sono stati introdotti nuovi adempimenti in tema di inversione contabile Seconda modifica in vigore per le operazioni effettuate dal 1 gennaio 2013 La legge 24/12/2012 n. 228 c.d. Legge di Stabilità 2013 che attiene sia al DPR 633/72 che al D.L. 331/93 (c.d. Legge IVA comunitaria), intervenendo in particolare nel DPR 633/72. Nuovi adempimenti in tema di E-Commerce dal 1 gennaio 2015 nei rapporti B2C (servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione, e servizi prestati tramite mezzi elettronici) E-book: aliquota in vigore dal 1 gennaio 2015 Prassi (circollari e risoluzioni) Verrà pure esaminato il Regolamento del Consiglio UE del 7/10/2013 n. 1042/2013 che apporta modifiche al Regolamento n. 282 del 15/3/2011 in tema di tassazione delle prestazioni di servizi su beni immobili, sui servizi di telecomunicazione e di teleradiodiffusione, noleggio di mezzi di trasporto che troveranno applicazione alcune a partire dal 1 gennaio 2015 e altre. Infine saranno fatti i collegamenti con la dichiarazione annuale Iva. METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 7 maggio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti COSTO: 155+IVA (assegno/bonifico) 5

6 TITOLO: La detrazione e la rivalsa IVA DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso si propone di esaminare in modo organico ed esaustivo le disposizioni normative e di prassi che disciplinano l'imposta sul valore aggiunto.l'obiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti gli strumenti e le conoscenze normative utili per affrontare e risolvere in modo corretto le innumerevoli problematiche IVA che quotidianamente si presentano. - Il principio dell esigibilità dell imposta (art. 6) - Il collegamento con il diritto alla detrazione e l esercizio del diritto alla detrazione - Il principio dell inerenza e dell afferenza - Operazioni che permettono o non il diritto alla detrazione - Operazioni e concorsi a premio - Detrazione a seguito di revisione della bolletta doganale di importazione - Detrazione su operazioni soggette a reverse-charge come nel caso di sub-appalto nell edilizia - Art. 10 e riflessi sulla detrazione con riferimento a singole operazioni o alla attività esercitata PRO-RATA (interessi di dilazionato pagamento, immobili abitativi e strumentali ecc.) - Rettifica della detrazione art. 19-bis 2 - Separazione delle attività art. 36, anche alla luce delle nuove disposizioni dei provvedimenti dell anno Operazioni con indetraibilità totale o parziale indetraibili art. 19-bis 1: autovetture, spese di rappresentanza, alimenti e bevande, telefonia, ecc. - Rettifica crediti non riscossi: modifica art. 26, comma secondo Dpr. 633/72 apportata dal D.Lgs 21/11/2014 n. 175, in vigore dal 13 dicembre La Rivalsa art Collegamenti con la dichiarazione annuale IVA - Sanzioni per indebita detrazione - Ultime sentenze della giurisprudenza METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 18 settembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 6

7 7

8 TITOLO: Fatturazione fornitori esteri DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Esamina la disciplina IVA relativa alla rilevazione delle fatture di acquisto di beni e servizi dall estero. Analizza in pratica la rilevazione della bolla doganale e della predisposizione dell autofattura Le importazioni di beni: rilevazione della fattura del fornitore estero e conversione delle operazioni in valuta; analisi del contenuto della bolla doganale e rilevazione del documento; rilevazione della fattura dello spedizioniere e casi di autofatturazione. Gli acquisti intracomunitari di beni: procedure di integrazione e rilevazione delle integrazioni; comportamento in caso di mancato ricevimento della fattura o ricevimento di fattura irregolare; prestazioni di trasporto collegate e casi di autofatturazione. I servizi dall estero: casi pratici di rilevazione delle fatture con IVA estera. I servizi dall estero: casi pratici di rilevazione di servizi da assogettare ad IVA: regole di autofatturazione o integrazione; conversione operazioni in valuta; contenuto dell autofattura. METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 25 giugno 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 8

