PROGETTO DI TRASFORMAZIONE DELL IMMOBILE RELAZIONE TECNICO / DESCRITTIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI TRASFORMAZIONE DELL IMMOBILE RELAZIONE TECNICO / DESCRITTIVA"

Transcript

1 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE DELL IMMOBILE RELAZIONE TECNICO / DESCRITTIVA 1

2

3 3

4

5 INDICE Inquadramento dell area Analisi del contesto Il progetto Le relazioni a scala urbana Nella città, della città: BAAM! Timeline di BAAM! BAAM! Gli elementi Verifica dimensionale Relazione costruttiva, strutturale e impiantistica Descrizione delle strutture Illustrazione tecnologia di progetto Materiali Relazione impiantistica 5

6 stadio Meazza direzione Tangenziale Ovest previsione stazione Metro 5 San Siro Stadio sottopasso direzione autostradale ospedale San Carlo complesso immobiliare via Novara 75 cascina Torrette di Trenno caserma Santa Barbara direzione centro città In alto Vista zenitale dell area

7 ANALISI DEL CONTESTO Via Novara è una delle importanti radiali della città di Milano ed è situata in posizione strategica rispetto ai nuovi insediamenti in via di realizzazione in previsione di EXPO 2015 in direzione tangenziale Ovest. Il lotto di intervento è collocato nel N.I.L 61 di Quarto Cagnino. Nelle immediate adiacenze trova collocazione il quartiere E.R.P. Vercellese. Altri luoghi e funzioni di rilievo nell area sono l Ospedale San Carlo Borromeo, lo stadio Meazza, l ippodromo, la Caserma Santa Barbara e il deposito ATM. Questi fatti urbani sono caratterizzati da forte autoreferenzialità e interclusione. Gli spazi aperti tra di essi sono dilatati senza che abbiamo un preciso statuto di leggibilità. Di interesse è la Cascina Torrette di Trenno. Il contesto presenta, oltre al citato quartiere Vercellese, altri interventi storici di edilizia residenziale pubblica: San Siro, Quarto Cagnino, Harar. Solitamente questi quartieri racchiudono al loro interno i principali servizi educativi e sociali in modo autonomo. Lungo gli assi di via Novara e via Forze Armate sono concentrate la stragrande maggioranza di attività commerciali o di grande distribuzione: ciò determina una sostanziale assenza di esercizi nel tessuto urbano tra di esse compreso. Di recente realizzazione è l area di housing sociale di via Cenni. L accessibilità alla zona è garantita da i mezzi di superficie n 63, 64, 72, 80 provenienti dalla fermata della linea 1 della Metropolitana De Angeli. Le fermate di Metropolitana più prossime sono Bisceglie, Inganni e Primaticcio. In corso di realizzazione è la stazione della linea 5 San Siro - Stadio nei pressi, appunto, dello Stadio Meazza. ragionamento d assieme rispetto alla destinazione d uso dell area. Il lotto si colloca in una situazione urbana privilegiata: arretrato rispetto alla cortina edilizia su via Novara e separato da essa da una fascia verde con alberi ad alto fusto, affaccia su un giardino pubblico anch esso piantumato e delimitato lateralmente dalle vie Alessandro Fleming e del Ticino e, sul fondo, verso il quartiere Vercellese, da via Giulio Ferreri. Quest area verde, protetta dal traffico di via Novara, se pur di dimensioni ridotte, rappresenta uno spazio dotato di un grande potenziale d uso dal punto di vista urbano ad oggi poco sfruttato. Il lotto è attualmente occupato da corpi di fabbrica fatiscenti (uno destinato a magazzino e uno ad uffici), parzialmente compromessi anche dal punto di vista strutturale e contaminati da amianto in alcune rilevanti parti. Esso si conforma come un recinto chiuso, attualmente privo di relazioni fisiche e visive con lo spazio aperto che lo circonda se non due varchi carrabili che si attestano sulle strade laterali. 7 Alla luce di queste considerazioni sul contesto, emerge un dato fondamentale rispetto alla povertà di spazi di aggregazione: l assenza di piazze, di luoghi di ritrovo, e attività collettive impone un

8

9 IL PROGETTO 9 A sinistra Assonometria dell intervento. In giallo i percorsi che attraversano il complesso e si relazionano con il tessuto urbano circostante. Le relazioni a scala urbana Assumendo l importanza di un architettura collettiva a forte vocazione pubblica, il progetto affronta in modo articolato e complesso il rapporto con lo spazio aperto. L obiettivo è quello di innescare una serie di relazioni a scala urbana attraverso dispositivi architettonici e successioni spaziali. Concetto architettonico, forma dell edificio e sistema costruttivo, intesi secondo reciproche relazioni, stabiliscono il punto di partenza per lo sviluppo di un progetto il più possibile attento alla relazione tra fruizione e scala urbana. L edificio si pone rispetto alla città in termini di netta unitarietà: viene assecondato il confine del lotto e una facciata traslucida e diafana ne ricalca il perimetro con l obiettivo di chiarezza e leggibilità in un contesto frastagliato e disomogeneo dal punto di vista percettivo. L attenzione, in questo senso, si è concentrata sul valore estetico dell edificio, sul suo carattere, sulla sua capacità di assumere il contesto come riferimento e termine di integrazione.

10 via del Ticino via Giulio Ferreri via Novara via Fleming

11 L architettura 11 A sinistra Schema urbano. In giallo evidenziati i percorsi interni ed esterni all edificio in relazione all isolato. In alto Spaccato prospettico da via Novara. Sono indicati i principali elementi costitutivi del complesso. L edificio, interamanete pensato in classe energetica A, è concepito come una grande metafora costruita: una lanterna abitabile da tutti, capace di irradiare luce e contenuti in città. Le superfici di facciata sono unitarie e, retroilluminate di notte, ambiscono a costituire un punto di riferimento per l intero quartiere. La lamiera stirata che le compone è attraversabile dallo sguardo e dal vento, ma la superficie continua è utilizzabile come supporto per arte urbana, installazioni a rotazione, proiezioni, green wall: una grande lavagna fatta per essere scritta da cittadini, artisti, bambini... Gli elementi architettonici trovano un riferimento nella tradizione urbana e architettonica della città, in particolare di Milano: la strada, il porticato, l atrio, i ballatoi, le gradinate... Permeabilità e attraversabilità sono i princìpi cardine di BAAM!: il recinto è interrotto da una serie di varchi o porte che si aprono all esterno. Via Novara trova connessione con il giardino retrostante grazie ad una strada interna che si pone alla stregua di spazio urbano pubblico, senza soluzione di continuità con esso. Su di essa si innesta, ortogonalmente, un altro percorso che rende possibile il collegamento longitudinale carrabile del lotto. In questo senso, l azione di intersecare, incrociare due assi, risale alla primigenia fondativa della città e ha, in questo caso, un preciso valore: è proprio in corrispondenza di questo incrocio che ha sede il cuore di BAAM!. Si tratta di un vero e proprio centro concettuale, di uno spazio di relazione che, come in un piccolo borgo, raccoglie le energie dell intero complesso. BAAM! introietta la città riproducendone al suo interno la complessità e l articolazione di spazi: affacci, percorsi, ballatoi, luoghi dello stare e del percorrere che divengono un microcosmo dinamico, aperto verso il cielo e vicino alle persone. L architettura di BAAM! rifugge complessità gratuite in termini linguistici, volumetrici e statici e fa della semplicità la sua cifra costruttiva, sperimentando, in questo preciso momento storico, un ideale compromesso tra estetica e contenuti, tra forme e senso in modo attento e rispettoso dell ambiente.

12 A destra Fotoinserimento all ora del tramonto. Vista dall angolo tra via del Ticino e via Giulio Ferreri. La luce del polo urbano culturale irradia lo spazio aperto. In primo piano l angolo del bistrot rivolto al postico sul giardino. A destra il volume in policarbonato. Al centro l ingresso sulla strada interna di collegamento a via Novara. A Sinistra il volume del coworking e l accesso ai cinema e alla distribuzione verticale. Sempre sulla sinistra, il volume è interrotto dalla grande finestra dello spazio polifunzionale.

13 Nella città, della città: BAAM! 13 La strada di BAAM! è allestibile e utilizzabile secondo le esigenze più svariate: attività all aperto, performances, feste urbane, concerti, mercatini... Le strade entrano nell edificio; il suolo collettivo di BAAM! si espande nella città. Questa tensione continua, una vera e propria relazione di reciprocità tra urbanità ed edificio è motore di relazioni e attività, è simbolica e insieme fisica. Non un mero fatto tecnico e funzionale, ma una strada per connettere che si fà luogo specifico, dotato di senso compiuto, un riferimento, un punto di ritrovo... Sulla strada di BAAM! affacciano le principali funzioni strutturali dell intero complesso: due sale teatrali (una da circa 400 posti e una da 150 circa) allestite secondo i parametri tecnici più esigenti, un bistrot / caffetteria; uno spazio atelier / laboratori a sua volta relazionato ad un patio più riservato condiviso con l area co-working. In questo patio è possibile allestire laboratori all aperto o piccoli eventi. Sempre dalla strada interna è possibile raggiungere una grande scalinata che porta alle sale cinema (due piccole, da circa 80 posti e una grande, da circa 150 posti) utilizzabili anche come sale conferenze o piccoli auditorium e agli spazi tecnici posti ai piani interrati dell edificio. Ai piani superiori trovano collocazione una piccola foresteria completa di servizi e angolo cottura; un aula polivalente facilmente connessa con il piano superiore del bistrot / caffetteria nel caso sia necessario per eventi specifici; infine, un unità composta da due sale registrazione e quattro sale prove. Sul giardino affaccia, per l intera lunghezza dell edificio (da via Fleming a via del Ticino) un portico che, in corrispondenza al bistrot, diventa una terrazza aperta sul giardino. Dal lato opposto, verso via Fleming, lo stesso portico lascia spazio ad un corpo completamente traslucido, divisibile in tre moduli, alto circa dieci metri, adatto ad esposizioni, laboratori temporanei, attività artigianali, piccole presentazioni, attività multimediali. Il mix di funzioni che offre il programma rende BAAM! un luogo polivalente e flessibile, aperto a tutte le ore del giorno, ospitale alle più svariate fasce d età. La commistione di spazi e usi garantisce un uso intenso della struttura, capace di generare un nuovo centro.

14 Fotoinserimento diurno. Vista sulla strada interna che collega il fronte su via Novara all area destinata a verde tra le vie Fleming e del Ticino sullo sfondo. Sulla strada affacciano i ballatoi distributivi dell intero complesso. Lo spazio è aperto agli allestimenti più svariati. Affacciarsi e riconoscersi in uno spazio collettivo.

15 Fotoinserimento diurno. Vista sul portico affacciato sul giardino. In primo piano il patio all aperto del bistrot. Sullo sfondo l ingresso del volume polifunzionale. Sulla sinistra l accesso alla strada interna. 15

16 TIMELINE DI BAAM! VIA NOVARA VIA DEL TICINO VIA G. FERRERI VIA A. FLEMING BAAM! è pensato per parti non solo per garantire il necessario e ottimale isolamento acustico e aumentare la leggibilità e il senso di ognuna di esse, ma anche per permettere la realizzazione di due varianti di progetto: BAAM! e BAAM! Grande. Le due versioni differiscono nella quantità di spazi che vengono messe a disposizione delle diverse funzioni afferenti al progetto. In particolare, la versione BAAM! considera la realizzazione nell area interrata dei due cinema da 80 posti e delle sale prova musica e studi di registrazione. Nella versione BAAM! GRANDE quest ultima area viene invece dedicata alla realizzazione del terzo cinema (da 150 posti). Infine, la versione BAAM! GRANDE prevede la realizzazione della palazzina che comprende gli spazi che verranno dedicati al coworking, aula polivalente e sale prova musica e studi di registrazione. giorno 0 Inizio dei lavori sull area di BAAM!. Stato di fatto.

17 17 giorno 15 Dopo quindici giorni, nell area dei giardini, vengono posizionate due strutture leggere: il teatrino all aperto e l infopoint. Ciò permette l immediata accensione delle attività di BAAM! sul territorio. Rappresentazioni, piccole esposizioni, eventi musicali, attività culturali, di laboratorio e di informazione. L area viene delimitata ed iniziano le opere di messa in sicurezza e demolizione.

18 giorno 60 Dopo sessanta giorni vengono completate le demolizioni e le opere di bonifica. Le attività proseguono utilizzando le due strutture temporanee del teatrino e dell infopoint. La recinzione interattiva del cantiere si è trasormata in una lavagna urbana, in grado di accogliere attività artistiche e di esposizione. Una vera e propria wunderkammer che racconta e prefigura la crescita di BAAM!. Iniziano le opere di costruzione.

19 IPOTESI 1 giorno 540 BAAM! è pronto. 19

20 IPOTESI 2 giorno 540 BAAM! Grande è pronto! Grazie alle tecnologie adottate in cantiere e alla flessibilità del progetto architettonico il tempo di costruzione è uguale nelle due versioni..

21 Sopra La distribuzione verticale a cielo aperto Sotto L accesso alla grande scala dalla strada interna 21

22 BAAM!, GLI ELEMENTI

23 VERIFICA DIMENSIONALE BAAM! 3000 MQ SLP TOTALE 120 mq di slp - esposizione 420 mq di slp - co working - sala polivalente - sale registrazione 180 mq di slp - laboratori - foresteria 400 mq di slp - ristorazione 1265 mq di slp - teatri - produzione teatrale - spazi accessori 470 MQ SLP - cinema - spazi accessori SUP. COPERTA 1709 MQ < 60% superficie coperta come da PGT SUP. LIBERA 1357 MQ > 40% superficie scoperta come da PGT 23 SUP. LOTTO 3066 MQ

24

25 RELAZIONE COSTRUTTIVA, STRUTTURALE e IMPIANTISTICA Premessa In una fase preliminare, per poter realizzare un edificio in CLASSE A, si è proceduto alla verifica delle principali stratigrafie che compongono l involucro degli edifici, in maniera particolare su quelli opachi che sono la quasi totalità di quelli previsti. Anche in questo caso si è posta particolare attenzione ai materiali ecocompatibili, in maniera particolare sulle lastre in gesso rivestito dove si è previsto di utilizzare lastre Habito ActiveAir della Gyproc che, essendo additivate con fibre di vetro, garantiscono un elevato grado di durezza superficiale e di resistenza meccanica con ovvi vantaggi sulla durata e sul risparmio manutentivo. Altra caratteristiche importante delle lastre è la tecnologia Activ Air che permette alla lastra di assorbire e neutralizzare fino al 70% dei VOC presenti nell aria. La stratigrafia principale dei muri perimetrali verrà così realizzata con una trasmittanza totale pari a W/mqK di 0,189 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI DELL INVOLUCRO EDILIZIO: secondo UNI EN UNI UNI EN ISO UNI UNI Tipo di struttura: muro perimetrale fuori terra, codice struttura M1 25 N. DESCRIZIONE STRATO s l C r da x 10 - du x 10 R (dall interno verso l esterno) [mm] [W/mK] [W/m²K] [kg/m³] [kg/mspa] [kg/mspa] [m²k/w] 1 Lastra in cartongesso Habito 13 Activ Air 12,5 0,250 20, ,000 50,000 0,050 2 Lastra in cartongesso WALLBOARD 13 12,5 0,250 20, ,000 50,000 0,050 3 Pannello autoportante Mupan K 80 0,036 0, ,067 0,067 2,250 4 Pannello isolante in schiuma polyiso Tipo GT 60 0,024 0, ,351 1,351 2,500 5 Muro esterno in blocchi lisci ST 20x40 FV IMP 200 0,909 4, ,000 13,333 0,220

26 1. DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE Le strutture portanti si possono intendere composte da due differenti sistemi: cemento armato con pilastri verticali e piastre orizzontali per i corpi di fabbrica multipiano; strutture in legno lamellare su setti in c.a. per i corpi di fabbrica a tutta altezza. Il progetto è realizzato secondo le attuali Nuove norme tecniche per le costruzioni : D.M. 14 gennaio 2008 (NTC08) e s. m. i. ed in osservanza della classificazione sismica e zonizzazione del territorio dell Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 3274 del Visto il quadro normativo di riferimento per l edificio in oggetto, sono stati definiti i seguenti parametri di progetto: vita nominale (100 anni) classe d uso (III) zona sismica (4) Milano 1.1 MURI PERIMETRALI I muri di cantina realizzano completamente il perimetro del piano interrato e sono strutturalmente connessi in sommità al solaio di piano terra. 1.2 FONDAZIONI In relazione all entità delle sollecitazioni riscontrate nel dimensionamento della struttura, alle caratteristiche geotecniche e idrogeologiche del terreno, alla geometria dello schema a telaio ed ai rapporti di luce/altezza degli elementi strutturali si è ritenuto di scegliere la soluzione di fondazione a plinti isolati e travi di fondazione. 1.3 STRUTTURE VERTICALI Le strutture verticali sono realizzate in opera in c.a. ordinario e sono costituite da pilastri e setti portanti. Nel complesso dell intera struttura non si evidenziano pilastri in falso: tutte le strutture verticali, costituite da pilastri e setti, sono continue dal piano di fondazione. 1.4 STRUTTURE ORIZZONTALI Corpo di fabbrica a 4 livelli Struttura a soletta piena bidirezionale alleggerita tipo Cobiax : non richiede l uso di travi ribassate monodirezionali, tutti gli gli elementi sono in spessore con armatura staffata di semplice irrigidimento del bordo. Corpo di fabbrica a tutta altezza Per realizzare i grandi spazi liberi necessari e il volume unico la copertura sarà realizzata con travi in legno lamellare secondo lo schema di arco a due cerniere o mono-trave poggiato su file di setti perimetrali.

27 2. ILLUSTRAZIONE TECNOLOGIA DI PROGETTO Sistema bilastra per i muri perimetrali Descrizione sintetica: 1. Scavi di sbancamento in tutta l area di lavoro con scarpata inclinata a circa Scavo a sezione verticale per tratti di fronte fino a quota fondazione, 3. Getto magrone di fondazione e tracciamento filo muri perimetrali, 4. Posa dei muri prefabbricati a doppia lastra e armatura di fondazione integrata, 5. Messa in sicurezza della lastra con puntelli contrastati 6. Operazione ripetuta per i conci successivi. 7. Getto del tratto di muro e riempimento a tergo (con lastra puntellata). Il solaio Cobiax è una struttura monolitica in c.a. con portata bidirezionale alleggerito da corpi cavi in polietilene ad alta densità inseriti in una speciale gabbia di rete elettrosaldata opportunamente sagomata che fa da distanziale tra l armatura inferiore e l armatura superiore sostituendo i tralicci distanziatori. In sostanza i corpi cavi sostituiscono il calcestruzzo nelle zone della piastra che non concorre alla stabilità del solaio. 1. Casseratura con sistemi modulari. 2. Posa l armatura inferiore a doppia orditura in fasci preassemblati. 3. Posa modulo cobiax. 4. Getto del cls fludio. 5. Staggiatura. 6. Disarmo parziale anticipato. Il sistema cobiax è un sistema di solaio in opera che unisce la sicurezza del cantiere, la semplicità e velocità di posa, il risparmio del materiale e la diminuzione del peso proprio (fino al 35%). Il vantaggio dell edificio rispetto al metodo tradizionale: minor calcestruzzo e armatura in acciaio; riduzione degli elementi verticali (pilastri e setti) eliminazione di elementi ribassati (velocità di esecuzione); riduzione delle deformazioni verticali; minori carichi in fondazione; gestione del cantiere con massima flessibilità e produzione esterna; ottimizzazione dei tempi, dell organizzazione degli spazi e della sicurezza. 27

28 Copertura in legno lamellare del volume unico Il notevole sviluppo assunto, in questi ultimi anni, dall utilizzo del legno nella nuova costruzione, risale senza dubbio alla raggiunta consapevolezza di poter disporre con il legno di una materia prima tradizionale e, al tempo stesso, moderna che, se correttamente impiegata, consente non solo soluzioni architettoniche straordinarie, isolamenti acustici e termici ineguagliabili, resistenze al fuoco ed al sisma, ma anche il più ecologico tra tutti i materiali disponibili. Le strutture in legno lamellare vengono impiegate in tutte le applicazioni nelle quali la valutazione estetica acquisisce un adeguata rilevanza. La struttura portante in legno lamellare classica è composta da archi a due/tre cerniere, opportunamente curvati secondo le sagome di progetto. Costituiscono gli archi un insieme di lamelle fresate nei giunti, eseguiti a pettine, ed appositamente incollate con prodotti idonei e precisati nelle normative di incollaggio. Il collegamento tra gli archi così ottenuto è assicurato da appositi puntoni ottenuti sempre in legno lamellare di abete. L esecuzione dei collegamenti avviene mediante l impiego di opportune scarpette in acciaio e chiodi ad alta resistenza o bulloni secondo le necessità e i dati di progetto. Le campate esterne vengono normalmente corredate da controventi in acciaio in grado di scaricare a terra le spinte ortogonali agli archi. Per quanto riguarda i metodi di calcolo si fa riferimento alle seguenti normative tecniche: UNI 9504 Procedimento analitico per la resistenza al fuoco degli elementi in legno UNI ENV Eurocodice 5 - progettazione di strutture di legno 3. MATERIALI Per tutte le strutture, sia di fondazione che in elevazione sono prescritti i seguenti materiali: Calcestruzzo C 28/35 N/mmq peso specifico (c.a.) = 0,0025 dan/cmc modulo elastico E = dan/cmq coefficiente di Poisson = 0,15 resistenza caratteristica cubica Rck = 350 dan/cmq resistenza caratteristica cilindrica fck = 280 dan/cmq Acciaio per c.a. B450C ftk tensione di rottura 540 N/mm2 fyk tensione di snervamento 450 N/mm2 fyd tensione di calcolo 390 N/ mm2 Allungamento (Agt )k 7% deformazione massima y,u = 1% Acciaio per Profili metallici EN S275 J2 (ex Fe430) (acciai marcati CE e

29 conformi alle norme armonizzate) UNI EN per laminati UNI EN per tubi senza saldatura UNI EN per tubi saldati Acciaio per profili laminati a caldo secondo Tab IX : UNI EN : S275 (fyk 275 ftk 430) A destra Esempio di struttura in legno lamellare. Travi su due appoggi a doppia pendenza. 29

30 RELAZIONE IMPIANTISTICA La presente descrizione tipologica degli impianti tecnologici è stata impostata in modo da fornire una doppia chiave di lettura che permetta di valutare sia sotto il profilo tecnico e normativo sia sotto l aspetto prestazionale le opere nel loro complesso. L intero progetto impiantistico è stato pensato con un ottica verde in quanto si prevede l utilizzo di tecnologie ad alta efficienza energetica. Questo per seguire la filosofia progettuale architettonica la quale oltre utilizzare tecnologie costruttive a bassissimo impatto ambientale prevede un grande utilizzo di materiali riciclabili. Si è previsto l utilizzo di un modulo pompa di calore. Il vantaggio nell uso della pompa di calore deriva dalla sua capacità di fornire più energia di quella elettrica impiegata per il suo funzionamento in quanto estrae/cede calore all ambiente esterno, in questo caso dall acqua di falda. IMPIANTI ELETTRICI Apparecchiature elettriche pre assemblate e/o cablate Sistema controllo accensioni/spegnimento illuminazione ordinaria Sistema di gestione/controllo illuminazione di emergenza Impianto di illuminazione di emergenza corpi illuminanti a led Controllo accensione luci servizi igienici Impianto fotovoltaico IMPIANTI MECCANICI Apparecchiature termomeccaniche con collegamenti a collettore Sistema integrato di regolazione ventilconvettori Tipologia di ventilconvettori Unità di trattamento aria modulari Gruppo pompa di calore per produzione sia estiva che invernale Linee guida della Progettazione Impiantistica Nello sviluppo della progettazione per gli impianti tecnologici e, nella futura realizzazione, saranno presi a parametro i seguenti requisiti: rispondenza ai requisiti relativi al luogo ed alla destinazione finale; sicurezza degli operatori, degli utenti e degli impianti; semplicità ed economia di manutenzione; risparmio energetico tramite l utilizzo di pompe di calore alimentate da acqua di falda, in ottica ecosostenibile; affidabilità degli impianti e massima continuità di servizio; cura dei vincoli ambientali e paesaggistici, in modo da non interferire negativamente con il contesto ambientale circostante.

31 IMPIANTI ELETTRICI: 1. APPARECCHIATURE ELETTRICHE PRE ASSEMBLATE E/O CABLATE Per ridurre i tempi di montaggio e garantire una facilità nella manutenzione riducendo i relativi costi di conduzione, si eseguiranno il officina tutti i pre-cablaggi dei corpi illuminati, o altri terminali che permettono di utilizzare tale tecnologia. Dall analisi del confronto tra un impianto assemblato con metodo tradizionale ed uno pre-assemblato, emerge una riduzione di un quarto dei tempi di installazione. 2. SISTEMA CONTROLLO ACCENSIONI/SPEGNIMENTO ILLUMINAZIONE ORDINARIA 31 Gestione manuale: Le zone destinate al coworking o delle zone con presenza continuativa di personale. Un ufficio si compone di apparecchi illuminanti dotati di reattori elettronici digitali dimmerabili compatibili con lo standard DALI. Il modulo di sistema è in grado di controllare una serie di reattori, e funge da interfaccia tra il singolo reattore connesso ed il bus principale (di piano) costituito da un conduttore bipolare non schermato. Tutti i moduli di alimentazione saranno collegati al bus di piano e ogni reattore verrà indirizzato singolarmente tramite un indicatore alfanumerico. In base alle identificazioni assegnate al singolo reattore, si determina come e da quale pulsante questo reattore verrà controllato. In ogni ufficio è installato un pulsante luminoso standard, collegato al modulo di interfaccia alimentato a 230 V c.a., oppure alimentato esternamente a 24 V. Tramite il pulsante, si possono accendere, spegnere o dimmerare tutte le lampade dello stesso locale contemporaneamente. Il contatto cui il pulsante è collegato andrà indirizzato secondo la modalità di indirizzamento alfanumerico al fine di controllare correttamente tutte e sole le lampade sottese. Gestione automatica: La gestione automatica dell illuminazione normale viene effettuata dal calcolatore di controllo dotato di porte di ingresso che vengono utilizzate per connettere le montanti bus. Una volta messo in funzione l impianto di gestione in termini di indirizzamento di uscite ed ingressi, sono possibili le seguenti impostazioni di gestione sul dispositivo di controllo generale: Creazione, locale per locale, di scenografie a livello luminoso fisso. Inserimenti temporali: per ogni locale è possibile determinare la fascia di orario per cui le luci si spengono e, nel caso le luci vengano manualmente riaccese, dopo quanto tempo devono essere spente di nuovo. È possibile anche specificare quali cambi scena devono effettuarsi in base ad un preciso giorno della settimana o in un giorno di chiusura. Condizioni incrociate: è possibile determinare il cambio di scena luminosa di un locale (o parte di esso) quanto vengono soddisfatte determinate condizioni. Ad esempio, è possibile stabilire, in una determinata fascia oraria del giorno, lo spegnimento di tutte le luci del corridoio se, e solo se, tutti i locali che si affacciano su quel locale risultano spenti, (SCENA 0) con un opportuna velocità di fading

32 e un congruo tempo di ritardo. Stesso discorso può valere per una scala, se tutti i corridoi che vi si affacciano risultano spenti. Blocco dell automazione: se durante il giorno le luci vengono dimmerate a mano, l automazione viene interrotta per un tempo impostabile e, fin quando l intervallo di tempo non è trascorso o non si raggiunge una condizione prefissata di cambio scena, il livello luminoso impostato nel locale non cambia. Superficie grafica: visualizzazione su monitor della pianta del piano, con in evidenza le icone simboleggianti i vari gruppi luci presenti su quel piano. Le icone mostrano il livello di luce (0-100%) a cui è posto quel gruppo, con eventuali errori (lampada, collegamento, ecc.) visualizzati. Assistenza remota: è possibile accedere al calcolatore di controllo da remoto tramite programma e linea esterna; in tal modo di può fornire assistenza in remoto in caso di malfunzionamenti o cambio di impostazioni. Il sistema deve inoltre consentire l attivazione di ulteriori servizi quali interfacciamento da sistema esterno su TCP/IP, o l installazione di un programma per la gestione delle luci di un locale da un personal computer ivi presente. Una volta attivata l automazione dal calcolatore di controllo, accendendo da un pulsante la luce, le lampade si porteranno al livello determinato di intensità luminosa. Se si interviene manualmente sul pulsante per dimmerare la luce, essa rimarrà al valore impostato manualmente fino a che non intervengono i fattori descritti nel paragrafo precedente. Ad una certa ora serale, il calcolatore di controllo manderà il comando di spegnimento del locale, ripetuto a congrui intervalli di tempo uguali, per tutta la notte. Se in questo intervallo di tempo la luce viene accesa manualmente, rimane in tale stato per un tempo impostato sul calcolatore stesso, poi verrà centralmente spenta con le stesse modalità prima descritte. 3. SISTEMA DI GESTIONE/CONTROLLO ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA È prevista la realizzazione di un sistema centralizzato di gestione dell impianto di illuminazione di emergenza. Tipologia di dispositivi: Centrali per la gestione ed il controllo dell impianto Apparecchi di illuminazione di emergenza Apparecchi di segnalazione di emergenza Inverter kits integrati negli apparecchi Inverter (Power packs) esterni Caratteristiche: Sistema modulare Apparecchi funzionanti sia in modalità autotest che centraltest Autonomia programmabile (1ora / 3ore) Esecuzione del test posticipabile per una parte dell impianto (pari/dispari) Collegamenti cablati o via radio Bus DALI-compatibile per la gestione di apparecchi di illuminazione DALI Possibilità di controllo remoto mediante PC (interfacciamento GSM, Ethernet,

33 Usb, RS232) Possibilità di integrazione con sistemi di Building Automation Operazioni di configurazione centralizzate 16 gruppi di apparecchi programmabili 16 scene di luminosità programmabili Il sistema previsto ad Onde Convogliate è un sistema per illuminazione d emergenza con il controllo di funzionamento centralizzato ed è costituito da una centrale e da un numero variabile di lampade di emergenza dipendente dalla configurazione dell impianto. La comunicazione fra la centrale di controllo e gli apparecchi avviene utilizzando una trasmissione digitale a onde convogliate sulla linea di alimentazione a 220/230 Volt. 4. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA CORPI ILLUMINANTI A LED All interno dell impianto di illuminazione di emergenza dei vani locali, è prevista l installazione di corpi illuminanti dedicati a detti circuiti, composti da lampade tipo led. 5. CONTROLLO ACCENSIONE LUCI SERVIZI IGIENCI Nei vari blocchi servizi igienici, è previsto un impianto di illuminazione corredato di sistemi di accensione comandati da rilevatori di presenza, che garantiscono il corretto funzionamento di accensione ed il relativo spegnimento automatico delle lampade a basso consumo, spegnendo le lampade in mancanza di persone con un tempo di ritardo dal tempo di accensione. IMPIANTI TERMOMECCANICI: 6. APPARECCHIATURE TERMOMECCANICHE CON COLLEGAMENTI A COLLETTORE PER I SERVIZI IGIENICI Per ridurre i tempi di montaggio degli impianti termoidraulici, si prevede di utilizzare una distribuzione delle tubazioni tramite inserimento di collettori di distribuzione tubazioni secondarie in multistrato a rotolo. 7. SISTEMA INTEGRATO DI REGOLAZIONE VENTILOCONVETTORI 33 Su ogni finestra di ogni locale del coworking o di locali con presenza fissa di personale è previsto l inserimento di un contatto magnetico, che sia nel periodo invernale che in quello estivo, interagisco con il funzionamento dell elettroventilatore del fan coils inibendo il funzionamento in caso di finestra aperta (ad esempio per ventilazione naturale del locale, etc). È prevista la sostituzione dei ventilo convettori con apparecchi di nuova generazione, completi di ventilatori tipo brushless a

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a servizio delle attività svolte all interno dell edificio

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI CHIUSURE ORIZZONTALI ISOLAI CHIUSURA ORIZZONTALE Unità tecnologica costituita dall insieme degli elementi tecnici orizzontali e suborizzontali aventi la funzione di individuare e delimitare spazi interni

Dettagli

Scheda tecnica legno lamellare

Scheda tecnica legno lamellare Scheda tecnica legno lamellare La struttura portante in Legno Lamellare è composta da archi a due o tre cerniere, opportunamente curvati secondo le sagome di progetto in legno di conifera GL28c. Costituiscono

Dettagli

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO IPOTESI DI MASSIMA DELLA DISTRIBUZIONE INTERNA Dall analisi delle esigenze degli

Dettagli

Giacomo Corsi Architetto giacomocorsiarchitetto@gmail.com Cel.3471979180 Viale Montegrappa 177, 59100 Prato Tel. Fax. 0574 1826304

Giacomo Corsi Architetto giacomocorsiarchitetto@gmail.com Cel.3471979180 Viale Montegrappa 177, 59100 Prato Tel. Fax. 0574 1826304 RELAZIONE TECNICA PRELIMINARE Oggetto: Nuova Club House con locali Pizzeria annessi da realizzarsi all interno dell impianto sportivo di Maliseti, sito in Via Caduti Senza Croce in località Maliseti, a

Dettagli

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN MARANELLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA I vincoli dati dai confini e l esigenza di evitare costi eccessivi, ci hanno indotto a scelte il

Dettagli

Planimetria generale: identificazione degli edifici e nomenclatura

Planimetria generale: identificazione degli edifici e nomenclatura 8 Planimetria generale: identificazione degli edifici e nomenclatura A B C Destinazione Residenziale Residenziale Commerciale/Residenziale Planimetria generale dell intervento, in evidenza la nomenclatura

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare

PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare 1 Obiettivo del progetto edificio-impianto - sistema impiantistico che soddisfi le esigenze di: - comfort (termico, luminoso, acustico e della

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

L edificio amministrativo Pollmeier

L edificio amministrativo Pollmeier L edificio amministrativo Pollmeier Il nuovo edificio amministrativo dell azienda Pollmeier di Creuzburg (Germania), una segheria con 400 collaboratori, ha ricevuto nel 2002, per la sua architettura, il

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

L UNICA. COME NESSUNA.

L UNICA. COME NESSUNA. GESSI LADURA Pregy LaDura L UNICA. COME NESSUNA. Lastra in gesso rivestito rinforzata con fibra di legno. Naturale. LaDura. Indice 3 Il vostro partner di fiducia 4-5 Dati tecnici 6-7 Vantaggi e valore

Dettagli

OPI163. Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO

OPI163. Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO OPI163 Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO Realizzato in COLLABORAZIONE con Il SISTEMA costruttivo La cura per il dettaglio Timberkube è l innovativo sistema costruttivo modulare realizzato interamente

Dettagli

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo 1 Indice ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 2 a) Contesto edilizio e caratteristiche del sito... 2 b) Descrizione generale della struttura e della tipologia d

Dettagli

PREZZI, COSTI e DATI

PREZZI, COSTI e DATI Edificio Universitario 31-03-2008 14:24 Pagina 52 PREZZI, COSTI e DATI PER COSTRUIRE Edilizia pubblica: tipologie edilizie e costi Edificio universitario da 30 aule Quanto costa costruire un edificio universitario

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE SMONTORIMONTO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE Progetto architettonico Tenendo conto dei valori della sostenibilità e dell

Dettagli

Il vespaio aerato già isolato

Il vespaio aerato già isolato Il vespaio aerato già isolato PATENT PENDING Il primo vespaio aerato con coibentazione integrata che isola anche le fondazioni con prestazioni termiche migliorate Via Clauzetto, 20-33078 San Vito al Tagliamento

Dettagli

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE _ SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TERMO-MECCANICI INDICE 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

LA MATERIA PRIMA polistirene espanso sinterizzato petrolio carbonio, idrogeno e per il 98% d aria

LA MATERIA PRIMA polistirene espanso sinterizzato petrolio carbonio, idrogeno e per il 98% d aria LA MATERIA PRIMA Il polistirene espanso sinterizzato (EPS) è un materiale rigido, di peso ridotto, derivato dal petrolio, composto da carbonio, idrogeno e per il 98% d aria. Oltre al vapore acqueo, per

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva. Quello che viene qui presentato è un edificio industriale senza precedenti, un nuovo modello di sviluppo per i progetti

Dettagli

www.ferracingroup.it Toti

www.ferracingroup.it Toti www.ferracingroup.it Toti Toti TOTI è un cassero a perdere in polipropilene riciclato utilizzato come elemento modulare per la realizzazione di platee di fondazione e solai mono/bidirezionali in calcestruzzo

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 24 febbraio 2010 BRESCIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 BORGO DI VILLA ASTORI TORRE

Dettagli

CENED + : analisi di un caso studio

CENED + : analisi di un caso studio SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : analisi di un caso studio 21 ottobre 2009 Palazzo delle Stelline MILANO CASO STUDIO 2 Appartamento realizzato nella prima metà degli anni 80 (1982). Attico di

Dettagli

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche)

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Ing. Clara Peretti Coordinatrice Consorzio Q-RAD 2 Contenuti della presentazione Il

Dettagli

1. STRUTTURE 2. CHIUSURE ESTERNE

1. STRUTTURE 2. CHIUSURE ESTERNE SCOMPOSIZIONE TECNICA di un EDIFICIO Didattica nov122012 L involucro edilizio è un elemento architettonico che delimita l organismo costruttivo e strutturale, come fosse una scatola la cui funzione è di

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE

SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE Il solaio a lastre tralicciate predalles, rappresenta per la D.M.P. DALLA MORA PREF. S.R.L., il fiore all occhiello della propria produzione, non solo per la continua crescita

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PARETE ESTERNA AQUAROC PRIMA

RELAZIONE TECNICA PARETE ESTERNA AQUAROC PRIMA PARETE ESTERNA AQUAROC PRIMA Parete di tamponamento esterno GYPROC AQUAROC PRIMA dello spessore totale di circa 246 mm costituita dagli elementi sottoelencati: LASTRE DI GESSO RIVESTITO GYPROC HABITO VAPOR

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO : Scuola Secondaria INDIRIZZO : Rogeno,Via vecchia Casletto

Dettagli

ARCH BUERO KALTENEGGER. Uffici. Grosswilfersdorf (A)

ARCH BUERO KALTENEGGER. Uffici. Grosswilfersdorf (A) ARCH BUERO KALTENEGGER Uffici Grosswilfersdorf (A) _1 L entrata all edificio. È ben evidente la struttura portante a telaio, soprattutto in questa parte vetrata _2 Vista sud-est 2 Form follows climate

Dettagli

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips Sistema di controsoffitto autoportante senza requisiti antincendio Il sistema di controsoffitti autoportanti offre all esecutore un alternativa particolarmente interessante ai sistemi di controsoffitti

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

LA CASA IL BENE INDISPENSABILE

LA CASA IL BENE INDISPENSABILE LA CASA LA CASA La GerSin srl, in qualità di General Contractor di un Pool di Imprese con molteplici esperienze nei vari settori civili ed in industriali, si pone come unico interlocutore con il principale

Dettagli

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico CHRYSO Flexò: la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico IL SISTEMA, COPERTO DA BREVETTO INTERNAZIONALE, PER OTTIMIZZARE LA PRESTAZIONE TERMICA

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO Luglio 2011 1 Premesse Il progetto riguarda la realizzazione di una struttura

Dettagli

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di prodotti innovativi caratterizzati da elevati standard

Dettagli

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 - CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 Per una maggiore chiarezza e trasparenza sui contenuti del corso svolti durante l anno scolastico si allega il programma che segue. I libri di testo a cui

Dettagli

Enrico Iascone. Guesthouse. Bologna

Enrico Iascone. Guesthouse. Bologna Enrico Iascone Guesthouse Bologna _1 Vista da sud-est del padiglione immerso nella vegetazione del bosco. Lunghe e basse finestre illuminano lo spazio della cucina, mentre un ampia vetrata si apre sulla

Dettagli

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq Premessa Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

SCUOLA MATERNA MONTESSORI

SCUOLA MATERNA MONTESSORI SETTORE LL.PP. UFFICIO PROGETTAZIONE SCUOLA MATERNA MONTESSORI REALIZZAZIONE AMPLIAMENTO Presentazione realizzata da: Arch. Teresa Pochettino, Immagini grafiche :Geom. Roberto Valentino OGGETTO INTERVENTO:

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

Sceda tecnica. La parete massiccia a strati incrociati senza colla

Sceda tecnica. La parete massiccia a strati incrociati senza colla Tusengrabl 23 39010 St. Pankraz / San Pancrazio (BZ) Tel. 0473785050 - Fax. 0473785668 e-mail: info@ligna-construct.com www.ligna-construct.com La parete massiccia a strati incrociati senza colla Campo

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

News novembre 2013. Nuova Sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Trento. L ateneo dentro la città

News novembre 2013. Nuova Sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Trento. L ateneo dentro la città IMMAGINE PUBBLICITÀ EDITORIA UFFICIO STAMPA Vicenza - Corso Palladio, 155 Tel 0444 327206 Fax 0444 809819 News novembre 2013 Nuova Sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Trento L ateneo

Dettagli

Via Gobetti, 9-37138 VERONA - Telefono 045.572697 - Fax 045.572430 - www.poroton.it - info@poroton.it Edifici ad alta efficienza energetica con le murature perimetrali POROTON La realizzazione degli attuali

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Progetti sostenibili Velux Lab

Progetti sostenibili Velux Lab VELUX LAB Edificio sperimentale ad altissima efficienza energetica Milano Politecnico di Milano Campus Bovisa L edificio nella precedente collocazione presso la Fiera di Milano (sinistra) e nell attuale

Dettagli

Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastre in gres porcellanato

Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastre in gres porcellanato Caso applicativo 5: recupero prestazionale e architettonico di un edificio degli anni 70 Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastre in gres porcellanato Quinto caso applicativo - recupero prestazionale

Dettagli

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA Essenzialmente, l armatura offre un incremento di resistenza a trazione e a taglio nonchè, ovviamente, a flessione mentre i blocchi e la malta assorbono prevalentemente

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

Norbert Dalsass. Maso Lampele. Novacella

Norbert Dalsass. Maso Lampele. Novacella Norbert Dalsass Maso Lampele Novacella _1 La corte interna che si viene a creare tra due dei 3 copri di fabbrica grazie alla posizione trasversale degli stessi. Sulla destra, il corpo di fabbrica più a

Dettagli

UNA STANZA SENZA LIBRI E COME UN CORPO SENZA ANIMA

UNA STANZA SENZA LIBRI E COME UN CORPO SENZA ANIMA UNA STANZA SENZA LIBRI E COME UN CORPO SENZA ANIMA Premessa Il progetto per la nuova biblioteca comunale di Maranello si inserisce all interno di un area residenziale a ridosso del cuore della città. Attualemente

Dettagli

XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE. Costruire in modo ecologico per vivere meglio.

XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE. Costruire in modo ecologico per vivere meglio. XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE Costruire in modo ecologico per vivere meglio. Nordtex nasce dall'unione di imprenditori attivi nel settore dell'edilizia che promuovono

Dettagli

KAPPAX SYSTEM. PLASTYPIEMONTE srl CASSERI PER VESPAI AREATI

KAPPAX SYSTEM. PLASTYPIEMONTE srl CASSERI PER VESPAI AREATI KAPPAX SYSTEM PLASTYPIEMONTE srl CASSERI PER VESPAI AREATI KAPPAX + ELLEX = KAPPAX SYSTEM + = Il collegamento modulare di più elementi kappax forma il cassero pedonabile al di sotto del quale si ottiene

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

Strutture per coperture inclinate

Strutture per coperture inclinate Le strutture per coperture inclinate sono costituite da elementi o parti strutturali disposti secondo piani differenti da quello orizzontale (definiti falde), destinati a svolgere la funzione di copertura

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

Torre Isozaki. 1 di 7

Torre Isozaki. 1 di 7 Torre Isozaki Location: Milano, ex polo urbano della Fiera Developer: CityLife S.p.A. Architetti: Arata Isozaki, con Andrea Maffei Destinazione: uffici Tenant: Gruppo Allianz General contractor: Colombo

Dettagli

INDIRIZZI PROGETTUALI PRELIMINARI COMPLESSIVI

INDIRIZZI PROGETTUALI PRELIMINARI COMPLESSIVI SCHEDA TECNICA INDIRIZZI PROGETTUALI PRELIMINARI COMPLESSIVI L edificio accoglie al suo interno una varietà di funzioni che convergono in esso per divenire un importate centro nodale, in particolare rivolto

Dettagli

Requisiti fondamentali

Requisiti fondamentali Requisiti fondamentali Resistenza meccanica Modesta deformabilità Minimo spessore Peso ridotto Buone proprietà isolanti, termiche e acustiche Superficie d intradosso piana Resistenza al fuoco Rapida realizzazione

Dettagli

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI ARCHITETTONICO NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI STRUTTURALE Pagina 1 di 9 Sommario SOLUZIONE TIPO :... 3 VANTAGGI RISPETTO AL SISTEMA USUALE DI CAPANNONI PREFABBRICATI :... 6 SCELTA TIPOLOGIA

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

Attacco in fondazione della muratura: soluzioni

Attacco in fondazione della muratura: soluzioni Attacco in fondazione della muratura: soluzioni Roberto Calliari Chi ben comincia è a metà dell opera! Questo detto popolare si può correttamente applicare nella costruzione di un edificio efficiente.

Dettagli

Dal punto di vista strutturale i manufatti oggetto di calcolo, ai sensi del D.M. 14/01/2008 e della Circ. Min. 617/2009, sono i seguenti :

Dal punto di vista strutturale i manufatti oggetto di calcolo, ai sensi del D.M. 14/01/2008 e della Circ. Min. 617/2009, sono i seguenti : PREMESSA La presente relazione riguarda il calcolo analitico ed il dimensionamento strutturale relativi alla realizzazione di strutture in c.a. ed in acciaio costituenti tre scale ed una tettoia da realizzare

Dettagli

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm www.geoplast.it NUOVO ELEVETOR Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm NUOVO ELEVETOR è un sistema combinato di casseri con altezza 15 cm e basi di supporto

Dettagli

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing.

UNI 11528:2014. Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio. ing. UNI 11528:2014 Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kw. Progettazione, installazione e messa in servizio ing. ALBERTO MONTANINI Presidente Assotermica Presidente Commissione Post-Contatore

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

INDICE GENERALITÀ... 2

INDICE GENERALITÀ... 2 INDICE GENERALITÀ... 2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO... 2 DATI GENERALI... 2 ACCESSI AL FABBRICATO... 2 STRUTTURE PORTANTI... 3 COPERTURA... 3 DESCRIZIONE INTERVENTO PROPOSTO... 3 IMPIANTO TERMICO.... 3 ISOLAMENTO

Dettagli

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Regione Lombardia Progetto RDB Casa- Sistema innovativo e flessibile di edilizia sociale idustrializzata Scheda Milano n. 23 Fonte

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

SCHEDA TECNICA SISTEMA VERTICAL TOP

SCHEDA TECNICA SISTEMA VERTICAL TOP SISTEMA VERTICAL TOP SOFFITTO/PARETE SISTEMA VERTICAL TOP Struttura Modulo 2000x1200 Modulo 1000x1200 Mandata/Ritorno Raccordi Sistema radiante a soffitto/parete specifico per la climatizzazione degli

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE

Dettagli

FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA

FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA La progettazione nasce dalla necessità che l intervento formuli una presenza riconoscibile come

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

Appoggi per l edilizia Kilcher

Appoggi per l edilizia Kilcher Appoggi per l edilizia Kilcher Deforma Limitgliss Teflon Con l installazione degli appoggi Kilcher è possibile evitare la formazione di crepe nelle costruzioni dovute a deformazioni e torsioni angolari

Dettagli

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai):

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): 1) riportare i carichi verticali agenti ai piani agli elementi strutturali verticali che a loro volta li trasmettono alle fondazioni; 2) garantire

Dettagli

Il ruolo della normativa tecnica nella progettazione e costruzione delle facciate

Il ruolo della normativa tecnica nella progettazione e costruzione delle facciate Workshop Questioni di facciata Facciate complesse per edifici @ Klimainfisso Bolzano, 7 marzo 2013 CATTEDRA UNCSAAL E POLITECNICO DI MILANO Progettazione dell involucro edilizio Il ruolo della normativa

Dettagli

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto in sistema misto S.Anna è situato sulla strada di collegamento della vallata del Vibrata con la vallata del Tordino all

Dettagli