SEMINARIO TECNICO. Impianti antincendio manuali ed automatici: alimentazione idrica e locali tecnici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEMINARIO TECNICO. Impianti antincendio manuali ed automatici: alimentazione idrica e locali tecnici"

Transcript

1 SEMINARIO TECNICO Impianti antincendio manuali ed automatici: alimentazione idrica e locali tecnici

2 Argomenti - Selezione di pompe. Tipologie consentite e selezione delle prestazioni - Alimentazioni idriche e stazioni di pompaggio secondo UNI EN Caratteristiche dei locali tecnici secondo UNI per ospitare i sistemi per estinzione incendi - Il TR UNI relativo a quesiti posti all UNI che chiarisce alcune incertezze o dubbi relativi alla norma europea UNI EN La bozza TR UNI U relativa a istruzioni complementari per l applicazione della UNI EN (sprinkler)

3 Introduzione La seguente presentazione tratta gli aspetti peculiari delle alimentazioni idriche e delle stazioni di pompaggio che caratterizzano la norma europea UNI EN 12845, recepita in Italia dal Giugno 2007 e revisionata nel Maggio 2009 dalla nuova versione, in sostituzione della UNI La norma UNI EN specifica i requisiti e fornisce le raccomandazioni per la progettazione, l installazione e la manutenzione degli impianti sprinkler. Tratta la classificazione dei rischi, le alimentazioni idriche, i componenti da utilizzare, le prove ed il collaudo dell impianto.

4 Introduzione Cos è un sistema sprinkler? E un impianto automatico progettato per rilevare la presenza di un incendio ed estinguerlo nello stadio iniziale con acqua, oppure per tenere sotto controllo le fiamme in modo che l estinzione possa essere completata con altri mezzi. E un impianto automatico che viene utilizzato 365 giorni all anno, con la speranza che non entri mai in funzione, pertanto deve essere sempre pronto all uso. L installazione di un sistema sprinkler non deve escludere completamente la necessità di altri mezzi di estinzione incendi, è importante che le precauzioni contro l incendio siano considerate nel loro insieme. Infatti è possibile avere anche altri dispositivi quali i naspi e gli idranti antincendio o estintori portatili.

5 Classificazione delle attività e dei rischi d incendio Il primo passo della progettazione è determinare la classe di rischio per cui deve essere progettato il sistema sprinkler Classificazione (dipende dal tipo di utilizzo e dal carico di incendio) ( 6): - Rischio lieve LH (Light Hazard) - Rischio ordinario OH (Ordinary Hazard) - Rischio alto HH (High Hazard) Durata delle alimentazioni idriche ( 8.1.1): - LH (Light Hazard) 30 min. - OH (Ordinary Hazard) - suddiviso in OH1,, OH4 60 min. - HHP (High Hazard Process) - suddiviso in HHP1,, HHP4 90 min. - HHS (High Hazard Storage) - suddiviso in HHS1,, HHS4 90 min.

6 Le alimentazioni idriche Le reti di alimentazione idrica devono essere sempre in grado di fornire automaticamente almeno le condizioni di pressione/portata richieste dall impianto. Continuità dell alimentazione ( 8.1.2) L alimentazione idrica non deve essere soggetta a: - possibili condizioni di congelamento, - siccità o allagamento, - nonché qualsiasi altra condizione che potrebbe ridurre il flusso o l effettiva portata oppure rendere non operativa l alimentazione. Devono essere prese in considerazione tutte le possibili azioni utili ad assicurare la continuità ed affidabilità dell alimentazione idrica.

7 Le alimentazioni idriche Continuità dell alimentazione ( 8.1.2) (seguito) L acqua non deve contenere sostanze fibrose o altro materiale in sospensione che può provocare depositi all interno delle tubazioni dell impianto. Nelle tubazioni dell impianto sprinkler non deve rimanere acqua salata o salmastra. Dove non è disponibile un adeguata risorsa d acqua dolce, si può utilizzare un alimentazione di acqua salata o salmastra, purché l impianto sia normalmente caricato con acqua dolce.

8 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Possono essere classificate come segue: A) Alimentazioni idriche singole B) Alimentazioni idriche singole superiori C) Alimentazioni idriche doppie D) Alimentazioni idriche combinate

9 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Alimentazioni idriche singole ammesse ( 9.6.1): - un acquedotto - un acquedotto con una o più pompe di surpressione - un serbatoio in pressione (solo per LH e OH1) - un serbatoio a gravità - un serbatoio di accumulo con una o più pompe - una sorgente inesauribile con una o più pompe Un impianto Una alimentazione

10 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Alimentazioni idriche singole superiori ( 9.6.2), ovvero quelle che forniscono un elevato grado di affidabilità, comprendono: - un acquedotto alimentato da entrambe le estremità - ogni estremità deve soddisfare la richiesta di portata del sistema; - deve essere alimentato da due o più sorgenti di acqua; - se solo un estremità fornisce la pressione richiesta, deve essere installata una singola pompa. Se entrambe le estremità non forniscono la pressione richiesta, devono essere installate due o più pompe; - serbatoio a gravità senza pompa o serbatoio di accumulo con due o più pompe (il serbatoio deve essere di capacità pari a quella richiesta totalmente) - una sorgente inesauribile con due o più pompe

11 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Alimentazioni idriche doppie ( 9.6.3): Consistono in due alimentazioni singole in cui ognuna è indipendente dall altra. Limiti per qualsiasi combinazione di singole alimentazioni (comprese le alimentazioni singole superiori): a) per gli impianti OH non si deve utilizzare più di un serbatoio a pressione; b) si può utilizzare un serbatoio di accumulo del tipo a capacità ridotta

12 Classificazione delle tipologie delle alimentazioni idriche ( 9.6) Alimentazioni idriche combinate ( 9.6.4): Devono essere delle alimentazioni idriche singole superiori o doppie, progettate per alimentare più di un impianto fisso antincendio, come ad esempio nel caso di installazioni combinate di idranti, naspi e sprinkler. Condizioni: - i sistemi devono essere calcolati integralmente - l alimentazione deve essere in grado di fornire la somma delle massime portate calcolate simultaneamente richieste da ciascun impianto. - la durata dell alimentazione deve essere a quanto richiesto per l impianto che ne richiede maggiormente - tra l alimentazione idrica e gli impianti devono essere installate tubazioni di collegamento doppie

13 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN Pompe ad asse orizzontale con aspirazione assiale tipo end-suction sono tipicamente pompe normalizzate (secondo UNI EN 733 o UNI EN 22858); per esse la norma prescrive la costruzione back pull-out, cioè con la possibilità di estrarre il gruppo rotante dal lato del motore,

14 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN Pompe ad asse orizzontale con aspirazione assiale tipo end-suction sono tipicamente pompe normalizzate (secondo UNI EN 733 o UNI EN 22858); per esse la norma prescrive la costruzione back pull-out, cioè con la possibilità di estrarre il gruppo rotante dal lato del motore, grazie all accoppiamento pompa/motore realizzato con giunto spaziatore per consentire la manutenzione senza dover rimuovere la pompa dalle tubazioni di aspirazione e mandata, né il motore dal basamento.

15 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) Pompe ad asse orizzontale tipo axial split-case sono pompe con il corpo diviso in due metà secondo un piano orizzontale, nelle quali rimuovendo la parte superiore si accede alle parti rotanti.

16 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) Pompe multistadio nella Appendice E - Requisiti particolari per sistemi ad elevato sviluppo verticale - vengono citate le pompe multistadio che trovano impiego negli impianti ove sono richieste pressioni elevate, non ottenibili con pompe endsuction o axial split-case. La costruzione o tipologia di tale pompa, più rispondente alla richiesta normativa nelle sue varie parti, è quella ad asse orizzontale.

17 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) Pompe multistadio (seguito) Per agevolare la rimozione per manutenzione è consigliabile (purché sia previsto, ovviamente, il necessario spazio di rispetto) l aspirazione laterale o l aspirazione assiale che consente anche di ridurre l NPSHr. La rimozione indipendente tra pompa e motore e la sostituibilità delle parti interne della pompa (senza coinvolgere le tubazioni di aspirazione o mandata) non è evidentemente possibile per queste pompe, in cui l ispezione di parti interne implica la rimozione dell intera pompa. Questa inevitabile deviazione rispetto alla norma deve necessariamente essere dichiarata dal progettista e dall installatore Multistadio con aspirazione laterale Multistadio con aspirazione assiale

18 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni La norma UNI EN indica chiaramente che dovunque sia possibile devono essere utilizzate pompe centrifughe ad asse orizzontale, installate sottobattente; se questa soluzione non fosse fattibile, le stesse possono essere installate soprabattente. Una pompa centrifuga ad asse orizzontale è progettata per stare sottobattente e la sua insolita ed estremamente critica installazione soprabattente la pone in situazione di elevato rischio di indisponibilità.

19 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni I motivi, per cui le installazioni soprabattente dovrebbero essere evitate ed usate solamente dove non è praticabile un installazione sottobattente, sono: - la pompa centrifuga orizzontale rimette la sua disponibilità ad una valvola di fondo in aspirazione; - la perdita anche modesta della valvola di fondo in aspirazione, innesca il riempimento della condotta aspirante da parte del sistema di adescamento, che, tramite il controllo di livello dello stesso, avvia la pompa che resterà in moto fintanto che qualcuno la arresta manualmente. Si ha così un avvio pompa per ragioni diverse per cui è stata preposta; - per una pompa che lavora soprabattente è necessario anche verificare la perfetta tenuta dell aspirazione e delle pompe (vanno evitate ad esempio le tenute a baderna che potrebbero permettere l ingresso di aria).

20 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) pompe ad asse verticale tipo vertical turbine sono pompe ad asse verticale con parti idrauliche immerse nella riserva idrica, nelle quali il motore è però collocato in superficie e collegato al corpo pompante tramite un albero motore, sia direttamente sia tramite un rinvio angolare. La ragione della scelta della pompa verticale a flusso assiale (vertical turbine pump) in alternativa alla pompa orizzontale soprabattente, è dovuta al fatto che questa è una pompa progettata affinché la parte idraulica, resti immersa (quindi sotto battente) e, per sua natura è la pompa concepita proprio per lavorare con il livello dell acqua sotto il piano di riferimento. Vertical Turbine Pumps

21 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) pompe sommerse sono tipicamente elettropompe con pompa e motore direttamente connessi ed ambedue immersi nella riserva idrica. Per questa tipologia di pompe la norma prescrive una limitazione di utilizzo ed applicazione (temperatura dell acqua 25 C). In via eccezionale le pompe sommerse dovrebbero essere utilizzate solo dove è praticabile una installazione sottobattente. (Quesito n 37 UNI / TR ) Elettropompe Sommerse

22 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Alcune ragioni per cui le installazione antincendio con pompe sommerse dovrebbero essere evitate: - le pompe sommerse sono state progettate per essere installate in pozzi, in acque di falda pressoché assolutamente pulite ed in posizione verticale, affinché il motore possa venir raffreddato durante il funzionamento. In assenza di questi requisiti, le pompe sommerse diventano poco affidabili e indisponibili. - impossibilità di effettuare rapidi controlli e di effettuare manutenzione. la fattibilità e la praticabilità pertanto devono essere dettate da una scelta strettamente tecnica. Si ricorda che le vertical turbine pumps e le pompe sommerse non possono essere installate in pozzi, dato che questi non sono previsti dalla norma, come alimentazione idrica.

23 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Tipologie di pompe contemplate dalla UNI EN (seguito) Pompa pilota; nella edizione Maggio 2009 viene introdotta la pompa pilota al solo scopo di mantenimento della pressione nell impianto evitando inutili avviamenti delle pompe principali e, se prevista, deve erogare una portata inferiore a quella richiesta da un singolo sprinkler. In caso la pompa pilota sia installata soprabattente, la tubazione di aspirazione deve essere indipendente da quelle della/e pompa/e principale/i (mentre può essere interconnessa se sottobattente) Le pompe multistadio ad asse verticale ad uso ANTINCENDIO, NON sono ammesse dalla norma (Quesito n 6 UNI / TR ) Pompa pilota del tipo multistadio verticale

24 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Andamento della curva della pompa principale Non è ammesso l impiego di pompe che erogano, anche per un breve tratto, prevalenza crescente all aumentare della portata (pompe con curva instabile). H La prevalenza deve essere sempre decrescente all aumentare della portata (pompe con curva stabile). H H max H 0 H 0 P h Q1 Instabile (H non coincide con 1 solo dato Q) Q Q1 Stabile (H coincide con 1 solo dato Q) Q

25 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Dimensionamento motori della pompa principale Le pompe devono essere azionate da motori elettrici o motori diesel capaci di fornire almeno la potenza richiesta in accordo ai due criteri alternativi definiti dalla norma per la scelta della taglia dei motori (elettrici e/o diesel), in base al tipo di curva caratteristica di potenza della pompa. Se la curva di potenza è di tipo senza sovraccarico, il motore deve fornire una potenza pari almeno a quella richiesta al picco della curva di potenza della pompa

26 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Dimensionamento motori della pompa principale Se la curva di potenza è invece di tipo crescente o sovraccaricabile, come avviene tipicamente per le pompe end suction : - per dimensionare la potenza del motore la pompa deve essere sottoposta a collaudo che consenta di determinarne la potenza assorbita con NPSHr 16 m; - la taglia del motore deve essere selezionata nel rispetto del vincolo della norma che impone una potenza a quella assorbita nella condizione di collaudo sopra descritta.

27 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Dimensionamento motori della pompa principale Esempio: pompa collaudata fino a 195 m 3 /h, cioè fuori curva (*), per raggiungere NPSHr 16 m potenza assorbita : ~ 47 kw (a NPSH 16m) motore elettrico : 55 kw 1) motore diesel : 53 kw 2) 1) taglia normalizzata 2) taglia commerciale non essendo a norma la taglia inferiore in quanto di 37 kw (*) la portata massima per la pompa è 145 m 3 /h con relativa potenza pari a 41 kw

28 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Dimensionamento motori della pompa principale Il collaudo della pompa con NPSHr 16 m non contempla obbligo della certificazione. Ciò significa che è facoltà del progettista e/o del costruttore dell impianto richiedere al fornitore del sistema antincendio la curva che attesta la potenza assorbita dalla pompa con NPSHr 16 m e conseguentemente la congruità della potenza del motore accoppiato. Il fornitore del gruppo motore-pompa oltre a fornire la curva caratteristica della pompa (Q/H, Q/NPSHr, la curva della potenza assorbita senza sovraccarico o crescente fino a 16m di NPSHr) deve dichiarare ( b) la potenza disponibile per ogni motore.

29 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Campo d impiego della pompa principale Ogni pompa è caratterizzata da un campo d impiego, che ne condiziona l utilizzo entro determinati limiti di portata. - il limite inferiore è normalmente legato alla necessità di evitare surriscaldamenti, vibrazioni anomale e possibili fenomeni di cavitazione, - il limite superiore (portata max. ammissibile) deriva da limiti costruttivi che possono generare fenomeni di spinte anomale sui cuscinetti delle pompe, vibrazioni e cavitazione.

30 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Campo d impiego della pompa principale (seguito) Il campo di impiego dettato dalla norma UNI EN ( ) prescrive di mantenere un margine di almeno 1 m fra l NPSH d dell impianto in aspirazione e l NPSHr della pompa (NPSHd NPSHr+1m) alla portata massima secondo Prospetto 14. La tubazione di aspirazione, comprese tutte le valvole e raccordi, deve essere progettata in modo da assicurare che l'npsh d all'ingresso della pompa superi l'npsh r di almeno 1 m alla portata richiesta alla pompa. NPSH d = disponibile e NPSH r = richiesto

31 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Curva tipica della pompa principale La prestazione nominale della pompa deve essere in funzione della curva dell area più sfavorevole. Inoltre, per i sistemi precalcolati nelle classi di rischio HHP-HHS, la pompa deve essere in grado di fornire il 140% della portata ad una pressione non minore del 70% della pressione alla portata di progetto ( ) 1 Area più sfavorevole 2 Portata di progetto della pompa 3 Massima portata richiesta 4 Area più favorevole x Portata y Prevalenza

32 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Avviamento della pompa principale - Taratura pressostati per avviamento La prima pompa deve avviarsi automaticamente quando la pressione nella tubazione principale scende ad un valore 0,8 P, (P = pressione a Q =0). Dove sono installate due pompe, la seconda pompa deve avviarsi prima che la pressione scenda ad un valore 0,6 P ( ) Una volta che la pompa è avviata deve continuare a funzionare fino a quando viene fermata manualmente ( ). P max 0,8 P max Taratura minima per avvio 1 pompa 0,6 P max Taratura minima per avvio 2 pompa

33 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Soluzioni ammesse per pompa principale ( 10.2). Per le alimentazioni singole: - è consentito montare una elettropompa, 100% 100% 50% - è consentito montare due elettropompe, ognuna delle quali avrà una portata pari al 100% della portata complessiva richiesta, - è consentito montare tre elettropompe, ognuna delle quali avrà una portata pari al 50% della portata complessiva richiesta. = 100% = 50% = 50% Pompe principali

34 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Soluzioni ammesse per pompa principale ( 10.2). Per le alimentazioni idriche singole superiori o doppie: ricordando che - le alimentazioni idriche singole superiori sono alimentazioni idriche singole che forniscono un elevato grado di affidabilità, - le alimentazioni idriche doppie consistono in due alimentazioni singole in cui ogni alimentazione è indipendente dall altra. 100% = 100% 50% = 50% = 50% Pompe principali

35 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Soluzioni ammesse per pompa principale ( 10.2). Per le alimentazioni idriche singole superiori o doppie: - se il sistema è equipaggiato con 2 pompe, ciascuna deve essere in grado di fornire il 100% della portata complessiva richiesta, - se il sistema è equipaggiato con 3 pompe, ciascuna deve essere in grado di fornire almeno il 50% della portata complessiva richiesta, - se il medesimo è equipaggiato con 2 o più pompe una sola di queste può essere azionata da motore elettrico e le rimanenti 2 dovranno essere azionate da motori diesel. 100% = 100% Pompe principali 50% = 50% = 50%

36 Tipologie di pompe consentite e selezione delle prestazioni Soluzioni ammesse per pompa principale ( 10.2). Per le alimentazioni combinate: le alimentazioni idriche combinate devono essere delle alimentazioni idriche singole superiori o doppie, progettate per alimentare più di un impianto fisso antincendio, come per esempio nel caso di installazioni combinate di idranti, naspi e sprinkler. Essendo esse comunque costituite da alimentazioni idriche singole superiori o doppie, vale quanto esposto precedentemente. I gruppi elettrogeni non sono contemplati dalla norma UNI EN e pertanto le elettropompe alimentate da gruppo elettrogeno non possono essere assimilate alle motopompe. 100% = 100% Pompe principali 50% = 50% = 50%

37 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN 12845

38 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Tronchetto conico concentrico di mandata ( 10.5 e ). - Montato a valle di ogni pompa principale e a monte delle valvole. - Realizzato con conicità concentrica complessiva in allargamento nella direzione del flusso 20 (1) e DN maggiore che, anche a Q max., contiene la velocità del flusso entro 6 m/s (2) a valle dello stesso. (1) variazione introdotta nel Maggio 2009; in precedenza 15 (2) la velocità dell acqua deve essere a: - 6 m/s attraverso qualsiasi valvola, dispositivo di monitoraggio del flusso e/o filtro; - 10 m/s in qualsiasi altro punto nell impianto;

39 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Tronchetto conico concentrico di mandata ( 10.5 e ) (seguito) Dispositivi o stacchi posizionati subito a valle della mandata della pompa: - rubinetto di sfiato aria dal corpo pompa e, nel caso di installazione soprabattente, per prova di funzionalità della valvola di ritegno - stacco per tubazione di sfogo in vasca atta ad evitare danni alla pompa qualora avviata con mandata chiusa - stacco Ø 1 (LH) / 2 per tubazione d arrivo dal serbatoio di adescamento (imposto per installazione soprabattente)

40 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Tronchetto conico eccentrico in aspirazione ( /.2/.3) - Montato sull aspirazione di ogni pompa principale, con DN maggiore lato valvola d intercettazione. - Realizzato con conicità eccentrica sul lato inferiore 20 (1), lunghezza del cono a due volte il suo DN maggiore, nonché: - DN lato valvola 65 mm per installazione sottobattente e 80 mm per installazione soprabattente, - velocità del flusso (velocità in entrata al cono) deve essere contenuta entro 1,8 m/s nell installazione sottobattente, e entro 1,5 m/s quando l installazione è soprabattente. (1) variazione introdotta con norma del Maggio 2009; in precedenza 15

41 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Valvole di ritegno in mandata ( 10.5) - Con DN corrispondente a quello maggiore del tronchetto conico concentrico. - Montate a valle del tronchetto conico concentrico. Commento La norma non si pronuncia a proposito della soluzione costruttiva della valvola, neppure sotto il profilo della ispezionabilità

42 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Valvole d intercettazione in mandata / aspirazione ( 10.5, /.2/.3,15.2, H.2.3) - DN corrispondente a quello maggiore dei tronchetti conici. - Chiusura in senso orario ed indicatore visivo di stato. - Possibilità di blocco in posizione di apertura o chiusura, lucchettabile. - Montaggio in mandata a valle della valvola di ritengo e del tronchetto porta gruppo pressostati. - Montaggio in aspirazione a monte del tronchetto conico eccentrico sul suo DN maggiore e con possibilità di non prevederla solo se il massimo livello d acqua nella vasca è superiore alla bocca di aspirazione della pompa.

43 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Valvole d intercettazione in mandata / aspirazione ( 10.5, /.2/.3,15.2, H.2.3) (seguito) Secondo l allegato H monitoraggio degli impianti sprinkler deve essere monitorata la posizione di tutte le valvole di intercettazione (1) normalmente aperte la cui chiusura potrebbe impedire il flusso di acqua verso gli sprinkler. Deve essere fornita l indicazione ogni volta che la valvola non è completamente aperta predisposizione per il remotaggio del segnale di apertura oppure chiusura totale (1) valvole dell alimentazione idrica, delle stazioni di controllo, le valvole sussidiarie e le valvole di sezionamento

44 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Gruppo pressostati pompa principale ( fig. 6 e /.3,) Un gruppo per ogni pompa principale, montato in derivazione sul tronchetto cilindrico interposto tra valvola di ritegno e d intercettazione, così costituito ed equipaggiato: - DN derivazione Ø 15 mm, - coppia di pressostati per ogni pompa principale, di cui 1 di riserva, installati idraulicamente in parallelo (1), collegati in modo tale che ciascun pressostato avvii la pompa, (1) variazione introdotta con norma del Maggio 2009; in precedenza con contatti chiusi collegati elettricamente in serie ai rispettivi quadri L intero circuito deve essere almeno di 15 mm (Quesito n 32 UNI / TR )

45 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Gruppo pressostati pompa principale ( fig. 6 e /.3) (seguito) - valvola d intercettazione dei due pressostati e del manometro, - manometro, - valvola di scarico in vasca (per prova), - circuito bypass per assicurare la rilevazione della caduta di pressione da parte dei pressostati anche in caso di chiusura accidentale della valvolina d intercettazione posta sulla derivazione, - valvola di ritegno nel circuito bypass per consentire la disconnessione dei pressostati e del manometro in caso di esigenze di manutenzione.

46 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Motore Diesel ( , , costruzione / equipaggiamento) Senza dispositivi che ne impediscano l avviamento automatico. Quando presente, la cinghia che aziona la ventola di raffreddamento, deve essere doppia. Deve partire entro 15 secondi dal comando anche alla temperatura minima di +5 C (ancorché la norma imponga una temperatura ambiente non inferiore a + 10 C).

47 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Motore Diesel ( , , costruzione / equipaggiamento) Con sensori o dispositivi per rilevare e segnalare al quadro motopompa: - avaria nel motorino di avviamento - velocità di esercizio del motore diesel I pressostati o sensori, per esempio quelli sull impianto di lubrificazione del motore o all uscita della pompa dell acqua, non devono essere utilizzati come dispositivo per togliere energia al motorino di avviamento.

48 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Motore Diesel ( , , costruzione / equipaggiamento) Deve essere in grado di funzionare in modo continuativo a pieno carico, con una potenza nominale continua in conformità con la ISO 3046 N: Potenza per servizio autotrazione DIN /1269/CEE - ISO 1585 NB: Potenza continua non sovraccaricabile DIN ISO NA: Potenza continua sovraccaricabile 10% DIN ISO C: Consumo specifico (in curva NB)

49 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Motore Diesel - Utensili e pezzi di ricambio ( ) Devono essere forniti una serie di utensili, raccomandati dai fornitori del motore e della pompa, insieme ai seguenti pezzi di ricambio: a) due serie di elementi filtranti e relative guarnizioni per il carburante, b) due serie di elementi filtranti e relative guarnizioni per l olio lubrificante, c) due serie di cinghie (se utilizzate), d) una serie completa di raccordi, guarnizioni e flessibili del motore, e) due ugelli degli iniettori.

50 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Alimentazione elettrica dei quadri per pompe principali L alimentazione per il quadro di controllo della pompa deve essere dedicata esclusivamente al gruppo di pompaggio sprinkler. Dove è consentito dal gestore della rete elettrica l alimentazione per il quadro di controllo della pompa deve essere presa a monte dell interruttore generale dell alimentazione dei fabbricati. ( ) Tutti i cavi devono essere protetti contro il fuoco e i danni meccanici, mediante pareti, tramezzi o pavimenti con una resistenza al fuoco non minore di 60 min. ( )

51 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Alimentazione elettrica dei quadri per pompe principali (seguito) I cavi di collegamento tra sorgente di alimentazione e pannello di controllo pompa devono essere dimensionati per una corrente pari al 150% della massima corrente a pieno carico. ( ) Ad eccezione dei casi in cui si utilizzano le pompe sommerse, il quadro di controllo della pompa deve essere situato nello stesso compartimento del motore elettrico e della pompa. ( )

52 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Quadri elettrici per pompe principali Parte comune ( , ) - Deve essere predisposto per il collegamento all interruttore a galleggiante del serbatoio di adescamento, nel caso in cui questo richieda il reintegro del livello al quale è preposta la pompa principale. - Una volta entrata in funzione, quale ne sia la causa, anche su richiesta di avviamento del sistema di adescamento, la pompa può essere arrestata solo manualmente dall operatore. Non è possibile arrestare la pompa in automatico dopo una partenza richiesta dal galleggiante d'adescamento, anche se il livello nel serbatoio si sia ristabilito (Quesito n 1 UNI/TR 11365:2010)

53 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Quadri elettrici per pompe principali (seguito) Quadro elettropompa ( , ) - Contattori dimensionati in categoria AC-3 (1) ( cicli annuali di manovra). - Spie luminose e contatti puliti per remotaggio dei segnali ottici e acustici: - Richiesta di avviamento - Pompa in funzione - Mancato avviamento (guasto) - Alimentazione non disponibile Tipo di allarme: B A B B Livelli di allarme: A- allarme di incendio B- allarme di guasto (1) variazione introdotta con norma del Maggio 2009; in precedenza AC-4 (+ 25 % AC-3)

54 Stazioni di pompaggio secondo UNI EN Quadri elettrici per pompe principali (seguito) Quadro motopompa ( , ) - Sportello frangibile per l avviamento manuale di emergenza tramite due pulsanti collegati alle rispettive batterie. - Deve essere previsto un selettore a chiave per l esclusione del funzionamento automatico ma che riporti un segnale d allarme nel caso in cui il selettore stesso rimanga sulla posizione di esclusione. - Deve gestire la commutazione ciclica dell impulso dalle batterie al motorino d avviamento.

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Serie GEN con Motopompe. 50 Hz

Serie GEN con Motopompe. 50 Hz Hz Serie GEN con Motopompe GRUPPI DI PRESSIONE ANTINCENDIO EN 1284, ELETTROPOMPE CON MOTORI AD ALTA EFFICIENZA E MOTOPOMPE CENTRIFUGHE ORIZZONTALI SERIE FHF e SHF Cod. 19146 Rev ev.a.a Ed.11/211 2 SOMMARIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

Manuale - parte 1. Descrizione del generatore e istruzioni per l uso. Generatore Marine Panda 8000 NE Tecnologia silenziosissima

Manuale - parte 1. Descrizione del generatore e istruzioni per l uso. Generatore Marine Panda 8000 NE Tecnologia silenziosissima Manuale - parte 1 Descrizione del generatore e istruzioni per l uso Generatore Marine Panda 8000 NE Tecnologia silenziosissima 230V - 50 Hz / 6,5 kw Icemaster Fischer Panda 25 20 10 10 10 since 1977 Icemaster

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

Motori Diesel raffreddati ad aria. 12.0-26.0 kw

Motori Diesel raffreddati ad aria. 12.0-26.0 kw Motori Diesel raffreddati ad aria 12.026.0 kw Motori Diesel raffreddati ad aria 12.026.0 kw EQUIPGGIMENTO STNDRD vviamento elettrico con motorino e alternatore 12V Comando acceleratore a distanza Pressostato

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) FILTI OLEODINMICI Serie F-1 Filtri con cartuccia avvitabile (spin-on) Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFP T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFP

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg PC 15R-8 PC15R-8 PC15R-8 M INIESCAVATRE PTENZA NETTA SAE J149 11,4 kw - 15, HP PES PERATIV Da 1.575 kg a 1.775 kg M INIESCAVATRE LA TECNLGIA PRENDE FRMA Frutto della tecnologia e dell esperienza KMATSU,

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 24 EL CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.01 A - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO... 30R0032/0... 02-99... IT... MANTELLATURA

Dettagli

NE FLUSS 20 EL PN CE

NE FLUSS 20 EL PN CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 A - CE 0063 AQ 2150 MANTELLATURA 7 3 1 102 52 101 99-97 83 84-64 63 90 139 93 98 4 5

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Da trent anni lavoriamo in un clima ideale. Un clima che ci ha portato ad essere leader in Italia nel riscaldamento e raffrescamento radianti e ad ottenere,

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore

Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore sensonic II Contatori di calore 2 Indice sensonic II Tecnologia innovativa orientata al futuro 4 Scelta del contatore versione orizzontale 6

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Pressostati e termostati, Tipo CAS

Pressostati e termostati, Tipo CAS MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Opuscolo tecnica Pressostati e termostati, Tipo CAS La serie CAS consiste di una serie di interruttori controllati mediante pressione e di interruttori controllati mediante

Dettagli

La direttiva europea sull eco-design OGNI GIORNO SEMINIAMO TECNOLOGIA PER LA VITA

La direttiva europea sull eco-design OGNI GIORNO SEMINIAMO TECNOLOGIA PER LA VITA La direttiva europea sull eco-design OGNI GIORNO SEMINIAMO TECNOLOGIA PER LA VITA 2020. Ci aspetta un grande obiettivo La direttiva Eco-design. 02 Nel 2005 l Unione Europea ha approvato la nuova direttiva

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO

NE FLUSS 20 CE LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO LISTA PEZZI DI RICAMBIO SPARE PART LIST ERSATZSTEILE LISTE PIECES DETACHES LISTA PIEZAS DE REPUESTO Appr. nr. B94.02 T - CE 0063 AQ 2150 Appr. nr. B95.03 T - CE 0063 AQ 2150 CODICE EDIZIONE MERCATO VISTO...

Dettagli