PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO e FASCICOLO TECNICO Indice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO e FASCICOLO TECNICO Indice"

Transcript

1 PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO e FASCICOLO TECNICO Indice PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO... p. 02 A. Identificazione e descrizione dell'opera... p. 02 A.1 Indirizzo del cantiere A.2 Descrizione del contesto in cui è collocata l area di cantiere A.3 Descrizione sintetica dell opera B. Individuazione dei soggetti con compiti di sicurezza... p. 03 C. Relazione Scelte progettuali e organizzative procedure misure preventive e protettive. p. 06 C.1 Area di cantiere C.2 Organizzazione del cantiere C.3 Lavorazioni: fasi D. Interferenze tra le lavorazioni... p. 20 D.1 Cronologia delle lavorazioni D.2 Individuazione dei rischi di incompatibilità D.3 Prescrizioni operative D.4 Soggetti obbligati ad osservarle D.5 Modalità di verifica E. Uso comune di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva... p. 21 E.1 Per i quali è previsto l uso comune E.2 Chi è interessato all uso E.3 Cronologia E.4 Modalità di verifica F. Modalità organizzative... p. 22 G. Organizzazione prevista... p. 23 G.1 Pronto soccorso G.2 Antincendio H. Previsione temporale... p. 23 H.1 Entità presunta del cantiere H.2 Durata prevista dei lavori H.3 Durata prevista delle singole lavorazioni Allegati: 1. Layout di cantiere 2. Cronoprogramma dei lavori 3. Stima dei costi della sicurezza FASCICOLO TECNICO... p. 1 di 23

2 PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Il presente Piano di sicurezza e di coordinamento (di seguito denominato PSC) è redatto da professionista abilitato ai sensi dell art. 98 del D.Lgs. 81/08, contestualmente alla progettazione a livello esecutivo dell intervento di risanamento conservativo per adeguamento funzionale e normativo del Liceo Classico Galileo di Firenze. A. IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA A.1 - Indirizzo del cantiere Comune di Firenze, via Martelli 9, Firenze A.2 - Descrizione del contesto in cui è collocata l area del cantiere L'intervento di risanamento conservativo per il quale è stato redatto il presente PSC è relativo all adeguamento funzionale e normativo dell edificio ad uso scolastico sede del Liceo Classico Galileo con accesso principale su Via Martelli n. 9. L edificio, il cui nucleo più antico risale al VI secolo, è vincolato ai sensi della vigente disciplina in materia di beni culturali. Il complesso di vaste dimensioni, è delimitato su tre lati da vie pubbliche (via Martelli a Est, Via de Gori a Nord e Borgo S.Lorenzo a Ovest), si sviluppa prevalentemente su tre piani, variamente articolati, ed è caratterizzato dalla presenza di due corti interne. La maggior parte dell'immobile è adibita a sede del Liceo Classico Galileo; la restante parte dell edificio al piano ammezzato, primo e secondo è occupata dai locali dell Istituto religioso dei Padri Scolopi; al piano terzo e quarto sono situati gli spazi dell Osservatorio imeniano. L accesso all'istituto scolastico avviene da Via Martelli n.9 ed è presente anche un uscita su Borgo S.Lorenzo in comune con gli Scolopi e lo imeniano. La gestione dell immobile è passata dal Comune di Firenze alla Provincia di Firenze nel 1997, come previsto dalla disciplina relativa ai livelli gestionali degli edifici scolastici introdotta dalla L. 23/96. A seguito del trasferimento in uso, la Provincia ha avviato un programma di interventi di manutenzione e adeguamento dell edificio, sia in rapporto alle necessità dettate dallo stato conservativo, sia in ottemperanza alle normative vigenti in relazione ai tipi di attività svolte. A.3 - Descrizione sintetica dell opera I lavori per i quali è stato redatto il presente PSC si inseriscono nell ambito del programma di interventi complessivo sull'immobile e riguardano l adeguamento funzionale e normativo degli spazi ad uso scolastico; consistono essenzialmente in: - Realizzazione di scala di sicurezza antincendio esterna La scala esterna sarà realizzata nella corte secondaria e permetterà l esodo dai vari piani dell edificio (compreso l ammezzato); per creare gli sbarchi ai piani sarà necessario modificare due finestre in porte-finestre (piano secondo ed ammezzato) ed adattare un apertura esistente al piano primo; per realizzare la platea di fondazione della scala sarà necessario spostare le fosse biologiche ed i pozzetti presenti nella corte oggetto di intervento. La scala sarà realizzata con elementi in acciaio zincato a caldo successivamente verniciata con colori in armonia con il contesto di inserimento; - Sostituzione dell ascensore esistente con impianto a norma D.P.R. 503/96 L intervento di sostituzione dell impianto ascensore si rende necessario per l abbattimento delle barriere architettoniche garantendo l accessibilità a tutti i livelli ed ambienti dell edificio scolastico; per poter installare il nuovo impianto sarà necessario eseguire alcune lievi modifiche interne al vano corsa in muratura esistente; - Modifica funzionale del gruppo bagni al piano terreno e locali tecnici per la realizzazione di un vano atto ad ospitare la riserva idrica antincendio e relativo gruppo di pressurizzazione L intervento comprende lievi modifiche interne nel gruppo bagni al piano terreno con la ristrutturazione completa degli stessi (pavimento, rivestimento, tubazioni e sanitari), ricavando il locale tecnico che ospiterà il gruppo di pressurizzazione antincendio ed i serbatoi di accumulo; è previsto anche il consolidamento del solaio nel locale serbatoi; p. 2 di 23

3 - Interventi di compartimentazione locali ed adeguamento vie di esodo Nel complesso degli interventi previsti nell esame progetto è prevista la compartimentazione di alcuni locali con pannelli di silicato e porte tagliafuoco (laboratorio chimica, laboratorio di informatica al p.2, spazio calmo al p.1, Aula Magna, ecc.) oltre ad alcune modifiche necessarie per adeguare le vie di fuga. Le porte tagliafuoco saranno per quanto possibile integrate al contesto storico architettonico dell edificio privilegiando l utilizzo di infissi in legno e vetro REI. Il complesso di interventi di adeguamento impiantistico consistono nella installazione dell impianto di estinzione incendi, costituito da sistema di naspi ai vari piani dell edificio e vasca di accumulo idrico, alimentata da acquedotto comunale; in particolare si prevedono i seguenti lavori: installazione di naspi DN25 con rete di distribuzione in tubi di acciaio zincato posti sottotraccia o a vista fissati in corrispondenza di cornicioni o altri elementi architettonici che ne riducano l impatto visivo, i tratti esposti agli agenti atmosferici saranno coibentati a norma e protetti con lamierino in alluminio o con materiale coibentante preallumizzato; realizzazione di riserva idrica da litri costituita da serbatoi verticali in polietilene, completa di gruppo di pressurizzazione UNI (portata 15mc/h, prevalenza 51mt), da installare all interno dei locali sopra descritti oggetto di modifica funzionale; allacciamento alla rete idrica cittadina e posizionamento della bocca di mandata per autopompe VV.F. su Via Martelli e su Borgo San Lorenzo; realizzazione di impianto elettrico a servizio del gruppo di pressurizzazione; Integrazione del sistema di rilevazione incendi, con installazione di componenti analoghi a quelli esistenti; Rifacimento impianti elettrici, prese fm, illuminazione e illuminazione di sicurezza dei bagni al piano terra, le linee di alimentazione prese e illuminazione saranno collegate alle linee esistenti; A servizio della nuova scala esterna, sarà installato un impianto di illuminazione normale e di sicurezza. Per un maggior dettaglio sui contenuti e le forme dell intervento si rimanda agli elaborati grafici del progetto esecutivo. La durata dei lavori è prevista in gg B. INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI CON COMPITI DI SICUREZZA Committente: Dott.ssa Maria Cecilia Tosi, nata a Tripoli (Libia) il 31/08/1957, domiciliata per il presente ruolo in Firenze, via Cavour 1, Responsabile della della Provincia di Firenze; Responsabile dei lavori: Geom. Giorgio Stellini, nato a S.Godenzo (FI) il , domiciliato per il presente ruolo in Firenze, via Cavour 1, P.O. Immobili Monumentali della Direzione Edilizia della Provincia di Firenze; Coordinatore per la progettazione: Arch. Lorenzo Di Bilio, nato a Firenze il 03/12/1967, dipendente della Provincia di Firenze nel ruolo di Esperto tecnico. Io sottoscritto, Arch. Lorenzo Di Bilio, dichiaro di possedere le caratteristiche per poter svolgere le mansioni di coordinatore per la progettazione di cui all'art. 98, lettera c) del D.Lgs. 81/08; dichiaro di aver effettuato almeno tre anni di attività lavorativa nel settore delle costruzioni; dichiaro inoltre di aver frequentato, durante l'anno 2002, un corso per Coordinatore della durata di 120 ore, organizzato dall Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze; nell anno 2013 ho frequentato il corso di aggiornamento al Dlgs. 81/08 di 40 ore organizzato dalla Scuola Edile di Firenze. p. 3 di 23

4 L'opera in oggetto verrà affidata mediante procedura semplificata ed i dati relativi alle imprese esecutrici ed ai lavoratori autonomi impiegati saranno riportati nel piano dal Coordinatore per l esecuzione al momento in cui saranno noti, in conformità all art. 4, comma 5, del D.P.R. 222/03. IMPRESA APPALTATRICE DENOMINAZIONE SEDE DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO RSPP RLS MEDICO COMPETENTE IMPRESA SUBAPPALTATRICE: DENOMINAZIONE SEDE DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO RSPP RLS MEDICO COMPETENTE IMPRESA SUBAPPALTATRICE: DENOMINAZIONE SEDE DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO RSPP RLS MEDICO COMPETENTE p. 4 di 23

5 IMPRESA SUBAPPALTATRICE: DENOMINAZIONE SEDE DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO RSPP RLS MEDICO COMPETENTE LAVORATORE AUTONOMO: NOMINATIVO SEDE LAVORATORE AUTONOMO: NOMINATIVO SEDE LAVORATORE AUTONOMO: NOMINATIVO SEDE p. 5 di 23

6 C. RELAZIONE - SCELTE PROGETTUALI E ORGANIZZATIVE - PROCEDURE - MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE C.1 Area di cantiere Caratteristiche dell area Come esito della individuazione, analisi e valutazione risultano i seguenti rischi: a) Folgorazione per presenza di cavi nel contesto di intervento (corte scala di sicurezza) durante la fase di scavo per la fondazione della scala. a) Prima dell inizio dei lavori l impresa deve verificare se i cavi sono attivi e nel caso procedere ad idonea schermatura. Misure di coordinamento a) Nel caso in cui sia rilevata la presenza di corrente elettrica negli eventuali cavi rinvenuti, prima dell'inizio dei lavori sarà cura del Coordinatore per l esecuzione verificare la possibilità di disattivare i cavi tramite riunioni di coordinamento con i responsabili dell'istituto. Fattori esterni al cantiere che inducono rischi Come esito della individuazione, analisi e valutazione non risultano rischi particolari provenienti dall esterno. Fattori di rischio che il cantiere può comportare all area circostante Come esito della individuazione, analisi e valutazione risultano i seguenti rischi: a) presenza di polveri durante le operazioni di demolizione/rimozione b) presenza di rumore durante le operazioni di demolizione c) possibili lesioni a persone estranee al cantiere durante la movimentazione dei materiali e delle risulte di cantiere dalle zone di intervento alla zona di carico e scarico su Via Martelli; d) caduta dall alto di materiale durante le operazioni di movimentazione profilati e montaggio della scala di sicurezza nella corte interna e durante il posizionamento con autogru della macchina trivellatrice nella corte; a) Durante i lavori di demolizione/rimozione l impresa dovrà procedere alla bagnatura dei materiali di risulta oltre alla posa in opera di teli protettivi se la lavorazione si svolge all interno dell edificio. Prima dell avvio di eventuali lavorazioni che comportino il rilascio di esalazioni nocive l impresa dovrà procedere alla installazione di apparecchiature per la ventilazione/aspirazione nei locali interessati dall intervento; b) Ai fini dell esecuzione delle opere di demolizione l impresa dovrà utilizzare macchine ed attrezzature silenziate ed operare in orari precedentemente prestabiliti; c) Prima dell inizio dei lavori l impresa dovrà procedere alla delimitazione dell area di cantiere tramite apposizione di pannelli di chiusura sigillanti su ogni apertura rivolta verso qualunque spazio confinante con il cantiere e non interessato dai lavori. Le operazioni di scarrettamento e movimentazione materiali dalle zone di intervento interne all area di stoccaggio, carico e scarico esterna verranno effettuate ad inizio e fine giornata e comunque al di fuori degli orari di insegnamento, ricevimento o simili; la movimentazione del materiale di scavo sarà eseguita durante le vacanze di Pasqua 2014 con passaggio esclusivo dal corridoio che conduce su Borgo S.Lorenzo. d) Durante le operazioni di calo e montaggio profilati nella corte interna mediante utilizzo di autogru e durante il posizionamento della trivellatrice sarà interdetto l accesso al piano secondo dell edificio e comunque l operazione sarà eseguita in periodo estivo quando è prevista minore presenza di persone e l attività didattica non è presente. Misure di coordinamento a) Devono essere concordati con il Coordinatore per l Esecuzione dei Lavori e con l RSPP scolastico i tempi di avvio delle lavorazioni che comportino emissione di rumore in forma continuativa e potenzialmente rilevante. p. 6 di 23

7 b) L orario e le modalità delle operazioni di carico e scarico, scarrettamento all interno dell edificio scolastico, verranno concordate dal Coordinatore per l Esecuzione dei Lavori con il Dirigente scolastico ed i suoi preposti. c) Prima dell'inizio dei lavori e periodicamente il Coordinatore per l'esecuzione dei Lavori deve promuovere riunioni di coordinamento con i responsabili dell Istituto scolastico, la Direzione Lavori e l'impresa al fine di concordare modalità, tempi e usi in rapporto alle reciproche esigenze; qualsiasi necessità di variazione a quanto concordato deve essere comunicata tempestivamente al Coordinatore per la opportuna valutazione. C.2 Organizzazione del cantiere Il cantiere è caratterizzato dalla presenza di una zona in cui si concentrano maggiormente i lavori (corte 1) e varie zone di intervento localizzate a tutti piani all interno dell edificio. Per la complessità degli interventi previsti nella corte 1 si rende necessaria un organizzazione del cantiere che tenga conto dell avvicendarsi e della tipologia delle varie fasi lavorative che saranno eseguite prioritariamente nei periodi di festività scolastica (Natale, Pasqua ed estate). Per esigenza di chiarezza è opportuno individuare e gestire tre principali macro-fasi lavorative che caratterizzano il cantiere: FASE I: lavori di rifacimento gruppo bagni e creazione locale antincendio (pompe e serbatoi) al piano terreno. In questa prima fase l'area di cantiere sarà allestita all'interno del gruppo bagni da ristrutturare ed all interno della corte nella quale sarà poi realizzata la scala di sicurezza (corte 1); l area sarà attrezzata con recinzione, allacciamenti e segnaletica, secondo le indicazioni di seguito riportate; su via Martelli in adiacenza all ingresso principale sarà dislocata una area recintata utilizzata per lo stazionamento dei mezzi ed in parte come area di stoccaggio. FASE II: realizzazione scavo, platea di fondazione con micropali e rifacimento fosse biologiche con rete di smaltimento nella corte 1 In questa seconda fase l'area di cantiere sarà allestita all interno della corte oggetto di intervento (corte 1) e saranno create due aree di cantiere temporanee su Via Martelli, per il posizionamento dell autogru che movimenterà la trivellatrice (4 ore) ed una su Borgo S.Lorenzo per lo stazionamento del camion che trasporterà la terra scavata (7 giorni circa). FASE III: creazione sbarchi ai piani e montaggio scala di sicurezza Nella terza fase l'area di cantiere sarà allestita unicamente all'interno della corte 1 e sarà attrezzata con recinzione, allacciamenti e segnaletica, secondo le indicazioni di seguito riportate. Analisi degli elementi e modalità per (vedi l allegato 1. layout di cantiere): Recinzione, accessi e segnalazioni FASE I Nella fase I l area di cantiere (zona bagni e corte 1) deve essere delimitata da recinzione autoportante a maglia metallica, rete arancione e teli antipolvere in corrispondenza dei collegamenti con l area scolastica. L'accesso principale all'area di cantiere, esclusivamente pedonale, avverrà da via Martelli 9. L area di cantiere su Via Martelli sarà delimitata da recinzione in tubi da ponteggio e pannellature in legno OSB con portellone apribile per l accesso dei mezzi. FASE II Nella fase II l area di cantiere attrezzata all interno della corte 1 deve essere delimitata da recinzione autoportante a maglia metallica, rete arancione e teli antipolvere in corrispondenza dei collegamenti con l area scolastica. Su via Martelli sarà creata una delimitazione con transenne mobili per un area di circa 100 mq per lo stazionamento dell autogru che dovrà calare la trivellatrice all interno della corte per una durata di 4 ore. Su Borgo S.Lorenzo sarà creata una delimitazione con transenne mobili per lo stazionamento del camion che allontanerà le terre scavate per una durata di circa 7 giorni. p. 7 di 23

8 FASE III Nella fase III su via Martelli sarà delimitata con transenne mobili un area di circa 100 mq per lo stazionamento dell autogru che dovrà movimentare i profilati metallici per una durata di due giorni. L'accesso ai ponteggi di facciata da allestire sui due fronti di sbarco della scala di sicurezza avverrà dalla corte 1. Il trasporto dei materiali provenienti dal rifacimento della facciata e dalle demolizione sugli sbarchi avverrà all interno del castello di tiro che deve essere posizionato nella corte 1. In corrispondenza di tutti gli accessi deve essere apposta la cartellonistica di legge. Per tutte le altri lavorazioni previste all interno dell edificio ed indicate nel layout allegato saranno allestite specifiche aree di cantiere isolate con recinzione autoportante a maglia metallica, rete arancione e teli antipolvere. Servizi igienico assistenziali Al piano ammezzato sono presenti alcuni locali attualmente non utilizzati che ben si adattano alle esigenze del cantiere, in particolare vi si possono localizzare: n. 1 locale ad uso spogliatoio per n. 6 persone, munito di armadietti a due scomparti e dotati di riscaldamento; n. 1 WC; n. 1 locale ad uso ufficio n. 1 locale deposito attrezzi e dpi L accesso a tali locali avverrà dallo scalone che conduce su Borgo S.Lorenzo. Per quanto riguarda la corte 1 si segnala la presenza di: n. 1 punto di erogazione per l'acqua corrente all interno dell area di cantiere attrezzata. Non si prevedono allestimenti per servizio mensa in quanto si ipotizza che i lavoratori usufruiscano dei servizi di ristorazione presenti nelle aree limitrofe, tramite specifiche convenzioni. Viabilità principale del cantiere Il cantiere per tipologia non richiede una viabilità interna. Impianti di alimentazione energia e servizi Devono essere allestiti i seguenti impianti: Impianto elettrico L'alimentazione elettrica (Quadro Generale) di idonea potenza viene fornita in prossimità del quadro generale nella corte 1 con potenza minima necessaria 6 kw; l impresa dovrà fare richiesta di specifica fornitura di cantiere. Dal QG vengono alimentati la betoniera a bicchiere, il montacarichi elettrico, il nastro trasportatore ed i quadretti di distribuzione ai piani. Le linee di alimentazione dal quadro generale ai derivati devono essere realizzate in aderenza alle murature e opportunamente protette con guaina isolante. I quadri elettrici dovranno essere dotati di organi di protezione (interruttori) per le protezioni ai contatti diretti e indiretti. Impianto idrico La fornitura idrica comunale potabile, derivata dalla struttura a partire dal contatore generale su Borgo S.Lorenzo con installazione di contatore a defalco provvisorio, è realizzata nella corte 1, da dove vengono fatte le derivazioni per alimentare i vari punti di erogazione. L'alimentazione idrica è realizzata in aderenza alle murature, in modo da non costituire intralcio. Impianti di messa a terra E' prevista la realizzazione di un impianto di messa a terra. L'impianto elettrico sarà dotato di protezione differenziale generale da 30 ma. Impianti di protezione contro le scariche atmosferiche L impresa deve provvedere a far eseguire il calcolo di probabilità di fulminazione ai sensi della norma CEI per verificare la necessità o meno di proteggere il ponteggio e le altre masse metalliche presenti in cantiere dalle scariche atmosferiche. In caso di riscontrata necessità, l impresa provvede a far eseguire l impianto di protezione. p. 8 di 23

9 Dislocazione impianti fissi e attrezzature Gli impianti fissi di cantiere e le attrezzature sono costituiti da: Macchine Autobetoniera Motocarro Autogrù semovente Autopompa Battipalo Betoniera a bicchiere Carrello elevatore Cestello idraulico Compattatore Compressore Dumper Elevatore a cavalletto Escavatore Nastro trasportatore Gruppo elettrogeno Levigatrice per pavimenti Macchine per la lavorazione del ferro Martellone Molazza Pala meccanica e/o ruspa Terna Pinza idraulica Rullo compressore Sega circolare Sonda a rotazione Trivella Vibrofinitrice per asfalti Utilizzata Impianti Centrale di betonaggio Impianto per gettiniezione Impianto per iniezione di malte e/o resine Utilizzata Attrezzature da lavoro Vibratore elettrico Trabattello Tagliapavimenti elettrica Tagliamattoni elettrica Staggia vibrante Spruzzatrice per pitture Spruzzatrice per intonaci Saldatrice elettrica Ponteggi Ponte su cavalletti Ponte a sbalzo Pistola sparachiodi Perforatore elettrico (tipo kango) Motozappa e erpicatrice Motopompa o elettropompa Martello demolitore elettrico e/o pneumatico Lampada portatile Utilizzata p. 9 di 23

10 Funi e bilancini Flex Fiamma ossiacetilenica Cestoni forche Avvitatrice elettrica Attrezzi di uso corrente (martello, cacciavite, pinze, mazza, trapano, ) Argano a bandiera Argano a cavalletto Dislocazione zone Vengono ubicate come da disegno (layout ) le zone di: stoccaggio materiali stoccaggio inerti stoccaggio e contenimento rifiuti (cassonetto). Modalità di accesso al cantiere per forniture I fornitori prima di accedere al cantiere posto all interno della scuola devono avere il consenso dell RSPP scolastico e del referente dell'impresa interessata alla fornitura, il quale eserciterà anche la sorveglianza. Le forniture nel periodo di attività didattica (da settembre a giugno) dovranno essere limitate agli orari pomeridiani o prima delle 7,30. Smantellamento del cantiere Lo smantellamento del cantiere deve avvenire al termine di tutte le lavorazioni. Misure di coordinamento All'allestimento del cantiere come sopra descritto deve provvedere la ditta appaltatrice, ad eccezione del montaggio del ponteggio che può essere subappaltato. Prima dell inizio delle opere devono essere realizzati i servizi igienico assistenziali e le reti impiantistiche con la fornitura delle certificazioni previste dalla normativa vigente, nonché la recinzione, gli accessi ed i depositi materiali e rifiuti relativi alle singole aree di lavorazione, secondo la cadenza temporale desumibile nel cronoprogramma lavori. C.3 Lavorazioni: fasi Come già indicato in precedenza lo svolgimento dell attività di cantiere è caratterizzato da tre macro fasi lavorative che interessano principalmente la zona intorno alla corte 1 ma più dettagliatamente e seguendo l ordine del crono programma le lavorazioni si possono riassumere in: 1 ALLESTIMENTO CANTIERE 2 RIFACIMENTO BAGNI E PICCOLE MODIFICHE INTERNE 3 OPERE ELETTRICHE BAGNO E ALIMENTAZIONE POMPE 4 SMALTIMENTO AUTOCLAVE E INSTALLAZIONE POMPE E SERBATOI 5 REALIZZAZIONE RETE ANTINCENDIO 6 ADATTAMENTO VANO CORSA E SOSTITUZIONE ASCENSORE 7 TAGLIO GRONDA DI COPERTURA GRUPPO BAGNI 8 MONTAGGIO CONTROPARETI E CONTROSOFFITTI REI 9 INSTALLAZIONE INFISSI TAGLIAFUOCO 10 SCAVO E RIMOZIONE FOSSE BIOLOGICHE E POZZETTI 11 REALIZZAZIONE MICROPALI 12 REALIZZAZIONE PLATEA DI FONDAZIONE MURI DI FONDAZIONE 13 POSA NUOVE FOSSE BIOLOGICHE E RETE DI SMALTIMENTO 14 MONTAGGIO PONTEGGI 15 CREAZIONE SBARCHI SCALA DI SICUREZZA 16 RIFACIMENTO PORZIONE INTONACO DI FACCIATA 17 MONTAGGIO NUOVA SCALA DI SICUREZZA 18 SMONTAGGIO PONTEGGI 19 SMONTAGGIO CANTIERE p. 10 di 23

11 Fase 1 Allestimento del cantiere All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: Realizzazione di delimitazioni e recinzioni Realizzazione di reti impiantistiche - Elettrocuzione per presenza di reti occulte non individuate e disattivate durante l ancoraggio delle delimitazioni di cantiere e l alimentazione delle dorsali impiantistiche - Ricerca e disattivazione reti prima di eseguire il perforamento di apparecchiature murarie o solai per ancoraggio delle delimitazioni di cantiere; disattivazione di tutte le reti impiantistiche esistenti nelle aree di cantiere; consultazione del manutentore dell edificio prima di eseguire l Alimentazione delle reti impiantistiche. Misure di Coordinamento Prendere contatto con l RSPP della scuola per ottenere maggiori informazioni sulla sicurezza delle zone in cui si installa il cantiere. Fase 2 Rifacimento bagni e piccole modifiche interne All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: Smontaggio di pavimenti, rivestimenti e sanitari Demolizione tramezzi e taglio a forza murature Rifacimento impianto idrico-sanitario Ricostruzione tramezzi in muratura Esecuzione pavimento e rivestimento Posa infissi Come esito della individuazione, analisi e valutazione risultano i seguenti rischi: - Inalazione di polveri nocive ed esposizione al rumore per esecuzione di tracce - Mancanza di areazione negli ambienti di intervento - Contusioni o ferite per urto con materiali o attrezzature afferenti ad altre lavorazioni o maestranze - La realizzazione delle tracce per il passaggio delle condutture impiantistiche o le modifiche murarie di progetto devono essere realizzate a mano. - Le lavorazioni devono avvenire nelle massime condizioni di areazione degli ambienti interessato consentite dall apertura degli infissi esterni - Effettuare per quanto è possibile i tagli delle piastrelle in ambiente esterno (corte) - Le modifiche alle reti attive nei contesti limitrofi alle aree di cantiere o ai quadri elettrici esistenti che si rendessero necessarie per il completamento degli impianti dovranno essere eseguite previa interruzione della tensione di rete. Misure di coordinamento - Il Direttore tecnico dell impresa aggiudicatrice dell appalto principale o suo delegato procederà quotidianamente alla verifica delle condizioni di areazione degli ambienti e programmare i turni del personale impiegato nell applicazione di sostanze tossiche, impartendo le appropriate disposizioni in merito alla gestione delle aperture esterne o all eventuale approntamento di sistemi di areazione supplementari. - Evitare la sovrapposizione fra le singole lavorazioni p. 11 di 23

12 Fase 3 Opere elettriche gruppo bagni ed alimentazione gruppo pressurizzazione All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: Esecuzione di tracce per il passaggio delle reti Posa dorsali di alimentazione e distribuzione Realizzazione di quadri elettrici Esecuzione dei cablaggi Posa dei corpi illuminanti Come esito della individuazione, analisi e valutazione risultano i seguenti rischi: - Elettrocuzione per modifiche ai quadri elettrici esistenti o a reti in tensione - Contusioni o ferite per urto con materiali o attrezzature afferenti ad altre lavorazioni o maestranze - Caduta dall alto - Le modifiche alle reti attive nei contesti limitrofi alle aree di cantiere o ai quadri elettrici esistenti che si rendessero necessarie per il completamento degli impianti dovranno essere eseguite previa interruzione della tensione di rete. - Sfalsamento cronologico e planimetrico con lavorazioni interne contemporanee. - Utilizzo di trabattelli Misure di coordinamento - Il Coordinatore in fase di esecuzione dovrà concordare con la Dirigenza di Istituto, nell ambito delle riunioni di coordinamento, le modalità di interruzione della tensione, fornendone adeguata informazione alle imprese previste in cantiere. - Evitare presenza di altre lavorazioni nella zona di intervento soprattutto durante l uso del trabattello Fase 4 Smaltimento autoclave ed installazione pompe e serbatoi Fase 5 Realizzazione rete antincendio Per tipologia di lavorazione le due fasi possono essere accorpate. La fase 4 non presenta grossi problemi di interferenza in quanto è svolta all interno dell area di cantiere indicata nel layout; la fase 5 si svolge in varie zone dell edificio e pertanto necessita di specifico coordinamento in fase di esecuzione. Come esito della individuazione, analisi e valutazione risultano i seguenti rischi: - Lesioni alle mani durante la manipolazione del materiale - Affaticamento fisico, per operazioni svolte in posizione scomoda - Caduta di oggetti o materiali durante la loro manipolazione - Caduta di persone per inciampi su ostacoli presenti nell area di lavoro - Esposizione a rumore durante l esecuzione delle tracce con la scanalatrice, martello demolitore od utensili manuali - Irritazioni cutanee per contatto con oli e sostanze lubrificanti filettatura, mastici ecc.. - Schiacciamento delle mani durante l utilizzo della piegatubi - Inalazione di polveri durante l utilizzo della scanalatrice o del martello demolitore - Interferenza con l attività scolastica Trasporto e sollevamento di materiali - I materiali trasportati sono principalmente; tubazioni, valvolame e raccorderia - Utilizzo di sistemi di imbraco adeguati per il sollevamento dei carichi - Durante il posizionamento del materiale non dovranno essere presenti persone nella zona di possibile caduta dello stesso p. 12 di 23

13 Esecuzione di saldatura elettrica - verificare l assenza di gas o materiale infiammabile nell ambiente o su tubazioni e/o serbatoi sui quali si effettuano gli interventi, nel caso di sospetta presenza di prodotti infiammabili sospendere le operazioni - portare l estintore in dotazione in prossimità del luogo in cui si eseguiranno le operazioni - aerare e ventilare il locale e in caso di lavorazione in ambienti confinati predisporre un adeguato sistema di aspirazione fumi e/o di ventilazione - fare allontanare tutte le persone non direttamente coinvolte dall attività lavorativa - nelle pause di lavoro interrompere l alimentazione elettrica Esecuzione di saldature ossiacetileniche - verificare l assenza di gas o materiale infiammabile nell ambiente o su tubazioni e/o serbatoi sui quali si effettuano gli interventi, nel caso di sospetta presenza di prodotti infiammabili sospendere le operazioni e procedere alla bonifica - portare l estintore in dotazione in prossimità del luogo in cui si eseguiranno le operazioni - aerare e ventilare il locale e in caso di lavorazione in ambienti confinati predisporre un adeguato sistema di aspirazione fumi e/o di ventilazione - controllare i dispositivi di sicurezza contro il ritorno di fiamma, in prossimità dell impugnatura, dopo i riduttori di pressione e nelle tubazioni lunghe più di 5 m. - verificare la funzionalità dei riduttori di pressione e dei manometri - trasportare le bombole con l apposito carrello - tenere le bombole a distanza di sicurezza dal luogo in cui si effettua le saldatura - evitare di utilizzare la fiamma libera in corrispondenza delle bombole e delle tubazioni del gas - non lasciare le bombole esposte ai raggi solari o ad altre fonti di calore - nelle pause di lavoro spegnere la fiamma e chiudere l afflusso del gas Misure di coordinamento - Sfalsamento cronologico e planimetrico con lavorazioni interne contemporanee - Necessaria riunione di coordinamento con RSPP per concordare modalità ed orari di intervento in quanto la realizzazione della rete antincendio è estesa a tutto l edificio scolastico; in caso di esecuzione intervento in locali di passaggio è necessario delimitare l area con recinzioni mobili e reti protettive, in locali isolati è sufficiente interdire l accesso al locale stesso Fase 6 Adattamento vano corsa e sostituzione ascensore All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: - Smontaggio cabina ascensore - Montaggio ponteggio interno vano corsa - Spicconatura intonaci e murature per adattamento vano corsa a nuova cabina - Smontaggio ponteggio - Montaggio nuova cabina ascensore - Modifiche porte ai piani - Modifiche impianto elettrico Come esito della individuazione, analisi e valutazione risultano i seguenti rischi: - Elettrocuzione per modifiche ai quadri elettrici esistenti o a reti in tensione - Lesioni alle mani durante la manipolazione del materiale - Affaticamento fisico, per operazioni svolte in posizione scomoda - Caduta di oggetti o materiali durante la loro manipolazione - Caduta dall alto - Esposizione a rumore durante l esecuzione dell adattamento vano corsa, martello demolitore od utensili manuali - Inalazione di polveri durante l utilizzo del martello demolitore od utensili manuali - Mancanza di areazione negli ambienti di intervento - Interferenza con l attività scolastica durante le modifiche delle porte ai piani p. 13 di 23

14 - Le modifiche alle reti attive nei contesti limitrofi alle aree di cantiere o ai quadri elettrici esistenti che si rendessero necessarie per il completamento degli impianti dovranno essere eseguite previa interruzione della tensione di rete. - Una volta smontata la cabina è previsto il montaggio di un ponteggio interno con platee i collegamento alle porte dei vari piani; la percorribilità interna al vano corsa sarà garantita da scalette colleganti i vari piani di ponteggio. - Dovendo eseguire una lavorazione con forte emissione di polveri in ambiente confinato è necessario predisporre un adeguato sistema di aspirazione fumi e/o di ventilazione. - Allontanare il materiale di demolizione mediante convogliamento in tubone collegato direttamente a terra con l esterno. - Durante le operazioni di spicconatura le superfici devono essere bagnate con acqua - Sfalsamento cronologico e planimetrico con lavorazioni interne contemporanee. Misure di coordinamento - Una volta rimossa la cabina ascensore è obbligatorio garantire l isolamento dei vari accessi ascensore al piano con idonea delimitazione di cantiere ben segnalata; inoltre deve essere garantita la perfetta chiusura degli accessi al vano corsa per impedire cadute accidentali prima che sia montato il ponteggio interno. - Il Direttore tecnico dell impresa aggiudicatrice dell appalto principale o suo delegato procederà quotidianamente alla verifica delle condizioni di areazione impartendo le appropriate disposizioni in merito alla gestione delle aperture esterne o all eventuale approntamento di sistemi di areazione supplementari Fase 7 Taglio gronda di copertura gruppo bagni All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: Realizzazione ponteggio Taglio gronda in muratura copertura piana - Elettrocuzione per presenza di reti occulte non individuate e disattivate le operazioni di taglio a forza della gronda - Caduta dall alto - Ricerca e disattivazione reti prima di eseguire il perforamento di apparecchiature murarie o solai prima di procedere alla demolizione; disattivazione di tutte le reti impiantistiche esistenti nelle aree di cantiere; consultazione del manutentore dell edificio prima di eseguire l Alimentazione delle reti impiantistiche. - E previsto il montaggio di uno specifico ponteggio che sarà smontato a lavorazione eseguita Misure di Coordinamento Evitare di eseguire lavorazioni nella proiezione verticale della gronda da tagliare. Fase 8 Montaggio controparete e controsoffitti REI - Elettrocuzione per presenza di reti occulte non individuate e disattivate durante l ancoraggio delle pendinature dei controsoffitti e delle strutture di supporto delle pareti. - Mancanza di areazione negli ambienti di intervento - Interferenza con l attività scolastica - Rischio caduta dall alto - Ricerca e disattivazione reti prima di eseguire il perforamento di apparecchiature murarie o solai per ancoraggio delle pareti e controsoffitti; disattivazione di tutte le reti impiantistiche p. 14 di 23

15 esistenti nelle aree di cantiere; consultazione del manutentore dell edificio prima di eseguire l Alimentazione delle reti impiantistiche. - Le lavorazioni devono avvenire nelle massime condizioni di areazione degli ambienti interessato consentite dall apertura degli infissi esterni - Si prevede l utilizzo di tra battelli di altezza superiore ai 4 m di altezza stabilizzati - E assolutamente fatto divieto di eseguire movimentazioni del tra battello con personale presente sullo stesso Misure di Coordinamento - Necessaria riunione di coordinamento con RSPP per concordare modalità ed orari di intervento in quanto la realizzazione delle compartimentazioni è estesa in due piani dell edificio scolastico; in caso di esecuzione intervento in locali di passaggio è necessario delimitare l area con recinzioni mobili e reti protettive, in locali isolati è sufficiente interdire l accesso al locale stesso Fase 9 Installazione infissi tagliafuoco - Elettrocuzione per presenza di reti occulte non individuate e disattivate durante l ancoraggio dei telai degli infissi sulle murature - Interferenza con l attività scolastica - Ricerca e disattivazione reti prima di eseguire il perforamento di apparecchiature murarie o solai per ancoraggio delle pareti e controsoffitti; disattivazione di tutte le reti impiantistiche esistenti nelle aree di cantiere; consultazione del manutentore dell edificio prima di eseguire l Alimentazione delle reti impiantistiche. Misure di Coordinamento - Necessaria riunione di coordinamento con RSPP per concordare modalità ed orari di intervento in quanto la realizzazione delle compartimentazioni è estesa in due piani dell edificio scolastico; in caso di esecuzione intervento in locali di passaggio è necessario delimitare l area con recinzioni mobili e reti protettive, in locali isolati è sufficiente interdire l accesso al locale stesso Fase 10 Scavo e rimozione fosse biologiche e pozzetti - Elettrocuzione per presenza di reti occulte non individuate e disattivate durante le operazioni di scavo - Rischio di esplosione per la presenza di tubazioni gas non rilevate - Rischio di seppellimento - Rischio di caduta dall alto - Interferenze con altre attività - Ricerca e disattivazione reti prima di eseguire lo scavo; - Consultazione del manutentore dell edificio; - Scavo a mano con la massima cautela - Allontanare ogni elemento di innesco di eventuali incendi o esplosioni (scintille, fiamme libere, ecc; - Evitare ogni altra lavorazione che possa provocare incendi - Allestimento di sbadacchiature contro terra con puntellamenti - Delimitazione del bordo dello scavo con idoneo parapetto - Utilizzo di scaletta per accesso al piano scavato - Evitare la presenza di altre lavorazioni simultanee nella zona di scavo p. 15 di 23

16 Misure di Coordinamento - Prendere contatto con l RSPP della scuola e contattare i gestori delle utenze per ottenere maggiori informazioni sulla presenza di reti attive nella zona di scavo. - Il materiale scavato sarà allontanato mediante un nastro trasportatore installato sul corridoio che conduce su Borgo S.Lorenzo, pertanto il CSE dovrà preventivamente coordinarsi con Istituto imeniano, Padri Scolopi e scuola per evitare interferenze. Fase 11 Realizzazione micropali All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: - Trivellazione - Installazione di armatura metallica - Getto calcestruzzo - Contatto macchine operatrici - Ipoacusia da rumore - Attrezzature e macchine di cantiere - Caduta materiale residuo - sonda - trivella - gettiniezione - Ribaltamento - Sonda trivella gettiniezione - Cedimento di parti meccaniche - Macchine operatrici - Offese su varie parti del corpo - Macchine organi in movimento - Protezione posti di lavoro e passaggio - Dimensionamento a norma di vie transito e rampe scavi - Assistenza a terra in manovre retromarcia - Vietare presenza personale nel campo di azione della macchina - Uso di cuffie auricolari - Valutazione del rumore - Verifica idoneità lavoratore alla mansione - Verifica funzionalità clamp di arresto - Verifica frequente serraggio aste - Cautela nelle operazioni di manutenzione - Abbassare mast durante carico e scarico - Controlli preventivi sito per posizionamento macchina - Verifica frequente componenti impianti idraulici - Manutenzione periodica macchine - Non manomettere le protezioni della macchina - Pulizia dei piani di lavoro Fase 12 Realizzazione platea di fondazione e muri di contenimento All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: Realizzazione casserature Getto cls - Rischio di seppellimento - Investimento da proboscide di pompa per il cls - Nel caso sia necessario rimuovere le sbadacchiature durante l esecuzione delle casserature assicurarsi in merito alla tenuta del fronte scavato con altri idonei sistemi di protezione - In caso di getto con autobotte: uso di pompa manovrata con doppio tirante a fune. p. 16 di 23

17 Misure di Coordinamento - Prima della fase di getto, in caso di utilizzo di autopompa, il Coordinatore in fase di esecuzione dovrà programmare una riunione di coordinamento e informazione alla presenza delle maestranze impegnate nel getto. Fase 13 Posa fosse biologiche e pozzetti All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: posa fosse biologiche in pvc e pozzetti Realizzazione rete di smaltimento - Rischio schiacciamento arti durante il trasporto e posizionamento fosse biologiche - Interferenze con la scuola - Si precisa che le fosse biologiche sono del tipo in pvc e pertanto di peso modesto comunque la ditta dovrà eseguire tutta la movimentazione fino alla posa con idonei mezzi di trasporto e sollevamento evitando interferenze con le altre fasi lavorative Misure di Coordinamento - Con ogni probabilità la movimentazione avverrà dal corridoio su Borgo S. Lorenzo pertanto il CSE dovrà preventivamente coordinarsi con Istituto imeniano, Padri Scolopi e scuola per evitare interferenze. Fase 14 Montaggio ponteggi - Caduta operatore - Ponteggio - Elettrocuzione da scariche atmosferiche - ponteggi recinzione - Caduta materiale - Ponteggio - Ispezione e verifica del piano di posa dei ponteggi sulla copertura piana - Verifica del carico trasmesso sul piano di appoggio dal ponteggio. - Verifica periodica documentata (deve accompagnare l attrezzatura) - Prima di reinpiegare i ponteggi verificarne l'idoneità - Stabile ancoraggio traversi di sostegno dell'impalcato - Opere provvisionali efficienti - Informazione ai lavoratori su protezione dei DPI - Vietato salire e scendere lungo i montanti del ponteggio - Dimensionamento minimo elementi di ponteggio - Ancoraggi dei ponteggi a rombo almeno ogni 22m - Progetto ponteggio se elementi usati sono diversi - Può essere omesso il sottoponte per ponti sospesi, a sbalzo e normali (manutenzioni <5gg) - Personale idoneo per montaggio e smontaggio impalcati - Montaggio ponteggio conforme all'aut.min. o al progetto - Calcolo ponteggi con montanti a interasse > 1,8 m - Elementi di ponteggio con nome e marchio del fabbricante - Verifica efficienza del ponteggio dopo violente perturbazioni - Basetta metallica alla base dei montanti - Uso attrezzatura protettiva nel montaggio e smontaggio di ponteggi - Disegno ponteggio resp cantiere se H < 20m - Progetto ponteggio tecnico abilitato se H > 20m o complesso - Impalcato ponteggio accostato a fabbricato max 20 cm - Protezione da ossidazione elementi di ponteggio - Altezza dei montanti oltre 1,2m ultimo impalcato - Ancoraggi dei ponteggi a norma - Idonea posa e fissaggio tavole impalcato p. 17 di 23

18 - Conformità a ISPESL e ARPA entro 30 gg - manutenzione e verifica biennale - Collegare a terra strutture metalliche - Protezione posti di lavoro e passaggio - Parapetto e fermapiedi per impalcati >2m - Verifica portata carrucole - Utensili in apposite guaine durante montaggio e smontaggio - Corretto ancoraggio della carrucola al ponteggio - Vietato gettare dall alto elementi di ponteggio - Tavole accostate per intavolato - Mantovana parasassi a quota copertura PT o altra protezione su fronte ponteggio Misure di Coordinamento - Prendere contatto con l RSPP della scuola per ottenere maggiori informazioni sulla sicurezza delle zone in cui si installa il cantiere - Acquisire informazioni in merito alla portata della copertura piana sulla quale si appoggia il ponteggio Fase 15 e fase 16 Creazione sbarchi scala di sicurezza e rifacimento intonaco All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: Creazione sbarchi scala Rifacimento intonaco - Elettrocuzione per presenza di reti occulte non individuate e disattivate durante la demolizione delle mazzette e parapetto - Rischio caduta dall alto - Caduta materiali dall alto - Inalazione polveri - Ricerca e disattivazione reti prima di eseguire il perforamento di apparecchiature murarie o solai ; disattivazione di tutte le reti impiantistiche esistenti nelle aree di cantiere; consultazione del manutentore dell edificio prima di eseguire l Alimentazione delle reti impiantistiche. - Il ponteggio allestito in facciata deve essere reso disponibile per gli interventi di rifacimento della facciata e creazione sbarchi - Durante le operazioni di raschiatura e rimozione degli intonaci di facciata le superfici devono essere bagnate con acqua Misure di coordinamento - La presenza delle maestranze impegnate nel restauro dei fronti deve essere preventivamente segnalata agli altri lavoratori presenti in cantiere; le maestranze contemporaneamente impegnate in differenti lavorazioni dovranno essere informate delle reciproche aree di intervento. Fase 17 e fase 18 Montaggio nuova scala di sicurezza e smontaggio ponteggi All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: Movimentazione profilati con autogru Assemblaggio elementi costitutivi Smontaggio ponteggi Caduta accidentale materiali Rischio caduta dall alto Interferenza linee elettriche aeree Ribaltamento con schiacciamento operatore Autogru Interferenze fra lavorazioni p. 18 di 23

19 L intervento di movimentazione dei profilati metallici dovrà essere eseguito nel periodo estivo quando l attività scolastica è ridotta al minimo o preferibilmente a scuola chiusa per evitare in modo definitivo il rischio nel caso di caduta accidentale di materiali. Per quanto riguarda il rischio di caduta dall alto durante la fase di montaggio della scala si rimanda nello specifico alle indicazioni contenute nel POS; nel caso che si utilizzi la struttura stessa della scala per portarsi in elevazione, dovranno essere garantiti i requisiti di sicurezza per evitare cadute quali parapetti, imbracature e quant altro necessario. Verifica periodica documentata (deve accompagnare l attrezzatura) Protezione posti di lavoro e passaggio Assistenza a terra in manovre retromarcia Vietare presenza personale nel campo di azione della macchina Vietato passaggio sotto i carichi sospesi Verifica idoneità lavoratore alla mansione Manutenzione periodica macchine Verifica annuale AUSL (sup 200Kg) Verifica trimestrale funi Distanza di sicurezza da linee elettriche aeree a norma - Consultare ente erogatore Vietato uso autogru con forte vento Protezione posto di guida Verifica stabilità del terreno Conduttori di provata esperienza Assicurare stabilità del mezzo Idonea imbracatura dei carichi e sorveglianza preposto Funi e cavi adeguati al carico Angolo al vertice tra funi circa 60 - se >60 tenere conto della minore portata Attacchi corretti funi e catene - Estremità funi legate o morsettate Ganci imbraco senza deformazioni - adeguati al carico - indicazione portata max Bilancini con indicazione portata max Ganci e funi contrassegnate dal fabbricante e specifiche tecniche Verifiche periodiche Durante le operazioni di smontaggio progressivo del ponteggio e prima dell utilizzo è necessario verificare che il ponteggio abbia tutti i requisiti necessari per poter essere usato in sicurezza (parapetti, fermapiede, ancoraggi, ecc); tale fase deve essere monitorata dal CSE alla presenza del Direttore di Cantiere. Misure di Coordinamento - Durante il montaggio della scala sarà necessario smontare in modo progressivo parti di ponteggio al fine di eseguire i vari ancoraggi alle murature; tale operazione dovrà essere preventivamente coordinata e concordata dal CSE fra operatore dell autogru, montatori dei ponteggi e montatori della scala - Nel corso della fase di movimentazione e montaggio della scala non devono essere eseguite altre lavorazioni nell area sottostante e devono essere presenti solo gli operai strettamente necessari all operazione debitamente formati ed informati dei rischi presenti. Fase 19 Smontaggio del cantiere All'interno di questa fase risultano presenti le seguenti sub-fasi: Smontaggio di delimitazioni e recinzioni Scollegamento di reti impiantistiche Elettrocuzione - Prova impianto/apparecchiature allaccio rete Interferenze con l attività scolastica Prima di intervenire sezionare a monte con segnaletica Dopo il dissinesto chiudere eventuale porta quadro p. 19 di 23

20 Verifica preventiva assenza di tensione Evitare di by-passare dispositivi di sicurezza Modalità scollegamento cavo di terra Ripristinare protezioni rimosse prima di ridare tensione Installatori - montatori istruzioni fornite dal fabbricante Misure di Coordinamento - Necessaria riunione di coordinamento con RSPP per concordare modalità ed orari di intervento. Modalità di attuazione della valutazione del rumore Poiché il presente PSC costituisce un analisi preventiva dei rischi, la valutazione fa riferimento ai tempi di esposizione e ai livelli di rumore standard in riferimento a valori rilevati su cantieri di medesime caratteristiche. Considerato l ambiente esterno e le attrezzature utilizzate, si può ipotizzare che l esposizione quotidiana di un lavoratore possa essere inferiore agli 80 dba. Sarà cura del Coordinatore per l esecuzione verificare nei Piani Operativi di Sicurezza delle ditte il rispetto di questa soglia. D. INTERFERENZE TRA LE LAVORAZIONI D.1 Cronologia delle lavorazioni 1 ALLESTIMENTO CANTIERE 2 RIFACIMENTO BAGNI E PICCOLE MODIFICHE INTERNE 3 OPERE ELETTRICHE BAGNO E ALIMENTAZIONE POMPE 4 SMALTIMENTO AUTOCLAVE E INSTALLAZIONE POMPE E SERBATOI 5 REALIZZAZIONE RETE ANTINCENDIO 6 ADATTAMENTO VANO CORSA E SOSTITUZIONE ASCENSORE 7 TAGLIO GRONDA DI COPERTURA GRUPPO BAGNI 8 MONTAGGIO CONTROPARETI E CONTROSOFFITTI REI 9 INSTALLAZIONE INFISSI TAGLIAFUOCO 10 SCAVO E RIMOZIONE FOSSE BIOLOGICHE E POZZETTI 11 REALIZZAZIONE MICROPALI 12 REALIZZAZIONE PLATEA DI FONDAZIONE MURI DI FONDAZIONE 13 POSA NUOVE FOSSE BIOLOGICHE E RETE DI SMALTIMENTO 14 MONTAGGIO PONTEGGI 15 CREAZIONE SBARCHI SCALA DI SICUREZZA 16 RIFACIMENTO PORZIONE INTONACO DI FACCIATA 17 MONTAGGIO NUOVA SCALA DI SICUREZZA 18 SMONTAGGIO PONTEGGI 19 SMONTAGGIO CANTIERE Per le sovrapposizioni delle lavorazioni vedi l'allegato 2. cronoprogramma dei lavori. D.2 Individuazione dei rischi di incompatibilità Dall'esito della individuazione, analisi e valutazione dei rischi, relativi alla presenza simultanea o successiva di più imprese o di lavoratori autonomi, nonché alla complessità dell'opera da realizzare ed alle fasi critiche del processo di lavorazione, risultano i seguenti rischi a carattere transitivo: A) Rischio di folgorazione o esplosione B) Rischio sanitario per carenze igieniche ed esposizione ad agenti atmosferici avversi. C) Rischio di elettrocuzione. D) Rischio di caduta dall alto. E) Rischio di caduta materiale dall alto. F) Rischio derivante dalla movimentazione dei carichi. G) Rischio di inalazione di polveri e sostanze nocive. H) Rischio di seppellimento p. 20 di 23

PREMESSA. Documento n. Rev. n. Data NOME IMPRESA POS pag. 1 di 28

PREMESSA. Documento n. Rev. n. Data NOME IMPRESA POS pag. 1 di 28 PREMESSA Il presente documento, redatto a seguito dell entrata in vigore del D.P.R. 222/03, è stato elaborato da un GRUPPO DI LAVORO sulla sicurezza nei cantieri costituito dalle A.S.L., dalla D.P.L.,

Dettagli

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO (riferiti alle attività prevalenti svolte dall'impresa) 1-ATTIVITÀ DI CANTIERE N. SCHEDA Scavi e movimento terra 1.1.1 X

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI Valutazione del rischio R = 2 x 2 = 4 S. 01 CATEGORIA: INSTALLAZIONE DEL CANTIERE OPERAZIONE: Installazione di impianto di terra e contro le scariche atmosferiche per il ponteggio ATTREZZATURE: Compressore,

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. 100 LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI DI E.R.P. IN S.PANCRAZIO SAL. (BR)

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione dei criteri seguiti per la valutazione Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

PROFESSIONI dalla a alla Z VADEMECUM. del coordinatore per la sicurezza. cantieri temporanei o mobili

PROFESSIONI dalla a alla Z VADEMECUM. del coordinatore per la sicurezza. cantieri temporanei o mobili PROFESSIONI dalla a alla Z Giuseppe Semeraro VADEMECUM del coordinatore per la sicurezza cantieri temporanei o mobili Le definizioni, gli approfondimenti, i riferimenti legislativi, giurisprudenziali e

Dettagli

Fascicolo Tecnico. Attuazione dell art. 4 del Decreto Legislativo n. 494/96.

Fascicolo Tecnico. Attuazione dell art. 4 del Decreto Legislativo n. 494/96. Attuazione dell art. del Decreto Legislativo n. 9/9. Redatto da: Ing. Umberto COPPO, viale Ottavio Marchino n. /a, 50 Casale Monferrato, tel e fax 0/7, e.mail: ing.coppo@libero.it REVISIONE n. del Oggetto

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

L ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE L ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE 1 L ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE 1. Studio dell area; 2. Individuazione interferenze; 3. Delimitazioni provvisorie; 4. Recinzione/Cesata; 5. Servizi Igienico assistenziali;

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

ELENCO SCHEDE PRESENTI NELLA RACCOLTA "SCHEDE DI SICUREZZA IN WORD" http://negozio.testo-unico-sicurezza.com/schede-sicurezza.html

ELENCO SCHEDE PRESENTI NELLA RACCOLTA SCHEDE DI SICUREZZA IN WORD http://negozio.testo-unico-sicurezza.com/schede-sicurezza.html ELENCO SCHEDE PRESENTI NELLA RACCOLTA "SCHEDE DI SICUREZZA IN WORD" http://negozio.testo-unico-sicurezza.com/schede-sicurezza.html www.testo-unico-sicurezza.com Nome Dimensione Data ultima modifica Tipo

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

CANTIERE: Strada Provinciale n. 130, Trani-Andria (Bari)

CANTIERE: Strada Provinciale n. 130, Trani-Andria (Bari) ALLEGATO B ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ed entità del danno, valutazione dell' al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: Lavori di ammodernamento ed allargamento

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART.100 D.Lgs. 81/2008 e s.m. ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI ESERCITAZIONE SOMMARIO: 3. RELAZIONE IN MERITO ALL ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI.... 3 3.1. SCELTE PROGETTUALI

Dettagli

Redazione e gestione di una specifica parte di PSC. Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT

Redazione e gestione di una specifica parte di PSC. Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT Redazione e gestione di una specifica parte di PSC Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT 2014 PSC? POS 2 PSC una relazione tecnica e prescrizioni correlate alla complessità dell opera da realizzare ed

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di Firenze Provincia di FI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Lavori di restauro

Dettagli

Appalto delle opere interne di manutenzione

Appalto delle opere interne di manutenzione ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali Coordinamento Generale Tecnico Edilizio 00142 Roma via Aldo Ballarin 42 telefono 06/59053962 Edificio D. G. INPS piano

Dettagli

Il calcolo degli oneri della sicurezza

Il calcolo degli oneri della sicurezza Il calcolo degli oneri della sicurezza Pier Luigi GHISI 1/7 Le metodologie di calcolo errate Oggi resta ancora diffusa l abitudine dei progettisti e/o dei coordinatori, di stimare gli oneri della sicurezza

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA DIPARTIMENTO CIRCOLAZIONE MONETARIA SERVIZIO BANCONOTE (855) DIVISIONE QUALITA', AMBIENTE E SICUREZZA SUL LAVORO (046) Rifer. a nota n. del Classificazione XIII 8 1 Oggetto DUVRI - Attività di dismissione

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi è stata effettuata in conformità alla normativa italiana vigente: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto

Dettagli

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1. PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1. PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza HCA_Testalin_DOC.rev00.doc AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza Interventi di adeguamento funzionale e messa a norma finalizzati allo sviluppo

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA Responsabile del Procedimento: Arch.

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "A" Comune di Marzeno di Brisighella Provincia di RA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Art. 24, comma 2, lettera n) del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 e s.m.i.) (Allegato XV del D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO. SPISAL ULSS n. 15, Alta Padovana: dott. Francesco Zecchin. SPISAL ULSS n. 16, Padova: ing. Francesco Ciardo

GRUPPO DI LAVORO. SPISAL ULSS n. 15, Alta Padovana: dott. Francesco Zecchin. SPISAL ULSS n. 16, Padova: ing. Francesco Ciardo GRUPPO DI LAVORO SPISAL ULSS n. 15, Alta Padovana: SPISAL ULSS n. 16, Padova: SPISAL ULSS n. 17, Este Conselve: DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO: ORDINE DEGLI INGEGNERI prov. di Padova: ORDINE DEGLI ARCHITETTI

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO P.O.R. Sestri: Centro Anziani nell'ex Biblioteca Bruschi in via Vado. Restauro e Risanamento Conservativo con Abbattimento Barriere Architettoniche 1) Indirizzo del

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Vigilanza "10.000 Cantieri" PERIODO DAL AL RIEPILOGO VIOLAZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA D.P.R..04.55, n. 54 4 8 10 18 1

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

SPECIFICHE MODULISTICA POS/PSC/PSS

SPECIFICHE MODULISTICA POS/PSC/PSS Modulistica // Edizione 2014 Modulistica semplificata compilabile per la redazione dei documenti,, e Fascicolo dell'opera conformi al Decreto Interministeriale del 09/09/2014. SPECIFICHE MODULISTICA //

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza

3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza 3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza Per agire con intelligenza l uomo ha tre strade: la prima pensando, e questa è la più nobile, la seconda imitando, e questa è la più facile,

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. CLI:1608 Committente: COMUNITA MONTANA DELL ESINO-FRASASSI via DANTE, FABRIANO - (AN) 0732-6951 Ditta Appaltatrice: ragione sociale indirizzo recapito telefonico e fax OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO COMUNE DI PASIAN DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ALLEGATO A D.U.V.R.I. (DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE) (art. 26, comma 3, D.Lgs. n.

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

PSC: ALLEGATO A3 ANALISI DELLE LAVORAZIONI. INTERVENTO DI SISTEMAZIONE MORFOLOGICA DELLE SPIAGGE DI GORETTE Progetto Esecutivo 1 Stralcio 1

PSC: ALLEGATO A3 ANALISI DELLE LAVORAZIONI. INTERVENTO DI SISTEMAZIONE MORFOLOGICA DELLE SPIAGGE DI GORETTE Progetto Esecutivo 1 Stralcio 1 DESCRIZIONE DELLA LAVORAZIONE: 1 ALLESTIMENTO DEL CANTIERE SEQUENZA ATTREZZATURE E RISCHI PER LA SICUREZZA TI DI OCEDURE E APESTAMENTI OPERATIVA MACCHINE OCCORRENTI FISICA DEI LAVORATORI ESCRIZIONE = di

Dettagli

SEGNALAZIONE RISCHI SPECIFICI ATTIVITA DI CANTIERE TEMPORANEO RETE E IMPIANTI FOGNATURA (ex art.7 D.Lgs. 626/94)

SEGNALAZIONE RISCHI SPECIFICI ATTIVITA DI CANTIERE TEMPORANEO RETE E IMPIANTI FOGNATURA (ex art.7 D.Lgs. 626/94) SEGNALAZIONE RISCHI SPECIFICI ATTIVITA DI CANTIERE TEMPORANEO RETE E IMPIANTI FOGNATURA (ex art.7 D.Lgs. 626/94) Generalità In applicazione al dettato dell art.7 del D.Lgs. 626/94, ASI SpA Azienda Servizi

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA (DECR. LEG.VO 03/08/2009 n. 106) (DECR. LEG.VO 09/04/2008 n. 81) (DECR. LEG.VO 14/8/96 n. 494) (DECR. LEG.VO 19/11/99 n.

FASCICOLO DELL OPERA (DECR. LEG.VO 03/08/2009 n. 106) (DECR. LEG.VO 09/04/2008 n. 81) (DECR. LEG.VO 14/8/96 n. 494) (DECR. LEG.VO 19/11/99 n. Comune di Valdagno Provincia di Vicenza SISTEMAZIONE PAVIMENTAZIONI E ARREDI DEL CENTRO STORICO DI VALDAGNO: III STRALCIO FASE "RIQUALIFICAZIONE PIAZZA DANTE ALIGHIERI" FASCICOLO DELL OPERA (DECR. LEG.VO

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

D. LGS. 81/08 ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

D. LGS. 81/08 ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 1.1. Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono per: a) scelte progettuali ed organizzative:

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione

DUVRI Documento Unico di Valutazione DUVRI Documento Unico di Valutazione Rischi Interferenti D. Lgs. 81/08 integrato con il D. Lgs. 106/09 Committente Lavori di Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Servizio di pulizia locali

Dettagli

Oggetto: Piano di lavoro redatto secondo i contenuti previsti dall Art. 256 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. per

Oggetto: Piano di lavoro redatto secondo i contenuti previsti dall Art. 256 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. per All Azienda Sanitaria Provinciale SPISAL di Via Comune Oggetto: Piano di lavoro redatto secondo i contenuti previsti dall Art. 256 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. per le attività di bonifica di materiale contenente

Dettagli

APPALTO GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI

APPALTO GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia APPALTO GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI DUVRI DOCUMENTO UNICO DI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt.

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO In conformità all art. 100 del Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81 e s.m.i. ALLEGATO I PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE UFFICI SEDE DELL INVALSI Indirizzo cantiere:

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO B Comune di Stazzano Provincia di AL ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art.

Dettagli

Smobilizzo del cantiere DEMOLIZIONI E TAGLI DISFACIMENTI E RIMOZIONI. Rimozione di impianti. Posa di recinzioni e cancellate

Smobilizzo del cantiere DEMOLIZIONI E TAGLI DISFACIMENTI E RIMOZIONI. Rimozione di impianti. Posa di recinzioni e cancellate Fasi 1. ALLESTIMENTO E SMOBILIZZO DEL CANTIERE Sottofasi Allestimento di cantiere temporaneo su strada Allestimento di depositi, zone per lo stoccaggio dei materiali e per gli impianti fissi Montaggio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/08 DITTA Sede Legale: Oggetto della manutenzione: SERVIZI DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE SUI PC E PERIFERICHE

Dettagli

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici CAPITOLO I 1.1 - DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA Il progetto riguarda i lavori di adeguamento/miglioramento sismico controllato della scuola primaria Colombo nell'ambito del piano per la messa in sicurezza

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) Il presente documento unico di valutazione dei rischi da interferenze è redatto ai fini dell adempimento

Dettagli

PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS

PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS Scopo Definire una procedura che permetta di redigere, aggiornare e verificare il POS (piano operativo di sicurezza) da parte delle imprese esecutrici presenti

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

ATTREZZATURE: ATTIVITA FISSE: ALTRE SCHEDE BIBLIOGRAFICHE: DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO CANALE PER SCARICO MACERIE

ATTREZZATURE: ATTIVITA FISSE: ALTRE SCHEDE BIBLIOGRAFICHE: DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO CANALE PER SCARICO MACERIE ATTREZZATURE: A.01.01 A.01.02 A.01.03 A.01.04 A.01.05 A.01.06 A.01.07 A.01.08 A.01.09 A.01.10 A.01.11 A.01.12 A.01.13 ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO CANALE PER SCARICO MACERIE FUCINA IMPIANTO CENTRALIZZATO

Dettagli

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (PiMUS) Proposta operativa per la redazione e la gestione Luca Mangiapane Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio E. Le

Dettagli

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) L Impresa: timbro e firma (Il Datore di Lavoro) Impresa Pagina 1 di 23

Dettagli

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS CONTENUTI DEI PIANI DI SICUREZZA Prof. arch. Renato Laganà Piani di Sicurezza Il Piano Operativo di Sicurezza POS Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE (SOGGETTO INCARICATO

Dettagli

Categorie Merceologiche

Categorie Merceologiche Allegato C Categorie Merceologiche SEZIONE 1 FORNITURE DI BENI 1.1 Arredamento per ufficio Mobili, complementi d arredo Tendaggi, tappezzerie Corpi illuminanti, lampade Elementi divisori e di isolamento

Dettagli

Piano Operativo di Sicurezza

Piano Operativo di Sicurezza MODELLO DI Piano Operativo di Sicurezza POS Modello PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO

IMPIANTO FOTOVOLTAICO COMUNE DI NOVEDRATE Ufficio Tecnico IMPIANTO FOTOVOLTAICO PRESSO IL CENTRO SPORTIVO COMUNALE PROGETTO ESECUTIVO ALLEGATO 4: FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE COMMITTENTE: COMUNE DI NOVEDRATE RESP. PROCEDIMENTO:

Dettagli

LAVORAZIONI. Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni

LAVORAZIONI. Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni Cassa Edile LAVORAZIONI Codici da utilizzarsi per la compilazione: Della Sezione B riquadro Lavorazioni NATURA Altro Altro Altro 00 000 000 Costruzioni edili in nuove costruzioni Installazione cantiere

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI. (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106)

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI. (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) ALLEGATO B Comune di Marineo Provincia di PA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: PROGETTO DEI LAVORI

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Recinzione con tubi, pannelli o rete...3 Recinzione con cavalletti mobili o bande colorate...4 Attrezzature e macchine, carico e scarico dal mezzo

Dettagli

ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico "U. Foscolo"

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico U. Foscolo ALLESTIMENTO E ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Realizzazione della recinzione di cantiere e relativi accessi; utilizzo di reti e/o pannelli in metallo e/o tavole in legno Uso della mazza Uso di rete, pannelli

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Interventi di risanamento di ponti ubicati sulla SR65 - SP29. Piano di Sicurezza e Coordinamento. R.U.P.: Ing.

PROGETTO ESECUTIVO. Interventi di risanamento di ponti ubicati sulla SR65 - SP29. Piano di Sicurezza e Coordinamento. R.U.P.: Ing. Interventi di risanamento di ponti ubicati sulla SR65 - SP29 PROGETTO ESECUTIVO TAVOLA N. Piano di Sicurezza e Coordinamento 09 _ NOME FILE: 09 - Piano di sicurezza e coordinamento Data redazione elaborato:

Dettagli

COSTI PER LA SICUREZZA

COSTI PER LA SICUREZZA COSTI PER LA SICUREZZA All. XV 4.1-D.Lgs 81/2008 DALL USCITA DELLA 494/96 ESISTE L OBBLIGO DI REDIGERE UN COMPUTO PER LA SICUREZZA CIOE EFFETTUARE UNA VALUTAZIONE DEGLI ONERI PER LA SICUREZZA TALE VALUTAZIONE

Dettagli

I contenuti minimi del PSC e del POS

I contenuti minimi del PSC e del POS D.Lgs.81/08 e succ.m. e i. I contenuti minimi del PSC e del POS Agg: Gennaio 2013 arch.stefano Galati Allegato XV Definizioni a) scelte progettuali ed organizzative: insieme di scelte effettuate in fase

Dettagli

LE DEMOLIZIONI NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

LE DEMOLIZIONI NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI ORDINE DEGLI INGEGNERI BAT LE DEMOLIZIONI NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Domenico SPINAZZOLA Dirigente del Servizio Tecnico della Prevenzione ASL BAT Professore presso l Università degli Studi

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA N Verifica Addetto al controllo 1 Gru a torre Verifica dei comandi, funi, freni, lubrificazione e microswitch di fine corsa

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

AMIANTO: Rimozione amianto - Presentazione piano di lavoro ex art. 59 DUODECIES D.Lgs. 626/94

AMIANTO: Rimozione amianto - Presentazione piano di lavoro ex art. 59 DUODECIES D.Lgs. 626/94 A cosa serve A quale ufficio va inviato Chi deve redigere il piano Quando si deve presentare In quali casi Documentazione da presentare Modalità Cosa fa lo SPISAL Tempi medi di attesa AMIANTO: Rimozione

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015 CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro Modulo n. 1 SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI Collocazione

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

OGGETTO: OPERE DI SALVAGUARDIA IDRAULICA NELL'AREA URBANA DEL TERRITORIO DI TRIGGIANO - DEVIATORE COMMITTENTE: Comune di Triggiano

OGGETTO: OPERE DI SALVAGUARDIA IDRAULICA NELL'AREA URBANA DEL TERRITORIO DI TRIGGIANO - DEVIATORE COMMITTENTE: Comune di Triggiano ALLEGATO B Comune di Triggiano Provincia di Ba ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Probabilità ed entità del danno, valutazione dell' al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs aprile n., Art. e Allegato XV) - (D.Lgs

Dettagli

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Tramonti Provincia di SA DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: REALIZZAZIONE

Dettagli