Adeguamento e sviluppo delle zone rurali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adeguamento e sviluppo delle zone rurali"

Transcript

1 Adeguamento e sviluppo delle zone rurali newsletter Agenzia regionale toscana per le erogazioni in agricoltura n febbraio 2007 PSR Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e Riepilogo per provincia al 15 ottobre Regolamento CE 1257/99. Figura 1 - Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e 9.10: interventi realizzati, per provincia. AR FI GR LI LU MS PI PT Le misure attivate nel corso del periodo di attuazione del PSR per l adeguamento e lo sviluppo delle zone rurali, che costituivano il terzo asse d intervento prioritario, sono le seguenti: Commercializzazione dei prodotti agricoli di qualità (misura 9.3) Servizi essenziali per l economia e per le popolazioni rurali (misura 9.4) Diversificazione delle attività nel settore agricolo (misura 9.5) Gestione delle risorse idriche in agricoltura (misura 9.6) Sviluppo e miglioramento delle infrastrutture rurali connesse allo sviluppo dell agricoltura (misura 9.7) Incentivazione di attività artigianali e turistiche (misura 9.8) Ricostituzione del potenziale agricolo danneggiato da disastri naturali e strumenti di prevenzione (misura 9.10). Gli interventi previsti possono coinvolgere intere collettività o singoli imprenditori e non sono indirizzati in modo esclusivo all agricoltura ma volti a creare nuove opportunità di sviluppo e maggiori sbocchi occupazionali per le popolazioni rurali, nonché integrazioni del reddito agricolo grazie alla diversificazione delle attività. Alla misura 9.5, sarà dedicata una comunicazione a parte e non verrà quindi trattata in questa nota, dove l attenzione è rivolta alle altre misure dell asse 3. Il numero complessivo dei progetti finanziati entro il 15 ottobre 2006 è di 520. Ad essi sono state destinate risorse pubbliche per 42 M, che rappresentano il 56,9% della spesa complessivamente sostenuta per la loro realizzazione, pari a 73,8 M. Nella figura 1 viene proposta una rappresentazione sintetica della ripartizione degli interventi tra le misure considerate. Nel riepilogo proposto nella tabella 1 i dati sono aggregati in base alla provincia dove vengono realizzati gli interventi; quelli di maggiore entità risultano effettuati a Firenze, per 15,6 M (21,1% del totale), Grosseto, per 14,8 M (che rappresentano il 20% del totale) e Lucca per 11,5 M (15,5% del totale). PO SI milioni di euro Misura 9.4 (servizi per popolaz. rurali) Misura 9.7 (infrastrutture rurali) Misura 9.8 (artigianato e turismo) Altre misure asse 3 (esclusa la 9.5) Tabella 1 - Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e 9.10; periodo Progetti realizzati, ammontare dell investimento e del contributo pubblico, in euro, per provincia. N. PROGETTI INVESTIMENTI (a) % CONTRIBUTI (b) (b)/(a) % Arezzo ,8 8, ,2 67,6 Firenze ,5 21, ,5 59,6 Grosseto ,4 20, ,7 55,6 Livorno ,8 7, ,4 51,4 Lucca ,4 15, ,4 47,6 Massa-Carrara ,6 6, ,8 86,1 Pisa ,8 8, ,2 61,7 Pistoia ,9 2, ,7 65,0 Prato ,1 0, ,0 37,1 Siena ,3 10, ,8 40,9 TOTALE ,6 100, ,7 56,9 Pagina 1 di 12

2 Nella tabella 2 viene evidenziata la ripartizione dell investimento per provincia e per ciascuna delle misure considerate. Il 44,6% è stato realizzato nell ambito della misura 9.8, con 264 progetti finanziati e una spesa di 32,9 M, di cui 8,3 M a Lucca (25,1% del totale) e 6,4 M a Siena (19,4%). Il 25,3% è stato realizzato nell ambito della misura 9.7, con 159 progetti finanziati e una spesa di 18,7 M, di cui 8,6 M a Grosseto (46,2% del totale) e 5,2 M a Firenze (27,8%). Il 23% è stato realizzato nell ambito della misura 9.4, con 61 progetti finanziati e una spesa di 17 M, di cui 4,5 M a Firenze (26,3% del totale), mentre nelle province di Arezzo, Grosseto, Massa-Carrara, e Pisa, è stata effettuata una spesa compresa tra 2 M e 2,8 M. Tabella 2 - Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e 9.10; periodo Progetti realizzati, ammontare degli investimenti e contributo erogato da ARTEA per misura e provincia. MISURA AZIONE i MISURA AZIONE ii n. Investimento % Contributo % (1) n. Investimento % Contributo % (1) Arezzo ,8 22, ,9 50,0 Firenze ,0 48, ,6 51,0 Grosseto ,8 17, ,6 53, ,1 54, ,5 49,9 Livorno ,1 4, ,1 50,0 Lucca ,3 3, ,5 80, ,0 19, ,0 50,0 Massa-Carrara Pisa Pistoia ,2 2, ,1 75,8 Prato Siena ,8 27, ,1 63,6 TOTALE ,0 100, ,0 56, ,0 100, ,5 50,0 % (2) 3,7 0,3 Tabella 2 (segue) - Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e 9.10; periodo Progetti realizzati, ammontare degli investimenti e contributo erogato da ARTEA per misura e provincia. MISURA 9.3 (TOTALE) MISURA 9.4 n. Investimento % Contributo % (1) n. Investimento % Contributo % (1) Arezzo ,8 1, ,9 50, ,3 15, ,8 88,3 Firenze ,0 45, ,6 51, ,7 26, ,8 76,1 Grosseto ,8 20, ,1 52, ,3 16, ,4 76,7 Livorno ,1 0, ,1 50,0 Lucca ,3 5, ,5 71, ,8 7, ,7 99,9 Massa-Carrara ,4 16, ,2 98,1 Pisa ,2 11, ,9 84,7 Pistoia ,2 2, ,1 75, ,5 2, ,5 100,0 Prato Siena ,8 25, ,1 63, ,5 4, ,5 78,5 TOTALE ,0 100, ,5 56, ,7 100, ,9 85,0 % (2) 4,1 23,0 Tabella 2 (segue) - Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e 9.10; periodo Progetti realizzati, ammontare degli investimenti e contributo erogato da ARTEA per misura e provincia. MISURA 9.6 MISURA 9.7 n. Investimento % Contributo % (1) n. Investimento % Contributo % (1) Arezzo ,5 24, ,7 100, ,2 4, ,1 79,8 Firenze ,7 27, ,9 67,9 Grosseto ,6 46, ,0 54,5 Livorno ,1 44, ,0 100, ,3 1, ,0 77,7 Lucca ,2 15, ,3 72, ,1 8, ,2 61,5 Massa-Carrara ,0 6, ,0 100, ,5 3, ,3 99,8 Pisa ,7 6, ,2 78,9 Pistoia ,0 9, ,5 98, ,0 1, ,5 67,9 Prato Siena TOTALE ,8 100, ,4 95, ,1 100, ,3 63,7 % (2) 3,0 25,3 Pagina 2 di 12

3 Tabella 2 (segue) - Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e 9.10; periodo Progetti realizzati, ammontare degli investimenti e contributo erogato da ARTEA per misura e provincia. MISURA AZIONE i MISURA AZIONE ii n. Investimento % Contributo % (1) n. Investimento % Contributo % (1) Arezzo ,9 13, ,0 40, ,0 5, ,7 27,2 Firenze ,1 13, ,5 40, ,2 13, ,2 35,7 Grosseto ,0 16, ,9 38, ,6 6, ,3 38,0 Livorno ,9 8, ,3 40, ,5 12, ,0 36,1 Lucca ,5 4, ,6 40, ,6 30, ,1 35,8 Massa-Carrara ,6 11, ,6 38, ,1 0, ,7 40,0 Pisa ,7 14, ,7 40, ,2 7, ,4 37,7 Pistoia ,1 6, ,6 39, ,1 1, ,4 36,5 Prato ,0 0, ,0 40, ,1 1, ,0 37,0 Siena ,6 11, ,6 40, ,4 21, ,5 33,2 TOTALE ,3 100, ,9 39, ,8 100, ,3 35,1 % (2) 8,6 36,0 Tabella 2 (segue) - Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e 9.10; periodo Progetti realizzati, ammontare degli investimenti e contributo erogato da ARTEA per misura e provincia. MISURA 9.8 (TOTALE) MISURA 9.10 n. Investimento % Contributo % (1) n. Investimento % Contributo % (1) Arezzo ,9 7, ,7 32,0 Firenze ,3 13, ,6 36, ,8 100, ,6 35,0 Grosseto ,6 8, ,2 38,0 Livorno ,3 11, ,4 36,7 Lucca ,1 25, ,7 36,0 Massa-Carrara ,7 2, ,3 38,4 Pisa ,9 8, ,1 38,4 Pistoia ,2 2, ,1 38,0 Prato ,1 0, ,0 37,1 Siena ,0 19, ,2 34,0 TOTALE ,2 100, ,2 36, ,8 100, ,6 35,0 % (2) 44,6 0,0 (1) Rapporto percentuale tra contributo e investimento. (2) Percentuale calcolata rispetto all investimento complessivo. La misura 9.3 rappresenta il 4% dell investimento totale, con 24 progetti realizzati per 3 M, dei quali il 45% spesi in provincia di Firenze, il 25,2% a Siena e il 20,3% a Grosseto; la misura 9.6 rappresenta il 3% della spesa totale, con 11 progetti realizzati per 2,2 M ; infine risulta concluso un solo progetto nell ambito della misura 9.10, in provincia di Firenze, con una erogazione di contributo pari a 8.224,58 e una spesa di ,79. Dal confronto tra le spese medie per progetto riferite a ciascuna azione, i valori più elevati si riscontrano per la misura 9.4, con , per l azione 9.3i, con , e per la misura 9.6, con ; quello più basso per l azione 9.8i (artigianato), con una spesa media pari a Nella tabella 3 viene proposta la ripartizione per forma giuridica delle spese sostenute dai beneficiari. La tipologia prevalente è quella delle aziende e degli enti pubblici, che hanno realizzato 180 progetti e speso 31,9 M, che rappresentano il 43,2% dell investimento totale. Le società di persone o di capitali hanno realizzato 155 progetti e speso 20 M (27,1% del totale), le imprese individuali hanno realizzato 117 progetti e speso di 12,8 M (17,3% del totale), infine i soggetti con altra forma giuridica, in genere consorzi o associazioni, hanno realizzato 63 progetti e speso 8,7 M (11,8% del totale). L investimento medio per progetto è di Rispetto a tale valore, la spesa effettuata dalle aziende ed enti pubblici è più elevata, pari a ; quindi, in ordine decrescente, segue la spesa dei soggetti con altra forma giuridica, pari a , quella delle società di persone o di capitali, pari a , infine quella sostenuta dalle imprese individuali, che ammonta a Pagina 3 di 12

4 Tabella 3 - Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e 9.10; periodo Numero di domande e relativo contributo per forma giuridica del beneficiario e misura. FORMA GIURIDICA Imprese individuali Società di persone o di capitali Società cooperative n. dom. Investimento % (1) n. dom. Investimento % (1) n. dom. Investimento % (1) Misura Az. 9.3i Misura Az. 9.3ii ,10 4, ,84 53, ,06 42,3 Misura 9.4 Misura 9.6 Misura 9.7 Misura Az. 9.8i ,06 38, ,26 60, ,00 1,6 Misura Az. 9.8ii ,48 38, ,86 60, ,50 0,6 Misura ,79 100,0 TOTALE ,43 17, ,96 27, ,56 0,5 SPESA MEDIA ( ) , , ,71 Tabella 3 (segue) - Misure 9.3, 9.4, 9.6, 9.7, 9.8 e 9.10; periodo Numero di domande e relativo contributo per forma giuridica del beneficiario e misura. FORMA GIURIDICA Aziende o Enti pubblici Altra forma giuridica TOTALE n. dom. Investimento % (1) n. dom. Investimento % (1) n. dom. Investimento % (1) Misura Az. 9.3i ,0 100, ,04 100,0 Misura Az. 9.3ii ,00 100,0 Misura ,67 100, ,67 100,0 Misura ,62 52, ,22 48, ,84 100,0 Misura ,29 73, ,79 26, ,08 100,0 Misura Az. 9.8i ,32 100,0 Misura Az. 9.8ii ,84 100,0 Misura ,79 100,0 TOTALE ,58 43, ,05 11, ,58 100,0 SPESA MEDIA ( ) , , ,79 Commercializzazione dei prodotti agricoli di qualità (misura 9.3) La misura 9.3 si articola in due azioni: la prima (azione 9.3i) è finalizzata a promuovere la costituzione e l avviamento di associazioni e consorzi, o l ampliamento significativo delle loro attività, per l autocontrollo, la tutela e la valorizzazione dei prodotti agro-alimentari di qualità; la seconda (azione 9.3ii) è finalizzata a promuovere l introduzione nell impresa di sistemi di controllo qualitativo del processo produttivo tramite la certificazione ai sensi delle norme ISO 9000 e la messa a punto dei processi di autocontrollo dell igiene dei prodotti alimentari secondo la metodologia HACCP. I beneficiari dell azione 9.3i sono consorzi o associazioni di imprenditori agricoli; il contributo varia in base al numero di anni trascorsi dall atto di costituzione e può raggiungere il 100% della spesa ammessa nel corso del primo anno di attività. I beneficiari dell azione 9.3ii sono imprese agricole o agro-alimentari singole o associate, che possono ricevere un contributo fino al 50% della spesa ammessa. Per attuare gli interventi previsti dall azione 9.3i sono stati spesi 2,8 M da 12 consorzi o associazioni; tale ammontare rappresenta il 92% della spesa realizzata nell ambito della misura 9.3, mentre la spesa media è di Nella tabella 4a la spesa viene ripartita secondo le finalità (il 44,3% è destinata all autocontrollo, il 34,2% alla valorizzazione e il 21,5% alla tutela) e il tipo di beni o servizi acquistati (il 45% è destinata all acquisto di attrezzature e materiale per ufficio, il 41,4% alle spese di personale). Per attuare gli interventi previsti dall azione 9.3ii sono stati spesi da 12 imprese agro-alimentari (cfr. tab. 4b), in prevalenza per l adozione di sistemi di qualità ISO Pagina 4 di 12

5 Tabella 4a - Azione 9.3i; periodo Progetti realizzati e spese effettuate, in euro, per tipo e finalità. FINALITA DELL INTERVENTO TIPO DI INTERVENTO Autocontrollo Tutela Valorizzazione In complesso n. Spesa n. Spesa n. Spesa n. (1) Spesa % Personale , , , ,52 41,4 Costi di esercizio , , , ,43 2,8 Spese giuridiche e amm.ve , , , ,16 4,5 Attrezzature e materiale per ufficio , , , ,35 45,0 Affitto e adeguamento locali , , , ,58 6,3 IN COMPLESSO (1) , , , ,04 100,0 % 44,3 21,5 34,2 100,0 (1) il numero indicato non è la somma di riga o di colonna ma il numero di soggetti che hanno sostenuto la tipologia di spesa. Tabella 4b - Azione 9.3ii; periodo Progetti realizzati e spese effettuate, in euro, per finalità. ADOZIONE SISTEMI QUALITA ISO ADEGUAMENTO NORME HACCP TOTALE AZIONE 9.3II n. Investimento n. Investimento n. Investimento , , ,00 % 78,7 21,3 100,0 Servizi essenziali per l economia e per le popolazioni rurali (misura 9.4) Lo scopo della misura 9.4 è di avviare e migliorare i servizi sul territorio idonei a consolidare la rete di protezione sociale delle popolazioni rurali, promuovendo gli interventi che riducono i disagi e che prevengono l insorgenza di situazioni di crisi e di emarginazione, sia nelle categorie deboli (anziani e disabili) sia in quelle sensibili (bambini, giovani e famiglie). I beneficiari sono enti pubblici che percepiscono un contributo che può raggiungere il 100% della spesa sostenuta. Per la realizzazione dei progetti e la gestione dei servizi gli enti possono stipulare accordi con altri soggetti pubblici e privati, comprese le aziende agricole. Il numero di progetti realizzati nel periodo considerato è di 61. Circa 2/3 prevedono il partenariato di soggetti non istituzionali (cfr. tab. 5): si tratta di progetti con una spesa media di , superiore a quella riferita alla misura, pari a La partecipazione finanziaria dei partner non istituzionali è stata di : tale importo può contribuire sia alla realizzazione iniziale che alla successiva gestione operativa dei servizi attivati. Tabella 5 - Misura 9.4; periodo Progetti realizzati, spese effettuate e partecipazione finanziaria, in euro, dei partner, per tipo. PROGETTO INFORMAZIONI SUI PARTNER TIPO DI PARTENARIATO n. Investimento % Spesa media Non istituzionali di cui: aziende agricole Istituzionali Partecipazione finanziaria Con partner non istituz.li ,12 85, ,81 Con partner istituzionali ,96 2, ,09 Con partner misti ,12 0, Nessuno ,47 11, TOTALE ,67 100, ,90 Gli investimenti effettuati per la produzione dei nuovi servizi consistono principalmente nell adeguamento o realizzazione di locali, con una spesa di 13,2 M che rappresenta circa il 77,9 % del totale (cfr. tab. 6); la parte residua è stata destinata all acquisto o all adeguamento di macchinari, attrezzature e mezzi di trasporto, per 3,7 M. La produzione dei nuovi servizi comporta inoltre l assunzione di personale: in fase di predisposizione dei progetti è stato previsto che il numero dei nuovi addetti sia pari a 288, dei quali 206 donne (i lavoratori a tempo parziale vengono considerati in proporzione al tempo di lavoro). Nel periodo sono stati attivati 151 servizi (cfr. tab. 6) con fruitori, appartenenti sia alle categorie sensibili, che possono disporre di attività ricreative e, in misura minore, di attività formative, di aiuto sanitario, ecc., sia alle categorie deboli, cui sono rivolti, soprattutto, servizi di trasporto e di aiuto domestico. Pagina 5 di 12

6 Tabella 6 - Misura 9.4; periodo Investimento in beni capitali per tipo, in euro, e nuovi addetti fissi e stagionali. MACCHINARI, ATTREZZATURE, MEZZI DI TRASPORTO E LOCALI NUOVI ADDETTI Tipo di intervento n. progetti n. mezzi o locali Investimento % Tipo di rapporto di lavoro (1) Donne Uomini Totale Macchinari e attrezzature ,24 11,6 Fisso 156,5 62,0 218,5 Mezzi di trasporto ,72 10,4 Stagionale 49,5 20,0 69,5 Locali adeguati o realizzati ,72 77,9 TOTALE ,67 100,0 TOTALE 206,0 82,0 288,0 (1) I lavoratori a tempo parziale sono stati considerati in proporzione al tempo di lavoro. Tabella 7 - Misura 9.4; periodo Nuovi servizi attivati, per tipo, e numero di fruitori. FRUITORI CATEGORIE DEBOLI (2) CATEGORIE SENSIBILI SERVIZI ATTIVATI N. Disabili Anziani e anz. ni ni Disab. Giova- Bambi- Famiglie Totale % Totale % ALTRI (1) TOT. % Attività ricreative , , ,4 Micronidi e sostegno alla prima infanzia , , ,6 Formazione , , ,3 Aiuto sanitario , , ,8 Altre attività residenziali , , ,4 Telesoccorso , , ,7 Rapporti con la burocrazia , , ,5 Aiuto domestico , , ,0 Trasporto , , ,0 Turismo , , ,3 Altro , , ,0 TOTALE , , ,0 43,0 48,9 8,1 100,0 (1) Non specificati. (2) Nella colonna disabili e anziani sono considerati i fruitori deboli non ripartiti tra le due categorie in questione. Gestione delle risorse idriche in agricoltura (misura 9.6) La misura 9.6 promuove interventi per la riconversione e la ristrutturazione di opere di approvvigionamento, derivazione, accumulo e distribuzione idrica a livello interaziendale, al fine di gestire in modo ottimale tali risorse. I beneficiari sono enti pubblici e consorzi misti fra soggetti pubblici e privati, che possono ricevere un contributo fino al 100% della spesa ammissibile. Con gli 11 progetti realizzati sono stati effettuati interventi su 18,9 chilometri di reti di distribuzione e su vasche di accumulo per una capacità complessiva di 430 metri cubi (cfr. tab. 8). Tabella 8 - Misura 9.6; periodo Progetti realizzati e spese effettuate, in euro, per tipo. TIPO DI INVESTIMENTO Reti di distribuzione costruite o adeguate Vasche di accumulo costruite o adeguate In complesso n. progetti Lunghezza (metri) Investimento ( ) n. progetti Capacità (metri cubi) Investimento ( ) n. progetti Investimento ( ) , , ,84 % 88,8 % 11,2 % 100,0 Pagina 6 di 12

7 Sviluppo e miglioramento delle infrastrutture rurali connesse allo sviluppo dell agricoltura (misura 9.7) La misura 9.7 finanzia la realizzazione, il miglioramento e la manutenzione straordinaria di infrastrutture a favore della comunità rurale e per lo sviluppo dell agricoltura; in particolare, gli interventi riguardano le strade, gli acquedotti e gli elettrodotti rurali, nonché le infrastrutture di supporto all agriturismo (itinerari, percorsi attrezzati, punti di sosta o di ristoro, ecc.). I beneficiari sono enti pubblici e consorzi (tra privati o misti tra soggetti pubblici e privati); il contributo pubblico può arrivare a coprire fino al 100% delle spese ammissibili. Nella tabella 9 viene fornito il riepilogo relativo agli interventi effettuati. In totale, i progetti realizzati sono 159 e consistono principalmente, in 145 casi, nella costruzione o nel miglioramento di strade rurali, per una spesa pari a 17,2 M, che rappresenta il 92% del totale; il numero di km realizzati o migliorati è pari a 612 con utenti serviti. Inoltre, 7 progetti hanno consentito di realizzare o migliorare 17 Km di acquedotti che servono 600 utenti, con una spesa di 0,8 M, mentre con 6 progetti e una spesa di 0,4 M sono state realizzate strutture di servizio per 67 aziende agrituristiche, tra cui 143 km di sentieri o percorsi attrezzati. Tabella 9 - Misura 9.7, periodo ; Progetti realizzati ed investimento effettuato, in euro, per tipo di intervento. INTERVENTI REALIZZATI n. progetti n. interventi (2) km realizzati n. utenti serviti (1) Investimento % Spesa X km Strade rurali , ,47 92, Acquedotti rurali , ,27 4, Elettrodotti 1 1 3, ,00 1, Percorsi per agriturismo , ,34 2,1 TOTALE ,08 100,0 (1) Si intendono i residenti e non residenti proprietari di fondi o immobili nelle aree servite; per i percorsi agrituristici, il dato è riferito al numero di agriturismo serviti. Incentivazione di attività artigianali e turistiche (misura 9.8) La misura prevede l erogazione di aiuti alle imprese con l obiettivo di mantenere, valorizzare e sviluppare le attività artigianali e turistiche nelle zone rurali; è articolata in due interventi, il primo finalizzato all incentivazione delle attività artigianali (azione 9.8i) il secondo all incentivazione delle attività turistiche (azione 9.8ii). Il contributo può coprire fino al 40% dell investimento ammesso. Nella tabella 10 vengono forniti alcuni dati di riepilogo sugli interventi effettuati, per azione e per tipo di attività economica che ha beneficiato dei contributi. Nell ambito dell azione 9.8i (artigianato) sono stati realizzati 120 progetti, con un investimento complessivo pari a 6,4 M, che rappresentano il 19,4% del totale di misura; le imprese finanziate operano soprattutto nei settori alimentare e della cura alla persona. Nell ambito della azione 9.8ii (turismo) sono stati realizzati 144 progetti, con un investimento complessivo pari a 26,6 M, che rappresentano l 80,6% del totale; oltre metà delle imprese turistiche finanziate appartiene alla categoria degli alberghi, hotel e pensioni; rilevanti anche gli investimenti realizzati da affittacamere, bed and breackfast e residence. Il 59% della spesa complessiva ha finanziato interventi su 189 fabbricati, per 19,4 M. Per la realizzazione, l adeguamento o l acquisto di impianti e macchinari e per l acquisto di attrezzature sono stati spesi, rispettivamente, 7,7 M e 5,8 M ; nell ambito dell azione 9.8i sono state realizzate quasi esclusivamente queste ultime due tipologie di interventi, che rappresentano, nell ordine, il 67,9% e il 29,3% della spesa relativa. Nella tabella 11 è evidenziato il numero dei nuovi addetti previsto, in fase di predisposizione dei progetti, dopo la realizzazione degli interventi; i lavoratori a tempo parziale sono considerati in proporzione al tempo di lavoro. Il valore in questione è pari, complessivamente, a 421 unità, delle quali 318,5 nel settore turistico (dove ad ogni nuovo addetto corrisponde una spesa media di ) e 102,5 tra le imprese artigiane (dove ad ogni nuovo addetto corrisponde una spesa media di ). Una descrizione del tipo di attrezzature acquistate da 166 beneficiari è esposta nella tabella 12: in circa l 85% dei casi si tratta di arredi, in genere associati ad altre attrezzature specifiche per l esercizio delle varie attività; tra le attrezzature sono compresi anche i piccoli macchinari, come gli elettrodomestici. Pagina 7 di 12

8 Tabella 10 - Misura 9.8; periodo Progetti realizzati e relativo importo, in euro, per azione, attività del beneficiario e tipo di intervento effettuato. AZIONE 9.8i (ARTIGIANATO): ATTIVITA DEL BENEFICIARIO TIPO DI INTERVENTO Alimentari (forni, pasticc., ecc.) Cura persona (estetica, ecc.) Lavanderie n. n. (1) Investimento n. n. (1) Investimento n. n. (1) Investimento Fabbricati , , ,0 Impianti e macchinari , , ,0 Attrezzature , , ,7 IN COMPLESSO (2) , , ,7 % (3) 66,5 19,5 1,7 Tabella 10 (segue). AZIONE 9.8i (ARTIGIANATO): ATTIVITA DEL BENEFICIARIO TIPO DI INTERVENTO Foto / ottica Servizi informatici Altre attività artigianali n. n. (1) Investimento n. n. (1) Investimento n. n. (1) Investimento Fabbricati , , ,8 Impianti e macchinari ,4 0 0, ,8 Attrezzature , , ,2 IN COMPLESSO (2) , , ,9 % (3) 3,8 2,4 6,2 Tabella 10 (segue). TIPO DI INTERVENTO AZIONE 9.8ii (TURISMO) Alberghi, hotel, ecc. Affittacamere Bed & Breackfast Residence n. n. (1) Investimento n. n. (1) Investimento n. n. (1) Investimento n. n. (1) Investimento Fabbricati , , , ,9 Impianti e macchinari , , , ,1 Attrezzature , , , ,4 IN COMPLESSO (2) , , , ,3 % (3) 56,0 23,0 6,5 7,0 Tabella 10 (segue). AZIONE 9.8ii (TURISMO): ATTIVITA DEL BENEFICIARIO TIPO DI INTERVENTO Camping Ristoranti, osterie, ecc. Altre attività turistiche n. n. (1) Investimento n. n. (1) Investimento n. n. (1) Investimento Fabbricati , , ,1 Impianti e macchinari , , ,3 Attrezzature , , ,7 IN COMPLESSO (2) , , ,1 % (3) 1,8 0,9 4,7 Tabella 10 (segue). TIPO DI AZIONE 9.8i (ARTIGIANATO) AZIONE 9.8ii (TURISMO) MISURA 9.8 INTERVENTO n. n. (1) Investimento % n. n. (1) Investimento % n. n. (1) Investimento % Fabbricati ,1 2, ,6 72, ,7 58,9 Impianti e macchinari ,8 67, ,4 12, ,1 23,4 Attrezzature ,5 29, ,8 14, ,3 17,7 IN COMPLESSO (2) ,3 100, ,8 100, ,2 100,0 % 19,4 80,6 100,0 (1) Numero di fabbricati interessati dagli interventi. (2) il valore nella colonna numero è il totale dei progetti realizzati dalla specifica tipologia di beneficiari. (3) La percentuale è calcolata rispetto al totale dell azione. Pagina 8 di 12

9 Tabella 11 - Misura 9.8; periodo Progetti realizzati con previsione di nuovi addetti e relativo numero, per azione. AZIONE 9.8i (ARTIGIANATO) AZIONE 9.8ii (TURISMO) MISURA 9.8 (TOTALE) n. progetti n. addetti n. progetti n. addetti n. progetti n. addetti NUOVI ADDETTI (1) , , ,0 (1) I lavoratori a tempo parziale vengono considerati in proporzione al tempo di lavoro. Tabella 12 - Misura 9.8; periodo Attrezzature: numero di progetti per tipo di attrezzatura acquistata e di attività economica del beneficiario. AZIONE / ATTIVITA ECONOMICA DEL BENEFICIARIO Artigianato (9.8i) Turismo (9.8ii) TIPO DI ATTREZZATURE (1) Settore alimentare Cura della persona Lavanderie Foto / ottica Servizi Informatici Altre attività artig. Hotel, alberghi, ecc. Affittacamere Bed & breakfast Residence Camping Ristoranti, ecc Altre attività turistiche TOTALE Beneficiari con spese per attrezzature Arredi Biancheria Attrezzature per bagno Attrezzature per cucina Attrezzature per cura della persona Attrezzature informatiche Attrezzature per il personale Attrezzature per sport e attività ricreative Attrezzature Altre (1) Le attrezzature comprendono anche i piccoli macchinari, ad esempio elettrodomestici e simili. Ricostituzione del potenziale agricolo danneggiato da disastri naturali e strumenti di prevenzione (misura 9.10) La misura prevede interventi di recupero dell efficienza produttiva agricola su territori colpiti da calamità naturali. L unico intervento finanziato, realizzato in provincia di Firenze, è consistito nel reimpianto di un vigneto colpito dal "mal dell esca parassitario", con una spesa di e un contributo pubblico pari al 35% di tale importo. Mappe Nelle mappe che seguono viene rappresentata la distribuzione degli investimenti relativi alle misure 9.7 e 9.8 sui comuni del territorio regionale, graduati secondo l intensità in base al rapporto tra la spesa effettuata e la superficie comunale. Per le altre misure viene proposta un unica rappresentazione nella quale sono individuati i comuni dove è stato realizzato almeno un intervento. Pagina 9 di 12

10 Pagina 10 di 12

11 Pagina 11 di 12

12 Pagina 12 di 12

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE

AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: LA FATTORIA SOCIALE Milano, 18 novembre 2014 Alessandro Pezzotta Struttura Programmazione ed attuazione dello sviluppo rurale PSR 2014-2020: OBIETTIVI - priorità 1: stimolare

Dettagli

Adeguamento e sviluppo delle zone rurali

Adeguamento e sviluppo delle zone rurali Adeguamento e sviluppo delle zone rurali newsletter Agenzia regionale toscana per le erogazioni in agricoltura n. 11 - settembre 2005 Piano di Sviluppo Rurale Regolamento CE n. 1257/99 Promozione dell

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali ADRIATIC IONIAN INTIATIVE: SUSTAINABLE CHILD AND YOUTH TOURISM FOR RURAL DEVELOPMENT IN ADRIATIC- IONIAN REGION Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali International

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Le opportunità per le aziende agricole FINANZIAMENTI IN AGRICOLTURA FINANZIAMENTI COMUNITARI I PILASTRO Politica dei Mercati OCM PAC II PILASTRO Sviluppo rurale -

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA

Operazione b: REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE RICREATIVE CON SERVIZI DI PICCOLA RICETTIVITA FEASR ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento PSR 2007-2013 Regione Piemonte GAL Escartons e Valli Valdesi Programma di Sviluppo locale Fare impresa, fare sistema nel territorio delle

Dettagli

dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese.

dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese. dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese. 1. LʼOGGETTO PO FESR 2007-2013 Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.10, Titolo III Medie imprese ed ai Consorzi di PMI per Programmi

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012

Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012 PSR 2007-2013 Asse 4 Leader Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012 Lusia, 15 novembre 2011 Il PSL del GAL Polesine Adige PERCORSI RURALI

Dettagli

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana Consiglio Regionale della Toscana Valutazione delle politiche regionali Progetto di ricerca n. 2 Aprile 2008 a cura del Settore Analisi della Normazione. Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

GAL Oltrepo Mantovano Gruppo d azione locale oltrepò mantovano

GAL Oltrepo Mantovano Gruppo d azione locale oltrepò mantovano GAL Oltrepo Mantovano Gruppo d azione locale oltrepò mantovano Agricoltura e Ambiente Un binomio tra sostenibilità e produttività per migliorare lo sviluppo delle aree rurali dell oltrepòmantovano www.galoltrepomantovano.it

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 LA RETE TERRITORIALE DEI LABORATORI AZIENDALI PER GLI AUSILI DELLA REGIONE TOSCANA Marco Tagliaferri ISTITUZIONE, ATTIVAZIONE E SVILUPPO Settore Servizi alla Persona sul Territorio PSR 1999 2001 le aziende

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Incontro informativo su FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Sede di Nocera Frigor Srl - Via Soleto, Martano (Lecce) 8 novembre 2010 Antonio Nocera Nocera Frigor Srl Salvatore

Dettagli

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti:

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti: UTILIZZO della MISURA 311 del PSR MISURA 311 B ENERGIA - Azione 1 Sistemi Verdi e Biodiversita : Diversificazione delle attività agricole, realizzazione di attività con fonti di energia rinnovabili MISURA

Dettagli

ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento. PSR 2007-2013 Regione Piemonte

ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento. PSR 2007-2013 Regione Piemonte FEASR ALLEGATO A1 - Caratteristiche dell impresa e dell intervento PSR 2007-2013 Regione Piemonte GAL Escartons e Valli Valdesi Programma di Sviluppo locale Fare impresa, fare sistema nel territorio delle

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia: mission e obiettivi Invitalia è l Agenzia del Governo che ha l obiettivo di contribuire ad accrescere la competitività

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE VERSO ATTIVITA NON AGRICOLE

DIVERSIFICAZIONE VERSO ATTIVITA NON AGRICOLE MISURA 311 PSR 2007-20132013 FASE 4 DIVERSIFICAZIONE VERSO ATTIVITA NON AGRICOLE OBIETTIVI DELLA MISURA Promuovere gli investimenti finalizzati a diversificare le attività delle aziende agricole per incrementare

Dettagli

92 24.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 9 dicembre 2014, n. 1172

92 24.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 9 dicembre 2014, n. 1172 92 24.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 9 dicembre 2014, n. 1172 Approvazione bando finalizzato al finanziamento di progetti di investimento sociale e per l eliminazione

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

Newsletter Luglio 2014

Newsletter Luglio 2014 Newsletter Luglio 2014 Finanza Agevolata Notizie MACCHINARI E BENI STRUMENTALI GODRANNO DI UN CREDITO DI IMPOSTA DEL 15% Macchinari e beni strumentali godranno di un credito d imposta del 15% di cui però

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

Ordine degli Ingegneri di Taranto 22/07/2015. Centro Finanza Agevolata

Ordine degli Ingegneri di Taranto 22/07/2015. Centro Finanza Agevolata Ordine degli Ingegneri di Taranto 22/07/2015 Centro Finanza Agevolata GRIGLIA DELLE OPPORTUNITA CATEGORIA MISURE DISPONIBILI Start Up Prestito d onore Microimpresa NIDI Smart & Start Impresa operativa

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

LE VIE DELLA SERENISSIMA.

LE VIE DELLA SERENISSIMA. G.A.L. Antico Dogado Via C. Colombo, 4-30010 Lova di Campagna Lupia (VE) - Tel. 041 461157 Fax 041 5184086 mail: info@galdogado.it PEC: galdogado@pec.it www.galdogado.it C.F. 92152130289 Deliberazione

Dettagli

SDM Consulting s.a.s

SDM Consulting s.a.s TELESE, 10/01/2011 Gentili colleghi, CON L APERTURA DEL NUOVO ANNO LA REGIONE CAMPANIA, HA ATTIVATO UNA SERIE DI BANDI DI FINAZIAMENTI PER LE AZIENDE CHE RITENGO OPPORTUNO PORTARE ALLA VOSTRA CONOSCENZA.

Dettagli

MISURA 112 Insediamento Giovani. Pacchetto Giovani. Settore Valorizzazione dell imprenditoria agricola

MISURA 112 Insediamento Giovani. Pacchetto Giovani. Settore Valorizzazione dell imprenditoria agricola MISURA 112 Insediamento Giovani Agricoltori Pacchetto Giovani Settore Valorizzazione dell imprenditoria agricola IL CONTESTO Il problema dell invecchiamento, del ricambio generazionale e della qualificazione

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE Informativa Soggetti beneficiari: 1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio

Dettagli

- Società in accomandita semplice; - Associazione tra professionisti; - Società a responsabilità limitata.

- Società in accomandita semplice; - Associazione tra professionisti; - Società a responsabilità limitata. M I S U R A N I D I (N U O V E I N I Z I A T I V E D' I M P R E S A) G U I D E L I N E S studio Requisiti Soggettivi Nuova impresa o impresa costituita da meno di 6 mesi ed inattiva che, alla data di presentazione

Dettagli

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO Presidenza del Consiglio dei Ministr Dipartimento per i Diritti le Pari Opportun CALABRIA AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE

L OSSERVATORIO NAZIONALE L OSSERVATORIO NAZIONALE DELL AGRITURISMO Formulare proposte per la determinazione dei criteri di classificazione delle aziende agrituristiche secondo criteri omogenei per l intero territorio nazionale

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

I Farmer s market come strumento per una ulteriorecrescita delle vendite dirette dei prodotti agricoli dr.vilmer Poletti

I Farmer s market come strumento per una ulteriorecrescita delle vendite dirette dei prodotti agricoli dr.vilmer Poletti Reggio Emilia 28/05/08 I Farmer s market come strumento per una ulteriorecrescita delle vendite dirette dei prodotti agricoli dr.vilmer Poletti con la collaborazione di Davide Zaniboni Assessorato Agricoltura

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Luglio 2004 INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Agricoltura Piano di Sviluppo Rurale: Misure 1, 9.5, 9.8, 8.1, 8.2 2 OCM Vitivinicolo.3 Credito d imposta per l Agricoltura...3 Artigianato e

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Statistiche e Studi data di pubblicazione: 28 novembre periodo di riferimento: primo semestre

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE MISURA 431 Azione 2.b Informazione sull attività del GAL Attività di animazione

Dettagli

Fare Impresa. Ecco l alternativa. Massimo Calzoni Finanza e Impresa Promozione, Sviluppo e Marketing Roma, 06 marzo 2012

Fare Impresa. Ecco l alternativa. Massimo Calzoni Finanza e Impresa Promozione, Sviluppo e Marketing Roma, 06 marzo 2012 Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Fare Impresa Ecco l alternativa Massimo Calzoni Finanza e Impresa Promozione, Sviluppo e Marketing Roma, 06 marzo 2012

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

2 & 3 ZONA RURALE TUTELATA E TURISMO SOSTENIBILE:

2 & 3 ZONA RURALE TUTELATA E TURISMO SOSTENIBILE: UTILIZZO della MISURA 323 del PSR Sottomisura B Azione 2 & 3 ZONA RURALE TUTELATA E TURISMO SOSTENIBILE: valorizzazione e recupero del patrimonio testimonianza dell economia rurale E Azione 4 Il Piano

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

POR SARDEGNA 2000-2006 BANDI MISURA 4.13.C E MISURA 5.2

POR SARDEGNA 2000-2006 BANDI MISURA 4.13.C E MISURA 5.2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA 2000-2006 BANDI MISURA 4.13.C E MISURA 5.2 Slide presentate in occasione dell incontro pubblico di presentazione di bandi POR, tenutosi a Cagliari il 1 agosto

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli

I servizi educativi per l infanzia nel nuovo quadro regolamentare regionale

I servizi educativi per l infanzia nel nuovo quadro regolamentare regionale I servizi educativi per l infanzia nel nuovo quadro regolamentare regionale La mappatura dei servizi: le possibili applicazioni L'attività di monitoraggio permette di conoscere il quadro di realtà per

Dettagli

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Cagliari, T Hotel 10 giugno 2009 La cooperazione transfrontaliera All interno dell Obiettivo CTE, l intervento FESR

Dettagli

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione)

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Il sostegno agli investimenti è concesso unicamente ad aziende di provata redditività 1 mediante valutazione delle prospettive (cfr.

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6. Sviluppo delle imprese agricole e delle imprese SOTTOMISURA 6.1. SOSTEGNO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI Operazione 6.1.a - Incentivi per la costituzione

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Maria Luisa Bargossi Servizio Territorio Rurale DG Agricoltura 15 novembre 2010 Bologna Contenuti PSR e agroenergie Dalla politica energetica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE (PSL) DELL ALTO JONIO COSENTINO FEDERICO II : Un percorso tra storia, profumi e sapori Presentazione risultati di fine programmazione

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER CODICE MISURA: 133 TITOLO: Sostegno alle associazioni di produttori per attività di informazioni e promozione riguardo ai prodotti che rientrano nei sistemi di qualità alimentari CONTRIBUTO: 200.000,00

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA Che cos'è: Il Subentro in agricolturaè uno degli incentivi in favore dell autoimprenditorialità previsti dal Titolo I del Decreto 185/2000 con funzioni attribuite

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura

1. TITOLO DELLA MISURA : Gestione delle risorse idriche in agricoltura UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA PIANO DI SVILUPPO RURALE REGOLAMENTO CE 1257/1999 MISURA 9.6 Gestione delle risorse idriche in agricoltura Regolamento CE 445/02 lettera q PARTE I ADEMPIMENTI

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4

PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4 PO-FESR 2007-2013 Obiettivo Operativo 3.2.2 Linea di intervento 3.2.2.4 Azioni congiunte di tutela, sviluppo sostenibile e promozione imprenditoriale del sistema della Rete Ecologica Siciliana Premessa

Dettagli

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area programmazione strategica e socio-economica Servizio 2 - Programmazione strategica e comunitaria DOCUP Ob. 2 (2000-2006) Comitato di Sorveglianza del 12-13 dicembre

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 APERTURA TERMINI 2014 Prossime aperture regionali 1 Gli Obiettivi generali Promuovere lo sviluppo delle aree rurali COMPETITIVITA AGROAMBIENTE DIVERSIFICAZIONE

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Fidi Toscana è una società per azioni nata nel 1975 per iniziativa della Regione Toscana e delle principali banche operanti in Toscana

Fidi Toscana è una società per azioni nata nel 1975 per iniziativa della Regione Toscana e delle principali banche operanti in Toscana Fidi Toscana è una società per azioni nata nel 1975 per iniziativa della Regione Toscana e delle principali banche operanti in Toscana Fidi Toscana rappresenta in sostanza lo strumento operativo con il

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36 LEGGE REGIONALE 27 giugno 1988,n. 36 «Incentivi per l ammodernamento,potenziamento e qualificazione delle strutture ed infrastrutture turistiche in Lombardia». (B.U. 29 giugno 1988, n. 26, 2º suppl. ord.)

Dettagli

PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE

PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE Allegato parte integrante Criteri di coerenza per la selezione della progettualità privata ALLEGATO B) PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE CRITERI DI COERENZA PER LA SELEZIONE DELLA PROGETTUALITA

Dettagli

Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L.228 del 24dicembre 2012

Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L.228 del 24dicembre 2012 REGIONE TOSCANA Ordinanza del Commissario Delegato ai sensi dell'art. 1 comma 548 L.228 del 24dicembre 2012 Oggetto: Disposizioni per la concessione di agevolazioni a soggetti esercenti attività economiche

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

2.1 L andamento infortunistico

2.1 L andamento infortunistico 2.1 L andamento infortunistico Anche nel 2012, in Toscana, prosegue l andamento infortunistico in diminuzione. Infatti, le denunce di infortunio pervenute, ammontano a 53.286 casi con una differenza di

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE

ProgrammazioneUnitaria2014-2020. Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE ProgrammazioneUnitaria2014-2020 Creareopportunità dilavoro favorendolacompetitività delleimprese DIRETTIVE ATTUAZIONE INCENTIVI IMPRESE Stato attuazione procedure Programmazione Unitaria COMPETITIVITA

Dettagli

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia LE NOVITA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 INTRODUZIONE APPROCCIO PLURIFONDO FEASR - FEAMP INTRODUZIONE STRATEGIA AREE INTERNE

Dettagli

FININDUSTRIA srl Holding di partecipazione di Confindustria Taranto

FININDUSTRIA srl Holding di partecipazione di Confindustria Taranto Speciale - NIDI Nuove Iniziative D Impresa Regione Puglia PO FESR 2007 2013 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione Linea di intervento 6.1.5 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia

Dettagli

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015

PSR 2014-2020. Le novità. Bologna 22 maggio 2015 PSR 2014-2020 Le novità Bologna 22 maggio 2015 Le condizionalità Ex ante Reg. Ue 1303/2013 - Articolo 2 Definizioni 33) "condizionalità ex ante applicabile": rappresenta un pre- requisito per l'efficace

Dettagli

Nuovo N.I.D.I. direzione@riadapartners.com

Nuovo N.I.D.I. direzione@riadapartners.com Nuovo N.I.D.I. COS'E' NIDI Nidi è lo strumento con cui la Regione Puglia offre un aiuto per l'avvio di una nuova impresa con un contributo a fondo perduto e un prestito rimborsabile. L'obiettivo di Nidi

Dettagli