9 TITOLO: Check-up IVA Valmadrera (LC), quota di partecipazione 310+IVA DESTINATARI: Il corso è rivolto ad addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, addetti uffici fiscali, collaboratori di studi professionali. Il corso si rivolge sia a soggetti che hanno maturato un esperienza con la normativa I.V.A. che a coloro che si trovano a dover affrontare dall inizio della propria attività lavorativa i principi base che permettono poi l applicazione pratica. OBIETTIVI DEL CORSO: Individuare, per le diverse tipologie di operazioni attive e passive, le operazioni di controllo contabile e fiscale da effettuare per garantirne la corretta documentazione e rilevazione Fornire esempi di prospetti di utilità operativa Analizzare le più ricorrenti tipologie di errori e chiarite le procedure per sanare le irregolarità commesse - Operazioni rilevanti ai fini IVA e controlli periodici - Violazioni relative alla fatturazione - Violazioni relative a operazioni internazionali - Verifiche relative a crediti e versamenti - Check up di chiusura della contabilità IVA METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 14 ore (orario dalle 9.00 alle e dalle alle 17.00, data corso 10 e 17 luglio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 10 partecipanti COSTO: 310+IVA (assegno/bonifico bancario) 9

10 TITOLO: L iva nelle operazioni con l estero DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso vuole fornire un quadro della struttura dell'imposta sul Valore Aggiunto (IVA) nelle operazioni con l'estero e nei rapporti intracomunitari, delle problematiche applicative e degli adempimenti previsti dalla normativa vigente. - Regolamentazione ai fini IVA delle operazioni - beni e servizi - riguardanti "EXPO 2015": circ. Agenzia delle Entrate 7 agosto 2014 n. 26/E - Cessioni ed acquisti di beni nell ambito UE ed Extra UE; - Prova delle cessioni intracomunitarie alla luce della prassi amministrativa - Cessioni all esportazione a cura del cessionario non residente : art. 8 lettera b) dpr 633/72.- Sentenza Corte Giustizia UE 19/12/13 - Acconti sia UE che Extra UE - Note di credito e di debito nei rapporti UE ed Extra UE - Prestazioni di servizi da e verso paesi UE ed Extra UE quali: lavorazioni, con particolare riferimento alla Sentenza della Corte di Giustizia UE del 6/3/2014 riparazioni trasporti - intermediazioni - Concetto di status di esportatore abituale e di plafond anche alla luce delle disposizioni impartite della legge 24/12/2012 n. 228 per le operazioni effettuate a partire dal 1/1/ Nuovi obblighi per gli esportatori abituali a partire dal 13 dicembre 2014 introdotti dal Dlgs 21/11/2014 n. 175 e collegati Provvedimenti del Direttore Agenzia Entrate 12 dicembre 2014, 11 febbraio Operazioni triangolari e quadrangolari sia nei rapporti UE che Extra UE e consignment stock ; esame della Ris 13/12/14 n Importazioni - Operazioni con Vaticano e San Marino - Esame delle disposizioni legislative e delle pronunce ministeriali intervenute con particolare riferimento alla Circolare n. 12/E del 3/5/2013 e 16/E del 21/5/ Prassi e Giurisprudenza nazionale e comunitaria - Aspetti sanzionatori METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 18 settembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 10

11 COSTO: 155+IVA (assegno/bonifico bancario 11

12 TITOLO: Il punto sulle auto aziendali DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: aggiornamento della normativa fiscale e verifica dell effettivo impatto fiscale, anche al fine di valutare ipotesi alternative di utilizzo delle auto aziendali. - Quadro aggiornato della normativa fiscale - Auto aziendali, auto in uso promiscuo al dipendente o all'amministratore, rimborsi chilometrici a confronto METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 1 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 30 partecipanti 12

13 TITOLO: Fiscalità negli immobili DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso si propone di illustrare il regime di tassazione diretta degli immobili per quanto riguarda sia il possesso e sia la cessione/acquisto e di rendere autonomi i partecipanti in relazione alla liquidazione in Unico e nel 730 delle imposte connesse a quanto sopra e dell IMU. Un accenno verrà fatto anche con riferimento alla disciplina Iva delle locazioni e delle cessioni immobiliari e alla disciplina degli immobili detenuti all estero da persone fisiche. - La disciplina degli immobili detenuti da soggetti non imprenditori - La disciplina degli immobili detenuti da lavoratori autonomi e in regime di impresa - Il punto sull IMU - Cenni sulle imposte Indirette - L Accertamento - Il punto sulle ultime novità normative e di prassi in materia di immobili METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 9 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 13

14 TITOLO: Iva negli immobili DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso ha l'obiettivo di fornire ai partecipanti le chiavi di lettura del sistema di tassazione degli immobili e di fornire chiarimenti sulle ultime novità introdotte. Analisi degli aspetti IVA di: Cessioni di beni immobili sia abitativi che strumentali Locazioni di beni immobili sia abitativi che strumentali Raffronto tra le norme in vigore fino al 25 giugno 2012 e quelle a partire dal 26 giugno 2012 Decreto crescita, commentate dalla Circolare 22/E del 28 giugno 2013 Esame della Circolare 18/E del 29 maggio 2013 per quanto attiene al collegamento Imposta di registro - IVA Detrazione dell imposta: art. 19 e 19-bis 1 DPR 633/72 Rettifica della detrazione Nuova definizione degli immobili di lusso introdotta dal D.LGS 21/11/2014 in vigore dal 13 dicembre 2014 Adempimenti dal 1 gennaio 2015 in tema di reverse-charge relativamente agli edifici (art. 17, comma sesto lettera a-ter introdotto dalla Legge 23/12/2014 n.190) Separazione delle attività art. 36 Aspetti sanzionatori METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 21 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 14

15 TITOLO: Istituti deflattivi e processo tributario DESTINATARI: Il corso è rivolto a Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, Avvocati, Consulenti del Lavoro. OBIETTIVI DEL CORSO: il corso mira a soddisfare le esigenze di approfondimento dei professionisti abilitati alla difesa davanti ai giudici tributari - Definizione del PVC - Adesione all invito al contraddittorio - Accertamento con adesione - Reclamo/mediazione - Acquiescenza - Definizione agevolata delle sanzioni - Il ricorso tributario: i punti fondamentali e gli errori da evitare METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 12 novembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 15

16 TITOLO: La difesa dagli accertamenti del fisco DESTINATARI: Il corso è rivolto a Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, Avvocati, Consulenti del Lavoro. OBIETTIVI DEL CORSO: il corso si propone l'obiettivo di analizzare il procedimento che caratterizza l attività di controllo, di accertamento e di difesa del contribuente. Verranno analizzate le azioni del Fisco e le reazioni del contribuente anche alla luce delle ultime modifiche normative. - Gli accertamenti standardizzati - La tutela contro le indagini finanziarie - Le percentuali di ricarico - Problematiche degli accertamenti sulle società e rapporto con i soci - Le violazioni in ambito internazionale - Aspetti procedurali: termini e motivazione dell accertamento METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 25 novembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 50 partecipanti 16

17 CONTABILITA E BILANCIO TITOLO: Il rendiconto finanziario. Come creare, gestire e leggere questo strumento ai fini gestionali e della rendicontazione esterna, ormai obbligatoria DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il rendiconto finanziario è lo strumento che consente di identificare le aree che assorbono e quelle che generano risorse finanziarie, misurandone il contributo. Il corso mira a far conoscere le tecniche di costruzione del rendiconto finanziario e la formulazione per l informativa esterna, anche alla luce del nuovo principio contabile Oic 10. Leggere le informazioni finanziarie in bilancio: come riclassificare e analizzare lo stato patrimoniale un colpo d occhio sugli indici e sui margini rilevati. Le tipologie di rendiconto finanziario: il rendiconto finanziario costruito con il metodo diretto - il rendiconto finanziario costruito con il metodo indiretto. Redigere il rendiconto finanziario: le informazioni da raccogliere - la metodologia di costruzione - la gestione delle informazioni ottenute dal rendiconto finanziario. Il rendiconto finanziario previsionale: la costruzione - il monitoraggio dell andamento finanziario e la gestione delle azioni correttive. METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 8 aprile 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 40 partecipanti 17

18 TITOLO: La contabilità base Valmadrera (LC), quota di partecipazione 650+IVA DESTINATARI: Il percorso fornisce competenze e tecniche di base indispensabili per tutti coloro che appena assunti o di nuova nomina nei servizi amministrativi contabili abbiano la necessità di essere operativi da subito. OBIETTIVI DEL CORSO: un corso per acquisire le conoscenze fondamentali delle operazioni contabili. Il programma è rivolto ai neo-assunti dell ufficio contabilità e a tutti coloro che pur non essendo specialisti del settore amministrativo devono saper interpretare documenti contabili e finanziari. La formazione proposta può essere molto utile per completare il proprio profilo professionale, per comprendere il rapporto tra attività aziendali e organizzazione contabile e per gestire clienti e fornitori con cui si è in contatto. INTRODUZIONE ALLA CONTABILITA il metodo della partita doppia il piano dei conti le rilevazioni nella contabilità generale L ACQUISIZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI (ciclo passivo) IN P.D. l acquisto dei fattori produttivi l acquisizione dei beni a utilità pluriennale l acquisto di servizi il pagamento dei debiti scelta tra modalità di pagamento LE OPERAZIONI DI VENDITA (ciclo attivo) IN P.D. i ricavi delle vendite e prestazioni la riscossione dei crediti i crediti insoluti la cessione di beni a utilità pluriennale LE ALTRE OPERAZIONI DI GESTIONE i finanziamenti ottenuti con le banche le liquidazioni periodiche IVA la liquidazione e il pagamento delle retribuzioni ai dipendenti l acconto per le imposte SCRITTURE DI ASSESTAMENTO (scritture pre-bilancio) scritture di completamento 18

19 scritture di integrazione scritture di rettifica scritture di ammortamento METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slide, esercitazioni pratiche) DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 10 incontri per complessive 35 ore (orario dalle alle 17.30, è previsto un coffee break a metà pomeriggio),martedì e venerdì dal 10 aprile al 15 maggio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 15 partecipanti ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE: al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione (l Ente verificherà che almeno il 70% delle ore previste è stato effettivamente svolto dal partecipante). COSTO: 650+IVA (bonifico bancario) 19

20 TITOLO: Il magazzino: la gestione delle commesse e la pianificazione economico-finanziaria. Il ruolo del magazzino e delle 4M DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici amministrativi e contabili di azienda, consulenti aziendali, imprenditori, Professionisti.. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso mira a fornire gli strumenti per pianificare il prezzo di offerta e a conoscere le regole civilistiche di valorizzazione del magazzino utilizzando il budget come strumento non solo di pianificazione dei risultati economici, ma anche come mezzo per una migliore gestione delle risorse aziendali, note anche come le 4 M (manodopera, materiali, mezzi strumentali e monetari). I criteri di valutazione ammessi dalla normativa civilistica. Le novità introdotte dai nuovi Principi contabili nazionali. Lifo, Fifo, costo medio ponderato: pregi e difetti nel breve e nel lungo periodo. Cosa comporta il cambiamento del criterio di valutazione. Particolarità nella valutazione di fine anno. La valorizzazione delle opere e dei servizi su commessa annuali e pluriennali. L effetto delle scelte compiute sull anno e sugli anni a venire. Il Break-even point e il Break-even time: nuovo angolo visuale per il raggiungimento del pareggio in un contesto mutevole. Focus commesse: strumenti per verificare se i prezzi sono remunerativi. Capire quando i dati storici non rappresentano il giusto punto di partenza. Capire su quali leve agire per contenere i costi e migliorare la marginalità. Partire dalle 4 M per la definizione del budget. Oltre la dimensione economica: pianificare la dimensione patrimoniale e finanziaria METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 26 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 40 partecipanti 20

21 FINANZA TITOLO: Ristrutturazione aziendale e del debito DESTINATARI: Il corso è rivolto a Imprenditori, Responsabili amministrazione e finanza, Ufficio legale e Manager, Professionisti, Consulenti aziendali. OBIETTIVI DEL CORSO: L'obiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti logiche di analisi e strumenti operativi per intercettare e risolvere le situazioni di crisi attraverso operazioni di risanamento aziendale e di ristrutturazione dei debiti. Il corso di carattere specialistico prevede una trattazione sulle varie fasi e criticità che caratterizzano il processo di ristrutturazione di un azienda e del suo debito e intende trasferire una serie di competenze che permettano al consulente di valutare insieme all imprenditore le soluzioni necessarie per dare continuità all azienda. - Gli aspetti fondamentali e le fasi della ristrutturazione aziendale e della ristrutturazione del debito - Come sviluppare e attuare un piano di ristrutturazione - I principali aspetti legali e contrattuali - Come gestire gli asset: vendita e ridimensionamento - Predisporre il piano finanziario - I principali aspetti contabili e di bilancio - Preparazione e gestione del piano di ristrutturazione del debito METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 9 luglio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 30 partecipanti 21

22 TITOLO: La gestione del credito e il suo recupero DESTINATARI: Il corso è rivolto a Responsabili e addetti di uffici recupero crediti, amministrativi di aziende, imprenditori, credit management, addetti alla tesoreria, professionisti. OBIETTIVI DEL CORSO: il corso mira a far conoscere le modalità di prevenzione e tutela contro gli inadempimenti e applicare correttamente le forme di garanzia del credito. - Conoscere il cliente: strumenti di prevenzione - L assegnazione di un fido - Modalità di pagamento - Gestione del rischio di insolvenza - Il recupero del credito - I contratti nel processo di recupero del credito - Credito in outsourcing - Step successivo al recupero stragiudiziale: come muoversi - La cessione del credito - Le vie legali - Recuperare crediti all estero - Contabilizzare il credito METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 22 ottobre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 15 partecipanti 22

23 CONTROLLO DEI COSTI TITOLO: Implementare un sistema per il controllo e la gestione dei costi d azienda e dei costi di prodotto. DESTINATARI: Il corso è rivolto a responsabili e addetti ufficio amministrativo e contabile, imprenditori, Professionisti. OBIETTIVI DEL CORSO: Organizzare il sistema di controllo e gestione dei costi e implementare un programma di riduzione dei costi. Inoltre la marginalità, sempre più contenuta, rende necessario lo sviluppo di un preciso controllo: - dei costi aziendali, sia per identificare le aree e le modalità con cui contenerne l impatto, sia per conoscerne la massima entità sostenibile, sulla base del massimo fatturato attualmente perseguibile; - dei costi di prodotto, per identificare il prezzo remunerativo di vendita e l impatto generato dalla permanenza del prodotto a magazzino; - dei costi di commessa, per il loro monitoraggio e riaddebito al cliente, sia in fase di preventivazione che di fatturazione intermedia e finale. I costi aziendali: quali costi aziendali monitorare e con quale tempistica - capire quando i dati storici non rappresentano il giusto punto di partenza strumenti di monitoraggio, facilmente aggiornabili con excel - calcolare il break-even point e tutte le informazioni che ci può fornire - calcolare la massima entità di costi fissi sostenibile, in base al fatturato previsto - come raggiungere l utile atteso, agendo sui costi fissi, sui costi variabili e sulla marginalità. I costi di prodotto, di commessa e di area d affari: quando scegliere una valorizzazione a costi fissi/costi variabili - la valutazione del costo del prodotto in base alla classificazione costi diretti/costi indiretti come calcolare e monitorare il costo delle commesse di breve e di lungo periodo - valutare l incidenza dei costi magazzino - il make or buy : dove e quando conviene - strumenti per misurarne la convenienza - cosa prevedono il codice civile e i principi contabili nazionali. METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides) data corso 15 giugno 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 30 partecipanti 23

24 24

25 TITOLO: Il budget economico e finanziario. Come raggiungere obiettivi di equilibrio DESTINATARI: Il corso è rivolto a dirigenti, imprenditori, responsabili amministrativi, consulenti aziendali, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso mira a fornire gli strumenti necessari per la costruzione di un budget economico e finanziario, nonché le metodologie per un suo corretto e tempestivo controllo. L orientamento sarà volutamente riferito sia ai profili economici che a quelli finanziari, in un ottica di impatto nel breve e nel medio periodo. Prima di predisporre il budget: vantaggi e svantaggi della classificazione dei costi tra fissi e variabili e diretti e indiretti identificazione del break-even point, del break-even time e dell obiettivo di risultato i punti critici da superare Budget manageriale: l azienda è pronta? Budget economico: le diverse strutture del conto economico da adottare per la raccolta dei dati le modalità di raccolta dei dati il budget delle vendite il budget dei diversi costi industriali il budget delle altre aree il budget degli investimenti verso il master budget. Budget finanziario: la definizione della struttura di stato patrimoniale da adottare per la raccolta dei dati ponderazione degli impatti generati dai dati finanziari e patrimoniali provenienti dall esercizio precedente valutazione degli obiettivi di durata del credito e del debito commerciale impatto generato dai finanziamenti di lungo periodo già avviati e da avviare apporto del capitale di rischio e di finanziamento da parte della proprietà calcolo e rispetto degli indicatori finanziari e patrimoniali di sicurezza. Leggere e interpretare gli scostamenti: analisi degli scostamenti e la lettura delle informazioni METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides, esercitazioni pratiche, discussione di casi aziendali) data corso 9 novembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 30 partecipanti 25

26 26

27 DIREZIONE DEL PERSONALE TITOLO: Sostenere motivazione e coinvolgimento senza leve salariali DESTINATARI: Il corso è rivolto a Direttori e Responsabili Risorse Umane, Responsabili e specialist Sviluppo e Compensation, Imprenditori e Direttori Generali che gestiscono direttamente la funzione HR, Direttori Amministrativi e Finanziari, Consulenti del lavoro. OBIETTIVI DEL CORSO: Esplorare e conoscere nuove leve motivazionali che vanno oltre l incentivo economico. Definire la motivazione. Gli strumenti motivazionali classici: piani retributivi, sviluppo di carriera. Le nuove leve motivazionali: motivare senza moneta. Pike Place Fish Market: cambiare le regole della motivazione METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides, simulazioni di casi aziendali) data corso 6 luglio 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 15 partecipanti 27

28 TITOLO: Numeri Utili. Trasformare i dati amministrativi in informazioni strategiche DESTINATARI: Il corso è rivolto a imprenditori, responsabili ufficio personale e amministrativi, Consulenti del lavoro. OBIETTIVI DEL CORSO: Interpretazione strategica dei dati messi a disposizione all amministrazione interna o dal consulente esterno per una gestione ottimale delle risorse umane e per supportare efficacemente le decisioni di business. Individuazione degli indicatori chiave a disposizione e da misurare: dimissioni, assenze, straordinari. Cosa si nasconde dietro ai dati amministrativi: analisi strategica dei dati. Creare un cruscotto Hr con gli indicatori chiave a supporto del business METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides, simulazioni di casi aziendali) data corso 22 settembre 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 15 partecipanti 28

29 GESTIONE RISORSE UMANE TITOLO: Leadership e gestione dei team Valmadrera (LC), quota di partecipazione 310+IVA DESTINATARI: Il corso è rivolto a Imprenditori, Manager, Responsabili Risorse Umane, Responsabili di gruppi di lavoro di organizzazioni, Professionisti OBIETTIVI DEL CORSO: - Definizione di uno stile di leadership per far evolvere il team e renderlo sempre più funzionale, motivato ed efficace. - utilizzo di competenze specifiche che verranno fatte proprie dai partecipanti. - rendere il concetto di leadership talvolta vago e nebuloso più concreto, grazie alla sua schematizzazione pratica e agevolmente applicabile - Definizione del team di successo e delle sue 7 caratteristiche fondamentali. - Descrizione delle 4 fasi di evoluzione del team e del metodo per riconoscere la fase in cui si trova, nonché gli stili di leadership corrispondenti da adottare. - Esplicitazione delle competenze chiave da attuare per ogni stile. - Esercitazione delle nuove competenze METODOLOGIE FORMATIVE PREVISTE: aula (lezione frontale+slides, esercitazioni e lavori di gruppo) DURATA COMPLESSIVA DEL CORSO: 14 ore (orario dalle 9.00 alle e dalle alle 17.00, data corso 13 e 20 aprile 2015 NUMERO PARTECIPANTI PREVISTI: massimo 12 partecipanti COSTO: 310+IVA (assegno/bonifico bancario) 29

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

PROGRAMMA PERCORSO SEMINARIALE

PROGRAMMA PERCORSO SEMINARIALE PROGRAMMA PERCORSO SEMINARIALE 16 E 17 GENNAIO 2013 Metodologia Didattica STUDIO DEL SORBO SRL L'attività didattica si avvale di metodologie finalizzate a rendere il partecipante protagonista del processo

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli