DIPENDENZE: Aspetti clinici, normativi assistenziali. Dott.ssa Loredana Acquadro 6 Novembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPENDENZE: Aspetti clinici, normativi assistenziali. Dott.ssa Loredana Acquadro 6 Novembre 2013"

Transcript

1 DIPENDENZE: Aspetti clinici, normativi assistenziali Dott.ssa Loredana Acquadro 6 Novembre 2013

2 DEFINIZIONE DI DIPENDENZA La DIPENDENZA va intesa, secondo l O.M.S., come una malattia cronica, recidivante che riguarda un organo (il nostro cervello, alcune aree di esso), alcuni sistemi neurotrasmettitoriali, di cui per lo più si conosce il meccanismo etiopatogenetico, e che si caratterizza per un sintomo: il CRAVING (appetizione impulsiva della sostanza con correlati fisici, psichici e comportamentali). Il craving, legato ad una disregolazione del sistema dopaminergico, va inteso come un disturbo della volontà (comportamenti che sfuggiti al controllo della volontà sembrano essere regrediti a livello di una istintualità disfunzionale).

3 Dipendenze Comportamentali new addictions Le dipendenze da internet, da gioco d azzardo, da giochi elettronici e computer rientrano nella categoria delle dipendenze comportamentali o new addictions che comprendono tutte quelle nuove forme di dipendenza in cui non è implicato l'intervento di alcuna sostanza chimica. L'oggetto della dipendenza è in questo caso un comportamento o un'attività molto spesso lecita e socialmente accettata. le dipendenze senza droga risultano agevolate dall innovazione tecnologica della società moderna che genera stress, noia e senso di vuoto e stimola un immediata gratificazione.

4 La dipendenza da Internet Nel 1995 lo psichiatra americano Ivan Goldberg ha introdotto l espressione Internet Addiction Disorder individuandone i sintomi principali nel: bisogno di rimanere sempre più tempo collegati alla rete per ottenere soddisfazione; marcata riduzione di interesse per altre attività che non siano internet; sviluppo dopo la sospensione o della riduzione dell accesso alla rete, di agitazione psicomotoria; ansia, depressione,pensieri ossessivi di che cosa accade on line; sintomi astinenziali: necessità di accedere alla rete, perdurare dell uso di internet nonostante la consapevolezza dei problemi fisici, sociali, lavorativi, o psicologici recati dalla rete stessa.

5 La dipendenza da Internet La dipendenza da Internet si manifesta sotto varie forme: Cybersexual addiction: uso compulsivo di siti dedicati al sesso alla pornografia e/o pedopornografia (vantaggio dell anonimato); Ciber relational addiction: la tendenza ad instaurare relazioni artificiali o amorose con persone incontrate on line (vantaggio dell anonimato); Net compulsion: Gioco d azzardo, aste on line, commercio in rete; Information overload: ricerca continua di informazioni (cervello multitasking-supertasker ovvero persone che hanno addestrato il proprio cervello in maniera ipertecnologica ma questa porzione della popolazione rappresenta solo il 3% del totale); Computer addiction: tendenza al coinvolgimento in giochi virtuali (gaming), e utilizzo di social network

6 La dipendenza da Internet Una delle conseguenze dell uso patologico della rete, che potrebbe anche esserne però la causa è la mancanza o la perdita delle relazioni interpersonali che porta a: modificazioni del tono dell umore, alterazione del vissuto temporale, cognitività completamente orientata all uso compulsivo del mezzo; feticismo tecnologico cioè tendenza a sostituire il mondo reale con un oggetto artificioso col quale si riesce a costruire un proprio mondo personale e in questo caso virtuale ; deprivazione del sonno, e problemi fisici di varia natura (posturali, alla vista, sindrome del tunnel carpale ecc)

7 Il computer può diventare una droga e avere effetti gravi sulla salute psicologica specie degli i adolescenti che risultano essere tra i maggiori fruitori. Il computer è entrato a far parte della nostra vita quotidiana. L uso del pc di per sé non dà dipendenza, se non in casi particolari. Alcuni ragazzi arrivano a vivere una simbiosi con il pc in cui si rifugiano perchè ad esempio hanno problemi di relazione con i loro compagni. È il caso di chi non solo cerca nuovi amici sulla rete inventandosi nuove identità, mettendo foto che non sono le sue, narrando storie frutto di fantasia, ma partecipa a giochi di ruolo che li assorbe talmente tanto da voler rimanere svegli tutta la notte perché l'allontanamento dal pc, in questi giochi, comporta la perdita di punti. Il fenomeno, è stato riscontrato inizialmente in Giappone, dove è stato anche battezzato con il nome Hikikomori, una sindrome che colpisce centinaia di migliaia di ragazzi tra i 15 ed i 30 anni, che lavorano a casa al computer muniti di ogni tecnologia, perdendo ogni familiarità con contatti umani, che si è poi diffuso in tutto il mondo.

8 Dipendenza da Internet e psicopatologia web mediata Dati del Policlinico Gemelli riferiti a 300 pazienti trattati: 20% pazienti adulti principalmente gamblers on line o frequentatori di siti per adulti con psicopatologia sottostante che rimanda a quadri autistici ovvero a situazioni nelle quali la relazione con l altro non c è, non è ricercata o comunque non è significativa 80% pazienti giovani (12-22/23 anni) fruitori di giochi di ruolo on line o di social network che a differenza degli adulti ricercano fortemente una interazione seppure non mediata dal corpo. In questi giovani è presente una situazione di solitudine interna solo in parte da considerarsi fisiologica. Per il resto essa deve probabilmente leggersi in virtù di una trasformazione sociale che ha portato al formarsi di un gap generazionale tra adolescenti e genitori non più basato sull esperienza di un conflitto bensì sull assenza ed il vuoto

9 Adolescenza: qualche dato 88 ragazzi su 100 riconoscono nelle tecnologie la prima causa alla base di comportamenti di abuso, non correlati a sostanze. Nella classifica: al primo posto i videogiochi (49%) indicati soprattutto dai più giovani (il 52% tra i ragazzi di anni), seguiti da computer (44%), TV e cellulare, indicati nella stessa percentuale (37% circa). Rispetto a internet in generale, in un recente studio europeo condotto su ragazzi tra i 9 e i 16 anni che ha coinvolto almeno un genitore per ragazzo è emerso che i ragazzi italiani differiscono da quelli europei in quanto sembrerebbero meno esposti ai pericoli della rete perché passano meno tempo su internet rispetto ai coetanei europei e perché c è una maggiore paura di essere contattati da sconosciuti e del ciber bullismo.

10 Sintomi legati all uso eccessivo del computer, di internet e dei videogiochi si addormenta a scuola o mentre svolge altre attività; mostra una caduta nel rendimento scolastico; mostra un ritiro dalle altre attività sociali; quando può scegliere, preferisce stare al computer piuttosto a chattare, a giocare ecc, che passare il tempo con gli amici; accede di nascosto; tende ad essere apatico o irascibile quando non può collegarsi; dedica moltissimo tempo al computer (o lo dedicherebbero se non gli fosse impedito); si arrabbia quando lo si interrompe mentre è al computer o quando gli si impedisce di utilizzarlo; pensieri e le fantasie sono focalizzati sulle attività del chattare e/o del giocare, anche quando svolge altre attività; cerca di procurarsi giochi sempre nuovi, o insiste perché glieli comprino; spende somme considerevoli di denaro (se ne dispone) per i giochi; presenta alterazioni o anomalie nelle abitudini (alimentazione: problemi di peso legati all uso smodato di snack, merendine, bibite gassate mentre si è al computer, igiene personale, funzioni fisiologiche, sonno); presenta sintomi fisici quali mal di testa, di schiena, dolori al collo, arrossamenti agli occhi, disturbi della vista, sindrome del tunnel carpale

11 Effetti comportamentali negativi Isolamento rispetto all ambiente reale circostante ed eccessivo investimento sul proprio sé ideale (sviluppo di patologie narcisistiche e fenomeni dissociativi dell identità e/o anche dissociazione mente corpo a causa dell eccessivo potere dato alla mente ai danni del corpo); Barriera contro gli stimoli che può avere un effetto ambivalente, da un lato può aiutare a crescere dall altro potrebbe bloccare la crescita Impoverimento dell alfabeto dei sentimenti (mi piace-non mi piace più) Apprendimento ad approcciarsi al mondo con poche cautele e con poca responsabilità esponendosi o esponendo altri a pericoli anche gravi; Apprendimento taglia incolla e conseguenti difficoltà ad individuare l attendibilità delle fonti; Eccessivo stress da information overload

12 Non solo effetti negativi L associazione italiana di pediatria ha recentemente pubblicato un manifesto nel quale viene sottolineato come sia importante non demonizzare la tecnologia tramite divieti o prescrizioni troppo rigide ma investire, per accrescere le competenze dei bambini sin dai primi anni della scuola attraverso un uso precoce del pc finalizzato a fini formativi e riabilitativi. I videogiochi e il gaming in generale possono indurre effetti positivi: stimolano le abilità manuali e di percezione, e la comprensione dei compiti da svolgere abituano a gestire gli obiettivi favoriscono l apprendimento per la gestione delle emozioni favoriscono lo sviluppo dell'abilità di prendere rapidamente delle decisioni; Permettono di ottenere risultati terapeutici su alcune disabilità per es la Wii permette di aumentare le capacità funzionali e promuovere alcune parti del corpo.

13 CONSIGLI incoraggiare alternative valide all uso del computer di internet e dei videogiochi, in particolar modo attività che comportano movimento o interazione con altri bambini o ragazzi; spiegare con chiarezza al minore cos'è la dipendenza da questi mezzi e cosa può comportare ed esprimere in modo franco le proprie emozioni e preoccupazioni al riguardo; Porre limiti di tempo. Due ore al giorno come limite massimo, ma non tutti i giorni. Il tempo si intende cumulativo. Comprende cioè tutte le attività svolte con il computer (internet, videogiochi, altro), ad esclusione delle attività di studio. Per compiti specifici assegnati dai genitori, come ordinare delle foto, cercare delle ricette ecc, possono essere concessi tempi supplementari; Sono necessarie delle brevi pause se la sessione di utilizzo si protrae a lungo. Fa bene anche alla salute fare uno stacco di uno o due minuti ogni mezz'ora, distogliere lo sguardo dal monitor, stirarsi, alzarsi, fare un giro intorno al tavolo; E' consigliabile imporre dei giorni di astinenza totale. Meglio lasciarli usare il computer, internet, videogiochi un'ora in più ogni tanto, ma fare in modo che giocare non diventi un'abitudine quotidiana, per evitare che l'abitudine si trasformi poi in necessità; Nei limiti del possibile, vanno incoraggiati le attività che si possono svolgere in società, in due o più persone perché permettono un maggiore rapporto con la realtà e soprattutto dare un occhiata ai ragazzi mentre giocano

14 Altri tipi di giochi dal gaming al gambling I giochi che si basano sulla vincita (ad es videopoker o Awp o VLT) possono determinare una dipendenza del tutto simile a quella del gioco d azzardo (gambling)

15 Definizioni per iniziare Un gioco per essere definito d Azzardo deve presentare queste 3 caratteristiche: L individuo mette in palio denaro o oggetti di valore Questa posta è irreversibile L esito del gioco dipende principalmente o totalmente dal caso

16 Confronto fra giochi tradizionali lentezza, ritualità, socialità, manualità, visibilità, contestualizzazione, alta soglia di accesso, complessità moderni velocità, consumo, solitudine, tecnologie, invisibilità, decontestualizzazione, bassa soglia di accesso, semplicità.

17 Il gioco d azzardo in Italia: incremento economico e politico L Italia già alla fine del 2004 si collocava al terzo posto fra i paesi che giocano di più al mondo, preceduta solo da Giappone e Stati Uniti. E al primo posto in Europa. La spesa pro-capite è di 1450 euro. A fronte di un evidente contrazione dei consumi familiari negli ultimi anni, cresce la voglia di giocare nella speranza del colpo di fortuna; La spesa in Italia per il gioco d azzardo passa dai 14,3 miliardi di euro incassati nel 2000, ai 54,4 miliardi nel 2009 ai 79,9 miliardi nel 2011; nel 2012 la raccolta complessiva è stata di 87 miliardi di euro quasi 50 sono stati garantiti dagli apparecchi da intrattenimento (Slot e VLT insieme) mentre il rimanente deriva da tutti gli altri settori di gioco messi insieme.

18 Gioco on line La raccolta del gioco on line si attesta per il 2012 intorno ai 750 milioni di euro. Ciò significa che in Italia vi sono ben giocatori attivi al mese. Ha avuto un forte incremento a partire da luglio del 2011 (+200%). L incremento della raccolta è dovuto principalmente all introduzione del poker cash e del casino cash che significa che on line si possono giocare soldi veri. Questo forte incremento è dovuto anche al fatto che poker e casinò cash, come percentuale di payout, pagano molto di più di molte altre modalità di gioco.

19 GIOCO SOCIALE GIOCO A RISCHIO Stima: 1 milioni i giocatori a rischio (Dati CNR) GIOCO PATOLOGICO Stima: i giocatori patologici (Dati CNR)

20 Chi è il giocatore sociale? Colui che gioca per divertirsi Colui che accetta di perdere il denaro puntato Colui che non torna a giocare per rifarsi Colui che gioca secondo le sue possibilità

21 Chi è il giocatore patologico? Colui che gioca più denaro Colui che gioca più a lungo Colui che gioca più spesso del previsto e di quanto si può permettere È colui che ha perso il controllo sulle sue attività di gioco, mente, sperimenta problemi al lavoro, a casa, con i suoi amici, a causa del gioco, ruberà, e cercherà di rifarsi...

