La società. 1) Che cos è la società

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "... 6. La società. 1) Che cos è la società"

Transcript

1 ... 1) Che cos è la società L essere umano è per sua natura un animale sociale, senza la società non potrebbe sopravvivere. Anche quando si isola e cerca di sfuggire alla società l individuo porta con sé le idee, le tecniche che ha appreso dagli altri. Non avrebbe senso considerare la cultura, e neanche il concetto stesso di evoluzione, senza presupporre la preesistenza di un sistema di vita associata dotato di proprie regole. L individuo, dunque, è impensabile senza la società, ma allo stesso tempo non è il semplice assembramento di individui a costituire la società. Gli individui formano una società quando: rappresentano una collettività stabile, occupano un territorio comune e interagiscono gli uni con gli altri; condividono la stessa cultura (lingua, tradizioni, costumi ecc.); sono consapevoli di appartenere allo stesso gruppo e si identificano in esso. In senso generale una società è un sistema sociale ben determinato e dotato di propri tratti distintivi. Tali tratti sono strettamente correlati a variabili linguistiche e culturali; in tal senso è possibile parlare, ad esempio, di società occidentale o società orientale. In genere l aspetto linguistico e quello culturale, inteso quest ultimo come sistema di valori e atteggiamenti, costituiscono i due elementi alla base delle società di fatto. Ogni società esiste in primo luogo grazie all esistenza di un Atteggiamenti: sistemi tendenzialmente stabili di credenze, sentimenti, valutazioni e tendenze ad agire a favore o contro qualcosa o qualcuno. sistema linguistico comune e conseguentemente ad un complesso di valori e norme culturali condivise che hanno conosciuto una ben precisa evoluzione nel corso del tempo. In questo senso è an- 101

2 che possibile parlare di società globale. Il Società globale: società progresso tecnologico, infatti, aiuta a superare determinate barriere culturali: la senza barriere e distanze culturali, in cui le informazioni, grazie agli enormi velocità nella trasmissione delle informazioni e delle comunicazioni, grazie allo sviluppi del progresso tecnologico, circolano in tempo reale. sviluppo delle reti telematiche, apre la via Villaggio globale: definizione del mondo contem- mondiale (villaggio globale), in cui non- a una particolare società di fatto a livello poraneo senza barriere e ostante le differenze linguistiche milioni e distanze culturali, del celebre storico canadese dei milioni di individui condividono sempre di media Marshall McLuhan. più medesimi valori ed approcci al vivere associativo; La società si identifica con lo Stato, quando si pone, invece, l enfasi sulla dimensione normativa. I valori, e gli atteggiamenti culturali, infatti, non potrebbero acquisire carattere stabile senza l esistenza di precise regole e norme di condotta condivise e rispettate dalla totalità di coloro che costituiscono una società. Per approfondire «La realtà sociale che ci circonda non è soltanto il prodotto delle nostre azioni e delle azioni degli uomini e delle donne nostri contemporanei, ma di una lunga catena di generazioni. È come se ogni generazione ricevesse in eredità da quelle che l hanno preceduta un patrimonio sul quale operare, da trasformare o da trasmettere poi, selettivamente, alle generazioni successive. Possiamo paragonare la società a un treno sul quale continuano a salire nuovi viaggiatori, prima o poi destinati a scendere; il treno compie un viaggio molto più lungo del tragitto delle popolazioni di viaggiatori che lo occupano da una stazione all altra. Poiché la vita dell uomo è più breve della vita della società, ogni uomo occupa un posto temporaneo su un convoglio che viene da lontano e che continuerà il suo viaggio anche dopo la sua morte». (A. Bagnasco-M. Barbagli-A. Cavalli, Corso di sociologia, il Mulino, Bologna, 1997) 102

3 2) La struttura sociale Tutte le società umane presentano una struttura sociale, costituita da un insieme di parti tra loro interrelate che formano un insieme organizzato. Una società non è mai un insieme di persone riunite a casaccio che si trovano per caso ad occupare lo stesso territorio. In ogni società esistono dei modelli di comportamento che si ripetono con regolarità e costituiscono le fondamenta di quel grande edificio che è la società. La struttura sociale corrisponde quindi a una grande rete organizzata di relazioni sociali e di componenti stabili nel tempo. Le componenti principali sono gli status, i ruoli, i gruppi e le istituzioni. 3) Status e ruoli I singoli individui sono le cellule, le unità elementari della società; la sociologia, tuttavia, più che privilegiare l aspetto fisiologico e psicologico dell uomo, si occupa principalmente delle sue interazioni con gli altri e dell individuo in quanto membro di determinati gruppi sociali. Nella società le persone si differenziano l una dall altra, non solo per le loro caratteristiche individuali (età, sesso, religione ecc.), ma anche in base all appartenenza a determinati gruppi sociali. Quando parliamo di gruppo, intendiamo un insieme di individui che interagiscono gli uni con gli altri in modo ordinato per il perseguimento di fini comuni. A seconda del gruppo di appartenenza viene attribuita alle persone una posizione sociale superiore o inferiore. Un libero professionista non solo è considerato diverso da un operaio, ma si pensa che egli occupi una posizione più elevata nella società. Allo stesso tempo, però, un dottore è considerato allo stesso livello di un libero professionista, quindi ognuno di noi impara sin da piccolo a inserire le persone in una scala gerarchica di classificazione sociale, che va dall alto in basso e viceversa, in base al possesso e l uso di beni e servizi, al potere e alla valutazione sociale acquisiti. Ogni in- 103

4 dividuo, infatti, occupa nella società una determinata posizione in base anche alla valutazione sociale che ne danno gli altri. Tale posizione è lo status (uomo, vecchio, insegnante, bambino e così via) ed è vincolata da un insieme di modelli comportamentali attesi che costituiscono il ruolo sociale. Status e ruolo rappresentano, perciò, due aspetti complementari. Un individuo può avere vari status contemporaneamente, ma di solito quello riguardante il suo tipo di lavoro è predominante. Gli status possono essere di due tipi: ascritti, cioè assegnati dalla nascita agli individui indipendentemente dalla loro volontà e abilità, come l età, il sesso e la nazionalità, sono legati, quindi, a criteri di valutazione (in questo caso la nascita) presenti nella società; acquisiti, quelli che, invece, dipendono dalla volontà dell individuo e sono conquistati attraverso la capacità, la competizione e lo sforzo, come il matrimonio, la posizione economica, religiosa ecc. Il ruolo sociale è, come abbiamo già anticipato, il complesso delle azioni che la gente si aspetta da un individuo in base allo status che occupa all interno della società. Ad esempio, la dirigenza scolastica è uno status, vincolato da precise norme sociali che stabiliscono come deve comportarsi chi ha il ruolo di dirigente scolastico. Molta parte della nostra condotta sociale è influenzata dalle aspettative altrui. In una famiglia patriarcale, moglie e figli saranno, ad esempio, portati ad agire in un determinato modo e soprattutto nutriranno un certo tipo di aspettative nei confronti del padre. Quest ultimo, a sua volta, si aspetterà che anch essi agiscano in un certo modo e con regolarità. Il caso della famiglia patriarcale è ovviamente estensibile a numerosissimi altri. L uomo, quindi, in quanto persona è principalmente una creazione storica, che può essere studiata e compresa più facilmente nei ruoli che impersona e che fa propri. Questi ruoli sono delimitati dal genere di società in cui gli è capitato di nascere e in cui diviene adulto raggiungendo la propria maturità. Ciò che pensiamo di noi stessi è influenzato in modo decisivo da come ci vedono 104

5 gli altri: i loro atteggiamenti di approvazione e disapprovazione ci guidano, infatti, nell apprendimento del nostro ruolo sociale. Il concetto di ruolo non implica naturalmente l equazione tra persona e ruolo, poiché una singola persona può assolvere molti ruoli differenti. Un dirigente industriale avrà comportamenti e ruoli diversi a seconda delle circostanze in cui si trova. In ufficio agirà in modo completamente diverso di come si comporterà a casa giocando con i figli. L uomo può essere definito come un insieme di ruoli che di volta in volta vengono attuati in base alle più diverse circostanze. 4) I gruppi Il concetto di gruppo ha rappresentato, e rappresenta tuttora, uno dei più importanti e più studiati nella letteratura sociologica. Possiamo definire il gruppo un insieme di individui che interagiscono fra loro e condividono norme, interessi e valori comuni. In altri termini, un gruppo è composto da persone i cui status e ruoli sono strettamente interconnessi. I gruppi possono essere suddivisi in: primari, caratterizzati da forme di interazione particolarmente intense e intime tra i membri. Sono di solito gruppi poco estesi e svolgono un ruolo estremamente significativo nella formazione della personalità dell individuo. La famiglia si presenta come il gruppo primario più importante, in quanto ha un ruolo chiave nell introdurre l individuo verso quel delicatissimo processo che sociologi e psicologi sociali definiscono di socializzazione primaria. Tale processo avviene nei primi mesi di vita e rappresenta soltanto una prima fase dello sviluppo dell interazione sociale Socializzazione primaria: processo di formazione delle competenze sociali di base, che si realizza prevalentemente all interno della famiglia. Interazione sociale: processo in cui due o più individui in relazione fra loro agiscono reagendo alle azioni degli altri. 105

6 attraverso cui gli individui si formano e apprendono i modelli di comportamento della società in cui vivono. La fase successiva è detta socializzazione secondaria e prosegue per tutto il ciclo di vita; secondari, costituiti da numerosi individui che generalmente hanno scarsi contatti tra di loro, come può, ad esempio, avvenire tra i lavoratori di un azienda o tra gli iscritti a un partito. In questo caso, si parla sempre di gruppo in quanto i membri condividono un lavoro comune e di conseguenza un medesimo senso di appartenenza. Tuttavia, le dinamiche di interazione che contraddistinguono questo genere di gruppi sono sostanzialmente diverse rispetto a quelle che caratterizzano i gruppi di tipo primario. Le interazioni faccia a faccia sono limitate, i componenti si rivolgono l uno all altro in base a ruoli specifici, ad esempio impiegato, dirigente, capoufficio ecc. All interno dei gruppi secondari ci sono sempre dei gruppi primari più piccoli, che si formano quando gli appartenenti a un determinato gruppo secondario si conoscono e cominciano a interagire sempre più intensamente. Nelle società preindustriali la maggior parte della vita sociale si svolgeva all interno di gruppi primari, come la parentela o il villaggio; in quelle moderne, invece, la maggior parte delle interazioni si svolge all interno di gruppi secondari, determinando una vita sociale molto più anonima e impersonale. Il criterio di appartenenza a un gruppo può essere definito o meno da precise regole e a seconda dei casi abbiamo: gruppi formali, costituiti da un insieme di individui che normalmente condividono un qualche interesse di tipo strumentale, legato a finalità produttive o al raggiungimento di un obiettivo 106 Socializzazione secondaria: processo di formazione delle competenze specifiche e necessarie allo svolgimento dei ruoli adulti, che si attua prevalentemente al di fuori della famiglia (scuola, chiesa, gruppo dei pari ecc.). Interazione faccia a faccia: interazione che avviene tra due o più soggetti l uno in presenza dell altro.

