CONTRATTO D APPALTO, D OPERA, DI SOMMINISTRAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO D APPALTO, D OPERA, DI SOMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 TRM S.p.A. Via Gorini Torino CONTRATTO D APPALTO, D OPERA, DI SOMMINISTRAZIONE INFORMAZIONE SUI RISCHI PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PRESENTI NEL SITO E SULLE MISURE DI TUTELA E VERIFICA DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE Redatto ai sensi dell art. 26, c. 1, a-b), D. lgs. n. 81/08 NORME COMPORTAMENTALI Versione: aprile 2014 COMMITTENTE: Mauro Pergetti Redatto in collaborazione con il Servizio di Prevenzione e Protezione TRM S.p.A. Pag. 1 a 11

2 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI INFORMAZIONI GENERALI Attività svolta dal Committente (TRM S.p.A.) Definizioni Servizio di Prevenzione e Protezione e recapiti utili Accesso al sito Controllo accesso ai locali aziendali ed all area di lavoro del sito Circolazione pedonale in aree esterne Circolazione dei veicoli: norme generali e procedure specifiche Parcheggio e Sosta dei veicoli all interno del sito Emergenze Introduzione di materiali e di attrezzature nel sito Impianti tecnici di servizio utilizzabili dalla Ditta Incaricata VERIFICA DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE E RACCOLTA INFORMAZIONI PER VERIFICARE LA POSSIBILE PRESENZA DI INTERFERENZE E DEI RELATIVI RISCHI INFORMAZIONI SUI RISCHI PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PRESENTI NEL SITO: METODOLOGIA E RISULTATI MISURE DI TUTELA DA ADOTTARE NEL CORSO DELLE ATTIVITÀ PRESSO SITO TRM S.p.A Delimitazione della zona di lavoro Organizzazione della zona di lavoro Misure da applicare per non compromettere la sicurezza dei lavoratori presenti nella zona di lavoro Divieti generali da adottare all interno dello stabilimento Misure di tutela da adottare per l accesso ai locali / aree del sito ALLEGATI Pag. 2 a 11

3 PLANIMETRIA Magazzino & Officina Portale controllo radioattivo Pese Torri di raffreddamento Ingresso mezzi Area ricevimento e stoccaggio rifiuti Palazzina staff tecnico Area demi ed antincendio Area turbina Area caldaie e trattamento fumi Edificio teleriscaldamento Sottostazione elettrica Camino Prolungamento via Gorini Palazzina amministrazione Tecnici & visitatori Portineria Area stoccaggio scorie Area stoccaggio ceneri e reagenti Spogliatoio Stazione gas metano Pag. 3 a 11

4 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Obiettivo del presente documento è quello di dare corso agli obblighi prescritti all art. 26 del D. Lgs. N. 81/08, ed in particolare: raccogliere le informazioni ed i documenti per eseguire la verifica dell idoneità tecnico professionale delle Ditte Incaricate che intervengono all interno del sito; fornire ai medesimi soggetti informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate; raccogliere le informazioni per promuovere eventualmente la collaborazione ed il coordinamento fra i soggetti che operano per i lavori oggetto dell appalto mediante predisposizione del Documento unico di valutazione dei rischi, in caso non si possano escludere interferenze ed i conseguenti rischi 2. INFORMAZIONI GENERALI 2.1. Attività svolta dal Committente (TRM S.p.A.) All interno dell impianto vene svolta attività di: incenerimento rifiuti non pericolosi; trattamento dei fumi; stoccaggio residui della combustione e del trattamento fumi; produzione energia elettrica; annesse attività di tipo amministrativo Definizioni Ditte Incaricate: Referente del contratto: comprende tutte le imprese, diverse dalla TRM S.p.A., ed i lavoratori autonomi che partecipano alla realizzazione dei lavori, servizi o forniture oggetto della specifica commessa, relativa ad un contratto d appalto, d opera o somministrazione sia in qualità di appaltatori, che di subappaltatori. individua l incaricato (all interno di TRM S.p.A.) di tenere i rapporti con le Ditte Incaricate per lo specifico contratto d appalto, d opera o di somministrazione Servizio di Prevenzione e Protezione e recapiti utili Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Recapito telefonico Recapito interno (da telefoni interni TRM S.p.A.) Gianluca SARTO GUARDIOLA PALAZZINA AMMINISTRATIVA SALA CONTROLLO Accesso al sito L accesso pedonale e con mezzi al sito deve avvenire tramite l ingresso principale di Via Gorini 50 (ingresso tecnici & visitatori in Planimetria); è consentito l accesso ai soli mezzi destinati all espletamento dei lavori o servizi oggetto dell appalto, In funzione delle esigenze legate all attività da svolgere è previsto l accesso al sito nei seguenti orari: Giorni feriali, ore diurne. Sabato, giorni festivi e ore notturne: solo se in possesso di specifica autorizzazione del personale di riferimento interno.. Altri casi, solo se in possesso di specifica autorizzazione del personale di riferimento interno. IL PERSONALE DELLE DITTE INCARICATE NON SI DEVE TRATTENERE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO AL DI FUORI DELL ORARIO STABILITO SE NON ESPRESSAMENTE AUTORIZZATO Pag. 4 a 11

5 2.5. Controllo accesso ai locali aziendali ed all area di lavoro del sito L accesso all area in cui dovranno operare le Ditte Incaricate deve essere sempre autorizzato dal Referente del Contratto. Il personale della Ditta Incaricata, il primo giorno di lavoro, deve essere sempre accompagnato nell area di lavoro dal Referente del Contratto. E VIETATO ACCEDERE ALL INTERNO DEL SITO DI TRM S.p.A. SENZA AVER RICEVUTO SPECIFICA AUTORIZZAZIONE DA PARTE DEL REFERENTE DEL CONTRATTO 2.6. Circolazione pedonale in aree esterne Camminare sempre lungo i percorsi opportunamente segnalati ed attraversare le vie di circolazione utilizzando i passaggi pedonali individuati con specifica segnaletica orizzontale e solamente dopo essersi accertati che non sopraggiungano mezzi di trasporto e d opera. E vietato stazionare o camminare nelle zone di transito, parcheggio e lavoro degli automezzi e/o dei mezzi di sollevamento/trasporto, nonché nelle zone di deposito Circolazione dei veicoli: norme generali e procedure specifiche Rispettare le norme sulla circolazione stradale. Rispettare le norme particolari per la circolazione interna, ovvero: seguire i percorsi per la circolazione dei veicoli e rispettare quanto richiamato dalla segnaletica di sicurezza presente; procedere a bassa velocità (passo d uomo), anche considerate le condizioni al contorno (presenza eventuale di pedoni, situazione meteorologica, ); se necessario, annunciare a mezzo segnale acustico la propria presenza; se la visibilità nella zona del trasporto non è completa il conduttore del mezzo deve farsi assistere da un altro operatore a terra che preceda il mezzo e fornisca le segnalazioni necessarie: l operatore a terra dovrà indossare indumenti ad alta visibilità (perlomeno gilet); In particolare prestare attenzione alla possibile presenza: di pedoni in movimento; di altri veicoli in movimento (automezzi, carrelli elevatori, pale gommate, caricatori,.) Parcheggio e Sosta dei veicoli all interno del sito Il parcheggio dei veicoli all interno del sito deve avvenire solo ed esclusivamente nelle aree appositamente destinate a tale scopo ed è consentito solo per i mezzi necessari allo svolgimento dell attività oggetto dell appalto. La sosta temporanea all interno delle aree del sito è consentita solo ed esclusivamente per le operazioni di carico/scarico materiali nelle aree appositamente destinate a tale scopo. Qualora per esigenze di lavoro risultasse necessario dover posteggiare o sostare con il proprio automezzo in aree diverse da quelle sopraindicate sarà necessario richiedere specifica autorizzazione al Referente del Contratto. Si ricorda in ogni caso che è vietato: Posteggiare o lasciare in sosta anche solo temporanea i propri autoveicoli in prossimità di attrezzature antincendio, uscite di emergenza, passaggi e vie di transito o portoni. Lasciare abbandonati i mezzi in moto senza presidio Emergenze E sempre possibile che sul luogo di lavoro ove si sta operando si determini una situazione di emergenza (incendio, esplosione, infortunio, malore,. ma anche cataclismi naturali come terremoto, inondazione, ). Al riguardo si osserva che sono stati incaricati i lavoratori addetti all attuazione delle misure di prevenzione incendi e di primo soccorso. I lavoratori delle Ditte Incaricate devono prendere visione delle planimetrie di evacuazione e delle procedure di emergenza, anche consultandosi eventualmente con il Referente del Contratto nel corso del primo accesso, individuando perlomeno l uscita di sicurezza più vicina al luogo dove si svolge l attività ed il punto di raduno. Pag. 5 a 11

6 Tutti i casi di emergenza di cui i lavoratori delle Ditte Incaricate siano testimoni, come ad esempio un principio d incendio, il malore di un lavoratore, devono essere segnalati agli incaricati specifici, ai numeri di telefono indicati al paragrafo 1.3. Di seguito, alcune norme comportamentali di prevenzione e protezione: E disposto il divieto di fumo nei locali chiusi in tutto il sito. E disposto il divieto di utilizzare fiamme libere, fonti di calore o scintille (lavori a caldo), salvo la richiesta di permesso di lavoro. Non svuotare eventuali portacenere nei cestini dei rifiuti. Non lasciare cavi elettrici in tensione quando non necessario. Non usare ciabatte, prese e spine non di tipo industriale. Non usare prolunghe elettriche improvvisate o non idonee allo scopo. Sostituire immediatamente eventuali spine o prese che presentino bruciature, rammollimenti, cavi spellati o deteriorati, ecc.. Tenere lontano da possibili inneschi (portacenere, collegamenti elettrici, termoconvettori, ecc....) eventuali prodotti infiammabili (carta, diluenti, colle, ecc....). Tenere l ambiente di lavoro il più possibile pulito ed ordinato. Non rimuovere gli estintori e gli altri dispositivi per la lotta all emergenza dal loro posto indicato dal cartello adeguato. Tenere sgombri gli accessi agli estintori ed agli altri dispositivi per la lotta all emergenza per un immediato prelievo. Non utilizzare gli ascensori in caso di evacuazione di emergenza Introduzione di materiali e di attrezzature nel sito L introduzione nel sito di materiali, macchinari, attrezzature ed utensili di proprietà delle Ditte Incaricate dovrà essere fatto in osservanza della normativa di prevenzione infortuni vigente e se del caso delle norme interne di riferimento. La custodia delle attrezzature e dei materiali di proprietà delle Ditte Incaricate all interno del sito sarà completamente a cura e rischio delle Ditte Incaricate medesime, che dovranno provvedere alle relative incombenze. Si ricorda comunque che ogni accertata responsabilità da parte delle Ditte Incaricate per incidenti o danni nei confronti di dipendenti TRM S.p.A. o di terzi, di impianti, macchinari e altri beni, per quanto attiene alla custodia ed all impiego di attrezzature e materiali, sarà ad esclusivo carico delle Ditte Incaricate stesse Impianti tecnici di servizio utilizzabili dalla Ditta Incaricata Le Ditte Incaricate possono utilizzare gli impianti tecnici di servizio della TRM S.p.A. quali linee di alimentazione elettrica, impianto dell aria compressa ed impianto acqua potabile/industriale se espressamente autorizzate dal Referente del contratto, fermo restando che l allacciamento agli impianti tecnici deve essere eseguito utilizzando solo ed esclusivamente i punti di alimentazione consentiti, chiedendo eventualmente informazioni al Referente del Contratto. Si ricorda inoltre che: è obbligo del personale delle Ditte Incaricate verificare l'idoneità e la funzionalità degli impianti e dei dispositivi di sicurezza dal punto di allacciamento al punto di utilizzo; è necessario porre attenzione a non realizzare in nessun caso collegamenti non rispondenti alle regole di buona tecnica; se i sistemi di allacciamento alle reti energetiche dovessero divenire ostacolo per l'attività del Committente o la viabilità intorno all'area di lavoro, la situazione va segnalata mediante installazione di delimitazioni e/o opportuna cartellonistica. Pag. 6 a 11

7 3. VERIFICA DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE E RACCOLTA INFORMAZIONI PER VERIFICARE LA POSSIBILE PRESENZA DI INTERFERENZE E DEI RELATIVI RISCHI Le Ditte Incaricate che ricevono la presente informativa sono tenute a compilare il modello di Raccolta dati e autocertificazione dei requisiti di idoneità tecnico professionale in allegato n. 2, ed a farlo pervenire al servizio TRM indicato nella comunicazione di accompagnamento, unitamente ai documenti ivi richiamati. Inoltre, le Ditte Incaricate che sono autorizzate al subappalto sono tenute a far compilare il medesimo modello dai subappaltatori ed a farlo pervenire al medesimo servizio TRM (direttamente o attraverso il subappaltatore), unitamente ai documenti ivi richiamati. Saranno autorizzate all accesso al sito solo le Ditte Incaricate che avranno attuato quanto sopra, e per le quali la verifica documentale avrà dato esito positivo. 4. INFORMAZIONI SUI RISCHI PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PRESENTI NEL SITO: METODOLOGIA E RISULTATI La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza presenti nel sito (luoghi di lavoro, locali tecnici, piazzali ed aree di transito) è stata condotta in modo sistematico, tenendo conto della realtà aziendale specifica, del ciclo produttivo, degli agenti fisici, chimici e biologici eventualmente presenti nei luoghi di lavoro e della loro concentrazione, oltreché delle situazioni strutturali e delle attività direttamente svolte dal personale della Committenza eventualmente in concomitanza alle attività delle Ditte Incaricate. Obiettivo della valutazione è identificare i rischi presenti all interno delle aree di lavoro e di transito, stimandone l entità allo scopo di evidenziare ai lavoratori delle Ditte Incaricate le varie situazioni con rischio presenti sottolineandone la rilevanza. I risultati della valutazione dei rischi sono quindi stati parametrizzati, in funzione della probabilità di accadimento dell evento negativo e della gravità presumibile dei danni conseguenti, con la scala di rischio TRASCURABILE, BASSO, MEDIO, ALTO, ma tenendo conto in particolare di dare maggiore rilevanza a quelle situazioni che potrebbero determinare danni ingenti (morte o lesioni importanti permanenti): D P Trascurabile Modesto Notevole Ingente Improbabile TRASCURABILE TRASCURABILE BASSO MEDIO Possibile TRASCURABILE BASSO MEDIO ALTO Probabile BASSO BASSO MEDIO ALTO Molto probabile BASSO MEDIO ALTO ALTO Criteri di valutazione: PROBABILITÀ Improbabile: Possibile: Probabile: Molto probabile: il determinarsi dell evento negativo non può essere del tutto escluso, ma è difficile che accada (se ne prevede l accadimento solo in condizioni anormali prevedibili, es. malore distrazione del lavoratore esterno) il determinarsi dell evento negativo non può essere escluso, ed è prevedibile che accada, anche se raramente (se ne prevede l accadimento solo in seguito a condizioni che si verificano raramente) il determinarsi dell evento negativo è prevedibile, anche se solo in certe condizioni di lavoro (in tal caso, se ne prevede l accadimento abbastanza frequentemente) il determinarsi dell evento negativo è prevedibile in condizioni normali di lavoro DANNO trascurabile: modesto: notevole: ingente: piccole abrasioni, taglietti o malori che possono essere immediatamente curati ferite, ammaccature, tagli o malori che richiedono l intervento medico professionale danno irreversibile di carattere permanente, oppure che determina prognosi molto lunga danno grave irreversibile di carattere permanente oppure morte del lavoratore Il metodo sopra descritto non viene applicato quando è invece possibile condurre una stima con misurazioni, per cui viene riportato il range dei risultati delle misurazioni condotte. Pag. 7 a 11

8 Per quanto riguarda il RISCHIO INCENDIO, si comunica che tale rischio è quantificato come BASSO, salvo nei casi seguenti: MEDIO Officina Locale deodorizzatore Raccolta rifiuti (fossa) Locale caldaie Area silos reagenti chimici Locale silos carbone attivo Locale turbina (comprendente anche i locali della caldaia ausiliaria e della caldaia di avviamento) Zona AT/MT esterna Locali quadri elettrici BT/MT della zona AT/MT esterna Stazione gas metano Per quanto riguarda il RISCHIO DI FORMAZIONE ATMOSFERE ESPLOSIVE, si comunica che tale rischio è stato valutato relativamente alle seguenti sorgenti: rete gas naturale, armadi batterie stazionarie, zona caldaia, silo carbone attivo, sistema di conversione urea, centraline oleodinamiche, impianto di compressione e fornitura dell'idrogeno. L eventuale presenza di aree classificate è evidenziata in loco mediante opportuna segnaletica di sicurezza. Per gli altri rischi per la salute e sicurezza i risultati della valutazione sono riassunti nella tabella in Allegato n. 1; tale tabella contiene: L elenco dei LUOGHI (locali/aree) cui si riferiscono le informazioni sui rischi riportate nella tabella. L elenco dei possibili RISCHI RESIDUI e la loro quantificazione in ogni luogo esaminato: in alcuni casi è stato possibile quantificare i rischi secondo le metodologie sopra richiamate; in altri casi, è stato possibile al momento solo indicare la presenza / assenza del rischio; il simbolo X indica che un determinato rischio è presente in uno specifico locale, ma che non si è provveduto a quantificarlo. Pag. 8 a 11

9 5. MISURE DI TUTELA DA ADOTTARE NEL CORSO DELLE ATTIVITÀ PRESSO SITO TRM S.p.A Delimitazione della zona di lavoro L'area destinata alle attività oggetto dell appalto ovvero le aree che presentano rischi specifici in conseguenza dell esecuzione dei lavori (come ad esempio l area sottostante ad un trabattello utilizzato dalla Ditta Incaricata) dovranno essere opportunamente segnalate (con segnaletica di sicurezza quali cartelli di divieto, pericolo, prescrizione) e se del caso delimitate fisicamente con idonei sistemi quali ad esempio catenelle/bandelle rosso/bianche, transenne o recinzioni in modo tale da impedire completamente che i lavoratori della TRM S.p.A. o altro personale presente all interno dello stabilimento possano venire a contatto con eventuali pericoli o condizioni di pericolo Organizzazione della zona di lavoro Regole e precauzioni generali da adottare: permanere / transitare solo nelle aree di propria competenza, e dove necessario per eseguire le attività oggetto dell incarico; disporre le attrezzature e i materiali necessari allo svolgimento del lavoro solo all interno della zona di lavoro; i materiali depositati vicino a vie di transito, con superfici appuntite o spigolose vanno segnalati a mezzo cartelli con bandelle a strisce bianche e rosse; non stoccare i materiali utilizzati per lo svolgimento dei lavori oggetto di appalto sulle vie di transito e sulle vie di fuga aziendali; qualora fosse necessario disporre di aree di stoccaggio, richiedere espressamente alla Committenza di concedere in uso aree idonee; non usare in nessun caso materiale e attrezzature di proprietà della Committenza; non avvicinarsi ad impianti, macchine in funzione o aree di lavoro se non espressamente autorizzati; mantenere costantemente ordinate e pulite le aree di lavoro e le vie di transito; non creare intralci e disagi al personale della Committenza o di altre imprese esterne/lavoratori autonomi operanti all interno del sito; si ricorda in merito che nell'area di lavoro e/o nelle sue immediate adiacenze potrà essere presente con continuità e contemporaneamente al personale dell Impresa esterna personale della TRM S.p.A. o altre ditte prestanti servizi alla TRM S.p.A.; non depositare materiali infiammabili nelle aree di lavoro; provvedere, al termine dei lavori, a sgomberare e pulire l area di lavoro dai materiali e da altri impedimenti che possano intralciare il normale lavoro e costituire pericolo per il personale della Committenza; si ricorda in merito che eventuali rifiuti, compresi eventuali scarichi idrici prodotti dalla Ditta Incaricata, non devono essere depositati all interno dello stabilimento ma devono essere prontamente allontanati e smaltiti a carico della Ditta Incaricata autonomo stessa secondo la normativa di legge; se vengono utilizzati ponteggi o scale, e non è stato possibile delimitare tutta l'area di lavoro, assicurarsi che perlomeno l area sottostante alla zona di lavoro in altezza sia segnalata da recinzioni con catenelle o bandelle a strisce; in questo caso, posizionare segnaletica che indichi il Pericolo di caduta oggetti dall alto ; in caso dopo la conclusione della propria attività permangano situazioni di rischio legate all attività eseguita (come ad esempio il pavimento scivoloso in quanto bagnato), la situazione deve essere segnalata e le segnalazioni asportate solo quando è possibile riutilizzare l area di lavoro senza rischi da parte del personale della Committenza e degli altri lavoratori presenti Misure da applicare per non compromettere la sicurezza dei lavoratori presenti nella zona di lavoro non seguire metodi di lavoro tali da comportare fasi o posizioni di equilibrio statico o dinamico instabile che possano creare proiezione di materiali o oggetti provocando danno alle persone: operare solo e sempre secondo le metodologie rese note dal proprio Datore di Lavoro; le attrezzature utilizzate in zone sopraelevate devono garantire posizioni di sicurezza; le attrezzature manuali utilizzate durante le attività in zone sopraelevate devono essere dotate di sistema di aggancio anticaduta in grado di evitare la loro caduta; predisporre opportune aspirazioni localizzate ogni qualvolta le attività oggetto di appalto possano comportare l emissione di gas, fumi e/o polveri ed in ogni caso ventilare il locale se possibile; Pag. 9 a 11

10 non compiere i propria iniziativa, manovre o operazioni che non siano di propria competenza o per le quali non si sia autorizzati Divieti generali da adottare all interno dello stabilimento DIVIETI Si ricorda il DIVIETO di FUMARE all interno di tutti i locali del sito. Si ricorda il DIVIETO di USARE FIAMME LIBERE all interno dei locali del sito (salvo espressa autorizzazione per i lavori a caldo). Si ricorda il DIVIETO DI ACCESSO AL PERSONALE NON AUTORIZZATO all interno dei locali dove espressamente indicato dalla apposita segnaletica ed in particolare all interno dei locali tecnici. Si ricorda il DIVIETO DI CONSUMARE CIBI E BEVANDE nei locali al di fuori delle aree appositamente destinate a tale scopo (aree ristoro) Misure di tutela da adottare per l accesso ai locali / aree del sito LOCALE 01. GUARDIOLA INGRESSO (UFFICIO) NO NO NO NO 02. GUARDIOLA INGRESSO (AREA ACCESSO ESTERNO) SI NO NO NO 03. PORTINERIA E PESE (UFFICI) NO NO NO NO 04. PORTINERIA E PESE (AREA ACCESSO ESTERNO) SI NO NO NO 05. MAGAZZINI SI NO NO NO 06. UFFICI RICEVIMENTO NO NO NO NO 07. OFFICINA SI NO NO NO 08. DEPOSITO BOMBOLE SALDATURA SI NO NO NO 09. RICEVIMENTO RIFIUTI (AVANFOSSA R.S.U.) SI SI NO NO 10. RICEVIMENTO RIFIUTI (AVANFOSSA R.S.U. INGOMBRANTI) SI SI NO NO 11. RICEVIMENTO RIFIUTI (AVANFOSSA R.S.U. RADIOATTIVI) SI SI NO NO 12. RICEVIMENTO RIFIUTI (LOCALE COMANDO CESOIA) SI NO NO NO 12bis. RACCOLA RIFIUTI (FOSSA) SI SI SI SI 13. RACCOLTA SCORIE (AREA FOSSA SCORIE) SI SI NO NO 14. RACCOLTA SCORIE (TETTOIA CASSONI RIFIUTI AUTOPRODOTTI) SI SI NO NO 15. LOCALE COMPRESSORI SI SI NO NO 16. LOCALE DEODORIZZATORE SI SI NO NO 17. PERCORSO VISITATORI NO NO NO NO 18. LOCALE MANUTENTORI NO NO NO NO 19. LOCALE CALDAIE SI SI NO NO 20. LOCALE TURBINA SI SI NO NO 21. LOCALE EX-TELERISCALDAMENTO SI SI NO NO 22. CABINA RIDUZIONE SALTO SI SI NO NO 23. LOCALI MISURE NO SI NO NO 24. LOCALE CAMPIONAMENTO NO NO NO NO 25. LOCALE TRATTAMENTO FUMI SI SI NO NO 26. CABINA ANALISI FUMI NO NO NO 27. CAMINO (LOCALI TECNICI) SI SI NO NO 27bis. CAMINO (PASSERELLA ESTERNA) SI NO NO NO 28. CAMINO (TERRAZZA PANORAMICA) NO NO NO NO 29. TORRI EVAPORATIVE SI SI SI SI 30. AREA SILOS REAGENTI CHIMICI SI SI NO NO 31. LOCALE SILOS CARBONE ATTIVO SI SI NO NO 32. SALA CONTROLLO NO NO NO NO 33. LOCALI GRUISTI NO NO NO NO 34. UFFICI, SALE RIUNIONI E ACCOGLIENZA VISITATORI NO NO NO NO 35. ARCHIVI NO NO NO NO 36. DEPOSITI UFFICI NO NO NO NO 37. LOCALE CONTROLLO DI PROCESSO SI NO NO NO Pag. 10 a 11

11 38. CENTRALE TECNOLOGICA SI NO NO NO 39. LOCALE AUTOCLAVE SI NO NO NO 40. LOCALE UTA SI SI NO NO 41. LOCALE HVAC SI SI NO NO 42. LOCALI IMPIANTI CDZ E IDROSANITARI SI NO NO NO 43. LOCALI TECNICI SI SI NO NO 44. LOCALE BOMBOLE GAS TECNICI SI NO NO NO 45. LOCALI BOMBOLE ANTINCENDIO SI NO NO NO 46. SERVIZI IGIENICO-ASSISTENZIALI NO NO NO NO 47. SPOGLIATOI E DOCCE NO NO NO NO 48. SALE RISTORO NO NO NO NO 49. LOCALI TRASFORMATORI SI SI NO NO 50. LOCALI UPS SICUREZZA E PROCESSO SI SI NO NO 51. LOCALE RADDRIZZATORI SI SI NO NO 52. LOCALE DCS SI SI NO NO 53. LOCALI QUADRI ELETTRICI BT/MT SI SI NO NO 54. ZONA AT/MT ESTERNA SI SI NO NO 55. LOCALE ANTINCENDIO SI SI NO NO 56. LOCALE ACQUA DEMINERALIZZATA SI SI NO NO 57. AREE SERBATOI SI SI NO NO 58. STAZIONE GAS METANO (PIATTAFORMA IMPIANTI) SI SI NO NO 59. LOCALE DIESEL EMERGENZA SI SI NO NO 60. VASCHE CHEMICALS SI SI NO NO 61. LOCALE UNIECO SI SI NO NO 62. LOCALE POMPA SAP SI SI NO NO 63. CUNICOLO DI ISPEZIONE FOSSA SI SI NO NO 64. CUNICOLO TECNICO SI SI NO NO 65. AUTORIMESSA NO NO NO NO 66. VASCHE INTERRATE SI SI NO NO 67. COPERTURE SI SI NO NO 68. VIE DI TRANSITO, PIAZZALI, PARCHEGGI NO NO NO NO LEGENDA Obbligo di indossare le SCARPE ANTINFORTUNISTICHE (EN 20345) Obbligo di indossare il CASCO DI PROTEZIONE (EN 397) Obbligo di indossare gli OCCHIALI DI SICUREZZA (EN 166) Obbligo di indossare la TUTA IN TYVEK (EN 14126) 6. ALLEGATI Allegato 1 Elenco rischi per luogo di lavoro Allegato 2 Raccolta dati e autocertificazione dei requisiti di idoneità tecnico professionale Pag. 11 a 11

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Scienze dell Alimentazione

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali Ministero per i Beni e le attività Culturali Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Via Guido Reni, 4a - Roma DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs 81/08)

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori PRESENTAZIONE La presente pubblicazione si inserisce nell'ambito delle iniziative

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA AllEA PATllIMONIO E SERVIZI FCONOMAU SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) Ai sensi dell'art. 26 del D. Lgs. 81/08 COMMITTENTE: Sapienza Università

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli