REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato in giallo e barrato doppio Testo Aggiunto = Grassetto corsivo Luglio 2014 Testo approvato nella seduta del C.C. luglio 2014 con deliberazione n.

2 MODIFICA ad alcuni ARTICOLI del REGOLAMENTO EDILIZIO Comunale. L'Amministrazione Comunale a seguito di richieste pervenute da parte di cittadini, circa la necessità di modificare ed integrare alcuni articoli del presente regolamento edilizio al fine di chiarire meglio l applicazione della norma per gli interventi riguardanti in particolare: 1. installazione di manufatti precari ed arredi da giardino nelle aree pertinenziali degli edifici esistenti; 2. possibilità di incrementare il bonus, già previsto dal regolamento edilizio, in termini di superficie utile lorda SUL per i cittadini che si rendono autonomi circa la produzione di energia elettrica attraverso l utilizzo di sistemi fotovoltaici; 3. parti degli edifici che concorrono al calcolo della SUL; 4. migliore utilizzo dei sottotetti dei fabbricati mediante la possibilità di realizzare tramezzature interne; 5. migliore utilizzo dei locali interrati o seminterrati dei fabbricati mediante la possibilità di realizzare tramezzature interne. L ufficio pianificazione a seguito delle indicazioni e volontà date dall amministrazione propone le modifiche di seguito riportate.

3 TESTO VIGENTE ART. 26 SUPERFICIE UTILE LORDA (S.U.L.) 1. Per superficie utile lorda si intende la somma delle superfici lorde di tutti i piani fuori terra delimitati dal perimetro esterno delle murature, e delle superfici lorde degli eventuali locali abitabili, parzialmente o totalmente interrati. 2. Sono comprese nel calcolo della S.U.L.: Negli edifici pluripiano la superficie dei locali nel sottotetto di altezza media superiore a ml 2,00 misurata dal pavimento all intradosso del solaio di copertura; nel caso di orditura complessa, il riferimento è costituito dall orditura secondaria; Negli edifici, o parti degli stessi, con un solo piano fuori terra la superficie dei locali nel sottotetto per la sola porzione avente altezza superiore a ml 2,00, misurata dal pavimento all intradosso del solaio di copertura; nel caso di orditura complessa, il riferimento è costituito dall orditura secondaria; la superficie dei locali sottotetto di coperture piane o a falde aventi inclinazione variabile in modo discontinuo; la superficie dei locali accessori o di servizio posti entro terra o controterra, computata in proporzione diretta alla loro emergenza dal piano di campagna o, a seconda dei casi, dal piano di riferimento, ove il volume della parte fuori terra ecceda il terzo del volume complessivo dei locali; il 50% delle logge, dei porticati e delle zone a pilotis di uso privato dei fabbricati a destinazione industriale-artigianale. 3. Sono esclusi dal calcolo della S.U.L.: le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso pubblico, da assoggettare, preliminarmente all inizio dei lavori, a stipula di apposita Convenzione o Atto unilaterale d obbligo da trascrivere a cura e spese del soggetto operatore, che ne stabilisca la pubblica destinazione e ne impedisca qualsiasi diversa destinazione; le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso privato, fino a ad un massimo di mq 30 per ciascuna unità immobiliare residenziale; l eccedenza è computata al 50%; le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso privato dei fabbricati a destinazione commerciale, direzionale e turistico-ricettiva fino ad un massimo non superiore al 10% della SUL di progetto; l eccedenza è computata al 50%; i balconi con sporgenza non superiore a ml 2,00 e le terrazze; i vani scala e i vani ascensore, le cui dimensioni siano limitate ai minimi funzionali o normativi richiesti; i rimessaggi, le autorimesse e i posti macchina al coperto nella misura minima prescritta dalla legislazione vigente e comunque fino ad un massimo di mq 24 per ogni unità immobiliare, altezza massima interna ed esterna non oltre ml. 2,40 e costituiti da unico locale; i locali dei volumi tecnici; 4. Nel caso di edifici realizzati secondo i criteri della bioedilizia e del risparmio energetico sono esclusi dal calcolo della S.U.L.: il maggior spessore nei muri perimetrali rispetto a centimetri trenta, fino ad un massimo di ulteriori centimetri venticinque, a condizione che il maggior spessore contribuisca al miglioramento dei livelli di coibentazione termo-acustica o di inerzia termica, da documentarsi da parte di professionista abilitato, in una relazione allegata, così come disposto dall art. 8, comma 3, del DPR 26/8/93, n 412 e dall art. 28 della L. 9/1/91, n 10; Un incremento non superiore al 5% della S.U.L., per gli edifici che si rendano autonomi per la produzione di energia elettrica attraverso l utilizzo di sistemi fotovoltaici. L autonomia rispetto alla rete elettrica nazionale dovrà essere attestata da tecnico abilitato; La realizzazione del sistema solare passivo denominato serra solare nella misura massima del 10% della superficie utile lorda, esclusivamente per la residenza, alle seguenti condizioni: a) che in una relazione tecnica allegata, a firma di professionista abilitato, sia determinata, tenuto conto

4 dell irraggiamento solare, su tutta la stagione di riscaldamento, la misura del guadagno energetico perseguito, cioè la differenza fra l energia dispersa in assenza della serra (Qo) e quella dispersa in presenza della serra (Q), dovendo risultare che Qo Q/Qo sia uguale o superiore al 25% (i calcoli, sia per l energia dispersa che per l irraggiamento solare, devono essere sviluppati secondo le norme UNI e 10349, così come disposto dall art. 8, comma 3, del DPR 26/8/93, n 412); b) che le superfici di tamponamento e di copertura della serra siano integralmente trasparenti, ad esclusione della sola struttura; c) che siano previsti un adeguata apribilità e sistemi mobili di ombreggiamento per evitare il surriscaldamento estivo; d) che la serra non sia dotata di alcun impianto di riscaldamento, e sia termicamente isolabile dall edificio servito. TESTO VARIATO ART. 26 SUPERFICIE UTILE LORDA (S.U.L.) 1. Per superficie utile lorda si intende la somma delle superfici lorde di tutti i piani fuori terra delimitati dal perimetro esterno delle murature, e delle superfici lorde degli eventuali locali abitabili, parzialmente o totalmente interrati. 2. Sono comprese nel calcolo della S.U.L.: Negli edifici pluripiano o parti di essi la superficie dei locali nel sottotetto di altezza media superiore a ml 2,00 misurata dal pavimento all intradosso del solaio di copertura; nel caso di orditura complessa, il riferimento è costituito dall orditura secondaria; Negli edifici, o parti degli stessi, con un solo piano fuori terra la superficie dei locali nel sottotetto per la sola porzione avente altezza superiore a ml 2,00, misurata dal pavimento all intradosso del solaio di copertura; nel caso di orditura complessa, il riferimento è costituito dall orditura secondaria; la superficie dei locali sottotetto di coperture piane o a falde aventi inclinazione variabile in modo discontinuo; la superficie dei locali accessori o di servizio posti entro terra o controterra, computata in proporzione diretta alla loro emergenza dal piano di campagna o, a seconda dei casi, dal piano di riferimento, ove il volume della parte fuori terra ecceda il terzo del volume complessivo dei locali; il 50% delle logge, dei porticati e delle zone a pilotis di uso privato dei fabbricati a destinazione industriale-artigianale. 3. Sono esclusi dal calcolo della S.U.L.: le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso pubblico, da assoggettare, preliminarmente all inizio dei lavori, a stipula di apposita Convenzione o Atto unilaterale d obbligo da trascrivere a cura e spese del soggetto operatore, che ne stabilisca la pubblica destinazione e ne impedisca qualsiasi diversa destinazione; le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso privato, fino a ad un massimo di mq 30 per ciascuna unità immobiliare residenziale; l eccedenza è computata al 50%; le logge, i porticati e le zone a pilotis di uso privato dei fabbricati a destinazione commerciale, direzionale e turistico-ricettiva fino ad un massimo non superiore al 10% della SUL di progetto; l eccedenza è computata al 50%; i balconi con sporgenza non superiore a ml 2,00 e le terrazze; i vani scala e i vani ascensore, le cui dimensioni siano limitate ai minimi funzionali o normativi richiesti; i rimessaggi, le autorimesse e i posti macchina al coperto nella misura minima prescritta dalla legislazione vigente e comunque fino ad un massimo di mq 24 per ogni unità immobiliare, altezza massima interna ed esterna non oltre ml. 2,40 e costituiti da unico locale;

5 nella civile abitazione i locali dei volumi tecnici fuori terra fino ad un altezza media di 2,40 ml ed aventi una SUL massima fino a mq. 4,00; 4. Nel caso di edifici realizzati secondo i criteri della bioedilizia e del risparmio energetico sono esclusi dal calcolo della S.U.L.: il maggior spessore nei muri perimetrali rispetto a centimetri trenta, fino ad un massimo di ulteriori centimetri venticinque, a condizione che il maggior spessore contribuisca al miglioramento dei livelli di coibentazione termo-acustica o di inerzia termica, da documentarsi da parte di professionista abilitato, in una relazione allegata, così come disposto dall art. 8, comma 3, del DPR 26/8/93, n 412 e dall art. 28 della L. 9/1/91, n 10; Un incremento non superiore al 5% 10% della S.U.L., per gli edifici che si rendano autonomi per la produzione di energia elettrica attraverso l utilizzo di sistemi fotovoltaici. L autonomia rispetto alla rete elettrica nazionale dovrà essere attestata da tecnico abilitato; La realizzazione del sistema solare passivo denominato serra solare nella misura massima del 10% della superficie utile lorda, esclusivamente per la residenza, alle seguenti condizioni: a) che in una relazione tecnica allegata, a firma di professionista abilitato, sia determinata, tenuto conto dell irraggiamento solare, su tutta la stagione di riscaldamento, la misura del guadagno energetico perseguito, cioè la differenza fra l energia dispersa in assenza della serra (Qo) e quella dispersa in presenza della serra (Q), dovendo risultare che Qo Q/Qo sia uguale o superiore al 25% (i calcoli, sia per l energia dispersa che per l irraggiamento solare, devono essere sviluppati secondo le norme UNI e 10349, così come disposto dall art. 8, comma 3, del DPR 26/8/93, n 412); b) che le superfici di tamponamento e di copertura della serra siano integralmente trasparenti, ad esclusione della sola struttura; c) che siano previsti un adeguata apribilità e sistemi mobili di ombreggiamento per evitare il surriscaldamento estivo; d) che la serra non sia dotata di alcun impianto di riscaldamento, e sia termicamente isolabile dall edificio servito. TESTO VIGENTE ART. 47 OPERE E PARCHEGGI DI PERTINENZA DEI FABBRICATI 1. I proprietari di immobili possono realizzare nelle aree pertinenziali al fabbricato: nel sottosuolo di esse, nel sottosuolo dei fabbricati ovvero nei locali siti al piano terreno, parcheggi da destinare a pertinenza delle singole unità immobiliari; autorimesse pertinenziali, esclusivamente per i fabbricati destinati alla civile abitazione, una per ogni unità immobiliare; campi da tennis e piscine, esclusivamente per i fabbricati di civile abitazione o ad uso ricettivo, nei giardini e negli spazi aperti; 2. Le piscine sono consentite con le seguenti prescrizioni: per gli stabilimenti balneari si fa riferimento al Piano Particolareggiato dell Arenile; dovranno mantenere il miglior rapporto con l'andamento del terreno, in nessun punto il bordo superiore della piscina dovrà discostarsi di oltre 50 cm dalla quota originaria del terreno; se poste in area extraurbana, dovranno rispettare gli allineamenti del tessuto agrario: muri a retta, alberature, filari e sistemazioni in genere. Eventuali schermature e piantumazioni dovranno utilizzare specie tipiche della zona, o comunque paesaggisticamente compatibili.

6 3. Per quanto attiene alle zone agricole, le piscine costituiscono pertinenza al fabbricato principale, che viene attestata anche da atto unilaterale d obbligo che dovrà stabilire di non alienare separatamente la piscina dall unità immobiliare cui è servito, quando: si trovano a distanza dal fabbricato non superiore a ml. 20,00; hanno la superficie dello specchio d acqua non superiore al 50% della SUL di progetto o esistente e comunque non superiore a mq TESTO VARIATO ART. 47 OPERE, PARCHEGGI E MANUFATTI DI PERTINENZA DEI FABBRICATI 1. I proprietari di immobili possono realizzare nelle aree pertinenziali al fabbricato: nel sottosuolo di esse, nel sottosuolo dei fabbricati ovvero nei locali siti al piano terreno, parcheggi da destinare a pertinenza delle singole unità immobiliari; autorimesse pertinenziali, esclusivamente per i fabbricati destinati alla civile abitazione, una per ogni unità immobiliare; campi da tennis e piscine, esclusivamente per i fabbricati di civile abitazione o ad uso ricettivo, nei giardini e negli spazi aperti; 2. opere di sistemazione delle aree scoperte di pertinenza degli edifici, finalizzati ad un miglior godimento dell'immobile, eseguiti senza titolo edilizio (attività di edilizia libera) e più precisamente: Formazione o modifica di aree pavimentate scoperte, lastrici solari, aree a parcheggio e simili; Realizzazione di piccoli forni/barbecue da giardino alle seguenti condizioni e prescrizioni: collocati nell area di pertinenza e posti ad almeno a mt. 5,00 dai fabbricati confinanti ed almeno a ml 1,50 dai confini di proprietà; potranno essere di tipo prefabbricato o realizzati in muratura ed avere una superficie massima non superiore a mq 2,00 ed altezza complessiva di canna fumaria ml 1,90; Realizzazione di piccoli manufatti precari realizzati con strutture in legno verniciato, semplicemente appoggiati a terra, per i quali sono consentite esclusivamente opere di ancoraggio che non comportano alcuna modificazione dello stato dei luoghi, finalizzati al ricovero delle attrezzature necessarie per la manutenzione del giardino, nel rispetto dei seguenti parametri: superficie utile lorda mq 6,00; altezza in gronda ml 2,00 distanza dai confini di proprietà ml 1,50; la copertura di tipo a capanna non potrà essere realizzata con materiali incongrui quali lamiera, plastica, eternit. Realizzazione di gazebi da giardino in legno o in ferro aperti su tutti i lati e con la sola copertura realizzata mediante teli di materiale plastico, con dimensioni massime: Superficie mq 25,00; altezza massima in gronda ml 2,20. Nelle zone individuate dal R.U. come A1 Centri storici, i manufatti di cui sopra, verranno sottoposti al parere della Commissione Comunale per il Paesaggio.

7 3. Le piscine sono consentite con le seguenti prescrizioni: per gli stabilimenti balneari si fa riferimento al Piano Particolareggiato dell Arenile; dovranno mantenere il miglior rapporto con l'andamento del terreno, in nessun punto il bordo superiore della piscina dovrà discostarsi di oltre 50 cm dalla quota originaria del terreno; se poste in area extraurbana, dovranno rispettare gli allineamenti del tessuto agrario: muri a retta, alberature, filari e sistemazioni in genere. Eventuali schermature e piantumazioni dovranno utilizzare specie tipiche della zona, o comunque paesaggisticamente compatibili. 4. Per quanto attiene alle zone agricole, le piscine costituiscono pertinenza al fabbricato principale, che viene attestata anche da atto unilaterale d obbligo che dovrà stabilire di non alienare separatamente la piscina dall unità immobiliare cui è servito, quando: si trovano a distanza dal fabbricato non superiore a ml. 20,00; hanno la superficie dello specchio d acqua non superiore al 50% della SUL di progetto o esistente e comunque non superiore a mq TESTO VIGENTE ART. 62 SOTTOTTETTI 1. I sottotetti possono essere destinati ad abitazione a condizione che l'altezza media di ogni vano abitabile sia uguale o superiore ai minimi prescritti al successivo art. 66 e ai requisiti igienicosanitari, con altezza libera in corrispondenza della imposta dei tetto sul lato della gronda non inferiore a mt. 1,50. In caso diverso, gli ambienti sottotetto possono essere destinati soltanto ad usi non di abitazione alle seguenti condizioni: è ammessa la costituzione di locali sottotetto in numero massimo pari alle unità immobiliari previste dal titolo edilizio; tali locali saranno utilizzabili esclusivamente a servizio delle unità immobiliari e vincolati pertinenzialmente da atto unilaterale d'obbligo che dovrà stabilire di non alienare separatamente il locale sottotetto dall'unità immobiliare cui è a servizio; laddove l'accesso avvenga con scala interna all'unità immobiliare interessata può essere omesso l'atto unilaterale d'obbligo; non è ammessa la realizzazione di scale a servizio esclusivamente per l'accesso ai locali sottotetto; i locali sottotetto non possono essere tramezzati, ad eccezione delle pareti portanti. TESTO VARIATO ART. 62 SOTTOTTETTI 1. I sottotetti possono essere destinati a locali di abitazione nel rispetto di quanto previsto dalla L.R.T. n.5 del o dall'art. 20 del regolamento urbanistico vigente. a condizione che l'altezza media di ogni vano abitabile sia uguale o superiore ai minimi prescritti al successivo art. 66 e ai requisiti igienico-sanitari, con altezza libera in corrispondenza della imposta dei tetto sul lato della gronda non inferiore a mt. 1, In caso diverso, gli ambienti sottotetto possono essere destinati soltanto ad usi non di abitazione alle seguenti condizioni:

8 è ammessa la costituzione di locali sottotetto in numero massimo pari alle unità immobiliari previste dal titolo edilizio; tali locali saranno utilizzabili esclusivamente a servizio delle unità immobiliari e vincolati pertinenzialmente da atto unilaterale d'obbligo che dovrà stabilire di non alienare separatamente il locale sottotetto dall'unità immobiliare cui è a servizio; laddove l'accesso avvenga con scala interna all'unità immobiliare interessata può essere omesso l'atto unilaterale d'obbligo; non è ammessa la realizzazione di scale a servizio esclusivamente per l'accesso ai locali sottotetto. i locali sottotetto non possono essere tramezzati, ad eccezione delle pareti portanti. TESTO VIGENTE ART. 63 LOCALI FUORI TERRA, INTERRATI E SEMINTERRATI 1. In funzione della loro posizione rispetto al terreno circostante, i locali di abitazione si distinguono in: locali fuori terra quelli il cui piano di calpestio risulti in ogni sua parte superiore alla quota del terreno circostante a sistemazione avvenuta; locali interrati quelli che presentano l'intradosso del solaio di copertura a quota inferiore, in ogni sua parte, alla quota del terreno circostante a sistemazione avvenuta; locali seminterrati tutti quelli che non rientrano nelle due categorie precedenti. 2. E' consentita la costruzione di locali interrati o seminterrati con altezza massima fuori terra di mt. 1,00 (misurata da piano di campagna all'estradosso del solaio di calpestio). 3. I locali interrati e seminterrati possono essere estesi a tutta la superficie coperta dei fabbricato sovrastante entro il perimetro massimo del piano terra, compreso portici e autorimesse se realizzate in aderenza. 4. La tramezzatura dei locali interrati e seminterrati è ammessa solo nei seguenti casi: realizzazione di locali tecnici aventi dimensione massima pari al 5% della SUL, di progetto; garage; realizzazione di vani (cantine) a servizio di singole unità immobiliari nella quantità pari ad uno per ogni unità immobiliare. TESTO VARIATO ART. 63 LOCALI FUORI TERRA, INTERRATI E SEMINTERRATI 1. In funzione della loro posizione rispetto al terreno circostante, i locali di abitazione si distinguono in: locali fuori terra quelli il cui piano di calpestio risulti in ogni sua parte superiore alla quota del terreno circostante a sistemazione avvenuta; locali interrati quelli che presentano l'intradosso del solaio di copertura a quota inferiore, in ogni sua parte, alla quota del terreno circostante a sistemazione avvenuta; locali seminterrati tutti quelli che non rientrano nelle due categorie precedenti. 2. E' consentita la costruzione di locali interrati o seminterrati con altezza massima fuori terra di mt. 1,00 (misurata da piano di campagna all'estradosso del solaio di calpestio). 3. I locali interrati e seminterrati possono essere estesi a tutta la superficie coperta dei fabbricato sovrastante entro il perimetro massimo del piano terra, compreso portici e autorimesse se

9 realizzate in aderenza. 4. La tramezzatura dei locali interrati e seminterrati è ammessa solo nei seguenti casi: realizzazione di locali tecnici aventi dimensione massima pari al 5% della SUL, di progetto; garage; realizzazione di vani (cantine) a servizio di singole unità immobiliari nella quantità pari ad uno per ogni unità immobiliare.

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari Il Sindaco Santicchia Angelo Il Segretario Comunale Dott. Bonetti Angelo Approvato

Dettagli

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA COMUNE DI OLBIA Provin cia di Olbia - Te m pio OGGETTO: PROGETTO DI VARIANTE NON S OS TANZIALE AL COMPARTO DI ZONA AH OS PEDALIERA S ITA IN COMUNE DI OLBIA, LOCALITA' TANNAULE. ELABORATO: Norm e di Attu

Dettagli

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti :

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : 22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : - le tavole della proposta progettuale dovranno essere possibilmente su supporto cartaceo normale; - la relazione di fattibilità economica ed il preventivo

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55)

REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55) Comune di LAMPORECCHIO (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Definizione dei parametri urbanistici ed edilizi TESTO INTEGRATO

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014

Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014 Definizioni urbanistico edilizie inserite nella DAL 279/2010 come modificata dalla Delibera G.R. n 994 del 7 luglio 2014 DAL n 279/2010 Il 28 gennaio 2014 sono entrate in vigore le Definizioni tecniche

Dettagli

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Obiettivi : Semplificazione (100 pag. invece di 400) Adeguamento alle nuove Leggi Superamento difficoltà d interpretazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI (APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 01.04.2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE 1 Nel novembre 2008 viene costituita la "Consulta Interassociativa dei Professionisti dell'immobiliare" inizialmente per rispondere

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

COMUNE DI MONTECAROTTO

COMUNE DI MONTECAROTTO Ufficio Tecnico Allegato A REGOLAMENTO PERTINENZE Montecarotto, li 24.06.2010 IL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO COMUNALE Geom. Maurizio Novelli PREMESSA La installazione di piccoli manufatti a servizio

Dettagli

Definizione degli indici e parametri.

Definizione degli indici e parametri. Estratto dal Regolamento Edilizio Tipo - articolo 13 - Regolamento Edilizio Tipo: Reg. 14 settembre 1989, n. 23 (1). Pubblicato nel B.U. Marche 14 settembre 1989, n. 100-bis. Regolamento Edilizio Tipo

Dettagli

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti AGGIORNAMENTO DEI CRITERI DI STIMA DEL VALORE COMMERCIALE DELLE AREE FABBRICABILI DEL TERRITORIO COMUNALE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMU PER L ANNO 2013 E PRINCIPI PER L ACCERTAMENTO ANNI PRECEDENTI

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione».

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Comune di Pesaro Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 5 marzo 2012

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

Legge regionale 03/11/2009 n. 49

Legge regionale 03/11/2009 n. 49 Legge regionale 03/11/2009 n. 49 (Gazzetta regionale 04/11/2009 n. 19) Regione Liguria - Misure urgenti per il rilancio dell attività edilizia e per la riqualificazione del patrimonio urbanisticoedilizio.(piano

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 28-12-2007 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 28-12-2007 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 28-12-2007 REGIONE BASILICATA Disposizioni per la formazione del Bilancio di Previsione Annuale e Pluriennale della Regione Basilicata Legge Finanziaria 2008 Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

C O M U N E D I C A M B I A N O

C O M U N E D I C A M B I A N O C O M U N E D I C A M B I A N O MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO EDILIZIO INCARICO DEL 20/10/2014 RELAZIONE I Tecnici Incaricati Ing. Andrea BAUCHIERO Geom. Gianluigi PAGLIERO COMUNE DI CAMBIANO

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA DETERMINAZIONE SETTORE : 3 N 241 del Reg. Sett Data 19/11/2004 AREA TECNICO - MANUTENTIVA N 1501 del Reg. Gen. Al Responsabile Settore FINANZIARIO Al Segretario

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA 3 SETTORE TECNICO NUOVO REGOLAMENTO Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Art.

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI SENIGALLIA Provincia di Ancona REGOLAMENTO EDILIZIO Codice di Pratica AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE Dirigente: Ing. Gianni Roccato Progetto originale: Arch. Enrica De Paulis Rielaborazione:

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUT O DI COSTRUZIONE, QUOTA AFFERENTE IL CONTRIBUTO SUGLI ONERI

Dettagli

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Urbanistica Edilizia privata Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori IL RESPONSABILE IV SETTORE Urbanistica - Edilizia Privata Ing. Ranieri

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO

COMUNE DI CASTELBELLINO COMUNE DI CASTELBELLINO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P.zza S. Marco 15 60030 Castelbellino e.mail urbanistica.castelbellino@provincia.ancona.it Protocollo ALLEGATO C AL PERMESSO DI COSTRUIRE Ditta: Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona IV Settore Urbanistica e Ambiente Servizio edilizia privata

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona IV Settore Urbanistica e Ambiente Servizio edilizia privata COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona IV Settore Urbanistica e Ambiente Servizio edilizia privata Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 138 del 29/11/2002 (modificato con deliberazioni

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Piano degli Interventi Variante parziale n. 4

Piano degli Interventi Variante parziale n. 4 Comune di Vigonza Variante parziale n. 4 novembre 2012 Comune di Vigonza Sindaco Nunzio Tacchetto Segretario Comunale Daniela Guzzon Responsabile del settore Enzo Ferrara Coordinamento generale Antonio

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura.

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura. COMUNE DI FERRARA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI ESISTENTI E TITOLI EDILIZI RICHIESTI Principali casistiche per gli interventi sull edilizia esistente, a partire dal 1 luglio 2008

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA Comune di Jesi Sportello Unico Edilizia Incontro con i professionisti 26 maggio 2015 La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato A alla Delibera Consiglio Comunale n.27 del 07/09/2015 Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE TABELLA A - EDIFICI RESIDENZIALI Zone ZTS (ex P.R.G. Zone omogenee A) (U1) Euro 7,38/Mc Euro 2,95/Mc.

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 7 Caso 7 Stima del mercato rurale mediante il criterio del valore di trasformazione: valore di trasformazione di una corte colonica ubicata in un podere nella pianura Bolognese Indice 1. Conferimento dell

Dettagli

COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015

COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015 COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015 Si evidenzia che: PRONTUARIO DEGLI INTERVENTI EDILIZI E DEI TITOLI ABILITATIVI - Tutte le modifiche dell aspetto esteriore dello stato dei luoghi necessitano

Dettagli

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84 Tabella H Costi edilizi di riferimento per il calcolo sommario del costo di costruzione riferito ad interventi su edifici esistenti o di nuova edificazione 1 NUOVA EDIFICAZIONE u.m. valore Edilizia residenziale

Dettagli

Comune di Sauze d Oulx Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA EDILIZIA DEI MANUFATTI PRECARI E TEMPORANEI

Comune di Sauze d Oulx Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA EDILIZIA DEI MANUFATTI PRECARI E TEMPORANEI Comune di Sauze d Oulx Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA EDILIZIA DEI MANUFATTI PRECARI E TEMPORANEI Approvato con Deliberazione di C.C. n. 6 del 22 febbraio 2010 Modificato con Deliberazione

Dettagli

Lettura esplicativa dell art. 11 del R.U. vigente a seguito dell entrata in vigore del D.P.G.R. n 64/R Parametri urbanistici ed edilizi.

Lettura esplicativa dell art. 11 del R.U. vigente a seguito dell entrata in vigore del D.P.G.R. n 64/R Parametri urbanistici ed edilizi. Lettura esplicativa dell art. 11 del R.U. vigente a seguito dell entrata in vigore del D.P.G.R. n 64/R Parametri urbanistici ed edilizi. LEGENDA: BARRATO norme non più in vigore dell art. 11 del R.U. ROSSO

Dettagli

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CARASSAI Provincia di Ascoli Piceno REGOLAMENTO COMUNALE Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 per la determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione Approvato con: Delibera

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Estratto degli articoli oggetto di modifica PIANO OPERATIVO COMUNALE Adottato con Delibera di C.C. N. 22 del 15 marzo 2011 Approvato con Delibera di C.C. N. 78 del 27 settembre 2012 COMUNE DI BERTINORO PROVINCIA DI FORLI -CESENA NORME TECNICHE DI

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 5/2/2010

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Città di CANOSA. Quadro riepilogativo degli Interventi Edilizi di cui al. - D.P.R. n. 380/2001. Testo Unico dell'edilizia (T.U.E.)

Città di CANOSA. Quadro riepilogativo degli Interventi Edilizi di cui al. - D.P.R. n. 380/2001. Testo Unico dell'edilizia (T.U.E.) ALLEGATO A alla Deliberazione di C.C. n. 45 del 02.07.2013 Città di CANOSA Quadro riepilogativo degli Interventi Edilizi di cui al - D.P.R. n. 380/2001 Testo Unico dell'edilizia (T.U.E.) CC: contributo

Dettagli

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova Sportello Unico per l Edilizia SCHEMA ANALITICO DELLE SUPERFICI E VOLUMI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 16 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE - Norme Tecniche di Attuazione (estratto) Il Progettista Magrini Arch. Marco Con la collaborazione degli Uffici Comunali LUGLIO 2012 REGOLAMENTO URBANISTICO - Norme Tecniche

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1 CRITERI GENERALI... 4 2 UNITA

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR 7,72/2,,,ƒ '(),1,=,21, $UW±'HILQL]LRQHGLHOHPHQWLXUEDQLVWLFRHGLOL]L 1. 6XSHUILFLH7HUULWRULDOH: è la superficie di territorio comprendente la superficie fondiaria e le aree per l'urbanizzazione primaria

Dettagli

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Comune di Sirolo (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 29.11.2010) CAPO I GENERALITA Art. 1 - Oggetto

Dettagli

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune.

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA EDILIZIA LIBERA 12

MANUTENZIONE ORDINARIA EDILIZIA LIBERA 12 2 Al Comune di BARLASSINA SUAP SUE P.zza Cavour, 3 20825 BARLASSINA (MB) PEC / comune.barlassina@pec.regione.lombardia.it CIAL da compilare a cura del SUE/SUAP MANUTENZIONE ORDINARIA EDILIZIA LIBERA 12

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi. COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.it REGOLAMENTO E TABELLE PARAMETRICHE DI CALCOLO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA...6

INDICE PARTE PRIMA...6 COMUNE DI CORI Provincia di Latina REGOLAMENTO EDILIZIO Arch. Giorgio Ceracchi Ing. Gianfranco Buttarelli Marzo 2004 INDICE PARTE PRIMA...6 CAPITOLO I...6 DISPOSIZIONI GENERALI...6 ART. 1 OGGETTO, CONTENUTI

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI SABAUDIA Provincia di Latina REGOLAMENTO EDILIZIO ELABORATO REDATTO AI SENSI DELL ARTICOLO 4 D.P.R. 6 GIUGNO 2001 N 380 PROGETTISTA Dott. Arch. Anna Rita Turlo COLLABORATORI Dott. Arch. Carlo

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Legge Regionale 25/11/2002 n. 31)

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Legge Regionale 25/11/2002 n. 31) COMUNE DI BERTINORO Provincia di Forlì-Cesena Settore Tecnico Urbanistica Servizio Edilizia Privata DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Legge Regionale 25/11/2002 n. 31) RICHIESTA DEL PERMESSO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 SEZIONE I 15.11.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 novembre 2013, n. 64/R Regolamento di attuazione

Dettagli

CITTA DI GRUGLIASCO 2011 INDICE Art. 1 FINALITA pag. 3 Art. 2 DEFINIZIONI pag. 4 Art. 3 TIPI DI INTERVENTO pag. 6 Art. 4 NORME RELATIVE ALL INVOLUCRO EDILIZIO pag. 7 Art. 5 REQUISITI PRESTAZIONALI DEGLI

Dettagli

Regolamento Urbanistico

Regolamento Urbanistico COMUNE DI VERNIO Regolamento Urbanistico Parametri urbanistici ed edilizi e definizioni dicembre 2013 Definizioni Complesso edilizio Edificio o fabbricato Unità immobiliare Organismo edilizio Involucro

Dettagli

A1.d. Comune di CAPORCIANO PIANO DI RICOSTRUZIONE. Provincia di L Aquila ELABORATI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO

A1.d. Comune di CAPORCIANO PIANO DI RICOSTRUZIONE. Provincia di L Aquila ELABORATI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO Comune di CAPORCIANO Provincia di L Aquila PIANO DI RICOSTRUZIONE Responsabile Scientifico: Prof. Arch. Maria Cristina Forlani Ottobre 2014 Allegato al decreto sindacale n. 29 del 20.08.2012 di adozione

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

SERRE SOLARI A ROMA E NEL LAZIO: LE CRITICITÀ DEL PERCORSO NORMATIVO ED ATTUATIVO

SERRE SOLARI A ROMA E NEL LAZIO: LE CRITICITÀ DEL PERCORSO NORMATIVO ED ATTUATIVO SERRE SOLARI A ROMA E NEL LAZIO: LE CRITICITÀ DEL PERCORSO NORMATIVO ED ATTUATIVO Massimiliano.cafaro@comune.roma.it ROMA CAPITALE La serra nella sua definizione consolidata sérra s. f. Complesso di locali

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI PISA COMUNE DI CALCI COMUNE DI CASCINA COMUNE DI S.GIULIANO TERME COMUNE DI VECCHIANO COMUNE DI VICOPISANO REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO B DEFINIZIONI 1 INDICE 1 - Definizioni tecniche

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001 Unità Operativa D Pianificazione Urbanistica Assetto del Territorio Edilizia Privata CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI

Dettagli

COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA MODIFICHE REGOLAMENTARI:

COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA MODIFICHE REGOLAMENTARI: COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA Servizio Edilizia Privata e Urbanistica MODIFICHE REGOLAMENTARI: - Articoli n. 4 e 46 N.T.A. del P.R.G.; - Articoli n. 45 bis, 45 ter e 105 bis del Regolamento Edilizio. N.B.

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

bozza REGOLAMENTO EDILIZIO testo aggiornato al 10.01.2013

bozza REGOLAMENTO EDILIZIO testo aggiornato al 10.01.2013 bozza REGOLAMENTO EDILIZIO testo aggiornato al 10.01.2013 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E ORGANIZZAZIONE DEL REGOLAMENTO EDILIZIO art. 1 - oggetto del regolamento edilizio art.2 principi generali

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

DEFINIZIONI TECNICHE UNIFORMI PER L URBANISTICA E L EDILIZIA

DEFINIZIONI TECNICHE UNIFORMI PER L URBANISTICA E L EDILIZIA Estratto della Deliberazione della Assemblea legislativa della regione Emilia- Romagna 4 febbraio 2010, n. 279 (Approvazione dell'atto di coordinamento sulle definizioni tecniche uniformi per l'urbanistica

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA D AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI D URBANIZZAZIONE, VALORI MINIMI E CRITERI PER LA MONETIZZAZIONE DEGLI STANDARD IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004

COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004 COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004 elab. PARAMETRI EDILIZI E METODI DI MISURAZIONE PROGETTAZIONE STUDIO DI PROGETTAZIONE URBANA E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ANDREA E DANIEL

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO COMUNE DI PIADENA Provincia di Cremona Sede Municipale: Piazza Garibaldi n. 3 - Tel. 0375.98125 - Fax n. 0375.98733 VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PER GLI INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PER GLI INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PER GLI INTERVENTI DI EDILIZIA RESIDENZIALE Definizione del contributo di costruzione: Si definisce contributo di costruzione l importo dovuto all amministrazione

Dettagli

Comune di Santa Sofia Provincia di Forlì-Cesena. Determinazione del contributo di costruzione

Comune di Santa Sofia Provincia di Forlì-Cesena. Determinazione del contributo di costruzione Allegato_5 Comune di Santa Sofia Provincia di Forlì-Cesena Determinazione del contributo di costruzione (Legge Regionale n. 31 del 25/11/2002) RICHIESTA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE O DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

Regolamento Urbanistico Edilizio Comunale

Regolamento Urbanistico Edilizio Comunale PROVINCIA DI NAPOLI Regolamento Urbanistico Edilizio Comunale (ai sensi dell art. 28 della Legge Regionale 16/2004) COLOPHON: Redazione: UTC di Sorrento: il Dirigente ing. Guido Imperato Consulenza: con

Dettagli

COMUNE DI JESOLO Lido di Jesolo Venezia

COMUNE DI JESOLO Lido di Jesolo Venezia COMUNE DI JESOLO Lido di Jesolo Venezia RAMBLA SUL MARE" Via Bafile Maxim Via Trentin VARIANTE AL PRG VIGENTE - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL P.U.A. RAMBLA SUL MARE Committente F.lli SCHIAVON ed EREDI

Dettagli

COMUNE DI MEDOLLA (Provincia di Modena) UFFICIO TECNICO

COMUNE DI MEDOLLA (Provincia di Modena) UFFICIO TECNICO ALIENAZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA CONVENZIONATA DI UN TERRENO EDIFICABILE DI PROPRIETÀ COMUNALE INDIVIDUATO URBANISTICAMENTE IN ZONA RESIDENZIALE B3 CON ACCESSO DA VIA PERUGIA INDIVIDUATO AL NCT

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 ALLEGATO AL REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del

Dettagli

Regolamento Urbanistico SCHEDA-PROGETTO. COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia)

Regolamento Urbanistico SCHEDA-PROGETTO. COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO URBANISTICO Progettazione Ing. Gaetano Pollerone Funzionario Tecnico Comunale Consulenza Urbanistica : Arch. Giuliano Giovannelli Consulenza

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. al regolamento edilizio. del comune di Clusone

ALLEGATO ENERGETICO. al regolamento edilizio. del comune di Clusone Allegato C ALLEGATO ENERGETICO al regolamento edilizio del comune di Clusone Testo adottato con delibera di C.C. n 11 del 29.02.2012 Testo approvato con delibera di C.C. n 22 del 30.05.2012... * modifiche

Dettagli