7 specifico esterno al gruppo. Il criterio di appartenenza in questo caso prevede regole precise riguardo ai requisiti, alle procedure per l ammissione e ai comportamenti da assumere per essere accettati all interno del gruppo. In questo genere di gruppi le norme comportamentali sono assai più formalizzate e i valori di base del gruppo coincidono quasi sempre con il raggiungimento dell obiettivo che il gruppo si è prefissato. Ad esempio, un team creato appositamente per la realizzazione di un progetto è un gruppo formale, dove i membri condividono le rispettive conoscenze e abilità per la risoluzione di un determinato problema; gruppi informali, caratterizzati dall esistenza di rapporti fondati su criteri taciti e quindi poco definiti, in quanto l obiettivo da raggiungere non è la produzione di qualcosa di esterno ai membri appartenenti al gruppo, ma la soddisfazione dei loro stessi bisogni (amicizia, divertimento, socializzazione ecc.). Una particolare proprietà dei gruppi informali consiste nel fatto che non hanno confini ben definiti e questo aspetto diventa spesso una condizione fondamentale della loro stabilità: i membri possono anche distaccarsi dal gruppo per un periodo, coltivando altri interessi, e poi riprendere i contatti in nuove circostanze. Molto spesso i gruppi informali nascono dagli stessi gruppi formali. In un azienda o altra grossa organizzazione è probabile che tra alcuni membri si stabilisca un intesa più forte che porti alla creazione di gruppi informali. La leadership. Nella trattazione dei gruppi non è possibile prescindere dall analisi della leadership, un aspetto estremamente complesso, ma nel contempo fondamentale per una comprensione più ampia dello stesso concetto di gruppo. La leadership è il rapporto tra una persona che guida e un gruppo di individui guidati, nel quale chi guida esercita un influenza maggiore di quella che riceve dagli altri membri del gruppo. Il leader è quindi una persona che, grazie alle sue doti personali, riesce a influenzare gli altri. 107

8 Per comprendere appieno la leadership è necessario soffermarsi su: caratteristiche personali del leader come individuo; immagini che i seguaci hanno di lui/lei e motivi che li spingono a seguirlo/a; ruoli che questi assolve come leader; contesti strutturali e ruoli sia del leader, sia delle persone guidate. Per essere definiti leader è necessario desiderare che il proprio punto di vista venga accettato. Ogni gruppo ha sempre un leader, anche se non sempre i leader detengono posizioni formali di potere. Il rapporto tra leader e gruppo varia a seconda delle dimensioni del gruppo. Nei gruppi di piccole dimensioni, cioè quelli costituiti da un numero ristretto di appartenenti tale da garantire loro rapporti reciproci intensi, si possono verificare due tipi di leadership: strumentale: quando il leader organizza e dirige le attività per conseguire degli obiettivi e degli scopi che interessano tutto il gruppo; espressiva: quando il leader si preoccupa di ridurre al minimo i conflitti e mantenere l armonia e la cooperazione all interno del gruppo. Di solito in un gruppo di formazione recente ambedue i tipi di leadership vengono attribuiti alla stessa persona, perché chi piace e riscuote simpatia è portato anche a dominare le attività del gruppo. Questo tipo di situazione, però, non regge a lungo, perché i leader strumentali diventano ben presto meno amati, in quanto esercitano una forma di potere sul gruppo. È raro, quindi, che dopo i primi tempi i due tipi di leader coincidano con la stessa persona, il più delle volte sono due e si appoggiano a vicenda creando una leadership a due. Il rapporto tra leader e gruppo diventa più complesso all interno di gruppi istituzionalizzati, cioè quelli in cui norme e valori che ne hanno determinato l origine sono ormai consolidati e razionalizzati. 108

9 Tutte le istituzioni stabili comportano la presenza dei leader, in quanto sono costellazioni di ruoli disposti secondo una certa graduazione di autorità, in modo tale che i diversi membri guardino a colui che occupa il ruolo di capo come alla persona che garantisce, esternamente e internamente, la stessa costellazione di ruoli sui quali si regge l intera istituzione. I tipi di leader istituzionalizzati variano in rapporto alle istituzioni che guidano. Il padre patriarcale, il parroco, il dirigente d azienda o il sindaco svolgono tutti ruoli più o meno corrispondenti alle aspettative rivolte a essi dalla società in quanto capi. Ciò che tuttavia accomuna queste differenti situazioni è, da un lato, la relazione che si instaura tra leader e gruppo e, dall altro, l importanza capitale assunta dal concetto stesso di ruolo. Il ruolo assunto da un leader all interno di un determinato gruppo è fondamentale ai fini delle immagini che gli altri membri del gruppo hanno del proprio capo e ai fini della loro condotta. Se la costruzione di un ruolo non fosse così importante, non si spiegherebbe perché alcuni leader che hanno successo in determinati contesti, falliscono in altri. Allo stesso modo non si riuscirebbe a comprendere perché gli stessi individui siano talvolta incapaci di assumere atteggiamenti di leadership al di fuori dei contesti abituali, all interno dei quali assumono tratti spesso in completa antitesi con il loro stesso carattere. Un ultimo aspetto della leadership da tenere presente è quello relativo alla creazione dei ruoli all interno e all esterno dei gruppi. In altri termini, possiamo considerare se il leader crea o meno il ruolo che interpreta all interno di un determinato gruppo, oppure se assume semplicemente un ruolo già esistente e lo attua passivamente. Generalmente, vengono distinti tre possibili tipi di leader: il capo istituzionale di routine: non crea né il suo ruolo né tantomeno il suo contesto istituzionale, ma si limita ad inserirsi all interno di un sistema preesistente che contiene il ruolo guida che questi assolve. I gruppi formali di ogni tipo offrono molto spesso l esempio di sistemi all interno dei quali è possibile riscontrare simili forme di leadership; 109

10 il leader innovatore: inserito all interno di un gruppo o contesto istituzionale preesistente, riesce a creare un nuovo ruolo e a svolgerlo. In questi casi il leader può immaginare nuovi modi di soddisfare le aspettative o percepire i bisogni del gruppo nel cui contesto opera; il leader precursore: non solo crea un ruolo e lo svolge, ma trasforma lo stesso contesto istituzionale all interno del quale opera. Da questo schema e dalle descrizioni che abbiamo fatto dei diversi contesti di leadership si deduce che, per comprendere qualsiasi fenomeno di leadership, è importante porsi le seguenti domande: in quale contesto o gruppo sorge il leader? In che modo è strutturato il contesto? Quali sono le caratteristiche salienti del ruolo (e non del carattere) del leader considerato? Quali immagini hanno di lui/lei, come persona e come leader, coloro che lui/lei guida? Perché gli/le obbediscono? Quali tecniche utilizza per diffondere queste immagini? Quest ultimo aspetto è di particolare importanza poiché ci introduce all interno di un ulteriore questione inerente ai gruppi. Si tratta dei problemi relativi agli aspetti comunicazionali tra i diversi componenti di un gruppo. Le dinamiche comunicative nei gruppi. Anche se osservare e definire le dinamiche comunicative intragruppo è un operazione particolarmente complessa, esistono degli indicatori di massima che possono facilitarne la comprensione. I modelli comunicativi maggiormente diffusi all interno dei gruppi, siano essi primari o secondari, formali o informali, si rifanno a situazioni: di scarsa comunicazione, in cui a gestire gli aspetti rilevanti della comunicazione interna può essere o un unico componente (fig. a) o nessuno dei membri del gruppo (fig. b); di tipo circolare, in cui la comunicazione tra i diversi membri è sufficientemente alta, ma con la presenza, tra alcuni di essi, di canali diretti o di vie preferenziali (fig. c); 110

11 di tipo democratico, in cui si verifica il massimo livello di comunicazione tra i membri del gruppo e l assenza, tra loro, di canali preferenziali (fig. d). C All interno di ciascun processo comunicativo intragruppo è, inoltre, possibile classificare una serie di funzioni: referenziale: considerata una delle forme fondamentali di comunicazione, senza la quale non avrebbe senso parlare di gruppo. Essa consiste fondamentalmente in uno scambio di informazioni tra interlocutori o componenti di un gruppo su un soggetto o un determinato referente. Di solito si assume come referente un fatto del mondo esterno al gruppo o un fatto sul quale un soggetto emittente desidera fornire informazioni ad altri. Perché si abbia uno scambio comunicativo efficiente a livello Semantica: studio del significato delle parole, della combinazione di parole e singole frasi e degli enunciati di una determinata lingua. referenziale occorre che tutti gli interlocutori condividano una medesima struttura semantica: ovvero quelle espressioni linguistiche complesse, espressioni idiomatiche e modi di dire che costituiscono parte integrante della cultura propria di un gruppo; espressiva o interpersonale: relativa alla comunicazione degli stati emotivi, è tra le funzioni predominanti all interno dei gruppi primari. Si tratta di un tipo di comunicazione espressa verbalmente o non verbalmente. Uno stato ansioso, ad esempio, può essere comunicato attraverso il tono della voce, l espressione del viso o la gestualità. Relazioni particolari all interno del gruppo 111

12 possono, quindi, essere caratterizzate dai vari modi di esprimere funzioni di tipo espressivo ed emotivo; di controllo: riguarda quell aspetto della comunicazione finalizzato al conseguimento di un determinato obiettivo. Per controllare il comportamento altrui si dispone, a livello linguistico, di tutta una gamma di possibilità, che vanno da modalità dirette ed espresse (ad esempio, i comandi, gli ordini ecc.) a modalità indirette (ad esempio, l uso di verbi modali quali occorre, bisognerebbe ecc.). La scelta delle espressioni da utilizzare dipende da vari fattori, legati al contesto e alle dinamiche di gruppo. La funzione di controllo a livello comunicativo è, infatti, estremamente importante ai fini di un corretto inquadramento delle dinamiche intragruppo; di coordinazione: si riferisce principalmente allo scambio di informazioni, di qualsiasi tipo; di metacomunicazione: riguarda l aspetto relazionale tra gli attori dello scambio comunicativo. Oltre a essere condizione necessaria ai fini di una comunicazione di gruppo efficiente ed efficace, la capacità di comunicare in maniera adeguata è strettamente connessa allo spinoso problema della consapevolezza di sé e degli altri. Ogni comunicazione interna a un gruppo ha due aspetti: l uno, relativo al messaggio, o al flusso di informazioni che vengono scambiate; l altro, inerente al modo in cui tale messaggio deve essere assunto. Molte delle teorie più interessanti nell ambito della comunicazione persuasiva sono state elaborate partendo proprio dai gruppi, utilizzati come base di riferimento per osservazioni empiriche. Si può definire la comunicazione persuasiva come la capacità di influenzare tramite il linguaggio le opinioni e le scelte dei destinatari della comunicazione. Le questioni più studiate nell ambito della comunicazione persuasiva ruotano da sempre attorno a due interrogativi fondamentali: chi esercita l influenza e con quali metodi; quali caratteristiche deve possedere colui che influenza (ovvero la fonte di un messaggio persuasivo). 112

13 I parametri più comuni per analizzare la comunicazione persuasiva nell ambito dei gruppi sono: la fonte o emittente dell informazione, ovvero colui che influenza nell ambito del gruppo; il messaggio trasmesso; il ricevente, ovvero la parte restante del gruppo nel suo insieme. Viene considerata fonte del messaggio la persona (generalmente il leader di un gruppo) che, materialmente, lo comunica. A proposito della fonte sono state individuate tre caratteristiche o variabili: la credibilità, l attrazione, il potere. Un leader ha tante più probabilità d influenzare nel tempo gli atteggiamenti di un gruppo quanto più acquisisce e conserva almeno una delle suddette caratteristiche. Una fonte credibile ha maggiori probabilità di provocare un cambiamento di atteggiamento in termini di assimilazione della nuova opinione nel sistema di credenze e di valori preesistente nel gruppo. Una fonte attraente porta il gruppo a un processo d identificazione, motivato principalmente dal desiderio di stabilire una relazione gratificante con la fonte o comunque di apparire psicologicamente vicino a essa. È il caso del leader carismatico, capace d incidere profondamente sugli atteggiamenti e i valori del proprio gruppo facendo leva sugli aspetti essenziali della comunicazione persuasiva. Una fonte potente raggiunge facilmente effetti di condiscendenza (da cui scaturiscono cambiamenti superficiali dell atteggiamento nel gruppo), soprattutto perché il ricevente riconosce alla fonte il controllo di ricompense e punizioni in grado di effettuare una profonda influenza sulla sua condotta. 5) Le istituzioni Possiamo definire un istituzione un insieme di valori, norme, status, ruoli e gruppi che sorgono come risposta degli individui a bisogni fondamentali della società in cui vivono. Ad esempio, l istituzio- 113

14 ne scuola provvede all istruzione dei bambini e dei ragazzi e assolve al bisogno della società di trasmettere ai giovani la cultura e di formare i cittadini, i suoi valori sono stimolare le forze interiori degli individui e l intelletto, le norme che la regolano sono la frequenza obbligatoria e quelle che vigono al suo interno, tra gli status e i ruoli abbiamo quelli di insegnante, studente, preside ecc., i gruppi sono quelli degli studenti, dei docenti ecc. Le istituzioni più importanti presentano delle sottoistituzioni di dimensioni più piccole, ad esempio il sistema ospedaliero costituisce una parte dell istituzione sanitaria generale, oppure il gioco del calcio rappresenta una parte dell istituzione dello sport. Ogni istituzione offre quindi una soluzione ai problemi e ai bisogni ricorrenti del vivere sociale. In rapporto al singolo individuo le istituzioni assolvono le seguenti funzioni: semplificano il comportamento sociale prefigurando norme e ruoli ritenuti validi dalla società; offrono schemi già predisposti di rapporti e ruoli, l individuo quindi sa già come comportarsi nei rapporti con gli altri in determinate situazioni; tutelano giuridicamente l individuo, poiché di fronte a possibili prevaricazioni e abusi di gruppo, l individuo è tutelato dalla certezza della norma istituzionale e dal fatto che tutti tendano a rispettarla. Nei confronti dei gruppi le istituzioni favoriscono: la coesione, perché stimolano il consenso e mobilitano le energie del gruppo per la realizzazione di obiettivi comuni; l attenuazione dei conflitti, che si verificano quando nuovi fenomeni sociali si manifestano nella società. Le istituzioni sono caratterizzate da: una tendenza fortemente conservatrice, perché i modelli di comportamento sociale sono istituzionalizzati, cioè fissati da norme du- 114

15 revoli che si tramandano di generazione in generazione. Sono quindi resistenti ai rivolgimenti e assicurano la stabilità sociale; uno stretto collegamento fra loro all interno della struttura sociale, che contribuisce alla coesione interna delle vari componenti della struttura stessa e permette di evitare tensioni e forme di disintegrazione sociale. una tendenza a influenzarsi tra loro: ogni cambiamento importante in una delle fondamentali istituzioni può determinare cambiamenti anche nelle altre, ad esempio quando si sono verificati passaggi da società fondate su un economia ancora di stampo feudale a un economia aperta al commercio e alla produzione in fabbrica sono stati necessari cambiamenti anche nelle altre. 6) Tipi di società Le società si possono classificare in base alle tecnologie che hanno impiegato per sfruttare le risorse dell ambiente naturale. Le società che hanno via via scoperto e adottato strategie più produttive sono poi diventate sempre più grandi e più complesse. Possiamo classificare quindi le società in preindustriali o tradizionali, caratterizzate dalla libertà prescrittiva, dall istituzionalizzazione della tradizione e dall indifferenziazione dei ruoli (ascritti), e industriali o complesse, caratterizzate dalla libertà elettiva, dall istituzionalizzazione del cambiamento e dalla crescente differenziazione dei ruoli (acquisiti). 7) Le società preindustriali In base alle strategie di sussistenza abbiamo quattro tipi di società preindustriali: di caccia e raccolta, pastorali, orticole e agricole. Società di caccia e di raccolta. Costituisce il primo tipo di società semplice ed è formata da piccoli raggruppamenti di individui, che, 115

16 giacché l ambiente in cui vivono non offre loro molte possibilità di sostentamento, sono collocati in modo sparso sul territorio. Le società di caccia e raccolta vivono in piccoli gruppi primari, ognuno dei quali non supera le quaranta unità. Alla base di questi gruppi vigono rapporti di parentela, in quanto la famiglia rappresenta l unica istituzione definita in queste società e svolge tutti i compiti che di solito nelle società complesse vengono affidati ad altre istituzioni, come la produzione economica, l istruzione e l educazione dei giovani ecc. Gli individui che compongono tali società sono nomadi e si nutrono esclusivamente di quello che riescono a procacciarsi, per questo motivo ciascun gruppo talvolta ha bisogno di spostarsi da un territorio all altro alla ricerca del sostentamento. La comunicazione tra i vari gruppi è, pertanto, lenta e inefficace. Società pastorali. Questo tipo di società si è sviluppato all interno della società di caccia e di raccolta, quando non essendo più sufficienti le risorse naturali per continuare a soddisfare i bisogni alimentari, si dovette adottare una nuova strategia di sussistenza basata sull addomesticamento del bestiame. Anche i raggruppamenti di individui che praticano la pastorizia sono nomadi. Sono costretti a condurre il bestiame verso nuovi territori, alla ricerca di pascoli più rigogliosi. Numerose famiglie, avendo accumulato, per la maggior produttività dell attività pastorale, una quantità superiore di bestiame e di cibo, si stabiliscono in modo permanente in un determinato territorio e vi iniziano a sviluppare anche forme di attività commerciale, convertendo il surplus ottenuto in altre attività redditizie. Questo è l elemento che fa nascere, all interno della società pastorale, le cruente lotte tra le famiglie e i vari gruppi per gli insediamenti territoriali e, come conseguenza, giacché i vincitori rendono schiavi i vinti, si comincia ad affermare il fenomeno dello schiavismo. Compaiono così i primi capo tribù o capo clan, i quali trasmettono il loro status ai discendenti. Molte società pastorali esistono attualmente in Africa e nel Medio Oriente, sono di solito popolazioni che vivono in zone desertiche o comunque non adatte alla coltivazione delle piante. 116

17 Società orticole. Le società pastorali, ad un certo punto, per aumentare e completare il regime alimentare, incominciano a ricorrere alla raccolta dei vegetali e della frutta in natura e, quindi, a praticare l orticoltura. Le società orticole nascono, infatti, quando i pastori da nomadi si trasformano parzialmente in stanziali e iniziano a curare, in modo consapevole, il terreno, per seminarlo e raccoglierne i prodotti. L orticoltura è diffusa nelle zone dove il clima è temperato e favorevole. Attualmente, nel mondo, esistono numerose società orticole: in Africa, in Australia e nell America meridionale. In esse le donne si occupano, in una tipica divisione del lavoro presente nelle società semplici, della raccolta dei vegetali selvatici e della coltivazione della terra, mentre gli uomini, utilizzando l energia muscolare, si dedicano all estirpazione delle piante e alla caccia della selvaggina. Società agricole. In una certa fase della storia, gli uomini non si sono più accontentati della caccia, della pastorizia e della raccolta dei prodotti orticoli e hanno imparato a ricavare dal terreno alcuni frutti, fondando la società agricola. L agricoltura è stata, in verità, una tappa fondamentale nel cammino della civiltà. Con la sua nascita e sviluppo, il territorio è stato riorganizzato e la sua natura selvaggia ha dovuto, così, cedere il passo a paesaggi coltivati. Le società agricole, pur essendo semplici, hanno, tuttavia, incominciato a introdurre alcuni elementi di complessità: la scrittura e la riproducibilità dei testi, la guerra, i campi terrazzati, gli animali da tiro, gli aratri e le irrigazioni. Queste tecniche hanno fatto acquisire un modo diverso di organizzare l attività lavorativa e, quindi, hanno creato le premesse per una diversa struttura sociale. Le società, basate, perciò, sull agricoltura, hanno prodotto forme di accentuata stratificazione sociale e, di conseguenza, istituzioni adeguate (come ad esempio le organizzazioni economiche, sindacali e politiche), per amministrane i loro processi interni e governarne gli sviluppi. Con tali società le strutture sociali diventano, dunque, più complesse e articolate. La popolazione aumenta, si moltiplicano per gli individui i ruoli e gli status e 117

18 vengono costruite nuove città. Incomincia, così, a emergere e ad affermarsi la società complessa. 8) Le società industriali e post-industriali Dal seno delle società agricole si diffondono i semi delle società industriali e complesse. L industrializzazione si basa su una strategia di sussistenza molto efficace, che permette di sfruttare nuove forme di energia e di affidare alle macchine il lavoro che precedentemente veniva svolto dagli uomini o dagli animali. Le invenzioni e le scoperte in questo tipo di società si innescano a catena, quindi il tasso di innovazione tecnologica in queste società è altissimo e sono perciò in perenne cambiamento. Le società industriali sono caratterizzate da dimensioni alquanto vaste, con una popolazione che può contare centinaia di milioni di individui, e da una forte urbanizzazione. Inoltre, aumentano i ruoli acquisiti e non ascritti, grazie alla creazione di nuove occupazioni. Le istituzioni si differenziano e la famiglia perde molte delle funzioni che aveva nel passato. Anche se nella prima fase dell industrializzazione si verifica un enorme differenza tra ricchi e poveri, esiste nelle società industriali una forte tendenza alla riduzione delle disuguaglianze sociali. Con la nascita dei governi democratici, che soppiantano le monarchie ereditarie, aumenta l influenza dello Stato in molti settori della vita sociale: l istruzione, l assistenza, l attività economica ecc. Le società post-industriali sono società in cui la maggioranza delle forze di lavoro, grazie all automazione che ne ha accresciuto la produttività, non sono più occupate nell industria, come accade nella società industriale, ma soprattutto nel settore dei servizi o terziario. I rapporti politici ed economici, le relazioni sociali e la cultura sono meno condizionati dai valori dell azienda industriale e dal confronto tra imprenditori e dirigenti da un lato e operai dall altro. Allo stesso tempo la scienza diventa un istituzione centrale e fondamento del potere. 118

19 L istituzione del libero mercato fa emergere la massima contraddizione delle società industriali. Il mercato autoregolato, da un lato, rappresenta il meccanismo di propulsione e di dinamicità dell intera società, rendendola progressivamente aperta e democratica, dall altro, mette in moto incontrollabili processi di selezione, accentuando ancora di più le disuguaglianze sociali, politiche ed economiche delle masse. L istituzione del mercato crea, in conclusione, anche nel campo culturale, competizione e concorrenza, producendo e costituendo società, soprattutto in Occidente, maggiormente pluralistiche, ma anche individualistiche e fortemente atomizzate e secolarizzate. Si diffondono una vasta gamma di nuovi stili di vita e di nuovi valori che danno vita a una cultura sempre più eterogenea rispetto a quella delle società semplici, mentre le società industriali presentano tra loro caratteristiche molto simili, dovute sia all effetto omologante dei mezzi di comunicazione di massa, sia all industrializzazione stessa che impone ovunque requisiti specifici alla struttura sociale e alla cultura. Si diffondono, quindi, tra strati sociali sempre più vasti consumi e stili di vita che in passato erano privilegio di un esigua minoranza. La vita sociale nelle società industriali si svolge soprattutto nei gruppi secondari anziché nei primari, per questo motivo le interazioni sociali sono spesso anonime e impersonali. Analizziamo in particolare gli effetti della post-industrializzazione attraverso l analisi di un suo prodotto: la società di massa. 9) La società di massa La società di massa è una società tardo-industriale, un prodotto del capitalismo occidentale, in cui le esigenze di consumo hanno finito per prevalere su quelle di accumulazione del capitale. Gli individui nella società di massa tendono a conformarsi alle aspettative sociali degli altri, mancano, quindi, di autonomia di giudizio e nel perseguimento dei loro fini si fanno guidare dall esterno (opinioni altrui, mezzi di comunicazione di massa ecc.). La società 119

20 di massa è dunque una realtà alquanto complessa, che ha provocato, e continua a provocare, differenti reazioni critiche: dipinta, in alcuni casi, come espressione della democratizzazione e della diffusione del benessere e, in altri, come minaccia delle libertà individuali. La società di massa, grazie soprattutto ai mezzi di comunicazione di massa (stampa, cinema, radio, e soprattutto televisione, telematica), ha prodotto e produce cultura di massa: una cultura in cui l immagine prevale sempre più sulla parola scritta e i cui prodotti e modelli, in maggior parte di origine americana, sono stati diffusi in tutto il mondo, scalzando i linguaggi e i valori delle culture tradizionali. Negli ultimi decenni del XX secolo il potere dei media è cresciuto notevolmente grazie alla rivoluzione tecnologica che ha causato Media: dall inglese mass media l insieme degli apparati della comunicazione, cinema, televisione, radio, stampa, manifesti, atti alla produzione e la diffusione su larga scala di testi, notizie, immagini, suoni. una serie di trasformazioni nella realtà economica e sociale. I media, infatti, rappresentano ormai una vera e propria agenzia culturale, in grado di svolgere un attività istituzionalizzata che pervade tutti gli strati del tessuto sociale, raggiungendo un pubblico vasto, eterogeneo e anonimo. Essi sono sempre più influenti sia come mezzi di controllo, sia come motore di rinnovamento della società. L analisi della Scuola di Francoforte. In sociologia, la Scuola di Francoforte rappresenta un importante tradizione di pensiero nello studio della società di massa. L approccio della Scuola di Francoforte è stato spesso criticato per il suo negativismo, la sua unilateralità e il suo elitismo culturale, perché tutti gli studi hanno messo in risalto soltanto gli aspetti più degenerati del fenomeno della massa. Tuttavia, questa Scuola ha avuto il merito di stimolare la riflessione sull interazione nella società di massa tra il contesto socio-economico e le pulsioni psichiche, mettendo in evidenza il ruolo dei mass media nella trasmissione e nella promozione di falsi bisogni, per creare negli individui un consenso fondato sulla passività. 120

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO IL GIOCO DELL INTERRELAZIONE annalisa amadi Latina Scalo 22-23 giugno 2013 1 il conflitto si esprime attraverso i comportamenti 2 il comportamento è la manifestazione

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Siamo a cavallo!!!

DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Siamo a cavallo!!! DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Siamo a cavallo!!! PREMESSA E FINALITA Il progetto, tecnicamente definito, Ippo Attività sportiva assistita trae origine dalla necessità di stimolare, in tutti i soggetti in

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

L'Economia della Buona Vita

L'Economia della Buona Vita L'Economia della Buona Vita Un'intervista con il filosofo brasiliano Euclides André Mance di Anna Chiesura Dalla filosofia della liberazione all'elaborazione di un progetto alternativo alla società capitalistica

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE; DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus PREVENZIIONE DEL DIISAGIIO SCOLASTIICO LA SCUOLA DELLE MAMME ENTE GESTORE ENTI LOCALI COINVOLTI LUOGO DI REALIZZAZIONE DESTINATARI Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus Comune di Varese,

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL BAMBINO I giovani giocatori che frequentano la scuola calcio appartengono alla fascia di età classificata come età evolutiva. La letteratura sociologica identifica

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

A N N A G R I M A L D I

A N N A G R I M A L D I ACCOGLIENZA, ANALISI DELLA DOMANDA E CONSULENZA NEL S ERVIZIO DI ORIENTAMENTO A N N A G R I M A L D I Lo scenario di riferimento I cambiamenti strutturali degli ultimi due ultimi decenni nell ambito dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

La comunicazione ambientale a sostegno della prevenzione

La comunicazione ambientale a sostegno della prevenzione La comunicazione ambientale a sostegno della prevenzione VIII Conferenza Nazionale delle Agenzie per la Protezione dell Ambiente (Genova 5-7/7/2004) 5 Giorgio Cesari L informazione ambientale L informazione

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012 CORSO AVANZATO EFAC Roma, 30 marzo 2012 1 Corso avanzato per Caf Assessor La leadership e le dinamiche di gruppo 2 Da Henry Ford a Steve Jobs Siate affamati,.. siate folli Voi non dovete pensare, ci sono

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico ALLEGATO1 Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico e storico-sociale. L asse dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire allo studente la padronanza

Dettagli

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO

RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO RAPPORTO TRA L AGESCI E LE NORME RIGUARDANTI IL VOLONTARIATO E L ASSOCIAZIONISMO 1. LA PREMESSA 2. LA DEFINIZIONE GIURIDICA 3. LA STORIA 4. I PUNTI DA PONDERARE 5. LA SITUAZIONE ATTUALE 6. CI FERMIAMO

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

Istituto comprensivo XX Settembre Catania

Istituto comprensivo XX Settembre Catania Istituto comprensivo XX Settembre Catania Anno scolastico 2010/2011 Destinatari: alunni della scuola primaria Referente: Ins. Laureanti Floriana 1 Premessa La Salute definita, nella Costituzione dell'organizzazione

Dettagli

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLEGATO D: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE PRIMA Classe prima ACQUISIRE O MIGLIORARE IL SENSO DI RESPONSABILITA 1. Periodo nel corso dell intero anno, ma soprattutto durante il primo quadrimestre

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Utilizzo dei modelli transculturali attraverso le culture. Le teorie / modelli transculturale devono essere utili a chi lavora

Utilizzo dei modelli transculturali attraverso le culture. Le teorie / modelli transculturale devono essere utili a chi lavora Utilizzo dei modelli transculturali attraverso le culture Le teorie / modelli transculturale devono essere utili a chi lavora Loro utilizzo deve aiutare/facilitare a produrre e mantenere competenza culturale

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE INGLESE Scuola primaria di Gignese Classi I, II, II, IV, V COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PL. 1 / 2 Comunicazione nelle lingue straniere Imparare ad

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team Lezione 7 Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team 1 COS E UN GRUPPO Si definisce gruppo: un insieme di individui con caratteristiche o interessi comuni, legati

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli