Classificazione clienti. Versione: 3.1 Data: Maggio 2016 STO Cipro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classificazione clienti. Versione: 3.1 Data: Maggio 2016 STO Cipro"

Transcript

1 Classificazione clienti Versione: 3.1 Data: Maggio 2016 STO Cipro

2 Introduzione Classificazione clienti A seguito dell'implementazione della Direttiva europea sui mercati degli strumenti finanziari (MiFID) da parte della Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC) (e di tutte le autorità di regolamentazione finanziaria europee), tutte le società regolamentate sono tenute a classificare i clienti come cliente al dettaglio, cliente professionale o controparte qualificata. L'obbligo di classificare correttamente un cliente è importante poiché le diverse categorie di clienti usufruiscono di diversi livelli di tutela regolamentare. La suddetta classificazione non costituisce consulenza individuale e non significa che i prodotti da noi offerti siano idonei per il singolo investitore. In caso di incertezza sui rischi o sui prodotti in oggetto, si prega di rivolgersi ad un consulente finanziario indipendente. Come parte del processo di classificazione, AFX Capital Markets Ltd. ( AFX, noi, ci, nostro/i ), operante con il nome commerciale di STO, deve informare il cliente della classificazione attribuita e fornire un riepilogo del livello di protezione offerto. Il presente documento è stato redatto per informare il cliente sul processo di classificazione e sul significato della stessa. Il suo obiettivo è quello di far comprendere il rapporto tra il cliente e AFX Capital Markets Ltd. Clienti al dettaglio In linea di principio, tutti i clienti che presentano la richiesta di apertura di un conto individuale, conto comune o conto aziendale verranno classificati come clienti al dettaglio; questa classificazione riguarda qualsiasi cliente che non soddisfi i criteri delle altre due classificazioni. Ciò significa che i clienti che appartengono a questa categoria usufruiscono del più alto livello di protezione CySEC, tra cui segregazione dei fondi, accesso all'investor Compensation Fund ed eventuale diritto di presentare un reclamo sul nostro servizio all'ufficio reclami (Complaints Desk) presso la Cyprus Securities and Exchange Commission. La suddetta classificazione avrà altresì ripercussioni sulle informazioni che siamo tenuti a fornire in caso di commercializzazione di nuovi prodotti e sarà soggetta alle condizioni generali per la clientela al dettaglio. Controparte qualificata di diritto Una controparte qualificata di diritto usufruisce del livello minimo di protezione della CySEC. Questo poiché i criteri richiesti per poter rientrare in tale categoria sono onerosi; in particolare in tale categoria rientrano: governi nazionali, banche centrali o altre autorità monetarie, organi di investimento statale o RIE (Recognised Investment Exchange), mercati finanziari dedicati, mercati regolamentati o organismi di compensazione. Nella Direttiva MiFID, la CySEC e l UE hanno ritenuto che tali organizzazioni, disponendo di reti di supporto, esperienza finanziaria e know-how sufficienti, richiedono proprio per questo un livello di protezione decisamente inferiore. Dato tale livello di protezione minimo, AFX Capital Markets Ltd. non è tenuta a:

3 fornire la miglior esecuzione nell'implementazione degli ordini dei clienti; divulgare informazioni relative a commissioni e oneri versati a o ricevuti da AFX Capital Markets Ltd; di valutare l'idoneità e l'adeguatezza di un prodotto o di un servizio da essa fornita al cliente (si presuppone infatti che il cliente disponga delle competenze necessarie per poter scegliere il prodotto o il servizio più adeguato e che sia finanziariamente in grado di assumersi un rischio di investimento coerente con gli obiettivi di investimento); fornire al cliente informazioni su AFX Capital Markets Ltd., i relativi servizi e le modalità attraverso cui AFX Capital Markets Ltd. verrà remunerata; fornire informative sui rischi in merito ai prodotti o ai servizi offerti; fornire relazioni riguardanti l'esecuzione degli ordini. Cliente professionale di diritto I clienti professionali di diritto si trovano in una posizione intermedia; si ritiene infatti che dispongano di un certo know-how, siano più consapevoli ed evoluti in materia e abbiano buona padronanza nel valutare i propri rischi, richiedendo così un livello di protezione inferiore rispetto ai clienti al dettaglio, ma che al contempo non dispongano della stessa esperienza, delle stesse reti di supporto e della medesima capacità di assorbire le perdite della controparte qualificata. AFX Capital Markets Ltd. ritiene che tale tipologia di clienti disponga dell'esperienza e delle conoscenze necessarie per comprendere quali sono i rischi coinvolti e che sia inoltre finanziariamente in grado di assumersi un rischio di investimento coerente con gli obiettivi di investimento. Per la classificazione come cliente professionale, AFX Capital Markets Ltd. deve valutare se il cliente è: un istituto di credito, un'impresa di investimento regolamentata, un altro tipo di istituto finanziario autorizzato o regolamentato, un'impresa di assicurazioni, un organismo di investimento collettivo o una società di tali organismi, un fondo pensione o una società di gestione di tali fondi, un negoziatore per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci; un soggetto che svolge esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderisce indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia (locals), un'impresa di grandi dimensioni che ottempera, a livello di singola società, ad almeno due dei seguenti requisiti finanziari: totale di bilancio pari a 20 milioni di euro o altro equivalente valutario, fatturato netto pari a 40 milioni di euro o altro equivalente valutario, fondi propri pari a 2 milioni di euro o altro equivalente valutario, un governo nazionale e regionale, un ente pubblico che gestisce il debito pubblico, una banca centrale e un'istituzione internazionale e sovranazionale,

4 qualsiasi altro investitore istituzionale la cui attività principale è investire in strumenti finanziari, compresi gli enti dediti alla cartolarizzazione di attivi o altre transazioni finanziarie. Riclassificazione 1. Un cliente al dettaglio ha il diritto di richiedere una diversa classificazione come cliente professionale, ma in tal caso gli verrà offerto un livello di protezione inferiore. La Società non è tenuta a intrattenere un rapporto con quest'ultimo sotto una diversa classificazione. 2. Un cliente professionale ha il diritto di richiedere una diversa classificazione come cliente al dettaglio per poter ottenere un livello di protezione maggiore oppure come controparte qualificata per ricevere un livello di protezione inferiore. 3. Una controparte qualificata ha il diritto di richiedere una diversa classificazione come cliente professionale o cliente al dettaglio per poter ottenere un livello maggiore di protezione. Conformemente alla legislazione in vigore in materia, la Società non è tenuta a intrattenere un rapporto con cliente su tale base. Se il cliente richiede una diversa classificazione per poter rientrare in una classificazione con un livello superiore o inferiore di protezione, tale richiesta deve essere presentata per iscritto. AFX Capital Markets Ltd. prenderà in considerazione ciascuna richiesta individualmente, ma l'accettazione della stessa non è esigibile. Qualsiasi richiesta/accordo di riclassificazione deve specificarne l'applicazione a uno o più servizi specifici o transazioni oppure a una o più tipologie di prodotti o transazioni. AFX Capital Markets Ltd. comunicherà la propria decisione per iscritto, ivi incluso l'effetto sulla protezione assegnata. Nel caso in cui la modifica venga accettata, il cliente dovrà firmare una copia della lettera in cui si conferma l'accettazione della riclassificazione e dei diversi livelli di protezione ad essa pertinenti. Nel corso del rapporto con AFX Capital Markets Ltd., la classificazione del cliente potrà essere rivalutata. Qualora sopraggiungano nuove informazioni o vi siano modifiche significative alle circostanze, la classificazione potrà subire delle variazioni a seconda del caso. Qualsiasi eventuale cambiamento e le relative conseguenze saranno oggetto di comunicazione scritta. Al cliente potrebbe essere richiesto di spedire un modulo di accettazione di tali modifiche; tuttavia, AFX Capital Markets Ltd. si riserva il diritto di considerare il prosieguo del trading del cliente come opportuna accettazione. Da cliente al dettaglio a cliente professionale AFX Capital Markets Ltd. effettuerà due test, uno qualitativo e l'altro quantitativo. Il test qualitativo richiede l'esecuzione di una "valutazione adeguata" delle competenze, dell'esperienza e delle conoscenze del cliente, in modo da verificare che, alla luce della natura delle transazioni o dei servizi previsti, lo stesso sia in grado di prendere decisioni informate sugli investimenti e di comprendere i rischi annessi.

5 Nella valutazione delle competenze, dell'esperienza e delle conoscenze, il cliente deve soddisfare almeno due dei criteri quantitativi qui di seguito riportati: aver eseguito transazioni, di dimensioni significative, sul mercato di pertinenza con una frequenza media di 10 a trimestre per i quattro trimestri precedenti; disporre di un portafoglio di strumenti finanziari, depositi in contanti e strumenti finanziari inclusi, superiore a euro o altro equivalente valutario; lavorare o aver lavorato nel settore finanziario per almeno un anno in una posizione professionale che richieda la conoscenza delle transazioni e dei servizi previsti. Da cliente professionale di diritto a cliente al dettaglio I clienti professionali di diritto hanno tuttavia facoltà di richiedere la classificazione come cliente al dettaglio, a condizione che la richiesta sia trasmessa per iscritto, e la Società ha facoltà di assegnare un livello di protezione maggiore. Nel caso in cui il cliente sia un'impresa tra quelle di cui sopra, la Società, prima di fornire i servizi, deve informare quest'ultima sul fatto che, in base alle informazioni di cui dispone, il cliente è da considerarsi come cliente professionale e verrà pertanto trattato in quanto tale, salvo diverso accordo tra la Società stessa e il cliente. Da cliente professionale di diritto a controparte qualificata I clienti professionali di diritto hanno inoltre facoltà di richiedere per iscritto la classificazione come controparte qualificata. Tale riclassificazione è a discrezione assoluta di AFX Capital Markets Ltd., tuttavia sono necessarie prove sufficienti e ragionevoli che dimostrino la fondatezza della richiesta.

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI A seguito dell'attuazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) nell'unione Europea e in accordo con i servizi e attività di investimento e

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

Conto islamico senza swap - Termini e condizioni

Conto islamico senza swap - Termini e condizioni SuperTradingOnline Conto islamico senza swap - Termini e condizioni Versione: 1.3 Data: Agosto 2015 STO Cipro INFORMAZIONI TITOLARE DEL CONTO NOME: NUMERO DI CONTO (IL CONTO ): COGNOME : Compilando i dati

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 8.0 del 14/03/2014 Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 e-mail: banca@bancadiimola.it - www.bancadiimola.it - Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. CATEGORIE DI CLIENTELA...

Dettagli

Informativa sul rischio

Informativa sul rischio Informativa sul rischio Premessa AFX Capital e SuperTradingOnline (STO) sono marchi commerciali di AFX Capital Markets Ltd. e AFX Markets Ltd. AFX Capital Markets Ltd. è autorizzata e regolamentata dalla

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela INDICE 1. CONTENUTI DEL DOCUMENTO... 3 2. RIFERIMENTI RMATIVI... 3 3. CATEGORIE DI CLIENTELA... 4 3.1 Clientela professionale... 4 3.2 Controparti qualificate...

Dettagli

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

Plus500CY Ltd. INVESTOR COMPENSATION FUND

Plus500CY Ltd. INVESTOR COMPENSATION FUND Plus500CY Ltd. INVESTOR COMPENSATION FUND 1. Generale Plus500CY Ltd (di seguito, la Società ) è un membro dell Investor Compensation Fund ( ICF ) per i clienti delle società di investimento cipriote ("CIF")

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Tipo: Normativa Pagina: 1/18 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Oggetto Redatto da Validato da Approvazione Data approvazione Policy di Classificazione della clientela della Banca Alpi Marittime

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - Società Cooperativa Policy di Classificazione della Clientela Adottata dal CdA nella seduta del 23 ottobre 2007 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. III. IV. RIFERIMENTI

Dettagli

MIFID E NUOVA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MIFID E NUOVA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MIFID E NUOVA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA L introduzione della Direttiva denominata MIFID prevede,unitamente agli altri adempimenti ad una corretta classificazione della clientela,allo scopo di assicurare

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Aprile 2014

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO Versione Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data approvazione 30/01/2013

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

MiFID - Pack di benvenuto

MiFID - Pack di benvenuto MiFID - Pack di benvenuto Introduzione La nuova regolamentazione della prestazione di servizi finanziari del Principato di Andorra recupera le principali pratiche di tutela dell'investitore di cui al Titolo

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

Plus500CY Ltd. Avviso esplicito sui rischi

Plus500CY Ltd. Avviso esplicito sui rischi Plus500CY Ltd. Avviso esplicito sui rischi Avviso esplicito sui rischi I CFD possono mettere il vostro capitale a rischio se utilizzato in modo speculativo. I CFD sono classificati come ad alto rischio

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

Sesta Emissione - Scheda informativa

Sesta Emissione - Scheda informativa BTP Italia Sesta Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Modalità di collocamento sul MOT Quotazione Taglio minimo

Dettagli

Ottava Emissione - Scheda informativa

Ottava Emissione - Scheda informativa BTP Italia Ottava Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Repubblica Italiana Baa2 / BBB- / BBB+ / A- (Moody s /

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Ottobre 2014

Dettagli

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo.

Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario del Lussemburgo. EXTRA FUND SICAV TOTAL RETURN OPPORTUNITY Prospetto Informativo Semplificato Luglio 2009 Prospetto tradotto fedelmente dall ultimo prospetto ricevuto dalla Commissione di Vigilanza del Settore Finanziario

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori

Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori Fidelity Active STrategy Febbraio 2015 - Italia Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI

INFORMATIVA SUI RISCHI INFORMATIVA SUI RISCHI Monecor (London) Limited, operante con la denominazione di EXT Capital (EXT Capital o noi) è autorizzata e soggetta alla vigilanza dalla Financial Service Authority (FSA) con n.

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID

Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Macello 55 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Strategia per la classificazione della clientela

Strategia per la classificazione della clientela Strategia per la classificazione della clientela Indice generale 1.Introduzione...3 2.Riferimenti normativi...5 3.Classificazione statica della clientela...7 3.1 Clientela professionale di diritto...7

Dettagli

Settima Emissione - Scheda informativa

Settima Emissione - Scheda informativa BTP Italia Settima Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Repubblica Italiana Scadenza 6 anni (27 ottobre 2020)

Dettagli

MiFID: Policy di Classificazione della Clientela DELIBERA C.D.A. DEL 15/10/2007 E 28/11/2007

MiFID: Policy di Classificazione della Clientela DELIBERA C.D.A. DEL 15/10/2007 E 28/11/2007 MiFID: Policy di Classificazione della Clientela DELIBERA C.D.A. DEL 15/10/2007 E 28/11/2007 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. III. IV. RIFERIMENTI NORMATIVI...6 REALZIONE CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...9 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID

Policy di classificazione e profilazione della clientela nell ambito MiFID Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal C.d.A. il 16/10/2007 Revisione deliberata dal C.d.A. il 14/04/2015 2 INDICE I - PREMESSA...4 II - RIFERIMENTI NORMATIVI...5 III - CLASSIFICAZIONE

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 Premessa e obiettivi del documento La Direttiva 2004/39/CE del Parlamento

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

Anima Tricolore Sistema Open

Anima Tricolore Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

MODULO DI SOTTOSCRIZIONE DI QUOTE DELL OICVM SYMPHONIA PATRIMONIO OBIETTIVO 2021

MODULO DI SOTTOSCRIZIONE DI QUOTE DELL OICVM SYMPHONIA PATRIMONIO OBIETTIVO 2021 Spettabile Symphonia SGR, Data di validità: 02/05/2016 SOTTOSCRITTORE 1 COINTESTATARIO (ovvero Legale Rappresentante in caso di persona giuridica) 2 COINTESTATARIO 3 COINTESTATARIO 1 - COPIA PER SYMPHONIA

Dettagli

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima

Anima Riserva Dollaro Sistema Anima Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

(le SICAV ) Agli azionisti di db x-trackers Sonia Total Return Index ETF e db x-trackers II Sterling Cash ETF (i Fondi )

(le SICAV ) Agli azionisti di db x-trackers Sonia Total Return Index ETF e db x-trackers II Sterling Cash ETF (i Fondi ) db x-trackers Società di investimento a capitale variabile Sede Legale: 49, avenue J.F. Kennedy, L-1855 Lussemburgo R.C.S. Lussemburgo B.119-899 db x-trackers II Società di investimento a capitale variabile

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela CASSA RURALE DI TRENTO

Policy di Classificazione della Clientela CASSA RURALE DI TRENTO Policy di Classificazione della Clientela CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE I. PREMESSA... 3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI... 6 III. CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA... 9 IV. GESTIONE DELLA CLIENTELA

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI...6 III. CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA...8 IV. GESTIONE DELLA CLIENTELA IN ESSERE ALL ENTRATA IN VIGORE

Dettagli

Importanti modifiche a Fidelity Funds. Oggetto: Modifiche agli obiettivi di investimento per alcuni comparti di Fidelity Funds

Importanti modifiche a Fidelity Funds. Oggetto: Modifiche agli obiettivi di investimento per alcuni comparti di Fidelity Funds FIDELITY FUNDS Société d Investissement à Capital Variable 2a, Rue Albert Borschette BP 2174 L - 1021 Lussemburgo RCS B34036 Tel.: +352 250 404 (1) Fax : +352 26 38 39 38 Gentile Azionista, Importanti

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

1 Art. 34-ter (Casi di inapplicabilità ed esenzioni) - 1. Le disposizioni contenute nel Capo I del Titolo II della Parte IV

1 Art. 34-ter (Casi di inapplicabilità ed esenzioni) - 1. Le disposizioni contenute nel Capo I del Titolo II della Parte IV RICHIESTA DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DEGLI INVESTITORI QUALIFICATI AI SENSI DELL ARTICOLO 34-TERDECIES DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971/1999 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI L articolo 34-ter, comma 1, lett.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini Edizione Novembre 2013 1 Sommario 1. Obbligo di Best Execution: principi generali e contesto normativo di riferimento 2. Sedi

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Progetto MiFID Policy classificazione clientela. Policy di classificazione della clientela CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

Progetto MiFID Policy classificazione clientela. Policy di classificazione della clientela CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA Progetto MiFID Policy classificazione clientela Policy di classificazione della clientela CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA INDICE I. IMPOSTAZIONE METODOLOGICA 3 II. RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

Plus500CY Ltd. Politica di esecuzione degli ordini

Plus500CY Ltd. Politica di esecuzione degli ordini Plus500CY Ltd. Politica di esecuzione degli ordini Politica di esecuzione degli ordini La presente Politica di esecuzione degli ordini rientra negli accordi con il cliente come definito nel Contratto con

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI - Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

LA DIRETTIVA MIFID E LA TUTELA DEL

LA DIRETTIVA MIFID E LA TUTELA DEL LA DIRETTIVA MIFID E LA TUTELA DEL RISPARMIATORE Avv. MARIO MASTRODONATO 1 Obiettivi della Direttiva Creazione di un mercato unico europeo dei servizi finanziari Rafforzamento del sistema di tutela per

Dettagli

FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA E NORME CONTRATTUALI SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO INDICE

FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA E NORME CONTRATTUALI SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO INDICE FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA E NORME CONTRATTUALI SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO Il presente documento (il Fascicolo Informativo ), rivolto ai Clienti o potenziali Clienti di Banca Sistema

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione novembre 2011 Aggiornamento marzo 2012 Aggiornamento luglio

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Anaxis Bond Opportunity Europe 2018

Anaxis Bond Opportunity Europe 2018 Informazioni chiave per l investitore Il presente documento contiene alcune informazioni essenziali per gli investitori di questo OICVM, ma non ha finalità promozionali. Le informazioni in esso contenute

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

Newsletter, Marzo 2013

Newsletter, Marzo 2013 Newsletter, Marzo 2013 Contenuti: 1. Diritto della previdenza sociale 2. Diritto commerciale 3. Diritto amministrativo 4. Diritto bancario 5. Diritto civile 1. Diritto della previdenza sociale Ordinanza

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela CREDITO COOPERATIVO C.R.A. DI PALIANO

Policy di Classificazione della Clientela CREDITO COOPERATIVO C.R.A. DI PALIANO Policy di Classificazione della Clientela CREDITO COOPERATIVO C.R.A. DI PALIANO Delibera del Consiglio di Amministrazione del 09/03/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione 09/10/2012

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela 1 INDICE I. PREMESSA...3 II. III. IV. RIFERIMENTI NORMATIVI...6 CLASSIFICAZIONE STATICA DELLA CLIENTELA...8 GESTIONE DELLA CLIENTELA IN ESSERE AL 1 NOVEMBRE...11

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese.

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Gli Amministratori RUSSELL INVESTMENT COMPANY IV PUBLIC

Dettagli

RENDICONTO ANNUALE SULL ATTIVITA DI GESTIONE DEI RECLAMI

RENDICONTO ANNUALE SULL ATTIVITA DI GESTIONE DEI RECLAMI RENDICONTO ANNUALE SULL ATTIVITA DI GESTIONE DEI RECLAMI Marzo 2014 1 Indice 1.Introduzione... 3 2. Assetto organizzativo/procedurale... 3 3. Reclami / esposti pervenuti nell esercizio 2013... 4 3.1 Reclami

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO INFORMATIVA ALLA CLIENTELA. MiFID. Cliente al dettaglio

SERVIZI DI INVESTIMENTO INFORMATIVA ALLA CLIENTELA. MiFID. Cliente al dettaglio SERVIZI DI INVESTIMENTO INFORMATIVA ALLA CLIENTELA MiFID Cliente al dettaglio INDICE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA... 3 INFORMAZIONI GENERALI... 7 DOCUMENTO INFORMATIVO DI

Dettagli

Pioneer Funds - Absolute Return Currencies

Pioneer Funds - Absolute Return Currencies INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. si tratta di un documento promozionale.

Dettagli