L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO."

Transcript

1 L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio giugno 200

2 Obiettivo della ricerca L obiettivo di questa ricerca era indagare le problematiche ed i bisogni che le famiglie adottive incontrano dopo il primo anno di post-adozione e le risposte date loro dai servizi preposti, sociali e sanitari, e dagli enti autorizzati.

3 Ipotesi Le fasi di vita critiche che la famiglia adottiva attraversa secondo la letteratura sono: la costruzione della relazione di attaccamento genitori-bambino; il rapporto con le origini del bambino e la sua storia passata; l inserimento scolastico del bambino adottato; le fasi della pre-adolescenza adolescenza; eventuale crisi o separazione della coppia genitoriale; l arrivo in famiglia di fratelli (naturali o da adozioni successive).

4 Le domande alle quali abbiamo cercato di rispondere con la nostra ricerca: quali sono i bisogni e le problematiche più diffusi e sentiti in relazione a queste fasi critiche; a chi si rivolgono preferibilmente le famiglie nel momento del bisogno ed in che modo lo fanno; che tipo di risposte ricevono dai servizi sociali e sanitari; che tipo di risposte ricevono dagli enti autorizzati per le adozioni internazionali. Ipotizziamo la conferma della tipologia di problematiche, delle fasi più delicate e degli aspetti critici dell esperienza adottiva rispetto a quanto riscontrato nelle ricerche in quest ambito. Ipotizziamo l esistenza di una rete di collaborazione tra le diverse professionalità a disposizione di questa particolare fascia di utenti.

5 Metodologia e disegno della ricerca Campione - 3 servizi socio-assistenziali ( Comprensori più Comune di Trento e Comune di Rovereto) - settore preposto alla tematica adottiva (con funzione di raccolta dati interna al servizio); - 2 Unità Operative di Psicologia Clinica (UO di Trento e UO2 di Riva del Garda); - 2 Unità Operative di Neuropsichiatria Infantile (NPI e NPI2); - Ufficio Servizio Sociale per i Minori (USSM); - Servizio di riferimento per le attività alcologiche; - Servizio per le tossicodipendenze (Ser. T.); - Consultorio Ucipem; - Enti Autorizzati per l adozione internazionale con sede in Provincia di Trento; - Associazioni di famiglie adottive con sede in Provincia di Trento. Procedura Contatto con i servizi attraverso una lettera formale con la richiesta di individuazione di un referente ed allegata la griglia di raccolta dati. Contatto con il referente ed invio via della griglia di raccolta dati. Contatto con gli enti autorizzati e le associazioni di famiglie adottive, per i quali era stata invece preparata una traccia di intervista qualitativa riguardo alla loro esperienza ed alle loro attività con le famiglie. Raccolti tutti i dati quantitativi, sono stati effettuati degli approfondimenti tramite intervista, soprattutto riguardo alle problematiche ed agli interventi messi in atto per chiarire alcuni aspetti ritenuti importanti ai fini della ricerca.

6 Strumenti Griglia di raccolta dati quantitativi somministrata ai servizi sociali e sanitari: - Quantificazione delle famiglie adottive seguite (da gennaio 2006 a giugno 2009); - Caratteristiche dell adozione; - Caratteristiche dei bambini/ragazzi adottati; - Caratteristiche della richiesta; - Tipologia della problematica; - Tipologia degli interventi; - Tipo di servizio e il ruolo del referente. Traccia di intervista qualitativa somministrata agli enti autorizzati - Informazioni relative ai Paesi d origine (PO) e al periodo di monitoraggio; - le problematiche che le famiglie adottive incontrano dopo il primo anno di post adozione e quali bisogni esprimono in modo più frequente; - se erano stati, o si sentivano, un punto di riferimento per le famiglie per consigli o richieste di aiuto; - se avevano attivato iniziative, come gruppi di auto-mutuo aiuto, seminari, incontri,come erano organizzati, con quale cadenza e da chi erano condotti.

7 I dati quantitativi

8 I Servizi sociali Servizio sociale C Valle di Fiemme C2 Primiero C3 Bassa Valsugana C Alta Valsugana C5 Valle dell Adige C6 Valle di Non C7 Valle di Sole C8 Valli Giudicarie C9 Alto Garda e Ledro C0 Vallagarina C Ladino di Fassa Comune di Rovereto Comune di Trento Totale Referente ass.soc. post-adozione ass.soc. post-adozione responsabile Servizio S.A. ass.soc. adozione ass.soc. post-adozione coordinatrice Servizio P.S.A. ass.soc. ass.soc. ass.soc. post-adozione ass.soc. adozione ass.soc. post-adozione ass.soc. post-adozione ass.soc. adozione Numero richieste

9 La psicologia clinica UO psicologia clinica Referente Numero richieste UO Psicologa dell UO 89 UO2 Psicologa dell UO 28 Totale 7

10 La neuropsichiatria infantile (NPI) Questo servizio, nonostante si sia dichiarato disponibile a collaborare, non ha fatto pervenire i propri dati, nonostante ripetuti solleciti.

11 L Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni (USSM) L USSM, articolazione territoriale sul fronte sociale del Ministero di Giustizia, fornisce assistenza ai minori autori di reati in ogni stato e grado del procedimento penale e predispone, su richiesta del Pubblico Ministero, la raccolta di elementi conoscitivi concernenti tali minori per l accertamento della personalità, fornendo anche concrete ipotesi progettuali e concorrendo alle decisioni dell Autorità Giudiziaria Minorile. Di norma, opera in collaborazione con il servizio sociale territoriale competente per residenza del minore; infatti, tutti i casi riportati dall USSM erano anche seguiti dai servizi sociali (o prima o successivamente alla presa in carico dell USSM). La referente per questo servizio ha calcolato tutti i casi che erano in carico da gennaio 2006 a giugno 2009, quindi anche i casi iniziati precedentemente ed ancora in corso negli anni considerati per i quali l intervento del servizio sociale poteva essere terminato; per questo motivo non c è una totale corrispondenza con i dati del servizio sociale.

12 L Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni (USSM) Comprensorio Comune di Trento C3 C C9 C0 Totale Numero richieste

13 Il servizio di riferimento per le attività alcologiche Numero richieste Totale La referente del servizio di alcologia ha raccolto tutti i casi di famiglie o componenti di famiglie adottive seguiti dagli distretti sul territorio provinciale. Si riscontrano pochi casi di problematiche alcool-correlate nelle famiglie adottive; in tutti i casi riportati la problematica è a carico del figlio adottivo.

14 Il servizio per le tossicodipendenze Anno giugno Totale Numero richieste Sono stati selezionali tutti gli utenti afferiti per la prima volta al Ser.T nell intervallo temporale 0/0/ /06/2009 di cui fosse certamente documentato lo stato di adottato. In tutti i casi si tratta di persone che si sono rivolte al Servizio per problemi legati all uso di sostanze stupefacenti (con diagnosi di abuso o dipendenza). In alcuni casi nella presa in carico risultano coinvolti anche i familiari, tuttavia il titolare della domanda, in tutti i casi selezionati, è lo stesso utente.

15 Consultorio Ucipem Periodo di riferimento Numero richieste gennaio 2006-giugno 2009 Non è stato fornito il dato differenziato per anno ma solo quello aggregato riferito al totale delle famiglie nel periodo di riferimento.

16 Limiti della raccolta dati Gli obiettivi della ricerca non erano stati sufficientemente condivisi a priori, soprattutto riguardo agli item inseriti nelle griglie; le istruzioni erano interpretabili. Ne conseguono la parziale affidabilità e la non confrontabilità (tra territori) dei dati raccolti; la difficoltà a reperire il dato richiesto: i sistemi di raccolta dati dei soggetti interpellati non registrano la variabile famiglia adottiva, per cui la ricerca del dato ha dovuto affidarsi alla memoria degli operatori risentendo dei turnover degli stessi; per la psicologia clinica, in sede di approfondimento, non potendo risalire alla fonte dei dati per ciascun distretto, non si sono potute raccogliere informazioni più specifiche, né sulla quantificazione delle richieste né sulla tipologia di problematiche ed interventi messi in atto; non tutti i servizi interpellati hanno forniti i dati, o tutti i dati richiesti, non essendone in possesso.

17 Riepilogo dei dati quantitativi dei servizi sociali e sanitari

18 Tipo di servizio Servizio sociale Psicologia clinica Neuropsichiatria infantile USSM Servizio alcologia Ser.T UCIPEM TOTALE Numero richieste pervenute ai servizi (gennaio 2006-giugno 2009) 57 7 Dato non pervenuto Tabella numero di richieste pervenute nel periodo di riferimento per servizio

19 Caratteristiche dell adozione Tipo di servizio Adozioni nazionali Adozioni internazionali Dato mancante Totale richieste Servizio sociale Psicologia clinica USSM Alcologia Ser.T. UCIPEM 3 TOTALE Tabella 2 richieste di famiglie con adozione nazionale e internazionale

20 Caratteristiche dell adozione Tipo di servizio Prima adozione II adozione/ successive Dato mancante Totale richieste Servizio sociale Psicologia clinica USSM 9 9 Alcologia 2 Ser.T. 6 7 UCIPEM 3 TOTALE Tabella 3 richieste di famiglie con prima adozione o seconda/successive

21 Caratteristiche dell adozione Tipo di servizio Un figlio Coppia/ gruppo di fratelli Dato mancante Totale richieste Servizio sociale Psicologia clinica USSM 9 9 Alcologia 2 2 Ser.T. 5 5 UCIPEM 2 2 TOTALE Tabella richieste di famiglie adottanti un figlio o coppie/gruppo fratelli

22 Caratteristiche dell adozione Tipo di servizio Famiglie con figli naturali Famiglie senza figli naturali Dato mancante Totale richieste Servizio sociale Psicologia clinica USSM 9 9 Alcologia 3 Ser.T. UCIPEM 3 TOTALE Tabella 5 figli naturali in famiglia

23 Caratteristiche dei bambini/ragazzi adottati Tipo di servizio Maschi Femmine Dato mancante Totale interventi su minori adottati Servizio sociale Psicologia clinica USSM 9 9 Alcologia Ser.T. 9 5 UCIPEM 5 6 TOTALE Tabella 6 interventi su bambini/ragazzi adottati per genere.

24 Caratteristiche dei bambini/ragazzi adottati Età all adozione Numero bambini/ragazzi Dato mancante Totale interventi < anno 2 (20%) -3 anni 6 (22%) -6 anni 56 (26,6%) 7-0 anni 6 (22%) > 0 anni 20 (9,%) Totale Tabella 7 bambini/ragazzi suddivisi per età all adozione

25 Caratteristiche della richiesta Anni dall adozione Numero richieste Dato mancante Totale richieste Dopo -5 anni 88 (8,6%) Dopo 6-0 anni 57 Oltre anni 36 Totale Tabella 8 richieste delle famiglie in base a quanti anni dall adozione si sono presentate al servizio

26 Caratteristiche della richiesta Quando Numero richieste Dato mancante Totale richieste All insorgere del problema 5 Dopo 3-6 mesi 26 Oltre i 6 mesi 99 (55,3%) Totale Tabella 9 richieste delle famiglie in base a quando, rispetto all insorgenza della problematica, si sono presentate al servizio

27 Tipologia della problematica Ambito problematica Numero richieste Rapporto genitori-figli 69 (30,%) Inserimento scolastico 08 (7,5%) Problemi sanitari 2 Dipendenze 8 Comportamenti devianti 9 Altro: problemi adolescenziali separazione genitori Totale 227 Tabella 0 richieste per tipologia di problematica

28 Interventi attivati: servizi precedenti Servizio precedente NPI Psicologo privato Psicologia clinica Servizio sociale Altro operatore servizio sociale Altra UO Psicologia Cooperativa sociali Associazione ANFAA Altro (logopedia, CDCA, USSM, consultorio, MGM, Centro Audiofonetico, Centro Aiuto Vita) Totale Numero richieste al servizio precedente (38,5%) Totale richieste giunte ai servizi 205 Tabella numero di richieste a servizi precedenti al servizio interpellato

29 Counseling genitoriale Sostegno genitoriale/familiare Sostegno psicosociale Collaborazioni/rete Interventi attivati dai servizi Servizio sociale 2 0 Psicologia clinica USSM Alcologia, Ser.T. Consult. UCIPEM Totale tipo intervento Psicoterapia individ Assessment 2 2 Cura/riabilitazione dipendenze 8 8 Consulenza scolastica 3 3 Servizi socio-educativi e interventi educativi domiciliari Assistenza/sostegno procedimento penale 2 9 Inserimenti in struttura (centri diurni, gruppi appartamento) 6 6 continua..

30 ..continua Servizio sociale Psicologia clinica USSM Alcologia, Ser.T. Consult. UCIPEM Totale tipo intervento Certificazioni (L.0) 5 6 Richiesta consulenze o collaborazioni NPI 5 5 Consulenza sociale Colloqui individuali con figlio adottivo Consulenza: pedagogica, psicologica e/o familiare Segretariato sociale 3 3 Psicoterapia familiare CDCA (consulenza, collaborazione) Consultorio Totale interventi per servizio 6 3 (58,8%) Totale richieste pervenute ai servizi Tabella 2 interventi attivati dai servizi.

31 Interventi attivati: invii altri servizi Tipo servizio NPI Psicologia clinica Privato sociale (centro diurno minori,..) Numero richieste inviate altro servizio 3 0 Totale richieste giunte ai servizi Consultorio 2 Psichiatria adulti 2 Psicologo privato 2 Altra UO Psicologia Servizio sociale Struttura residenziale CDCA UO ginecologia/ostetricia Edilizia agevolata ANFAA Totale 0 (9,5%) Tabella 3 numero di richieste inviate ad altro servizio 205

32 Sintesi delle interviste agli Enti Autorizzati

33 Gli Enti Autorizzati Amici Trentini Azione per famiglie nuove La Dimora onlus Nucleo Assistenza Adozione e Affido (N.A.A.A.) Servizio Polifunzionale per l Adozione Internazionale (S.P.A.I.)

34 Si confermano come momenti critici: l inserimento scolastico, soprattutto per i bambini che arrivano grandicelli per i quali la tendenza è di inserimento precoce; l inserimento in famiglia e la correlata costruzione dei legami di attaccamento e la gestione del tema delle origini; in base ai vari paesi di provenienza, hanno maggiore o minore peso problematiche sanitarie specifiche. Le richieste di aiuto poste dalle famiglie riguardano per lo più: avere chiavi di lettura e comprensione di comportamenti dei propri figli che risultano incomprensibili o preoccupanti; avere indicazione di specialisti a cui rivolgersi in casi di particolari problematiche. Rivolgersi o meno all ente piuttosto che al servizio pubblico risulta, comprensibilmente, correlato alla qualità del rapporto instaurato tra la famiglia e gli operatori dell ente. Il protrarsi più o meno a lungo dei contatti dipende anche dalla legislazione dei vari paesi di origine (PO) relativa all invio dei report post-adottivi. Dalle interviste emerge che non sempre le famiglie vivono in maniera positiva, come risorsa, gli incontri finalizzati alla rendicontazione per il PO. Inoltre, la gestione di tali incontri risulta diversificata, assumendo un carattere più formale o sostanziale a seconda dell organizzazione e delle risorse dell ente. In relazione alle richieste poste dalle famiglie, le risposte maggiormente attivate dall ente riguardano chiavi di lettura di comportamenti specifici, l offerta di momenti formativi con la presenza di specialisti e di occasioni/momenti di aggregazione con spazi più o meno strutturati per il confronto tra genitori adottivi.

35 Le Associazioni di famiglie adottive Associazione Genitori Adottivi e Preadottivi (A.G.A.P.) Associazione Nazionale Famiglie Affidatarie e Adottive (A.N.F.A.A.)

36 Conclusioni

37 I limiti La ricerca ha risentito dei limiti metodologici e organizzativi già esposti e della difficoltà nel reperire i dati richiesti da parte dei soggetti interpellati. Non essendo possibili comparazioni nominative non si è in grado fornire il numero reale delle famiglie che hanno presentato ai servizi le loro problematiche. Il numero totale delle richieste effettuate contiene sicuramente un numero di famiglie comuni a più servizi. La presente ricerca consente comunque di formulare alcune importanti riflessioni su: le problematiche emerse e il periodo di insorgenza delle stesse; gli interventi attivati.

38 Le problematiche emerse Si confermano come criticità maggiormente presenti: l inserimento scolastico; il rapporto genitori-figli. L inserimento scolastico, il passaggio da un grado di scuola ad un altro e l entrata nella fase pre -adolescenziale/adolescenziale si confermano come momenti delicati durante i quali possono esplodere aspetti di criticità fisiologici e/o poco affrontati precedentemente (fragilità nei legami di attaccamento, identificazione debole nei ruoli genitori/figli, aspetti legati al tema delle origini, alla storia adottiva, all identità etnica,..). Non sembra essere dato determinante l età all adozione. La percentuale relativa ai bambini adottati da piccolissimi, sotto il primo anno di vita (20%), non si discosta in maniera decisiva rispetto alle altre fasce di età (le percentuali si attestano intorno al %, v. Tab. 7).

39 Tempi di insorgenza e di presentazione della richiesta Quasi il 9% delle richieste avviene dopo 5 anni dall adozione; il 3% dopo 6 0 anni dall adozione; il 20% oltre gli anni. Nel 55% dei casi la famiglia fa richiesta oltre i 6 mesi dall insorgenza della problematica; nel 30% dei casi all insorgenza del problema; nel % dopo 3 6 mesi. Più della metà delle famiglie tende quindi a non richiedere subito un aiuto qualificato oppure percorre altre vie prima di giungere al servizio che la prende in carico.

40 Interventi attivati dai servizi Grande articolazione di interventi da parte della psicologia e del servizio sociale; forte presenza di interventi di sostegno genitoriale e familiare; compresenza di più interventi per una parte delle situazioni; presenza non significativa di attività di collaborazione e lavoro di rete (6% sul totale degli interventi attivati per il servizio sociale, % per la psicologia); limitato numero di interventi (2%) correlati all ambito della scuola a fronte dell inserimento scolastico portato come prima problematica, che coinvolge il 55 % delle famiglie che si sono rivolte ai servizi; il servizio maggiormente coinvolto dalle richieste delle famiglie risulta essere la psicologia, con il 58% degli interventi attivati; segue il servizio sociale con il 25% degli interventi attivati; minoritari gli altri servizi interpellati.

41 Interventi attivati dagli enti Il ruolo degli enti autorizzati appare centrato su: l ottemperanza degli impegni assunti con i Paesi di origine relativi alla presentazione delle relazioni post-adottive; fornire, a richiesta dei genitori, delle chiavi di lettura e comprensione dei comportamenti e problematiche dei figli adottivi; offrire alle famiglie degli strumenti di mutuo aiuto e/o occasioni di incontro e confronto, anche di tipo ludico.

42 Aspetti di carattere generale del fenomeno adottivo La problematicità sembra riguardare maggiormente le famiglie con adozione internazionale e le prime adozioni (va tenuto conto anche dell esiguità numerica delle adozioni nazionali); l età all adozione appare un elemento importante ma non determinante della buona riuscita dell esperienza adottiva: anche bambini adottati piccolissimi possono sviluppare nel tempo delle problematiche in una percentuale non molto diversa da altre fasce di età; la maggioranza delle situazioni emerse riguarda famiglie che non hanno potuto usufruire di un qualificato accompagnamento post-adottivo nel primo periodo di inserimento del bambino/ragazzo in famiglia; la normalizzazione delle famiglie adottive può costituire un elemento critico nel momento di accesso ai servizi, i quali rischiano di perdere uno sguardo specifico sulla situazione (non riconoscimento o riconoscimento tardivo tra la problematica portata e l esperienza adottiva); gli studi ci riportano come la famiglia adottiva rimanga tale tutta la vita e sia portatrice di una complessità specifica.

43 Il lavoro di rete La ricostruzione degli interventi attivati, in sede di interviste di approfondimento, evidenzia come fattori vincenti: l importanza di un approccio multi-professionale alla problematica riportata; un intervento di rete e la collaborazione tra i vari soggetti coinvolti; la cura delle modalità di passaggio dell utente da un servizio all altro. A questo proposito, si evidenzia il ruolo importante del servizio di NPI (primo soggetto ad essere coinvolto da altri servizi), con il quale diventa necessario attivare sinergie specifiche.

44 Per concludere In conclusione, si ritiene che possano costituire fattori protettivi dell esperienza adottiva: una attenta ed approfondita preparazione della futura coppia genitoriale; un qualificato ed attento accompagnamento nel post-adozione, che sostenga la nuova famiglia anche nell affrontare i temi specifici dell adozione (TSA); la programmazione di forme di attenzione negli anni successivi al primo anno di post-adozione, quando le famiglie si trovano ad affrontare le fasi delicate già nominate e non sono più seguite dai servizi; la preparazione del mondo della scuola ai bisogni specifici dei bambini/ragazzi adottati e la promozione di tempi e modi di inserimento scolastico più consoni ai loro bisogni; l investimento nel raccordo tra il mondo della scuole ed il mondo dei servizi e nell attivazione di sinergie scuola-famiglia-servizi; l intervento in rete dei vari servizi/soggetti coinvolti nella presa in carico delle famiglie.

45 Sarebbe interessante riproporre fra 5-6 anni un indagine con gli stessi obiettivi della presente, ma più rigorosa ed attendibile sul piano metodologico e scientifico, al fine di verificare se l attuale investimento nell accompagnamento/sostegno nel primo anno di post- adozione e quello relativo al raccordo con il mondo della scuola modifichino o meno e come l insorgenza di problematiche negli anni successivi. A tale scopo sarebbe utile che i servizi sociali e sanitari inserissero la voce adozione o famiglia adottiva come una variabile fissa nella registrazione degli utenti che accedono al servizio. Ciò renderebbe più semplice e attendibile, nel caso di una nuova indagine, la raccolta dei dati relativamente ai percorsi delle famiglie adottive.

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE FAMILIARE

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE FAMILIARE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI Luglio 2009 Rev. 1 luglio 2009 2 di 11 INDICE PREMESSA PAG. 3 QUADRO NORMATIVO PAG.

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

MARCHE Marche da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

MARCHE Marche da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 MARCHE Marche 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 216 4. SCENARI REGIONALI MARCHE 217 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 218 4. SCENARI REGIONALI MARCHE 219 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile.

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile. PROCEDURA UNIFICATA E CONDIVISA DEI RAPPORTI TRA SERVIZI SOCIALI DELLA PROVINCIA E LA S.C. SMRIA (DSM) AUSL DI FERRARA PER L ATTIVITA SOCIO SANITARIA INTEGRATA PER MINORI. La mancanza di una procedura

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

INTERVENTI INTEGRATI SOCIO SANITARI 0 18 nell Area Bolognese

INTERVENTI INTEGRATI SOCIO SANITARI 0 18 nell Area Bolognese INTERVENTI INTEGRATI SOCIO SANITARI 0 18 nell Area Bolognese Un volontario competente: percorso formativo Il minore tra i Servizi Sociali e Sanitari ed il Territorio Bologna, 18 giugno 2013 Carlo Passarelli

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo Lo Sportello Psicopedagogico nasce, con questo nome, nella metà degli anni 70 insieme all istituzione della maxi-sperimentazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 Oggetto: Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e Istituzione di equipe

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori.

Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Presentazione del Mal.Ab. Gruppo specialistico interistituzionale contro il maltrattamento grave e l abuso ai minori. Trieste, 1 dicembre 212 Il Mal.Ab. di Trieste Gruppo interistituzionale attivo dal

Dettagli

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS I SERVIZI A.G.S.A.T. - Anna Folgarait - 1 Associazione Genitori Un servizio che nasce dal bisogno di molte famiglie di trovare

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

Il Servizio Alto Adige

Il Servizio Alto Adige Il Servizio Adozioni Alto Adige Da giugno del 2010 è attivo il Servizio Adozioni Alto Adige gestito dall Azienda Servizi Sociali di Bolzano che, su delega della Provincia Autonoma di Bolzano, garantisce

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA Allegato B II annualità Progetto Sostegno alla genitorialità - Distretto di Carbonia REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA - Con D.G.R. n. 40/09 del

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 19 2. TITOLO AZIONE Spazio di consulenza e sostegno alle famiglie e agli adolescenti 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

4.2- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE DISTRETTO ASL DI TRESCORE BALNEARIO

4.2- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE DISTRETTO ASL DI TRESCORE BALNEARIO PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.2- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE DISTRETTO ASL DI TRESCORE BALNEARIO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

Interventi nelle istituzioni

Interventi nelle istituzioni Interventi nelle istituzioni Il Minotauro Il Minotauro è formato da psicologi e psicoterapeuti che da oltre trent anni collaborano nell area della prevenzione e del trattamento del disagio psicologico,

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI SCOPO Lo scopo della presente procedura è di descrivere l attività del personale psicosociale (assistente sociale, psicologo) del servizio Tutela

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per l'integrazione ed il coordinamento delle funzioni sociali e sanitarie nel Settore Sociale Minori e Famiglie

PROTOCOLLO D INTESA per l'integrazione ed il coordinamento delle funzioni sociali e sanitarie nel Settore Sociale Minori e Famiglie 1 PROTOCOLLO D INTESA per l'integrazione ed il coordinamento delle funzioni sociali e sanitarie nel Settore Sociale Minori e Famiglie ART. 1 OGGETTO DEL PROTOCOLLO Oggetto della presente intesa riguarda:

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII ALLEGATO A Denominazione Servizio Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE Municipio Roma XIII sostegno alle responsabilità genitoriali e di tutela del

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini In collaborazione con l Assessorato Politiche Sociali della Provincia di Rimini. Coordinatore scientifico del progetto

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 62 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione dello schema di disciplinare tra Provincia e Comunità per l'affidamento

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 SERVIZIO ADOZIONI ASS6 Progetto regionale Genitorialità fragile e tutela dei minori LA SCUOLA INCONTRA L ADOZIONE Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 4 Indicazioni e procedure

Dettagli

Progetto Vivere in Comunità anno 2016

Progetto Vivere in Comunità anno 2016 DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI L E C C E Progetto Vivere in Comunità anno 2016 PER I MINORI OSPITI DELLA COMUNITA PUBBLICA PER MINORI Via Monteroni, 157/A

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate N. 51/11 DEL 24.9.2008 Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate 1. Premessa Attualmente in

Dettagli

Centro per l apprendimento e la famiglia

Centro per l apprendimento e la famiglia Centro per l apprendimento e la famiglia Carta dei Servizi per l anno 2014 Progettazione Cooperativa Sociale ONLUS Vai G. B. Moroni, 6 24066 Pedrengo (Bg) tel. 035657351 Centro per l Apprendimento e a

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO Il video LE STORIE DELL AFFIDO è un progetto del Tavolo permanente di Coordinamento sull Affidamento Familiare della provincia di Torino, con la realizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 REPORT SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DISTRETTUALE UFFICIO DI PIANO VT4 Il Distretto dei Comuni VT4 ha progettato e realizzato un Servizio Sociale

Dettagli

Il Consultorio Giovani OPEN G G

Il Consultorio Giovani OPEN G G La richiesta d aiuto d del genitore per il figlio adolescente Il Consultorio Giovani OPEN G G Dr. Fiorello Ghiretti,, psicologo OPEN G G IL CONSULTORIO GIOVANI istituito nel 1990 è un servizio di prevenzione

Dettagli

Il progetto SCUOLA E ADOZIONE a CREMONA per l a.s. 2015/16

Il progetto SCUOLA E ADOZIONE a CREMONA per l a.s. 2015/16 Il progetto SCUOLA E ADOZIONE a CREMONA per l a.s. 2015/16 TAVOLO SCUOLA E ADOZIONE IN CRESCITA : L applicazione operativa delle Linee Guida Nazionali attraverso la formazione degli insegnanti referenti

Dettagli

- Modalità di Rilevazione DIRETTA

- Modalità di Rilevazione DIRETTA Nome del Servizio: CASA TARTARUGA 1 Servizio - Codice S0097 - Codice - Nome del Servizio CASA TARTARUGA 1 - Tipologia COMUNITA' DI ACCOGLIENZA PER MAMME E BAMBINI - Referente VALENTINA DI LIBERTO - E-mail

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2012-2014 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI INERENTI L ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Legge 184/83 come modificata dalle leggi 476/98 e 149/01

PROTOCOLLO OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI INERENTI L ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Legge 184/83 come modificata dalle leggi 476/98 e 149/01 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI INERENTI L ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE Legge 184/83 come modificata dalle leggi 476/98 e 149/01 18 novembre 2009 PROTOCOLLO

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

Il diritto di bambini e ragazzi alla famiglia: come rilanciare adozioni e affidi

Il diritto di bambini e ragazzi alla famiglia: come rilanciare adozioni e affidi Commissione parlamentare per l infanzia e l adolescenza, Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Convegno

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2013 DISEGNO DI LEGGE 8 aprile 2013, n. 377 Disciplina del servizio di assistenza e consulenza psicologica in provincia di Trento. Modificazioni

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 16 2. TITOLO AZIONE AFFIDO FAMILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CERIANI LUISA Indirizzo -------------- Telefono -------------- Fax E-mail -------------- Nazionalità Italiana

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Tolmezzo 09 Settembre 2011 TECNICI (NEUROPSICHIATRI, PSICOLOGI, LOGOPEDISTI INSEGNANTI DI OGNI ORDINE E GRADO GENITORI E DISLESSICI ADULTI Sensibilizzare il mondo

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1132 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Affidamento di funzioni e compiti in materia di adozione ad alcune Comunità e al

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

TRA IL DIRE ED IL FARE

TRA IL DIRE ED IL FARE PROGETTO TRA IL DIRE ED IL FARE SOSTEGNO ALLE COMPETENZE GENITORIALI ADOTTIVE L intervento psico-sociale nel post adozione SOGGETTI ISTITUZIONALI Comune di Messina - Dipartimento sociale ASP5 Messina -

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

-Dipartimento Scuole-

-Dipartimento Scuole- CONSULTORIO AUGUSTA PINI -Dipartimento Scuole- 1 SERVIZI e PROGETTI ATTIVATI NELL ANNO 2012/2013 NELLE SCUOLE D INFANZIA DI BOLOGNA. RELAZIONE PER L ISTRUTTORIA PUBBLICA SUL TEMA I servizi educativi e

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6

Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6 Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6 Provincia di Ferrara Assessorato Sanità, Servizi sociali, Politiche abitative, Associazionismo, Politiche giovanili Ministero dell Istruzione dell

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI C onoscenza R esponsabilità E quità A ppartenenza R elazione E ccellenza S icurezza A mbiente L egalità U manità T rasparenza E fficienza CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI Premessa La Carta del Servizio Adozioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

Ciclo di seminari aperti a.a. 2014/2015

Ciclo di seminari aperti a.a. 2014/2015 Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia ALTA SCUOLA DI PSICOLOGIA AGOSTINO GEMELLI Master Il lavoro clinico e sociale con le famiglie accoglienti: affido e adozione Ciclo di seminari aperti a.a.

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA SPAZIO DI LEGALITA 1 La Prefettura, le Forze dell Ordine, la Polizia Municipale di Cremona, l ASL di Cremona - Dipartimento Dipendenze, i Dirigenti Scolastici e i Direttori dei

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO

LINEE GUID A SPAZIO NEUTRO LINEE GUIDA SPAZIO NEUTRO La recente diffusione nei paesi occidentali delle pratiche di Luogo Neutro a sostegno del diritti dei bambini e degli adolescenti al mantenimento della relazione con i propri

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli