Cemento Calcestruzzo. ai piedi del colle su cui poggia l acropoli. La città di Perugia, proseguendo coerentemente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cemento Calcestruzzo. ai piedi del colle su cui poggia l acropoli. La città di Perugia, proseguendo coerentemente"

Transcript

1 & Cemento Calcestruzzo& Cemento Calcestruzzo IL MINIMETRÒ A PERUGIA Il futuro DELLA MOBILITÀ Perugia al passo con le grandi città d Europa. È ormai pronto il nuovo sistema di trasporto di massa, unico in Italia, basato sulla successione di vetture gommate che permetterà di raggiungere il centro città in pochissimo tempo. Nulla è stato lasciato al caso nella realizzazione del Minimetrò: una metropolitana leggera che presenta soluzioni tecniche particolarmente innovative, un attenzione particolare all ambiente e un architetto di fama mondiale, Jean Nouvel, che ha curato personalmente la progettazione artistica della linea e delle stazioni LUCA PATITI* Il Minimetrò di Perugia si presenta come un sistema innovativo di tra sporto rapido di massa, alternativo al tradizionale trasporto pubblico su gomma, in grado, nello stesso tempo, di realizzare l integrazione dei sistemi locali di trasporto pubblico previsti sul territorio: trasporto pubblico su gomma, Ferrovia Centrale Umbra, Trenitalia, percorsi meccanizzati costituiti da ascensori e scale mobili che collegano al centro i numerosi parcheggi realizzati ai piedi del colle su cui poggia l acropoli. La città di Perugia, proseguendo coerentemente con le proprie strategie trasportistiche attivate ormai da alcuni decenni, punta con il Minimetrò a raggiungere i seguenti obiettivi: -Risoluzione della congestione da trasporto su gomma pubblico e privato. -Miglioramento delle condizioni ambientali e salutari nella città. -Miglior tutela al diritto alla mobilità anche per le fasce sociali svantaggiate. -Riduzione dell impegno finanziario pubblico nel settore dei trasporti locali. La realizzazione dell innovativo sistema trasportistico trova le sue origini nell Accordo di Programma sottoscritto in data tra il Ministero delle Aree Urbane, dei Trasporti e della Navigazione, il Presidente della Giunta Regionale dell Umbria e il Sindaco del Comune di Perugia, in cui veniva riconosciuto al Comune di Pe- 169

2 ce (quartiere che sarà oggetto di ristrutturazione urbanistica, secondo il nuovo P.R.G.), che non è ancora esecutiva e perciò sarà di futura realizzazione. Il tracciato del Minimetrò rugia da parte dell Amministrazione centrale dello Stato, un importo pari al 50% del costo relativo alla realizzazione del primo tratto della Metropolitana leggera: Pian di Massiano - Piazzale della Cupa - II Tratto fino a Monteluce. Successivamente veniva rilevata l esigenza di prolungare il percorso del Minimetrò al centro storico prevedendo la prosecuzione del I Tratto da Piazzale della Cupa a Pincetto Centro per assicurare una massima fruibilità del sistema. Il tracciato così modificato viene perciò reso immediatamente eseguibile ed i lavori delle opere civili assegnati a fine La situazione odierna fa prefigurare la fine dei lavori e la messa in esercizio del sistema entro i primi mesi del 2007, intendendo per la messa in esercizio anche il funzionamento del- Terminal Pian di Massiano - particolari del magazzino vetture l impianto di risalita (ascensore inclinato e scale mobili) che collegherà il terminal del Minimetrò con il centro storico di Perugia. È stato inoltre progettato il tracciato della seconda linea che raggiunge l area del quartiere Montelu- Minimetrò Spa: i soci La Società Minimetrò S.p.A. nasce nel 1998 (voluta dal Comune di Perugia) per la progettazione, la realizzazione e la gestione della metropolitana leggera denominata Minimetrò. La Società è partecipata per il 70% dal Comune di Perugia e per il 30% da una compagine privata costituita in Società, denominata Metrò Perugia S.C.a r.l. Il modello creato ha portato alla costituzione di una Società che, attraverso le sue componenti private, è in grado di fornire la tecnologia necessaria (Leitner S.p.A.), di progettare e costruire le opere civili (Umbria Domani S.C.a.r.l.), di fornire i contributi utili alla gestione razionalizzando il sistema di trasporto complessivo della città (Apm S.p.A.) e dei parcheggi (Sipa S.p.A.). Caratteristiche generali del progetto Il presente progetto esecutivo si riferisce alla Linea 1 del Minimetrò di Perugia, che si sviluppa dal Pian di Massiano - dove si trova la Stazione terminal di valle (dotata di magazzino vetture ed officina) connessa ad un parcheggio di interscambio di adeguate proporzioni - alla località Pincetto, situata nel Centro Storico della Città, dove è localizzata la Stazione terminal di monte, a sua volta connessa alla centrale Piazza Matteotti da una cascata di scale mobili e 170

3 Cemento & Calcestruzzo Primo tratto del viadotto Particolare del I tratto del viadotto Le soluzioni indicate dal Direttore Artistico dell opera, l Arch. Jean Nouvel, sottolineano l esistenza del Minimetrò, nel contesto urbano, attraverso la presenza di un nastro colorato continuo che costituisce la struttura di sostegno delle rotaie del Minimetrò: una linea rossa ben visibile nel tratto iniziale (in periferia), che risale verso l acropoli, per scomparire in prossimità della stessa, immergendosi nel sottosuolo e nascondendo le proprie strutture, diventa un tutt uno con la città. Queste strutture, a loro volta, poggiano su pile rettangolari larghe quanto la linea, realizzate in calcestruzzo di inerti locali, a dominante rosa, che le integrano bene con il contesto sia naturale che urbano. La linea, a doppia via, costituisce il supporto fisico del sistema di trasporto, i cui veicoli, dotati di rodiggio gommato scorrono su due rotaie di acciaio collegate alle opere civili. Tra le due rotaie sono altresì posizionati il cavo traente ed i rulli guidafune, il che ha imposto l adozione di sistemi costruttivi che tengono conto della presenza di questi apparati. Delle tre gallerie dell impianto, una è a sezione tubolare con pareti lisce e brillanti (galleria naturale), in grado perciò di incrementare la sensazione di velocità per l osservatore che si trova all interno della vettura. da un ascensore inclinato. Lo sviluppo della linea 1 è di circa 3 Km, le pendenze massime sono dell 11,5% ed i raggi di curvatura minimi pari a 80m, mentre il dislivello superato tra i due terminal è pari a circa 160m. La Linea 2 (S.Anna - Pincetto - Monteluce) sottopassa la Linea 1 nella Stazione di Pincetto e nella presente progettazione esecutiva si è tenuto conto della necessità di prevedere la predisposizione di detta Linea e della Stazione al passaggio della linea incrociante. Opere civili Linea Le strutture di linea, sono costituite da: 1. Viadotto 1.500m 2. Galleria Artificiale 700m 3. Trincea 400m 4. Galleria naturale 400m Particolare del III tratto Il viadotto nel suo III tratto Le altre due gallerie sono a sezione rettangolare ed hanno invece le pareti con finitura effetto pietra naturale (gallerie artificiali), che, illuminate dal basso con luce radente, determineranno per il viaggiatore un effetto sculto- 171

4 reo di grande suggestione. Stazioni Le Stazioni, sono sette, e si dividono in: 1. Due Stazioni terminali; 2. Cinque Stazioni intermedie. Jean Nouvel Jean Nouvel nasce il 12 agosto 1945 a Fumel, Francia. Nel 1966 è primo al concorso di ammissione della Scuola nazionale superiore di Belle Arti di Parigi, dove si diploma nel Seguendo il filone intellettuale dell architetto Claude Parent e di Paul Virilio, apre il suo primo studio nel 1970 con François Seigneur. Incontra il critico Georges Boudaille, grazie al quale diventa architetto della Biennale di Parigi, fin dal Realizza numerosi allestimenti - un tipo di commessa che ama in modo particolare - tra cui quello della sezione architettura e design della mostra Gli anni 50 al Centre Pompidou nel 1988 e quello della mostra Il futuro del lavoro e La Mobilità per l Expo 2000 di Hannover. Nel 1976, incontra lo scenografo Jacques le Parquet che lo aiuta a scoprire il mondo del teatro e della regia e lavora con lui nel progetto di ristrutturazione del teatro Gaité Lyrique a Parigi. È co-organizzatore del contro concorso internazionale per la sistemazione del quartiere delle Halles e fondatore, nel 1980, della Biennale di Architettura nell ambito della Biennale di Parigi. La sua prima realizzazione di spicco, esempio di architettura critica, è la Casa Dick (Saint-Andréles-Vergers, Aube, 1976). Da allora in poi si susseguono progetti significativi del suo percorso: il Centro medico-chirurgico del Val-Notre-Dame a Bezons (1976), il Collegio Anna Franck a Antony (1978), fino al 1981, anno in cui si aggiudica il concorso per l Institut du Monde Arabe, autentico giro di boa nella sua carriera. La realizzazione di questo progetto segna un punto di svolta per l architettura francese sulla scena internazionale. Nel 1985 progetta l INIST di Nancy, l Opera di Lione e il centro culturale Onyx a Saint Herblain. Tra il 1989 e il 1991 vengono realizzati studi su novanta progetti diversi. Tra i più Finiture di una galleria artificiale Stazioni intermedie allo scoperto Quattro delle cinque stazioni intermedie sono esterne e si caratterizzano ciascuna in modo specifico secondo le particolarità del sito, ma comunque tutte presentano una accentuata leggerezza strutturale per limitarne l impatto, mantenendo comunque il medesimo linguaggio architettonico ed i presupposti generali del progetto. Compositivamente le Stazioni rappresentano un edificio a quattro orizzontamenti: Copertura; Piano banchina; Piano Atrio; Piano servizi tecnici; I Piani banchina ed atrio sono privi di serramenti laterali continui, ad eccezione di ringhiere, cancelli e recinzioni e sono concepiti come luoghi, spazi, che chiamano all incontro, evocando il concetto della comunità dei cittadini. Per quanto riguarda l inserimento nel terreno, i locali tecnici sono interrati o seminterrati, atrio e banchine sono fuori terra; Il piano atrio è costituito da superfici pavimentate e da un giardino pensile che impegna una parte della superficie stessa, alla stessa quota del piano di calpestio e si prolunga verso l esterno con leggero pendio. L ingresso in stazione avviene attraversando una linea lungo la quale sono sistemati i tornelli, denominata linea di Imbocco della galleria naturale nelle vicinanze della Stazione Cupa 172

5 Cemento & Calcestruzzo significativi ricordiamo il Centro congressi di Tours, la Fondation Cartier di Parigi e la sede dell agenzia CLMBBDO a Issy Les Moulineaux. Tra i più recenti progetti ricordiamo: il Guggenheim Temporary Museum of Art a Tokyo (Giappone, 2001), l Ambasciata di Francia a Berlino (1997), il JVC Business Center a Guadalajara (Messico, 1999), la Sede sociale della società Richemont a Ginevra (2001), il Museo dell Evoluzione Umana a Burgos (Spagna, 2000), il Centro Culturale di Santiago di Compostela (1999), che affrontano le questioni del paesaggio, del verde e del territorio, principali sfide nel lavoro di Jean Nouvel; il Museo del Quai Branly a Parigi e l ampliamento del Museo Reina Sofia a Madrid; le ultime tappe della smaterializzazione, dove la materia diventa sempre più invisibile: la Dentsu Tower a Tokyo (Giappone, ), la Camera di Commercio di Prato (Italia, 2000), la Sala Filarmonica a Lussemburgo (Ducato del Lussemburgo, 1997), la Torre BIS a Basilea (Svizzera 1999), e Kyriat Arieh 1 a Tel Aviv (Israele, 1999). controllo e che da accesso al piano atrio a sua volta collegato alla banchina attraverso ascensori e scale fisse (scale mobili installabili in futuro). Costruttivamente le Stazioni intermedie sono realizzate in C.A. per quanto riguarda i locali tecnici interrati o seminterrati ed il sovrastante piano atrio, il quale si caratterizza per essere realizzato mediante un solaio in C.A. continuo sul quale viene poi realizzata una parziale intercapedine utilizzata per il passaggio di impianti; nei tratti in cui non vi è l intercapedine è realizzato il giardino pensile sulla base delle indicazioni della Direzione Artistica. Il piano banchina e la copertura sono invece realizzati in strutture miste di acciaio e calcestruzzo, in vista della necessità di ottenere una grande leggerezza sia sotto il profilo strutturale che formale. Sul piano banchina sono collocate le porte di banchina, realizzate in cristallo e che fronteggiano da ambo i lati la linea del Minimetrò. I sostegni verticali, nel numero di quattro, sono costituiti da due setti in C.A. rivestiti di materiale metallico di arredo e dalle gabbie metalliche dei due ascensori (uno per banchina). Stazione terminale di Pian di Massiano (terminale di valle) La stazione di Pian di Massiano è realizzata sulla base degli stessi principi per quanto attiene alla parte strettamente trasportistica (piano banchine e copertura in acciaio e locali tecnici interrati in C.A.). Compositivamente va ricordato che nella Stazione è collocata la piattaforma di inversione di Valle e la stazione di tesatura del cavo traente, che nei locali tecnici, oltre alle apparecchiature elettriche è localizzato il magazzino vetture e l officina riparazioni. Si ricorda anche che detta stazione è parte di un complesso più vasto, il Centro Stazione intermedia Fontivegge Commerciale di Pian di Massiano e dunque costituisce uno stralcio di un progetto più generale. Stazioni interrate (intermedia di Cupa e Terminale del Pincetto) Le stazioni interrate, Cupa (ma anche Pincetto), sono in realtà ambedue semi - Stazione intermedia Cortonese Stazione intermedia Madonna Alta 173

6 interrate, nel senso che una serie di aperture sia zenitali che frontali consentono a luce ed aria di circolare al loro interno. Le pareti laterali sono costituite da palificate (o diaframmi) non rivestite, realizzate con la stessa tecnica delle gallerie artificiali. Gli orizzontamenti sono costituiti da solai in C.A. ad eccezione di alcune parti di copertura realizzati con la stessa tecnica delle Stazioni Intermedie. I locali tecnici sono posizionati in vari orizzontamenti (a quello inferiore, nel caso di Pincetto, ad uno superiore a quello di banchina nel caso della Cupa); La distribuzione planimetrica delle Stazioni Interrate differisce molto tra la Stazione della Cupa (intermedia) e Vettura sul piano banchina in stazione intermedia quella del Pincetto (terminale di arrivo e sede della piattaforma di inversione e del motore di trazione). Ambedue le Stazioni interrate rappre- La filosofia delle stazioni per Nouvel Per il progettista Nouvel l architettura è arte visiva, produzione di immagini, un architettura smaterializzata, dove sono protagonisti la luce e le superfici più che la qualità scultorea dell opera. Nouvel si fa portatore dell importanza sociale e culturale dell architettura, che si impegna nel mondo, in un continuo scambio con altre discipline. Nel progetto architettonico delle stazioni, Nouvel ha voluto creare strutture che siano perfettamente inserite nel contesto ambientale ove si dipana il percorso: le stazioni sono concepite come una struttura leggera e trasparente e i materiali sono stati studiati con grande cura per esaltare il concetto di leggerezza, pensate per massima visibilità verso l esterno e la massima trasparenza dall esterno. Nella concezione dell architetto Nouvel poi il verde che circonda sempre le stazioni allo scoperto deve penetrare all interno ed essere arricchito con l inserimento di essenze particolari. Per questo motivo sono stati previsti giardini e aree di pertinenza. Le stesse strutture esterne, nelle loro parti strutturali, sono abbellite grazie a piante rampicanti e piante da fiori. L idea è che questa struttura sia identificata fin dal primo sguardo come una realizzazione dedicata ad un sistema di trasporto collettivo. In questo modo si evidenzia la permeabilità della struttura e la possibilità per chi sta a terra di vedere il passaggio delle vetture. sentano l inizio e la fine della galleria naturale e dunque gli imbocchi di quest ultima sono strutturalmente incorporati nelle strutture di sostegno della Stazione contribuendo alla solidità dell insieme. La Stazione del Pincetto, diversamente da quella della Cupa che è situata relativamente vicino alla superficie (ed ha solo tre orizzontamenti il piano banchine, il piano mezzanino ed il piano coperture), è notevolmente profonda ed incassata nel pendio dei Giardini del Pincetto (cinque orizzontamenti). Peraltro proprio la notevole pendenza del terreno fa sì che mentre la parte a monte di questa Stazione è incassata di circa 26 metri, quella a valle si apre verso l esterno e sarà funzionalmente connessa, tramite galleria di servizio, con via XIV Settembre. La Stazione di Pincetto è stata studiata anche in funzione del fatto che la stessa dovrà essere predisposta al passaggio della Linea 2 (S. Anna - Monteluce) e che la Stazione di arrivo della linea 2 sarà adiacente alla Stazione del Pincetto. Un elemento di grande rilievo della Stazione del Pincetto è costituito dal sistema di risalita, che dal Piano banchine risale fino a Piazza Matteotti, passando per il cosiddetto Quarto Arcone, al piano terreno dell edificio del Tribunale Vecchia Università e fiancheggiando il Muro Etrusco, ricreando così le suggestioni della risalita della Rocca Paolina. 174

7 Cemento & Calcestruzzo CARATTERISTICHE TECNICHE DI SINTESI DELL IMPIANTO TECNOLOGICO: Numero totale dei veicoli in esercizio 25 Capienza veicoli 50 persone Massa veicolo vuoto kg Massa veicolo carico kg Equidistanza nominale dei veicoli in linea 410,9 m Intervallo di tempo nominale tra due veicoli successivi 58,7 s Intervallo di tempo per imbarco/sbarco 25 s Portata oraria massima 3065 passeggeri Velocità massima delle vetture 25 km/h Larghezza veicolo 2,10 m Lunghezza veicolo 5,70 m Diametro nominale della fune traente 34 mm Vettura in stazione Le caratteristiche dell Impianto Tecnologico Questo moderno sistema di trasporto definito semicontinuo (frequenza di una vettura al minuto), non ha uguali in Italia per la tecnologia utilizzata (che è di derivazione dagli impianti a fune più tradizionali), è progettato e già realizzato a livello di prototipo sperimentale dalla Società Leitner. In estrema sintesi, il sistema Leitner, si compone di una successione di vetture gommate (fino ad un massimo di 25 vetture contemporaneamente), ciascuna ha ruote gommate ad asse orizzontale che scorrono su rotaie in acciaio. Alla stabilità laterale del veicolo provvedono altre ruote, ad asse verticale, vincolate all anima della rotaia. Ogni vettura del Minimetrò ha capacità di 50 persone (parte sedute parte in piedi). Le vetture sono trascinate da un cavo traente conformato ad anello cui esse sono agganciate (fune lunga circa 6km e della sezione di 34mm), in modo non fisso, ma attraverso una morsa; nelle stazioni le vetture si sganciano dal cavo traente e vengono decelerate, fermate e ri-accelerate da particolari meccanismi denominati gruppi di sincronizzazione. Inoltre la fune segue le curve planimetriche ed altimetriche imposte dal tracciato in quanto guidata da una serie di rulli. L ingresso e l uscita dei passeggeri Fase della stesura fune Rulli di linea dalle vetture avviene attraverso una portiera apribile automaticamente cui corrisponde, in stazione, una controporta di banchina anch essa apribile automaticamente - chiamata porta di banchina - così come avviene, ad es., per gli ascensori e in tutte le metropolitane automatiche. Nelle stazioni terminali (Pian di Massiano e Pincetto), oltre al gruppo di sincronizzazione ed alla puleggia di rinvio della fune, è prevista una piattaforma automatica di inversione che consente di immettere i veicoli provenienti dalla linea ascendente su quella discendente e viceversa. Nella Stazione terminal di monte (Pincetto), al disotto del piano di imbarco/ sbarco, sono previsti locali tecnici tra cui, fondamentale, il vano che accoglie il motore elettrico (argano motore alimentato da una rete riservata di Media Tensione) di trascinamento della fune. In tutte le altre stazioni sono presenti locali tecnici per gestire l alimentazione elettrica e l elaborazione di tutti i dati del sistema, i quali vengono inviati alla postazione di Controllo Centrale (sempre all interno del Terminal di Pincetto) da dove ovviamente vengono effettuate tutte le opera- Puleggia di rinvio a Pian di Massiano 175