22 Perché questo accade? Probabilmente esiste una predisposizione alla dipendenza generata da fattori: BIOLOGICI deficit del sistema neurotrasmettitoriale della ricompensa, fattori ereditari ecc. AMBIENTALI pressione sociale, ambiente familiare e modeling. Per diventare uno che conta, per fare invidia al vicino, per apprezzare il bello della vita, per avere tutto nella vita basta giocare e vincere. PSICOLOGICI volontà di autopunizione, necessità di fuga e di eccitazione, sensazione onnipotente di poter controllare l'esito del gioco, ricerca di sensazioni nuove, modalità di attribuzione della causalità (locus of control)

23 L IDENTIKIT DEL GIOCATORE: i sottogruppi di Blaszczynsky Behaviorally conditioned problem: soggetti che giocano in modo eccessivo sulla base di credenze erroneee e distorsioni di tipo cognitivo ma che non presentano una diagnosi di premorbidità né un concomitante abuso di sostanze. Spesso c è stato un trauma (life event) 1-2 aa prima dell esordio del GAP Vulnerable problem gamblers : soggetti che mostrano processi di condizionamento e schemi cognitivi simili ai precedenti ma che evidenziano maggiori fattori di vulnerabilità quali famigliarità al gioco,tratti di personalità nevrotici, ex negative nel corso dello sviluppo ecc. Il gioco serve a modulare gli stati affettivi Antisocial impulsivist problem gamblers :c è una condizione premorbosa e un impulsività che precede lo sviluppo del GAP. Il gioco risponde al bisogno di raggiungere uno stato di fuga attraverso la dissociazione, un alterazione del tono dell umore e un restringimento dell attenzione.

24 Quando il gioco diventa malattia? Quando compaiono: la TOLLERANZA bisogno di sempre più sostanza o più gioco per ottenere lo stesso livello di eccitamento l'astinenza nervosismo, ansia, tremori se si tenta di smettere il CRAVING il craving è caratterizzato da un urgenza appetitiva di ricerca di piacere, anche a svantaggio della stessa volontà del soggetto; ovvero una fame viscerale e travolgente che sottovaluta il rischio e disconosce le possibili conseguenze negative. Comprende: 1) il desiderio irresistibile; 2) la dolorosa condizione mentale del fallimento della volontà a resistere all impulso di agire; 3) la messa in atto impulsiva; 4) la reiterazione compulsiva del comportamento di dipendenza.

25 Aspetti diagnostici Il Gioco d'azzardo Patologico (GAP) è una malattia mentale che è stata classificata dall'associazione Psichiatrica Americana (APA American Psychiatric Association) all'interno dei "Disturbi del controllo degli impulsi" e che ha grande affinità con il gruppo dei Disturbi Ossessivo-Compulsivi (DOC) e soprattutto con i comportamenti d'abuso e le dipendenze. Vi sono alcuni strumenti che ci aiutano a capire qual è il livello di patologia. Tra essi ricordiamo i Criteri del DSM, il SOGS e il LIE BET

26 1 Siete completamente assorbiti dal gioco d'azzardo (rivivete esperienze di gioco del passato, soppesate o programmate la prossima avventura, pensate senza sosta a come ottenere il denaro per giocare). 2 Dovete aumentare costantemente le puntate per arrivare allo stesso livello di eccitazione. 3 Non riuscite in alcun modo a controllare, diminuire o interrompere le giocate. 4 Vi sentite irrequieti e irritabili se cercate di ridurre o interrompere il gioco d'azzardo. 5 Giocare è un modo di fuggire dai problemi, dal senso di colpa, dall'ansia o dalla depressione. 6 "Rincorrete le perdite" (per esempio raddoppiate le puntate per vincere tutto in una volta e rifarvi delle perdite). 7 Mentite ai familiari, al terapeuta e ad altri per occultare l'entità del vostro coinvolgimento nel gioco. 8 Avete commesso azioni illegali (falsificazione, frode, furto, appropriazione indebita) per finanziare le giocate. 9 Avete rischiato o perso una relazione significativa, il lavoro, opportunità di studio o di carriera a causa del gioco. 10 Fate affidamento su altri per reperire il denaro con cui sanare una situazione finanziaria disperata a causa del gioco.

27 Aspetti diagnostici South Oaks Gambling Screen (SOGS) Il SOGS è un questionario di autosomministrazione che consente di ottenere facilmente una misura della gravità del gioco d azzardo patologico. Se si risponde "sì" a quattro domande, si inizia ad avere problemi con il gioco d azzardo. Se si risponde "sì" a cinque o più domande, si hanno di certo dei problemi seri con il gioco d azzardo. Il SOGS esiste in 2 versioni, una per gli adulti, una per gli adolescenti

28

29

30 I sintomi del Gioco d'azzardo Patologico Se abbiamo compreso che il gioco d'azzardo patologico è una malattia, potremo presumere che, come tutte le malattie, anche questa determinerà i suoi sintomi sugli individui che ne sono affetti. In ogni malattia ci sono 3 categorie di sintomi: psichici, fisici,sociali. Elenchiamo di seguito i principali sintomi prodotti del gioco d'azzardo patologico

31 SINTOMI PSICHICI - ossessione del gioco - senso di onnipotenza, presunzione - nervosismo, irritabilità, ansia - alterazioni del tono dell'umore, aumentato rischio di suicidio fino a 4 volte superiori rispetto alla media dell'intera popolazione - persecutorietà - senso di colpa, alterazioni della autostima - tendenza alla superstizione - aumento dell'impulsività - distorsione della realtà (minimizzare, enfatizzare)

32 SINTOMI FISICI E SOCIALI SINTOMI FISICI alterazioni dell'alimentazione Cefalea, emicrania conseguenze fisiche dell'utilizzo in comorbilità di sostanze stupefacenti o alcol insonnia sintomi fisici dell'ansia (tremori, sudorazione, palpitazioni ulcere,coliti,ecc.) SINTOMI SOCIALI danni economici danni morali danni sociali danni familiari danni lavorativi difficile gestione del denaro (spese impulsive rischio usura) isolamento sociale.

33 Segnali d allarme gioco dalla rete del giocatore Spesso e la famiglia del giocatore che si accorge per prima del problema I segnali fanno riferimento all enorme mole di denaro e di tempo persi con il gioco all affetto negato in famiglia, all abbandono delle proprie responsabilità di coniuge e genitore. Altri segnali possono giungere dal sistema lavorativo che è testimone del calo dell efficienza e di assenze dovute al gioco, in certi casi gravi si arriva a sottrarre denaro e quindi a perdere il lavoro.

34 Costi sociali del giocatore Dal punto di vista sociale, il giocatore può giungere a modificare il proprio concetto di moralità sino ad arrivare a commettere atti illeciti, a volte senza la consapevolezza di agire un crimine (non si tratta di rubare ma di prendere soldi in prestito). Uno studio tedesco ha stimato un costo medio annuo per la cura di un giocatore patologico che si aggira intorno ai euro. (costi per trattamenti ambulatoriali o residenziali euro 2857; costi per la protezione dei giocatori 3095 euro; per la prevenzione 1071 euro; costi amministrativi dovuti alla disoccupazione 1429 euro; per la ristrutturazione dei debiti 119 euro; crimini legati al gioco 3571 euro; procedimenti legali 2143 euro; procedure di divorzio 1905 euro; assenteismo 8929 euro; calo produttività 1667 euro; disoccupazione euro).

35 La famiglia del giocatore d azzardo Anche i famigliari dei giocatori sono coinvolti in una spirale distruttiva: -Hanno maggiori possibilità di entrare in una depressione nervosa o di cedere all alcol ed altre droghe. (Rivista di psichiatria vol.42 n.1 pag ) -Sono tre volte più a rischio di suicidio (Rivista di psichiatria vol.42 n.1 pag ) -sono frequenti anche altri sintomi legati alla sfera del controllo degli impulsi ed alle dipendenze: obesità, bulimia, shopping compulsivo (Rivista di psichiatria vol.42 n.1 pag ) -Il 6% delle separazioni e dei divorzi sono dovuti ad indebitamento di uno dei coniugi; spesso tale indebitamento si deve al gioco. Per GAP si può chiedere ed ottenere l annullamento del matrimonio alla Sacra Rota -Le mogli soffrirebbero anche di mal di testa cronico, seri disturbi gastrointestinali, problemi di ansia, isolamento sociale (Lorenz e Yaffe 1988) -I figli hanno frequentemente risultati scolastici inferiori ai loro colleghi e presentano un tasso elevato di abuso di alcolici ed altre sostanze, sono più esposti a diventare essi stessi dei giocatori patologici. (Politzer Morrow 1980)

36 Si può curare? Il gioco d'azzardo patologico, come tutte le dipendenze, è una malattia cronica, che abbisogna pertanto di un intervento terapeutico strutturato. L'obiettivo della cura deve essere dapprima l'astinenza dal comportamento e successivamente il raggiungimento di una condizione di "sobrietà" cioè un cambiamento dello stile di vita che permetta di essere più forti verso le sempre possibili ricadute.

37 Chi lo cura? Gia nel Piano socio sanitario regionale , il G.A.P. era stato inserito nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) in Piemonte. Con il recente Decreto Balduzzi (2012) è entrato a far parte dei LEA nazionali. Il 3 aprile 2013 presso l Agenzia delle dogane e dei monopoli è stato istituito l Osservatorio previsto dal decreto Balduzzi (dl 158/2012 convertito nella legge 189/2012), finalizzato a valutare le misure più efficaci per contrastare la diffusione del gioco d'azzardo patologico e il fenomeno della dipendenza grave

38 IN PIEMONTE AMBULATORI PER IL G.A.P.

39 SITUAZIONE LOCALE I giocatori d azzardo patologici che hanno effettuato un accesso nei due SERT dell ASL BI dal 2005 al 2012 sono stati 60 (32 Cossato, 28 Biella) con una netta prevalenza di accessi da parte di uomini (80% uomini, 20% donne). Il 50% del campione è coniugato, il 12% separato, il 5% vedovo, il 30% celibe o nubile e il 3% non ha risposto. Rispetto alla scolarizzazione su 60 persone, 30 hanno la licenza media, 10 hanno il diploma, 6 hanno la licenza elementare, 2 hanno frequentato la scuola professionale e 12 casi non sono stati rilevati. Per quanto riguarda la situazione occupazionale, prevalgono quelle apparentemente non critiche: 35 persone risultano occupate, 12 disoccupate, 5 in pensione, 2 in cassa integrazione, un invalido e 5 non hanno risposto. Per quanto riguarda la rilevazione sulla durata del trattamento, questa risente della forte presenza di utenti che sono ancora in carico al servizio: 20 persone sono ancora in trattamento, 7 persone sono rimaste in trattamento meno di un mese, 5 oltre 12 mesi, 8 tra uno e tre mesi, 13 tra tre e sei mesi, 7 tra sei e dodici mesi. Inoltre oltre i 2/3 degli utenti ha segnalato come gioco prevalente le Slot Machine e oltre il 70% degli accessi è avvenuto dal 2010 in poi.

40 Lo sciocco non perdona e non dimentica. L ingenuo perdona e dimentica. Il saggio perdona, ma non dimentica

41 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DIPENDENZE ASL BI S.C. TOSSICODIPENDENZE E ALCOLOGIA Distretto di Biella Via Delleani, Biella Tel Fax S.O.S. TOSSICODIPENDENZE E ALCOLOGIA Distretto di Cossato Via Marconi Cossato Tel Fax E GRATUITO NON SERVE L IMPEGNATIVA MEDICA E AD ACCESSO DIRETTO SI GARANTISCE L ANONIMATO

42 E. I GIOVANI.? A chi possono rivolgersi se non al SERT?

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE Differenze tra gioco sano e patologico: inquadramento diagnostico CONVEGNO: "LUDOPATIA TRA SOCIETA E TERAPIA" Pieve Emanuele, 23 Novembre 2013 Dott.ssa Beatrice Peroni DEFINIZIONE

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO 1 N el corso degli ultimi anni il gioco d azzardo ha assunto un volume di enormi proporzioni sociali ed economiche. Pur essendo una pratica antica, è

Dettagli

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine:

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine: 2. Definizioni In considerazione della grande variabilità di linguaggio, anche per la presenza delle diverse discipline coinvolte nella discussione scientifica sul gioco d azzardo patologico (GAP), prima

Dettagli

PATHOLOGICAL GAMBLING

PATHOLOGICAL GAMBLING PATHOLOGICAL GAMBLING Quando l azzardo non è un gioco GIOCO D AZZARDOà rischiare denaro o oggetti di valore sulla base di eventi controllati, almeno in parte, dal caso. Sfidare la sorte è un attività ludica

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEL GIOCO D AZZARDO e NELLE NUOVE DIPENDENZE

LA DEPRESSIONE NEL GIOCO D AZZARDO e NELLE NUOVE DIPENDENZE LA DEPRESSIONE NEL GIOCO D AZZARDO e NELLE NUOVE DIPENDENZE Savona Aula Vigiola 10 novembre 2012 Dr.ssa Nicoletta Conio Dirigente Psicologo Area Dipendenze - Dipartimento di Salute Mentale Paziente maschio

Dettagli

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Elsa Marcaccini Psicologa psicoterapeuta Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Intervento presentato al Convegno «A che gioco giochiamo», organizzato dal Forum del Volontariato,

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi Il mondo dei NATIVI_DIGITALI in un universo digitale Dipendenza Dipendenza patologica

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Lavagna - Ex Istituto Marini Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Lie/ Bet Questionnaire 1. Hai mai sentito l impulso a giocare somme di denaro sempre

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

Uso, abuso e dipendenza da sostanze

Uso, abuso e dipendenza da sostanze Uso, abuso e dipendenza da sostanze Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL AL Dr. Luigi Bartoletti Paradigma di una malattia Patologia primaria Propria eziologia e fisiopatologia Presenza di sintomi

Dettagli

DIPENDENZA DA INTERNET

DIPENDENZA DA INTERNET Ciclo di incontri Dipendenze...conoscerle per evitarle Venerdì 04 aprile 2014 DIPENDENZA DA INTERNET Gianluca Mantoani DIPENDENZE DA INTERNET l Negli anni '90 i primi studi l Termine coniato da Ivan Goldberg

Dettagli

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin)

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Lunedì 12 settembre venerdì 16 settembre 2011 GLI ITALIANI

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi di Chiara Ratto Un ossessione vissuta alla sazietà si annulla nei suoi stessi eccessi. E. M. Cioran Al giorno d oggi, leggendo le riviste, i quotidiani,

Dettagli

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri E noto che la principale comorbidità dell abuso/dipendenza di qualsiasi sostanza è un altro abuso/dipendenza da sostanze di una

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

Le nuove dipendenze nei giovani e l intervento nella scuola

Le nuove dipendenze nei giovani e l intervento nella scuola Le nuove dipendenze nei giovani e l intervento nella scuola Cosa è la dipendenza? Secondo l OMS la dipendenza patologica o la sindrome della dipendenza è quella condizione psichica e talvolta anche fisica,

Dettagli

Il gruppo: un esperienza da condividere

Il gruppo: un esperienza da condividere Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa SerT Sede Ser.T. di Ferrara Centro Psicosociale e Unità mobile di strada Il Direttore Prot. N. Ferrara, 14/10/2010

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

CT LORUSSO CIPPAROLI PROGETTO TAKE YOUR TIME INTRODUZIONE

CT LORUSSO CIPPAROLI PROGETTO TAKE YOUR TIME INTRODUZIONE INTRODUZIONE Le trasformazioni storico culturali che caratterizzano l evoluzione sociale producono effetti in ogni aspetto della società, organizzativo, giuridico, economico, esistenziale, di costume,

Dettagli

L identità in Rete. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari. Usi e abusi di Internet

L identità in Rete. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari. Usi e abusi di Internet L identità in Rete Comunicazione e comunicazione di sés sul web, forme e patologie Usi e abusi di Internet Internet Addiction Disorder Disturbo da Dipendenza da Internet Uso patologico di Internet Lo scherzo

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

L esperienza clinica di un Ser.T.

L esperienza clinica di un Ser.T. L esperienza clinica di un Ser.T. Gioacchino Scelfo Con questo mio intervento vorrei tentare di offrirvi qualcosa che possa esservi utile nella vostra attività clinica. Vorrei provare a raccontare quanto

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal Sommario Presentazione del problema Criteri diagnostici Conseguenze

Dettagli

12. Diagnosi e valutazione

12. Diagnosi e valutazione 12. Diagnosi e valutazione L aspetto diagnostico riveste una particolare importanza in questa patologia, non solo per gli aspetti primari, cioè quelli relativi al gioco d azzardo e al suo indice di gravità,

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

IRRINUNCIABILE PER I GIOVANI!!!

IRRINUNCIABILE PER I GIOVANI!!! LA DIPENDENZA DALLA RETE INTERNET IRRINUNCIABILE PER I GIOVANI!!! CHE COS E? La cosiddetta dipendenza da internet è una problematica ancora in via di definizione che si riferisce all uso eccessivo di internet

Dettagli

La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche psicologiche del paziente obeso e modalità relazionali

La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche psicologiche del paziente obeso e modalità relazionali FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena

Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena Profili psicologici e psicopatologici della cyberdipendenza Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena Incontro di studio Uso dei social

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 8228 PROGETTO DI LEGGE N. 0161 di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli Norme per la prevenzione,

Dettagli

IL PROGETTO NEL TRATTAMENTO CLINICO DELLE NUOVE DIPENDENZE

IL PROGETTO NEL TRATTAMENTO CLINICO DELLE NUOVE DIPENDENZE IL PROGETTO NEL TRATTAMENTO CLINICO DELLE NUOVE DIPENDENZE IL CONCETTO DI DIPENDENZA E COMPLESSO ED IMPLICA NON SOLO ASPETTI NEUROBIOLOGICI, MA ANCHE COMPORTAMENTALI, PSICHICI, SOCIALI, CULTURALI. LE NUOVE

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO: PROBLEMI EPIDEMIOLOGICI

GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO: PROBLEMI EPIDEMIOLOGICI CONFERENZA ANNUALE PER LA SALUTE MENTALE BRESCIA, 16 DICEMBRE 2013 GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO: PROBLEMI EPIDEMIOLOGICI Anna Calvi Mariagrazia Fasoli PERCHE' IL GAP E' UN PROBLEMA DI SALUTE PUBBLICA? Cos'è

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

C è un età giusta per ogni gioco. Campagna informativa a tutela dei minori promossa da. gioco legale e responsabile

C è un età giusta per ogni gioco. Campagna informativa a tutela dei minori promossa da. gioco legale e responsabile C è un età giusta per ogni gioco Campagna informativa a tutela dei minori promossa da gioco legale e responsabile LA PRIMA REGOLA DEL GIOCO Questo opuscolo è frutto della collaborazione fra il MOIGE -

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

I disturbi alimentari nei minori

I disturbi alimentari nei minori Terzo di Aquileia, 19 gennaio 2015 PARLIAMONE INSIEME per il benessere dei figli attraverso la tranquillità dei genitori I disturbi alimentari nei minori Gian Luigi Luxardi Centro per i Disturbi Alimentari

Dettagli

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com La dipendenza psicologica Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com E una condizione in cui il consumatore ha bisogno di assumere frequentemente una sostanza:

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Proposta di legge. gennaio 2012

Proposta di legge. gennaio 2012 Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate. di iniziativa dei consiglieri:

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico.

Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 15 28 gennaio 2015 Oggetto : Piano Attività di prevenzione e contrasto del gioco d'azzardo patologico. Il giorno 28

Dettagli

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali 9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali Nel gioco d azzardo patologico sono stati descritti alcuni processi e condizioni caratteristiche che spiegano ulteriormente la patologia. Riassumendo quanto

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

Ragazzi tristi. GIUSEPPE SAGGESE Presidente Società Italiana di Pediatria

Ragazzi tristi. GIUSEPPE SAGGESE Presidente Società Italiana di Pediatria Ragazzi tristi Per la prima volta i pediatri italiani dedicano il loro Congresso ai disturbi dell umore nei più giovani. Segnalando in questo modo quella che dicono- è una vera emergenza. ( Servizio di

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO

IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO Pag. 1 di 5 IL VIZIO DEL GIOCO, OVVERO IL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO INDICE: Premessa Il Giocatore Patologico Il sistema relazionale del Giocatore Patologico I Giocatori d'azzardo Patologici sono recuperabili?

Dettagli

Dipendenze patologiche comportamenti

Dipendenze patologiche comportamenti Dipendenze patologiche comportamenti ADDICTION DA GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO E DA VIDEOGIOCHI Prof. Stefano Gardenghi (Direttore UOCDP, Docente Università degli studi di Bologna, facoltà di Medicina e

Dettagli

cellulare, videogiochi, computer e televisione: rischio dipendenza? Dott.ssa Micaela Grazzini

cellulare, videogiochi, computer e televisione: rischio dipendenza? Dott.ssa Micaela Grazzini cellulare, videogiochi, computer e televisione: rischio dipendenza? Dott.ssa Micaela Grazzini GLI ADULTI E LA TECNOLOGIA Internet videogiochi e cellulare... che cosa hanno in comune?? CONOSCENZA MESSA

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

PROGETTO SALUTE E LAVORO. Dipendenze da Web

PROGETTO SALUTE E LAVORO. Dipendenze da Web PROGETTO SALUTE E LAVORO Dipendenze da Web Marzo 2014 Internet Internet relazionale policentrica a-gerarchica Lo sviluppo sta procedendo verso una direzione rispondente a bisogni e aspirazioni personali

Dettagli

Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma

Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma FORMAZIONE Formazione interna Ser.T Parma (marzo 2004) Convegno nazionale La Terapia Famigliare nei Servizi per le dipendenze patologiche

Dettagli

Dipendenza da internet, Facebook e iphone: una malattia ormai accertata La legge per tutti.it

Dipendenza da internet, Facebook e iphone: una malattia ormai accertata La legge per tutti.it Dipendenza da internet, Facebook e iphone: una malattia ormai accertata La legge per tutti.it Angelo Greco I nuovi social network e gli strumenti di telecomunicazione possono arrivare ad essere una malattia

Dettagli

Alcol e disturbi psichiatrici

Alcol e disturbi psichiatrici Alcol e disturbi psichiatrici In tutti i sistemi che si occupano del trattamento dei problemi alcolcorrelati e complessi prima o poi iniziano le difficoltà dovute all inserimento delle famiglie con problemi

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo

Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo Viene di seguito riportata la proposta sviluppata dal Dipartimento Politiche Antidroga

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT Cagliari Iglesias - Olbia NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ IN ETÀ EVOLUTIVA Dr.ssa Sabrina Cesetti Qualsiasi bambino (e la gran parte degli adulti) tende a distrarsi e a commettere

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli