Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni"

Transcript

1 Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata dalla Dott.ssa Chiesi al seminario di ottobre

2 Progetto gestione della maternità/paternità Unicoop Tirreno INDICE Il modello di riferimento In cosa consiste il Programma di gestione e valorizzazione delle maternità/paternità Unicoop Tirreno : il ruolo dei responsabili diretti, dei referenti superiori, della direzione del personale per favorire la conciliazione e lo sviluppo organizzativo Impostazione del Programma di gestione e valorizzazione delle maternità/paternità Unicoop Tirreno : fattori di successo, fattori di rischio Il processo di realizzazione percorso per la Direzione delle risorse umane sperimentazione in 5 realtà organizzative della Cooperativa I tempi di realizzazione 2

3 Filosofia sottesa nella gestione delle Risorse Umane Scambio Lavoro Salario R.U. sono un costo da contenere e/o ridurre Controllare/Gerarchia/ Autorità Contenere/Negoziazione solo centrale Scambio Risultato Soddisfazione R.U. sono un CAPITALE su cui INVESTIRE Guidare Sviluppare Motivare 3

4 Sviluppo organizzativo delle risorse umane Alto Modelli di gestione delle lavoratrici in maternità a seconda del livello di sviluppo organizzativo nella gestione delle Risorse Umane e del livello del potenziale espresso dalle risorse femminili interessate Modello dei Servizi Modello Manageriale Modello Amministrativo Modello Relazionale Basso Potenziale delle risorse in maternità Alto 4

5 DIFFERENZE TRA IL SISTEMA RELAZIONALE E MANAGERIALE NEL MODELLO INNOVATIVO DI GESTIONE PERSONALE IN MATERNITA SISTEMA FASI TEMPI PRIMA DELL ASSENZA OBBLIGATORIA DURANTE L ASSENZA OBBLIGATORIA E FACOLTATIVA AL RIENTRO IN AZIENDA RELAZIONALE Gestione del ruolo e della relazione MANAGERIALE Gestione del ruolo e della relazione Gestione e sviluppo delle competenze personali e professionali 5

6 In cosa consiste in pratica il Programma di gestione e valorizzazione delle maternità/paternità Unicoop Tirreno da parte del/della capo diretto/a I/le responsabili diretti/e delle donne che entrano nel percorso della maternità (o degli uomini che chiedono di poter esercitare la paternità prevista dalla legge) saranno chiamati a: Saper presentare il Programma in termini equilibrati ed innovativi rispetto agli obiettivi che la Cooperativa vuole realizzare: considerare la maternità/paternità come una opportunità di crescita umana e di sviluppo di alcune abilità importanti per la persona e per la cooperativa; utilizzare l evento della maternità/paternità come momento di innovazione organizzativa e gestionale capace di far avanzare relazioni motivanti tra capo e risorsa; affrontare e costruire insieme alla persona interessata alla maternità/paternità le soluzioni ottimali per il buon andamento del lavoro e del gruppo nel quale si è inseriti. Saper impostare e tenere 5 colloqui individuali con la persona - da distribuire nel corso di diversi mesi che avranno scopi diversi, per esempio, prevedendo un andamento tranquillo della gestazione: Il primo colloquio viene proposto nel momento in cui la donna dichiara di essere incinta al fine di dare ascolto alla lavoratrice e presentare il Programma maternità concordando il percorso da fare Il secondo colloquio è da programmare entro il 4 mese di gravidanza per pianificare con la donna in maternità le azioni da intraprendere per possibili affiancamenti, sostituzioni, e previsioni di rientro dentro un percorso di sviluppo personale e professionale della dipendente stessa Il terzo colloquio programmato al 7 /8 mese ha il compito di verificare l andamento della sostituzione, le ipotesi di quanto previsto nel colloquio precedente, il passaggio delle consegne e l accordo su come/cosa fare per mantenere i contatti tra capo e risorsa/ tra cooperativa e lavoratrice durante l assenza Il quarto colloquio va pianificato poco prima del rientro al lavoro (dal 3 mese fino al 36 mese di vita del bimbo/a) per verificare la fattibilità delle ipotesi fatte nei colloqui precedenti e le necessità di supporto da offrire alla persona Il quinto colloquio va pianificato nella prima settimana (non va confuso con possibili azioni di accoglienza) del rientro al lavoro della donna e va accompagnato con le iniziative che sono state concordate nel 4 colloquio 6

7 Strumenti per la sperimentazione: processo temporale, cassetta degli attrezzi e stili manageriali Processo temporale Cassetta degli attrezzi Prima dell evento Durante Dopo Incontri Colloqui Azioni di organizzazione del lavoro 7

8 Struttura e obiettivi degli incontri capo-lavoratrice PRIMA 1 colloquio Subito dopo la comunicazione in merito alla nuova condizione della Lavoratrice - Acquisire/scambiare informazioni, orientamenti e aspettative rispetto a tutte le principali questioni poste dalla nuova condizione della lavoratrice, in particolare: -- tempi previsti di uscita e rientro in Azienda -- modalità di sostituzione/rimpiazzo -- prospettive di inserimento al rientro e di sviluppo professionale e di carriera Ipotizzare possibili soluzioni Verificare/negoziare condizioni di applicabilità 2 colloquio - Comunicare le decisioni prese - Concordare il contributo che la lavoratrice può portare alla soluzione relativa al suo rimpiazzo o sostituzione - Concordare ipotesi di implementazione delle ipotesi di sviluppo discusse Verificare efficacia e condizioni di applicabilità delle decisioni prese 8

9 3 colloquio Poco prima dell uscita della Lavoratrice dall Azienda -Valutare/decidere modalità e strumenti attraverso i quali assicurare la continuità della comunicazione durante il periodo di astensione dal lavoro DURANTE Poco prima o in vista del rientro della Lavoratrice in Azienda 4 colloquio - Verificare gli orientamenti/aspettative reciprocamente espressi in merito alle modalità e tempi del rientro in Azienda - Definire programmi operativi in merito al reinserimento in ruolo (aggiornamento mediante partecipazione a corsi, affiancamento, mentoring, etc.) DOPO Al momento del rientro in Azienda 5 colloquio - Accogliere la Lavoratrice e reinserirla nel gruppo di lavoro - Avviare il programma di aggiornamento - Verificare e pianificare le assunzioni di responsabilità e lo sviluppo di carriera Monitorare le modalità del reinserimento in ruolo Valutare eventuali correttivi 9

10 IL NUOVO SISTEMA DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN MATERNITA PRIMA DURANTE DOPO a) Miglioramento della relazione Capo/Risorsa in maternità 1) Comportamenti volti a tenere aperta la comunicazione in particolare lo scambio e il confronto rispetto alle diverse problematiche organizzative e gestionali poste dalla nuova condizione della risorsa 2) Comportamenti volti a cogliere gli aspetti legati a cosa vuol dire per una donna la maternità dal punto di vista fisico, psicologico (positività/criticità) 1) Mantenimento di regolari contatti con la risorsa, finalizzati ad assicurare continuità dell informazione rispetto all evolvere delle problematiche aziendali 1) Accoglimento della lavoratrice al suo rientro al lavoro 2) Comportamenti volti a cogliere gli aspetti di maturità della persona indotti dalla genitorialità b) Supporti alla lavoratrice per il mantenimento della professionalità e della motivazione 1) Programmazione e pianificazione del possibile sviluppo del potenziale professionale della lavoratrice 1) Possibilità di partecipare durante l aspettativa facoltativa a corsi di aggiornamento 1) Comportamenti volti a valorizzare le skill che si acquisiscono con la maternità/paternità 2) Interventi di aggiornamento/ formazione a supporto del reinserimento in azienda 1) Comportamenti volti a coinvolgere la risorsa rispetto alla ricerca di soluzioni adeguate in termini di suo rimpiazzo/sostituzione per il periodo di astensione dal lavoro c) Supporto ai capi nella pianificazione degli interventi a livello organizzativo 1) Comportamenti volti a verificare le possibili soluzioni ipotizzate nei colloqui precedenti d) Supporto ai capi nella pianificazione degli interventi a livello gestionale, per assicurare continuità dell investimento sulla risorsa in maternità 1) Programmazione e pianificazione del possibile sviluppo del potenziale professionale della lavoratrice Legenda: a) b) c) d): Obiettivi 1) 2) : Comportamenti organizzativi e gestionali 1) Comportamenti volti a verificare le possibili soluzioni ipotizzate nei colloqui precedenti 10

11 In cosa consiste in pratica il Programma di gestione e valorizzazione delle maternità/paternità Unicoop Tirreno da parte della Direzione del Personale Definire i criteri per individuare i punti vendita che possono entrare in sperimentazione Decidere il tipo e il livello di decentramento che si vuole realizzare nella gestione delle risorse umane con il Programma maternità e creare le professionalità necessarie per saper portare avanti unitamente alla consulenza - la sua realizzazione. Affiancare la consulenza nella realizzazione di focus per analizzare le attuali modalità di gestione delle maternità/paternità e nei percorsi formativi da prevedere prima e durante le sperimentazioni Avere un presidio, una funzione con responsabilità ben definite nella Direzione del Personale, delle maternità che si avviano e supportare il/la responsabile nel mettere in campo il Programma attraverso forme di coaching/affiancamento insieme alla consulenza (durante la sperimentazione) e successivamente in prima persona. Definire su una base offerta dalla consulenza gli strumenti utili al governo del programma: per esempio le griglie per saper impostare e gestire le interviste da parte dei responsabili diretti; iniziative di presentazione ai vari livelli dell organizzazione del progetto. Condividere percorsi formativi insieme ai/alle responsabili delle unità organizzative che saranno individuati/e per la sperimentazione Creare un gruppo di Progetto individuando la persona responsabile della sua buona riuscita e dell investimento nel medio lungo periodo: definire i risultati che la Cooperativa richiede sia alla persona responsabile che ai/alle componenti del gruppo. Mettere ordine alle varie iniziative prese nel tempo per offrire uno zoccolo certo e definito e strutturato dei servizi offerti dalla Sede Centrale ai/alle dipendenti e ai/alle responsabili dei punti vendita sulla maternità (informazioni, e quanto altro si ritiene utile a partire dalle esperienze dello sportello maternità e parliamone insieme ) 11

12 EFFICACIA COME COERENZA DI COMPORTAMENTI E OUTPUT GESTIONALI RISPETTO A STANDARD ATTESI: INTERVENTI POSSIBILI DELLA FUNZIONE RU NEL PROCESSO DI GESTIONE DELLE RISORSE IN MATERNITA PATERNITA - + Grado di autonomia dei capi nella gestione del programma Gestione diretta di alcuni incontri Affiancamento ai capi nella gestione dei colloqui Supervisione Consulenza Monitoraggio Verifica dei risultati 12

13 LA CATENA DEL VALORE del VALUING&MANAGING DIVERSITY PER LO SVILUPPO DELLE PERSONE E DEGLI STILI DI LEADERSHIP DEI CAPI Applicati alla gestione per fasi di vita delle persone Attenzione alle differenze di genere, alle differenze generazionali e alle fasi di vita delle persone Considerare la genitorialità come caratteristica umana alla quale l Az. da valore Non disperdere le professionalità acquisite. Allenare le persone ad avere vision su di sé e contribuire alla ricerca delle soluzioni Non disperdere lo spirito di squadra Acquisire conoscenze ed abilità a saper: -Riconoscere -Valorizzare le differenze da sé e nell organizz.ne Gestire le assenze in modo Manageriale. Continuare ad investire sul capitale umano Sviluppare nuove competenze nel saper fare colloqui individuali e motivanti, esercitandosi su poche unità Saper mettere mano ai micro-processi organizzativi. Esercitare la leadership trasformazionale e di change management Dare delega affrontando al gruppo. anche gli stereotipi che agiscono dentro di sé e verso il diverso da sè 13

14 LA CATENA DEL VALORE del VALUING&MANAGING DIVERSITY PER LO SVILUPPO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE Applicati al livello di autonomia dei capi nella gestione delle maternità/paternità La Funzione del personale crea strumenti e processi di qualità nel supporto offerto ai capi. Si opera verso la filosofia di gestione personalizzata delle R.U. Il servizio del personale viene vissuto come un coach. Affiancamento ai capi nella gestione dei colloqui e permettere loro di crescere nell area della leadership La funzione del personale viene strutturata come funzione diffusa. Aumenta la responsabilità condivisa dal top fino al capo diretto della/del singolo collaboratore Si realizza concretamente una Funzione diffusa della gestione e sviluppo del capitale umano. I capi e le persone sentono di essere importanti per l organizzazione. Cresce senso di appartenenza + a u t o n o m i a A i c a 14 p i

15 Impostazione del Progetto Per realizzare il Programma di gestione e valorizzazione della maternità/paternità la Unicoop Tirreno ha deciso: - di impostare il Progetto attivando contemporaneamente il livello centrale e il livello decentrato della Cooperativa: si prevede un percorso fortemente condiviso durante il quale sia possibile lavorare sia con la Direzione del Personale per la creazione:» del gruppo operativo,» degli strumenti di supporto, gestionali e di controllo centrale/decentrato; sia con le Direzioni di Rete, le/i Responsabili dei punti vendita che della Direzione centrale, per avviare concretamente le sperimentazioni. 15

16 Impostazione del Progetto: fattori di successo e fattori di rischio FATTORI DI SUCCESSO Agire in contemporanea a livello centrale e decentrato permette di avviare in tempi brevi/medi l intervento innovativo, nei punti vendita e in una direzione che presentano le caratteristiche ottimali Rendere il lavoro di strutturazione della Direzione del Personale e di predisposizione degli strumenti di sostegno utilizzando sia le logiche strategiche di governo del capitale umano che le necessità/bisogni/aspettative delle strutture decentrate Il percorso dall alto verso il basso messo in moto quasi simultaneamente si intreccia con quello dal basso verso l alto creando sinergia e producendo soluzioni sostenibili di cambiamento condiviso 16

17 Impostazione del Progetto: fattori di successo e fattori di rischio FATTORI DI RISCHIO La complessità dell intervento richiede molte energie/iniziative e tempo in fase di avvio (analisi/formazione/strumentazione/coaching). Il commitment non può essere solo della Direzione: uguale condivisione intesa come forte motivazione e convinzione ha necessità di essere presente nella Funzione centrale del personale, nelle direzioni dei canali, nei/nelle responsabili dei punti vendita e della unità organizzativa scelta in sede centrale Lo sforzo congiunto richiede una forte intenzionalità di collaborazione tra sede e periferia, tra il gruppo dei responsabili di progetto e i/le singoli/e capi reparto o capi area che saranno chiamati/e a mettere in atto i comportamenti e le azioni previste nel progetto 17

18 Processo operativo Percorso di lavoro messo in atto con la Direzione delle Risorse Umane: Alcune interviste a componenti del Servizio del Personale Un seminario allargato di oggi 18 ottobre 2010 per cogliere il livello di condivisione delle strategie di gestione del capitale umano sottese al progetto, le opportunità, le possibili criticità e le soluzioni necessarie per il successo della sperimentazione e la sua entrata a regime o prassi gestionale. Individuazione del Responsabile del progetto di sperimentazione a livello di Dirigenza con la strutturazione del gruppo di lavoro operativo: inserendo le persone che hanno già cominciato a lavorare su questo tema e altre che possono essere ritenute utili al buon funzionamento del progetto. Formalizzazione di una funzione ad hoc all interno della Direzione del Personale che risponde direttamente al Responsabile del progetto di sperimentazione - che possa mettere a frutto già da subito il capitale di sapere ed esperienze che verranno maturate durante le sperimentazioni stesse, al fine di essere punto di riferimento per le/i responsabili diretti e per le lavoratrici e i lavoratori interessati al progetto. Creazione del gruppo di riferimento strategico interno, composto dal Presidente e dalle Direzioni Personale/Organizzazione e Direzioni Reti(?). Il gruppo funziona come sponsor e facilitatore della sperimentazione (sia per superare possibili ostacoli sia per individuare le leve da attivare per supportare il cambiamento richiesto). Il gruppo dopo la prima fase di forte coinvolgimento sulle finalità e impostazione delle sperimentazioni sarà convocato due volte l anno per poter seguire l evoluzione e i risultati ottenuti in itinere. Strutturazione di un processo di condivisione con le Organizzazioni sindacali regionali per la creazione di un protocollo di intesa sulle diverse fasi del progetto. Predisposizione degli strumenti di comunicazione interna capaci di far conoscere e far apprezzare l iniziativa della Cooperativa a tutte le dipendenti, a tutti i dipendenti e le/i responsabili: si pensa di programmare un percorso che possa utilizzare varie forme e iniziative di informazione da sviluppare lungo tutto l iter della sperimentazione. A monte sarà definita la filosofia di fondo dei messaggi con i quali presentare il Progetto di sperimentazione. 18

19 Processo operativo Strutturare un percorso per le 6 realtà organizzative individuate dalla Cooperativa per la sperimentazione Dopo aver Individuato (attraverso criteri oggettivi) le realtà organizzative e condiviso con loro la scelta di far parte della sperimentazione Fare un focus group per ogni tipologia di punto vendita che entra in sperimentazione Progettare un percorso di formazione alternata ad attività di coaching/consulenza per il/la responsabile dei punti vendita e delle/dei capi reparto che risultano avere o potrebbero avere le donne in maternità o gli uomini in paternità Progettare un percorso di formazione rivolto alle donne e agli uomini che possono essere interessati/e alla sperimentazione Avviare le sperimentazioni e al tempo stesso mantenere il versante formativo aperto Verificare l andamento sia del percorso formativo che quello delle sperimentazioni, apportare i necessari accorgimenti e/o attivare le leve di supporto al buon andamento del progetto e delle sperimentazioni 19

20 I tempi di realizzazione Da Luglio ad Agosto 2010: avvio, realizzazione e sistematizzazione dei risultati delle interviste Settembre 2010 Individuazione delle 6 realtà dove avviare le sperimentazioni e preparazione del seminario 18 Ottobre 2010 seminario di coinvolgimento e condivisione della Direzione del Personale con il gruppo dei Responsabili presenti al precedente incontro (13 maggio scorso): lavoro di approfondimento e di elaborazione proposte Da Ottobre a Dicembre 2010 predisposizione del calendario dei focus group; creazione del gruppo di lavoro; assegnazione delle funzioni di responsabilità; prima strutturazione della strumentazione di supporto alle sperimentazioni (griglie per i colloqui). Gennaio 2011 avvio dei focus group e definizione del calendario della formazione; progettazione dei percorsi formativi e di coaching Aprile 2011 inizio del percorso formativo e delle sperimentazioni in tutte e 6 le realtà organizzative scelte Durata della sperimentazione: da gennaio 2011 ad aprile Da aprile 2011 ad aprile 2012 verifica delle sperimentazioni e individuazione delle condizioni per portare a regime il nuovo sistema di gestione del personale in maternità e paternità voluto da Unicoop Tirreno. 20

21 Come cambia la visione dell evento maternità Da una percezione dell evento maternità Ad una visione dell evento maternità Come momento di prevalente disinvestimento nell impegno professionale sia da parte della donna che da parte dell azienda/capo Che, senza sottovalutare le difficoltà connesse alla ricerca di un nuovo o diverso equilibrio fra ruolo genitoriale e ruolo professionale, tenda a sostenere e valorizzare l identità professionale dei soggetti femminili Come momento di blocco delle energie del soggetto Come momento di crescita e di alta maturità del soggetto, che può rimettere in gioco nuove energie e sviluppare capacità creative e innovative Che tende a contrapporre le ragioni e i bisogni delle donne, da un lato, alle ragioni e al punto di vista delle esigenze organizzative. Con il presupposto della loro sostanziale asimmetria e inconciliabilità. Che tenda a leggere gli spazi di sinergia e di cooperazione/ collaborazione per una sintesi organizzativa più alta e significativa per entrambi i soggetti; dove è possibile negoziare e combinare i bisogni e le aspettative delle donne e quelli dell organizzazione. 21

22 Come cambia la visione dell evento maternità Da una percezione dell evento maternità Ad una visione dell evento maternità Come momento di impasse organizzativo e culturale del Capo Come occasione di sviluppo della cultura organizzativa e manageriale dei Capi - gestione dei diversi segmenti delle risorse umane Come spazio-tempo eccezionale, governato da forze e bisogni eccezionali, e in quanto tale difficilmente compatibile con un sistema di regole vincolanti Che pur considerandolo appunto un evento in quanto tale unico, non assimilabile ad altri, riconosca altresì l importanza di collocare tale evento all interno di una cornice, fatta di tempi, azioni e comportamenti, che può essere concordata. Come evento personale che rompe e/o complica ulteriormente l'equilibrio tra vita professionale e vita privata Dove è possibile ricucire forme di conciliazione tra le responsabilità genitoriali e quelle professionali. Sviluppando minori sensi di colpa e avendo più esplicito e condiviso il percorso lavorativo. 22

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Compagnia Italiana di Previdenza, Assicurazioni e Riassicurazioni S.p.A Via Traiano, 18 (brevemente denominata: Italiana Assicurazioni S.p.

Compagnia Italiana di Previdenza, Assicurazioni e Riassicurazioni S.p.A Via Traiano, 18 (brevemente denominata: Italiana Assicurazioni S.p. Al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Dipartimento per le politiche del lavoro e dell'occupazione e tutela dei lavoratori Direzione Generale per l'impiego Divisione IV Via Fornovo, 8 00192

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI La qualità organizzativa passa attraverso la qualità delle persone 1. Le ragioni del corso Nella situazione attuale, assume una rilevanza sempre maggiore la capacità

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA

ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Quali competenze sono necessarie...6 Conoscenze...8

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Oggetto problema Osservazioni rispetto all autoanalisi Oggetto definito e area di riferimento Coerenza

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

32 EDIZIONE 2014-2015

32 EDIZIONE 2014-2015 32 EDIZIONE 2014-2015 Il prossimo ottobre prenderà il via la diciannovesima edizione del master per capi negozio supermercati. Oramai un classico dell offerta formativa di Scuola Coop Hanno già partecipato

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. )

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) Premessa Richiamata la normativa nazionale e regionale che regolamenta la materia dei

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

15 - INDICE DELLA MATERIA SERVIZI DI SEGRETERIA

15 - INDICE DELLA MATERIA SERVIZI DI SEGRETERIA 15 - INDICE DELLA MATERIA SERVIZI DI SEGRETERIA M207 Master in servizi di segreteria... pag. 2 B413 Processi e metodi per migliorare l organizzazione delle attività nei servizi di segreteria... pag. 3

Dettagli

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana. Dal 2012 ha sede anche in Veneto. Abbiamo sviluppato una profonda competenza nelle

Dettagli

realizzato in collaborazione con

realizzato in collaborazione con Un progetto di: realizzato in collaborazione con Modelli sostenibili per l Age Management e il Welfare Aziendale Indagine di AstraRicerche in collaborazione con Manageritalia Competitività, politiche intergenerazionali

Dettagli

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso per Responsabili di Unità Organizzative. Da capo a leader: imparare a valorizzare e sviluppare

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO (Scuola Infanzia - Primaria- Secondaria 1 Grado) Via A. BARTOLI, 53-03013 FERENTINO

Dettagli

Alcuni nostri clienti

Alcuni nostri clienti Alcuni nostri clienti ABI, Alcatel-Lucent, ANIA, Antidiva, AUSL 2 di Perugia, Azienda Provinciale Servizi Sanitari di Trento, Boffi, Comune di Bolzano, Comune di Firenze, Comune di Merano, Eurac, Groupama,

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

Una famiglia per una famiglia Verso una nuova forma di affiancamento familiare 2015-2016

Una famiglia per una famiglia Verso una nuova forma di affiancamento familiare 2015-2016 Una famiglia per una famiglia Verso una nuova forma di affiancamento familiare 2015-2016 Perché aiutate solo me? Perché non aiutate anche i miei genitori, la mia famiglia ne ha bisogno quanto me Un minore

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI SI.VA.DI.S. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI Criteri generali CRITERI GENERALI PER LA COSTRUZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI (SI.VA.DI.S.) 1. Sistema

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

Ricerca e Selezione di Dirigenti, Managers e Quadri. Pianificazione e Sviluppo delle Risorse Umane

Ricerca e Selezione di Dirigenti, Managers e Quadri. Pianificazione e Sviluppo delle Risorse Umane PERSONNEL ORGANIZATION La Società Ricerca e Selezione di Dirigenti, Managers e Quadri Pianificazione e Sviluppo delle Risorse Umane Organizzazione Ristrutturazione Aziendale Formazione Outsourcing PERSONNEL

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti DGR n. 37 del 19/01/2016 - Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che intendono acquisire

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE Società certificata per procedure relative ad elaborazione delle retribuzioni ed amministrazione del personale Certificato ISO 9001 2008 N 50 100 2011 FORMAZIONE MANAGERIALE

Dettagli

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità Premessa Il Contesto culturale. Da molti anni l Istituto Martini, pone al centro della sua azione formativa, l attenzione allo studente e alle famiglie coniugando metodologie di apprendimento moderne a

Dettagli

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale News letter Numero 7 15 gennaio 2010 Editoriale Sommario I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Come sviluppare abilità per gestire i clienti interni in una

Dettagli

2007, ANNO EUROPEO DELLE PARI OPPORTUNITA PER TUTTI PERCORSI FORMATIVI PER GESTIRE E VALORIZZARE LE DIFFERENZE DI GENERE

2007, ANNO EUROPEO DELLE PARI OPPORTUNITA PER TUTTI PERCORSI FORMATIVI PER GESTIRE E VALORIZZARE LE DIFFERENZE DI GENERE 2007, ANNO EUROPEO DELLE PARI OPPORTUNITA PER TUTTI PERCORSI FORMATIVI PER GESTIRE E VALORIZZARE LE DIFFERENZE DI GENERE Aida Maisano Responsabile Settore Progetti di sistema ABIFormazione ABI - Associazione

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale

Sistema di valutazione delle prestazioni del personale Manuale operativo Rev. 1 SOMMARIO 1. FINALITÀ DEL SISTEMA E AMBITI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE... 3 1.1. La metodologia... 4 2. SOGGETTI E RESPONSABILITÀ... 4 2.1. Il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

Progetto La.Fem.Me. GESTIONE AZIENDALE DELLA MATERNITA. Percorso formativo Consulenti del Cambiamento BARI, 19 GIUGNO 2014

Progetto La.Fem.Me. GESTIONE AZIENDALE DELLA MATERNITA. Percorso formativo Consulenti del Cambiamento BARI, 19 GIUGNO 2014 Progetto La.Fem.Me. GESTIONE AZIENDALE DELLA MATERNITA Percorso formativo Consulenti del Cambiamento BARI, 19 GIUGNO 2014 1 PERCHE PARLARVI DI GESTIONE DELLA MATERNITA? E UN FATTO PRIVATO La maternità

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 4 sezioni: 1. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 2. CONOSCENZE 3. ABILITA 4. CARATTERISTICHE PERSONALI

Dettagli

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale Comune Cernusco Lombardone Valorizzazione e Sviluppo del Capitale Umano per il miglioramento di Performance

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Executive Coaching un percorso per il Self Empowerment

Executive Coaching un percorso per il Self Empowerment Executive Coaching un percorso per il Self Empowerment 0 Executive Coaching Executive Coaching: per trovare il Coach e l approccio più adatti a migliorare alcuni aspetti della propria leadership, gestire

Dettagli

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca, 20-10122 Torino dirreg@scuole.piemonte.it Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1 Titolo del progetto ManiTese 2 Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Cod. aree di intervento: ASSISTENZA A 01 (Anziani)

Dettagli

RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA AZIENDALE NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA AZIENDALE NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA AZIENDALE NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CHI SIAMO Aeneas, fondata nel 1984, opera nel campo delle risorse umane e della consulenza aziendale. Annovera

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

MEDIA INNOVATION & CHANGE

MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA E DIGITAL COMMUNICATION Programma di sviluppo continuo dell innovazione MEDIA INNOVATION & CHANGE COMUNICAZIONE E CONFUSIONE COMUNICARE OGGI SIGNIFICA POTER SFRUTTARE OPPORTUNITÀ

Dettagli

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE

PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE PROGETTO 618. POTENZIARE LE CAPACITA CREATIVE PER INVENTARSI UN LAVORO AL FEMMINILE Bando pubblico per la selezione di 20 candidate per il percorso formativo di sviluppo di nuove idee imprenditoriali al

Dettagli

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL)

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) Feedback report Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) 13 febbraio 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: Telefono: Fax: Direzione Didattica -2 Circolo Niscemi Via Calatafimi,

Dettagli

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B I programmi di Mentoring sono un approccio multidisciplinare allo sviluppo del Leader al fine di aumentare la performance manageriale, acquisire e ampliare competenze di ruolo. MENTORING MENTORING FOR

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Proposta per la gestione dell informagiovani Premessa Contesto della proposta: tale proposta nasce dalla valutazione dell esigenza della realtà locale di Quistello, di dare nuova veste al Servizio Informagiovani

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE

Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Indire Milano 21 Novembre 2013 Il progetto VSQ Sperimentazione finalizzata

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com BUSINESS DEVELOPMENT noesisweb.com Guidiamo le persone nel diventare attori principali della propria realtà, costruendo, negli ambiti professionali e di vita privata, un mondo al quale sia piacevole appartenere

Dettagli

Professione: MANAGER. Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015

Professione: MANAGER. Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015 Professione: MANAGER Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015 Perché un laboratorio sulla negoziazione? Molti sono i fenomeni socio-economici che mettono in evidenza come la negoziazione sia diventata

Dettagli

Professional Competence

Professional Competence Settembre 2011 Presentazione Il coaching è per noi l arte di accompagnare qualcuno alla meta. Il corso offre le basi e i principali strumenti per chi intende far proprio il coaching come modello di riferimento

Dettagli

Il processo di managerializzazione delle PMI. Ostacoli tipici e condizioni di successo. Gianluca Cinti Barbara Giurlanda

Il processo di managerializzazione delle PMI. Ostacoli tipici e condizioni di successo. Gianluca Cinti Barbara Giurlanda Il processo di managerializzazione delle PMI. Ostacoli tipici e condizioni di successo Gianluca Cinti Barbara Giurlanda 1 Indice 1. Obiettivi del documento 2. PMI e processi di managerializzazione 3. L

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 SERVIZIO ADOZIONI ASS6 Progetto regionale Genitorialità fragile e tutela dei minori LA SCUOLA INCONTRA L ADOZIONE Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 4 Indicazioni e procedure

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità

Università degli Studi di Bergamo. Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Università degli Studi di Bergamo Corsi di Rivalidazione dei Certificati di Formazione Manageriale I.Re.F. Scuola di Direzione in Sanità Management e leadership delle strutture sanitarie: nuovi scenari

Dettagli

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE OPERANTE IN ENTI ED ISTITUZIONI ASSISTENZIALI E SANITARIE

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE OPERANTE IN ENTI ED ISTITUZIONI ASSISTENZIALI E SANITARIE PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE OPERANTE IN ENTI ED ISTITUZIONI ASSISTENZIALI E SANITARIE STUDIO FORMAZIONE ha sviluppato una competenza specifica nel settore della formazione rivolta a strutture

Dettagli

Team Coaching. Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze. Lapo Baglini - Stefania Ciani

Team Coaching. Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze. Lapo Baglini - Stefania Ciani Introduzione al Coaching e alla Comunicazione efficace per migliorare il lavoro in team Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Lapo Baglini - Stefania Ciani

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Via Virgilio 1, 41049 Sassuolo (MO) P.IVA 02925310365 serena.barbi@psicologosassuolo.it www.psicologosassuolo.it Mobile: +39 (339) 14 61 881 Via Piumazzo 170, 41013 Castelfranco E. (MO) P.IVA 02222830446

Dettagli

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab Diversity management & Best practices aziendali Gini Dupasquier donnalab Il contesto di riferimento esterno Le donne rappresentano almeno la metà dei talenti e valorizzarle significa sfruttare un più ampio

Dettagli

Intervista a Fabrizio Monteverde a cura di Silvia Battisti.

Intervista a Fabrizio Monteverde a cura di Silvia Battisti. Il mentoring. Intervista a Fabrizio Monteverde a cura di Silvia Battisti. Ti intervisto sul mentoring, ma forse la prima domanda dovrebbe riguardare la differenza che intercorre tra mentoring e coaching.

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Lo sportello d ascolto per i dipendenti

Lo sportello d ascolto per i dipendenti ULSS 13 Dolo-Mirano-Noale U.O. SORVEGLIANZA SANITARIA DEI LAVORATORI E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Responsabile dr. Fabrizio Fiorini Lo sportello d ascolto per i dipendenti Dott.ssa Stefania Menin

Dettagli

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora I poteri della dirigenza come datore di lavoro (Art. 5, comma

Dettagli