CONDOMINIO BOX CAPUANA in Via Farinelli angolo Via Morandi TORINO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONDOMINIO BOX CAPUANA in Via Farinelli angolo Via Morandi TORINO"

Transcript

1 CONDOMINIO BOX CAPUANA in Via Farinelli angolo Via Morandi TORINO DELL EDIFICIO INTERRATO DESTINATO AD AUTORIMESSA A BOX IN DIRITTO DI SUPERFICIE, NEL SOTTOSUOLO DELL AREA EX CAPUANA IN TORINO VIA FARINELLI - VIA MORANDI 1

2 INDICE Articolo 1. L edificio in condominio. Articolo 2. Parti comuni dell edificio. Articolo 3. Quote millesimali di ripartizione. Articolo 4. Ripartizione delle spese. Articolo 5. Innovazioni. Articolo 6. Locazione delle unità condominiali. Articolo 7. Norme comportamentali, obblighi, divieti e limitazioni nella destinazione. Articolo 8. Organi dell Amministrazione. Articolo 9. Dell Assemblea. Articolo 10. Dell Amministratore. Articolo 11. Assicurazione Articolo 12 Esercizio finanziario Articolo 13. Norme transitorie. Articolo 14. Rinvio. 2

3 Articolo 1. L edificio in condominio. Condominio Capuana Il presente regolamento ha per oggetto l edificio in diritto di superficie novantennale situato nel sottosuolo dell area di Via Farinelli angolo via Morandi, occupandone con i suoi accessori la superficie complessiva di circa mq per la parte interrata e di circa mq. 390 per la parte emergente, costituita da tre edicole destinate all acceso pedonale, una uscita di emergenza, una rampa per l accesso veicolare e alcune areazioni, il tutto come risulta dalla planimetria allegata che costituisce parte integrante di questo regolamento. Gli atti autorizzativi dell intervento sono: deliberazione della Giunta Comunale dell 11 febbraio 2003 (mecc /033), di approvazione del progetto preliminare relativo alla realizzazione di un parcheggio interrato e alla sistemazione superficiale della piazza, deliberazione della Giunta Comunale in data 13 dicembre 2005 (n.mecc /033), di approvazione del progetto definitivo del parcheggio, deliberazione della Giunta Comunale del 30 marzo 2010 (mecc. n /033) di approvazione di variante rispetto al progetto originario Costituiscono parte integrale dell edificio in condominio, così come graficamente descritto ed in parte numericamente individuato nella planimetria (allegato 1): - al livello del sopra suolo: rampa destinata all accesso veicolare (vedere nota in fondo); edicole di accesso pedonale, denominate B,C comprensive di locali a disposizione ed altri accessori distributivi; edicola di accesso pedonale, denominata D comprensiva di locali a disposizione ed altri accessori distributivi (vedere nota in fondo); uscita di emergenza; griglie varie di areazione dei locali sottostanti. - al primo piano interrato: n 91 unità immobiliari costituite da posti auto a box, raggruppate in locale autorimessa a box auto, di circa mq. 2690; locali tecnici e locali a disposizione interni all area box; locali tecnici e locali a disposizione esterni all area box, con accesso dall edicola D o dallo spazio distributivo in fondo alla rampa (vedere nota in fondo). Sono estranee al Condominio box, sin dal momento della sua costituzione: l area superficiale della piazza, fino all impermeabilizzazione (esclusa), di competenza esclusiva della Città; la parte di piano interrato adiacente il Condominio box e la pertinente edicola A, ancora al rustico e non utilizzate al momento della redazione del presente Regolamento, di competenza esclusiva di GTT o aventi causa. NOTA all art. 1 La rampa di accesso, con il successivo spazio distributivo, l edicola D e i locali tecnici al piano interrato compresi fra la scala dell edicola D e la rampa di accesso, registrati al Catasto come Foglio 1481 Particella 321 Sub 1, sono beni comuni non censibili. 3

4 Articolo 2. Parti comuni dell edificio. 1. Sono oggetto di proprietà comune del Condominio, al 100%, le parti d immobile individuate al Catasto al Foglio 1481, Particella 321, Sub 8: a. lo spazio ottenuto in concessione di diritto superficie da G.T.T. S.p.A., che a sua volta lo ha ricevuto dalla Città di Torino con rogito Notaio Chianale (Repertorio raccolta 30573) del 11/01/2012. b. le strutture dell edificio: le fondazioni, le pavimentazioni, i muri portanti perimetrali, i muri di compartimentazione e il solaio di copertura, escluse le guaine impermeabilizzanti e gli strati superiori fino in superficie; c. l uscita di emergenza, le intercapedini e le griglie di areazione; d. le corsie di manovra; e. le edicole emergenti sulla piazza: o edicola B con ascensore, macchinari e relativi accessori, o edicola C con locale a disposizione nel soprasuolo, f. le installazioni dell impianto antincendio, tutte le condutture e le apparecchiature elettriche, l impianto di raccolta e sollevamento acque meteoriche e le parti in genere di uso comune. 2. Sono oggetto di proprietà comune del Condominio, al 50% con l ente proprietario dell adiacente fabbricato interrato, ancora al rustico, dal momento in cui saranno ultimati i lavori di finitura e resi agibili i locali, le parti d immobile individuate al Catasto al Foglio 1481, Particella 321, Sub 1: g. la rampa di accesso con il successivo spazio distributivo (vedere nota all art. 1); h. edicola D, con i locali tecnici nel piano interrato (vedere nota all art. 1); 4

5 Articolo 3. Quote millesimali di ripartizione. Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell edificio per la prestazione dei servizi nell interesse comune sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno L entità delle quote di partecipazione alla proprietà delle cose comuni, definite all art. 2, è espressa in millesimi ed è definita nella tabella allegata al presente Regolamento.; 5

6 Articolo 4. Ripartizione delle spese. Le spese necessarie per l amministrazione, conservazione e manutenzione delle parti comuni, i consumi energetici e ogni altra erogazione di utilità comune, nonché eventuali futuri sistemi di vigilanza, devono essere sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno e saranno ripartite fra i vari condomini in proporzione dei millesimi corrispondenti al valore della proprietà di ciascuno, secondo quanto stabilito dall articolo 3. Con riferimento alla sezione stratigrafica del sito: tutte le manutenzioni ordinarie e straordinarie riguardanti le opere sovrastanti la soletta di copertura (pavimentazione stradale, pubblica illuminazione, verde di arredo, segnaletica, rete di raccolta acque meteoriche della piazza ecc.) saranno di competenza ed a carico della Città di Torino. La manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché l eventuale sostituzione, delle opere di impermeabilizzazione della soletta, che non siano determinate da cause imputabili alla Città di Torino, sono a totale carico del Condominio, compreso lo smantellamento ed il ripristino delle opere sovrastanti. tutte le manutenzioni ordinarie e straordinarie che saranno da effettuare a partire dal solaio in elementi prefabbricati fino alle fondazioni, sulle edicole di accesso pedonale al piano interrato, sulla rampa di accesso carraio, compreso i muretti di contenimento, sulle uscite di sicurezza e sulle griglie al piano campagna per l aerazione dei locali interrati saranno a carico del condominio e disciplinate come detto nel paragrafo precedente. Nessun condomino può sottrarsi al pagamento delle spese comuni abbandonando o rinunciando alla proprietà delle cose. Tutte le spese di cui al successivo art. 12 comma c), d), e), saranno invece a carico di GTT S.p.A. o di suoi aventi causa a qualsiasi titolo. Tutte le spese di cui al successivo art. 12 comma f), saranno invece a carico del Condominio dei box. 6

7 Articolo 5. Innovazioni. Trattandosi di edificio per il quale sono prevalenti le condizioni di sicurezza ambientale e antincendio, nessuna innovazione è ammessa che sia tale da diminuire codeste condizioni così come sono state configurate alla data dell agibilità dell edificio, in particolare relativamente a: ogni dispositivo di segnalazione e di attivazione di apparecchiature automatiche antincendio; le superfici di aerazione ricavate sulle porte basculanti dei box perimetrali; il numero e l intensità degli apparecchi illuminanti ovunque installati; tutta la segnaletica installata; i controlli automatici delle aperture e delle chiusure dei serramenti pedonali e veicolari. Tale disciplina dovrà essere osservata anche qualora i parametri di sicurezza adottati in questo complesso edilizio risultassero più cautelativi delle norme regolamentatrici della materia. Non è peraltro ammessa alcuna innovazione che possa alterare l originaria armonia ambientale e architettonica del complesso, relativamente alle decorazioni ed ai rivestimenti delle strutture comuni e saranno pertanto immodificabili i colori dei serramenti di ciascun box e le tipologie e dimensioni dei relativi contrassegni grafici. Fermo restando quanto sopra, si applicano relativamente alle innovazioni gli artt e 1121 del C.C. 7

8 Articolo 6. Locazione delle unità condominiali. Le unità condominiali potranno essere locate secondo le normative vigenti. Nonostante la locazione, i proprietari continuano a essere responsabili e rispondenti in proprio nei confronti del condominio. I conduttori non potranno in alcun modo ingerirsi nell amministrazione del condominio, essendo comunque obbligati all osservanza di tutte le prescrizioni che lo regolano. Tutti i rapporti tra locatore e conduttore saranno da essi direttamente regolati e costituiranno, per il condominio, res inter alios acta. 8

9 Articolo 7. Norme comportamentali, obblighi, divieti e limitazioni nella destinazione. È vietato: a) occupare anche momentaneamente le aree di uso comune quali i corselli, le rampe d accesso veicolare, i pianerottoli e le scale, le edicole di accesso pedonale, senza previa autorizzazione dell Amministratore, da rilasciarsi per iscritto per giustificati motivi; b) sostare con automezzi nei corselli, se non per il tempo strettamente necessario alla manovra di entrata o uscita dal box; c) applicare, d iniziativa del singolo condomino, targhe, targhette ed insegne, private, commerciali e diverse; d) utilizzare le unità condominiali ad uso diverso dal rimessaggio di autovetture, biciclette o ciclomotori, in particolare per svolgervi attività commerciali, ricreative, associative, o lucrative di noleggio a rotazione dei posti auto; e) modificare le caratteristiche edilizie delle unità, essendo tuttavia consentita l eliminazione di pareti tra unità contigue se appartenenti al medesimo proprietario; f) coprire, con qualunque tipo di materiale, le superfici di ventilazione esistenti sulle porte dei box perimetrali e quelle delle griglie verso l intercapedine; g) modificare e sostituire i portoni dei box originariamente installati con altri di tipologia diversa, essendo tuttavia consentita l applicazione di sistemi di motorizzazione delle aperture e di telecomandi; h) installare all interno dei singoli box qualsivoglia apparecchiatura elettromeccanica, senza previa autorizzazione dell Amministratore, da rilasciarsi per iscritto per giustificati motivi; i) introdurre veicoli con sistemi di carburazione non ammessi secondo le normative vigenti; j) depositare materiali infiammabili e comunque pericolosi all'interno di ogni singolo box; k) modificare, danneggiare, manomettere o usare in modo improprio gli impianti elettrici, l ascensore, la rete fognaria e l impianto antincendio, compresi gli estintori, di proprietà del Condominio o comuni con le proprietà della Città e di GTT o aventi causa. E fatto obbligo per il condomino di: a) comunicare per lettera Raccomandata all Amministratore il proprio domicilio agli effetti del presente Regolamento o per ogni rapporto che riguardi il condominio, diversamente sarà ritenuto domiciliato nei locali del Condominio di sua proprietà; b) comunicare, tramite lettera raccomandata all Amministratore, ogni variazione o cessione di proprietà, pena il mantenimento delle responsabilità nei confronti del Condominio e dell Amministrazione; c) comunicare, tramite lettera raccomandata all Amministratore, i dati del conduttore in caso di locazione dei box; d) transitare nei corselli a velocità moderata e comunque prestare sempre adeguata cautela e attenzione durante le manovre ed il transito; e) segnalare con tempestività guasti, anomalie o disfunzioni dei servizi comuni, con particolare riferimento agli apparati di sicurezza. 9

10 Articolo 8. Organi dell Amministrazione. Gli organi dell Amministrazione sono: a) l Assemblea dei condomini; b) l Amministratore. 10

11 Articolo 9. Dell Assemblea Le deliberazioni prese dall assemblea sono obbligatorie per tutti i condomini. Contro le deliberazioni contrarie a legge ogni condomino dissenziente può fare ricorso all Autorità giudiziaria, ma il ricorso non sospende l esecuzione del provvedimento, salvo che la sospensione sia ordinata dall Autorità stessa. Il ricorso deve essere proposto entro trenta giorni a pena di decadenza (art e seguenti) che decorre dalla data di deliberazione per i dissenzienti o astenuti, e dalla data di comunicazione della deliberazione per gli assenti. Qualora l Assemblea deliberi di promuovere una lite o di resistere ad una domanda, il condomino dissenziente può separare la responsabilità propria in ordine alle conseguenze della lite in caso di soccombenza, notificando all'amministratore il relativo atto di dissenso entro trenta giorni dalla data di deliberazione. L Assemblea, nella sua riunione annuale ordinaria provvede: a) alla nomina, conferma, revoca dell Amministratore; b) alla determinazione dell ammontare del compenso dell Amministratore; c) all approvazione del rendiconto annuale dell Amministratore e del relativo riparto, nonché del preventivo di spese per l esercizio successivo e del suo riparto di massima. L Assemblea di condominio è convocata dall Amministratore in via ordinaria nei tre mesi successivi alla chiusura di ogni atto di gestione, e in via straordinaria quando lo ritenga necessario, o quando ne sia richiesto da almeno due condomini, che rappresentino almeno un sesto del valore millesimale dell edificio. In questi casi, qualora l Amministratore non provveda, dovranno provvedervi i due o più condomini richiedenti. L avviso di convocazione deve contenere: - le materie da sottoporre alla deliberazione dell Assemblea; - giorno, luogo ed ora della prima convocazione della prima riunione nonché della seconda, eventualmente occorrente, da tenersi in uno dei cinque giorni successivi. Esso deve essere comunicato almeno cinque giorni prima a tutti i condomini. Durante i dieci giorni che precedono l assemblea, l Amministratore dovrà mettere a disposizione dei condomini per esame e controllo: contabilità, documentazione, libri ed ogni altro elemento. Ogni condomino ha diritto e dovere di intervenire alle assemblee personalmente o per mezzo di delega. Il delegato non potrà rappresentare più di dieci condomini e non può votare su questioni in cui siano in discussione rapporti e responsabilità che lo riguardano. L Amministratore deve intervenire alle assemblee e relazionare sull attività svolta e sugli argomenti posti all ordine del giorno. Trascorsi trenta minuti dall ora fissata per l Assemblea, i condomini nominano il Presidente dell Assemblea, il quale, a sua volta, sceglierà un Segretario. L assemblea di prima convocazione è regolarmente costituita con l intervento dei due terzi dei condomini che rappresentino almeno due terzi del valore in quote millesimali del fabbricato. Le deliberazioni sono valide se approvate dalla maggioranza degli intervenuti che rappresenti la metà del valore del fabbricato. Se l Assemblea in prima convocazione non può deliberare per mancanza di numero legale, l assemblea in seconda convocazione delibera in un giorno successivo a quello della prima e, in ogni caso non oltre i dieci giorni dalla medesima. L Assemblea in seconda convocazione è regolarmente costituita con un numero di voti che rappresenti almeno un terzo dei condomini ed un terzo del valore in quote millesimali dell edificio. Le deliberazioni che concernono la nomina e revoca dell Amministratore e quelle su liti attive e passive relative a materie che esorbitino dalle attribuzioni dell amministratore, nonché le deliberazioni che comportano ricostruzioni e riparazioni straordinarie di notevole entità, devono sempre essere prese con la maggioranza degli intervenuti, che rappresenti almeno la metà del valore del fabbricato. 11

12 L assemblea non può deliberare se non consta che tutti i condomini siano stati invitati alle riunioni ritualmente e tempestivamente tranne che nel caso di presenza totalitaria. Delle deliberazioni il Segretario redige processo verbale contestuale da sottoscriversi dal Presidente, dal Segretario e dagli Scrutatori. Tale processo verbale viene affidato all Amministratore che deve conservarlo, unitamente agli allegati eventuali (che devono essere sottoscritti come sopra) e deve trascriverlo nell apposito registro delle assemblee nei tre giorni successivi. Il verbale dovrà contenere (anche per allegato): a) il testo dell avviso di convocazione; b) le generalità degli intervenuti ed il valore delle quote rispettivamente rappresentate; c) la scelta del Presidente, del Segretario e degli Scrutatori; d) la constatazione della validità della costituzione; e) la relazione dell Amministratore; f) il resoconto sommario della discussione, il testo della relativa deliberazione della maggioranza; g) eventuali dichiarazioni degli intervenuti; h) ora di apertura e di chiusura della riunione, i) sottoscrizione del Presidente, del Segretario, degli Scrutatori. 12

13 Articolo 10. Dell Amministratore Condominio Capuana L Amministratore, eletto annualmente dall Assemblea, dura in carico un anno ed è rieleggibile. Può essere revocato dall Assemblea per giusta causa. Se l Assemblea non provvede, la revoca è fatta dall Autorità giudiziaria su ricorso anche di un solo condomino. L assemblea può subordinare la nomina dell Amministratore alla presentazione ai condomini di una polizza individuale di assicurazione per la responsabilità civile per gli atti compiuti nell esercizio del mandato con massimale idoneo a coprire l ammontare dei fondi deliberati dai condomini per la gestione. L amministratore è tenuto ad adeguare i massimali della polizza se nel periodo del suo incarico l assemblea deliberi lavori straordinari. L adeguamento non deve essere inferiore all importo di spesa deliberato e deve essere effettuato contestualmente all inizio dei lavori. Nel caso in cui l amministratore sia coperto da una polizza di assicurazione per la responsabilità civile professionale generale per l intera attività dallo stesso svolta la polizza deve essere integrata con una dichiarazione dell impresa di assicurazione che garantisca per lo specifico condominio le condizioni previste dal periodo precedente. L Amministratore ha la responsabilità della disciplina del fabbricato. Per qualsiasi inconveniente si verifichi alle parti comuni, ha l obbligo di provvedere con immediatezza. A tale scopo, l assemblea dovrà costituire un fondo di riserva straordinario, da depositare su un c/c bancario intestato al condominio. L Amministratore deve: a) provvedere tempestivamente alla convocazione delle assemblee, eseguirne le deliberazioni e fare osservare il presente regolamento; b) disciplinare l uso delle cose comuni; c) stipulare ed aggiornare polizze assicurative contro incendio, scoppio e responsabilità civile verso terzi; d) proporre all assemblea le spese eccedenti l ordinaria manutenzione, sottoponendo i relativi preventivi; e) tenere il libro dei verbali dell Assemblea e relativi documenti originali con relativi giustificativi per almeno cinque anni; f) tenere l elenco dei proprietari con gli estremi dei titoli di proprietà, nonché delle relative unità immobiliari collegate dal vincolo di pertinenza, il libro inventario delle cose comuni, le planimetrie e gli altri documenti riguardanti il fabbricato; g) predisporre e sottoporre all Assemblea il piano programmato di manutenzione secondo le norme di legge vigenti; h) presentare all Assemblea la relazione della propria attività. L Amministratore ha la rappresentanza legale del condominio e può stare in giudizio, sia contro i condomini sia contro terzi. Valgono per lui in materia le norme dettate dall art c.c. I provvedimenti presi dall Amministratore nell ambito dei suoi poteri sono obbligatori e vincolativi per i condomini. Contro tali provvedimenti è ammesso ricorso all autorità giudiziaria, nei casi, modi e termini legalmente ammissibili. Se vi è fondato sospetto di gravi irregolarità nell adempimento dei doveri da parte dell Amministratore, qualsiasi condomino può denunciare i fatti al Tribunale che, sentito in camera di consiglio l Amministratore, può ordinare l ispezione a spese dei richiedenti, subordinandola, se del caso, alla prestazione di una cauzione. Se le irregolarità sussistono, il Tribunale può disporre gli opportuni provvedimenti cautelari, revocare l Amministratore e nominare un Amministratore giudiziario, determinandone oneri e durata. 13

14 Articolo 11. Assicurazione L'intero complesso dovrà essere assicurato: a) contro i danni causati dal fuoco e/o dal fulmine e/o derivati da esplosioni, da rottura delle condotte e dall'urto di autoveicoli appartenenti a condomini o a terzi; b) contro le conseguenze delle responsabilità civili per danni a terzi o alle cose; c) contro catastrofi naturali: inondazioni, tornado, etc. d) contro le infiltrazioni provenienti del solaio del piano terreno e dalle pareti contro terra. L'assemblea sceglierà l'istituto assicuratore, fatte salve le eventuali assicurazioni in corso all'entrata in vigore del presente Regolamento. L'indennità liquidata in caso di sinistro deve essere reimpiegata nel ripristino o ricostruzione del complesso immobiliare. L'Amministratore s intende esplicitamente delegato dai condomini proprietari tutti, senza nessuna esclusione, all'espletamento delle varie pratiche presso la compagnia stessa e alla esazione dell'indennità spettante alle parti del complesso immobiliare. Ove l'indennità riscossa sia inferiore alla somma occorrente per il ripristino o ricostruzione, tutti i condomini dovranno concorrere, secondo il valore delle rispettive proprietà, ad integrare la spesa occorrente al ripristino delle cose comuni che fossero danneggiate. Un perito scelto dall'assemblea determinerà la differenza fra il danno subito dalle cose comuni e l'indennità riscossa dall'assicurazione, al fine di ripartirla proporzionalmente fra i condomini. Di contro, l'eventuale eccedenza dell'indennità riscossa, rispetto alla spesa necessaria per il ripristino delle cose comuni, sarà distribuita fra i partecipanti secondo i valori delle rispettive proprietà. Articolo 12. Esercizio Finanziario L'esercizio finanziario si chiude annualmente e va dal 01/01 al 31/12 ed è sottoposto all'approvazione dell'assemblea. A tal fine l Amministratore spedirà ai Condomini non oltre novanta giorni dalla chiusura dell'esercizio finanziario, 5 gg. prima dell'assemblea, i rendiconti a norma unitamente all'avviso di convocazione. Il riparto delle spese dovrà essere approvato dall'assemblea in seduta stante; chi non presenta le sue osservazioni in detta assemblea o non interviene o non si fa rappresentare, decade dal diritto di rappresentarle altrimenti, e i rendiconti, se approvati dall'assemblea si intenderanno approvati anche in suo confronto. Le somme risultanti a debito dei singoli Condomini dovranno essere corrisposte entro 15 gg. da tale approvazione; in caso di residui di credito, essi verranno passati sul conto di essi per l'anno successivo. Le sanzioni previste per penalità in caso di ritardi nei pagamenti di contravvenzioni al presente Regolamento, saranno devolute al fondo di riserva per spese straordinarie. 14

15 Articolo 13. Norme transitorie. Condominio Capuana Alla GTT S.p.a o suoi aventi causa a qualsiasi titolo, spettano sino alla realizzazione della porzione di fabbricato interrato adiacente ancora da completare : a) la nomina dell'amministratore che resterà in carica per almeno i primi tre esercizi di gestione del Condominio; b) il potere di promuovere ogni iniziativa utile alla realizzazione di interventi di completamento della porzione di fabbricato ad iniziale destinazione a posti auto a rotazione, non facente parte dell attuale condominio, dei locali a disposizione all interno delle edicole ed ulteriori interventi integrativi ed estensivi di questo condominio usufruendo delle infrastrutture già realizzate ed indicate nelle planimetria annessa a questo regolamento, anche rendendo parti di questo condominio comuni alla suddetta parte di fabbricato da terminare (rampa, edicola D con ascensore, parti comuni, ecc.); c) tutte le attività per il conseguimento degli sviluppi sopra indicati (convenzioni con la Città di Torino per l assegnazione dell area, convenzioni e pattuizioni con le proprietà finitime, progetti e permessi per le opere edilizie e complementari occorrenti ecc.); Competono al Condominio dei box il 100% delle spese della rampa con il successivo spazio distributivo e l edicola D, con relativi locali tecnici al piano terreno, e nel sottosuolo, fino a quando non sarà ultimata la porzione di fabbricato interrato ancora da completare. Successivamente, le dette spese saranno da ripartire per il 50% a carico del condominio box oggetto del presente regolamento e 50% a carico dell ente proprietario del fabbricato adiacente. Le presenti norme transitorie dovranno essere approvate specificatamente dagli acquirenti dei box ex art del Codice Civile. Articolo 14. Rinvio Per quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento si rinvia alle norme del Codice Civile alle Disposizioni di Attuazione del Codice Civile e, comunque, alle disposizioni di legge vigenti.. 15

16 16

17 Allegato DELL EDIFICIO INTERRATO DESTINATO AD AUTORIMESSA A BOX IN DIRITTO DI SUPERFICIE, NEL SOTTOSUOLO DELL AREA EX CAPUANA IN TORINO VIA FARINELLI - VIA MORANDI TABELLA MILLESIMALE box millesimi millesimi millesimi n.1 10,48 n.31 10,78 n.61 11,62 n.2 10,11 n.32 10,78 n.62 11,62 n.3 10,11 n.33 10,78 n.63 11,62 n.4 10,11 n.34 10,78 n.64 11,62 n.5 10,11 n.35 10,78 n.65 11,62 n.6 10,11 n.36 11,02 n.66 11,62 n.7 10,11 n.37 11,02 n.67 11,62 n.8 10,11 n.38 10,78 n.68 11,62 n.9 10,11 n.39 10,78 n.69 11,62 n.10 10,11 n.40 10,78 n.70 11,62 n.11 10,11 n.41 10,78 n.71 11,62 n.12 10,11 n.42 10,78 n.72 11,62 n.13 10,11 n.43 10,78 n.73 11,62 n.14 10,11 n.44 10,78 n.74 11,92 n.15 10,11 n.45 10,78 n.75 13,12 n.16 10,11 box n.46 10,78 box n.76 10,84 n.17 10,11 n.47 10,78 n.77 10,36 n.18 10,30 n.48 10,78 n.78 10,36 n.19 11,02 n.49 10,78 n.79 10,23 n.20 10,78 n.50 10,78 n.80 10,30 n.21 10,78 n.51 10,78 n.81 15,77 n.22 10,78 n.52 10,78 n.82 11,68 n.23 10,78 n.53 10,78 n.83 13,49 n.24 10,78 n.54 11,02 n.84 14,75 n.25 10,78 n.55 11,92 n.85 11,98 n.26 10,78 n.56 11,62 n.86 11,38 n.27 10,78 n.57 11,62 n.87 11,92 n.28 10,78 n.58 11,62 n.88 14,09 n.29 10,78 n.59 11,62 n.89 16,50 n.30 10,78 n.60 11,62 n.90 3,91 n.91 4,82 Millesimi totali 1000,00 17

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P.

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Le norme contenute nel presente regolamento disciplinano le autogestioni dei servizi accessori, degli spazi

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. 1 PARTI COMUNI 2 Art. 1 L'articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. - (Parti comuni

Dettagli

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole Breve guida pratica al Condominio Una micro società con le sue regole Quando nasce il condominio? Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) LE NUOVE COMPETENZE ATTRIBUITE ALL ASSEMBLEA

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

REGOLAMENTO CONDOMINIALE Regolamento di condominio

REGOLAMENTO CONDOMINIALE Regolamento di condominio Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI E PROPRIETA' COMUNI Art. 1. Oggetto del regolamento. - Forma oggetto del regolamento il fabbricato sito in (indicare oltre all'ubicazione, anche i dati catastali). Art. 2.

Dettagli

---------------------------------------------- ! " # $ % & $ ' (# # )$ * !"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!#

---------------------------------------------- !  # $ % & $ ' (# # )$ * !#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# ----------------------------------------------! " # $ % & $ ' (# # )$ *!"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# I N D I C E Art. 1 L Autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni Art. 2 Costituzione

Dettagli

INDICE PREMESSA... 20 PREMESSA... 15

INDICE PREMESSA... 20 PREMESSA... 15 INDICE PREMESSA................................................ 20 PREMESSA................................................ 15 1. AMMINISTRATORE: Nomina Dimissioni................... 17 1.01 Preventivo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTORIMESSA DI VIA GERA CONEGLIANO CAPITOLO I. Il presente Regolamento si applica all autorimessa interrata sita in Conegliano,

REGOLAMENTO DELL AUTORIMESSA DI VIA GERA CONEGLIANO CAPITOLO I. Il presente Regolamento si applica all autorimessa interrata sita in Conegliano, ALLEGATO E REGOLAMENTO DELL AUTORIMESSA DI VIA GERA CONEGLIANO CAPITOLO I ART. 1 COSTITUZIONE DEL CONDOMINIO Il presente Regolamento si applica all autorimessa interrata sita in Conegliano, Via Gera. ART.

Dettagli

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E CONTENUTO DEL CORSO I materiali utilizzati nel corso, il corso stesso e le prove finali d esame devono avere riguardo alle materie indicate

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. 13 DEL 26.01.2000 TITOLO I PREMESSE Art 1. Ambito di applicazione Il presente regolamento trova applicazione

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'USO DELL'AUTOMEZZO PERSONALE O DELL AUTO DI SERVIZIO PER RAGIONI DI LAVORO

DISCIPLINARE PER L'USO DELL'AUTOMEZZO PERSONALE O DELL AUTO DI SERVIZIO PER RAGIONI DI LAVORO MAGNIFICA COMUNITA DEGLI ALTIPIANI CIMBRI e-mail: segreteria@comunita.altipianicimbri.tn.it pec: comunita@pec.comunita.altipianicimbri.tn.it Fraz. Gionghi n. 107-38046 LAVARONE - C.F. 96085530226 P.IVA

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 Art. 01 - Gli appartamenti dei Condomini devono essere destinati esclusivamente ad uso

Dettagli

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto.

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata Livorno Sport S.r.l., è retta da questo Statuto. Statuto Art.1 La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto. Art 2 La Società ha sede legale in Livorno, presso il complesso sportivo "La Bastia", in

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE IMPRESE COOPERATIVE. Testo approvato dall Assemblea ordinaria del 9 giugno 2005 ART. 1 COSTITUZIONE Al fine di promuovere

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CON PROMESSA DI FUTURA COMPRAVENDITA

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CON PROMESSA DI FUTURA COMPRAVENDITA CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CON PROMESSA DI FUTURA COMPRAVENDITA I sottoscritti: - Arch. Giorgio Nena nato a Carbonera il 21/12/1952, domiciliato per la carica ove appresso che interviene

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F.

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F. REGOLAMENTO INTERNO della FUTURHAUS Società Cooperativa Edilizia a r.l. Sede in Roma Lungotevere di Pietra Papa, 95 00146 Capitale Sociale versato e sottoscritto Euro 1.750,00 Iscritta al n. 07456230585

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE Bozza del 29.11.2013 (2 passo) REGOLAMENTO PER L USO E L AMMINISTRAZIONE PER L AUTORIMESSA SOTTERRANEA SULL IMMOBILE N. 1615 INTAVOLATA COME DIRITTO A SÉ STANTE E PERMANENTE SUL FONDO N. D NEL REGISTRO

Dettagli

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE S T A T U T O Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE 1) In attuazione dell articolo 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto degli Enti pubblici non economici stipulato il 6 luglio 1995,

Dettagli

ANAGRAFE CONDOMINIALE

ANAGRAFE CONDOMINIALE ANAGRAFE CONDOMINIALE In base all art. 1130 c.c., così come modificato dalla L. 220/12, gli amministratori di condominio hanno l obbligo di curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente

Dettagli

ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL. L anno duemiladodici e questo dì del mese di TRA

ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL. L anno duemiladodici e questo dì del mese di TRA ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL L anno duemiladodici e questo dì del mese di in Firenze per il presente atto TRA - il Comune di Firenze, codice fiscale n. 01307110484,

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Le tariffe applicate sono chiare e vengono calcolate in base al numero di unità immobiliari presenti nel Condominio che a sua volta determinano l impegno dell

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

Statuto dell Associazione Sportiva ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA SCACCHISTICA MOLFETTESE VINCENZO MASSARI. Titolo 1 - Costituzione

Statuto dell Associazione Sportiva ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA SCACCHISTICA MOLFETTESE VINCENZO MASSARI. Titolo 1 - Costituzione Statuto dell Associazione Sportiva ASSOCIAZIONE DILETTANTISTICA SCACCHISTICA MOLFETTESE VINCENZO MASSARI Titolo 1 - Costituzione Denominazione - Sede Art. 1 - È costituita con sede in Molfetta, via Francesco

Dettagli

ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8

ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 STATUTO 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione denominata Amicizia 2. L associazione ha sede in via C. Marchesi 7/D nel comune di Silea (TV). ART. 2 (Statuto) 1. L associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI Regolamento adottato in Consiglio Comunale n. 82 del 22/11/2007 1 Art. 1 GENERALITA Gli immobili

Dettagli

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato Il giorno, alle ore, nel Comune di Via n. con la presente scrittura privata si sono riuniti i sig.ri (1): per costituire l organizzazione

Dettagli

Breve guida pratica al CONDOMINIO

Breve guida pratica al CONDOMINIO 1 Breve guida pratica al Una micro società con le sue regole. Quando nasce il condominio? 2 Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti almeno

Dettagli

È costituita un associazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità

È costituita un associazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità STATUTO ACC-k9t Art. 1 È costituita un associazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS), sotto la denominazione: Associazione Culturale Cinofila k9t ONLUS"

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

SCHEMA STATUTO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

SCHEMA STATUTO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 3117 del 21/10/2008 pag. 1/7 SCHEMA STATUTO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ALLEGATO B Dgr n. 3117 del 21/10/2008 pag. 2/7 ART. 1* (Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Sede centrale: Vicolo Grossardi, 16/A - 43100 Parma tel. 0521-215111

Dettagli

Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262

Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Libro Terzo - Della proprietà Titolo VII - Della comunione Capo II - Del condominio negli edifici Art. 1117 Parti comuni dell'edificio Sono oggetto

Dettagli

BOZZA DI STATUTO DEL COMITATO ORGANIZZATORE 1, 2

BOZZA DI STATUTO DEL COMITATO ORGANIZZATORE 1, 2 Manuale delle associazioni sportive BOZZA DI STATUTO DEL COMITATO ORGANIZZATORE 1, 2 STATUTO COMITATO PER L ORGANIZZAZIONE DI... Art. 1 Costituzione È costituito un Comitato denominato... Il Comitato ha

Dettagli

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale...

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... ALL ALER DI MILANO (compilare gli spazi di pertinenza) Il/La sottoscritto/a... (indicare il nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... con

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale...

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... ALL ALER DI MILANO (compilare gli spazi di pertinenza) Il/La sottoscritto/a... (indicare il nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... con

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani STATUTO del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani ART. 1 E costituito il Coordinamento Nazionale degli Enti locali per la Pace e i Diritti Umani (di seguito denominato

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata..

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata.. ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Denominata.. L anno (in lettere), il mese, il giorno. (in lettere), i Signori: 1. (Cognome, Nome, luogo e data di nascita, residenza, attività svolta

Dettagli

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228.

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. STATUTO Articolo 1 Denominazione E costituita una Associazione denominata: COMUNITA OKLAHOMA ONLUS Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. Articolo 3 Scopo L Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Adottato con delibera Consiglio Comunale n. 81 del 15.04.2009

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Delibera condominiale: nomi favorevoli e contrari La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine perentorio di trenta giorni a decorrere dalla

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CGTV CHANNEL

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CGTV CHANNEL STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CGTV CHANNEL Art. 1 Denominazione e Sede L Associazione è denominata Associazione CGTV Channel. Le sede associativa viene stabilita in Via Monte Bianco 12, a Cesano Boscone (MI).

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI UTILIZZO DEGLI SPAZI DELLA CASA SOCIALE - P.ED. 81 IN C.C.

COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI UTILIZZO DEGLI SPAZI DELLA CASA SOCIALE - P.ED. 81 IN C.C. COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI UTILIZZO DEGLI SPAZI DELLA CASA SOCIALE - P.ED. 81 IN C.C. CHIENIS - Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n.

Dettagli

TRA. - l Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, Codice Fiscale n. 94164020482 e Partita Iva n. 05913670484, con sede

TRA. - l Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, Codice Fiscale n. 94164020482 e Partita Iva n. 05913670484, con sede CONTRATTO DI LOCAZIONE L anno duemila e questo dì del mese di in Firenze CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA FATTA IN TRE ORIGINALI TRA - l Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, Codice

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER. IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978)

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER. IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978) CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978) L anno duemiladodici (2012), il giorno ( ) del mese di.., in Santa Fiora (GR), tra: Maurizio ONOFRI,

Dettagli

CONSORZIO VCO ENERGIA

CONSORZIO VCO ENERGIA CONSORZIO VCO ENERGIA Patti e condizioni 1) DENOMINAZIONE È costituito un Consorzio con attività esterna denominato: VCO ENERGIA 2) SEDE Il Consorzio ha sede in Verbania, frazione Intra, via Ugo Sironi

Dettagli

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004.

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. 1 Indice PROVINCIA DI PRATO INDICE Art. 1 Oggetto del

Dettagli

Le principali maggioranze assembleari

Le principali maggioranze assembleari AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI Gestioni e consulenze condominiali Dott. Rag. Roberto Attisano - Codice Fiscale TTSRRT82H22L117H - Cell. 333 9784125 E-mail: amministrazioniattisano@gmail.com - www.amministrazioni.altervista.org

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR

ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR TITOLO I - Disposizioni generali Art. 1) - Costituzione E costituita una Associazione denominata Associazione Istruttori Forestali, in sigla AIFOR. L Associazione

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA' CONSORTILE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI INDUSTRIALI. Denominazione - Oggetto - Sede - Durata. Art. 1

STATUTO DI SOCIETA' CONSORTILE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI INDUSTRIALI. Denominazione - Oggetto - Sede - Durata. Art. 1 STATUTO DI SOCIETA' CONSORTILE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI INDUSTRIALI Denominazione - Oggetto - Sede - Durata Art. 1 E' costituita una Società a responsabilità limitata denominata:...- s.r.l.. Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 5 marzo 2013 pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL ETIOPIA

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL ETIOPIA STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL ETIOPIA ART. 1 Denominazione e sede 1.1. E' costituita l'associazione di volontariato denominata " Amici dell Etiopia". 1.2. L'Associazione ha sede

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO denominata Lande d Abruzzo

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO denominata Lande d Abruzzo ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO denominata Lande d Abruzzo L anno Duemila tredici, il mese Giugno, il giorno 27, i Signori: 1. Cecinato Simone, Milano il 24/02/1986, residente in

Dettagli

STATUTO SOCIALE ONLUS MARIANNA. È stata costituita, con riferimento agli articoli 2 e 18 della Costituzione Italiana, agli

STATUTO SOCIALE ONLUS MARIANNA. È stata costituita, con riferimento agli articoli 2 e 18 della Costituzione Italiana, agli STATUTO SOCIALE ONLUS MARIANNA ART. 1 - DENOMINAZIONE È stata costituita, con riferimento agli articoli 2 e 18 della Costituzione Italiana, agli articoli 36, 37 e 38 del Codice Civile e alle indicazioni

Dettagli

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di STATUTO COSTITUZIONE E SCOPI 1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di solidarietà e con durata illimitata,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 314 del 25 settembre 2014 Indice

Dettagli

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE La termoregolazione e contabilizzazione del calore sono poco praticate La ripartizione dei costi del servizio riscaldamento deve essere eseguita rispettando

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n.

STATUTO ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. 460, una Associazione denominata: "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. o in forma abbreviata

Dettagli

COMUNE DI MOGORO - Provincia di Oristano. Contratto di concessione in comodato d uso di parte dei locali comunali

COMUNE DI MOGORO - Provincia di Oristano. Contratto di concessione in comodato d uso di parte dei locali comunali Rep. _ atti da registrare in caso d uso COMUNE DI MOGORO - Provincia di Oristano Contratto di concessione in comodato d uso di parte dei locali comunali denominati Casa Grussu all Associazione Università

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. ART. 1 (Denominazione e sede)

STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. ART. 1 (Denominazione e sede) STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 (Denominazione e sede) 1- L'associazione di volontariato, denominata: HAKUNA MATATA assume la forma giuridica di associazione riconosciuta ai sensi del Codice

Dettagli

ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE, DURATA, FINALITA. E costituita la ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.

ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE, DURATA, FINALITA. E costituita la ASSOCIAZIONE CulturaCattolica. ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE, DURATA, FINALITA Art. 1: COSTITUZIONE. E costituita la ASSOCIAZIONE CulturaCattolica.it Art. 2: DURATA DELL ASSOCIAZIONE. L Associazione

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n.

costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n. CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO ******* FONDO DI GARANZIA costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n. 182 Capo I

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

L anno duemila e questo dì del TRA. Codice Fiscale n. 94164020482 e Partita Iva n. 05913670484, con sede

L anno duemila e questo dì del TRA. Codice Fiscale n. 94164020482 e Partita Iva n. 05913670484, con sede CONTRATTO DI LOCAZIONE L anno duemila e questo dì del mese di in Firenze CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA FATTA IN TRE ORIGINALI TRA - l Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, Codice

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 5 maggio 2010 n.87 (Ratifica Decreto Delegato 26 marzo 2010 n.58) Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 26 marzo

Dettagli

Beneficiari del finanziamento

Beneficiari del finanziamento CONTRIBUTI PER LA RICOSTRUZIONE (riparazione e ripristino di edifici dichiarati temporaneamente inagibili o parzialmente inagibili - schede aedes con esito b / c (ORDINANZA N.29 DEL 28/08/2012 e n. 32

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE RELATIVO AD ALCUNI LOCALI SITI. FONDAZIONE CITTÀ DI CREMONA con sede in CREMONA (CR),

CONTRATTO DI LOCAZIONE RELATIVO AD ALCUNI LOCALI SITI. FONDAZIONE CITTÀ DI CREMONA con sede in CREMONA (CR), CONTRATTO DI LOCAZIONE RELATIVO AD ALCUNI LOCALI SITI IN VIA XI FEBBRAIO N. 56 A CREMONA. FONDAZIONE CITTÀ DI CREMONA con sede in CREMONA (CR), PIAZZA GIOVANNI XXIII 1, codice fiscale 01312440199, qui

Dettagli

TESTO AGGIORNATO A SEGUITO MODIFICAZIONI APPORTATE CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 04.05.1998. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

TESTO AGGIORNATO A SEGUITO MODIFICAZIONI APPORTATE CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 04.05.1998. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA TESTO AGGIORNATO A SEGUITO MODIFICAZIONI APPORTATE CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DEL 04.05.1998. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI QUART REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PARCHEGGIO

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte

Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte Sede legale: via Bertoni, 224 Faenza (RA) C.F.: 90033970394 P.I.: 02527530394 www.fattidarteassociazione.it info@fattidarteassociazione.it Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte Sede, costituzione,

Dettagli

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Rep. n. - Atti Privati soggetti a registrazione schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 omissis Tutto ciò premesso

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

S T A T U T O. notaio P.Di Simone Allegato "A" all'atto 32316/12237 Art. 1) E' costituita l'associazione "LIVIA - Onlus", organizzazione

S T A T U T O. notaio P.Di Simone Allegato A all'atto 32316/12237 Art. 1) E' costituita l'associazione LIVIA - Onlus, organizzazione S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE - SCOPO notaio P.Di Simone Allegato "A" all'atto 32316/12237 Art. 1) E' costituita l'associazione "LIVIA - Onlus", organizzazione non lucrativa di utilità sociale (D.Lgs.

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 19 ore)

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 19 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it CORSO PER AMMINISTRATORI DEL

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

STATUTO. Associazione Il Larice Club

STATUTO. Associazione Il Larice Club STATUTO Associazione Il Larice Club Art. 1 - L associazione non riconosciuta denominata Associazione IL LARICE CLUB con sede in Carezzate (VA), Via al Lago n.449, è retta dal seguente statuto. La denominazione

Dettagli