8 ATTIVITÀ % Avanzamento OPERE CIVILI 87,0% OPERE ELETTROMECCANICHE 85,7% zioni di movimentazione e monitoraggio del sistema e di tutte le stazioni del Minimetrò. Avanzamento Lavori I lavori relativi alle infrastrutture civili (stazioni, pile, viadotti, gallerie naturale e artificiali, impianti civili) sono iniziati alla fine del 2002; ad oggi è stato realizzato circa l 87% dei lavori complessivi. Contemporaneamente si sta portando avanti il montaggio della componentistica trasportistica del sistema: più in particolare l impiantistica elettromeccanica, già installata per circa l 86% del complessivo, ha riguardato il montaggio delle rotaie, dei meccanismi di tutte le stazione, il completamento del magazzino automatico nella stazione di Pian di Massiano; inoltre, sono stati completati i montaggi delle apparecchiature elettriche ed elettroniche delle stazioni ed effettuate le prove di messa in servizio locale di alcune stazioni. Inoltre è stata completata la stesura, impalmatura e tesatura della fune traente. Questa fase dei lavori, che richiede una forte integrazione operativa tra l esecuzione delle opere civili e quelle trasportistiche, conferma, oltre un eccezionale impegno lavorativo, l alta professionalità di tutti i soggetti che, a vario titolo, sono coinvolti nell esecuzione dell opera. Pertanto, ad oggi, la situazione odierna fa prefigurare la fine dei lavori e la messa in esercizio del sistema entro i primi mesi del 2007, intendendo per la messa in esercizio anche il funzionamento dell impianto di risalita (ascensore inclinato e scale mobili) che collegherà il terminal del Minimetrò con il centro storico di Perugia. *Ing.Luca Patiti, Ufficio Responsabile del Procedimento Minimetrò spa 176

SISTEMI DI TRASPORTO A FUNE IN AMBITO URBANO E TURISTICO.

SISTEMI DI TRASPORTO A FUNE IN AMBITO URBANO E TURISTICO. SISTEMI DI TRASPORTO A FUNE IN AMBITO URBANO E TURISTICO. IL TRASPORTO URBANO DI PERSONE. OTTIME PROSPETTIVE FUTURE. Da tempo ormai non sono più soltanto gli sciatori a viaggiare su impianti LEITNER ropeways.

Dettagli

Per ogni carrozza è previsto il posto per 1 solo utente in carrozzina. Un segnale acustico avvisa la chiusura porte delle carrozze.

Per ogni carrozza è previsto il posto per 1 solo utente in carrozzina. Un segnale acustico avvisa la chiusura porte delle carrozze. MINIMETRÒ È stato costruito dalla Leitner Ropeways S.p.A. di Vipiteno (BZ). È una funicolare con alcune peculiarità originali ed innovative. Il mini metrò è costituito da 25 vetture, che possono ospitare

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA 8 Congresso Nazionale CIRIAF Atti (Perugia 4/5 aprile 2008) SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA Fabio Maria Ciuffini 1, Michele Goretti 2, Leonardo Naldini 3 1 Studio Ciuffini

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

TELECABINA CON VEICOLI AD 8 POSTI

TELECABINA CON VEICOLI AD 8 POSTI 1/5 CARATTERISTICHE DELL'INTERVENTO La progettazione relativa agli interventi di ammodernamento ed aggiornamento tecnico e funzionale dell'impianto a funi di tipo a vagonetti chiusi (telecabina) che collega

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

GVOJQMBO r.l.u.s. Piazza Principale, 29 I-39040 ORA (BZ) tel. 0471 802850 fax 0471 802851 e-mail info@funiplan.it

GVOJQMBO r.l.u.s. Piazza Principale, 29 I-39040 ORA (BZ) tel. 0471 802850 fax 0471 802851 e-mail info@funiplan.it GVOJQMBO S.r.l.u. Piazza Principale, 29 I-39040 ORA (BZ) tel. 0471 802850 fax 0471 802851 e-mail info@funiplan.it LA NUOVA FUNIVIA MALCESINE MONTE BALDO Il 24 luglio 2002 è stata inaugurata dal Presidente

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio

SCALE. Carlo Scarpa, particolari di una scala a Castelvecchio SCALE / nomenclatura SCALE / segni convenzionali. TIPOLOGIE DI SCALE. Problemi geometrici fra rampe successive. SCALE / RAPPRESENTAZIONE elementi di completamento. SCHEMI STRUTTURALI COMPARATIVI PER SCALE

Dettagli

Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE VALORE DI COSTRUZIONE

Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE VALORE DI COSTRUZIONE Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE A VALORE DI COSTRUZIONE 1 22/01/02 Revisione generale M.Chiavarini M.Di Giulio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Ing. Danilo Campagna, danilo.campagna@mscassociati.it Ing. Alessandro Aronica, alessandro.aronica@mscassociati.it Se in passato

Dettagli

Trasportatori a nastro

Trasportatori a nastro Trasportatori a nastro Realizzano un trasporto di tipo continuo, in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi concentrati leggeri. incastellatura di sostegno Trasporti interni 1

Dettagli

Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione

Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione DESCRIZIONE DELLA LINEA 2 Dall'attuale capolinea presso l'aeroporto, la linea sottopassa la direttrice ferroviaria Firenze - Pisa e si innesta su via

Dettagli

Nella Zona Industriale di Padova. nuovo Centro. Servizi. Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova

Nella Zona Industriale di Padova. nuovo Centro. Servizi. Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova Nella Zona Industriale di Padova nuovo Centro Servizi L edificio sorgerà nella zona industriale di Padova, a un centinaio di metri dal casello autostradale Padova Zona Industriale della A13, Pd-Bo. Il

Dettagli

05 i nostri clienti. bambini. bagagli. biciclette oggetti smarriti

05 i nostri clienti. bambini. bagagli. biciclette oggetti smarriti P. ASPETTI GENERALI presentazione della carta dei servizi P.4 P.8 2 RIFERIMENTI NORMATIVI FONTI NORMATIVE P.2 3 PRINCIPI ISPIRATORI DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DI MINIMETRÒ eguaglianza & imparzialità continuità

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale... PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...5 DESCRIZIONE INTERVENTO...6 Generalità...6 Motivazioni delle scelte

Dettagli

Nuova torre per uffici della Regione Emilia-Romagna

Nuova torre per uffici della Regione Emilia-Romagna Un sistema di controllo e supervisione integrato gestisce in modo automatico le funzionalità programmate degli impianti di climatizzazione e si pone come interfaccia con l operatore a cui fornisce in modo

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Nonostante nel Comune di Assemini siano presenti tre fermate della linea metropolitana, la zona più densamente popolata è anche quella meno servita dal collegamento

Dettagli

Impianti fissi per il trasporto urbano

Impianti fissi per il trasporto urbano Impianti fissi per il trasporto urbano Vantaggi: - pendenza superabile Tipologia 1 Svantaggi: Obiettivo: svincolarsi dal traffico stradale - velocità, regolarità competitività con l auto - capacità (veicoli

Dettagli

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Tecnica e pianificazione urbanistica AA 2012-13 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Bibliografia di riferimento: Isfort, Un futuro in costruzione, 8

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale

Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale I lavori di adeguamento della stazione metro di Termini sono stati eseguiti senza mai interrompere l esercizio delle metropolitane. Questa circostanza è sufficiente

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

Facoltà di Diritto Università di Alcalá, Madrid

Facoltà di Diritto Università di Alcalá, Madrid Progetti Eleonora Trivellin angel fernandez alba Facoltà di Diritto Università di Alcalá, Madrid Pianta delle coperture. Fotografie Reto Halme L intervento dell architetto Angel Fernandez Alba, fin dalla

Dettagli

LINEA M4 DELLA METROPOLITANA DI MILANO

LINEA M4 DELLA METROPOLITANA DI MILANO LINEA M4 DELLA METROPOLITANA DI MILANO 2011 L insieme delle soluzioni architettoniche e di finitura per la linea metropolitana 4 di Milano si basa sui concetti di psicologia ambientale applicati ai contesti

Dettagli

I]nhhZc@gjee :azkvidg >iva^v. Latitude. L ultima generazione di ascensori gearless senza locale macchina

I]nhhZc@gjee :azkvidg >iva^v. Latitude. L ultima generazione di ascensori gearless senza locale macchina I]nhhZc@gjee :azkvidg >iva^v Latitude. L ultima generazione di ascensori gearless senza locale macchina Sviluppare prodotti di alta qualità è nella filosofia ThyssenKrupp. Il Latitude ne è un esempio.

Dettagli

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione " Loc. Ciapanella

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione  Loc. Ciapanella AOL TS / ADO TOS-SUD Titolo elaborato: ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI nome lottizzazione: Lottizzazione " Loc. Ciapanella CODICE DOCUMENTO NOME FILE PNL011332

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto SALERNO PORTA OVEST LA GALLERIA PER IL PORTO conferenza stampa del 27 Aprile 2011 Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Dettagli

NUOVI TERMINAL PER MIAMI

NUOVI TERMINAL PER MIAMI NUOVI TERMINAL PER MIAMI La continua crescita del mercato dei viaggi su navi da crociera impone da alcuni anni alla sua capitale indiscussa, il porto di Miami, un continuo adeguamento delle sue strutture,

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA Relazione tecnica ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE PREMESSA Il Comune di Sotto

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE AEROPORTI & FRANCOFORTE NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE Con la recente inaugurazione del nuovo terminal 2 il maggiore scalo tedesco guarda al futuro del trasporto aereo, affidandosi a un complesso

Dettagli

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il Sistema VAL (Veicolo Automatico Leggero) per 29 treni che viaggiano sotto corso Francia, corso Vittorio Emanuele e via

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

Costruzione a curvatura complessa e discretizzazione dei componenti

Costruzione a curvatura complessa e discretizzazione dei componenti TECNICHE ESECUTIVE Robin Partington Elaborazione euristica: studio delle centinature di telaio e delle superfici di avvolgimento in accordo alle sollecitazioni climatiche Disegno di localizzazione generale

Dettagli

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012

Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 Torino, il VAL e le sue evoluzioni Conferenza CIFI - EXPO Ferroviaria 2012 apr-12 1 Torino - Metropolitana automatica - Linea 1 XX Giochi olimpici invernali 11 stazioni 6,4 km Estensione Porta Nuova 15

Dettagli

Comune di Perugia. Al Presidente del Consiglio Comunale. Sede ORDINE DEL GIORNO

Comune di Perugia. Al Presidente del Consiglio Comunale. Sede ORDINE DEL GIORNO ORDINE DEL GIORNO Al Presidente del Consiglio Comunale Oggetto: Progetto Mobilità-parcheggi di scambio-un nuovo modo di vivere Perugia. PREMESSO - La necessità imprescindibile di una riorganizzazione complessiva

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PERCORSO MECCANIZZATO PER IL COLLEGAMENTO FRA ENNA BASSA ED ENNA ALTA VARIANTE PROGETTO PRELIMINARE 1. PREMESSA 2 2 DESCRIZIONE TECNICA DELL IMPIANTO DI RISALITA 3 2.1 Generalità 3 2.2 Normativa di Riferimento

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

Nuovo Municipio di Camparada (Mi)

Nuovo Municipio di Camparada (Mi) Progetti Roberto Gamba La Brianza, da Monza, si prolunga verso le Prealpi del Comasco e del Lecchese. Il suo nome pare derivi dalle parole celtiche brig e anth, monte e passaggio. Oggi la regione è ricca

Dettagli

Abitare il Calcestruzzo

Abitare il Calcestruzzo AbitareilCalcestruzzo PietroMencagli,Architetto,DottorediricercainTecnologiadell Architettura Troppo spesso, e per troppo tempo, il calcestruzzo è sempre stato visto come materiale strutturale,utilizzatoesclusivamenteperlarealizzazionedipilastri,traviearchi,rinunciando

Dettagli

EXPO Ferroviaria Metropolitana automatica di Torino Esperienze di esercizio e gestione

EXPO Ferroviaria Metropolitana automatica di Torino Esperienze di esercizio e gestione EXPO Ferroviaria Metropolitana automatica di Torino Esperienze di esercizio e gestione Gian Piero FANTINI Torino 27-29 marzo 2012 Abstract GTT Spa Torino Metro Torino - Linea 1, la prima metropolitana

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO STRUTTURA DI ISOLAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI L idea che si propone come base dell invenzione è la realizzazione di una piattaforma isolata sotto al piano delle fondazioni di un singolo edificio

Dettagli

dislivelli Per superare

dislivelli Per superare Per superare dislivelli Soluzioni ad hoc per ogni necessità con costi, vincoli installativi e di portata diversi. Ideali per l eliminazione delle barriere architettoniche Antonella Pirovano Le diverse

Dettagli

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO CAPITOLATO D APPALTO E DESCRIZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI I render grafici hanno scopo puramente indicativo

Dettagli

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione

E.P. Elevatori Premontati srl. Stepper. montascale con pedana. Tecnologie in Elevazione E.P. Elevatori Premontati srl montascale con pedana Tecnologie in Elevazione Il montascale o servoscala è una macchina per il trasporto di persone lungo scale o percorsi inclinati, rivolto ad anziani o

Dettagli

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14

Milano, Giugno 2014. Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Milano, Giugno 2014 Proposta Immobiliare Turate Via Salvo D Acquisto, 8/14 Celtic Italy Srl - all right reserved Milano,Giugno 2014 Introduzione Complesso produttivo multipiano, fronte autostrada, realizzato

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine)

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine) Chiusure verticali (Chiusure con intercapedine) generalità tamponamenti perimetrali infissi esterni attrezzature di completamento Sistemi in grado di regolare il rapporto tra le situazioni ambientali,

Dettagli

POTENZIAMENTO LINEA FERROVIENORD NOVARA - SEREGNO COLLEGAMENTO DIRETTO TORINO - MALPENSA RELAZIONE GENERALE

POTENZIAMENTO LINEA FERROVIENORD NOVARA - SEREGNO COLLEGAMENTO DIRETTO TORINO - MALPENSA RELAZIONE GENERALE CODICE COMMESSA N 2 LIVELLO PROGETTAZIONE D D.P.R. 554/99 a PROGRESSIVO ELABORATO 4 CATEGORIA OPERA I T NUMERO OPERA REVISIONE R SCALA //// POTENZIAMENTO LINEA FERROVIENORD NOVARA SEREGNO COLLEGAMENTO

Dettagli

Parte Terza Casi studio

Parte Terza Casi studio Parte Terza Casi studio In questo capitolo conclusivo vogliamo analizzare nel dettaglio due diverse tipologie di spazi retail. Abbiamo scelto un negozio monomarca e un department store proprio perché,

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente . ing. Marina Ivano Corso Garibaldi, 42/C 87050 Piane Crati Tel. 0984 422789 Studio Professionale COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente PROGRAMMA STRAORDINARIO STRALCIO DI INTERVENTI

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati.

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Fascicolo dell opera Pagina 1 di 7 CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Scheda I Descrizione sintetica dell'opera ed individuazione dei soggetti

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE 1 ESIGENZE DA SODDISFARE L opera deve essere progettata ed eseguita in modo che la manutenzione, la verifica o la riparazione dell opera e delle sue pertinenze, comprese le

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE

ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE Gli elementi di comunicazione verticale hanno il compito di consentire a persone e cose di superare un dislivello, internamente o

Dettagli

Sistema autosollevante e tavoli di grandi dimensioni per minimizzare i tempi di impiego della gru.

Sistema autosollevante e tavoli di grandi dimensioni per minimizzare i tempi di impiego della gru. Sistema autosollevante e tavoli di grandi dimensioni per minimizzare i tempi di impiego della gru. Basiano, 21 maggio 2008 La città-stato di Singapore, centro finanziario e uno dei più grandi e moderni

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014 Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello Milano / 12 dicembre 2014 INDICE 3 / TRE 4 / QUATTRO 6 / SEI 9 / NOVE 10 / DIECI 12 / DODICI 13 / TREDICI 14 / QUATTORDICI Storia

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progetto per la riqualificazione di Piazza dei Martiri e Piazza Vittorio Emanuele II si sviluppa intorno all idea centrale di realizzare un grande spazio urbano con continuità

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE (CONTRACTORS ALL RISKS) E POSTUMA DECENNALE DI OPERE CIVILI PARTE I - GENERALITA

QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE TUTTI I RISCHI DELLA COSTRUZIONE (CONTRACTORS ALL RISKS) E POSTUMA DECENNALE DI OPERE CIVILI PARTE I - GENERALITA Helvetia Compagnia Svizzerad Assicurazioni SA Rappresentanza Generale e Direzione per l Italia 20139 Milano, Via G.B. Cassinis, 21 Metro 3 - Staz. Porto di Mare Tel. 5351.1 (20 linee), Telefax 5520360

Dettagli

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO AUTONOME PROVINZ BOZEN GEMEINDE BOZEN SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Bolzano - 25.07.2005 - Bozen COMMITTENTE:

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica Università degli studi di Parma Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica 0. NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 Testo Unico

Dettagli

Casa per il pittore Fernando Brito a Santarém (Portogallo)

Casa per il pittore Fernando Brito a Santarém (Portogallo) Progetti Carmen Murua La casa-studio, progettata da João Álvaro Rocha di cui Costruire in Laterizio ha pubblicato alcune opere nel numero 108, dedicato all architettura portoghese per il pittore Fernando

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute.

SCALE E PARAPETTI. I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. SCALE E PARAPETTI I parapetti sono elementi edilizi o strutturali realizzati per proteggere da rischi di cadute. Le scale sono elementi strutturali che servono per superare un dislivello ossia collegano

Dettagli

made in italy www.t-rock.it una nuova tecnologia nelle costruzioni in cemento armato

made in italy www.t-rock.it una nuova tecnologia nelle costruzioni in cemento armato LA SEMPLICITà è LA FORMA DELLA VERA GRANDEZZA www.t-rock.it una nuova tecnologia nelle costruzioni in cemento armato una nuova tecnologia nelle costruzioni in cemento armato termicamente isolate sistema

Dettagli

esperienza co ntemporanea

esperienza co ntemporanea esperienza co ntemporanea Distinguere 150 l architettura per geometrie di volumi e spazi. a ragusa un abitazione dall identità consolidata. 151 Distinguere l architettura per geometrie di volumi e spazi.

Dettagli

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per recinzioni e per il contenimento terra, parapetti, velette,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Tecnico per l edilizia. Figura professionale:

Tecnico per l edilizia. Figura professionale: Tecnico per l edilizia Disegnatore ed aiuto progettista CAD Tecnico di gestione commessa Tecnico di conduzione cantiere e di contabilità dei lavori Progettazione, conduzione tecnica e contabile dei cantieri

Dettagli

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009 safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 La scala Safeladder è un sistema di protezione contro le cadute che integra ai montanti verticali della scala un binario e garantisce

Dettagli

Informazioni Stampa aprile 2009 L EDILIZIA SI RINNOVA

Informazioni Stampa aprile 2009 L EDILIZIA SI RINNOVA Informazioni Stampa aprile 2009 L EDILIZIA SI RINNOVA Le sfide energetiche nella ristrutturazione degli edifici per uno sviluppo più sostenibile Evento atteso da tutti gli operatori del settore edilizio,

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

rispetto ai confini, con lo scopo di consentire vaste aree arboree, che prolungano visivamente gli spazi verdi delle abitazioni confinanti.

rispetto ai confini, con lo scopo di consentire vaste aree arboree, che prolungano visivamente gli spazi verdi delle abitazioni confinanti. 1 L allure francese è talmente evidente da rendere incerta fra Parigi e Milano la contestualizzazione dell edificio. Eppure il Liceo Stendhal, progettato dall architetto francese François Guy dell Atelier

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) TEL. +39 019 826985 FAX +39 SAVONA

Dettagli

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.342 Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza del DATEC concernente i requisiti tecnici per una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (ORTDis) del 22 maggio 2006 (Stato 20 giugno 2006) Il Dipartimento federale dell

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

OPI163. Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO

OPI163. Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO OPI163 Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO Realizzato in COLLABORAZIONE con Il SISTEMA costruttivo La cura per il dettaglio Timberkube è l innovativo sistema costruttivo modulare realizzato interamente

Dettagli

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO NUOVA FERMATA DI BRUZZANO/BRUSUGLIO 1. spostamento della fermata di circa 500 m verso nord; 2. realizzazione di due banchine di 250 m, alte 55 cm sul p.f.,

Dettagli

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine

Il complesso edilizio NEGOZI. Il nuovo segno sul territorio della città di Udine Il complesso edilizio MERIDIANA si compone di 6 piani per un totale di 50 mila metri cubi con tre differenti destinazioni d uso: Spazi commerciali sono disponibili al piano terra e 1 piano Uffici e ambienti

Dettagli