REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato in giallo e barrato doppio Testo Aggiunto = Grassetto corsivo Luglio 2014 Testo approvato nella seduta del C.C. luglio 2014 con deliberazione n.

2 MODIFICA ad alcuni ARTICOLI del REGOLAMENTO EDILIZIO Comunale. L'Amministrazione Comunale a seguito di richieste pervenute da parte di cittadini, circa la necessità di modificare ed integrare alcuni articoli del presente regolamento edilizio al fine di chiarire meglio l applicazione della norma per gli interventi riguardanti in particolare: 1. installazione di manufatti precari ed arredi da giardino nelle aree pertinenziali degli edifici esistenti; 2. possibilità di incrementare il bonus, già previsto dal regolamento edilizio, in termini di superficie utile lorda SUL per i cittadini che si rendono autonomi circa la produzione di energia elettrica attraverso l utilizzo di sistemi fotovoltaici; 3. parti degli edifici che concorrono al calcolo della SUL; 4. migliore utilizzo dei sottotetti dei fabbricati mediante la possibilità di realizzare tramezzature interne; 5. migliore utilizzo dei locali interrati o seminterrati dei fabbricati mediante la possibilità di realizzare tramezzature interne. L ufficio pianificazione a seguito delle indicazioni e volontà date dall amministrazione propone le modifiche di seguito riportate.

3 TESTO VIGENTE ART. 26 SUPERFICIE UTILE LORDA (S.U.L.) 1. Per superficie utile lorda si intende la somma delle superfici lorde di tutti i piani fuori terra delimitati dal perimetro esterno delle murature, e delle superfici lorde degli eventuali locali abitabili, parzialmente o totalmente interrati. 2. Sono comprese nel calcolo della S.U.L.: Negli edifici pluripiano la superficie dei locali nel sottotetto di altezza media superiore a ml 2,00 misurata dal pavimento all intradosso del solaio di copertura; nel caso di orditura complessa, il riferimento è costituito dall orditura secondaria; Negli edifici, o parti degli stessi, con un solo piano fuori terra la superficie dei locali nel sottotetto per la sola porzione avente altezza superiore a ml 2,00, misurata dal pavimento all intradosso del solaio di copertura; nel caso di orditura complessa, il riferimento è costituito dall orditura secondaria; la superficie dei locali sottotetto di coperture piane o a falde aventi inclinazione variabile in modo discontinuo; la superficie dei locali accessori o di servizio posti entro terra o controterra, computata in proporzione diretta alla loro emergenza dal piano di campagna o, a seconda dei casi, dal piano di riferimento, ove il volume della parte fuori terra ecceda il terzo del volume complessivo dei locali; il 50% delle logge, dei porticati e delle zone a pilotis di uso privato dei fabbricati a destinazione industriale-artigianale. 3. Sono esclusi dal calcolo della S.U.L.: le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso pubblico, da assoggettare, preliminarmente all inizio dei lavori, a stipula di apposita Convenzione o Atto unilaterale d obbligo da trascrivere a cura e spese del soggetto operatore, che ne stabilisca la pubblica destinazione e ne impedisca qualsiasi diversa destinazione; le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso privato, fino a ad un massimo di mq 30 per ciascuna unità immobiliare residenziale; l eccedenza è computata al 50%; le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso privato dei fabbricati a destinazione commerciale, direzionale e turistico-ricettiva fino ad un massimo non superiore al 10% della SUL di progetto; l eccedenza è computata al 50%; i balconi con sporgenza non superiore a ml 2,00 e le terrazze; i vani scala e i vani ascensore, le cui dimensioni siano limitate ai minimi funzionali o normativi richiesti; i rimessaggi, le autorimesse e i posti macchina al coperto nella misura minima prescritta dalla legislazione vigente e comunque fino ad un massimo di mq 24 per ogni unità immobiliare, altezza massima interna ed esterna non oltre ml. 2,40 e costituiti da unico locale; i locali dei volumi tecnici; 4. Nel caso di edifici realizzati secondo i criteri della bioedilizia e del risparmio energetico sono esclusi dal calcolo della S.U.L.: il maggior spessore nei muri perimetrali rispetto a centimetri trenta, fino ad un massimo di ulteriori centimetri venticinque, a condizione che il maggior spessore contribuisca al miglioramento dei livelli di coibentazione termo-acustica o di inerzia termica, da documentarsi da parte di professionista abilitato, in una relazione allegata, così come disposto dall art. 8, comma 3, del DPR 26/8/93, n 412 e dall art. 28 della L. 9/1/91, n 10; Un incremento non superiore al 5% della S.U.L., per gli edifici che si rendano autonomi per la produzione di energia elettrica attraverso l utilizzo di sistemi fotovoltaici. L autonomia rispetto alla rete elettrica nazionale dovrà essere attestata da tecnico abilitato; La realizzazione del sistema solare passivo denominato serra solare nella misura massima del 10% della superficie utile lorda, esclusivamente per la residenza, alle seguenti condizioni: a) che in una relazione tecnica allegata, a firma di professionista abilitato, sia determinata, tenuto conto

4 dell irraggiamento solare, su tutta la stagione di riscaldamento, la misura del guadagno energetico perseguito, cioè la differenza fra l energia dispersa in assenza della serra (Qo) e quella dispersa in presenza della serra (Q), dovendo risultare che Qo Q/Qo sia uguale o superiore al 25% (i calcoli, sia per l energia dispersa che per l irraggiamento solare, devono essere sviluppati secondo le norme UNI e 10349, così come disposto dall art. 8, comma 3, del DPR 26/8/93, n 412); b) che le superfici di tamponamento e di copertura della serra siano integralmente trasparenti, ad esclusione della sola struttura; c) che siano previsti un adeguata apribilità e sistemi mobili di ombreggiamento per evitare il surriscaldamento estivo; d) che la serra non sia dotata di alcun impianto di riscaldamento, e sia termicamente isolabile dall edificio servito. TESTO VARIATO ART. 26 SUPERFICIE UTILE LORDA (S.U.L.) 1. Per superficie utile lorda si intende la somma delle superfici lorde di tutti i piani fuori terra delimitati dal perimetro esterno delle murature, e delle superfici lorde degli eventuali locali abitabili, parzialmente o totalmente interrati. 2. Sono comprese nel calcolo della S.U.L.: Negli edifici pluripiano o parti di essi la superficie dei locali nel sottotetto di altezza media superiore a ml 2,00 misurata dal pavimento all intradosso del solaio di copertura; nel caso di orditura complessa, il riferimento è costituito dall orditura secondaria; Negli edifici, o parti degli stessi, con un solo piano fuori terra la superficie dei locali nel sottotetto per la sola porzione avente altezza superiore a ml 2,00, misurata dal pavimento all intradosso del solaio di copertura; nel caso di orditura complessa, il riferimento è costituito dall orditura secondaria; la superficie dei locali sottotetto di coperture piane o a falde aventi inclinazione variabile in modo discontinuo; la superficie dei locali accessori o di servizio posti entro terra o controterra, computata in proporzione diretta alla loro emergenza dal piano di campagna o, a seconda dei casi, dal piano di riferimento, ove il volume della parte fuori terra ecceda il terzo del volume complessivo dei locali; il 50% delle logge, dei porticati e delle zone a pilotis di uso privato dei fabbricati a destinazione industriale-artigianale. 3. Sono esclusi dal calcolo della S.U.L.: le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso pubblico, da assoggettare, preliminarmente all inizio dei lavori, a stipula di apposita Convenzione o Atto unilaterale d obbligo da trascrivere a cura e spese del soggetto operatore, che ne stabilisca la pubblica destinazione e ne impedisca qualsiasi diversa destinazione; le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso privato, fino a ad un massimo di mq 30 per ciascuna unità immobiliare residenziale; l eccedenza è computata al 50%; le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso privato dei fabbricati a destinazione commerciale, direzionale e turistico-ricettiva fino ad un massimo non superiore al 10% della SUL di progetto; l eccedenza è computata al 50%; i balconi con sporgenza non superiore a ml 2,00 e le terrazze; i vani scala e i vani ascensore, le cui dimensioni siano limitate ai minimi funzionali o normativi richiesti; i rimessaggi, le autorimesse e i posti macchina al coperto nella misura minima prescritta dalla legislazione vigente e comunque fino ad un massimo di mq 24 per ogni unità immobiliare, altezza massima interna ed esterna non oltre ml. 2,40 e costituiti da unico locale;

5 nella civile abitazione i locali dei volumi tecnici fuori terra fino ad un altezza media di 2,40 ml ed aventi una SUL massima fino a mq. 4,00; 4. Nel caso di edifici realizzati secondo i criteri della bioedilizia e del risparmio energetico sono esclusi dal calcolo della S.U.L.: il maggior spessore nei muri perimetrali rispetto a centimetri trenta, fino ad un massimo di ulteriori centimetri venticinque, a condizione che il maggior spessore contribuisca al miglioramento dei livelli di coibentazione termo-acustica o di inerzia termica, da documentarsi da parte di professionista abilitato, in una relazione allegata, così come disposto dall art. 8, comma 3, del DPR 26/8/93, n 412 e dall art. 28 della L. 9/1/91, n 10; Un incremento non superiore al 5% 10% della S.U.L., per gli edifici che si rendano autonomi per la produzione di energia elettrica attraverso l utilizzo di sistemi fotovoltaici. L autonomia rispetto alla rete elettrica nazionale dovrà essere attestata da tecnico abilitato; La realizzazione del sistema solare passivo denominato serra solare nella misura massima del 10% della superficie utile lorda, esclusivamente per la residenza, alle seguenti condizioni: a) che in una relazione tecnica allegata, a firma di professionista abilitato, sia determinata, tenuto conto dell irraggiamento solare, su tutta la stagione di riscaldamento, la misura del guadagno energetico perseguito, cioè la differenza fra l energia dispersa in assenza della serra (Qo) e quella dispersa in presenza della serra (Q), dovendo risultare che Qo Q/Qo sia uguale o superiore al 25% (i calcoli, sia per l energia dispersa che per l irraggiamento solare, devono essere sviluppati secondo le norme UNI e 10349, così come disposto dall art. 8, comma 3, del DPR 26/8/93, n 412); b) che le superfici di tamponamento e di copertura della serra siano integralmente trasparenti, ad esclusione della sola struttura; c) che siano previsti un adeguata apribilità e sistemi mobili di ombreggiamento per evitare il surriscaldamento estivo; d) che la serra non sia dotata di alcun impianto di riscaldamento, e sia termicamente isolabile dall edificio servito. TESTO VIGENTE ART. 47 OPERE E PARCHEGGI DI PERTINENZA DEI FABBRICATI 1. I proprietari di immobili possono realizzare nelle aree pertinenziali al fabbricato: nel sottosuolo di esse, nel sottosuolo dei fabbricati ovvero nei locali siti al piano terreno, parcheggi da destinare a pertinenza delle singole unità immobiliari; autorimesse pertinenziali, esclusivamente per i fabbricati destinati alla civile abitazione, una per ogni unità immobiliare; campi da tennis e piscine, esclusivamente per i fabbricati di civile abitazione o ad uso ricettivo, nei giardini e negli spazi aperti; 2. Le piscine sono consentite con le seguenti prescrizioni: per gli stabilimenti balneari si fa riferimento al Piano Particolareggiato dell Arenile; dovranno mantenere il miglior rapporto con l'andamento del terreno, in nessun punto il bordo superiore della piscina dovrà discostarsi di oltre 50 cm dalla quota originaria del terreno; se poste in area extraurbana, dovranno rispettare gli allineamenti del tessuto agrario: muri a retta, alberature, filari e sistemazioni in genere. Eventuali schermature e piantumazioni dovranno utilizzare specie tipiche della zona, o comunque paesaggisticamente compatibili.

6 3. Per quanto attiene alle zone agricole, le piscine costituiscono pertinenza al fabbricato principale, che viene attestata anche da atto unilaterale d obbligo che dovrà stabilire di non alienare separatamente la piscina dall unità immobiliare cui è servito, quando: si trovano a distanza dal fabbricato non superiore a ml. 20,00; hanno la superficie dello specchio d acqua non superiore al 50% della SUL di progetto o esistente e comunque non superiore a mq TESTO VARIATO ART. 47 OPERE, PARCHEGGI E MANUFATTI DI PERTINENZA DEI FABBRICATI 1. I proprietari di immobili possono realizzare nelle aree pertinenziali al fabbricato: nel sottosuolo di esse, nel sottosuolo dei fabbricati ovvero nei locali siti al piano terreno, parcheggi da destinare a pertinenza delle singole unità immobiliari; autorimesse pertinenziali, esclusivamente per i fabbricati destinati alla civile abitazione, una per ogni unità immobiliare; campi da tennis e piscine, esclusivamente per i fabbricati di civile abitazione o ad uso ricettivo, nei giardini e negli spazi aperti; 2. opere di sistemazione delle aree scoperte di pertinenza degli edifici, finalizzati ad un miglior godimento dell'immobile, eseguiti senza titolo edilizio (attività di edilizia libera) e più precisamente: Formazione o modifica di aree pavimentate scoperte, lastrici solari, aree a parcheggio e simili; Realizzazione di piccoli forni/barbecue da giardino alle seguenti condizioni e prescrizioni: collocati nell area di pertinenza e posti ad almeno a mt. 5,00 dai fabbricati confinanti ed almeno a ml 1,50 dai confini di proprietà; potranno essere di tipo prefabbricato o realizzati in muratura ed avere una superficie massima non superiore a mq 2,00 ed altezza complessiva di canna fumaria ml 1,90; Realizzazione di piccoli manufatti precari realizzati con strutture in legno verniciato, semplicemente appoggiati a terra, per i quali sono consentite esclusivamente opere di ancoraggio che non comportano alcuna modificazione dello stato dei luoghi, finalizzati al ricovero delle attrezzature necessarie per la manutenzione del giardino, nel rispetto dei seguenti parametri: superficie utile lorda mq 6,00; altezza in gronda ml 2,00 distanza dai confini di proprietà ml 1,50; la copertura di tipo a capanna non potrà essere realizzata con materiali incongrui quali lamiera, plastica, eternit. Realizzazione di gazebi da giardino in legno o in ferro aperti su tutti i lati e con la sola copertura realizzata mediante teli di materiale plastico, con dimensioni massime: Superficie mq 25,00; altezza massima in gronda ml 2,20. Nelle zone individuate dal R.U. come A1 Centri storici, i manufatti di cui sopra, verranno sottoposti al parere della Commissione Comunale per il Paesaggio.

7 3. Le piscine sono consentite con le seguenti prescrizioni: per gli stabilimenti balneari si fa riferimento al Piano Particolareggiato dell Arenile; dovranno mantenere il miglior rapporto con l'andamento del terreno, in nessun punto il bordo superiore della piscina dovrà discostarsi di oltre 50 cm dalla quota originaria del terreno; se poste in area extraurbana, dovranno rispettare gli allineamenti del tessuto agrario: muri a retta, alberature, filari e sistemazioni in genere. Eventuali schermature e piantumazioni dovranno utilizzare specie tipiche della zona, o comunque paesaggisticamente compatibili. 4. Per quanto attiene alle zone agricole, le piscine costituiscono pertinenza al fabbricato principale, che viene attestata anche da atto unilaterale d obbligo che dovrà stabilire di non alienare separatamente la piscina dall unità immobiliare cui è servito, quando: si trovano a distanza dal fabbricato non superiore a ml. 20,00; hanno la superficie dello specchio d acqua non superiore al 50% della SUL di progetto o esistente e comunque non superiore a mq TESTO VIGENTE ART. 62 SOTTOTTETTI 1. I sottotetti possono essere destinati ad abitazione a condizione che l'altezza media di ogni vano abitabile sia uguale o superiore ai minimi prescritti al successivo art. 66 e ai requisiti igienicosanitari, con altezza libera in corrispondenza della imposta dei tetto sul lato della gronda non inferiore a mt. 1,50. In caso diverso, gli ambienti sottotetto possono essere destinati soltanto ad usi non di abitazione alle seguenti condizioni: è ammessa la costituzione di locali sottotetto in numero massimo pari alle unità immobiliari previste dal titolo edilizio; tali locali saranno utilizzabili esclusivamente a servizio delle unità immobiliari e vincolati pertinenzialmente da atto unilaterale d'obbligo che dovrà stabilire di non alienare separatamente il locale sottotetto dall'unità immobiliare cui è a servizio; laddove l'accesso avvenga con scala interna all'unità immobiliare interessata può essere omesso l'atto unilaterale d'obbligo; non è ammessa la realizzazione di scale a servizio esclusivamente per l'accesso ai locali sottotetto; i locali sottotetto non possono essere tramezzati, ad eccezione delle pareti portanti. TESTO VARIATO ART. 62 SOTTOTTETTI 1. I sottotetti possono essere destinati a locali di abitazione nel rispetto di quanto previsto dalla L.R.T. n.5 del o dall'art. 20 del regolamento urbanistico vigente. a condizione che l'altezza media di ogni vano abitabile sia uguale o superiore ai minimi prescritti al successivo art. 66 e ai requisiti igienico-sanitari, con altezza libera in corrispondenza della imposta dei tetto sul lato della gronda non inferiore a mt. 1, In caso diverso, gli ambienti sottotetto possono essere destinati soltanto ad usi non di abitazione alle seguenti condizioni:

8 è ammessa la costituzione di locali sottotetto in numero massimo pari alle unità immobiliari previste dal titolo edilizio; tali locali saranno utilizzabili esclusivamente a servizio delle unità immobiliari e vincolati pertinenzialmente da atto unilaterale d'obbligo che dovrà stabilire di non alienare separatamente il locale sottotetto dall'unità immobiliare cui è a servizio; laddove l'accesso avvenga con scala interna all'unità immobiliare interessata può essere omesso l'atto unilaterale d'obbligo; non è ammessa la realizzazione di scale a servizio esclusivamente per l'accesso ai locali sottotetto. i locali sottotetto non possono essere tramezzati, ad eccezione delle pareti portanti. TESTO VIGENTE ART. 63 LOCALI FUORI TERRA, INTERRATI E SEMINTERRATI 1. In funzione della loro posizione rispetto al terreno circostante, i locali di abitazione si distinguono in: locali fuori terra quelli il cui piano di calpestio risulti in ogni sua parte superiore alla quota del terreno circostante a sistemazione avvenuta; locali interrati quelli che presentano l'intradosso del solaio di copertura a quota inferiore, in ogni sua parte, alla quota del terreno circostante a sistemazione avvenuta; locali seminterrati tutti quelli che non rientrano nelle due categorie precedenti. 2. E' consentita la costruzione di locali interrati o seminterrati con altezza massima fuori terra di mt. 1,00 (misurata da piano di campagna all'estradosso del solaio di calpestio). 3. I locali interrati e seminterrati possono essere estesi a tutta la superficie coperta dei fabbricato sovrastante entro il perimetro massimo del piano terra, compreso portici e autorimesse se realizzate in aderenza. 4. La tramezzatura dei locali interrati e seminterrati è ammessa solo nei seguenti casi: realizzazione di locali tecnici aventi dimensione massima pari al 5% della SUL, di progetto; garage; realizzazione di vani (cantine) a servizio di singole unità immobiliari nella quantità pari ad uno per ogni unità immobiliare. TESTO VARIATO ART. 63 LOCALI FUORI TERRA, INTERRATI E SEMINTERRATI 1. In funzione della loro posizione rispetto al terreno circostante, i locali di abitazione si distinguono in: locali fuori terra quelli il cui piano di calpestio risulti in ogni sua parte superiore alla quota del terreno circostante a sistemazione avvenuta; locali interrati quelli che presentano l'intradosso del solaio di copertura a quota inferiore, in ogni sua parte, alla quota del terreno circostante a sistemazione avvenuta; locali seminterrati tutti quelli che non rientrano nelle due categorie precedenti. 2. E' consentita la costruzione di locali interrati o seminterrati con altezza massima fuori terra di mt. 1,00 (misurata da piano di campagna all'estradosso del solaio di calpestio). 3. I locali interrati e seminterrati possono essere estesi a tutta la superficie coperta dei fabbricato sovrastante entro il perimetro massimo del piano terra, compreso portici e autorimesse se

9 realizzate in aderenza. 4. La tramezzatura dei locali interrati e seminterrati è ammessa solo nei seguenti casi: realizzazione di locali tecnici aventi dimensione massima pari al 5% della SUL, di progetto; garage; realizzazione di vani (cantine) a servizio di singole unità immobiliari nella quantità pari ad uno per ogni unità immobiliare.

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Urbanistica Edilizia privata Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori IL RESPONSABILE IV SETTORE Urbanistica - Edilizia Privata Ing. Ranieri

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

Piano degli Interventi Variante parziale n. 4

Piano degli Interventi Variante parziale n. 4 Comune di Vigonza Variante parziale n. 4 novembre 2012 Comune di Vigonza Sindaco Nunzio Tacchetto Segretario Comunale Daniela Guzzon Responsabile del settore Enzo Ferrara Coordinamento generale Antonio

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica PIANO OPERATIVO COMUNALE Adottato con Delibera di C.C. N. 22 del 15 marzo 2011 Approvato con Delibera di C.C. N. 78 del 27 settembre 2012 COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI -CESENA NORME TECNICHE DI

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7 Caso 7 Stima del mercato rurale mediante il criterio del valore di trasformazione: valore di trasformazione di una corte colonica ubicata in un podere nella pianura Bolognese Indice 1. Conferimento dell

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CARASSAI Provincia di Ascoli Piceno REGOLAMENTO COMUNALE Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 per la determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione Approvato con: Delibera

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 5/2/2010

Dettagli

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi. COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.it REGOLAMENTO E TABELLE PARAMETRICHE DI CALCOLO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1 CRITERI GENERALI... 4 2 UNITA

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune.

Dettagli

SERRE SOLARI A ROMA E NEL LAZIO: LE CRITICITÀ DEL PERCORSO NORMATIVO ED ATTUATIVO

SERRE SOLARI A ROMA E NEL LAZIO: LE CRITICITÀ DEL PERCORSO NORMATIVO ED ATTUATIVO SERRE SOLARI A ROMA E NEL LAZIO: LE CRITICITÀ DEL PERCORSO NORMATIVO ED ATTUATIVO Massimiliano.cafaro@comune.roma.it ROMA CAPITALE La serra nella sua definizione consolidata sérra s. f. Complesso di locali

Dettagli

bozza REGOLAMENTO EDILIZIO testo aggiornato al 10.01.2013

bozza REGOLAMENTO EDILIZIO testo aggiornato al 10.01.2013 bozza REGOLAMENTO EDILIZIO testo aggiornato al 10.01.2013 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E ORGANIZZAZIONE DEL REGOLAMENTO EDILIZIO art. 1 - oggetto del regolamento edilizio art.2 principi generali

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 SEZIONE I 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 novembre 2013, n. 64/R Regolamento di attuazione

Dettagli

Regolamento Urbanistico

Regolamento Urbanistico COMUNE DI VERNIO Regolamento Urbanistico Parametri urbanistici ed edilizi e definizioni dicembre 2013 Definizioni Complesso edilizio Edificio o fabbricato Unità immobiliare Organismo edilizio Involucro

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata Prot. n. 117048 del 25.09.2012 Oggetto: - Risposte a quesiti sul piano casa e non solo. Modifica del punto 7 della precedente nota prot. 57027 del 18.05.2012

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

CITTA DI GRUGLIASCO 2011 INDICE Art. 1 FINALITA pag. 3 Art. 2 DEFINIZIONI pag. 4 Art. 3 TIPI DI INTERVENTO pag. 6 Art. 4 NORME RELATIVE ALL INVOLUCRO EDILIZIO pag. 7 Art. 5 REQUISITI PRESTAZIONALI DEGLI

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI PISA COMUNE DI CALCI COMUNE DI CASCINA COMUNE DI S.GIULIANO TERME COMUNE DI VECCHIANO COMUNE DI VICOPISANO REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO B DEFINIZIONI 1 INDICE 1 - Definizioni tecniche

Dettagli

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione CASISTICA DEGLI INTERVENTI E RELATIVO REGIME AUTORIZZATIVO OPERA INTERVENTO REGIME ALBERATURE - piantumazione o abbattimento - potatura (*) AMPLIAMENTO EDIFICI opere di ristrutturazione e di modifica che

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 ALLEGATO AL REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del

Dettagli

Regolamento Urbanistico SCHEDA-PROGETTO. COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia)

Regolamento Urbanistico SCHEDA-PROGETTO. COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO URBANISTICO Progettazione Ing. Gaetano Pollerone Funzionario Tecnico Comunale Consulenza Urbanistica : Arch. Giuliano Giovannelli Consulenza

Dettagli

CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO EDILIZIO INDICE GENERALE

CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO EDILIZIO INDICE GENERALE CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO EDILIZIO INDICE GENERALE Il presente Regolamento Edilizio disciplina tutte le attività di trasformazione edilizia e dello stato dei luoghi nel territorio comunale, integrando

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO COMUNE DI PIADENA Provincia di Cremona Sede Municipale: Piazza Garibaldi n. 3 - Tel. 0375.98125 - Fax n. 0375.98733 VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO 1.Lavoraresullacittàesistente 3.Immaginarenuoveretieconnessioni 2.Espandereilcentro REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO ALLEGATI ALLA PARTE I: DEFINIZIONI DOCUMENTAZIONE ISTANZE recepimento art. 50 L.R. A.1

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013 Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione Anno 2013 Nessuna modifica rispetto all anno 2012 Applicazione degli oneri di urbanizzazione e della quota

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Comune di Bologna. Area Qualità Urbana Settore Territorio e Riqualificazione Urbana. Regolamento Edilizio. Norme di Principio

Comune di Bologna. Area Qualità Urbana Settore Territorio e Riqualificazione Urbana. Regolamento Edilizio. Norme di Principio Comune di Bologna Area Qualità Urbana Settore Territorio e Riqualificazione Urbana Regolamento Edilizio Norme di Principio Approvato con delibera di Consiglio Comunale del 07.04.2003 PG 43821/2003 ODG

Dettagli

a cura di Giuliana Dima e Daniele Marini

a cura di Giuliana Dima e Daniele Marini Il recupero abitativo 27-08-1956 16:05 Pagina 15 PROGETTARE RECUPERO Compatibilità Reversibilità Rispetto dell autenticità Come e dove è possibile, Normativa Regionale, soluzione, costi Il Recupero abitativo

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO Villa singola di pregio 35 1.22,00 382,00 TABELLA RIASSUNTIVA DEI COSTI E PERCENTUALI D INCIDENZA COD. OPERA PREZZI IN URO % 01 Impianto di cantiere e scavi 02 Struttura

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

A. NUOVE COSTRUZIONI PRIVE DI RILEVANZA PER LA PUBBLICA INCOLUMITÀ AI FINI SISMICI

A. NUOVE COSTRUZIONI PRIVE DI RILEVANZA PER LA PUBBLICA INCOLUMITÀ AI FINI SISMICI Delibera Giunta Regionale n. 687/11. A. NUOVE COSTRUZIONI PRIVE DI RILEVANZA PER LA PUBBLICA INCOLUMITÀ AI FINI SISMICI A.1. Tettoie, serre e opere assimilabili A.1.1. a) Tettoie aventi peso proprio (G1)

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE 1 Approvato con deliberazione Commissariale n 51 del 17 febbraio 2000 Modificato con deliberazione Commissariale n 81 del 29 febbraio 2000 Approvato con deliberazione della

Dettagli

MODULO R.I.T.C. Modulo richiesta informazioni tecniche di copertura Ed. 24/01/2014

MODULO R.I.T.C. Modulo richiesta informazioni tecniche di copertura Ed. 24/01/2014 Informazioni tecniche per la realizzazione di un progetto di linea vita, o sistema anticaduta, su copertura Informazioni tecniche per la verifica strutturale MODULO R.I.T.C. Modulo richiesta informazioni

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE committente /client LIFE SOURCE SRL PIAZZA MATTEOTTI 20 - BERGAMO progetto / project PIANO ATTUATIVO IN VARIANTE NUOVO POLO RICETTIVO At_e14 STRADA BRIANTEA BERGAMO NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 Art.

Dettagli

Comune di Montemurlo. Provincia di Prato. Regolamento Urbanistico. Documento di raccordo con il Regolamento. Edilizio. allegato A.

Comune di Montemurlo. Provincia di Prato. Regolamento Urbanistico. Documento di raccordo con il Regolamento. Edilizio. allegato A. Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Documento di raccordo con il Regolamento 02 Edilizio allegato A aprile 2010 Comune di Montemurlo Provincia di Prato Regolamento Urbanistico

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA Palazzo Mantegna Via Indipendenza, 41 35013 Cittadella (PD) P.I 00731540282 C.F. 81000370288 Tel. 049-9413411 Fax 049-9413419 4 SETTORE EDILIZIA PRIVATA ED URBANISTICA

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA. A cura del Dott. Fulvio Di Dio

IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA. A cura del Dott. Fulvio Di Dio IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA A cura del Dott. Fulvio Di Dio È da poco entrato in vigore il decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115, Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Tabelle millesimali di condominio Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/0 Prof. Romano Oss Condominio: quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale

Dettagli

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE AGENTI IMMOBILIARI ARCHITETTI GEOMETRI INGEGNERI PERITI INDUSTRIALI

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE AGENTI IMMOBILIARI ARCHITETTI GEOMETRI INGEGNERI PERITI INDUSTRIALI 1 PREMESSA Era da tempo che nel settore delle valutazioni immobiliari, fra i professionisti e gli agenti immobiliari, si evidenziava l esigenza di unificare il sistema di misurazione delle unità immobiliari

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

ESSE BUILDING EDILIZIA S.R.L. Corso Susa n. 242 10098 Rivoli (TO)

ESSE BUILDING EDILIZIA S.R.L. Corso Susa n. 242 10098 Rivoli (TO) INTERVENTO EDILIZIO VAL DELLA T ORRE RIONE V IA FRAZIONE B RIONE (TO) ORRE (TO) IA ASTRUA 47 Proprietà e realizzazione: ESSE BUILDING EDILIZIA S.R.L. Corso Susa n. 242 10098 Rivoli (TO) Progettazione:

Dettagli

BeauClimat: il sistema di certificazione energetica in VdA

BeauClimat: il sistema di certificazione energetica in VdA BeauClimat: il sistema di certificazione energetica in VdA Il sistema di certificazione energetica in Valle d Aosta Le basi teoriche/tecniche per rilevare i dati sugli edifici esistenti Breve riepilogo

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI LUCIGNANO Provincia di Arezzo DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto n. 17 Seduta del 12 maggio 2008 Oggetto: Variante n. 9/R.U. per il Piano di Recupero in loc. Tozzo ai sensi dell art. 73,

Dettagli

Piano delle invarianti per uno sviluppo sostenibile : N.T.A. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... pag. 1 CAPO I GENERALITA'... 1

Piano delle invarianti per uno sviluppo sostenibile : N.T.A. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... pag. 1 CAPO I GENERALITA'... 1 I n d i c e TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI......... pag. 1 CAPO I GENERALITA'......... 1 Art. 1 Contenuti ed obiettivi del P.R.G....... 1 Art. 2 Elaborati del P.R.G.... 1 Art. 3 Applicazione del P.R.G....

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI FOTOVOLTAICI ED EOLICI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI FOTOVOLTAICI ED EOLICI COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE Via A.Gramsci, 27 - C.A.P. 56040 - P. IVA: 00388480501 - Tel. 050/662622 - Fax 050/662881

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PRATICA CAEL N DEL COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA (Art 6 DPR 380/2001 Art 80 LRT 1/2005) AL COMUNE DI GAVORRANO Ufficio Edilizia privata Piazza Buozzi, 16 Il sottoscritto nato a il Codice Fiscale

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM

COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM COMUNE DI BELLUNO DIREZIONE AREA SVILUPPO E PROGRAMMAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA VADEMECUM ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEGLI ELABORATI ALLEGATI ALLA ISTANZA DI RILASCIO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE E

Dettagli

COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata

COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata SERVIZIO URBANISTICA (FAQ: Frequently Asked Questions) Come si ottiene il rilascio di un certificato di destinazione urbanistica

Dettagli

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 Norme tecniche di attuazione Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. \ RELATIVA ALL APPROVAZIONE DEL SECONDO REGOLAMENTO URBANISTICO NOVEMBRE 2013 Comune

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione Art. 1 Campo di applicazione Le presenti norme tecniche disciplinano l attuazione dell area oggetto del Programma Integrato d Intervento Variante di P.R.G. del Comune di Cisterna di Latina loc. L Annunziata,

Dettagli

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento.

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. Distinguendo a seconda che

Dettagli

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2 COMUNE di S. STEFANO BELBO Provincia di CUNEO Proprietà: - signor GATTI LUIGI residente in S. Stefano Belbo (CN) Via Moncucco n. 5 - signora CHIRIOTTI GIOVANNA residente in Abbazia n. 2 - signor TEALDO

Dettagli

Manutenzione ordinaria

Manutenzione ordinaria Manutenzione ordinaria Allarme (impianto) Androne Antenna Balconi Caldaia Caloriferi condizionatori Cancelli esterni Canna fumaria Cantine e Riparazione senza innovazioni o con sostituzione di alcuni elementi

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero dei Lavori Pubblici Decreto del 02/08/1969 Titolo del provvedimento: (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27/08/1969) Preambolo. Preambolo IL MINISTRO PER I LAVORI PUBBLICI Visto l'art.

Dettagli

La stima del valore delle aree

La stima del valore delle aree Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto La stima del valore delle aree Docente:

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI ASSESSORATO ALL EDILIZIA REGOLAMENTO EDILIZIO. art.33 della legge 17 agosto 1942, n. 1150

COMUNE DI NAPOLI ASSESSORATO ALL EDILIZIA REGOLAMENTO EDILIZIO. art.33 della legge 17 agosto 1942, n. 1150 COMUNE DI NAPOLI ASSESSORATO ALL EDILIZIA REGOLAMENTO EDILIZIO art.33 della legge 17 agosto 1942, n. 1150 Adozione: delibera di Consiglio comunale n.104 del 28 aprile 1998 Ratifica testo coordinato: delibera

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

C.U.P. COMITATO UNITARIO PERMANENTE

C.U.P. COMITATO UNITARIO PERMANENTE Prot. Modena, ALL ILL.MO SINDACO DEL COMUNE DI MARANELLO (MO) Oggetto: Osservazioni al PSC-RUE 2007, adottato con delibera di Consiglio Comunale n 51 del 31.07.2007. Il CUP (Comitato Unitario delle professioni

Dettagli

Tabella A.1 Classificazione generale degli edifici per categorie

Tabella A.1 Classificazione generale degli edifici per categorie Appendice A Modalità di installazione degli impianti fotovoltaici sugli edifici Ai fini dell applicabilità della tariffa incentivante competente agli impianti fotovoltaici realizzati sugli edifici si adotta

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se

Dettagli

A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che. Sub. 15 (appartamento) e sub. 17 (posto auto)

A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che. Sub. 15 (appartamento) e sub. 17 (posto auto) A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che alcune rifiniture dell alloggio sono ancora da ultimare. Per cui: V. =. 409.080,00 4% =. 392.716,80 Sub. 15 (appartamento)

Dettagli

Dispensa W3_ METODOLOGIE DI PROGETTAZIONE URBANISTICA

Dispensa W3_ METODOLOGIE DI PROGETTAZIONE URBANISTICA Università G. d Annunzio, Facoltà di Architettura, Corso integrato di Fondamenti di Urbanistica Prof. Arch. Paolo Fusero: Tot. 12 cfu due moduli didattici: Teorie e Tecniche dell Urbanistica 4 cfu (1 ciclo);

Dettagli

COMUNE di TREVISO. Piano Di Zona Per L'edilizia Economica E Popolare (Legge 18 Aprile 1962, N. 167)

COMUNE di TREVISO. Piano Di Zona Per L'edilizia Economica E Popolare (Legge 18 Aprile 1962, N. 167) COMUNE di TREVISO Piano Di Zona Per L'edilizia Economica E Popolare (Legge 18 Aprile 1962, N. 167) 2 Programma Pluriennale di Attuazione (P.P.A.) del P.E.E.P. Regolamento per la Realizzazione del Piano

Dettagli

TITOLO I - GENERALITÀ E CONTENUTO DEL PIANO DI ZONA 167 IN LOCALITA MOLE

TITOLO I - GENERALITÀ E CONTENUTO DEL PIANO DI ZONA 167 IN LOCALITA MOLE TITOLO I - GENERALITÀ E CONTENUTO DEL PIANO DI ZONA 167 IN LOCALITA MOLE CAPO I Generalità Art.1 - Validità delle norme Le presenti Norme Tecniche si applicano per l'attuazione del presente Piano di Zona

Dettagli

ALLEGATI. 1. Coefficienti di destinazione e di piano. Allegato 1

ALLEGATI. 1. Coefficienti di destinazione e di piano. Allegato 1 ALLEGATI Allegato 1 1. Coefficienti di destinazione e di piano Coeff. di piano per abitazioni plurifamiliari Piano Edifici con ascensore Edifici senza ascensore p. terreno e rialzato 0.97 p. primo 0.94

Dettagli

I STEP: La superficie di riferimento

I STEP: La superficie di riferimento Tarsu/Tia Tia I STEP: La superficie di riferimento La bolletta La visura Bolletta e visura: quale superficie ai fini Tarsu? Spesso vi è coincidenza tra superficie catastale e superficie dichiarata ai fini

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Risparmio Energetico

Risparmio Energetico Comune di Portogruaro Provincia di Venezia Il Regolamento sul Risparmio Energetico Il Regolamento è un allegato al Regolamento Edilizio Comunale e si compone di una parte normativa-regolamentare e di 5

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO Provincia di Ancona Area Urbanistica

COMUNE DI CASTELBELLINO Provincia di Ancona Area Urbanistica COMUNE DI CASTELBELLINO Provincia di Ancona Area Urbanistica Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 del 29 novembre 2006 Modificato con delibera di C.C. n. 13 del 13.02.2008 Modificato

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Comune di Gudo Visconti Provincia di Milano Regione Lombardia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (legge regionale 11 marzo 2005, n. 12) Elaborato n. 29 Titolo Norme di attuazione del Piano di Governo del

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli