Cemento Calcestruzzo. ai piedi del colle su cui poggia l acropoli. La città di Perugia, proseguendo coerentemente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cemento Calcestruzzo. ai piedi del colle su cui poggia l acropoli. La città di Perugia, proseguendo coerentemente"

Transcript

1 & Cemento Calcestruzzo& Cemento Calcestruzzo IL MINIMETRÒ A PERUGIA Il futuro DELLA MOBILITÀ Perugia al passo con le grandi città d Europa. È ormai pronto il nuovo sistema di trasporto di massa, unico in Italia, basato sulla successione di vetture gommate che permetterà di raggiungere il centro città in pochissimo tempo. Nulla è stato lasciato al caso nella realizzazione del Minimetrò: una metropolitana leggera che presenta soluzioni tecniche particolarmente innovative, un attenzione particolare all ambiente e un architetto di fama mondiale, Jean Nouvel, che ha curato personalmente la progettazione artistica della linea e delle stazioni LUCA PATITI* Il Minimetrò di Perugia si presenta come un sistema innovativo di tra sporto rapido di massa, alternativo al tradizionale trasporto pubblico su gomma, in grado, nello stesso tempo, di realizzare l integrazione dei sistemi locali di trasporto pubblico previsti sul territorio: trasporto pubblico su gomma, Ferrovia Centrale Umbra, Trenitalia, percorsi meccanizzati costituiti da ascensori e scale mobili che collegano al centro i numerosi parcheggi realizzati ai piedi del colle su cui poggia l acropoli. La città di Perugia, proseguendo coerentemente con le proprie strategie trasportistiche attivate ormai da alcuni decenni, punta con il Minimetrò a raggiungere i seguenti obiettivi: -Risoluzione della congestione da trasporto su gomma pubblico e privato. -Miglioramento delle condizioni ambientali e salutari nella città. -Miglior tutela al diritto alla mobilità anche per le fasce sociali svantaggiate. -Riduzione dell impegno finanziario pubblico nel settore dei trasporti locali. La realizzazione dell innovativo sistema trasportistico trova le sue origini nell Accordo di Programma sottoscritto in data tra il Ministero delle Aree Urbane, dei Trasporti e della Navigazione, il Presidente della Giunta Regionale dell Umbria e il Sindaco del Comune di Perugia, in cui veniva riconosciuto al Comune di Pe- 169

2 ce (quartiere che sarà oggetto di ristrutturazione urbanistica, secondo il nuovo P.R.G.), che non è ancora esecutiva e perciò sarà di futura realizzazione. Il tracciato del Minimetrò rugia da parte dell Amministrazione centrale dello Stato, un importo pari al 50% del costo relativo alla realizzazione del primo tratto della Metropolitana leggera: Pian di Massiano - Piazzale della Cupa - II Tratto fino a Monteluce. Successivamente veniva rilevata l esigenza di prolungare il percorso del Minimetrò al centro storico prevedendo la prosecuzione del I Tratto da Piazzale della Cupa a Pincetto Centro per assicurare una massima fruibilità del sistema. Il tracciato così modificato viene perciò reso immediatamente eseguibile ed i lavori delle opere civili assegnati a fine La situazione odierna fa prefigurare la fine dei lavori e la messa in esercizio del sistema entro i primi mesi del 2007, intendendo per la messa in esercizio anche il funzionamento del- Terminal Pian di Massiano - particolari del magazzino vetture l impianto di risalita (ascensore inclinato e scale mobili) che collegherà il terminal del Minimetrò con il centro storico di Perugia. È stato inoltre progettato il tracciato della seconda linea che raggiunge l area del quartiere Montelu- Minimetrò Spa: i soci La Società Minimetrò S.p.A. nasce nel 1998 (voluta dal Comune di Perugia) per la progettazione, la realizzazione e la gestione della metropolitana leggera denominata Minimetrò. La Società è partecipata per il 70% dal Comune di Perugia e per il 30% da una compagine privata costituita in Società, denominata Metrò Perugia S.C.a r.l. Il modello creato ha portato alla costituzione di una Società che, attraverso le sue componenti private, è in grado di fornire la tecnologia necessaria (Leitner S.p.A.), di progettare e costruire le opere civili (Umbria Domani S.C.a.r.l.), di fornire i contributi utili alla gestione razionalizzando il sistema di trasporto complessivo della città (Apm S.p.A.) e dei parcheggi (Sipa S.p.A.). Caratteristiche generali del progetto Il presente progetto esecutivo si riferisce alla Linea 1 del Minimetrò di Perugia, che si sviluppa dal Pian di Massiano - dove si trova la Stazione terminal di valle (dotata di magazzino vetture ed officina) connessa ad un parcheggio di interscambio di adeguate proporzioni - alla località Pincetto, situata nel Centro Storico della Città, dove è localizzata la Stazione terminal di monte, a sua volta connessa alla centrale Piazza Matteotti da una cascata di scale mobili e 170

3 Cemento & Calcestruzzo Primo tratto del viadotto Particolare del I tratto del viadotto Le soluzioni indicate dal Direttore Artistico dell opera, l Arch. Jean Nouvel, sottolineano l esistenza del Minimetrò, nel contesto urbano, attraverso la presenza di un nastro colorato continuo che costituisce la struttura di sostegno delle rotaie del Minimetrò: una linea rossa ben visibile nel tratto iniziale (in periferia), che risale verso l acropoli, per scomparire in prossimità della stessa, immergendosi nel sottosuolo e nascondendo le proprie strutture, diventa un tutt uno con la città. Queste strutture, a loro volta, poggiano su pile rettangolari larghe quanto la linea, realizzate in calcestruzzo di inerti locali, a dominante rosa, che le integrano bene con il contesto sia naturale che urbano. La linea, a doppia via, costituisce il supporto fisico del sistema di trasporto, i cui veicoli, dotati di rodiggio gommato scorrono su due rotaie di acciaio collegate alle opere civili. Tra le due rotaie sono altresì posizionati il cavo traente ed i rulli guidafune, il che ha imposto l adozione di sistemi costruttivi che tengono conto della presenza di questi apparati. Delle tre gallerie dell impianto, una è a sezione tubolare con pareti lisce e brillanti (galleria naturale), in grado perciò di incrementare la sensazione di velocità per l osservatore che si trova all interno della vettura. da un ascensore inclinato. Lo sviluppo della linea 1 è di circa 3 Km, le pendenze massime sono dell 11,5% ed i raggi di curvatura minimi pari a 80m, mentre il dislivello superato tra i due terminal è pari a circa 160m. La Linea 2 (S.Anna - Pincetto - Monteluce) sottopassa la Linea 1 nella Stazione di Pincetto e nella presente progettazione esecutiva si è tenuto conto della necessità di prevedere la predisposizione di detta Linea e della Stazione al passaggio della linea incrociante. Opere civili Linea Le strutture di linea, sono costituite da: 1. Viadotto 1.500m 2. Galleria Artificiale 700m 3. Trincea 400m 4. Galleria naturale 400m Particolare del III tratto Il viadotto nel suo III tratto Le altre due gallerie sono a sezione rettangolare ed hanno invece le pareti con finitura effetto pietra naturale (gallerie artificiali), che, illuminate dal basso con luce radente, determineranno per il viaggiatore un effetto sculto- 171

4 reo di grande suggestione. Stazioni Le Stazioni, sono sette, e si dividono in: 1. Due Stazioni terminali; 2. Cinque Stazioni intermedie. Jean Nouvel Jean Nouvel nasce il 12 agosto 1945 a Fumel, Francia. Nel 1966 è primo al concorso di ammissione della Scuola nazionale superiore di Belle Arti di Parigi, dove si diploma nel Seguendo il filone intellettuale dell architetto Claude Parent e di Paul Virilio, apre il suo primo studio nel 1970 con François Seigneur. Incontra il critico Georges Boudaille, grazie al quale diventa architetto della Biennale di Parigi, fin dal Realizza numerosi allestimenti - un tipo di commessa che ama in modo particolare - tra cui quello della sezione architettura e design della mostra Gli anni 50 al Centre Pompidou nel 1988 e quello della mostra Il futuro del lavoro e La Mobilità per l Expo 2000 di Hannover. Nel 1976, incontra lo scenografo Jacques le Parquet che lo aiuta a scoprire il mondo del teatro e della regia e lavora con lui nel progetto di ristrutturazione del teatro Gaité Lyrique a Parigi. È co-organizzatore del contro concorso internazionale per la sistemazione del quartiere delle Halles e fondatore, nel 1980, della Biennale di Architettura nell ambito della Biennale di Parigi. La sua prima realizzazione di spicco, esempio di architettura critica, è la Casa Dick (Saint-Andréles-Vergers, Aube, 1976). Da allora in poi si susseguono progetti significativi del suo percorso: il Centro medico-chirurgico del Val-Notre-Dame a Bezons (1976), il Collegio Anna Franck a Antony (1978), fino al 1981, anno in cui si aggiudica il concorso per l Institut du Monde Arabe, autentico giro di boa nella sua carriera. La realizzazione di questo progetto segna un punto di svolta per l architettura francese sulla scena internazionale. Nel 1985 progetta l INIST di Nancy, l Opera di Lione e il centro culturale Onyx a Saint Herblain. Tra il 1989 e il 1991 vengono realizzati studi su novanta progetti diversi. Tra i più Finiture di una galleria artificiale Stazioni intermedie allo scoperto Quattro delle cinque stazioni intermedie sono esterne e si caratterizzano ciascuna in modo specifico secondo le particolarità del sito, ma comunque tutte presentano una accentuata leggerezza strutturale per limitarne l impatto, mantenendo comunque il medesimo linguaggio architettonico ed i presupposti generali del progetto. Compositivamente le Stazioni rappresentano un edificio a quattro orizzontamenti: Copertura; Piano banchina; Piano Atrio; Piano servizi tecnici; I Piani banchina ed atrio sono privi di serramenti laterali continui, ad eccezione di ringhiere, cancelli e recinzioni e sono concepiti come luoghi, spazi, che chiamano all incontro, evocando il concetto della comunità dei cittadini. Per quanto riguarda l inserimento nel terreno, i locali tecnici sono interrati o seminterrati, atrio e banchine sono fuori terra; Il piano atrio è costituito da superfici pavimentate e da un giardino pensile che impegna una parte della superficie stessa, alla stessa quota del piano di calpestio e si prolunga verso l esterno con leggero pendio. L ingresso in stazione avviene attraversando una linea lungo la quale sono sistemati i tornelli, denominata linea di Imbocco della galleria naturale nelle vicinanze della Stazione Cupa 172

5 Cemento & Calcestruzzo significativi ricordiamo il Centro congressi di Tours, la Fondation Cartier di Parigi e la sede dell agenzia CLMBBDO a Issy Les Moulineaux. Tra i più recenti progetti ricordiamo: il Guggenheim Temporary Museum of Art a Tokyo (Giappone, 2001), l Ambasciata di Francia a Berlino (1997), il JVC Business Center a Guadalajara (Messico, 1999), la Sede sociale della società Richemont a Ginevra (2001), il Museo dell Evoluzione Umana a Burgos (Spagna, 2000), il Centro Culturale di Santiago di Compostela (1999), che affrontano le questioni del paesaggio, del verde e del territorio, principali sfide nel lavoro di Jean Nouvel; il Museo del Quai Branly a Parigi e l ampliamento del Museo Reina Sofia a Madrid; le ultime tappe della smaterializzazione, dove la materia diventa sempre più invisibile: la Dentsu Tower a Tokyo (Giappone, ), la Camera di Commercio di Prato (Italia, 2000), la Sala Filarmonica a Lussemburgo (Ducato del Lussemburgo, 1997), la Torre BIS a Basilea (Svizzera 1999), e Kyriat Arieh 1 a Tel Aviv (Israele, 1999). controllo e che da accesso al piano atrio a sua volta collegato alla banchina attraverso ascensori e scale fisse (scale mobili installabili in futuro). Costruttivamente le Stazioni intermedie sono realizzate in C.A. per quanto riguarda i locali tecnici interrati o seminterrati ed il sovrastante piano atrio, il quale si caratterizza per essere realizzato mediante un solaio in C.A. continuo sul quale viene poi realizzata una parziale intercapedine utilizzata per il passaggio di impianti; nei tratti in cui non vi è l intercapedine è realizzato il giardino pensile sulla base delle indicazioni della Direzione Artistica. Il piano banchina e la copertura sono invece realizzati in strutture miste di acciaio e calcestruzzo, in vista della necessità di ottenere una grande leggerezza sia sotto il profilo strutturale che formale. Sul piano banchina sono collocate le porte di banchina, realizzate in cristallo e che fronteggiano da ambo i lati la linea del Minimetrò. I sostegni verticali, nel numero di quattro, sono costituiti da due setti in C.A. rivestiti di materiale metallico di arredo e dalle gabbie metalliche dei due ascensori (uno per banchina). Stazione terminale di Pian di Massiano (terminale di valle) La stazione di Pian di Massiano è realizzata sulla base degli stessi principi per quanto attiene alla parte strettamente trasportistica (piano banchine e copertura in acciaio e locali tecnici interrati in C.A.). Compositivamente va ricordato che nella Stazione è collocata la piattaforma di inversione di Valle e la stazione di tesatura del cavo traente, che nei locali tecnici, oltre alle apparecchiature elettriche è localizzato il magazzino vetture e l officina riparazioni. Si ricorda anche che detta stazione è parte di un complesso più vasto, il Centro Stazione intermedia Fontivegge Commerciale di Pian di Massiano e dunque costituisce uno stralcio di un progetto più generale. Stazioni interrate (intermedia di Cupa e Terminale del Pincetto) Le stazioni interrate, Cupa (ma anche Pincetto), sono in realtà ambedue semi - Stazione intermedia Cortonese Stazione intermedia Madonna Alta 173

6 interrate, nel senso che una serie di aperture sia zenitali che frontali consentono a luce ed aria di circolare al loro interno. Le pareti laterali sono costituite da palificate (o diaframmi) non rivestite, realizzate con la stessa tecnica delle gallerie artificiali. Gli orizzontamenti sono costituiti da solai in C.A. ad eccezione di alcune parti di copertura realizzati con la stessa tecnica delle Stazioni Intermedie. I locali tecnici sono posizionati in vari orizzontamenti (a quello inferiore, nel caso di Pincetto, ad uno superiore a quello di banchina nel caso della Cupa); La distribuzione planimetrica delle Stazioni Interrate differisce molto tra la Stazione della Cupa (intermedia) e Vettura sul piano banchina in stazione intermedia quella del Pincetto (terminale di arrivo e sede della piattaforma di inversione e del motore di trazione). Ambedue le Stazioni interrate rappre- La filosofia delle stazioni per Nouvel Per il progettista Nouvel l architettura è arte visiva, produzione di immagini, un architettura smaterializzata, dove sono protagonisti la luce e le superfici più che la qualità scultorea dell opera. Nouvel si fa portatore dell importanza sociale e culturale dell architettura, che si impegna nel mondo, in un continuo scambio con altre discipline. Nel progetto architettonico delle stazioni, Nouvel ha voluto creare strutture che siano perfettamente inserite nel contesto ambientale ove si dipana il percorso: le stazioni sono concepite come una struttura leggera e trasparente e i materiali sono stati studiati con grande cura per esaltare il concetto di leggerezza, pensate per massima visibilità verso l esterno e la massima trasparenza dall esterno. Nella concezione dell architetto Nouvel poi il verde che circonda sempre le stazioni allo scoperto deve penetrare all interno ed essere arricchito con l inserimento di essenze particolari. Per questo motivo sono stati previsti giardini e aree di pertinenza. Le stesse strutture esterne, nelle loro parti strutturali, sono abbellite grazie a piante rampicanti e piante da fiori. L idea è che questa struttura sia identificata fin dal primo sguardo come una realizzazione dedicata ad un sistema di trasporto collettivo. In questo modo si evidenzia la permeabilità della struttura e la possibilità per chi sta a terra di vedere il passaggio delle vetture. sentano l inizio e la fine della galleria naturale e dunque gli imbocchi di quest ultima sono strutturalmente incorporati nelle strutture di sostegno della Stazione contribuendo alla solidità dell insieme. La Stazione del Pincetto, diversamente da quella della Cupa che è situata relativamente vicino alla superficie (ed ha solo tre orizzontamenti il piano banchine, il piano mezzanino ed il piano coperture), è notevolmente profonda ed incassata nel pendio dei Giardini del Pincetto (cinque orizzontamenti). Peraltro proprio la notevole pendenza del terreno fa sì che mentre la parte a monte di questa Stazione è incassata di circa 26 metri, quella a valle si apre verso l esterno e sarà funzionalmente connessa, tramite galleria di servizio, con via XIV Settembre. La Stazione di Pincetto è stata studiata anche in funzione del fatto che la stessa dovrà essere predisposta al passaggio della Linea 2 (S. Anna - Monteluce) e che la Stazione di arrivo della linea 2 sarà adiacente alla Stazione del Pincetto. Un elemento di grande rilievo della Stazione del Pincetto è costituito dal sistema di risalita, che dal Piano banchine risale fino a Piazza Matteotti, passando per il cosiddetto Quarto Arcone, al piano terreno dell edificio del Tribunale Vecchia Università e fiancheggiando il Muro Etrusco, ricreando così le suggestioni della risalita della Rocca Paolina. 174

7 Cemento & Calcestruzzo CARATTERISTICHE TECNICHE DI SINTESI DELL IMPIANTO TECNOLOGICO: Numero totale dei veicoli in esercizio 25 Capienza veicoli 50 persone Massa veicolo vuoto kg Massa veicolo carico kg Equidistanza nominale dei veicoli in linea 410,9 m Intervallo di tempo nominale tra due veicoli successivi 58,7 s Intervallo di tempo per imbarco/sbarco 25 s Portata oraria massima 3065 passeggeri Velocità massima delle vetture 25 km/h Larghezza veicolo 2,10 m Lunghezza veicolo 5,70 m Diametro nominale della fune traente 34 mm Vettura in stazione Le caratteristiche dell Impianto Tecnologico Questo moderno sistema di trasporto definito semicontinuo (frequenza di una vettura al minuto), non ha uguali in Italia per la tecnologia utilizzata (che è di derivazione dagli impianti a fune più tradizionali), è progettato e già realizzato a livello di prototipo sperimentale dalla Società Leitner. In estrema sintesi, il sistema Leitner, si compone di una successione di vetture gommate (fino ad un massimo di 25 vetture contemporaneamente), ciascuna ha ruote gommate ad asse orizzontale che scorrono su rotaie in acciaio. Alla stabilità laterale del veicolo provvedono altre ruote, ad asse verticale, vincolate all anima della rotaia. Ogni vettura del Minimetrò ha capacità di 50 persone (parte sedute parte in piedi). Le vetture sono trascinate da un cavo traente conformato ad anello cui esse sono agganciate (fune lunga circa 6km e della sezione di 34mm), in modo non fisso, ma attraverso una morsa; nelle stazioni le vetture si sganciano dal cavo traente e vengono decelerate, fermate e ri-accelerate da particolari meccanismi denominati gruppi di sincronizzazione. Inoltre la fune segue le curve planimetriche ed altimetriche imposte dal tracciato in quanto guidata da una serie di rulli. L ingresso e l uscita dei passeggeri Fase della stesura fune Rulli di linea dalle vetture avviene attraverso una portiera apribile automaticamente cui corrisponde, in stazione, una controporta di banchina anch essa apribile automaticamente - chiamata porta di banchina - così come avviene, ad es., per gli ascensori e in tutte le metropolitane automatiche. Nelle stazioni terminali (Pian di Massiano e Pincetto), oltre al gruppo di sincronizzazione ed alla puleggia di rinvio della fune, è prevista una piattaforma automatica di inversione che consente di immettere i veicoli provenienti dalla linea ascendente su quella discendente e viceversa. Nella Stazione terminal di monte (Pincetto), al disotto del piano di imbarco/ sbarco, sono previsti locali tecnici tra cui, fondamentale, il vano che accoglie il motore elettrico (argano motore alimentato da una rete riservata di Media Tensione) di trascinamento della fune. In tutte le altre stazioni sono presenti locali tecnici per gestire l alimentazione elettrica e l elaborazione di tutti i dati del sistema, i quali vengono inviati alla postazione di Controllo Centrale (sempre all interno del Terminal di Pincetto) da dove ovviamente vengono effettuate tutte le opera- Puleggia di rinvio a Pian di Massiano 175

8 ATTIVITÀ % Avanzamento OPERE CIVILI 87,0% OPERE ELETTROMECCANICHE 85,7% zioni di movimentazione e monitoraggio del sistema e di tutte le stazioni del Minimetrò. Avanzamento Lavori I lavori relativi alle infrastrutture civili (stazioni, pile, viadotti, gallerie naturale e artificiali, impianti civili) sono iniziati alla fine del 2002; ad oggi è stato realizzato circa l 87% dei lavori complessivi. Contemporaneamente si sta portando avanti il montaggio della componentistica trasportistica del sistema: più in particolare l impiantistica elettromeccanica, già installata per circa l 86% del complessivo, ha riguardato il montaggio delle rotaie, dei meccanismi di tutte le stazione, il completamento del magazzino automatico nella stazione di Pian di Massiano; inoltre, sono stati completati i montaggi delle apparecchiature elettriche ed elettroniche delle stazioni ed effettuate le prove di messa in servizio locale di alcune stazioni. Inoltre è stata completata la stesura, impalmatura e tesatura della fune traente. Questa fase dei lavori, che richiede una forte integrazione operativa tra l esecuzione delle opere civili e quelle trasportistiche, conferma, oltre un eccezionale impegno lavorativo, l alta professionalità di tutti i soggetti che, a vario titolo, sono coinvolti nell esecuzione dell opera. Pertanto, ad oggi, la situazione odierna fa prefigurare la fine dei lavori e la messa in esercizio del sistema entro i primi mesi del 2007, intendendo per la messa in esercizio anche il funzionamento dell impianto di risalita (ascensore inclinato e scale mobili) che collegherà il terminal del Minimetrò con il centro storico di Perugia. *Ing.Luca Patiti, Ufficio Responsabile del Procedimento Minimetrò spa 176

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Antonello Aurigemma Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale

Antonello Aurigemma Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale Antonello Aurigemma Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale La principale sfida che ci siamo trovati di fronte nel 2008, anno di insediamento della nuova Amministrazione Capitolina, è

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins

Burj al-arab. Tom Wright and Atkins Tom Wright and Atkins Esterni e dettagli costruttivi L esterno della struttura è caratterizzato da tre elementi: la pianta triangolare; l esoscheletro in acciaio; la tenda in teflon. La sagoma è poi interrotta

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Bando di concorso per opere d arte

Bando di concorso per opere d arte MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP. PER IL LAZIO ABRUZZO E SARDEGNA Bando di concorso per opere d arte Art. 1 Oggetto del concorso Il Provveditorato

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE 8 1 4 6 7 8 7 1 4 2 Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE INTRODUZIONE MAPEI, azienda leader mondiale nella produzione di

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

TECHNICALINFO. I veicoli LEITNER

TECHNICALINFO. I veicoli LEITNER TECHNICALINFO I veicoli LEITNER I veicoli LEITNER Comodi, stabili al vento, a richiesta riscaldati I progettisti LEITNER, nello sviluppo dei veicoli, considerano sempre come massima priorità il comfort

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Strutture in muratura e a telaio

Strutture in muratura e a telaio Strutture in muratura e a telaio Inroduzione alla teoria delle strutture Nel campo delle costruzioni il termine struttura è spesso usato per indicare qualcosa di più specifico di un sistema di relazioni.

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com TIP-ON per TANDEMBOX Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia www.blum.com 2 Apertura facile basta un leggero tocco Nel moderno design del mobile, i frontali

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Scatole da incasso Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Principali caratteristiche tecnopolimero ad alta resistenza e indeformabilità temperatura durante l installazione

Dettagli

un concentrato di tecnologia all avanguardia

un concentrato di tecnologia all avanguardia un concentrato di tecnologia all avanguardia VIP Class L emozione viaggia su due livelli. Nel 1967 NEOPLAN ideò la gamma degli autobus turistici a due piani che ha aperto la strada ad una storia di successo

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli