Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida"

Transcript

1 Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida a cura di Renato Pocaterra, Responsabile scientifico di Fondazione IARD Sonia Colombo, Ricercatore di Fondazione IARD Bruno Mondadori, Milano, 2007 Ragazzi al volante rappresenta il secondo volume di un esperienza di ricerca sulla sicurezza stradale realizzata da Fondazione IARD e da Zurich. Nel vasto mondo degli studi sulla sicurezza stradale in ambito giovanile, questo testo vuole dare un contributo originale nell osservazione del fenomeno: l esperienza pone in primo piano l influenza e la pressione sociale del gruppo dei pari al comportamento di guida. Perché un giovane, se guida in compagnia di adulti (genitori o altri) è solitamente attento e rigoroso, mentre se guida in compagnia di amici mette in atto comportamenti spericolati o inadeguati? Secondo la psicologia sociale questa differenza di comportamento si può spiegare con l emersione di differenti identità sociali: il ruolo del figlio - fautore di atteggiamenti allineati con i desiderata familiari (prudenza e rispetto delle regole) spesso lascia spazio al ruolo di pari che tende ad allinearsi a comportamenti aggressivi e temerari, messi in atti nel gruppo dei pari. In sostanza, l approccio di base consiste nel considerare l individuo non come unità unica e immodificabile, ma come la somma di molteplici identità sociali, che vengono adottate dal ragazzo stesso in funzione del gruppo di appartenenza e della situazione contingente. Il giovane è quindi figlio, studente, atleta, fidanzato o amico, a seconda del contesto in cui si trova e assume ruoli differenti, che possono accentuare alcune caratteristiche della personalità in funzione dell identità sociale che in quel momento emerge. Ecco quindi che si può essere affettuosi quando si è con la propria ragazza, ma aggressivi quando ci si diverte con gli amici, e ancora, servizievoli con i genitori, o sfrontati con gli insegnanti. È la consapevolezza di queste molteplici sfaccettature di un identità complessa e multipla, che rende l uomo, con l età, maturo ed equilibrato; tuttavia, questa apparente schizofrenia, che viene percepita come immaturità dal mondo degli adulti, risulta essere particolarmente attraente per adolescenti e giovani. Come accennato, tendenzialmente i ragazzi non possiedono una grande consapevolezza della complessità di questi cambiamenti ma, al contrario, attribuiscono questi comportamenti a caratteristiche della propria personalità, che credono di riconoscere e poter gestire. Su questo

2 presupposto si orienta l obiettivo fondamentale dell intervento proposto: far riconoscere al giovane la sua incapacità di gestire questi processi di cambiamento, delegittimando le sue convinzioni più profonde e portandolo a riflettere sui suoi errori. Per far questo il progetto ha sviluppato una serie di attività, tra le quali spicca per efficacia la tecnica del role playing, in cui i ragazzi selezionati hanno messo in scena situazioni tipo (come ad es. un sabato sera con gli amici), con ruoli assegnati dal conduttore: alcuni di loro dovevano recitare ruoli trasgressivi, altri ruoli orientati al rispetto delle regole, altri ancora erano ruoli neutri. Il dato emerso nel confronto con i giovani protagonisti è stata l incapacità di molti di essi nel controllare ed influire positivamente sulla dinamica di gruppo, costantemente condizionata dalla minoranza trasgressiva. Tale situazione ha permesso di provare un forte senso di frustrazione, legato all inefficacia nel contrastare i ruoli più aggressivi e all incapacità nel riconoscere che il potere di una minoranza spesso può orientare le decisioni personali e del resto del gruppo. Recitare se stessi in condizioni di situazioni tipo ha provocato un coinvolgimento emozionale molto forte, attivazione che ha reso efficace il percorso, ma che ha avuto difficoltà ad essere accettata: i giovani si sono arrabbiati per questa loro incapacità di orientare il gruppo a decisioni tese a prevenire le situazioni di pericolo su strada, hanno cercato tendenzialmente di attribuire a cause esterne il loro fallimento, non hanno accettato il fatto che essere coerenti con le proprie convinzioni spesso porta ad essere estromessi dal gruppo. Quest ultima soluzione è un costo eccessivamente alto da pagare per la gran parte dei giovani, che proprio per questo motivo tendono a modificare le proprie certezze a quella che sembra essere la decisione di gruppo, ma che - se analizzata in profondità si rileva solo l imposizione di una minoranza aggressiva. Sperimentato il disagio, legato all emozione negativa indotta dal role playing, il giovane cerca di elaborare le proprie sensazioni, individualmente e attraverso confronti di gruppo con gli amici più significativi. Inizia così la fase della dissemination, nella quale gli studenti selezionati per partecipare all esperienza raccontano, discutono, elaborano in gruppo quanto provato, mostrando agli amici e ai compagni di classe il filmato del gioco di ruolo messo in scena. In questa fase il protagonismo dei giovani viene esaltato e rende gli stessi partecipanti ancor più interessanti agli occhi dei compagni di classe. Il cambiamento degli atteggiamenti è garantito dall emersione di una nuova identità sociale, quella dell esperto in sicurezza stradale; la modifica dei comportamenti nella vita quotidiana è successiva e ha la tendenza a contagiare soprattutto quella maggioranza di ragazzi silenti che subiscono le pressioni sociali senza rendersi conto del potere di cambiamento posseduto. I dati del percorso Il percorso ha interessato 6 Istituti scolastici superiori delle province di Bergamo e Brescia (province ad alta incidentalità), coinvolgendo circa studenti appartenenti a 45 classi e 60 giovani selezionati in base alle loro doti di leadership sociale (30 maschi e 30 femmine, equidistribuiti per età tra i 14 e i 19 anni). I dati emersi dalla valutazione del percorso hanno rilevato una tendenziale modifica negli atteggiamenti dei giovani leader, in particolare: o riconoscimento dell influenza del gruppo dei pari nella messa in atto di condotte di guida a rischio (a fine percorso l 83% del campione dichiara di esserne consapevole); 2

3 o migliora la consapevolezza della messa in atto di comportamenti irresponsabili (in ordine alle situazioni ipotetiche presentate, si riduce ad esempio la percentuale dei giovani leader dal 31% al 21%); o aumenta l utilizzo dei dispositivi di sicurezza (dal 39% al 56%); o migliora la sensibilità al pericolo rappresentato dalla guida in stato d ebbrezza (si passa dal 19,6% al 33% circa di ragazzi che dicono di lasciar passare l effetto dell alcol dell amico che ha bevuto, prima di farsi accompagnare a casa dallo stesso). o buona diffusione delle informazioni acquisite (ogni leader ha contagiato otto compagni di classe). Infine, l analisi compiuta su ciascun giovane leader, durante tutto il processo, denota come più della metà del gruppo coinvolto, al termine del percorso, riconosca esplicitamente l influenza esercitata dal gruppo, manifestando maggiore criticità nell autovalutare il proprio livello di responsabilità alla guida: se nei primi incontri ritengono di essere conducenti prudenti e corretti e non denunciano situazioni di sofferenza legata a pressioni sociali, l autovalutazione che essi compiono al termine diviene più analitica nel leggere i segnali di dinamiche di gruppo potenzialmente pericolose. Metodologia Partendo dalle riflessioni e dalle sperimentazioni condotte in questi ultimi sette anni, fondate sulla convinzione che la guida rappresenti un comportamento sociale, si è strutturato un quadro di intervento che suddivide la complessità di tale comportamento in quattro dimensioni: nello specifico si è considerata la relazione che il soggetto alla guida ha con la percezione visiva e il proprio stato psicofisico, con il proprio stile di guida, con l ambiente di guida circostante e rispetto alla conoscenza e alla gestione del veicolo (Figura 1). Per questo motivo, nel 2003 Fondazione IARD e il gruppo Zurich hanno dato vita al progetto Guida la tua sicurezza Junior, ossia ad un modello pedagogico basato sull educazione alla guida sicura per adolescenti. Un modello che prevede quattro momenti formativi legati ai quattro ambiti di intervento sopra descritti e che si fonda sull approccio metodologico della peer education e dell action-research di Kurt Lewin. Figura 1: il modello completo di intervento Il percorso, presentato in una raccolta di volumi che sintetizzano i risultati emersi, si pone l obiettivo di modificare i comportamenti scorret-ti alla guida, dando valore soprat-tutto al protagonismo giovanile: gli adolescenti divengono i primi educatori di se stessi e degli altri. Il gruppo dei pari rappresenta lo spazio ideale per permettere al soggetto di prendere consapevo-lezza del fenomeno, attraverso informazioni corrette, centrate sulla sua persona e non veicolate dai processi di influenza sociale, che in questo settore possono contribuire ad aumentare le 3

4 situazioni di pericolo; il concetto stesso di abilità alla guida viene percepito come generalizzato: se tutti sono capaci di guidare, devo esserlo anch io. Sulla base di tali presupposti, si è deciso di scommettere sulla credibilità dei giovani stessi, accompagnando i giovani leader selezionati nel trasferire ai coetanei gli apprendimenti appresi durante un percorso di sperimentazione delle proprie abilità e delle proprie credenze strutturate in ordine alla guida. La novità di tale percorso è data dalla creazione di uno spazio di confronto tra pari, nel quale viene curata l emersione di un identità sociale (Sé sociale), diversa da quella di ruolo - assunta quando si assiste ad una lezione frontale ma legata all appartenenza al gruppo dei coetanei, grazie alla quale i ragazzi raccontano se stessi ed esplicitano quelli che poi diventeranno gli obiettivi del processo formativo. Il percorso si compone di quattro fasi: una fase esplorativa di emersione degli stereotipi in ordine al comportamento di guida una fase di destrutturazione del sistema di convinzioni stereotipate attraverso momenti di sperimentazione delle abilità, prendendo consapevolezza dei primi limiti e delle proprie risorse - una terza fase di ristrutturazione del sistema di valori nuovo grazie al confronto con l altro, che permette l elaborazione del confronto tra quanto fino ad ora creduto e quanto sperimentato fino ad arrivare ad un ultima fase di dissemination degli apprendimenti appresi attraverso il trasferimento ai coetanei di ciò che si è appreso e compreso di se stessi alla guida. Il modello è stato testato per la prima volta nel 2004 su un campione di 6 scuole del nord, centro e sud d Italia e si è focalizzato sul primo dei quattro pilastri della sicurezza stradale: la percezione visiva e lo stato psicofisico. I risultati emersi sono stati sintetizzati nel volume - POCATERRA R., (a cura di) Giovani e sicurezza stradale, Angeli, Milano, Nel volume Ragazzi al volante, qui presentato, viene descritta l esperienza compiuta nell anno scolastico 2005/2006, nella quale si affronta la dimensione degli stili di guida e, nello specifico, l influenza sociale del gruppo in particolare quale fattore che può incidere su atteggiamenti e comportamenti alla guida. Nei prossimi mesi verranno presentati i risultati dell esperienza 2006/07 condotta nel territorio della provincia di Alessandria, nella quale è stato affrontato il tema dell influenza dell ambiente sulla guida. I dati del cambiamento Primo approccio di analisi L analisi delle risposte fornite dagli studenti, invitati ad esprimere le loro impressioni relative all intervento di ricerca condotto, ha evidenziato indubbiamente come la sperimentazione sia stata in grado di innescare nelle figure coinvolte, direttamente e indirettamente, un processo di riflessione sul tema della sicurezza stradale ed un cambiamento nel comportamento tenuto alla guida. In particolare risulta che: - l 80,9% dei leader ha avuto modo di riflettere sul tema oggetto d indagine nel periodo intercorso fra le due compilazioni del questionario; 4

5 - la maggioranza dei compagni di classe dei leader è stata contagiata dai giovani protagonisti: il 62,3% degli studenti ha dichiarato di aver riflettuto sul tema della sicurezza stradale in seguito all intervento di ricerca-azione proposto (leggermente superiore sembra essere la percentuale del campione femminile, che nel 66% dei casi ha riportato di aver preso in esame il tema indagato); - ad essere stati contagiati dai leader nella messa in atto di una riflessione sul tema della sicurezza stradale sono stati soprattutto i giovanissimi. Al contrario, l effetto di contagio sembra decrescere al crescere della classe frequentata: si passa da una percentuale pari al 72,7%, riscontrata tra gli studenti della prima classe, ad una percentuale del 51,5% nei giovani del quinto anno (tabella 2). Tab. 2 Tra la compilazione del primo e del secondo questionario, quanto ritieni di aver riflettuto sul tema della sicurezza stradale? Distribuzione percentuale delle risposte per il totale del campione, i leader, il sesso e la classe frequentata Totale Leader Genere Classe M F I II III IV V Per nulla 7,1% 6,3% 9,8% 3,6% 8,0% 5,6% 6,9% 6,9% 8,1% Poco 30,6% 12,7% 31,4% 30,5% 19,3% 28,2% 30,6% 33,7% 40,3% Abbastanza 50,2% 46,0% 48,9% 51,5% 58,7% 53,3% 50,2% 48,2% 41,6% Molto 12,1% 34,9% 9,9% 14,4% 14,0% 13,0% 12,4% 11,2% 9,9% Totale 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% - tra la compilazione del primo e del secondo questionario, 1 giovane su 4 ha dichiarato di aver modificato molto/abbastanza il proprio comportamento alla guida (grafico 3). In particolare, all interno del gruppo dei leader, un intervistato su tre sostiene di avere apportato modifiche alle proprie modalità di condurre i veicoli a motore, a seguito dell intervento di ricerca sperimentato. Tale dato, particolarmente positivo ed interessante, sembra confermare il punteggio relativo all indicatore di rispetto delle regole, che risulta in effetti essere aumentato nel passaggio dalla prima alla seconda somministrazione del questionario (da 7,59/10 a 7,70/10), a testimonianza di un reale processo di cambiamento, avvenuto in termini di maggior rispetto delle regole del codice stradale, da parte dei leader coinvolti nel progetto di sperimentazione; 5

6 Grafico 3: Tra la compilazione del primo e del secondo questionario, quanto ritieni di aver modificato il tuo comportamento alla guida? % Molto/Abbastanza 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 25,1 36,1 22,3 29,6 30,1 22,7 0,0 Totale Leader M F Biennio Triennio - ad evidenziare le modifiche al proprio comportamento di guida sono soprattutto il campione femminile e quello dei giovani frequentanti il biennio (il 29,6% delle giovani contro il 22,3% dei maschi ed il 30,1% degli studenti del primo e del secondo anno contro il 22,7% dei giovani frequentanti il triennio). Complessivamente è possibile rilevare come l intervento proposto abbia non solo fatto riflettere gran parte dei giovani coinvolti sul tema della sicurezza stradale, ma abbia anche indotto cambiamenti significativi nella messa in atto di modifiche ai comportamenti di guida adottati. E inoltre doveroso evidenziare come nuovamente siano stati soprattutto i giovanissimi a comunicare il loro cambiamento nello stile di guida. Tale risultato, è indubbiamente molto interessante, considerando che, come detto più volte, i lavori di ricerca condotti negli ultimi anni evidenziano la necessità di proporre un modello di prevenzione dei comportamenti di guida a rischio in grado di coinvolgere efficacemente soprattutto il target dei giovanissimi. È inoltre possibile evidenziare come il confronto verbale (focus group), oltre ad essere risultata la fase più stimolante, è stata anche la forma privilegiata e più utilizzata dagli stessi, in qualità di peer educator, per diffondere i contenuti appresi durante il progetto. A tal proposito, è interessante sottolineare come la gran parte dei leader si sia confrontata, in merito ai contenuti appresi, prevalentemente con i propri amici e i propri compagni di scuola (con questi ultimi si fa riferimento alla totalità del campione), mentre è possibile evidenziare che il confronto con i propri familiari è stato meno frequente e ancor più rare sono state le discussioni relative all esperienza fatta condivise con i propri insegnanti (lo ha fatto solamente il 9,3% dei leader maschi e il 20% delle leader femmine). Complessivamente, tale dato sembra confermare come i giovani leader siano stati in grado di ricoprire il loro ruolo di peer educator, ed evidenzia come la figura adulta non sia stata particolarmente coinvolta dagli stessi giovani protagonisti. Da quanto emerso attraverso la somministrazione del secondo questionario, la proiezione del role playing condivisa con i compagni di scuola dei leader è risultata essere un momento particolarmente significativo ed efficace. È stato possibile confermare come la gran parte dei giovani viva, in prima persona, la messa in atto di 6

7 comportamenti di guida pericolosi e scorretti. Il role playing giocato dai leader ha dato origine, nella maggioranza dei casi, ad evidenti dinamiche d influenza, in cui i ruoli aggressivi hanno sovrastato prepotentemente i ruoli tendenzialmente più equilibrati, portando la scena rappresentata ad assumere caratteri di pericolo e di devianza. Tale aspetto non sembra però aver stupito il pubblico di spettatori che, al contrario, ha tendenzialmente ritrovato all interno della stessa elementi appartenenti alla vita d ogni giorno. La riflessione che emerge da tali dati è immediata: l estrema facilità con cui i giovani tendono a riconoscere situazioni a rischio in cui sono spesso coinvolti evidenzia la necessità di intervenire attraverso azioni di prevenzione efficaci, che possano arginare le continue stragi che si verificano sulle strade. Dal punto di vista metodologico, l analisi degli strumenti utilizzati conferma che la condivisione del filmato, i cui protagonisti sono stati i giovani leader, si è rivelato uno strumento efficace, in grado di contagiare il gruppo dei pari in modo coinvolgente e diretto: in linea con i principi dell approccio di peer education, è stato possibile aumentare, da un lato, il senso di autoefficacia dei leader, nonché la predisposizione dei compagni di scuola ad accogliere il messaggio sotteso alla condivisione del filmato. Secondo approccio di analisi Attraverso il secondo approccio d analisi (tabella 4), è stato possibile effettuare un confronto fra le risposte fornite dai giovani leader e dai loro compagni di classe, alle domande rimaste identiche sia nel primo che nel secondo questionario somministrato al termine del percorso, evidenziando in tal modo eventuali modifiche messe in atto dagli stessi, a seguito della sperimentazione del modulo formativo. Tabella 4: selezione di alcune domande sul rispetto di determinate norme del codice della strada. Legenda: P= pari; L= leader Quando viaggi in auto come passeggero con i tuoi genitori utilizzi le cinture di sicurezza? Qual è la motivazione che ti induce ad utilizzare i dispositivi di sicurezza? Se fossi sicuro di non andare incontro a nessun tipo di sanzione useresti i dispositivi di sicurezza? I somministr. II somministr. differenza P L P L P L % sì sempre 37,7 39,2 46,6 55,8 +8,9 +16,6 % maggior 43,1 46,2 46,7 64,7 +3,6 +18,5 sicurezza e tranquillità % sì sempre 39,3 40, ,1 +2,7 +7,7 Immagina che stai andando ad una festa e sei in macchina con quattro amici, tu sei alla guida e siete in terribile ritardo... che fai? Immagina di essere in discoteca. E tardi e devi tornare a casa perché i tuoi genitori ti aspettano,ma l unico amico che possiede la patente ha bevuto troppi alcolici Che cosa fai? A volte si mettono in atto comportamenti rischiosi alla guida per dimostrare la propria forza agli amici Il conducente di un veicolo è maggiormente portato ad infrangere il codice della strada quando ha assunto alcolici e/o sostanze stupefacenti % accelero superando il limite di velocità % aspetto che al mio amico passi l'effetto dell'alcol % fortemente/ abbastanza d'accordo % fortemente/ abbastanza d'accordo 35,7 30,8 31,8 21,2 +3,9 +9,6 15,3 19,6 17,2 32,7 +1,9 +13,1 78,3 73,1 78,3 82, ,6 83,8 75, ,6 +1,2 +9,6 7

8 Complessivamente, il confronto fra le due somministrazioni ha messo in evidenza come, in tutte le domande si sia riscontrata una crescita più o meno intensa nella percentuale di risposte responsabili fornite dai giovani intervistati. In altre parole, al termine del percorso di sperimentazione, risulta essere aumentato il numero di giovani che sostiene di mettere in atto comportamenti alla guida adeguati e rispettosi del codice stradale. In particolare tale crescita è risultata essere nettamente più consistente all interno della sottopopolazione dei leader, che hanno evidenziato al termine del percorso: Complessivamente, risulta interessante evidenziare come il lavoro effettuato abbia messo in rilievo da parte dei giovani leader un discreto grado di cambiamento nelle condotte di guida messe in atto: essi evidenziano, come già confermato, un atteggiamento decisamente più responsabile e attento nell utilizzo dei dispositivi di sicurezza, così come nel riconoscimento dell influenza e della pressione sociale esercitata dai pari, ma esprimono anche una maggiore attenzione verso il pericolo connesso al consumo di sostanze alcoliche e stupefacenti associato alla guida ed, infine, un maggior controllo di una delle principali cause da loro attribuite all incidentalità stradale: la velocità. In modo più contenuto, ma pur sempre efficace, anche il gruppo dei pari risulta essere stato contagiato dai leader di riferimento nella messa in atto di atteggiamenti alla guida più prudenti ed accorti: questo dato evidenzia come la dissemination dei contenuti appresi dai giovani leader sia stata adeguata, testimoniando l efficacia del modello di prevenzione proposto, centrato sulla valorizzazione del protagonismo dei giovani leader nella diffusione dell informazione ai pari. Terzo approccio di analisi Il terzo livello di confronto, che si configura come il più analitico poiché basato sui cambiamenti avvenuti a livello individuale in ciascun leader, è stato effettuato confrontando longitudinalmente per ciascun giovane protagonista alcune delle risposte fornite all interno della prima somministrazione del questionario con quelle rilevate al termine del percorso. Per ogni studente si sono volute verificare eventuali modifiche messe in atto nei comportamenti di guida, facendo riferimento a due differenti aspetti: il rispetto delle regole (ottenuto confrontando il punteggio conseguito all interno dell indicatore di rispetto delle regole ) ed il grado di consapevolezza della pressione sociale esercitata dai pari. Le differenze così emerse tra i punteggi ottenuti da ciascun leader nella due somministrazioni, hanno permesso di sottolineare il miglioramento, manifestato da ognuno dei partecipanti, nella messa in atto di comportamenti di guida più adeguati e rispettosi del codice stradale 1. Partendo da tali presupposti il confronto quantitativo fra i dati rilevati ha evidenziato come: - più di un terzo del campione di leader abbia manifestato al termine del percorso un netto aumento nel punteggio riferito al rispetto delle regole stradali: il 38,5% degli 1 Sono stati definiti due livelli di cambiamento: un leggero aumento (o diminuzione) nel punteggio per differenze pari ad un unità, e un netto aumento (o peggioramento) per differenze di due unità o più. 8

9 stessi riferisce di aver migliorato il rispetto del codice stradale, così come il 17,3% registra un netto aumento relativo alla modifica del proprio atteggiamento di guida; - più della metà del campione dei giovani protagonisti riconosce l influenza esercitata dal gruppo dei pari, attribuendo agli item contenuti nel questionario, atti a misurare la consapevolezza del fenomeno indagato, un alto grado d accordo; - i giovani leader tendono ad autovalutare in maniera decisamente più critica il proprio livello di responsabilità alla guida (è stato registrato uno scarto negativo del 6,7%). Tale visione, decisamente più critica, va però vista in un ottica di consapevolezza dei propri limiti: se nella prima rilevazione il 70% dei leader che avevano conseguito un punteggio insufficiente in merito al rispetto alle regole si riteneva responsabile, nella seconda rilevazione tale quota è scesa al 30%. Essi sembrano, cioè, avere messo in atto due tipologie d atteggiamento differenti, entrambe significative: i giovani protagonisti riconoscono - al termine del percorso - il grado d influenza che il gruppo dei pari può agire nei comportamenti di guida, riflettendo una maggior predisposizione nell individuare i segnali di una dinamica di gruppo potenzialmente pericolosa; inoltre evidenziano una maggior criticità nell attribuire al proprio stile di guida caratteri di responsabilità. Entrambi gli aspetti sono attribuibili al processo di cambiamento avvenuto durante l intervento di sperimentazione: i giovani leader esprimono una migliore capacità di lettura del fenomeno indagato, rispetto a quanto evidenziato all inizio del percorso, nonché un maggior grado di responsabilità nell attribuire a se stessi stili di guida inadeguati. 9

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA

Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA I.C. CORIO SCUOLA PRIMARIA C.A.Anglesio di ROCCA CANAVESE Progetto di lettura Francesca CAPRA Teresina MAFFIOLETTI BAIMA CLASSE SECONDA PERCHè UN PROGETTO DI SPERI MENTAZI ONE Gruppo di lavoro I.N. CURRICOLO

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli