DIREZIONE GENERALE Unità Organizzativa a Progetto per la gestione delle attività negoziali nell ambito del PON e dei Progetti Regionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE GENERALE Unità Organizzativa a Progetto per la gestione delle attività negoziali nell ambito del PON e dei Progetti Regionali"

Transcript

1 P.O.N. Ricerca & Competitività per le Regioni della Convergenza. PONa3_00053 finanziato a valere sull Asse I - Sostegno ai mutamenti strutturali. Obiettivo operativo Potenziamento delle strutture e delle dotazioni scientifiche e tecnologiche Azione I: Rafforzamento Strutturale DIREZIONE GENERALE Unità Organizzativa a Progetto per la gestione delle attività negoziali nell ambito del PON e dei Progetti Regionali CAPITOLATO TECNICO D APPALTO Cottimo fiduciario per Realizzazione, attivazione e manutenzione triennale di una Rete Metropolitana in fibra ottica per il collegamento delle sedi decentrate dell Università degli Studi di Foggia necessarie alla realizzazione del progetto PLatform for Agrofood Science and Safety (PL.A.S.S.). P.O.N. Ricerca & Competitività per le Regioni della Convergenza - Codice Progetto PONa3_00053 finanziato a valere sull Asse I - Sostegno ai mutamenti strutturali - Obiettivo operativo Potenziamento delle strutture e delle dotazioni scientifiche e tecnologiche - Azione I: Rafforzamento Strutturale Tale acquisto è così articolato: fornitura, posa in opera e collaudo. CIG: C33 CUP: D71D Pagina 1 di 14

2 SOMMARIO INTRODUZIONE OGGETTO DELL APPALTO UBICAZIONE DEGLI IMMOBILI MODALITA DI POSA IN OPERA POZZETTI ESISTENTI CARATTERISTICHE TECNICHE DELLA FIBRA OTTICA CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE DEL CAVO GIUNZIONE E TERMINAZIONE CAVI IN FIBRA OTTICA COLLAUDO DELL IMPIANTO MANUTENZIONE E GARANZIA DOCUMENTAZIONE ALLEGATI Pagina 2 di 14

3 INTRODUZIONE L Università degli Studi di Foggia intende realizzare una rete di trasmissione dati in fibra ottica per venire incontro alle crescenti esigenze in termini di connettività dei propri utenti. La rete consentirà all Università di collegare le proprie sedi, distribuite sul territorio cittadino, tra di loro e con il Centro Stella (CS) di Palazzo Ateneo, presso cui è situato il POP (Point-of-Presence) del GARR, che fornisce la connettività Internet all intero Ateneo. L Ateneo è già in possesso degli apparati attivi a cui attestare la fibra. Inoltre, sono disponibili per l infilaggio della fibra le tubazioni in uso per la pubblica amministrazione e canalizzazioni di proprietà dell Università degli Studi di Foggia che raggiungono dalla dorsale i locali tecnici di ogni sede. 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto in questione ha per oggetto la realizzazione e l attivazione di una rete metropolitana in fibra ottica per il collegamento delle sedi decentrate dell Università degli Studi di Foggia e relativa manutenzione triennale. Per il raggiungimento di tale obiettivo, potranno essere utilizzate le canalizzazioni dell illuminazione cittadina ed i rilegamenti già esistenti che conducono alle varie sedi universitarie. Inoltre, sono già disponibili degli apparati attivi sui quali attestare le terminazioni delle fibre ottiche presso i locali tecnici di ogni sede universitaria. Sono compresi nell appalto tutti i lavori, le prestazioni, le forniture e i materiali necessari per dare l opera completamente compiuta e con le caratteristiche tecniche e qualitative previste negli allegati costituenti parte integrante del capitolato dei quali il Fornitore dichiara di aver preso completa ed esatta conoscenza. Il Fornitore è tenuto a realizzare le opere a regola d arte, secondo le migliori tecniche conosciute, seguendo i criteri di buona economia ed in maniera da rispettare i termini e le modalità realizzative specificate nel presente Capitolato e relativi allegati. Pagina 3 di 14

4 Le infrastrutture esistenti e disponibili al Fornitore per la stesura della fibra sono composte da tubi lisci o corrugati di diametro da 65 a 100 mm, parzialmente occupate da cavi a bassa tensione della pubblica illuminazione e altro cavo in fibra ottica per la parte di dorsale, e da 50 a 125 mm per i rilegamenti verso le sedi universitarie, anch essi parzialmente occupati da cavo 8 fibre non armato. La dorsale è interrotta da pozzetti di giunzione in Cls di varie misure (90x70, 125x80, 40x40, 55x55) secondo le necessità. Il Fornitore dovrà procedere alla posa della fibra evitando la giunzione all interno dei pozzetti ed attestando le fibre direttamente sui box ottici (da fornire) posti all interno dei locali tecnici di ogni sede, poiché l Università di Foggia dispone già di canalizzazioni di sua proprietà che raggiungono detti locali. Sarà a carico del Fornitore la predisposizione e l ottenimento di tutte le pratiche amministrative presso gli enti preposti per l esecuzione dei lavori ed il pagamento di tutti gli oneri connessi, salvo quelli espressamente assunti dalla Committente a proprio carico. Per quanto attiene il servizio di manutenzione, esso è prestato per 3 (tre) anni a far data dal collaudo con esito positivo, e comprende tutte le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria a livello fisico sulla rete in fibra, in particolare il ripristino di tratte interrotte, degradate o tranciate e/o la riconnettorizzazione ai pannelli terminali posti presso le sedi utente, come meglio specificato al par. 5 del presente documento. 2. UBICAZIONE DEGLI IMMOBILI Il percorso in mappa è costituito dal tronco rosso, escluso lo sbraccio verso la Centrale Telecom comprendente il relativo sub-anello chiuso in corrispondenza del giunto G.1. Il percorso parte dalla sede di Scienze Motorie e attraversa nell ordine i giunti G.7, G.8, G.9, G.11, G.12, G.13, G.2, G.1, per terminare alla sede del Bioagromed. Riferimento in mappa Sede Indirizzo SCIENZE MOTORIE Scienze Motorie Viale Virgilio Pagina 4 di 14

5 UNIVERSITA DEGLI STUDI (ATENEO) Palazzo Ateneo Via Gramsci ECONOMIA Economia Via Caggese GIURISPRUDENZA Giurisprudenza Largo Papa Giovanni Paolo II,1 LETTERE2 / LETTERE1 Lettere e Scienze della Formazione Via Arpi FACOLTA DI AGRARIA Agraria Via Napoli OSPEDALI RIUNITI FACOLTA DI MEDICINA Medicina Via Napoli BIOAGROMED Bioagromed Via Napoli La lunghezza totale del percorso dalla sede di Scienze Motorie al Bioagromed è di circa mt, a cui vanno sommati i rilegamenti esistenti, per un totale complessivo di circa mt. 3. MODALITA DI POSA IN OPERA 3.1. Pozzetti esistenti All interno di ognuno dei pozzetti attraversati, al fine di impedire in tutti i modi l accesso a roditori o altri animali, il Fornitore provvederà all installazione di flange metalliche di chiusura Caratteristiche tecniche della fibra ottica Le fibre da posare devono rispondere alle caratteristiche riportate negli standard ITU-T G.652D e IEC B1.3. La singola tratta che congiunge due punti deve essere obbligatoriamente realizzata con la medesima tipologia di fibra ottica. Pagina 5 di 14

6 In ogni caso, tutte le fibre devono assicurare le migliori caratteristiche ottiche, meccaniche e geometriche soprattutto in terza finestra (1550 nm, Banda C e Banda L ITU-T G.692), dove si ha il minimo di attenuazione. I valori soglia dei parametri relativi alle caratteristiche tecniche richieste sono quelli riportati in Tabella 3 e si intendono comprensivi di giunzioni e di connettori.: Caratteristica Attenuazione 1310 nm Attenuazione 1550 nm 1310 nm nm Valore Soglia 0.38 db/km < 0.28 db/km 3.5 ps/(nm x km) 18 ps/(nm x km) Tutti i requisiti tecnici indicati nel presente documento devono essere intesi come requisiti minimi (o di soglia) Caratteristiche costruttive del cavo Il cavo ottico fornito deve presentare caratteristiche costruttive eccellenti e soddisfare i requisiti ambientali più severi. In particolare, si richiede una resistenza ai roditori al massimo grado, impermeabilità e resistenza alla fiamma e al fuoco. Poiché dall analisi dei tipi di cavi presenti sul mercato tali caratteristiche sembrano essere assicurate grazie alla presenza di un nastro di acciaio corrugato, posto tra due guaine, che funziona da barriera sia contro i roditori che contro l acqua, il cavo da posare dovrà essere di tipo Multi Loose Tube Armato Metallico con Guaina Doppia con capacità 48 fibre ottiche 9/125 da terminare presso le sedi cliente secondo lo schema allegato (Allegato 1 - Schematico collegamenti). Il Fornitore è tenuto comunque ad indicare nell offerta il nome commerciale e il nome del produttore della fibra, nonché la specifica ITU-T cui la stessa è conforme. Alla luce di quanto su esposto, il cavo dovrà essere conforme ai requisiti specificati dagli standard italiani ed internazionali in materia, con particolare riferimento alle seguenti norme: Pagina 6 di 14

7 - ISO/IEC Ed. - EN Ed. - CEI 20-35, EN , IEC , EN (Resistenza alla fiamma e al fuoco, Non propagazione d incendio) - EN 50268, IEC (Emissione di fumi) - EN , IEC (Emissione di gas corrosivi) Caratteristiche generali del cavo in fibra: - Resistente ai roditori al grado massimo - Ignifugo - Impermeabile - Guaina esterna LSHF o PE - Armatura a nastri d acciaio ondulato - Guaina interna LSHF o PE - Tubi Loose riempiti di gel contenenti le singole fibre Uno schema esemplificativo del tipo di cavo è mostrato in Fig. 1: Cavo Multi Loose Tube armato Pagina 7 di 14

8 Nella tabella seguente vengono indicati, a mero titolo di esempio, le caratteristiche tipiche del cavo: Caratteristica Categoria IEC Raccomandazione ITU-T Classe ISO/IEC Valori nominali 50-B1.3 G.652D OS1/OS2 Attenuazione a 1310/1550 nm (db/km) 0.38 / 0.25 Dispersione a 1310/1550 nm (ps/nm.km) 3.5 / 18 Indice di rifrazione a 850 / 1300 nm 1.467/1.468 Resistenza allo schiacciamento (N) 4000 Diametro del nucleo (µm) 9.0 Diametro modalità campo (µm) 0.6 Diametro complessivo del rivestimento 12.5 Errore di concentricità del nucleo / rivestimento (µm) 245 +/- 10 Impatto (Nm) 10 Torsione (rotazioni/m) 5 Temperatura di funzionamento da -40 a +70 C Temperatura di conservazione da -40 a +70 C Temperatura di installazione Penetrazione dell acqua Da -10 C a +70 C < 3 m a 24 h Nella figura seguente è invece riportata la tabella degli attributi di riferimento estratta dalla Raccomandazione ITU-T G.652.D Pagina 8 di 14

9 3.4. Giunzione e terminazione cavi in Fibra Ottica Si richiede che le terminazioni delle fibre ottiche siano realizzate mediante giunzione a fusione controllata di semibretelle con connettore se conformi alla raccomandazione ITU-T G.671. Pagina 9 di 14

10 I connettori impiegati dovranno avere le seguenti caratteristiche: - Basse perdite di inserzione - Insensibilità al numero di operazioni - Stabilità nei confronti delle condizioni ambientali (temperatura, umidità, polvere) - Alta affidabilità (elevata resistenza all abrasione, agli urti, alle vibrazioni) Per terminare il cavo derivato dalla dorsale si dovranno utilizzare box ottici da rack completi di 24 bussole duplex di tipo SC 9/125. L utilizzo di box di terminazione consente sia di sguainare i cavi fissandoli meccanicamente sia di effettuare la giunzione delle fibre ottiche del cavo alle rispettive semibretelle connettorizzate. Naturalmente questi accessori devono essere posizionati nelle vicinanze degli apparati. Il collegamento fra la terminazione del cavo e gli apparati attivi si realizza mediante bretelle connettorizzate SC/LC 9/125 SMR di opportuna lunghezza (2 mt) con guaina di tipo LSZH. 4. COLLAUDO DELL IMPIANTO Il Fornitore, a conclusione delle operazioni di posa, di giunzione e terminazione di una tratta, dovrà verificare la corretta esecuzione delle attività effettuando una serie di misure (di seguito specificate) sulla totalità delle fibre e degli elementi presenti nella tratta. Tale prescrizione comporta il collaudo di tutte le fibre ottiche attestate presso le sedi utente. Le misure ottiche dovranno essere tutte realizzate in terza finestra alla lunghezza d onda di 1550 nm, per meglio rilevare eventuali stress concentrati o distribuiti lungo il collegamento. La documentazione di certifica conterrà le seguenti misure per tutte le fibre di ogni cavo: 1. diagramma della potenza retrodiffusa; 2. lunghezza ottica del collegamento; 3. attenuazione dei giunti di linea bidirezionale; 4. attenuazione specifica; 5. attenuazione totale di sezione; Pagina 10 di 14

11 Le prime quattro tipologie di misure saranno realizzate mediante strumentazione OTDR (Optical Time Domain Reflectometer), mentre la misura di attenuazione totale di sezione sarà realizzata con un banco ottico (metodo dell inserzione) e interesseranno esclusivamente le fibre ottiche terminate ai due estremi di ogni collegamento. In particolare per i valori di attenuazione dei giunti, misurati bidirezionalmente, dovrà essere rispettata la seguente maschera di accettazione: 70% delle giunzioni inferiori od uguali a 0.09 db 20% delle giunzioni inferiori od uguali a 0.15 db 10% delle giunzioni inferiori od uguali a 0.2 db Il Fornitore dovrà specificare, all interno della documentazione delle misure presentata, per ognuna delle voci della maschera di accettazione, l elenco delle tratte che presentano valori minori o uguali del valore di riferimento. La certifica delle misure sarà consegnata in parte in formato elettronico (tracciati delle potenze retrodiffuse e tabelle dei dati estrapolati dai tracciati precedentemente citati) mentre in formato cartaceo saranno fornite le tabelle dei dati acquisiti. La documentazione tecnica comprensiva anche della certifica delle misure suddette, come meglio specificato al par. 8 DOCUMENTAZIONE, dovrà essere presentata prima della fase di collaudo. Il Committente potrà richiedere (entro 60 gg dalla consegna della documentazione di collaudo) ulteriori verifiche. In assenza di richieste di nuove misurazioni, il collaudo sarà ritenuto concluso positivamente. Le fasi previste di cui sopra potranno essere: Pagina 11 di 14

12 ispezione visiva delle terminazioni e attestazione delle fibre ai box di terminazione e all interno dei cavidotti; misure a campione dell attenuazione di sezione (metodo dell inserzione); rilievo a campione del diagramma di retrodiffusione (metodo di backscattering); misure a campione dell attenuazione dei giunti di linea (metodo di backscattering). 5. MANUTENZIONE E GARANZIA Il Fornitore si impegna ad erogare un servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria a livello fisico sulla rete in fibra, con particolare riferimento al ripristino di tratte interrotte, degradate o tranciate, per 3 (tre) anni a far data dal collaudo con esito positivo. In particolare il Fornitore dovrà assicurare i seguenti livelli di servizio (SLA, Service Level Agreement): - Manutenzione ordinaria: si richiede un servizio di manutenzione ordinaria consistente in: o ispezione e controllo delle connettorizzazioni realizzate, misure sulle tratte, pulizia connettori, da effettuarsi con cadenza almeno semestrale, con presentazione di relazione del servizio svolto; - Manutenzione straordinaria: si richiede l erogazione di un servizio di ripristino per l infrastruttura di rete passiva. In particolare sono oggetto di tale servizio: o i cavi in fibra ottica intesi nella loro integrità al momento del collaudo; o le connettorizzazioni e relativi accessori (pigtail, pannelli ottici, bretelle di permutazione); o le flange anti-intrusione installate nei pozzetti. Non fanno parte del servizio di manutenzione: o le infrastrutture pre-esistenti alla realizzazione (pozzetti, tubazioni, accessori di supporto). Pagina 12 di 14

13 Il servizio di manutenzione straordinaria va garantito con i seguenti SLA (Service Level Agreement): o Lunedì-Venerdì 8:17: entro le 4 ore dalla segnalazione il personale sarà sul luogo del guasto per effettuare il ripristino; o Lunedì-venerdì 17:8: l intervento verrà effettuato a partire dalle ore 8:00 del giorno lavorativo successivo; o Sabato- Domenica o festivi: l intervento verrà effettuato a partire dalle ore 8:00 del giorno lavorativo successivo. Le modalità di gestione dell apertura e gestione operativa degli interventi di ripristino devono essere specificate all interno dell Offerta Tecnico-Economica. All interno dell offerta deve essere riportata l esplicita accettazione delle condizioni di Manutenzione e Garanzia, con relativi Livelli di Servizio o SLA (Service Level Agreement). Al fine di poter garantire il ripristino delle tratte interrotte nel più breve tempo possibile dalla segnalazione, il Fornitore si impegna a disporre costantemente di una scorta di materiale di primo intervento adeguata, consistente almeno in: Descrizione Qtà cavo 48 f.o. 9/125 G.652.D LSZH/LS0H con Guaina Doppia PE, mt armatura in corrugato di acciaio, identico a quello utilizzato per la realizzazione della rete Box ottico di terminazione da 24 bussole duplex tipo SC 9/125 n. 4 Patch cord bifibra 9/125 SC-SC da mt 2 n. 10 Connettori pigtail SC 9/125 n. 192 Tale scorta dovrà essere disponibile presso il magazzino della Ditta, in modo tale da poter garantire tempi di intervento e ripristino rapidi. Pagina 13 di 14

14 6. DOCUMENTAZIONE - Offerta tecnico-economica: contenente in dettaglio la realizzazione proposta e le modalità di esecuzione della fornitura, specificando le tempistiche della realizzazione e il prezzo per la complessiva fornitura e posa in opera; - Documentazione Tecnica (da presentare prima del collaudo): schemi di collegamento, misure e certifiche ufficiali delle tratte realizzate e sintetica relazione sull impianto realizzato, sia in formato cartaceo che digitale. 7. ALLEGATI Allegato A) Schematico collegamenti Allegato B) AS BUILT Planimetria Generale Allegato C) AS BUILT Planimetrie Sedi Universitarie (un unico file compresso) Allegato D) Computo metrico Pagina 14 di 14

ALLEGATO n. 1 DESCRIZIONE E VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA RETE A FIBRE OTTICHE 1/11

ALLEGATO n. 1 DESCRIZIONE E VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA RETE A FIBRE OTTICHE 1/11 ALLEGATO n. 1 DESCRIZIONE E VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA RETE A FIBRE OTTICHE 1/11 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 PIANO TELEMATICO REGIONALE... 4 3 DESCRIZIONE DELLA RETE... 5 3.1 PERCORSO DI POSA... 5

Dettagli

Cavi fibra ottica CAVI FO

Cavi fibra ottica CAVI FO CAVI FO Cavi fibra ottica Il primo componente dei sistemi di cablaggio ottico è il cavo. La scelta del tipo di cavo è fondamentale e va effettuata considerando le caratteristiche di costruzione l applicazione

Dettagli

SPECIFICA TECNICA TECHNICAL SPECIFICATION

SPECIFICA TECNICA TECHNICAL SPECIFICATION Indice 1. Generale... 1 2. Caratteristiche della fibra ottica SM-R, in accordo a ITU-T Recommendation G.652... 2 3. Caratteristiche della fibra ottica SM-NZD, in accordo a ITU-T Recommendation G.655...

Dettagli

Cablaggio in fibra ottica

Cablaggio in fibra ottica Cavi in fibra ottica 60 Connettori ottici 63 Patch panel per fibra ottica 64 Supporti per connettori ottici 65 Patch cord in fibra ottica 66 Sistemi di connettorizzazione per fibra ottica 67 Cavi in fibra

Dettagli

Cavi e Patch cord. Sommario

Cavi e Patch cord. Sommario Sommario Cavi e Patch cord Introduzione Gamma Excillence a 10 GB......................... pagina 22 Cavi in rame categoria 5....................................... pagina 24 Cavi in rame categoria 6.......................................

Dettagli

NORMA TECNICA MISURE DI COLLAUDO DI CAVI IN FIBRA OTTICA.

NORMA TECNICA MISURE DI COLLAUDO DI CAVI IN FIBRA OTTICA. NORMA TECNICA MISURE DI COLLAUDO DI CAVI IN FIBRA OTTICA. Compilato: S. Crapiz G. Fiore V.Roselli Rivisto: F. Fabbro Autorizzato: D. Licursi Versione: 1 Variante: 1 IL PRESENTE DOCUMENTO COSTITUISCE REGISTRAZIONE

Dettagli

Settembre 2003 LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Settembre 2003 LE FIBRE OTTICHE. Pietro Nicoletti. Silvano Gai. Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 LE FIBRE OTTICHE Pietro Nicoletti Silvano Gai Fibre- 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright e

Dettagli

Actassi sistema fibra ottica

Actassi sistema fibra ottica Presentazione... 72 Actassi connettori e kit ottici FLC...73 Pigtail FLC...76 Bussole FLC... 77 Cavi in fibra ottica FLC...78 Patch cord in fibra ottica FLC...87 71 Un portafoglio di prodotti completo

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO CABLAGGIO STRUTTURATO

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO CABLAGGIO STRUTTURATO Sommario 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO... 5 a) Armadio rack... b) Cablaggio fibra ottica... c) Postazioni di lavoro... Pagina 1 di 10 1. Premessa Il presente

Dettagli

Cablaggio in fibra ottica

Cablaggio in fibra ottica Sommario Cablaggio in fibra ottica Introduzione - Sistema di cablaggio fibra ottica..................... pagina 72 Connettori ottici.............................................. pagina 74 Bussole....................................................

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8.

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO. Fornitura e posa apparati di rete dati comprensiva di integrazione cablaggi dell'edificio 8. Pag 1 di 6 Pag 2 di 6 Descrizione Generale L impianto prevede la fornitura, installazione, messa in esercizio e collaudo di una rete dati e per il collegamento di un edificio nuovo, denominato Edificio

Dettagli

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT CAVI IN FIBRA OTTICA Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT Fibra OTTICA tipo LOOSE Per posa esterna/interna Cavi per trasmissione dati in fibra ottica OM1 OM2 OM3

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

CAVO IN FIBRA OTTICA A 12 FIBRE tipo VDE: A-BQ(BN)H 1x12 E9/125 - gel free

CAVO IN FIBRA OTTICA A 12 FIBRE tipo VDE: A-BQ(BN)H 1x12 E9/125 - gel free CAVO IN FIBRA OTTICA A 12 FIBRE tipo VDE: A-BQ(BN)H 1x12 E9/125 - gel free Immagine puramente indicativa Codice AER-EWN 35 99 04 Caratteristiche costruttive Cavo in fibra ottica del tipo VDE - A-BQ(BN)H

Dettagli

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser Fibre Ottiche Informazioni generali Descrizione sintetica Contesto Formativo Obiettivi formativi Titolo del corso: Fibre Ottiche Durata: 40 ore Data inizio: da definire in base al numero di partecipanti

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

SOMMARIO DEI SISTEMI OTTICI

SOMMARIO DEI SISTEMI OTTICI SOMMARIO DEI SISTEMI OTTICI Brand-Rex investe nel cablaggio ottico poichè crede fermamente che le reti LA e WA del futuro si svilupperanno grazie ai vantaggi offerti dai cavi ottici. Ecco alcuni dei benefici

Dettagli

VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE TECNICA

VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE TECNICA CAPO 1 DESCRIZIONE GENERALE DELL APPALTO...2 Art. 1 - Oggetto dell appalto...2 Art. 2 Descrizione sommaria delle opere in variante...2 CAPO 2 CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DA REALIZZARE...2

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO. N. Codice MISURE UNITARIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Articolo INDICAZIONE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE PREZZO. N. Codice MISURE UNITARIO Riattivazione sistema di automazione 1 10 NUOVO ANEMOMETRO Fornitura e posa in opera di postazione per la misurazione della velocità e della direzione del vento per gallerie formata da rilevatore ad ultrasuoni

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE URBANIZZAZIONI PRIMARIE DEL COMPARTO CREMONA CITY HUB STRALCIO BANDO ASTER

LAVORI DI REALIZZAZIONE URBANIZZAZIONI PRIMARIE DEL COMPARTO CREMONA CITY HUB STRALCIO BANDO ASTER ALLEGATO 6 LAVORI DI REALIZZAZIONE URBANIZZAZIONI PRIMARIE DEL COMPARTO CREMONA CITY HUB STRALCIO BANDO ASTER PROGETTO DEFINITIVO COMPUTI METRICI ESTIMATIVI OPERE SPECIALISTICHE Padania Acque Gestione

Dettagli

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 ! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5, 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 : 7 3?3# 7 8 8 + 8 7!( < 9 +

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI AN.P1 N.P1.11 A.NP.2 ANP2.2 ANP.3 N.P3.4 ANP.4 ANP.5 Fornitura ed installazione di sistema di sicurezza

Dettagli

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti

Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti 1 Principio di funzionamento dei cavi scaldanti autoregolanti Sfruttando un particolare principio fisico, i cavi scaldanti autoregolanti consentono di mantenere sgelati o in temperatura tubazioni, sili

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Bert CAVI ELETTRICI - CAVI SPECIALI - ACCESSORI CAVI MT-BT. cables & systems. BERTOLI s.r.l. BERTOLI ok.indd 1 4-07-2008 12:45:03

Bert CAVI ELETTRICI - CAVI SPECIALI - ACCESSORI CAVI MT-BT. cables & systems. BERTOLI s.r.l. BERTOLI ok.indd 1 4-07-2008 12:45:03 Bert CAVI ELETTRICI - CAVI SPECIALI - ACCESSORI CAVI MT-BT BERTOLI ok.indd 1 4-07-2008 12:45:03 CHI SIAMO La ditta BERTOLI è nata nel 1978 a Torino come agenzia di rappresentanza di cavi elettrici, per

Dettagli

Progetto di cablaggio strutturato TD/TF e upgrade sistemi centrali

Progetto di cablaggio strutturato TD/TF e upgrade sistemi centrali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione reti e servizi informatici Via Università 40 Via Marengo, 3 CAGLIARI Progetto di cablaggio strutturato TD/TF e upgrade sistemi centrali Capitolato tecnico 1

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

METALLURGICA BRESCIANA

METALLURGICA BRESCIANA CAVI A FIBRA OTTICA 2 AZIENDA Metallurgica Bresciana S.p.A., con oltre 45 anni di attività, è azienda Leader in Europa nella produzione e progettazione di cavi elettrici speciali e a fibra ottica. Il sito

Dettagli

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici.

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici. Cavi a Fibre Ottiche Ampia gamma di costruzioni, materiali e armature Conformità alle norme internazionali Approvazioni DNV/ABS/Warrington Costruzioni personalizzate Possono essere usati con conduttori

Dettagli

LA SOLUZIONE IN FIBRA OTTICA

LA SOLUZIONE IN FIBRA OTTICA LA SOLUZIONE IN FIBRA OTTICA Velocità ed elevate prestazioni La soluzione completa e professionale BTNET FIBRA OTTICA CASSETTO OTTICO CAVI CONNETTORI VALIGIA OTTICA 25 26 LA SOLUZIONE IN FIBRA OTTICA Velocità

Dettagli

Allegato A Specifiche per la realizzazione dei cablaggi di rete, in fibra ottica ed in rame

Allegato A Specifiche per la realizzazione dei cablaggi di rete, in fibra ottica ed in rame Allegato A Specifiche per la realizzazione dei cablaggi di rete, in fibra ottica ed in rame Sommario Allegato A Specifiche per la realizzazione dei cablaggi di rete, in fibra ottica ed in rame... 1 Sommario...

Dettagli

VerTV Sistema in Fibra Ottica per TV SAT

VerTV Sistema in Fibra Ottica per TV SAT TM VerTV Sistema in Fibra Ottica per TV SAT VerTV Componenti principali Fibra Monomodale ITU-T G.657-A1 CasaLight (1310/1550nm) Maximum Insertion Loss 0.3 db (Typical 0.2 db) Return Loss Accoppiamento

Dettagli

Allegato 1B DISCIPLINARE TECNICO REALIZZAZIONE DI CABLAGGI STRUTTURATI, CON LA FORNITURA DEI RELATIVI APPARATI ATTIVI, PRESSO IL P.O. MARTINI.

Allegato 1B DISCIPLINARE TECNICO REALIZZAZIONE DI CABLAGGI STRUTTURATI, CON LA FORNITURA DEI RELATIVI APPARATI ATTIVI, PRESSO IL P.O. MARTINI. Allegato 1B DISCIPLINARE TECNICO REALIZZAZIONE DI CABLAGGI STRUTTURATI, CON LA FORNITURA DEI RELATIVI APPARATI ATTIVI, PRESSO IL P.O. MARTINI. 1 1. NOTE GENERALI 3 2. REGOLAMENTAZIONE DEI LAVORI 4 2.1.

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

Dati Generali IMPORTO UNITARIO RIFERIMENTO ELENCO PREZZI UNITARI ARTICOLO QUANTITA' IMPORTO TOTALE NOTE. Comune di VENEZIA

Dati Generali IMPORTO UNITARIO RIFERIMENTO ELENCO PREZZI UNITARI ARTICOLO QUANTITA' IMPORTO TOTALE NOTE. Comune di VENEZIA Dati Generali Comune Comune di VENEZIA Provincia Provincia di VENEZIA Oggetto Rete esazione Committente CAV con sede in Venezia Casello VE-MESTRE Revisione 0 ARTICOLO SITE PREPARATION 2.0 DISTRIBUZIONE

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

CAVI OTTICI OPTICAL CABLES. Optical Cables

CAVI OTTICI OPTICAL CABLES. Optical Cables CAVI OTTICI OPTICAL CABLES Optical Cables 183 Sommario Table of Contents Fibra ottica tight 0,9 mm Tight Optical Fiber 0,9 mm Cavo monofibra tight Tight Monofiber Cable Cavo monofibra monomodale SM -

Dettagli

Allegato 1 al Contratto

Allegato 1 al Contratto CONCESSIONE DI DIRITTI D USO SU RISORSE DELLA RETE PUBBLICA REGIONALE (RPR) ai sensi della D.G.R. n.1373 del 18 luglio 2014 Allegato 1 al Contratto PROCEDURE, TEMPISTICHE, SLA, PENALI 1 INDICE 1. PREMESSA

Dettagli

I.N.P.S. ELENCO PREZZI. DIREZIONE REGIONALE per l'umbria OGGETTO: INPS - DIREZIONE REGIONALE PER L'UMBRIA via M. Angeloni, 90 PERUGIA

I.N.P.S. ELENCO PREZZI. DIREZIONE REGIONALE per l'umbria OGGETTO: INPS - DIREZIONE REGIONALE PER L'UMBRIA via M. Angeloni, 90 PERUGIA I.N.P.S. DIREZIONE REGIONALE per l'umbria OGGETTO: ELENCO PREZZI PREZZI DESUNTI DAL BOLLETTINO UFFICIALE N. 58 DEL 30 DICEMBRE 2013 - REGIONE UMBRIA, SALVO CHE PER GLI ARTICOLI RIFERITI DAL N. 11 AL N.

Dettagli

Prezzo, Iva esclusa, comprensivo della parte relativa alla sicurezza ( A ) Costo relativo alla sicurezza (parte del prezzo A) Quantità Stimata ( K )

Prezzo, Iva esclusa, comprensivo della parte relativa alla sicurezza ( A ) Costo relativo alla sicurezza (parte del prezzo A) Quantità Stimata ( K ) Codice Voce Descrizione Prezzo, Iva esclusa, comprensivo della parte relativa alla sicurezza ( A ) Costo relativo alla sicurezza (parte del prezzo A) Quantità Stimata ( K ) Totale in Iva esclusa = A x

Dettagli

Dätwyler Cables. Infrastruttura Elettrica per Edifici Intelligenti

Dätwyler Cables. Infrastruttura Elettrica per Edifici Intelligenti Dätwyler Cables Infrastruttura Elettrica per Edifici Intelligenti Il Gruppo Dätwyler Produttore internazionale multi nicchia con presenza globale e oltre 4700 collaboratori Fondato nel 1915 Quotato alla

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI. Presentato da: FAR ITALY S.r.l

LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI. Presentato da: FAR ITALY S.r.l CENNI STORICI 1 LE FIBRE OTTICHE NELLE TELECOMUNICAZIONI Presentato da: Nicola Ferrari FAR ITALY S.r.l 2 CENNI STORICI Jean - Daniel Colladon 1802-1893 fisico svizzero John Tyndall 1820-1893 Fisico inglese

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling

Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling CAVI CMANDI E SEGNALAMENT F-300/500V CAVI PE CMANDI E SEGNALAMENT ISLATI E GUAINATI IN PVC NPI 2x0,50 5,8 2x1,00 6,6 3x0,50 6 3x1,00

Dettagli

AREA AFFARI TECNICI E NEGOZIALI. Settore Servizi, Forniture e Assicurazioni

AREA AFFARI TECNICI E NEGOZIALI. Settore Servizi, Forniture e Assicurazioni P.O.N. Ricerca & Competitività 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. Asse I - Sostegno ai mutamenti strutturali. Obiettivo operativo 4.1.1.4 Potenziamento delle strutture e delle dotazioni scientifiche

Dettagli

Fiber To The Home: soluzioni innovative non invasive per il cablaggio degli edifici

Fiber To The Home: soluzioni innovative non invasive per il cablaggio degli edifici GRUPPO TELECOM ITALIA Giornata di studio Tecniche impiantistiche e tecnologie ottiche per l accesso di nuova generazione Milano, 8 Luglio 2009 Fiber To The Home: soluzioni innovative non invasive per il

Dettagli

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici Cavi bassa tensione Cavo FG7R / FG7OR 0,6/1kV Cavi per energia e segnalazioni flessibili per posa fissa, isolati in HEPR di qualità G7, non propaganti l incendio

Dettagli

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS Cavi Tecsun technergy INTEGRATED CABLING SOLUTIONS TM TECSUN Chi siamo Tecsun µ Il gruppo Prysmian è tra i leader mondiali nel settore dei cavi per l energia e per le telecomunicazioni e vanta un forte

Dettagli

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione Linee Guida per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali secondo la normativa vigente Ottobre 2009 Pag. 71 di

Dettagli

REALIZZAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO RETE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE TITO SARROCCHI DI SIENA

REALIZZAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO RETE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE TITO SARROCCHI DI SIENA REALIZZAZIONE CABLAGGIO STRUTTURATO RETE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE TITO SARROCCHI DI SIENA PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DETERMINANTE DELLA FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI DI SIENA SOMMARIO

Dettagli

CAVI OTTICI A TUBETTI PER IMPIEGO IN RETE DI TRASPORTO E ACCESSO IN TELECOM ITALIA (C.T.777) Presentato da: Nicola Ferrari

CAVI OTTICI A TUBETTI PER IMPIEGO IN RETE DI TRASPORTO E ACCESSO IN TELECOM ITALIA (C.T.777) Presentato da: Nicola Ferrari CAVI OTTICI A TUBETTI PER IMPIEGO IN RETE DI TRASPORTO E ACCESSO IN TELECOM ITALIA (C.T.777) Presentato da: Nicola Ferrari CAVI CONFORMI A NORMA EN 187105 posa sotterranea: i cavi sono costituiti da nucleo

Dettagli

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica goffredo.cerquozzi@tin.it 31 gennaio 2008 Villa Mondragone Monte Porzio Catone RETE IN RAME Centrale borchia cavetto di raccordo armadio di distribuzione altri

Dettagli

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02.01 Cavo unipolare tipo RG7R 0,6/1kV o FG7R 0,6/1 kv isolato in EPR sotto guaina di PVC (norme CEI 20-13, CEI 20-22II, CEI 20-35). Sono compresi:

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U COMUNE DI SEGRATE MILANO YOU una città di persone INDICE 1. PREMESSE... 2 2. RETE IMPIANTO ELETTRICO... 4 2.1. RETE ENEL MT / BT... 4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA... 5 2.3. IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA...

Dettagli

ELABORATI PROGETTUALI

ELABORATI PROGETTUALI ELABORATI PROGETTUALI PROGETTO ESECUTIVO "POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL' ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO" IL PROGETTISTA

Dettagli

Pagina 1 di 6. u 863,52 1 0 3 3 863,52 0,00 2.590,56 2590,56

Pagina 1 di 6. u 863,52 1 0 3 3 863,52 0,00 2.590,56 2590,56 Allegato 2 provisioning_noc Il prezzo di tutti i componenti di seguito indicati deve essere comprensivo della manodopera necessaria per il posizionamento, l'installazione e la messa in opera Quantità in

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

Riferimenti e contatti ufficio commerciale. e-mail: commerciale@bericacavi.com tel. 0444-820044 fax 0444-820050

Riferimenti e contatti ufficio commerciale. e-mail: commerciale@bericacavi.com tel. 0444-820044 fax 0444-820050 Riferimenti e contatti ufficio commerciale e-mail: commerciale@bericacavi.com tel. 0444-820044 fax 0444-820050 INDICE GENERALE pag. 1 CAVI per TERMOCOPPIE e TERMOCOPPIE ALTE TEMPERATURE pag. 3 CAVI per

Dettagli

REGOLE DI BASE. - La fibra ottica non è un cavo elettrico, ma un conduttore in vetro. Va maneggiata con cura.

REGOLE DI BASE. - La fibra ottica non è un cavo elettrico, ma un conduttore in vetro. Va maneggiata con cura. REGOLE DI BASE - La fibra ottica non è un cavo elettrico, ma un conduttore in vetro. Va maneggiata con cura. - Il passaggio della luce all interno della fibra ottica è paragonabile a quello dell acqua

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Anno di costituzione 1994

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Anno di costituzione 1994 PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Anno di costituzione 1994 Attività della Azienda Area di Mercato Produzione e distribuzione di componenti passivi e attivi in Fibra Ottica e Rame sul territorio Nazionale ed

Dettagli

Cavi Trasmissione Dati

Cavi Trasmissione Dati Indice Gr. Merc. Cavi Trasmissione Dati Descrizione Pagina Catalogo 421 FIBRA OTTICA 9/125 (OS1) LSZH F0002 FIBRA MONOMODALE 9/125 (OS1) 2 FIBRE LSZH 072 F0003 FIBRA MONOMODALE 9/125 (OS1) 4 FIBRE LSZH

Dettagli

Perchè diventare PARTNER ORCA?

Perchè diventare PARTNER ORCA? Chi Siamo ORCA System è una soluzione di networking completa, capace di offrire alti livelli di performance e rappresentare la giusta risposta alle nuove sfide del mercato del cablaggio strutturato. ORCA

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici

Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo convergenza 2007-2013 Sistema di videosorveglianza del comune di Casarano Sicurezza per la città CIG:559455225C

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*)=............

Dettagli

Switch Voip e Attivita' di cablaggio APPARATI DI RETE: link ottico al centro stella + 1 apparato 48 porte PoE per Telefoni IP

Switch Voip e Attivita' di cablaggio APPARATI DI RETE: link ottico al centro stella + 1 apparato 48 porte PoE per Telefoni IP COMPUTO METRICO - ADEGUAMENTO INFRATTURE DI RETE BIENNALE LOTTO 1 - REALIZZAZIONE DA ESEGUIRSI NE 2009 EX ASL 2 OSPEDALE MARTINI TOTALE MARTINI 142.007,00 REPARTI COINVOLTI Radiologia - primo piano corpo

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

Descrizione dell intervento su infrastruttura di rete LAN e cablaggio

Descrizione dell intervento su infrastruttura di rete LAN e cablaggio Descrizione dell intervento su infrastruttura di rete LAN e cablaggio Presso l istituto I.T.I.S. Pininfarina di Moncalieri è stato previsto un intervento di ammodernamento dell infrastruttura di rete LAN

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

DFL-FO. Documentazione di fine lavori rete in fibra ottica DFL-FO

DFL-FO. Documentazione di fine lavori rete in fibra ottica DFL-FO DFL-FO Redatto Verificato Approvato Data: 24/4/2014 Data: 5/5/2014 Data: 8/5/2014 Firma: Stefania Nanni Firma: Franco Merlo Firma: Kussai Shahin 1 Sommario 1. Documentazione da produrre...5 1.1. As Built

Dettagli

NORMA TECNICA GIUNZIONE E SPILLAMENTO DELLE FIBRE OTTICHE.

NORMA TECNICA GIUNZIONE E SPILLAMENTO DELLE FIBRE OTTICHE. NORMA TECNICA GIUNZIONE E SPILLAMENTO DELLE FIBRE OTTICHE. Compilato: G. Fiore Rivisto: F. Fabbro Autorizzato: D. Licursi Versione: 1 Variante: 0 IL PRESENTE DOCUMENTO COSTITUISCE REGISTRAZIONE DELLA QUALITA

Dettagli

Perché e cosa offre il Programma di manutenzione.

Perché e cosa offre il Programma di manutenzione. Proposta manutentiva di verifica e controllo Sistematico dello stato degli Impianti La presente proposta di manutenzione viene redatta sulla base dei controlli sicurezza degli impianti con verifica ciclica

Dettagli

Pagina 1 di 5. DIREZIONE GENERALE Unità Organizzativa a Progetto per la gestione delle attività negoziali nell ambito del PON e dei Progetti Regionali

Pagina 1 di 5. DIREZIONE GENERALE Unità Organizzativa a Progetto per la gestione delle attività negoziali nell ambito del PON e dei Progetti Regionali P.O.N. Ricerca & Competitività 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. PONa3_00053 finanziamento a valere sull Asse I - Sostegno ai mutamenti strutturali. Obiettivo operativo 4.1.1.4 Potenziamento

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila

Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila Premessa Il presente documento descrive le prescrizioni minime per Telecom Italia SpA necessarie alla cantierizzazione

Dettagli

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45).

OBIETTIVI DELLA SEZIONE. II. Ricordare e tracciare la configurazione pin-coppia per il connettore a 8 posizioni (RJ45). OBIETTIVI DELLA SEZIONE Dopo aver completato la presente sezione sulla postazione di lavoro, lo studente sarà in grado di: I. Definire i criteri della postazione di lavoro per il Sistema di cablaggio Siemon

Dettagli

PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA

PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA Dott. ing. Sergio BERNO 10144 TORINO Via Treviso, 12 Cod. fisc. BRN SRG 41H23 L219N Tel. (011) 77.14.066 (4 linee r.a.) Fax (011) 75.19.59 - e mail: engineering@elsrl.it Partita I.V.A. 01222390013 PROGETTO

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

GSM -PORDENONE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 1/13 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DATA: 26-01-09 DOCUM. N. 01-02

GSM -PORDENONE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 1/13 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DATA: 26-01-09 DOCUM. N. 01-02 GSM PORDENONE DIREZIONE TECNICA GSM -PORDENONE APPALTO PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RILEVAMENTO DEL TRAFFICO MEDIANTE SENSORI E TELECAMERE, E DI INFORMAZIONE ALL'UTENZA

Dettagli

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti SISTEMA TVCC A TECNOLOGIA I.P. Quantit à Costo Unitario Costo Complessivo OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti Si prevede la videosorveglianza nei corridoi principali ai diversi piani in corrispondenza

Dettagli

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Analisi delle tracce OTDR Come diventare un esperto nella risoluzione dei problemi grazie all analisi avanzata delle tracce OTDR.

Dettagli

Listino CORRUGATI numero 47/2009. Plast Mec Pvc Spa

Listino CORRUGATI numero 47/2009. Plast Mec Pvc Spa Plast Mec Pvc Spa Listino CORRUGATI numero 47/2009 Novità: TUBO PALADEX Sede amministrativa - Ufficio vendite Viale del Lavoro - Zona Industriale 36020 Ponte di Barbarano Vic. (VI) Tel. 0444 795322-0444

Dettagli

Il tuo cablaggio è adeguato ai nuovi standard? Rendi efficiente il cuore pulsante della tua infrastruttura Dati

Il tuo cablaggio è adeguato ai nuovi standard? Rendi efficiente il cuore pulsante della tua infrastruttura Dati Il tuo cablaggio è adeguato ai nuovi standard? Rendi efficiente il cuore pulsante della tua infrastruttura Dati Programma TCN (Test and Care Network) L importanza del cablaggio Il cablaggio strutturato

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (D.M. 37/08; Delibera AEEGSI 40/14 e successive modifiche e integrazioni) SEZIONE 1 Quadro A: dati dell impresa installatore IMPRESA / DITTA

Dettagli

per impianti interni e per centrali

per impianti interni e per centrali Cavi telefonici non schermati TR /R e schermati TR /HR per impianti interni e per centrali L'impiego di cavi telefonici di normale produzione per impianti interni e per centrali non offre sufficienti garanzie

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1988 REVISIONE DAL 1994 COMUNE DI VIGGIANO Periodo di validità: I corrispettivi indicati nel

Dettagli

Il progetto sarà sviluppato in modo tale da rendere gli impianti perfettamente rispondenti alle normative vigenti.

Il progetto sarà sviluppato in modo tale da rendere gli impianti perfettamente rispondenti alle normative vigenti. INTRODUZIONE La scelta progettuale adottata è vincolata dalla particolarità degli interventi, essenzialmente previsti nell adeguamento e ampliamento della rete già esistente. Il progetto sarà sviluppato

Dettagli

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame.

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13 FIBRE OTTICHE T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13. Perché le fibre ottiche possono essere considerate

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

TecnoLario Service S.r.l.

TecnoLario Service S.r.l. TecnoLario Service S.r.l. Ice Stop MANUALE DI INSTALLAZIONE PER CAVI SCALDANTI AUTOREGOLANTI Data di emissione: 27.05.2010 - Rev.1 1 IMBALLO E TRASPORTO Cavi scaldanti I cavi scaldanti sono normalmente

Dettagli

Funzionamento del sistema SunTech e MAB

Funzionamento del sistema SunTech e MAB Funzionamento del sistema SunTech e MAB Il sistema SunTech è un efficace antifurto per pannelli fotovoltaici basato sulla fibra ottica. La scheda di controllo ETER 486 analizza il flusso di luce che attraversa

Dettagli

DIREZIONE MANUTENZIONE STRADE, PARCHI, VERDE, LITORALE E PIANI DI BACINO - SETTORE STRADE, IMPIANTI, LITORALE E CITTA' ACCESSIBILE

DIREZIONE MANUTENZIONE STRADE, PARCHI, VERDE, LITORALE E PIANI DI BACINO - SETTORE STRADE, IMPIANTI, LITORALE E CITTA' ACCESSIBILE DIREZIONE MANUTENZIONE STRADE, PARCHI, VERDE, LITORALE E PIANI DI BACINO - SETTORE STRADE, IMPIANTI, LITORALE E CITTA' ACCESSIBILE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2010-155.1.0.-21 L'anno 2010 il giorno

Dettagli

COS È LA FIBRA OTTICA?

COS È LA FIBRA OTTICA? INTRODUZIONE COS È LA FIBRA OTTICA? Le trasmissioni su fibre ottiche si basano su tecnologie oramai mature. Mentre l idea di guidare la luce all interno di condotti trasparenti fu concepita nell 800 da

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

Introduzione alle fibre ottiche

Introduzione alle fibre ottiche Introduzione alle fibre ottiche Struttura delle fibre ottiche Una fibra ottica è sostanzialmente un cilindro (solitamente in vetro) con una parte centrale, detta core, con un indice di rifrazione superiore

Dettagli