Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni"

Transcript

1 Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata dalla Dott.ssa Chiesi al seminario di ottobre

2 Progetto gestione della maternità/paternità Unicoop Tirreno INDICE Il modello di riferimento In cosa consiste il Programma di gestione e valorizzazione delle maternità/paternità Unicoop Tirreno : il ruolo dei responsabili diretti, dei referenti superiori, della direzione del personale per favorire la conciliazione e lo sviluppo organizzativo Impostazione del Programma di gestione e valorizzazione delle maternità/paternità Unicoop Tirreno : fattori di successo, fattori di rischio Il processo di realizzazione percorso per la Direzione delle risorse umane sperimentazione in 5 realtà organizzative della Cooperativa I tempi di realizzazione 2

3 Filosofia sottesa nella gestione delle Risorse Umane Scambio Lavoro Salario R.U. sono un costo da contenere e/o ridurre Controllare/Gerarchia/ Autorità Contenere/Negoziazione solo centrale Scambio Risultato Soddisfazione R.U. sono un CAPITALE su cui INVESTIRE Guidare Sviluppare Motivare 3

4 Sviluppo organizzativo delle risorse umane Alto Modelli di gestione delle lavoratrici in maternità a seconda del livello di sviluppo organizzativo nella gestione delle Risorse Umane e del livello del potenziale espresso dalle risorse femminili interessate Modello dei Servizi Modello Manageriale Modello Amministrativo Modello Relazionale Basso Potenziale delle risorse in maternità Alto 4

5 DIFFERENZE TRA IL SISTEMA RELAZIONALE E MANAGERIALE NEL MODELLO INNOVATIVO DI GESTIONE PERSONALE IN MATERNITA SISTEMA FASI TEMPI PRIMA DELL ASSENZA OBBLIGATORIA DURANTE L ASSENZA OBBLIGATORIA E FACOLTATIVA AL RIENTRO IN AZIENDA RELAZIONALE Gestione del ruolo e della relazione MANAGERIALE Gestione del ruolo e della relazione Gestione e sviluppo delle competenze personali e professionali 5

6 In cosa consiste in pratica il Programma di gestione e valorizzazione delle maternità/paternità Unicoop Tirreno da parte del/della capo diretto/a I/le responsabili diretti/e delle donne che entrano nel percorso della maternità (o degli uomini che chiedono di poter esercitare la paternità prevista dalla legge) saranno chiamati a: Saper presentare il Programma in termini equilibrati ed innovativi rispetto agli obiettivi che la Cooperativa vuole realizzare: considerare la maternità/paternità come una opportunità di crescita umana e di sviluppo di alcune abilità importanti per la persona e per la cooperativa; utilizzare l evento della maternità/paternità come momento di innovazione organizzativa e gestionale capace di far avanzare relazioni motivanti tra capo e risorsa; affrontare e costruire insieme alla persona interessata alla maternità/paternità le soluzioni ottimali per il buon andamento del lavoro e del gruppo nel quale si è inseriti. Saper impostare e tenere 5 colloqui individuali con la persona - da distribuire nel corso di diversi mesi che avranno scopi diversi, per esempio, prevedendo un andamento tranquillo della gestazione: Il primo colloquio viene proposto nel momento in cui la donna dichiara di essere incinta al fine di dare ascolto alla lavoratrice e presentare il Programma maternità concordando il percorso da fare Il secondo colloquio è da programmare entro il 4 mese di gravidanza per pianificare con la donna in maternità le azioni da intraprendere per possibili affiancamenti, sostituzioni, e previsioni di rientro dentro un percorso di sviluppo personale e professionale della dipendente stessa Il terzo colloquio programmato al 7 /8 mese ha il compito di verificare l andamento della sostituzione, le ipotesi di quanto previsto nel colloquio precedente, il passaggio delle consegne e l accordo su come/cosa fare per mantenere i contatti tra capo e risorsa/ tra cooperativa e lavoratrice durante l assenza Il quarto colloquio va pianificato poco prima del rientro al lavoro (dal 3 mese fino al 36 mese di vita del bimbo/a) per verificare la fattibilità delle ipotesi fatte nei colloqui precedenti e le necessità di supporto da offrire alla persona Il quinto colloquio va pianificato nella prima settimana (non va confuso con possibili azioni di accoglienza) del rientro al lavoro della donna e va accompagnato con le iniziative che sono state concordate nel 4 colloquio 6

7 Strumenti per la sperimentazione: processo temporale, cassetta degli attrezzi e stili manageriali Processo temporale Cassetta degli attrezzi Prima dell evento Durante Dopo Incontri Colloqui Azioni di organizzazione del lavoro 7

8 Struttura e obiettivi degli incontri capo-lavoratrice PRIMA 1 colloquio Subito dopo la comunicazione in merito alla nuova condizione della Lavoratrice - Acquisire/scambiare informazioni, orientamenti e aspettative rispetto a tutte le principali questioni poste dalla nuova condizione della lavoratrice, in particolare: -- tempi previsti di uscita e rientro in Azienda -- modalità di sostituzione/rimpiazzo -- prospettive di inserimento al rientro e di sviluppo professionale e di carriera Ipotizzare possibili soluzioni Verificare/negoziare condizioni di applicabilità 2 colloquio - Comunicare le decisioni prese - Concordare il contributo che la lavoratrice può portare alla soluzione relativa al suo rimpiazzo o sostituzione - Concordare ipotesi di implementazione delle ipotesi di sviluppo discusse Verificare efficacia e condizioni di applicabilità delle decisioni prese 8

9 3 colloquio Poco prima dell uscita della Lavoratrice dall Azienda -Valutare/decidere modalità e strumenti attraverso i quali assicurare la continuità della comunicazione durante il periodo di astensione dal lavoro DURANTE Poco prima o in vista del rientro della Lavoratrice in Azienda 4 colloquio - Verificare gli orientamenti/aspettative reciprocamente espressi in merito alle modalità e tempi del rientro in Azienda - Definire programmi operativi in merito al reinserimento in ruolo (aggiornamento mediante partecipazione a corsi, affiancamento, mentoring, etc.) DOPO Al momento del rientro in Azienda 5 colloquio - Accogliere la Lavoratrice e reinserirla nel gruppo di lavoro - Avviare il programma di aggiornamento - Verificare e pianificare le assunzioni di responsabilità e lo sviluppo di carriera Monitorare le modalità del reinserimento in ruolo Valutare eventuali correttivi 9

10 IL NUOVO SISTEMA DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN MATERNITA PRIMA DURANTE DOPO a) Miglioramento della relazione Capo/Risorsa in maternità 1) Comportamenti volti a tenere aperta la comunicazione in particolare lo scambio e il confronto rispetto alle diverse problematiche organizzative e gestionali poste dalla nuova condizione della risorsa 2) Comportamenti volti a cogliere gli aspetti legati a cosa vuol dire per una donna la maternità dal punto di vista fisico, psicologico (positività/criticità) 1) Mantenimento di regolari contatti con la risorsa, finalizzati ad assicurare continuità dell informazione rispetto all evolvere delle problematiche aziendali 1) Accoglimento della lavoratrice al suo rientro al lavoro 2) Comportamenti volti a cogliere gli aspetti di maturità della persona indotti dalla genitorialità b) Supporti alla lavoratrice per il mantenimento della professionalità e della motivazione 1) Programmazione e pianificazione del possibile sviluppo del potenziale professionale della lavoratrice 1) Possibilità di partecipare durante l aspettativa facoltativa a corsi di aggiornamento 1) Comportamenti volti a valorizzare le skill che si acquisiscono con la maternità/paternità 2) Interventi di aggiornamento/ formazione a supporto del reinserimento in azienda 1) Comportamenti volti a coinvolgere la risorsa rispetto alla ricerca di soluzioni adeguate in termini di suo rimpiazzo/sostituzione per il periodo di astensione dal lavoro c) Supporto ai capi nella pianificazione degli interventi a livello organizzativo 1) Comportamenti volti a verificare le possibili soluzioni ipotizzate nei colloqui precedenti d) Supporto ai capi nella pianificazione degli interventi a livello gestionale, per assicurare continuità dell investimento sulla risorsa in maternità 1) Programmazione e pianificazione del possibile sviluppo del potenziale professionale della lavoratrice Legenda: a) b) c) d): Obiettivi 1) 2) : Comportamenti organizzativi e gestionali 1) Comportamenti volti a verificare le possibili soluzioni ipotizzate nei colloqui precedenti 10

11 In cosa consiste in pratica il Programma di gestione e valorizzazione delle maternità/paternità Unicoop Tirreno da parte della Direzione del Personale Definire i criteri per individuare i punti vendita che possono entrare in sperimentazione Decidere il tipo e il livello di decentramento che si vuole realizzare nella gestione delle risorse umane con il Programma maternità e creare le professionalità necessarie per saper portare avanti unitamente alla consulenza - la sua realizzazione. Affiancare la consulenza nella realizzazione di focus per analizzare le attuali modalità di gestione delle maternità/paternità e nei percorsi formativi da prevedere prima e durante le sperimentazioni Avere un presidio, una funzione con responsabilità ben definite nella Direzione del Personale, delle maternità che si avviano e supportare il/la responsabile nel mettere in campo il Programma attraverso forme di coaching/affiancamento insieme alla consulenza (durante la sperimentazione) e successivamente in prima persona. Definire su una base offerta dalla consulenza gli strumenti utili al governo del programma: per esempio le griglie per saper impostare e gestire le interviste da parte dei responsabili diretti; iniziative di presentazione ai vari livelli dell organizzazione del progetto. Condividere percorsi formativi insieme ai/alle responsabili delle unità organizzative che saranno individuati/e per la sperimentazione Creare un gruppo di Progetto individuando la persona responsabile della sua buona riuscita e dell investimento nel medio lungo periodo: definire i risultati che la Cooperativa richiede sia alla persona responsabile che ai/alle componenti del gruppo. Mettere ordine alle varie iniziative prese nel tempo per offrire uno zoccolo certo e definito e strutturato dei servizi offerti dalla Sede Centrale ai/alle dipendenti e ai/alle responsabili dei punti vendita sulla maternità (informazioni, e quanto altro si ritiene utile a partire dalle esperienze dello sportello maternità e parliamone insieme ) 11

12 EFFICACIA COME COERENZA DI COMPORTAMENTI E OUTPUT GESTIONALI RISPETTO A STANDARD ATTESI: INTERVENTI POSSIBILI DELLA FUNZIONE RU NEL PROCESSO DI GESTIONE DELLE RISORSE IN MATERNITA PATERNITA - + Grado di autonomia dei capi nella gestione del programma Gestione diretta di alcuni incontri Affiancamento ai capi nella gestione dei colloqui Supervisione Consulenza Monitoraggio Verifica dei risultati 12

13 LA CATENA DEL VALORE del VALUING&MANAGING DIVERSITY PER LO SVILUPPO DELLE PERSONE E DEGLI STILI DI LEADERSHIP DEI CAPI Applicati alla gestione per fasi di vita delle persone Attenzione alle differenze di genere, alle differenze generazionali e alle fasi di vita delle persone Considerare la genitorialità come caratteristica umana alla quale l Az. da valore Non disperdere le professionalità acquisite. Allenare le persone ad avere vision su di sé e contribuire alla ricerca delle soluzioni Non disperdere lo spirito di squadra Acquisire conoscenze ed abilità a saper: -Riconoscere -Valorizzare le differenze da sé e nell organizz.ne Gestire le assenze in modo Manageriale. Continuare ad investire sul capitale umano Sviluppare nuove competenze nel saper fare colloqui individuali e motivanti, esercitandosi su poche unità Saper mettere mano ai micro-processi organizzativi. Esercitare la leadership trasformazionale e di change management Dare delega affrontando al gruppo. anche gli stereotipi che agiscono dentro di sé e verso il diverso da sè 13

14 LA CATENA DEL VALORE del VALUING&MANAGING DIVERSITY PER LO SVILUPPO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE Applicati al livello di autonomia dei capi nella gestione delle maternità/paternità La Funzione del personale crea strumenti e processi di qualità nel supporto offerto ai capi. Si opera verso la filosofia di gestione personalizzata delle R.U. Il servizio del personale viene vissuto come un coach. Affiancamento ai capi nella gestione dei colloqui e permettere loro di crescere nell area della leadership La funzione del personale viene strutturata come funzione diffusa. Aumenta la responsabilità condivisa dal top fino al capo diretto della/del singolo collaboratore Si realizza concretamente una Funzione diffusa della gestione e sviluppo del capitale umano. I capi e le persone sentono di essere importanti per l organizzazione. Cresce senso di appartenenza + a u t o n o m i a A i c a 14 p i

15 Impostazione del Progetto Per realizzare il Programma di gestione e valorizzazione della maternità/paternità la Unicoop Tirreno ha deciso: - di impostare il Progetto attivando contemporaneamente il livello centrale e il livello decentrato della Cooperativa: si prevede un percorso fortemente condiviso durante il quale sia possibile lavorare sia con la Direzione del Personale per la creazione:» del gruppo operativo,» degli strumenti di supporto, gestionali e di controllo centrale/decentrato; sia con le Direzioni di Rete, le/i Responsabili dei punti vendita che della Direzione centrale, per avviare concretamente le sperimentazioni. 15

16 Impostazione del Progetto: fattori di successo e fattori di rischio FATTORI DI SUCCESSO Agire in contemporanea a livello centrale e decentrato permette di avviare in tempi brevi/medi l intervento innovativo, nei punti vendita e in una direzione che presentano le caratteristiche ottimali Rendere il lavoro di strutturazione della Direzione del Personale e di predisposizione degli strumenti di sostegno utilizzando sia le logiche strategiche di governo del capitale umano che le necessità/bisogni/aspettative delle strutture decentrate Il percorso dall alto verso il basso messo in moto quasi simultaneamente si intreccia con quello dal basso verso l alto creando sinergia e producendo soluzioni sostenibili di cambiamento condiviso 16

17 Impostazione del Progetto: fattori di successo e fattori di rischio FATTORI DI RISCHIO La complessità dell intervento richiede molte energie/iniziative e tempo in fase di avvio (analisi/formazione/strumentazione/coaching). Il commitment non può essere solo della Direzione: uguale condivisione intesa come forte motivazione e convinzione ha necessità di essere presente nella Funzione centrale del personale, nelle direzioni dei canali, nei/nelle responsabili dei punti vendita e della unità organizzativa scelta in sede centrale Lo sforzo congiunto richiede una forte intenzionalità di collaborazione tra sede e periferia, tra il gruppo dei responsabili di progetto e i/le singoli/e capi reparto o capi area che saranno chiamati/e a mettere in atto i comportamenti e le azioni previste nel progetto 17

18 Processo operativo Percorso di lavoro messo in atto con la Direzione delle Risorse Umane: Alcune interviste a componenti del Servizio del Personale Un seminario allargato di oggi 18 ottobre 2010 per cogliere il livello di condivisione delle strategie di gestione del capitale umano sottese al progetto, le opportunità, le possibili criticità e le soluzioni necessarie per il successo della sperimentazione e la sua entrata a regime o prassi gestionale. Individuazione del Responsabile del progetto di sperimentazione a livello di Dirigenza con la strutturazione del gruppo di lavoro operativo: inserendo le persone che hanno già cominciato a lavorare su questo tema e altre che possono essere ritenute utili al buon funzionamento del progetto. Formalizzazione di una funzione ad hoc all interno della Direzione del Personale che risponde direttamente al Responsabile del progetto di sperimentazione - che possa mettere a frutto già da subito il capitale di sapere ed esperienze che verranno maturate durante le sperimentazioni stesse, al fine di essere punto di riferimento per le/i responsabili diretti e per le lavoratrici e i lavoratori interessati al progetto. Creazione del gruppo di riferimento strategico interno, composto dal Presidente e dalle Direzioni Personale/Organizzazione e Direzioni Reti(?). Il gruppo funziona come sponsor e facilitatore della sperimentazione (sia per superare possibili ostacoli sia per individuare le leve da attivare per supportare il cambiamento richiesto). Il gruppo dopo la prima fase di forte coinvolgimento sulle finalità e impostazione delle sperimentazioni sarà convocato due volte l anno per poter seguire l evoluzione e i risultati ottenuti in itinere. Strutturazione di un processo di condivisione con le Organizzazioni sindacali regionali per la creazione di un protocollo di intesa sulle diverse fasi del progetto. Predisposizione degli strumenti di comunicazione interna capaci di far conoscere e far apprezzare l iniziativa della Cooperativa a tutte le dipendenti, a tutti i dipendenti e le/i responsabili: si pensa di programmare un percorso che possa utilizzare varie forme e iniziative di informazione da sviluppare lungo tutto l iter della sperimentazione. A monte sarà definita la filosofia di fondo dei messaggi con i quali presentare il Progetto di sperimentazione. 18

19 Processo operativo Strutturare un percorso per le 6 realtà organizzative individuate dalla Cooperativa per la sperimentazione Dopo aver Individuato (attraverso criteri oggettivi) le realtà organizzative e condiviso con loro la scelta di far parte della sperimentazione Fare un focus group per ogni tipologia di punto vendita che entra in sperimentazione Progettare un percorso di formazione alternata ad attività di coaching/consulenza per il/la responsabile dei punti vendita e delle/dei capi reparto che risultano avere o potrebbero avere le donne in maternità o gli uomini in paternità Progettare un percorso di formazione rivolto alle donne e agli uomini che possono essere interessati/e alla sperimentazione Avviare le sperimentazioni e al tempo stesso mantenere il versante formativo aperto Verificare l andamento sia del percorso formativo che quello delle sperimentazioni, apportare i necessari accorgimenti e/o attivare le leve di supporto al buon andamento del progetto e delle sperimentazioni 19

20 I tempi di realizzazione Da Luglio ad Agosto 2010: avvio, realizzazione e sistematizzazione dei risultati delle interviste Settembre 2010 Individuazione delle 6 realtà dove avviare le sperimentazioni e preparazione del seminario 18 Ottobre 2010 seminario di coinvolgimento e condivisione della Direzione del Personale con il gruppo dei Responsabili presenti al precedente incontro (13 maggio scorso): lavoro di approfondimento e di elaborazione proposte Da Ottobre a Dicembre 2010 predisposizione del calendario dei focus group; creazione del gruppo di lavoro; assegnazione delle funzioni di responsabilità; prima strutturazione della strumentazione di supporto alle sperimentazioni (griglie per i colloqui). Gennaio 2011 avvio dei focus group e definizione del calendario della formazione; progettazione dei percorsi formativi e di coaching Aprile 2011 inizio del percorso formativo e delle sperimentazioni in tutte e 6 le realtà organizzative scelte Durata della sperimentazione: da gennaio 2011 ad aprile Da aprile 2011 ad aprile 2012 verifica delle sperimentazioni e individuazione delle condizioni per portare a regime il nuovo sistema di gestione del personale in maternità e paternità voluto da Unicoop Tirreno. 20

21 Come cambia la visione dell evento maternità Da una percezione dell evento maternità Ad una visione dell evento maternità Come momento di prevalente disinvestimento nell impegno professionale sia da parte della donna che da parte dell azienda/capo Che, senza sottovalutare le difficoltà connesse alla ricerca di un nuovo o diverso equilibrio fra ruolo genitoriale e ruolo professionale, tenda a sostenere e valorizzare l identità professionale dei soggetti femminili Come momento di blocco delle energie del soggetto Come momento di crescita e di alta maturità del soggetto, che può rimettere in gioco nuove energie e sviluppare capacità creative e innovative Che tende a contrapporre le ragioni e i bisogni delle donne, da un lato, alle ragioni e al punto di vista delle esigenze organizzative. Con il presupposto della loro sostanziale asimmetria e inconciliabilità. Che tenda a leggere gli spazi di sinergia e di cooperazione/ collaborazione per una sintesi organizzativa più alta e significativa per entrambi i soggetti; dove è possibile negoziare e combinare i bisogni e le aspettative delle donne e quelli dell organizzazione. 21

22 Come cambia la visione dell evento maternità Da una percezione dell evento maternità Ad una visione dell evento maternità Come momento di impasse organizzativo e culturale del Capo Come occasione di sviluppo della cultura organizzativa e manageriale dei Capi - gestione dei diversi segmenti delle risorse umane Come spazio-tempo eccezionale, governato da forze e bisogni eccezionali, e in quanto tale difficilmente compatibile con un sistema di regole vincolanti Che pur considerandolo appunto un evento in quanto tale unico, non assimilabile ad altri, riconosca altresì l importanza di collocare tale evento all interno di una cornice, fatta di tempi, azioni e comportamenti, che può essere concordata. Come evento personale che rompe e/o complica ulteriormente l'equilibrio tra vita professionale e vita privata Dove è possibile ricucire forme di conciliazione tra le responsabilità genitoriali e quelle professionali. Sviluppando minori sensi di colpa e avendo più esplicito e condiviso il percorso lavorativo. 22

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI La qualità organizzativa passa attraverso la qualità delle persone 1. Le ragioni del corso Nella situazione attuale, assume una rilevanza sempre maggiore la capacità

Dettagli

PIANO TRIENNALE DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI POSITIVE PARI OPPORTUNITA Legge 125/1991, d.lgs. n.196 del 2000, Legge 246/2005, d.lgs.

PIANO TRIENNALE DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI POSITIVE PARI OPPORTUNITA Legge 125/1991, d.lgs. n.196 del 2000, Legge 246/2005, d.lgs. PIANO TRIENNALE DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI POSITIVE PARI OPPORTUNITA Legge 125/1991, d.lgs. n.196 del 2000, Legge 246/2005, d.lgs. 198/2006 Dal maggio 2007, l Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca, 20-10122 Torino dirreg@scuole.piemonte.it Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE !! 1. INTRODUZIONE Il Progetto d integrazione tra lavoratori e soggetti svantaggiati si inserisce in un attività più ampia realizzata nell ambito del Progetto Equal S.O.LE., e precisamente nell attività

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Human Capital. Conoscere Ideamanagement

Human Capital. Conoscere Ideamanagement Human Capital Conoscere Ideamanagement MISSION & VISION Offrire servizi e soluzioni per aumentare il valore e il rendimento del Capitale Umano. Sviluppare metodologie tra loro coerenti per supportare i

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Oggetto problema Osservazioni rispetto all autoanalisi Oggetto definito e area di riferimento Coerenza

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

HR Team Empowerment. Il New Deal delle Risorse Umane. www.gigroup.eu

HR Team Empowerment. Il New Deal delle Risorse Umane. www.gigroup.eu HR Team Empowerment Il New Deal delle Risorse Umane www.gigroup.eu Cosa è Il modulo HR Team Evolution vuole offrire alle strutture HR uno spazio (all interno di staff meeting, nei kickoff, in eventi ad

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

Il futuro è nelle sue mani facciamole crescere. Sportello di Consulenza alle Aziende

Il futuro è nelle sue mani facciamole crescere. Sportello di Consulenza alle Aziende Il futuro è nelle sue mani facciamole crescere Sportello di Consulenza alle Aziende pag. 2 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA Il servizio ha come obiettivo quello di offrire agli imprenditori marchigiani

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA

ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA ADDETTA E ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE INTERNA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Quali competenze sono necessarie...6 Conoscenze...8

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ADDETTA E ADDETTO ALLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Aggiornato il 10 novembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5. COMPETENZE...6 Che cosa deve

Dettagli

Assegni di Ricerca LINEE GUIDA PER LA

Assegni di Ricerca LINEE GUIDA PER LA P.O.R. VENETO F.S.E. 2007-2013 D.G.R. n. 1148 del 5 luglio 2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Asse Capitale Umano - Sviluppo del Potenziale Umano nella ricerca e nell innovazione. Assegni

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

COACHING. Bocconi Alumni Association. Presentazione

COACHING. Bocconi Alumni Association. Presentazione COACHING Bocconi Alumni Association Presentazione INDICE Perché il Coaching? Coaching e Mentoring: le differenze Ruoli, competenze e comportamenti del Coach e del Coachee (cliente) Regole del rapporto

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE La qualità del servizio passa attraverso la qualità delle persone 1. Lo scenario In presenza di una concorrenza

Dettagli

MANAGEMENT by COACHING

MANAGEMENT by COACHING MANAGEMENT by COACHING Paola Ferretti per IFOSTUD febbraio 2013 Il Coaching: che cos è Una tecnica finalizzata al miglioramento delle competenze e delle potenzialità individuali OBIETTIVO: Garantire la

Dettagli

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale Comune Cernusco Lombardone Valorizzazione e Sviluppo del Capitale Umano per il miglioramento di Performance

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA AZIENDALE NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA AZIENDALE NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA AZIENDALE NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE CHI SIAMO Aeneas, fondata nel 1984, opera nel campo delle risorse umane e della consulenza aziendale. Annovera

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA Per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 RELAZIONE INTRODUTTIVA La legge n.

Dettagli

IL PESO DELLE CAPACITA NELL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DISTINTIVE

IL PESO DELLE CAPACITA NELL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DISTINTIVE IL PESO DELLE CAPACITA NELL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DISTINTIVE cristina.andreoletti@praxi.com www.ideamanagement.it I www.praxi.com I www.khc.it www.ideamanagement.it I www.praxi.com 1 PREMESSA PREMESSA

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Creare valore dalla valutazione del rischio stress lavoro-correlato

Creare valore dalla valutazione del rischio stress lavoro-correlato IL PUNTO SULLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESSLAVORO-CORRELATO: OPPORTUNITA E CRITICITA Milano, 10 Febbraio 2012 Creare valore dalla valutazione del rischio stress lavoro-correlato Psicologo della salute

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA IL BISOGNO CHE VOGLIAMO SODDISFARE Accompagnare amministratori e manager delle

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI Premessa Il sistema di valutazione della prestazione individuale del personale della Comunità montana del Torre Natisone e Collio si pone la finalità

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA Definizione Il Coordinatore di servizio/unità operativa/struttura è una figura che appartiene al management intermedio dell impresa cooperativa. Si

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Non posso cambiare la direzione del vento, ma posso sistemare le vele in modo da poter raggiungere la mia destinazione IL COUNSELING

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B I programmi di Mentoring sono un approccio multidisciplinare allo sviluppo del Leader al fine di aumentare la performance manageriale, acquisire e ampliare competenze di ruolo. MENTORING MENTORING FOR

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali Premessa Con. Solida ed Euricse condividono un approccio e un metodo per la realizzazione ed

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2014/2015. In questa presentazione del Piano industriale 2014/2015 è omessa la parte di

PIANO INDUSTRIALE 2014/2015. In questa presentazione del Piano industriale 2014/2015 è omessa la parte di PIANO INDUSTRIALE 2014/2015 In questa presentazione del Piano industriale 2014/2015 è omessa la parte di introduzione. Tale scelta è imposta da motivi di sintesi perché in realtà le premesse relative alla

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

32 EDIZIONE 2014-2015

32 EDIZIONE 2014-2015 32 EDIZIONE 2014-2015 Il prossimo ottobre prenderà il via la diciannovesima edizione del master per capi negozio supermercati. Oramai un classico dell offerta formativa di Scuola Coop Hanno già partecipato

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

FondItalia fa un salto da te

FondItalia fa un salto da te FONDO FORMAZIONE ITALIA Campagna informativa 2011 FondItalia fa un salto da te PREMESSA I Fondi Paritetici Interprofessionali sono stati chiamati, in questa fase di crisi economica, a svolgere una funzione

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

RETE DELLE SCUOLE DEL PRIMO CICLO Udine e non solo

RETE DELLE SCUOLE DEL PRIMO CICLO Udine e non solo RETE DELLE SCUOLE DEL PRIMO CICLO Udine e non solo Piano delle attività (Ai sensi della comunicazione n Prot. n A00DRFR/16 dell 8 gennaio 20010 dell Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia.

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

- Getting better all the time -

- Getting better all the time - Aviva Italy Direzione Risorse Umane Roma, 10 dicembre 2008 PROGETTO ALBA PROGETTO ALBA - Getting better all the time - Scopi e finalità Il progetto Alba condiviso con l Alta Direzione e lanciato il 4 dicembre

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

Export Development Export Development

Export Development Export Development SERVICE PROFILE 2014 Chi siamo L attuale scenario economico nazionale impone alle imprese la necessità di valutare le opportunità di mercato offerte dai mercati internazionali. Sebbene una strategia commerciale

Dettagli