REGOLAMENTO ADR SEMPLIFICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO ADR SEMPLIFICA"

Transcript

1 Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione REGOLAMENTO ADR SEMPLIFICA Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni Il presente regolamento si ispira ai principi di informalità, rapidità e riservatezza e si applica a tutte le mediazioni amministrate sul territorio italiano. Le parti, d intesa con ADR Semplifica, possono concordare di apportare modifiche al regolamento, fatta eccezione per quanto non è derogabile ai sensi di legge. Ai fini della procedura e delle tariffe applicabili, le mediazioni si considerano obbligatorie se la controversia ha per oggetto una delle materie di cui all art. 5, comma 1-bis, D.lgs 28/2010. In tutti gli altri casi si considerano volontarie. Articolo 2 Procedura di mediazione 2.1 Richiesta di avvio della procedura La richiesta di avvio è depositata in forma scritta presso la sede dell organismo, da una delle parti o congiuntamente dalle parti, utilizzando esclusivamente la modulistica per l avvio della procedura predisposta da ADR Semplifica. La richiesta di avvio può avvenire anche in forma telematica, mediante l utilizzo e l invio dell apposita modulistica presente sul sito internet E di competenza esclusiva delle parti l indicazione circa l oggetto della controversia e le ragioni della pretesa, l individuazione delle altre parti chiamate in mediazione, l indicazione dei loro recapiti nonché ogni elemento utile per la loro reperibilità, la determinazione del valore della controversia, la forma ed il contenuto di deleghe e procure, le dichiarazioni in merito al gratuito patrocinio ed alla non esistenza di altre domande relative alla stessa controversia. ADR Semplifica declina ogni responsabilità in ordine ad eventuali conseguenze derivanti dall inesattezza o incompletezza dei dati richiesti ed indicati come obbligatori nell istanza di mediazione, con particolare riferimento a quelli relativi al recapito o domicilio postale delle parti convenute ai fini dell invio delle convocazioni per la partecipazione delle stesse al procedimento di mediazione. La richiesta di avvio della procedura compilata in modo incompleto o errato è considerata dall organismo come non pervenuta.

2 La richiesta di avvio si considera incompleta se non è contestualmente accompagnata dal pagamento delle spese di avvio del procedimento di mediazione. Durante i periodi di chiusura per ferie di ADR Semplifica, indicati sul sito internet i termini di comunicazione dell istanza di mediazione si intendono sospesi. 2.2 Avvio della mediazione La mediazione si avvia dopo l accettazione dell incarico da parte del mediatore designato, che avviene contestualmente alla sottoscrizione da parte del medesimo della dichiarazione di imparzialità e di indipendenza. 2.3 Comunicazioni Le comunicazioni tra l organismo e le parti avvengono con ogni mezzo idoneo ad assicurarne la ricezione. Possono anche essere utilizzate, anche se non in via esclusiva, le procedure telematiche indicate nel sito internet L uso della forma telematica potrà avvenire per una parte della procedura del servizio di mediazione. La piattaforma telematica utilizzata è predisposta al fine di garantire la sicurezza e la riservatezza delle comunicazioni. 2.4 Adesione alla mediazione L adesione formale alla mediazione avviene mediante compilazione, sottoscrizione ed invio all Organismo ( mediante mezzi che ne accertino l avvenuta ricezione) dell apposito modulo con il quale la parte si obbliga a presenziare al primo incontro di mediazione ed a corrispondere le dovute spese. Il modulo di adesione deve essere inviato all Organismo almeno tre giorni lavorativi antecedenti la data fissata per il primo incontro di mediazione (per il calcolo non si computa il giorno dell incontro) accompagnata dal versamento contestuale delle spese di avvio a favore dell Organismo. Qualora tutte le parti convocate non facciano pervenire all Organismo il modulo di adesione entro il termine sopra indicato oppure comunichino per iscritto (con mezzi che assicurino l avvenuta ricezione della comunicazione) all Organismo o al mediatore o alla parte istante la volontà di non partecipare al procedimento di mediazione, l invito alla mediazione si considera rifiutato ed il mediatore potrà procedere alla redazione del verbale di mancata adesione alla mediazione in data e/o luogo che possono essere modificati, di comune accordo con la parte istante, rispetto a quelli indicati nella convocazione formale inviata dall Organismo alle parti. 2.5 Luogo di svolgimento della mediazione La mediazione si svolge nelle sedi di ADR Semplifica o di altro organismo nei casi di cui all art. 9 del presente regolamento. Con il consenso di tutte le parti, del mediatore e del responsabile dell organismo può essere fissato lo svolgimento della mediazione in altro luogo ritenuto più idoneo. ADR Semplifica Pagina 2

3 Alcune fasi della mediazione possono svolgersi in videoconferenza oppure in conferenza telefonica, su indicazione del mediatore, sentite le parti. 2.6 Presenza delle parti e rappresentanza Ciascuna parte partecipa alla procedura di mediazione di persona, potendo anche farsi rappresentare e assistere da un avvocato o da altra persona di fiducia. Alle persone giuridiche è richiesto di partecipare alla mediazione tramite un rappresentante munito dei formali poteri per transigere, conciliare la controversia e quietanzare. In ogni caso, chi rappresenta la parte deve essere fornito dei necessari poteri di rappresentanza e deve esibire al mediatore, al primo incontro tra le parti, la documentazione che certifichi la legittimazione ad agire in nome e per conto del rappresentato (sempre che la suddetta documentazione non sia già stata depositata presso la sede dell organismo). 2.7 Richiesta di rinvio Ciascuna delle parti può chiedere un rinvio del primo incontro di mediazione o degli incontri successivi al primo solo in caso di valido e giustificato motivo debitamente certificato. E considerato valida e giustificata la richiesta di rinvio determinata dall esigenza di chiamare in mediazione un terzo al quale si ritiene comune la causa o dal quale si pretende essere garantiti. La parte convocata in mediazione, inoltre, può chiedere un rinvio del primo incontro tra le parti solo dopo aver aderito formalmente alla procedura di mediazione nelle modalità previste dall art. 2.4 del presente regolamento. Diversamente, l Organismo ha la facoltà di non concedere alcun rinvio del primo incontro di mediazione. La richiesta di rinvio deve essere avanzata con mezzi che assicurano l avvenuta ricezione della richiesta stessa, ed il richiedente deve sempre corrispondere, anche in caso di giustificato motivo, la somma indicata nella Tabella di cui all art. 8.4 del presente regolamento per la gestione amministrativa della richiesta di rinvio, oltre maggiori ed eventuali spese vive sostenute per l invio delle successive e necessarie comunicazioni alle altre parti coinvolte in mediazione. 2.8 Mancata partecipazione alla mediazione per causa diversa dalla volontà di non parteciparvi Qualora una delle parti non si presenti al primo incontro di mediazione o ad uno dei successivi incontri per causa diversa dalla volontà di non parteciparvi, ( come può essere la mera dimenticanza del giorno, dell ora e del luogo ad essa precedentemente comunicati da parte dell Organismo con mezzi che accertino l avvenuta ricezione della comunicazione, o da parte del mediatore durante la lettura del verbale di rinvio al termine del precedente incontro di mediazione), è tenuta a corrispondere all Organismo una penale forfetaria di euro 100,00 (oltre iva) oltre alle spese vive sostenute dall Organismo, qualora sia necessario procedere ad una successiva fissazione dell incontro di mediazione in accordo con la/le controparte/i. ADR Semplifica Pagina 3

4 Tale somma non sarà dovuta qualora la parte presente pretenda la redazione definitiva di un verbale di mancata conciliazione per l assenza di controparte. In tal caso, il mediatore è tenuto ad ottemperare alla richiesta della parte presente. 2.9 Svolgimento della mediazione Nei soli procedimenti di mediazione obbligatoria il mediatore chiarisce alle parti, durante il primo incontro, la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione. Il mediatore, sempre nello stesso primo incontro, invita le parti ed i rispettivi avvocati ad esprimersi sulla possibilità di iniziare la procedura di mediazione e, nel caso positivo, procede con lo svolgimento. A tal fine, per meglio comprendere se sussistono gli estremi per iniziare la procedura, il mediatore potrà stimolare un confronto tra le parti in sessione congiunta e potrà procedere ad alcune sessioni separate. Nei procedimenti di mediazione volontaria, invece, il mediatore darà inizio alla mediazione sin dal primo incontro tra le parti senza dover verificare se sussistono gli estremi per iniziare il tentativo di conciliazione. Il mediatore, nei casi di cui all art. 5, comma 1 del D.lgs 28/2010, svolge l incontro con la parte istante anche in mancanza di adesione della parte chiamata in mediazione e la segreteria dell Organismo può rilasciare attestato di conclusione del procedimento solo all esito del verbale di mancata partecipazione della medesima parte chiamata e mancato accordo, formato dal mediatore ai sensi dell art. 11, comma 4, del D. lgs. 28/2010. La mediazione si conclude con la formazione da parte del mediatore di processo verbale, che è depositato in originale presso la sede dell organismo, da parte del mediatore stesso, unitamente alla scheda di valutazione del servizio che deve essere compilata e sottoscritta da ciascuna parte. Al mediatore è fatto divieto di rilasciare copia del verbale a chiunque gliene faccia richiesta. L organismo provvede a rilasciare copia conforme del verbale, previa richiesta scritta e nel rispetto di quanto previsto dall art del presente regolamento Rilascio del Verbale Del verbale è rilasciata copia alle parti che lo richiedano, ma solo successivamente al saldo di tutte le spese di mediazione eventualmente non ancora corrisposte da tutte le parti aderenti al procedimento di mediazione. Pertanto, qualora la parte che abbia saldato le proprie spese di mediazione richieda all organismo copia del verbale, di qualunque natura esso si tratti, il rilascio dello stesso potrà avvenire solo se anche le altre parti aderenti al procedimento abbiano saldato le rispettive spese di mediazione o se la parte richiedente effettui il pagamento a saldo per conto di queste ultime; ciò in conformità a quanto disposto dall art. 16, comma 9, del ADR Semplifica Pagina 4

5 D.M. 180/2010, che sancisce il principio della solidarietà di tutte le spese di mediazione in capo alle parti che abbiano aderito al procedimento di mediazione Durata della mediazione La mediazione ha una durata non superiore a 3 mesi dalla data di deposito della richiesta di avvio, ovvero dalla scadenza del termine di deposito eventualmente fissata dal giudice, salvo diverso accordo tra le parti. Articolo 3 Nomina del mediatore 3.1 Scelta e nomina del mediatore Il mediatore è individuato dal responsabile dell organismo o da suo delegato. I mediatori facenti parte dell Organismo non possono svolgere attività di mediazione su qualsivoglia controversia, ma solo su quelle rispetto alle quali risultano specializzati in base alla propria attività professionale, alla tipologia di laurea universitaria posseduta ed alle proprie conoscenze tecniche e linguistiche. Ne consegue che gli affari di mediazione sono assegnati dall Organismo al mediatore tenendo in considerazione, innanzitutto, la materia oggetto della controversia. In secondo luogo, la scelta del mediatore tra quelli specializzati nella medesima materia sarà basata su criteri di esperienza e di turnazione nell assegnazione degli incarichi. Infine, sarà tenuto in considerazione anche il profilo di rendimento di ciascun mediatore risultante dal giudizio riportato delle parti per mezzo della scheda di valutazione del servizio ( così come previsto dall art. 7 comma 5 lett.b) del D.M. 180/2010 e s.m.i. ) e dalla formazione continua e specializzata sulle materie oggetto del procedimento di mediazione. Il tutto in modo da assicurare l imparzialità, la neutralità, l indipendenza, la competenza, la professionalità, la capacità, l esperienza e l idoneità del mediatore al corretto e sollecito espletamento dell incarico. Le parti possono scegliere di comune accordo il mediatore, che sarà nominato dall organismo se disponibile ovvero se la scelta è in linea con il criterio inderogabile stabilito dall Organismo per l assegnazione degli affari di mediazione ovvero se il mediatore indicato esercita la propria attività professionale nel luogo di svolgimento della mediazione indicato nella richiesta di avvio. Nel caso di controversie di particolare complessità o che richiedano specifiche competenze tecniche, l organismo può nominare, rimanendo fisse le indennità di mediazione, uno o più mediatori ausiliari. ADR Semplifica Pagina 5

6 In casi particolari l organismo può nominare un consulente tecnico, a condizione che tutte le parti siano d accordo e si impegnino a sostenerne gli eventuali oneri in eguale misura o nella misura che riterranno di comune accordo. Il compenso del consulente tecnico sarà calcolato sulla base del Tariffario per i consulenti tecnici e periti presso i tribunali. Nei casi di cui all art. 9 l organismo può designare un mediatore iscritto nell elenco di altro organismo, fermi restando i criteri di scelta di cui al presente articolo. 3.2 Dichiarazione di imparzialità, neutralità ed indipendenza del mediatore Il mediatore accetta l incarico per iscritto, sottoscrivendo dichiarazione di imparzialità, neutralità ed indipendenza e assumendosi l obbligo di comunicare a ADR Semplifica l esistenza di eventuali cause di incompatibilità allo svolgimento dell incarico. Per dichiarazione di imparzialità si intende la dichiarazione con la quale il mediatore si impegna ad agire in modo imparziale nei confronti delle parti senza favorire una di esse a discapito dell altra o delle altre. Per dichiarazione di neutralità s intende l assenza di qualsivoglia interesse diretto sull esito del procedimento per tutta la durata del medesimo. Per dichiarazione di indipendenza si intende la dichiarazione con la quale il mediatore attesta l assenza di qualsiasi legame oggettivo con alcuna delle parti per tutta la durata del procedimento. All accettazione dell incarico il mediatore dichiara inoltre di attenersi ai doveri di correttezza e buona fede, nonché di attenersi al codice di condotta per mediatori adottato da ADR Semplifica. Il mediatore non può svolgere la funzione di arbitro in un procedimento arbitrale connesso con la lite che costituisce l oggetto della mediazione. E fatto divieto al mediatore di percepire compensi direttamente dalle parti. Il mediatore ha il dovere di rifiutare la designazione e di interrompere l espletamento delle proprie funzioni, qualora emergano elementi che gli impediscano di mantenere un atteggiamento imparziale e/o indipendente e/o neutrale. 3.3 Cause di incompatibilità Costituiscono sempre causa di incompatibilità per il mediatore: ADR Semplifica Pagina 6

7 qualsiasi legame oggettivo ovvero relazione di tipo personale ovvero incarico professionale in corso con una o più parti; qualsiasi interesse di tipo economico o di altro genere, diretto o indiretto, in relazione all esito della mediazione. Ciascuna parte può richiedere al responsabile dell organismo in base a giustificati motivi, la sostituzione del mediatore. Quando la mediazione è svolta dal responsabile dell organismo, alla eventuale sostituzione provvede il socio di maggioranza di ADR Semplifica s.r.l. che non sia il responsabile dell organismo. 3.4 Proposta del mediatore Il mediatore non ha il potere di imporre una soluzione. Egli può formulare una proposta conciliativa solo ed esclusivamente nel caso in cui tutte le parti, istanti e convocate, siano presenti in mediazione e gliene facciano concorde richiesta. Una volta formulata la proposta la comunica per iscritto a tutte le parti, con mezzi che assicurino l avvenuta ricezione della stessa. Le parti devono far pervenire al mediatore, per iscritto ed entro sette giorni dal ricevimento della proposta, l accettazione o il rifiuto della stessa. In mancanza di risposta nel termine, la proposta si ha per rifiutata. In accordo con le parti, ADR Semplifica può nominare un mediatore diverso da colui che ha condotto la mediazione al fine di formulare la proposta conciliativa, anche sulla base delle sole informazioni che le parti intendono offrire al mediatore proponente. Articolo 4 Tirocinio assistito ADR Semplifica consentirà gratuitamente ai mediatori che abbiano i necessari requisiti previsti dalla legge e gliene facciano richiesta, di effettuare il tirocinio assistito rispetto ai procedimenti di mediazione in corso di svolgimento così come previsto dall art. 8, comma 4 del D.M. 180/2010 modificato ed integrato dal D.M. 145/2011. A tal fine, il mediatore avrà l onere di richiedere ufficialmente, tramite apposito modello predisposto dalla Segreteria dell Organismo, la possibilità di prendere parte in qualità di tirocinante ad un qualsivoglia procedimento di mediazione. Nel consentire la partecipazione al tirocinio assistito sarà data priorità ai mediatori formati ed iscritti presso ADR Semplifica. ADR Semplifica Pagina 7

8 Il mediatore tirocinante ha l obbligo di assistere all intera procedura di mediazione alla quale verrà assegnato ed è tenuto al rispetto di tutti gli obblighi e doveri imposti al mediatore della controversia. Articolo 5 Gratuito patrocinio Qualora una parte si trovi nelle condizioni per l ammissione al gratuito patrocinio a spese dello Stato ai sensi dell art. 76 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia di cui al D.P.R. 115/2002, essa è tenuta a depositare presso l Organismo apposita dichiarazione sostitutiva di atto notorio (compilando l apposito modulo messo a disposizione dall Organismo stesso), la cui sottoscrizione può essere autenticata dal medesimo mediatore, nonché a produrre, a pena di inammissibilità: 1) la delibera del Consiglio dell Ordine degli Avvocati competente attestante l ammissione della parte medesima al beneficio del gratuito patrocinio, oppure in alternativa, 2) copia del CUD o della dichiarazione dei redditi del richiedente; copia del certificato attestante lo Stato di Famiglia; copia del CUD o della dichiarazione dei redditi dei componenti della famiglia del richiedente; carta d identità del richiedente; codice fiscale del richiedente e dei componenti della propria famiglia. In conformità a quanto disposto dalla Circolare del Ministero del Giustizia del 20 dicembre 2011 in materia di mediazione civile e commerciale, le agevolazioni economiche riconosciute a favore di chi si trova nelle condizioni per l ammissione al gratuito patrocinio a spese dello Stato trovano applicazione unicamente nel caso in cui la mediazione sia condizione di procedibilità della domanda, e non anche nel diverso caso in cui la mediazione sia di natura volontaria. Articolo 6 - Liti di valore indeterminato o indeterminabile Qualora il valore della controversia risulti indeterminato, indeterminabile, o vi sia una notevole divergenza tra le parti sulla stima, l Organismo decide il valore di riferimento e lo comunica alle parti. A tal fine, si considerano onorari minimi quelli previsti per le controversie di valore compreso tra i ,00 e i ,00 euro, mentre si considerano onorari massimi quelli previsti per le controversie di valore compreso tra i ,00 e i ,00 euro. In ogni caso, se all esito del procedimento di mediazione il valore risulta diverso, l importo dell indennità è dovuto secondo il corrispondente scaglione di riferimento. ADR Semplifica Pagina 8

9 Articolo 7 Accesso agli atti E garantito alle parti il diritto di accesso agli atti del procedimento depositati dalle parti nelle sessioni comuni e, a ciascuna parte, agli atti depositati nella propria sessione separata. I suddetti atti sono custoditi, per tre anni, in apposito fascicolo tenuto a cura dell organismo. Articolo 8 Indennità per il servizio di mediazione L indennità per il servizio di mediazione comprende: 1) le spese di avvio del procedimento 2) le spese di mediazione (compenso) 3) le spese vive sostenute dall Organismo In caso di più parti istanti, all Organismo è dovuta un unica indennità di mediazione qualora le stesse rappresentino un unico centro di interesse. Diversamente, e cioè nel caso in cui ciascuna di esse rappresenti un autonomo centro di interesse, ognuna è tenuta a corrispondere la propria indennità, commisurata al valore della lite. 8.1 Spese di avvio del procedimento Le spese di avvio del procedimento sono sempre dovute, sia per le mediazioni obbligatorie sia per quelle volontarie. Le spese di avvio del procedimento sono in misura fissa, pari ad euro 40,00 ( oltre I.V.A. ) per ciascuna parte, e devono essere versate: - relativamente alla parte istante, al momento del deposito della domanda di mediazione; - relativamente alla parte convocata, al momento della sua adesione al procedimento. 8.2 Spese di mediazione (compenso) Le spese di mediazione comprendono l onorario del mediatore e sono commisurate al valore della lite, indicato nella domanda di mediazione a norma del codice di procedura civile. ADR Semplifica Pagina 9

10 Mediazioni obbligatorie Nei procedimenti di mediazione obbligatoria, le spese di mediazione sono dovute nel caso in cui le parti, durante il primo incontro tra le stesse, ritengano sussistere gli estremi per iniziare il tentativo di conciliazione. Le spese di mediazione non sono dovute sia in caso di mancata adesione al procedimento di tutte le parti convocate, sia nel caso in cui le parti, durante il primo incontro tra le stesse, non ritengano sussistere gli estremi per iniziare il tentativo di conciliazione. Sono in ogni caso dovute sia le spese di avvio sia le spese vive (vedasi Circolare ministeriale ). Nei procedimenti di mediazione obbligatoria, le spese di mediazione devono essere corrisposte da ciascuna parte, per intero, al termine del primo incontro di mediazione, cioè al termine dell incontro in cui il mediatore, le parti ed i rispettivi avvocati hanno ritenuto che sussistessero gli estremi per iniziare la procedura di mediazione. Le eventuali spese di maggiorazione (art. 8.3) devono essere saldate prima della redazione del verbale finale, insieme alle spese vive (art. 8.4). Mediazioni volontarie Nei procedimenti di mediazione volontaria le spese di mediazione sono sempre dovute, ed il mediatore darà inizio alla mediazione sin dal primo incontro tra le parti senza dover verificare se sussistono gli estremi per iniziare il tentativo di conciliazione. In caso di mancata adesione al procedimento di tutte le parti convocate, le spese di mediazione si riducono ad euro 50,00 (oltre iva). Sono in ogni caso dovute sia le spese di avvio sia le spese vive (vedasi Circolare ministeriale ). Nei procedimenti di mediazione volontaria, le spese di mediazione devono essere corrisposte da ciascuna parte, per intero, al termine del primo incontro di mediazione. Le eventuali spese di maggiorazione (art. 8.3) devono essere saldate prima della redazione del verbale finale, insieme alle spese vive (art. 8.4). ADR Semplifica Pagina 10

11 Mediazioni demandate dal giudice o per clausola contrattuale Ai fini della procedura e delle tariffe applicabili, le mediazioni demandate dal giudice si considerano tutte di natura obbligatoria. Ai fini della procedura e delle tariffe applicabili, le mediazioni da svolgere in ottemperanza ad una clausola contrattuale si considerano obbligatorie se la controversia ha per oggetto una delle materie di cui all art. 5, comma 1-bis, D.lgs 28/2010. In caso contrario si considerano volontarie. Spese di mediazione obbligatoria e volontaria Gli importi relativi alle spese di mediazione obbligatoria indicati nella tabella sottostante, sono riportati già con la decurtazione di un terzo del valore per i primi sei scaglioni e della metà per i restanti quattro, rispetto alla tabella delle indennità allegata al D.M. 180/2010, così come previsto dall art. 16, comma 4, lett. d), del D.M. 180/2010 come modificato dall art. 5, comma 1, lett. b) del D.M 145/2011. Gli importi indicati sono da intendersi oltre I.V.A. e per ciascuna parte. Valore della lite Spese di avvio Spese di mediazione (obbligatoria e volontaria) Fino a 1.000,00 40,00 43,00 Da 1.001,00 fino a 5.000,00 40,00 86,00 Da 5.001,00 fino a ,00 40,00 160,00 Da ,00 fino a ,00 40,00 240,00 Da ,00 fino a ,00 40,00 400,00 Da ,00 fino a ,00 40,00 666,00 Da ,00 fino a ,00 40, ,00 Da ,00 fino a ,00 40, ,00 Da ,00 fino a ,00 40, ,00 Oltre ,00 40, ,00 ADR Semplifica Pagina 11

12 8.3 Maggiorazioni e riduzioni delle spese di mediazione Le maggiorazioni sulle spese di mediazione obbligatoria e volontaria si applicano: in caso di successo della mediazione, nella misura di un quarto in più delle spese di mediazione; nei casi in cui, essendo indeterminato o indeterminabile il valore della lite o via sia una notevole divergenza tra le parti sulla stima, all esito del procedimento di mediazione il valore stesso risulti maggiore rispetto a quello predeterminato dal responsabile dell Organismo ai sensi dell art. 16, comma 8 del D.M. 180/2010 e successive modifiche e integrazioni. In tal caso, l importo delle spese di mediazione è dovuto secondo il corrispondente scaglione di riferimento ; in caso di particolare importanza, complessità o difficoltà dell affare nella misura di un quinto in più delle spese di mediazione (applicabile nei soli casi di mediazione volontaria); Le riduzioni sulle spese di mediazione obbligatoria e volontaria si applicano: nelle materie di cui all art. 5, comma 1-bis del D.lgs. 28/2010, nella misura di un terzo del valore per i primi sei scaglioni e della metà per i restanti quattro, rispetto alla tabella delle indennità allegata al D.M. 180/2010 ( gli importi relativi alle spese di mediazione obbligatoria indicati nella tabella di cui all art. 7.2 sono riportati già con la decurtazione suddetta ); quando nessuna delle controparti di quella che ha introdotto la mediazione partecipa al procedimento o nel caso in cui le parti, durante il primo incontro tra le stesse, non ritengano sussistere gli estremi per iniziare il tentativo di conciliazione, nella misura dell intero ammontare delle spese di mediazione (applicabile nei soli casi di mediazione obbligatoria); nei casi in cui, essendo indeterminato o indeterminabile il valore della lite o via sia una notevole divergenza tra le parti sulla stima, all esito del procedimento di mediazione il valore stesso risulti minore rispetto a quello predeterminato dal responsabile dell Organismo ai sensi dell art. 16, comma 8 del D.M. 180/2010 e successive modifiche e integrazioni. In tal caso, l importo delle spese di mediazione è dovuto secondo il corrispondente scaglione di riferimento ; 8.4 Spese vive ( Circolare del Ministero della Giustizia del ) Le spese vive sostenute dall Organismo sono sempre dovute, sia per le mediazioni obbligatorie sia per quelle volontarie. Le spese vive devono essere saldate prima della redazione del verbale finale. Le seguenti spese vive saranno addebitate in capo alla parte (o alle parti) a cui sia riconducibile lo specifico adempimento, o per richiesta della parte stessa (ad es. richiesta di rinvio dell incontro di mediazione) o per necessità dell Organismo (ad es. sollecito di pagamento). Gli importi indicati sono da intendersi oltre I.V.A.. ADR Semplifica Pagina 12

13 Adempimento richiesto Euro Rilascio Copia del Verbale (semplice o conforme) 35,00 Gestione della richiesta di Rinvio dell incontro di Mediazione 50,00 Convocazione tramite Ufficiale Giudiziario 10,00 Invio Raccomandata 10,00 Invio Fax 5,00 Invio Pec 5,00 Invio Posta prioritaria 10,00 Richiesta copia di documenti 0,20 / copia Gestione della richiesta di nomina Consulente Tecnico 50,00 Richiesta di Omologa Verbale presso il Tribunale competente 150,00 Penale ex art del Regolamento ADR Semplifica 100,00 Articolo 9 - Accordi tra organismi ADR Semplifica può avvalersi delle strutture, del personale e dei mediatori di altri organismi con i quali abbia raggiunto a tal fine un accordo di reciproca collaborazione, anche per singoli affari di mediazione. Articolo 10 Regole finali e rinvio In caso di sospensione o cancellazione di ADR Semplifica dal registro degli organismi di mediazione ai sensi dell art. 10 del D.M. n. 180 del 18/10/2010 i procedimenti di mediazione in corso proseguiranno presso l organismo di mediazione scelto concordemente dalle parti entro 15 giorni dalla data di sospensione o cancellazione. ADR Semplifica Pagina 13

14 In caso di mancato accordo tra le parti l Organismo è scelto dal Presidente del Tribunale del luogo in cui la procedura è in corso. Per tutto quanto non disposto dal presente regolamento si applica la normativa di riferimento tempo per tempo vigente. ADR Semplifica Pagina 14

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Articolo 1 Premessa L applicazione del presente regolamento decorre dalle procedure di mediazioni avviate a partire dal 20 Settembre 2013. Il regolamento

Dettagli

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO SPECIALE DI MEDIAZIONE CITTADINI & SALUTE ISTITUITO PRESSO L ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI ED ODONTOIATRI DI RAGUSA Ai sensi del Decreto Legislativo n. 28/2010

Dettagli

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1.Il presente regolamento si applica alla procedura

Dettagli

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l.

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. PREMESSE ADR Notariato Srl è un organismo di mediazione iscritto al registro tenuto ai sensi del Decreto del Ministero della Giustizia n. 180

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1. Il presente regolamento di applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi delle controversie civili e commerciali che le parti intendono risolvere bonariamente.

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Ai sensi della disciplina del D.Lgs. 4 marzo 200 n. 28 e successive modificazioni, e al D.I. 18 ottobre 2010 n.180 e successive modificazioni. Siracusa Via Francofonte, 2 Tel.

Dettagli

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l.

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento si applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi (Mediazione ai sensi del DI 180/2010). 2. Il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Iscritto al n. 817 del Registro degli Organismi di Mediazione presso il Ministero della Giustizia Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Aspiin il 10 marzo 2015 Pagina

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE. Art. 1. Oggetto ed ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE. Art. 1. Oggetto ed ambito di applicazione REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione di una controversia. Possono costituire oggetto

Dettagli

Regolamento di Mediazione

Regolamento di Mediazione Regolamento di Mediazione www.amar-conciliazione.it Iscritta al n. 98 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione istituito presso il Ministero della Giustizia Indice art.

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Regolamento in vigore dal 2/5/2013 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA. Regolamento della procedura di mediazione

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA. Regolamento della procedura di mediazione ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA Regolamento della procedura di mediazione 1 Oggetto e principi generali. Il presente regolamento (in seguito denominato Regolamento ) disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE. MEDIAZIONE E FORMAZIONE (Autorizzazione Ministero della Giustizia n. 155 O.d.M. e n. 404 E.d.F.)

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE. MEDIAZIONE E FORMAZIONE (Autorizzazione Ministero della Giustizia n. 155 O.d.M. e n. 404 E.d.F.) REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE MEDIAZIONE E FORMAZIONE (Autorizzazione Ministero della Giustizia n. 155 O.d.M. e n. 404 E.d.F.) Normative di riferimento: - Decreto del Ministero della Giustizia et Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale, iscritto

Dettagli

Articolo 1 Campo di applicazione del Regolamento

Articolo 1 Campo di applicazione del Regolamento REGOLAMENTO DI PROCEDURA dell organismo di mediazione MediaTorino s.r.l., istituito ai sensi del D. Legisl. 4 marzo 2010, n. 28 e del D.M. del 18 ottobre 2010, n. 180 così come modificato dal D.L. 21.06.13

Dettagli

La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di seguito:

La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di seguito: CAMERA DI CONCILIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI GROSSETO REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE 1. AMBITO DI APPLICAZIONE. La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di

Dettagli

Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015

Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015 Regolamento in vigore dal 2 febbraio 2015 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DI STUDIO IRIS - soc.cooperativa

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DI STUDIO IRIS - soc.cooperativa REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DI STUDIO IRIS - soc.cooperativa Art.1- Ambito di applicazione Il presente REGOLAMENTO si applica alle procedure di Mediazione amministrate da STUDIO IRIS finalizzate alla conciliazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

Regolamento di mediazione

Regolamento di mediazione Regolamento di mediazione Gennaio 2015 www.adrcenter.com ADR Center è iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 1 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione. Regolamento

Dettagli

InMedio. Regolamento. Premessa

InMedio. Regolamento. Premessa InMedio Regolamento Premessa L organismo denominato Inmedio di qui a seguire indicato più brevemente organismo, svolge attività di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Art. 1 Disposizioni generali Art. 1.1 Premessa Art. 1.2 Cariche Art. 2 Avvio della procedura di mediazione 2.1 Richiesta di avvio 2.2 Avvio della mediazione 2.3

Dettagli

REGOLAMENTO MEDIAZIONE SETTEMBRE 2013 Approvato con Delibera di Giunta n.49 dell 8 ottobre 2013

REGOLAMENTO MEDIAZIONE SETTEMBRE 2013 Approvato con Delibera di Giunta n.49 dell 8 ottobre 2013 REGOLAMENTO MEDIAZIONE SETTEMBRE 2013 Approvato con Delibera di Giunta n.49 dell 8 ottobre 2013 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Iscritto al n. 23 del Registro degli Organismi deputati a gestire procedure di mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010 e s.m.i. REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Revisione IX del 15 aprile 2015 - In vigore dal

Dettagli

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. ---------------------------------------

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- ---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE NOTARILE -.-.- I - Definizione 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE ART. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento ( Regolamento ): - Organismo di mediazione, o anche Organismo, indica Alpi Concilia S.r.l., iscritta nell apposito registro

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE SCHEMA OPERATIVO

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE SCHEMA OPERATIVO ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE SCHEMA OPERATIVO La domanda deve essere depositata presso la Segreteria amministrativa dell Organismo di mediazione. ( attualmente presso la sala dell Ordine ) La parte

Dettagli

REGOLAMENTO di PROCEDURA dell ORGANISMO di MEDIAZIONE e CONCILIAZIONE FORENSE di PESARO (OMCFP)

REGOLAMENTO di PROCEDURA dell ORGANISMO di MEDIAZIONE e CONCILIAZIONE FORENSE di PESARO (OMCFP) (All. A dello Statuto) REGOLAMENTO di PROCEDURA dell ORGANISMO di MEDIAZIONE e CONCILIAZIONE FORENSE di PESARO (OMCFP) Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli artt. 2 e 5 del D. Lgs. n. 28/10 e

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE 1 Sommario 1. Attivazione della procedura... 3 2. Nomina del mediatore... 3 3. Oneri delle parti... 4 4. Obblighi del mediatore... 4 5. Indennità... 4 6. Confidenzialità... 6

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Organismo presso il Tribunale di Milano art. 18 D.Lgs 28/2010, iscritto al n. 36 del Registro degli Organismi di Mediazione istituito presso il Ministero della Giustizia 20122 MILANO - Via Freguglia, 14

Dettagli

INDENNITA DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 SPESE DI AVVIO - 40,00 (+IVA)* SPESE DI MEDIAZIONE

INDENNITA DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 SPESE DI AVVIO - 40,00 (+IVA)* SPESE DI MEDIAZIONE ALLEGATO A INDENNITA DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 SPESE DI AVVIO - 40,00 (+IVA)* (da versare a cura della parte istante al deposito della domanda e a cura della parte che accetta al momento

Dettagli

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Art. 1, ambito di applicazione. Ai sensi degli articoli due e cinque del D. Lgs. 04/03/2010 n. 28, come modificato dal D. L. 21

Dettagli

Regolamento di conciliazione dell'istituto di Mediazione e Conciliazione I. ME.CON.

Regolamento di conciliazione dell'istituto di Mediazione e Conciliazione I. ME.CON. Regolamento di conciliazione dell'istituto di Mediazione e Conciliazione I. ME.CON. (di seguito per brevità denominato I.ME.CON. ) Aggiornato e modificato secondo le previsioni di cui alle Circolari 13.06.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI MEDIAZIONE D.LGS N. 28 DEL 4.3.2010, ART. 5, COMMA 1, D.M. N. 180 DEL 18.10.2010 ART. 7, COMMA 5, lett. b), D.M. N. 180 DEL 18.10.2010, ART. 16 D.M. N. 180 DEL 18.10.2010,

Dettagli

PROCEDURA MEDIZIONE CIVILE E COMMERCIALE

PROCEDURA MEDIZIONE CIVILE E COMMERCIALE PROCEDURA MEDIZIONE CIVILE E COMMERCIALE (d.lgs. 28/2010 e successive modifiche) AMBITO DI COMPETENZA Gli organismi di mediazione accreditati dal Ministero della Giustizia sono competenti in tutte le controversie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1 IN VIGORE DA GENNAIO 2014

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1 IN VIGORE DA GENNAIO 2014 REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1 IN VIGORE DA GENNAIO 2014 Ai sensi del D.lgs. 28/2010, del D.M. 180/2010 e del D.M. 145/2011 così come modificati dal D.L. 69/2013 convertito in L. 98/2013. ART. 1 - APPLICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011 ASSOCIAZIONE NAZIONALE GEOMETRI CONSULENTI TECNICI, ARBITRI E MEDIATORI GEO-C.A.M. presso Fondazione Geometri Italiani via Cavour, 179/a - 00184 Roma C.F./P.IVA 11404391002 telefono 06 92957536 telefax

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Maggio 2015 Fondazione AEQUITAS A.D.R. Organismo privato di mediazione riconosciuto dal Ministero di Grazia e Giustizia iscritto al n.5 del registro degli organismi abilitati

Dettagli

Organizzazione Le incompatibilità ed i procedimenti a carico dei mediatori.

Organizzazione Le incompatibilità ed i procedimenti a carico dei mediatori. REGOLAMENTO della società LegalMedia - Organismo di Mediazione società a responsabilità limitata finalizzato alla conciliazione delle Controversie Civili e Commerciali Titolo I Organizzazione Le incompatibilità

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR

REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR 1. NOME: L organismo di mediazione è denominato: Mediamo ADR ; 2. SEDE: La sede principale è stabilita in Napoli alla Via San Giacomo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE CONCILIAZIONE ITALIA S.r.l. (EMMECI)

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE CONCILIAZIONE ITALIA S.r.l. (EMMECI) REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE CONCILIAZIONE ITALIA S.r.l. (EMMECI) Pag. 1 di 10 Organismo di Mediazione iscritto al n. 577 del Registro presso il Ministero della Giustizia ai sensi del D.lgs. 28/2010 INDICE

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE Ex art. 4 D.lgs 28/10

ISTANZA DI MEDIAZIONE Ex art. 4 D.lgs 28/10 ISTANZA DI MEDIAZIONE Ex art. 4 D.lgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE PARTE CHE ATTIVA IL PROCEDIMENTO: A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Luglio 2015 Fondazione AEQUITAS A.D.R. Organismo privato di mediazione riconosciuto dal Ministero di Grazia e Giustizia iscritto al n.5 del registro degli organismi abilitati

Dettagli

Camera di Conciliazione dell Ordine Degli Avvocati di Ascoli Piceno

Camera di Conciliazione dell Ordine Degli Avvocati di Ascoli Piceno Camera di Conciliazione dell Ordine Degli Avvocati di Ascoli Piceno REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE E MEDIAZIONE 1. AMBITO DI APPLICAZIONE. La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SASSARI

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SASSARI ORGANISMO DI MEDIAZIONE DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SASSARI REGOLAMENTO DI PROCEDURA ai sensi del D.Lgs.n.28/2010 D.M. n.180/2010 D.M. 145/2011 successive modifiche e integrazioni Regolamento

Dettagli

ALLEGATO 1 - TABELLA INDENITA DELLA MEDIAZIONE. Costi dei procedimenti di mediazione

ALLEGATO 1 - TABELLA INDENITA DELLA MEDIAZIONE. Costi dei procedimenti di mediazione ALLEGATO 1 - TABELLA INDENITA DELLA MEDIAZIONE Costi dei procedimenti di mediazione Per le spese di mediazione sono dovuti da ciascuna parte gli importi riportati nella sottostante tabella, che comprendono

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE in vigore dal 1 gennaio 2015 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale,

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA - ARCADIA CONCILIA SRL INDICE

REGOLAMENTO DI PROCEDURA - ARCADIA CONCILIA SRL INDICE Organismo di Mediazione Sede Legale Via dei Monti Parioli, 6-00197 Roma Sede Nazionale Via di Tor Fiorenza, 35-00199 Roma (Iscritto al n. 931 del Registro degli Organismi deputati a gestire tentativi di

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA MEDIAZIONE A FINI CONCILIATIVI IN MATERIA ASSICURATIVA

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA MEDIAZIONE A FINI CONCILIATIVI IN MATERIA ASSICURATIVA LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA MEDIAZIONE A FINI CONCILIATIVI IN MATERIA ASSICURATIVA L Associazione Nazionale tra le Imprese Assicuratrici (di seguito ANIA), in considerazione della peculiarità della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE ORDINE DEGL I A V V OCATI DI LECCE ORGANISMO DI CONCILIAZIONE REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE Art. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Conciliazione/Mediazione è una procedura, comunque denominata,

Dettagli

D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I REGOLAMENTO DI PROCEDURA

D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I REGOLAMENTO DI PROCEDURA REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli art. 2 e 5 del D.lgs. n. 28/10, il presente regolamento é applicabile alla mediazione per la conciliazione di controversie civili

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA. Art. 1 Ambito di applicazione. Art. 2 Attivazione del procedimento. Domanda di mediazione

REGOLAMENTO DI PROCEDURA. Art. 1 Ambito di applicazione. Art. 2 Attivazione del procedimento. Domanda di mediazione REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi dell art. 2 del D.lgs. n. 28/2010, il presente regolamento é applicabile alla mediazione per la conciliazione di controversie civili e

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE ROMA - CONSIGLIO ORDINE AVVOCATI ROMA TARIFFARIO MEDIAZIONI IN VIGORE DAL 16 GENNAIO 2014

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE ROMA - CONSIGLIO ORDINE AVVOCATI ROMA TARIFFARIO MEDIAZIONI IN VIGORE DAL 16 GENNAIO 2014 ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE ROMA - CONSIGLIO ORDINE AVVOCATI ROMA TARIFFARIO MEDIAZIONI IN VIGORE DAL 16 GENNAIO 2014 SPESE DI AVVIO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE dovute dalla parte istante all'atto

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

Regolamento di Mediazione di A.D.R. INTESA S.r.l.

Regolamento di Mediazione di A.D.R. INTESA S.r.l. Regolamento di Mediazione di A.D.R. INTESA S.r.l. INDICE TITOLO I - PARTE INTRODUTTIVA Art. 1: Definizioni Art. 2: Applicazione delle presenti norme TITOLO II - PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE Art. 3: Avvio

Dettagli

R E G O L A M E N T O D I P R O C E D U R A

R E G O L A M E N T O D I P R O C E D U R A luglio 2004 n. 222 e con P.D.G. del 15 luglio 2009 al n. 51 del R.O.M. del Ministero della Giustizia. p. 1/12 R E G O L A M E N T O D I P R O C E D U R A D I M E D I A Z I O N E Art. 1 Principi essenziali

Dettagli

dossier Perché conciliare L evoluzione normativa degli ultimi anni Paola Marzocchini

dossier Perché conciliare L evoluzione normativa degli ultimi anni Paola Marzocchini dossier 7 Perché conciliare L evoluzione normativa degli ultimi anni Paola Marzocchini La Risoluzione alternativa delle controversie (Alternative Dispute Resolution ADR) si è sviluppata negli USA dopo

Dettagli

DM 18 ottobre 2010, n. 180 integrato con il DM 145/2011(aggiornato con le modifiche DM 139/2014 evidenziate in rosso)

DM 18 ottobre 2010, n. 180 integrato con il DM 145/2011(aggiornato con le modifiche DM 139/2014 evidenziate in rosso) DM 18 ottobre 2010, n. 180 integrato con il DM 145/2011(aggiornato con le modifiche DM 139/2014 evidenziate in rosso) MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 18 ottobre 2010 n. 180. Regolamento recante la determinazione

Dettagli

Protocollo n. ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE EX D. LGS. 28/2010

Protocollo n. ISTANZA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE EX D. LGS. 28/2010 Spett.le Organismo di Mediazione del Foro di Torre Annunziata c/o Consiglio dell'ordine degli Avvocati C.so Umberto I c/o Tribunale 80058 -Torre Annunziata (NA) Procedura n. Data deposito Protocollo n.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Regolamento di procedura per l Organismo di mediazione Art. 1 Ambito di applicazione Ai sensi degli art. 2 e 5 del D.lgs. n. 28/10, come modificato dal d.l.

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI IVREA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI IVREA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI IVREA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA REGOLAMENTO DI PROCEDURA ( Approvato dal Consiglio dell Ordine nella seduta del 19.12.2013 ) ****** ****** 1 CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INDICE. Art.2 Avvio della procedura di mediazione. Art. 1 Applicazione del Regolamento

INDICE. Art.2 Avvio della procedura di mediazione. Art. 1 Applicazione del Regolamento Regolamento di Mediazione di Conciliazione-Adr S.r.l. INDICE Art. 1 Applicazione del Regolamento Art. 2 Avvio della procedura di Mediazione Art. 3 Sede della Mediazione Art. 4 Responsabile dell Organismo

Dettagli

REGOLAMENTO ARBITRATO ADR

REGOLAMENTO ARBITRATO ADR REGOLAMENTO ARBITRATO ADR Articolo 1 PRINCIPI E AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1 Lo scopo principale della procedura di Arbitrato Adr della Fondazione Aequitas Adr è di offrire alle parti un arbitrato rituale

Dettagli

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante )

A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante ) ISTANZA DI MEDIAZIONE Ex art. 4 Dlgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE PARTE CHE ATTIVA IL PROCEDIMENTO: A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello

Dettagli

Svolgimento della procedura di mediazione

Svolgimento della procedura di mediazione Svolgimento della procedura di mediazione Per ogni distanza c è sempre un ponte. Svolgimento della procedura di mediazione La procedura di mediazione si articola nelle seguenti fasi principali: Verifica

Dettagli

ISTANZA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.lgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE

ISTANZA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.lgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE ISTANZA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.lgs 28/10 FACOLTATIVA OBBLIGATORIA DELEGATA DAL GIUDICE CLAUSOLA DI MEDIAZIONE A PARTE ISTANTE (in caso di più parti compilare il modello A per ciascuna parte istante

Dettagli

Regolamento di Procedura dell Organismo di Mediazione del Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Bologna

Regolamento di Procedura dell Organismo di Mediazione del Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Bologna Regolamento di Procedura dell Organismo di Mediazione del Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Bologna ART. 1 L AMBITO DI APPLICAZIONE 1) Il presente Regolamento

Dettagli

Guida pratica alla. PROCEDURA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.Lgs. 28/2010. Realizzata da ADR MEDILAPET

Guida pratica alla. PROCEDURA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.Lgs. 28/2010. Realizzata da ADR MEDILAPET Guida pratica alla PROCEDURA DI MEDIAZIONE Ai sensi del D.Lgs. 28/2010 Realizzata da ADR MEDILAPET Nella presente guida sono descritte le varie fasi di una procedura di mediazione attivata presso ARD MEDILAPET.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011 e DL 69/2013 coordinato con la legge di conversione 9 agosto 2013 n.

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011 e DL 69/2013 coordinato con la legge di conversione 9 agosto 2013 n. REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE DI GESTMED S.R.L. Organismo di mediazione iscritto al num 990 del Registro degli Organismi di mediazione confermato con P.D.G. del 19 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011

REGOLAMENTO Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011 CONCILIUM A.D.R. Via Gen. Magliocco 27 90141 Palermo Tel 091/611.54.64 fax 091/ 612.00.49 Sito Web: Conciliumadr.it Organismo di Mediazione iscritto al N. 77 nel Registro degli Organismi di Mediazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE 1. SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi del d.lgs n. 28/2010 e del d.m. n.

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE 1. SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi del d.lgs n. 28/2010 e del d.m. n. REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE 1. SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi del d.lgs n. 28/2010 e del d.m. n. 180/2010, la procedura di mediazione per la risoluzione di

Dettagli

D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I REGOLAMENTO DI PROCEDURA

D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I REGOLAMENTO DI PROCEDURA REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli artt. 2 e 5 del D.lgs. n. 28/10 e successive modifiche, il presente regolamento é applicabile alla mediazione per la conciliazione

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PIACENZA REGOLAMENTO DI PROCEDURA

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PIACENZA REGOLAMENTO DI PROCEDURA ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PIACENZA REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli art. 2 e 5 del D.lgs. n. 28/10, il presente regolamento é applicabile

Dettagli

STATUTO ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI AREZZO DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1

STATUTO ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI AREZZO DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 STATUTO ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI AREZZO DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ai sensi dell art. 18 del D.Lgs 04.03.2010 n. 28, è istituito dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Arezzo (d ora

Dettagli

Comune di Baranzate Provincia di Milano

Comune di Baranzate Provincia di Milano Comune di Baranzate Provincia di Milano Area Segreteria Generale Personale - CED REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Approvato con delibera di Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011 REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE Ai sensi del DM 180/2010 e DM 145/2011 I. APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento si applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi (Mediazione ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO MC&F Srl

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO MC&F Srl REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO MC&F Srl APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento si applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi (Mediazione ai sensi dei Decreti

Dettagli

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Articolo 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE ADR Center SpA è iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 1 del Registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione Regolamento di Mediazione di ADR

Dettagli

ADESIONE AL PRIMO INCONTRO DI MEDIAZIONE. Il sottoscritto nato/o a. alla Via n.tel fax. mail/pec @ CF. documento di identità n.

ADESIONE AL PRIMO INCONTRO DI MEDIAZIONE. Il sottoscritto nato/o a. alla Via n.tel fax. mail/pec @ CF. documento di identità n. ADESIONE AL PRIMO INCONTRO DI MEDIAZIONE PROT. N. DEL Il sottoscritto nato/o a il residente in prov. ( ) alla Via n.tel fax mail/pec @ CF documento di identità n. rilasciato da il scadenza (allegare fotocopia

Dettagli

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 1 T E M A S O R T E G G I A T O N E L L A S E C O N D A S E S S I O N E 2 0 1 1 P R E S S O L U N I V E R S I T À D I R O M A T

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Cuneo REGOLAMENTO DI PROCEDURA E CODICE ETICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Cuneo REGOLAMENTO DI PROCEDURA E CODICE ETICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1- AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO DI PROCEDURA E CODICE ETICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Ai sensi degli art. 2 e 5 del decreto legislativo n. 28/10, come aggiornato con quanto innovato

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI AOSTA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI AOSTA REGOLAMENTO DI PROCEDURA ****** ******

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI AOSTA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI AOSTA REGOLAMENTO DI PROCEDURA ****** ****** ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI AOSTA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI AOSTA REGOLAMENTO DI PROCEDURA ****** ****** CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 ( Ambito di applicazione ) Ai sensi degli artt.2 e 5 del

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DEI PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DEI COMPENSI SPETTANTI AGLI ISCRITTI

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DEI PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DEI COMPENSI SPETTANTI AGLI ISCRITTI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI RILASCIO DEI PARERI SULLA LIQUIDAZIONE DEI COMPENSI SPETTANTI AGLI ISCRITTI 1 Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Padova, visto

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISTOIA REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DELL ORGANISMO DI CONCILIAZIONE FORENSE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISTOIA REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DELL ORGANISMO DI CONCILIAZIONE FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISTOIA REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE DELL ORGANISMO DI CONCILIAZIONE FORENSE Approvato con delibera consiliare del 19 Settembre 2013 coordinato con la Legge 98/2013

Dettagli

Regolamento di procedura per la mediazione

Regolamento di procedura per la mediazione Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie - ADR ORGANISMO DI CONCILIAZIONE BANCARIA per la mediazione Indice Art. 1 - Definizioni Art. 2 - Ambito oggettivo Art.

Dettagli

DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA AI SENSI DEL D.LGS. 28/2010 E SS.MM.

DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA AI SENSI DEL D.LGS. 28/2010 E SS.MM. ORGANISMO DI CONCILIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LATINA DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA AI SENSI DEL D.LGS. 28/2010 E SS.MM. Il/la sottoscritto/a: Telefono Cellulare Fax E-mail Conto corrente bancario

Dettagli

DOMANDA DI ATTIVAZIONE DI UNA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

DOMANDA DI ATTIVAZIONE DI UNA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Iscritta al n. 94 del registro degli organismi deputati a gestire procedure di mediazione finalizzati alla conciliazione, in forza delle disposizioni di cui all art. 20, comma 3 D.M. 180/10 PDG del 07

Dettagli

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010 La mediazione per la conciliazione: una nuova opportunità per cittadini ed imprese Introduzione al Reggio Emilia, 19 ottobre 2010 Che cos è la mediazione? L attività, comunque denominata, svolta da un

Dettagli

STRUMENTI PER CONSULENTI DI PARTE IN MEDIAZIONE

STRUMENTI PER CONSULENTI DI PARTE IN MEDIAZIONE STRUMENTI PER CONSULENTI DI PARTE IN MEDIAZIONE INFORMATIVA EX ART. 4 D.LGS N. 28/2010 E ART. 13 D.LGS. N. 196/2003 ISTANZA DI MEDIAZIONE ISTANZA DI MEDIAZIONE A FIRMA CONGIUNTA DELLE PARTI DESIGNAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI MEDIAZIONE GESTITE DALL ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SAVONA

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI MEDIAZIONE GESTITE DALL ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SAVONA REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI MEDIAZIONE GESTITE DALL ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SAVONA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli art. 2 e 5 del D.lgs. n. 28/10, il presente

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Mediazione. Cos'è. Come fare

Mediazione. Cos'è. Come fare UFFICIO ARBITRATO E CONCILIAZIONE VADEMECUM STRUMENTI DI GIUSTIZIA ALTERNATIVA AMMINISTRATI DALLA C.C.I.A.A. DI BOLOGNA Mediazione Cos'è La Mediazione è il modo più semplice, rapido ed economico per risolvere

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DI MEDIAZIONE TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DI MEDIAZIONE TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI PROCEDIMENTI DI MEDIAZIONE TRA Aequa Organismo di Mediazione Civile e Commerciale S.r.l. (di seguito anche Aequa ), C. F. 02504830429, con sede in Ancona, Via Sandro Totti

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA

REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1) Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI PROCEDURA Il presente Regolamento disciplina la procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali, di cui al D.

Dettagli

ABC Mediazione REGOLAMENTO DI PROCEDURA

ABC Mediazione REGOLAMENTO DI PROCEDURA REGOLAMENTO DI PROCEDURA Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento Ai sensi degli articoli 2 e 5 del D. Lgs. 28/2010, il presente regolamento è applicabile alla mediazione per la conciliazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI PESARO

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI PESARO REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE DI PESARO Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli art. 2 e 5 del D.Lgs. n. 28/10, deli DM attuativi e del dm 145del 26 agosto 2011 il presente regolamento

Dettagli

nella persona di (solo per le persone giuridiche) residente/con sede in via CAP C.F. P.IVA Tel Cell e-mail

nella persona di (solo per le persone giuridiche) residente/con sede in via CAP C.F. P.IVA Tel Cell e-mail Data di deposito Istanza Ora del deposito Sede di Organismo di Mediazione a norma dell'articolo 16 del decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28) ISTANZA DI MEDIAZIONE PROCEDURA OBBLIGATORIA GRATUITO PATROCINIO

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Il presente regolamento, composto da n. 19 articoli, è stato approvato dal Commissario

Dettagli