corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it"

Transcript

1 corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli

2 INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari concentrato in un determinato punto della linea ferroviaria e destinato al servizio viaggiatori e/o al servizio merci e a operazioni inerenti l'esercizio della linea. Ogni stazione: regola la circolazione dei treni (essendo dotata di impianti che consentono di effettuare le precedenze e gli incroci dei treni) organizza i servizi destinati al pubblico U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 2

3 INTRODUZIONE Definizioni Nelle stazioni si svolgono le seguenti funzioni: arrivo e partenza dei viaggiatori; ricevimento e spedizione delle merci; attività per l'esercizio dei treni operazioni di movimentazione dei treni (circolazione, incroci e precedenze, riordino e formazione dei convogli, smistamento ecc.), operazioni sui veicoli (sosta, manutenzione, rifornimenti) operazioni sul materiale di trazione. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 3

4 CLASSIFICAZIONE Elementi di classificazione Per quanto concerne la classificazione delle stazioni ferroviarie è possibile individuare un'ampia casistica: importanza e/o dimensione; posizione nei confronti della rete; specializzazione funzionale; ubicazione o configurazione dei fabbricati viaggiatori; collocazione del piano del ferro; presenziamento; ecc U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 4

5 CLASSIFICAZIONE Elementi di classificazione A seconda della loro dimensione e importanza si hanno: posti di movimento; fermate; piccole stazioni; medie stazioni; grandi stazioni. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 5

6 DIMENSIONE Posti di movimento Le località di servizio che svolgono solo funzioni interne al sistema ferroviario senza essere adibite al servizio pubblico sono denominate posti di movimento. Essi sono caratterizzati dalla presenza dei soli fabbricati tecnici dove sono allocate le apparecchiature per la manovra degli scambi e dei segnali e locali di servizio da utilizzarsi in caso di presenziamento dell impianto. Tali impianti intervengono nella regolazione della circolazione e vengono utilizzati come ricovero per i treni cantiere di manutenzione dei binari e della linea aerea. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 6

7 DIMENSIONE Fermate Le fermate svolgono solamente servizio pubblico senza intervenire nella regolazione della circolazione. Sono costituite da uno (a) o due (b) binari ove i treni sostano unicamente per consentire la salita e la discesa dei viaggiatori. In genere le fermate sono attrezzate con un piccolo fabbricato viaggiatori e dei marciapiedi; possono essere presenziate o meno. Normalmente sono formate da un fabbricato avente un numero molto limitato di locali, di cui uno centrale per il pubblico (che funge contemporaneamente da atrio e sala d'aspetto), un altro che serve da biglietteria oltre ad alcuni locali di servizio. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 7

8 DIMENSIONE Fermate Esempio Fermata di Tor Vergata U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 8

9 DIMENSIONE Piccole Stazioni Le piccole stazioni organizzano un numero limitato di binari che svolgono operazioni inerenti la circolazione (incroci e precedenze), sia per il servizio viaggiatori sia per il servizio merci. Le piccole stazioni sono sempre presenziate da un responsabile del movimento, preposto alla circolazione dei treni (e, conseguentemente, al funzionamento dei sistemi di controllo sicurezza) unitamente alle operazioni amministrative e a quelle del rapporto con il pubblico (biglietteria, accettazione merci ecc.). U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 9

10 DIMENSIONE Piccole Stazioni La posizione del binario in deviata nei confronti del Fabbricato Viaggiatori non è indifferente negli schemi che diversificano il binario di corsa da quello in deviata, per cui la scelta fra i differenti schemi va effettuata: in relazione al traffico che si ipotizza sulla linea; avendo presente che l itinerario di corretto tracciato è quello sul quale è conveniente ricevere il maggior numero di treni (che indifferentemente effettua fermata o solo transito) per questioni di manutenzione (il loro passaggio sollecita in misura minima gli scambi); considerando che gli itinerari in deviata impongono una limitazione alla velocità dei treni in transito, mentre sono ininfluenti sui movimenti dei treni con fermata. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 10

11 DIMENSIONE Piccole Stazioni In corrispondenza delle piccole stazioni i treni sfruttano comunemente, per le operazioni di sosta e di precedenza, binari di ricevimento affiancati ai binari di corsa (o di corretto tracciato), che possono essere promiscui (ovvero utilizzabili nelle due direzioni contrapposte di marcia) oppure distinti. BINARIO DI CORSA PROMISCUO: BINARIO DI CORSA DISTINTO: U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 11

12 DIMENSIONE Piccole Stazioni Le stazioni che dispongono di un unico binario di corsa lo hanno, in genere, posizionato frontalmente al fabbricato viaggiatori, pur se la soluzione comporta dei flessi al tracciato dei binari di corretto tracciato. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 12

13 DIMENSIONE Piccole Stazioni Nelle piccole stazioni con doppi binari in deviata, distinti per senso di marcia, si provvede a localizzarli esternamente a quelli di corretto tracciato, sempre frontalmente al fabbricato viaggiatori. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 13

14 DIMENSIONE Piccole Stazioni Il ruolo per la regolazione dell esercizio ferroviario (1/2) U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 14

15 DIMENSIONE Piccole Stazioni Il ruolo per la regolazione dell esercizio ferroviario (2/2) U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 15

16 DIMENSIONE Pensiline e sottopassaggi U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 16

17 DIMENSIONE Medie Stazioni Le medie stazioni collegano centri urbani di media grandezza, in genere capoluoghi di provincia. Le stazioni di questo livello svolgono il ruolo di origine e termine dei treni e pertanto, oltre ai servizi per i viaggiatori e le merci, devono essere spesso dotate di spazi coperti per il deposito del materiale rotabile in sosta e per la manutenzione dei mezzi di trazione. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 17

18 DIMENSIONE Medie Stazioni In presenza di un traffico consistente il numero dei binari di circolazione aumenta e, oltre determinate soglie, si rende necessaria una maggiore specializzazione della rete e dei servizi annessi; in particolare si richiede una distinzione fra il piazzale per il servizio viaggiatori e quello per il servizio merci. Per il primo tipo di traffico si provvede distanziando i binari, dotandoli di marciapiedi di adeguata larghezza (serviti da pensiline e sottopassaggi); per il secondo tipo di traffico si provvede raggruppando i binari di servizio in fasci razionalmente organizzati. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 18

19 DIMENSIONE Grandi Stazioni Le grandi stazioni in genere fanno capo a città capoluogo di regione. In esse normalmente convergono più linee che comprendono i binari per il ricevimento dei treni viaggiatori, i binari di deposito, pulizia e composizione dei convogli, i fasci di binari per ricevimento e composizione dei treni merci, gli impianti di trazione ecc. Le grandi stazioni sono composte: da un grande numero di binari da numerosi servizi per il pubblico organizzati nel fabbricato viaggiatori vari impianti di piazzale (marciapiedi, pensiline,rampe pedonali, scale, sottopasssaggi ecc.) da tutto il complesso di attrezzature tecniche indispensabili per gestire il traffico ferroviario nell'ambito del piazzale interno ed esterno. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 19

20 DIMENSIONE Grandi Stazioni Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 20

21 POSIZIONE DELLA RETE Elementi di classificazione Dal punto di vista della posizione della stazione nei confronti della rete le stazioni possono distinguersi in: stazioni di testa; stazioni passanti; stazioni miste. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 21

22 POSIZIONE DELLA RETE Stazioni di testa Le stazioni di testa sono delle grandi stazioni situate all origine di una o più linee, costituite da uno o più fasci di binari tronchi tutti dotati di marciapiede sul quale viene effettuato il servizio viaggiatori, e da un insieme di fasci sussidiari destinati al ricovero ed alla composizione dei treni, deposito, pulizia delle carrozze, ecc. Le stazioni di testa sono particolarmente indicate quando la maggior parte del traffico che vi gravita ha in esse origine o destinazione, mentre impone al traffico passante l onerosa manovra del cambio trazione. La progressiva espansione dei treni bidirezionali ha soppresso la necessità del cambio di locomotore riducendo, ma non eliminando completamente, i perditempi connessi all inversione del senso di marcia del treno. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 22

23 POSIZIONE DELLA RETE Stazioni di testa Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 23

24 POSIZIONE DELLA RETE Stazioni di testa Esempio Milano Centrale U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 24

25 POSIZIONE DELLA RETE Stazioni di testa Esempio Firenze S.M.N. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 25

26 POSIZIONE DELLA RETE Stazioni passanti Le stazioni passanti sono situate lungo le linee. I fasci passanti delle linee possono essere indipendenti o collegati mediante una coppia di radici poste alle due estremità che conferiscono elasticità all esercizio dell impianto permettendo di passare da qualsiasi provenienza a qualsiasi destinazione. Alcuni binari, privi di marciapiedi, possono essere riservati ai movimenti di servizio e per il ricovero dei veicoli e per svolgervi le operazioni di approntamento dei treni. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 26

27 POSIZIONE DELLA RETE Stazioni passanti Esempio - Hannover U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 27

28 POSIZIONE DELLA RETE Stazioni miste Nelle stazioni miste coesistono fasci passanti, interessati dal traffico di attraversamento, e fasci tronchi. Tale articolazione del piano del ferro facilita la differenziazione dei servizi in funzione della specificità del traffico: lunga distanza (normalmente svolto sul fascio passante) locale (normalmente svolto sul fascio tronco) U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 28

29 POSIZIONE DELLA RETE Stazioni miste Esempio Bologna Centrale (1/2) U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 29

30 POSIZIONE DELLA RETE Stazioni miste Esempio Bologna Centrale (2/2) fascio passante fascio tronco U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 30

31 PIANO DEL FERRO Elementi di classificazione Dal punto di vista della collocazione del piano del ferro nei confronti del piano stradale le stazioni possono distinguersi in: stazioni a raso, in cui il piano del ferro è alla stessa quota del piano stradale; stazioni in viadotto, in cui il piano del ferro è sopraelevato rispetto al piano stradale; stazioni in galleria, in cui il piano del ferro è interrato rispetto al piano stradale; stazioni multilivello, in cui il piano del ferro è sviluppato su più piani. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 31

32 PIANO DEL FERRO Stazioni a raso Esempio Firenze Campo Marte U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 32

33 PIANO DEL FERRO Stazioni in viadotto Le stazioni sopraelevate rispetto al piano stradale sono generalmente stazioni passanti in contesti urbani, e pertanto più invasive e meno compatte rispetto a quelle di testa, in cui il dislivello ha la funzione di limitare il condizionamento dello sviluppo intorno della città. Generalmente sotto tali stazioni è consentito il passaggio del traffico stradale attraverso dei passaggi filtranti. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 33

34 PIANO DEL FERRO Stazioni in viadotto Esempio Pescara Centrale U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 34

35 PIANO DEL FERRO Stazioni in viadotto Esempio Roma Fiumicino U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 35

36 PIANO DEL FERRO Stazioni in galleria Sempre per eliminare condizionamenti sul tessuto urbano, alcune stazioni di dimensioni minori possono essere totalmente o in parte interrate. Un esempio è rappresentato dalla fermata di San Remo in cui è stato scelto di interrare completamente gli impianti ferroviari e far emergere in superficie solamente parte del Fabbricato Viaggiatori in cui i locali tecnici e le sale di aspetto sono sotterranee. Tra le stazioni interrate vanno, ovviamente, annoverate quelle metropolitane. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 36

37 PIANO DEL FERRO Stazioni in galleria Esempio Fermata di San Remo U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 37

38 PIANO DEL FERRO Stazioni in galleria Stazioni metropolitane - Tipologie U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 38

39 DIMENSIONAMENTO Stazioni multilivello Le stazioni multilivello nascono dall esigenza di far confluire in un unico nodo strategico un insieme di diversi servizi su ferro (Alta Velocità, i trasporti di lunga percorrenza, i trasporti regionali, quelli metropolitani) o modi diversi (trasporti urbani di superficie, metropolitane leggere, ecc.). Si è quindi recentemente affermata la tendenza di realizzare stazioni su più piani sovrapposti, ciascuno dedicato ad un singolo sistema, la cui stretta comunicazione è volta a favorire l intermodalità e le politiche di park-and-ride (auto+pacheggi di scambio+ trasporto collettivo) attualmente in uso nelle grandi aree metropolitane. U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 39

40 PIANO DEL FERRO Stazioni multilivello Esempio Gare de Lyon (Parigi) U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 40

41 PIANO DEL FERRO Stazioni multilivello Esempio Parigi nord U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 41

42 PIANO DEL FERRO Stazioni multilivello Esempio Progetto della Bologna Centrale Progetto (1994) della nuova stazione Centrale di Bologna per l inserimento delle linee AV: in posizione complanare al piano stradale servizi regionali; nel sottosuolo (a 8,5 m dal piano stradale) spazio di connessione con il tessuto urbano costituito da: - servizi viaggiatori, - servizi complementari, - attrezzature culturali e ricettive; nel sottosuolo (a 23 m dal piano stradale) servizi AV; U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 42

43 DIMENSIONAMENTO Dimensionamento di una stazione Primo dimensionamento (1/2) Il dimensionamento di una stazione e dei suoi elementi costitutivi è un problema complesso, soprattutto con la recente trasformazione funzionale della stazione dovuta all introduzione di servizi e attività (principalmente commerciali) non strettamente connesse alla funzione trasportistica. RIPARTIZIONE DELLE SUPERFICI PER TIPOLOGIA DI SERVIZI: Sulla scorta dell esame dei più recenti progetti di grandi stazione, è possibile indicare le seguenti ripartizioni tra: 10% - funzioni legate all esercizio (regolazione della circolazione, assistenza tecnica ai treni, manutenzione impianti, ecc.) 40% - servizi primari (strutture connesse al trasporto) (atrio, biglietterie, informazioni, sale d attesa, sicurezza, ecc.) 50% - servizi secondari (ristorazione, attività commerciali, attività terziarie rivolte alla città, ecc.) U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 43

44 DIMENSIONAMENTO Dimensionamento di una stazione Primo dimensionamento (2/2) Viaggiatori nell ora di punta (n) Atrio (m 2 /viag.) 1 0,9 0,8 0,7 0,6 0,55 0,5 0,45 0,4 Sale d attesa (m 2 /viag.) 0,2 0,19 0,18 0,17 0,16 0,15 0,13 0,11 0,1 Informazioni (m 2 /viag.) 0,1 0,095 0,09 0,085 0,08 0,075 0,07 0,06 0,05 Sportelli biglietteria (n) Spogliatoi personale (m 2 ) Deposito bagagli (m 2 /viag.) 0,1 0,095 0,09 0,085 0,08 0,075 0,07 0,06 0,05 Servizi igienici (m 2 /viag.) 0,15 0,14 0,13 0,12 0,11 0,10 0,09 0,08 0,07 DA SOTTOPORRE A VERIFICA FUNZIONALE TRAMITE MICROSIMULAZIONE U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 44

45 DIMENSIONAMENTO SCENARIO 0 (situazione attuale) Dimensionamento di una stazione Verifica funzionale tramite microsimulazione - Esempi Napoli Cent. Ipotesi di base: -Periodo della simulazione 7,00-9,30 -Tutti i convogli arrivano/partono secondo l'orario di esercizio -I viaggiatori sono disrtibuiti in maniera uniforme sui convogli Circumvesuviana MB_BA_01 Rete Esterna Napoli P.zza Garibaldi U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 45

46 DIMENSIONAMENTO Dimensionamento di una stazione Verifica funzionale tramite microsimulazione - Esempi U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 46

47 DIMENSIONAMENTO Dimensionamento di una stazione Verifica funzionale tramite microsimulazione - Esempi U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 47

48 DIMENSIONAMENTO Dimensionamento di una stazione Verifica funzionale tramite microsimulazione - Esempi U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 48

49 FABBRICATO VIAGGIATORI Fabbricato viaggiatori Piccole stazioni U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 49

50 FABBRICATO VIAGGIATORI Fabbricato viaggiatori Medie stazioni U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 50

51 FABBRICATO VIAGGIATORI Fabbricato viaggiatori Grandi stazioni U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 51

52 FABBRICATO VIAGGIATORI Fabbricato viaggiatori Grandi stazioni (aree metropolitane) U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 52

53 FABBRICATO VIAGGIATORI Fabbricato viaggiatori Sala d aspetto (1/2) U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 53

54 FABBRICATO VIAGGIATORI Fabbricato viaggiatori Sala d aspetto (2/2) U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 54

55 FABBRICATO VIAGGIATORI Fabbricato viaggiatori Biglietteria U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 55

56 FABBRICATO VIAGGIATORI Fabbricato viaggiatori Ufficio informazioni U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 56

57 Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 57

58 Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 58

59 Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 59

60 Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 60

61 Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 61

62 Esempio Roma Termini - Atrio U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 62

63 Esempio Roma Termini - Atrio U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 63

64 Esempio Roma Termini Atrio & strutture ristorazione U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 64

65 Esempio Roma Termini Accesso binari & servizi U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 65

66 Esempio Roma Termini - Biglietteria U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 66

67 Esempio Roma Termini - Servizi U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 67

68 Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 68

69 Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 69

70 Esempio Roma Termini U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 70

71 Esempio Roma Termini Piazzale di stazione U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 71

72 Esempio Roma Termini Analisi dei flussi passeggeri U. Crisalli - Terminali ed Impianti dei Trasporti 72

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

Te. 02.884.50208/9 Fax: 02.884.50062

Te. 02.884.50208/9 Fax: 02.884.50062 Segreteria Tecnica del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Piazzale Porta Pia 1 00100 Roma p.c.: Assessore ai Trasporti e Mobilità Prof. Goggi Assessore all Urbanistica e Edilizia Privata Dott.

Dettagli

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica a.a. 2008-2009 GLI AEROPORTI GLI AEROPORTI parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica INFRASTRUTTURE PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Aree attrezzate per consentire la movimentazione,

Dettagli

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster)

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster) Documento per la stampa Allegato al Comunicato Stampa n. 45 del 5 novembre 2014 Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Franco Mazzetto * La stazione ferroviaria: da contenitore multifunzionale ad occasione di rigenerazione urbana

Franco Mazzetto * La stazione ferroviaria: da contenitore multifunzionale ad occasione di rigenerazione urbana Seminario Nuove opere di mobilità e riqualificazione urbana organizzato da Franco Mazzetto * La stazione ferroviaria: da contenitore multifunzionale ad occasione di rigenerazione urbana * Architetto, urbanista

Dettagli

Manuale degli Annunci sonori

Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori DICEMBRE 2007 AGGIORNAMENTO GIUGNO 2011 A cura di RFI - Rete Ferroviaria Italiana SpA Progetto Grafico di Ettore Festa, HaunagDesign Indice Definizioni

Dettagli

NUOV O A V A S TA T Z A IONE A V A V ROMA TIBURTINA

NUOV O A V A S TA T Z A IONE A V A V ROMA TIBURTINA NUOVA STAZIONE AV ROMA TIBURTINA L Alta Velocità italiana Malpen sa L avvento del trasporto AV-AC in Italia segna un nuovo paradigma per la mobilità sul nostro territorio. Dal13 dicembre 2009, 1000 km

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE 1 di 2 1 1 UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA RAGIONI DI INTERESSE Nascita ed evoluzione di un nuovo tipo edilizio Lettura

Dettagli

Ultimo Miglio: la manovra nei porti

Ultimo Miglio: la manovra nei porti Ultimo Miglio: la manovra nei porti I porti italiani in cui FerCargo è presente con i propri treni Venezia Trieste San Giorgio Di Nogaro Ravenna Savona Genova La Spezia Civitavecchia Napoli Gioia Tauro

Dettagli

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano MASTER PLANNING AEROPORTUALE Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano 1 1 Definizioni Aeroporto Cos è un aeroporto? - sistema complesso - infrastruttura attrezzata per

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre www.aeroportofrosinone.it AEROPORTO PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre Progetto Aeroporto Frosinone

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE Docente: Ing. Marinella Giunta Le linee possono essere a semplice

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Commissione ASSTRA Costi Standard ferroviari A cura dell Ing. Marco Barra Caracciolo Capillarità (km medi tra stazioni) 7,00 Posizionamento

Dettagli

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO NUOVA FERMATA DI BRUZZANO/BRUSUGLIO 1. spostamento della fermata di circa 500 m verso nord; 2. realizzazione di due banchine di 250 m, alte 55 cm sul p.f.,

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf)

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Settima Commissione consiliare MOBILITA E INFRASTRUTTURE Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Indagine conoscitiva

Dettagli

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Tecnica e pianificazione urbanistica AA 2012-13 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Bibliografia di riferimento: Isfort, Un futuro in costruzione, 8

Dettagli

Emilia ad Alta Velocità

Emilia ad Alta Velocità Mobilità in primo piano Emilia ad Alta Velocità Tre novità importanti per la regione: inaugurata parte della stazione Bologna centrale AV, la nuova stazione AV Mediopadana di Reggio Emilia e la fermata

Dettagli

www.cineca.it COME RAGGIUNGERE IL CINECA DI MILANO

www.cineca.it COME RAGGIUNGERE IL CINECA DI MILANO COME RAGGIUNGERE IL CINECA DI MILANO La sede operativa di Milano si trova a: Segrate, in via Raffaello Sanzio, 4 (entrata pedonale via Cellini) 20090 SEGRATE MI tel. +39 02 269951 - fax +39 02 2135520

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Sistemi di trasporti 132 132 132 Tecnologie informatiche, dell automazione e della comunicazione 66

Dettagli

IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO di Daniele Segre

IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO di Daniele Segre IL PASSANTE FERROVIARIO DI TORINO di Daniele Segre Ne sono passati di treni sotto i cavalcavia da quando, nel 1947, Giovanni Astengo presentò uno studio per il nuovo Piano Regolatore di Torino con il motto

Dettagli

LA LOGISTICA DELLE AUTO

LA LOGISTICA DELLE AUTO CORRIERI ZÜST AMBROSETTI LA LOGISTICA DELLE AUTO Il trasporto degli autoveicoli, analizzato attraverso il caso della Züst Ambrosetti, rappresenta uno dei primi esempi di specializzazione, nei mezzi e nelle

Dettagli

SERVIZIO FERROVIARIO METROPOLITANO LINEA 5: ORBASSANO TORINO STURA/ CHIVASSO FM5

SERVIZIO FERROVIARIO METROPOLITANO LINEA 5: ORBASSANO TORINO STURA/ CHIVASSO FM5 SERVIZIO FERROVIARIO METROPOLITANO LINEA 5: ORBASSANO TORINO STURA/ CHIVASSO FM5 Osservatorio Torino Lione mercoledì 22 gennaio 2014 SERVIZIO FERROVIARIO METROPOLITANO 2008 - Accordo di programma per la

Dettagli

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Trenitalia S.p.A. Risorse Umane Nord Ovest Dott. Manuela Rossi Milano Direzione

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli Possibili scenari per la mobilità in Basilicata Accessibilità interna ai centri urbani IL CASO «POTENZA» 2% 2% Giudizio sul bus urbano 1) scadente 20% 35% 2) sufficiente OK=63% 3) buono 4) ottimo 22% 6%

Dettagli

6420 R 1 febbraio 2011 TERRITORIO

6420 R 1 febbraio 2011 TERRITORIO 6420 R 1 febbraio 2011 TERRITORIO della Commissione della gestione e delle finanze sul messaggio 23 novembre 2010 concernente la richiesta di un credito di Fr. 8'740 000 quale partecipazione del Cantone

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

CAPITOLO 5 SERVIZI. 5.1 STRUTTURA LEGALE vedi capitolo 1 5.2 CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI

CAPITOLO 5 SERVIZI. 5.1 STRUTTURA LEGALE vedi capitolo 1 5.2 CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI CAPITOLO 5 SERVIZI 5.1 STRUTTURA LEGALE vedi capitolo 1 5.2 CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI 5.2.1 PACCHETTO MINIMO DI ACCESSO Trattamento delle richieste di capacità di infrastruttura ai fini della conclusione

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l art. 87 della Costituzione; Vista la legge 30

Dettagli

La gestione e la fruizione di infrastrutture territoriali complesse: Prodotti, Servizi, Soluzioni

La gestione e la fruizione di infrastrutture territoriali complesse: Prodotti, Servizi, Soluzioni Milano, 9 Febbraio 2009 Assolombarda Mobility Conference La gestione e la fruizione di infrastrutture territoriali complesse: Prodotti, Servizi, Soluzioni LA SOCIETA Pag. 1 Chi siamo e dove siamo Pag.

Dettagli

LA NUOVA ITALIA DEI NODI E DELLE STAZIONI

LA NUOVA ITALIA DEI NODI E DELLE STAZIONI PROGETTI STAZIONI ITALIANE LA NUOVA ITALIA DEI NODI E DELLE STAZIONI Dalla politica di valorizzazione del patrimonio immobiliare delle Ferrovie dello Stato nasce una strategia di riassetto globale delle

Dettagli

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI)

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) Bologna: 09/04/2013 I clienti di RFI q Le Imprese Ferroviarie q I Clienti nelle Stazioni q Le PRM (Persone

Dettagli

Nuova S = singola vettura, singola zona (per composizione) composizione

Nuova S = singola vettura, singola zona (per composizione) composizione UP / UF / HP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: veicoli D2-It pag. 1/8 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (ferrovie a scartamento normale [N] e a scartamento ridotto

Dettagli

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE

VADEMECUM PER L ENTE GESTORE VADEMECUM PER L ENTE GESTORE Questo vademecum si rivolge agli enti gestori del trasporto pubblico e fornisce loro alcune indicazioni per migliorare il servizio offerto al passeggero disabile. TRASPORTO

Dettagli

Firenze,9 giugno 2014. Regolamento STI-PRM. Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta

Firenze,9 giugno 2014. Regolamento STI-PRM. Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta Firenze,9 giugno 2014 Regolamento STI-PRM Per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta Regolamento 2 La convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle persone con Disabilità Considerando.

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Comune: Lugo Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 9-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r.

Dettagli

Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata

Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata 1 2 3 4 Nasce la Marconi Express, società di progetto per la realizzazione del People Mover 14/01/2010 Si chiama MARCONI

Dettagli

L'impegno del Gruppo Ferrovie dello Stato in Campania 1^ PRINCIPALI PROGETTI DI INVESTIMENTO DA PARTE DI RETE FERROVIARIA ITALIANA IN CAMPANIA

L'impegno del Gruppo Ferrovie dello Stato in Campania 1^ PRINCIPALI PROGETTI DI INVESTIMENTO DA PARTE DI RETE FERROVIARIA ITALIANA IN CAMPANIA L'impegno del Gruppo Ferrovie dello Stato in Campania 1^ PRINCIPALI PROGETTI DI INVESTIMENTO DA PARTE DI RETE FERROVIARIA ITALIANA IN CAMPANIA PAG. 2 2^ PRINCIPALI PROGETTI DI INVESTIMENTO DA PARTE DI

Dettagli

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità.

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità. Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6 Elementi di fattibilità Ottobre 2011 Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la

Dettagli

Struttura del trasporto merci

Struttura del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Struttura del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica MERCI

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE AEROPORTI & FRANCOFORTE NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE Con la recente inaugurazione del nuovo terminal 2 il maggiore scalo tedesco guarda al futuro del trasporto aereo, affidandosi a un complesso

Dettagli

Sistema di video conteggio automatico per la rilevazione dei flussi di persone e veicoli. un sistema by 1. 2. 3. Veicoli. Visitatori.

Sistema di video conteggio automatico per la rilevazione dei flussi di persone e veicoli. un sistema by 1. 2. 3. Veicoli. Visitatori. Sistema di video conteggio automatico per la rilevazione dei flussi di persone e veicoli un sistema by 1. 2. 3. Veicoli Visitatori Passeggeri AViCS Artificial Vision Counting System Il sistema di conteggio

Dettagli

IL TRASPORTO FERROVIARIO

IL TRASPORTO FERROVIARIO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato del Turismo, delle Comunicazioni e dei Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni IL TRASPORTO FERROVIARIO ANNO 2003 Acquisizione ed elaborazione

Dettagli

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni La problematica sugli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle

Dettagli

VADEMECUM DEL VIAGGIATORE CON DISABILITÀ

VADEMECUM DEL VIAGGIATORE CON DISABILITÀ VADEMECUM DEL VIAGGIATORE CON DISABILITÀ Il vademecum del viaggiatore è un insieme di consigli e suggerimenti per il passeggero con disabilità che decide di utilizzare i mezzi di trasporto pubblico in

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Guido Porta LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e Privato possono vincere insieme Genova, 30 novembre 2007 I.Log è una società nata per

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Franco De Angelis LE STAZIONI NELLE NUOVE AREE METROPOLITANE

Franco De Angelis LE STAZIONI NELLE NUOVE AREE METROPOLITANE Franco De Angelis LE STAZIONI NELLE NUOVE AREE METROPOLITANE Premessa Le stazioni ferroviarie hanno rivestito un ruolo fondamentale nell'urbanistica dell'ottocento e del primo Novecento. Al di là della

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO

PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO RELAZIONE TECNICA PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO A cura dell Ufficio Mobilità del Comune di Bolzano Ripartizione 5. Pianificazione e Sviluppo del 1.

Dettagli

Giornata Nazionale dell Economia

Giornata Nazionale dell Economia Giornata Nazionale dell Economia Logistica e Infrastrutture al servizio del Territorio 15 Maggio 2008 1 ALCUNE RIFLESSIONI DI CONTESTO IL VALORE AGGIUNTO DELLA LOGISTICA LA PROVINCIA DI LATINA 2 A PROPOSITO

Dettagli

Conferenza Programmatica PD ROMA Ottobre 2014

Conferenza Programmatica PD ROMA Ottobre 2014 Conferenza Programmatica PD ROMA Ottobre 2014 Il sistema multimodale dei trasporti: Comune di Roma, di Fiumicino e Aeroporto Internazionale di Roma Leonardo da Vinci Introduzione Lo studio ha come obiettivo

Dettagli

REFERENZE Propenta Ingegneria S.r.l. (ex Studio Tecnico di Ingegneria Leonardi)

REFERENZE Propenta Ingegneria S.r.l. (ex Studio Tecnico di Ingegneria Leonardi) REFERENZE Propenta Ingegneria S.r.l. (ex Studio Tecnico di Ingegneria Leonardi) 1997 1998 1999 2000 2001 Oggetto: analisi fisica e statistica dei dati sperimentali nell ambito dei progetti europei SBI

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Impianti di stazione. Corso TRASPORTI FERROVIARI, AEREI, NAVALI SLIDE 1

Impianti di stazione. Corso TRASPORTI FERROVIARI, AEREI, NAVALI SLIDE 1 1B Impianti di stazione Corso TRASPORTI FERROVIARI, AEREI, NAVALI SLIDE 1 LA STAZIONE FERROVIARIA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA: movimento dei treni sulla linea ferroviaria ( strada ferrata ) in base a modalità

Dettagli

Roma, novembre 2008. Alta velocità eoctà. Strettamente riservato Uso esclusivo Ferrovie dello Stato

Roma, novembre 2008. Alta velocità eoctà. Strettamente riservato Uso esclusivo Ferrovie dello Stato Roma, novembre 2008 Alta velocità eoctà I corridoi Transeuropei 2 Domanda di traffico Densità abitanti Densità illuminazione Fonte: Columbia University NY Fonte: Royal Astronomical Society 3 Scenario macro

Dettagli

TRENI SPECIALI ITALO

TRENI SPECIALI ITALO TRENI SPECIALI ITALO VERSIONE 1.3 DEL 17/09/15 Soggetta a modifiche/integrazioni 1 990 SARà UNA GRANDE FESTA Si festeggeranno i 25 anni di carriera, i 25 anni di Ligabue, i 20 anni di Buon Compleanno Elvis

Dettagli

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Inquadramento di rete Investimenti Terzo Valico dei Giovi Potenziamento Nodo di Genova Marsiglia Ventimiglia Collegamento del sistema portuale

Dettagli

IL PASSANTE DI MILANO

IL PASSANTE DI MILANO MILANO FERROVIE IL PASSANTE DI MILANO Il collegamento ferroviario passante di Milano, al suo completamento, grazie a una linea di 10,4 chilometri in gran parte in galleria, e a sette stazioni, consentirà

Dettagli

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE )

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) MOBILITY CONFERENCE 2014 LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) Maria Berrini AU di AMAT, Agenzia Mobilità Ambiente Territorio, Comune di Milano Accessibilità EXPO Domanda e Ripartizione

Dettagli

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Nonostante nel Comune di Assemini siano presenti tre fermate della linea metropolitana, la zona più densamente popolata è anche quella meno servita dal collegamento

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 FORUM DI PREVENZIONE INCENDI 2012 Milano 26 Settembre 2012 Misure di prevenzione incendi per gli interporti: la guida tecnica,in fase di emanazione, per la progettazione e la realizzazione degli interporti.

Dettagli

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005 Evoluzione del sistema ferroviario Marsiglia, 29 marzo 2005 Progetti Prioritari della rete TEN e corridoi Paneuropei interessanti l Italia Tratti italiani del Progetto Prioritario 6 (TEN) e del Corridoio

Dettagli

MOBILITY CONFERENCE 2015

MOBILITY CONFERENCE 2015 MOBILITY CONFERENCE 2015 IL GOVERNO DELLE CITTÀ METROPOLITANE PER LA COMPETITIVITÀ DEL TERRITORIO Opportunità, nodi da sciogliere e possibili soluzioni per costruire la mobilità del futuro. Milano, 9 febbraio

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori La Gronda di Genova DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009 Quaderno degli attori Presentato da 17 marzo 2009 La Cisl di Genova, ritiene non più rinviabile l adeguamento e la costruzione di opere

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Corridoi del trasporto pubblico Eur-Tor de Cenci ed Eur Laurentina-Tor Pagnotta-Trigoria La mobilità

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. SAVE Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. SAVE Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2 Le aree di attività pag. 3 I risultati pag. 6 Il Gruppo in sintesi pag. 7 Venezia,

Dettagli

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P.

LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. LA TECNOLOGIA TELEPASS NELLA GESTIONE DELLE FLOTTE DI TRASPORTO PUBBLICO L APPLICAZIONE DELLA C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

Dettagli

Per ogni carrozza è previsto il posto per 1 solo utente in carrozzina. Un segnale acustico avvisa la chiusura porte delle carrozze.

Per ogni carrozza è previsto il posto per 1 solo utente in carrozzina. Un segnale acustico avvisa la chiusura porte delle carrozze. MINIMETRÒ È stato costruito dalla Leitner Ropeways S.p.A. di Vipiteno (BZ). È una funicolare con alcune peculiarità originali ed innovative. Il mini metrò è costituito da 25 vetture, che possono ospitare

Dettagli

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA 40 ANNI SUL MERCATO! RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA LOCOTRATTORI STRADA-ROTAIA ZEPHIR, MODERNI ED EFFICIENTI PER OPERARE NEI PIAZZALI DI MOVIMENTAZIONE FERROVIARIA TECNOLOGIA

Dettagli

I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI

I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI SISTEMI OPERATIVI S.R.L. SAN POLO, 2466/A 30125 VENEZIA TEL. 041 718519 FAX 041 5241758 e-mail: info@sistemioperativi.com http://www.sistemioperativi.com Venezia, luglio

Dettagli

PROFILO DEL GRUPPO Group overview

PROFILO DEL GRUPPO Group overview Group overview Lorem ipsum GRUPPO FNM. IL È TUTTO GRUPPO FNM FNM è il principale gruppo integrato nel trasporto e nella mobilità in Lombardia ed il più importante operatore non statale italiano nel settore.

Dettagli