OPEN DAYS 2015 LOCAL EVENTS COUNTRY LEAFLET ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OPEN DAYS 2015 LOCAL EVENTS COUNTRY LEAFLET ITALIA"

Transcript

1 OPEN DAYS 2015 LOCAL EVENTS COUNTRY LEAFLET ITALIA

2 INDEX I. Regional Partnerships Official Partners of the OPEN DAYS 2015 Regione Autonoma Valle d'aosta 3 Regione Abruzzo 4 Regione Basilicata 5 Regione Calabria 7 Emilia-Romagna 9 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 10 Genoa 11 Regione Lazio 12 Liguria 14 Lombardia 15 Regione Marche 17 Piemonte 18 Regione Puglia 20 Regione Autonoma della Sardegna 21 Regione Siciliana 22 Alpeuregio South Tyrol 24 Alpeuregio Trentino 26 Regione Umbria 27 Regione Veneto 28 II. Independent partner other organisation/association organising a local event IRECOOP Alto Adige 29 Prima Persona 30 t33 Srl 32 2

3 I. Regional Partnerships Official Partners of the OPEN DAYS 2015 Regione Autonoma Valle d'aosta (EUSALP) "Le opportunità di finanziamento diretto dell'ue per interventi nel campo dello sviluppo sostenibile" Aosta Regions open for business Workshop Organisers: Regione Autonoma Valle d'aosta, Dipartimento Politiche Strutturali e Affari Europei, Ufficio di Rappresentanza a Bruxelles Enrico Mattei, Coordinatore del Dipartimento Politiche Strutturali e Affari Europei Remo Chuc, Dirigente dell'ufficio di Rappresentanza a Bruxelles Caterina Naldi, Istruttuore Programmi di sviluppo, Dipartimento Politiche Strutturali e Affari Europei Carlo Badino, Istruttuore tecnico, Dipartimento Politiche Strutturali e Affari Europei Gianluca Tripodi, Istruttuore Programmi di sviluppo, Dipartimento Politiche Strutturali e Affari Europei Gianluca Peinetti, Policy & Project officer, Ufficio di Rappresentanza a Bruxelles L evento organizzato dalla Regione Autonoma Valle d Aosta, Dipartiemento Affari Europei e Politiche Strutturali, e Ufficio di Rappresentanza a Bruxelles, darà ai partecipanti una base di conoscenza solida per orientarsi nel panorama dei finanziamenti diretti dell Unione europea, aumentando la consapevolezza dei presenti in particolare per quanto riguarda I progetti nell ambito dello sviluppo sostenibile. Inoltre, nel corso dell evento, verrà affrontata la questione del mantenimento dei servizi di base nelle aree di montagna anche tramite il sostegno dei Programmi Tematici. Il workshop sarà un ottima opportunità per le imprese locali, le ONG, nonché per i Dipartimenti Regionali e le comunità locali per ritrovarsi e comprendere il funzionamento e gli obiettivi dei Programmi Tematici a gestione diretta dell UE. I Programmi che verranno presentati durante l evento comprenderanno Orizzonte 2020, LIFE e COSME. Il workshop sarà indirizzato al partenariato socio-economico regionale e ai Dipartimenti regionali e comunità locali. Partenariato socio-economico, comunità locali, comuni, comunità montane, Dipartimenti regionali. More information: 3

4 Abruzzo (Adriatic-Ionian Macroregion) "Potenziamento degli strumenti destinati alla facilitazione della vita delle Imprese e alla simplificazione del rilascio delle autorizzazioni" Pescara Regions open for business Workshop Organisers: Regione Abruzzo Luciano D'ALFONSO, Presidente della Regione Abruzzo, Membro del Comitato delle regioni Giovanni LOLLI, Vice Presidente della Regione Abruzzo, responsabile per lo Sviluppo economico Ferdinando NELLI FEROCI, Commissario europeo responsabile per le imprese e l'industria Gianni PITTELLA, Parlamentare europeo, Presidente del Gruppo politico S&D Simone BEISSEL, Presidente della Commissione ECOS del Comitato delle Regioni Marianna MADIA, Ministro della Funzione pubblica Giorgio SQUINZI, Presidente di CONFINDUSTRIA rappresentante del Ministero italiano per lo sviluppo economico rappresentante regionale per lo sviluppo economico della Regione MARCHE rappresentante regionale per lo sviluppo economico della Regione MOLISE rappresentante della Camera di Commercio di Pescara rappresentante di CONFINDUSTRIA Abruzzo rappresentante della CNA Abruzzo L'evento si propone di collocare in una prospettiva europea il dibattito in corso in Italia (e da ultimo alimentato anche dal DPCM 28 maggio 2014 Approvazione del Programma per la misurazione e la riduzione dei tempi dei procedimenti amministrativi e degli oneri regolatori gravanti su imprese e cittadini, ivi inclusi gli oneri amministrativi ) sulle politiche perseguite a livello nazionale e locale per facilitare la vita delle imprese, individuando procedure idonee a semplificare il loro insediamento, la loro gestione, la politica delle imprese e l'innovazione. L'evento si indirizza a politici, esperti e pratici delle Amministrazioni nazionali e territoriali, locali e regionali, ivi incluse agenzie regionali, università, centri di ricerca, asociazioni imprenditoriali datoriali e sindacali. More information: Website of Abruzzo Region: Social Media (facebook) L'Europa é in Abruzzo : 4

5 Regione Basilicata (Europe of Traditions) "Resilienti, sostenibili, attrattive: un nuovo paradigma per le comunità culturali del Mediterraneo" Matera Places and spaces Conference Organisers: Regione Basilicata, Dipartimento Programmazione e Finanze Morning session: Elio Manti, Direttore Generale Dipartimento Programmazione e Finanze, Regione Basilicata Afternoon session: Marcello Pittella, Presidente della Regione Basilicata Antonio Bernardo, Autorità di Gestione Programmi Operativi FESR, RegioneBasilicata Elio Manti, Direttore Generale Dipartimento Programmazione e Finanze, Regione Basilicata Ministero dell'ambiente Istituto Nazionale di Urbanistica ANCI URBACT Program Supportare le città e le comunità nel diventare resilienti, sostenibili e attrattive è una delle sfide più rilevanti del 21esimo secolo. Le città, e più in generale le comunità, sono molto complesse. La loro capacità di resilienza può essere interpretata e compresa in termini di numerosi fattori che influenzano la loro capacità di continuare a funzionare, anche a fronte di circostanze difficili, recuperando rapidamente i momenti di criticità che le contraddistinguono. Le città sostenibili sono comunità progettate tenendo in considerazione l impatto ambientale, la minimizzazione dei consumi energetici e dei fattori produttivi necessari, nonchè la produzione di rifiiuti, l inquinamento atmosferico e, più in generale, l uso delle risorse. Infine le città attraenti sono comunità progettate con una nuova visione della creatività e con la ricerca di un coinvolgimento collettivo verso i fattori culturali. La Regione Basilicata intende garantire un mix equilibrato ed intelligente fra resilienza, sostenibilità e approccio culturale, puntando ad utilizzare tale mix come un nuovo paradigma per un approccio allo sviluppo delle città e delle comunità del Mediterraneo. Rappresentanti delle regioni, università, volontari e addetti del settore, autorità locali, istituzioni locali etc. 5

6 More information: 6

7 Regione Calabria (Adriatic-Ionian Macroregion) "Action plan project «NOSTRA ESI» Studio delle misure Politiche per una buona «GOVERNANCE» a livello europeo dello stretto di Messina" Reggio Calabria Places and spaces Convegno Organisers: PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA DOTT. RAFFA GIUSEPPE, PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PROF. CATANOSO PASQUALE, MAGNIFICO RETTORE UNIVERSITA' «MEDITERRANEA» DI RC PROF. NERI GIANFRANCO, DIRETTORE DEL DEPARTIMENTO ART DELL'UNIVERSITA' DI REGGIO CALABRIA ARCH. BARRESI ALESSANDRA, PROFESSORE DI URBANISTICA DELL'UNIVERSITA' DI REGGIO CALABRIA. DOTT. CRUCITTI AMELIA, DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI AMBIENTE E TERRITORIO DELLA REGIONE CALABRIA ING. CATALFAMO DOMENICA, DIRETTORE DEL SETTORE TRASPORTI E TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA DOTT. FORESTIERI FRANCESCO, DIRETTORE DEL SETTORE AMBIENTE ED ENERGIA DELLA PROVINCIA REGGIO CALABRIA PROF. MORACI FRANCESCA, PROFESSORE ORDINARIO DI URBANISTICA DELL'UNIVERSITA' DI REGGIO CALABRIA L'EVENTO LOCALE DI REGGIO CALABRIA METTERA' IN LUCE COME GLI ENTI LOCALI STIANO AUMENTANDO IL LORO IMPEGNO CON L'UNIONE EUROPEA E COME CIO' POSSA INFLUENZARE LE POLITICHE EUROPEE. SI PARTIRA' DA RISULTATI RAGGIUNTI CON IL PROGETTO «NOSTRA» PER QUANTO RIGUARDA LO STRETTO DI MESSINA CHE, A DIFFERENZA DI TUTTI GLI ALTRI STRETTI EUROPEI SI TROVA ALL'INTERNO DI UNA STESSA NAZIONE, PER SVILUPPARE ULTERIORI INIZIATIVI ALL'INTERNO DELLA RETE»ESI» AL FINE DI AFFRONTARE INSIEME IMPORTANTI SFIDE EUROPEE PER MIGLIORARE L'EROGAZIONE DI SERVIZI LOCALI. QUESTO EVENTO DI UN GIORNO PORTERA' L'OPEN DAY SULLO STRETTO DI MESSINA A REGGIO CALABRIA SULLA BASE DI TEMI DIBATTUTI IN SENO ALL'UNIONE EUROPEA. VERRA' ESAMINATO QUESTO PROGETTO INTEGRATO DI TERRITORIO E GOVERNANCE INNOVATIVA NEL CUORE DELL'EURO -MEDITERRANEO. POLITICI LOCALI, FUNZIONARI ED OPERATORI DEGLI ENTI TERRITORIALI, DELL'UNIVERSITA',AGENZIA DI SVILUPPO REGIONALE, CAMERA DI COMMERCIO, PARTI SOCIALI, CITTADINI ED ASSOCIAZIONI OPERANTI SUL TERRITORIO. 7

8 More information: 8

9 Regione Emilia-Romagna (Adriatic-Ionian Macroregion) " " Bologna 11/2015 Regions open for business Organisers: More information: 9

10 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia (Adriatic-Ionian Macroregion) "Lo sviluppo economico nelle aree rurali" Modernising Europe Udine 10/11/2015 Workshop Organisers: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ufficio di Collegamento di Bruxelles / Direzione Centrale agricoltura Sabrina Lucatelli, Rappresentante del Ministero dello Sviluppo Economico e della Direzione Generale della politica regionale della Commissione Europea Isabella De Monte, MEP Cristiano Shaurli, Assessore regionale all'agricoltura Sabrina Lucatelli, Rappresentante del Ministero dello Sviluppo Economico e della Direzione Generale della politica regionale della Commissione Europea Francesco Miniussi, Vice Direttore centrale della Direzione centrale agricoltura Fabio Feruglio, Centro di trasferimento tecnologico Giuseppe Nezzo, Veneto Agricoltura L evento locale del Friuli Venezia Giulia, si concentrerà su come la regione sta incrementando le metodologie per aiutare le zone rurali al fine di valutare la loro competitività economica regionale per sostenere le strategie di crescita e di sviluppo. L'andamento economico delle regioni rurali in Europa e in tutto il mondo è in ritardo, nonostante gli sforzi dei governi e leader locali per affrontare il problema. E 'il momento di ripensare ad approcci allo sviluppo economico rurale basati su una conoscenza più ampia delle fonti di competitività nell'economia globale. I passaggi chiave per stimolare le economie rurali sono i seguenti: 1. Lo sviluppo economico dovrebbe concentrarsi sui punti di forza unici di ogni area, piuttosto che concentrarsi sulla riduzione di generici punti di debolezza 2. Un'adeguata strategia economica deve comprendere non solo le aree rurali, ma anche i centri urbani adiacenti 3. Lo sviluppo economico rurale dovrebbe basarsi su un'efficiente distribuzione spaziale delle attività economiche, piuttosto che tentare di replicare le economie urbane 4. E improbabile che un'unica politica agricola nazionale sia significativo e di successo. Autorità regionali e locali, rappresentanti di università, Comunità, esperti. More information: Website: https://regione.fvg.it 10

11 Genoa (Local Urban Development European Network) "Supporting Smart innovation" Regions open for business Genoa 28/10/2015 Seminario Organisers: Comune di Genova ed Università di Genova Francesco Oddone, Assessore, Comune di Genova Intervengono Paolo Castiglieri, Comune di Genova e Stefania Manca, Università di Genova. Genova è parte del Network Eurocities e presiede il Fourm Smart Cities. Il workshop è rivolto imprenditori ed associazioni imprenditoriali locali e verrà svolto con il fine di aumentare la consapevolezza della strategia UE 2020 e, in particolare, richiamando l'attenzione alle opportunità di finanziamento che sono disponibili a sostenere questo tema a livello nazionale, regionale e città europee. Principalmente associazioni di piccolo e medi imprenditori, studenti legati al settore imprenditoriale e di ricerca e sviluppo. More information: Website : https://regione.fvg.it 11

12 Regione Lazio (Europe of Traditions) "Sostenere la sostenibilità : un progetto pilota per il Parco dei Monti Simbruini" Rome Places and spaces Convegno Organisers: Regione Lazio - Agenzia Regionale per i Parchi Parco dei Monti Simbruini Vito Consoli Direttore Agenzia Regionale per i Parchi Paolo Gramiccia Direttore Parco dei Monti Simbruini Nicoletta Cutolo Agenzia Regionale per i Parchi Roberto Mazzà - SL&A Turismo e Territorio Il progetto in questione è una delle prime azioni previste dal Programma Strategico per il Turismo Sostenibile nelle AA.NN.PP. (è stato redatto dall ARP su richiesta della Giunta Regionale del Lazio nel 2013), che segue la realizzazione di uno studio mirato a consolidare le conoscenze sui sistemi locali nei quali focalizzare le azioni. Tale studio ha individuato un area pilota, omogenea da un punto di vista dell offerta e del richiamo turistico, dove realizzare le attività che successivamente potranno essere replicate su tutto il territorio regionale. L area selezionata corrisponde con il territorio appenninico dei Monti Simbruini nel quale è istituito dal 1983 il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini. Con il progetto pilota per lo Sviluppo Sostenibile del territorio del Parco dei Monti Simbruini si mira alla valorizzazione turistica del territorio puntando soprattutto alle potenzialità del settore sportivo e dell outdoor. Obiettivo è aumentare le capacità dell accoglienza turistica dell area, puntando al valore aggiunto fornito dalle enormi risorse naturali e paesaggistiche, dall alta qualità dei prodotti agro-alimentari e gastronomici, dalle presenze storico culturali e religiose. In particolare si vogliono raggiungere i seguenti obiettivi: 1) Costruire un «catalogo dell offerta turistica locale»; 2) Dare supporto formativo agli attori locali (soprattutto ai giovani), relativamente agli obiettivi e le azioni previste dal progetto; 3) Promuovere il territorio e le imprese turistiche e agro-alimentari attraverso eventi, manifestazioni e mercati. Rappresentanti delle aree naturali protette regionali, autorità locali, stakeholders locali, Ong, social partners, Agenzie di sviluppo territoriale, tour operators. 12

13 More information: 13

14 Liguria (Smart Maritime Alliance) "Festa della Marineria 2015" Places and spaces La Spezia 27-30/08/2015 Evento cultural Organisers: Associazione Il Golfo e la Cultura del Mare, Comune della Spezia, Autorità Portuale della Spezia Sen. Giovanni Lorenzo Forcieri Presidente Distretto Ligure delle Tecnologie Marine Presidente Autorità Portuale della Spezia Liguria Region, in collaboration with the Italian Ministry of Defence and the European Commission, is about to organize an important event in Genoa on December 7th, 8th and 9th 2014, thus falling under the general context of the Italian Presidency of the Council of the European Union. All the documentation and informative material needed will be produced in due advance, as well as the official communication of this Open Day. Additionally we would like to bring to your attention that Liguria Region will launch a Memorandum of Understanding addressed to those regions within the Union that have developed Smart Specializations in the field of defence and security. Cittadini, Turisti, Aziende, Università, Centri di Ricerca. More information: 14

15 Lombardia (EUSALP) "Le Montagne del Mediterraneo: cambiamenti climatici, paesaggio, biodiversità" Milano 4 Settembre 2015 Places and spaces Presentazioni e workshops Organisers: Ministero dell Ambiente e della tutela del del Territorio e del Mare supportato dalle regioni montane italiane, in particolare dalle 7 regioni alpine, in collaborazione con l'unep ufficio regionale d'europa Paolo Angelini, capo della delegazione italiana alla Convenzione delle Alpi - Ministero dell'ambiente, della tutela del Territorio e del Mare. Harald Egerer, UNEP - Segretariato della Convenzione dei Carpazi, Vienna Thomas Hofer, Mountain Partnership Secretariat, FAO (da confermare) Paolo Angelini, Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Dario Cartabellotta, Cluster EXPO Bio-Mediterraneo Antonio Ballarin Denti, Fondazione Lombardia per l'ambiente - FLA Francesco Musco, Università IUAV di Venezia Massimo Sargolini, Università di Camerino Cristina Mottironi, Università Bocconi di Milano DG Natura e del Mare, Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (da confermare) Ministero per politiche agricole e forestali - MIPAAF (da confermare) Nelle regioni di montagna, la cooperazione ambientale internazionale per lo sviluppo sostenibile può svolgere un ruolo strategico sia nella pianificazione che in termini politici, come è stato dimostrato dalla lunga esperienza nelle Alpi e nei Carpazi: le uniche due catene montuose del mondo protette da specifici trattati internazionali dedicati a favorire lo sviluppo sostenibile in aree montane omogenee. Per contribuire alla cooperazione transfrontaliera tra montagne del Mediterraneo, il Ministero dell'ambiente italiano in qualità di delegazione italiana della Convenzione delle Alpi, supportato dalle regioni montane italiane ed in collaborazione con l'unep Vienna - SCC e il Bio Cluster Mediterraneo a EXPO 2015, promuove questo Workshop. Il workshop inaugura una serie di incontri dedicati alle montagne del Mediterraneo, al fine di rafforzare e ampliare la cooperazione tra tutte le parti interessate, favorendo lo sviluppo di strumenti per una governance multilivello e la promozione di una "green economy" nell'area del Mediterraneo. Le aree tematiche individuate per la discussione sono: 1) l'adattamento locale e la mitigazione dei cambiamenti climatici, 2) turismo sostenibile e la gestione integrata del paesaggio, 3) la tutela e la valorizzazione della biodiversità e l agro - biodiversità nelle zone di montagna del Mediterraneo. 15

16 Rappresentanti della ricerca, di governi a vari livelli e della società civile dei Paesi Alpini e Mediterranei si incontreranno per promuovere reti internazionali di amministrazioni e portatori di interessi, locali e non, e per individuare sinergie e progetti comuni da candidare a finanziamenti internazionali, in linea con le priorità strategiche dell Unione Europea. Con una discussione tecnica, si valorizzeranno i contributi istituzionali e le esperienze di gestione sostenibile delle aree montane e delle loro risorse. More information: 16

17 Regione Marche (Adriatic-Ionian Macroregion) "La Macroregione Adriatico-Ionica e le prospettive di integrazione e di sviluppo nell area" Milano Regions open for business Forum Internazionale Organisers: Regione Marche AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI, ENTI PUBBLICI, STAKEHOLDERS TERRITORIALI (UNIVERSITA, ISTITUTI DI RICERCA, CAMERE DI COMMERCIO, AGENZIE REGIONALI DI SVILUPPO E INNOVAZIONE, DISTRETTI REGIONLI PRODUTTIVI/TECNOLOGICI, RAPPRESENTANTI DELLA SOCIETA CIVILE, OPERATORI ECONOMICI, etc.) More information: 17

18 Piemonte (EUSALP) "Verso il nuovo Piano Energetico Ambientale Regionale " Territorial cooperation Torino 19 ottobre 2015 Conferenza Organisers: Regione Piemonte Stefania Crotta - Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Alberto Valmaggia Assessore Regionale all Ambiente Giuliana Fenu Direttore Competitività del sistema regionale Stefano Rigatelli - Direttore Ambiente, Governo e tutela del Territorio Ridurre le emissioni in atmosfera, incrementare l efficienza riducendo i costi energetici, favorire lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili e promuovere la green economy sono gli obiettivi del Piano energetico ambientale regionale del Piemonte. Un primo incontro per discutere con gli stakeholders si è tenuto il 22 aprile a Torino nel corso del Forum regionale per l energia. Dopo un attenta analisi degli input ricevuti, verrà elaborata una nuova proposta di piano che possa tenere in debito conto tutte le possibili fonti energetiche regionali. In un territorio coperto per un terzo da boschi non si può prescindere da discutere del legno come fonte energetica e delle altre sue molteplici possibili destinazioni commerciali. Portatori di interessi economici, sociali ed istituzionali della Regione. More information: 18

19 Regione Puglia (Adriatic-Ionian Macroregion) "Il contributo dei Programmi CTE e dei Programmi CBC IPA II all attuazione della Strategia per la Macroregione Adriatico Ionica (EUSAIR)" Bari Regions for business Seminario Organisers: Regione Puglia Servizio Mediterraneo Sessione della mattina: Dott. Bernardo Notarangelo (Dirigente del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia) Sessione del pomeriggio: Dott. Claudio Polignano (Servizio Mediterraneo della Regione Puglia) Rappresentante della Commissione Europea per la Macroregione Adriatico Ionica Rappresentante della Macroregione del Mar Baltico Rappresentante dell Emilia Romagna, Autorità di Gestione del Programma ADRION 2014/2020 Rappresentante della Regione Veneto/Croazia, Autorità di Gestione del Programma Italia Croazia 2014/2020 Rappresentante della Regione Puglia, Autorità di Gestione del Programma CBC IPA II Italia, Albania, Montenegro 2014/2020 Rappresentante della Regione Puglia, Programma Grecia Italia 2014/2020 L evento locale organizzato in Puglia avrà l obiettivo di illustrare le modalità di attuazione della strategia EUSAIR all interno dei Programmi CTE e dei Programmi CBC IPA II nei quali la Puglia è territorio eleggibile, e nello specifico dei Programmi CBC Italia Grecia, CBC Italia - Croazia, TNT ADRION and CBC IPA II Italy Albania Montenegro. Il seminario sarà strutturato in due sessioni: La prima di carattere più generale, durante la quale il rappresentante della CE spiegherà cos è EUSAIR e come tale strumento può indirizzare sfide comuni, favorendo il coordinamento tra tutti i territori dell area Adriatico ionica. Durante questa sessione verranno presentate anche le buone pratiche e le iniziative progettuali realizzate nell ambito della Strategia UE per il Mar Baltico, come modello per affrontare sfide comuni su questioni marittime, in chiave macro-regionale. Nella seconda sessione i rappresentanti delle AdG dei programmi di cooperazione sopra citati presenteranno la strategia e le priorità d intervento dei rispettivi programmi operativi e la loro coerenza con i Pilastri della Strategia EUSAIR, e quindi il loro contributo al raggiungimento degli obiettivi della Strategia. L evento sarà indirizzato ai politici e agli amministratori regionali e locali e a tutti gli stakeholder territoriali, potenziali beneficiari dei progetti finanziati dai programmi di cooperazione. 19

20 AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI, ENTI PUBBLICI, STAKEHOLDERS TERRITORIALI (UNIVERSITA, ISTITUTI DI RICERCA, CAMERE DI COMMERCIO, AGENZIE REGIONALI DI SVILUPPO E INNOVAZIONE, DISTRETTI REGIONLI PRODUTTIVI/TECNOLOGICI, RAPPRESENTANTI DELLA SOCIETA CIVILE, OPERATORI ECONOMICI, etc.) More information: (institutional regional web portal) (regional web portal for cooperation); 20

21 Regione Autonoma della Sardegna (Smart Energy Partnerships) "Più stelle nel cielo: i programmi regionaliper l efficienza dell illuminazione pubblica" Cagliari 5 November 2015 Modernising Europe Seminario Organisers: Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Difesa dell Ambiente Paola Zinzula, Direttore generale della Difesa dell Ambiente Gianluca Cocco, Regione Autonoma della Sardegna Gianluca Cadeddu, Regione Autonoma della Sardegna, Autorità di Gestione del PO FESR Nome da richiedere, rappresentante regionale dell'anci Nome da richiedere, rappresentante regionale Ordini professionali Nome da richiedere, Comune di, illustrazione di un caso di studio Il 2015 è stato proclamato dall ONU «Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce». Il 2015 è anche l anno di transizione tra la chiusura di un ciclo di programmazione e la definizione della strategia per il prossimo periodo. Nell ambito di un ben più vasto programma internazionale, il seminario si propone come un piccolo tassello per raccontare l'importanza che le tecnologie della lucerivestono nella promozione dello sviluppo sostenibilee nel forniresoluzioni alle sfideglobali dell ambiente e dell energia. Nel corso del seminario saranno quindi illustrati i risultati di un periodo in cui la Regione Sardegna ha voluto investire con decisione sulla buona gestione dell illuminazione pubblica per attivare un percorso virtuoso che potesse autoalimentarsinel prossimo ciclo. L esperienza e i risultati ottenuti con il programma regionale pluriennale per l adeguamento degli impianti di illuminazione pubblicasaranno presentati dai differenti soggetti pubblici promotori (amministrazione regionale e enti locali) e discussi con gli attori privati (tecnici e imprese del settore).si rifletterà sugli obiettivi raggiunti in un ciclo di programmazione e sugli sviluppi previsti nel prossimo, sugli strumenti predisposti, con l illustrazione di un caso ritenuto significativo e rappresentativo di una buona pratica dal punto di vista tecnico e amministrativo. Amministratori regionali e locali, tecnici e imprese del settore. More information: 21

22 Regione Siciliana (Adriatic-Ionian Macroregion) " " Regions open for business Palermo Forum Organisers: More information: 22

23 Alpeuregio South Tyrol (EUSALP) Joint event with Alpeuregio Trentino (EUSALP) "Conferenza euroregionale sul futuro delle terme nel campo del turismo e della ricerca" Bad Häring (AT) 13 November 2015 "Konferenz der Europaregion über die Zukunft des Themenwesens im Tourismus und in der Forschung" Regions open for business Workshop Organisers: GECT «Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino» EVTZ «Europaregion Tirol-Südtirol-Trentino» Leopold Hofinger, Amministratore/ Direttore Verwalter/Direktor Terme/Thermen di Bad Häring Tirolo Giandomenico Nollo, Fondazione Bruno Kessler, che parlerà del ruolo della ricerca nel campo del termalismo / zur Rolle der Forschung im Thermalwesen La conferenza definirà lo sviluppo futuro del termalismo nell Euregio del punto di vista della salute e del turismo. Si definirà l'importanza di misure specifiche di cooperazione tra i tre territori. Il risultato di tale cooperazione permetterà di presentare l'intera Euroregione in Europa come un'area che offre una varietà di servizi termali onnicomprensivi in una piccola area. Presentazioni e workshop tra cui rappresentanti di spa termali e i centri di Bad Häring (T), Merano (BZ), tutti i centri termali nel Trentino TN (Comano, Levico, Dolomia, Val Rendena, Pejo, Rabbi, Roncegno) ; Fondazione Bruno Kessler in Trento, Province di Bolzano e Trento Die Konferenz wird die zukünftige Entwicklung des thermischen Bereiches in der Euregio vom Gesundheitsund Tourismusstandpunkt darlegen. Man wird die Bedeutung von konkreten Maßnahmen der Zusammenarbeit zwischen den drei Gebieten definieren. Das Ergebnis einer solchen Zusammenarbeit kann die gesamte Euregio in Europa als Raum einer Vielzahl von umfassenden Thermendienstleistungen in einem kleinen Gebiet darstellen. Vorstellungen und Workshops inklusive Vertreter der Thermenspas und Zentren von Bad Häring (T), Meran (BZ), all thermal centres in Trentino TN (Comano, Levico, Dolomia, Val Rendena, Pejo, Rabbi, Roncegno) ; Stiftung Bruno Kessler in Trento, Provinzen von Bozen und Trento Rappresentanti delle istituzioni termali dei tre territori, dei servizi sanitari provinciali, di istituti di ricerca. Vertreter der Thermalinstitutionen der drei Euroregio Territorien, Landesgesundheitsdienste, sowie Landestourismusdienstleistungen und Vertreter von Forschungseinrichtungen. 23

24 More information: 24

25 Alpeuregio Trentino (EUSALP) Joint event with Alpeuregio South Tyrol (EUSALP) "Conferenza euroregionale sul futuro delle terme nel campo del turismo e della ricerca" Bad Häring (AT) 13 November 2015 "Konferenz der Europaregion über die Zukunft des Themenwesens im Tourismus und in der Forschung" Regions open for business Workshop Organisers: GECT «Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino» EVTZ «Europaregion Tirol-Südtirol-Trentino» Leopold Hofinger, Amministratore/ Direttore Verwalter/Direktor Terme/Thermen di Bad Häring Tirolo Giandomenico Nollo, Fondazione Bruno Kessler, che parlerà del ruolo della ricerca nel campo del termalismo / zur Rolle der Forschung im Thermalwesen La conferenza definirà lo sviluppo futuro del termalismo nell Euregio del punto di vista della salute e del turismo. Si definirà l'importanza di misure specifiche di cooperazione tra i tre territori. Il risultato di tale cooperazione permetterà di presentare l'intera Euroregione in Europa come un'area che offre una varietà di servizi termali onnicomprensivi in una piccola area. Presentazioni e workshop tra cui rappresentanti di spa termali e i centri di Bad Häring (T), Merano (BZ), tutti i centri termali nel Trentino TN (Comano, Levico, Dolomia, Val Rendena, Pejo, Rabbi, Roncegno) ; Fondazione Bruno Kessler in Trento, Province di Bolzano e Trento Die Konferenz wird die zukünftige Entwicklung des thermischen Bereiches in der Euregio vom Gesundheitsund Tourismusstandpunkt darlegen. Man wird die Bedeutung von konkreten Maßnahmen der Zusammenarbeit zwischen den drei Gebieten definieren. Das Ergebnis einer solchen Zusammenarbeit kann die gesamte Euregio in Europa als Raum einer Vielzahl von umfassenden Thermendienstleistungen in einem kleinen Gebiet darstellen. Vorstellungen und Workshops inklusive Vertreter der Thermenspas und Zentren von Bad Häring (T), Meran (BZ), all thermal centres in Trentino TN (Comano, Levico, Dolomia, Val Rendena, Pejo, Rabbi, Roncegno) ; Stiftung Bruno Kessler in Trento, Provinzen von Bozen und Trento Rappresentanti delle istituzioni termali dei tre territori, dei servizi sanitari provinciali, di istituti di ricerca. Vertreter der Thermalinstitutionen der drei Euroregio Territorien, Landesgesundheitsdienste, sowie Landestourismusdienstleistungen und Vertreter von Forschungseinrichtungen. 25

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna 1 La Cooperazione Territoriale Europea si inserisce nell ampio panorama di interventi programmati dalla Comunità Europea

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E INIZIATIVE COMUNITARIE I N T R O D U Z I O N E INTERREG III Cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale volta a incentivare uno sviluppo e un assetto armonioso ed equilibrato del territorio

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

econsulenza NeWS 20 Maggio 2015 N. 04/15 Informativa su bandi e finanziamenti europei e nazionali INFO DALL EUROPA

econsulenza NeWS 20 Maggio 2015 N. 04/15 Informativa su bandi e finanziamenti europei e nazionali INFO DALL EUROPA econsulenza NeWS 20 Maggio 2015 N. 04/15 Informativa su bandi e finanziamenti europei e nazionali INFO DALL EUROPA Cooperazione Territoriale Europea (CTE) Speciale MED e ALCOTRA La Cooperazione Territoriale

Dettagli

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Silvia Grandi Dirigente Responsabile - Servizio intese istituzionali e programmi speciali d area sigrandi@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME

IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME Prospettive future per la regione Adriatica nella Cooperazione Territoriale Europea L Aquila 14 Aprile 2014 Avv. Paola Di Salvatore Autorità di Gestione Programma IPA Adriatic

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

Roma, 21 luglio 2006 CIRCOLARE N. 69 / 2006 Prot. 511

Roma, 21 luglio 2006 CIRCOLARE N. 69 / 2006 Prot. 511 (mod_09_i_ed_02_rev_01 / circ-fs.doc / 25/07/06) Roma, 21 luglio 2006 CIRCOLARE N. 69 / 2006 Prot. 511 AGLI ENTI ASSOCIATI AP/ FINANZIAMENTI ENTI PUBBLICI ECONOMICI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI OGGETTO

Dettagli

Il supporto alle imprese per il trasferimento tecnologico fornito dalla rete europea Enterprise Europe Network della Confindustria Piemonte

Il supporto alle imprese per il trasferimento tecnologico fornito dalla rete europea Enterprise Europe Network della Confindustria Piemonte Il supporto alle imprese per il trasferimento tecnologico fornito dalla rete europea Enterprise Europe Network della Confindustria Piemonte Ing. Ermanno Maritano Asti, 3 giugno 2013 Creata il 1 Gennaio

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica.

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica. PROGRAMMA DI ASSISTENZA TECNICA TRA ISTITUTZIONI (PATTI) Italia-Albania Dipartimento per le Politiche Regionali della Presidenza del Consiglio Roma, 12 aprile 2011 Seconda riunione Si è svolta a Roma lo

Dettagli

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione Accordo di partenariato 2014-2020 I fondi europei per la coesione 4 Novembre 2014 Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione(o politica regionale comunitaria)

Dettagli

AUTORITA REGIONALI COMPETENTI

AUTORITA REGIONALI COMPETENTI AUTORITA REGIONALI COMPETENTI REGIONE ABRUZZO Direzione Sanità Ufficio IAN - Servizio Prevenzione Collettiva Via Conte di Ruvo, 74 - PESCARA Tel. 085 7672673/606 REGIONE BASILICATA Dipartimento Sicurezza

Dettagli

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese

Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Enterprise Europe Network Italia La rete europea a supporto delle Piccole e Medie Imprese Ermanno Maritano, Confindustria Piemonte EEN ALPS NordOvest Roma, 14 novembre 2011 European Commission Enterprise

Dettagli

Enterprise Europe Network Confindustria Piemonte. Ing. Paolo Guazzotti

Enterprise Europe Network Confindustria Piemonte. Ing. Paolo Guazzotti Servizi della rete Enterprise Europe Network della Commissione Europea per l internazionalizzazione e l accesso ai programmi europei delle imprese piemontesi Ing. Paolo Guazzotti Enterprise Europe Network

Dettagli

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici Cosimo Antonaci 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione (o politica regionale comunitaria) è la politica

Dettagli

Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR

Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR Lanusei 6 giugno 2008 Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità Provincia di Torino Provincia dell Ogliastra Sviluppo locale orientato alle pari opportunità:

Dettagli

Informest 2020 al servizio del territorio

Informest 2020 al servizio del territorio Informest 2020 al servizio del territorio Auditorium Regione Friuli Venezia Giulia Udine, via Sabbadini, giovedì 8 gennaio 2015 Sandra Sodini Dirigente Area Cooperazione Economica Internazionale, Informest

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

Strategia macro-regionale EUSALP

Strategia macro-regionale EUSALP Strategia macro-regionale EUSALP Roberta Negriolli Regione Lombardia 11 maggio 2015 Regione Emilia-Romagna Sala 20 Maggio 2012 Viale della Fiera 8, Bologna INDICE 1. Cos è una Strategia Macroregionale

Dettagli

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012 Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica Venerdì 1 giugno 2012 Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020

LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 LA NUOVA POLITICA REGIONALE DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2014-2020 Direzione Affari economici e Centro Studi Ing. Romain Bocognani «I finanziamenti europei diretti ed indiretti per il settore delle

Dettagli

LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI

LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI Delibera n. 3/2009 composta dai Magistrati: Dott. Bartolomeo MANNA Presidente Dott. Franco FRANCESCHETTI Consigliere Dott. Ivan DE MUSSO

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Coaching SME Instrument e servizi EEN

Coaching SME Instrument e servizi EEN Coaching SME Instrument e servizi EEN Title of the presentation Date 2 Coaching Service SME Instrument Chi può accedere: Soltanto le PMI vincitrici dello SME Instrument In cosa consiste il servizio: il

Dettagli

IL PROGETTO "RETE DI RETI" Introduzione OSSERVATORIO IT GOVERNANCE. A cura di Stefano Bonsignori, Manager di HSPI

IL PROGETTO RETE DI RETI Introduzione OSSERVATORIO IT GOVERNANCE. A cura di Stefano Bonsignori, Manager di HSPI OSSERVATORIO IT GOVERNANCE IL PROGETTO "RETE DI RETI" A cura di Stefano Bonsignori, Manager di HSPI Introduzione Negli ultimi 15 anni le Associazioni nell Area IT sono proliferate in modo sensibile, determinando

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Newsletter n 5 Dicembre 2014

Newsletter n 5 Dicembre 2014 Newsletter n 5 Premessa 1 Conferenza finale di DANTE: Come rafforzare le strategie ICT e turismo nelle aree rurali e montane? 1 Per saperne di più di DANTE 5 6 Incontro del Comitato di Pilotaggio di DANTE

Dettagli

Elenco Istituti Tecnici Superiori

Elenco Istituti Tecnici Superiori Elenco Istituti Tecnici Superiori N. Regione Provincia ITS Area tecnologica Ambiti 1 Abruzzo CHIETI 2 Abruzzo L'AQUILA Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Sistema Meccanica Istituto Tecnico

Dettagli

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Presentazione Attraverso questo documento si vuole offrire a una breve presentazione dei principali elementi del Programma di Cooperazione Territoriale Spazio

Dettagli

Quarta call - Programma Spazio Alpino 2007/2013 Esiti Task Force- selezione EoI

Quarta call - Programma Spazio Alpino 2007/2013 Esiti Task Force- selezione EoI ACP Alpine Contact Point ITALIA REGIONE LOMBARDIA DG TERRITORIO E URBANISTICA Piazza Città di Lombardia, 1 20124 Milano Tel. +39 02 6765 5356 Fax +39 02 6765 6716 CONTATTI spazio_alpino@regione.lombardia.it

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 27 gennaio 2015 Serafino Pitingaro Responsabile Area Studi e Ricerche Unioncamere Veneto 1 Senza

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

tour febbraio-aprile terza edizione

tour febbraio-aprile terza edizione tour 2014 febbraio-aprile terza edizione 60 città 141 ordini e collegi provinciali patrocinanti edizione 2013 93.280 12% 12% 17% 29% 30% ALCUNI NUMERI contatti autorevole comitato scientifico enti e aziende

Dettagli

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore CONCLUSIONI Ad un anno dall avviamento del progetto Osservatorio tecnologico, gestionale e formativo per la sicurezza in montagna, per la tutela dell ambiente montano e delle strutture ricettive alpine

Dettagli

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Società Italiana Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza SINPIA Bernardo Dalla Bernardina Presidente Franco Nardocci Past President Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Roma, 13

Dettagli

SHAPE tra costa e mare

SHAPE tra costa e mare SHAPE tra costa e mare Lignano Sabbiadoro 17 Ottobre 2013 Katia Raffaelli Direzione Generale Ambiente, Difesa del Suolo e della Costa Regione Emilia-Romagna Shaping an Holistic Approach to Protect the

Dettagli

La Piattaforma EFISIO

La Piattaforma EFISIO Strumenti finanziari e sviluppo urbano sostenibile: dalla finanza di progetto alla finanza di programma La Piattaforma EFISIO INFO DAY ITALIA 14/11/2014 Dimensione urbana e strumen. finanziari nella programmazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

INVESTI NEL TUO LAVORO

INVESTI NEL TUO LAVORO INVESTI NEL TUO LAVORO Dott. Arcangelo Rizzuti Responsabile Rete Nazionale BacktoWork24 Bologna, 10 marzo 2015 Da un anno, ogni settimana, abbiamo portato un investimento a una piccola azienda I risultati

Dettagli

ENTERPRISE EUROPE NETWORK

ENTERPRISE EUROPE NETWORK ENTERPRISE EUROPE NETWORK Giovanna D ADDAMIO Executive Agency for Competitiveness and Innovation Programmi gestiti dall EACI: CIP EIP Perché una rete a sostengo delle PMI? Le PMI sono il 99% delle imprese

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 in Emilia-Romagna

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 in Emilia-Romagna Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 in Emilia-Romagna Seminario DirEUropa:i fondi europei come opportunità per lo sviluppo locale Rimini, 16 aprile 2014 Michele Migliori Servizio Politiche europee

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Edilportale Tour 2015

Edilportale Tour 2015 Gli organizzatori dei Tour nazionali: Piano Casa 2010 Edifici a Energia Quasi Zero 2011, 2012, 2013 e 2014 Smart Village2012 e 2013 Forum Tecnologie e Costruzioni 2013 presentano La Mostra Convegno itinerante

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO E DELIBERATIVO DI RIFERIMENTO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO E DELIBERATIVO DI RIFERIMENTO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI COMUNI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA AFFERENTI ALLE PROVINCE DI FERRARA, RAVENNA, FORLÌ-CESENA E RIMINI AVENTI POPOLAZIONE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

REGIONI ITALIANE Indirizzi e Recapiti telefonici

REGIONI ITALIANE Indirizzi e Recapiti telefonici REGIONI ITALIANE Indirizzi e Recapiti telefonici REGIONE ABRUZZO Palazzo Emiciclo, Via Michele Iacobucci 4, 67100 L Aquila Tel. 0862/6441, Fax. 0862/419508 Internet: www.regione.abruzzo.it Palazzo Centi,

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

WAI - Women Ambassadors in Italy

WAI - Women Ambassadors in Italy WAI - Women Ambassadors in Italy Pianificazione nazionale delle attività rev8 Seminari WAI regionali Partner WAI Titolo Argomenti Data Periodo - Luogo P01 Unioncamere Toscana P02 CCIAA Chieti 1) 2) -3)

Dettagli

L Agenzia di Confindustria per competere in rete

L Agenzia di Confindustria per competere in rete L Agenzia di Confindustria per competere in rete Esigenze espresse dalle Imprese Volontà di: Aggregazione su progetti Superamento del localismo distrettuale Innovazione e Internazionalizzazione Governance:

Dettagli

8 - INDICE DELLA MATERIA FONDI STRUTTURALI E FINANZIAMENTI COMUNITARI

8 - INDICE DELLA MATERIA FONDI STRUTTURALI E FINANZIAMENTI COMUNITARI 8 - INDICE DELLA MATERIA FONDI STRUTTURALI E FINANZIAMENTI COMUNITARI M232 Master in europrogettazione - Programmi comunitari... pag. 2 A589 Ammissibilità delle spese, gestione, attuazione e controllo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 28/06/2013 Circolare n. 103 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle

Dettagli

Breve panoramica delle leggi regionali sulla ricerca

Breve panoramica delle leggi regionali sulla ricerca Master P.I.T. 9.4 Modulo M9 Politiche regionali per la ricerca e l innovazione tecnologica Panoramica sulle leggi regionali Breve panoramica delle leggi regionali sulla ricerca Il materiale esposto in

Dettagli

CONTATTI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE SUDDIVISI PER REGIONE

CONTATTI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE SUDDIVISI PER REGIONE CONTATTI DI RIFERIMENTO PER LE MALATTIE RARE SUDDIVISI PER REGIONE Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Telefono Verde Malattie Rare dell Istituto Superiore di Sanità o consultare il motore

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 EXPO 2015: UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA E IL LAVORO Attesi 20 milioni di visitatori Già venduti 8 milioni di biglietti 23,5 miliardi di indotto previsto tra

Dettagli

Gli Sportelli Territoriali Informativi (SIT) del Enterprise Europe Network (EEN)

Gli Sportelli Territoriali Informativi (SIT) del Enterprise Europe Network (EEN) LO SPORTELLO INFORMATIVO TELEMATICO REACH E CLP DELL EMILIA ROMAGNA Gli Sportelli Territoriali Informativi (SIT) del Enterprise Europe Network (EEN) Antonello Lapalorcia Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

Introduzione e contesto generale

Introduzione e contesto generale Introduzione e contesto generale Il Trattato di Lisbona è entrato in vigore il 1 dicembre 2009. L apertura verso un coinvolgimento significativo delle realtà regionali e locali nelle dinamiche decisionali

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

P R E FA Z I O N E Un volume a sostegno di un progetto operativo Otto Bitjoka, presidente della Fondazione Ethnoland... pag. 9

P R E FA Z I O N E Un volume a sostegno di un progetto operativo Otto Bitjoka, presidente della Fondazione Ethnoland... pag. 9 ethnoland - 0 - INDICE E INTRO 6 31-12-2008 10:11 Pagina 3 INDICE P R E FA Z I O N E Un volume a sostegno di un progetto operativo Otto Bitjoka, presidente della Fondazione Ethnoland... pag. 9 I N T R

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

"Percorsi di sviluppo in Europa: politiche, programmi, progetti".

Percorsi di sviluppo in Europa: politiche, programmi, progetti. "Percorsi di sviluppo in Europa: politiche, programmi, progetti". Caterina Praticò - c.pratico@inta-aivn.org Pantelleria, 27 Novembre 2008 Indice - Politiche Europee per la crescita e lo sviluppo sostenibile

Dettagli

CORSO IN ESPERTO DI METODI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI DALL UNIONE EUROPEA

CORSO IN ESPERTO DI METODI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI DALL UNIONE EUROPEA CORSO IN ESPERTO DI METODI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI DALL UNIONE EUROPEA SEDE del Corso: EuropeAurum, Largo Gardone Riviera Pescara QUOTA D ISCRIZIONE CON BORSA

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Progetto Alterenergy Energy sustainability for Adriatic Small Communities

Progetto Alterenergy Energy sustainability for Adriatic Small Communities Legnaro, 19 novembre 2013 Progetto Alterenergy Energy sustainability for Adriatic Small Communities Finanziamento Europeo: programma Transfrontaliero IPA Adriatico dott. Loris Agostinetto Settore Bioenergie

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

I soggetti del marketing territoriale

I soggetti del marketing territoriale I soggetti del marketing territoriale Anyway Soggetti Pubblici => legami col governo Privati => fine di lucro Misti Conflitti => Agenzie di marketing territoriale Livelli di ampiezza della responsabilità

Dettagli

SMART MEETINGS. Incontri per capire come sarà la città del futuro

SMART MEETINGS. Incontri per capire come sarà la città del futuro SMART MEETINGS Incontri per capire come sarà la città del futuro Progetto promosso da Assessorato alla Cultura, Creatività, Innovazione e Smart City In collaborazione con Assessorato all Urbanistica, Urban

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

certificazione indipendente LEED Leadership in Energy and Environmental Design i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e

certificazione indipendente LEED Leadership in Energy and Environmental Design i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e Protocollo d intesa tra Provincia autonoma di Bolzano e Provincia autonoma di Trento sui temi dell edilizia sostenibile, della produzione energetica da fonti rinnovabili e della mobilità sostenibile La

Dettagli

E-POCKET. La Newsletter della Direzione Generale CULTURE, IDENTITA' E AUTONOMIE. dedicata alla programmazione comunitaria in ambito culturale

E-POCKET. La Newsletter della Direzione Generale CULTURE, IDENTITA' E AUTONOMIE. dedicata alla programmazione comunitaria in ambito culturale E-POCKET La Newsletter della Direzione Generale CULTURE, IDENTITA' E AUTONOMIE dedicata alla programmazione comunitaria in ambito culturale N 3 luglio 2015 E-P E Pocket, ovvero la cultura europea in pillole

Dettagli

Rassegna Stampa. Gennaio 2015. The project is co-funded by the European Union, instrument for Pre-Accession Assistance

Rassegna Stampa. Gennaio 2015. The project is co-funded by the European Union, instrument for Pre-Accession Assistance Rassegna Stampa Gennaio 2015 The project is co-funded by the European Union, instrument for Pre-Accession Assistance COMUNICATO STAMPA 14.01.2015 PROGETTO NEXT, MOTORE DELLA RICERCA NELLA MACROREGIONE

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale Area tematica Politica regionale Obiettivi Il programma rientra nell'obiettivo Cooperazione territoriale dei Fondi Strutturali 2007-2013

Dettagli

Bologna, 21 ottobre 2014

Bologna, 21 ottobre 2014 HORIZON 2020 PER LE IMPRESE I servizi a supporto della partecipazione delle imprese in Emilia-Romagna Marlene Mastrolia ASTER, Sportello APRE Emilia-Romagna Bologna, 21 ottobre 2014 I REFERENTI NAZIONALI

Dettagli