UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI"

Transcript

1 UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI Nel settore lapideo vengono utilizzate brache in fibre sintetiche per sollevamento e movimentazione di lastre lucidate e manufatti quando non possono essere danneggiate le finiture superficiali. Le brache sono fornite da costruttori specializzati e sono realizzate in fibre di poliammide, poliestere o polipropilene. Riportiamo in tabella allegata alcuni dati di confronto tra le principali caratteristiche dei materiali utilizzati. Le brache sono inquadrate dal DPR 459/96 ( Direttiva Macchine) come accessori di sollevamento e come tali devono rispettare i requisiti essenziali di sicurezza come definito nell allegato 1. Si riportano ai fini di una migliore esposizione dell argomento i punti salienti dell allegato 1 DPR459/96 sopracitato, che interessano gli accessori di sollevamento Allegato 1 DPR 459/ Definizioni a) accessori di sollevamento : componenti o attrezzature non collegate alle macchine e disposte tra la macchina e il carico oppure sul carico per consentire la presa b) accessori di inbracatura accessori di sollevamento che servono alla realizzazione di o all impiego di una braca, quali ganci ad occhiello, maniglie, anelli, golfari, ecc.... d) coefficiente di utilizzazione: rapporto aritmetico tra il carico garantito dal fabbricante, fino al quale l attrezzatura, un accessorio o una macchina è in grado di trattenere tale carico, ed il carico massimo di esercizio marcato sull attrezzatura, sull accessorio o sulla macchina rispettivamente e) coefficiente di prova rapporto aritmetico tra il carico utilizzato per effettuare le prove statiche o dinamichedi un attrezzatura, di un accessorio o di una macchina ed il carico massimo di esercizio marcato sull attrezzatura sull accessorio o sulla macchina rispettivamente; f) prova statica verifica che consente di controllare l apparecchio o l accessorio di sollevamento e nell applicargli successivamente una forza corrispondente al carico massimo di esercizio moltiplicato per un coefficiente di prova statica appropriato, quindi, dopo aver soppresso il carico, nell eseguire di nuovo una ispezione della macchina di sollevamento o dell accessorio per controllare che non si sia verificato alcun danno Resistenza meccanica

2 Le macchine e gli accessori di sollevamento e gli elementi amovibili, devono poter resistere alle sollecitazioni cui sono soggetti durante il funzionamento e se del caso, anche quando sono fuori servizio, nelle condizioni di installazione e di esercizio previste dal fabbricante e in tutte le relative configurazioni, tenendo conto eventualmente degli effetti degli agenti atmosferici e degli sforzi esercitati dalle persone anche durante il trasporto, il montaggio e le smontaggio. Le macchine e gli accessori di sollevamento devono essere progettati e costruiti in modo tale da evitare guasti dovuti alla fatica e all usura tenuto conto dell uso previsto. I materiali utilizzati devono essere scelti tenuto conto degli ambienti previsti dal fabbricante soprattutto per quanto riguarda la corrosione, l abrasione, gli urti, la fragilità a freddo e l invecchiamento. Le macchine e gli accessori di sollevamento devono essere progettati e costruiti per sopportare i sovraccarichi applicati nelle prove statiche senza presentare deformazioni permanenti né disfunzioni manifeste. Il calcolo deve tener conto dei valori del coefficiente di prova statica che è scelto in modo adeguato da garantire un livello adeguato di sicurezza; in generale questo coefficiente ha i seguenti valori:...accessori di sollevamento 1, Accessori di imbracatura Gli accessori di imbracatura devono essere dimensionati tenendo conto dei fenomeni di fatica e di invecchiamento per un numero di cicli di funzionamento conforme alla durate della vita prevista alle condizioni di funzionamento specifiche per l applicazione prevista. Inoltre: a)... b)... c) il coefficiente di utilizzazione delle funi o cinghie di fibre tessili dipende dal materiale, dal processo di fabbricazione, dalle dimensioni e dall utilizzazione. Questo coefficiente è scelto in modo da garantire un livello di sicurezza adeguato: esso è in generale pari a 7 ( per le catene 4, per le funi metalliche 5 ) a condizione che i materiali siano di ottima qualità controllata e che il processo di fabbricazione sia adeguato alle condizioni di utilizzazione previste: In caso contrario, è in generale più elevato per garantire un livello di sicurezza equivalente. Le funi o cinghie di fibre tessili non devono presentare alcun nodo, impiombatura o collegamento, a parte quelli dell estremità dell imbracatura o della chiusura dell imbracatura senza estremità d) il coefficiente di utilizzazione di tutti i componenti metallici di una braca o utilizzati con una braca è scelto in modo da garantire un livello adeguato di sicurezza, questo coefficiente è, in generale, pari a 4... f) al fine che sia stato raggiunto il coefficiente di utilizzazione adeguato, il fabbricante o il suo mandatario stabilito nella Comunità deve effettuare le prove appropriate per verificare per ciascun tipo di componente di cui alle lettere a), b), c) e d) Accessori di sollevamento Ogni accessorio di sollevamento deve recare i seguenti marchi: identificazione del fabbricante identificazione del materiale ( ad esempio : classe internazionale) quando questa informazione è necessaria per la compatibilità dimensionale identificazione del carico massimo di utilizzazione marcatura CE 4.4 Istruzioni per l uso Accessori di sollevamento

3 Ogni accessorio di sollevamento o ciascuna partita di accessori di sollevamento commercialmente individuabile deve essere accompagnato da istruzioni per l uso che forniscano almeno le seguenti indicazioni: le condizioni normali di esercizio le prescrizioni per l uso il monitoraggio e la manutenzione i limiti di utilizzazione, in particolare per gli accessori che non possono soddisfare le disposizioni del punto ( controllo dei movimenti deriva o caduta) Nella documentazione fornita dal costruttore dovranno essere indicate le norme tecniche seguite nel corso della definizione del prodotto. Note sull impiego delle brache da specificare nelle istruzioni per l uso Tenendo conto delle modalità d uso, delle condizioni degli ambienti e dei carichi da sollevare si riportano di seguito le indicazioni tecniche e procedurali per l utilizzo in sicurezza delle brache in tessuto sintetico. Controllo preliminare delle brache Ogni braca deve essere controllata prima dell uso.non devono essere utilizzare mai brache danneggiate Condizioni di posizionamento e di utilizzo Proteggere sempre le parti delle brache che vengono a contatto con elementi che possono danneggiarle Non incrociare o torcere le brache sotto tensione Non accorciare le brache facendo dei nodi Posizionare le brache in modo da non sollevare il carico piegandole nella zona di cucitura o di impalmatura Non introdurre in un asola un elemento che possa danneggiarla. Utilizzare sempre dispositivi di aggancio lisci, senza estremità taglienti, di forma e di dimensioni tali da non sovraccaricare la braca e le asole. Rispettate le condizioni definite dal costruttore per le condizioni di utilizzo delle asole. Quando si usano più brache per sollevare un carico devono essere scelte dello stesso materiale e della stessa sezione Se la lunghezza del carico richiede più brache, utilizzare un bilancino o altro dispositivo in modo che le brache risultino il più possibile verticali e che gli effetti del carico siano ripartiti uniformemente

4 Condizioni di manovra Il sollevamento deve essere realizzato in modo che il carico sia stabile. Per le brache utilizzate a scorsoio, prima di procedere al sollevamento, assicurarsi che le brache stringano bene il carico Evitare gli strappi Non schiacciare le brache sotto il carico e non estrarle se impegnate sotto il carico Condizioni di conservazione Non mettere le brache a contatto con agenti chimici Non mettere le brache a contatto con il calore Non trascinare le brache su superfici ruvide e non passarvi sopra con le ruote di carrelli o veicoli Mantenere le brache pulite ed asciutte, quando sono sporche lavarle con acqua e farle asciugare Dopo l uso conservare le brache in apposito luogo appendendole ad agganci idonei in modo che non possano essere danneggiate tra un utilizzo e l atro Le riparazioni delle brache devono essere realizzate a cura del costruttore. Per riparare la braca rivolgersi al proprio rivenditore Istruzioni agli addetti Devono essere impartite precise istruzioni a tutti gli operatori che hanno titolo nella gestione delle brache, l acquisto, il magazzinaggio, la conservazione, l utilizzo. LE INDICAZIONI SOPRARIPORTATE NON SONO DA RITENERSI COMUNQUE ESAUSTIVE, MA DEVONO TENER CONTO DI EVENTUALI ALTRE CONSIDERAZIONI PER I CASI SPECIFICI SIA DA PARTE DEI COSTRUTTORI CHE DA PARTE DEGLI UTILIZZATORI. TUTTE LE INDICAZIONI DEVONO ESSERE FORNITE DAL COSTRUTTORE IN OTTEMPERANZA AL PUNTO DELL ALLEGATO 1 DPR 549/96. Particolari condizioni di impiego in caso di sollevamento di pastelli di lastre nel settore lapideo Al fine di meglio specificare quanto sopra descritto, si riportano alcune particolari condizioni di impiego nel settore lapideo. Il coefficiente di utilizzazione deve essere verificato in tutti i casi specifici e le istruzioni devono prevedere i limiti precisi di utilizzo al fine di garantire comunque il rispetto dei requisiti essenziali contenuti nell allegato 1 DPR 459/96. Ricordiamo che il coefficiente di utilizzazione è il rapporto aritmetico tra il carico garantito in grado di trattenere il carico e il carico marcato sulla braca e che il carico garantito deve essere valutato nelle effettive condizioni di impiego anche con prove sperimentali. Le condizioni di impiego si riferiscono per alcuni aspetti a condizioni più generali e per altri aspetti per la specifica condizione delle lastre da sollevare.

5 La sollecitazione delle brache aumenta con l inclinazione delle brache stesse al montaggio. Occorre quindi evitare inclinazioni eccessive. L adozione di bilancini opportunamente definiti risolve il problema dell inclinazione delle brache al montaggio. E necessario rispettare le condizioni di vincolo per le asole previste dal costruttore, per non indurre ulteriori sollecitazioni ai terminali e alle asole delle brache. In generale è necessario evitare nodi o legature di qualsiasi tipo perché riducono il carico sopportabile anche del 50%. Si verificano infatti sotto carico strizioni localizzate ed attriti tra le fibre inducendo sovrasollecitazioni che portano a rottura la braca. Particolari condizioni di impiego inducono sollecitazioni locali aggiuntive alle brache, riducono drasticamente la capacità di carico e possono causare incisioni di innesco di strappi o addirittura taglio della braca La braca se montata inclinata nella zona di contatto con le lastre subisce una deformazione come indicato in figura con conseguente progressivo stiramento delle fibre nel punto A). Inoltre la braca a contatto con lo spigolo C) subisce un ulteriore stiramento delle fibre esterne ed un costipamento di quelle interne. Le deformazioni imposte alle fibre inducono sovrasollecitazioni oltre a quelle derivanti dal sollevamento del carico. Ulteriori sollecitazioni si verificano al momento del sollevamento del pastello quando le lastre interne tendono a scivolare per gravità. La braca è già in trazione e nei punti D) lo scorrimento è pressoché impedito. Per il peso delle lastre il tratto della braca secondo E) subisce una ulteriore trazione Per evitare danneggiamenti della braca in caso di sollevamento di carichi che presentano spigoli o comunque parti abrasive o taglienti è necessario prevedere delle protezioni. Le protezioni concorrono ad evitare l abrasione e il taglio ma non le sovrasollecitazioni. Esempio di protezione in gomma telata. Le protezioni devono poter scorrere nei due sensi per il corretto posizionamento durante l operazione di carico. Inoltre per permettere l ispezione completa della braca al fine di individuare eventuali danneggiamenti. Le protezioni devono far parte della braca e fornite dal costruttore in quanto accessori di imbracatura.

6 Conclusioni Le condizioni di sollevamento dei materiali lapidei con i sistemi attualmente in uso, viste le problematiche come descritte, portano a considerare che l utilizzo indiscriminato delle brache in fibre sintetiche avvenga senza le dovute garanzie di sicurezza. Necessita quindi evitare detto uso circoscrivendolo agli impieghi particolari per i quali dovrà essere garantito dal costruttore il rispetto del coefficiente di utilizzazione 7 ed effettuata la prova di carico. Analoga problematica di rispetto dei requisiti essenziali di sicurezza dell allegato 1 DPR 459/96 esiste anche per le brache in cavo di acciaio, che dovranno anch esse essere definite per l uso specifico anche mediante prove sperimentali.

ETICHETTE PRESENTI SU TUTTI I SISTEMI DI ANCORAGGIO

ETICHETTE PRESENTI SU TUTTI I SISTEMI DI ANCORAGGIO L NORMA EN 12 195-2 Mazo 2001 a decisione di rispettare il contenuto della norma EN 12 195-2 è stata presa perché permette di fornire un sistema di ancoraggio avente le informazioni per chi lo utilizza

Dettagli

Tiranti piatti di sollevamento in poliestere Funi tonde in poliestere ad anello chiuso corde e trecce

Tiranti piatti di sollevamento in poliestere Funi tonde in poliestere ad anello chiuso corde e trecce Tiranti piatti di sollevamento in poliestere Funi tonde in poliestere ad anello chiuso corde e trecce Istruzioni e manutenzione Controllare sempre che il tirante che si sta impiegando sia di portata idonea

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite dal fabbricante/fornitore per un uso corretto dell attrezzatura in termini di sicurezza e durata dello stesso.

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

Sistemi di ancoraggio in poliestere

Sistemi di ancoraggio in poliestere Sistemi di ancoraggio in poliestere ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DELLE IMBRACATURE Le norme generali per la prevenzione degli infortuni prevedono che i carichi siano assicurati alle carrozzerie dei veicoli

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

I capicorda (terminali) per funi d acciaio forniscono una terminazione di testa alla fune stessa.

I capicorda (terminali) per funi d acciaio forniscono una terminazione di testa alla fune stessa. PRODOTTI INDUSTRIALI & NAVALI S.p.A. capicorda I capicorda (terminali) per funi d acciaio forniscono una terminazione di testa alla fune stessa. Si dividono in tre tipi: - A cuneo (autobloccanti) in cui

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE)

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) Articolo 1 Campo di applicazione 1. La presente direttiva si applica ai seguenti prodotti: a) Macchine; b) Attrezzature intercambiabili; c) Componenti di sicurezza;

Dettagli

accessori di sollevamento»

accessori di sollevamento» «Le esperienze dei fabbricanti di accessori di sollevamento» Relatore Marco Ghisleni delegato AISEM 1-2 dicembre 2015 Auditorium Gio Ponti Assolombarda Confindustria Milano Le esperienze dei fabbricanti

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00 (immagine puramente indicativa per identificare il prodotto) Introduzione Linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 La linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 è un sistema di protezione provvisorio

Dettagli

706292 / 00 11 / 2012

706292 / 00 11 / 2012 Istruzioni per l uso (parte rilevante per la protezione antideflagrante) per sensori di temperatura ai sensi della direttiva europea 94/9/CE Appendice VIII (ATEX) gruppo II, categoria di apparecchi 3D/3G

Dettagli

Informazioni per l'utente. Brache di catena. classe di qualità 6-8-10-12 (ICE)

Informazioni per l'utente. Brache di catena. classe di qualità 6-8-10-12 (ICE) I Informazioni per l'utente Brache di catena classe di qualità 6-8-0-2 (ICE) Le seguenti indicazioni sono fornite senza alcuna pretesa di esaustività. Ulteriori informazioni sull'utilizzo di mezzi di arresto

Dettagli

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio Flash protection I sistemi di ancoraggio provvisorio sono utilizzati per la messa in sicurezza dei cantieri o per interventi di manutenzioni su impianti o macchinari. Questi prodotti sono studiati in modo

Dettagli

INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL

INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL INDICAZIONI PER LA REVISIONE ANNUALE DEI DPI TRACTEL 1 2 4 5 6 7 3 DURATA DI VITA E REVISIONI ANNUALI D.P.I. ANTICADUTA INDICAZIONI PRIORITARIE Durata di vita dei prodotti: Ogni DPI anticaduta ha una durata

Dettagli

Diagramma delle portate in funzione delle variazioni dell angolo di lavoro

Diagramma delle portate in funzione delle variazioni dell angolo di lavoro Le imbracature, in quanto elementi utilizzati per il sollevamento di carichi di notevole peso, rivestono una fondamentale importanza nelle manovre in cui vengono utilizzate, quindi devono rispondere ai

Dettagli

Come scegliere i Dispositivi di Ancoraggio: Requisiti Tecnici e Controlli

Come scegliere i Dispositivi di Ancoraggio: Requisiti Tecnici e Controlli Come scegliere i Dispositivi di Ancoraggio: Requisiti Tecnici e Controlli Normative di riferimento e casi pratici Dott. Piergiorgio Tammaro Business Development Manager Cordstrap Italia srl Norme di Riferimento:

Dettagli

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA CINTURE DI POSIZIONAMENTO Pag. 37 IMBRAGATURA ANTICADUTA Pag. 38 CORDINO DI ANCORAGGIO E ACCESSORI Pag. 323 ASSORBITORI DI ENERGIA E ANTICADUTA Pag. 324 FUNE ANTICADUTA Pag.

Dettagli

BRACHE DI FUNE DI ACCIAIO CATENE DI ACCIAIO LEGATO BRACHE DI CANAPA, NYLON, POLIESTERE, POLIPROPILENE E FASCE SPECIALI ACCESSORI PER FUNI E CATENE

BRACHE DI FUNE DI ACCIAIO CATENE DI ACCIAIO LEGATO BRACHE DI CANAPA, NYLON, POLIESTERE, POLIPROPILENE E FASCE SPECIALI ACCESSORI PER FUNI E CATENE Introduzione-OK.qxd 17-10-2003 16:26 Pagina 1 CATOLOGO PRODOTTI PER SOLLEVAMENTO LIFTING EQUIPMENT CATALOGUE BRACHE DI FUNE DI ACCIAIO 1 CATENE DI ACCIAIO LEGATO 26 BRACHE DI CANAPA, NYLON, POLIESTERE,

Dettagli

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Movimentazione in sicurezza delle GRU Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE REGOLE DEL BUON GRUISTA La gestione dell operatività dell apparecchio di sollevamento è

Dettagli

SI STE CATALOGO GENERALE SOLLEVAMENTO

SI STE CATALOGO GENERALE SOLLEVAMENTO SI CATALOGO GENERALE SOLLEVAMENTO Edizione 2010 INDICE GENERALE ILLUSTRAZIONI Pag. 2 AVVERTENZE Pag. 3 CATENE CATENA GR.80 E ACCESSORI Pag. 4 CATENA GR.100 E ACCESSORI Pag. 5 BRACHE DI CATENA Pag. 6 FIBRE

Dettagli

USO IN SICUREZZA DEGLI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I GOLFARI

USO IN SICUREZZA DEGLI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I GOLFARI Promozione Sicurezza Impiantistica ATS BRIANZA Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria Servizio Impiantistica e della Sicurezza (SIS) USO IN SICUREZZA DEGLI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I GOLFARI 1

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE INDICE 1. Introduzione 1.1. Revisione 1.2. Validità 1.3. A chi si rivolgono le seguenti istruzioni? 2. Linee guida sulla sicurezza 2.1. Norme di sicurezza 2.2. Qualifica del personale

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 363 Sistemi di arresto caduta (2002) 517 Ganci di sicurezza da tetto (1998) 795 Dispositivi di ancoraggio (2002) Sistema di arresto caduta UNI EN 363

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE INDICE 1. Introduzione 1.1. Revisione 1.2. Validità 1.3. A chi si rivolgono le seguenti istruzioni? 2. Linee guida sulla sicurezza 2.1. Norme di sicurezza 2.2. Qualifica del personale

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE TIRANTI ED ANELLI IN FUNE DI ACCIAIO Normativa di Rif. UNI EN 13414-2

MANUALE D USO E MANUTENZIONE TIRANTI ED ANELLI IN FUNE DI ACCIAIO Normativa di Rif. UNI EN 13414-2 MANUALE D USO E MANUTENZIONE TIRANTI ED ANELLI IN FUNE DI ACCIAIO Normativa di Rif. UNI EN 13414-2 MQ/MC/TI Rev. 1 REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite

Dettagli

TENDE ALLA VENEZIANA 15-25. Istruzioni d uso e manutenzione. UTE 7.3IS34 rev.2

TENDE ALLA VENEZIANA 15-25. Istruzioni d uso e manutenzione. UTE 7.3IS34 rev.2 TENDE ALLA VENEZIANA 15-25 Istruzioni d uso e manutenzione UTE 7.3IS34 rev.2 INFORMAZIONI GENERALI E DI SICUREZZA In questo manuale sono elencate le istruzioni per una corretta installazione, utilizzazione

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

2.1 Funi metalliche e nozioni sui cavi... 3. 2.1.1 Informazioni generali sui cavi... 3. 2.1.2 Assemblaggio delle funi metalliche...

2.1 Funi metalliche e nozioni sui cavi... 3. 2.1.1 Informazioni generali sui cavi... 3. 2.1.2 Assemblaggio delle funi metalliche... Sommario 2 Cavi - Collegamenti finali 2.1 Funi metalliche e nozioni sui cavi... 3 2.1.1 Informazioni generali sui cavi... 3 2.1.2 Assemblaggio delle funi metalliche... 3 2.1.2.1 Funi ad avvolgimento parallelo...

Dettagli

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine)

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) Allegato E alla direttiva del 7 gennaio 2015 RISCHI MECCANICI 1 - PREMESSA Il D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) ha introdotto nel panorama normativo sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro importanti

Dettagli

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891 D.P.I. Corde - UNI EN 1891 SUL MERCATO SONO DISPONIBILI DUE TIPOLOGIE DI CORDE: DINAMICHE - Norma di riferimento EN 892 SEMI STATICHE - Norma di riferimento EN 1891 La norma UNI EN 353-2 (linee vita fless.)

Dettagli

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 Intervento ing. Donato Chiffi Progettazione costruttiva dei dispositivi di ancoraggio e verifica

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

Trasportatore con cinghia dentata mk

Trasportatore con cinghia dentata mk Trasportatore con cinghia dentata mk Tecnologia del trasportatore mk 150 Indice Trasportatore con cinghia dentata mk ZRF-P 2010 152 ZRF-P 2040.02 164 ZRF-P Proprietà delle cinghie dentate 171 Esempi di

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Fin Group LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Prodotti Conformi a UNI EN 795 FIN GROUP S.R.L. Divisione Commerciale Via Sentieri 44 24050 Cividate al Piano (BG) Tel. +39 0363

Dettagli

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE I DISPOSITIVI ANTICADUTA DALLE COPERTURE SONO SOTTOPOSTI ALLA NORMA UNI EN 795:2002 La norma UNI EN 795:2002

Dettagli

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN La normativa italiana in tema di sicurezza e salute sul lavoro riporta, al decreto legislativo 3 agosto 2009,

Dettagli

SISTEMI DI SOLLEVAMENTO KK

SISTEMI DI SOLLEVAMENTO KK SISTEMI DI SOLLEVAMENTO KK 9/2006 SISTEMI DI SOLLEVAMENTO KK Vantaggi dei sistemi di sollevamento kk Sistemi a sganciamento rapido Soluzioni economiche Per supporto tecnico, contattare l indirizzo e-mail:

Dettagli

Il carico delle bombole: i casi aziendali

Il carico delle bombole: i casi aziendali Il carico delle bombole: i casi aziendali Davide Italia, Responsabile Sicurezza Trasporti e DGSA Settore bombole e liquidi - Air Liquide Italia S.p.A. Il trasporto di merci pericolose in Air Liquide Air

Dettagli

Materiali Plastici. standard PVC. Cloruro di polivinile

Materiali Plastici. standard PVC. Cloruro di polivinile 8 >> Materiali Plastici standard Materiali Plastici standard >> Semilavorati in PVC PVC Cloruro di polivinile Il PVC rigido è un materiale di larga diffusione, utilizzato prevalentemente per la sua ottima

Dettagli

un azienda che crea BREVETTA e REALIZZA soluzioni per la movimentazione A NORMA di LEGGE

un azienda che crea BREVETTA e REALIZZA soluzioni per la movimentazione A NORMA di LEGGE un azienda che crea BREVETTA e REALIZZA soluzioni per la movimentazione a NORMA di LEGGE A NORMA di LEGGE L utilizzo dei legacci di tondino per sollevare il carico non è ammesso dalla Legge in quanto non

Dettagli

RETE SICURA RETE SICURA

RETE SICURA RETE SICURA Manuale di montaggio RETE SICURA RETE SICURA Larghezza della maglia Larghezza della maglia A) Sicura 1. Luogo e scopi d impiego La rete Sicura ferma persone o oggetti che precipitano. Viene utilizzata

Dettagli

FUNI DI SOLLEVAMENTO CRITERI DI SCELTA, MANUTENZIONE, VERIFICA E SOSTITUZIONE

FUNI DI SOLLEVAMENTO CRITERI DI SCELTA, MANUTENZIONE, VERIFICA E SOSTITUZIONE FUNI DI SOLLEVAMENTO CRITERI DI SCELTA, MANUTENZIONE, VERIFICA E SOSTITUZIONE 1 di 17 Premessa La movimentazione dei blocchi e delle lastre nel settore lapideo veronese avviene in gran parte mediate l

Dettagli

O biettivo della linea guida

O biettivo della linea guida INDICE Presentazione pag. 3 Obiettivo della Linea Guida pag. 5 Accessori di sollevamento pag. 9 Accessori di imbracatura pag. 12 Brache pag. 17 Brache di fune di acciaio pag. 17 Brache di catena pag. 21

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Reti di sicurezza Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 Osservatorio sugli Infortuni dei Vigili del Fuoco Documento n. 2/2007 maggio 2007 DISPOSITIVI

Dettagli

SERRAMENTI IN ALLUMINIO

SERRAMENTI IN ALLUMINIO SERRAMENTI IN ALLUMINIO LEGGERE ATTENTAMENTE IL PRESENTE IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI PROCEDERE ALL USO DEL SERRAMENTO. Manuale Uso e Manutenzione Serramenti rev. 0 del 26.01.2010 Pagina 1 di 12 INDICE GENERALE

Dettagli

Starbelt, è il partner affidabile per la vostra azienda.

Starbelt, è il partner affidabile per la vostra azienda. Starbelt, è il partner affidabile per la vostra azienda. Starbelt è una giovane e dinamica realtà imprenditoriale padovana che nasce dalla ventennale esperienza e dalla professionalià maturata dei soci

Dettagli

D.M. 9 dicembre 1987, n. 587.

D.M. 9 dicembre 1987, n. 587. D.M. 9 dicembre 1987, n. 587. Attuazione delle direttive n. 84/529/CEE e n. 86/312/CEE relative agli ascensori elettrici. Pubblicato nella Gazz.Uff. 25 marzo 1988, n. 71, S.O. IL MINISTRO PER IL COORDINAMENTO

Dettagli

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO STUDIO INGEGNERIA STRUTTURALE MASSETTI CONSOLIDAMENTO EDIFICI STORICI, MONITORING PROGETTAZIONE SISMICA, STRUTTURISTICA CONSULENZA E DIREZIONE LAVORI PROGETTAZIONE EDIFICI CIVILI E INDUSTRIALI Via Brescia

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Libretto verifiche e controlli per

Libretto verifiche e controlli per Libretto verifiche e controlli per Gru a torre n fabbrica matricola ISPESL Eseguendo le verifiche e i controlli è necessario osservare quanto segue: - le norme di legge italiane e comunitarie, - le norme

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

CAVALIERI RAG. CESARE SRL

CAVALIERI RAG. CESARE SRL CAVALIERI RAG. CESARE SRL VIA REGINA MARGHERITA, 13 25057 SALE MARASINO BS TELEFONO (+39) 030986425 (+39) 030986240 FAX (+39) 030986231 MAIL INFO@CAVALIERIROPES.COM SITO INTERNET WWW.CAVALIERIROPES.COM

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

Ricevimento, movimentazione e stoccaggio

Ricevimento, movimentazione e stoccaggio Istruzioni Centro controllo motori CENTERLINE 2500 - Ricevimento, movimentazione e stoccaggio Ricevimento IMPORTANTE Quando Rockwell Automation consegna al corriere l'apparecchiatura, questa viene considerata

Dettagli

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti TRASMISSIONE AD INGRANAGGI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti GEOMETRIA DELLE RUOTE DENTATE La geometria delle ruote dentate si fonda sul modulo, m, dato da Dal modulo dipendono

Dettagli

La sicurezza nel Treeclimbing. Dott. For. Mazzocchi Francesco

La sicurezza nel Treeclimbing. Dott. For. Mazzocchi Francesco La programmazione e la formazione: strumenti essenziali per la salute e la sicurezza sul lavoro La sicurezza nel Treeclimbing Dott. For. Mazzocchi Francesco Storia Nasce in America agli inizi del 900,

Dettagli

Istruzioni d uso, manutenzione e cura di finestre e porte in legno

Istruzioni d uso, manutenzione e cura di finestre e porte in legno Gentili Signore e Signori, ci complimentiamo con Voi per le Vostre nuove finestre e/o porte e Vi ringraziamo per la fiducia che ci avete accordato. Per rendere durevole la Vostra soddisfazione nel nuovo

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

GESTIONE APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

GESTIONE APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO SingWolf service s.a.s PRGS_01 06 GESTIONE APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Rev. 00 Pag. 1 GESTIONE APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Precedente storico DOC 05/04/2012 Posizione Archivio R.S.P.P. firma DOC 05/06/2012

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

MODULO DI INDIRIZZO SOLLEVAMENTO. Capire la macchina

MODULO DI INDIRIZZO SOLLEVAMENTO. Capire la macchina IS MODULO DI INDIRIZZO SOLLEVAMENTO Capire la macchina CLASSIFICAZIONE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Argani Gru a torre Autogru Gru su autocarro Sollevatore con braccio telescopico Carrelli elevatori

Dettagli

Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo

Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo 1 Processo produttivo nello stabilimento di Piacenza, Italia. Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo Qualità eccellente Bolzoni Auramo offre una gaa completa di forche per carrelli elevatori,

Dettagli

Danneggiamenti tipici nelle pompe acqua e loro cause. www.meyle.com

Danneggiamenti tipici nelle pompe acqua e loro cause. www.meyle.com Danneggiamenti tipici nelle pompe acqua e loro cause www.meyle.com Pompe acqua MEYLE tecnica innovativa, anziché fine prematura! La corretta scelta di singoli componenti determina la qualità delle pompe

Dettagli

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scheda 27 Lavorazione: TINTURA IN PEZZA Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scopo della lavorazione La tintura in overflow a pressione atmosferica è utilizzata per tingere tessuti delicati o tessuti

Dettagli

Allegato V Dlgs 81/2008

Allegato V Dlgs 81/2008 Allegato V Dlgs 81/2008 REQUISITI DI SICUREZZA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO COSTRUITE IN ASSENZA DI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE COMUNITARIE DI PRODOTTO, O MESSE

Dettagli

Sistemi di protezione individuale dalle cadute

Sistemi di protezione individuale dalle cadute Sistemi di protezione individuale dalle cadute Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

Norme tecniche per macchinari 1

Norme tecniche per macchinari 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE MANUALE D USO E MANUTENZIONE PORTA BASCULANTE Manuale / Automatizzata A cura della : Sistema Qualità ISO MANUALE D USO E MANUTENZIONE Pagina 2 di 19 INDICE 1 - LETTERA ALLA CONSEGNA... 3 2 INFORMAZIONI

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

In senso di marcia. Manuale dell utente. Gruppo Peso Età 2-3 15-36 kg 4-12 a

In senso di marcia. Manuale dell utente. Gruppo Peso Età 2-3 15-36 kg 4-12 a In senso di marcia Manuale dell utente ECE R44 04 Gruppo Peso Età 2-3 15-36 kg 4-12 a 1 ! Grazie per aver scelto izi Up FIX di BeSafe BeSafe ha sviluppato questo seggiolino con cura e attenzione particolari,

Dettagli

Rasant System. La scienza del pulito

Rasant System. La scienza del pulito Rasant System La scienza del pulito Sistema Rasant Ergonomia e praticità Il Sistema Rasant è un sistema per il lavaggio manuale dei pavimenti, delle superfici verticali e per la pulizia dei punti più difficili.

Dettagli

Deceleratori per Ascensori ADS-ST-26. Tecnica d ammortizzo. CALCOLO on-line e download CAD 2D / 3D. F m. www.weforma.com

Deceleratori per Ascensori ADS-ST-26. Tecnica d ammortizzo. CALCOLO on-line e download CAD 2D / 3D. F m. www.weforma.com Deceleratori per Ascensori ADS-ST-26 Tecnica d ammortizzo CALCOLO on-line e download CAD 2D / 3D F m V S Vantaggi Applicazioni: - Ascensori per persone e per carichi Sicurezza: - Interruttore di posizione

Dettagli

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE Congratulazioni per la Vostra scelta! Av ete appena acquistato l elev atore motorizzato per v ideoproiettore SI- H 300 ideato

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN Scheda tecnica e manuale di montaggio RETE DI SICUREZZA ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN 1263-2 1 CARATTERISTICHE TECNICHE MATERIALE: POLIPROPILENE, stabilizzato ai raggi UV. COLORE:

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

SLINGOFER S.R.L. Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE STATO DI CONSERVAZIONE... ... ... SCOPO DEL SERVIZIO... ...

SLINGOFER S.R.L. Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE STATO DI CONSERVAZIONE... ... ... SCOPO DEL SERVIZIO... ... Informativa Sulle Attrezzature Revisionate e Certificate INDICE ATTESTATI SULLO S STATO DI CONSERVAZIONE... 2 SCOPO DEL SERVIZIO......... 5 METODO DI LAVORO......... 6 1/9 ESEMPI DI RICONDIZIONAMENTO MACCHINE...

Dettagli

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso MANUALE D USO Mek 1 Sommario Pagina 3 : La ditta Mechetti Pagina 4 : Presentazione prodotti Pagina 5 : Schede tecniche Pagina 6 : Istruzioni per l uso Pagina 7 : Soluzione e problemi noti Pagina 8 : Parti

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli