CONTRATTO D APPALTO, D OPERA, DI SOMMINISTRAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO D APPALTO, D OPERA, DI SOMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 TRM S.p.A. Via Gorini Torino CONTRATTO D APPALTO, D OPERA, DI SOMMINISTRAZIONE INFORMAZIONE SUI RISCHI PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PRESENTI NEL SITO E SULLE MISURE DI TUTELA E VERIFICA DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE Redatto ai sensi dell art. 26, c. 1, a-b), D. lgs. n. 81/08 NORME COMPORTAMENTALI Versione: aprile 2014 COMMITTENTE: Mauro Pergetti Redatto in collaborazione con il Servizio di Prevenzione e Protezione TRM S.p.A. Pag. 1 a 11

2 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI INFORMAZIONI GENERALI Attività svolta dal Committente (TRM S.p.A.) Definizioni Servizio di Prevenzione e Protezione e recapiti utili Accesso al sito Controllo accesso ai locali aziendali ed all area di lavoro del sito Circolazione pedonale in aree esterne Circolazione dei veicoli: norme generali e procedure specifiche Parcheggio e Sosta dei veicoli all interno del sito Emergenze Introduzione di materiali e di attrezzature nel sito Impianti tecnici di servizio utilizzabili dalla Ditta Incaricata VERIFICA DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE E RACCOLTA INFORMAZIONI PER VERIFICARE LA POSSIBILE PRESENZA DI INTERFERENZE E DEI RELATIVI RISCHI INFORMAZIONI SUI RISCHI PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PRESENTI NEL SITO: METODOLOGIA E RISULTATI MISURE DI TUTELA DA ADOTTARE NEL CORSO DELLE ATTIVITÀ PRESSO SITO TRM S.p.A Delimitazione della zona di lavoro Organizzazione della zona di lavoro Misure da applicare per non compromettere la sicurezza dei lavoratori presenti nella zona di lavoro Divieti generali da adottare all interno dello stabilimento Misure di tutela da adottare per l accesso ai locali / aree del sito ALLEGATI Pag. 2 a 11

3 PLANIMETRIA Magazzino & Officina Portale controllo radioattivo Pese Torri di raffreddamento Ingresso mezzi Area ricevimento e stoccaggio rifiuti Palazzina staff tecnico Area demi ed antincendio Area turbina Area caldaie e trattamento fumi Edificio teleriscaldamento Sottostazione elettrica Camino Prolungamento via Gorini Palazzina amministrazione Tecnici & visitatori Portineria Area stoccaggio scorie Area stoccaggio ceneri e reagenti Spogliatoio Stazione gas metano Pag. 3 a 11

4 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Obiettivo del presente documento è quello di dare corso agli obblighi prescritti all art. 26 del D. Lgs. N. 81/08, ed in particolare: raccogliere le informazioni ed i documenti per eseguire la verifica dell idoneità tecnico professionale delle Ditte Incaricate che intervengono all interno del sito; fornire ai medesimi soggetti informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate; raccogliere le informazioni per promuovere eventualmente la collaborazione ed il coordinamento fra i soggetti che operano per i lavori oggetto dell appalto mediante predisposizione del Documento unico di valutazione dei rischi, in caso non si possano escludere interferenze ed i conseguenti rischi 2. INFORMAZIONI GENERALI 2.1. Attività svolta dal Committente (TRM S.p.A.) All interno dell impianto vene svolta attività di: incenerimento rifiuti non pericolosi; trattamento dei fumi; stoccaggio residui della combustione e del trattamento fumi; produzione energia elettrica; annesse attività di tipo amministrativo Definizioni Ditte Incaricate: Referente del contratto: comprende tutte le imprese, diverse dalla TRM S.p.A., ed i lavoratori autonomi che partecipano alla realizzazione dei lavori, servizi o forniture oggetto della specifica commessa, relativa ad un contratto d appalto, d opera o somministrazione sia in qualità di appaltatori, che di subappaltatori. individua l incaricato (all interno di TRM S.p.A.) di tenere i rapporti con le Ditte Incaricate per lo specifico contratto d appalto, d opera o di somministrazione Servizio di Prevenzione e Protezione e recapiti utili Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Recapito telefonico Recapito interno (da telefoni interni TRM S.p.A.) Gianluca SARTO GUARDIOLA PALAZZINA AMMINISTRATIVA SALA CONTROLLO Accesso al sito L accesso pedonale e con mezzi al sito deve avvenire tramite l ingresso principale di Via Gorini 50 (ingresso tecnici & visitatori in Planimetria); è consentito l accesso ai soli mezzi destinati all espletamento dei lavori o servizi oggetto dell appalto, In funzione delle esigenze legate all attività da svolgere è previsto l accesso al sito nei seguenti orari: Giorni feriali, ore diurne. Sabato, giorni festivi e ore notturne: solo se in possesso di specifica autorizzazione del personale di riferimento interno.. Altri casi, solo se in possesso di specifica autorizzazione del personale di riferimento interno. IL PERSONALE DELLE DITTE INCARICATE NON SI DEVE TRATTENERE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO AL DI FUORI DELL ORARIO STABILITO SE NON ESPRESSAMENTE AUTORIZZATO Pag. 4 a 11

5 2.5. Controllo accesso ai locali aziendali ed all area di lavoro del sito L accesso all area in cui dovranno operare le Ditte Incaricate deve essere sempre autorizzato dal Referente del Contratto. Il personale della Ditta Incaricata, il primo giorno di lavoro, deve essere sempre accompagnato nell area di lavoro dal Referente del Contratto. E VIETATO ACCEDERE ALL INTERNO DEL SITO DI TRM S.p.A. SENZA AVER RICEVUTO SPECIFICA AUTORIZZAZIONE DA PARTE DEL REFERENTE DEL CONTRATTO 2.6. Circolazione pedonale in aree esterne Camminare sempre lungo i percorsi opportunamente segnalati ed attraversare le vie di circolazione utilizzando i passaggi pedonali individuati con specifica segnaletica orizzontale e solamente dopo essersi accertati che non sopraggiungano mezzi di trasporto e d opera. E vietato stazionare o camminare nelle zone di transito, parcheggio e lavoro degli automezzi e/o dei mezzi di sollevamento/trasporto, nonché nelle zone di deposito Circolazione dei veicoli: norme generali e procedure specifiche Rispettare le norme sulla circolazione stradale. Rispettare le norme particolari per la circolazione interna, ovvero: seguire i percorsi per la circolazione dei veicoli e rispettare quanto richiamato dalla segnaletica di sicurezza presente; procedere a bassa velocità (passo d uomo), anche considerate le condizioni al contorno (presenza eventuale di pedoni, situazione meteorologica, ); se necessario, annunciare a mezzo segnale acustico la propria presenza; se la visibilità nella zona del trasporto non è completa il conduttore del mezzo deve farsi assistere da un altro operatore a terra che preceda il mezzo e fornisca le segnalazioni necessarie: l operatore a terra dovrà indossare indumenti ad alta visibilità (perlomeno gilet); In particolare prestare attenzione alla possibile presenza: di pedoni in movimento; di altri veicoli in movimento (automezzi, carrelli elevatori, pale gommate, caricatori,.) Parcheggio e Sosta dei veicoli all interno del sito Il parcheggio dei veicoli all interno del sito deve avvenire solo ed esclusivamente nelle aree appositamente destinate a tale scopo ed è consentito solo per i mezzi necessari allo svolgimento dell attività oggetto dell appalto. La sosta temporanea all interno delle aree del sito è consentita solo ed esclusivamente per le operazioni di carico/scarico materiali nelle aree appositamente destinate a tale scopo. Qualora per esigenze di lavoro risultasse necessario dover posteggiare o sostare con il proprio automezzo in aree diverse da quelle sopraindicate sarà necessario richiedere specifica autorizzazione al Referente del Contratto. Si ricorda in ogni caso che è vietato: Posteggiare o lasciare in sosta anche solo temporanea i propri autoveicoli in prossimità di attrezzature antincendio, uscite di emergenza, passaggi e vie di transito o portoni. Lasciare abbandonati i mezzi in moto senza presidio Emergenze E sempre possibile che sul luogo di lavoro ove si sta operando si determini una situazione di emergenza (incendio, esplosione, infortunio, malore,. ma anche cataclismi naturali come terremoto, inondazione, ). Al riguardo si osserva che sono stati incaricati i lavoratori addetti all attuazione delle misure di prevenzione incendi e di primo soccorso. I lavoratori delle Ditte Incaricate devono prendere visione delle planimetrie di evacuazione e delle procedure di emergenza, anche consultandosi eventualmente con il Referente del Contratto nel corso del primo accesso, individuando perlomeno l uscita di sicurezza più vicina al luogo dove si svolge l attività ed il punto di raduno. Pag. 5 a 11

6 Tutti i casi di emergenza di cui i lavoratori delle Ditte Incaricate siano testimoni, come ad esempio un principio d incendio, il malore di un lavoratore, devono essere segnalati agli incaricati specifici, ai numeri di telefono indicati al paragrafo 1.3. Di seguito, alcune norme comportamentali di prevenzione e protezione: E disposto il divieto di fumo nei locali chiusi in tutto il sito. E disposto il divieto di utilizzare fiamme libere, fonti di calore o scintille (lavori a caldo), salvo la richiesta di permesso di lavoro. Non svuotare eventuali portacenere nei cestini dei rifiuti. Non lasciare cavi elettrici in tensione quando non necessario. Non usare ciabatte, prese e spine non di tipo industriale. Non usare prolunghe elettriche improvvisate o non idonee allo scopo. Sostituire immediatamente eventuali spine o prese che presentino bruciature, rammollimenti, cavi spellati o deteriorati, ecc.. Tenere lontano da possibili inneschi (portacenere, collegamenti elettrici, termoconvettori, ecc....) eventuali prodotti infiammabili (carta, diluenti, colle, ecc....). Tenere l ambiente di lavoro il più possibile pulito ed ordinato. Non rimuovere gli estintori e gli altri dispositivi per la lotta all emergenza dal loro posto indicato dal cartello adeguato. Tenere sgombri gli accessi agli estintori ed agli altri dispositivi per la lotta all emergenza per un immediato prelievo. Non utilizzare gli ascensori in caso di evacuazione di emergenza Introduzione di materiali e di attrezzature nel sito L introduzione nel sito di materiali, macchinari, attrezzature ed utensili di proprietà delle Ditte Incaricate dovrà essere fatto in osservanza della normativa di prevenzione infortuni vigente e se del caso delle norme interne di riferimento. La custodia delle attrezzature e dei materiali di proprietà delle Ditte Incaricate all interno del sito sarà completamente a cura e rischio delle Ditte Incaricate medesime, che dovranno provvedere alle relative incombenze. Si ricorda comunque che ogni accertata responsabilità da parte delle Ditte Incaricate per incidenti o danni nei confronti di dipendenti TRM S.p.A. o di terzi, di impianti, macchinari e altri beni, per quanto attiene alla custodia ed all impiego di attrezzature e materiali, sarà ad esclusivo carico delle Ditte Incaricate stesse Impianti tecnici di servizio utilizzabili dalla Ditta Incaricata Le Ditte Incaricate possono utilizzare gli impianti tecnici di servizio della TRM S.p.A. quali linee di alimentazione elettrica, impianto dell aria compressa ed impianto acqua potabile/industriale se espressamente autorizzate dal Referente del contratto, fermo restando che l allacciamento agli impianti tecnici deve essere eseguito utilizzando solo ed esclusivamente i punti di alimentazione consentiti, chiedendo eventualmente informazioni al Referente del Contratto. Si ricorda inoltre che: è obbligo del personale delle Ditte Incaricate verificare l'idoneità e la funzionalità degli impianti e dei dispositivi di sicurezza dal punto di allacciamento al punto di utilizzo; è necessario porre attenzione a non realizzare in nessun caso collegamenti non rispondenti alle regole di buona tecnica; se i sistemi di allacciamento alle reti energetiche dovessero divenire ostacolo per l'attività del Committente o la viabilità intorno all'area di lavoro, la situazione va segnalata mediante installazione di delimitazioni e/o opportuna cartellonistica. Pag. 6 a 11

7 3. VERIFICA DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE E RACCOLTA INFORMAZIONI PER VERIFICARE LA POSSIBILE PRESENZA DI INTERFERENZE E DEI RELATIVI RISCHI Le Ditte Incaricate che ricevono la presente informativa sono tenute a compilare il modello di Raccolta dati e autocertificazione dei requisiti di idoneità tecnico professionale in allegato n. 2, ed a farlo pervenire al servizio TRM indicato nella comunicazione di accompagnamento, unitamente ai documenti ivi richiamati. Inoltre, le Ditte Incaricate che sono autorizzate al subappalto sono tenute a far compilare il medesimo modello dai subappaltatori ed a farlo pervenire al medesimo servizio TRM (direttamente o attraverso il subappaltatore), unitamente ai documenti ivi richiamati. Saranno autorizzate all accesso al sito solo le Ditte Incaricate che avranno attuato quanto sopra, e per le quali la verifica documentale avrà dato esito positivo. 4. INFORMAZIONI SUI RISCHI PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PRESENTI NEL SITO: METODOLOGIA E RISULTATI La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza presenti nel sito (luoghi di lavoro, locali tecnici, piazzali ed aree di transito) è stata condotta in modo sistematico, tenendo conto della realtà aziendale specifica, del ciclo produttivo, degli agenti fisici, chimici e biologici eventualmente presenti nei luoghi di lavoro e della loro concentrazione, oltreché delle situazioni strutturali e delle attività direttamente svolte dal personale della Committenza eventualmente in concomitanza alle attività delle Ditte Incaricate. Obiettivo della valutazione è identificare i rischi presenti all interno delle aree di lavoro e di transito, stimandone l entità allo scopo di evidenziare ai lavoratori delle Ditte Incaricate le varie situazioni con rischio presenti sottolineandone la rilevanza. I risultati della valutazione dei rischi sono quindi stati parametrizzati, in funzione della probabilità di accadimento dell evento negativo e della gravità presumibile dei danni conseguenti, con la scala di rischio TRASCURABILE, BASSO, MEDIO, ALTO, ma tenendo conto in particolare di dare maggiore rilevanza a quelle situazioni che potrebbero determinare danni ingenti (morte o lesioni importanti permanenti): D P Trascurabile Modesto Notevole Ingente Improbabile TRASCURABILE TRASCURABILE BASSO MEDIO Possibile TRASCURABILE BASSO MEDIO ALTO Probabile BASSO BASSO MEDIO ALTO Molto probabile BASSO MEDIO ALTO ALTO Criteri di valutazione: PROBABILITÀ Improbabile: Possibile: Probabile: Molto probabile: il determinarsi dell evento negativo non può essere del tutto escluso, ma è difficile che accada (se ne prevede l accadimento solo in condizioni anormali prevedibili, es. malore distrazione del lavoratore esterno) il determinarsi dell evento negativo non può essere escluso, ed è prevedibile che accada, anche se raramente (se ne prevede l accadimento solo in seguito a condizioni che si verificano raramente) il determinarsi dell evento negativo è prevedibile, anche se solo in certe condizioni di lavoro (in tal caso, se ne prevede l accadimento abbastanza frequentemente) il determinarsi dell evento negativo è prevedibile in condizioni normali di lavoro DANNO trascurabile: modesto: notevole: ingente: piccole abrasioni, taglietti o malori che possono essere immediatamente curati ferite, ammaccature, tagli o malori che richiedono l intervento medico professionale danno irreversibile di carattere permanente, oppure che determina prognosi molto lunga danno grave irreversibile di carattere permanente oppure morte del lavoratore Il metodo sopra descritto non viene applicato quando è invece possibile condurre una stima con misurazioni, per cui viene riportato il range dei risultati delle misurazioni condotte. Pag. 7 a 11

8 Per quanto riguarda il RISCHIO INCENDIO, si comunica che tale rischio è quantificato come BASSO, salvo nei casi seguenti: MEDIO Officina Locale deodorizzatore Raccolta rifiuti (fossa) Locale caldaie Area silos reagenti chimici Locale silos carbone attivo Locale turbina (comprendente anche i locali della caldaia ausiliaria e della caldaia di avviamento) Zona AT/MT esterna Locali quadri elettrici BT/MT della zona AT/MT esterna Stazione gas metano Per quanto riguarda il RISCHIO DI FORMAZIONE ATMOSFERE ESPLOSIVE, si comunica che tale rischio è stato valutato relativamente alle seguenti sorgenti: rete gas naturale, armadi batterie stazionarie, zona caldaia, silo carbone attivo, sistema di conversione urea, centraline oleodinamiche, impianto di compressione e fornitura dell'idrogeno. L eventuale presenza di aree classificate è evidenziata in loco mediante opportuna segnaletica di sicurezza. Per gli altri rischi per la salute e sicurezza i risultati della valutazione sono riassunti nella tabella in Allegato n. 1; tale tabella contiene: L elenco dei LUOGHI (locali/aree) cui si riferiscono le informazioni sui rischi riportate nella tabella. L elenco dei possibili RISCHI RESIDUI e la loro quantificazione in ogni luogo esaminato: in alcuni casi è stato possibile quantificare i rischi secondo le metodologie sopra richiamate; in altri casi, è stato possibile al momento solo indicare la presenza / assenza del rischio; il simbolo X indica che un determinato rischio è presente in uno specifico locale, ma che non si è provveduto a quantificarlo. Pag. 8 a 11

9 5. MISURE DI TUTELA DA ADOTTARE NEL CORSO DELLE ATTIVITÀ PRESSO SITO TRM S.p.A Delimitazione della zona di lavoro L'area destinata alle attività oggetto dell appalto ovvero le aree che presentano rischi specifici in conseguenza dell esecuzione dei lavori (come ad esempio l area sottostante ad un trabattello utilizzato dalla Ditta Incaricata) dovranno essere opportunamente segnalate (con segnaletica di sicurezza quali cartelli di divieto, pericolo, prescrizione) e se del caso delimitate fisicamente con idonei sistemi quali ad esempio catenelle/bandelle rosso/bianche, transenne o recinzioni in modo tale da impedire completamente che i lavoratori della TRM S.p.A. o altro personale presente all interno dello stabilimento possano venire a contatto con eventuali pericoli o condizioni di pericolo Organizzazione della zona di lavoro Regole e precauzioni generali da adottare: permanere / transitare solo nelle aree di propria competenza, e dove necessario per eseguire le attività oggetto dell incarico; disporre le attrezzature e i materiali necessari allo svolgimento del lavoro solo all interno della zona di lavoro; i materiali depositati vicino a vie di transito, con superfici appuntite o spigolose vanno segnalati a mezzo cartelli con bandelle a strisce bianche e rosse; non stoccare i materiali utilizzati per lo svolgimento dei lavori oggetto di appalto sulle vie di transito e sulle vie di fuga aziendali; qualora fosse necessario disporre di aree di stoccaggio, richiedere espressamente alla Committenza di concedere in uso aree idonee; non usare in nessun caso materiale e attrezzature di proprietà della Committenza; non avvicinarsi ad impianti, macchine in funzione o aree di lavoro se non espressamente autorizzati; mantenere costantemente ordinate e pulite le aree di lavoro e le vie di transito; non creare intralci e disagi al personale della Committenza o di altre imprese esterne/lavoratori autonomi operanti all interno del sito; si ricorda in merito che nell'area di lavoro e/o nelle sue immediate adiacenze potrà essere presente con continuità e contemporaneamente al personale dell Impresa esterna personale della TRM S.p.A. o altre ditte prestanti servizi alla TRM S.p.A.; non depositare materiali infiammabili nelle aree di lavoro; provvedere, al termine dei lavori, a sgomberare e pulire l area di lavoro dai materiali e da altri impedimenti che possano intralciare il normale lavoro e costituire pericolo per il personale della Committenza; si ricorda in merito che eventuali rifiuti, compresi eventuali scarichi idrici prodotti dalla Ditta Incaricata, non devono essere depositati all interno dello stabilimento ma devono essere prontamente allontanati e smaltiti a carico della Ditta Incaricata autonomo stessa secondo la normativa di legge; se vengono utilizzati ponteggi o scale, e non è stato possibile delimitare tutta l'area di lavoro, assicurarsi che perlomeno l area sottostante alla zona di lavoro in altezza sia segnalata da recinzioni con catenelle o bandelle a strisce; in questo caso, posizionare segnaletica che indichi il Pericolo di caduta oggetti dall alto ; in caso dopo la conclusione della propria attività permangano situazioni di rischio legate all attività eseguita (come ad esempio il pavimento scivoloso in quanto bagnato), la situazione deve essere segnalata e le segnalazioni asportate solo quando è possibile riutilizzare l area di lavoro senza rischi da parte del personale della Committenza e degli altri lavoratori presenti Misure da applicare per non compromettere la sicurezza dei lavoratori presenti nella zona di lavoro non seguire metodi di lavoro tali da comportare fasi o posizioni di equilibrio statico o dinamico instabile che possano creare proiezione di materiali o oggetti provocando danno alle persone: operare solo e sempre secondo le metodologie rese note dal proprio Datore di Lavoro; le attrezzature utilizzate in zone sopraelevate devono garantire posizioni di sicurezza; le attrezzature manuali utilizzate durante le attività in zone sopraelevate devono essere dotate di sistema di aggancio anticaduta in grado di evitare la loro caduta; predisporre opportune aspirazioni localizzate ogni qualvolta le attività oggetto di appalto possano comportare l emissione di gas, fumi e/o polveri ed in ogni caso ventilare il locale se possibile; Pag. 9 a 11

10 non compiere i propria iniziativa, manovre o operazioni che non siano di propria competenza o per le quali non si sia autorizzati Divieti generali da adottare all interno dello stabilimento DIVIETI Si ricorda il DIVIETO di FUMARE all interno di tutti i locali del sito. Si ricorda il DIVIETO di USARE FIAMME LIBERE all interno dei locali del sito (salvo espressa autorizzazione per i lavori a caldo). Si ricorda il DIVIETO DI ACCESSO AL PERSONALE NON AUTORIZZATO all interno dei locali dove espressamente indicato dalla apposita segnaletica ed in particolare all interno dei locali tecnici. Si ricorda il DIVIETO DI CONSUMARE CIBI E BEVANDE nei locali al di fuori delle aree appositamente destinate a tale scopo (aree ristoro) Misure di tutela da adottare per l accesso ai locali / aree del sito LOCALE 01. GUARDIOLA INGRESSO (UFFICIO) NO NO NO NO 02. GUARDIOLA INGRESSO (AREA ACCESSO ESTERNO) SI NO NO NO 03. PORTINERIA E PESE (UFFICI) NO NO NO NO 04. PORTINERIA E PESE (AREA ACCESSO ESTERNO) SI NO NO NO 05. MAGAZZINI SI NO NO NO 06. UFFICI RICEVIMENTO NO NO NO NO 07. OFFICINA SI NO NO NO 08. DEPOSITO BOMBOLE SALDATURA SI NO NO NO 09. RICEVIMENTO RIFIUTI (AVANFOSSA R.S.U.) SI SI NO NO 10. RICEVIMENTO RIFIUTI (AVANFOSSA R.S.U. INGOMBRANTI) SI SI NO NO 11. RICEVIMENTO RIFIUTI (AVANFOSSA R.S.U. RADIOATTIVI) SI SI NO NO 12. RICEVIMENTO RIFIUTI (LOCALE COMANDO CESOIA) SI NO NO NO 12bis. RACCOLA RIFIUTI (FOSSA) SI SI SI SI 13. RACCOLTA SCORIE (AREA FOSSA SCORIE) SI SI NO NO 14. RACCOLTA SCORIE (TETTOIA CASSONI RIFIUTI AUTOPRODOTTI) SI SI NO NO 15. LOCALE COMPRESSORI SI SI NO NO 16. LOCALE DEODORIZZATORE SI SI NO NO 17. PERCORSO VISITATORI NO NO NO NO 18. LOCALE MANUTENTORI NO NO NO NO 19. LOCALE CALDAIE SI SI NO NO 20. LOCALE TURBINA SI SI NO NO 21. LOCALE EX-TELERISCALDAMENTO SI SI NO NO 22. CABINA RIDUZIONE SALTO SI SI NO NO 23. LOCALI MISURE NO SI NO NO 24. LOCALE CAMPIONAMENTO NO NO NO NO 25. LOCALE TRATTAMENTO FUMI SI SI NO NO 26. CABINA ANALISI FUMI NO NO NO 27. CAMINO (LOCALI TECNICI) SI SI NO NO 27bis. CAMINO (PASSERELLA ESTERNA) SI NO NO NO 28. CAMINO (TERRAZZA PANORAMICA) NO NO NO NO 29. TORRI EVAPORATIVE SI SI SI SI 30. AREA SILOS REAGENTI CHIMICI SI SI NO NO 31. LOCALE SILOS CARBONE ATTIVO SI SI NO NO 32. SALA CONTROLLO NO NO NO NO 33. LOCALI GRUISTI NO NO NO NO 34. UFFICI, SALE RIUNIONI E ACCOGLIENZA VISITATORI NO NO NO NO 35. ARCHIVI NO NO NO NO 36. DEPOSITI UFFICI NO NO NO NO 37. LOCALE CONTROLLO DI PROCESSO SI NO NO NO Pag. 10 a 11

11 38. CENTRALE TECNOLOGICA SI NO NO NO 39. LOCALE AUTOCLAVE SI NO NO NO 40. LOCALE UTA SI SI NO NO 41. LOCALE HVAC SI SI NO NO 42. LOCALI IMPIANTI CDZ E IDROSANITARI SI NO NO NO 43. LOCALI TECNICI SI SI NO NO 44. LOCALE BOMBOLE GAS TECNICI SI NO NO NO 45. LOCALI BOMBOLE ANTINCENDIO SI NO NO NO 46. SERVIZI IGIENICO-ASSISTENZIALI NO NO NO NO 47. SPOGLIATOI E DOCCE NO NO NO NO 48. SALE RISTORO NO NO NO NO 49. LOCALI TRASFORMATORI SI SI NO NO 50. LOCALI UPS SICUREZZA E PROCESSO SI SI NO NO 51. LOCALE RADDRIZZATORI SI SI NO NO 52. LOCALE DCS SI SI NO NO 53. LOCALI QUADRI ELETTRICI BT/MT SI SI NO NO 54. ZONA AT/MT ESTERNA SI SI NO NO 55. LOCALE ANTINCENDIO SI SI NO NO 56. LOCALE ACQUA DEMINERALIZZATA SI SI NO NO 57. AREE SERBATOI SI SI NO NO 58. STAZIONE GAS METANO (PIATTAFORMA IMPIANTI) SI SI NO NO 59. LOCALE DIESEL EMERGENZA SI SI NO NO 60. VASCHE CHEMICALS SI SI NO NO 61. LOCALE UNIECO SI SI NO NO 62. LOCALE POMPA SAP SI SI NO NO 63. CUNICOLO DI ISPEZIONE FOSSA SI SI NO NO 64. CUNICOLO TECNICO SI SI NO NO 65. AUTORIMESSA NO NO NO NO 66. VASCHE INTERRATE SI SI NO NO 67. COPERTURE SI SI NO NO 68. VIE DI TRANSITO, PIAZZALI, PARCHEGGI NO NO NO NO LEGENDA Obbligo di indossare le SCARPE ANTINFORTUNISTICHE (EN 20345) Obbligo di indossare il CASCO DI PROTEZIONE (EN 397) Obbligo di indossare gli OCCHIALI DI SICUREZZA (EN 166) Obbligo di indossare la TUTA IN TYVEK (EN 14126) 6. ALLEGATI Allegato 1 Elenco rischi per luogo di lavoro Allegato 2 Raccolta dati e autocertificazione dei requisiti di idoneità tecnico professionale Pag. 11 a 11

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

A.G.E.C. Onoranze Funebri S.p.A. VERONA

A.G.E.C. Onoranze Funebri S.p.A. VERONA A.G.E.C. Onoranze Funebri S.p.A. VERONA APPALTO PER FORNITURA DI COFANI DI TIPO ECONOMICO PER ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (ALL. 1/A) DOCUMENTO

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Provincia di Firenze DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi del: D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - art. 26 In riferimento a: Servizio di pulizia degli uffici comunali Da

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Comune di Lugo Piazza dei Martiri n. 1 Lugo 48022 (RA) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi del: D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - art. 26 Riferimento ai Servizi di accoglienza,

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. CLI:1608 Committente: COMUNITA MONTANA DELL ESINO-FRASASSI via DANTE, FABRIANO - (AN) 0732-6951 Ditta Appaltatrice: ragione sociale indirizzo recapito telefonico e fax OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

NORME COMPORMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER AUTISTI CHE TRASPORTANO ACQUA DEMINERALIZZATA O FANGHI BIOLOGICI

NORME COMPORMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER AUTISTI CHE TRASPORTANO ACQUA DEMINERALIZZATA O FANGHI BIOLOGICI NORME COMPORMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER AUTISTI CHE TRASPORTANO ACQUA DEMINERALIZZATA O FANGHI BIOLOGICI Pag. 1 di 13 1.0 PREMESSA INDICE 2.0 NORME COMPORTAMENTALI GENERALI 3.0 PITTOGRAMMI

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI Azienda committente Ubaldo Campagnola di Avio A.P.S.P. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Appalto/Contratto d opera Servizio

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

Comune di Schio DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI

Comune di Schio DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI Comune di Schio DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI Informazione sui rischi residui ai sensi dell art. 26 comma 3 T. U. D. Lgs. 81/08 Appalto dei Servizi Cimiteriali del Comune di Schio

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO DI FERRARA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO DI FERRARA PAG. 1 DI 7 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO DI FERRARA APPENDICE A6 RISCHI PRESENTI NELL IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI (WTE) DEPOSITO PRELIMINARE

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare (art. 26 del D.Lgs. 81/2008 s.m.i.) OGGETTO DEL CONTRATTO: AFFIDAMENTO, PER DUE MESI, DEL SERVIZIO DI TRASPORTO INFERMI E DIALIZZATI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER GLI APPALTI PRESSO I LOCALI DI BRESCIA TRASPORTI S.p.A.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER GLI APPALTI PRESSO I LOCALI DI BRESCIA TRASPORTI S.p.A. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER GLI APPALTI PRESSO I LOCALI DI BRESCIA TRASPORTI S.p.A. (ai sensi del D. Lgs. 81/08 art. 26 e D.Lgs. 106/09 Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

DUVRI (DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZE) AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS 81/08

DUVRI (DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZE) AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS 81/08 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA AREA PATRIMONIO E SERVIZI ECONOMALI UFFICIO PATRIMONIO IMMOBILIARE SETTORE VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CAPITOLATO SPECIALE GARA DIGITAL SIGNAGE CONCESSIONE DI SERVIZIO PER

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA OBIETTIVI L impresa CERIOLI S.r.l. è da sempre attenta alle problematiche della sicurezza e della salute dei lavoratori in ambiente lavorativo. Gli obiettivi dell azienda sono: avere un anno di lavoro

Dettagli

COMUNE DI PARTANNA LIBERO CONSORZIO DI TRAPANI

COMUNE DI PARTANNA LIBERO CONSORZIO DI TRAPANI COMUNE DI PARTANNA LIBERO CONSORZIO DI TRAPANI CITTA D ARTE E TURISTICA AREA IV SERVIZI ALLA PERSONA ALLEGATO AL CAPITOLATO SERVIZIO ASSISTENZA ALL AUTONOMIA, ALLA COMUNICAZIONE E PER I SOGGETTI PORTATORI

Dettagli

SL ES 01147. RT - Relazioni. SLV - Sicurezza sul Lavoro 04/05/2012 ETQ-00018007. SL - Saluggia

SL ES 01147. RT - Relazioni. SLV - Sicurezza sul Lavoro 04/05/2012 ETQ-00018007. SL - Saluggia ETQ-0187 RT - Relazioni SLV - Sicurezza sul Lavoro 04/05/2012 SL - Saluggia specifici di area per la fornitura di un sistema per il monitoraggio dei materiali provenienti dal emissione Il sistema informatico

Dettagli

IL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I)

IL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I) IL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I) INFORMAZIONE SUI RISCHI PRESENTI NELL AMBIENTE DI LAVORO MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DI INTERFERENZE

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE DI LAVORO

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) SERVIZIO DI MANUTENZIONE HARDWARE E SOFTWARE DEL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I.

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Oggetto dell appalto: Contratto per la gestione dell impianto sportivo calcistico Aldo Nelli in località Oste Dirigente/

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Agenzia Lucana di Sviluppo e Innovazione in Agricoltura - Viale Carlo Levi n. 6/i - Matera DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/08) Gara per la fornitura

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 Dlgs 81/2008 e Dlgs. 106/2009)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 Dlgs 81/2008 e Dlgs. 106/2009) COMUNE DI VICENZA Settore Provveditorato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 Dlgs 81/2008 e Dlgs. 106/2009) SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E TRASLOCO DEGLI UFFICI SOPPRESSI DELLA

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Stabilimento di Levate (BG) via Caravaggi. Azienda a rischio di incidente rilevante ai sensi del D.Lgs. 334/99 e s.m.i. NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Versione in italiano. 1. ACCESSO ALLO STABILIMENTO

Dettagli

A.M.I.U. GENOVA s.p.a.

A.M.I.U. GENOVA s.p.a. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 7, c.3, D.Lgs 626/94, come modificato dall art. 3, c 1, lett. A della L.123/07, art. 26 Testo Unico sulla sicurezza 81/08) RIFERIMENTO

Dettagli

Documento unico valutazione rischi da interferenza (DUVRI)

Documento unico valutazione rischi da interferenza (DUVRI) pag. 1/8 Reggio Emilia, gennaio 2013 Identificativi azienda: Iren Emilia Iren Ambiente Iren Rinnovabili Enìa Reggio Emilia Enìa Parma Enìa Piacenza Enìatel IRIDE SERVIZI Resp. SPP Aggiornamento DUVRI n

Dettagli

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * *

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * Allegato 9 Documento unico di valutazione dei rischi derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DI PROPRIETÀ DELLA FONDAZIONE ENPAM SITI IN MILANO E PROVINCIA COMMITTENTE DATI RELATIVI

APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DI PROPRIETÀ DELLA FONDAZIONE ENPAM SITI IN MILANO E PROVINCIA COMMITTENTE DATI RELATIVI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 del d.lgs. 9 aprile 2008 n. 81 APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA DEI COMPLESSI

Dettagli

COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI SAN DAMIANO E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE

COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI SAN DAMIANO E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE DATA 16/10/2006 1 / 12 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1. SCOPO, CAMPO D APPLICAZIONE E RIFERIMENTI...2 2. NORME GENERALI...2 3. NORME PARTICOLARI...3

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs. 106/2009)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs. 106/2009) COMUNE DI VICENZA Settore Provveditorato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs. 106/2009) SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E TRASLOCO DI ARREDI E ATTREZZATURE

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Art. 26. Redazione Servizio Prevenzione e Protezione. Stato -/--/--/---/X P = Proposta; A = Attivo; T = Temporaneamente -/--/--/RXX/-

D.Lgs. 81/08. Art. 26. Redazione Servizio Prevenzione e Protezione. Stato -/--/--/---/X P = Proposta; A = Attivo; T = Temporaneamente -/--/--/RXX/- D.Lgs. 81/08 Art. 26 Documento preliminare di valutazione dei rischi e informazione sui rischi specifici, esistenti in ambito ferroviario [sede ferroviaria (piazzali, linea, P.L.), locali tecnologici,

Dettagli

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice DICHIARAZIONE DEL DATORE DI LAVORO DELL IMPRESA APPALTATRICE IN MERITO AL POSSESSO DEI REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI OBBLIGATORI

Dettagli

INFN - SEZIONE DI PAVIA Via Agostino Bassi, 6-27100 Pavia Via ferrata,2/4-27100 Pavia

INFN - SEZIONE DI PAVIA Via Agostino Bassi, 6-27100 Pavia Via ferrata,2/4-27100 Pavia Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Pavia INFN - SEZIONE DI PAVIA Via Agostino Bassi, 6-27100 Pavia Via ferrata,2/4-27100 Pavia Persone di Riferimento: DATORE DI LAVORO: Direttore della Sezione

Dettagli

DUVRI RISONANZA MAGNETICA

DUVRI RISONANZA MAGNETICA AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO GAETANO PINI DUVRI RISONANZA MAGNETICA Art. 26 D.Lgs 81/2008 D. LGS 81/2008 SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ANNO 2008 Preparato da Verificato da Approvato da

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE, COORDINAMENTO E ISTRUZIONI DI SICUREZZA SUI RISCHI D'AMBIENTE E INTERFERENZIALI PER LE ATTIVITA LAVORATIVE PREVISTE

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE, COORDINAMENTO E ISTRUZIONI DI SICUREZZA SUI RISCHI D'AMBIENTE E INTERFERENZIALI PER LE ATTIVITA LAVORATIVE PREVISTE COMUNE DI TRIESTE ------------- Servizio Centrale Prevenzione e Protezione FASCICOLO N. 1380 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE, COORDINAMENTO E ISTRUZIONI DI SICUREZZA SUI RISCHI D'AMBIENTE E INTERFERENZIALI PER

Dettagli

Automobile Club d Italia

Automobile Club d Italia ALLEGATO 2 Automobile Club d Italia GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI AD USO UFFICIO E MAGAZZINO DEGLI UFFICI PROVINCIALI ACI SEDE DI MILANO, TORINO, ROMA E NAPOLI E SEDE ACI CSAI

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PERIODO: ANNI 2013 E 2014

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA DIPARTIMENTO CIRCOLAZIONE MONETARIA SERVIZIO BANCONOTE (855) DIVISIONE QUALITA', AMBIENTE E SICUREZZA SUL LAVORO (046) Rifer. a nota n. del Classificazione XIII 8 1 Oggetto DUVRI - Attività di dismissione

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA SICUREZZA DA PARTE DEI PRESTATORI DI OPERA IN APAM

RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA SICUREZZA DA PARTE DEI PRESTATORI DI OPERA IN APAM 4 01.02. 2014 5 1 RISPETTO DELL'AMBIENTE E DELLA SICUREZZA DA PARTE DEI PRESTATORI DI OPERA IN APAM SOMMARIO 1. Scopo 2. Categoria di fornitori da tenere sotto controllo 3. Responsabilità 4. Controllo

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA

GESTIONE DELLA SICUREZZA ASM S.p.A. AMBIENTE SERVIZI MOBILITA Via Galcianese 15, 59100 Prato SERVIZIO DI GESTIONE IMPIANTO DI SELEZIONE E TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI, SPECIALI ASSIMILATI E SPECIALI NON PERICOLOSI AI FINI DELLA

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

COMMITTENTE DATI RELATIVI. Indicazione e ruolo Nominativo Recapito ed indirizzo DITTA DATI RELATIVI

COMMITTENTE DATI RELATIVI. Indicazione e ruolo Nominativo Recapito ed indirizzo DITTA DATI RELATIVI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 del d.lgs. 9 aprile 2008 n. 81 APPALTO DI SERVIZI DI PORTINERIA/ RECEPTION

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO PAG. 1 DI 5 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO APPENDICE A1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELL IMPIANTO DI TRASFERIMENTO RIFIUTI INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE

Dettagli

COMUNE DI BONO. C.A.P. 07011 Provincia di Sassari. E-mail combono@tiscalinet.it. Tel. 079/7916900 Fax 079-790116 P.IVA 00197030901

COMUNE DI BONO. C.A.P. 07011 Provincia di Sassari. E-mail combono@tiscalinet.it. Tel. 079/7916900 Fax 079-790116 P.IVA 00197030901 Allegato 1 COMUNE DI ONO C.A.P. 07011 Provincia di Sassari E-mail combono@tiscalinet.it Tel. 079/7916900 Fax 079-790116 P.IVA 00197030901 SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELLE SCUOLE DELL

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE RSK002 Rev. 4 FOGLIO 2 di 11 PREMESSA La presente RSK 002 viene fornita al Conferitore all atto della stipula del contratto ed è suo onere trasferire le informazioni ivi contenute ai trasportatori da lui

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) Il presente documento unico di valutazione dei rischi da interferenze è redatto ai fini dell adempimento

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 09/04/08 n 81 art.26, comma 3-ter

Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 09/04/08 n 81 art.26, comma 3-ter Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 09/04/08 n 81 art.26, comma 3-ter DATI RELATIVI AL COMMITTENTE RAGIONE SOCIALE : Comune di Cavezzo INDIRIZZO Via Cavour, 36 ATTIVITA

Dettagli

COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI SAN DAMIANO E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE

COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI SAN DAMIANO E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE DATA 16/10/2006 1 / 13 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1. SCOPO, CAMPO D APPLICAZIONE E RIFERIMENTI... 2 2. NORME GENERALI... 2 3. NORME PARTICOLARI... 3 3.1.

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia

Città di Portogruaro Provincia di Venezia Città di Portogruaro Provincia di Venezia DUVRI AREA ISTRUZIONE CULTURA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE APPALTO SERVIZIO FORNITURA PASTI VEICOLATI PER MENSE SCOLASTICHE E PASTI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI REDATTO AI SENSI DELL ART 26 C. 3 DEL D.LGS. 9 APRILE 2008 N. 81.

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI REDATTO AI SENSI DELL ART 26 C. 3 DEL D.LGS. 9 APRILE 2008 N. 81. !"##$ %&'() %* &'(+ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI REDATTO AI SENSI DELL ART 26 C. 3 DEL D.LGS. 9 APRILE 2008 N. 81. 1) DATI RELATIVI AL COMMITTENTE Ragione sociale: A.G.E.C.

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI CONDOMINIO LECCO 2001 TORRE Viale Montegrappa, 20 - Lecco Amministrazione ISOLAGO GESTIMMOBILI In collaborazione con: VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento unico costituito da 15 pagine Si richiede l apposizione

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione

DUVRI Documento Unico di Valutazione DUVRI Documento Unico di Valutazione Rischi Interferenti D. Lgs. 81/08 integrato con il D. Lgs. 106/09 Committente Lavori di Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Servizio di pulizia locali

Dettagli

Informazioni specifiche area esterna

Informazioni specifiche area esterna ALLEGATO 5 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica Fiesole il. Spett.le... (denominazione e indirizzo ditta / Impresa incaricata di eseguire il lavoro in appalto) OGGETTO :

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

COMUNE DI SCARLINO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI SCARLINO PROVINCIA DI GROSSETO Appalto di servizi per la gestione del canile comprensoriale sito in loc. la Botte per un periodo di cinque anni D.U.V.R.I. Indice del documento 1 Riferimenti legislativi 2 Committente 3 Affidamento del

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA IL RETTORE LA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO 1 INTRODUZIONE Il piano di emergenza costituisce

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZE TRA IMPRESE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZE TRA IMPRESE (D.U.V.R.I.) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZE TRA IMPRESE (D.U.V.R.I.) Ai sensi dell Art. 26, Comma 3 del D. Lgs. 81/2008 SISSA Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati Via

Dettagli

Procedure per la gestione in sicurezza degli appalti (Art.7 D.lgs. 626/94)

Procedure per la gestione in sicurezza degli appalti (Art.7 D.lgs. 626/94) REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania Servizio Prevenzione e Protezione Procedure per la gestione in sicurezza

Dettagli

COMUNE DI NEMI (PROVINCIA DI ROMA) PIAZZA DEL MUNICIPIO N 9-00040 NEMI TEL 06/9365011-06/9365012 - FAX 06/9368071

COMUNE DI NEMI (PROVINCIA DI ROMA) PIAZZA DEL MUNICIPIO N 9-00040 NEMI TEL 06/9365011-06/9365012 - FAX 06/9368071 COMUNE DI NEMI (PROVINCIA DI ROMA) PIAZZA DEL MUNICIPIO N 9-00040 NEMI TEL 06/9365011-06/9365012 - FAX 06/9368071 WWW.NEMI.RM.GOV.IT GARA RELATIVA AL SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER GLI ALUNNI DELLE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Servizio di Prevenzione e Protezione Via Celso Ulpiani (ex palazzo CEDAM) 70125 BARI (Italia) Tel. +39.080.5712425-6 Fax +39.080.5712427 Università degli Studi di Bari Aldo MORO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008) Firenze

INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008) Firenze DUVRI Documento Unico Valutazione Rischio Interferenze INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008) Azienda Committente: Università degli

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Allegato al capitolato speciale d appalto DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D. Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE PER

Dettagli

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo

Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo Pag. 1 di 7 Norme di comportamento del personale autorizzato a lavorare nei locali del Servizio di Calcolo PREMESSA Questa nota e indirizzata al personale dipendente dell INFN e/o ad esso assimilato che

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER GLI APPALTI PRESSO I LOCALI DI BRESCIA MOBILITA S.p.A.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER GLI APPALTI PRESSO I LOCALI DI BRESCIA MOBILITA S.p.A. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER GLI APPALTI PRESSO I LOCALI DI BRESCIA MOBILITA S.p.A. (ai sensi del D.Lgs. 81/08 art 26 e D.Lgs 106/09 Disposizioni e correttive del D.Lgs 81/08)

Dettagli

COMUNE DI BANZI Provincia di Potenza. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) ( art. 26 del D.Lgs. n.

COMUNE DI BANZI Provincia di Potenza. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) ( art. 26 del D.Lgs. n. COMUNE DI BANZI Provincia di Potenza SETTORE AMMINISTRATIVO - SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE Piazza A.Moro n. 1 Tel 0971 947812/22 - fax 0971947825 e-mail : comunedibanzi@hotmail.it comune.banzi@cert.ruparbasilicata.it

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/08 DITTA Sede Legale: Oggetto della manutenzione: SERVIZI DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE SUI PC E PERIFERICHE

Dettagli

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare

Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Informazioni sulla Segnaletica di Sicurezza da adottare Introduzione Poiché, anche a seguito della valutazione effettuata in conformità all art. 4, comma 1, del D.Lvo 626/94, risultano rischi che non possono

Dettagli

Coordinamento tra Datori di Lavoro Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. DUVRI Rev. N 00. (Art. 26 D.Lgs.

Coordinamento tra Datori di Lavoro Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. DUVRI Rev. N 00. (Art. 26 D.Lgs. DOCUMENTO UNIICO I VALUTAZIIONE DEII RIISCHII PER LE ATTIIVIITÀ IINTERFERENTII RELATIIVE ALL APPALTO DEL SERVIIZIIO I ASSIISTENZA DOMIICIILIIARE E GESTIIONE CENTRO IURNO PER ANZIIANII (Art. 26 D.Lgs. 81/2008)

Dettagli

Titolo: Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati. Committente...

Titolo: Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati. Committente... Pagina: 1 Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati Committente... Area interessata dai lavori/servizi:... Oggetto del /servizio:... Il giorno..., sul luogo

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE (Preliminare) (Art. 26 Decreto Legislativo 81/08) GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA MANUTENZIONE

Dettagli

Impresa Appaltatrice: Data: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi

Impresa Appaltatrice: Data: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi 2014 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 9.1 DUVRI semplificato per operatori singoli Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO COMUNE DI PASIAN DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ALLEGATO A D.U.V.R.I. (DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE) (art. 26, comma 3, D.Lgs. n.

Dettagli

3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza

3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza 3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza Per agire con intelligenza l uomo ha tre strade: la prima pensando, e questa è la più nobile, la seconda imitando, e questa è la più facile,

Dettagli

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti )

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti ) MODELLO A2 Allegato A2 Pag 1 di 8 VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE nella consegna e installazione, manutenzione ed assistenza tecnica di apparecchiature, macchine e impianti Nell ambiente in cui

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs. 106/2009)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs. 106/2009) COMUNE DI VICENZA Settore Provveditorato, Gare e Contratti DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONI DEI RISCHI PER INTERFERENZE (Art. 26 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs. 106/2009) SERVIZI DI PULIZIA DELLE SEDI COMUNALI E

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ente Committente COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ditta Appaltatrice DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art.

Dettagli

PROCEDURA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI LAVORI IN APPALTO

PROCEDURA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI LAVORI IN APPALTO PROCEDURA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI LAVORI IN APPALTO E DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA articolo 26 D.Lgs n 81/2008 e s.m.i. Il presente documento e le informazioni in esso

Dettagli

DOCUMENTO UNICO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. FORNITURA REAGENTI CHIMICI DI PROCESSO. Premessa... 2. Dati del Committente...

DOCUMENTO UNICO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. FORNITURA REAGENTI CHIMICI DI PROCESSO. Premessa... 2. Dati del Committente... DOCUMENTO UNICO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. FORNITURA REAGENTI CHIMICI DI PROCESSO Indice Premessa... 2 Dati del Committente... 3 Dati dell Appaltatore... 4 Rischi specifici e norme generali

Dettagli

CENTRO PER L INFANZIA sito in Trento Via Coni Zugna. D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione Rischi attivita' Interferenti

CENTRO PER L INFANZIA sito in Trento Via Coni Zugna. D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione Rischi attivita' Interferenti PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative Via Zambra, 42 Top Center 38100 Trento CENTRO PER L INFANZIA sito in Trento Via Coni Zugna D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione

Dettagli