FSMPRL4 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000:2005

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FSMPRL4 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000:2005"

Transcript

1 Pagina 1 di 19 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000:2005 INDICE 1. SCOPO IMPEGNI DI QUASER IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE REQUISITI AGGIUNTIVI PER LA CERTIFICAZIONE UNI EN ISO RIFERIMENTI PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE OFFERTA PER LA CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE PIANIFICAZIONE DELLA VERIFICA VERIFICA DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE DELLA SOCIETÀ STAGE 1: VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE E DELL IMPOSTAZIONE DEL SISTEMA STAGE 2: VERIFICA DI CERTIFICAZIONE APPROVAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE ESITI DELLA VERIFICA ISPETTIVA INIZIALE DELIBERA DEL COMITATO MANTENIMENTO RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE AUDIT ADDIZIONALI MULTISITO MODIFICHE AL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE SOSPENSIONE E REVOCA DELLA CERTIFICAZIONE PUBBLICIZZAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE RISERVATEZZA RECESSO DALLA CERTIFICAZIONE SEGNALAZIONI, RECLAMI, RICORSI E CONTENZIOSI GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI GESTIONE DEI RECLAMI RICORSI E CONTENZIOSI FORO COMPETENTE RINVIO NORMATIVO REQUISITI COGENTI E LIMITI DELLA CERTIFICAZIONE...16 Pagina 1 di 19

2 Pagina 2 di SCOPO Il presente regolamento descrive le azioni di competenza di QUASER Certificazioni s.r.l. e dell organizzazione richiedente la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare per la conformità alla UNI EN ISO da parte di QUASER Certificazioni s.r.l. Tale regolamento risponde alle disposizioni indicate dalla UNI EN ISO/IEC 17021:2011 e dei documenti citati al paragrafo Riferimenti. Esso definisce le procedure di verifica ispettiva di conformità adottate da QUASER per la concessione, il mantenimento ed il rinnovo della certificazione, definisce inoltre le procedure di sospensione, ritiro ed annullamento della certificazione nei casi riportati nel capitolo 11. Una Società certificata a fronte delle attività descritte da questo regolamento riceverà un Certificato di Conformità del proprio Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare e potrà pubblicizzare ed esporre il relativo marchio QUASER accompagnato, se applicabile, dal corrispondente marchio di accreditamento. La società richiedente per ottenere e mantenere la certificazione deve soddisfare i requisiti riportati nella norma i riferimento, nella presente regolamento e nel contratto di certificazione, mantenendo successivamente il proprio Sistema di Gestione Aziendale in soddisfacente operatività. La certificazione rilasciata da QUASER è relativa esclusivamente alle attività identificate nel relativo scopo di certificazione. Per scopo di certificazione si intendono le informazioni inerenti la normativa di riferimento le sedi ed i prodotti / servizi oggetto del sistema di gestione per la sicurezza alimentare aziendale come riportate nel certificato di conformità emesso da QUASER. La ISO si applica al settore alimentare e ai servizi connessi (es. servizi di pulizia e sanificazione nel settore alimentare, logistica nell alimentare, macchine per il settore alimentare, etc.) in accordo alle categorie riportate nella tabella in allegato 1. Alcuni esempi specifici: - in ristorazione i siti sono tutti i punti dove si cucina; i relativi refettori (dove c è solo distribuzione pasto ma non si cucina) sono cantieri (che verranno verificati nell ambito della O cucina di riferimento) - per le aziende di derattizzazione e cleaning i siti sono la sede e le filiali ma non i punti dove si eroga il servizio che sono cantieri (si verificheranno quindi sede, filiali ed una tipologia di ogni cantiere). 1.1 IMPEGNI DI QUASER QUASER concede libero accesso ai propri servizi alle organizzazioni richiedenti la certificazione, senza alcuna discriminazione di carattere finanziario o altre condizioni indebite. A QUASER è fatto obbligo di non esercitare attività di consulenza nel progettare e sviluppare sistemi di gestione per la sicurezza alimentare aziendali, nemmeno attraverso subappalti a suoi fornitori ed assicurarsi che i valutatori utilizzati in attività di certificazione non abbiano avuto rapporti contrattuali in tal senso a partire dagli ultimi due anni dalla data dell impegno assunto e per i due anni successivi a tale incarico. Le decisioni di QUASER sono basate sulla valutazione di un insieme consistente di evidenze oggettive. Tali evidenze sono raccolte attraverso un campionamento e possono quindi non garantire automaticamente la totale conformità ai requisiti. QUASER riconosce l importanza dell imparzialità nella certificazione: per questo motivo svolge le proprie attività con obiettività, evitando eventuali conflitti d interesse. QUASER si impegna a comunicare al proprio Comitato per la Salvaguardia dell Imparzialità e all Organismo di Accreditamento competente i casi rilevanti in cui organizzazioni certificate siano coinvolte in procedimenti giudiziari conseguenti alle leggi sulla responsabilità da prodotto o a violazioni di leggi concernenti i prodotti forniti e/o i servizi erogati o comunque afferenti ai sistemi di gestione oggetto di certificazione. 1.2 IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE Al fine di ottenere la certificazione del proprio sistema di gestione, l organizzazione deve: eseguire un ciclo completo di audit interni assicurando la copertura di tutti i processi della propria organizzazione e dei requisiti della norma di riferimento eseguire un riesame della direzione con frequenza almeno annuale. Al fine di poter ottenere e mantenere la certificazione QUASER, l organizzazione richiedente deve rispettare e documentare l applicazione di tutti i requisiti applicabili della normativa di riferimento per la certificazione, dei requisiti aggiuntivi definiti da QUASER (vedi paragrafo seguente) e dagli organismi di accreditamento, nonché le prescrizioni del presente documento e di quelli in esso richiamati. L organizzazione è tenuta a comunicare a QUASER eventuali procedimenti giudiziari e/o provvedimenti sanzionatori da parte di autorità competenti, in relazione ad aspetti legati al sistema di gestione oggetto di certificazione. Pagina 2 di 19

3 Pagina 3 di 19 2 REQUISITI AGGIUNTIVI PER LA CERTIFICAZIONE UNI EN ISO In ottemperanza ai regolamenti per l accreditamento Accredia, il manuale di gestione per la sicurezza alimentare e/o la documentazione del Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare aziendale devono prevedere almeno i seguenti contenuti: Descrizione dello scopo/campo di applicazione del sistema Identificazione di eventuali esclusioni di requisiti normativi e delle relative motivazioni Identificazione di eventuali esclusioni di prodotti e/o attività produttive aziendali dallo scopo di certificazione richiesto: è necessario tenere in considerazione che non è possibile escludere parti di processo, settori, prodotti o servizi dallo scopo di certificazione quando questi processi, settori, prodotti o servizi hanno un influenza sulla sicurezza alimentare del prodotto finale. Descrizione dell organizzazione aziendale (anche facendo ricorso alla definizione di organigrammi nominativi o altri strumenti similari) Illustrazione dei processi produttivi (e relative interazioni) che rientrano nel campo di applicazione del sistema (anche facendo ricorso a documentazione grafica o descrittiva) Riferimento alle procedure documentate in essere (anche facendo ricorso ad appositi elenchi) Sintetica descrizione di modalità, responsabilità e risorse poste in essere per assicurare la conformità a tutti i requisiti normativi applicabili (anche rinviando a procedure documentate od altra documentazione del sistema) Riferimento ad una procedura che controlli l aggiornamento delle normative e delle leggi applicabili al proprio Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare ed implementi la specifica normativa/legge nazionale od internazionale applicabile alle attività svolte ed ai prodotti/servizi oggetto della certificazione. QUASER deve assicurarsi, durante l audit di certificazione (suddiviso in Stage1 e Stage2), che la Società mantenga evidenza della conformità alle normative e leggi applicabili. Descrizione di modalità e responsabilità per la gestione dei reclami. A Infine, con frequenza almeno annuale, l organizzazione si impegna a pianificare ed eseguire gli audit interni, garantendo la copertura di tutti i processi ricadenti nel perimetro di certificazione, e ad eseguire e documentare almeno un riesame da parte della direzione. 3. RIFERIMENTI UNI CEI EN ISO/IEC 17021:2011 Requisiti per gli organismi che forniscono audit e certificazione di sistemi di gestione UNI EN ISO 19011:2012 ISO 22003: Food Safety Management System: Requirement for bodies providing audit and certification of food safety management system Regolamenti Tecnici degli Enti di Accreditamento, ove esistenti 4. PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE L organizzazione richiedente la certificazione deve intraprendere un iter di certificazione che si articola nelle seguenti fasi operative: Richiesta di certificazione Offerta per la certificazione Pianificazione dell audit Verifica della documentazione e dell impostazione del sistema Valutazione del sistema Esiti dell audit di certificazione (Stage1+Stage2) Approvazione della certificazione Per ognuna delle fasi suddette sono riportate nel seguito modalità e responsabilità di attuazione. 4.1 RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE Per poter ricevere l'offerta di certificazione da parte di QUASER, l organizzazione richiedente deve compilare, fare firmare da un rappresentante autorizzato ed inviare all attenzione dell ufficio commerciale un apposito questionario informativo. Tale questionario contiene almeno le seguenti informazioni: riferimenti dell azienda (incluso il referente al suo interno) Pagina 3 di 19

4 Pagina 4 di 19 descrizione delle attività svolte (produzione, fornitura di servizi, ecc.) svolte direttamente dall azienda o appaltati a terzi, con specifiche dei prodotti e servizi coinvolti elenco dei processi affidati ai fornitori che possono avere un influenza sulla Sicurezza Alimentare dei processi o dei prodotti oggetto di certificazione numero di addetti coinvolti nelle attività oggetto della richiesta di certificazione e turni localizzazione dei siti produttivi e cantieri Riferimento ai Piani HACCP dettagli sulla eventuale tipologia delle richieste di informazioni provenienti dalle parti interessate; eventuali riferimenti a particolari normative ed autorizzazioni igieniche applicabili Nel questionario informativo l organizzazione richiedente deve inoltre dichiarare che il proprio sistema di gestione per la sicurezza alimentare è documentato ed applicato in conformità alla normativa di riferimento per la certificazione e definire lo scopo della stessa, cioè le attività oggetto del campo di applicazione del sistema di gestione per la sicurezza alimentare. La Società, se lo ritiene utile, può richiedere a QUASER, l effettuazione di una visita preliminare. La richiesta deve essere fatta al momento della compilazione della richiesta di certificazione o mediante altra richiesta scritta. La visita preliminare ha lo scopo di: individuare la dimensione, la struttura e l attività della Società; individuare il grado di preparazione della Società a sostenere l iter di certificazione tramite la valutazione della completezza della documentazione e dello stato di avanzamento della implementazione del sistema di gestione rispetto alla normativa di riferimento. La visita preliminare / pre-audit è facoltativa e può essere richiesta una sola volta. Il numero di giornate necessarie per la sua esecuzione A è stabilito in funzione della tipologia e dimensione dell Organizzazione. Al termine della visita preliminare, il Gruppo di Verifica rilascia un rapporto le cui risultanze non saranno considerate all interno del processo di certificazione. 4.2 OFFERTA PER LA CERTIFICAZIONE Al ricevimento del questionario informativo debitamente compilato da parte dell organizzazione richiedente, QUASER predispone la relativa offerta e programma di certificazione, contenente le seguenti informazioni: generalità dell organizzazione richiedente descrizione dello scopo di certificazione: sedi, attività e prodotti numero degli addetti e dislocazione degli stabilimenti interessati alla certificazione tipo di certificazione offerta quotazione economica della certificazione numero dei giorni uomo che verranno utilizzati per effettuazione di ciascuna fase di audit La quotazione relativa alle attività di certificazione è tratta dal tariffario QUASER in vigore al momento dell offerta; tale quotazione, definita in base al numero di giorni/uomo necessari alla valutazione del sistema di gestione per la sicurezza alimentare dell organizzazione richiedente, è basata sulle dimensioni aziendali, sulla complessità dei processi produttivi e/o singoli prodotti e sul tipo di certificazione richiesta. I tempi di valutazione comprendono: l esame della documentazione del sistema di gestione per la sicurezza alimentare dell organizzazione richiedente gli audit sul campo La quotazione economica comprende le seguenti voci: stage 1: verifica della documentazione e dell impostazione del sistema stage 2: valutazione del sistema audit periodico di sorveglianza audit di rinnovo della certificazione Pagina 4 di 19

5 Pagina 5 di 19 eventuali verifiche supplementari (nei casi stabiliti nel presente capitolo) spese amministrative costo emissione certificato di conformità costo emissione eventuali duplicati / modifiche al certificato spese viaggio, vitto ed alloggio 4.3 CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE Il richiedente deve inviare a QUASER controfirmata per accettazione da un rappresentante autorizzato l offerta di certificazione ed il proprio manuale di gestione per la sicurezza alimentare in formato file elettronico. In tal modo viene sottoscritto il contratto di certificazione. Se per qualsiasi motivo il contratto di una certificazione accreditata non può essere accettato, QUASER informa per iscritto il richiedente motivando le ragioni di tale rifiuto. 4.4 PIANIFICAZIONE DELL AUDIT Al ricevimento dei documenti contrattualmente richiesti, QUASER provvede alla pianificazione delle attività di audit tenendo in considerazione le esigenze dell organizzazione richiedente la certificazione. QUASER informa per iscritto il richiedente delle date fissate per la verifica, nomina il gruppo di verifica ispettiva (sulla base dei requisiti definiti in sede di riesame) ed incarica un Valutatore Responsabile per iniziare la procedura di certificazione, inviandogli/le il manuale di gestione per la sicurezza alimentare ricevuto dal richiedente. Il Valutatore Responsabile può richiedere, in modo formale, informazioni supplementari e/o modifiche al sopra menzionato documento. Riguardo ai nominativi del gruppo di verifica, il richiedente può opporsi. Il gruppo di valutazione sarà opportunamente modificato, se le obiezioni sono giudicate, di comune accordo, legittime. Il periodo massimo di tempo tra Stage 1 e Stage 2 non potrà essere superiore a mesi 6. Per periodi di tempo superiori a tale limite QUASER si riserva il diritto di ripetere lo stage 1. A La pianificazione dello Stage 2 sarà confermata dallo stesso Valutatore in campo, a seguito dell esito della verifica ispettiva in Stage VERIFICA DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE DELLA SOCIETÀ Lo scopo principale dell audit di certificazione è di valutare il Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare della Società in conformità alla norma ISO ed al relativo regolamento di certificazione. Per essere certificata una Società deve dimostrare che: il Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare sia operativo e documentato da almeno tre mesi il sistema di audit interni sia pienamente operativo e possa essere considerato efficace un riesame da parte della direzione sia stato effettuato il principio del miglioramento continuo del sistema e delle prestazioni igieniche sia identificato e stabilito ai più alti livelli dell organizzazione mediante obiettivi e piani. esista l effettiva conformità alle leggi igieniche in vigore, dimostrata attraverso l ottenimento delle necessarie autorizzazioni. Eventuali requisiti specifici stabiliti dagli Organismi di Accreditamento saranno integralmente applicati anche in questo argomento. Al fine di dimostrare quanto sopra la Società deve: fornire al gruppo di verifica informazioni sufficienti perché possa dedurre che il Sistema di Gestione della Società sia pienamente documentato in accordo alla norma o al regolamento consentire al gruppo di verifica libero accesso alle strutture, a colloqui con il personale ed alle registrazioni in modo da verificare che il Sistema di Gestione della Società sia stato implementato e sia adeguatamente mantenuto cooperare pienamente per la risoluzione delle eventuali non conformità. 5.1 STAGE 1: VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE E DELL IMPOSTAZIONE DEL SISTEMA In occasione dell accettazione dell offerta di certificazione, QUASER concorda con il cliente le modalità di verifica della documentazione, delle strutture coinvolte e dell impostazione del Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare. Tale verifica costituisce lo stage 1 dell attività che viene effettuata presso il cliente. Pagina 5 di 19

6 Pagina 6 di 19 In ogni caso il richiedente sottopone all esame di QUASER, una copia dei seguenti documenti gestiti in forma controllata, se applicabili: Manuale di gestione per la sicurezza alimentare Procedure predisposte Piani della Qualità / Piani dei controlli interni. Elenco dei documenti relativi al sistema di gestione per la sicurezza alimentare. I suddetti documenti devono contenere tutte le informazioni atte ad eseguire, preliminarmente alla visita di certificazione stage 2: La verifica dell efficacia della Valutazione degli aspetti igienico-sanitari La verifica degli obiettivi igienici La verifica della situazione e la consapevolezza dell organizzazione concernenti i requisiti dello standard (identificazione delle performance chiave o aspetti significativi, processi, politica per la sicurezza alimentare, obiettivi e operazioni del sistema di gestione della sicurezza alimentare) La valutazione del rispetto dei requisiti cogenti, le Autorizzazioni in campo igienico-sanitario richieste dalla Società alle autorità competenti (es. autorizzazioni) e i report delle autorità pubbliche competenti (che rappresenta un prerequisito per la prosecuzione delle attività) La valutazione dei requisiti di sistema della norma di riferimento e degli altri riferimenti dell audit La valutazione delle risorse e degli aspetti tecnici ed organizzativi del produttore La pianificazione della verifica delle attività di produzione, prova e controllo. In aggiunta ai citati documenti il Valutatore Responsabile prenderà in esame: la pianificazione ed i risultati degli audit interni La valutazione dei contenuti del riesame del sistema da parte della direzione. La valutazione della localizzazione dell organizzazione e le condizioni del sito A Le informazioni utilizzate per condurre analisi e identificazione dei pericoli igienico sanitari (step preliminari) La selezione dei PRP, i piani HACCP, i processi, i rischi associati, per verificare che siano appropriati al business e agli aspetti normativi e di cogenza; La metodologia per l analisi dei pericoli e giustificazione per la determinazione dei livelli accettabili Dalla verifica possono emergere rilievi critici e non critici per il proseguimento dell iter certificativo: i rilievi non critici indicano la necessità di chiarimenti o approfondimenti da effettuare durante la successiva fase di verifica ispettiva (Stage 2). i rilievi critici richiedono una gestione da parte dell organizzazione prima della successiva fase di audit (stage 2), durante la quale sarà presa in esame l efficacia delle azioni intraprese. L eventuale mancata risoluzione avrà come conseguenza la formulazione di altrettanti rilievi in Stage 2. Nel caso i documenti risultino palesemente carenti, Valutatore Responsabile informa il richiedente che lo stage 2 della valutazione non potrà avere luogo finché le modifiche necessarie non saranno apportate. Nel caso emerga la necessità di ripetere l audit, la società richiedente deve formalizzare per iscritto la sua volontà o meno di conseguire comunque la certificazione con QUASER. L esito della verifica viene comunicato al richiedente attraverso Audit Report di Stage 1. La verifica dei citati documenti viene eseguita confrontando la documentazione con: Le norme di riferimento Regolamenti Tecnici Accredia (ove applicabile) I requisiti QUASER. Il RGVI, una volta analizzati e valutati i documenti del richiedente, predispone il piano della verifica di Stage 2. Tale piano riporta informazioni in merito a: I membri del gruppo di verifica (GVI) Le unità organizzative, gli elementi del sistema e i processi da valutare I tempi previsti per le valutazioni Eventuale richiesta delle autorizzazioni necessarie per l accesso agli stabilimenti. Il richiedente può opporsi riguardo i nominativi del GVI; in tal caso, se le obiezioni sono giudicate legittime, QUASER provvederà alla designazione di un nuovo GVI. Pagina 6 di 19

7 Pagina 7 di STAGE 2: Audit DI CERTIFICAZIONE A seguito dell esito soddisfacente della verifica stage 1, QUASER organizza l audit di stage 2 allo scopo di verificare l effettiva ed efficace applicazione di quanto descritto dal richiedente nella documentazione del Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare dell azienda e da quanto richiesto dai riferimenti dell audit. L audit viene condotto a fronte dei requisiti delle normative di riferimento e di eventuali criteri e/o linee guida settoriali (qualora approvati da QUASER), tramite liste di riscontro che consentano di valutare il livello di conformità del richiedente ai suddetti requisiti. L audit di Certificazione ha lo scopo di verificare l impostazione del Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare per la conformità a tutti i requisiti della norma di riferimento in accordo alle seguenti fasi: L audit di Fase 2 deve aver luogo presso il o i siti del cliente e deve riguardare almeno quanto segue: Una riunione iniziale presso la sede operativa del cliente per definire con la Direzione le finalità e le modalità di conduzione della visita stessa, individuando i responsabili delle varie attività all interno dell Organizzazione. Una visita in sede e, ove previsto, nei cantieri temporanei o in unità distaccate (comprese eventuali sedi di società esterne a cui sono affidate parti del processo), per valutare la conformità applicativa dei documenti di riferimento (dichiarazioni sulla politica e gli obiettivi, Manuale Aziendale, procedure, documenti necessari ad assicurare l efficace pianificazione, funzionamento e controllo dei processi, registrazioni delle attività). La verifica delle informazioni e delle evidenze circa la conformità a tutti i requisiti della norma o di altro documento normativo o prescrittivo tipo Rapporti Tecnici emessi dall Ente di Accreditamento - applicabile al sistema di gestione; La verifica del monitoraggio, della misurazione, della rendicontazione e del riesame delle prestazioni, con riferimento agli obiettivi ed ai traguardi fondamentali delle prestazioni stesse (coerentemente alle attese della norma del sistema di gestione applicabile o di altro documento normativo); La verifica del sistema di gestione del cliente e Ale prestazioni con riferimento al rispetto delle prescrizioni legali; Una riunione finale per illustrare alla Direzione dell Organizzazione l esito della verifica, con segnalazione scritta di eventuali rilievi emersi. Il risultato dell audit è costituito da un rapporto comprendente gli eventuali rilievi emersi e le eventuali segnalazioni di miglioramento e i punti di forza e di debolezza dell organizzazione. Copia del rapporto, controfirmato dall Organizzazione, verrà rilasciato direttamente dall auditor all Organizzazione stessa. Trascorsi 10 giorni lavorativi dalla data di conclusione dell audit, il Cliente potrà considerare confermati i contenuti del presente Rapporto di Audit I rilievi emersi in sede di audit possono essere: 1) Non conformità: L assenza o la mancata realizzazione e mantenimento, di uno o più requisiti richiesti del sistema gestionale, o una situazione che dovrebbe, sulla base di evidenze oggettive disponibili, sollevare dubbi significativi su ciò che l Organizzazione sta offrendo o dichiarando. La formulazione di una non conformità è legata alla presenza di uno o più dei seguenti aspetti:. Non è stato considerato il requisito normativo;. L approccio individuato dall Organizzazione non è rispondente al requisito normativo;. L approccio non viene applicato in modo sistematico;. Evidenti evidenze oggettive sollevano dubbi significativi su ciò che l Organizzazione sta offrendo o dichiarando.. Incapacità del Sistema oggetto di valutazione di garantire la conformità alle leggi cogenti inerenti lo schema specifico Nei casi sopra riportati, l auditor emette una valutazione di non conformità che comporta la richiesta di un intervento di risoluzione ed eliminazione delle cause del problema da parte dell Organizzazione. Fino a quando la non conformità non sarà stata dichiarata risolta, il processo di certificazione non può procedere. La Pagina 7 di 19

8 Pagina 8 di 19 verifica della completa attuazione delle azioni avviate potrà essere effettuata in campo attraverso una visita di follow-up oppure attraverso l analisi degli opportuni riscontri documentali. Qualora dovesse essere rilevata una non conformità in occasione di un audit di sorveglianza o di rinnovo, l Organizzazione interessata deve formulare ed inviare entro 10 giorni a Quaser la definizione del trattamento, l analisi delle cause e se applicabile l azione correttiva che intende attuare per risolvere e chiudere la non conformità. Qualora tale termine non venga rispettato QUASER provvederà ad avviare l iter di sospensione della certificazione dell organizzazione. 2) Osservazioni: Sono degli aspetti non classificabili come non conformità secondo i parametri riportati sopra ma su cui si chiede all Organizzazione di intervenire per risolvere criticità legate ad aspetti puntuali. A fronte di quanto rilevato dal gruppo di audit l Organizzazione è tenuta a rispondere definendo un piano di miglioramento entro 10 giorni dalla data dell audit. Il processo di certificazione continua dal momento in cui perviene a Quaser il piano di miglioramento e il gruppo di audit (o Quaser) l abbia valutato adeguato nei tempi e nelle modalità; solo a seguito della positiva valutazione si presenterà la pratica al Comitato di Certificazione (vedi punto 4.5). Qualora dovesse essere rilevata un un osservazione in occasione di un audit di sorveglianza o di rinnovo, e qualora l Organizzazione non invii il piano di miglioramento, Quaser potrà avviare l iter di sospensione della certificazione dell Organizzazione. 3) Commenti: Sono aspetti su cui l auditor invita l Organizzazione a riflettere in funzione di azioni che possono ulteriormente migliorare elementi già valutati positivamente. Non viene richiesto all Organizzazione la definizione di Azioni Correttive ma un analisi dei commenti che sarà valutata in occasione A dell audit successivo. 5.3 APPROVAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE Al fine di poter presentare il dossier al Comitato di Certificazione, tutte le Non Conformità devono essere risolte (secondo le regole richiamate in precedenza) Esiti dell audit Iniziale Si possono quindi verificare le seguenti potenziali situazioni: Nessuna NC aperta (assenza NC o NC risolte): in tal caso il Valutatore Responsabile raccomanda direttamente al Comitato di Certificazione la certificazione del sistema di gestione per la sicurezza alimentare dell organizzazione richiedente. Necessità di una visita supplementare per la valutazione delle AC intraprese. Questa può esser svolta presso il richiedente e/o tramite invio della documentazione necessaria a QUASER. Necessità di ripetere completamente la visita di certificazione, nel caso le situazioni NC siano tali da non poter proseguire l iter certificativo entro i tempi necessari. Ciò comporta comunque la conferma per iscritto della richiesta da parte del richiedente di voler conseguire la certificazione con QUASER. Negli ultimi due casi i costi relativi ad eventuali visite supplementari/verifiche documentali c/o QUASER per la valutazione delle AC, saranno a carico del richiedente; i costi verranno calcolati in base a quanto previsto nell offerta di certificazione. La visita di follow-up deve essere pianificata in accordo con il richiedente entro il termine di 90 giorni dalla emissione dei rapporti di non conformità. Nel caso in cui i tempi di ripetizione della visita risultino superiori ai sei (6) mesi, QUASER potrà riesaminare le condizioni contrattuali. Nel caso in cui le NC non vengano risolte entro 90 giorni dalla emissione delle relative non conformità, il Comitato di Certificazione QUASER può ritenere necessaria una completa ri-valutazione del sistema del richiedente da tenersi secondo le modalità sopra esposte. La Direzione QUASER può declassare una non conformità ad osservazione nel caso in cui l'azione correttiva, pur non essendo completamente chiarita, sia in avanzato stato di attuazione e non pregiudichi la prestazione igienico del sistema di gestione ISO Delibera del Comitato di Certificazione e rilascio della certificazione Pagina 8 di 19

9 Pagina 9 di 19 In assenza di rilievi o a seguito della positiva valutazione del trattamento degli stessi, la documentazione inerente il processo di certificazione viene sottoposta al Comitato di Certificazione. Il Comitato di Certificazione può richiedere precisazioni agli Auditor designati e/o supplementi di indagine presso l Organizzazione richiedente la certificazione. Solo in seguito al parere favorevole espresso dal Comitato di Certificazione, Quaser nella persona del Legale Rappresentante o suo delegato emette il relativo certificato di conformità con la validità di 3 (tre) anni. La consegna del certificato e la comunicazione all Ente di Accreditamento della certificazione, sono subordinate al pagamento delle quote previste per la certificazione, il mantenimento e il rinnovo. Il certificato di conformità riporta le seguenti informazioni: nominativo (d ora in avanti denominato licenziatario ) indirizzi: le unità operative (siti) nelle quali vengono svolte le attività oggetto di certificazione (comprensive di indirizzo completo); normativa di riferimento scopo di certificazione: attività e tipologia di prodotti / servizi compresi nel sistema qualità (relativa categoria di riferimento) data di emissione del certificato, data di emissione corrente e data di scadenza. numero del certificato riferimento a eventuali regolamenti dell organismo di accreditamento La validità della certificazione di conformità, all interno del triennio di validità del certificato, è subordinata all esecuzione delle verifiche ispettive periodiche di mantenimento da parte QUASER. A Un eventuale parere negativo sarà formalizzato e comunicato all Organizzazione illustrandone le motivazioni. Tale parere negativo può essere emesso anche a seguito di mancanza di rilievi negativi durante la verifica di certificazione. Ove tale decisione non discenda da motivi amministrativi, la stessa sarà sottoposta alla valutazione del Comitato di Salvaguardia dell Imparzialità. L Organizzazione che non accetti la decisione presa da Quaser può comunicarlo formalmente secondo quanto esposto al punto 15 del Regolamento. 6 AUDIT DI MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Il mantenimento della certificazione per il triennio di validità è subordinata alla conduzione degli audit di mantenimento con esito positivo; tali verifiche hanno lo scopo di accertare che l Organizzazione mantenga un efficace Sistema di Gestione conforme ai requisiti della norma/ specifiche tecniche di riferimento e del presente regolamento. Durante il triennio di validità del certificato vengono effettuate verifiche di sorveglianza in accordo allo schema (semestrale o annuale) contrattualmente concordato e tale da assicurare il riesame completo del sistema in ogni ciclo di certificazione. Le date delle verifiche sono calcolate conferimento alla data di completamento dell audit di stage 2 o dell audit di rinnovo, nel caso di cicli di certificazione successivi. La prima verifica di mantenimento dopo il rilascio della certificazione viene eseguita entro gli 11 mesi dal termine della verifica di stage 2, mentre tutte le successive verifiche avranno cadenza annuale. Le date delle verifiche devono essere concordate con il licenziatario con una massima tolleranza di 2 mesi per la prima verifica di mantenimento e di 3 mesi per le verifiche successive, al fine di soddisfare eventuali esigenze legate alla stagionalità delle attività. La data di esecuzione dell'audit di sorveglianza dopo il rilascio iniziale non potrà in ogni caso superare 12 mesi dalla data di termine dello stage 2. Non sono ammesse normalmente deroghe a tale scadenza, se non limitatamente a situazioni di particolare gravità. Le relative richieste devono essere formalizzate dal richiedente ed autorizzate dal QUASER. Le eventuali tolleranze applicate non dovranno incidere sulla periodicità degli audit successivi che dovranno essere eseguiti secondo la programmazione originale. Pagina 9 di 19

10 Pagina 10 di 19 Lo scopo degli Audit di sorveglianza è di verificare che il Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare rimanga effettivamente ed efficacemente implementato, valutare le ricadute degli eventuali cambiamenti che possono esserci stati nell architettura dello stesso sistema, a seguito di mutazioni delle esigenze organizzative, al fine di valutare se tale Sistema di Gestione continui o meno ad essere conforme ai requisiti di Certificazione. Le attività di sorveglianza sul Sistema devono avvenire almeno una volta all anno, con regolarità e debbono prevedere il campionamento di tutti i processi ed i turni di lavoro dei siti certificati. Gli audit di mantenimento sono condotti con modalità analoghe a quella della certificazione Stage 2; il piano di audit inviato successivamente alla definizione della data della verifica (comunque almeno 3 gg dalla data fissata), prevede la possibilità di verificare alcuni requisiti della norma di riferimento a campione. L effettuazione della verifica non può procedere qualora risulti che l Organizzazione non abbia rispettato le scadenze amministrative pattuite. La data per la verifica di mantenimento confermata all Organizzazione deve essere rispettata; Quaser può consentire, valutate le motivazioni, uno spostamento rispetto a tale data, purché l Organizzazione ne faccia richiesta motivata almeno 10 gg lavorativi (il mancato rispetto di tale limite comporta il pagamento delle penali citate in offerta e la sospensione della certificazione). Nel caso l Organizzazione non voglia sostenere l audit di mantenimento tale decisione comporta: 1. La sospensione della certificazione, qualora le motivazioni addotte non siano tali da richiederne la revoca e l Organizzazione non comunichi l intenzione di recedere dal contratto e/o di rinunciare alla certificazione; 2. L annullamento e ritiro del certificato da parte di Quaser A in caso l Organizzazione comunichi l intenzione di recedere dal contratto e/o di rinunciare alla certificazione o qualora non prenda in carico i provvedimenti di Quaser; 3. L eventuale pagamento dell importo previsto per l anno in corso, qualora la richiesta di risoluzione del contratto pervenga a Quaser con un anticipo inferiore ai 3 (tre) mesi definiti nella sez.10 del presente regolamento. La classificazione dei rilievi emersi in sede di audit è la stessa applicata in fase di certificazione; eventuali non conformità possono comportare la necessità di una visita supplementare o di una decisione in merito da parte del Comitato di Certificazione (si veda il 5.2, punto 1). 7 RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE Il contratto controfirmato è stipulato per una durata di 3 anni e viene tacitamente rinnovato ogni 3 anni, per la stessa durata, a meno di disdetta di una delle parti da comunicarsi con lettera raccomandata a/r entro almeno 3 mesi dalla scadenza del certificato. Farà fede la data sulla cartolina di ricevimento. Il recesso da parte dell Organizzazione comporta la rinuncia alla certificazione con restituzione del certificato, dalla data di efficacia del recesso stesso. In caso l Organizzazione abbia interesse a sfruttare la certificazione fino alla data di scadenza del certificato, subirà una terza verifica di mantenimento. Qualora l Organizzazione decida di recedere dal contratto o non possa effettuare la verifica di rivalutazione entro la scadenza del certificato, per riottenere la certificazione dovrà essere ripercorso l iter iniziale di certificazione, con la formulazione di una nuova offerta. Il certificato viene rinnovato entro la scadenza di ogni triennio, a seguito di positiva: 1. Valutazione della documentazione di sistema 2. Audit di rinnovo L audit di rinnovo coincide con il 3 audit di mantenimento e viene eseguito entro la data di scadenza del certificato; qualora tale scadenza non potesse essere rispettata, la pratica sarà portata in Comitato di Certificazione per definire una soluzione adeguata, approvata dal Comitato di Salvaguardia dell Imparzialità (in ogni caso non sono possibili proroghe Pagina 10 di 19

11 Pagina 11 di 19 di validità delle certificazioni che prevedano l effettuazione di verifiche di rinnovo eseguite oltre i 6 (sei) mesi successivi alla scadenza del certificato eventualmente prorogato), con l eccezione delle aziende che si trovano in settori regolamentati da requisiti aggiuntivi emessi dall ente di accreditamento di Quaser per i quali si fa riferimento alle condizioni indicate negli stessi. Lo scopo del rinnovo è quello di verificare il mantenimento dell efficacia globale del sistema nella sua interezza, di valutare l impegno dimostrato per mantenere tale efficacia e l effettiva interazione tra tutti gli elementi del sistema. L audit di rinnovo della certificazione deve prendere in considerazione le prestazioni del sistema di gestione nell arco del periodo di certificazione e deve comprendere il riesame dei precedenti rapporti di audit di sorveglianza. L audit si svolge con le modalità previste per la visita di certificazione e l esito della visita è sottoposto al parere del Comitato di Certificazione per l autorizzazione al rilascio di un nuovo certificato. Le attività di audit di rinnovo della certificazione possono avere necessità di un audit di Stage 1 qualora si siano verificate modifiche significative nel sistema di gestione, nel cliente, o nel contesto in cui il sistema di gestione opera (per esempio modifiche nella legislazione). La classificazione dei rilievi emersi in sede di verifica è la stessa applicata in fase di certificazione ( 5.2). In caso siano stati emessi rilievi classificati come Non Conformità, sarà valutata dal Comitato di Certificazione l opportunità di emettere il nuovo certificato prima della loro completa risoluzione. In questi casi, all Organizzazione viene richiesto di definire e rispettare tassativamente l Azione Correttiva ed i termini di attuazione inviando le evidenze dell attuazione al Quaser; Quaser si riserva di verificare la loro effettiva A attuazione nei modi ritenuti opportuni, dandone previa comunicazione all Organizzazione. 8 AUDIT CON BREVE PREAVVISO Esistono situazioni nelle quali si rende necessario eseguire degli audit con breve preavviso. Tali situazioni sono le seguenti: - Necessità di indagare sui reclami ricevuti dalle parti interessate - Modifiche segnalate dal cliente che possano influenzare la capacità del sistema di gestione di continuare a soddisfare i requisiti della norma ( aspetti legali, commerciali, organizzativi, campo di applicazione del sistema) - Richiesta da parte del cliente di ripristinare lo stato della certificazione a seguito di una sospensione. La verifica sarà condotta in base ad un piano di audit personalizzato in funzione degli aspetti che sono da verificare e gli auditor utilizzati saranno scelti tra il personale del Quaser. L organizzazione non può ricusare il gruppo di auditor inviato. 9. MULTISITO E possibile prevedere la possibilità di certificare un multisito. Il richiedente deve aver specificato i siti che intende certificare, considerando che per sito si intende il luogo in cui viene svolta un attività (stabilimento, azienda agricola, allevamento, punto vendita). Di seguito si riportano alcuni casi specifici: - in ristorazione i siti sono tutti i punti dove si cucina; i relativi refettori (consegna e sporzionamento pasto) sono cantieri (che verranno perciò verificati nell ambito della cucina di riferimento, secondo le regole previste per la schema qualità) - per le aziende di derattizzazione e cleaning i siti sono la sede e le filiali ma non i punti dove si eroga il servizio che sono cantieri (si verificheranno quindi sede, filiali ed una tipologia di ogni cantiere) Pagina 11 di 19

12 Pagina 12 di 19 Qualora un Organizzazione operi su più siti permanenti, tutte le funzioni attinenti al sistema di gestione siano gestite da una sede centrale e sia richiesta un unica certificazione, le attività di valutazione possono essere espletate per campionamento dei siti sottoposti a verifica, purché: a) tutti i siti svolgano la medesima attività e siano ubicati nella stessa nazione b) tutti i siti operino controllati e gestiti centralmente dallo stesso sistema di gestione della sicurezza alimentare c) sia stato effettuato almeno 1 audit interno per tutti i siti nei tre anni precedenti la certificazione d) a seguito della certificazione tutti i siti verranno verificati con audit interno nell arco della durata della certificazione e) gli audit interni siano svolti per conformità alla ISO f) i risultati degli audit di ogni singolo sito siano considerati indicativi per l intero sistema e le azioni correttive implementate considerando questo aspetto. Si consideri che: - la sede è da verificare ogni anno - il risultato degli audit di ogni singolo sito verificato saranno considerati indicativi per l intero sistema e le azioni correttive dovranno essere implementate considerando questo aspetto. - il multisito è applicabile solo per organizzazioni con più di 20 siti e solo per le categorie A,B,G,H,J. Per cui entro i 20 siti sono da visionare tutti, oltre i 20 viene verificato 1sito ogni 5 siti. Questa regola è valida sia in fase di certificazione iniziale sia in sorveglianza. 10 MODIFICHE AL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE DELL ORGANIZZAZIONE CERTIFICATA L organizzazione certificata deve notificare a QUASER ogni sostanziale modifica (di tipo dimensionale, organizzativo e/o documentale) relativa al sistema di gestione per la sicurezza A alimentare con lettera informativa che descriva la sostanza dei cambiamenti. Nel caso di normali modifiche alla documentazione di sistema di gestione per la sicurezza alimentare, la copia del manuale di gestione per la sicurezza alimentare deve essere opportunamente aggiornata. QUASER valuterà tali cambiamenti per determinare se non ci siano conflitti con la normativa di riferimento e/o con l attività oggetto della certificazione e potrà decidere se sia necessaria una visita supplementare in merito, specie per quelle modifiche a maggiore impatto sul sistema di gestione per la sicurezza alimentare. Un eventuale decisione al riguardo essere sarà tempestivamente notificata all organizzazione per l accettazione. L organizzazione è tenuta a comunicare formalmente a QUASER tutte le modifiche relative a proprietà /stato legale, principali responsabilità, indirizzi / sedi, scopo del sistema di gestione, aspetti significativi del sistema e/o dei processi. Le modifiche di carattere minore saranno comunque esaminate dal valutatore incaricato alla prima verifica periodica successiva. Le modifiche di carattere maggiore potranno essere oggetto di specifiche visite (ad es. di estensione /riduzione, geografica o relativa alle attività) la cui durata ed estensione saranno contrattualmente concordate. QUASER è tenuto a notificare licenziatari alle proprie organizzazioni certificate le modifiche dei regolamenti che governano lo schema di certificazione ed a concedere loro tempo sufficiente per predisporre la conformità alle suddette modifiche. 11 SOSPENSIONE E REVOCA DELLA CERTIFICAZIONE Nel caso di evidenti inadempienze e carenze rilevate a carico dell Organizzazione certificate, in funzione della gravità Quaser emetterà dei provvedimenti: richiamo scritto, sospensione e revoca. 1. Quaser, in seguito a delibera del Comitato di Certificazione può a suo insindacabile giudizio, procedere alla sospensione della certificazione per un periodo determinato dopo l analisi delle motivazioni che hanno portato al manifestarsi dei seguenti casi: Motivi di carattere amministrativo (es. mancato pagamento delle competenze contrattuali con ritardo superiore a 60 giorni rispetto alla scadenza); Modifiche sostanziali di carattere organizzativo che abbiano portato l Organizzazione a dover sospendere temporaneamente l applicazione del Sistema di Gestione; Mancata disponibilità a ricevere la verifica ispettiva nel periodo concordato in precedenza fra Quaser ed Organizzazione; Pagina 12 di 19

13 Pagina 13 di 19 Irregolarità nell uso della Certificazione rilasciata (si veda anche il Regolamento QUASER per l uso del Marchio; Mancata risoluzione di rilievi, di qualsiasi tipo, nei tempi e nei modi previsti ad eccezione del caso in cui la situazione sia motivata e sia stata approvata da Quaser o per esso dal Gruppo di audit; Reclami da parte di clienti dell Organizzazione, che siano stati accertati come fondati da Quaser senza che l Organizzazione abbia posto in essere adeguate azioni correttive; Riscontro da parte di Quaser o di suoi incaricati che il Sistema di Gestione non garantisce il rispetto dei requisiti inerenti lo specifico schema di certificazione; Mancato adeguamento ai successivi aggiornamenti della normativa entro i tempi previsti; Mancata tempestiva comunicazione della chiusura di una qualunque unità dell Organizzazione a cui risulti esteso il certificato. Non rispetto dei tempi di chiusura delle azioni correttive indicati nel richiamo scritto. Qualora lo scopo della certificazione includa più unità operative, Quaser si riserva di sospendere il certificato nella sua totalità nel caso la sede principale risulti non conforme ai criteri necessari per il mantenimento della certificazione. Qualora la non conformità riguardasse le unità operative, la pratica sarà sottoposta al Comitato di Certificazione per la definizione delle opportune azioni. In caso di sospensione del certificato, Quaser comunica all Organizzazione la decisione assunta, informandola anche delle condizioni che devono essere soddisfatte allo scopo di rimuovere la sospensione in atto. Quaser comunica all Ente di accreditamento la notifica di sospensione del certificato (nel solo caso di certificato sotto accreditamento). Quaser rende pubblica la sospensione senza indicare le motivazioni. Quaser, dopo aver accertato la completa risoluzione dei problemi A rilevati, rimuove la sospensione dandone notizia sia all Organizzazione che all Ente di accreditamento. Quaser rende pubblica la rimozione della sospensione senza indicare le motivazioni. Qualora l Organizzazione risulti sospesa al momento previsto per il rinnovo e nel caso l Organizzazione decida di rinnovare il contratto di certificazione, l audit di rinnovo e la delibera del rinnovo della certificazione deve essere condotta entro i termini di scadenza del certificato, pena la decadenza dello stesso Durante il periodo in cui è valido il provvedimento di sospensione l Organizzazione è inibita dal pubblicizzare la certificazione. Il periodo di sospensione per ragioni amministrative è di 2 (due) mesi, invece per altre motivazioni è di 6 (sei) mesi; eventuali ulteriori periodi di sospensione delle certificazioni non sono concedibili. Nel periodo di sospensione viene mantenuto l obbligo da parte dell Organizzazione di corrispondere le quote di mantenimento della certificazione stabilite contrattualmente. Le spese relative alle eventuali verifiche supplementari conseguenti sono a carico dell Organizzazione. 2. Quaser, in seguito a delibera del Comitato di Certificazione, potrà a suo insindacabile giudizio procedere alla REVOCA della certificazione qualora: Le cause che hanno determinato la sospensione non siano state rimosse entro il periodo definito e comunicato all Organizzazione; Siano stati accertati problemi considerati da Quaser di particolare gravità, tra cui: - L Organizzazione si rifiuti di effettuare gli audit di mantenimento/supplementari o ne ostacoli l effettuazione; - L Organizzazione faccia uso scorretto del marchio Quaser o altri marchi gestiti da Quaser, o non rispetti le disposizioni agli art. 3 e 8, anche dopo opportuna comunicazione in tal senso; Pagina 13 di 19

14 Pagina 14 di 19 - L Organizzazione non rispetti le disposizioni di legge e/o il presente Regolamento Quaser ed eventuali ulteriori prescrizioni nei loro tempi di entrata in vigore; - L Organizzazione abbia in corso un cause legali relative a servizi cui risulta applicato il Sistema di Gestione tale da compromettere l immagine della certificazione ottenuta; - In base a motivata richiesta dell Ente di Accreditamento. - Qualora l Organizzazione si rifiuti di accettare modifiche al Regolamento per la Certificazione - Mancata disponibilità a ricevere l audit nel periodo concordato in precedenza fra Quaser ed Organizzazione con la presenza degli ispettori dell Ente di Accreditamento; Tutti i provvedimenti di sospensione e revoca della certificazione sono notificati all Organizzazione, resi pubblici e comunicati all Ente di Accreditamento o a chi ne faccia richiesta. Quaser si riserva la facoltà di dare comunicazione nei modi tempi più opportuni dei provvedimento adottati, nonché di informare gli Utenti interessati. In caso di revoca l Organizzazione interessata da tale provvedimento dovrà restituire il certificato. L Organizzazione che, dopo revoca, intenda nuovamente accedere alla certificazione potrà presentare una nuova domanda non prima di 6 (sei) mesi dalla notifica del provvedimento e dovrà ripercorrere l intero iter. Quaser si riserva la facoltà di accettare o meno la domanda ripresentata. I provvedimenti di sospensione e revoca sono comunicati a mezzo lettera raccomandata R.R. (o tramite invio per posta elettronica PEC). 12 PUBBLICIZZAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE A L Organizzazione certificata è tenuta a: 1. Non utilizzare la Certificazione relativa al Sistema di Gestione in modo da generare l idea che Quaser abbia approvato ed espresso un giudizio qualitativo sul prodotto/servizio reso dall Organizzazione. La certificazione può solo dare adeguata confidenza che il sistema implementato dall Organizzazione sia atto a soddisfare i requisiti specificati. La Certificazione di un Sistema di Gestione Aziendale non si estende ai beni prodotti o ai servizi erogati dall Organizzazione; pertanto l Organizzazione non può utilizzarla in modo da far ritenere che gli stessi siano coperti da certificazione e la relativa comunicazione e pubblicità dovrà essere formulata in modo da non generare equivoci in merito( ad esempio non esaustivo, i marchi non possono essere apposti sui rapporti di prova, di taratura, d ispezione e sui cartigli dei disegni). Al riguardo quindi l Organizzazione si assume ogni responsabilità derivante da ogni condotta idonea a generare equivoci in tal senso. 2. Conformarsi ai requisiti Quaser (indicati nell apposita procedura consegnata all atto del rilascio del certificato e successivi aggiornamenti) quando menziona la propria certificazione in qualsiasi documento, opuscolo o pubblicità anche su supporto informatico (es. sito internet) e nell utilizzo del marchio Quaser o altri marchi gestititi da Quaser. Nella procedura viene regolamentata anche la possibilità o meno di utilizzo del marchio dell Ente di Accreditamento 3. Interrompere, in casi di sospensione, scadenza, revoca o rinuncia della certificazione, l uso di materiale pubblicitario contenente i marchi gestiti da Quaser o altri riferimenti alla certificazione, ed eliminare tali riferimenti da tutti i documenti in uso (anche di tipo informatico). Quaser mensilmente pubblica l elenco delle aziende certificate sul proprio sito ed informa l Ente di accreditamento; l ottenimento del certificato, per i soli settori sotto accreditamento, conferisce all Organizzazione l inserimento automatico del proprio nominativo nell elenco delle aziende certificate pubblicato dall Ente di Accreditamento. Pagina 14 di 19

15 Pagina 15 di RISERVATEZZA Gli atti documentazione, lettere, comunicazioni, ecc. e le informazioni relative ed acquisite durante l attività di certificazione sono considerati riservati e trattati in maniera strettamente riservata salvo quanto diversamente prescritto da disposizioni di legge. Tutti i collaboratori di Quaser, interni o esterni, sono tenuti al rispetto dell impegno di riservatezza preso nei confronti del Quaser, oltre che al rispetto della normativa specifica in vigore. QUASER si impegna a mantenere aggiornate e disponibili al pubblico (sul sito web di QUASER: ed agli enti di accreditamento le informazioni riguardanti i certificati delle aziende clienti compresi quelli la cui certificazione è stata sospesa, ritirata ed annullata. I contenuti dei file di certificazione possono essere condivisi da QUASER con eventuali Enti di accreditamento o con Enti che svolgano analoghe funzioni (ad es. Accredia). Nel caso alcune comunicazioni siano richieste dalla legge, l organizzazione certificata sarà informato da QUASER, nel rispetto dei vincoli di legge. 14 RECESSO DALLA CERTIFICAZIONE L Organizzazione, secondo la procedura stabilita nell offerta economica consegnata unitamente al presente regolamento, può rinunciare alla certificazione ed esercitare il diritto di recesso dagli obblighi sottoscritti: 1. Nel caso non ci sia interesse all adeguamento a variazioni della norma di riferimento; 2. Nel caso di non accettazione dell aggiornamento delle condizioni economiche contrattuali nei limiti di cui all offerta economica; 3. Nel caso di non accettazione di eventuali variazioni del presente regolamento nei limiti di cui all offerta economica; 4. Prima della scadenza del certificato, dando formale disdetta del contratto a mezzo lettera raccomandata con A avviso di ricevimento con un preavviso di almeno 3 (tre) mesi dalla ricorrenza annuale dell emissione del certificato stesso (farà fede la data sull avviso di ricevimento). Il recesso da parte dell Organizzazione comporta la rinuncia alla certificazione con restituzione del certificato, a partire dalla data di efficacia del recesso stesso. Il recesso da parte di Quaser non comporta l automatica revoca della certificazione che resta in vigore fino alla scadenza della visita periodica successiva. In tal caso, tuttavia, restano valide, per il tempo residuo di validità del certificato, tutte le disposizioni del presente contratto che sono funzionali al mantenimento del Sistema di Gestione in conformità alla norma di riferimento, con particolare riguardo alla facoltà di Quaser di effettuare verifiche e ottenere informazioni qualora abbia ragione di ritenere che detta conformità sia venuta meno, pena il ritiro immediato del certificato. In questo caso, è facoltà dell Organizzazione anticipare il recesso di cui al secondo capoverso del presente paragrafo La rinuncia alla certificazione comunicata oltre i termini sopra stabiliti di 3 mesi comporta il ritiro immediato del certificato ed il pagamento della quota dovuta per l anno successivo. L Organizzazione può recedere dal contratto prima dell ottenimento della certificazione, inviando formale comunicazione a mezzo raccomandata prima della visita di certificazione e corrispondendo a Quaser il 50% delle quote previste per la certificazione. 15 SEGNALAZIONI, RECLAMI, RICORSI E CONTENZIOSI 15.1 Gestione delle segnalazioni. I Clienti delle Organizzazioni certificate da Quaser possono inoltrare a Quaser Certificazioni S.r.l. reclami a carico delle Organizzazioni stesse, identificate da Quaser come segnalazioni. La presente procedura si trova anche sul sito web. La segnalazione viene presa in carico dal Direttore Generale che provvede a contattare l Organizzazione citata per verificare la fondatezza della segnalazione. Pagina 15 di 19

16 Pagina 16 di 19 In caso la segnalazione sia confermata, Direttore Generale richiede all Organizzazione di definire il trattamento della segnalazione e comunicarlo a Quaser e al Cliente dell Organizzazione. Quaser verifica l attuazione e la chiusura dell azione correttiva da parte dell Organizzazione tramite i riscontri documentali o, quando non fosse possibile, affidando la verifica ad un valutatore in visita ispettiva programmata o, in casi estremi, effettuando una visita ad hoc. L eventuale visita non programmata viene gestita come previsto per gli audit programmati ma con la possibilità di un breve preavviso. In ogni caso il valutatore riceve la documentazione necessaria ad una valutazione corretta. Per assicurare l invio al valutatore della documentazione necessaria ad effettuare l audit, questa viene archiviata nell archivio tecnico dell Azienda. Quaser si riserva inoltre di verificare la corretta gestione della segnalazione da parte dell Organizzazione, anche tramite il controllo del contenuto delle relative procedure. Il Direttore Generale aggiorna inoltre il registro segnalazioni e reclami, gestito in formato elettronico. Sulla base dei riscontri pervenuti, Quaser verifica anche che le cause della segnalazione non originino da una non conformità nel proprio operato, e mette in atto le azioni correttive eventualmente necessarie gestendole come descritto in procedura Gestione delle Non Conformità, Azioni Correttive, Azioni Preventive ed Azioni di Miglioramento Gestione di ricorsi, reclami e contenziosi Il reclamo per Quaser è costituito da qualsiasi azione presentata per iscritto da una terza parte a Quaser, per comunicare che qualcosa non è coerente con uno o più requisiti definiti A dalla specifica del servizio offerto da Quaser, dal contratto, dal regolamento di servizio; sono esclusi i suggerimenti (comunicazioni che non hanno lo scopo di denunciare una situazione di disagio ma sono delle indicazioni per Quaser per la fornitura di un servizio più vicino alle aspettative del cliente ). In caso di reclami, di qualsiasi natura da parte di terzi nei confronti di Quaser, questi vengono attentamente valutati dalla Direzione in collaborazione con il Responsabile Tecnico allo scopo di individuarne le cause e avviare le appropriate azioni conseguenti. Il Direttore Generale comunica poi all interessato le azioni decise per la risoluzione del problema e le relative motivazioni. A fronte di reclami per cui non sia più possibile un azione correttiva e in ogni caso quando possa essere utile per evitare il manifestarsi di situazioni critiche, viene effettuata un analisi volta a promuovere azioni preventive in grado di impedire il ripetersi di reclami. Tali azioni sono gestite come descritto nella procedura Gestione delle Non Conformità, Azioni Correttive, Azioni Preventive ed Azioni di Miglioramento. In sede di riesame del sistema da parte della Direzione vengono valutate tutte le azioni intraprese in relazione alla loro efficacia. In caso di ricorsi ricevuti per iscritto da Quaser da parte di terzi (es. l Organismo di accreditamento, organi di stampa, Organizzazioni clienti) questi sono attentamente valutati dalla Direzione e dal Responsabile Tecnico allo scopo di individuarne le cause e avviare appropriate azioni conseguenti. Nel caso di ricorso avverso alle decisioni assunte da Quaser da parte di un Organizzazione certificata o in corso di certificazione, o di un Organizzazione valutata, l Organizzazione in causa dovrà esporre le ragioni del dissenso non oltre 30 giorni dalla notifica delle misure prese da Quaser. Ogni ricorso presentato è trascritto nell apposito registro Quaser confermando a chi ha esposto il ricorso la presa in carico dello stesso. Il Direttore Generale e il Responsabile Tecnico, effettuato un primo riesame, nomina un Comitato di Certificazione competente per la gestione del ricorso. Il Comitato di Certificazione, o in sua vece la Direzione, ha facoltà di convocare Pagina 16 di 19

17 Pagina 17 di 19 l Organizzazione interessata e/o gli Auditor che hanno operato per condurre un supplemento d indagine. All interno del Comitato di Certificazione non saranno utilizzate le stesse risorse direttamente coinvolte nell iter originale che ha innescato il ricorso stesso. La Direzione di Quaser comunica al Ricorrente le decisioni assunte, descrivendo le relative motivazioni, entro 3 mesi dalla presentazione del ricorso, a meno di diverse specifiche contrattuali. Qualora il ricorso non sia accolto, le spese conseguenti sono a carico dell Organizzazione ricorrente. Dall analisi del ricorso e dalle decisioni determinate nel merito, la Direzione Generale può stabilire eventuali azioni preventive e/o correttive necessarie alla prevenzione o rimozione delle cause generatrici dell evento FORO COMPETENTE Permanendo il disaccordo tra Quaser e ricorrente, questo si potrà rivolgere al foro competente di Milano; per quant altro non previsto, ci si riporta alle disposizioni di legge nazionali e comunitarie RINVIO NORMATIVO Per quant altro non previsto, ci si riporta alle disposizioni di legge nazionali e comunitarie. 16. REQUISITI COGENTI E LIMITI DELLA CERTIFICAZIONE L Organizzazione s impegna a conformare e mantenere conformi i propri prodotti/servizi a tutti i requisiti di legge applicabili. La certificazione riguarda solo la conformità del sistema di gestione dell Organizzazione alla norma di riferimento, e non costituisce perciò un attestato del rispetto dei predetti requisiti. L OdC ha la responsabilità di verificare a campione che l Organizzazione conosca e sia in grado di gestire la conformità legislativa relativa al sistema di gestione certificato, mentre l'organizzazione rimane l unica responsabile del corretto svolgimento delle sue attività e dell osservanza degli obblighi A di legge connessi ai prodotti, processi e servizi forniti, e agli obblighi contrattuali verso i propri clienti. Firma per accettazione del presente regolamento Data (timbro e firma legale rappresentante) Ai sensi e per gli effetti degli art e 1342 del Codice Civile, l Organizzazione dichiara di aver letto attentamente di approvare specificamente il contenuto del presente regolamento comprensivo di tutti i commi contenuti nei singoli paragrafi: Firma per accettazione del presente regolamento Data (timbro e firma legale rappresentante) Pagina 17 di 19

18 Pagina 18 di 19 ALLEGATO 1 CATEGORIE ALIMENTARI IN ACCORDO ALLA NORMA ISO Categorie DESCRIZIONE Esempi/Settori Applicabi lita MULTISI TO A produzione primaria animale Animali, Produzione di uova, Produzione di latte, Apicoltura, Caccia- intrappolamento, Pesca, Acquacoltura Sì B produzione primaria vegetale Frutta, Verdura, Cereali, Spezie e piante aromatiche Sì Prodotti trasformati di origine animale, inclusa la macellazione : deperibili (refrigerati / surgelati ) Carne rossa, Carne Bianca, Confezionamento uova, Prodotti lattiero caseari, Prodotti ittici No D Prodotti trasformati di origine vegetale : deperibili (refrigerati / surgelati) Frutta e succhi di frutta freschi, Frutta conservata, Vegetali freschi, Vegetali Aconservati No E Prodotti alimentari a lunga conservazione (temperatura ambiente) Prodotti in scatola, Acqua minerali e bevande analcoliche, Bevande alcoliche, Biscotti e snack, Prodotti da forno, Pasta/riso Sfarinati, Zucchero, Sale, Oli e grassi No F Produzione di mangimi Mangimi per animali, Mangimi per pesci No G Ristorazione Catering collettiva/ Hotel ristoranti campeggi Ristorazioni collettive Sì In ristorazione i siti sono tutti i punti dove si cucina ; i relativi refettori (dove c è solo la distribuzione dei pasti) sono cantieri e quindi verranno verificati nell ambito della cucina di riferimento. H Distribuzione Supermercati/negozi, Gestione vending, Grossisti Sì I Servizi Rifornimento idrico, Pulizia e sanificazione, Disinfestazione derattizzazione, Smaltimento dei Rifiuti, Sviluppo del prodotto, processo e attrezzatura, Servizi veterinari No Per le aziende di derattizzazione e pulizie i siti sono la sede e le filiali ma non i punti dove si eroga il servizio che sono invece cantieri ( si verificheranno quindi sede, filiali ed una tipologia di ogni cantiere) J Trasporto e stoccaggio Trasporto e stoccaggio Sì K Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici per l'industria alimentare Fabbricazione di attrezzature di processo - Fabbricazione di distributori automatici No Pagina 18 di 19

19 Pagina 19 di 19 L Produzione di prodotti chimici e biologici per l'industria alimentare e zootecnica Additivi, Vitamine, Biocolture, Pesticidi, Droghe, Fertilizzanti, Detergenti-disinfettanti No M produzione di materiale da imballo ed imballaggi per l'industria alimentare Carta e legno, Plastica, Vetro, Metallo No A Pagina 19 di 19

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. GENERALITA... 2 2.1 IMPEGNI DI BUREAU VERITAS... 2 2.2 IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 4.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing).

ANNEX SETTORE EA 28. personalemediamente presente in ciascun cantiere (compreso personale in subappalto e/o outsourcing). ANNEX SETTORE EA 28 1. FORMULAZIONE OFFERTA Esclusivamente per il settore EA 28 l offerta viene formulata sulla base dei dati forniti dall organizzazione relativamente ai cantieri dichiarati nella richiesta

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 01/04/2012 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN 15085-2 ed EN 15085-2 in accordo alle Linee Guida ANSF 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 INDICE 1. GENERALITA...

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE

SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE SCHEMA PER LA CONCESSIONE DELLA LICENZA PER L EMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DI UN PRODOTTO APPROVATA DA ACAE 1. SCOPO La presente procedura descrive le fasi del processo per la concessione

Dettagli

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI / CONSULENTI SENIOR DI - SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SAFETY Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG26 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file:

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file: Procedura Gestionale PG-10 Indice: 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti e definizioni 3. Responsabilità 4. Attività REV. DATA DESCRIZIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER Angelo Parma APPROVATO DIRETTORE

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG08 Pag. 1 di 6 0 01.10.2013 CEPAS srl R.A. Favorito

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 19/11/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei Centri di contatto in accordo alla UNI EN 15838, seguendo i criteri della UNI 11200. Directives for accreditation

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 19/11/2015 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 4 07/07/2011 LTM CSI 1 di 19

revisione data verifica approvazione Pagina 4 07/07/2011 LTM CSI 1 di 19 PROCEDURA GENERALE GP01 SA 8000 REGOLAMENTO PER LA 4 07/07/2011 LTM CSI 1 di 19 INDICE 1. GENERALITA... 3 1.1 IMPEGNI DI BUREAU VERITAS... 3 1.2 IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3.

Dettagli

Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Pag. 1 di 15 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI approvata dal Consiglio di Amministrazione dell Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. in data 28.11.2014 12 11/14 9.2,9.3,15 11 05/14

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI Pagina 1 di 5 REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto del regolamento 2.1 Definizioni Art. 3 Documenti di riferimento 3.1 Documenti di riferimento

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità In vigore dal 15/09/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ATTESTAZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI D. LGS 231/2001 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PER LA ATTESTAZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI D. LGS 231/2001 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO ATTESTAZIONE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. IMPEGNI DI BUREAU VERITAS... 2 3. IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE... 2 4. PROCEDURA DI ATTESTAZIONE... 2 5. RICHIESTA

Dettagli

Em. 00 10.01.2010 Nuova Emissione Documento Redatto RQ Verificato Approvato PD DISTRIBUZIONE: INTERNA; PR1 - Em. 00 del 10.01.2010 Pagina 1 di 6 Sommario 1 Scopo e Campo di Applicazione... 3 2 Definizioni...

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE Questi Termini e condizioni costituiscono l'accordo tra ACSQ/CCAS e la Società/Cliente richiedente 1. INTRODUZIONE ACSQ/CCAS segue i criteri specificati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Security

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Security Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Security In vigore dal 1 luglio 2009 RINA Società per azioni Via Corsica, 12-16128 Genova - Italia Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE REG-CSG pag. 1/27 Divisione Certificazione Sistemi di Gestione Via Rossini, 2-47814 Bellaria (RN) tel. +39/0541/343030 - telefax +39/0541/341329 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE

Dettagli

Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS

Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS Regolamento per il rilascio della Certificazione di un Sistema di Gestione Integrato secondo lo schema BEST4 e BEST 4 PLUS In vigore dal 01 Agosto 2014 RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italia Tel. +39

Dettagli

MODALITÀ E CRITERI DI RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE QUALITÀ

MODALITÀ E CRITERI DI RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE QUALITÀ Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: rinnovo@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG11 Pag. 1 di 5 4 30.11.2015 Pagg. 4, 5 R.A. Favorito

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER IL RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE SICUREZZA ALIMENTARE

CRITERI E MODALITÀ PER IL RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE SICUREZZA ALIMENTARE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: rinnovo@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG25 Pag. 1 di 5 1 20.11.2014 Pagg.3, 5 R.A. Favorito

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Qualità In vigore dal 19/11/2015 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39

Dettagli

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità Il presente documento, è stato approvato dal Direttore. L originale firmato è conservato presso la Segreteria. 0. STORIA Questa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE ISO 14001

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE ISO 14001 PROCEDURA GENERALE REGOLAMENTO PER LA SISTEMI DI GESTIONE 9 07/11/2011 LTM CSI 1 di 20 INDICE 1 SCOPO...3 2 GENERALITA...3 2.1 IMPEGNI DI BUREAU VERITAS...3 2.2 IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE...4 3 RIFERIMENTI...4

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA Pagina 1 di 5 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 1. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 4. ESECUZIONE DEI SAGGI... 3 4.1 Attività presso

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 2 Riferimenti normativi 2 3 Definizioni 2 4 Condizioni generali 3 4.1 Requisiti 3 4.2 Accesso agli schemi di certificazione/qualificazione 3 5 Processo di certificazione

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Qualità in accordo allo standard ferroviario IRIS In vigore dal 01/01/2013 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE SA8000 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE SA8000

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE SA8000 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE SA8000 Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. GENERALITA... 3 3. IMPEGNI DI BUREAU VERITAS... 3 4. IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE... 3 5. RIFERIMENTI... 3 6. TERMINI

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

TÜV Italia s.r.l. - TÜV SÜD Group

TÜV Italia s.r.l. - TÜV SÜD Group 1 di 7 INDICE 1. Scopo ed entrata in vigore 2. Campo di applicazione 3. Termini e definizioni 4. Responsabilità 5. Controllo del regolamento 6. Iter di certificazione 6.1 Generalità 6.2 Modalità di svolgimento

Dettagli

COMMUNICATION TECHNOLOGY S.R.L.

COMMUNICATION TECHNOLOGY S.R.L. Rapporto di audit di estensione - RC Certificazione di Sistemi di Gestione ISO 9001:2013 DA: 2013-10-23 A: 2013-10-23 DNV Lead Auditor MICHELE TASSINARI (1 gg) Firma Per Det Norske Veritas Italia S.r.l.

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Procedura Documentale di Sistema

Procedura Documentale di Sistema INDICE 1. Scopo 2. Campo di Applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti Normativi 5. Descrizione del Processo 5.1 Reclami 5.1.1 Generalità 5.1.2 Forma del Reclamo 5.1.3 Ricezione del reclamo ed Analisi

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE INDICE 1. PREMESSA 2. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3. NORMATIVA E DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO 4. GENERALITÀ 5. OFFERTA, ORDINE E APERTURA ITER DI CERTIFICAZIONE 6. PIANIFICAZIONE ED ESECUZIONE DELL AUDIT

Dettagli

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI/ CONSULENTI SENIOR DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI/ CONSULENTI SENIOR DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG04 Pag. 1 di 7 MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI CONSULENTI/

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X MACCHINE_ Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X INDICE Art. 1 Premessa Art. 2

Dettagli

1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO Alle norme EN 9100 EN 9110 EN 9120... 1

1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO Alle norme EN 9100 EN 9110 EN 9120... 1 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO Alle norme EN 9100 EN 9110 EN 9120... 1 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento costituisce il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER IL Data prima emissione Data aggiornamento Edizione Revisione Emesso da RGQ Approvato da Amministratore Unico 31/07/2013 01 00 Rev. 00 Pagina 1 di 14 INDICE 1 PREMESSA 2 SCOPO

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH131 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Gestione dei reclami, ricorsi e segnalazioni

Gestione dei reclami, ricorsi e segnalazioni Titolo/Title Gestione dei reclami, ricorsi e segnalazioni Management of Complaints, Appeals and other feedbacks Sigla/Reference PG-10-DT Revisione/Revision 00 Data/Date 2010-08-02 Redazione Approvazione

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4 1 27/04/2010 RQ LTM 1 di 5 INDICE 1. GENERALITA... 3 1.1 APPLICABILITÀ... 3 1.2 DIRITTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SOCIETA CHE FORNISCONO SERVIZI DI EFFICIENZA ENERGETICA SECONDO LA NORMA UNI CEI 11352

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SOCIETA CHE FORNISCONO SERVIZI DI EFFICIENZA ENERGETICA SECONDO LA NORMA UNI CEI 11352 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SOCIETA CHE FORNISCONO SERVIZI DI EFFICIENZA ENERGETICA SECONDO LA NORMA UNI CEI 11352 In vigore dal 25 Giugno 2015 RINA SERVICES S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova

Dettagli

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Revisione ITA4 Settembre 2010 Regolamento Q.C.B. Italia SG ITA4 Set 10- pag. 1/15 Contenuti ll presente regolamento si applica per la

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF Regole 3 Edizione Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF 3 Edizione per

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE IN CONFORMITA ALLA NORMA ISO 27001 Sistemi di Gestione per la sicurezza delle informazioni

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE IN CONFORMITA ALLA NORMA ISO 27001 Sistemi di Gestione per la sicurezza delle informazioni Pag. 1 di 20 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE IN CONFORMITA ALLA NORMA ISO 27001 Sistemi di Gestione per la sicurezza delle informazioni approvata dal Consiglio di Amministrazione dell Istituto

Dettagli

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

Regolamento per la convalida della Dichiarazione Ambientale EMAS

Regolamento per la convalida della Dichiarazione Ambientale EMAS Regolamento per la convalida della Dichiarazione Ambientale EMAS In vigore dal 1 Giugno 2010 RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italia Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamenti

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI DEI REGOLAMENTI EUROPEI 303/2008 E 304/2008 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: CERTIFICAZIONE DELLE AZIENDE AI SENSI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI... 2 3. GENERALITÀ... 4 4. PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE... 5 5. CONTENUTI DEL CERTIFICATO...

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

5 Aggiornamento ragione sociale e introduzione dettagli su scopo stadio 1 2014-01-30 4 Adeguamento rif. a nuovo regolamento 1221 2011-06-22

5 Aggiornamento ragione sociale e introduzione dettagli su scopo stadio 1 2014-01-30 4 Adeguamento rif. a nuovo regolamento 1221 2011-06-22 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. REQUISITI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 3. PRINCIPI GENERALI E GARANZIE PER IL CLIENTE 4.REQUISITI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 5. REQUISITI

Dettagli

Regolamento Generale per la certificazione di Sistemi di Gestione

Regolamento Generale per la certificazione di Sistemi di Gestione Regolamento Generale per la certificazione di Sistemi di Gestione In vigore dal 19/11/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI di GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI di GESTIONE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI di GESTIONE Documento: SG 01 Totale Pagine: 18 Revisione: 02 Data: 31 luglio 2008 Redatto da: Ing. Massimo CONCETTI Approvato da: Ing. Lorenzo FEDELE Regolamento

Dettagli

REV 07.00 in vigore dal 01 Agosto 2013. RINA Services SpA. Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 E-MAIL info@rina.org - WEB www.rina.

REV 07.00 in vigore dal 01 Agosto 2013. RINA Services SpA. Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 E-MAIL info@rina.org - WEB www.rina. Regolamento per la Certificazione del Servizio dei Corsi Professionali per personale addetto a svolgere attività nel settore degli impianti elettrici ed esecuzione delle relative prove d esame REV 07.00

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO REG 14064 REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO 14064-1 2006 e 14064-3 1. DESCRIZIONE DELL'ISTITUTO CERTIQUALITY S.r.l.

Dettagli

MODALITÀ E CRITERI PER IL RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE SECURITY

MODALITÀ E CRITERI PER IL RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE SECURITY Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: rinnovo@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG21 Pag. 1 di 5 DELLA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE 3

Dettagli

PROCEDURA SCR_PG. - 07.2 Prestazione del servizio di certificazione del Sistema di Gestione della Qualità in organizzazioni multisite.

PROCEDURA SCR_PG. - 07.2 Prestazione del servizio di certificazione del Sistema di Gestione della Qualità in organizzazioni multisite. PROCEDURA SCR_PG. - 07.2 Prestazione del servizio di certificazione del Sistema di Gestione della Qualità in organizzazioni multisite. STATO DEL DOCUMENTO REV. PAR. PAG. DESCRIZIONE Data REV. 01 Emissione

Dettagli

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Il presente documento, è stato approvato dal Direttore. L originale firmato è conservato presso la

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas.

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: certificazione@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG10 Pag. 1 di 7 - AUDITOR E RESPONSABILI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE associazione italiana per la sicurezza della circolazione REGOLAMENTO PARTICOLARE per il rilascio della certificazione di conformità (Marchio CE) per i prodotti da costruzione (Direttiva del Consiglio

Dettagli