Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida"

Transcript

1 Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida a cura di Renato Pocaterra, Responsabile scientifico di Fondazione IARD Sonia Colombo, Ricercatore di Fondazione IARD Bruno Mondadori, Milano, 2007 Ragazzi al volante rappresenta il secondo volume di un esperienza di ricerca sulla sicurezza stradale realizzata da Fondazione IARD e da Zurich. Nel vasto mondo degli studi sulla sicurezza stradale in ambito giovanile, questo testo vuole dare un contributo originale nell osservazione del fenomeno: l esperienza pone in primo piano l influenza e la pressione sociale del gruppo dei pari al comportamento di guida. Perché un giovane, se guida in compagnia di adulti (genitori o altri) è solitamente attento e rigoroso, mentre se guida in compagnia di amici mette in atto comportamenti spericolati o inadeguati? Secondo la psicologia sociale questa differenza di comportamento si può spiegare con l emersione di differenti identità sociali: il ruolo del figlio - fautore di atteggiamenti allineati con i desiderata familiari (prudenza e rispetto delle regole) spesso lascia spazio al ruolo di pari che tende ad allinearsi a comportamenti aggressivi e temerari, messi in atti nel gruppo dei pari. In sostanza, l approccio di base consiste nel considerare l individuo non come unità unica e immodificabile, ma come la somma di molteplici identità sociali, che vengono adottate dal ragazzo stesso in funzione del gruppo di appartenenza e della situazione contingente. Il giovane è quindi figlio, studente, atleta, fidanzato o amico, a seconda del contesto in cui si trova e assume ruoli differenti, che possono accentuare alcune caratteristiche della personalità in funzione dell identità sociale che in quel momento emerge. Ecco quindi che si può essere affettuosi quando si è con la propria ragazza, ma aggressivi quando ci si diverte con gli amici, e ancora, servizievoli con i genitori, o sfrontati con gli insegnanti. È la consapevolezza di queste molteplici sfaccettature di un identità complessa e multipla, che rende l uomo, con l età, maturo ed equilibrato; tuttavia, questa apparente schizofrenia, che viene percepita come immaturità dal mondo degli adulti, risulta essere particolarmente attraente per adolescenti e giovani. Come accennato, tendenzialmente i ragazzi non possiedono una grande consapevolezza della complessità di questi cambiamenti ma, al contrario, attribuiscono questi comportamenti a caratteristiche della propria personalità, che credono di riconoscere e poter gestire. Su questo

2 presupposto si orienta l obiettivo fondamentale dell intervento proposto: far riconoscere al giovane la sua incapacità di gestire questi processi di cambiamento, delegittimando le sue convinzioni più profonde e portandolo a riflettere sui suoi errori. Per far questo il progetto ha sviluppato una serie di attività, tra le quali spicca per efficacia la tecnica del role playing, in cui i ragazzi selezionati hanno messo in scena situazioni tipo (come ad es. un sabato sera con gli amici), con ruoli assegnati dal conduttore: alcuni di loro dovevano recitare ruoli trasgressivi, altri ruoli orientati al rispetto delle regole, altri ancora erano ruoli neutri. Il dato emerso nel confronto con i giovani protagonisti è stata l incapacità di molti di essi nel controllare ed influire positivamente sulla dinamica di gruppo, costantemente condizionata dalla minoranza trasgressiva. Tale situazione ha permesso di provare un forte senso di frustrazione, legato all inefficacia nel contrastare i ruoli più aggressivi e all incapacità nel riconoscere che il potere di una minoranza spesso può orientare le decisioni personali e del resto del gruppo. Recitare se stessi in condizioni di situazioni tipo ha provocato un coinvolgimento emozionale molto forte, attivazione che ha reso efficace il percorso, ma che ha avuto difficoltà ad essere accettata: i giovani si sono arrabbiati per questa loro incapacità di orientare il gruppo a decisioni tese a prevenire le situazioni di pericolo su strada, hanno cercato tendenzialmente di attribuire a cause esterne il loro fallimento, non hanno accettato il fatto che essere coerenti con le proprie convinzioni spesso porta ad essere estromessi dal gruppo. Quest ultima soluzione è un costo eccessivamente alto da pagare per la gran parte dei giovani, che proprio per questo motivo tendono a modificare le proprie certezze a quella che sembra essere la decisione di gruppo, ma che - se analizzata in profondità si rileva solo l imposizione di una minoranza aggressiva. Sperimentato il disagio, legato all emozione negativa indotta dal role playing, il giovane cerca di elaborare le proprie sensazioni, individualmente e attraverso confronti di gruppo con gli amici più significativi. Inizia così la fase della dissemination, nella quale gli studenti selezionati per partecipare all esperienza raccontano, discutono, elaborano in gruppo quanto provato, mostrando agli amici e ai compagni di classe il filmato del gioco di ruolo messo in scena. In questa fase il protagonismo dei giovani viene esaltato e rende gli stessi partecipanti ancor più interessanti agli occhi dei compagni di classe. Il cambiamento degli atteggiamenti è garantito dall emersione di una nuova identità sociale, quella dell esperto in sicurezza stradale; la modifica dei comportamenti nella vita quotidiana è successiva e ha la tendenza a contagiare soprattutto quella maggioranza di ragazzi silenti che subiscono le pressioni sociali senza rendersi conto del potere di cambiamento posseduto. I dati del percorso Il percorso ha interessato 6 Istituti scolastici superiori delle province di Bergamo e Brescia (province ad alta incidentalità), coinvolgendo circa studenti appartenenti a 45 classi e 60 giovani selezionati in base alle loro doti di leadership sociale (30 maschi e 30 femmine, equidistribuiti per età tra i 14 e i 19 anni). I dati emersi dalla valutazione del percorso hanno rilevato una tendenziale modifica negli atteggiamenti dei giovani leader, in particolare: o riconoscimento dell influenza del gruppo dei pari nella messa in atto di condotte di guida a rischio (a fine percorso l 83% del campione dichiara di esserne consapevole); 2

3 o migliora la consapevolezza della messa in atto di comportamenti irresponsabili (in ordine alle situazioni ipotetiche presentate, si riduce ad esempio la percentuale dei giovani leader dal 31% al 21%); o aumenta l utilizzo dei dispositivi di sicurezza (dal 39% al 56%); o migliora la sensibilità al pericolo rappresentato dalla guida in stato d ebbrezza (si passa dal 19,6% al 33% circa di ragazzi che dicono di lasciar passare l effetto dell alcol dell amico che ha bevuto, prima di farsi accompagnare a casa dallo stesso). o buona diffusione delle informazioni acquisite (ogni leader ha contagiato otto compagni di classe). Infine, l analisi compiuta su ciascun giovane leader, durante tutto il processo, denota come più della metà del gruppo coinvolto, al termine del percorso, riconosca esplicitamente l influenza esercitata dal gruppo, manifestando maggiore criticità nell autovalutare il proprio livello di responsabilità alla guida: se nei primi incontri ritengono di essere conducenti prudenti e corretti e non denunciano situazioni di sofferenza legata a pressioni sociali, l autovalutazione che essi compiono al termine diviene più analitica nel leggere i segnali di dinamiche di gruppo potenzialmente pericolose. Metodologia Partendo dalle riflessioni e dalle sperimentazioni condotte in questi ultimi sette anni, fondate sulla convinzione che la guida rappresenti un comportamento sociale, si è strutturato un quadro di intervento che suddivide la complessità di tale comportamento in quattro dimensioni: nello specifico si è considerata la relazione che il soggetto alla guida ha con la percezione visiva e il proprio stato psicofisico, con il proprio stile di guida, con l ambiente di guida circostante e rispetto alla conoscenza e alla gestione del veicolo (Figura 1). Per questo motivo, nel 2003 Fondazione IARD e il gruppo Zurich hanno dato vita al progetto Guida la tua sicurezza Junior, ossia ad un modello pedagogico basato sull educazione alla guida sicura per adolescenti. Un modello che prevede quattro momenti formativi legati ai quattro ambiti di intervento sopra descritti e che si fonda sull approccio metodologico della peer education e dell action-research di Kurt Lewin. Figura 1: il modello completo di intervento Il percorso, presentato in una raccolta di volumi che sintetizzano i risultati emersi, si pone l obiettivo di modificare i comportamenti scorret-ti alla guida, dando valore soprat-tutto al protagonismo giovanile: gli adolescenti divengono i primi educatori di se stessi e degli altri. Il gruppo dei pari rappresenta lo spazio ideale per permettere al soggetto di prendere consapevo-lezza del fenomeno, attraverso informazioni corrette, centrate sulla sua persona e non veicolate dai processi di influenza sociale, che in questo settore possono contribuire ad aumentare le 3

4 situazioni di pericolo; il concetto stesso di abilità alla guida viene percepito come generalizzato: se tutti sono capaci di guidare, devo esserlo anch io. Sulla base di tali presupposti, si è deciso di scommettere sulla credibilità dei giovani stessi, accompagnando i giovani leader selezionati nel trasferire ai coetanei gli apprendimenti appresi durante un percorso di sperimentazione delle proprie abilità e delle proprie credenze strutturate in ordine alla guida. La novità di tale percorso è data dalla creazione di uno spazio di confronto tra pari, nel quale viene curata l emersione di un identità sociale (Sé sociale), diversa da quella di ruolo - assunta quando si assiste ad una lezione frontale ma legata all appartenenza al gruppo dei coetanei, grazie alla quale i ragazzi raccontano se stessi ed esplicitano quelli che poi diventeranno gli obiettivi del processo formativo. Il percorso si compone di quattro fasi: una fase esplorativa di emersione degli stereotipi in ordine al comportamento di guida una fase di destrutturazione del sistema di convinzioni stereotipate attraverso momenti di sperimentazione delle abilità, prendendo consapevolezza dei primi limiti e delle proprie risorse - una terza fase di ristrutturazione del sistema di valori nuovo grazie al confronto con l altro, che permette l elaborazione del confronto tra quanto fino ad ora creduto e quanto sperimentato fino ad arrivare ad un ultima fase di dissemination degli apprendimenti appresi attraverso il trasferimento ai coetanei di ciò che si è appreso e compreso di se stessi alla guida. Il modello è stato testato per la prima volta nel 2004 su un campione di 6 scuole del nord, centro e sud d Italia e si è focalizzato sul primo dei quattro pilastri della sicurezza stradale: la percezione visiva e lo stato psicofisico. I risultati emersi sono stati sintetizzati nel volume - POCATERRA R., (a cura di) Giovani e sicurezza stradale, Angeli, Milano, Nel volume Ragazzi al volante, qui presentato, viene descritta l esperienza compiuta nell anno scolastico 2005/2006, nella quale si affronta la dimensione degli stili di guida e, nello specifico, l influenza sociale del gruppo in particolare quale fattore che può incidere su atteggiamenti e comportamenti alla guida. Nei prossimi mesi verranno presentati i risultati dell esperienza 2006/07 condotta nel territorio della provincia di Alessandria, nella quale è stato affrontato il tema dell influenza dell ambiente sulla guida. I dati del cambiamento Primo approccio di analisi L analisi delle risposte fornite dagli studenti, invitati ad esprimere le loro impressioni relative all intervento di ricerca condotto, ha evidenziato indubbiamente come la sperimentazione sia stata in grado di innescare nelle figure coinvolte, direttamente e indirettamente, un processo di riflessione sul tema della sicurezza stradale ed un cambiamento nel comportamento tenuto alla guida. In particolare risulta che: - l 80,9% dei leader ha avuto modo di riflettere sul tema oggetto d indagine nel periodo intercorso fra le due compilazioni del questionario; 4

5 - la maggioranza dei compagni di classe dei leader è stata contagiata dai giovani protagonisti: il 62,3% degli studenti ha dichiarato di aver riflettuto sul tema della sicurezza stradale in seguito all intervento di ricerca-azione proposto (leggermente superiore sembra essere la percentuale del campione femminile, che nel 66% dei casi ha riportato di aver preso in esame il tema indagato); - ad essere stati contagiati dai leader nella messa in atto di una riflessione sul tema della sicurezza stradale sono stati soprattutto i giovanissimi. Al contrario, l effetto di contagio sembra decrescere al crescere della classe frequentata: si passa da una percentuale pari al 72,7%, riscontrata tra gli studenti della prima classe, ad una percentuale del 51,5% nei giovani del quinto anno (tabella 2). Tab. 2 Tra la compilazione del primo e del secondo questionario, quanto ritieni di aver riflettuto sul tema della sicurezza stradale? Distribuzione percentuale delle risposte per il totale del campione, i leader, il sesso e la classe frequentata Totale Leader Genere Classe M F I II III IV V Per nulla 7,1% 6,3% 9,8% 3,6% 8,0% 5,6% 6,9% 6,9% 8,1% Poco 30,6% 12,7% 31,4% 30,5% 19,3% 28,2% 30,6% 33,7% 40,3% Abbastanza 50,2% 46,0% 48,9% 51,5% 58,7% 53,3% 50,2% 48,2% 41,6% Molto 12,1% 34,9% 9,9% 14,4% 14,0% 13,0% 12,4% 11,2% 9,9% Totale 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% - tra la compilazione del primo e del secondo questionario, 1 giovane su 4 ha dichiarato di aver modificato molto/abbastanza il proprio comportamento alla guida (grafico 3). In particolare, all interno del gruppo dei leader, un intervistato su tre sostiene di avere apportato modifiche alle proprie modalità di condurre i veicoli a motore, a seguito dell intervento di ricerca sperimentato. Tale dato, particolarmente positivo ed interessante, sembra confermare il punteggio relativo all indicatore di rispetto delle regole, che risulta in effetti essere aumentato nel passaggio dalla prima alla seconda somministrazione del questionario (da 7,59/10 a 7,70/10), a testimonianza di un reale processo di cambiamento, avvenuto in termini di maggior rispetto delle regole del codice stradale, da parte dei leader coinvolti nel progetto di sperimentazione; 5

6 Grafico 3: Tra la compilazione del primo e del secondo questionario, quanto ritieni di aver modificato il tuo comportamento alla guida? % Molto/Abbastanza 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 25,1 36,1 22,3 29,6 30,1 22,7 0,0 Totale Leader M F Biennio Triennio - ad evidenziare le modifiche al proprio comportamento di guida sono soprattutto il campione femminile e quello dei giovani frequentanti il biennio (il 29,6% delle giovani contro il 22,3% dei maschi ed il 30,1% degli studenti del primo e del secondo anno contro il 22,7% dei giovani frequentanti il triennio). Complessivamente è possibile rilevare come l intervento proposto abbia non solo fatto riflettere gran parte dei giovani coinvolti sul tema della sicurezza stradale, ma abbia anche indotto cambiamenti significativi nella messa in atto di modifiche ai comportamenti di guida adottati. E inoltre doveroso evidenziare come nuovamente siano stati soprattutto i giovanissimi a comunicare il loro cambiamento nello stile di guida. Tale risultato, è indubbiamente molto interessante, considerando che, come detto più volte, i lavori di ricerca condotti negli ultimi anni evidenziano la necessità di proporre un modello di prevenzione dei comportamenti di guida a rischio in grado di coinvolgere efficacemente soprattutto il target dei giovanissimi. È inoltre possibile evidenziare come il confronto verbale (focus group), oltre ad essere risultata la fase più stimolante, è stata anche la forma privilegiata e più utilizzata dagli stessi, in qualità di peer educator, per diffondere i contenuti appresi durante il progetto. A tal proposito, è interessante sottolineare come la gran parte dei leader si sia confrontata, in merito ai contenuti appresi, prevalentemente con i propri amici e i propri compagni di scuola (con questi ultimi si fa riferimento alla totalità del campione), mentre è possibile evidenziare che il confronto con i propri familiari è stato meno frequente e ancor più rare sono state le discussioni relative all esperienza fatta condivise con i propri insegnanti (lo ha fatto solamente il 9,3% dei leader maschi e il 20% delle leader femmine). Complessivamente, tale dato sembra confermare come i giovani leader siano stati in grado di ricoprire il loro ruolo di peer educator, ed evidenzia come la figura adulta non sia stata particolarmente coinvolta dagli stessi giovani protagonisti. Da quanto emerso attraverso la somministrazione del secondo questionario, la proiezione del role playing condivisa con i compagni di scuola dei leader è risultata essere un momento particolarmente significativo ed efficace. È stato possibile confermare come la gran parte dei giovani viva, in prima persona, la messa in atto di 6

7 comportamenti di guida pericolosi e scorretti. Il role playing giocato dai leader ha dato origine, nella maggioranza dei casi, ad evidenti dinamiche d influenza, in cui i ruoli aggressivi hanno sovrastato prepotentemente i ruoli tendenzialmente più equilibrati, portando la scena rappresentata ad assumere caratteri di pericolo e di devianza. Tale aspetto non sembra però aver stupito il pubblico di spettatori che, al contrario, ha tendenzialmente ritrovato all interno della stessa elementi appartenenti alla vita d ogni giorno. La riflessione che emerge da tali dati è immediata: l estrema facilità con cui i giovani tendono a riconoscere situazioni a rischio in cui sono spesso coinvolti evidenzia la necessità di intervenire attraverso azioni di prevenzione efficaci, che possano arginare le continue stragi che si verificano sulle strade. Dal punto di vista metodologico, l analisi degli strumenti utilizzati conferma che la condivisione del filmato, i cui protagonisti sono stati i giovani leader, si è rivelato uno strumento efficace, in grado di contagiare il gruppo dei pari in modo coinvolgente e diretto: in linea con i principi dell approccio di peer education, è stato possibile aumentare, da un lato, il senso di autoefficacia dei leader, nonché la predisposizione dei compagni di scuola ad accogliere il messaggio sotteso alla condivisione del filmato. Secondo approccio di analisi Attraverso il secondo approccio d analisi (tabella 4), è stato possibile effettuare un confronto fra le risposte fornite dai giovani leader e dai loro compagni di classe, alle domande rimaste identiche sia nel primo che nel secondo questionario somministrato al termine del percorso, evidenziando in tal modo eventuali modifiche messe in atto dagli stessi, a seguito della sperimentazione del modulo formativo. Tabella 4: selezione di alcune domande sul rispetto di determinate norme del codice della strada. Legenda: P= pari; L= leader Quando viaggi in auto come passeggero con i tuoi genitori utilizzi le cinture di sicurezza? Qual è la motivazione che ti induce ad utilizzare i dispositivi di sicurezza? Se fossi sicuro di non andare incontro a nessun tipo di sanzione useresti i dispositivi di sicurezza? I somministr. II somministr. differenza P L P L P L % sì sempre 37,7 39,2 46,6 55,8 +8,9 +16,6 % maggior 43,1 46,2 46,7 64,7 +3,6 +18,5 sicurezza e tranquillità % sì sempre 39,3 40, ,1 +2,7 +7,7 Immagina che stai andando ad una festa e sei in macchina con quattro amici, tu sei alla guida e siete in terribile ritardo... che fai? Immagina di essere in discoteca. E tardi e devi tornare a casa perché i tuoi genitori ti aspettano,ma l unico amico che possiede la patente ha bevuto troppi alcolici Che cosa fai? A volte si mettono in atto comportamenti rischiosi alla guida per dimostrare la propria forza agli amici Il conducente di un veicolo è maggiormente portato ad infrangere il codice della strada quando ha assunto alcolici e/o sostanze stupefacenti % accelero superando il limite di velocità % aspetto che al mio amico passi l'effetto dell'alcol % fortemente/ abbastanza d'accordo % fortemente/ abbastanza d'accordo 35,7 30,8 31,8 21,2 +3,9 +9,6 15,3 19,6 17,2 32,7 +1,9 +13,1 78,3 73,1 78,3 82, ,6 83,8 75, ,6 +1,2 +9,6 7

8 Complessivamente, il confronto fra le due somministrazioni ha messo in evidenza come, in tutte le domande si sia riscontrata una crescita più o meno intensa nella percentuale di risposte responsabili fornite dai giovani intervistati. In altre parole, al termine del percorso di sperimentazione, risulta essere aumentato il numero di giovani che sostiene di mettere in atto comportamenti alla guida adeguati e rispettosi del codice stradale. In particolare tale crescita è risultata essere nettamente più consistente all interno della sottopopolazione dei leader, che hanno evidenziato al termine del percorso: Complessivamente, risulta interessante evidenziare come il lavoro effettuato abbia messo in rilievo da parte dei giovani leader un discreto grado di cambiamento nelle condotte di guida messe in atto: essi evidenziano, come già confermato, un atteggiamento decisamente più responsabile e attento nell utilizzo dei dispositivi di sicurezza, così come nel riconoscimento dell influenza e della pressione sociale esercitata dai pari, ma esprimono anche una maggiore attenzione verso il pericolo connesso al consumo di sostanze alcoliche e stupefacenti associato alla guida ed, infine, un maggior controllo di una delle principali cause da loro attribuite all incidentalità stradale: la velocità. In modo più contenuto, ma pur sempre efficace, anche il gruppo dei pari risulta essere stato contagiato dai leader di riferimento nella messa in atto di atteggiamenti alla guida più prudenti ed accorti: questo dato evidenzia come la dissemination dei contenuti appresi dai giovani leader sia stata adeguata, testimoniando l efficacia del modello di prevenzione proposto, centrato sulla valorizzazione del protagonismo dei giovani leader nella diffusione dell informazione ai pari. Terzo approccio di analisi Il terzo livello di confronto, che si configura come il più analitico poiché basato sui cambiamenti avvenuti a livello individuale in ciascun leader, è stato effettuato confrontando longitudinalmente per ciascun giovane protagonista alcune delle risposte fornite all interno della prima somministrazione del questionario con quelle rilevate al termine del percorso. Per ogni studente si sono volute verificare eventuali modifiche messe in atto nei comportamenti di guida, facendo riferimento a due differenti aspetti: il rispetto delle regole (ottenuto confrontando il punteggio conseguito all interno dell indicatore di rispetto delle regole ) ed il grado di consapevolezza della pressione sociale esercitata dai pari. Le differenze così emerse tra i punteggi ottenuti da ciascun leader nella due somministrazioni, hanno permesso di sottolineare il miglioramento, manifestato da ognuno dei partecipanti, nella messa in atto di comportamenti di guida più adeguati e rispettosi del codice stradale 1. Partendo da tali presupposti il confronto quantitativo fra i dati rilevati ha evidenziato come: - più di un terzo del campione di leader abbia manifestato al termine del percorso un netto aumento nel punteggio riferito al rispetto delle regole stradali: il 38,5% degli 1 Sono stati definiti due livelli di cambiamento: un leggero aumento (o diminuzione) nel punteggio per differenze pari ad un unità, e un netto aumento (o peggioramento) per differenze di due unità o più. 8

9 stessi riferisce di aver migliorato il rispetto del codice stradale, così come il 17,3% registra un netto aumento relativo alla modifica del proprio atteggiamento di guida; - più della metà del campione dei giovani protagonisti riconosce l influenza esercitata dal gruppo dei pari, attribuendo agli item contenuti nel questionario, atti a misurare la consapevolezza del fenomeno indagato, un alto grado d accordo; - i giovani leader tendono ad autovalutare in maniera decisamente più critica il proprio livello di responsabilità alla guida (è stato registrato uno scarto negativo del 6,7%). Tale visione, decisamente più critica, va però vista in un ottica di consapevolezza dei propri limiti: se nella prima rilevazione il 70% dei leader che avevano conseguito un punteggio insufficiente in merito al rispetto alle regole si riteneva responsabile, nella seconda rilevazione tale quota è scesa al 30%. Essi sembrano, cioè, avere messo in atto due tipologie d atteggiamento differenti, entrambe significative: i giovani protagonisti riconoscono - al termine del percorso - il grado d influenza che il gruppo dei pari può agire nei comportamenti di guida, riflettendo una maggior predisposizione nell individuare i segnali di una dinamica di gruppo potenzialmente pericolosa; inoltre evidenziano una maggior criticità nell attribuire al proprio stile di guida caratteri di responsabilità. Entrambi gli aspetti sono attribuibili al processo di cambiamento avvenuto durante l intervento di sperimentazione: i giovani leader esprimono una migliore capacità di lettura del fenomeno indagato, rispetto a quanto evidenziato all inizio del percorso, nonché un maggior grado di responsabilità nell attribuire a se stessi stili di guida inadeguati. 9

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

L orientamento e il ruolo del tutor. La peer education. Progetto PEER EDUCATION RAFAELLA TONFI 1

L orientamento e il ruolo del tutor. La peer education. Progetto PEER EDUCATION RAFAELLA TONFI 1 L orientamento e il ruolo del tutor La peer education RAFAELLA TONFI 1 La peer education Per lo studente tutor: Partecipazione attiva alla vita della scuola Conoscenza delle dinamiche organizzative della

Dettagli

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Dal 26 Ottobre al 13 Dicembre è stato realizzato in alcune classi terze dell Istituto il

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli www.centroap.it Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli TEST DI RIUSCITA SCOLASTICA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO svolto sul sito del Centro AP www.orientastudenti.it

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS CONEGLIANO, 19 OTTOBRE 2012 E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS Bolzonello Igor & Massimo Santinello -Il progetto P.A.A.S.S. è la conseguenza

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

Giornata Europea sulla Depressione

Giornata Europea sulla Depressione Giornata Europea sulla Depressione Giornate europee sulla Depressione: ottobre 2011 Programma Titolo Progetto Mandato di Ricerca internazionale Depressione: identikit & arresto! Convegno sulla solitudine

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI SERVIZIO DI MEDIAZIONE SCOLASTICA PLUS SARCIDANO E BARBAGIA DI SEULO Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI Classe 2 A Area supporto sociale e familismo Comprende gli item da

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

PROMECO SERT- AUSL FERRARA

PROMECO SERT- AUSL FERRARA PROMECO Promeco è un servizio pubblico gestito congiuntamente da Comune e Azienda Usl di Ferrara in un rapporto di convenzione con la Provincia di Ferrara. Progetta e svolge interventi educativi con tutte

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE

LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE Dipartimento di Psicologia Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE Emanuela CALANDRI, Federica GRAZIANO Laboratorio Regionale Pensare

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 Abilità alunni Attività insegnante Attività alunno A. LEGGERE AD ALTA VOCE 1. Riattivare le competenze acquisite di lettura

Dettagli

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO Obiettivi generali del progetto sono: Rinforzare le abilità personali utilizzando metodologie che

Dettagli

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale.

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale. Master in Social pedagogy and fight against youth violence Doposcuola popolare nel Quartiere Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale di SILVIA BOSI S.Fereolo di Lodi Piano

Dettagli

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA OBIETTIVI DELLO STUDIO Analizzare la percezione del rischio di incidente stradale di un campione di giovani prima

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante Che cosa può rendere felice la società? Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Immaginare diverse modalità di risoluzione dei problemi. - Dare risposte originali.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

VIVI LA NOTTE. Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE. 20 marzo 2008 AVIGLIANA. 22 aprile 2008 BEINASCO

VIVI LA NOTTE. Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE. 20 marzo 2008 AVIGLIANA. 22 aprile 2008 BEINASCO Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE 20 marzo 2008 AVIGLIANA 22 aprile 2008 BEINASCO VIVI LA NOTTE E un progetto attivo dal settembre 2006. Gestito dalla Cooperativa Sociale ESSERCI e finanziato

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione.

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione. QUESTIONARIO SULL EFFICACIA E FLESSIBILITA DELLA LEADERSHIP Di Paul Hersey e Kenneth Blanchard ISTRUZIONI Si presume che Lei sia coinvolto in ognuna delle seguenti 12 situazioni. Legga attentamente ogni

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO Prima rilevazione nell istituto comprensivo Virgilio di Roma a cura di Pietro Lucisano Università degli studi di Roma La Sapienza, con la collaborazione di Emiliane

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SIMONE DA CORBETTA PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 1 Introduzione Il progetto accoglienza nasce dalla convinzione che i primi mesi di lavoro

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 PROGETTO TUTOR IN COLLABORAZIONE CON LA A.S.L. ROMA B FINANZIATO DAL COMUNE DI ROMA L. 285/97 Responsabile del

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BREMBATE SOPRA - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FERRUCCIO DELL ORTO OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI CLASSI PRIME SOCIALIZZAZIONE - PARTECIPAZIONE Primo quadrimestre Si pone nella

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

6 Maggio 2006. Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale

6 Maggio 2006. Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale 6 Maggio 2006 Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale Promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale Motivazioni dell attività Il progetto

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Allegato 1: Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Premessa Il video didattico Noi due del sud offre una istantanea sul bullismo nella scuola media inferiore,

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli