LE IMPRESE STRANIERE A VICENZA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE IMPRESE STRANIERE A VICENZA"

Transcript

1 Serie: RAPPORTI SULL ECONOMIA LOCALE (Rapporto n 91) LE IMPRESE STRANIERE A VICENZA Ufficio Statistica e Studi VICENZA LUGLIO

2 LE IMPRESE STRANIERE NEL VICENTINO Definizioni Il grado di imprenditorialità straniera di una impresa è definito in funzione dei non nati in Italia presenti tra gli amministratori, i titolari o i soci dell impresa sulla base alle diverse nature giuridiche. Secondo i criteri statistici adottati da tutti gli uffici studi delle Camere di Commercio, il grado di imprenditorialità straniera è articolato in maggioritario, forte ed esclusivo in rapporto alla diversa intensità della presenza di non nati in Italia. Nell analisi della realtà provinciale si considerano straniere le imprese il cui grado di imprenditorialità straniera sia almeno maggioritario cioè nelle società di capitali la somma delle percentuali delle cariche rivestite da stranieri e delle quote detenute da stranieri deve essere superiore al 100%, nelle società di persone o cooperative più del 50% dei soci debbono essere stranieri, nelle ditte individuali il titolare deve essere straniero e nelle altre forme giuridiche almeno più del 50% degli Amministratori debbono essere persone non nate in Italia. Chi sono gli imprenditori stranieri Gli immigrati sono ormai presenti in modo stabile e strutturato nel sistema socio-economico del Paese e contribuiscono in misura determinante a creare il valore aggiunto nazionale sia in qualità di lavoratori dipendenti sia come lavoratori autonomi. In particolare una parte importante della popolazione straniera partecipa - al di là dei mutevoli cicli congiunturali - in modo dinamico e propulsivo al sistema imprenditoriale italiano e fornisce un apporto non più marginale, ma fondamentale alla crescita del tessuto produttivo del Paese creando ricchezza, accrescendo la competitività sistemica e ampliando la base occupazionale. Sempre più frequentemente nuovi imprenditori non nati in Italia, guidati da una personale business idea, navigano nel mare grande dell offerta di beni e servizi secondo logiche di mercato, per cui troviamo sempre più spesso imprenditori stranieri nell eterogeneo comparto dei servizi alle famiglie e alle imprese e in settori industriali maturi o a tecnologicamente evolutivi. Come riportato nello studio Progetto start it up: nuove imprese di cittadini stranieri, a cura del Ministero del Lavoro e Unioncamere, molti immigrati optano per una attività imprenditoriale spinti da numerosi e articolati motivi: valorizzare in una attività gratificante le proprie risorse umane e professionali magari penalizzate o non riconosciute in una precedente esperienza di lavoro dipendente dequalificato e non soddisfacente, mettere a frutto le skills maturate on the job, dare spazio alle specificità del proprio Paese di origine offrendo un bene o servizio a prevalente contenuto etnico, tentare la strada del lavoro autonomo una volta che quella del lavoro alle dipendenze si sia rivelata preclusa o temporanea, accrescere i livelli di reddito e di benessere personale e familiare. Sono state individuate almeno tre figure idealtipiche di imprenditore con una biografia di immigrazione: 1. un imprenditore maschio non più giovane, con famiglia, che esercita una attività tipicamente artigianale (es.: l idraulico, l elettricista, il carrozziere, l autotrasportatore) e che valorizza una precedente esperienza maturata sul campo all interno di un percorso di emancipazione e di mobilità professionale e sociale e in grado di adottare una strategia competitiva fondata sulla qualità del bene o servizio offerto; 2. un artigiano giovane, appartenente ad una comunità di recente immigrazione con alle spalle una condizione di disoccupazione o di occupazione regolare, che sceglie l autoimpiego per ragioni di emancipazione economica prevalentemente nel settore dell edilizia ad intercettare spesso una esigenza di subappalto; 3. uno straniero con un buon livello di istruzione e titolare di imprese manifatturiere, di pulizie, di preparazione e di vendita di cibi, di lavaggio e di stiratura di indumenti, di cura del corpo e di capelli, che adotta una strategia di job creation per valorizzare capacità e competenze 2

3 riguardanti servizi ai quali si rivolge una crescente domanda soprattutto in aree metropolitane. Dunque le motivazioni che animano gli imprenditori stranieri sonno plurime, come diversificate sono le aree e le nicchie di mercato in cui inserirsi; sicuramente l imprenditoralità straniera si è ormai consolidata nel nostro paesaggio economico in maniera pressoché irreversibile. Numerosità e variazione A inizio 2012 gli stranieri residenti in provincia di Vicenza erano il 6,9% in meno rispetto all anno precedente; la quota degli stranieri rispetto all intera popolazione residente è quindi calata dall 11% del 2011 al 10,4% del Le imprese straniere in provincia di Vicenza al 30 giugno 2013 risultano essere (di cui comunitarie e extra-comunitarie) pari al 7,8% del totale (comprensivo delle imprese classificate come straniere, delle imprese italiane e delle imprese non classificate le quali costituiscono una categoria residuale di imprese: non più del 3,7% sul totale), un valore inferiore tanto al dato veneto (8,4%) quanto al dato medio italiano (8,0%). Nel Vicentino le imprese straniere hanno subito nell orizzonte temporale 30 giugno giugno 2013 una flessione superiore alle imprese italiane: rispettivamente -3,6% contro -3,1%. La comparazione su base territoriale evidenzia una asimmetria tra il dato berico e quello veneto e italiano: se la provincia di Vicenza è allineata con la regione quanto a riduzione delle imprese italiane, nel Veneto le imprese straniere registrano nel biennio considerato una crescita del 5,5%; se poi ci si riferisce all Italia il cedimento delle imprese italiane è più contenuto (-1,7%), mentre l irrobustimento delle imprese straniere è più marcato e supera i dieci punti percentuali. I dati sull incidenza delle imprese straniere rispetto al totale e l analisi delle variazioni percentuali dello stock di imprese straniere evidenziano che nell ultimo biennio - in controtendenza rispetto alle dinamiche più generali - è iniziato un processo di assottigliamento della presenza degli imprenditori stranieri nella nostra provincia, una flessione con ogni probabilità ascrivibile al protrarsi della crisi economica che rende il vicentino un ambiente meno adatto di un tempo allo sviluppo di autonome iniziative imprenditoriali da parte dei numerosi stranieri qui residenti. La presenza degli imprenditori stranieri nei vari settori Il settore in cui l imprenditorialità straniera appare maggiormente sviluppata è il noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese con il 21,8% (poco più del 13% è il valore veneto e nazionale). Sono le attività di servizi per edifici e paesaggio (quota del 19,9% e 135 imprese) e le attività di supporto per le funzioni di ufficio e altri servizi (quota del 34,2% e 220 imprese). Si tratta di settori ad elevata intensità di autoimpiego straniero: dalle attività di pulizia alla cura e manutenzione del paesaggio, dai call-center ai servizi di supporto alle imprese (come ad esempio i servizi di volantinaggio) fino alle attività di imballaggio. Questo comparto registra inoltre un forte aumento nel biennio 30 giugno giugno 2013; il balzo è un fenomeno generalizzato (+16,6% nel Vicentino, +19,1% nel Veneto e +29,6% in Italia) è riconducibile alle caratteristiche intrinseche di questa tipologia di attività imprenditoriale in termini di assenza di complessità organizzativa, esigenza di limitati capitali iniziali, persistenza della domanda, riduzione del rischio di impresa. Grazie a oltre duemila imprese straniere, il secondo settore in cui la presenza dell imprenditoria straniera è caratterizzante è quello delle costruzioni il cui peso sul totale delle imprese è del 14,1% (al terzo posto dopo il settore distributivo e il manifatturiero) in cui non è nato in Italia quasi un imprenditore su cinque: per l esattezza il 18% a fronte del 17,2% a livello veneto e al 14,3% a livello italiano. Il decremento nel biennio è di quasi dodici punti percentuali nell ambito delle imprese straniere; del resto il settore immobiliare tutto sta attraversando una crisi profonda come è attestato dal fatto che un restringimento di oltre sei punti percentuali si osserva anche per le imprese italiane; nel Veneto le imprese straniere del settore si sono ridotte di quasi cinque punti, mentre il dato nazionale indica un incremento di due punti percentuali e mezzo. 3

4 Un imprenditore su dieci è straniero nei comparti del trasporto e magazzinaggio e nelle attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (leggermente inferiori le quote italiane: 6,6% e 8,4%); più in dettaglio nel magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti la quota di imprese straniere è del 20,8% (59 imprese straniere) nella sola ristorazione l incidenza è del 10,4% (463 unità). Nel settore dei trasporti e magazzinaggio si nota un cedimento delle imprese straniere vicentine del 7,4% a cui corrisponde però un aumento degli altri livelli territoriali: +4,6% nel Veneto e +6,9% in Italia; nel settore dei servizi di alloggio e ristorazione le imprese straniere si è verificato un incremento nel biennio di oltre dodici punti percentuali nel Vicentino (che salgono a venti nelle altre aree territoriali): anche questo settore continua a offrire margini di profittabilità pur in un periodo di crisi a fronte di una relativamente semplice organizzazione aziendale. Il quarto settore per ordine di intensità di presenza di imprenditoria straniera è il commercio (che rappresenta - con il 22,2% - il più numeroso dei comparti vicentini) in cui gli imprenditori stranieri sono l 8,9% (oltre 1.600), un dato leggermente inferiore a quello veneto (10,4%) e nazionale (11,0%); in particolare nella distruzione al dettaglio l incidenza arriva al 12,6%. L analisi dell ultimo biennio ci dice che si è verificato un leggero restringimento delle attività commerciali esercitate da stranieri (-1,7% contro -2,6% delle imprese italiane), ma in questo caso la dinamica vicentina si discosta dal trend veneto (+11%) e nazionale (+12,6%) tanto più significativo quanto più emerge su valori di leggera riduzione l allineamento tra Vicenza, il Veneto e l Italia per le imprese commerciali italiane. Nei servizi di informazione e comunicazione sono stranieri 6 imprenditori su cento, ma per le telecomunicazioni (tra cui gli internet point) delle oltre 120 attività registrate in provincia quasi la metà ha un titolare non italiano. Infine il settore manifatturiero che annovera oltre 14 mila imprese cioè il 16,8% del totale provinciale, un valore che qualifica e contraddistingue e da il timbro all intero apparato economico provinciale come indicano i dati relativi alla quota del manifatturiero nel Veneto e in Italia: rispettivamente 12,5% e 9,9%. Ebbene, nel manifatturiero berico l incidenza delle imprese straniere (5,1%, 720 unità in cifra assoluta) è inferiore al valore veneto (7,6%) e nazionale (6,8%). All interno del macro-settore manifatturiero è nel sistema-moda ad essere più significativa la presenza di imprese straniere: nelle confezioni di articoli di abbigliamento è del 18,9% (pari a 224 imprese), nelle industrie tessili dell 8,3% (33 unità produttive), nella fabbricazione di articoli in pelle del 7,1% (cioè 69 imprese); seguono la riparazione, installazione e manutenzione di macchine con il 6,9% (42 unità) e la fabbricazione di prodotti in metallo con il 5,8% (180 imprese straniere). Le imprese straniere del manifatturiero vicentino cedono il 3,1% contro +3,6% nel Veneto e +5,5% in Italia. Nel ramo delle confezioni di articoli di abbigliamento la riduzione a Vicenza è del 3%, ma nel Veneto e in Italia si è verificata una crescita rispettivamente del 2,8% e del 5,3%. Forma giuridica Sotto il profilo della forma giuridica si osserva una netta propensione degli stranieri ad optare per tipologie di impresa meno evolute e strutturate. La quota delle imprese straniere individuali sul totale delle imprese straniere è del 72,2% per le comunitarie e addirittura del 78,1% per le extracomunitarie mentre meno della metà delle altre imprese italiane (il 49,4%) appartengono a questa forma giuridica. Più di un quarto (il 26,8%) delle altre imprese italiane sono società di capitale, mentre questa fisionomia giuridica interessa meno di un quinto delle imprese straniere comunitarie (il 19,1%) e meno di un decimo (il 9,4%) delle imprese straniere non comunitarie. Infine il modulo delle società di persone caratterizza solamente il 7,7% delle straniere comunitarie e il 10,8% delle straniere extracomunitarie contro il 22,3% delle altre imprese italiane. Marginale l incidenza delle altre forme (cooperative, consorzi etc.). L imprenditoria straniera sembrerebbe dunque cristallizzata su modelli di autoimpiego privi di strutturazione organizzativa e a contenuta intensità di risorse mobilitate a servizio della strategia aziendale; tuttavia una analisi dinamica evidenzia una significativa propensione degli imprenditori 4

5 stranieri a dislocarsi su formule di governance più impegnative e più in grado di generare capacità competitiva. Nel biennio 30 giugno giugno 2013 la numerosità complessiva delle imprese straniere non comunitarie individuali ha subito un ridimensionamento maggiore di quello registrato dalle altre imprese italiane (rispettivamente -6,3% contro -5,7% con le imprese comunitarie a -3,6%); sono cresciute invece a ritmi più sostenuti le imprese straniere appartenenti alla forma giuridica più complessa - le società di capitali - (+8,6% le extracomunitarie e +9,4% le comunitarie contro +2% le altre italiane) e un andamento asimmetrico si nota anche per le società di persone: infatti se le altre italiane si riducono del 3,6%, la flessione delle imprese straniere extracomunitarie è contenuta (-0,7%) e le società di persone comunitarie addirittura registrano una lievitazione di poco inferiore ai cinque punti percentuali. Infine un cenno alle tipologie giuridiche delle imprese straniere in rapporto ai settori: nel manifatturiero il delta tra imprese straniere e italiane si amplia: le imprese straniere extracomunitarie individuali sono il 76,7% contro il 30,1% delle imprese individuali a conduzione italiana (le straniere comunitarie sono al 48,5%), mentre le società di capitali non comunitarie sono appena il 16,2% (contro il 42,8% delle altre imprese italiane) e le società di persone extracomunitarie sono il 5,2% contro il 26,4% delle altre italiane). Nell ambito del settore delle costruzioni nove su dieci delle imprese straniere sia extracomunitarie che comunitarie sono ditte individuali, mentre solo sei su dieci delle imprese italiane sono prive di una configurazione societaria; nel commercio la quota delle imprese straniere extracomunitarie individuali sul totale delle imprese straniere è dell 80%, l incidenza delle comunitarie è del 70,6%, mentre per le italiane si cala al 58,2%. Addetti Gli addetti nelle imprese straniere nel Vicentino al 30 giugno 2013 erano (2.062 gli addetti nelle imprese comunitarie e nelle imprese extracomunitarie) pari al 3,8% del totale (79,2% gli addetti delle imprese italiane e 17% degli addetti in imprese non classificate). Il confronto nel biennio evidenzia un incremento degli addetti delle imprese straniere del 5,2% risultato di un +2,2% delle comunitarie e di un +5,8% delle extracomunitarie, mentre la crescita degli addetti delle imprese italiane è stato del 3,1%. Più di un quarto dei lavoratori impiegati in imprese straniere appartiene al settore manifatturiero e al settore delle costruzioni (rispettivamente il 25,6% e il 24,3%), il 16,8% al comparto distributivo e l 11,5% ai servizi di alloggio e ristorazione; la quota di addetti impiegati in imprese straniere operanti nell ambito del noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese è del 6,2%. Nazionalità Gli imprenditori registrati in provincia di Vicenza al 30 giugno 2013 sono (comprensivi di tutti i titolari di cariche sociali) mentre sono i soli titolari di imprese individuali e di soci di società. Di essi (73,9%) sono maschi e femmine (26,1%). Se ci riferiamo invece ai soli titolari e soci sono maschi (70,5%) e sono femmine (29,5%). Il 90% degli imprenditori vicentini è di nazionalità italiana. Il restante 10% è composto in maggioranza da cittadini extra-comunitari (7,6%) e secondariamente da cittadini non italiani dell Unione Europea (1,6%). In una percentuale minima di casi dubbi (0,8%) il sistema informatico non correla alcuna nazionalità. La percentuale di imprenditori stranieri in provincia di Vicenza è leggermente inferiore al dato veneto (10,2%) e italiano (10,6%). Per quanto riguarda le nazionalità straniere maggiormente rappresentate tra gli imprenditori del Vicentino troviamo: Cina (8,4% sull insieme degli imprenditori stranieri, pari a 624 persone), Serbia e Montenegro (8,3%, 615 persone), Romania (7,3%, 547 persone), Marocco (6,5%, 484 persone), Svizzera (5,8%, 433 persone), Bangladesh (4,9%, 367 persone), Bosnia ed Erzegovina 5

6 (4,2%, 315 persone), India (3,9%, 293 persone), Albania (3,7%, 279 persone), Serbia (3,7%, 273 persone). Le prime dieci nazionalità straniere rappresentano il 56,6% sul totale degli imprenditori. Tra le prime dieci nazionalità straniere nel Veneto compaiono anche Nigeria e Macedonia, mentre Bosnia ed Erzegovina e India scendono ad una posizione inferiore della graduatoria per il Veneto. Con riguardo al contesto nazionale tra le prime dieci nazionalità rappresentate compaiono Germania, Senegal ed Egitto mentre non sono presenti i Paesi della ex-jugoslavia. Con riguardo alla presenza imprenditoriale nei diversi settori di attività notiamo che per la totalità degli imprenditori (nonché per la componente italiana che è maggioritaria) la quota maggiore è rappresentata dal commercio (23,2%), seguita da costruzioni e industria manifatturiera (entrambe con una quota del 14,8%) e dall agricoltura (14%). Gli altri servizi del terziario sono frammentati in diverse attività, ma se raggruppati assieme raggiungerebbero la quota del 30,4% degli imprenditori vicentini. Le varie nazionalità straniere invece diversificano la loro presenza rispecchiando preferenze di imprenditorialità che ricalcano sia l evoluzione della cosiddetta economia etnica (attività commerciali o di servizio sorte inizialmente a supporto della stessa comunità di immigrati) sia gli impieghi che tradizionalmente hanno coinvolto alcune nazionalità in specifici settori (es. nazionalità slave nel settore delle costruzioni). Fatto 100 l insieme degli imprenditori di una data nazionalità i dati che si scostano in modo particolare dalla distribuzione complessiva sono i seguenti: nell industria manifatturiera è rilevante l investimento da parte dei cinesi (41,2% sul totale degli imprenditori cinesi). Nel settore delle costruzioni risaltano i cittadini della Bosnia-Erzegovina (90,8%), albanesi (68,5%), Serbimontenegrini (65,7%), Serbi (60,1%), Rumeni (52,3%), Svizzeri (24,5%) e Marocchini (22,1%). Nel commercio i più versati sono i cittadini del Bangladesh (60,8%), i marocchini (48,8%), gli indiani (27,6%) e i cinesi (20,2%). Nei trasporti rileva la quota relativa tra gli imprenditori marocchini (6,8%). I cinesi hanno poi una quota importante nella ristorazione e alloggio (28,8%). Nei servizi di informazione e comunicazione rileva una quota per i cittadini del Bangladesh (9,8%) e nei servizi di supporto alle imprese una quota importante per gli indiani (41,6%). Nella suddivisione di genere, la partecipazione femminile all imprenditorialità (29,5% il dato complessivo vicentino) risulta rilevante per i cittadini stranieri comunitari (36,5% le imprenditrici provenienti da altre nazioni dell Unione Europea) e relativamente ridotta invece per la componente extracomunitaria (24,1%). 6

7 Settore ITALIA - IMPRESE STRANIERE PER SETTORE al 30/6/2011 Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A Agricoltura, silvicoltura pesca ,6% B Estrazione di minerali da cave e miniere ,6% C Attività manifatturiere ,2% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,2% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d ,4% F Costruzioni ,5% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut ,7% H Trasporto e magazzinaggio ,0% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,3% J Servizi di informazione e comunicazione ,7% K Attività finanziarie e assicurative ,0% L Attività immobiliari ,6% M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,9% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp ,8% O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,5% P Istruzione ,9% Q Sanità e assistenza sociale ,8% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver ,8% S Altre attività di servizi ,4% T Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro p ,0% U Organizzazioni ed organismi extraterritoriali ,0% X Imprese non classificate ,2% TOTALE ,2% ITALIA - IMPRESE STRANIERE PER DIVISIONE al 30/6/2011 Divisione Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A 01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, c ,5% A 02 Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali ,9% A 03 Pesca e acquacoltura ,3% B 05 Estrazione di carbone (esclusa torba) ,0% B 06 Estraz.di petrolio greggio e di gas naturale ,0% B 07 Estrazione di minerali metalliferi ,4% B 08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere ,6% B 09 Attività dei servizi di supporto all'estrazione ,0% C 10 Industrie alimentari ,9% C 11 Industria delle bevande ,1% C 12 Industria del tabacco ,0% C 13 Industrie tessili ,0% C 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di ar ,5% C 15 Fabbricazione di articoli in pelle e simili ,3% C 16 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (es ,4% C 17 Fabbricazione di carta e di prodotti di carta ,5% C 18 Stampa e riproduzione di supporti registrati ,2% 7

8 C 19 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinaz ,0% C 20 Fabbricazione di prodotti chimici ,5% C 21 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di prepa ,9% C 22 Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,4% C 23 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di miner ,3% C 24 Metallurgia ,8% C 25 Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari ,3% C 26 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ott ,6% C 27 Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchi ,8% C 28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca ,5% C 29 Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,7% C 30 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,9% C 31 Fabbricazione di mobili ,1% C 32 Altre industrie manifatturiere ,4% C 33 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed ,5% D 35 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,2% E 36 Raccolta, trattamento e fornitura di acqua ,9% E 37 Gestione delle reti fognarie ,0% E 38 Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiu ,8% E 39 Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei r ,6% F 41 Costruzione di edifici ,6% F 42 Ingegneria civile ,6% F 43 Lavori di costruzione specializzati ,2% G 45 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di au ,7% G 46 Commercio all'ingrosso (escluso quello di autoveicoli e d ,4% G 47 Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e d ,4% H 49 Trasporto terrestre e mediante condotte ,5% H 50 Trasporto marittimo e per vie d'acqua ,6% H 51 Trasporto aereo ,9% H 52 Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti ,8% H 53 Servizi postali e attività di corriere ,2% I 55 Alloggio ,9% I 56 Attività dei servizi di ristorazione ,8% J 58 Attività editoriali ,9% J 59 Attività di produzione cinematografica, di video e di pro ,2% J 60 Attività di programmazione e trasmissione ,2% J 61 Telecomunicazioni ,1% J 62 Produzione di software, consulenza informatica e attività ,4% J 63 Attività dei servizi d'informazione e altri servizi infor ,1% K 64 Attività di servizi finanziari (escluse le assicurazioni ,8% K 65 Assicurazioni, riassicurazioni e fondi pensione (escluse ,5% K 66 Attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attivi ,2% L 68 Attivita' immobiliari ,6% M 69 Attività legali e contabilità ,0% M 70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestional ,1% 8

9 M 71 Attività degli studi di architettura e d'ingegneria; coll ,2% M 72 Ricerca scientifica e sviluppo ,1% M 73 Pubblicità e ricerche di mercato ,4% M 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche ,5% M 75 Servizi veterinari ,8% N 77 Attività di noleggio e leasing operativo ,7% N 78 Attività di ricerca, selezione, fornitura di personale ,7% N 79 Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour o ,3% N 80 Servizi di vigilanza e investigazione ,5% N 81 Attività di servizi per edifici e paesaggio ,5% N 82 Attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri se ,9% O 84 Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,5% P 85 Istruzione ,9% Q 86 Assistenza sanitaria ,0% Q 87 Servizi di assistenza sociale residenziale ,4% Q 88 Assistenza sociale non residenziale ,2% R 90 Attività creative, artistiche e di intrattenimento ,6% R 91 Attività di biblioteche, archivi, musei ed altre attività ,9% R 92 Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case d ,5% R 93 Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento ,6% S 94 Attività di organizzazioni associative ,9% S 95 Riparazione di computer e di beni per uso personale e per ,2% S 96 Altre attività di servizi per la persona ,5% T 97 Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro p ,0% T 98 Produzione di beni e servizi indifferenziati per uso prop U 99 Organizzazioni ed organismi extraterritoriali ,0% X Imprese non classificate ,2% TOTALE ,2% 9

10 ITALIA - IMPRESE STRANIERE PER SETTORE al 30/6/2013 Settore Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A Agricoltura, silvicoltura pesca ,7% B Estrazione di minerali da cave e miniere ,6% C Attività manifatturiere ,8% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,2% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d ,7% F Costruzioni ,3% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut ,0% H Trasporto e magazzinaggio ,6% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,4% J Servizi di informazione e comunicazione ,8% K Attività finanziarie e assicurative ,1% L Attività immobiliari ,7% M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,3% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp ,3% O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,4% P Istruzione ,8% Q Sanità e assistenza sociale ,8% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver ,1% S Altre attività di servizi ,3% T Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro p ,3% U Organizzazioni ed organismi extraterritoriali ,0% X Imprese non classificate ,3% TOTALE ,0% ITALIA - IMPRESE STRANIERE PER DIVISIONE al 30/6/2013 Divisione Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A 01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, c ,6% A 02 Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali ,8% A 03 Pesca e acquacoltura ,5% B 05 Estrazione di carbone (esclusa torba) ,0% B 06 Estraz.di petrolio greggio e di gas naturale ,0% B 07 Estrazione di minerali metalliferi ,0% B 08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere ,6% B 09 Attività dei servizi di supporto all'estrazione ,4% C 10 Industrie alimentari ,2% C 11 Industria delle bevande ,2% C 12 Industria del tabacco ,0% C 13 Industrie tessili ,3% C 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di ar ,8% C 15 Fabbricazione di articoli in pelle e simili ,9% C 16 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (es ,6% C 17 Fabbricazione di carta e di prodotti di carta ,8% C 18 Stampa e riproduzione di supporti ,4% 10

11 registrati C 19 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinaz ,9% C 20 Fabbricazione di prodotti chimici ,7% C 21 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di prepa ,8% C 22 Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,9% C 23 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di miner ,4% C 24 Metallurgia ,0% C 25 Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari ,6% C 26 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ott ,7% C 27 Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchi ,9% C 28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca ,5% C 29 Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,9% C 30 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,9% C 31 Fabbricazione di mobili ,3% C 32 Altre industrie manifatturiere ,7% C 33 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed ,9% D 35 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,2% E 36 Raccolta, trattamento e fornitura di acqua ,2% E 37 Gestione delle reti fognarie ,4% E 38 Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiu ,0% E 39 Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei r ,3% F 41 Costruzione di edifici ,0% F 42 Ingegneria civile ,7% F 43 Lavori di costruzione specializzati ,1% G 45 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di au ,4% G 46 Commercio all'ingrosso (escluso quello di autoveicoli e d ,8% G 47 Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e d ,2% H 49 Trasporto terrestre e mediante condotte ,0% H 50 Trasporto marittimo e per vie d'acqua ,5% H 51 Trasporto aereo ,7% H 52 Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti ,7% H 53 Servizi postali e attività di corriere ,1% I 55 Alloggio ,3% I 56 Attività dei servizi di ristorazione ,0% J 58 Attività editoriali ,9% J 59 Attività di produzione cinematografica, di video e di pro ,2% J 60 Attività di programmazione e trasmissione ,1% J 61 Telecomunicazioni ,3% J 62 Produzione di software, consulenza informatica e attività ,7% J 63 Attività dei servizi d'informazione e altri servizi infor ,4% K 64 Attività di servizi finanziari (escluse le assicurazioni ,0% K 65 Assicurazioni, riassicurazioni e fondi pensione (escluse ,6% K 66 Attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attivi ,3% L 68 Attivita' immobiliari ,7% M 69 Attività legali e contabilità ,8% M 70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestional ,2% 11

12 M 71 Attività degli studi di architettura e d'ingegneria; coll ,3% M 72 Ricerca scientifica e sviluppo ,1% M 73 Pubblicità e ricerche di mercato ,5% M 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche ,9% M 75 Servizi veterinari ,9% N 77 Attività di noleggio e leasing operativo ,1% N 78 Attività di ricerca, selezione, fornitura di personale ,0% N 79 Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour o ,9% N 80 Servizi di vigilanza e investigazione ,0% N 81 Attività di servizi per edifici e paesaggio ,1% N 82 Attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri se ,3% O 84 Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,4% P 85 Istruzione ,8% Q 86 Assistenza sanitaria ,0% Q 87 Servizi di assistenza sociale residenziale ,6% Q 88 Assistenza sociale non residenziale ,2% R 90 Attività creative, artistiche e di intrattenimento ,6% R 91 Attività di biblioteche, archivi, musei ed altre attività ,9% R 92 Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case d ,1% R 93 Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento ,8% S 94 Attività di organizzazioni associative ,8% S 95 Riparazione di computer e di beni per uso personale e per ,9% S 96 Altre attività di servizi per la persona ,5% T 97 Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro p ,0% T 98 Produzione di beni e servizi indifferenziati per uso prop ,0% U 99 Organizzazioni ed organismi extraterritoriali ,0% X Imprese non classificate ,3% TOTALE ,0% 12

13 VENETO - IMPRESE STRANIERE PER SETTORE al 30/6/2011 Settore Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A Agricoltura, silvicoltura pesca ,0% B Estrazione di minerali da cave e miniere ,0% C Attività manifatturiere ,0% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,8% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d ,6% F Costruzioni ,2% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut ,2% H Trasporto e magazzinaggio ,4% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,2% J Servizi di informazione e comunicazione ,1% K Attività finanziarie e assicurative ,3% L Attività immobiliari ,5% M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,0% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp ,6% O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,0% P Istruzione ,4% Q Sanità e assistenza sociale ,6% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver ,4% S Altre attività di servizi ,6% T Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro p ,0% X Imprese non classificate ,8% TOTALE ,8% VENETO - IMPRESE STRANIERE PER DIVISIONE al 30/6/2011 Divisione Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A 01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, c ,0% A 02 Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali ,3% A 03 Pesca e acquacoltura ,0% B 05 Estrazione di carbone (esclusa torba) ,0% B 06 Estraz.di petrolio greggio e di gas naturale ,0% B 07 Estrazione di minerali metalliferi ,0% B 08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere ,0% B 09 Attività dei servizi di supporto all'estrazione ,0% C 10 Industrie alimentari ,6% C 11 Industria delle bevande ,5% C 12 Industria del tabacco ,0% C 13 Industrie tessili ,7% C 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di ar ,9% C 15 Fabbricazione di articoli in pelle e simili ,4% C 16 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (es ,4% C 17 Fabbricazione di carta e di prodotti di carta ,3% C 18 Stampa e riproduzione di supporti registrati ,3% C 19 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinaz ,3% 13

14 C 20 Fabbricazione di prodotti chimici ,5% C 21 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di prepa ,0% C 22 Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,7% C 23 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di miner ,3% C 24 Metallurgia ,2% C 25 Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari ,0% C 26 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ott ,3% C 27 Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchi ,9% C 28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca ,1% C 29 Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,8% C 30 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,7% C 31 Fabbricazione di mobili ,1% C 32 Altre industrie manifatturiere ,5% C 33 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed ,4% D 35 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,8% E 36 Raccolta, trattamento e fornitura di acqua ,0% E 37 Gestione delle reti fognarie ,8% E 38 Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiu ,1% E 39 Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei r ,3% F 41 Costruzione di edifici ,7% F 42 Ingegneria civile ,2% F 43 Lavori di costruzione specializzati ,1% G 45 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di au ,2% G 46 Commercio all'ingrosso (escluso quello di autoveicoli e d ,3% G 47 Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e d ,5% H 49 Trasporto terrestre e mediante condotte ,0% H 50 Trasporto marittimo e per vie d'acqua ,9% H 51 Trasporto aereo ,0% H 52 Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti ,8% H 53 Servizi postali e attività di corriere ,7% I 55 Alloggio ,6% I 56 Attività dei servizi di ristorazione ,9% J 58 Attività editoriali ,4% J 59 Attività di produzione cinematografica, di video e di pro ,7% J 60 Attività di programmazione e trasmissione ,4% J 61 Telecomunicazioni ,7% J 62 Produzione di software, consulenza informatica e attività ,6% J 63 Attività dei servizi d'informazione e altri servizi infor ,0% K 64 Attività di servizi finanziari (escluse le assicurazioni ,8% K 65 Assicurazioni, riassicurazioni e fondi pensione (escluse ,0% K 66 Attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attivi ,5% L 68 Attivita' immobiliari ,5% M 69 Attività legali e contabilità ,2% M 70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestional ,1% M 71 Attività degli studi di architettura e ,6% 14

15 d'ingegneria; coll... M 72 Ricerca scientifica e sviluppo ,6% M 73 Pubblicità e ricerche di mercato ,5% M 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche ,4% M 75 Servizi veterinari ,3% N 77 Attività di noleggio e leasing operativo ,5% N 78 Attività di ricerca, selezione, fornitura di personale ,8% N 79 Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour o ,0% N 80 Servizi di vigilanza e investigazione ,6% N 81 Attività di servizi per edifici e paesaggio ,5% N 82 Attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri se ,6% O 84 Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,0% P 85 Istruzione ,4% Q 86 Assistenza sanitaria ,9% Q 87 Servizi di assistenza sociale residenziale ,9% Q 88 Assistenza sociale non residenziale ,7% R 90 Attività creative, artistiche e di intrattenimento ,9% R 91 Attività di biblioteche, archivi, musei ed altre attività ,0% R 92 Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case d ,8% R 93 Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento ,2% S 94 Attività di organizzazioni associative ,0% S 95 Riparazione di computer e di beni per uso personale e per ,3% S 96 Altre attività di servizi per la persona ,7% T 97 Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro p ,0% X Imprese non classificate ,8% TOTALE ,8% 15

16 VENETO - IMPRESE STRANIERE PER SETTORE al 30/6/2013 Settore Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A Agricoltura, silvicoltura pesca ,2% B Estrazione di minerali da cave e miniere ,7% C Attività manifatturiere ,6% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,9% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d ,2% F Costruzioni ,2% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut ,4% H Trasporto e magazzinaggio ,1% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,9% J Servizi di informazione e comunicazione ,8% K Attività finanziarie e assicurative ,4% L Attività immobiliari ,6% M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,2% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp ,2% O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,0% P Istruzione ,4% Q Sanità e assistenza sociale ,6% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver ,3% S Altre attività di servizi ,7% T Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro p ,0% X Imprese non classificate ,5% TOTALE ,4% VENETO - IMPRESE STRANIERE PER DIVISIONE al 30/6/2013 Divisione Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A 01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, c ,2% A 02 Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali ,4% A 03 Pesca e acquacoltura ,4% B 05 Estrazione di carbone (esclusa torba) ,0% B 06 Estraz.di petrolio greggio e di gas naturale ,0% B 07 Estrazione di minerali metalliferi ,0% B 08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere ,7% B 09 Attività dei servizi di supporto all'estrazione ,0% C 10 Industrie alimentari ,0% C 11 Industria delle bevande ,8% C 12 Industria del tabacco ,0% C 13 Industrie tessili ,6% C 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di ar ,4% C 15 Fabbricazione di articoli in pelle e simili ,2% 16

17 C 16 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (es ,6% C 17 Fabbricazione di carta e di prodotti di carta ,3% C 18 Stampa e riproduzione di supporti registrati ,4% C 19 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinaz ,0% C 20 Fabbricazione di prodotti chimici ,7% C 21 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di prepa ,0% C 22 Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,0% C 23 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di miner ,4% C 24 Metallurgia ,1% C 25 Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari ,5% C 26 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ott ,6% C 27 Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchi ,8% C 28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca ,9% C 29 Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,0% C 30 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,4% C 31 Fabbricazione di mobili ,5% C 32 Altre industrie manifatturiere ,7% C 33 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed ,9% D 35 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,9% E 36 Raccolta, trattamento e fornitura di acqua ,0% E 37 Gestione delle reti fognarie ,8% E 38 Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiu ,8% E 39 Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei r ,3% F 41 Costruzione di edifici ,9% F 42 Ingegneria civile ,1% F 43 Lavori di costruzione specializzati ,0% G 45 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di au ,1% G 46 Commercio all'ingrosso (escluso quello di autoveicoli e d ,7% G 47 Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e d ,3% H 49 Trasporto terrestre e mediante condotte ,7% H 50 Trasporto marittimo e per vie d'acqua ,8% H 51 Trasporto aereo ,0% H 52 Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti ,3% H 53 Servizi postali e attività di corriere ,7% I 55 Alloggio ,1% I 56 Attività dei servizi di ristorazione ,7% J 58 Attività editoriali ,9% J 59 Attività di produzione cinematografica, di video e di pro ,6% J 60 Attività di programmazione e trasmissione ,5% J 61 Telecomunicazioni ,5% J 62 Produzione di software, consulenza informatica e attività ,8% J 63 Attività dei servizi d'informazione e altri servizi infor ,2% K 64 Attività di servizi finanziari (escluse le assicurazioni ,3% K 65 Assicurazioni, riassicurazioni e ,7% 17

18 fondi pensione (escluse... K 66 Attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attivi ,5% L 68 Attivita' immobiliari ,6% M 69 Attività legali e contabilità ,2% M 70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestional ,4% M 71 Attività degli studi di architettura e d'ingegneria; coll ,4% M 72 Ricerca scientifica e sviluppo ,5% M 73 Pubblicità e ricerche di mercato ,0% M 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche ,4% M 75 Servizi veterinari ,0% N 77 Attività di noleggio e leasing operativo ,9% N 78 Attività di ricerca, selezione, fornitura di personale ,9% N 79 Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour o ,3% N 80 Servizi di vigilanza e investigazione ,5% N 81 Attività di servizi per edifici e paesaggio ,3% N 82 Attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri se ,1% O 84 Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,0% P 85 Istruzione ,4% Q 86 Assistenza sanitaria ,9% Q 87 Servizi di assistenza sociale residenziale ,4% Q 88 Assistenza sociale non residenziale ,5% R 90 Attività creative, artistiche e di intrattenimento ,5% R 91 Attività di biblioteche, archivi, musei ed altre attività ,0% R 92 Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case d ,5% R 93 Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento ,0% S 94 Attività di organizzazioni associative ,0% S 95 Riparazione di computer e di beni per uso personale e per ,1% S 96 Altre attività di servizi per la persona ,9% T 97 Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro p ,0% X Imprese non classificate ,5% TOTALE ,4% 18

19 VICENZA - IMPRESE STRANIERE PER SETTORE al 30/6/2011 Settore Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A Agricoltura, silvicoltura pesca ,9% B Estrazione di minerali da cave e miniere ,9% C Attività manifatturiere ,0% D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,0% E Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione d ,6% F Costruzioni ,9% G Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di aut ,8% H Trasporto e magazzinaggio ,0% I Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,0% J Servizi di informazione e comunicazione ,6% K Attività finanziarie e assicurative ,8% L Attività immobiliari ,7% M Attività professionali, scientifiche e tecniche ,5% N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imp ,3% O Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale ,0% P Istruzione ,3% Q Sanità e assistenza sociale ,5% R Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e diver ,2% S Altre attività di servizi ,9% X Imprese non classificate ,3% TOTALE ,8% VICENZA - IMPRESE STRANIERE PER DIVISIONE al 30/6/2011 Divisione Comun. Extra U.E. Totale straniere Italiana Non class. TOTALE % stran./tot. A 01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, c ,9% A 02 Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali ,0% A 03 Pesca e acquacoltura ,5% B 05 Estrazione di carbone (esclusa torba) ,0% B 07 Estrazione di minerali metalliferi ,0% B 08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere ,9% C 10 Industrie alimentari ,8% C 11 Industria delle bevande ,0% C 12 Industria del tabacco ,0% C 13 Industrie tessili ,6% C 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di ar ,0% C 15 Fabbricazione di articoli in pelle e simili ,9% C 16 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (es ,5% C 17 Fabbricazione di carta e di prodotti di carta ,8% C 18 Stampa e riproduzione di supporti registrati ,8% C 19 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinaz ,0% C 20 Fabbricazione di prodotti chimici ,6% C 21 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di prepa ,0% C 22 Fabbricazione di articoli in gomma e ,5% 19

20 materie plastiche C 23 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di miner ,8% C 24 Metallurgia ,3% C 25 Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari ,2% C 26 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ott ,6% C 27 Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchi ,8% C 28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca ,3% C 29 Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,3% C 30 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,9% C 31 Fabbricazione di mobili ,4% C 32 Altre industrie manifatturiere ,5% C 33 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed ,4% D 35 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condiz ,0% E 36 Raccolta, trattamento e fornitura di acqua ,0% E 37 Gestione delle reti fognarie ,5% E 38 Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiu ,2% E 39 Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei r ,0% F 41 Costruzione di edifici ,9% F 42 Ingegneria civile ,1% F 43 Lavori di costruzione specializzati ,0% G 45 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di au ,9% G 46 Commercio all'ingrosso (escluso quello di autoveicoli e d ,6% G 47 Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e d ,6% H 49 Trasporto terrestre e mediante condotte ,0% H 50 Trasporto marittimo e per vie d'acqua ,0% H 51 Trasporto aereo ,0% H 52 Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti ,1% H 53 Servizi postali e attività di corriere ,3% I 55 Alloggio ,6% I 56 Attività dei servizi di ristorazione ,3% J 58 Attività editoriali ,5% J 59 Attività di produzione cinematografica, di video e di pro ,6% J 60 Attività di programmazione e trasmissione ,8% J 61 Telecomunicazioni ,9% J 62 Produzione di software, consulenza informatica e attività ,8% J 63 Attività dei servizi d'informazione e altri servizi infor ,5% K 64 Attività di servizi finanziari (escluse le assicurazioni ,9% K 65 Assicurazioni, riassicurazioni e fondi pensione (escluse ,0% K 66 Attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attivi ,1% L 68 Attivita' immobiliari ,7% M 69 Attività legali e contabilità ,0% M 70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestional ,7% M 71 Attività degli studi di architettura e d'ingegneria; coll ,5% M 72 Ricerca scientifica e sviluppo ,1% M 73 Pubblicità e ricerche di mercato ,6% M 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche ,4% M 75 Servizi veterinari ,3% N 77 Attività di noleggio e leasing operativo ,9% N 78 Attività di ricerca, selezione, fornitura di ,3% 20

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale)

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) DOMANDA DI ISCRIZIONE - ANNO 2014/2015 1 DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO Codice Fiscale Cognome Nome Genere Maschio Femmina Nazionalità 1. Italiano 2. Comunitario

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012 INFORMATIVA OTTOBRE 2012 1) NUOVO SITO PROFESSIONISTISICUREZZA Vi invitiamo a visitare il nuovo sito di PROFESSIONISTISICUREZZA Studio di Consulenza & Formazione : www.professionistisicurezza.com dove

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale movimenti della popolazione GAMBETTOLA IN CIFRE Per amministrare un territorio è necessario scegliere fra diverse soluzioni possibili quelle che meglio si adattano alle situazioni reali, così come emergono

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Coltivazioni Agricole e Produzione di Prodotti Animali, Caccia e Servizi Connessi Coltivazione di Colture Agricole non Permanenti 70 Coltivazione

Dettagli

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 AZIENDA SPECIALE CONCENTRO DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 Al 3 ottobre 2015 si sono registrati in Italia 2.405 contratti di rete

Dettagli

LE IMPRESE NEL CIRCONDARIO IMOLESE

LE IMPRESE NEL CIRCONDARIO IMOLESE LE IMPRESE NEL CIRCONDARIO IMOLESE CONSISTENZA E NATI-MORTALITÀ 1 SEMESTRE 2013 UFFICIO STATISTICA A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093445

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE La presente ha come scopo quello di riassumere i principali profili normativi individuati dal D.lgs. 81/2008 focalizzando

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 2 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità semestrale 1 Numero e

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari)

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari) Allegato A. Allegato statistico Interruzione di sezione (pagina dispari) Tabella 58 Titolari e soci per attività economica, sesso e anno valori assoluti (A) 2001 2000 Attività Titolari Soci Titolari Soci

Dettagli

RISCHIO BASSO (6 ore)

RISCHIO BASSO (6 ore) Pagina1 RISCHIO BASSO (6 ore) Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Andamento delle attività economiche Sedi di imprese e localizzazioni

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Corsi obbligatori di formazione generale e specifica secondo: D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. Provv. 16/03/2006 - Provv. 30/10/2007 DM 04/05/1998 Accordo Stato-Regioni

Dettagli

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio La formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro è regolamentata dall Accordo Stato Regioni del 22/12/2011, questo stabilisce

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2014 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione FORMAZIIONE OBBLIIGATORIIA IIN MATERIIA DII SIICUREZZA E SALUTE NEII LUOGHII DII LAVORO (art. 34 D. Lgs. 81/08 art. 37, comma 2, D. Lgs. 81/08) Caro imprenditore, i nuovi Accordi Stato Regioni hanno radicalmente

Dettagli

Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) nei quattro trimestri

Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) nei quattro trimestri INDICE DELLE TAVOLE Demografia delle imprese 1.1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) nei quattro trimestri 2009. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2009

Dettagli

FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO CHE RICOPRONO FUNZIONI DI RSPP

FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO CHE RICOPRONO FUNZIONI DI RSPP FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO CHE RICOPRONO FUNZIONI DI RSPP ATTENZIONE: in rosso i punti di difficile interpretazione in fase di analisi Art. 34 D.Lgs. 81/08. 2. Il datore di lavoro che intende svolgere

Dettagli

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino La situazione economica in Provincia di Treviso (sintesi del Rapporto Annuale 2010 della CCIAA) e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino 1. STRUTTURA DEMOGRAFICA DELLA POVINCIA: Al 01.01.2010,

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

ATTIVITÀ A RISCHIO BASSO

ATTIVITÀ A RISCHIO BASSO O 2002 ATECO 2007 Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri, ecc.) Alberghi,

Dettagli

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Chi può finanziare Unifidi? Tutte le PMI imprese iscritte alla CCIAA Artigianato

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

- Settori ammissibili per Linea di Intervento

- Settori ammissibili per Linea di Intervento Allegato C - Settori ammissibili per Linea di Intervento Settori ammissibili (CODICI ATECO 2007) Linee di intervento Codice Sezione C: ATTIVITA MANIFATTURIERE Limitatamente ai seguenti codici: Classe 10.52:

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 10 gennaio 2013 Anno 2010 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2010, la spesa per investimenti ambientali delle imprese industriali 1 è risultata pari a 1.925

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

Lavoratori dipendenti Italiani Stranieri Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale 2011

Lavoratori dipendenti Italiani Stranieri Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale 2011 Tav. 1 - Provincia di Ferrara. Saldo tra i lavoratori dipendenti assunti e quelli licenziati per classe di età, tipologia aziendale, genere e cittadinanza nel biennio 2011/12 Lavoratori dipendenti Italiani

Dettagli

Centro Formazione Professionale Bassa Reggiana

Centro Formazione Professionale Bassa Reggiana CATALOGO CORSI SICUREZZA E ATTREZZATURE DI LAVORO 2016 Centro Formazione Professionale Bassa Reggiana S oc i e t à C o ns or t i l e a R e s po ns abi l i t à L i m i t at a fr a i C om uni di B or e t

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

MOVIMPRESE I trimestre 2015

MOVIMPRESE I trimestre 2015 MOVIMPRESE estre L ANDAMENTO DEMOGRAFICO DOPO UN ANNO DIFFICILE. PRIMI SEGNALI DI UNA INVERSIONE DI TENDENZA? Il primo trimestre dell anno è di consueto caratterizzato da valori demografici negativi, a

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica OSSERVATORIO SULLE IMPRESE Anno 2013 Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica Note e avvertenze Le imprese registrate comprendono oltre alle imprese attive anche le posizioni

Dettagli

Questionario Merito Creditizio Cliente

Questionario Merito Creditizio Cliente Questionario Merito Creditizio Cliente COGNOME NOME CODICE FISCALE DATA DI NASCITA LUOGO DI RESIDENZA INDIRIZZO TIPO DOCUMENTO NUMERO DOCUMENTO DATA RILASCIO DOCUMENTO DATA SCADENZA DOCUMENTO RECAPITO

Dettagli

Analisi delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro. Provincia di Mantova. Rapporto a cura di:

Analisi delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro. Provincia di Mantova. Rapporto a cura di: Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Mantova Analisi delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro Provincia di Mantova Rapporto a cura di: Centro di Ricerca Interuniversitario

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 17 gennaio 2012 Anno 2009 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2009 la spesa complessiva per investimenti ambientali delle imprese dell industria in senso stretto

Dettagli

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE RISCHIO BASSO ATECO 2002 ATECO 2007 Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Imprese, +19% negli ultimi 3 anni Dai bengalesi (+5mila) ai cinesi (+2.300) e pakistani (+2mila), negli ultimi dodici mesi exploit di imprese individuali con titolare asiatico.

Dettagli

2. LA PERFORMANCE DELLE IMPRESE E LA RELAZIONE TRA MANIFATTURA E SERVIZI NELLA CONGIUNTURA DEL 2013-2014

2. LA PERFORMANCE DELLE IMPRESE E LA RELAZIONE TRA MANIFATTURA E SERVIZI NELLA CONGIUNTURA DEL 2013-2014 2. La performance delle imprese e la relazione tra manifattura e servizi nella congiuntura del 213-214 23 2. LA PERFORMANCE DELLE IMPRESE E LA RELAZIONE TRA MANIFATTURA E SERVIZI NELLA CONGIUNTURA DEL

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

2.1 L andamento infortunistico

2.1 L andamento infortunistico 2.1 L andamento infortunistico Anche nel 2012, in Toscana, prosegue l andamento infortunistico in diminuzione. Infatti, le denunce di infortunio pervenute, ammontano a 53.286 casi con una differenza di

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area Impruneta, 20 ottobre 2012 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Indice dei contenuti 1. Una

Dettagli

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti.

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti. Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 giugno 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 giugno 2013,

Dettagli

CAPITOLO 1 PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 1 PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 1 - LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.1 FONTI DEI DATI La produzione nazionale dei rifiuti speciali è stata quantificata a partire dalle informazioni contenute nelle banche dati MUD relative

Dettagli

4 ore (unico modulo didattico)

4 ore (unico modulo didattico) Viale Luca Gaurico 257-00143 ROMA P. IVA e C.F. 05580001005 RI. 188796/1998 REA C.C.I.A.A. n 904271 Capitale Sociale 10.328,00 i.v. Tel. 06.51962114 Fax 06.51965686 commerciale@gruppo-quasar.it amministrazione@gruppo-quasar.it

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012

ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 ESTRATTO Catalogo sicurezza 2012 1 REBIS LA SICUREZZA REBIS si pone al fianco delle Aziende, con due obiettivi fondamentali: Incrementare la cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro per la prevenzione

Dettagli

IL SETTORE SANITARIO E LA RILEVANZA ECONOMICA DI UNA RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA SANTINO PIAZZA IRES PIEMONTE 15 APRILE 2015

IL SETTORE SANITARIO E LA RILEVANZA ECONOMICA DI UNA RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA SANTINO PIAZZA IRES PIEMONTE 15 APRILE 2015 IL SETTORE SANITARIO E LA RILEVANZA ECONOMICA DI UNA RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA SANTINO PIAZZA IRES PIEMONTE 15 APRILE 2015 IL SETTORE SANITARIO IN PILLOLE.. LE RISORSE Valore aggiunto 2012 Italia Italia

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016

L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016 L'imprenditoria femminile in provincia di Brescia anno 2016 Rapporto elaborato a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia su dati Infocamere. Brescia, marzo 2017 LE IMPRESE

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

FATTURATO DEI SERVIZI

FATTURATO DEI SERVIZI 5 giugno 2014 I trimestre 2014 FATTURATO DEI SERVIZI Con questo comunicato l Istat inizia la diffusione degli indici di fatturato dei servizi per i settori delle attività professionali, scientifiche e

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 3 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 07 Ottobre 2015 Principali evidenze A fine settembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica I trimestre 2016 (gennaio-marzo 2016)

COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica I trimestre 2016 (gennaio-marzo 2016) 10 maggio 2016 COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica I trimestre 2016 (gennaio-marzo 2016) L Ufficio Informatica, Tecnologia, Dati e Statistica comunica la sintesi dei principali aggiornamenti dei

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Finanziamenti agevolati

Finanziamenti agevolati BENEFICIARI E SETTORI D INTERVENTO Beneficiari 1. microimprese inattive al momento della presentazione della domanda di concessione; Regolamento n. 25 del 21 novembre 2008 art. 3: Microimpresa: imprese

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 31 marzo 2012 Istanze di accesso 1

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 31 marzo 2012 Istanze di accesso 1 Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga 31 marzo 2012 Istanze di accesso 1 Nota introduttiva Il primo trimestre del 2012 registra 1563 domande di accesso alla Cassa

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 01 Gennaio 2016 Principali evidenze A fine dicembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 01: aggiornamento al 31/0/01 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativosmail Emilia-Romagna Aggiornamento

Dettagli

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1 Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 aprile 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 aprile 2013,

Dettagli

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Glossario Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Forze di lavoro: comprendono le persone occupate e quelle in cerca di occupazione. Occupati: comprendono le persone

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli