Cemento Calcestruzzo. ai piedi del colle su cui poggia l acropoli. La città di Perugia, proseguendo coerentemente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cemento Calcestruzzo. ai piedi del colle su cui poggia l acropoli. La città di Perugia, proseguendo coerentemente"

Transcript

1 & Cemento Calcestruzzo& Cemento Calcestruzzo IL MINIMETRÒ A PERUGIA Il futuro DELLA MOBILITÀ Perugia al passo con le grandi città d Europa. È ormai pronto il nuovo sistema di trasporto di massa, unico in Italia, basato sulla successione di vetture gommate che permetterà di raggiungere il centro città in pochissimo tempo. Nulla è stato lasciato al caso nella realizzazione del Minimetrò: una metropolitana leggera che presenta soluzioni tecniche particolarmente innovative, un attenzione particolare all ambiente e un architetto di fama mondiale, Jean Nouvel, che ha curato personalmente la progettazione artistica della linea e delle stazioni LUCA PATITI* Il Minimetrò di Perugia si presenta come un sistema innovativo di tra sporto rapido di massa, alternativo al tradizionale trasporto pubblico su gomma, in grado, nello stesso tempo, di realizzare l integrazione dei sistemi locali di trasporto pubblico previsti sul territorio: trasporto pubblico su gomma, Ferrovia Centrale Umbra, Trenitalia, percorsi meccanizzati costituiti da ascensori e scale mobili che collegano al centro i numerosi parcheggi realizzati ai piedi del colle su cui poggia l acropoli. La città di Perugia, proseguendo coerentemente con le proprie strategie trasportistiche attivate ormai da alcuni decenni, punta con il Minimetrò a raggiungere i seguenti obiettivi: -Risoluzione della congestione da trasporto su gomma pubblico e privato. -Miglioramento delle condizioni ambientali e salutari nella città. -Miglior tutela al diritto alla mobilità anche per le fasce sociali svantaggiate. -Riduzione dell impegno finanziario pubblico nel settore dei trasporti locali. La realizzazione dell innovativo sistema trasportistico trova le sue origini nell Accordo di Programma sottoscritto in data tra il Ministero delle Aree Urbane, dei Trasporti e della Navigazione, il Presidente della Giunta Regionale dell Umbria e il Sindaco del Comune di Perugia, in cui veniva riconosciuto al Comune di Pe- 169

2 ce (quartiere che sarà oggetto di ristrutturazione urbanistica, secondo il nuovo P.R.G.), che non è ancora esecutiva e perciò sarà di futura realizzazione. Il tracciato del Minimetrò rugia da parte dell Amministrazione centrale dello Stato, un importo pari al 50% del costo relativo alla realizzazione del primo tratto della Metropolitana leggera: Pian di Massiano - Piazzale della Cupa - II Tratto fino a Monteluce. Successivamente veniva rilevata l esigenza di prolungare il percorso del Minimetrò al centro storico prevedendo la prosecuzione del I Tratto da Piazzale della Cupa a Pincetto Centro per assicurare una massima fruibilità del sistema. Il tracciato così modificato viene perciò reso immediatamente eseguibile ed i lavori delle opere civili assegnati a fine La situazione odierna fa prefigurare la fine dei lavori e la messa in esercizio del sistema entro i primi mesi del 2007, intendendo per la messa in esercizio anche il funzionamento del- Terminal Pian di Massiano - particolari del magazzino vetture l impianto di risalita (ascensore inclinato e scale mobili) che collegherà il terminal del Minimetrò con il centro storico di Perugia. È stato inoltre progettato il tracciato della seconda linea che raggiunge l area del quartiere Montelu- Minimetrò Spa: i soci La Società Minimetrò S.p.A. nasce nel 1998 (voluta dal Comune di Perugia) per la progettazione, la realizzazione e la gestione della metropolitana leggera denominata Minimetrò. La Società è partecipata per il 70% dal Comune di Perugia e per il 30% da una compagine privata costituita in Società, denominata Metrò Perugia S.C.a r.l. Il modello creato ha portato alla costituzione di una Società che, attraverso le sue componenti private, è in grado di fornire la tecnologia necessaria (Leitner S.p.A.), di progettare e costruire le opere civili (Umbria Domani S.C.a.r.l.), di fornire i contributi utili alla gestione razionalizzando il sistema di trasporto complessivo della città (Apm S.p.A.) e dei parcheggi (Sipa S.p.A.). Caratteristiche generali del progetto Il presente progetto esecutivo si riferisce alla Linea 1 del Minimetrò di Perugia, che si sviluppa dal Pian di Massiano - dove si trova la Stazione terminal di valle (dotata di magazzino vetture ed officina) connessa ad un parcheggio di interscambio di adeguate proporzioni - alla località Pincetto, situata nel Centro Storico della Città, dove è localizzata la Stazione terminal di monte, a sua volta connessa alla centrale Piazza Matteotti da una cascata di scale mobili e 170

3 Cemento & Calcestruzzo Primo tratto del viadotto Particolare del I tratto del viadotto Le soluzioni indicate dal Direttore Artistico dell opera, l Arch. Jean Nouvel, sottolineano l esistenza del Minimetrò, nel contesto urbano, attraverso la presenza di un nastro colorato continuo che costituisce la struttura di sostegno delle rotaie del Minimetrò: una linea rossa ben visibile nel tratto iniziale (in periferia), che risale verso l acropoli, per scomparire in prossimità della stessa, immergendosi nel sottosuolo e nascondendo le proprie strutture, diventa un tutt uno con la città. Queste strutture, a loro volta, poggiano su pile rettangolari larghe quanto la linea, realizzate in calcestruzzo di inerti locali, a dominante rosa, che le integrano bene con il contesto sia naturale che urbano. La linea, a doppia via, costituisce il supporto fisico del sistema di trasporto, i cui veicoli, dotati di rodiggio gommato scorrono su due rotaie di acciaio collegate alle opere civili. Tra le due rotaie sono altresì posizionati il cavo traente ed i rulli guidafune, il che ha imposto l adozione di sistemi costruttivi che tengono conto della presenza di questi apparati. Delle tre gallerie dell impianto, una è a sezione tubolare con pareti lisce e brillanti (galleria naturale), in grado perciò di incrementare la sensazione di velocità per l osservatore che si trova all interno della vettura. da un ascensore inclinato. Lo sviluppo della linea 1 è di circa 3 Km, le pendenze massime sono dell 11,5% ed i raggi di curvatura minimi pari a 80m, mentre il dislivello superato tra i due terminal è pari a circa 160m. La Linea 2 (S.Anna - Pincetto - Monteluce) sottopassa la Linea 1 nella Stazione di Pincetto e nella presente progettazione esecutiva si è tenuto conto della necessità di prevedere la predisposizione di detta Linea e della Stazione al passaggio della linea incrociante. Opere civili Linea Le strutture di linea, sono costituite da: 1. Viadotto 1.500m 2. Galleria Artificiale 700m 3. Trincea 400m 4. Galleria naturale 400m Particolare del III tratto Il viadotto nel suo III tratto Le altre due gallerie sono a sezione rettangolare ed hanno invece le pareti con finitura effetto pietra naturale (gallerie artificiali), che, illuminate dal basso con luce radente, determineranno per il viaggiatore un effetto sculto- 171

4 reo di grande suggestione. Stazioni Le Stazioni, sono sette, e si dividono in: 1. Due Stazioni terminali; 2. Cinque Stazioni intermedie. Jean Nouvel Jean Nouvel nasce il 12 agosto 1945 a Fumel, Francia. Nel 1966 è primo al concorso di ammissione della Scuola nazionale superiore di Belle Arti di Parigi, dove si diploma nel Seguendo il filone intellettuale dell architetto Claude Parent e di Paul Virilio, apre il suo primo studio nel 1970 con François Seigneur. Incontra il critico Georges Boudaille, grazie al quale diventa architetto della Biennale di Parigi, fin dal Realizza numerosi allestimenti - un tipo di commessa che ama in modo particolare - tra cui quello della sezione architettura e design della mostra Gli anni 50 al Centre Pompidou nel 1988 e quello della mostra Il futuro del lavoro e La Mobilità per l Expo 2000 di Hannover. Nel 1976, incontra lo scenografo Jacques le Parquet che lo aiuta a scoprire il mondo del teatro e della regia e lavora con lui nel progetto di ristrutturazione del teatro Gaité Lyrique a Parigi. È co-organizzatore del contro concorso internazionale per la sistemazione del quartiere delle Halles e fondatore, nel 1980, della Biennale di Architettura nell ambito della Biennale di Parigi. La sua prima realizzazione di spicco, esempio di architettura critica, è la Casa Dick (Saint-Andréles-Vergers, Aube, 1976). Da allora in poi si susseguono progetti significativi del suo percorso: il Centro medico-chirurgico del Val-Notre-Dame a Bezons (1976), il Collegio Anna Franck a Antony (1978), fino al 1981, anno in cui si aggiudica il concorso per l Institut du Monde Arabe, autentico giro di boa nella sua carriera. La realizzazione di questo progetto segna un punto di svolta per l architettura francese sulla scena internazionale. Nel 1985 progetta l INIST di Nancy, l Opera di Lione e il centro culturale Onyx a Saint Herblain. Tra il 1989 e il 1991 vengono realizzati studi su novanta progetti diversi. Tra i più Finiture di una galleria artificiale Stazioni intermedie allo scoperto Quattro delle cinque stazioni intermedie sono esterne e si caratterizzano ciascuna in modo specifico secondo le particolarità del sito, ma comunque tutte presentano una accentuata leggerezza strutturale per limitarne l impatto, mantenendo comunque il medesimo linguaggio architettonico ed i presupposti generali del progetto. Compositivamente le Stazioni rappresentano un edificio a quattro orizzontamenti: Copertura; Piano banchina; Piano Atrio; Piano servizi tecnici; I Piani banchina ed atrio sono privi di serramenti laterali continui, ad eccezione di ringhiere, cancelli e recinzioni e sono concepiti come luoghi, spazi, che chiamano all incontro, evocando il concetto della comunità dei cittadini. Per quanto riguarda l inserimento nel terreno, i locali tecnici sono interrati o seminterrati, atrio e banchine sono fuori terra; Il piano atrio è costituito da superfici pavimentate e da un giardino pensile che impegna una parte della superficie stessa, alla stessa quota del piano di calpestio e si prolunga verso l esterno con leggero pendio. L ingresso in stazione avviene attraversando una linea lungo la quale sono sistemati i tornelli, denominata linea di Imbocco della galleria naturale nelle vicinanze della Stazione Cupa 172

5 Cemento & Calcestruzzo significativi ricordiamo il Centro congressi di Tours, la Fondation Cartier di Parigi e la sede dell agenzia CLMBBDO a Issy Les Moulineaux. Tra i più recenti progetti ricordiamo: il Guggenheim Temporary Museum of Art a Tokyo (Giappone, 2001), l Ambasciata di Francia a Berlino (1997), il JVC Business Center a Guadalajara (Messico, 1999), la Sede sociale della società Richemont a Ginevra (2001), il Museo dell Evoluzione Umana a Burgos (Spagna, 2000), il Centro Culturale di Santiago di Compostela (1999), che affrontano le questioni del paesaggio, del verde e del territorio, principali sfide nel lavoro di Jean Nouvel; il Museo del Quai Branly a Parigi e l ampliamento del Museo Reina Sofia a Madrid; le ultime tappe della smaterializzazione, dove la materia diventa sempre più invisibile: la Dentsu Tower a Tokyo (Giappone, ), la Camera di Commercio di Prato (Italia, 2000), la Sala Filarmonica a Lussemburgo (Ducato del Lussemburgo, 1997), la Torre BIS a Basilea (Svizzera 1999), e Kyriat Arieh 1 a Tel Aviv (Israele, 1999). controllo e che da accesso al piano atrio a sua volta collegato alla banchina attraverso ascensori e scale fisse (scale mobili installabili in futuro). Costruttivamente le Stazioni intermedie sono realizzate in C.A. per quanto riguarda i locali tecnici interrati o seminterrati ed il sovrastante piano atrio, il quale si caratterizza per essere realizzato mediante un solaio in C.A. continuo sul quale viene poi realizzata una parziale intercapedine utilizzata per il passaggio di impianti; nei tratti in cui non vi è l intercapedine è realizzato il giardino pensile sulla base delle indicazioni della Direzione Artistica. Il piano banchina e la copertura sono invece realizzati in strutture miste di acciaio e calcestruzzo, in vista della necessità di ottenere una grande leggerezza sia sotto il profilo strutturale che formale. Sul piano banchina sono collocate le porte di banchina, realizzate in cristallo e che fronteggiano da ambo i lati la linea del Minimetrò. I sostegni verticali, nel numero di quattro, sono costituiti da due setti in C.A. rivestiti di materiale metallico di arredo e dalle gabbie metalliche dei due ascensori (uno per banchina). Stazione terminale di Pian di Massiano (terminale di valle) La stazione di Pian di Massiano è realizzata sulla base degli stessi principi per quanto attiene alla parte strettamente trasportistica (piano banchine e copertura in acciaio e locali tecnici interrati in C.A.). Compositivamente va ricordato che nella Stazione è collocata la piattaforma di inversione di Valle e la stazione di tesatura del cavo traente, che nei locali tecnici, oltre alle apparecchiature elettriche è localizzato il magazzino vetture e l officina riparazioni. Si ricorda anche che detta stazione è parte di un complesso più vasto, il Centro Stazione intermedia Fontivegge Commerciale di Pian di Massiano e dunque costituisce uno stralcio di un progetto più generale. Stazioni interrate (intermedia di Cupa e Terminale del Pincetto) Le stazioni interrate, Cupa (ma anche Pincetto), sono in realtà ambedue semi - Stazione intermedia Cortonese Stazione intermedia Madonna Alta 173

6 interrate, nel senso che una serie di aperture sia zenitali che frontali consentono a luce ed aria di circolare al loro interno. Le pareti laterali sono costituite da palificate (o diaframmi) non rivestite, realizzate con la stessa tecnica delle gallerie artificiali. Gli orizzontamenti sono costituiti da solai in C.A. ad eccezione di alcune parti di copertura realizzati con la stessa tecnica delle Stazioni Intermedie. I locali tecnici sono posizionati in vari orizzontamenti (a quello inferiore, nel caso di Pincetto, ad uno superiore a quello di banchina nel caso della Cupa); La distribuzione planimetrica delle Stazioni Interrate differisce molto tra la Stazione della Cupa (intermedia) e Vettura sul piano banchina in stazione intermedia quella del Pincetto (terminale di arrivo e sede della piattaforma di inversione e del motore di trazione). Ambedue le Stazioni interrate rappre- La filosofia delle stazioni per Nouvel Per il progettista Nouvel l architettura è arte visiva, produzione di immagini, un architettura smaterializzata, dove sono protagonisti la luce e le superfici più che la qualità scultorea dell opera. Nouvel si fa portatore dell importanza sociale e culturale dell architettura, che si impegna nel mondo, in un continuo scambio con altre discipline. Nel progetto architettonico delle stazioni, Nouvel ha voluto creare strutture che siano perfettamente inserite nel contesto ambientale ove si dipana il percorso: le stazioni sono concepite come una struttura leggera e trasparente e i materiali sono stati studiati con grande cura per esaltare il concetto di leggerezza, pensate per massima visibilità verso l esterno e la massima trasparenza dall esterno. Nella concezione dell architetto Nouvel poi il verde che circonda sempre le stazioni allo scoperto deve penetrare all interno ed essere arricchito con l inserimento di essenze particolari. Per questo motivo sono stati previsti giardini e aree di pertinenza. Le stesse strutture esterne, nelle loro parti strutturali, sono abbellite grazie a piante rampicanti e piante da fiori. L idea è che questa struttura sia identificata fin dal primo sguardo come una realizzazione dedicata ad un sistema di trasporto collettivo. In questo modo si evidenzia la permeabilità della struttura e la possibilità per chi sta a terra di vedere il passaggio delle vetture. sentano l inizio e la fine della galleria naturale e dunque gli imbocchi di quest ultima sono strutturalmente incorporati nelle strutture di sostegno della Stazione contribuendo alla solidità dell insieme. La Stazione del Pincetto, diversamente da quella della Cupa che è situata relativamente vicino alla superficie (ed ha solo tre orizzontamenti il piano banchine, il piano mezzanino ed il piano coperture), è notevolmente profonda ed incassata nel pendio dei Giardini del Pincetto (cinque orizzontamenti). Peraltro proprio la notevole pendenza del terreno fa sì che mentre la parte a monte di questa Stazione è incassata di circa 26 metri, quella a valle si apre verso l esterno e sarà funzionalmente connessa, tramite galleria di servizio, con via XIV Settembre. La Stazione di Pincetto è stata studiata anche in funzione del fatto che la stessa dovrà essere predisposta al passaggio della Linea 2 (S. Anna - Monteluce) e che la Stazione di arrivo della linea 2 sarà adiacente alla Stazione del Pincetto. Un elemento di grande rilievo della Stazione del Pincetto è costituito dal sistema di risalita, che dal Piano banchine risale fino a Piazza Matteotti, passando per il cosiddetto Quarto Arcone, al piano terreno dell edificio del Tribunale Vecchia Università e fiancheggiando il Muro Etrusco, ricreando così le suggestioni della risalita della Rocca Paolina. 174

7 Cemento & Calcestruzzo CARATTERISTICHE TECNICHE DI SINTESI DELL IMPIANTO TECNOLOGICO: Numero totale dei veicoli in esercizio 25 Capienza veicoli 50 persone Massa veicolo vuoto kg Massa veicolo carico kg Equidistanza nominale dei veicoli in linea 410,9 m Intervallo di tempo nominale tra due veicoli successivi 58,7 s Intervallo di tempo per imbarco/sbarco 25 s Portata oraria massima 3065 passeggeri Velocità massima delle vetture 25 km/h Larghezza veicolo 2,10 m Lunghezza veicolo 5,70 m Diametro nominale della fune traente 34 mm Vettura in stazione Le caratteristiche dell Impianto Tecnologico Questo moderno sistema di trasporto definito semicontinuo (frequenza di una vettura al minuto), non ha uguali in Italia per la tecnologia utilizzata (che è di derivazione dagli impianti a fune più tradizionali), è progettato e già realizzato a livello di prototipo sperimentale dalla Società Leitner. In estrema sintesi, il sistema Leitner, si compone di una successione di vetture gommate (fino ad un massimo di 25 vetture contemporaneamente), ciascuna ha ruote gommate ad asse orizzontale che scorrono su rotaie in acciaio. Alla stabilità laterale del veicolo provvedono altre ruote, ad asse verticale, vincolate all anima della rotaia. Ogni vettura del Minimetrò ha capacità di 50 persone (parte sedute parte in piedi). Le vetture sono trascinate da un cavo traente conformato ad anello cui esse sono agganciate (fune lunga circa 6km e della sezione di 34mm), in modo non fisso, ma attraverso una morsa; nelle stazioni le vetture si sganciano dal cavo traente e vengono decelerate, fermate e ri-accelerate da particolari meccanismi denominati gruppi di sincronizzazione. Inoltre la fune segue le curve planimetriche ed altimetriche imposte dal tracciato in quanto guidata da una serie di rulli. L ingresso e l uscita dei passeggeri Fase della stesura fune Rulli di linea dalle vetture avviene attraverso una portiera apribile automaticamente cui corrisponde, in stazione, una controporta di banchina anch essa apribile automaticamente - chiamata porta di banchina - così come avviene, ad es., per gli ascensori e in tutte le metropolitane automatiche. Nelle stazioni terminali (Pian di Massiano e Pincetto), oltre al gruppo di sincronizzazione ed alla puleggia di rinvio della fune, è prevista una piattaforma automatica di inversione che consente di immettere i veicoli provenienti dalla linea ascendente su quella discendente e viceversa. Nella Stazione terminal di monte (Pincetto), al disotto del piano di imbarco/ sbarco, sono previsti locali tecnici tra cui, fondamentale, il vano che accoglie il motore elettrico (argano motore alimentato da una rete riservata di Media Tensione) di trascinamento della fune. In tutte le altre stazioni sono presenti locali tecnici per gestire l alimentazione elettrica e l elaborazione di tutti i dati del sistema, i quali vengono inviati alla postazione di Controllo Centrale (sempre all interno del Terminal di Pincetto) da dove ovviamente vengono effettuate tutte le opera- Puleggia di rinvio a Pian di Massiano 175

8 ATTIVITÀ % Avanzamento OPERE CIVILI 87,0% OPERE ELETTROMECCANICHE 85,7% zioni di movimentazione e monitoraggio del sistema e di tutte le stazioni del Minimetrò. Avanzamento Lavori I lavori relativi alle infrastrutture civili (stazioni, pile, viadotti, gallerie naturale e artificiali, impianti civili) sono iniziati alla fine del 2002; ad oggi è stato realizzato circa l 87% dei lavori complessivi. Contemporaneamente si sta portando avanti il montaggio della componentistica trasportistica del sistema: più in particolare l impiantistica elettromeccanica, già installata per circa l 86% del complessivo, ha riguardato il montaggio delle rotaie, dei meccanismi di tutte le stazione, il completamento del magazzino automatico nella stazione di Pian di Massiano; inoltre, sono stati completati i montaggi delle apparecchiature elettriche ed elettroniche delle stazioni ed effettuate le prove di messa in servizio locale di alcune stazioni. Inoltre è stata completata la stesura, impalmatura e tesatura della fune traente. Questa fase dei lavori, che richiede una forte integrazione operativa tra l esecuzione delle opere civili e quelle trasportistiche, conferma, oltre un eccezionale impegno lavorativo, l alta professionalità di tutti i soggetti che, a vario titolo, sono coinvolti nell esecuzione dell opera. Pertanto, ad oggi, la situazione odierna fa prefigurare la fine dei lavori e la messa in esercizio del sistema entro i primi mesi del 2007, intendendo per la messa in esercizio anche il funzionamento dell impianto di risalita (ascensore inclinato e scale mobili) che collegherà il terminal del Minimetrò con il centro storico di Perugia. *Ing.Luca Patiti, Ufficio Responsabile del Procedimento Minimetrò spa 176

MINIMETRO PERUGIA, ITALIA ACCETTAZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE A FUNE NELLE AREE URBANE

MINIMETRO PERUGIA, ITALIA ACCETTAZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE A FUNE NELLE AREE URBANE 1 2 La realizzazione di un progetto di trasporto, quale il MiniMetro di Perugia, comporta un iter decisionale e di accettazione complesso, difficile e tormentato. Gli esiti ottenuti alla fine costituiscono

Dettagli

Nuovi sistemi leggeri per il trasporto pubblico nelle aree urbane Classificazione e campi di applicabilità

Nuovi sistemi leggeri per il trasporto pubblico nelle aree urbane Classificazione e campi di applicabilità Nuovi sistemi leggeri per il trasporto pubblico nelle aree urbane Classificazione e campi di applicabilità Strategie alternative di trasporto : il caso Perugia Fabio Maria Ciuffini Alberto Simeone I caratteri

Dettagli

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ PER LE CITTÀ L utilizzo di scale mobili e ascensori per facilitare la mobilità delle persone nelle città d arte o in luoghi difficilmente accessibili vede oggi una significativa accelerazione, e dopo il

Dettagli

W31_32 1=2. Gallery. Dimensioni. Catalogo I Contemporanei Anno di progettazione 2002 Anno di produzione 2014

W31_32 1=2. Gallery. Dimensioni. Catalogo I Contemporanei Anno di progettazione 2002 Anno di produzione 2014 W31_32 1=2 Catalogo I Contemporanei Anno di progettazione 2002 Anno di produzione 2014 Tavoli da pranzo e consolle sovrapponibili in vetro temperato spessore 15 mm e gambe in acciaio inox. Piani in vetro

Dettagli

PANORAMICA IMPIANTI TRAPORTI «IN SEDE FISSA»

PANORAMICA IMPIANTI TRAPORTI «IN SEDE FISSA» PANORAMICA IMPIANTI TRAPORTI «IN SEDE FISSA» ASCENSORE «QUEZZI» L opera in oggetto consiste nella realizzazione di un ascensore inclinato per il trasporto pubblico di persone da Via Pinetti a Via Fontanarossa

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico

Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Riqualificazione di Piazza Pellini: complesso di parcheggi, piazza e uffici nel centro Storico Concorso, 2 classificato Perugia 2001 Massimo e Gabriella Carmassi con Paolo Vinti Il nostro progetto si propone

Dettagli

Situazione attuale degli accessi

Situazione attuale degli accessi Situazione attuale degli accessi Attualmente gli accessi al quartiere fieristico si rivolgono prevalentemente verso la città per il naturale effetto delle dinamiche di traffico fino ad ora esistite nel

Dettagli

XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI AGENZIA TORINO 2006. ----- Sotto l Alta Vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri ------

XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI AGENZIA TORINO 2006. ----- Sotto l Alta Vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri ------ XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI AGENZIA TORINO 2006 ----- Sotto l Alta Vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri ------ R04 NUOVO GARNEL SEGGIOVIA QUADRIPOSTO AD ATTACCO FISSO ----- PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati Luogo Popolazione residente Descrizione Perugia 158.313 abitanti La particolare conformazione planoaltimetrica del centro di Perugia, in cui sono concentrate

Dettagli

Per ogni carrozza è previsto il posto per 1 solo utente in carrozzina. Un segnale acustico avvisa la chiusura porte delle carrozze.

Per ogni carrozza è previsto il posto per 1 solo utente in carrozzina. Un segnale acustico avvisa la chiusura porte delle carrozze. MINIMETRÒ È stato costruito dalla Leitner Ropeways S.p.A. di Vipiteno (BZ). È una funicolare con alcune peculiarità originali ed innovative. Il mini metrò è costituito da 25 vetture, che possono ospitare

Dettagli

4. LONG TERM ENTRA NEI NOSTRI SPAZI

4. LONG TERM ENTRA NEI NOSTRI SPAZI SPAZI PUBBLICITARI MINIMETRO 1. MUPI CIRCUITI A/B 2.WRAPPING 3. SPAZIO ESPOSITIVO 4. 5. UNDERGROUND 6. SCALE MOBILI 7. SHUTTLE WRAPPING 8. INTERNO NAVETTA ENTRA NEI NOSTRI SPAZI spot MINIMETRO SPAZI PUBBLICITARI

Dettagli

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA 8 Congresso Nazionale CIRIAF Atti (Perugia 4/5 aprile 2008) SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA Fabio Maria Ciuffini 1, Michele Goretti 2, Leonardo Naldini 3 1 Studio Ciuffini

Dettagli

SISTEMI DI TRASPORTO A FUNE IN AMBITO URBANO E TURISTICO.

SISTEMI DI TRASPORTO A FUNE IN AMBITO URBANO E TURISTICO. SISTEMI DI TRASPORTO A FUNE IN AMBITO URBANO E TURISTICO. IL TRASPORTO URBANO DI PERSONE. OTTIME PROSPETTIVE FUTURE. Da tempo ormai non sono più soltanto gli sciatori a viaggiare su impianti LEITNER ropeways.

Dettagli

I]nhhZc@gjee :azkvidg >iva^v. Latitude. L ultima generazione di ascensori gearless senza locale macchina

I]nhhZc@gjee :azkvidg >iva^v. Latitude. L ultima generazione di ascensori gearless senza locale macchina I]nhhZc@gjee :azkvidg >iva^v Latitude. L ultima generazione di ascensori gearless senza locale macchina Sviluppare prodotti di alta qualità è nella filosofia ThyssenKrupp. Il Latitude ne è un esempio.

Dettagli

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie INDICE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI IMPIANTI A FUNE... 2 1.1 Definizione di impianto a fune... 2 1.2 Tipologie di impianto... 3 1.3 Funzionamento degli impianti a fune... 6 1.4 Normativa per la costruzione

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA

EX LIBRIS RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN MARANELLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA I vincoli dati dai confini e l esigenza di evitare costi eccessivi, ci hanno indotto a scelte il

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Nodo di Bologna: situazione attuale Traffico attuale 780 treni/g 80.000 passeggeri/g 2 Nodo di Bologna: situazione a fine lavori (dicembre 2013) Traffico

Dettagli

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il Sistema VAL (Veicolo Automatico Leggero) per 29 treni che viaggiano sotto corso Francia, corso Vittorio Emanuele e via

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale

Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale I lavori di adeguamento della stazione metro di Termini sono stati eseguiti senza mai interrompere l esercizio delle metropolitane. Questa circostanza è sufficiente

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione E.P. Elevatori Premontati srl montascale con pedana Tecnologie in Elevazione Il montascale o servoscala è una macchina per il trasporto di persone lungo scale o percorsi inclinati, rivolto ad anziani o

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

La Piattaforma Elevatrice a vano aperto

La Piattaforma Elevatrice a vano aperto Originale dal design unico, si adatta a qualsiasi edificio con armonia estetica. Ottimale per raggiungere balconi o pianerottoli nel rispetto dell equilibrio architettonico degli edifici. La Piattaforma

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

Prolungamento oltre Battistini Tratta Battistini Torrevecchia Progetto Preliminare Integrato

Prolungamento oltre Battistini Tratta Battistini Torrevecchia Progetto Preliminare Integrato Metropolitana di Roma Linea A Prolungamento oltre Battistini Tratta Battistini Torrevecchia Progetto Preliminare Integrato 1 I prolungamenti delle linee della metropolitana di Roma 2 Lunghezza complessiva:

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

LINEA M4 DELLA METROPOLITANA DI MILANO

LINEA M4 DELLA METROPOLITANA DI MILANO LINEA M4 DELLA METROPOLITANA DI MILANO 2011 L insieme delle soluzioni architettoniche e di finitura per la linea metropolitana 4 di Milano si basa sui concetti di psicologia ambientale applicati ai contesti

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

catalogo 2015 agg. 2015-02

catalogo 2015 agg. 2015-02 catalogo 2015 agg. 2015-02 02 Presentazione Z LINE rappresenta un nuovo modo per concepire i propri spazi, attraverso soluzioni di elevata qualità strutturale e accurata selezione dei materiali naturali,

Dettagli

L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a.

L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a. L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a. L Elicoidale Snc nasce il 13/01/1998 dall idea dei due soci fondatori, Zandonà Renzo e Bicego Domenico, di realizzare

Dettagli

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica

Progetti. monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano. Igor Maglica Progetti Igor Maglica monestiroli architetti associati Due nuove piazze e tre edifici a Pioltello, Milano Dettaglio dell atrio centrale dell edificio della nuova stazione ferroviaria. fotografie Marco

Dettagli

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare

Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Ristrutturazione urbana del complesso della Caserma Demaniale Di Tullio Progetto preliminare Macerata 2002 Massimo e Gabriella Carmassi L area demaniale Di Tullio di forma rettangolare occupa il margine

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L

Dettagli

Nella Zona Industriale di Padova. nuovo Centro. Servizi. Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova

Nella Zona Industriale di Padova. nuovo Centro. Servizi. Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova Nella Zona Industriale di Padova nuovo Centro Servizi L edificio sorgerà nella zona industriale di Padova, a un centinaio di metri dal casello autostradale Padova Zona Industriale della A13, Pd-Bo. Il

Dettagli

La barchessa diventa un edificio di classe

La barchessa diventa un edificio di classe L ASCENSORE99IDEE La barchessa diventa un edificio di classe Sotto il porticato restaurato, l ascensore è il centro del design interno della ristrutturazione Progetto Arch. Toni Follina Testo Leonardo

Dettagli

Comune di Pisa. Provincia di Pisa. Parcheggio di interscambio Pisa Sud Aurelia e viabilità di collegamento.

Comune di Pisa. Provincia di Pisa. Parcheggio di interscambio Pisa Sud Aurelia e viabilità di collegamento. Comune di Pisa Provincia di Pisa PROGETTO: Parcheggio di interscambio Pisa Sud Aurelia e viabilità di collegamento. COMMITTENTE: PROGETTISTA: Ing. Alessandro Fiorindi Ordine Ingegneri Pisa - 1066 PISAMO

Dettagli

Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE VALORE DI COSTRUZIONE

Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE VALORE DI COSTRUZIONE Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE A VALORE DI COSTRUZIONE 1 22/01/02 Revisione generale M.Chiavarini M.Di Giulio

Dettagli

La Piattaforma Elevatrice a vano aperto

La Piattaforma Elevatrice a vano aperto Originale dal design unico, si adatta a qualsiasi edificio con armonia estetica. Ottimale per raggiungere balconi o pianerottoli nel rispetto dell equilibrio architettonico degli edifici. La Piattaforma

Dettagli

Tipologie edilizie e costi

Tipologie edilizie e costi Parcheggi 8-10-2007 11:46 Pagina 18 o- o PROGETTARE TECNOLOGIA Progetto Realizzazione Gestione 18 Tipologie edilizie e costi Parcheggi: quanto costa realizzarli Quanto costa realizzare un parcheggio fuori

Dettagli

SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME

SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME PROGETTO PER LA SISTEMAZIONE E LA COPERTURA DELL AREA D INGRESSO ANTISTANTE L AEROSTAZIONE DI LAMEZIA TERME RELAZIONE TECNICA I lavori eseguiti

Dettagli

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento 1) Meccanica della locomozione: equazione del moto, resistenze al moto, dinamica del veicolo, andamento planoaltimetrico, sopraelevazione in curva, accelerazione

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO Luglio 2011 1 Premesse Il progetto riguarda la realizzazione di una struttura

Dettagli

Vivalto, il nuovo treno a due piani

Vivalto, il nuovo treno a due piani Vivalto, il nuovo treno a due piani Spazio e comfort al servizio dei viaggiatori Spazio, comfort e tecnologia Vivalto è il nome del nuovo treno a due piani per il trasporto locale Un mezzo all avanguardia

Dettagli

Immagini. Gli impianti tecnici di Palazzo Lombardia: matrimonio riuscito fra tecnologia e rispetto dell ambiente

Immagini. Gli impianti tecnici di Palazzo Lombardia: matrimonio riuscito fra tecnologia e rispetto dell ambiente ImmagInI CONFRONTI 4/2012 65 Immagini Gli impianti tecnici di Palazzo Lombardia: matrimonio riuscito fra tecnologia e rispetto dell ambiente Nel premiare Palazzo Lombardia come miglior grattacielo d Europa

Dettagli

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012 Sistemi metropolitani a guida automatica L esperienza romana Torino, 28 Marzo 2012 Le tipicità di Roma Roma presenta alcune caratteristiche particolari: il delicato tessuto urbanistico, caratterizzato

Dettagli

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009 safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 La scala Safeladder è un sistema di protezione contro le cadute che integra ai montanti verticali della scala un binario e garantisce

Dettagli

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 apr-12 1 Torino - Metropolitana automatica - Linea 1 XX Giochi olimpici invernali 11 stazioni 6,4 km Estensione Porta Nuova 15

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 IL PROGETTO STRUTTURALE...2 3.1 I criteri di progettazione...2 3.2 L organismo strutturale...3 3.3 Le strutture di fondazione...3

Dettagli

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA Uno dei maggiori parcheggi periferici di interscambio di Milano, realizzato dalla Metropolitana Milanese, si avvia a servire l area sud del capoluogo lombardo

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Torre Isozaki. 1 di 7

Torre Isozaki. 1 di 7 Torre Isozaki Location: Milano, ex polo urbano della Fiera Developer: CityLife S.p.A. Architetti: Arata Isozaki, con Andrea Maffei Destinazione: uffici Tenant: Gruppo Allianz General contractor: Colombo

Dettagli

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO NUOVA FERMATA DI BRUZZANO/BRUSUGLIO 1. spostamento della fermata di circa 500 m verso nord; 2. realizzazione di due banchine di 250 m, alte 55 cm sul p.f.,

Dettagli

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione " Loc. Ciapanella

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione  Loc. Ciapanella AOL TS / ADO TOS-SUD Titolo elaborato: ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI nome lottizzazione: Lottizzazione " Loc. Ciapanella CODICE DOCUMENTO NOME FILE PNL011332

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

MBT Multipurpose Boarding Tower

MBT Multipurpose Boarding Tower MBT Multipurpose Boarding Tower Presentazione del prototipo realizzato in banchina 117 del Terminal Passeggeri di Venezia Fig.1. M.B.T. Multipurpose Boarding Tower (rendering) 1 INTRODUZIONE L MBT Multipurpose

Dettagli

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE.

FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. STILE FONTANOT DA VITA A UNA LINEA DI SCALE PENSATA PER CHI AMA IL FAI DA TE. Magia. Una gamma di prodotti che renderà facile poter scegliere la tua scala ideale. 0 Guida alla scelta. Gamma prodotti. Modulo

Dettagli

Presentazione del progetto architettonico Centre Pompidou Malaga

Presentazione del progetto architettonico Centre Pompidou Malaga Presentazione del progetto architettonico Centre Pompidou Malaga Committente Architetti: Francisco Javier Pérez de la Fuente Juan Antonio Marín Malavé Sito: Lo spazio espositivo si trova all angolo tra

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

VOLUMEDIA. Via Roma, 21 20090 SEGRATE (Milano) Italy

VOLUMEDIA. Via Roma, 21 20090 SEGRATE (Milano) Italy VOLUMEDIA By Via Roma, 21 20090 SEGRATE (Milano) Italy CARATTERISTICHE GENERALI I sistemi tradizionali di magazzinaggio ed archiviazione con scaffalature statiche, per consentire l accesso ai materiali

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

periodo di realizzazione: 2006-2007 committente / proprietario: premi architettonici: tipologia intervento: destinazione intervento: dimensioni:

periodo di realizzazione: 2006-2007 committente / proprietario: premi architettonici: tipologia intervento: destinazione intervento: dimensioni: Enrico Iascone Architetti Case Bianche Case Bianche Residence a Bologna indirizzo: via delle Lame, 29 città: progettista: consulenti: Bologna Enrico Iascone Carlotta Menarini Camilla Belletti Filippo Marsigli

Dettagli

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno Comune di Pesaro Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno RELAZIONE TECNICA Inquadramento urbanistico L intervento rientra nel Comparto Attuativo B/C del Piano Particolareggiato in oggetto

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

INDICE INTERVENTI RICOMPRESI NEL PROGETTO PRINCIPALE DI RISTURTTURAZIONE...3

INDICE INTERVENTI RICOMPRESI NEL PROGETTO PRINCIPALE DI RISTURTTURAZIONE...3 INDICE PREMESSA...2 INTERVENTI RICOMPRESI NEL PROGETTO PRINCIPALE DI RISTURTTURAZIONE...3 INTERVENTI PREVISTI PER LA POSA DELL ASCENSORE...4 QUADRO ECONOMICO...6 Lavori di: Fornitura e posa in opera di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione

Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione DESCRIZIONE DELLA LINEA 2 Dall'attuale capolinea presso l'aeroporto, la linea sottopassa la direttrice ferroviaria Firenze - Pisa e si innesta su via

Dettagli

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 anno (6 ore settimanali) La materia propone l ampliamento, la conoscenza e l uso dei metodi proiettivi orientandoli verso lo studio e la rappresentazione

Dettagli

Messinscena: relazione programmatica.

Messinscena: relazione programmatica. Messinscena: relazione programmatica. L intervento per la ristrutturazione del Teatro Vittorio Emanuele di Messina si articola seguendo un piano programmatico che, rispettoso della preesistenza, mira a

Dettagli

GVOJQMBO r.l.u.s. Piazza Principale, 29 I-39040 ORA (BZ) tel. 0471 802850 fax 0471 802851 e-mail info@funiplan.it

GVOJQMBO r.l.u.s. Piazza Principale, 29 I-39040 ORA (BZ) tel. 0471 802850 fax 0471 802851 e-mail info@funiplan.it GVOJQMBO S.r.l.u. Piazza Principale, 29 I-39040 ORA (BZ) tel. 0471 802850 fax 0471 802851 e-mail info@funiplan.it LA NUOVA FUNIVIA MALCESINE MONTE BALDO Il 24 luglio 2002 è stata inaugurata dal Presidente

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE AEROPORTI & FRANCOFORTE NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE Con la recente inaugurazione del nuovo terminal 2 il maggiore scalo tedesco guarda al futuro del trasporto aereo, affidandosi a un complesso

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

SCHEDA TECNICA PROVINCIA DI GROSSETO E SIENA S.G.C. E 78 TRONCO GROSSETO-SIENA LAVORI DI ADEGUAMENTO A QUATTRO CORSIE

SCHEDA TECNICA PROVINCIA DI GROSSETO E SIENA S.G.C. E 78 TRONCO GROSSETO-SIENA LAVORI DI ADEGUAMENTO A QUATTRO CORSIE Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Sede Compartimentale: V.le dei Mille,36-50131 Firenze - Tel. 055.56401 - Fax. 055.573497

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002 Titolo: Elevatori per il superamento di barriere architettoniche Ing. David Rossi, Ceteco Elevatori per il superamento di barriere architettoniche Possibili soluzioni Ascensori Apparecchio che collega

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

CIMITERO URBANO 1) Completamento ristrutturazione loculi campo O 264.000,00

CIMITERO URBANO 1) Completamento ristrutturazione loculi campo O 264.000,00 CIMITERO URBANO L elenco delle opere di investimento da eseguire nell arco della temporalità del project financing e nella tempistica che sarà indicata nelle successive fasi progettuali si possono così

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

Il sistema 3S. Visione generale

Il sistema 3S. Visione generale FUNIVIE TRIFUNE Il sistema 3S Visione generale Le funivie trifuni comprendono una fune traente e due funi portanti. Il sistema è dotato di morse ad ammorsamento automatico e offre una portata molto alta.

Dettagli

Nastri trasportatori a curva

Nastri trasportatori a curva Nastri trasportatori a curva Informazioni generali OMT BIELLA Srl Grazie all esperienza acquisita nel corso degli anni OMT Biella Srl offre una gamma di trasportatori a curva in grado di soddisfare le

Dettagli

PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO

PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO Via F. Baldinucci n. 3-20158 Milano - Italia Tel. (+39).02.56.81.43.93 r.a. - Fax (+39) 02.56.94.110 e-mail: architetto@andreaferraro.it www.architettoferraro.com

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli