SEMINARIO TECNICO. Impianti antincendio manuali ed automatici: alimentazione idrica e locali tecnici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEMINARIO TECNICO. Impianti antincendio manuali ed automatici: alimentazione idrica e locali tecnici"

Transcript

1 SEMINARIO TECNICO Impianti antincendio manuali ed automatici: alimentazione idrica e locali tecnici

2 Argomenti - Selezione di pompe. Tipologie consentite e selezione delle prestazioni - Alimentazioni idriche e stazioni di pompaggio secondo UNI EN Caratteristiche dei locali tecnici secondo UNI per ospitare i sistemi per estinzione incendi - Il TR UNI relativo a quesiti posti all UNI che chiarisce alcune incertezze o dubbi relativi alla norma europea UNI EN La bozza TR UNI U relativa a istruzioni complementari per l applicazione della UNI EN (sprinkler)

3 Introduzione La seguente presentazione tratta gli aspetti peculiari delle alimentazioni idriche e delle stazioni di pompaggio che caratterizzano la norma europea UNI EN 12845, recepita in Italia dal Giugno 2007 e revisionata nel Maggio 2009 dalla nuova versione, in sostituzione della UNI La norma UNI EN specifica i requisiti e fornisce le raccomandazioni per la progettazione, l installazione e la manutenzione degli impianti sprinkler. Tratta la classificazione dei rischi, le alimentazioni idriche, i componenti da utilizzare, le prove ed il collaudo dell impianto.

4 Introduzione Cos è un sistema sprinkler? E un impianto automatico progettato per rilevare la presenza di un incendio ed estinguerlo nello stadio iniziale con acqua, oppure per tenere sotto controllo le fiamme in modo che l estinzione possa essere completata con altri mezzi. E un impianto automatico che viene utilizzato 365 giorni all anno, con la speranza che non entri mai in funzione, pertanto deve essere sempre pronto all uso. L installazione di un sistema sprinkler non deve escludere completamente la necessità di altri mezzi di estinzione incendi, è importante che le precauzioni contro l incendio siano considerate nel loro insieme. Infatti è possibile avere anche altri dispositivi quali i naspi e gli idranti antincendio o estintori portatili.

5 Classificazione delle attività e dei rischi d incendio Il primo passo della progettazione è determinare la classe di rischio per cui deve essere progettato il sistema sprinkler Classificazione (dipende dal tipo di utilizzo e dal carico di incendio) ( 6): - Rischio lieve LH (Light Hazard) - Rischio ordinario OH (Ordinary Hazard) - Rischio alto HH (High Hazard) Durata delle alimentazioni idriche ( 8.1.1): - LH (Light Hazard) 30 min. - OH (Ordinary Hazard) - suddiviso in OH1,, OH4 60 min. - HHP (High Hazard Process) - suddiviso in HHP1,, HHP4 90 min. - HHS (High Hazard Storage) - suddiviso in HHS1,, HHS4 90 min.

6 Le alimentazioni idriche Le reti di alimentazione idrica devono essere sempre in grado di fornire automaticamente almeno le condizioni di pressione/portata richieste dall impianto. Continuità dell alimentazione ( 8.1.2) L alimentazione idrica non deve essere soggetta a: - possibili condizioni di congelamento, - siccità o allagamento, - nonché qualsiasi altra condizione che potrebbe ridurre il flusso o l effettiva portata oppure rendere non operativa l alimentazione. Devono essere prese in considerazione tutte le possibili azioni utili ad assicurare la continuità ed affidabilità dell alimentazione idrica.

7 Le alimentazioni idriche Continuità dell alimentazione ( 8.1.2) (seguito) L acqua non deve contenere sostanze fibrose o altro materiale in sospensione che può provocare depositi all interno delle tubazioni dell impianto. Nelle tubazioni dell impianto sprinkler non deve rimanere acqua salata o salmastra. Dove non è disponibile un adeguata risorsa d acqua dolce, si può utilizzare un alimentazione di acqua salata o salmastra, purché l impianto sia normalmente caricato con acqua dolce.

8 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Possono essere classificate come segue: A) Alimentazioni idriche singole B) Alimentazioni idriche singole superiori C) Alimentazioni idriche doppie D) Alimentazioni idriche combinate

9 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Alimentazioni idriche singole ammesse ( 9.6.1): - un acquedotto - un acquedotto con una o più pompe di surpressione - un serbatoio in pressione (solo per LH e OH1) - un serbatoio a gravità - un serbatoio di accumulo con una o più pompe - una sorgente inesauribile con una o più pompe Un impianto Una alimentazione

10 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Alimentazioni idriche singole superiori ( 9.6.2), ovvero quelle che forniscono un elevato grado di affidabilità, comprendono: - un acquedotto alimentato da entrambe le estremità - ogni estremità deve soddisfare la richiesta di portata del sistema; - deve essere alimentato da due o più sorgenti di acqua; - se solo un estremità fornisce la pressione richiesta, deve essere installata una singola pompa. Se entrambe le estremità non forniscono la pressione richiesta, devono essere installate due o più pompe; - serbatoio a gravità senza pompa o serbatoio di accumulo con due o più pompe (il serbatoio deve essere di capacità pari a quella richiesta totalmente) - una sorgente inesauribile con due o più pompe

11 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Alimentazioni idriche doppie ( 9.6.3): Consistono in due alimentazioni singole in cui ognuna è indipendente dall altra. Limiti per qualsiasi combinazione di singole alimentazioni (comprese le alimentazioni singole superiori): a) per gli impianti OH non si deve utilizzare più di un serbatoio a pressione; b) si può utilizzare un serbatoio di accumulo del tipo a capacità ridotta

12 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Alimentazioni idriche combinate ( 9.6.4): Devono essere delle alimentazioni idriche singole superiori o doppie, progettate per alimentare più di un impianto fisso antincendio, come ad esempio nel caso di installazioni combinate di idranti, naspi e sprinkler. Condizioni: - i sistemi devono essere calcolati integralmente - l alimentazione deve essere in grado di fornire la somma delle massime portate calcolate simultaneamente richieste da ciascun impianto. - la durata dell alimentazione deve essere a quanto richiesto per l impianto che ne richiede maggiormente - tra l alimentazione idrica e gli impianti devono essere installate tubazioni di collegamento doppie

13 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN Pompe ad asse orizzontale con aspirazione assiale tipo end-suction sono tipicamente pompe normalizzate (secondo UNI EN 733 o UNI EN 22858); per esse la norma prescrive la costruzione back pull-out, cioè con la possibilità di estrarre il gruppo rotante dal lato del motore,

14 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN Pompe ad asse orizzontale con aspirazione assiale tipo end-suction sono tipicamente pompe normalizzate (secondo UNI EN 733 o UNI EN 22858); per esse la norma prescrive la costruzione back pull-out, cioè con la possibilità di estrarre il gruppo rotante dal lato del motore, grazie all accoppiamento pompa/motore realizzato con giunto spaziatore per consentire la manutenzione senza dover rimuovere la pompa dalle tubazioni di aspirazione e mandata, né il motore dal basamento.

15 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) Pompe ad asse orizzontale tipo axial split-case sono pompe con il corpo diviso in due metà secondo un piano orizzontale, nelle quali rimuovendo la parte superiore si accede alle parti rotanti.

16 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) Pompe multistadio nella Appendice E - Requisiti particolari per sistemi ad elevato sviluppo verticale - vengono citate le pompe multistadio che trovano impiego negli impianti ove sono richieste pressioni elevate, non ottenibili con pompe endsuction o axial split-case. La costruzione o tipologia di tale pompa, più rispondente alla richiesta normativa nelle sue varie parti, è quella ad asse orizzontale.

17 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) Pompe multistadio (seguito) Per agevolare la rimozione per manutenzione è consigliabile (purché sia previsto, ovviamente, il necessario spazio di rispetto) l aspirazione laterale o l aspirazione assiale che consente anche di ridurre l NPSHr. La rimozione indipendente tra pompa e motore e la sostituibilità delle parti interne della pompa (senza coinvolgere le tubazioni di aspirazione o mandata) non è evidentemente possibile per queste pompe, in cui l ispezione di parti interne implica la rimozione dell intera pompa. Questa inevitabile deviazione rispetto alla norma deve necessariamente essere dichiarata dal progettista e dall installatore Multistadio con aspirazione laterale Multistadio con aspirazione assiale

18 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni La norma UNI EN indica chiaramente che dovunque sia possibile devono essere utilizzate pompe centrifughe ad asse orizzontale, installate sottobattente; se questa soluzione non fosse fattibile, le stesse possono essere installate soprabattente. Una pompa centrifuga ad asse orizzontale è progettata per stare sottobattente e la sua insolita ed estremamente critica installazione soprabattente la pone in situazione di elevato rischio di indisponibilità.

19 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni I motivi, per cui le installazioni soprabattente dovrebbero essere evitate ed usate solamente dove non è praticabile un installazione sottobattente, sono: - la pompa centrifuga orizzontale rimette la sua disponibilità ad una valvola di fondo in aspirazione; - la perdita anche modesta della valvola di fondo in aspirazione, innesca il riempimento della condotta aspirante da parte del sistema di adescamento, che, tramite il controllo di livello dello stesso, avvia la pompa che resterà in moto fintanto che qualcuno la arresta manualmente. Si ha così un avvio pompa per ragioni diverse per cui è stata preposta; - per una pompa che lavora soprabattente è necessario anche verificare la perfetta tenuta dell aspirazione e delle pompe (vanno evitate ad esempio le tenute a baderna che potrebbero permettere l ingresso di aria).

20 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) pompe ad asse verticale tipo vertical turbine sono pompe ad asse verticale con parti idrauliche immerse nella riserva idrica, nelle quali il motore è però collocato in superficie e collegato al corpo pompante tramite un albero motore, sia direttamente sia tramite un rinvio angolare. La ragione della scelta della pompa verticale a flusso assiale (vertical turbine pump) in alternativa alla pompa orizzontale soprabattente, è dovuta al fatto che questa è una pompa progettata affinché la parte idraulica, resti immersa (quindi sotto battente) e, per sua natura è la pompa concepita proprio per lavorare con il livello dell acqua sotto il piano di riferimento. Vertical Turbine Pumps

21 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) pompe sommerse sono tipicamente elettropompe con pompa e motore direttamente connessi ed ambedue immersi nella riserva idrica. Per questa tipologia di pompe la norma prescrive una limitazione di utilizzo ed applicazione (temperatura dell acqua 25 C). In via eccezionale le pompe sommerse dovrebbero essere utilizzate solo dove è praticabile una installazione sottobattente. (Quesito n 37 UNI / TR ) Elettropompe Sommerse

22 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Alcune ragioni per cui le installazione antincendio con pompe sommerse dovrebbero essere evitate: - le pompe sommerse sono state progettate per essere installate in pozzi, in acque di falda pressoché assolutamente pulite ed in posizione verticale, affinché il motore possa venir raffreddato durante il funzionamento. In assenza di questi requisiti, le pompe sommerse diventano poco affidabili e indisponibili. - impossibilità di effettuare rapidi controlli e di effettuare manutenzione. la fattibilità e la praticabilità pertanto devono essere dettate da una scelta strettamente tecnica. Si ricorda che le vertical turbine pumps e le pompe sommerse non possono essere installate in pozzi, dato che questi non sono previsti dalla norma, come alimentazione idrica.

23 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) Pompa pilota; nella edizione Maggio 2009 viene introdotta la pompa pilota al solo scopo di mantenimento della pressione nell impianto evitando inutili avviamenti delle pompe principali e, se prevista, deve erogare una portata inferiore a quella richiesta da un singolo sprinkler. In caso la pompa pilota sia installata soprabattente, la tubazione di aspirazione deve essere indipendente da quelle della/e pompa/e principale/i (mentre può essere interconnessa se sottobattente) Le pompe multistadio ad asse verticale ad uso ANTINCENDIO, NON sono ammesse dalla norma (Quesito n 6 UNI / TR ) Pompa pilota del tipo multistadio verticale

24 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Andamento della curva della pompa principale Non è ammesso l impiego di pompe che erogano, anche per un breve tratto, prevalenza crescente all aumentare della portata (pompe con curva instabile). H La prevalenza deve essere sempre decrescente all aumentare della portata (pompe con curva stabile). H H max H 0 H 0 P h Q1 Instabile (H non coincide con 1 solo dato Q) Q Q1 Stabile (H coincide con 1 solo dato Q) Q

25 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Dimensionamento motori della pompa principale Le pompe devono essere azionate da motori elettrici o motori diesel capaci di fornire almeno la potenza richiesta in accordo ai due criteri alternativi definiti dalla norma per la scelta della taglia dei motori (elettrici e/o diesel), in base al tipo di curva caratteristica di potenza della pompa. Se la curva di potenza è di tipo senza sovraccarico, il motore deve fornire una potenza pari almeno a quella richiesta al picco della curva di potenza della pompa

26 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Dimensionamento motori della pompa principale Se la curva di potenza è invece di tipo crescente o sovraccaricabile, come avviene tipicamente per le pompe end suction : - per dimensionare la potenza del motore la pompa deve essere sottoposta a collaudo che consenta di determinarne la potenza assorbita con NPSHr 16 m; - la taglia del motore deve essere selezionata nel rispetto del vincolo della norma che impone una potenza a quella assorbita nella condizione di collaudo sopra descritta.

27 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Dimensionamento motori della pompa principale Esempio: pompa collaudata fino a 195 m 3 /h, cioè fuori curva (*), per raggiungere NPSHr 16 m potenza assorbita : ~ 47 kw (a NPSH 16m) motore elettrico : 55 kw 1) motore diesel : 53 kw 2) 1) taglia normalizzata 2) taglia commerciale non essendo a norma la taglia inferiore in quanto di 37 kw (*) la portata massima per la pompa è 145 m 3 /h con relativa potenza pari a 41 kw

28 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Dimensionamento motori della pompa principale Il collaudo della pompa con NPSHr 16 m non contempla obbligo della certificazione. Ciò significa che è facoltà del progettista e/o del costruttore dell impianto richiedere al fornitore del sistema antincendio la curva che attesta la potenza assorbita dalla pompa con NPSHr 16 m e conseguentemente la congruità della potenza del motore accoppiato. Il fornitore del gruppo motore-pompa oltre a fornire la curva caratteristica della pompa (Q/H, Q/NPSHr, la curva della potenza assorbita senza sovraccarico o crescente fino a 16m di NPSHr) deve dichiarare ( b) la potenza disponibile per ogni motore.

29 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Campo d impiego della pompa principale Ogni pompa è caratterizzata da un campo d impiego, che ne condiziona l utilizzo entro determinati limiti di portata. - il limite inferiore è normalmente legato alla necessità di evitare surriscaldamenti, vibrazioni anomale e possibili fenomeni di cavitazione, - il limite superiore (portata max. ammissibile) deriva da limiti costruttivi che possono generare fenomeni di spinte anomale sui cuscinetti delle pompe, vibrazioni e cavitazione.

30 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Campo d impiego della pompa principale (seguito) Il campo di impiego dettato dalla norma UNI EN ( ) prescrive di mantenere un margine di almeno 1 m fra l NPSH d dell impianto in aspirazione e l NPSHr della pompa (NPSHd NPSHr+1m) alla portata massima secondo Prospetto 14. La tubazione di aspirazione, comprese tutte le valvole e raccordi, deve essere progettata in modo da assicurare che l'npsh d all'ingresso della pompa superi l'npsh r di almeno 1 m alla portata richiesta alla pompa. NPSH d = disponibile e NPSH r = richiesto

31 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Curva tipica della pompa principale La prestazione nominale della pompa deve essere in funzione della curva dell area più sfavorevole. Inoltre, per i sistemi precalcolati nelle classi di rischio HHP-HHS, la pompa deve essere in grado di fornire il 140% della portata ad una pressione non minore del 70% della pressione alla portata di progetto ( ) 1 Area più sfavorevole 2 Portata di progetto della pompa 3 Massima portata richiesta 4 Area più favorevole x Portata y Prevalenza

32 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Avviamento della pompa principale - Taratura pressostati per avviamento La prima pompa deve avviarsi automaticamente quando la pressione nella tubazione principale scende ad un valore 0,8 P, (P = pressione a Q =0). Dove sono installate due pompe, la seconda pompa deve avviarsi prima che la pressione scenda ad un valore 0,6 P ( ) Una volta che la pompa è avviata deve continuare a funzionare fino a quando viene fermata manualmente ( ). P max 0,8 P max Taratura minima per avvio 1 pompa 0,6 P max Taratura minima per avvio 2 pompa

33 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Soluzioni ammesse per pompa principale ( 10.2). Per le alimentazioni singole: - è consentito montare una elettropompa, 100% 100% 50% - è consentito montare due elettropompe, ognuna delle quali avrà una portata pari al 100% della portata complessiva richiesta, - è consentito montare tre elettropompe, ognuna delle quali avrà una portata pari al 50% della portata complessiva richiesta. = 100% = 50% = 50% Pompe principali

34 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Soluzioni ammesse per pompa principale ( 10.2). Per le alimentazioni idriche singole superiori o doppie: ricordando che - le alimentazioni idriche singole superiori sono alimentazioni idriche singole che forniscono un elevato grado di affidabilità, - le alimentazioni idriche doppie consistono in due alimentazioni singole in cui ogni alimentazione è indipendente dall altra. 100% = 100% 50% = 50% = 50% Pompe principali

35 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Soluzioni ammesse per pompa principale ( 10.2). Per le alimentazioni idriche singole superiori o doppie: - se il sistema è equipaggiato con 2 pompe, ciascuna deve essere in grado di fornire il 100% della portata complessiva richiesta, - se il sistema è equipaggiato con 3 pompe, ciascuna deve essere in grado di fornire almeno il 50% della portata complessiva richiesta, - se il medesimo è equipaggiato con 2 o più pompe una sola di queste può essere azionata da motore elettrico e le rimanenti 2 dovranno essere azionate da motori diesel. 100% = 100% Pompe principali 50% = 50% = 50%

36 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Soluzioni ammesse per pompa principale ( 10.2). Per le alimentazioni combinate: le alimentazioni idriche combinate devono essere delle alimentazioni idriche singole superiori o doppie, progettate per alimentare più di un impianto fisso antincendio, come per esempio nel caso di installazioni combinate di idranti, naspi e sprinkler. Essendo esse comunque costituite da alimentazioni idriche singole superiori o doppie, vale quanto esposto precedentemente. I gruppi elettrogeni non sono contemplati dalla norma UNI EN e pertanto le elettropompe alimentate da gruppo elettrogeno non possono essere assimilate alle motopompe. 100% = 100% Pompe principali 50% = 50% = 50%

37 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN 12845

38 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Tronchetto conico concentrico di mandata ( 10.5 e ). - Montato a valle di ogni pompa principale e a monte delle valvole. - Realizzato con conicità concentrica complessiva in allargamento nella direzione del flusso 20 (1) e DN maggiore che, anche a Q max., contiene la velocità del flusso entro 6 m/s (2) a valle dello stesso. (1) variazione introdotta nel Maggio 2009; in precedenza 15 (2) la velocità dell acqua deve essere a: - 6 m/s attraverso qualsiasi valvola, dispositivo di monitoraggio del flusso e/o filtro; - 10 m/s in qualsiasi altro punto nell impianto;

39 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Tronchetto conico concentrico di mandata ( 10.5 e ) (seguito) Dispositivi o stacchi posizionati subito a valle della mandata della pompa: - rubinetto di sfiato aria dal corpo pompa e, nel caso di installazione soprabattente, per prova di funzionalità della valvola di ritegno - stacco per tubazione di sfogo in vasca atta ad evitare danni alla pompa qualora avviata con mandata chiusa - stacco Ø 1 (LH) / 2 per tubazione d arrivo dal serbatoio di adescamento (imposto per installazione soprabattente)

40 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Tronchetto conico eccentrico in aspirazione ( /.2/.3) - Montato sull aspirazione di ogni pompa principale, con DN maggiore lato valvola d intercettazione. - Realizzato con conicità eccentrica sul lato inferiore 20 (1), lunghezza del cono a due volte il suo DN maggiore, nonché: - DN lato valvola 65 mm per installazione sottobattente e 80 mm per installazione soprabattente, - velocità del flusso (velocità in entrata al cono) deve essere contenuta entro 1,8 m/s nell installazione sottobattente, e entro 1,5 m/s quando l installazione è soprabattente. (1) variazione introdotta con norma del Maggio 2009; in precedenza 15

41 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Valvole di ritegno in mandata ( 10.5) - Con DN corrispondente a quello maggiore del tronchetto conico concentrico. - Montate a valle del tronchetto conico concentrico. Commento La norma non si pronuncia a proposito della soluzione costruttiva della valvola, neppure sotto il profilo della ispezionabilità

42 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Valvole d intercettazione in mandata / aspirazione ( 10.5, /.2/.3,15.2, H.2.3) - DN corrispondente a quello maggiore dei tronchetti conici. - Chiusura in senso orario ed indicatore visivo di stato. - Possibilità di blocco in posizione di apertura o chiusura, lucchettabile. - Montaggio in mandata a valle della valvola di ritengo e del tronchetto porta gruppo pressostati. - Montaggio in aspirazione a monte del tronchetto conico eccentrico sul suo DN maggiore e con possibilità di non prevederla solo se il massimo livello d acqua nella vasca è superiore alla bocca di aspirazione della pompa.

43 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Valvole d intercettazione in mandata / aspirazione ( 10.5, /.2/.3,15.2, H.2.3) (seguito) Secondo l allegato H monitoraggio degli impianti sprinkler deve essere monitorata la posizione di tutte le valvole di intercettazione (1) normalmente aperte la cui chiusura potrebbe impedire il flusso di acqua verso gli sprinkler. Deve essere fornita l indicazione ogni volta che la valvola non è completamente aperta predisposizione per il remotaggio del segnale di apertura oppure chiusura totale (1) valvole dell alimentazione idrica, delle stazioni di controllo, le valvole sussidiarie e le valvole di sezionamento

44 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Gruppo pressostati pompa principale ( fig. 6 e /.3,) Un gruppo per ogni pompa principale, montato in derivazione sul tronchetto cilindrico interposto tra valvola di ritegno e d intercettazione, così costituito ed equipaggiato: - DN derivazione Ø 15 mm, - coppia di pressostati per ogni pompa principale, di cui 1 di riserva, installati idraulicamente in parallelo (1), collegati in modo tale che ciascun pressostato avvii la pompa, (1) variazione introdotta con norma del Maggio 2009; in precedenza con contatti chiusi collegati elettricamente in serie ai rispettivi quadri L intero circuito deve essere almeno di 15 mm (Quesito n 32 UNI / TR )

45 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Gruppo pressostati pompa principale ( fig. 6 e /.3) (seguito) - valvola d intercettazione dei due pressostati e del manometro, - manometro, - valvola di scarico in vasca (per prova), - circuito bypass per assicurare la rilevazione della caduta di pressione da parte dei pressostati anche in caso di chiusura accidentale della valvolina d intercettazione posta sulla derivazione, - valvola di ritegno nel circuito bypass per consentire la disconnessione dei pressostati e del manometro in caso di esigenze di manutenzione.

46 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Motore Diesel ( , , costruzione / equipaggiamento) Senza dispositivi che ne impediscano l avviamento automatico. Quando presente, la cinghia che aziona la ventola di raffreddamento, deve essere doppia. Deve partire entro 15 secondi dal comando anche alla temperatura minima di +5 C (ancorché la norma imponga una temperatura ambiente non inferiore a + 10 C).

47 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Motore Diesel ( , , costruzione / equipaggiamento) Con sensori o dispositivi per rilevare e segnalare al quadro motopompa: - avaria nel motorino di avviamento - velocità di esercizio del motore diesel I pressostati o sensori, per esempio quelli sull impianto di lubrificazione del motore o all uscita della pompa dell acqua, non devono essere utilizzati come dispositivo per togliere energia al motorino di avviamento.

48 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Motore Diesel ( , , costruzione / equipaggiamento) Deve essere in grado di funzionare in modo continuativo a pieno carico, con una potenza nominale continua in conformità con la ISO 3046 N: Potenza per servizio autotrazione DIN /1269/CEE - ISO 1585 NB: Potenza continua non sovraccaricabile DIN ISO NA: Potenza continua sovraccaricabile 10% DIN ISO C: Consumo specifico (in curva NB)

49 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Motore Diesel - Utensili e pezzi di ricambio ( ) Devono essere forniti una serie di utensili, raccomandati dai fornitori del motore e della pompa, insieme ai seguenti pezzi di ricambio: a) due serie di elementi filtranti e relative guarnizioni per il carburante, b) due serie di elementi filtranti e relative guarnizioni per l olio lubrificante, c) due serie di cinghie (se utilizzate), d) una serie completa di raccordi, guarnizioni e flessibili del motore, e) due ugelli degli iniettori.

50 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Alimentazione elettrica dei quadri per pompe principali L alimentazione per il quadro di controllo della pompa deve essere dedicata esclusivamente al gruppo di pompaggio sprinkler. Dove è consentito dal gestore della rete elettrica l alimentazione per il quadro di controllo della pompa deve essere presa a monte dell interruttore generale dell alimentazione dei fabbricati. ( ) Tutti i cavi devono essere protetti contro il fuoco e i danni meccanici, mediante pareti, tramezzi o pavimenti con una resistenza al fuoco non minore di 60 min. ( )

51 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Alimentazione elettrica dei quadri per pompe principali (seguito) I cavi di collegamento tra sorgente di alimentazione e pannello di controllo pompa devono essere dimensionati per una corrente pari al 150% della massima corrente a pieno carico. ( ) Ad eccezione dei casi in cui si utilizzano le pompe sommerse, il quadro di controllo della pompa deve essere situato nello stesso compartimento del motore elettrico e della pompa. ( )

52 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Quadri elettrici per pompe principali Parte comune ( , ) - Deve essere predisposto per il collegamento all interruttore a galleggiante del serbatoio di adescamento, nel caso in cui questo richieda il reintegro del livello al quale è preposta la pompa principale. - Una volta entrata in funzione, quale ne sia la causa, anche su richiesta di avviamento del sistema di adescamento, la pompa può essere arrestata solo manualmente dall operatore. Non è possibile arrestare la pompa in automatico dopo una partenza richiesta dal galleggiante d'adescamento, anche se il livello nel serbatoio si sia ristabilito (Quesito n 1 UNI/TR 11365:2010)

53 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Quadri elettrici per pompe principali (seguito) Quadro elettropompa ( , ) - Contattori dimensionati in categoria AC-3 (1) ( cicli annuali di manovra). - Spie luminose e contatti puliti per remotaggio dei segnali ottici e acustici: - Richiesta di avviamento - Pompa in funzione - Mancato avviamento (guasto) - Alimentazione non disponibile Tipo di allarme: B A B B Livelli di allarme: A- allarme di incendio B- allarme di guasto (1) variazione introdotta con norma del Maggio 2009; in precedenza AC-4 (+ 25 % AC-3)

54 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Quadri elettrici per pompe principali (seguito) Quadro motopompa ( , ) - Sportello frangibile per l avviamento manuale di emergenza tramite due pulsanti collegati alle rispettive batterie. - Deve essere previsto un selettore a chiave per l esclusione del funzionamento automatico ma che riporti un segnale d allarme nel caso in cui il selettore stesso rimanga sulla posizione di esclusione. - Deve gestire la commutazione ciclica dell impulso dalle batterie al motorino d avviamento.

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845 Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Salmson la leggenda Un marchio, oltre un secolo di storia 1896 : Emile SALMSON «SA» fabbrica pompe

Dettagli

Rinaldo Cavenati. LE POMPE ANTINCENDIO Valutazione e scelta di una pompa centrifuga per impianti ad acqua

Rinaldo Cavenati. LE POMPE ANTINCENDIO Valutazione e scelta di una pompa centrifuga per impianti ad acqua Rinaldo Cavenati LE POMPE ANTINCENDIO Valutazione e scelta di una pompa centrifuga per impianti ad acqua LE NORME EUROPEE UNI EN 12845 - Automatic sprinkler systems Design, installation and maintenance

Dettagli

I SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO PER LA NUOVA NORMA UNI EN 12845:2009. Sommario

I SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO PER LA NUOVA NORMA UNI EN 12845:2009. Sommario I SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO Sommario 1 INTRODUZIONE... 2 2 LE ORIGINI... 2 3 LE CLASSI DI PERICOLO... 2 4 TIPO DI ALIMENTAZIONE IDRICA... 3 5 POMPE E GRUPPI DI POMPAGGIO... 3 5.1 Generalità... 3

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Milano 26 Ottobre 2011

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Milano 26 Ottobre 2011 Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845 Milano 26 Ottobre 2011 Salmson la leggenda Un marchio, oltre un secolo di storia 1896 : Emile SALMSON «SA» fabbrica pompe e compressori centrifughi

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO PROGETTO GESTIONE ORDINARIA EDIFICI SCOLASTICI II Codice Edificio: 2008 RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO OGGETTO: L.S. BRUNO, TORINO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

RIUNIONE PROGETTISTI 2012

RIUNIONE PROGETTISTI 2012 RIUNIONE PROGETTISTI 2012 Sistemi antincendio Le attuali prescrizioni Cenni UNI EN 12845 (Maggio 2009) UNI 11292 (Agosto 2008) UNI/TR 11438 (Febbraio 2012) Gruppi di pressurizzazione Situazione Normativa

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

FT UNITANK / SISTEMA INTEGRATI ANTINCENDIO DA ESTERNO

FT UNITANK / SISTEMA INTEGRATI ANTINCENDIO DA ESTERNO Scheda Tecnica FT UNITANK / SISTEMA INTEGRATI ANTINCENDIO DA ESTERNO Sistema integrato per uso antincendio da esterno FTUNITANK composto da serbatoio di riserva idrica in acciaio al carbonio di prima scelta

Dettagli

MODELLO: MONOBLOCK MINI BOX VTP

MODELLO: MONOBLOCK MINI BOX VTP MODELLO: MONOBLOCK MINI BOX VTP Stazione di stoccaggio e pressurizzazione idrica per impianti antincendio IBRIDA composto da riserva idrica da interro vano tecnico con installato gruppo di pressurizzazione

Dettagli

GRUPPI ANTINCENDIO UNI 9490

GRUPPI ANTINCENDIO UNI 9490 GRUPPI ANTINCENDIO UNI 9490 NORMATIVE DI RIFERIMENTO q UNI 9490 q UNI 10779 q UNI ISO 2548 q CEI 17/13 q CEI 64/8 q Direttiva CE 89/392 q Direttiva CE 73/23 I gruppi antincendio TEK-UNI 9490 sono realizzati

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l.

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Il Presente documento contiene informazioni inerenti a gruppi di pressurizzazione antincendio, applicati nelle alimentazioni idriche ad azionamento automatico per gli impianti automatici antincendio. INDICE

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

UNI EN 12845 UNI 10779/A

UNI EN 12845 UNI 10779/A GRUPPI ANTINCENDIO UNI EN 12845 UNI 1779/A Catalogo 4/212 Tel. +39 8 5375 pbx Fax +39 8 531493 www.smibari.it E-mail: info@smibari.it CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Tutte le nostre forniture sono regolate

Dettagli

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di vita di un'entità, volte

Dettagli

Gruppi Antincendio.com

Gruppi Antincendio.com GRUPPI ANTINCENDIO EN12845 Base giunto I gruppi antincendio sono preassemblati su un robusto basamento zincato a caldo comprendente anche la struttura dei quadri elettrici. Mod. P1E Elettropompa principale

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

Hydro EN. Gruppi antincendio con elettro e/o motopompe orizzontali conformi alle norme UNI EN 12845, UNI 10779 e UNI 11292 GRUNDFOS DATA BOOKLET

Hydro EN. Gruppi antincendio con elettro e/o motopompe orizzontali conformi alle norme UNI EN 12845, UNI 10779 e UNI 11292 GRUNDFOS DATA BOOKLET GRUNDFOS DATA BOOKLET Grundfos fire systems Gruppi antincendio con elettro e/o motopompe orizzontali conformi alle norme UNI EN 1245, UNI 1779 e UNI 11292 Indice INDICE 1. Gamma delle prestazioni 3 2.

Dettagli

Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO

Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di

Dettagli

Pressurizzazione idrica

Pressurizzazione idrica Pioneering for for You You Brochure informativa Informazioni per per progettisti di di impianti termotecnici Una Una garanzia per per il il futuro. Stratos GIGA, Stratos e e Yonos Yonos MAXO. Pressurizzazione

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 2 ACCETTAZIONE DEI MATERIALI... 3 3 VERIFICHE E PROVE PRELIMINARI... 8 4 ACCETTAZIONE FINALE DEGLI IMPIANTI...

1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 2 ACCETTAZIONE DEI MATERIALI... 3 3 VERIFICHE E PROVE PRELIMINARI... 8 4 ACCETTAZIONE FINALE DEGLI IMPIANTI... Pag. n. 1 INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 2 ACCETTAZIONE DEI MATERIALI... 3 2.1 SERBATOIO DI ACCUMULO... 3 2.2 PRE-VANO POMPE... 3 2.3 VANO POMPE... 3 2.4 CARATTERISTICHE SOCCORRITORE DI TENSIONE...

Dettagli

Pressurizzazione idrica Sistemi antincendio. Gruppi di pressurizzazione antincendio secondo norme EN 12845 e UNI 10779

Pressurizzazione idrica Sistemi antincendio. Gruppi di pressurizzazione antincendio secondo norme EN 12845 e UNI 10779 Pressurizzazione idrica Sistemi antincendio Gruppi di pressurizzazione antincendio secondo norme EN 12845 e UNI 10779 Indice generale Pressurizzazione idrica Sistemi antincendio Wilo GPA EN Descrizione

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave è un sistema per dare pressione a un impianto idrico

Dettagli

Impianti di estinzione incendi

Impianti di estinzione incendi Impianti di estinzione incendi La nuova norma Uni EN 12845 andrà a sostituire la Uni 9490 e la Uni 9489 E' in atto un importante cambiamento normativo nel settore delle alimentazioni antincendio, che compirà

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO ANTINCENDIO DA ESTERNO

SISTEMA INTEGRATO ANTINCENDIO DA ESTERNO SISTEMA INTEGRATO ANTINCENDIO DA ESTERNO Sistema integrato per uso antincendio da esterno composto da serbatoio di riserva idrica in acciaio con vano tecnico integrato nella parte terminale del serbatoio

Dettagli

Gruppi di pressione antincendio Lowara

Gruppi di pressione antincendio Lowara Gruppi pressione antinceno Lowara 198 Alta efficienza motopompe o elettropompe orizzontali Nel settore antinceno è fondamentale selezionare prodotti formi allo standard europeo (EN 12845) e formi alla

Dettagli

***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento.

***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento. DIREZIONE REGIONALE CAMPANIA Ufficio Tecnico Regionale ***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento. Immobile

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

EUROFIRESON. SISTEMA DI PRESSURIZZAZIONE IDRICA ANTINCENDIO A norme UNI EN 12845 e UNI 10779 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI. Eurofireson VANTAGGI

EUROFIRESON. SISTEMA DI PRESSURIZZAZIONE IDRICA ANTINCENDIO A norme UNI EN 12845 e UNI 10779 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI. Eurofireson VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata fino a: 42 m 3 /h* Prevalenza fino a: mc.a. Pressione d esercizio max : -16 bar Temperaura d esercizio max: H/V 7 C Temperatura ambiente max: 4 C * 1 pompa principale in funzione

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 COMPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI... 2 ALIMENTAZIONE IDRICA... 3 COMPONENTI DEGLI IMPIANTI...

Dettagli

I gruppi vengono utilizzati negli impianti di spegnimento sprinkler, a diluvio o nella rete idranti quando

I gruppi vengono utilizzati negli impianti di spegnimento sprinkler, a diluvio o nella rete idranti quando Sede legale: Via Alfeo, 9 98040 Saponara M.ma (ME) Stab.: Via F. De Roberto C/da Masseria P. IVA/C.Fisc. 01886130838 PRODUZIONE E VENDITA GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE ANTINCENDIO UNI EN 12845 MANUALE D ISTRUZIONE

Dettagli

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE ESTINTORI PORTATILI E CARRELLATI SERVIZIO DI CONTROLLO E MANUTENZIONI (ART.4 D.M. 10 MARZO 1998) UNI 9994-1 IL CONTROLLO AVVIENE TRAMITE L EFFETUAZIONE DEI SEGUENTI

Dettagli

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO CITTÀ DI MELISSANO Provincia di Lecce RISTRUTTURAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL'EDIFICIO SCOLASTICO "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - SCUOLA SECONDARIA I GRADO" DI VIA FELLINE - MELISSANO (LE) PROGETTO

Dettagli

6.1. Componenti Obbligatori - Fornibili a Richiesta. Riduzioni Eccentriche

6.1. Componenti Obbligatori - Fornibili a Richiesta. Riduzioni Eccentriche 6.1 Componenti Obbligatori - Fornibili a Richiesta Riduzioni Eccentriche Riduzioni eccentriche flangiate da installare in aspirazione delle pompe principali, sono complete di stacco da ¼ con valvola a

Dettagli

GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI ANTINCENDIO UNI EN 12845

GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI ANTINCENDIO UNI EN 12845 GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI ANTINCENDIO UNI EN 12845 Gruppi di pressurizzazione UNI EN 12845 INTRODUZIONE ALLA NORMA EN 12845 La nuova norma d impianto UNI EN 12845, che sostituisce le UNI 9490 e la UNI

Dettagli

FT BTS-IDROTANK /SISTEMA INTEGRATO ANTINCENDIO DA INTERRO "CON BOX DI ACCESSO"

FT BTS-IDROTANK /SISTEMA INTEGRATO ANTINCENDIO DA INTERRO CON BOX DI ACCESSO FT BTS-IDROTANK /SISTEMA INTEGRATO ANTINCENDIO DA INTERRO "CON BOX DI ACCESSO" ACCESSO" Serbatoio cilindrico monoparete da Interro realizzato in acciaio al carbonio di prima scelta tipo S235JR composto

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI AUTOMATICI FISSI DI ESTINZIONE INCENDI Sistemi Automatici

Dettagli

SPECIFICA TECNICA GRUPPO ANTINCENDIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA E ADEGUAMENTO NORMATIVO EDIFICI SCOLASTICI VARI

SPECIFICA TECNICA GRUPPO ANTINCENDIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA E ADEGUAMENTO NORMATIVO EDIFICI SCOLASTICI VARI PROGETTAZIONE IMPIANTI TECNOLOGICI Pag. 1/10 SPECIFICA TECNICA GRUPPO ANTINCENDIO MANUTENZIONE STRAORDINARIA E ADEGUAMENTO NORMATIVO EDIFICI SCOLASTICI VARI I.T.A.S. CANTONI VIALE MERISIO - TREVIGLIO (BG)

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

MULTI-HE MONOFASE CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI. Portata max: 10 m 3 /h

MULTI-HE MONOFASE CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI. Portata max: 10 m 3 /h CAMPO DI IMPIEGO Portata max: m 3 /h Prevalenza max: 8 mc.a. Pressione d esercizio max: bar Pressione in aspir. max: 6 bar Temperatura d esercizio: da a + 1 C* Temperatura ambiente max: + 4 C DN Attacchi:

Dettagli

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS BY SISTEMA PROGETTATO IN RIFERIMENTO ALLA UNI 11292 Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per antincendio. Quest ultima specifica i requisiti costruttivi e

Dettagli

I SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA SISTEMI AUTOMATICI A SPRINKLER PROGETTAZIONE INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE NORMA UNI 12845

I SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA SISTEMI AUTOMATICI A SPRINKLER PROGETTAZIONE INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE NORMA UNI 12845 I SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA SISTEMI AUTOMATICI A SPRINKLER PROGETTAZIONE INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE NORMA UNI 12845 INTRODUZIONE LA NORMA EN 12845 E` STATA ELEBORATA DAL COMITATO TECNICO CEN/TC 191

Dettagli

SISTEMA DI VIE DI USCITA

SISTEMA DI VIE DI USCITA RELAZIONE TECNICA L'edificio scolastico, oggetto della presente relazione, ubicato in via Barsanti e via Matteotti, è adibito a scuola materna e risulta di proprietà dell'amministrazione Comunale. Come

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONDUZIONE E DELLA MANUTENZIONE DEL MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ALLEGATO - C Generatore di acqua

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 5 m 3 /h Prevalenza max: 50 mc.a. Pressione d esercizio max: 8 bar Altezza d aspirazione max: 8 m Temperatura fluido max: +35 C Temperatura ambiente max: +40 C DN Attacchi:

Dettagli

0211A I02_rev1.0. ecoerre Polo ambientale integrato. 2 di 26 Relazione tecnica impianti antincendio

0211A I02_rev1.0. ecoerre Polo ambientale integrato. 2 di 26 Relazione tecnica impianti antincendio 2 di 26 Relazione tecnica impianti antincendio Sommario 1. PREMESSA... 7 2. NORME TECNICHE... 7 3. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO... 7 4. DATI GENERALI... 8 5. RETE IDRANTI... 8 5.1. Valvole di intercettazione...

Dettagli

Decreto del Ministero dell interno

Decreto del Ministero dell interno Decreto del Ministero dell interno Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina

Dettagli

Generatore di calore di potenza tra 35 kw e Tipo di apparecchiatura

Generatore di calore di potenza tra 35 kw e Tipo di apparecchiatura Scheda n. 1 Generatore di calore di potenza tra 35 kw e 350 kw e relativo impianto di Centrale. Pulizia generale della Centrale Termica, ovvero del locale di installazione, con verifica ed eventuale adeguamento

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000

CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 CONDIZIONATORE D ARIA PRIMARIA CAP 700-1000 1 Indice 1. Generalità 4 1.1 Descrizione della macchina e componenti principali 4 1.2 Descrizione del funzionamento 5 2. Caratteristiche tecniche 6 2.1 Caratteristiche

Dettagli

03.08. Gruppi Antincendio. secondo UNI EN 12845

03.08. Gruppi Antincendio. secondo UNI EN 12845 03.08 Gruppi Antincendio secondo UNI EN 1285 è ASSOCIATO: Indice 1 Presentazione aziendale 1.1 CHI È FOURGROUP?...p. 2 Un po di letteratura 2.1 I GRUPPI ANTINCENDIO SECONDO EN 1285...p. 5 2.2 TABELLE DELLE

Dettagli

GRUPPI ANTINCENDIO. 50 Hz

GRUPPI ANTINCENDIO. 50 Hz GRUPPI ANTINCENDIO 50 Hz EBARA Pumps Europe network Sede Centrale EBARA Pumps Europe S.p.A. Via Pacinotti, 32 36040 Brendola (VI), Italia Tel. +39 0444 706811 - Fax +39 0444 405811 Vendite Italia (solo

Dettagli

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE)

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) 1 Componenti oleoidraulici e pneumatici e loro classificazione secondo la Direttiva 1 Macchine 1.1 Macchine 2 1.2 Quasi-macchine (PCM, Partly

Dettagli

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Dopo circa un mese di prove, dalla fine di gennaio è in esercizio l impianto di prelievo del percolato presente nei corpi delle

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello SEMINARIO TECNICO Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14 Ing. Sergio Sanfratello Scopo e campo di applicazione La presente Norma descrive

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI - IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO - NASPI ANTINCENDIO - IDRANTI ANTINCENDIO - SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI - IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO - NASPI ANTINCENDIO - IDRANTI ANTINCENDIO - SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER MEZZI DI ESTINZIONE FISSI - IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO - NASPI ANTINCENDIO - IDRANTI ANTINCENDIO - SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER - IMPIANTI AD ESTINGUENTI GASSOSI RETI AD IDRANTI - RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

FFS-GP. Gruppi antincendio e di pressurizzazione. motralec

FFS-GP. Gruppi antincendio e di pressurizzazione. motralec motralec 4 rue Lavoisier. ZA Lavoisier. 95223 HERBLAY CEDEX Tel. : 01.39.97.65.10 / Fax. : 01.39.97.68.48 Demande de prix / e-mail : service-commercial@motralec.com www.motralec.com FFS-GP Gruppi antincendio

Dettagli

Generalità sulle elettropompe

Generalità sulle elettropompe Generalità sulle elettropompe 1) Introduzione Ne esistono diverse tipologie ma si possono inizialmente suddividere in turbopompe e pompe volumetriche. Le prime sono caratterizzate da un flusso continuo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 2 - ZONA 9 - SCUOLA N 1277 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E CENTRALE TERMICA NELLA

Dettagli

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio Sommario 1. Premessa...2 2. Descrizione degli impianti antincendio...2 3. Centrali antincendio...4 4. Locali destinati ad ospitare i gruppi di pressurizzazione (Osservanza della norma UNI 11292 - Agosto

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

Pompe Antincendio e Dintorni. La Buona Tecnica

Pompe Antincendio e Dintorni. La Buona Tecnica Pompe Antincendio e Dintorni. La Buona Tecnica La comparsa di nuove norme nel panorama Italiano riguardo ai sistemi antincendio ad acqua, sta ridisegnano interamente una filosofia di buona tecnica che

Dettagli

STAZIONI DI SOLLEVAMENTO COMPATTE

STAZIONI DI SOLLEVAMENTO COMPATTE STAZIONI DI SOLLEVAMENTO COMPATTE MODELLI ST100 / ST200 / ST500 / ST500 DUO Le stazioni di sollevamento prefabbricate costituiscono un'efficace ed economica soluzione per la raccolta e il rilancio delle

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel Compressore con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità Portata effettiva Massima pressione operativa

Dettagli

SIR 900-1100. STAZIONI INTERMEDIE DI DRENAGGIO Acque cariche collettive 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

SIR 900-1100. STAZIONI INTERMEDIE DI DRENAGGIO Acque cariche collettive 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Volume utile fino a: 1100 00 L 900 60 L Temperatura ambiente: da 0 a + 0 C Temperatura max fluido: + 40 C* Passaggio libero pompa: 6 mm Ø entrata: 10 mm DN Ø uscita: 1 1/2 Ø ventilazione:

Dettagli

SCHEDE DI MANUTENZIONE

SCHEDE DI MANUTENZIONE Comune di Bologna Provincia di Bologna pag. 1 SCHEDE DI MANUTENZIONE OGGETTO: Lavori di manutenzione da eseguirsi presso gli stabili di proprietà della Cassa siti in Strada Maggiore, 53 e Via Fondazza,

Dettagli

COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI VIGNATE PROVINCIA DI MILANO allegato alla determinazione n. 5057 del 28 luglio 2015 f.to Luigina Marchini CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO

Dettagli

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche

Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche Manuale di manutenzione Opere elettromeccaniche N Opera oggetto di manutenzione Risorse necessarie per l intervento manutentivo Livello minimo delle prestazioni Anomalie riscontrabili personale comune

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

La portata teorica corrisponde esattamente al volume fluido spostato dal pistone per il numero delle pistonate nell unità di tempo.

La portata teorica corrisponde esattamente al volume fluido spostato dal pistone per il numero delle pistonate nell unità di tempo. ISTRUZIONI CARATTERISTICHE GENERALI DELLE POMPE DOSATRICI Le pompe dosatrici sono pompe a movimento alternativo. La portata viene determinata dal movimento alternativo del pistone, azionato da un eccentrico

Dettagli

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 Quesito QET.001 ELETTROTECNICA Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 I conduttori attivi devono

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Valido per tutti i modelli UNI 9490-10779 / Available for all UNI 9490-10779 models

Valido per tutti i modelli UNI 9490-10779 / Available for all UNI 9490-10779 models Lowara it en GRUPPI ANTINCENDIO UNI 9490-10779 FIRE - FIGHTING EQUIPMENT UNI 9490-10779 Istruzioni d installazione e uso Instruction for installation and use Valido per tutti i modelli UNI 9490-10779 /

Dettagli

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento;

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento; Caratteristiche tecniche relative a N 2 gruppi Turbina Elica Generatore Asincrono Trifase non regolante, Quadro Elettrico di automazione/parallelo gruppi. Dati di Impianto: Q max = 0,64 mc/s Hlordo=9,35

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Comune di Cologna Veneta - Rifacimento dell impianto termico della scuola sec.ria di 1 grado Dante Alighieri PIANO DI MANUTENZIONE...

Comune di Cologna Veneta - Rifacimento dell impianto termico della scuola sec.ria di 1 grado Dante Alighieri PIANO DI MANUTENZIONE... I N D I C E PIANO DI MANUTENZIONE... 2 RISORSE PER GLI INTERVENTI MANUTENTIVI... 2 IMPIANTI TERMOMECCANICI E FRIGORIFERI... 2 Linea adduzione gas metano... 2 Caldaia a metano ad acqua calda... 3 Canna

Dettagli